00196 ROMA VIA DONATELLO, 75 TEI soaa 7038 FAX +sliio6 8~6S 70S6 ILL.MO TRIBUNALE DI ROMA ATTO DI CITAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "00196 ROMA VIA DONATELLO, 75 TEI.. +39 06 soaa 7038 FAX +sliio6 8~6S 70S6 ILL.MO TRIBUNALE DI ROMA ATTO DI CITAZIONE"

Transcript

1 AVV. PROF. ANDREA BARENGHi ROMA VIA DONATELLO, 75 TEI soaa 7038 FAX +sliio6 8~6S 70S6 I ILL.MO TRIBUNALE DI ROMA ATTO DI CITAZIONE Per la SOCIETÀ E. GIOVI S.R.L., con sede legale in Roma alla via Portuense 881, P. IVA , in persona del suo amministratore unico e legale rappresentante pro tempore, ing. Francesco Rando, il CONSORZIO LAZIALE RIFIUTI (Co.La.Ri.) con sede legale in Roma alla via del Poggio Fiorito, 63, P. IVA , in persona del suo amministratore unico e legale rappresentante pro tempore, avv. Manlio Cerroni, e anche in proprio l'avv. MANLIO CERRONI, residente in Roma, c.f. CRR MNL 26s180704s tutti rappresentati e difesi dall'avv. prof. Andrea Barenghi (BRN NDR 64R29 H 5010) ed elettivamente domiciliati presso il suo studio in Roma, alla via Donatello 75, giusta delega in calce al presente atto. CONTRO il sig. Sergio Apollonio, domiciliato in Roma-00184, via Leonardo Fibonacci 77; il sig. Maurizio Melandri, residente in Roma-00166, via Tullio Ascarelli 276. l Con una serie di affermazioni reiterate negli anni e che hanno raggiunto il loro culmine con documenti fatti circolare in data , e , il sig. Sergio Apollonio unitamente ad altri, e in particolare al sig. Maurizio Melandri, poneva in essere una campagna denigratoria e diffamatoria su larga scala nei confronti degli odierni attori, allo scopo di gettare pubblico discredito sulle attività della discarica di Malagrotta, delle Società che ne sono proprietarie e che la gestiscono e delle persone che le dirigono, tentando (e, spesso, purtroppo riuscendo) a destare pubblico allarme e a provocare altre

2 sì l'intervento dell' Autorità amministrativa in ordine alle attività di discarica di rifiuti solidi urbani che gli odierni attori, in esecuzione e nel rispetto dei provvedimenti legislativi e amministrativi che le disciplinano, legittimamente svolgono nel sito di Malagrotta. Tale campagna diffamatoria, tutt'altro che innocente e tantomeno ispirata alla tutela dell'ambiente e della cittadinanza locale come si vorrebbe far credere, pone in una falsa luce agli occhi del pubblico le attività degli odierni attori e provoca la lesione dei loro diritti della personalità, e in particolare delle loro reputazione personale e professionale, onore, identità personale e professionale, che in questa sede si chiede di veder appropriatamente tutelati. II. a) Con comunicazione del , il sig, Sergio Apollonio, sottoscrivendolo attraverso la sigla Comitato Ma/agrotta di cui si dice Presidente, e il sig. Maurizio Melandri pubblicavano un documento intitolato Le priorità ambientali secondo le Associazioni e Comitati dell 'Osservatorio ambientale partecipato della Valle Ga/eria (doc. 1) nel quale si leggono affermazioni del seguente testuale tenore: «L'inquinamento delle tglde acquifere e delle acque superficiali nell'area di Malagrotta ha raggiunto ormai dimensioni imponenti e incontrollate, come certificato in maniera conclusiva e irrefutabile dali 'ARPA. JlnJmLujnillJ!.eJ1.!Q_ç.11~ 11..9J1 P!llt!JQ!L~~Ssm~ J!l ' ~Q. jn_tej;~l?;i911e_flg!tn_a_çf!.ttiy.l!..ke. 1i..9..mul.eUÉ).A~~m:.i~1l, come più volte denunciato dai cittadini che hanno documentato sversamenti illegali del percolato nel Rio Ga/eria. diventato uno dei fiumi più inquinati d'italia e la mancata ricopertura serale dei rifiuti....~ gy1i1.>il _lj1lf! çf!f'.flj:.rflmw!lzé)., 1;!P i..p-e.rçqtsl _a_ujqti~tjyi ç.b..e n.elç,q..l!..trqui.. _y~rjti.9.b..e_4l6:!lgi.9ij...ru.il~l!to degli impianti, affidandosi e fidandosi troppo di controlli e accertamenti autoreferenziali dei gestori stessi degli impianti», 2

3 Tale documento veniva presentato alla riunione consiliare straordinaria dei Municipi XV e XVI dal sig. Sergio Apollonio e da altri in data alle presso il Centro Anziani di Malagrotta di via V. Cigliutti. Esso è pubblicato sul sito nonché sul sito www. beppegrillo.it / listeciviche/liste/roma e su altri siti internet quali il sito www. infonnazione. it e reca la finna, tra altri, del Comitato Malagrotta, di cui il sig. Apol Ionio si presenta come Presidente. b) In data 30 e è stata largamente ripresa dalle agenzie e dalla stampa quotidiana (e sul sito la notizia di una lettera del sig. Apollonio al NOE dell'arma dei Carabinieri, nella quale si sosteneva l'esistenza di «fenditure e crateri di varie dimensioni» in un terreno «evidentemente intriso di biogas e di percolato» che spiegano il «rigonfiamento abnorme del terreno di discarica», che farebbe parte di non meglio precisate «dinamiche della megadiscarica». Nella stessa sede si faceva poi riferimento alla costruzione, a suo dire pericolosa, dell'impianto di produzione di energia, che sarebbe collocato «in contatto con l'ammasso dei rifiuti» e tale da costituire un <<punto critico di rischio in presenza di emissioni di biogas», di talché, in conclusione, «ci troviamo ancora di fronte a situazioni di estrema incertezza e di potenziale pericolosità di questo tipo» (v., quale esempio dell'ampia risonanza che notizie allarmistiche di questo tipo possono facilmente conquistare, l'articolo de la Repubblica, Rifiuti, Comitato Malagrotta: "rigonfiamenti e crateri nel terreno" del ). Naturalmente tale incredibile presa di posizione, che oltre ad essere diffamatoria e calunniosa configura ulteriori illeciti rilevanti anche penalmente, quale il procurato allarme, è stata subito ripresa dalla autorità politica. Così, ad es., l'ono Fabrizio Santori, presidente della Commissione sicurezza di Roma 3

4 Capitale, è subito intervenuto con un comunicato stampa diramato alle h del nel quale si chiede tra l'altro «di fare subito chiarezza sul cedimento e sulla conseguente ricostruzione di un muro di cinta... la costruzione era infatti collassata... si è gonfiato il terreno circostante e sono comparsi nella terra crepe e crateri...» (comunicato anch'esso prontamente ripreso dagli organi di stampa). Il giorno successivo a tale iniziativa, i funzionari dell' ARPA si sono recati nella Città delle industrie ambientali di Malagrotta con le torce prima che facesse giorno per prendere in esame la situazione. c) In data 3 L compariva sulla testata telematica del settimanale Panorama, 'Panorama.it', un articolo a firma della sig.ra Claudia Daconto, nella quale venivano riportate le seguenti dichiarazioni del sig. Apollonio: «È. una specie di incubo. A parte l'inconveniente fisico, quando per esempio inviti degli amici a casa e ti arriva questa folata di merda, scusate l'espressione ma non ci sono altre definizioni, è la qualità stessa della vita che viene distrutta. Qui la gente sente di essere offisa nella sua dignità di cittadino... Cerroni è un pirata, un megalomane...». d) Tra le innumerevoli e quasi quotidiane occasioni in cui il sig. Apol Ionio e il sig. Melandri hanno occasione di intervenire pubblicamente in argomento, si leggono espressioni come quelle che seguono, anch'esse di sicuro carattere illecito e lesivo: «è una stortura al servizio di un 'dominus' privato che da sempre fa la politica dei rifiuti a Roma e nel Lazio» (messaggio pubblicato a firma Comitato Malagrotta i sul sito e altrove); «e i sospetti aumentano che nell'ambito dei 200 ettari dell'extraterritorialità di Malagrotta le scorie solide e liquide dell 'impianto non venga 4

5 no trattate in maniera trasparente» (messaggio pubblicato a firma Sergio A pollonio il sul sito www. mauriziomelandri. it e altrove);. «la discarica della capitale continua a violare platealmente, come ha fatto da sempre, un articolo fondamentale della legge sulle discariche (dlgs n. 36 del 2003), e cioè l'art. 7, primo comma, che suona come segue: i rifiuti possono essere collocati in discarica solo dopo trattamento. A Malagrotta invece impera un'altra legge. E' quella del sottosviluppo a tutti i costi, anche se ammçmtato di tecnologia, cioè dei rifiuti tal quali o indifferenziati, come nelle discariche del Terzo mondo. Si spende meno e si guadagna di più» (dichiarazioni di Sergio Apollonio pubblicate il sul sito e altrove); «queste eterne proroghe per Malagrotta, che aìtro non sono se non le proroghe dell'impotenza, dell'inettitudine e dell'asservimento a interessi particolari... tanto più sconciamente in quanto due giorni su tre i rifiuti tal quali non vengono neppure ricoperti la sera - e questa è una violazione nella violazione, senza che Cerroni debba pagare neppure una multa! L'arroganza del 'dominus' riposa sulle infinite connivenze di cui ha goduto da sempre. Si permette anche di fare i ricorsi se uno lo becca ogni tanto con le mani nella marmellata» (messaggio pubblicato a firma Sergio Apollonio il sul sito www. maurizio melandri. it e il lo sul sito «subordinazione, di fatto alla protervia del privato, che ha sempre imposto le sue scelte, fino a creare un vero e proprio 'mostro' ecologico a livello europeo, e di conseguenza una 'Caienna dei rifiuti' alla quale è stata condannata una parte della popolazione romana... se per Malagrotta ancora una volta la soluzione sarà invece ['eterna proroga in chiave subalterna 5

6 ali 'interesse privato dominante, e quindi la continuazione della 'Caienna dei rifiuti' per la popolazione - con in più il gassificatore! - una tale decisione sarà un atto con un chiaro risvolto criminale» (messaggio pubblicato a fuma del Comitato Malagrotta il sul sito www. maurizio melandri. it e sul sito «Qui passa anche il percolato - ha spiegato il presidente del Comitato Malagrotta, Sergio Apollonio - che va a finire nel Rio Galeria, inquinandone le acque» (agenzia ANSA, 20 marzo 2011). Una serie innumerevole di analoghe espressioni è allegata nel fascicolo del presente giudizio per documentare la vera e propria campagna denigratoria sistematicamente posta in essere dai convenuti e la sussistenza dell'elemento soggettivo, aggravato dalle particolari competenze che i convenuti hanno acquisito, o quantomeno affermano di aver acquisito, nel settore del trattamento dei rifiuti solidi urbani. III. Quanto ai fatti sub II letto a), nel documento intitolato Le priorità ambientali ecc. si allude esplicitamente a una scarsa trasparenza sia nei percorsi autorizzativi che nei controlli e verifiche di fimzionamento degli impianti, volendo con ciò evidentemente alludere a interferenze del gestore privato nell'attività della P.A. ovvero a fatti di corruzione, mentre, per altro verso, e con ancora più evidente gravità, si attribuisce all'attività di discarica esercita e gestita dagli odierni attori (E. Giovi S.r.l. e Consorzio Co.La.Ri.) nel sito di Malagrotta la responsabilità dell'inquinamento cui sarebbe soggetta l'area, e in particolare dell'inquinamento della falda acquifera e delle acque superficiali, come sarebbe per un verso certificato dall'amministrazione (ARPA) e per altro verso risulterebbe dalla documentazione, ad opera 'dei cittadini', degli 6

7 sversamenti illegali del percolato nel Rio Galeria, diventato uno dei fiumi più inquinati d'italia e della mancata ricopertura serale dei rifiuti. Si tratta di circostanze di varia gravità ma sempre false e prive di riscontro reale e obiettivo. Di gravità estrema è l'accusa generica di rappresentare la fonte e l'origine dell'inquinamento ambientale della Valle Galeria e dell'area di Malagrotta così come gravissime appaiono le accuse specifiche di pretesi sversamenti e alla mancanza di trasparenza (che allude ad attività corruttive). Di minor gravità, ma pur sempre assai rilevante, l'accusa, anch'essa specifica di non provvedere alla ricopertura dei rifiuti nella discaric~ secondo le prescrizioni legali e amministrative. Tali circostanze non corrispondono alla realtà e comportano addebiti di rilevante gravità e forieri di gravi danni a carico degli attori. Quanto aj fatti sub n letto b), la denuncia rivolta dal sig. Apollonio ai Carabinieri, e largamente pubblicizzata sulla stampa e sulle agenzie di stampa, si riferisce a fatti destituiti di qualsiasi fondamento, che appaiono del tutto fantasiosi e che tuttavia indicano circostanze di estrema gravità, che se fossero state effettivamente esistenti avrebbero individuato un rischio di catastrofe ambientale gravissimo. La leggerezza con la quale, per motivi esclusivamente legati al proprio personale interesse, il sig. Apollonio si lascia andare, approfittando dell'autorità derivantegli dal ruolo autoattribuitosi di 'interprete' delle esigenze della cittadinanza e di 'alfiere' della protezione dell'ambiente, a diffondere il panico relativamente alle attività di smaltimento e trattamento dei rifiuti svolto a Malagrotta appare indicativo della gravità dell'elemento soggettivo, cui andrà commisurata la responsabilità del convenuti. 7

8 Appare evidente che lo scopo delle campagne illecitamente orchestrate dal sig. Apollonio è da individuarsi proprio nel discredito delle attività degli odierni attori e nella diffusione di un sentimento di panico nei confronti dell'attività industriale svolta a Malagrotta dagli attori, propedeutico a prese di posizione politiche e amministrative di carattere punitivo per l'attività impren~ ditoriale degli stessi. Per evidenti ragioni, l'autorità politica appare vulnerabile rispetto a tali iniziative, che vengono sistematicamente rilanciate sulla stampa e in sede politica, generando così quel perverso circuito di discredito che esse sono appunto intese a provocare e che cagiona agli attori i gravi danni per cui si chiede qui tutela. Quanto ai fatti sub II letto c) e d), oltre ad attribuire, senza alcuna do~ curnentazione e circostanziazione, alla discarica fatti che andrebbero meglio circostanziati in un distretto come quello di Malagrotta, nel quale le emissioni possono provenire da una pluralità di fonti, il sig. Apollonio si lancia anche nell'insulto personale affermando che l'avv. Cerroni (al quale costantemente, nella sua campagna diffamatoria, riconduce le attività della discarica) sarebbe un pirata e un megalomane, dedito ad attività criminali. IV. Tali dichiarazioni devono, con ogni evidenza, considerarsi gravemente diffamatorie e ingiuriose, e pertanto profondamente lesive dell'onore, della reputazione, della dignità e della stessa identità personale, economica e professionale degli attori. Tutte le affermazioni riportate contengono notizie radicalmente false e addebiti gravissimi a carico degli attori e dei responsabili dello stabilimento, e ciò in particolare quanto 8

9 - all'addebito di sversare il percolato in mare attraverso il sistema di acque superficiali; - all'addebito di mantenere in stato di pericolo costante il terreno di discarica, sia in relazione alle dinamiche del biogas e del percolato che in esso si svolgerebbero senza adeguato trattamento sia in relazione alla costruzione di impianti industriali sul terreno carico di rifiuti e quindi pericoloso per i motivi accennati che ne farebbero una bomba pronta ad esplodere; - all'instaurazione di un nesso di causalità tra l'attività della discarica di Malagrotta e la situazione di inquinamento dell' area di Malagrotta e dell'intera Valle Galeria e cui si allude in termini allarmistici, al di fuori di qualsivoglia analisi della effettiva realtà e delle opportune verifiche e distinzioni, e quindi in termini che non possono neppure qualificarsi idonei a servire il pubblico interesse all'informazione. Agli attori si fa carico di reati quali l'avvelenamento delle acque e il consumato disastro, l'attentato alla pubblica incolumità e alla salute dei cittadini mentre, maliziosamente, si affermano gli 'agganci' e la 'mancanza di trasparenza' che ne caratterizzerebbe l'attività e gli consentirebbe di operare in sistematica violazione della legge. Gli attori vengono quindi rappresentati in definitiva alla stregua di gangster dediti al malaffare, che per scopi di puro profitto avrebbero messo a rischio e poi concretamente e irriversibilmente pregiudicato un intero ecosistema in danno della cittadinanza e delle generazioni future, con l'interessata complicità della Pubblica Amministrazione. Le dichiarazioni sopra riportate vengono peraltro espresse con perentoria certezza, formulandole come se si trattasse di fatti storicamente accertati e documentati, pur senza fornire alcun tipo di prova o dimostrazione degli addebiti rivolti alla società esercente la discarica di Malagrotta, e ciò solo sulla ba 9

10 se della circostanza che detenrunati prelievi dell ' ARPA Lazio nell' area di Malagrotta hanno evidenziato la presenza di certe sostanze chimiche, ma senza svolgere alcun approfondimento sulla causa di tali evidenze, causa che viene apoditticamente e sommariamente addebitata all'attività di discarica esercita dalla E. Giovi S.r.l., e senza neppure prendere in considerazione il contesto degli insediamenti produttivi dell'area, di cui si dirà meglio infra. Anche sotto il profilo della continenza le affermazioni riportate appaiono chiaramente censurabili [si pensi al frequente riferimento alla assoluta mancanza di controlli, che avrebbe caratterizzato lo smaltimento dei rifiuti per quarant'anni, all'altrettanto frequente riferimento agli interessi del 'dominus' (individuato nell'avv. Cerroni) come guida per l'operato della P.A. nella pianificazione del trattamento dei rifiuti in una città come Roma (<<alla potenza del privato ha sempre fatto riscontro l'impotenza del pubblico», «asservimento a interessi particolari», «subordinazione di fatto alla protervia del privato» ecc.), all'allusione spesso ripetuta all'essere «beccato con le mani nella marmellata» al frequente uso dell'epiteto 'criminale' riferito allo smaltimento dei rifiuti a Roma, o ad espressioni come 'Cajenna dei rifiuti' utilizzata per descrivere Malagrotta e le aree circostanti, e via seguitando]. Tali modalità dell'espressione indubbiamente devono ritenersi qualificanti l'illiceità della condotta lamentata. Gli addebiti vengono corroborati da affermazioni provenienti da esponenti della P.A., e (in termini tuttavia generici e nebulosi) da esponenti dell'associazionismo ambientalista e di 'nuovi' movimenti politici e da 'cittadini', sempre sulla base dell'impostazione che la situazione di degrado ambientale sia ad ascriversi all'attività di discarica, e sempre al di fuori di qualsivoglia analisi, verifica, replica degli interessati. lo

11 Con tale condotta, i convenuti tentano di indurre nella pubblica opinione e nelle Autorità amministrative destinatarie dei loro interventi non già valutazioni tecniche, ma la convinzione che gli attori - e il personale direttivo che ne gestisce l'operatività svolgano attività che, per il solo scopo del perseguimento del profitto economico, si pongono al di fuori della legalità essendo anzi suscettibili di definirsi criminose e come tali ripetutamente qualificate dai convenuti. V. Il comportamento che in questa sede si denuncia non incontra alcuna possibile giustificazione nella verità, neppure putativa, dei fatti narrati, nella continenza dell' espressione, nelle modalità di divulgazione, né tantomeno nel preteso esercizio di un diritto di critica. Nel caso di specie vengono infatti attribuiti a soggetti determinati comportamenti penalmente rilevanti di carattere specifico, consistenti in definitiva nella realizzazione di attività criminose, al più alto grado di illiceità, che, nell' attentare alla salute pubblica e alla pubblica incolumità, per fini meramente economici ed imprenditoriali, minano per sempre la salubrità dell'ambiente e delle acque, stravolgendo l'ecosistema, e che attentano ai più minuti aspetti della vita quotidiana ed alla occupazione delle persone nel territorio. Si è dunque in presenza, come è agevole constatare, di accuse che si pongono in contrasto con i diritti essenziali degli attori e, peraltro, con!'impegno di tutela dell'ambiente e della salute pubblica di cui sono protagonisti in Italia e nel Mondo. L'offesa all'onore, alla reputazione, alla stessa dignità e identità personale, economica e professionale degli attori, la cui attività è stata presentata in modo infamante e in contrasto con la verità, hanno avuto un tale rilievo da non consentire dubbi sull'esistenza, almeno astratta, del fatto reato. 11 ~..... _- _-~

12 Come si accennava, le affermazioni di cui ci si duole in questa sede riportavano una narrazione di fatti che venivano presentati come storicamente accaduti e verificati. Sotto questo profilo, con ogni evidenza, la condotta di cui ci si duole dovrà sottoporsi al controllo penetrante proprio del diritto c.d. di cronaca. Ma anche sotto il profilo del diritto c.d. di critica, per prevenire una possibile obiezione di controparte, l'operato dei convenuti non può che essere considerato illecito e lesivo dei diritti degli attori. Anche il diritto di critica deve muovere. infatti. da circostanze di fatto realmente verificatesi e non immaginarie o distorte. o artatamente manipolate. o da mezze verità. La critica, per essere legittima, secondo il costante orientamento delle Corti, deve muovere infatti da fatti veri, ponendosi altrimenti al di fuori della garanzia costituzionale della libera manifestazione del pensiero e configurandosi come fatto illecito lesivo dei diritti individuali altrui. I convenuti hanno grossolanamente violato - in maniera grave e visibilmente intenzionale - i limiti del diritto di manifestare il proprio pensiero, così integrando gli estremi della diffamazione a mezzo stampa per la quale si chiede qui di veder somministrata l'opportuna tutela giudiziaria. Non si potrà infatti ritenere che abbiano adempiuto agli obblighi di riportare o di costruire la propria espressione critica su circostanze esistenti e non immaginarie, di riferire dei fatti e non di costruirli, e di esprimersi in maniera corretta e oggettiva. Questi sono infatti - tra altri - i limiti che incontra la libertà di manifestazione del pensiero, e l'operato di chi di tale libertà intenda avvalersi. Si tratta di materia ampiamente delibata dalle Corti fin dalla fondamentale sentenza della Cassazione 18 ottobre 1984, n (in Foro it., 1984, I, c. 12, _.~

13 2711; in Giur. it., 1985, l,l, c. 762), il cui orientamento è stato poi sviluppato dalle successive pronunzie della Suprema Corte e delle Corti di merito, le quali hanno confermato che per potersi valere del diritto di cronaca si devono e sporre fatti veri; la verità non è più tale se è mezza verità o verità incompleta, dato che quest'ultima è più pericolosa dell'esposizione di singoli fatti falsi; occorre, secondo il consolidato orientamento giurisprudenziale, che venga rispettato il principio della continenza e della correttezza della esposizione; l'esimente della verità putativa non può essere invocata quando la fonte non è attendibile e non è verificata. Per potersi eccepire l'esime~te del diritto di manifestazione del pensiero o del diritto di informazione devono quindi concorrere «tre condizioni e cioè la utilità sociale dell 'informazione, la verità oggettiva o anche soltanto putativa purché, in quest 'ultimo caso, frutto di un serio e diligente lavoro di ricerca dei fatti esposti, la forma civile dell'esposizione dei fatti e della loro valutazione che deve essere improntata a serena obiettività almeno nel senso di escludere il preconcetto intento denigratorio» (Cass. 18 ottobre 1984, n. 5259, cit.). L'esimente della verità putativa può ammettersi quando risulti «esplicato ogni più attento vaglio in ordine all'attendibilità delle parti di informazione attraverso un profondo esame e un rigoroso controllo di verifica sulle notizie propalate da quella stessafonte» (Cass. 30 giugno 1984, in Foro il., 1984, n, c.531). Chi intenda esercitare il diritto di cronaca «ha l'obbligo di accertare in tutte le direzioni possibili la verità delle notizie che si accinge a diffondere in adempimento della propria funzione di informare l'opinione pubblica in ordine a fatti rilevanti e l'obbligo connesso di attivarsi alfine di attingere da più fonti, anche tra loro contrapposte, elementi di giudizio e di valutazione in or ~ ~

14 dine alla verità complessiva delle notizie che si accinge a pubblicare» (Trib. Milano 18 settembre 1989, in Dir. in!, 1990, p. 144). Non solo, anzi, si deve dimostrare di avere assolto all' onere di esaminare, controllare e verificare i fatti oggetto della narrazione, ma deve altresì offrirsi la prova della cura posta negli accertamenti svolti per stabilire la verità sostanziale dei fatti (Cass. 17 marzo 1992, in Dir. in!, 1993, p. 467; Casso 23 aprile 1992, in Dir. in!, 1993, p. 468; nella giurisprudenza più recente, v. tra molte Casso 22 gennaio 1996, n. 465, in Foro it., 1996, I, c. 493; Casso 4 luglio 1997, n. 6041, in Danno e resp., 1998, p. 284). Si è poi espressamente evidenziato come ai fini della responsabilità dell'autore sia rilevante «anche la imprudenza dewautore newoccuparsi di particolari argomenti senza conoscere adeguatamente la materia» (Cass., 20 luglio 20 l O, n ) e non costituisca esimente la circostanza che il danneggiante abbia attinto la notizia da fonti qualificate «senza aver assolto all 'obbligo di esaminare, controllare e verificare quanto oggetto della sua narrativa al fine di vincere ogni dubbio, non essendo sufficiente [neppure, n.d.r.] l'affidamento riposto in buona fede sulla fonte» (Cass. pen., 17 luglio 2009, n ; App. Milano, 19 giugno 2008). Mentre dalla giurisprudenza di merito si sottolinea che non può invocarsi «l'esercizio del diritto di cronaca sotto il profilo della putatività se non abbia dimostrato di aver posto ogni più oculata diligenza ed accortezza nell'individuazione delle fonti informative, di avere esplicato ogni più attento vaglio in ordine alla loro attendibilità, di avere operato ogni più penetrante e same e controllo sulla rispondenza al vero della notizia, non potendosi ritenersi svincolato dawonere di fornire tale dimostrazione, facendo semplice riferimento all'autorevolezza dellafonte» (App. Milano, 23 aprile 2010). 14 -_...~

15 Dirà il Tribunale in che modo i convenuti abbiano rispettato questi princìpi trasmettendo, anche con il mezzo pervasivo della pubblicazione su internet, notizie false in ordine alle attività svolte dalla società attrice e diffondendo un ingiustificato allarme nella popolazione con le reiterate ed incredibili affermazioni sull'attualità di un disastro ambientale di rilevanti dimensioni e sulla sua ascrivibilità all'attività di discarica RSU esercitata dalla Società E. Giovi S.r.L e dal Consorzio CO.La.Ri. Nel caso di specie, peraltro, è possibile affermare l'inesistenza di un pubblico interesse all'informazione e ciò in quanto le notizie false - ovvero, del pari, opinioni critiche fondate su fatti falsi - non possono realizzare l'utilità sociale cui la legge collega l'esistenza di questo interesse. Non avrebbe infatti senso ritenere che esista un interesse sociale all'informazionefalsa o alla critica fondata sull'affermazione difatti falsi. Né, come si accennava, varrebbe a giustificare le condotte denunciate affermare che le dichiarazioni in discorso debbano valutarsi alla stregua del c.d. diritto di critica, e ciò non solo per la scarsa dignità argomentativa delle stesse, ma perché anche la critica deve rispettare, siccome altrettanti limiti, i diritti individuali. Anche l'esercizio della critica è soggetto ai limiti della rilevanza sociale dell'argomento, dell'interesse pubblico e della correttezza delle espressioni usate, in definitiva presupponendo che una notizia vera preesista (Cass., sez. V pen., 3 giugno 1998, Favalli). Al di fuori di tali limiti, ritiene la giurisprudenza, ci si trova nel campo della diffamazione e dell'ingiuria (Cass., sez. V pen., 7 aprile 1992, Melchiorre, in Giur. il., 1993, II, c. 688). L'attribuzione a taluno, in termini oltretutto di perentoria certezza, di fatti non solo non accertati ma del tutto soggettivi non può sottrarsi al giudizio di illiceità solo perché inserita nel quadro di una determinata analisi critica (Cass., sez. I pen., 12 gen 15

16 naio 1996, Bocca, in Casso pen., 1997, p. 57; Casso pen., lo febbraio 1999, n. 6866, in Riv. Pen., 1999, p. 757), che nella specie invero non sussiste. VI. Occorre infine considerare - per la valutazione della sussistenza e della gravità del danno - il quadro in cui opera la diffamazione in discorso. Le notizie, non accuratamente controllate, o, come nel caso di specie, volutamente false e calunniose, per il solo fatto di comparire (e, nel caso di specie, di essere ossessivamente reiterate) in una o più fonti infonnative in qualche modo 'ufficiali' finiscono per assumere, al di là di qualsivoglia riscontro e persino al di là delle smentite e delle eventuali pubblicazioni in contrario, una propria attendibilità che le fa assurgere, anche se non realmente accadute, alla dignità di fatti storicamente verificatisi. La pubblicazione è avvenuta ed è ancora disponibile su una pluralità di siti internet che riportano la notizia facendola rimbalzare di sito in sito con il crisma dell'ufficialità che in qualche modo finisce per attribuirgli la circolazione e la costante ripetizione sulla rete internet. Si deve inoltre considerare la gravità dell'elemento soggettivo del fatto illecito e la gravità dello stesso fatto dannoso, intesa come gravità degli addebiti mossi all'attore e delle altre circostanze del caso. Sotto il primo aspetto si può ricordare che dalle modalità della diffamazione compiuta non può revocarsi in dubbio che si sia trattato di una azione preordinata a gettare discredito sull'attività degli attori in particolare e sull'attività condotta a Malagrotta con indubbio beneficio dell'intera regione. Sotto il secondo profilo può sottolinearsi la gravità intrinseca della diffamazione operata. Occorre a tal fme valutare la particolare incidenza - specie per una società come E. Giovi S.r.l. - di accuse come quelle che le sono state mosse nell'articolo per cui è causa. La Giovi S.r.l. esercisce infatti un pubblico servizio e la pubblicazione di false notizie e di erronei apprezzamenti 16

17 quali quelli gravissimi che sopra si sono riportati si traduce in un immediato allarme della popolazione e delle Autorità amministrative, contribuendo alla adozione di provvedimenti negativi per gli attori che l'autorità politica può essere indotta ad assumere per mostrare alla pubblica opinione di reagire agli 'allarmi' suscitati. Si dovrà poi tener conto della personalità degli attori e della loro collocazione sociale e professionale, che in questo caso assume il più alto rilievo, trattandosi di uno dei maggiori gruppi industriali del mondo in questo settore, con un fatturato pari a centinaia di milioni, sì che la lesione della reputazione fmisce per ridondare in un danno che trascende la sfera personale degli attori, che sono presenti con società collegate e consorziate in moltissimi paesi, con posizioni di leadership, e tra questi in Brasile, in Canada, in Inghilterra, in E gitto, in Norvegia, con impianti di smaltimento che seguono le tecnologie perfezionate proprio a Malagrotta. Gli attori come si dirà meglio infra, sub IX operano infatti da molti decenni in diversi continenti sulla base del capitale di esperienza tecnologica, di credibilità economica e imprenditoriale, di cultura dello smaltimento di cui ha posto le basi nella ormai trentennale attività di smaltimento dei rifiuti nella città di Roma, di talché un attacco mediatico alla collocazione delle società del gruppo nella loro realtà di origine non può che tradursi in un pregiudizio che assume risonanza in tutto l'ambito territoriale delle attività del gruppo di imprese. VII. Senza alcuna inversione dell' onere della prova, che come è ben noto grava sul convenuto per ciò che attiene alla verità delle affennazioni per cui è causa, e al fine invece di sottolineare la gravità delle condotte qui contestate 17

18 in relazione alla personalità degli attori, giova ancora sottolineare quanto segue. La discarica di Malagrotta riceve, da oltre 25 anni, i rifiuti solidi urbani della città di Roma. L'intera massa dei rifiuti prodotti ammonta a circa tonnellate al giorno. Di queste, circa tonnellate al giorno vengono smaltite negli impianti di Malagrotta. L'area di Malagrotta si estende per circa 200 ha, di cui circa 160 ca. sono destinati a discarica, per una profondità di molte decine di metri lineari. Via via che i rifiuti vengono destinati a discarica, essi vengono ricoperti. Via via che i singoli lotti dell'area vengono esauriti, essi vengono destinati ad una ricopertura definitiva (c.d. 'capping') che consisterà nella destinazione a verde delle aree ricoperte, sulle quali si prevede che saranno piantumati alberi. Nell'area di Malagrotta insistono vari e importanti impianti che realizzano uno fra i più moderni complessi deputati al trattamento industriale dei rifiuti urbani ed allo sfruttamento delle risorse con soluzioni tecnologiche d'avanguardia. Tale complesso comprende: - due impianti per il trattamento meccanico-biologico dei rifiuti (indicato con l'acronimo TMB) detti Malagrotta l e Malagrotta 2 che hanno la potenzialità nominale complessiva di l1giorno. Tale potenzialità ne fa il complesso più grande fra gli esistenti al mondo destinato alla produzione di l1giorno di combustibile da rifiuto (CDR); - una centrale elettrica incentrata su di un gassificatore, che applica una tecnica modernissima per il trattamento termico del combustibile e conseguente produzione di energia elettrica; 18

19 - altre due centrali elettriche, attrezzate l'una con motogeneratori e l'altra con turbìne a gas, per lo sfruttamento energetico del biogas che si produce nella discarica. Nella discarica sono infatti collocati migliaia di pozzi di captazione con cui viene raccolto il gas prodotto a tutte le profondità dai rifiuti accumulati, gas che viene utilizzato, oltre che per la produzione di energia elettrica, come detto, anche per la produzione di biometano. Nell'area di Malagrotta esiste, infatti, anche un impianto di produzione di biometano impiegato per usi di autotrazione, sia di veicoli per la raccolta dei rifiuti dell' AMA, sia di n. 7 minibus, acquistati dalla E. Giovi Srl ed affidati ad ATAC, per l'impiego come mezzi di pubblico trasporto in linee che interessano le vicinanze della discarica. Recentemente è stato anche predisposto un impianto di distribuzione del biometano da rifiuti al pubblico, di prossima entrata in funzione. È inoltre da annoverare, nel complesso industriale, un impianto di depurazione delle acque, articolato su varie linee (di cui due già realizzate), destinate oltre che al trattamento delle acque di processo del gassificatore soprattutto a quello del percolato della discarica. Detto percolato, che in oggi trova smaltimento presso impianti esterni ubicati anche al di fuori del Lazio, ad impianti completati, sarà interamente trattato all'interno dell'area di Malagrotta con notevoli benefici ambientali dovuti al recupero di acque per uso industriale e alla eliminazione di notevoli attività di trasporto su strada. n risultato frnale di tali lavorazioni di rifiuti urbani è costituito da materiali igienizzati e/o inerti, (nonché - in uscita dal gassificatore - da un granulato metallico vetrificato), per i quali sono in corso procedure normative che ne consentiranno l'utilizzazione anche in Italia, come già avviene in altri Pae SI. 19

20 Nell'area di Malagrotta insiste un gassificato re, che assorbe un volume di circa 600 tonnellate al giorno di rifiuti. In esso si riducono i rifiuti e i gas prodotti dai rifiuti a materia prima della produzione di energia, previa selezione ed eliminazione di taluni rifiuti particolari (ad esempio materiali in metallo, bottiglie di plastica). Il risultato finale di tale lavorazione, destinata alla produzione di energia, consiste in un materiale inerte che unitamente ad altri materiali inerti può essere utilizzato, tra l'altro, per la ricopertura della discarica. Oltre ai rifiuti trattati presso gli impianti TMB, circa ulteriori tonnellate al giorno di RSU sono destinate allo smaltimento diretto in discarica. Tali materiali vengono raccolti durante un ciclo di 24/24 h e pervengono quindi in discarica a ciclo continuo. Essi affiuiscono in una prima stazione di trasferimento dalla quale, nel corso delle ore diurne (per evidenti ragioni pratiche e di sicurezza), vengono trasportati nei lotti di volta in volta 'coltivati' ove vengono deposti con opportuni accorgimenti e poi, entro le 24 ore, ricoperti con materiali inerti per evitare dispersioni di polveri e limitare l'eventuale diffusione di odori. VDI. L'attività della Società E. Giovi è assoggettata alle disposizioni del d.lgs (Attuazione della direttiva 99/31/CE relativa alle discariche di rifiuti), dalle quali deriva la sottoposizione ad un'attività programmata di monitoraggio e controllo, le cui risultanze sono periodicamente comunicate alle Autorità competenti. La Società attrice ha assunto nel corso del tempo una serie di iniziative rivolte alla tutela ambientale, nell'immediatezza dell'esercizio e in progresso di tempo, di cui occorre mettere, sia pure in modo schematico, in risalto i principali aspetti: 20

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera:

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera: Problematiche relative alla nuova formulazione dell art. 2 Legge Guarentigie. Interpretazione del nuovo testo dell'art. 2 L.G., così come modificato dal D.L.vo n. 109/2006 (Risoluzione del 6 dicembre 2006)

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli