MANUALE D USO MB3197-IT-B

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE D USO MB3197-IT-B"

Transcript

1 MANUALE D USO IT -B

2 Introduzione Ci congratuliamo con voi per aver acquistato questa nuova sedia a rotelle! La qualità e la funzionalità sono le caratteristiche chiave che caratterizzano tutte le sedie a rotelle della serie Handicare. Siamo molto interessati a ricevere le impressioni che maturerete usando la nostra sedia a rotelle. I vostri suggerimenti ci aiuteranno a realizzare prodotti di qualità sempre migliore. A garanzia della vostra sicurezza e affinché possiate utilizzare al meglio la vostra nuova sedia a rotelle, raccomandiamo, prima di utilizzarla, di leggere accuratamente il presente manuale d uso. La sedia a rotelle Exigo 30 in breve Exigo 30 è stata studiata per soddisfare le richieste dei clienti. È nata quindi una sedia a rotelle unica nel suo genere, sia in fatto di comfort, sia in fatto di leggerezza di spinta. Il fatto che la sua larghezza totale superi di soli +18 cm quella del sedile, consente una buona facilità di manovra in presenza di porte e spazi stretti. Exigo 30 è facilmente trasportabile in auto o con altri mezzi. La sedia standard pesa solamente 17,9 kg e in posizione ripiegata è larga solamente 28 cm. Exigo 30 è facilmente adattabile alle esigenze dei singoli utenti. Le numerosissime possibilità di regolazione sono facilmente intuibili e richiedono un utilizzo minimo di attrezzi e di elementi sostitutivi. Le scale graduate previste in tutti i punti di misurazione consentono di regolare la sedia in modo semplice e accurato. Ad esempio, in pochissimi minuti, è possibile regolare l altezza e l inclinazione secondo 25 diverse posizioni delle ruote principali. Utilizzo previsto Exigo 30 è stata studiata per essere utilizzata sia in spazi aperti che chiusi. Questa sedia a rotelle è stata studiata per persone affette da disabilità e come aiuto per persone con problemi di deambulazione. Gli utilizzatori in grado di controllare la sedia a rotelle in fase di scorrimento, sterzatura e frenata sono in grado di servirsi della stessa senza assistenti. Regolare la carrozzina Tutte le regolazioni contenute in questo manuale d uso devono essere eseguite da personale qualificato o consultando personale qualificato Il presente manuale d uso è riferito alla sedia a rotelle Exigo 30 numero di serie: La sedia a rotelle è stata verificata e approvata in data: da:

3 Indice Introduzione...2 Indice...3 Componenti della sedia a rotelle...4 Assemblaggio e trasporto...5 Uso della sedia a rotelle...6 Regolazione della sedia a rotelle...12 Montaggio della cintura pelvica...23 Sicurezza...24 Sicurezza in auto...25 Manutenzione...28 Caratteristiche tecniche...31 Etichette...33 Accessori...34 Garanzia

4 Componenti della sedia a rotelle Affinché possiate leggere e comprendere quanto riportato nel presente manuale, è importante che acquisiate familiarità con i termini più comunemente utilizzati per indicare i vari componenti della sedia a rotelle. Vi consigliamo di osservare il disegno sottostante e identificare i vari componenti sulla vostra sedia a rotelle. I dispositivi presenti sulla vostra sedia a rotelle potrebbero variare leggermente rispetto a quanto viene mostrato nelle illustrazioni. Schienale con rivestimento Manopola di spinta Bracciolo Schermo protezione indumenti Sedile Appoggiagambe Telaio Appoggiapiedi Ruota principale Anello per autospinta Freno Blocco ruote Sede sostegno ruota orientabile Forcella ruota orientabile Ruota orientabile Figura 1 4

5 Assemblaggio Figura 2 La versione standard viene fornita completa di tutti i componenti. È sufficiente aprire la sedia a rotelle e inserire gli appoggiagambe, se necessario. Assemblaggio e trasporto Apertura della sedia a rotelle Figura 3 Per aprire la sedia a rotelle, premere verso il basso con il palmo della mano il rivestimento del sedile, presso i tubi del telaio. Figura 2 N.B. Nel compiere questa operazione, non afferrate i tubi del telaio con le vostre mani, onde evitare di rimanere con le dita intrappolate. Appoggiare il cuscino per il sedile (accessorio) in posizione, verificando che poggi correttamente sul tessuto del sedile. Figura 3 Chiusura della sedia a rotelle Figura 4 Prima di chiudere la sedia a rotelle, togliere il cuscino per il sedile (accessorio) ed estrarre gli appoggiapiedi o togliere gli appoggiagambe. Afferrare il rivestimento del sedile e sollevarlo. La sedia si piegherà automaticamente. Verificare che il rivestimento dello schienale si pieghi verso l esterno (all indietro). Figura 4 5

6 Blocco a sgancio rapido Figura 5 Uso della sedia a rotelle La sedia a rotelle è provvista di un blocco a sgancio rapido per le ruote principali. Per rimuovere o collegare la ruota premere il pulsante posto al centro della ruota principale. N.B. Per verificare che la ruota sia adeguatamente fissata, accertarsi che, dopo aver completamente inserito il pignone nella sede, il pulsante della ruota fuoriesca di circa 5 mm. Figura 5 Manopola di spinta ad altezza regolabile Figura 6 Regolare la manopola di spinta allentando la manopola di blocco e spostando contemporaneamente la manopola di spinta verso l alto o verso il basso, fino a raggiungere l altezza desiderata. Quindi stringere di nuovo la manopola di blocco. A La manopola di spinta può essere completamente rimossa allentando la manopola di blocco, spingendo in dentro le estremità del fermaglio a molla (6A) e tirando verso l alto la manopola di spinta. Figura 6 Rimozione e installazione dei braccioli Figura 7 I braccioli possono essere rimossi sollevandoli verticalmente. Figura 7 6

7 Uso della sedia a rotelle Spostamento all esterno/ collegamento/rimozione degli appoggiagambe Figure 8 e 9 Gli appoggiagambe possono essere spostati all interno e all esterno, nonché rimossi per permettere movimenti più semplici. Gli appoggiagambe possono essere allentati, quando sono in posizione spostata, ruotando la manopola (8A) verso l interno o l esterno. A Figura 8 Dopo aver ruotato lateralmente l appoggiagambe, è possibile sollevarlo verticalmente ed eventualmente rimuoverlo. Per riattaccarlo, ripetere le operazioni sopra descritte in ordine inverso. La manopola si bloccherà automaticamente in posizione. Figura 9 7

8 Uso della sedia a rotelle Poggiapiedi intero (standard nelle sedie a rotelle Exigo 30 X) Figura 10 Il poggiapiedi può essere diviso in due e ruotato verso l alto quando ci si sposta con la sedia a rotelle. Attenzione: quando le due parti vengono ruotate nuovamente verso il basso, deve scattare il meccanismo di bloccaggio. Il meccanismo scatta più facilmente se i poggiapiedi sono entrambi in posizione corretta quando vengono abbassati (si veda la figura 10). Figura 10 Spostamento all esterno/ collegamento/rimozione degli appoggiagambe (Poggiapiedi intero) Figure 11 e 12 Gli appoggiagambe possono essere spostati all interno e all esterno, nonché rimossi per permettere movimenti più semplici. Gli appoggiagambe possono essere allentati, quando sono in posizione spostata, ruotando la manopola (11A) verso l interno o l esterno. Dopo aver ruotato lateralmente l appoggiagambe, è possibile sollevarlo verticalmente ed eventualmente rimuoverlo. Per riattaccarlo, ripetere le operazioni sopra descritte in ordine inverso. La manopola si bloccherà automaticamente in posizione. Figura 11 A Figura 12 8

9 Uso dei freni Figura 13 Premere in avanti e verso il basso la leva del freno per bloccarlo. Uso della sedia a rotelle Il freno è stato progettato solamente per bloccare la sedie a rotelle quando non è in movimento. Non utilizzatelo in alcun caso come freno durante la marcia. Figura 13 Stabilizzatore antiribaltamento/ Barra antiribaltamento Figura 14 Lo stabilizzatore antiribaltamento può essere bloccato in posizione tirandolo verso il basso e ruotandolo al contempo. Lo stabilizzatore antiribaltamento è regolato in posizione standard e a una distanza tale da permettere il superamento di soglie, ecc. La barra antiribaltamento è raggiungibile sia quando lo stabilizzatore è sollevato sia quando è abbassato. Figura 14 9

10 Salire e scendere dalla sedia Figure 15, 16 e 17 Innestare i freni Se possibile, spostare gli appoggiagambe verso l esterno Prima di spostarsi su un altra sedia, sul letto, ecc. portarsi il più possibile in avanti sulla sedia a rotelle Uso della sedia a rotelle Figura 15 Figura 16 Figura 17 10

11 Superamento ostacoli, scale Figure 18 e 19 Uso della sedia a rotelle Per spostare l utente sulla sedia a rotelle lungo una scalinata, sia in discesa che in salita, utilizzare i punti di sollevamento raccomandati ed identificati sul prodotto. I punti di sollevamento corrispondono alle manopole di spinta e agli appoggiagambe. Figura 18 Non sollevare la sedia a rotelle utilizzando i braccioli! N.B. Prima di procedere al sollevamento della sedia utilizzando le manopole di spinta, accertarsi che la manopola sia bloccata in posizione. Per fornire ai badanti una migliore posizione di sollevamento, è in alternativa possibile effettuare il sollevamento stando ai due lati della sedia. Figura 19 Superamento ostacoli, marciapiedi Figura 20 Qualora si debbano superare marciapiedi e simili, sollevare lo stabilizzatore antiribaltamento. Appoggiare quindi un piede sulla barra antiribaltamento e spostare la sedia a rotelle con le manopole di spinta. Figura 20 11

12 Regolazione della sedia a rotelle Exigo 30 è provvista di scale graduate per la regolazione accurata della sedia Utilizzando le varie scale graduate, è possibile effettuare le seguenti regolazioni in modo più rapido e accurato: Regolazione altezza sedile: parte posteriore Pagine 13 e 15 Sulla scala graduata è riportata l altezza della sedia rispetto alle ruote principali. Regolazione del centro di gravità Pagina 16 La scala graduata è numerata da 1 a 5, dove 1 corrisponde alla miglior posizione antiribaltamento. Regolazione altezza sedile: parte anteriore Pagine 13, 14 e 17 Scala graduale da 1 a 9 per assicurare la stessa altezza a entrambe le ruote orientabili. Regolazione angolazione ruote orientabili Pagina 17 Scala graduale per assicurare la stessa angolazione a entrambe le ruote orientabili. Regolazione altezza schienale Pagina 18 Sulla scala graduata è riportata l altezza dello schienale, da 35 cm a 45 cm. Regolazione angolazione schienale Pagina 18 Sulla scala graduata è riportata l angolazione dello schienale, da 5 a 16. Stabilizzatore antiribaltamento Pagina 20 La scala graduata è numerata da 1 a 5, per permettere di regolare lo stabilizzatore antiribaltamento secondo la posizione della ruota principale. Regolazione della lunghezza dell appoggiagambe Pagina 20 Scala graduale da 1 a 9 per permettere di regolare entrambi gli appoggiagambe allo stesso modo. Regolazione altezza bracciolo Pagina 22 Sulla scala graduata è mostrata la distanza intercorrente tra il sedile e la parte superiore del bracciolo: da 18 cm a 24 cm in caso di braccioli standard e da 22 cm a 29 cm in caso di braccioli alti. 12

13 Regolazione della sedia a rotelle Regolazione dell altezza del sedile L altezza del sedile è facilmente regolabile. È inoltre possibile modificare l angolazione del sedile, regolandone l altezza sia nella parte anteriore che nella parte posteriore. Modificando l angolazione del sedile, si potranno ottenere maggiori stabilità e comfort. La possibilità di regolare l altezza del sedile consente inoltre di superare gli ostacoli, ottimizzando contemporaneamente la scorrevolezza di marcia della sedia a rotelle. Figura 21 Regolazione dell altezza del sedile: parte posteriore Figure 21 e 22 L altezza della parte posteriore del sedile può essere regolata come segue: Spostando il blocco ruote verso l alto o verso il basso Spostando il blocco ruote verso l alto, il sedile si abbassa; spostandolo verso il basso, il sedile si alza. Vedere pagina 15. Figura 22 Utilizzando ruote principali di dimensioni maggiori o minori Le ruote principali di dimensioni maggiori aumentano l altezza del sedile, mentre quelle di dimensioni minori, la riducono. Sulla tabella a pagina 31 è riportata l altezza ottenibile utilizzando ruote principali di diverse dimensioni. Regolazione dell altezza del sedile: parte anteriore Figura 23 L altezza della parte anteriore del sedile può essere regolata come segue: Spostando verso l alto o verso il basso il sostegno della ruota orientabile (vedere pagina 17). Lo spostamento verso l alto, produce un abbassamento del sedile, mentre lo spostamento verso il basso, un sollevamento. 13

14 Regolazione della sedia a rotelle Spostando la ruota orientabile in una posizione superiore o inferiore della forcella. Se si sposta la ruota orientabile in una posizione superiore della forcella (23A), il sedile si abbassa; se la si sposta in una posizione inferiore, il sedile si alza. Sede sostegno ruota orientabile Forcella ruota orientabile A Utilizzando ruote orientabili di dimensioni maggiori o minori Se si utilizza una ruota orientabile di dimensioni minori, il sedile si abbassa; se se ne utilizza una di dimensioni maggiori, il sedile si alza. Se si utilizza Ruota orientabile Figura 23 una ruota orientabile di dimensioni minori, il raggio di sterzata sarà inferiore e ciò permetterà di superare più facilmente gli ostacoli in spazi ridotti, fornendo al contempo più spazio alle gambe. Se invece si utilizza una ruota orientabile più larga, il raggio di sterzata aumenterà e ciò permetterà il superamento di ostacoli quando si transita su superfici irregolari. Passando da una forcella più lunga a una più corta, o viceversa Collocare la ruota orientabile in una forcella più corta, abbassa l altezza del sedile, garantisce un raggio di sterzata più ridotto, aumenta la capacità di superamento degli ostacoli in spazi ristretti e fornisce più spazio alle gambe. Una forcella più lunga solleva il sedile, consentendo l uso di diversi tipi di ruote orientabili. La tabella a pagina 31 riporta le altezze del sedile ottenibili con l utilizzo dei suddetti metodi. N.B. Qualora si modifichi l altezza del sedile, ricordarsi di regolare l angolazione della ruota orientabile; ricordarsi inoltre di regolare i freni qualora si modifichi l altezza della parte posteriore del sedile. 14

15 Regolazione della sedia a rotelle Regolazione dell altezza del sedile: parte posteriore Figure 24 e 25 Sul telaio della sedia a rotelle è ubicata una scala graduata (25A) che indica l altezza del sedile rispetto alla dimensione della ruota principale. Rimuovere la ruota principale Allentare completamente la vite (25B) utilizzando una chiave da 27 mm Separare leggermente l elemento interno e quello esterno del blocco ruote Regolare gradualmente il blocco ruote verso l alto o il basso in base alla scala Stringere con la vite i due elementi del blocco ruote Figura 24 Dimensioni alternative delle ruote principali B A Figura 25 Altezza del sedile che si può raggiungere usando le diverse posizioni della scala N.B. Prima di stringere la vite, è importante verificare che i perni dei due elementi del blocco ruote s inseriscano negli appositi fori del telaio e che il blocco ruote stesso si collochi in posizione orizzontale. Trovare la dimensione della ruota principale da voi usata nella parte superiore della scala. La colonna posizionata sotto la dimensione della ruota mostra il punto in cui posizionare il blocco ruote al fine di ottenere le varie altezze del sedile. 15

16 Regolazione della sedia a rotelle Regolazione del centro di gravità Figure 26 e 27 La ruota principale può essere regolata in cinque diverse posizioni, in base al centro di gravità. Tale valore è riportato sulla scala (26A) ubicata sul blocco ruote. La posizione 1 rappresenta la miglior posizione antiribaltamento. Allentare completamente la vite (26B) utilizzando una chiave da 27 mm Regolare la sede della ruota principale in avanti o indietro (Figura 27) Figura 26 A B N.B. Prima di stringere la vite, è importante verificare che i perni dei due elementi del blocco ruote s inseriscano negli appositi fori del telaio e che il blocco ruote stesso si collochi in posizione orizzontale. Dopo aver regolato l altezza del sedile e il centro di gravità, ricordarsi di regolare i freni e lo stabilizzatore antiribaltamento. N.B. Qualora s intendano modificare l altezza e il centro di gravità, regolare innanzitutto le ruote principali, quindi l altezza e l angolazione delle ruote orientabili. Figura 27 16

17 Regolazione della sedia a rotelle Regolazione dell altezza del sedile: parte anteriore Figure 28, 29 e 30 Per fissare l altezza della sedia a rotelle, regolare prima le ruote principali, quindi l angolazione. La scala per la regolazione dell altezza e dell angolazione delle ruote orientabili, vi consente di ottenere gli stessi valori su entrambe le ruote orientabili. Regolazione dell altezza delle ruote orientabili Figura 29 Ciascuna ruota orientabile è provvista di una scala graduata da 1 a 9 che permette di posizionare entrambe alla stessa altezza. Allentare la vite (29A) Regolare in base all altezza desiderata, facendo riferimento alla scala graduata (29B) Stringere nuovamente la vite Figura 28 B A Regolazione dell angolazione della ruota orientabile Figura 30 Allentare leggermente la vite (30A) Allentare la vite (30B) Posizionare una chiave Allen per viti nel disco rotante (30C) e ruotare fino all angolazione desiderata. Fare riferimento alla scala Stringere la vite (30B) Utilizzare allo scopo strumenti tipo Blue Locktite n Stringere la vite (30A) Figura 29 B C A Una volta ottenuta l angolazione corretta della ruota orientabile, la sede di sostegno dovrà trovarsi in posizione verticale (90 ) rispetto alla base. Ciò si ottiene posizionando ad angolo retto la sede di sostegno e il pavimento. Figura 30 17

18 Regolazione della sedia a rotelle Regolazione dell altezza dello schienale Figura 31 Per accedere al telaio dello schienale e regolarne quindi l altezza, aprire la calotta (31C) ubicata sul rivestimento posteriore. La scala graduata (31A) mostra l altezza dello schienale. Per accedere facilmente al telaio dello schienale, sollevare la manopola di spinta. La regolazione può essere effettuata mentre l utente è seduto sulla sedia. La regolazione dell altezza dello schienale può essere effettuata senza rimuovere le ruote principali. Allentare la vite ubicata nel telaio dello schienale (31B) Portare lo schienale all altezza desiderata. Fare riferimento alla scala graduata Stringere di nuovo la vite A Figura 31 B C Regolazione dell angolazione dello schienale Figure 32 e 33 L angolazione dello schienale può essere regolata a valori compresi tra 5 a 15, a intervalli di 5. La scala che indica l angolazione dello schienale (33A) è ubicata sulla staffa d inserimento dello schienale. La regolazione può essere effettuata mentre l utente è seduto sulla sedia a rotelle. La regolazione dell angolazione dello schienale, non richiede la rimozione delle ruote principali. Allentare la vite (33B) di circa 5 mm Estrarre l anello di bloccaggio (33C), regolare l angolazione dello schienale, quindi rilasciare l anello di bloccaggio una volta raggiunta l angolazione desiderata. Stringere nuovamente la vite (33B) Figura 32 Figura A B C 18

19 Regolazione della sedia a rotelle Regolazione della curvatura dello schienale Figura 34 La sedia a rotelle è provvista di uno schienale imbottito che può essere regolato in base alla curva della schiena, permettendo all utente di sedere in posizione comoda e stabile. Durante la regolazione della curvatura dello schienale, l utente può rimanere seduto sulla sedia. Allentare il rivestimento dello schienale in modo tale da accedere ai nastri Velcro. Quindi regolarli e modificare la curvatura dello schienale, per raggiungere il massimo livello di comfort e sostegno. Figura 34 Regolazione dei freni Figure 35 e 36 Le sedie a rotelle standard vengono fornite provviste di freni innestati a mezza altezza, presso la ruota principale. Per spostare il freno, allentare la vite (35A) all interno del telaio, nella parte anteriore della sedia a rotelle. Spostare tutto il freno nella guida, verso la posizione desiderata. La distanza corretta tra il ceppo dei freni e la ruota (36A) è pari a circa 2,5 cm. Figura 35 A I freni di cui è dotata la sedia a rotelle non richiedono normalmente alcuna regolazione. A Figura 36 19

20 Regolazione della sedia a rotelle Regolazione dello stabilizzatore antiribaltamento Figura 37 Regolare lo stabilizzatore antiribaltamento dopo aver modificato il centro di gravità della sedia a rotelle. Allentare la vite (37A). Tirare o spingere lo stabilizzatore antiribaltamento fino a raggiungere la posizione corretta ovvero fino a che la misura riportata sulla scala graduata dello stabilizzatore corrisponde alla posizione della ruota principale. Stringere nuovamente la vite. Al termine dell operazione dovrebbe esserci uno spazio massimo di 35 mm tra l estremità dello stabilizzatore antiribaltamento e la base. Per effettuare tale regolazione, allentare la vite (37B) e spingere/tirare il tubo inferiore dello stabilizzatore antiribaltamento. Stringere nuovamente la vite. A B Figura 37 B Regolazione della lunghezza degli appoggiagambe Figura 38 Gli appoggiagambe sono provvisti di una scala lineare (38A) sulla parte esterna, che consente di regolare con maggiore facilità la lunghezza corretta. Per regolare la lunghezza degli appoggiagambe, allentare la vite di fissaggio (38B) di circa 5 mm, quindi regolare gli appoggiagambe in base alla lunghezza desiderata. Stringere nuovamente la vite. A Figura 38 A Regolazione dell angolazione degli appoggiagambe Figura 39 L angolazione degli appoggiagambe può essere regolata a 70, 80 e 90. Svitare la vite (39A) Estrarre o spingere gli appoggiagambe in modo che assumano l angolazione desiderata Riporre la vite nel foro corrispondente e riserrarla 20 70º 80º 90º Figura 39

21 Regolazione della sedia a rotelle Regolazione della profondità di seduta Figura 40, 41 e 42 Regolare la profondità di seduta spostando avanti o indietro il telo della carrozzina sino alle dimensioni necessarie A Staccare la parte posteriore del telo dal velcro (40A) Per facilitare l operazione di spostamento chiudere leggermente la carrozzina (41) Spostare avanti o indietro il telo sino al raggiungimento della profondità desiderata Riattaccare la parte posteriore del telo sul supporto velcro Figura 40 La tabella a pagina 31 indica le misure di profondità che possono essere raggiunte sulla vostra carrozzina Figura 41 Figura 42 21

22 Regolazione della sedia a rotelle Regolazione dell altezza del bracciolo Figura 43 Per regolare l altezza del bracciolo, allentare la vite (43A). Sollevare o abbassare il bracciolo nella posizione desiderata. Fare riferimento alla scala (43B) per determinare la stessa altezza su entrambi i braccioli. Sulla scala è riportata la distanza in centimetri che intercorre tra il sedile e la parte superiore del bracciolo. Stringere nuovamente la vite. Dopo aver regolato il bracciolo nella posizione desiderata, è possibile spostare lo schermo protezione indumenti in modo tale da evitare che lasci spazi che diano sulla ruota. Allentare la vite (43C) e spostare lo schermo protezione indumenti verso l alto o il basso. Stringere nuovamente la vite. (Lo scherma di protezione per gli indumenti non può essere modificato nella Legenda 2 del SB ) B A Figura 43 A C Regolazione della profondità dei braccioli Figura 44 Regolare la profondità dei braccioli spostando in avanti o all indietro gli appoggiabraccio. Allentare le viti (44A) con una chiave fissa da 10 mm Spingere gli appoggiabraccio nella posizione desiderata e riserrare le viti. Figura 44 22

23 Montaggio della cintura pelvica Montare la cintura pelvica (accessorio) figura 45, 46 e 47 Allentare la vite (45). Utilizzare una chiave a brugola da 4 mm Montare la cintura pelvica come mostrato in figura 46. Utilizzare la vite rimossa Controllare che la cintura pelvica sia correttamente montata alla carrozzina. La cintura dovrebbe essere posizionata sopra l anca con un angolo di circa 45 rispetto la seduta. Assicurarsi che la cintura sia pulita e che il sistema di bloccaggio funzioni correttamente. La cintura e il sistema di bloccaggio possono essere puliti con un panno umido Posizionare la cintura sopra l anca a ridosso della pancia e dello stomaco potrebbe essere pericoloso in quanto la persona assumerebbe una posiziona scomoda con il rischio di scivolare dalla carrozzina. Figura 45 A Figura 46 Corretto posizionamento della cintura Posizionamento sbagliato della cintura 45 Figura 47 23

24 Sicurezza Non salire in piedi, né esercitare una pressione eccessiva sugli appoggiapiedi. Le sedie a rotelle vanno considerate degli elementi sostitutivi in caso d impossibilità di deambulazione. Gli utenti devono pertanto muoversi lungo i percorsi riservati ai pedoni e non su strade o vie trafficate. Lasciare la sedia a rotelle solamente qualora si sia certi di trovarsi su una superficie quanto più possibile stabile e in piano. Per essere certi che la sedia a rotelle non si sposti indesideratamente, verificare che il freno sia adeguatamente bloccato in posizione. Il peso massimo dell utente, sostenibile da Exigo 30 è pari a 140 kg. Controllare la sedia a rotelle a intervalli regolari per accertarsi che tutte le viti, i bulloni e altri dispositivi di fissaggio siano saldamente al loro posto. Quando la sedia a rotelle è in uso, verificare sempre che lo stabilizzatore antiribaltamento sia innestato. Qualora si apportino modifiche alla sedia, ad es. uno spostamento delle ruote principali o delle ruote orientabili, una variazione dell altezza dello schienale, ecc., si potrebbe influenzare la maneggevolezza della sedia, nonché il punto di bilanciamento e ribaltamento. Si raccomanda una particolare attenzione qualora si riutilizzi la sedia dopo un periodo di fermo. Si raccomanda di richiedere aiuto a un assistente per salire o scendere dalla sedia a rotelle. Assicurarsi che nei raggi non restino intrappolati gli indumenti, i bagagli e altri oggetti non fissati o assicurati. Fare sempre attenzione a non restare con le dita intrappolate. Evitare di appoggiare le dita tra lo schermo protezione indumenti e la ruota, e tra la ruota e il freno. Qualora, durante l utilizzo, si renda necessario sollevare la parte anteriore della sedia per superare un ostacolo, evitare di farlo premendo le manopole di spinta verso il basso. Premere invece a fondo la barra antiribaltamento, esercitando contemporaneamente una forza moderata sulle manopole di spinta. Il rischio di piaghe da decubito aumenta qualora l utente rimanga seduto nella sedia a rotelle per lunghi periodi. Qualora sussista tale rischio, raccomandiamo l uso di un cuscino speciale che contrasti tale eventualità. La temperature delle superfici della carrozzina possono aumentare notevolmente quando sono esposte a fonti di calore (Esempio la luce solare). 24

25 Sicurezza in auto Uso della sedia Exigo 30 come sedile del passeggero all interno di un automobile Quando possibile, durante un viaggio, gli utilizzatori della carrozzina dovrebbero essere seduti sui sedili dell auto utilizzando le cinture di sicurezza della macchina, e la carrozzina non utilizzata dovrebbe essere messa nel baule o in un posto sicuro a bordo dell auto. La sedia a rotelle è testata secondo ISO e pertanto può essere utilizzata come sedile del passeggero all interno delle automobili. Se la sedia a rotelle viene usata come sedile del passeggero, può essere collocata solo nella direzione di marcia e deve essere bloccata utilizzando lo stesso sistema di fissaggio con cui è stata testata. Si tratta di un sistema di fissaggio a 4 punti che consente di bloccare all interno dell auto sia la sedia a rotelle, sia il suo conducente. Il sistema richiede il montaggio di apposite guide nell automobile. Utilizzare le seguenti cinture: bretelle a 3 punti di aggancio e cintura pelvica La sedia Exigo 30 è provvista di quattro marcature (fig. 48), in corrispondenza delle quali deve essere fissata: tubo posteriore del telaio laterale, sopra l alloggiamento ruota tubo frontale del telaio sopra gli attacchi delle pedane appogiapiedi Figura 48 Handicare declina ogni responsabilità per l uso della Exigo 30 come sedile del passeggero in auto con sistemi di fissaggio diversi da quello precedentemente menzionato. 25

26 Sicurezza in auto Fissaggio della cintura di sicurezza: La cintura bassa deve essere fissata con un angolazione il più possibile inclinata, da 30 a 75. La cintura alta deve passare sopra la spalla e il petto. La cintura di sicurezza deve aderire il più possibile al corpo e non deve essere attorcigliata. Fare attenzione a non schiacciare le parti della sedia a rotelle (braccioli, ruote, ecc.) tra la cintura e il corpo. La figura 49 illustra la posizione corretta della cintura di sicurezza. La sedia a rotelle non deve essere reclinata se viene utilizzata come sedile del passeggero all interno di un automobile. Figura 49 Fare attenzione a non schiacciare le parti della sedia a rotelle (braccioli, ruote, ecc.) tra la cintura e il corpo. ATTENZIONE a) Possibilmente la sedia a rotelle deve essere posizionata nella direzione di marcia e bloccata in base alle istruzioni del produttore del sistema di fissaggio. b) Questa sedia a rotelle è omologata per l uso in auto e soddisfa i requisiti per il trasporto nella direzione di marcia e l urto frontale. Non è stata testata per il trasporto in altri punti all interno del veicolo. c) La sedia a rotelle è stata sottoposta a test dinamici in direzione di marcia e con passeggero bloccato tramite cintura di sicurezza allacciata sul petto e sul bacino (cintura di sicurezza a 3 punti). 26

27 Sicurezza in auto d) Per evitare lesioni alla testa e al petto in caso di collisione con i componenti del veicolo, si devono utilizzare entrambe le cinture (alta e bassa). e) Per minimizzare il rischio di lesioni, i piani d appoggio fissati alla sedia a rotelle che non sono stati progettati per la protezione in caso d incidente devono essere: rimossi e fissati in un altro punto del veicolo, oppure fissati alla sedia a rotelle e dotati di imbottiture antiurto per la protezione del passeggero. f) Ove possibile, eventuali accessori della sedia a rotelle devono essere fissati alla stessa oppure rimossi e bloccati all interno del veicolo per la durata del trasporto in modo che, in caso d incidente, non possano staccarsi e ferire il passeggero. g) Gli appoggi e gli elementi di posizionamento non fanno parte delle dotazioni di sicurezza/della cintura di sicurezza se non sono provvisti del marchio di conformità ISO h) Se nel corso di un incidente d auto la sedia a rotelle si piega o s ingarbuglia in qualche modo, deve essere controllata da un rappresentante del costruttore prima di essere riutilizzata. i) E vietato apportare modifiche ai punti di fissaggio della sedia/ dell auto e a parti della struttura e del telaio o sostituire i suddetti componenti senza il consenso del costruttore. j) In caso di utilizzo di una sedia a rotelle elettrica all interno dell auto, si devono utilizzare batterie al gel. 27

MANUALE D USO MB3195-IT-B

MANUALE D USO MB3195-IT-B MANUALE D USO IT -B Introduzione Ci congratuliamo con voi per aver acquistato questa nuova sedia a rotelle. La qualità e la funzionalità sono le caratteristiche fondamentali di tutte le sedie a rotelle

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

OWNER S MANUAL WHEELS PART 1

OWNER S MANUAL WHEELS PART 1 OWNER S MANUAL WHEELS PART 1 Leggete attentamente le istruzioni riportate nel presente manuale. Questo manuale è parte integrante del prodotto e deve essere conservato in un luogo sicuro per future consultazioni.

Dettagli

TIP-ON inside. TIP-ON per AVENTOS HK. Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia. www.blum.

TIP-ON inside. TIP-ON per AVENTOS HK. Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia. www.blum. TIP-ON inside TIP-ON per AVENTOS HK Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia www.blum.com Facilità di apertura con un semplice tocco 2 Comfort di apertura per le

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

TIP-ON per TANDEMBOX. Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia. www.blum.com

TIP-ON per TANDEMBOX. Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia. www.blum.com TIP-ON per TANDEMBOX Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia www.blum.com 2 Apertura facile basta un leggero tocco Nel moderno design del mobile, i frontali

Dettagli

PART 1 PART 1. Manuale Uso e Manutenzione Ownerʼs Manual Bedienungs-Anleitung RUOTE - WHEELS - LAUFRÄDER ROUES - RUEDAS - WIELEN

PART 1 PART 1. Manuale Uso e Manutenzione Ownerʼs Manual Bedienungs-Anleitung RUOTE - WHEELS - LAUFRÄDER ROUES - RUEDAS - WIELEN RUOTE - WHEELS - LAUFRÄDER ROUES - RUEDAS - WIELEN Manuale Uso e Manutenzione Ownerʼs Manual Bedienungs-Anleitung PART 1 PART 1 Manuel dʼinstructions et dʼentretien Manuel de Uso y Manutención Handleiding

Dettagli

Regolatore della soglia (RLC, RLT & X)

Regolatore della soglia (RLC, RLT & X) Cannotto Tappo dell aria (forcelle ad aria) Regolatore dell escursione (TALAS) Manopola del precarico (forcelle a molla) Manopola del ritorno (tutte le forcelle) Levetta di bloccaggio (RL, RLC & RLT) Regolatore

Dettagli

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW CATNA 10s ULTRA NARROW 1 - SPCIFICH TCNICH 2 - COMPATIBILITA CX 10 HD-LINK ULTRA-NARROW CN-R400 L utilizzo di pignoni e ingranaggi non "Campagnolo" può danneggiare la catena. Una catena danneggiata può

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Manuale di assemblaggio e preparazione della motocicletta

Manuale di assemblaggio e preparazione della motocicletta Z750 Z750 ABS Manuale di assemblaggio e preparazione della motocicletta Premessa Per una efficiente spedizione dei veicoli Kawasaki, prima dell imballaggio questi vengono parzialmente smontati. Dal momento

Dettagli

Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso

Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso 1. 2. 3. 4. 5. 6. Congratulazioni! Il footpod Polar S1 rappresenta la scelta migliore per misurare la velocità/andatura e la distanza durante la corsa. L'apparecchio

Dettagli

MANUALE D USO TROPHY 20 1015943A

MANUALE D USO TROPHY 20 1015943A MANUALE D USO TROPHY 20 1015943A Italiano 2011 Handicare Tutti i diritti riservati. Le informazioni qui riportate non possono essere riprodotte e/o pubblicate in nessuna altra forma, mediante stampa,

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Manuale di installazione, manutenzione ed assistenza dei freni a disco idraulici

Manuale di installazione, manutenzione ed assistenza dei freni a disco idraulici Manuale di installazione, manutenzione ed assistenza dei freni a disco idraulici HFX-Mag HFX-Mag Plus HFX-9 HFX-9 HD Informazioni sulla sicurezza Questo tipo di freno è stato progettato per l uso su mountain

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

Guida alle situazioni di emergenza

Guida alle situazioni di emergenza Guida alle situazioni di emergenza 2047 DAF Trucks N.V., Eindhoven, Paesi Bassi. Nell interesse di un continuo sviluppo dei propri prodotti, DAF si riserva il diritto di modificarne le specifiche o l

Dettagli

Modell 8108.1 H D. Modell 8108.1. Modell 8108.1. Modell 8108.1

Modell 8108.1 H D. Modell 8108.1. Modell 8108.1. Modell 8108.1 ie gelieferten bbildungen sind teilweise in arbe. Nur die Vorschaubilder sind in raustufen. ei ruckdatenerstellung bitte beachten, dass man die ilder ggf. in raustufen umwandelt. 햽 햾 Vielen ank 12.0/2010

Dettagli

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Sommario Kit di assemblaggio InnoTech 2-3 Guida Quadro 6-7 Guide su sfere 8-11 Guide su rotelle 12-13 Portatastiere

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson:

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: 50Z3 75Z3 Liberatevi: Escavatore Zero Tail Wacker Neuson. Elementi Wacker Neuson: Dimensioni compatte senza sporgenze. Cabina spaziosa e salita comoda. Comfort migliorato

Dettagli

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano SERIE MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano PAG. 1 ESPLOSO ANTA MOBILE VISTA LATO AUTOMATISMO PAG. 2 MONTAGGIO GUARNIZIONE SU VETRO (ANTA MOBILE E ANTA FISSA) Attrezzi e materiali da utilizzare per il montaggio:

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

Avendo effettuato il tagliando di cui sopra al mio mezzo ho pensato di realizzare questo semplice DOC per chi ne avesse necessità.

Avendo effettuato il tagliando di cui sopra al mio mezzo ho pensato di realizzare questo semplice DOC per chi ne avesse necessità. Tagliando Manutentivo Km. 10.000/30.000/50.000 XP500 TMAX. Avendo effettuato il tagliando di cui sopra al mio mezzo ho pensato di realizzare questo semplice DOC per chi ne avesse necessità. IMPORTANTE:

Dettagli

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI A) Vite di regolazione del minimo. B) Getto MAX C) Getto MIN D) Vite corta coperchio camera del galleggiante E) Vite lunga coperchio camera del galleggiante

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

Basta un tocco leggero in un punto qualunque del frontale e il cassetto si apre senza difficoltà esercitare una leggera pressione o una lieve spinta

Basta un tocco leggero in un punto qualunque del frontale e il cassetto si apre senza difficoltà esercitare una leggera pressione o una lieve spinta Apertura agevole al tocco Apertura affidabile senza maniglia Nel moderno design del mobile, i frontali senza maniglia svolgono un ruolo sempre più importante. Con il supporto per l apertura meccanico di

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

Manuale dell'operatore

Manuale dell'operatore Manuale dell'operatore con informazioni sulla manutenzione Second Edition Fifth Printing Part No. 82785IT CE Models Manuale dell operatore Seconda edizione Quinta ristampa Importante Leggere, comprendere

Dettagli

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp Erkopress 300 Tp-ci Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Apparecchio di termostampaggio con compressore integrato e riserva di

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Rider 15V2s AWD. Istruzioni per l uso

Rider 15V2s AWD. Istruzioni per l uso Rider 15V2 Istruzioni per l uso Rider 15V2 AWD Rider 15V2s AWD Prima di usare la macchina, leggere per intero le istruzioni per l uso e accertarsi di averne compreso il contenuto. Italian INDICE Indice

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

EQUIPAGGIAMENTI E PREZZI VOLT

EQUIPAGGIAMENTI E PREZZI VOLT EQUIPAGGIAMENTI E PREZZI LUGLIO 2012 LISTINO PREZZI Volt CHIAVI IN MANO CON IVA MESSA SU STRADA PREZZO DI LISTINO CON IVA PREZZO LISTINO (IVA ESCLUSA) 44.350 ALLESTIMENTI 1.400,00 42.950,00 35.495,87 SPECIFICHE

Dettagli

Richiesta ai Clienti

Richiesta ai Clienti Richiesta ai Clienti Tutte le riparazioni eseguite su questo orologio, escludendo le riparazioni riguardanti il cinturino, devono essere effettuate dalla CITIZEN. Quando si desidera avere il vostro orologio

Dettagli

Bloccaggi a doppio tirante orizzontali e verticali

Bloccaggi a doppio tirante orizzontali e verticali Bloccaggi a doppio tirante orizzontali e verticali Caratteristiche: i bloccaggi sono disponibili in due configurazioni: orizzontali, come raffigurati in bassoa nella foto, con il bloccaggio e la staffa

Dettagli

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Le caratteristiche tecniche si basano sulle informazioni di prodotto più recenti disponibili al momento della pubblicazione. Tutte le dimensioni sono espresse in millimetri

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC Sistemi di presa a vuoto su superfici / Massima flessibilità nei processi di movimentazione automatici Applicazione Movimentazione di pezzi con dimensioni molto diverse e/o posizione non definita Movimentazione

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv )

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv ) SIVIERA GIREVOLE A RIBALTAMENTO IDRAULICO BREVETTATA TRASPORTABILE CON MULETTO MODELLO S.A.F.-SIV-R-G SIVIERA A RIBALTAMENTO MANUALE MODELLO S.A.F. SIV-R1-R2 1 DESCRIZIONE DELLA SIVIERA Si è sempre pensato

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

FORM. superiori a 80 cm. 1,1 4,2 L-2,2 L

FORM. superiori a 80 cm. 1,1 4,2 L-2,2 L FORM FORM è un calorifero estremamente versatile ed elegante grazie alla forma particolare dei collettori e alle dimensioni dei tubi radianti, decisamente ridotte (ø1 mm). Form è prodotto in due modelli:

Dettagli

NR14-16N2S, NR14-20N2H, NR14-16N2HS, NR16N2, NR16N2(H)C, NR20-25N2X, NRM20-25K MAGGIORE PRODUTTIVITÀ CARRELLI RETRATTILI 1.4-2.

NR14-16N2S, NR14-20N2H, NR14-16N2HS, NR16N2, NR16N2(H)C, NR20-25N2X, NRM20-25K MAGGIORE PRODUTTIVITÀ CARRELLI RETRATTILI 1.4-2. NR14-16N2S, NR14-20N2H, NR14-16N2HS, NR16N2, NR16N2(H)C, NR20-25N2X, NRM20-25K MAGGIORE PRODUTTIVITÀ CARRELLI RETRATTILI 1.4-2.5 TONNELLATE MASSIMIZZARE I PROFITTI SCELTA TRA 13 DIVERSI MODELLI MODELLO

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

VICTORY ES10 *INFMANU4385*

VICTORY ES10 *INFMANU4385* VICTORY ES10 DIRETTIVE PER LA SICUREZZA AVVERTENZA! L impostazione iniziale di questo scooter deve essere eseguita da un fornitore autorizzato Pride o da un tecnico qualificato, che dovrà osservare tutte

Dettagli

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia BacPac con LCD Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia AGGIORNAMENTO FIRMWARE Per determinare se è necessario effettuare un aggiornamento del firmware, seguire questi passi: Con l apparecchio

Dettagli

GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002

GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002 GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002 Emerson Power Transmission KOP-FLEX, INC., P.O. BOX 1696 BALTIMORE MARYLAND 21203, (419) 768 2000 KOP-FLEX

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

MACCHINE FISSATRICI AD ARIA COMPRESSA

MACCHINE FISSATRICI AD ARIA COMPRESSA MACCHINE FISSATRICI AD ARIA COMPRESSA MANUALE DI FUNZIONAMENTO E MANUTENZIONE INDICE A) NORME DI SICUREZZA 1) SISTEMI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI 2) COLLEGAMENTO ALL ARIA COMPRESSA 3) FISSAGGI UTILIZZATI

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it La Laprova completa su Corriere.it Piaggio MP3 LT 30o IE Sport Quadro 350S e Peugeot Metropolis : 400 tre scooter a tre ruote prova completa. con immagini e commenti è su motori.corriere.it Sitorna sul

Dettagli

Davvero basta solo un po di COLLA?

Davvero basta solo un po di COLLA? Davvero basta solo un po di COLLA? Come montare un tubolare di Richard Cunningham Forse uno degli aspetti tecnici meno evidenziati in merito alle soluzioni adottate dai più forti bikers di Coppa del Mondo

Dettagli

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA LA COTTURA IN PENTOLA A PRESSIONE La pentola a pressione è uno strumento ancora tutto da scoprire, da conoscere e da valorizzare, sia dal punto di vista

Dettagli

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera Diffusore a pavimento modello SOL per convezione libera Indice Campo di impiego... 5 Panoramica sui prodotti.... 6 Descrizione dei prodotti Modello SOL96... 8 Modello SOL... 9 Modello SOL...10 Modello

Dettagli

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw SCHEDA TECNICA CAPACITÀ BENNE CARICO OPERATIVO BENNE PESO OPERATIVO POTENZA MASSIMA W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw W270C/W300C ECOLOGICO COME

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

Genie II Manuale d istruzioni. Vi preghiamo di leggere questo manuale prima di volare con il Genie II per la prima volta.

Genie II Manuale d istruzioni. Vi preghiamo di leggere questo manuale prima di volare con il Genie II per la prima volta. Genie II Manuale d istruzioni Vi preghiamo di leggere questo manuale prima di volare con il Genie II per la prima volta. Grazie Grazie per aver scelto il Genie II. Confidiamo che quest imbrago sarà in

Dettagli

Catalogo Tecnico 2012 OLA 20

Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 CATALOGO TECNICO SCARICATO DA WWW.SNAIDEROPARTNERS.COM IL CATALOGO È SOGGETTO AD AGGIORNAMENTI PERIODICI SEGNALATI ALL INTERNO DI EXTRANET: PRIMA

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE

MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUALE DI INSTALLAZIONE La soluzione in nero La soluzione Comax La soluzione Quadmax La soluzione universale La soluzione estetica La soluzione Utility Il modulo Honey Versione IEC TSM_IEC_IM_2011_RevA

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari Profilati in alluminio a disegno/standard/speciali Dissipatori di calore in barre Dissipatori di calore ad ALTO RENDIMENTO Dissipatori di calore per LED Dissipatori di calore lavorati a disegno e anodizzati

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400 Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Indice Indice Unità tipo

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli