Mario. Madiai. Art Events Mazzoleni GALLERIE ED EVENTI D ARTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mario. Madiai. Art Events Mazzoleni GALLERIE ED EVENTI D ARTE"

Transcript

1 Mario Madiai Art Events Mazzoleni GALLERIE ED EVENTI D ARTE 1

2 Martina Corgnati Il discorso infinito della rosa The infinite speech of the rose Prima naturalistiche, ambientate, ricche di dettagli, poi col tempo sempre più isolate, decontestualizzate, spoglie, apparizioni improvvise sullo spazio denso di colore, le rose sono da moltissimi anni una cifra imprescindibile e caratterizzante del lavoro di Mario Madiai. Ma sono rose che, oggi più che mai, non sono rose ma segni, tocchi, gesti, elementi di una presenza che Mario distribuisce accortamente e sapientemente sulla superficie, come parole di un discorso infinito che continua da un quadro all altro, un quadro dopo l altro. Perchè le rose? All inizio, suppongo, per piacere e per mettere alla prova un abilità ed un virtuosismo tecnico non comune, restituendo in poche pennellate quasi sprezzanti il colore, il turgore, la forma complicata del calice e della corolla più bella e più amata dei fiori. O forse perchè c è qualcosa di elementare non nell oggetto ma nella parola rosa, l esempio paradigmatico della prima declinazione latina, un nome sempre uguale in tutte o quasi le lingue neo-latine ed europee; insomma, il fiore per antonomasia. Si riesce ad immaginare, infatti, un soggetto pittorico più convenzionale, quasi kitsch, di questo fiore? Quasi eccessivo il precipitato di metafore e di poesia e di riferimenti simbolici che nei secoli si sono addensati intorno al suo nome, alla sua immagine e ai suoi significati. E, di conseguenza, è quasi provocatoria da parte di Madiai la scelta di addentrarsi con leggerezza in mezzo a questa selva di questioni che attraversano la poesia, risalgono fino al Paradiso (il calice dei cieli è concepito e descritto da Dante proprio in forma di rosa) e si spingono, per altro verso, agevolmente fino alla canzone popolare (tutte le rose di tutti i roseti ). Madiai però è pittore che non ha mai fatto mistero della propria predilezione per oggetti profondamente attraversati dalla storia della pittura (nature morte, paesaggi, fiori vari) ma che li ha, per così dire, sempre avvicinati con una discrezione ed una lungimiranza tutta sua particolare: senza dichiarazioni di principio, senza manifesti programmatici o promesse d amore e di fedeltà eterne. Così, piuttosto, lasciando che lo sguardo s impigli e si confonda, si lasci catturare da una vibrazione di colore, dalla curvatura morbida di un petalo, dal piacere di una nuova presenza sul palcoscenico dello studio che in tutti questi anni di ininterrotta pratica è, ed è sempre rimasto, teatrale. Ma quel che conta, e non da oggi, non sono i soggetti in quanto tali bensì il fluire interno della pittura, il senso dello spazio e del vuoto e del cosiddetto (impropriamente nel caso di Madiai) fondo: che proprio da ultimo ha trovato il carattere più originale. Scrivevo a questo proposito qualche anno fa: La storia non incomincia ieri ma addirittura nei primi anni Settanta: quando Madiai si divertiva a collezionare quei piccoli ritratti ovali disposti secondo ritmi regolari sulle pareti che in molti cimiteri ospitano i loculi, oppure le immagini bianco e nero che, una accanto all altra, reclamizzano le qualità di una bottega fotografica, quelle di una volta. Una collezione, s intende, puramente virtuale, mnemonica prima e pittorica subito dopo, intitolata per esempio Fotografie a colori per i nuovi caduti. Determinante, in queste opere, un principio ritmico, sequenziale di forme regolari disposte tutte sul medesimo piano spaziale, secondo una grammatica propria soprattutto della decorazione (tessile o muraria); altrettanto determinante la distanza mentale dal contenuto, puro veicolo di un linguaggio di forme, di un intenzione che Madiai veniva poco a poco precisando. Tanti anni dopo, ecco le rose. Niente mazzi, no, e nemmeno superfici d appoggio, spazi inclinati, più o meno profondi, nessuna naturalezza di oggetti fra altri oggetti come si trovano nella vita. Solo esili steli soli o in serie misurate (a due, a tre, a sei), steli con poche foglie per non turbarne la verticalità, steli che all artista piacciono proprio per la loro esile fragilità, per la loro nitidezza quasi geometrica che non interferisce con il pieno dispiegamento dell effetto pittorico. Appena una linea elegante che non infrange e non ingombra e su cui si sostiene la corolla, generalmente non troppo aperta o ancora in boccio, un centro in cui lo sguardo s impiglia, si perde lungo i bordi del disegno accurato che delinea tutto, petalo per petalo, con una minuzia che ha dell assurdo, oppure che si sfrangia quasi in un eco di colore, in un contatto intimo fra vuoto e pieno, corpi e spazio. Per Madiai, contro ogni apparenza, il naturalismo non è mai stato interessante. La composizione piuttosto, il 2

3 senso del ritmo, il gioco cromatico ed il fluido pittorico mosso del fondo, di questo campo di forza dove si svolge e si articola la rappresentazione come evento, come accadimento, liquidata ormai, nella mente e nella sensibilità dell artista, la partita con la verosimiglianza rimasta a lungo sospesa. Il quadro stesso, infatti, si presenta da anni come piano totale di vibrazioni, di slabbrature e di corrugamenti, di interventi e di relazioni, oggi più complesse che mai. Mentre l immagine del fiore, frontale ma non appiattita, reiterata e insistita ed esibita, incorona sempre il quadro - che l artista non vuole e probabilmente non vorrà mai soltanto informale - come un principio di appartenenza poetica, appunto una cifra caratterizzante. In nome e di fronte alle rose, in fondo, la storia ha visto scoppiare almeno una grande guerra; e sbocciare ben più di un amore. E poi? L immagine della rosa, sola o a serie, a linee a coppie o a gruppi, disposti ordinatamente e non tanto come un mazzo di fiori ma come pedine su una scacchiera virtuale, o meglio mentale, è diventata un esigenza, il modo per appropriarsi di una composizione che Madiai ha voluto, nel tempo, sempre più astratta. Fondi densi, emulsionati, grigi, metallici, plumbei, come anodizzati, oppure neri di lavagna sono queste le piattaforme o le tavole che Madiai ha scelto di intarsiare con le sue preziose apparizioni, monocrome quasi sempre, come le parole ripetute e ripetute in base ad un segreto ordine estetico che ha bisogno di un organizzazione precisa per diventare convincente anche agli occhi degli altri. Queste rose, peraltro, non risultano mai immerse nella tessitura pittorica ma piuttosto vi stanno sopra, la sfiorano appena, galleggiando in uno spazio trasparente che l artista ha inventato e che ha la consistenza dei miraggi. Mario Madiai vuole sfuggire, da tempo, alla costrizione noiosa della superficie pittorica, delle obbligazioni dovute al quadro e quindi immagina per sé, e suggerisce, qualsiasi supporto al proprio intervento: dalle magliette alle tavole di legno ritrovate chissà dove, ai libri alle etichette. Tutto offre uno spazio interessante per provarsi ancora, per rischiare ancora, per giocare ancora al difficile gioco della pittura. Un gioco a cui Madiai non resiste e non ha mai resistito. È del tutto naturale per lui, quasi continuo, come respirare; è una forma, meglio la forma prediletta di rapporto col mondo e con le cose il campo pittorico, come lo studio, per lui è un arena, un palcoscenico, lo spazio di un azione infinitamente variata e variabile, infinitamente adattabile a circostanze che non sono mai le stesse, che in una vita intera non si ripetono due volte uguali - e le rose gli offrono ogni volta il lessico per questo incessante dialogo muto, cordiale, elegante, spesso gentile, qualche volta vagamente turbato. Che si tratti, e si sia trattato sempre di un dialogo lo dimostrano le recenti opere della serie Le rose con Giorgia, che non sono rose per Giorgia, come se Giorgia avesse bisogno di rose per farsi ritrovare in fondo al tunnel di un vagheggiamento e di una complicità fatta di immagini, mentre Giorgia invece è già lì, è lì in quanto autrice del lavoro fotografico che Mario punteggia con il proprio intervento (che Mario non riesce a non punteggiare, perché Mario non resiste, deve aggiungere, deve dipingere). Giorgia Madiai, fotografa di grande esperienza, talento e capacità che da molti anni ha fatto soprattutto del corpo femminile, del nudo, il luogo privilegiato del proprio sguardo, concede la sua opera, già definita, la sua opera sensuale, intensa, sapientemente estetizzante, pervasa e avvolta dai turbamenti del chiaroscuro, a una ri-definizione che la altera e la arricchisce di possibilità, di nuovi spazi di significato. In arte, un dialogo del genere fra padre e figlia è raro e forse addirittura quasi unico. Non valgono da termine di paragone esempi antichi: si può certo, infatti, immaginare Artemisia affiancare il proprio pennello acuminato a quello dolce del padre Orazio Gentileschi. Ma era assimilazione, in quel caso, che cercavano le due mani, mentre per Madiai è legittimo, anzi doveroso, parlare di differenze, di dialettica, quindi propriamente di dialogo. Quindi, opportunamente, con Giorgia. Giorgia gioca e lascia giocare, insieme a Mario, al comporsi imprevisto dell immagine, che ancora una volta ci offre emozioni, idee e l occasione per incontrare le risorse inesauribili dell arte come della poesia. Una rosa non è una rosa, non è una rosa. 3

4 At the beginning naturalistic, Roses, set in their own environment, full of details, then over time increasingly isolated, out of context, naked, sudden apparitions in space dense with color, have been for many years a distinctive mark and characteristic of the work of Mario Madiai. But they are roses that, today more than ever, are not really roses, but markings, touches, gestures, elements of a presence that Mario distributes carefully and with knowledge on the surface, like words of an infinite speech that continues from one painting to the next, one painting after the next. Why roses? At the beginning, I presume, for pleasure and to test his ability and uncommon technical virtuosity, giving back in a few brush strokes, almost disdainful, the color, the turgor, the complicated shape of the most beautiful and loved corolla of all flowers. Or perhaps because there is something elementary, not in the object itself, but in the word "rose", the paradigmatic example of the first latin conjugation, a noun that is the same in all, or almost all the Neo-Latin and European languages; that is, the quintessential "flower". It is possible to imagine, in painting, a more conventional subject that a flower, and what for a flower! The rose? The precipitate of metaphors, poetry, symbolic connections that have a grown around its crown during the centuries is close to excessive. And, consequently, we have a near provocation in the fact that a painter of our times is plunging with license, even with thoughtlessness, into this forest of issues that go back to Paradise (the chalice of the heavens is conceived and described by Dante in the shape of a rose), and that, in another direction, easily reaches into folk songs (all the roses of all the rose gardens..). A painter that, we must admit, never made a mystery of his predilection for objects deeply embedded in the history of paintings (still lives, landscapes, flowers of all kinds) but who has, so to speak, always approached them with his own peculiar discretion and farsightedness: no declarations of principles, no programmatic manifestos, nor promises of eternal love and faithfulness. He rather lets the gaze be captured by a vibration of colour, by the soft curve of a petal, by the pleasant new presence on the stage of his atelier, that in all these years of uninterrupted activity is, and has always remained, theatrical. But what matters, and not since today, are not the subjects as such, but rather the inner flow of painting, the sense of space and of emptiness and of the so called (incorrectly, in this case) background: that indeed in the end has found its most original character. I wrote on this topic few years ago: "The story did not begin yesterday, but a long time ago, actually in the early Seventies, when Madiai enjoyed collecting those small oval portraits arranged in regular rhythms on the walls that in many cemeteries cover the burial niches, or the black and white images that, one beside the other, advertise the qualities of a photographer's shop of times gone by. A collection, of course, that is purely virtual, mnemonic first and pictorial immediately afterwards, titled for instance Colour photographs for the new Fallen. A decisive factor in these works is a rhythmic, sequential principle of regular shapes all arranged on the same spatial plane according to the grammar of decoration (of walls or textiles). Decisive is also the mental distance from the "contents", pure vehicle of language of shapes, of an intention that Madiai was gradually making exact". Many years after...here the roses. No bunches, no, and not even supporting surfaces, more or less deep inclined spaces, no naturalness of objects among other objects as we find in life. Only slender stems, alone or in measured series (in twos, threes, sixes), stems with few leaves not to disturb their verticality stems that the artist likes just for their slim fragility, for their nearly geometrical neatness that does not interfere with the full deployment of the pictorial effect. Barely an elegant line that does not infringe or clutter, a line on which rests the corolla, generally not too open, or still in bud. A centre where the gaze gets tangled, gets lost along the edges of the accurate drawing that outlines everything, petal after petal, with details that border on the absurd, or frays away like in an echo of colour, in an intimate contact of full and empty, of space and bodies. For Madiai, contrary to appearance, naturalism has never been interesting. The composition, rather, the sense of rhythm, the chromatic play and the moving 4

5 pictorial fluid of the "background", of this field of forces where the expressive plays appear, today more than ever, open. The painting itself is now to be seen as a total plane of vibrations, of stretches and corrugations, enhanced sometimes by pasting a sheet of crumpled paper on the canvas. This intensifies the plastic effect and translates a pure pictorial effect into physical matter, a simple representation in tactile reality, to be appreciated not only by the eyes but also by the fingers. Meanwhile the image the flower, frontal but not flattened, insisted on and reiterated and exhibited, crown the painting (painting that Madiai does not want, and probability never will, only informal) like a precious coat of arms of nobility, or like a principle of poetic belonging. It is worth remembering that, in the name of roses, history has seen the outbreak of at least one great war, and the blooming of more than one great love. And then? The image of the rose, alone or in series, in lines, pairs or groups, placed with order and not as a bunch of flowers but as pawns of a virtual chessboard, or rather, mental, has become a necessity, the means to capture a composition that Madiai has wanted, in time, to become increasingly abstract. Dense backgrounds, emulsified, gray, metallic, leaden, as if they were anodized, or black like slatethese are the platforms or the tables that Madiai has chosen to inlay with his precious apparitions, almost always monochromatic, like words repeated again and again on the basis of a secret esthetic order of a precise organization to become convincing even in the eyes of others. By the way, these "roses", are not never immersed in the painting's background, but rather they are on top, they barely brash, floating in a transparent space that the artist has invented and that has the consistency of visions. For a long time Mario Madiai has been wanting to escape from the constriction of the boring pictorial surface, from the obligations owed to the painting and therefore he imagines, for himself, and suggests any support to his own intervention: from t-shirts to wooden planks found who knows where, to books and labels. Everything offers an interesting space to test himself again, to risk again, to again play the difficult game of painting. A game which Madiai cannot resist from, and has never resisted. And it all comes so natural to him, like breathing. It is a mindset to rapport himself with the world and with things-the field of painting, as a study, for him is an arena, a stage, the space of an infinitely varied action, infinitely adaptable to circumstances that have never been the same, that in a lifetime do not repeat themselves again and roses offer him each time the lexicon for this incessant silent dialogue, that is cordial, elegant, often kind, at times vaguely upset. That it is, and has always been a dialogue is demonstrated by the recent works from the series Roses with Giorgia, that are not roses for Giorgia, as if Giorgia would need roses to be found at the end of an artististic travel, made of complicity of images, while Giorgia is already there, she is there as the author of the photographic work that Mario highlights with his intervention (Mario is unable to stop his mind, because he cannot resist, he must add something, he must paint). Giorgia Madiai, photographer with great experience, talent, and capability that for many years has made of the female body, the nude body, the place that is favored by her gaze, allows her already defined sensual work, that is intense, skillfully beautifying, pervaded and wrapped by the perturbations of chiaroscuro, to be re-defined in a way that alters it and enriches it with possibilities, of new spaces of meaning. In art, a dialogue of this kind between father and daughter is rare, and probably almost unique. Examples from history are not comparable: one can in fact imagine Artemisia put her rigorous brush next to that of his father Orazio Gentileschi. But in that case, it was assimilation that the two hands were looking for, while for Madiai it is legitimate, actually appropriate, to speak of differences and therefore of dialogue. Hence, "with Giorgia". Giorgia plays and lets play, together with Mario, with the unpredictable come together of the image, that once again gives us emotions, ideas and the chance to meet the inexhaustible resources of art as of poetry. A rose is not a rose, is not a rose". (a pag. 3) Rose olio su carta su tavola, cm 40x40, 2013 (a pag. 4) Rose olio su carta su tavola, cm 40x40,

6 Paolo Bergamo All amico Mario To my friend Mario Negli anni 60 sul lungomare di Livorno nel periodo estivo noi giovani impazzavamo per cimentarci nello sport più amato da sempre dalla città : il calcio. Ai Bagni Fiume e ai Bagni Lido era nato un nuovo modo di giocare al calcio, il calcetto, anzi più precisamente la gabbionata. Si giocava 4 contro 4, rigorosamente a piedi scalzi sul cemento nel campo all interno dei bagni, destinato in origine alla pallacanestro. Battezzammo il campo completamente recintato il gabbione e le partite diventarono le gabbionate. I grandi calciatori livornesi dell epoca dominavano la scena: ogni giorno Picchi, Balleri, Lessi, Capecchi, Giampaglia, Falorni, davano vita ad applauditissime gabbionate con tuffo in mare finale per smaltire fatica e sudore. Fra noi giovani che partecipavamo con frequenza alle partite ce n era uno molto bravo, veloce, buon dribbling, un tiro secco, preciso. Per dire la verità a noi non piaceva ed il motivo era semplice: alcuni di noi giocavano nelle giovanili del Livorno Calcio, altri in squadre del settore giovanile, tutti sognando un futuro da calciatori di rango. Lui che spesso giocava meglio di tutti studiava a Lucca all Istituto d Arte per diventare...pittore! Nacque in me spontaneo il desiderio di conoscerlo meglio, per capire com era possibile che un giovane non ancora 18enne amasse il calcio tanto da sognare di diventare un buon pittore. Per alcuni anni ci ritrovammo nel periodo estivo, sempre al mare, spesso nel gabbione poi ci perdemmo di vista, fino ad un giovedì dei primi mesi del 70. La squadra del Livorno Calcio stava allenandosi allo stadio con la squadra ragazzi, ed io facevo altrettanto sulla circostante pista di atletica. L allenatore, Armando Picchi, aveva schierato nel ruolo di ala destra nella squadra ragazzi, indovinate chi? Sì, proprio Mario Madiai. Interruppi il mio allenamento per guardarlo. Era veramente bravo. Da quel giorno non ci siamo più persi di vista, pur facendo fronte sempre e comunque ai miei impegni al servizio della mia passione per il calcio, Mario alla ricerca giorno dopo giorno di affinare la sua cultura artistica. La scorsa estate in montagna prima dell ultima gabbionata organizzata fra amici mi ha chiesto una cortesia: dai, fai l arbitro, fammi sentire un giocatore vero! Con piacere l ho accontentato con una mia intima certezza la pittura ha rubato al calcio un ottimo giocatore. In the '60s during the summertime on the seafront of Livorno, young guys like me were crazy for playng the most popular sport has always been the city: soccer. At the "Bagni Fiume" and the "Bagni Lido" was born a new way of playing soccer, the futsal indeed more precisely "la gabbionata". We played 4 on 4, strictly barefoot - on the concrete - in the field inside the bathhouse, originally intended for the basketball. Baptized the field completely fenced il gabbione and the matches became "le gabbionate". The big Livorno's players dominated the scene: every day Picchi, Balleri, Lessi, Capecchi, Giampaglia, Falorni, played applauded gabbionate, with the final dip in the sea to dispose of hard work and sweat. Among us young people who were participating with frequency to the matches there was one very good player, fast, good dribbling, strong and precise shooting. To tell the truth we did not like him, and the reason was simple: some of us were playing in the youth of Livorno Calcio, others in official youth teams, all dreaming of a future as players of rank. He, who often played better than anyone, was studying in Lucca at the Art Institute to become a painter...! It was born in me a spontaneous desire to know him better, to understand how it was possible that a young man not yet 18 years old loved football so much, yet he was dreaming of becoming a good painter. For a few years we found ourselves in the summer, always at sea, often in the "gabbione" then we lost each other, until a Thursday in the first months of '70. The team of Livorno Calcio was training at the stadium with the amateur team, and I was training too in the surrounding track. The coach, Armando Picchi had arranged in the role of right wing in the amateur team, guess who? Yes, that's Mario Madiai. 6

7 I interrupted my training to watch him. He was really a very able player. Since that day we have not lost sight of, while coping always to my commitments to the service of my passion for football, Mario looking every day to refine his artistic culture. Last summer in the mountains before the last "gabbionata" organized among friends he asked me a favor: "Come on, do the referee, make me feel a real player!" I agreed with pleasure, with my inner certainty that "painting has stolen to the soccer a great soccer player. Il Maestro Madiai con gli amici livornesi Paolo Bergamo, Fabrizio Breschi e Dario Ballantini 7

8 Mario Mazzoleni L arte, il talento ma anche la nostra amicizia Art, talent and our friendship too Sono veramente orgoglioso di poter presentare al pubblico questa magnifica esposizione del maestro, nonché amico, Mario Madiai. Conosciuto qualche annetto fa grazie al mio maestro sportivo Paolo Bergamo è nata tra noi una bella, sincera e schietta amicizia, fondata sull arte e sul suo innegabile estro, ma suggellata dai rispettivi caratteri, schivo e introverso quello di Mario, vulcanico e dinamico quello dell altro Mario, che sarei io, di professione gallerista d arte con la passione per il talento pittorico, che preferisco da sempre alle logiche di mercato che spesso condizionano negativamente questo nostro bellissimo mondo. In questa mostra antologica che raccoglie gran parte della produzione di questo straordinario artista toscano, sono rappresentati tutti i suoi periodi artistici attraverso le sue serie più famose, dagli Interni, che adoro, ai Fiori, foglie e acqua, alle sue inconfondibili Rose. Gli oggetti vengono descritti sulla tela con grande capacità tecnica unita ad un tratto istintivo e passionale in grado di ricondurre il reale ad una dimensione di assoluta sintesi poetica. Il colore, elemento fondamentale dell opera, sottolinea con tutto il suo ardore la liricità dei soggetti, sospesi su fondali che creano uno spazio scenico perfetto dal quale emergono, o meglio, appaiono come visioni. Madiai mi incanta sempre con l atmosfera unica racchiusa in ogni suo dipinto, con il suo intimismo avvolgente e calore penetrante quasi in contrasto con quel senso di evanescenza racchiuso in ogni fiore, ogni corpo, ogni pianta ritratti, che sembrano fluttuare indisturbati sulla tela. Tutto è infatti sospeso ma in movimento, ogni cosa anela verso l alto, immortalata nella sua aulica ascesa. Lui è questo, un amico maestro. I am very proud to present to the public this wonderful exhibition of master, and friend, Mario Madiai. I ve known him few years ago thanks to my sports master Paolo Bergamo and suddenly a sincere friendship based on our mutual love for art has grown. We have very different characters but this too is an important aspect of our friendship: Mario is shy and introvert while the other Mario (me) is dynamic and active. I m a gallerist with a passion for the pictorial talent that I always prefer to the business logics that often negatively influence this wonderful world of art. This anthological exhibition collects most of the production of this extraordinary Tuscan artist. All his artistic periods are well-represented by his most famous series: from the Interiors, that I love, to The flowers, the leaves and the water and to his unique Roses. Objects are described on canvas with a great technique and an instinctive and passionate stroke able to lead back real life to an absolute poetic synthesis. The colour, fundamental part of the artworks, underlines with its keenness the lyricism of subjects suspended on scenic backgrounds from which they emerge appearing like a vision. Madiai always enchants me with the unique atmosphere of his paintings, with their wrapping intimacy and penetrating warmth almost in contrast with the sense of evanescence of every flower, body or plant portrayed that seem to fluctuate undisturbed on canvas. Everything is suspended but on the move, all the things long for high, immortalized in their noble rise. That s what he is, a master and a friend. 8

9 Nudo sul divano olio su tela, cm 110x130,

10 Uova di quaglia olio su tela, cm 40x40, 1998 Uova di quaglia olio su cartone telato, cm 40x40,

11 Uovo olio su tela, cm 100x100, 2013 Uova di quaglia olio su tela, cm 40x40,

12 Incontenibile energia olio e acrilico su tela, cm 70x100, 1973 Incontenibile energia olio su tela, cm 100x140,

13 Incontenibile energia olio su tela, cm 100x100, 1974 Incontenibile energia olio su tela, cm 100x100,

14 Girasoli d agosto olio su tela, cm 120x110, 1997 Girasoli d agosto olio su tela, cm 120x100,

15 Girasoli olio su tela, cm 120x100,

16 Serenata Firenze olio su tela, cm 100x70,

17 Interno fiorentino olio su tela, cm 100x150,

18 Casa Frollo olio su tela, cm 100x120, 1982 (a destra) Casa Frollo olio su tela, cm 100x80,

19 19

20 Rose olio su tela, cm 120x100,

21 Rose olio su tela, cm 120x100,

22 Rose olio su tela, cm 100x100,

23 Rose olio su tela, cm 110x90,

24 Rose olio su tela, cm 140x110,

25 Rose rosse per Mauro olio su tela, cm 100x100,

26 Rose olio su tela, cm 100x100,

27 Rose olio su tela, cm 123,5x93,

28 Rose olio su tela, cm 120x100,

29 Rose gialle olio su tela, cm 80x70,

30 Rose olio su tela, cm 100x100,

31 Rose olio su tavola, cm 50x50,

32 Rose olio su tela, cm 100x100, 2012 (a destra) Rose olio su tela, cm 120x100,

33 33

34 34

35 Rose olio su tela, cm 120x100, 2012 (a sinistra) Rose olio su tela, cm 130x100,

36 Rose olio su forex, cm 120x120,

37 Rose olio su tela, cm 120x100,

38 Rose olio su tela, cm 100x100,

39 Rose olio su tela, cm 100x100, 2013 (opera in copertina) 39

40 Rose olio su forex, cm 120x100,

41 Rose olio su tela, cm 120x100,

42 Rose olio su tela lavagna, cm 140x120,

43 Rose olio su tela, cm 130x110,

44 44

45 Una rosa con Giorgia olio su cartone, cm 75x40, 1999 (a sinistra) Una rosa con Giorgia olio su cartone, cm 84x64,

46 Rose con Giorgia olio su forex, cm 100x150, 2009 Rose con Giorgia olio su forex, cm 100x150,

47 Rose con Giorgia olio su forex, cm 140x100,

48 48

49 Rose con Giorgia olio su forex, cm 80x55, 2009 (a sinistra) Rose con Giorgia olio su tela, cm 138x74,

50 Rose con Giorgia tecnica mista, cm 40x40,

51 Rose con Giorgia tecnica mista su tavola, cm 60x60,

52 Rose con Giorgia olio su carta fotografica, cm 50x50,

53 Rose con Giorgia olio su tela, cm 110x90,

54 Rose con Giorgia olio su carta fotografica, cm 60x60,

55 Rose con Giorgia olio su carta fotografica, cm 60x60,

56 Rose con Giorgia olio su tavola, cm 60x60,

57 Rose con Giorgia olio su tela, cm 100x90,

58 Azzurra olio su carta su tavola, cm 40x40,

59 Irene olio su tela, cm 110x90,

60 I fiori, le foglie e l acqua olio su tela, cm 90x180,

61 I fiori, le foglie e l acqua olio su tela, cm 100x100,

62 I fiori, le foglie e l aqcua olio su tela, cm 80x100,

63 I fiori, le foglie e l acqua olio su tela, cm 120x100,

64 I fiori, le foglie e l acqua olio su tela, cm 100x100,

65 I fiori, le foglie e l acqua olio su tela, cm 100x110,

66 I fiori, le foglie e l acqua olio su tela, cm 120x100,

67 I fiori, le foglie e l acqua olio su tela, cm 100x100,

U Corso di italiano, Lezione Quindici

U Corso di italiano, Lezione Quindici 1 U Corso di italiano, Lezione Quindici U Buongiorno, anche in questa lezione iniziamo con qualche dialogo formale M Good morning, in this lesson as well, let s start with some formal dialogues U Buongiorno,

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

HOTEL SPADARI AL DUOMO via Spadari, 11 20123 Milano Tel: +39.02.72002371 Fax: +39.02.861184 e.mail: reservation@spadarihotel.com

HOTEL SPADARI AL DUOMO via Spadari, 11 20123 Milano Tel: +39.02.72002371 Fax: +39.02.861184 e.mail: reservation@spadarihotel.com HOTEL SPADARI AL DUOMO via Spadari, 11 20123 Milano Tel: +39.02.72002371 Fax: +39.02.861184 e.mail: reservation@spadarihotel.com It all began with a small building in the heart of Milan that was in need

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Diciannove

U Corso di italiano, Lezione Diciannove 1 U Corso di italiano, Lezione Diciannove U Al telefono: M On the phone: U Al telefono: U Pronto Elena, come stai? M Hello Elena, how are you? U Pronto Elena, come stai? D Ciao Paolo, molto bene, grazie.

Dettagli

1 1 0 /2 0 1 4. 0 n news

1 1 0 /2 0 1 4. 0 n news news n. 04 10/2011 VICO MAGISTRETTI KITCHEN ISPIRATION VIVO MAGIsTReTTI KITCHen IsPIRATIOn news Il nostro rapporto con il "Vico" è durato per più di quarant anni. era iniziato verso la metà degli anni

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Uno

U Corso di italiano, Lezione Uno 1 U Corso di italiano, Lezione Uno F What s your name? U Mi chiamo Francesco M My name is Francesco U Mi chiamo Francesco D Ciao Francesco F Hi Francesco D Ciao Francesco D Mi chiamo Paola. F My name is

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Diciotto

U Corso di italiano, Lezione Diciotto 1 U Corso di italiano, Lezione Diciotto U Scusi, a che ora aprono i negozi a Bologna? M Excuse-me, what time do shops open in Bologna? U Scusi, a che ora aprono i negozi a Bologna? D Aprono alle nove F

Dettagli

The Elves Save Th. Il gioco del Villaggio segreto di Babbo Natale

The Elves Save Th. Il gioco del Villaggio segreto di Babbo Natale The Elves Save Th Il gioco del Villaggio segreto di Babbo Natale Bianca Bonnie e and Nico Bud had avevano been working lavorato really hard con making molto impegno per a inventare new board game un nuovo

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Tre

U Corso di italiano, Lezione Tre 1 U Corso di italiano, Lezione Tre U Ciao Paola, come va? M Hi Paola, how are you? U Ciao Paola, come va? D Benissimo, grazie, e tu? F Very well, thank you, and you? D Benissimo, grazie, e tu? U Buongiorno

Dettagli

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results)

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results) GCE Edexcel GCE Italian(9330) Summer 006 Mark Scheme (Results) Unit Reading and Writing Question Answer Testo.. B B C - A 4 Testo. a. passione che passione b. attrae c. sicuramemte d. favorito ha favorito

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Ventinove

U Corso di italiano, Lezione Ventinove 1 U Corso di italiano, Lezione Ventinove U Oggi, facciamo un altro esercizio M Today we do another exercise U Oggi, facciamo un altro esercizio D Noi diciamo una frase in inglese e tu cerca di pensare

Dettagli

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives Dr Mila Milani Comparatives and Superlatives Comparatives are particular forms of some adjectives and adverbs, used when making a comparison between two elements: Learning Spanish is easier than learning

Dettagli

L uomo è un piccolo mondo. Igor Zanti. Curatore e critico d arte

L uomo è un piccolo mondo. Igor Zanti. Curatore e critico d arte L uomo è un piccolo mondo. Igor Zanti Curatore e critico d arte The World is a book, and those who do not travel read only a page. Each man is a little world The journey beyond our usual places inspired

Dettagli

Easter 2008 Gallery Benucci Rome. October 2008 Taormina Chiesa del Carmine, group picture and Gallery Benucci. December 2008 Benucci Gallery, Rome.

Easter 2008 Gallery Benucci Rome. October 2008 Taormina Chiesa del Carmine, group picture and Gallery Benucci. December 2008 Benucci Gallery, Rome. Nino Ucchino nasce in Sicilia nel 1952. Dall età di otto anni lavora come allievo nello studio del pittore Silvio Timpanaro. Da 14 a 21 anni studia all Istituto Statale d arte di Messina e poi per alcuni

Dettagli

Scheda dati personali Inserisci i tuoi dati poi formula delle frasi per parlare di te stesso I m My birthday is in I ve got My telephone number is

Scheda dati personali Inserisci i tuoi dati poi formula delle frasi per parlare di te stesso I m My birthday is in I ve got My telephone number is Scuola Elementare Scuola Media AA. SS. 2004 2005 /2005-2006 Unità ponte Progetto accoglienza Scheda dati personali Inserisci i tuoi dati poi formula delle frasi per parlare di te stesso I m My birthday

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Trenta

U Corso di italiano, Lezione Trenta 1 U Corso di italiano, Lezione Trenta M Two cousins meet in the street U Due cugini si incontrano in strada M Two cousins meet in the street U Due cugini si incontrano in strada F Hi Osman, what are you

Dettagli

VINTAGE C O L L E C T I O N A L L P I E C E S A R E U N I Q U E S

VINTAGE C O L L E C T I O N A L L P I E C E S A R E U N I Q U E S VINTAGE C O L L E C T I O N A L L P I E C E S A R E U N I Q U E S Dalla collezione Vintage nasce Sospiri. Qui il tappeto oltre ad avere perso qualunque reminiscenza classica ed assunto colori moderni ha

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Ventidue

U Corso di italiano, Lezione Ventidue 1 U Corso di italiano, Lezione Ventidue U Oggi, facciamo un altro esercizio M Today we do another exercise U Oggi, facciamo un altro esercizio D Noi diciamo una frase in inglese e tu cerca di pensare a

Dettagli

Painting with the palette knife

Painting with the palette knife T h e O r i g i n a l P a i n t i n g K n i v e s Dipingere con la spatola Painting with the palette knife Made in Italy I t a l i a n M a n u f a c t u r e r La ditta RGM prende il nome dal fondatore

Dettagli

NUOVA APERTURA PER GIORGETTI STUDIO

NUOVA APERTURA PER GIORGETTI STUDIO SHOWROOM NUOVA APERTURA PER GIORGETTI STUDIO NEW OPENING FOR GIORGETTI STUDIO a cura di Valentina Dalla Costa Quando si dice un azienda che guarda al futuro. Giorgetti è un eccellenza storica del Made

Dettagli

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the 1 2 3 Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the body scientists say these cells are pluripotent.

Dettagli

CORSO DI CUCINA A CASA!

CORSO DI CUCINA A CASA! Tour N.12 CORSO DI CUCINA A CASA La classe a lavoro Un fantastico modo per imparare a cucinare le più tipiche pietanze Toscane, senza muoversi da casa vostra Il nostro chef arriverà direttamente nella

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

CATALOGO 2014. Importato e distribuito da: LM Cards Srl Via Torricelli 8-20865 Usmate Tel 039.6076506 Fax 039.6076396 www.lmcards.it - lmcards@tin.

CATALOGO 2014. Importato e distribuito da: LM Cards Srl Via Torricelli 8-20865 Usmate Tel 039.6076506 Fax 039.6076396 www.lmcards.it - lmcards@tin. CATALOGO 2014 Importato e distribuito da: LM Cards Srl Via Torricelli 8-20865 Usmate Tel 039.6076506 Fax 039.6076396 www.lmcards.it - lmcards@tin.it Natural Blocks 30 pezzi Natural Blocks 54 pezzi Scatola:

Dettagli

La tecnica della tartaruga. Una metodo per insegnare l autocontrollo

La tecnica della tartaruga. Una metodo per insegnare l autocontrollo La tecnica della tartaruga Una metodo per insegnare l autocontrollo La tecnica della tartaruga è un metodo per insegnare ai bambini, fin dall età prescolare ad acquisire la capacità di controllare la propria

Dettagli

CI PRENDIAMO C URA DEI TUOI SOGNI.

CI PRENDIAMO C URA DEI TUOI SOGNI. CI PRENDIAMO C URA DEI TUOI SOGNI. We take care of your dreams. Il cuore della nostra attività è la progettazione: per dare vita ai tuoi desideri, formuliamo varie proposte di arredamento su disegni 3D

Dettagli

PROGRAMMA DI LINGUA INGLESE

PROGRAMMA DI LINGUA INGLESE PROGRAMMA DI LINGUA INGLESE CLASSE IG ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Prof.ssa Rossella Mariani Testo in adozione: THINK ENGLISH 1 STUDENT S BOOK, corredato da un fascicoletto introduttivo al corso, LANGUAGE

Dettagli

BLUE. collezioni GRAZIE PER LA FIDUCIA

BLUE. collezioni GRAZIE PER LA FIDUCIA CURA, ATTENZIONE, TECNICHE D'AVAN- GUARDIA, GUSTO, STILE ED ESPERIENZA, SONO GLI INGREDIENTI DELLE COLLEZIONI D'AUTORE BELLOSTA RUBINETTERIE GRAZIE PER LA FIDUCIA CARE, ATTENTION, AVANTGARDE TECHNIQUE,

Dettagli

A book is the most effective weapon against intolerance and ignorance. Once you learn to read, you will be free

A book is the most effective weapon against intolerance and ignorance. Once you learn to read, you will be free Il tempo per leggere, come il tempo per amare, dilata il tempo per vivere. Lire pour vivre plusieurs fois. Once you learn to read, you will be free A book is the most effective weapon against intolerance

Dettagli

collection Giò Pagani wallpaper collection Life! collection Think Tank collection Big Brand

collection Giò Pagani wallpaper collection Life! collection Think Tank collection Big Brand collection 12 collection Life! collection Giò Pagani wallpaper collection Think Tank collection Big Brand Wall&Decò is a creative project in continuous ferment able to express styles, trends and evocative

Dettagli

per fare previsioni basate su ciò che si pensa, si crede o si suppone (spesso con verbi come think, expect, believe, suppose, ):

per fare previsioni basate su ciò che si pensa, si crede o si suppone (spesso con verbi come think, expect, believe, suppose, ): Lesson 17 (B1) Future simple / Present continuous / Be going to Future simple Quando si usa Il future simple si usa: per fare previsioni basate su ciò che si pensa, si crede o si suppone (spesso con verbi

Dettagli

LIBRO IN ASSAGGIO SPEAK ENGLISH NOW DI A.A.CONTI

LIBRO IN ASSAGGIO SPEAK ENGLISH NOW DI A.A.CONTI LIBRO IN ASSAGGIO SPEAK ENGLISH NOW DI A.A.CONTI Speak english now Il corso completo per imparare l inglese da soli DI A.A. CONTI UNIT 1 Costruzione della frase inglese Non c è niente di difficile nella

Dettagli

Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato

Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato STRUTTURE GRAMMATICALI VOCABOLI FUNZIONI COMUNICATIVE Presente del verbo be: tutte le forme Pronomi Personali Soggetto: tutte le forme

Dettagli

Superfici senza limiti Surfaces without limits. Tribute to Giorgio Morandi. 50th. Anniversary

Superfici senza limiti Surfaces without limits. Tribute to Giorgio Morandi. 50th. Anniversary 14oraitaliana.com materials with contents Superfici senza limiti Surfaces without limits Tribute to Giorgio Morandi 50th Anniversary Segni incisi... che raccontano il presente e lo spazio vitale, intimo

Dettagli

presents the artworks of ANDREA PACANOWSKI

presents the artworks of ANDREA PACANOWSKI presents the artworks of ANDREA PACANOWSKI Biografia e mostre Andrea Pacanowski nasce a Roma in una famiglia caratterizzata da una forte sensibilità artistica: padre architetto, zia pittrice dell École

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Otto

U Corso di italiano, Lezione Otto 1 U Corso di italiano, Lezione Otto U Ti piace il cibo somalo? M Do you like Somali food? U Ti piace il cibo somalo? D Sì, mi piace molto. C è un ristorante somalo a Milano. É molto buono. F Yes, I like

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Sette

U Corso di italiano, Lezione Sette 1 U Corso di italiano, Lezione Sette M Two friends meet at the restaurant U Ciao, Paola M Hi, Paola U Ciao, Paola D Ciao Francesco, come stai? F Hi Francesco, how are you? D Ciao Francesco, come stai?

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Dodici

U Corso di italiano, Lezione Dodici 1 U Corso di italiano, Lezione Dodici U Al telefono M On the phone U Al telefono D Pronto, Hotel Roma, buongiorno. F Hello, Hotel Roma, Good morning D Pronto, Hotel Roma, buongiorno. U Pronto, buongiorno,

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Quattro

U Corso di italiano, Lezione Quattro 1 U Corso di italiano, Lezione Quattro U Buongiorno, mi chiamo Paolo, sono italiano, vivo a Roma, sono infermiere, lavoro in un ospedale. M Good morning, my name is Paolo, I m Italian, I live in Rome,

Dettagli

le mostre che arrivarono in Europa ci furono Twelve Contemporary American Painters and Sculptors (1953), Modern Art in the USA

le mostre che arrivarono in Europa ci furono Twelve Contemporary American Painters and Sculptors (1953), Modern Art in the USA 1 MoMA E GLI AMERICANI MoMA AND AMERICANS Sin dall inizio il MoMA (Museo d Arte Moderna) di New York era considerato, da tutti gli appassionati d arte specialmente in America, un museo quasi interamente

Dettagli

AGORÀ CENTRO MOSTRE E SERVIZI PER L ARTE CONTEMPORANEA

AGORÀ CENTRO MOSTRE E SERVIZI PER L ARTE CONTEMPORANEA Spazio Web Agorà IOLANDA CAROLLO AGORÀ CENTRO MOSTRE E SERVIZI PER L ARTE CONTEMPORANEA Spazio Web Agorà Lo Spazio Virtuale è uno dei veicoli di diffusione dell arte dello Spazio Agorà, dedicato agli artisti

Dettagli

The Empire of Light 02 USA 2013. Il mondo che non vedo 78

The Empire of Light 02 USA 2013. Il mondo che non vedo 78 Il mondo che non vedo è il progetto a cui lavoro dal 2007 che si concentra sull estetica e sulla misteriosa bellezza di alcuni luoghi abbandonati. L obiettivo prefissato non è stato quello della denuncia

Dettagli

I SAPERI (conoscenze, argomenti e contenuti)

I SAPERI (conoscenze, argomenti e contenuti) I SAPERI (conoscenze, argomenti e contenuti) La seguente scansione dei saperi è da considerare come indicazione di massima. Può essere utilizzata in modo flessibile in riferimento ai diversi libri di testo

Dettagli

design Massimiliano Raggi

design Massimiliano Raggi design Massimiliano Raggi sinfonia Ispirazione, ricerca e creatività guidano le traiettorie di un disegno unico e irripetibile. La tradizione di ImolArte, brand della storica Sezione Artistica di Cooperativa

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

English-Medium Instruction: un indagine

English-Medium Instruction: un indagine English-Medium Instruction: un indagine Marta Guarda Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) Un indagine su EMI presso Unipd Indagine spedita a tutti i docenti dell università nella fase

Dettagli

AIM OF THE LESSON: for the students to familiarise themselves with the language of cooking

AIM OF THE LESSON: for the students to familiarise themselves with the language of cooking Lesson 1 Gli Gnocchi Date N of students AIM OF THE LESSON: for the students to familiarise themselves with the language of cooking The following activities are based on "Communicative method" which encourages

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Megaphonemini. Portable passive amplifier. design by. Made in Italy

Megaphonemini. Portable passive amplifier. design by. Made in Italy Portable passive amplifier design by Made in Italy Amplificatore passivo portatile in ceramica per iphone. La forma è studiata per amplificare ed ottimizzare al meglio l uscita del suono. Dopo il successo

Dettagli

Storia. Soul Fashion Srl

Storia. Soul Fashion Srl Storia SF L azienda ed il primo marchio Sonia Fortuna nascono per amore e passione dell eclettica Sonia Gonnelli, che nel 1985 costituì l omonima ditta individuale Sonia Fortuna, dando sfogo al suo estro

Dettagli

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement ITALIAN Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement Female 1: Ormai manca poco al parto e devo pensare alla mia situazione economica. Ho sentito dire che il governo non sovvenziona più il Baby Bonus.

Dettagli

Tancredi Mangano Volti in trappola, 1994-ongoing series

Tancredi Mangano Volti in trappola, 1994-ongoing series Tancredi Mangano Volti in trappola, 1994-ongoing series La serie di Volti in trappola nasce da una lunga procedura. Dopo avere emulsionato col nerofumo una serie di lastrine di vetro e aver preso con queste

Dettagli

Prova finale di Ingegneria del software

Prova finale di Ingegneria del software Prova finale di Ingegneria del software Scaglione: Prof. San Pietro Andrea Romanoni: Francesco Visin: andrea.romanoni@polimi.it francesco.visin@polimi.it Italiano 2 Scaglioni di voto Scaglioni di voto

Dettagli

Dichotomy Works nasce nel 2015 a Milano come collaborazione creativa tra l architetto Adolfo Martinez e l artista grafica Ivana Serizier Moleiro.

Dichotomy Works nasce nel 2015 a Milano come collaborazione creativa tra l architetto Adolfo Martinez e l artista grafica Ivana Serizier Moleiro. -1- SCHEDA DI PRESENTAZIONE Nome e cognome / Nome del gruppo Adolfo Martinez, Ivana Serizier Moleiro / Dichotomy Works Città Milano Provincia MI Biografia Dichotomy Works nasce nel 2015 a Milano come collaborazione

Dettagli

MATERIALE DI SUPPORTO RILEVAZIONE SITUAZIONE IN INGRESSO SUPPORT MATERIAL ENTRY TEST

MATERIALE DI SUPPORTO RILEVAZIONE SITUAZIONE IN INGRESSO SUPPORT MATERIAL ENTRY TEST Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Comune di Pontassieve Centro Interculturale Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi MATERIALE DI SUPPORTO RILEVAZIONE SITUAZIONE IN INGRESSO

Dettagli

ML 160 PROGRAMMA SVOLTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE 2^ PA

ML 160 PROGRAMMA SVOLTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE 2^ PA ROGRAMMA SVOLTO agina 1 di 5 ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE 2^ A DOCENTE Savigni Antonia DISCILINA Inglese LIBRO DI TESTO IN ADOZIONE: AUTORE Bartram Walton. TITOLO Think English vol. 1 e 2 CASA EDITRICE

Dettagli

SPONSORSHIP TECNECO Issue 02 23.11.2014

SPONSORSHIP TECNECO Issue 02 23.11.2014 SPONSORSHIP TECNECO Issue 02 23.11.2014 Le nostre passioni sono il carburante dell'anima, non possiamo ignorarle, non possiamo reprimerle ne dimen5carle ed allora col5viamole, perché ci fanno stare bene,

Dettagli

FOUNDATION CERTIFICATE OF SECONDARY EDUCATION UNIT 1 - RELATIONSHIPS, FAMILY AND FRIENDS (ITALIAN) LISTENING (SPECIMEN) LEVEL 4.

FOUNDATION CERTIFICATE OF SECONDARY EDUCATION UNIT 1 - RELATIONSHIPS, FAMILY AND FRIENDS (ITALIAN) LISTENING (SPECIMEN) LEVEL 4. FOUNDTION ERTIFITE OF SEONDRY EDUTION UNIT 1 - RELTIONSHIPS, FMILY ND FRIENDS (ITLIN) LISTENING (SPEIMEN) LEVEL 4 NME TOTL MRK: NDIDTE NUMBER ENTRE NUMBER 10 Task 1 Personal details What does this girl

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Ventotto

U Corso di italiano, Lezione Ventotto 1 U Corso di italiano, Lezione Ventotto M I would like to eat a portion of spaghetti U Vorrei mangiare una porzione di spaghetti M I would like to eat a portion of spaghetti U Vorrei mangiare una porzione

Dettagli

Sport Bocconi @BocconiSport. Club House via Röntgen 1, 20136 Milano. Università Bocconi - settembre/september 2014

Sport Bocconi @BocconiSport. Club House via Röntgen 1, 20136 Milano. Università Bocconi - settembre/september 2014 128 14_Pieghevole sport 25/07/2014 11:37 Pagina 1 Università Bocconi - settembre/september 2014 Bocconi Sport Team S.S.D. via Bocconi 12, 20136 Milano tel. +39 02 5836.5825 fax +39 02 5836.5835 bocconisporteam@unibocconi.it

Dettagli

-GLI AVVERBI- (ADVERBS)

-GLI AVVERBI- (ADVERBS) Visitaci su: http://englishclass.altervista.org/ -GLI AVVERBI- (ADVERBS) Gli aggettivi sono utilizzati per descrivere una persona o una cosa (reale o astratta). Gli aggettivi qualificativi, per esempio,

Dettagli

dopo tanti anni passati insieme a studiare l'inglese, spero di essere riuscita a trasmettervi la passione per questa lingua o almeno la curiosità.

dopo tanti anni passati insieme a studiare l'inglese, spero di essere riuscita a trasmettervi la passione per questa lingua o almeno la curiosità. Cari ragazzi, dopo tanti anni passati insieme a studiare l'inglese, spero di essere riuscita a trasmettervi la passione per questa lingua o almeno la curiosità. Vi auguro di far sempre meglio negli anni

Dettagli

NATURA COLLECTION, THE WOOD ESSENCE

NATURA COLLECTION, THE WOOD ESSENCE NATURA COLLECTION, THE WOOD ESSENCE ROVERE OAK NATURA COLLECTION, L ESSENZA DEL LEGNO SOLO IL BELLO DEL LEGNO MASSICCIO NUOVA VITA AL LEGNO: NATURA COLLECTION È UN CONCEPT INNOVATIVO CHE UNISCE DESIGN,

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

-1- SCHEDA DI PRESENTAZIONE

-1- SCHEDA DI PRESENTAZIONE -1- SCHEDA DI PRESENTAZIONE Nome e cognome / Nome del gruppo Alessandra Meacci Città Abano Terme Provincia Padova Biografia Mi sono laureata in Architettura a Venezia nel 2005, e dal febbraio 2006 collaboro

Dettagli

GrAPHicA. GrAPHicA Alalda design

GrAPHicA. GrAPHicA Alalda design oggetti objects GrAPHicA Alalda design GrAPHicA Alalda design GrAPHicA dall accostamento di singoli elementi in metallo dalla forma semplice e stilizzata, nasce un sistema modulare di pareti divisorie

Dettagli

Jewellery in silver sterling 925 Made in Italy

Jewellery in silver sterling 925 Made in Italy Jewellery in silver sterling 925 Made in Italy I gioielli Cavaliere si distinguono per l artigianalità della produzione. Ideazione, progettazione e prototipazione di ogni singola creazione avvengono all

Dettagli

Famiglie di tabelle fatti

Famiglie di tabelle fatti aprile 2012 1 Finora ci siamo concentrati soprattutto sulla costruzione di semplici schemi dimensionali costituiti da una singola tabella fatti circondata da un insieme di tabelle dimensione In realtà,

Dettagli

AURA. AURA cm. 180x53x76 h cm. 240x53x76 h

AURA. AURA cm. 180x53x76 h cm. 240x53x76 h AURA SC & Partners Design: Il design è una vera vocazione per AntonelloItalia; con la madia contenitore Aura propone la leggerezza della forma semplice e rigorosa, ma con un suo preciso carattere che si

Dettagli

ESPERIENZA ITALIA GUIDELINES

ESPERIENZA ITALIA GUIDELINES ESPERIENZA ITALIA GUIDELINES Il 150 dell unità d Italia rappresenta un evento di cruciale importanza per Torino e il Piemonte. La prima capitale d Italia, come già fece nel 1911 e nel 1961 per il Cinquantenario

Dettagli

Italian Section 28 - Online activitites

Italian Section 28 - Online activitites No. 01 Il tempo The weather Piove C'è il sole. Nevica. Sono tutto bagnato. Ho caldo. Ho freddo. Aiuto! I'm wet. I'm cold Help! No. 02 Gioco di memoria Memory game c'è il sole ho caldo ho freddo I'm cold.

Dettagli

Clicca sulle immagini di preview qui sotto per aprire e visualizzare alcuni esempi di presentazioni dinamiche create con Focusky:

Clicca sulle immagini di preview qui sotto per aprire e visualizzare alcuni esempi di presentazioni dinamiche create con Focusky: Focusky Focusky è l innovativo e professionale software progettato per creare resentazioni interattive ad alto impatto visivo e ricco di effetti speciali (zoom, transizioni, flash, ecc..). A differenza

Dettagli

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making)

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making) consenso informato (informed consent) scelta informata (informed choice) processo decisionale condiviso (shared-decision making) Schloendorff. v. Society of NY Hospital 105 NE 92 (NY 1914) Every human

Dettagli

up date basic medium plus UPDATE

up date basic medium plus UPDATE up date basic medium plus UPDATE Se si potesse racchiudere il senso del XXI secolo in una parola, questa sarebbe AGGIORNAMENTO, continuo, costante, veloce. Con UpDate abbiamo connesso questa parola all

Dettagli

L esperto come facilitatore

L esperto come facilitatore L esperto come facilitatore Isabella Quadrelli Ricercatrice INVALSI Gruppo di Ricerca Valutazione e Miglioramento Esperto = Facilitatore L esperto ha la funzione principale di promuovere e facilitare la

Dettagli

Name on a passport, HANGTAG

Name on a passport, HANGTAG recagroup design architecture art cinema travel music food Name on a passport, HANGTAG A quick look at printing techniques for hangtags RECA GROUP The hangtag of a garment is its ID card, its passport,

Dettagli

Allestimenti Fiere Exhibition Stand Design & Construction

Allestimenti Fiere Exhibition Stand Design & Construction Allestimenti Fiere Exhibition Stand Design & Construction Way Out srl è un impresa d immagine e comunicazione a servizio completo dedicata alle piccole e medie industrie. Dal 1985 presenti sul mercato

Dettagli

software & consulting

software & consulting software & consulting Chi siamo Nimius è un azienda con una forte specializzazione nella comunicazione on-line che opera nel settore dell IT e che intende porsi, mediante la propria offerta di servizi

Dettagli

Comunicare l Europa Il ruolo del Dipartimento Politiche Europee

Comunicare l Europa Il ruolo del Dipartimento Politiche Europee Comunicare l Europa Il ruolo del Dipartimento Politiche Europee Roma, 19 settembre 2014 Massimo Persotti Ufficio stampa e comunicazione Dipartimento Politiche Europee m.persotti@palazzochigi.it Cosa fa

Dettagli

it is ( s) it is not (isn t) Is it? Isn t it? we are ( re) we are not (aren t) Are we? Aren t we?

it is ( s) it is not (isn t) Is it? Isn t it? we are ( re) we are not (aren t) Are we? Aren t we? Lesson 1 (A1/A2) Verbo to be tempo presente Forma Affermativa contratta Negativa contratta Interrogativa Interrogativo-negativa contratta I am ( m) I am not ( m not) Am I? Aren t I? you are ( re) you are

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA Vedere film in lingua straniera è un modo utile e divertente per imparare o perfezionare una lingua straniera.

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Due

U Corso di italiano, Lezione Due 1 U Corso di italiano, Lezione Due U Ciao, mi chiamo Osman, sono somalo. Tu, come ti chiami? M Hi, my name is Osman. What s your name? U Ciao, mi chiamo Osman, sono somalo. Tu, come ti chiami? D Ciao,

Dettagli

-PRONOMI PERSONALI- (PERSONAL PRONOUNS)

-PRONOMI PERSONALI- (PERSONAL PRONOUNS) Visitaci su: http://englishclass.altervista.org/ -PRONOMI PERSONALI- (PERSONAL PRONOUNS) PREMESSA: RICHIAMI DI GRAMMATICA Il pronome (dal latino al posto del nome ) personale è quell elemento della frase

Dettagli

KLAPP, design Steffen Kehrle Sedia pieghevole / folding chair

KLAPP, design Steffen Kehrle Sedia pieghevole / folding chair KLAPP, design Steffen Kehrle Sedia pieghevole / folding chair Salone Internazionale del Mobile 2014, Milano Padiglione / pavilion 12, stand C16 KLAPP: un applauso alla sedia pieghevole Sedie con le carte

Dettagli

CHI SIAMO. italy. emirates. india. vietnam

CHI SIAMO. italy. emirates. india. vietnam italy emirates CHI SIAMO india vietnam ITALY S TOUCH e una società con sede in Italia che offre servizi di consulenza, progettazione e realizzazione di opere edili complete di decori e arredi, totalmente

Dettagli

At the airport All aeroporto

At the airport All aeroporto At the airport All aeroporto Can you tell me where the international/ domestic flights are? What time is the next flight due to leave? A return An open return A one-way single ticket for Milan Is there

Dettagli

materiali plastici colorati per occhialeria colored plastics for eyewear lo veste per natura Trust who wears colours by nature

materiali plastici colorati per occhialeria colored plastics for eyewear lo veste per natura Trust who wears colours by nature materiali plastici colorati per occhialeria colored plastics for eyewear FIDATI di chi il colore lo veste per natura Trust who wears colours by nature COLORAZIONE MATERIE PLASTICHE. ANCHE...L OCCHIALE

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Dieci

U Corso di italiano, Lezione Dieci 1 U Corso di italiano, Lezione Dieci U Ricordi i numeri da uno a dieci? M Do you remember Italian numbers from one to ten? U Ricordi i numeri da uno a dieci? U Uno, due, tre, quattro, cinque, sei, sette,

Dettagli

Gabriele D Annunzio, 1930 ATMOSFERE D ARTE E CULTURA

Gabriele D Annunzio, 1930 ATMOSFERE D ARTE E CULTURA Non soltanto ogni mia casa da me arredata, non soltanto ogni stanza da me studiosamente composta, ma ogni oggetto da me scelto e raccolto nelle diverse età della mia vita fu sempre per me un modo di rivelazione

Dettagli

Area 1: storia e cultura politico-istituzionale

Area 1: storia e cultura politico-istituzionale 20 quesiti ripartiti nelle aree: storia e cultura politico-istituzionale, ragionamento logico, lingua italiana, lingua inglese. 5 quesiti supplementari nell area matematica per chi volesse iscriversi in

Dettagli

CORSO DI RECUPERO DI INGLESE PER IL BIENNIO CLASSI SECONDE Docente: Prof. Giorgia Lo Cicero

CORSO DI RECUPERO DI INGLESE PER IL BIENNIO CLASSI SECONDE Docente: Prof. Giorgia Lo Cicero 15.01.2016 Durante le due ore di corso sono stati ripetuti e approfonditi collettivamente e individualmente i seguenti argomenti: Question words Who? = chi? Ex.: Who is (Who s) that girl? (Chi è quella

Dettagli

Ino-x. design Romano Adolini

Ino-x. design Romano Adolini Ino-x design Romano Adolini Nuovo programma placche Ino-x design Romano Adolini OLI, importante azienda nel panorama nella produzione di cassette di risciacquamento, apre al mondo del Design. Dalla collaborazione

Dettagli

Dr Mila Milani. Future tense

Dr Mila Milani. Future tense Dr Mila Milani Future tense Stasera telefonerò alla mia amica. Tonight I ll call my friend. Mio figlio farà l esame domani. My son will take an exam tomorrow. Stasera parlerò con mia moglie. This evening

Dettagli

Sponsorship opportunities

Sponsorship opportunities The success of the previous two European Workshops on Focused Ultrasound Therapy, has led us to organize a third conference which will take place in London, October 15-16, 2015. The congress will take

Dettagli

Donati. Sansepolcro Italy

Donati. Sansepolcro Italy T U S C A N Y Sansepolcro Italy T U S C A N Y 4 5 donati: una storia italiana Tre generazioni di passione, competenza e professionalità hanno fatto della nostra azienda un punto di riferimento nel settore

Dettagli

I.C. AMEDEO DI SAVOIA AOSTA Martina Franca (Ta) Disciplina: INGLESE a.s. 2012 2013

I.C. AMEDEO DI SAVOIA AOSTA Martina Franca (Ta) Disciplina: INGLESE a.s. 2012 2013 I.C. AMEDEO DI SAVOIA AOSTA Martina Franca (Ta) LINEE DI PROGETTAZIONE ANNUALE DELLA CLASSE Disciplina: INGLESE a.s. 2012 2013 Traguardi PREMESSA per lo sviluppo DISCIPLINARE delle competenze L apprendimento

Dettagli

You gain 2 coins. Please note, however, that this is not an Action card. You gain 3 coins. Please note, however, that this is not an Action card.

You gain 2 coins. Please note, however, that this is not an Action card. You gain 3 coins. Please note, however, that this is not an Action card. Traduzione delle carte in inglese e italiano If you have at least one Normal Train in your play area, you get 1 coin extra. This bonus does not increase even if you have several Normal train cards in your

Dettagli

BOLOGNA CITY BRANDING

BOLOGNA CITY BRANDING BOLOGNA CITY BRANDING La percezione di Bologna Web survey su «testimoni privilegiati» FURIO CAMILLO SILVIA MUCCI Dipartimento di Scienze Statistiche UNIBO MoodWatcher 18 04 2013 L indagine Periodo di rilevazione:

Dettagli

PROFILE 1UP MATTEO. first name LANTERI. second name 08.05.1986. date of birth: HAGUENAU (France) place of birth: LANCENIGO di Villorba (Treviso)

PROFILE 1UP MATTEO. first name LANTERI. second name 08.05.1986. date of birth: HAGUENAU (France) place of birth: LANCENIGO di Villorba (Treviso) ART BOOK C D E PROFILE 1UP first name second name date of birth: place of birth: linving in: contacts: MATTEO LANTERI 08.05.1986 HAGUENAU (France) LANCENIGO di Villorba (Treviso) +39 349 0862873 matteo.lntr@gmail.com

Dettagli