PIANO DI EMERGENZA ESTERNO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI EMERGENZA ESTERNO"

Transcript

1 PIANO DI EMERGENZA ESTERNO Ai sensi degli artt. 6 e 20 del D.Lgs.334/99 e s.m.i. Stabilimento Via Pregnana, RHO (MI) Gennaio 2015

2 I - Aggiornamenti, varianti e prove del Piano di Emergenza Esterno Come previsto dal comma 3 dell articolo 20 del Decreto Legislativo, n. 334, del 17 agosto 1999, il piano deve essere riesaminato, sperimentato e, se necessario, riveduto ed aggiornato dal prefetto ad intervalli appropriati e, comunque, non superiori a tre anni. La revisione deve tener conto dei cambiamenti avvenuti negli stabilimenti e nei servizi di emergenza, dei progressi tecnici e delle nuove conoscenze in merito alle misure da adottare in caso di incidenti rilevanti. Alla luce di queste disposizioni normative, si ricorda che il presente documento deve essere mantenuto vivo e dinamico, in modo da contenere riferimenti a situazioni vigenti e consentire, in caso di necessità, la massima efficacia nel reperimento e nella gestione di tutte le risorse disponibili. Per tali finalità, tutti i soggetti coinvolti nell attuazione delle procedure previste dal presente Piano forniranno, agli uffici della Prefettura, tempestiva notizia di qualsiasi cambiamento rispetto a quanto riportato nella presente edizione. Faranno, inoltre, pervenire, nelle opportune sedi di revisione, eventuali spunti di miglioramento per rendere le procedure ancora più snelle e di facile attuazione. In assenza di segnalazioni correttive e/o migliorative, si procederà comunque alla riedizione almeno triennale del documento, come previsto dal D.Lgs. 334/99. Per quanto riguarda la sperimentazione del piano, si prevede di effettuare esercitazioni al fine di testare la validità delle procedure definite ed assicurarne la conoscenza da parte dei singoli attori delle rispettive procedure ed il miglior coordinamento di tutti i soggetti, finalizzato al raggiungimento degli obiettivi di efficacia ed efficienza della gestione dell emergenza. Piano di Emergenza Esterna Arkema Italia S.r.l. Via Pregnana 63-RHO (MI) Pagina 2 di 26

3 II N VERSION E DATA VERSIONE ESTREMI COMUNICAZIONE DATA AGGIORNAMENTO FIRMA LEGGIBILE DI CHI HA EFFETTUATO L OPERAZIONE 01 12/08/ /12/ /12/2014 Prefettura di Milano Gruppo di lavoro Piano di Emergenza Esterna Arkema Italia S.r.l. Via Pregnana 63-RHO (MI) Pagina 3 di 26

4 III - ELENCO DI DISTRIBUZIONE - Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento di Protezione Civile ROMA - Ministero dell Interno: Gabinetto Dipartimento dei Vigili del Fuoco del soccorso pubblico e della difesa civile Direzione centrale per l emergenza e il soccorso tecnico ROMA - Ministero dell Ambiente, della Tutela del territorio e del Mare ROMA - Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ROMA - E.I. Comando Forze Difesa Nord (COMFODI Nord) PADOVA - Presidente Regione Lombardia MILANO - Direzione Generale Sicurezza, Protezione Civile e Immigrazione MILANO - Direzione Generale Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile U.O. Rischio Industriale MILANO - Sindaco della Città Metropolitana di Milano MILANO - Protezione Civile Città Metropolitana di Milano MILANO - Agenzia Regionale Prevenzione Ambiente - A.R.P.A. Lombardia MILANO - A.R.P.A. Dipartimento di Milano MILANO - Direttore Generale Azienda Sanitaria Locale: Azienda Sanitaria Locale di Milano - Direttore Dipartimento di Prevenzione ASL: MILANO Azienda Sanitaria Locale di Milano MILANO - AAT 118 MILANO - Questura MILANO - Comune di Milano MILANO - Comune di Rho MILANO - Comando Provinciale Carabinieri MILANO - Comando Provinciale Guardia di Finanza MILANO - Comando Provinciale Corpo Forestale dello Stato MILANO - Sezione Polizia Stradale MILANO - Direzione Regionale Lombardia Vigili del Fuoco MILANO - Comando Provinciale VV.F. MILANO - Ufficio Scolastico Provinciale MILANO - Comitato Provinciale Croce Rossa Italiana MILANO - ENEL Distribuzione SpA MILANO - TELECOM Agenzia di Milano MILANO - CAP Gestione S.p.A. (Consorzio Acqua Potabile) MILANO - Rete Ferrovie Italiane (RFI) MILANO - ANAS S.p.A. MILANO - MILANO SERRAVALLE - Tangenziali MILANO - AUTOSTRADE per L ITALIA SpA MILANO - POSTE SpA MILANO - Arkema Italia Srl RHO - Comitato di Coordinamento Provinciale delle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile (CC.V-MI) MILANO Piano di Emergenza Esterna Arkema Italia S.r.l. Via Pregnana 63-RHO (MI) Pagina 4 di 26

5 IV INDICE V - ELENCO ALLEGATI PARTE GENERALE FINALITÀ DEL PIANO PRINCIPI E CRITERI INFORMATORI METODOLOGIA PROCEDIMENTALE ADOTTATA DESCRIZIONE DEL SITO INQUADRAMENTO TERRITORIALE Denominazione ed ubicazione dell impianto Pianificazione urbanistica e territoriale Informazione alla popolazione Confini e posizione dello stabilimento Altezza sul livello del mare: 150 m Informazioni meteo climatiche predominanti (venti) Centri di soccorso INFORMAZIONI SULLO STABILIMENTO Tipologia dell azienda IMPIANTI DI PRODUZIONE STOCCAGGI ALTRO INFORMAZIONI SULLE SOSTANZE PERICOLOSE UTILIZZATE E/O STOCCATE Sostanze pericolose presenti SCENARI INCIDENTALI E ZONE DI PIANIFICAZIONE SCENARI INCIDENTALI - incidenti con impatto sull'esterno dello stabilimento ipotizzati e valutati nell Analisi di Rischio INDIVIDUAZIONE DELLE ZONE DI PIANIFICAZIONE Tabella riepilogativa - Ipotesi incidentali e relativi scenari : Dispersione di tossici Tabella riepilogativa - Ipotesi incidentali e relativi scenari : Irraggiamento da incendi Tabella riepilogativa - Ipotesi incidentali e relativi scenari : Sovrappressione da esplosioni Tabella riepilogativa - Ipotesi incidentali e relativi scenari : flash fire Delimitazione delle zone a rischio Comunicazioni in caso di emergenza Le zone a rischio Elementi vulnerabili all interno della zona di pianificazione Elementi Territoriali: dati demografici e centri sensibili Elementi ambientali ed infrastrutture Livelli di auto protezione da far assumere alla popolazione nelle zone a rischio Viabilità: vie di accesso e di deflusso, cancelli e percorsi alternativi MODALITA DI COMUNICAZIONE E Contenuti dell informazione Dello stato d allarme Modalità di comunicazione dello stato di allarme MODELLO ORGANIZZATIVO D INTERVENTO L informazione di cessato allarme SEZIONE RISERVATA ALL INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE...26 Piano di Emergenza Esterna Arkema Italia S.r.l. Via Pregnana 63-RHO (MI) Pagina 5 di 26

6 V - ELENCO ALLEGATI 1. PROCEDURE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ESTERNE 2. CARTOGRAFIA DEL TERRITORIO CON ELEMENTI TERRITORIALI VULNERABILI ALL. 2a POSTI DI BLOCCO 3. CONDIZIONI METEOROLOGICHE 4. PLANIMETRIA STABILIMENTO E RETI TECNOLOGICHE 5. PLANIMETRIA STABILIMENTO CON EVIDENZIATE LE AREE DI DANNO 6. ELENCO ENTI E RELATIVI RECAPITI TELEFONICI 7. MODELLI DI COMUNICAZIONE 8. SCHEDE DI INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE Piano di Emergenza Esterna Arkema Italia S.r.l. Via Pregnana 63-RHO (MI) Pagina 6 di 26

7 1 PARTE GENERALE 1.1 FINALITÀ DEL PIANO Il presente documento costituisce il Piano di Emergenza Esterno per lo stabilimento della società Arkema Srl, situato in Rho, Via Pregnana 63, come previsto dall articolo 20 del Decreto Legislativo n 334 del 17 agosto 1999 e s.m.i., che assegna al Prefetto il compito di predisporre, d intesa con le Regioni e gli Enti Locali interessati, il piano di emergenza esterno (PEE) per gli stabilimenti soggetti agli articoli 6 e 8 del citato decreto al fine di limitare gli effetti dannosi derivanti da incidenti rilevanti sulla base delle informazioni fornite dal gestore e delle conclusioni, laddove esistenti, dell istruttoria tecnica. Il presente Piano è altresì conforme alle indicazioni contenute nelle linee guida predisposte dal Dipartimento della Protezione Civile emanate con D.P.C.M.25 febbraio 2005 Linee Guida per la predisposizione del piano d emergenza esterna di cui all art.20, comma 4, del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334, che rappresenta lo strumento operativo per l elaborazione e l aggiornamento dei PEE degli stabilimenti a rischio di incidente rilevante. Come indicato dall art. 2, comma 2 del Decreto Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare 24 luglio 2009, n. 139, la Prefettura, ai fini di cui all'articolo 20, comma 1, del D.Lgs. 334/1999, nel corso della predisposizione o revisione del Piano di Emergenza Esterno e comunque prima della sua adozione, procede, d'intesa con il Comune, alla consultazione della popolazione per mezzo di assemblee pubbliche, sondaggi e la pubblicazione di opuscoli informativi, anche sui siti istituzionali. Rispetto a tali fini, il P.E.E. in questione ambisce a configurarsi come uno strumento strutturalmente e funzionalmente agile in grado di assicurare - in caso di emergenza una risposta tempestiva, sottesa all obbiettivo di evitare quanto più possibile gli effetti dannosi di un evento emergenziale rispetto alla popolazione ed al territorio esposti. Sotto il profilo ed ai fini dell efficacia di questo Piano si è riconosciuta primaria rilevanza ai seguenti aspetti: a) la previsione e la verifica della concreta predisposizione di adeguati sistemi di allarme alla popolazione residente; b) l allestimento a livello cartografico di tutti i più utili riferimenti per l individuazione degli elementi territoriali vulnerabili, della viabilità, dei siti e delle aree per l allocazione ed il dispiego delle unità e dei mezzi di soccorso; c) l informazione alla popolazione articolata in relazione ai dati concernenti la sostanza pericolosa, stoccata nello stabilimento, agli effetti sul piano della salute, alle norme disciplinanti la condotta di autotutela da adottarsi da parte dei residenti in caso di incidente. Piano di Emergenza Esterna Arkema Italia S.r.l. Via Pregnana 63-RHO (MI) Pagina 7 di 26

8 2 PRINCIPI E CRITERI INFORMATORI Il presente Piano di Emergenza Esterna (PEE) è stato redatto ai sensi dell art. 20 del D.Lgs. 17 agosto 1999, n. 334 e s.m.i. per lo stabilimento ARKEMA S.r.l. sito in comune di Rho, rientrante nell art. 8 del predetto decreto legislativo. L elaborazione del Piano, in ordine all identificazione del rischio, ha fatto sostanziale riferimento a: Notifica ai sensi dell art. 6 D.Lgs. 334/99 e s.m.i., e all Allegato V Scheda d informazione alla popolazione presentata in data 18 settembre 2012; Rapporto di sicurezza (aggiornamento quinquennale (ed. ottobre 2010 e successive integrazioni) Determinazioni conclusive del CTR trasmesse con nota n prot del 22/07/2013,. Si sono poi tenute nel debito conto le connotazioni morfologiche e le caratteristiche territoriali, nonché le relative, prevalenti condizioni meteorologiche. Sotto il profilo dell efficacia temporale il Piano è stato improntato alla contemplazione del culmine dell evento incidentale. In caso di incidente tutti i meccanismi di procedura dell emergenza previsti nel P.E.E. sono stati concepiti per attivarsi in modo automatico, fatte salve determinazioni da parte di autorità sovra ordinate. 3 METODOLOGIA PROCEDIMENTALE ADOTTATA In sintonia con le direttive in materia, il metodo per la formazione del Piano è stato conformato all intento di raggiungere il massimo della compartecipazione e della condivisione possibili nella scelta delle strategie, del modello d intervento e delle modalità di gestione dell emergenza. Il Prefetto ha assunto la funzione di coordinamento tra i diversi soggetti interessati ai quali sono attribuite funzioni e responsabilità diverse in tema di controllo dei pericoli d incidente rilevante, di rischio tecnologico e, più in generale, di protezione civile, in accordo anche con le vigenti disposizioni normative. A tal fine sono stati coinvolti diversi Enti ed Amministrazioni, attraverso l esame di problematiche strettamente tecniche e l acquisizione e l integrazione di informazioni di carattere territoriale. 4 DESCRIZIONE DEL SITO Di seguito si riportano i dati relativi alla localizzazione dello Stabilimento e alla presenza di elementi sensibili. 4.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Denominazione ed ubicazione dell impianto Denominazione dell impianto: Arkema S.r.l. Stabilimento di Milano Via Pregnana, Rho (MI) Coordinate UTM dello Stabilimento: 32TNR Le coordinate sopra citate sono riferite all ingresso dello Stabilimento Piano di Emergenza Esterna Arkema Italia S.r.l. Via Pregnana 63-RHO (MI) Pagina 8 di 26

9 Per la descrizione della zona circostante lo stabilimento, si fa riferimento alle cartografie - Allegati 2 e 2A Pianificazione urbanistica e territoriale Informazione alla popolazione Il Comune di Rho all interno del PGT (adottato con delibera di CC nr 78 in data 28/12/2012 -Pubblicazione in data 21/01/2013 ed approvato con delibera di CC nr. 23 in data 17/06/ Pubblicazione sul BURL nr. 34 in data 21/08/2013), ha redatto l Elaborato Tecnico Rischi di Incidente Rilevante Confini e posizione dello stabilimento Lo Stabilimento, che occupa un area di circa m2, confina : Nord: strada comunale via Pregnana, lungo la quale sono ubicate abitazioni civili situate in comune di Rho; Sud: scalo ferroviario di Rho, (linee Milano-Torino, Milano-Varese, Milano-Domodossola). L infrastruttura ferroviaria si trova a 10 metri dal perimetro dello stabilimento, in pratica è confinante; Ovest: area rientrante in fascia di rispetto del fiume Olona, presso la quale sono ubicati edifici residenziali; Est: ponte di attraversamento linea ferroviaria che collega le vie Magenta e Volturno, oltre il quale sono ubicate abitazioni civili. A circa 100 m ad ovest dello stabilimento risulta situato il deposito Idrocarburi della ENI SpA Divisione Refining & Marketing, sito in Comune di Pregnana, che risulta anch esso assoggettato all art. 8 del D.Lgs. 334/99. Lo stabilimento della società Arkema, risulta ubicato nelle immediate vicinanze del fiume Olona, che lo lambisce nella zona sud-ovest, e del torrente Bozzente, in parte tombinato, che lo lambisce nella zona est. La strada statale più vicina è la S.S.33 del Sempione che dista circa 2 km. L'aeroporto più vicino è quello di Linate, distante dallo stabilimento circa 25 km in linea d'aria; altro aeroporto civile con traffico commerciale è l aeroporto di Milano Malpensa distante circa 40 km. L'area dello stabilimento non rientra nelle zone di rispetto raccomandate e/o prescritte dall'i.c.a.o. (International Civil Aviation Organization). L ospedale presente nell area è quello di RHO distante circa 1,2 Km Il distaccamento dei Vigili del Fuoco è sito in Via Sandro Pertini, RHO Altezza sul livello del mare: 150 m Informazioni meteo climatiche predominanti (venti) Dai dati meteorologici forniti dalla stazione dello stesso stabilimento ARKEMA e relativi all anno , si possono sinteticamente riassumere i seguenti dati: TEMPERATURE: Piano di Emergenza Esterna Arkema Italia S.r.l. Via Pregnana 63-RHO (MI) Pagina 9 di 26

10 T MINIMA - 4,4 C T MEDIA + 14,35 C T MASSIMA + 31,9 C UMIDITÀ RELATIVA 71% La direzione predominante dei venti, velocità media del vento è riportata nella seguente tabella Centri di soccorso L ospedale presente nell area è quello di RHO distante circa 1,2 Km Il distaccamento dei Vigili del Fuoco è sito in Via Sandro Pertini, RHO 4.2 INFORMAZIONI SULLO STABILIMENTO Dati sull Azienda Nome della società ARKEMA S.r.l. Sede Legale Rho Via Pregnana 63 Sede Amministrativa e Operativa Rho Via Pregnana 63 Direttore dello stabilimento Ing. Maurizio Colombo Telefono Uff cell Fax Sito web Responsabile dell attuazione del PEE Portavoce della Società HSE e RSPP di sito Telefono reperibilità emergenza Codice ISTAT dell attività Tipologia delle lavorazioni Ing. Maurizio Colombo - in orario serale/notturno/festivo il portavoce è il reperibile di stabilimento, cell Ing. Maurizio Colombo Ing. Silvia Banfi Diurno: Uff cell Serale\notturno\festivo cell Fabbricazione di materie plastiche in forme primarie Produzione metilmetacrilato; produzione polimetilmetacrilato; lavorazione del polimetilmetacrilato; produzione solfato ammonico Piano di Emergenza Esterna Arkema Italia S.r.l. Via Pregnana 63-RHO (MI) Pagina 10 di 26

11 PERSONALE PRESENTE n. dipendenti totali: n. dipendenti per turno: Orario di lavoro Prefettura di Milano Presso lo Stabilimento ARKEMA sono occupate circa 265 persone dipendenti, più 10 persone circa di imprese terze in orario giornaliero. Per la conduzione degli impianti W.A.O. (ciclo continuo di 24 ore per 7 giorni alla settimana) sono impiegate 6 persone per turno. Per il reparto stoccaggi operativi sono presenti in orario giornaliero 1 assistente di giornata e 5 operatori. Per la conduzione degli impianti di polimerizzazione EM1 e 33 sono impiegate 7 persone in turno. Per la centrale termica e rete metano (compresi termocombustore e trattamento effluenti) sono impiegate 3 persone in turno; sono presenti in turno anche un addetto al servizio antincendio, un addetto dell officina elettrostrumentale e un addetto alla portineria. A seconda delle posizioni lavorative, l orario può essere in turno o giornaliero, con i seguenti orari: orario turni: / / orario giornaliero: TIPOLOGIA DELL AZIENDA L attività della ARKEMA, esercita fino all ottobre 2004 dalla precedente Ragione Sociale ATOFINA Italia Srl, è indirizzata all ottenimento di prodotti chimici (materie plastiche e fertilizzanti) prevalentemente destinati all industria e all agricoltura, mediante processi di sintesi. Le due più importanti produzioni di Rho sono quelle del Metilmetacrilato monomero e del Polimetilmetacrilato. Il Metilmetacrilato monomero è commercializzato tal quale per l utilizzo come materia prima per altre produzioni, come ad esempio pitture ad acqua alternative a quelle a base di solventi ed è soprattutto la materia prima principale per ottenere il Polimetilmetacrilato. Nello Stabilimento viene inoltre prodotto il solfato di ammonio, tradizionalmente utilizzato in agricoltura come fertilizzante, ad esempio nella coltivazione della vite. L attività di processo principale dello stabilimento è la produzione di Metilmetacrilato monomero effettuata nell impianto 35. Lo Stabilimento comprende: 5.1 IMPIANTI DI PRODUZIONE Impianto di produzione del Metilmetacrilato monomero (impianto 35) nel quale sono utilizzate materie prime quali Acetoncianidrina, Oleum, Metanolo ed Ammoniaca. Impianti di produzione del Polimetilmetacrilato (impianto 33 - di polimerizzazione in sospensione - e impianto EM1 - di polimerizzazione in massa), nei quali viene effettuata la polimerizzazione del Metilmetacrilato, insieme con minori quantità di acrilati, con l ausilio di catalizzatori e l aggiunta di additivi e coloranti, al fine di ottenere una gamma di prodotti di diverso utilizzo commerciale. Piano di Emergenza Esterna Arkema Italia S.r.l. Via Pregnana 63-RHO (MI) Pagina 11 di 26

12 Impianto di produzione Solfato d Ammonio (impianto 20). Impianto di lavorazione del Polimetilmetacrilato (reparto 83), nel quale si effettuano trattamenti di tipo meccanico quali estrusione, granulazione, etc., al fine di trasformare il prodotto finito in granuli pronti per la vendita. Le attività effettuate nello stabilimento e che sono considerate nell'allegato A del D.Lgs. 334/99 sono le seguenti : Esterificazione Polimerizzazione Distillazione Condensazione Miscelazione Solubilizzazione Estrazione 5.2 STOCCAGGI Lo stabilimento dispone per lo stoccaggio di materie prime e/o prodotti finiti liquidi di: stoccaggio Ammoniaca anidra stoccaggio Acetoncianidrina stoccaggio prodotti chimici (tra cui Alcool Metilico e Oleum); stoccaggio Metilmetacrilato monomero stoccaggio monomeri acrilici deposito Perossidi. Le sostanze allo stato liquido sono stoccate in serbatoi metallici, fuori terra, ubicati all interno di bacini di contenimento come previsto dall attuale normativa. 5.3 ALTRO Deposito catalizzatori Servizi tecnici (vapore, azoto, impianti frigoriferi) Impianti di trattamento delle acque e di abbattimento delle emissioni gassose Magazzini Impianti termici di produzione vapore Officina meccanica ed elettrostrumentale Laboratori e Centro Ricerche Infermeria Postazione pompieri di Stabilimento Uffici commerciali ed amministrativi Le aree/impianti interessati da presenza/utilizzo di sostanze pericolose ai fini dell applicazione del D.Lgs 334/99 risultano essere: impianto 35 di produzione del Metilmetacrilato e impianto W.A.O (wet air oxidation); impianto 33 di polimerizzazione in sospensione e impianto EM 1 di polimerizzazione in massa del Polimetilmetacrilato; centrale termica, rete metano e combustore miscele di distillazione; stoccaggio Acetoncianidrina; parco stoccaggio prodotti chimici (03C). Piano di Emergenza Esterna Arkema Italia S.r.l. Via Pregnana 63-RHO (MI) Pagina 12 di 26

13 parco stoccaggio Ammoniaca anidra; parco stoccaggio Monomeri Acrilici (03M); parco stoccaggio Metilmetacrilato monomero (03MMA); depositi Perossidi; stoccaggio reagenti di servizio ai laboratori. 5.4 INFORMAZIONI SULLE SOSTANZE PERICOLOSE UTILIZZATE E/O STOCCATE Sostanze pericolose presenti Ai fini degli adempimenti previsti dal D.Lgs. 334/99 e s.m.i. l azienda ha presentato l aggiornamento della Notifica ai sensi dell art. 6 del D.Lgs. 334/99 in data 19/09/2012 corredata dalla Scheda di Informazione di cui Allegato V, a seguito della nomina del nuovo gestore ed amministratore delegato, mentre il Rapporto di Sicurezza è datato (ottobre 2010), successivamente integrato durante l istruttoria da parte del Comitato Tecnico Regionale. Come risulta espressamente dalla Notifica presentata dal gestore la ditta in oggetto rientra nel campo di applicazione dell art.8 del D.Lgs. 334/99 s.m.i. per le condizioni descritte nella tabella seguente: Piano di Emergenza Esterna Arkema Italia S.r.l. Via Pregnana 63-RHO (MI) Pagina 13 di 26

14 6 SCENARI INCIDENTALI E ZONE DI PIANIFICAZIONE 6.1 SCENARI INCIDENTALI - incidenti con impatto sull'esterno dello stabilimento ipotizzati e valutati nell Analisi di Rischio Nella conduzione dell analisi sono stati considerati credibili gli eventi con frequenza attesa >1E -6. Sulla base delle informazioni contenute nel Rapporto di sicurezza e dalle determinazioni conclusive rilasciate dal CTR risulta che alcuni scenari incidentali possono impattare significativamente al di fuori del perimetro dello stabilimento per quanto riguarda le aree di danno corrispondenti alle soglie di danni reversibili/disagi lievi corrispondenti a quella che risulta definita nei PEE come Terza zona - di attenzione). Tali scenari incidentali, sono stati evidenziati con il colore grigio nella tabella di cui al cap INDIVIDUAZIONE DELLE ZONE DI PIANIFICAZIONE Per l individuazione delle zone di pianificazione si è fatto riferimento ai criteri di seguito richiamati, come definiti nel documento Pianificazione dell'emergenza Esterna degli stabilimenti industriali a rischio di incidente rilevante Linee Guida messo a punto, ed emanato con D.P.C.M. 25 Febbraio 2005, dal Dipartimento della Protezione Civile presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Prima zona Zona di sicuro impatto. zona presumibilmente limitata alle immediate adiacenze dello stabilimento, è caratterizzata da effetti sanitari comportanti una elevata probabilità di letalità anche per persone mediamente sane. Seconda zona Zona di danno. Zona esterna rispetto alla prima, è caratterizzata da possibili danni, anche gravi ed irreversibili, per persone mediamente sane che non intraprendono le corrette misure di autoprotezione e da possibili danni anche letali per persone maggiormente vulnerabili (neonati, bambini, malati, anziani, ecc.). Terza zona Zona di attenzione. È caratterizzata dal possibile verificarsi di danni (disagi lievi o danni reversibili), generalmente non gravi, a soggetti particolarmente vulnerabili, o comunque da reazioni fisiologiche che possono determinare situazioni di turbamento tali da richiedere provvedimenti anche di ordine pubblico, nella valutazione delle autorità locali. Piano di Emergenza Esterna Arkema Italia S.r.l. Via Pregnana 63-RHO (MI) Pagina 14 di 26

15 6.3 Tabella riepilogativa - Ipotesi incidentali e relativi scenari : Dispersione di tossici Dispersione di tossici Top (1) evento incidentale Scenario (2) Tipologia evento P/L/A (3) quantità interessata (kg) tempo di intervento (min) frequenza occ/anno (4) 1^ zona 2^ zona 3^ zona di sicuro impatto di danno di attenzione LC50 IDLH LOC Raggio (m) E/I (6) Raggio (m) E/I Raggio (m) E/I 1 Rilascio di NH 3 anidra da linea di alimentazione all'impianto W.A.O., in corrispondenza della valvola di regolazione della portata Rilascio in fase liquida, evaporazione, dispersione in fase gas P * I 104 I 1084 E 2 Rilascio prolungato di NH 3 durante il travaso da ATB/FC, direzione orizzontale Rilascio in fase liquida, evaporazione, dispersione in fase gas P * I 92 I 362 E 3 Rilascio prolungato di Metilacrilato nel bacino del serbatoio SR-41. Rilascio liquido in bacino di contenimento; evaporazione A Max 21 t > 30 2 * I 82 I 582 E 4 Rilascio prolungato di NH 3 da una fessura formatasi nel tratto non intercettabile al di sotto di un serbatoio di stoccaggio, direzione orizzontale Rilascio in fase liquida, evaporazione, dispersione in fase gas P * I 89 I 358 E 5 Rilascio prolungato di metanolo nel bacino dei serbatoi di stoccaggio SR-4/5 Rilascio liquido in bacino di contenimento; evaporazione A Max 105 t > 30 6 * I 58 E 286 E 6 Rilascio da mandata pompa PC21 durante scarico di oleum da ATB Rilascio in fase liquida, evaporazione di SO3, dispersione in fase gas P 95 3 < Bassa 2 I 61 E 271 E 7 Rilascio prolungato di acetoncianidrina nel bacino di contenimento dei serbatoi di stoccaggio Rilascio in fase liquida, evaporazione da pozza, dispersione in fase gas A 416 < 30 2 * 10-3 < 19 I 38 E 246 E Piano di Emergenza Esterna Arkema Italia S.r.l. Via Pregnana 63-RHO (MI) Pagina 15 di 26

16 6.4 Tabella riepilogativa - Ipotesi incidentali e relativi scenari : Irraggiamento da incendi Top (1) evento incidentale Scenario (2) Tipologia evento P/L/A (3) quantità interessata (kg) tempo di intervento (min) frequenza (4) occ/anno Irraggiamento da incendio 12,5 7 kw/m 2 kw/m 2 5 kw/m 2 3 kw/m 2 1,5 kw/m 2 Raggio (m) E/I (6) Raggio (m) E/I Raggio (m) E/I Raggio (m) E/I Raggio (m) E/I 1 Rilascio di metilmetacrilato liquido da una flangia della linea di adduzione del monomero al reparto 33 Rilascio di liquido p * I 48 I 50 I 53 I 63 I 2 Rilascio prolungato di Metilacrilato nel bacino del serbatoio SR-41. Rilascio di liquido A Max 21 t nel serbatoio > 30 2 * I 20 I 27 I 44 I 84 I 3 Rilascio di miscela monomerica da una flangia sulla linea di fondo miscelatore SA 1(imp. 33) Rilascio di liquido P * I 22 I 28 I 33 I 55 I 4 Rilascio prolungato di MAM nel bacino del serbatoio SR-13H o SR-13I Rilascio di liquido A Max 285 t nei serbatoi > 30 4 * I 22 I 28 I 33 I 47 I 5 Rilascio prolungato di MAM nel bacino di contenimento del serbatoio di stoccaggio SR- 13 L - Stoccaggio MAM nel parco 03MMA Rilascio di liquido A Max 1500 t in serbatoio > 30 2 * I 28 I 33 I 39 I 44 I 6 Decomposizione di perossido all interno di uno dei fustini presenti in uno dei depositi di perossidi (cicloesano) Incendio di liquido A 250 < 30 Bassa 18 I 22 I 25 I 30 I 42 I 6.5 Tabella riepilogativa - Ipotesi incidentali e relativi scenari : Sovrappressione da esplosioni Sovrappressione da esplosione Top (1) evento incidentale Scenario (2) Tipologia evento P/L/A (3) quantità interessata (kg) tempo di intervento (min) frequenza occ/anno (4) 1^ zona di sicuro impatto 0.3 (0.6) bar (7) 2^ zona di danno 0.14 bar 0.07 bar 3^ zona di attenzione 0.03 bar Raggio (m) E/I (6) Raggio (m) E/I Raggio (m) E/I Raggio (m) E/I 1 Rilascio di miscela monomerica da una flangia sulla linea di fondo del miscelatore SA 1 (imp. 33) -5 Interno Rilascio di liquido P *10 edificio I Interno edificio I < 20 m I < 50 m I Piano di Emergenza Esterna Arkema Italia S.r.l. Via Pregnana 63-RHO (MI) Pagina 16 di 26

17 6.6 Tabella riepilogativa - Ipotesi incidentali e relativi scenari : flash fire Incendio di nube Top (1) evento incidentale Scenario (2) Tipologia evento P/L/A (3) quantità interessata (kg) tempo di intervento (min) frequenza occ/anno (4) 1^ zona di sicuro impatto LFL 2^ zona di danno ½ LFL Raggio (m) E/I (6) Raggio (m) E/I Rilascio di metilmetacrilato liquido da una flangia della linea di adduzione del monomero al reparto 33 Rilascio prolungato di Metanolo nel bacino dei serbatoi di stoccaggio SR4/5 Rilascio di MMA in area Estrazione per sovrariempimento di una fiorentina Rilascio di miscela monomerica da una flangia sulla linea di fondo del miscelatore SA 1, imp. 33 Rilascio prolungato di altobollenti nel bacino del serbatoio SR-9A. Rilascio prolungato di MAM nel bacino del serbatoio SR-13H o SR-13I Rilascio prolungato di MAM nel bacino del serbatoio SR-13L Rilascio di liquido P * I 15 I Rilascio di liquido A Max 105 t > 30 3 * I 12 I Rilascio di liquido P Bassa 8 I 12 I Rilascio di liquido P * I 10 I Rilascio di liquido A Max 5,5 t Max * I 10 I Rilascio di liquido A Max 285 t > 30 2 * I 9 I Rilascio di liquido A Max 1500 t > 30 1 * 10-6 < 6 I < 9 I 1. utilizzare indice progressivo numerico in congruenza con la localizzazione delle sorgenti incidentali su planimetria dello stabilimento 2. es. incendio da pozza, esplosione non confinata, dispersione tossica da rilascio in fase gassosa, etc. 3. Puntuale: ad es. rottura fusto in un punto qualsiasi dello stabilimento,lineare ad es. rilascio da tubazione (n.b.: in planimetria da allegare evidenziare tracciato), Areale: ad es rilascio in bacino di contenimento (n.b.: in planimetria da allegare delineare superficie) 4. si intende la frequenza di accadimento dello scenario incidentale 5. Segnalare se l evento incidentale considerato ha ripercussioni esternamente al perimetro aziendale (E) o solo internamente (I) trasmettere soglia di pertinenza per esplosioni in ambiente confinato o non confinato Piano di Emergenza Esterna Arkema Italia S.r.l. Via Pregnana 63-RHO (MI) Pagina 17 di 26

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Stogit Stoccaggi Gas Italia S.p.A.

Stogit Stoccaggi Gas Italia S.p.A. Stogit Stoccaggi Gas Italia S.p.A. Sede Operativa di Crema (CR) CENTRALE STOCCAGGIO GAS DI CORTEMAGGIORE (PC) SCHEDA INFORMATIVA SUI RISCHI D INCIDENTE RILEVANTE PER I CITTADINI ED I LAVORATORI ai sensi

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

I - PRINCIPI GENERALI

I - PRINCIPI GENERALI D.Lgs. 17 agosto 1999, n. 334 Attuazione della direttiva 96/82/CE relativa al controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose (G.U. 28.09.1999, n. 228, s. o)

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI LARGO SANTA BARBARA, 2-00178 ROMA TEI..

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli