PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI INFORMATIZZAZIONE"

Transcript

1 COMUNE DI PIEGARO Provincia di Perugia PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE (Art. 24, comma 3-bis del D.L. 24 giugno 2014 n. 90, convertito in L. 11 agosto 2014, n. 114) Allegato alla deliberazione della Giunta Comunale n 28 del 30/03/2015 Il Segretario Comunale F.to Dott.ssa Maria Pia Sommovigo 1

2 2

3 Indice 1. PREMESSA. 2. NORMATIVA 3. DEFINIZIONI 4. ORGANIZZAZIONE DELL ENTE 5. OBIETTIVI DEL PIANO 6. RICOGNIZIONE DELLO STATO ATTUALE DEL SISTEMA INFORMATIVO DELL ENTE 7. OBIETTIVI DEL BIENNIO PROGETTO 8.1 RILEVAZIONE E VERIFICA DEI PROCEDIMENTI 8.2 REINGEGNERIZZAZIONE DEI PROCEDIMENTI 8.3 SOGGETTI COINVOLTI NELL'ATTUAZIONE DEL PIANO 8.4 PROCEDURE INTERESSATE 9. ATTUAZIONE DEL PIANO 9.1 ANALISI DEI PROCEDIMENTI 9. 2 INDIVIDUAZIONE DEI FABBISOGNI 9.3 ACQUISIZIONE DELLE RISORSE 9.4 REALIZZAZIONE E CONTROLLO 9. 5 VERIFICA E CHIUSURA 10. CRONOPROGRAMMA DI ATTUAZIONE DELLE MACRO ATTIVITA' 11. REVISIONE DEL PIANO ALLEGATO 1- SCHEDA DEL PROCEDIMENTO 3

4 1. PREMESSA L articolo 24, comma 3-bis del D.L. 24 giugno 2014, n. 90, convertito in L. 11 agosto 2014, n. 114, prevede che, entro 180 giorni dall entrata in vigore della legge di conversione, le Pubbliche Amministrazioni devono approvare un piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni, che permetta la compilazione on-line dei moduli con autenticazione realizzata con il sistema pubblico per la gestione dell identità digitale (SPID) di cittadini ed imprese, la cui fase di avvio è fissata ad aprile NORMATIVA -Legge 11 agosto 2014 n. 114 di conversione con modificazioni del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90, recante misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l'efficienza degli uffici giudiziari, ha introdotto all'art. 24 comma 3-bis, l'obbligo per gli enti locali di approvare un piano di informatizzazione delle procedure che permetta a cittadini e imprese la compilazione e presentazione on-line, mediante procedure guidate, di istanze, dichiarazioni e segnalazioni, con una completa informatizzazione del relativo procedimento. La norma, di cui al comma 3-bis si abbina, per quanto riguarda l'edilizia e le attività produttive, a quanto previsto dal comma 3 del medesimo art. 24 della Legge 11/2014, il quale prevede l'adozione, in sede di conferenza unificata, di moduli unificati e standardizzati a livello nazionale, di cui al successivo capitolo Decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33 recante misure per il riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. - Codice dell'amministrazione digitale, di cui al Decreto legislativo 07 marzo 2005 n. 82 da ultimo aggiornato, con le modifiche apportate dal D.L. 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla Legge 9 agosto 2013, n. 98 e dalla Legge 27 dicembre 2013, n DEFINIZIONI Ai fini del presente piano si intende per: α) CARTA D IDENTITA ELETTRONICA, il documento d'identità munito di elementi per l'identificazione fisica del titolare rilasciato su supporto informatico dalle amministrazioni comunali con la prevalente finalità di dimostrare l'identità anagrafica del suo titolare; β) CARTA NAZIONALE DEI SERVIZI, il documento rilasciato su supporto informatico per consentire l'accesso per via telematica ai servizi erogati dalle pubbliche amministrazioni; χ) DICHIARAZIONE, l atto giuridico con il quale un privato attesta alle pubbliche amministrazioni determinati stati, fatti o qualità che assumono rilevanza nell ambito di procedimento amministrativo; 4

5 δ) DOCUMENTO AMMINISTRATIVO, ogni rappresentazione, comunque formata, del contenuto di atti, anche interni, delle pubbliche amministrazioni o, comunque, utilizzati ai fini dell'attività amministrativa; ε) DOCUMENTO INFORMATICO, la rappresentazione informatica di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti; φ) DOCUMENTO ANALOGICO: la rappresentazione non informatica di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti; γ) ENTE, la pubblica amministrazione che redige ed approva il presente piano di informatizzazione; η) GESTIONE INFORMATIVA DEI DOCUMENTI, l'insieme delle attività finalizzate alla registrazione e segnatura di protocollo, nonché alla classificazione, organizzazione, assegnazione, reperimento e conservazione dei documenti amministrativi formati o acquisiti dalle amministrazioni, nell'ambito del sistema di classificazione d'archivio adottato, effettuate mediante sistemi informatici; ι) ISTANZA, l atto giuridico con il quale un privato chiede alla pubblica amministrazione di avviare un procedimento amministrativo; ϕ) PIANO, il piano di completa informatizzazione delle istanze, dichiarazioni e richieste che possono essere inoltrate all'ente in base a quanto previsto dal comma 3-bis dell'articolo 24 del D.L. 24 giugno 2014 n. 90, convertito, con modifiche, in L. 11 agosto 2014 n. 114; κ) POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA, il sistema di comunicazione in grado di attestare l invio e l avvenuta consegna di un messaggio di posta elettronica e di fornire ricevute opponibili ai terzi; λ) PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO, una sequenza di atti e attività posta in essere da una Pubblica Amministrazione e finalizzata all emanazione di un provvedimento amministrativo; µ) SEGNALAZIONE, un atto giuridico con il quale un privato porta a conoscenza delle pubbliche amministrazioni determinate situazioni che possono avviare o comunque avere rilevanza nell ambito di un procedimento amministrativo; ν) SPID, il sistema pubblico per la gestione dell identità digitale dei cittadini e delle imprese, mediante il quale le pubbliche amministrazioni potranno consentire l accesso in rete ai propri servizi; ο) CNS Carta Nazionale dei Servizi π) TS Tessera Sanitaria 4. ORGANIZZAZIONE DELL ENTE La struttura organizzativa dell'ente prevede 4 Aree: Area Amministrativa e servizi sociali, Area Finanziaria e tributi Area Tecnica Area Polizia Municipale. 5

6 5. OBIETTIVI DEL PIANO Il Comune di PIEGARO, ha l obbiettivo di rendere disponibile sul proprio sito internet i modelli e i formulari digitali per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni, dovrà anche programmare e progettare una completa informatizzazione delle procedure in modo da consentire la compilazione, la presentazione, la gestione ed il monitoraggio delle singole fasi direttamente on-line. Già l articolo 1 della L. 6 novembre 2012, n. 190 recante Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella pubblica amministrazione, ha previsto, ai commi 29 e 30, rispettivamente l obbligo per ogni Pubblica Amministrazione di rendere noto, attraverso il proprio sito web istituzionale l indirizzo di posta elettronica certificata cui il cittadino possa rivolgersi per trasmettere istanze e ricevere informazioni circa i provvedimenti e i procedimenti che lo riguardano, nonché l obbligo di rendere accessibili in ogni momento agli interessati, tramite strumenti di identificazione informatica, le informazioni relative ai procedimenti che li riguardano, ivi comprese quelle relative allo stato della procedura, ai relativi tempi e allo specifico ufficio competente in ogni singola fase. Successivamente, l articolo 35 del D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 recante riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni ha previsto l obbligo per le pubbliche amministrazioni di pubblicare i dati relativi alle tipologie di procedimento di propria competenza, con tutti i riferimenti utili per il cittadino e l impresa per poter conoscere il responsabile del procedimento, i termini di conclusione e ogni altra informazione utile a tutelare la posizione giuridica soggettiva del privato. Il presente piano si pone l obiettivo di una gestione completamente informatizzata. Le procedure dovranno essere adeguate in modo da consentire pertanto il completamento della procedura, il tracciamento dell istanza con individuazione del responsabile del procedimento e, ove applicabile, l indicazione dei termini entro i quali il richiedente ha diritto ad ottenere una risposta. Con il D.P.C.M. 24 ottobre 2014 è stato attuato l'articolo 64 del Codice dell amministrazione digitale, individuando le regole di riferimento dello SPID, il quale, in alternativa all'utilizzo della carta di identità elettronica e della carta nazionale dei servizi, permette agli utenti di accedere ai servizi in rete messi a disposizione dalla pubblica amministrazione. 6. RICOGNIZIONE DELLO STATO ATTUALE DEL SISTEMA INFORMATIVO DELL ENTE Il Comune di Piegaro ha partecipato all Avviso non competitivo per il finanziamento ai Comuni Umbri di progetti di trasformazione organizzativa per l'attivazione dei servizi di cui al comma 3 bis dell art.24 del succitato D.L. 90/2014 attivando quanto segue: - supportato dalla Regione Umbria e dal Consorzio SIR, sono state implementate le piattaforme infrastrutturali e gli strumenti necessari ad erogare servizi a cittadini ed imprese, dando priorità ai servizi inerenti SUAP e SUE ed ottemperando così a quanto previsto dall'art. 110 della Legge Regionale 15/2010 che ha recepito la "Direttiva Servizi" della Commissione Europea (Direttiva 123/2006 EC). 6

7 - sono state rese operative le piattaforme tecnologiche per consentire all ENTE di erogare e gestire i servizi a cittadini e imprese con particolare riferimento ai seguenti ambiti: - Gestione dell'identità Digitale necessaria a cittadini e imprese per l'accesso ai servizi telematici della PA in modo standardizzato e sicuro, accessibile su tutto il territorio regionale. Il servizio di identificazione ed accesso viene erogato attraverso la piattaforma infrastrutturale messa disposizione dalla Regione Umbria e denominata FED Umbria. FED Umbria assicura la gestione delle identità digitali per l accesso a servizi erogati online dalle pubbliche amministrazioni della Regione Umbria, supportando i processi di: 1. Identificazione degli utenti anche attraverso Tessera Sanitaria e/o Carta Nazionale dei Servizi 2. Rilascio delle credenziali 3. Autenticazione 4. Autorizzazione all accesso dei servizi online 5. Certificazione di attributi 6. Gestione ruoli 7. Gestione della sicurezza Cittadini/imprese/operatori delle PA possono accedere ai servizi attraverso la propria identità digitale fornita da FED Umbria. La piattaforme FED Umbria viene costantemente manutenuta ed evoluta al fine di assicurare la conformità alle normative ed agli standard tecnologici; in particolare verrà assicurata la integrazione nello scenario che verrà a determinarsi con SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) nel momento in cui diventerà operativo. Dal punto di vista organizzativo la Regione Umbria svolge comunque un ruolo infrastrutturale fondamentale per tutti gli enti presenti nel territorio regionale agendo come Access Manager attraverso la gestione di un Gateway di Dominio per l interfacciamento dei servizi online verso SPID. Ciò per semplificare l erogazione di servizi online definendo modelli organizzativi e regole tecniche standard e condivise da tutta la pubblica amministrazione dell Umbria. - SPORTELLO SUAPE: Servizio per l'acquisizione e gestione di domande on-line via web, rivolto a cittadini ed imprese per avviare e gestire i procedimenti digitalizzati inerenti le attività produttive, l'edilizia e il commercio,. Lo sportello SUAPE della rete Regionale degli Sportelli Unici per le Attività produttive ed edilizia è integrato con la piattaforma di Identità Digitale FED-Umbria. 7

8 Servizio di consultazione degli archivi anagrafici da parte di Forze dell'ordine, Autorità Giudiziaria, Enti Previdenziali ed altre Autorità titolate attraverso la gestione centralizzata e sicura degli accessi al servizio. Disponibilità per l'ente di una casella di Posta Elettronica Certificata istituzionale e di un adeguato numero di caselle di Posta Elettronica Ordinaria. -- L Albo pretorio on-line Servizio di Conservazione a norma: viene erogato attraverso la piattaforma infrastrutturale messa disposizione dalla Regione Umbria e denominata Gateway Umbria. Il modello architetturale è basato su un concentratore (gateway regionale di conservazione) che si pone tra l ente fruitore del servizio e i conservatori esterni realizzando il disaccoppiamento tra i sistemi versanti in uso presso gli enti e i sistemi esterni di conservazione a norma. Il disaccoppiamento è garantito tramite la realizzazione, da un lato, di integrazioni tra i sistemi versanti (tipicamente applicativi di gestione del protocollo) e il gateway regionale, dall altro tra il gateway stesso e il/i conservatore/i, in modo da consentire il versamento dei documenti con modalità automatizzate. Il servizio di Conservazione a norma garantisce standard di alta qualità rispetto ai profili tecnologici e la piena conformità alla normativa vigente. Il servizio di Conservazione a norma è stato normato dalla Regione Umbria che ha definito una Convenzione Quadro tra la Regione Umbria ed il Conservatore UNIMATICA aggiudicatario della gara pubblica rendendolo disponibile agli Enti Locali del territorio. La convenzione in vigore è in corso di rinnovo, garantendo a tutti gli Enti che vi hanno aderito la piena continuità di servizio e il mantenimento di tutti i documenti già versati. - Supporto e formazione al personale degli Enti sulle tematiche organizzative, giuridiche, procedimentali e tecnologiche legate alla attivazione dello Sportello Unico (Attività produttive ed edilizia) e a rendere operativo il CAD. Connessione dell Ente alla Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione Regionale (RUPAR-RU). L Ente è connesso alla COMNET/SPC 7. OBIETTIVI DEL BIENNIO II Piano è strutturato, nel rispetto delle norme di riferimento e dell'agenda per la semplificazione approvato dal Consiglio dei Ministri n. 40 in data 1/12/2014; Gli obiettivi si posso così sintetizzare: razionalizzazione e semplificazione dei procedimenti amministrativi; digitalizzazione del procedimenti amministrativi; 8

9 standardizzazione della modulistica; dematerializzazione dei documenti; integrazione tra sistema gestionale, documentale e sistema front-end del comune; riorganizzazione dell'ente in relazione ai procedimenti digitalizzati; attraverso lo sviluppo del sistema informativo esistente per : > la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni da parte di cittadini e imprese direttamente on-line, mediante procedure guidate; > l'informatizzazione di procedimenti di gestione delle istanze e segnalazioni dei cittadini ed imprese, in cui si possano raccogliere le informazioni relativa al singolo procedimento in un unico fascicolo informativo, inter-operante fra i vari settori dell'ente; > l'accesso telematico a dati, documenti e procedimenti dei dati e documenti per la fruizione e riutilizzazione da parte delle altre pubbliche amministrazioni e dei privati; > la digitalizzazione dei documenti dei procedimenti; > l'attivazione della conservazione documentale a norma delle regole tecniche vigenti; > l' adozione del documento programmatico per la gestione documentale ad integrazione del regolamento sull'ordinamento degli uffici e servizi; > la formazione del personale coinvolto nella reingegnerizzazione dei procedimenti quale reimplementazione di un sistema informatico a partire della sua progettazione al fine di migliorarne o aggiungervi funzionalità, interfacciamento con altri processi o sistemi, piattaforme di supporto, qualità (incluse facilità d uso, manutenibilità, leggibilità ),eventualmente incrementandolo con nuove tecnologie al posto di quelle precedentemente utilizzate. 8. PROGETTO II Progetto, tramite lo sviluppo e/o il dispiegamento di nuovi sistemi informativi, è lo strumento che delinea il processo che si dovrà adottare per ottenere, al termine del periodo di attuazione, una informatizzazione dei procedimenti, dalla loro presentazione, all'istruttoria, al coinvolgimento di enti terzi, al provvedimento finale, delle comunicazioni interne, degli atti prodotti d'ufficio e delle certificazioni in genere. Il progetto tiene conto delle scadenze previste dalle norme emanate circa la dematerializzazione dei documenti e la digitalizzazione dei procedimenti. 8.1 RILEVAZIONE E VERIFICA DEI PROCEDIMENTI E' prevista la rilevazione dei procedimenti dell'ente che sono interessati per la gestione di istanze, richieste, segnalazioni on line del cittadino ed imprese. 8.2 REINGEGNERIZZAZIONE DEI PROCEDIMENTI 9

10 E' prevista la Reingegnerizzazione dei procedimenti di cui sopra per la gestione di istanze e richieste on line del cittadino attraverso la stesura di specifici workflow che prevedano la gestione dei passi e delle attività da eseguirsi in modo digitale a partire dall'istanza on line, con la protocollatura e l'istruttoria fino alla conclusione del procedimento con l'emissione di un provvedimento o di qualsiasi altro atto previsto. La teoria e le applicazioni del workflow management promuovono la gestione dei gruppi di lavoro collaborativi secondo il workflow model, modello processuale. Un processo consiste in una o più attività ognuna delle quali rappresenta un lavoro da svolgere per giungere a un obbiettivo comune. Il workflow management sostiene l organizzazione del processo di lavoro mediante l utilizzo di softwere specifici. Le attività possono essere svolte dai partecipanti o da applicazioni informatiche. I sistemi softwere che sanno interpretare una serie di regole procedurali integrano diverse funzioni: utilizzano strumenti dell information technology per la condivisione dell informazione e gestiscono la comunicazione e il passaggio di compiti da un collaboratore all altro e sono dunque chiamati Workflow management systems. I vantaggi dei supporti Workflow management systems sono cosi sintetizzati : Incremento dell efficienza l automazione di molti processi fornisce l eliminazione dei passi non necessari; Migliore controllo del processo mediante la standardizzazione dei metodi di lavoro e la disponibilità di strumenti di verifica; Flessibilità il controllo del software sul processo di lavoro può essere programmato in base alle esigenze; 8.3 SOGGETTI COINVOLTI NELL'ATTUAZIONE DEL PIANO a) Interni all'ente L'attuazione del piano è demandata, ciascuno per la propria competenza ai seguenti soggetti: - Segretario comunale, - Responsabile della trasparenza - Responsabile ICT -.Posizioni organizzative - Responsabili di procedimento - operatori di procedura sulla base degli indirizzi approvati dalla Giunta Comunale b) Enti terzi Nell'attuazione del Piano verranno coinvolti Enti terzi per la ricerca di una soluzione informatica inter operante o si procederà alla stipula di accordi/convenzioni per la trasmissione informatica della documentazione e delle comunicazioni per il conseguimento della interoperabilità. 10

11 c) Supporto per lo sviluppo del progetto In considerazione dell'organizzazione dell'ente e delle risorse umane e strumentali disponibili si rende necessario esternalizzare: - la progettazione operativa dell'implementazione del sistema informatico per il perseguimento degli obiettivi del presente piano di informatizzazione; - la realizzazione concreta dell'implementazione del sistema informatico mediante installazione di software gestionali appositi e integrazione delle risorse digitali in rete; - la formazione del personale coinvolto nell'attuazione del piano; - la redazione del documento programmatico di gestione documentale ad integrazione del regolamento sull'ordinamento degli uffici servizi; L'individuazione del soggetto cui esternalizzare le sopra menzionate attività verrà posta in essere con le modalità previste del codice dei contratti vigente o tramite la collaborazione con i soggetti quali la Regione Umbria o altri soggetti/consorzi pubblici opportunamente individuati; 8.4 PROCEDURE INTERESSATE a) Aree interessate All'applicazione del Piano sono interessate tutte le aree e servizi dell'ente, ciascuno secondo le proprie competenze compresi gli organi di indirizzo politico (Giunta Comunale, Consiglio Comunale) ; Per la corretta attuazione del Piano è necessaria una sinergia tra: - lo sviluppo e il dispiegamento di nuovi sistemi informativi; - la necessaria riorganizzazione nella gestione/competenza dei servizi per attuare, quanto più possibile, una semplificazione dei singoli procedimenti. b) Procedure inter-area Molti dei procedimenti già oggi gestiti in maniera informatica o ibrida (cartacea e informatica), siano essi attivati d'ufficio o su istanza di parte, prevedono, per la loro corretta gestione o, conclusione dell'iter procedimentale, il coinvolgimento di più procedure informatiche e più aree di competenza. Tutti i sistemi informatici e informativi, dovranno fra loro risultare inter-operanti per lo scambio di informazioni o documentazione, al fine di garantire l univocità dei dati ed evitare la formazione di copie e duplicati per non incorrere nella ridondanza di informazioni e nell'appesantimento dei sistemi informatici, nonché una inutile conservazione di più documenti informatici dello stesso tipo. 9. ATTUAZIONE DEL PIANO L'attuazione del Piano avviene attraverso lo svolgimento di cinque fasi, che interagiscono fra loro nelle seguenti modalità: 11

12 9.1 ANALISI DEI PROCEDIMENTI La fase iniziale prevede il censimento di tutti i procedimenti seguiti da ciascun servizio, sia esso specifico o inter operante, finalizzato alle successive: - analisi in chiave di semplificazione o eliminazione del procedimento in base ai regolamenti comunali e comunque nel rispetto della normativa vigente in materia; - standardizzazione della metodologia di lavoro e delle risorse software e hardware; - riorganizzazione del processo nel rispetto della realtà dell Ente; - reingegnerizzazione del procedimento tenendo conto dell economicità del sistema e dell efficienza; - automazione ed integrazione completa del processo. Ogni Unità Organizzativa procederà ad attuare quanto previsto dal presente piano per i procedimenti di propria competenza di concerto con il responsabile della trasparenza e con gli altri soggetti di cui al punto 8.3, compilando la scheda di cui all'allegato INDIVIDUAZIONE DEI FABBISOGNI L'analisi di cui sopra consente di addivenire all'individuazione delle risorse necessarie alla completa automazione del processo che possono essere così sintetizzate: -adeguamento dell'architettura informatica dell'ente o delle singole postazioni di lavoro; -acquisizione di software gestionali che rispondano alle esigenze individuate con l'analisi procedente sia mediante implementazione e modifica dell'esistente che mediante acquisizione di nuove applicazioni gestionali; -adeguamento delle risorse digitali in rete e del sistema di connettività al fine di consentire la reale fruizione dei processi resi interamente digitali; - svolgimento di attività dì informazione per i soggetti coinvolti nell'azione del piano; -attività di comunicazione al fine di informare i destinatari delle azioni previste nel piano in merito alla esistenza e fruibilità delle stesse; 9.3 ACQUISIZIONE DELLE RISORSE Le risorse come sopra specificate vengono acquisite con le modalità previste dal codice dei contratti o mediante l'ausilio della Regione Umbria o di soggetti ad essa correlati e rese disponibili ai soggetti coinvolti nell'attuazione del piano. Nell'acquisizione delle risorse si tiene conto delle priorità individuate dal piano con riferimento al crono programma di attuazione 9.4 REALIZZAZIONE E CONTROLLO 12

13 La realizzazione e il controllo del Piano si compone di periodiche attività dì sviluppo, programmazione teorica e operativa, accompagnata da monitoraggi e revisioni delle informazioni per mantenere costantemente aggiornate le informazioni di front office e in back office. Queste attività che coinvolgono i soggetti di cui al punto 8.3 e 9, sono per lo più' svolte attraverso incontri mirati alla raccolta periodica delle informazioni per la necessaria progettazione e successiva verifica dello stato di avanzamento degli interventi, le tempistiche di completamento delle varie attività previste, la risoluzione di eventuali problematiche insorte VERIFICA E CHIUSURA Le attività verranno dichiarate concluse a seguito di collaudo delle procedure da parte dei servizi competenti, che dovranno validare la completa informatizzazione dei singoli procedimenti di competenza nel rispetto della normativa vigente in materia. 10. CRONOPROGRAMMA DI ATTUAZIONE DELLE MACRO ATTIVITA' INTERVENTI PER MACRO ATTIVITA' 1 trim trim trim trim trim trim trim trim 2016 censimento dei procedimenti delle varie aree verifica della modalità di svolgimento dei procedimenti finalizzata alla razionalizzazione e semplificazione dei procedimenti stessi ivi compresa la ricognizione dei procedimenti ad istanza di parte da codificare ai fini della loro informatizzazione. standardizzazione della metodologia di lavoro adozione delle tecnologie dell'informazione per la redazione dei documenti e registri in formato informatico, comunicazioni interne riorganizzazione e reingegnerizzaione dei procedimenti adozione di modulistica semplifica e standardizzata 13

14 sviluppo e dispiegamento di nuovi sistemi informativi per la presentazione delle istanze e segnalazioni on-line mediante procedure guidate formazione informatica del personale automazione completa del processo e interoperabilità delle procedure automazione dei procedimenti di pubblicazione nella sezione Amministrazione Trasparente Ogni Area procederà ad attuare quanto previsto dal presente piano per i procedimenti di propria competenza di concerto con il Responsabile della Trasparenza e in collaborazione con tutti i Responsabili di Area. 11. REVISIONE DEL PIANO Il presente PIANO è soggetto a revisione in caso di: - completamento delle rilevazioni indicate nel PIANO stesso; - modifica dell ordinamento strutturale dell Ente (adesione ad Unioni di Comuni, riassetto territoriale, fusione con altri Comuni, trasferimento di funzioni da e per altri Enti, ecc.); - nuove norme legislative in materia; - sostanziali modifiche nelle procedure informatizzate oggetto del PIANO tali da modificarne l'impianto. In ogni caso il PIANO verrà rivisto periodicamente con cadenza ANNUALE al fine di verificare l effettiva applicazione di quanto contenuto nel piano in vigore. 14

15 UNITÀ ORGANIZZATIVA RESPONSABILE: SERVIZIO.... ALLEGATO 1 TIPOLOGIA DI PROCEDIMENTO: Descrizione del procedimento / normativa di riferimento Obiettivo Responsabile del procedimento Termine di conclusione del procedimento.. gg Ricognizione delle modalità attuali per la gestione del procedimento Azioni finalizzate alla digitalizzazione del procedimento (azioni indicate a titolo esemplificativo) 1) ASPETTO ORGANIZZATIVO: si rende necessario analizzare il procedimento dal punto di vista organizzativo fin dal momento della presentazione dell istanza / dichiarazione alla luce dei processi di gestione che saranno messi in campo per consentire il monitoraggio e la tracciabilità dell istanza in ogni sua fase da parte del soggetto interessato. TEMPISTICA: entro il / / 2) ASPETTO TECNOLOGICO: si rende necessario adeguare il software gestionale in uso per il procedimento, al fine di implementarne la Tempi di adeguamento Entro il / / 15

16 L obiettivo è la completa digitalizzazione del procedimento, per cui la procedura dovrà permettere la presentazione dell istanza (dichiarazione / segnalazione)e la compilazione on line con procedure guidate accessibili tramite autenticazione con il Sistema pubblico per la gestione dell identità digitale di cittadini e imprese. La procedura dovrà permettere, altresì, il completamento della procedura on line, nonché la tracciabilità e il monitoraggio in delle singole fasi del procedimento da parte dell interessato. funzionalità in relazione con l obiettivo della gestione digitalizzata dell intera procedura. TEMPISTICA: entro il / / 3) ASPETTO DOCUMENTALE: si rende necessario adattare la modulistica utilizzata per consentirne la fruizione informatica, nonché la gestione e la conservazione dei documenti informatici alla luce delle regole tecniche del protocollo informatico. TEMPISTICA: entro il / / 4) ASPETTO FORMATIVO: si rende necessario mettere in atto un percorso formativo per il personale dell unità organizzativa, al fine di preparare i singoli operatori alle nuove modalità di gestione. TEMPISTICA: entro il / / 5) ASPETTO INFORMATIVO: si rende necessario infine predisporre una guida per l utente al fine di illustrare le modalità di presentazione dell stanza / dichiarazione / segnalazione e le modalità di monitoraggio delle singole fasi del procedimento TEMPISTICA: entro il / / 6)..... TEMPISTICA: entro il / / 16

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n.

COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n. COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n. 114 Rif. int. : Rev. : 0.0 Vers. Prec. : Sommario 1- Revisioni...

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune (art. 24 c. 3-bis Legge 11/08/2014

Dettagli

COMUNE DI SAINT DENIS

COMUNE DI SAINT DENIS COMUNE DI SAINT DENIS PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione online da parte di cittadini e imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al Comune 2015 /

Dettagli

COMUNE DI OLLOMONT COMMUNE DE OLLOMONT

COMUNE DI OLLOMONT COMMUNE DE OLLOMONT COMUNE DI OLLOMONT COMMUNE DE OLLOMONT PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 14 DEL 12 FEBBRAIO 2015 O G G E T T O

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 14 DEL 12 FEBBRAIO 2015 O G G E T T O DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 14 DEL 12 FEBBRAIO 2015 O G G E T T O ADOZIONE DEL PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON-LINE.

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA

COMUNE DI TERNO D ISOLA COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di BERGAMO Piano triennale di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni (Art 24 comma 3bis D.L. 90/2014) INDICE 1)

Dettagli

COMUNE DI MOMPANTERO

COMUNE DI MOMPANTERO COMUNE DI MOMPANTERO C.A.P. 10059 - PROVINCIA DI TORINO P.zza Giulio Bolaffi n. 1 - Tel. 0122 622323 - Fax 0122 629427 P. IVA 01919130011 - C.F. 86501190010 PIANO INFORMATIZZAZIONE delle procedure per

Dettagli

COMUNE DI OCCHIOBELLO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n. 163 del 18/09/2015

COMUNE DI OCCHIOBELLO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n. 163 del 18/09/2015 COMUNE DI OCCHIOBELLO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione n. 163 del 18/09/2015 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PIANO DI INFORMATIZZAZIONE AI SENSI DELL'ART. 24 COMMA 3-BIS DEL DL 90/2014.

Dettagli

Comune di Perugia Piano di Informatizzazione ex art 24 D.L. 90/2014. Comune di Perugia PRIME DISPOSIZIONI

Comune di Perugia Piano di Informatizzazione ex art 24 D.L. 90/2014. Comune di Perugia PRIME DISPOSIZIONI Comune di Perugia Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di conversione 11 agosto 2014, n. 114 PRIME DISPOSIZIONI Sommario 1- Revisioni... 2 2- Glossario...

Dettagli

COMUNE RONCO BRIANTINO

COMUNE RONCO BRIANTINO COMUNE di RONCO BRIANTINO Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis Rif. int. : Piano di Informatizzazione ex art 24 dl 90 2014 Creatore : STUDIO MENNI SAS Fabio prof. MENNI

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE EX ART.24 DL 90/2014

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE EX ART.24 DL 90/2014 C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino PIANO DI INFORMATIZZAZIONE EX ART.24 DL 90/2014 Responsabile del Piano Nominativo Data Redatto Segretario Comunale Marcella Di Mauro 10.02.2015

Dettagli

Comune di Collazzone Provincia di Perugia

Comune di Collazzone Provincia di Perugia Comune di Collazzone Provincia di Perugia PIANO DI INFORMATIZZAZIONE art.24 comma 3bis del D.L. 90/2014 convertito in L.114/2014 Approvato con Deliberazione G.C. n. 7 del 16/02/2015 I Indice 1-Introduzione...1

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Melissano PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune (art. 24

Dettagli

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c.

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. COMUNE DI CARPEGNA Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 13 del 16/02/2015 Pag. 2 2.

Dettagli

COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso

COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni ai sensi dell articolo 24, comma 3 bis del D.L.

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso Piazza Caduti, 8 31021 Cod. Fiscale 00565860269 Partita IVA 00476370267 Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni

Dettagli

Comune di SANTO STEFANO BELBO Provincia di Cuneo PIANO DI INFORMATIZZAZIONE TRIENNIO 2015-2017

Comune di SANTO STEFANO BELBO Provincia di Cuneo PIANO DI INFORMATIZZAZIONE TRIENNIO 2015-2017 Comune di SANTO STEFANO BELBO Provincia di Cuneo PIANO DI INFORMATIZZAZIONE TRIENNIO 2015-2017 Premessa La Legge 11 agosto 2014 n. 114 di conversione con modificazioni del decreto-legge 24 giugno 2014,

Dettagli

Comune di Taurisano PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

Comune di Taurisano PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Taurisano PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune (art. 24 c. 3-bis

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO E. SCALFARO Piazza Matteotti, 1 88100 CATANZARO Codice Fiscale 97028930796 0961-745155 FAX 0961-744438 E-Mail: cztf010008@istruzione.it - PEC:cztf010008@pec.istruzione.it

Dettagli

Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve

Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis (Approvato con delibera della Giunta dell Unione n. 26 del 19/02/2015) Rif. int. : Piano_di_Informatizzazione_ex_art_24_dl_90_2014.odt

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni online

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni online COMUNE DI CANONICA D ADDA Provincia di Bergamo Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni online Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni (D.L. 90/2014 convertito in legge 114/2014, art. 24 comma 3 bis) Indice 1. Finalità 2. Riferimenti

Dettagli

Comune di MELLE Comune di VALMALA PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE

Comune di MELLE Comune di VALMALA PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE Comune di MELLE Comune di VALMALA PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE INDICE A) PREMESSA... 3 B) LA SITUAZIONE ATTUALE (AS-IS)... 4 C) L EVOLUZIONE (TO-BE)... 6 Piano informatizzazione

Dettagli

Pag 1. Approvato con la deliberazione della Giunta Comunale n. 19 del 11/02/2015

Pag 1. Approvato con la deliberazione della Giunta Comunale n. 19 del 11/02/2015 COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE (articolo 24 c. 3 bis del D.L. 90/2014, convertito

Dettagli

Deliberazione originale della Giunta Comunale

Deliberazione originale della Giunta Comunale Deliberazione originale della Giunta Comunale N. 21 del Reg. Data 19 febbraio 2015 OGGETTO PIANO INFORMATIZZAZIONE : L'anno duemilaquindici, il giorno diciannove del mese di febbraio, alle ore 13,00, nella

Dettagli

Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis del

Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis del COMUNE DI PONTASSIEVE SERVIZIO ASSOCIATO DEI SERVIZI INFORMATICI ( I.C.T.) Unione dei Comuni Valdarno e Valdisieve Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis del Comune di Pontassieve

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI ECOLOGIA E AMBIENTE PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE

CONSORZIO SERVIZI ECOLOGIA E AMBIENTE PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE CONSORZIO SERVIZI ECOLOGIA E AMBIENTE PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE INDICE A) PREMESSA... B) LA SITUAZIONE ATTUALE (AS-IS)... C) L EVOLUZIONE (TO-BE)... Piano informatizzazione

Dettagli

COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano

COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano 20060 Trezzano Rosa Piazza XXV Aprile, 1 C.F. 83502090158 P.IVA 04670940156 info@comune.trezza norosa.mi.it www.comune.trezzanorosa.mi.it Tel. 02 920199 Tecnico

Dettagli

Comune di RACCONIGI PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE

Comune di RACCONIGI PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE Comune di RACCONIGI PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE INDICE A) PREMESSA... 3 B) LA SITUAZIONE ATTUALE (AS-IS)... 4 C) L EVOLUZIONE (TO-BE)... 6 Piano informatizzazione presentazione

Dettagli

PRATOLA SERRA COMUNE DI. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art.24 c. 3bis

PRATOLA SERRA COMUNE DI. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art.24 c. 3bis COMUNE DI PRATOLA SERRA Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art.24 c. 3bis Indice 1- Revisioni... 1 2- Glossario... 2 3- Scopo... 3 4- Riferimenti... 3 5- Introduzione... 4 6- Quadro

Dettagli

COMUNE DI DRAPIA (PROVINCIA DI VIBO VALENTIA)

COMUNE DI DRAPIA (PROVINCIA DI VIBO VALENTIA) COMUNE DI DRAPIA (PROVINCIA DI VIBO VALENTIA) Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni che permetta la compilazione on line con procedure

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano. PIANO DI INFORMATIZZAZIONE (ai sensi dell art. 24, comma 3 bis, del D.L. n.

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano. PIANO DI INFORMATIZZAZIONE (ai sensi dell art. 24, comma 3 bis, del D.L. n. COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano PIANO DI INFORMATIZZAZIONE (ai sensi dell art. 24, comma 3 bis, del D.L. n. 90/2014) Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 08 del 17.02.2015

Dettagli

Pag 1. Approvato con la deliberazione della Giunta Comunale n. 21 del 10/02/2014

Pag 1. Approvato con la deliberazione della Giunta Comunale n. 21 del 10/02/2014 COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO Provincia di Brescia PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE (articolo 24 c. 3 bis del D.L. 90/2014,

Dettagli

Piano di informatizzazione per l Unione e i comuni Casentinesi dell Unione

Piano di informatizzazione per l Unione e i comuni Casentinesi dell Unione Piano di informatizzazione per l Unione e i comuni Casentinesi dell Unione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis 1- Quadro normativo L Art.24 del D.L. 90/2014 prevede in capo a tutta una serie di

Dettagli

Piano di Informatizzazione (ai sensi D.L. 90/2014 art. 24 c. 3bis)

Piano di Informatizzazione (ai sensi D.L. 90/2014 art. 24 c. 3bis) Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure Piano di Informatizzazione (ai sensi D.L. 90/2014 art. 24 c. 3bis) Prima Stesura 16 Febbraio 2015 1 INDICE 1 Glossario... 3 2 Licenza... 4 3 Finalità...

Dettagli

CONSULTA D AMBITO TERRITORIALE GORIZIANO PER IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c.

CONSULTA D AMBITO TERRITORIALE GORIZIANO PER IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. CONSULTA D AMBITO TERRITORIALE GORIZIANO PER IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis CATO ORIENTALE GORIZIANO PER IL SII CATOGO_Piano_di_Informatizzazione_ex_art_24_dl_90_2014.doc

Dettagli

Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis

Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis Indice 1-Glossario...1 2-Finalità...2 3-Licenza d'uso...2 4-Adozione prodotti e servizi...2 5-Situazione attuale...4 6-Fasi di attuazione...4

Dettagli

COMUNE DI BRONI PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA 11/08/2014 N. 114 PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI CHE

COMUNE DI BRONI PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA 11/08/2014 N. 114 PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI CHE PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI CHE PERMETTA LA COMPILAZIONE ONLINE CON PROCEDURE GUIDATE ACCESSIBILI TRAMITE AUTENTICAZIONE CON

Dettagli

Comune di Alberona Provincia di Foggia PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI ALBERONA

Comune di Alberona Provincia di Foggia PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI ALBERONA Comune di Alberona Provincia di Foggia PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI ALBERONA INDICE A) PREMESSA... 3 B) LA SITUAZIONE ATTUALE (AS-IS)... 4 C) L EVOLUZIONE (TO-BE)...

Dettagli

Capitolato speciale per la fornitura di

Capitolato speciale per la fornitura di ALLEGATO A Capitolato speciale per la fornitura di Servizi di verifica procedurale e funzionale delle componenti di servizio della Community Network dell'umbria nell'ambito del piano di Semplificazione

Dettagli

Comune di Sondalo. Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 19 del 12/02/2015 RIFERIMENTI NORMATIVI E DOCUMENTI CORRELATI

Comune di Sondalo. Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 19 del 12/02/2015 RIFERIMENTI NORMATIVI E DOCUMENTI CORRELATI Comune di Sondalo PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI CHE PERMETTA LA COMPILAZIONE ON LINE CON PROCEDURE GUIDATE ACCESSIBILI TRAMITE

Dettagli

Comune di VILLA VICENTINA. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis

Comune di VILLA VICENTINA. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis Comune di VILLA VICENTINA Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis Approvato con deliberazione giuntale n 10 del 11.02.2015 Pag. i Indice 1-Revisioni... 1 2-Glossario... 2

Dettagli

COMUNE DI PONTE IN VALTELLINA Provincia di Sondrio. (art. 24 c. 3-bis Legge 11/08/2014 n. 114)

COMUNE DI PONTE IN VALTELLINA Provincia di Sondrio. (art. 24 c. 3-bis Legge 11/08/2014 n. 114) COMUNE DI PONTE IN VALTELLINA Provincia di Sondrio (art. 24 c. 3-bis Legge 11/08/2014 n. 114) Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n 6 del 12.02.2015 INTRODUZIONE L articolo 24 c 3-bis della

Dettagli

Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it

Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it La timeline del quadro normativo (1) 1998 2000 2004 2005 Protocollo informatico Regole tecniche per il protocollo informatico di cui al decreto del Presidente

Dettagli

Comune di Parella PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI PARELLA

Comune di Parella PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI PARELLA Comune di Parella PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI PARELLA INDICE A) PREMESSA... 3 B) LA SITUAZIONE ATTUALE (AS-IS)... 4 C) L EVOLUZIONE (TO-BE)... 8 D) ALLEGATI...

Dettagli

CAD Codice dell'amministrazione digitale Ultimo aggiornamento: 12/01/2012

CAD Codice dell'amministrazione digitale Ultimo aggiornamento: 12/01/2012 Il sito web della scuola Efficiente strumento del CAD CAD Codice dell'amministrazione digitale Dlgs 7 marzo 2005, n. 82 Dlgs 30 dicembre 2010, n. 235 Testo vigente al 22/12/2011 Testo redatto al solo fine

Dettagli

Seminario Processi Innovativi

Seminario Processi Innovativi Seminario Processi Innovativi Agenda Semplificazione Agenda Digitale Fatturazione Elettronica e Split Payment Agenda Semplificazione Settori Strategici Individuati Cittadinanza Digitale Welfare e Salute

Dettagli

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE)

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) Comune di Vigonovo Sistemi Informativi Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni

Dettagli

SERVIZIO SVILUPPO INFORMATICO

SERVIZIO SVILUPPO INFORMATICO SERVIZIO SVILUPPO INFORMATICO PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI CHE PERMETTA LA COMPILAZIONE ON LINE CON PROCEDURE GUIDATE ACCESSIBILI

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E PER IL TRATTAMENTO INFORMATICO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E PER IL TRATTAMENTO INFORMATICO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E PER IL TRATTAMENTO INFORMATICO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI www.digitpa.gov.it INDICE 1 INTRODUZIONE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO...4 1.1 SCOPO

Dettagli

COMUNE DI PESCANTINA

COMUNE DI PESCANTINA COMUNE DI PESCANTINA Provincia di Verona Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze dichiarazioni e segnalazioni on line Ex. Art. 24 D.L. 90/2014. 1 PREMESSA In ottemperanza

Dettagli

Linee guida per l adozione del protocollo informatico e per il trattamento informatico dei procedimenti amministrativi

Linee guida per l adozione del protocollo informatico e per il trattamento informatico dei procedimenti amministrativi D.M. 14 ottobre 2003 1 e 2 Linee guida per l adozione del protocollo informatico e per il trattamento informatico dei procedimenti amministrativi 1. Introduzione e normativa di riferimento Con la direttiva

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE EX ART.24 DL 90/2014

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE EX ART.24 DL 90/2014 Pag. 1 di 22 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE EX ART.24 DL 90/2014 Provincia di Pisa Approvato con deliberazione n.11 della Giunta Comunale in data 13/02/2015 Pag. 2 di 22 Sommario 1 PREMESSA... 3 1.1 ARTICOLAZIONE

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE EX ART.24 DL 90/2014

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE EX ART.24 DL 90/2014 Pag. 1 di 32 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE EX ART.24 DL 90/2014 Approvato con determinazione dirigenziale della Segreteria Generale n. 7 del 13/02/2015 Pag. 2 di 32 LEGENDA DI COPERTINA I dati riportati sulla

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO SECONDO IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE Sommario: 1. Struttura e finalità del codice dell amministrazione digitale. - 2. La teleamministrazione e l atto elettronico. - 3. Il documento

Dettagli

Regione Piemonte COMUNE DI PIVERONE

Regione Piemonte COMUNE DI PIVERONE Regione Piemonte COMUNE DI PIVERONE Piazza Marconi, 1 C.A.P. 10010 - PROVINCIA DI TORINO Tel. 0125/72154 - Fax 72190 http://www.comune.piverone.to.it Cod. fisc. 84001150014 E-mail : comune.piverone@comune.piverone.to.it

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Comune di Vigevano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012 2014 Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 266 del 6 dicembre 2012 Indice: Premessa....3 1. Trasparenza, integrità

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni Regione Veneto Provincia di Treviso Comune di Castelfranco Veneto Servizio Sistemi Informativi Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Dettagli

COMUNE DI ROMANO CANAVESE PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI ROMANO CANAVESE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI ROMANO CANAVESE PROVINCIA DI TORINO PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI ROMANO CANAVESE INDICE A) PREMESSA... 3 B) LA SITUAZIONE ATTUALE (AS-IS)... 4 C) L

Dettagli

Disposizioni in materia di rilascio e di uso della casella di posta elettronica certificata assegnata ai cittadini.

Disposizioni in materia di rilascio e di uso della casella di posta elettronica certificata assegnata ai cittadini. D.P.C.M. 6 maggio 2009 1 e 2 Disposizioni in materia di rilascio e di uso della casella di posta elettronica certificata assegnata ai cittadini. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto il decreto

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE EX ART.24 DL 90/2014

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE EX ART.24 DL 90/2014 Pag. 1 di 35 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE EX ART.24 DL 90/2014 Unità Organizzativa/Servizio/Ufficio Responsabile del Piano Nominativo Data Redatto Area Affari Generali Dott.ssa Francesca Baudi 10/02/2015

Dettagli

COMUNE DI CIVATE PROVINCIA DI LECCO PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA SEGNALAZIONI ONLINE

COMUNE DI CIVATE PROVINCIA DI LECCO PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA SEGNALAZIONI ONLINE COMUNE DI CIVATE PROVINCIA DI LECCO PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE PIANO PRELIMINARE: FASE 1 / 3 LINEE STRATEGICHE INFORMATIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PIEVE EMANUELE Provincia di Milano. Comune di Pieve Emanuele PIANO DI INFORMATIZZAZIONE EX ART.24 DL 90/2014

COMUNE DI PIEVE EMANUELE Provincia di Milano. Comune di Pieve Emanuele PIANO DI INFORMATIZZAZIONE EX ART.24 DL 90/2014 Comune di Pieve Emanuele PIANO DI INFORMATIZZAZIONE E ART.24 DL 90/2014 1 LEGENDA DI COPERTINA I dati riportati sulla prima pagina (copertina) del presente documento hanno lo scopo di controllarne la configurazione

Dettagli

approvato con deliberazione di Giunta Comunale n.

approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del Premessa Quadro normativo Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82 Il Decreto Legislativo 82/2005 Codice dell'amministrazione digitale all'art. 63 stabilisce

Dettagli

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 Comune di Sospirolo P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE EX ART.24 DL 90/2014

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE EX ART.24 DL 90/2014 Pag. 1 di 37 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE EX ART.24 DL 90/2014 Unità Organizzativa/Servizio/Ufficio Responsabile del Piano Nominativo Data Redatto Area Polizia Municipale e Servizi Informatici/Servizi Informatici

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE EX ART.24 DL 90/2014

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE EX ART.24 DL 90/2014 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE EX ART.24 DL 90/2014 Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 16/02/2015 Sommario 1 PREMESSA...3 1.1 ARTICOLAZIONE DEL PIANO... 3 2 LA DIGITALIZZAZIONE DEI SERVIZI

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ----------------------------------------------

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- DIREZIONE CENTRALE Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- Protocollo d Intesa tra Il Comune di Milano e l Ordine dei Consulenti del

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA Provincia di Cuneo

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA Provincia di Cuneo COMUNE DI MONTICELLO D ALBA Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2014-15-16 APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N.11 DEL 04/12/2013 1. PREMESSA Con la redazione

Dettagli

COMUNE DI FERRARA DI MONTE BALDO

COMUNE DI FERRARA DI MONTE BALDO COMUNE DI FERRARA DI MONTE BALDO (Provincia di Verona) 1. Premessa. Il Comune di Ferrara di Monte Baldo, come ogni altra amministrazione pubblica, a seguito dell entrata in vigore del D. Lgs. n. 150/2009,

Dettagli

mhtml:file://c:\users\gilda.falso\desktop\d.lgs. n. 82.2005.mht

mhtml:file://c:\users\gilda.falso\desktop\d.lgs. n. 82.2005.mht Pagina 1 di 103 Leggi d'italia D.Lgs. 7-3-2005 n. 82 Codice dell'amministrazione digitale. Pubblicato nella Gazz. Uff. 16 maggio 2005, n. 112, S.O. Epigrafe Premessa Capo I PRINCIPI GENERALI Sezione I

Dettagli

C O M U N E D I M I R A

C O M U N E D I M I R A C O M U N E D I M I R A Provincia di Venezia N 28 Registro Delibere ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: Approvazione dello schema tipo di convenzione per la fruibilità telematica dei

Dettagli

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Segreteria Codice Ente 10332 ANNO 2015 DELIBERAZIONE N. 6 del 11/02/2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile

Dettagli

SOMMARIO 1 APPROVAZIONI... 3 2 LISTA DI DISTRIBUZIONE... 3 3 STORIA DELLE MODIFICHE... 3 4 RIFERIMENTI... 3 5 CONTESTO ATTUALE ED I SERVIZI...

SOMMARIO 1 APPROVAZIONI... 3 2 LISTA DI DISTRIBUZIONE... 3 3 STORIA DELLE MODIFICHE... 3 4 RIFERIMENTI... 3 5 CONTESTO ATTUALE ED I SERVIZI... COMUNE DI LENTIAI Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni ai sensi art. 24, comma 3 Bis D.L. n. 90/2014 e s.m.i. Data 13.02.2015 SOMMARIO

Dettagli

Piano triennale di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano triennale di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Piano triennale di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni (Art 24 comma 3bis D.L. 90/2014) Sommario 1 PREMESSA... 2 2 AMMINISTRAZIONE DIGITALE:

Dettagli

COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA'

COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA' COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA' 2014 2016 PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA Con il presente documento ci si propone di fornire una visione organica dei compiti istituzionali e

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 410 DEL 01/09/2015. SETTORE Innovazione

DETERMINAZIONE N. 410 DEL 01/09/2015. SETTORE Innovazione Comune di Campi Bisenzio Citta' Metropolitana di Firenze DETERMINAZIONE N. 410 DEL 01/09/2015 SETTORE Innovazione Oggetto: Affidamento dei servizi informatici di start-up, hosting e manutenzione annuale

Dettagli

Destinatari I destinatari del servizio sono sia gli utenti interni che i cittadini e le imprese

Destinatari I destinatari del servizio sono sia gli utenti interni che i cittadini e le imprese Sintesi del progetto L evoluzione normativa ha portato il Comune di Giugliano ad una revisione del proprio sistema informatico documentale da alcuni anni. La sensibilità del Direttore Generale al miglioramento

Dettagli

Sezione I Identificazione e contenuto tecnico

Sezione I Identificazione e contenuto tecnico Programma Operativo Regionale Sicilia 2000/2006 Complemento di Programmazione adottato con delib.n.273 del 07.08.2002 Scheda tecnica della misura Misura 6.05 Reti e servizi per la Società dell Informazione

Dettagli

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI [doc. web n. 3843693] Parere sullo schema di decreto direttoriale Inps sui flussi informativi e sulla sicurezza della Banca dati delle prestazioni sociali agevolate - 2 aprile 2015 IL GARANTE PER LA PROTEZIONE

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 6 maggio 2009 Disposizioni in materia di rilascio e di uso della casella di posta elettronica certificata assegnata ai cittadini. (09A05855) IL PRESIDENTE

Dettagli

Comune di Montemitro Provincia di Campobasso

Comune di Montemitro Provincia di Campobasso Comune di Montemitro Provincia di Campobasso Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione on line di istanze, dichiarazioni e segnalazioni (ai sensi dell art 24 c 3bis DL 90/2014 L 114/2014)

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE TRIENNIO 2015/2017

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE TRIENNIO 2015/2017 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE TRIENNIO 2015/2017 Redatto ai sensi dell articolo 24, comma 3 bis del D.L. 24 giugno 2014, n. 90. I. QUADRO NORMATIVO Il Decreto Legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito in legge

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015 ALLEGATO A) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015 1 - INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONI E FUNZIONI DELL AMMINISTRAZIONE La struttura organizzativa dell Ente prevede la presenza

Dettagli

Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti

Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti FORUMPA 2008 13 maggio 2008 Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti Modello applicativo e tecnologico dott.ssa

Dettagli

Le normative relative all avvio, trasformazione, trasferimento, gestione e cessazione dell attività d impresa sono state recentemente modificate.

Le normative relative all avvio, trasformazione, trasferimento, gestione e cessazione dell attività d impresa sono state recentemente modificate. Cos'è lo Sportello Unico Attività Produttive Lo Sportello Unico per le Attività Produttive, già nella sua definizione data dal D.P.R. n. 447/1998, ha per oggetto la localizzazione degli impianti produttivi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015-2017 Allegato 1) PTPC del Comune di Panicale PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015-2017 1. INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONE E FUNZIONI DELL'AMMINISTRAZIONE Accanto al diritto di accesso

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE

C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE Verbale di deliberazione della GIUNTA COMUNALE Registro delibere di Giunta Comunale COPIA N. 25 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

Dettagli

Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE. (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005)

Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE. (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005) Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005) ----------------------------------------------------- IL MINISTRO

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO. : Bozza Piano di Informatizzazione ex art 24 dl 90 2014.odt Creatore : Rev. : 1.10 Vers. Prec. : 1.00. Pag. 1

COMUNE DI DIGNANO. : Bozza Piano di Informatizzazione ex art 24 dl 90 2014.odt Creatore : Rev. : 1.10 Vers. Prec. : 1.00. Pag. 1 COMUNE DI DIGNANO Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni. Art. 24, comma 3-bis del D,L, 90/2014 convertito in L. 114/2014 Rif. int. : Bozza

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE (per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni) DEL COMUNE DI GENOVA.

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE (per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni) DEL COMUNE DI GENOVA. Adempimenti per la realizzazione dell Agenda della semplificazione amministrativa: PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE (per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni) DEL COMUNE

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE ALLEGATO A) alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 26 dell'11 febbraio 2015 PROVINCIA DI RAVENNA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione da parte di cittadini e imprese

Dettagli

La «Community Network dell Umbria» (CN-Umbria)

La «Community Network dell Umbria» (CN-Umbria) La «Community Network dell Umbria» (CN-Umbria) Un opportunità per gli Enti territoriali della Regione Umbria 1 La riforma della Pubblica Amministrazione La trasformazione dei processi della PA: Le riforme

Dettagli

Documento Piano di Informatizzazione dell Ente di gestione delle Aree Protette della Valle Sesia

Documento Piano di Informatizzazione dell Ente di gestione delle Aree Protette della Valle Sesia Documento Piano di nformatizzazione dell nte di gestione delle ree Protette della Valle Sesia (Legge 114/2014 Decreto P ) pprovato con Decreto Presidenziale n.6 del 13.02.2015 Varallo 13 febbraio 2014

Dettagli

PA online evoluzione normativa

PA online evoluzione normativa PA online evoluzione normativa WEB PA Evoluzione normativa della PA nel web Albo online (legge 69/2009, art. 32) Dal 1 gennaio 2011 è entrato in vigore, dopo un anno di proroga, l art. 32 della L. 69/2009

Dettagli

Piano di Informatizzazione

Piano di Informatizzazione Piano di Informatizzazione Piano di Informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Provincia di Reggio Emilia in ottemperanza all art. 24, comma 3-bis,

Dettagli

polizia-municipale@comunediroccavione.it

polizia-municipale@comunediroccavione.it SEZIONE 1 - ANAGRAFICA Comune Provincia Roccavione Cuneo Codice ISTAT 004192 Popolazione 2816 Nome intervistato Cognome intervistato Settore Ufficio Ruolo ricoperto email ENRICO LANDRA Polizia Polizia

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli