Illuminazione naturale (3)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Illuminazione naturale (3)"

Transcript

1 PROGETTAZIONE ENERGETICA Illuminazione naturale (3) Luce dall alto (toplighting) Fig. 1 - Illuminazione attraverso una cupola Gli ambienti di elevata dimensione (capannoni, atri, ecc.) sono spesso illuminati dall alto tramite cupole, cupoline e lucernari di vario tipo inseriti nel tetto. In questi ambienti, la maggiore luce si ha sui piani orizzontali (piani di lavoro, ). Le pareti ricevono invece meno luce e appaiono pertanto più scure. Le superfici orizzontali meglio illuminate sono quelle che si trovano direttamente sotto un apertura, ma la luce dall alto arriva spesso sulle teste delle persone e non proprio sul piano di lavoro, dove è richiesta. L illuminamento delle superfici verticali varia con la loro posizione. Il massimo di luce lo ricevono le pareti, ma le parti più illuminate sono quelle basse e centrali. L illuminamento sui piani orizzontali dipende dall altezza dell ambiente, ossia dalla distanza tra il piano di lavoro e l apertura in alto. Una regola generale dice che l altezza dovrebbe essere minore della larghezza (lato più corto) dell ambiente. Fig. 2 - Luce dall alto su superfici orizzontali Fig. 3 - Luce dall alto su superfici verticali Le superfici orizzontali al cento dell ambiente ricevono più luce di quelle ai lati e più delle superfici verticali poste nello stesso luogo. Le superfici verticali ai lati (pareti) ricevono più luce rispetto a quelle in altre posizioni. In estate, quando la luce diurna è molta intensa, l illuminazione dall alto può causare il surriscaldamento degli ambienti e fastidiosi abbagliamenti. Occorre pertanto un controllo della luce incidente tramite schermature esterne o interne. L illuminazione dall alto non consente un diretto contatto visivo con l esterno; ciò che si può vedere è al massimo una piccola parte del cielo e le variazioni della sua luminosità. Occorrono pertanto anche delle finestre che consentono una vista all esterno alle persone che vi lavorano. Anche l intensità e la distribuzione della luce sono diverse di quelle a cui si è abituati in ambienti illuminati lateralmente, anche nel caso in cui l illuminamento sul piano di lavoro risulti uguale. La differenza è causata principalmente dai differenti angoli d incidenza della luce. 1

2 In ambienti illuminati dall alto, l occhio reagisce in maniera più sensibile alle irregolarità di illuminamento che appaiono molto più marcate. Questo è un importante fattore sia per la disposizione delle finestre che per l illuminazione artificiale. Aperture in alto Cupole Shed Lanterne Apertura elevata Fig. 4 Alcuni tipi di aperture nel tetto Le aperture e le vetrate che procurano luce dall alto possono avere numerose forme. Una rigorosa classificazione non è pertanto possibile. La maggiore omogeneità dell illuminazione si ottiene con molte piccole aperture che, complessivamente, occupano però una superficie maggiore rispetto a poche aperture di una dimensione più ampia. Lucernari piani e cupole basse forniscono lo stesso illuminamento sui piani di lavoro con meno superficie rispetto a vetrate inclinate. Le aperture piane ricevono però sole per tutto il giorno e, per mantenere in estate apporti termici minimi, la loro dimensione non deve essere eccessiva ed essere giusta quella necessaria per ottenere un determinato illuminamento. Negli edifici industriali si vedono spesso tetti a forma di sega (inglese: sawtoothroofs) con delle finestre su una parte. Le finestre di questi tetti devono essere orientate strettamente verso nord per escludere la luce diretta che causa normalmente dei surriscaldamenti. Orientati verso nord, fanno penetrare solo luce diffusa che non abbaglia e che illumina più uniformemente. Effetto della geometria dell ambiente Sul fondo di una ciminiera è sempre buio, anche se dipingessimo di bianco il suo interno, perché l angolo spaziale con cui la luce può diffondersi è troppo stretto. Anche l illuminazione dall alto dipende dall angolo sotto il quale la luce può diffondersi. La luce proveniente dall alto può incontrare degli ostacoli, per esempio da parte di alte travi che riducono l angolo spaziale e ostruiscono la diffusione della luce. Per esempio, una struttura portante di un altezza di 1,8 metri su cui sono stati costruiti dei lucernari della stessa altezza non consente un illuminazione omogenea di un ambiente che è alto solo 3 metri. Fig. 5 - Ostruzione da parte di alte travi Fig. 6 - Soluzione migliore Effetto della disposizione dei lucernari I lucernari, le cupole e le cupoline possono essere distribuiti sul tetto singolarmente o a schiere, anche in numero elevato. La disposizione dei lucernari piani e delle cupole richiede un po di attenzione, perché, in ambienti illuminati dall alto, l occhio è più sensibile alle differenze dell illuminazione. Ciò che si dovrebbe evitare è un 2

3 sensibile abbassamento dell illuminamento delle pareti laterali. In ambienti senza finestre laterali, la più uniforme illuminazione si ottiene quando i lucernari piani e le cupole sono distribuiti uniformemente (figura 7 al centro). La concentrazione delle aperture al centro dell ambiente (figura 7 a sinistra) è indicata solo in particolari casi, per esempio quando la funzione del locale la richiede, ma anche in questo caso l illuminazione delle pareti perimetrali non dovrebbe diminuire. In altri casi può rivelarsi opportuno spostare i lucernari verso le pareti perimetrali dell ambiente (figura 7 a destra) che così ricevono più luce. La concentrazione dei lucernari al centro dell ambiente è più accettabile se le pareti perimetrali possiedono delle finestre e delle vetrate. Fig. 7 - Distribuzione dei lucernari sul tetto In ambienti illuminati da un sawthooth roof, l illuminazione assomiglia più a quella laterale e dipende dall inclinazione delle finestre. Dalle finestre verticali si riceve meno luce rispetto a quelle inclinate. Le parti vetrate di questi tetti devono essere esposte a nord, perché altrimenti, in estate, la luce comporterebbe abbagliamenti e surriscaldamenti. Dimensione delle aperture L elevato numero delle situazioni architettoniche e delle soluzioni dell illuminazione dall alto non consente di dare regole generali per il dimensionamento delle aperture. Ogni caso è specifico e pertanto conviene far accertare l illuminamento ottenuto da lucernari mediante una simulazione eseguita da uno specialista. Considerando un doppio vetro chiaro, la superficie vetrata necessaria per illuminare correttamente lo spazio sottostante è compresa tra il 15 e il 20% dell area del. Le indicazioni della tabella 1 per il dimensionamento dei lucernari e delle cupole sopra ambienti privi di una considerevole illuminazione laterale, possono servire nelle prime fasi di progettazione, ma non esentano dal dimensionare accuratamente le aperture, perché dimensioni troppo piccole rendono discutibile l efficienza e la necessità, mentre aperture troppo ampie in estate possono rendere il clima interno insopportabile. La soluzione più semplice e più comune è la scelta di vetri diffondenti (non trasparenti) che non fanno passare la luce diretta. Tab. 1 - Indicazioni generali sulla dimensione delle aperture orizzontali Tipo Vetro Trasparenza τ dif Dimensione complessiva Cupole normali della dimensione di 2,5 m 2 a due lastre smerigliate 0,67 τ 0, % dell area del Lucernari piani Vetri molto diffusori τ = 0, % dell area del Shed 60 Vetri molto diffusori τ = 0, % dell area del Shed 90 Vetri molto diffusori τ = 0, % dell area del 3

4 Ad eccezione di certi ambienti di culto (chiese) e ambienti che richiedono una particolare illuminazione (per esempio palestre divisibili, musei e sale d esposizione), è inopportuno illuminare un ambiente dall alto se questo può essere sufficientemente illuminato dai lati. L illuminazione dall alto è opportuna solo in ambienti di grandi dimensioni e di elevata altezza. Le proporzioni dell ambiente, oltre a determinare il clima interno, sono rilevanti anche per la scelta del tipo di apertura. In ambienti molto alti è poco opportuno disporre lucernari a forma di pozzetti verticali, perché fanno passare solo poca luce. Luce dall alto e dal lato Fig. 8 - Luce dallo stesso lato Fig. 9 - Luce da due lati opposti L illuminazione laterale e quella dall alto possono completarsi. Il progettista deve però essere sicuro di dove vuole indirizzare la luce laterale e quella dall alto. Per questo concetto di illuminazione non esistono regole generali. Per evitare errori di dimensionamento e nella disposizione delle aperture si consiglia il controllo dell illuminazione mediante modelli architettonici e costruzioni geometriche. I due grafici accanto dimostrano che la distinzione di Luce dall alto e di Luce laterale non è sempre semplice. Alcune grandezze dell illuminotecnica Flusso luminoso Φ Il flusso luminoso Φ è la grandezza fotometrica fondamentale definita come il prodotto, per una data radiazione luminosa monocromatica, del flusso energetico (misurato in W) per il coefficiente di visibilità. L unità di misura è il lumen (lm). 1 lm = 1 cd sr. Una sorgente luminosa, per esempio una lampada, non irradia in tutte le direzioni con la stessa intensità. Il flusso luminoso Φ irradiato in un ambiente può essere pertanto determinato solo tramite l integrazione di molte singole misurazioni dell intensità luminosa I sotto un angolo solido Ω molto stretto. Φ = I dω oppure semplificato: Φ = I Ω Angolo solido Ω L angolo solido Ω è una delle grandezze fondamentali della fotometria. È la regione dello spazio limitato dalla superficie formata dalle semirette aventi un punto in comune (vertice) e passanti per i punti di una curva chiusa semplice tracciata su di una superficie esterna al vertice (sorgente luminosa o punto illuminato). È espresso dal rapporto tra la superficie intersecata dall angolo su un immaginaria sfera con la sorgente al centro e il quadrato del raggio della sfera stessa. L unità di misura dell angolo solido è lo steradiante sr, cioè l angolo sotto il quale una calotta sferica di una sfera dell area di 1 m 2, appartenente a una sfera di 1 m di raggio, viene vista dal centro della sfera stessa. 1 sr = 1 m 2 /m 2 = 1 cm 2 /cm 2. L angolo solido di una sfera è 4π, quello di una semisfera 2π. Intensità luminosa I L intensità luminosa I è il flusso luminoso Φ emesso da una sorgente per unità dell angolo solido, misurata in candele (cd). La candela è una grandezza fondamentale della fotometria. 1 candela corrisponde all intensità luminosa, in una data direzione, di una sorgente che emette radiazione monocromatica della 4

5 frequenza di Hz la cui intensità energetica, in tale direzione, è di 1/683 W/sr. Illuminamento E L illuminamento E è il rapporto tra il flusso luminoso Φ (lm) e la superficie illuminata (m 2 ). Nel Sistema Internazionale (SI), l illuminamento è misurato in lux (lx). 1 lx = 1 lm/m 2. Immaginiamo una sorgente che si trovi al centro di una sfera bianca che riflette la luce uniformemente su tutta la superficie interna della stessa. Su un area A della superficie, schermata contro la luce diretta della sorgente, si misura poi il flusso luminoso che incide sull area. L illuminamento è quindi: E = Φ / A L illuminamento non è intelligibile. Si potrebbe però immaginarsi che il proprio occhio si trovi nella superficie ricevente, per esempio quella di un tavolo, avendo davanti una lastra di vetro smerigliato che, nonostante il suo carattere diffusivo, fa passare tutta la luce diretta e riflessa. L illuminamento di una superficie (per esempio un foglio di carta) è massimo quando la luce proveniente da un apertura circoscritta in alto (per esempio un proiettore o una lampada) incide perpendicolarmente sulla superficie. Girando la superficie sotto lo stesso fascio di luce, questa riceve meno luce per unità d area, perché la stessa quantità di luce è distribuita su una superficie più grande (figura accanto) Fig Illuminamento di una superficie Se il flusso luminoso è invariato, l illuminamento di una superficie diminuisce in rapporto al coseno dell angolo di incidenza ε. Il livello di illuminamento può essere determinato con il calcolo del fattore di luce diurna, mentre la qualità della luce mediante parametri fotometrici. Tab. 2 Esempi di illuminamento Luna piena Illuminazione stradale Tavolo di lavoro - con bassa qualità - con elevata qualità Sala operatoria Sole dall altezza di 60 e cielo aperto 1 lx 10 lx 100 lx lx lx lx 5

Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici. prof. ing. Luigi Maffei

Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici. prof. ing. Luigi Maffei Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici prof. ing. Luigi Maffei Le grandezze fotometriche Sono definite per valutare in termini quantitativi le caratteristiche

Dettagli

illuminazione artificiale

illuminazione artificiale illuminazione artificiale Illuminazione artificiale degli interni Il progetto di illuminazione degli interni deve essere studiato e calcolato in funzione della destinazione d uso e dei compiti visivi del

Dettagli

SORGENTI LUMINOSE. ALVISI ING. MATTEO www.acmproject.it

SORGENTI LUMINOSE. ALVISI ING. MATTEO www.acmproject.it SORGENTI LUMINOSE Lo sviluppo di nuove tecnologia ha consentito di realizzare una gamma notevole di lampade, destinate alle più differenti applicazioni: Irradiazione per effetto termico Lampade a Incandescenza

Dettagli

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione Capitolo 1 Radiazione elettromagnetica e occhio In questo capitolo prendiamo in considerazione alcune grandezze fondamentali riguardanti l illuminazione e alcuni concetti legati alla visione umana che

Dettagli

Elementi di illuminotecnica. Capitolo 2. La percezione della luce, le grandezze fotometriche e la prestazione visiva

Elementi di illuminotecnica. Capitolo 2. La percezione della luce, le grandezze fotometriche e la prestazione visiva Elementi di illuminotecnica Capitolo 2 La percezione della luce, le grandezze fotometriche e la prestazione visiva La luce La luce è l agente fisco che rende visibile gli oggetti ovvero è la sensazione

Dettagli

REQUISITI ILLUMINOTECNICI E APPARECCHI D ILLUMINAZIONE

REQUISITI ILLUMINOTECNICI E APPARECCHI D ILLUMINAZIONE REQUISITI ILLUMINOTECNICI E APPARECCHI D ILLUMINAZIONE Curve Fotometriche Imparare a leggerle e comprenderle La curva fotometria rappresenta graficamente come una sorgente luminosa emette luce nello spazio.

Dettagli

Valutazione dell illuminazione artificiale

Valutazione dell illuminazione artificiale Valutazione dell illuminazione artificiale Introduzione La progettazione del campo luminoso realizzato dalle sorgenti artificiali costituisce una parte importante dei compiti del progettista degli ambienti

Dettagli

L illuminazione del futuro: i LED e il loro controllo. 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi 1

L illuminazione del futuro: i LED e il loro controllo. 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi 1 L illuminazione del futuro: i e il loro controllo 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi 1 Classificazione delle sorgenti luminose 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi

Dettagli

Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo

Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo L ILLUMINAZIONE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo Dott. Ing. Gianni Drisaldi Le grandezze fotometriche Il Flusso Luminoso L Intensità luminosa L illuminamento

Dettagli

LE CURVE FOTOMETRICHE

LE CURVE FOTOMETRICHE LE CURVE FOTOMETRICHE E' noto che l' intensità luminosa è una grandezza che deve essere associata ad una direzione. Non avrebbe molto significato parlare della intensità di un corpo illuminante in una

Dettagli

Laboratorio di Progettazione 3M B. Fisica Tecnica. Calcolo del Fattore medio di luce diurna

Laboratorio di Progettazione 3M B. Fisica Tecnica. Calcolo del Fattore medio di luce diurna Laboratorio di Progettazione 3M B Fisica Tecnica Calcolo del Fattore medio di luce diurna Università degli Studi di Roma Tre Facoltà d Architettura A.A. 2011-2012 Il fattore di luce diurna Il Fattore di

Dettagli

CORSO DI ILLUMINOTECNICA

CORSO DI ILLUMINOTECNICA COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI VARESE CORSO DI ILLUMINOTECNICA PARTE 1 Docente : dott.ing. Paolo Beghelli Bussero ( MI) 1 INDICE 1 INDICE 2 2 IL FENOMENO DELLA LUCE 3 3 DEFINIZIONI

Dettagli

INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO

INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO 1 INQUINAMENTO LUMINOSO: DEFINIZIONI E CAUSE PERCHÉ VEDIAMO QUANDO SI ILLUMINA? La luce per illuminare deve seguire un percorso analogo a quello indicato dalla

Dettagli

1 - Tipologie di lampade per l illuminazione artificiale

1 - Tipologie di lampade per l illuminazione artificiale Marraffa Orazio, matr. 263439 Mesto Emanuele, matr. 257491 Lezione dell 11/05/2016, ore 10:30 / 13:30 INDICE: 1. Tipologie di lampade per l illuminazione artificiale 2. Apparecchi per la diffusione luminosa

Dettagli

NUOVO OSPEDALE DEI BAMBINI DI PARMA

NUOVO OSPEDALE DEI BAMBINI DI PARMA 5. I RISULTATI 5.1. Primo piano: terapia intensiva La sala di terapia intensiva, presenta caratteristiche che rendono non applicabile il criterio di valutazione del R.C. 3.6.1 e 3.6.2 della regione E.R,

Dettagli

Franco Gugliermetti, Fabio Bisegna. Report RSE/2009/37

Franco Gugliermetti, Fabio Bisegna. Report RSE/2009/37 Integrazione luce naturale/luce artificiale in ambito industriale Parte 3: Simulazioni numeriche delle possibili soluzioni per il capannone AleniaAermacchi Franco Gugliermetti, Fabio Bisegna Report RSE/2009/37

Dettagli

Illuminazione a LED per ampi spazi

Illuminazione a LED per ampi spazi Illuminazione a LED per ampi spazi Sistemi di illuminazione in linea con LED E4, E5 ed E7 di ETAP comprendono una vasta gamma di luci a LED per grandi spazi e soffitti alti, come stabilimenti industriali,

Dettagli

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi 2 Principi Generali della Fotografia LE MISURAZIONI DELLA LUCE 3 LA LUCE QUALE ENERGIA MISURABILE Abbiamo visto che la luce è una forma

Dettagli

LINEE GUIDA Per La Corretta Illuminazione Esterna E L applicazione Della Legge Marche N 10 Del 24/07/02

LINEE GUIDA Per La Corretta Illuminazione Esterna E L applicazione Della Legge Marche N 10 Del 24/07/02 LINEE GUIDA Per La Corretta Illuminazione Esterna E L applicazione Della Legge Marche N 10 Del 24/07/02 Misure urgenti in materia di risparmio energetico e contenimento dell inquinamento luminoso Rispettare

Dettagli

Valutazione mediante calcoli

Valutazione mediante calcoli Valutazione mediante calcoli Esposizione radiante: integrale nel tempo della Radianza, espressa in Joule per unità di area irradiata (J/m 2 ) Definizioni delle grandezze radiometriche Potenza radiante:

Dettagli

La bioclimatica nella storia. Corso Probios Carrara 16 settembre 2006 Arch. M. Grazia Contarini

La bioclimatica nella storia. Corso Probios Carrara 16 settembre 2006 Arch. M. Grazia Contarini La bioclimatica nella storia Corso Probios Carrara 16 settembre 2006 Arch. M. Grazia Contarini Le tecnologie solari attive e passive La prima crisi petrolifera mondiale (anni 70) ha portato a molte sperimentazioni

Dettagli

OTTICA TORNA ALL'INDICE

OTTICA TORNA ALL'INDICE OTTICA TORNA ALL'INDICE La luce è energia che si propaga in linea retta da un corpo, sorgente, in tutto lo spazio ad esso circostante. Le direzioni di propagazione sono dei raggi che partono dal corpo

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

SULLE ORME DI GALILEO LA LUCE DELLA LUNA

SULLE ORME DI GALILEO LA LUCE DELLA LUNA SULLE ORME DI GALILEO LA LUCE DELLA LUNA L ottica nei Massimi Sistemi Nella prima giornata del Dialogo sui massimi sistemi c è una lunga discussione dedicata al confronto tra l aspetto apparente della

Dettagli

QUALITA EDILIZIA. ) attraverso uno dei metodi di calcolo di seguito riportati in modo tale che risulti: η m > 2%

QUALITA EDILIZIA. ) attraverso uno dei metodi di calcolo di seguito riportati in modo tale che risulti: η m > 2% A ALLEGATO QUALITA EDILIZIA SCHEDA A2 A2.1.1 QUALITA AMBIENTE INTERNO A2.1 COMFORT VISIVO A2.1.1 ILLUMINAZIONE NATURALE SOLUZIONE A: Determinazione del fattore medio di luce diurna (η m ) attraverso uno

Dettagli

ESEGUITA DA: CONSULENZA E PROGETTAZIONE IMPIANTI TECNICI CONSULENZA PROF. ZECCHIN ROBERTO DOCENTE DI IMPIANTI TERMOTECNICI DELL UNIVERSITA DI PADOVA

ESEGUITA DA: CONSULENZA E PROGETTAZIONE IMPIANTI TECNICI CONSULENZA PROF. ZECCHIN ROBERTO DOCENTE DI IMPIANTI TERMOTECNICI DELL UNIVERSITA DI PADOVA CAODURO S.p.A. Via Chiuppese fraz. Cavazzale 361 Monticello Conte Otto (VI) Tel.39/444.945959 Fax 39/444.945164 E-mail: info@caoduro.it - http://www.caoduro.it CONDENSATO DELLA RELAZIONE TECNICA COMPARATIVA

Dettagli

LA SIMULAZIONE ILLUMINOTECNICA CON RADIANCE MEDIANTE ECOTECT

LA SIMULAZIONE ILLUMINOTECNICA CON RADIANCE MEDIANTE ECOTECT A02 059 Laura Bellia Carla Di Martino Gennaro Spada LA SIMULAZIONE ILLUMINOTECNICA CON RADIANCE MEDIANTE ECOTECT L ILLUMINAZIONE DI UNA CHIESA DI INTERESSE STORICO ARTISTICO Copyright MMX ARACNE editrice

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Corso di Elaborazione Elettronica di Immagini CENNI DI FOTOMETRIA E ILLUMINOTECNICA Fotometria Motivazione: Dare una misura dell intensità luminosa che rispecchi il funzionamento

Dettagli

28/05/2009. La luce e le sue illusioni ottiche

28/05/2009. La luce e le sue illusioni ottiche La luce e le sue illusioni ottiche Cosa si intende per raggio luminoso? Immagina di osservare ad una distanza abbastanza elevata una sorgente di luce... il fronte d onda potrà esser approssimato ad un

Dettagli

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione 4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione D.Lgs 81/08 - TITOLO II LUOGHI DI LAVORO Articolo 63- Requisiti di salute e sicurezza Allegato IV Luoghi di di

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DI UN IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PER INTERNI

DIMENSIONAMENTO DI UN IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PER INTERNI DIMENSIONAMENTO DI UN IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PER INTERNI Dimensionamento di un impianto di illuminazione per interni Esempio n.1 Si vuole progettare l'impianto di illuminazione per un locale di fonderia

Dettagli

DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE

DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE Introduzione Il modello geometrico della luce, vale a dire il modello di raggio che si propaga in linea retta, permette di descrivere un ampia gamma

Dettagli

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA. Lezione n 3:

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA. Lezione n 3: CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA Lezione n 3: Elementi caratterizzanti il colore Grandezze fotometriche qualitative Le Sorgenti Luminose artificiali Ing. Oreste Boccia 1 Elementi caratterizzanti

Dettagli

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica.

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica. FOTODIDATTICA CONOSCERE LA LUCE Le caratteristiche fisiche, l analisi dei fenomeni luminosi, la temperatura di colore. Iniziamo in questo fascicolo una nuova serie di articoli che riteniamo possano essere

Dettagli

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE 1 Illuminatore L illuminatore provvede a generare la luce e inviarla, minimizzando ogni dispersione con un sistema ottico opportuno, nel bundle cioè nel collettore

Dettagli

«Un astratto intellettuale si trasforma grazie alla luce in uno spazio architettonico. Una visione diviene realtà tangibile.»

«Un astratto intellettuale si trasforma grazie alla luce in uno spazio architettonico. Una visione diviene realtà tangibile.» «Un astratto intellettuale si trasforma grazie alla luce in uno spazio architettonico. Una visione diviene realtà tangibile.» Volker Schultz, Prof. laureato in Architettura, Detmold 1-I-05/13 Sorgente

Dettagli

LA LUCE CHE PROVIENE DAL SOLE

LA LUCE CHE PROVIENE DAL SOLE LA LUCE CHE PROVIENE DAL SOLE Forma del fascio di luce e distanza Quesiti per un indagine sulle idee spontanee 1. Quale forma attribuiresti al fascio di luce solare che illumina un area circolare a livello

Dettagli

BENESSERE VISIVO ED ILLUMINOTECNICO. arch. Cristina Carletti Dip. TAeD Università di Firenze

BENESSERE VISIVO ED ILLUMINOTECNICO. arch. Cristina Carletti Dip. TAeD Università di Firenze BENESSERE VISIVO ED ILLUMINOTECNICO arch. Cristina Carletti Dip. TAeD Università di Firenze BENESSERE TERMOIGROMETRICO Stato di neutralità termica, in cui il soggetto non sente né caldo né freddo. Benessere

Dettagli

Unità Didattica N 32 Propagazione e riflessione della luce

Unità Didattica N 32 Propagazione e riflessione della luce Unità Didattica N 32 Propagazione e riflessione della luce 1 Unità Didattica N 32 Propagazione e riflessione della luce 01) La natura duale della luce Parodi Pag. 121 02) I primi elementi di ottica geometrica

Dettagli

LUCERNARI FOLDER FOLDER TUBOLARI

LUCERNARI FOLDER FOLDER TUBOLARI w.fao.pl w. w. w. w. w. w fa fa fa fa fa fa fa k o. o. o. o. o. o. o. o pl pl pl pl pl pl pl p FOLDER 2009 F FOLDER 2009 F LUCERNARI TUBOLARI LUCE SOLARE NATURALE La luce naturale, come ben sappiamo, è

Dettagli

ILLUMINAZIONE NATURALE LUCE NATURALE: IL SOLE

ILLUMINAZIONE NATURALE LUCE NATURALE: IL SOLE ILLUMINAZIONE NATURALE LUCE NATURALE: IL SOLE Spettro di emissione del sole a diverse quote e per diverse posizioni del sole sull orizzonte. Il CIELO COME SORGENTE DI LUCE La luminanza del cielo è funzione

Dettagli

Rendering ed illuminazione

Rendering ed illuminazione Rendering ed illuminazione Dove si introduce un metodo per ottenere una immagine a partire da una descrizione degli oggetti tridimensionali e si presenta la legge fondamentale che governa l illuminazione.

Dettagli

grandezze illuminotecniche

grandezze illuminotecniche Grandezze fotometriche Flusso luminoso caratteristica propria delle sorgenti luminose; Lezioni di illuminotecnica grandezze illuminotecniche ntensità luminosa lluminamento Luminanza caratteristica propria

Dettagli

Per misurare l illuminamento si utilizza uno strumento chiamato luxmetro. Per la misura si impiega una tecnica fotoelettrica, ossia la luce incide su

Per misurare l illuminamento si utilizza uno strumento chiamato luxmetro. Per la misura si impiega una tecnica fotoelettrica, ossia la luce incide su Illuminotecnica ni Misura delle grandezze fotometriche La misura di illuminamento Per misurare l illuminamento si utilizza uno strumento chiamato luxmetro. Per la misura si impiega una tecnica fotoelettrica,

Dettagli

PROtetti& POLARIZZATI IMMAGINI DEFINITE

PROtetti& POLARIZZATI IMMAGINI DEFINITE PROtetti& POLARIZZATI IMMAGINI DEFINITE MIGLIOR CONTRASTO NESSUN RIFLESSO Lenti polarizzate VISTA/SOLE Per migliorare il comfort visivo e la protezione dai raggi solari è indispensabile, da parte di coloro

Dettagli

Illuminazione avanzata

Illuminazione avanzata Informatica Grafica per le arti Illuminazione avanzata E' possibile applicare una bitmap ad una luce. Una luce a cui e' applicata una bitmap proietta l'immagine associata nello spazio. Marco Gribaudo marcog@di.unito.it

Dettagli

EFETTO DEL SUOLO di Giovanni G. Turco, ik0ziz

EFETTO DEL SUOLO di Giovanni G. Turco, ik0ziz EFETTO DEL SUOLO di Giovanni G. Turco, ik0ziz Le caratteristiche d irradiazione di un antenna possono essere modificate, oltre che da eventi estranei, anche dal suolo sottostante. Infatti, quando l antenna

Dettagli

Interazione luce - materia

Interazione luce - materia Interazione luce - materia 1 Modelli di illuminazione Il modello di illuminazione descrive l interazione tra la luce e gli oggetti della scena Descrive i fattori che determinano il colore di un punto della

Dettagli

FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE

FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE Il Sole Sfera di gas riscaldato da reazioni di fusione termonucleare che, come tutti i corpi caldi emette una radiazione elettromagnetica o solare. L energia solare è

Dettagli

2ª lezione. Grandezze e unità di misura. Corso di illuminotecnica

2ª lezione. Grandezze e unità di misura. Corso di illuminotecnica Grandezze Corso di illuminotecnica In questa seconda lezione approfondiremo i seguenti argomenti: grandezze fotometriche e loro unità ; strumenti. Grandezze fotometriche e loro unità Premettiamo anzitutto

Dettagli

ILLUMINAZIONE NATURALE E SUA IMPORTANZA

ILLUMINAZIONE NATURALE E SUA IMPORTANZA ILLUMINAZIONE NATURALE E SUA IMPORTANZA PER LA QUALITÀ DELLA VITA DI OGGI ORDINE DEGLI INGEGNERI DI NAPOLI 19 Maggio 2008 Come si compone la luce naturale Diretta Diffusa Riflessa L abbagliamento nell

Dettagli

PELLICOLE PER IL CONTROLLO SOLARE

PELLICOLE PER IL CONTROLLO SOLARE Sede COMM. :CORSO S. GIOVANNI A TEDUCCIO, 928 80046 NAPOLI TEL. 081-479411 479726 FAX. 081-481809 PELLICOLE PER IL CONTROLLO SOLARE Pellicole riflettenti da interno per il controllo solare RLW 150 G15

Dettagli

RELATORE: Prof. Ing. Placido Munafò. TESI DI LAUREA DI: Emanuela Sbriccoli. CORRELATORI: Dott. Ing. Costanzo Di Perna. Dott. Ing.

RELATORE: Prof. Ing. Placido Munafò. TESI DI LAUREA DI: Emanuela Sbriccoli. CORRELATORI: Dott. Ing. Costanzo Di Perna. Dott. Ing. UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA ANALISI DELL EFFICACIA DELLE SCHERMATURE SOLARI: CONFRONTO FRA UN MODELLO IDEALE E UN CASO

Dettagli

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA Prof. Ceccarelli Antonio ITIS G. Marconi Forlì Articolazione: Elettrotecnica Disciplina: Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici A.S. 2012/13 FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA CHE COSA

Dettagli

Emidio Frattaroli Editore e Direttore Responsabile. AV Magazine www.avmagazine.it info@avmagazine.it

Emidio Frattaroli Editore e Direttore Responsabile. AV Magazine www.avmagazine.it info@avmagazine.it Emidio Frattaroli Editore e Direttore Responsabile AV Magazine www.avmagazine.it info@avmagazine.it AV Magazine - 500.000 IP unici al mese (fonte Google Analytics - nov 2012) - 30.000 IP unici al giorno

Dettagli

RELAZIONE ABBAGLIAMENTO VISIVO R.08. IMPIANTO FOTOVOLTAICO DI POTENZA 7,17 MWp VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' A V.I.A. "PROGETTO DEFINITIVO"

RELAZIONE ABBAGLIAMENTO VISIVO R.08. IMPIANTO FOTOVOLTAICO DI POTENZA 7,17 MWp VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' A V.I.A. PROGETTO DEFINITIVO REGIONE TOSCANA PROVINCIA LIVORNO IMPIANTO FOTOVOLTAICO DI POTENZA 7,17 MWp Strada Loc. Forni Comune di Suvereto VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' A V.I.A. "PROGETTO DEFINITIVO" RETE RINNOVABILE S.R.L. Via

Dettagli

Con i nostri prodotti si riducono i costi della bolletta elettrica fino al 90%.

Con i nostri prodotti si riducono i costi della bolletta elettrica fino al 90%. CATALOGO 2012 Tecnologia LED Mentre le altre fonti di illuminazione da anni non introducono innovazioni significative, a tecnologia LED e in forte crescita e l efficacia luminosità dei LED aumenta rapidamente

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA CONDOTTA PER CPFILMS SOLUTIA UK LTD: ANALISI ENERGETICA E DI COMFORT SULL EDIFICIO MG TOWER DI PADOVA. RELAZIONE SINTETICA

RISULTATI DELLA RICERCA CONDOTTA PER CPFILMS SOLUTIA UK LTD: ANALISI ENERGETICA E DI COMFORT SULL EDIFICIO MG TOWER DI PADOVA. RELAZIONE SINTETICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI FISICA TECNICA RISULTATI DELLA RICERCA CONDOTTA PER CPFILMS SOLUTIA UK LTD: ANALISI ENERGETICA E DI COMFORT SULL EDIFICIO MG TOWER DI PADOVA. RELAZIONE

Dettagli

Luce naturale - perfomance e psiche

Luce naturale - perfomance e psiche Luce naturale e comfort visivo, normativa vigente e strategie progettuali 1 Luce naturale - perfomance e psiche Nella vendita al dettaglio la presenza di abbondante luce naturale può portare a un aumento

Dettagli

1. ANALISI ILLUMINOTECNICA PER LA VALUTAZIONE DEL COMFORT VISIVO CON LUCE NATURALE

1. ANALISI ILLUMINOTECNICA PER LA VALUTAZIONE DEL COMFORT VISIVO CON LUCE NATURALE 1. ANALISI ILLUMINOTECNICA PER LA VALUTAZIONE DEL COMFORT VISIVO CON LUCE NATURALE 1.1. La dinamica della luce La luce nell'ospedale, nello studio medico, come anche nei locali di attesa e di sosta deve

Dettagli

CONTROLLO DELLA RADIAZIONE SOLARE

CONTROLLO DELLA RADIAZIONE SOLARE CAPITL 4 CTRLL DLLA RADIAZI LAR 4.1 Generalità La localizzazione e l orientamento di un edificio per ridurre l esposizione solare estiva e valorizzare quella invernale, sono obiettivi fondamentali per

Dettagli

CONOSCERE IL SOLARE TERMICO

CONOSCERE IL SOLARE TERMICO CONOSCERE IL SOLARE TERMICO Parte I - Conoscere il solare termico COLLETTORE, FLUIDO, SERBATOIO CIRCOLAZIONE NATURALE E FORZATA Parte II Sistemi a circolazione naturale IL COLLETTORE I SELETTIVI RENDONO

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli 3.5 Il toro 3.5.1 Modelli di toro Modelli di carta Esempio 3.5.1 Toro 1 Il modello di toro finito che ciascuno può costruire è ottenuto incollando a due a due i lati opposti di un foglio rettangolare.

Dettagli

Art. 7 (Progettazione, realizzazione e conduzione degli impianti di illuminazione)

Art. 7 (Progettazione, realizzazione e conduzione degli impianti di illuminazione) Regolamento regionale per la riduzione e prevenzione dell inquinamento luminoso Art. 1 (Oggetto ed ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento, in attuazione di quanto previsto dagli articoli 3

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELL OMBREGGIAMENTO DI SUPERFICI TRASPARENTI SU PARETE VERTICALE

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELL OMBREGGIAMENTO DI SUPERFICI TRASPARENTI SU PARETE VERTICALE ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELL OMBREGGIAMENTO DI SUPERFICI TRASPARENTI SU PARETE VERTICALE Per ogni superficie trasparente presente sulle facciate degli edifici è possibile costruire una maschera

Dettagli

LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE

LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE Si è elaborato un percorso sia per la scuola primaria sia per la scuola secondaria di primo grado. I moduli sono indipendenti gli uni dagli altri ma sono presentati secondo

Dettagli

PLAFONIERA SNP2 Stellare

PLAFONIERA SNP2 Stellare ILLUMINOTECNICA PLAFONIERA SNP2 Stellare APPARECCHIO DI ILLUMINAZIONE CON LED AD ALTA POTENZA DA 50 + 50 Watt INSTALLAZIONI AD INCASSO SU CONTROSOFFITTI A DOGHE E PENSILINE PER STAZIONI DI SERVIZIO Pag.2

Dettagli

FOTO 1. Via XXV Aprile frazione Brugarolo. Questa via presenta un illuminazione non a norma perché: Le lampade sono in parte al neon ed in parte al mercurio; Il montaggio non è a norma a causa dell inclinazione

Dettagli

Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn. Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico

Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn. Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico Parte teorica Fenomenologia di base La luce che attraversa una finestra, un foro, una fenditura,

Dettagli

COME SCEGLIERE L ORIENTAMENTO DEGLI AMBIENTI

COME SCEGLIERE L ORIENTAMENTO DEGLI AMBIENTI COME SCEGLIERE L ORIENTAMENTO DEGLI AMBIENTI Sia che stiate progettando di costruirvi una casa passiva, o che cerchiate la migliore disposizione degli ambienti in una casa già esistente, per poter sfruttare

Dettagli

Procedura di sicurezza Postazioni Videoterminale

Procedura di sicurezza Postazioni Videoterminale LICEO STATALE G. TURRISI COLONNA Procedura di sicurezza Postazioni Videoterminale Revisione: 00 Data: 29/03/2011 1 A emissione OGGETTO Indicazioni riguardanti la corretta gestione delle postazioni di lavoro

Dettagli

Alimentatore switching controllato, per Led di potenza.

Alimentatore switching controllato, per Led di potenza. Alimentatore switching controllato, per Led di. Detto alimentatore è controllato da un circuito, che consente la possibilità a qualsiasi corpo illuminante, ( stradale ovvero di interni ), di erogare la

Dettagli

L edificio amministrativo Pollmeier

L edificio amministrativo Pollmeier L edificio amministrativo Pollmeier Il nuovo edificio amministrativo dell azienda Pollmeier di Creuzburg (Germania), una segheria con 400 collaboratori, ha ricevuto nel 2002, per la sua architettura, il

Dettagli

ASPETTI PRATICI E DEFINIZIONI RIGUARDANTI ALCUNE GRANDEZZE FISICHE IN USO IN FOTOMETRIA E RADIOMETRIA

ASPETTI PRATICI E DEFINIZIONI RIGUARDANTI ALCUNE GRANDEZZE FISICHE IN USO IN FOTOMETRIA E RADIOMETRIA ASPETTI PRATICI E DEFINIZIONI RIGUARDANTI ALCUNE GRANDEZZE FISICHE IN USO IN FOTOMETRIA E RADIOMETRIA di Vincenzo Iorio - Novembre 2010 - Una delle prime grandezze metrologiche che troviamo in fotometria

Dettagli

9 - Illuminazione 266

9 - Illuminazione 266 9 - Illuminazione 266 Sommario 9.1 Illuminazione naturale... 269 9.1.1 Inserisci ambiente... 269 9.1.2 Nuovo ambiente... 271 9.1.2.1 Inserisci proprietà luminose... 274 9.1.2.2 Elimina proprietà luminosa...

Dettagli

ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI

ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI L uso di lampade ad avanzata tecnologia ed elevata efficienza luminosa costituisce un ulteriore criterio tecnico imposto dalla normativa regionale, affinchè

Dettagli

CITTA' DI ALESSANO. Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER IL MIGLIORAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA ESTERNA.

CITTA' DI ALESSANO. Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER IL MIGLIORAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA ESTERNA. CITTA' DI ALESSANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER IL MIGLIORAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA ESTERNA. ------ REGOLAMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELL'ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

COMUNE DI MONZA. SETTORE AMBIENTE E QUALITA URBANA Ufficio Ecologia

COMUNE DI MONZA. SETTORE AMBIENTE E QUALITA URBANA Ufficio Ecologia COMUNE DI MONZA SETTORE AMBIENTE E QUALITA URBANA Ufficio Ecologia REGOLAMENTO PER L ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA Approvato con Deliberazione di C.C. n 39 del 09.06.2003 REGOLAMENTO PER L ILLUMINAZIONE

Dettagli

Ottica geometrica. L ottica geometrica tratta i. propagazione in linea retta e dei. rifrazione della luce.

Ottica geometrica. L ottica geometrica tratta i. propagazione in linea retta e dei. rifrazione della luce. Ottica geometrica L ottica geometrica tratta i fenomeni che si possono descrivere per mezzo della propagazione in linea retta e dei fenomeni di riflessione e la rifrazione della luce. L ottica geometrica

Dettagli

Capitolo 1. Regole di prima approssimazione... 1

Capitolo 1. Regole di prima approssimazione... 1 INDICE PREFAZIONE... Pag. V Capitolo 1. Regole di prima approssimazione... 1 1.1 Superfici e dimensioni caratteristiche... 1 1.2 Carichi termici... 10 1.3 Carichi elettrici... 11 1.4 Costi... 12 1.5 Caratteristiche

Dettagli

DOSSIER EN 12464-1. 10.80 m 10.30 BREVE DESCRIZIONE DELLO STANDARD. Edizione 2, giugno 2012

DOSSIER EN 12464-1. 10.80 m 10.30 BREVE DESCRIZIONE DELLO STANDARD. Edizione 2, giugno 2012 DOSSIER EN 12464-1 10.80 m 10.30 500 500 BREVE DESCRIZIONE DELLO STANDARD Edizione 2, giugno 2012 500 500 Introduzione EN 12464-1 è uno standard di applicazione per l illuminazione. Lo standard originale

Dettagli

COMUNE DI REZZO Provincia di Imperia REGOLAMENTO COMUNALE SULL INQUINAMENTO LUMINOSO

COMUNE DI REZZO Provincia di Imperia REGOLAMENTO COMUNALE SULL INQUINAMENTO LUMINOSO COMUNE DI REZZO Provincia di Imperia REGOLAMENTO COMUNALE SULL INQUINAMENTO LUMINOSO Approvato con DCC n. 44 del 18/12/2012 REGOLAMENTO PER LA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO Articolo 1 (Finalità) Il presente

Dettagli

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html RADIOSITY TUTORIAL La "Profondità Diffusione" che si imposta nella finesta Settaggi Radiosity (render- >parametri rendering->radiosity) stabilisce quante volte una fonte di illuminazione andrà a riflettersi

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE. ALLEGATO Z. ing. Daniela Fiaccavento arch. Maria Luisa Piva ARPAV- Dipartimento di Treviso

PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE. ALLEGATO Z. ing. Daniela Fiaccavento arch. Maria Luisa Piva ARPAV- Dipartimento di Treviso PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE. ALLEGATO ALLEGATO Z Inquinamento luminoso Redazione a cura di ing. Daniela Fiaccavento arch. Maria Luisa Piva ARPAV- Dipartimento di Treviso PIANO TERRITORIALE

Dettagli

specifiche del telo linee guida

specifiche del telo linee guida specifiche del telo linee guida 4 l Lutron introduzione Selezionare il tipo giusto di telo può essere di importanza critica per la riuscita di un progetto. Questa pubblicazione intende fornire delle linee

Dettagli

Lo spessimetro ( a cura di Elena Pizzinini)

Lo spessimetro ( a cura di Elena Pizzinini) Lo spessimetro ( a cura di Elena Pizzinini) 1) Che cos è? Lo spessivetro è uno strumento (brevettato dalla ditta Saint Gobain) dal funzionamento piuttosto semplice che permette di misurare lo spessore

Dettagli

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA RELAZIONE TECNICA ENERGETICO-AMBIENTALE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA RIDUZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA RELAZIONE TECNICA ENERGETICO-AMBIENTALE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA RIDUZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA RELAZIONE TECNICA ENERGETICO-AMBIENTALE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA RIDUZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE La relazione deve contenere gli elementi descrittivi idonei

Dettagli

9. Polveri e mosaici. Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora:

9. Polveri e mosaici. Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora: 9. Polveri e mosaici Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora: Perché è così bianco? Anche l uomo pensò un poco, come se la domanda gli sembrasse difficile, e poi disse con voce profonda: Perché è titanio.

Dettagli

Strutture per coperture inclinate

Strutture per coperture inclinate Le strutture per coperture inclinate sono costituite da elementi o parti strutturali disposti secondo piani differenti da quello orizzontale (definiti falde), destinati a svolgere la funzione di copertura

Dettagli

ARCHITETTURA TECNICA III 2012-13

ARCHITETTURA TECNICA III 2012-13 ARCHITETTURA TECNICA III 2012-13 APPROCCIO BIOCLIMATICO ALLA PROGETTAZIONE - TECNOLOGIE SOLARI ATTIVE e PASSIVE. Ing. Nicola Bartolini nicola.bartolini5@unibo.it AZIMUTH E ALTEZZA SOLARE Angolo di altezza

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali. Rischio laser in ambito medicale

Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali. Rischio laser in ambito medicale Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali Rischio laser in ambito medicale DLgs 81/2008 titolo VIII, capo V Indicazioni operative ISPESL www.ispesl.it Michele Saba Dipartimento

Dettagli

LABORATORIO DI COSTRUZIONI

LABORATORIO DI COSTRUZIONI La distribuzione spaziale del flusso luminoso L intensità luminosa di una sorgente varia al variare della direzione nello spazio. 25 FEBBRAIO 2011 La scelta di un apparecchio illuminante deve essere effettuata

Dettagli

1. PARTICOLARITA DEL TESSUTO POLYSCREEN RISPETTO AD ALTRI ARTICOLI. GENERALITA.

1. PARTICOLARITA DEL TESSUTO POLYSCREEN RISPETTO AD ALTRI ARTICOLI. GENERALITA. Tutto sul POLYSCREEN 1 INTRODUZIONE: PERCHE IL POLYSCREEN AD ALTA TENACITA? VERTISOL ha scommesso sulla scelta del poliestere ad alta tenacità in seguito alle alte prestazioni ottenute con questo tipo

Dettagli

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE 1 LIGHT PAINTING dipingere con la luce Il LIGHT PAINTING è una tecnica fotografica che permette di realizzare scatti ricercati e suggestivi attraverso l

Dettagli

Le barriere radianti sulle coperture ventilate

Le barriere radianti sulle coperture ventilate Le barriere radianti sulle coperture ventilate C A R A T T E R Z Z A Z I O N E T E R M I C A D E L L E C O P E R T U R E V E N T I L A T E M U N I T E D I B A R R I E R A R A D I A N T E, I N R E L A Z

Dettagli

Studio delle ombre. Facoltà di Architettura Luigi Vanvitelli Seconda Università degli Studi di Napoli

Studio delle ombre. Facoltà di Architettura Luigi Vanvitelli Seconda Università degli Studi di Napoli Studio delle ombre Facoltà di Architettura Luigi Vanvitelli Seconda Università degli Studi di Napoli CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL ARCHITETTURA Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 A -- a.a.

Dettagli