LAVORO. Opera Edile COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI COMMITTENTI RESPONSABILI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LAVORO. Opera Edile COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI COMMITTENTI RESPONSABILI"

Transcript

1 LAVORO CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: Natura dell'opera: OGGETTO: Importo presunto dei Lavori: Numero massimo di lavoratori: Entità presunta del lavoro: Opera Edile COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI ,00 euro 6 (massimo presunto) 280 uomini/giorno Dati del CANTIERE: Indirizzo Città: VIA TREXENTA IGLESIAS COMMITTENTI DATI COMMITTENTE: Ragione sociale: COMUNE DI IGLESIAS RESPONSABILI Progettista: Nome e Cognome: SALVATORE ANGELO FIGUS Qualifica: INGEGNERE Indirizzo: VIA G. GIUSTI N 10 Città: IGLESIAS CAP: Telefono / Fax: 0781/ Indirizzo salvatoreangelo.figus ingpec.eu Direttore dei Lavori: Nome e Cognome: C.S Coordinatore Sicurezza in fase di progettazione: Nome e Cognome: SALVATORE ANGELO FIGUS Qualifica: INGEGNERE COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 1

2 Coordinatore Sicurezza in fase di esecuzione: Nome e Cognome: SALVATORE ANGELO FIGUS Qualifica: INGEGNERE IMPRESE DOCUMENTAZIONE Telefoni ed Indirizzi Utili Carabinieri tel. 112 Polizia tel. 113 Vigili del fuoco tel. 115 Pronto soccorso tel. 118 Certificati Imprese A scopo preventivo e per le esigenze normative le imprese che operano in cantiere dovranno mettere a disposizione del committente e custodire presso gli uffici di cantiere la seguente documentazione: (1) copia iscrizione alla C.C.I.A.A.; (2) certificati regolarità contributiva INPS; (3) certificati iscrizione Cassa Edile; (4) copia del registro infortuni; (5) copia del libro matricola dei dipendenti; (6) piano di sicurezza corredato dagli eventuali aggiornamenti. Inoltre, dovrà essere conservata negli uffici del cantiere anche la seguente documentazione: (7) libretti di omologazione degli apparecchi di sollevamento ad azione non manuale di portata superiore a 200 kg.; (8) copia di denuncia di installazione per gli apparecchi di sollevamento non manuali di portata superiore a 200 kg.; (9) verifica trimestrale delle funi e delle catene riportata sul libretto di omologazione degli apparecchi di sollevamento; (10) verifica annuale degli apparecchi di sollevamento non manuali di portata superiore a 200 kg.; (11) dichiarazione di stabilità degli impianti di betonaggio; (12) copia di autorizzazione ministeriale e relazione tecnica per i ponteggi metallici fissi; (13) disegno esecutivo del ponteggio firmato dal responsabile di cantiere per ponteggi montati secondo schemi tipo; (14) progetto del ponteggio ad opera di ingegnere o architetto abilitato per ponteggi COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 2

3 difformi da schemi tipo o per altezze superiori a 20 m; (15) dichiarazione di conformità Legge 46/90 per impianto elettrico di cantiere; (16) segnalazione all'esercente l'energia elettrica per lavori effettuati a meno di 5 metri dalle linee elettriche stesse. Certificati Lavoratori A scopo preventivo e per le esigenze normative va tenuta presso gli uffici del cantiere la seguente documentazione: (17) registro delle visite mediche periodiche; (18) certificati di idoneità per lavoratori minorenni; (19) tesserini di vaccinazione antitetanica. COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 3

4 DESCRIZIONE DEL CONTESTO IN CUI È COLLOCATA L'AREA DEL CANTIERE (punto 2.1.2, lettera a, punto 2, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008) Il giardino della Villa Boldetti è ubicato nel centro urbano della Città di Iglesias, si estende su un'area di circa mq, con dimensioni massime di 120 m per 140 m, andamento morfologico declinante in direzione sud con differenza di quota fra la via Trexenta e la parte bassa di circa 12 m. Ha accesso dalla via Trexenta è delimitato a sud dalla stessa villa e da proprietà private, a nord dalla via Trexenta, a est da proprietà private, a ovest dal giardino della Villa Monteverdi. DESCRIZIONE SINTETICA DELL'OPERA (punto 2.1.2, lettera a, punto 3, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008) INTERVENTI DI PROGETTO EDIFICI Edificio A Nell edificio A dovranno essere eseguite le seguenti lavorazioni: 1. Revisione portone in legno consistente in smontaggio portone, rifacimento pannellatura, riverniciatura, installazione di apparecchiature di chiusura adeguate alle dimensioni, montaggio serratura, montaggio copribili. 2. Completamento posa infissi in legno consistente in demolizione, rifacimento mazzette, fornitura e montaggio coprifili. 3. Rifacimento di intonaci e tinteggiature consistente in: disfacimento con spicconatura di intonaco; rinzaffo; rifacimento di intonaco; Tinteggiatura delle superfici. Edificio B Nell edificio B dovranno essere eseguite le seguenti lavorazioni: 1. Realizzazione copertura B con struttura in legno lamellare da realizzarsi nel seguente modo: demolizione di circa 35 m di muratura spessore 50 cm in pietrame per un altezza di circa 30 cm nel perimetro del fabbricato per la realizzazione di cordolo di rinforzo in c.a; realizzazione di cordolo in c.a. sagomato con cassaforma in polistirolo spessore 50 cm h= 30; COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 4

5 fornitura e posa di struttura in legno; fornitura e posa di tavolato; montaggio coibentazione in poliuretano presente in cantiere; fornitura e posa in opera di impermeabilizzazione; realizzazione canali di gronda e discendenti pluviali. 2. Completamento posa infissi in legno consistente in demolizione, rifacimento mazzette, fornitura e montaggio coprifili. 3. Rimozione di lastre esistenti e posa di davanzali e soglie. 4. Rifacimento di intonaci e tinteggiature consistente in: disfacimento con spicconatura di intonaco; rinzaffo; rifacimento di intonaco; Tinteggiatura delle superfici. EDIFICIO C Nell edificio C dovranno essere eseguite le seguenti lavorazioni: 1. Completamento posa infissi in legno consistente in demolizione, rifacimento mazzette, fornitura e montaggio copribili; 2. Rimozione di lastre esistenti e posa di davanzali e soglie; 3. Rifacimento di intonaci e tinteggiature consistente in : disfacimento con spicconatura di intonaco; rinzaffo; rifacimento di intonaco; Tinteggiatura delle superfici. 4. Tinteggiatura di pareti interne 5. Fornitura e posa di grate metalliche a protezione degli infissi; 6. Posa in opera di serbatoio acqua potabile presente in cantiere; 7. Sostituzione di serrature complete per n 6 porte per interni e n 3 portoncini blindati ad anta singola per esterni; 8. Completamento del rivestimento dei bagni con piastrelle; 9. Completamento e revisione di Impianto idrico sanitario; 10. Completamento impianto elettrico e di illuminazione; PARCO Nell area parco dovranno essere eseguite le seguenti lavorazioni: 1. Verniciatura di ringhiere; COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 5

6 2. Completamento linee di alimentazione elettrica per l illuminazione del parco; 3. Completamento linea di alimentazione quadro Q2; 4. Rifacimento di pavimentazione naturale in terra stabilizzata; 5. Realizzazione di canala di scolo acque meteoriche; 6. Pulizia di pozzetti fognari di drenaggio acque bianche, smontaggio e rimontaggio in quota delle caditoie in ghisa; 7. Fornitura e posa in opera di n 3 cancelli in ferro lavorato; 8. Sistemazione di recinzione in rete metallica; 9. Pulizia e sistemazione di circa 1000 mq dell'area del parco; 10. Fornitura e posa in opera di tappeto erboso; 11. Completamento e messa in esercizio di impianto di irrigazione; 12. Riposizionamento in quota di n 10 panchine; 13. Completamento di impianto di illuminazione del parco. AREA DEL CANTIERE Individuazione, analisi e valutazione dei rischi (punto 2.1.2, lettera c, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008) Scelte progettuali ed organizzative, procedure, misure preventive e protettive (punto 2.1.2, lettera d, punto 1, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008) CARATTERISTICHE AREA DEL CANTIERE La zona interessata dal cantirere si estende su un'area di circa mq, con dimensioni massime di 120 m per 140 m, andamento morfologico declinante in direzione sud con differenza di quota fra la via Trexenta e la parte bassa di circa 12 m. Ha accesso dalla via Trexenta. La viabilità interna è costituita da uno stradello della larghezza di circa 3.50 m che collega l'accesso con gli edifici presenti e con la parte a confine con il cortile della villa, sono inoltre presenti stradelli di larghezza pari a 1.80 m che permettono l'accesso alle varie zone del parco. FATTORI ESTERNI CHE COMPORTANO RISCHI PER IL CANTIERE Dato che il cantiere è completamente recintato e separato dalla viabilità esterna i rischi sono legati alle possibili interferenze in fase di approvigionamento dei materiali, fra i mezzi impegnati nel cantiere il traffico veicolare sulla via Trexenta. Un altro fattore di rischio per il cantiere è rappresentato dalla vegetazione che sopratutto nel periodo estivo potrebbe essere interessata da COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 6

7 incendio. Per limitare tale rischio nel progetto è prevista la pulizia e potatura del verde e la messa in esercizio di un impianto di distribuzione idrica su tutto il parco che potrebbe essere utilizzato a fini antincendio. RISCHI CHE LE LAVORAZIONI DI CANTIERE COMPORTANO PER L'AREA CIRCOSTANTE I rischi sono legati alle possibili interferenze in fase di approvigionamento dei materiali, fra i mezzi impegnati nel cantiere il traffico veicolare sulla via Trexenta. Un altro fattore di rischio è rappresentato dalla presenza di abitazioni e giardini privati in adiacenza al cantiere. Come già detto nel parco è presente una rigogliosa vegetazione e in caso di incendio le fiamme poterbbero interessare le abitazioni e i giardini circostanti. Per limitare tale rischio nel progetto è prevista la pulizia e potatura del verde e la messa in esercizio di un impianto di distribuzione idrica su tutto il parco che potrebbe essere utilizzato a fini antincendio. ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE Individuazione, analisi e valutazione dei rischi (punto 2.1.2, lettera c, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008) Scelte progettuali ed organizzative, procedure, misure preventive e protettive (punto 2.1.2, lettera d, punto 2, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008) Parcheggio autovetture Le autovetture delle maestranze e dei tecnici di cantiere non potranno accedere al cantiere stesso ma dovranno essere parcheggiate nel parcheggio pubblico ubicato in corrispondenza dell'accesso al parco nella via Trexenta. Modalità di accesso dei mezzi di fornitura materiali Allo scopo di ridurre i rischi derivanti dalla presenza occasionale di mezzi per la fornitura di materiali, la cui frequenza e quantità è peraltro variabile anche secondo lo stato di evoluzione dei lavori, si procederà a redigere un programma degli accessi, correlato al programma dei lavori. In funzione di tale programma, al cui aggiornamento saranno chiamati a collaborare con tempestività i datori di lavoro delle varie imprese presenti in cantiere, si prevederanno adeguate aree di carico e scarico nel cantiere, e personale a terra per guidare i mezzi all'interno del cantiere stesso. Gabinetti Nel cantiere saranno installati w.c. chimici in numero adeguato al personale impiegato Locali per lavarsi Nel cantiere sarà installato un box prefabbricato dotato di locale destinato a refettorio e dotato di bagno con doccia. Misure di sicurezza contro i rischi provenienti dall'esterno Il cantiere oggetto della presente valutazione è attiguo a strada urbana. Per quanto concerne gli effetti derivanti dalla presenza di viabilità con flusso veicolare, risulta evidente come i rischi conseguenti siano da individuarsi nella possibilità di incidenti o investimenti. Per minimizzare tali rischi, si provvederà a posizionare opportuna segnaletica agli accessi del cantiere e a destinare alcuni operai a facilitare l'immissione nella viabilità ordinaria delle auto e degli automezzi provenienti dal cantiere. COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 7

8 Misure di sicurezza contro i possibili rischi di incendio Nel cantiere esiste il pericolo di incendio sarà pertanto: a) vietato fumare; b) è vietato usare apparecchi a fiamma libera e manipolare materiali incandescenti, a meno che non siano adottate idonee misure di sicurezza; c) devono essere predisposti mezzi di estinzione idonei in rapporto alle particolari condizioni in cui possono essere usati, in essi compresi gli apparecchi estintori portatili di primo intervento; detti mezzi devono essere mantenuti in efficienza e controllati almeno una volta ogni sei mesi da personale esperto; d) deve essere assicurato, in caso di necessità, l'agevole e rapido allontanamento dei lavoratori dai luoghi pericolosi. Disposizioni per il coordinamento dei Piani Operativi con il Piano di Sicurezza I datori di lavoro delle imprese esecutrici dovranno trasmette il proprio Piano Operativo al coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione con ragionevole anticipo rispetto all'inizio dei rispettivi lavori, al fine di consentirgli la verifica della congruità degli stessi con il Piano di Sicurezza e di Coordinamento. Il coordinatore dovrà valutare l'idoneità dei Piani Operativi disponendo, se lo riterrà necessario, che essi vengano resi coerenti al Piano di Sicurezza e Coordinamento; ove i suggerimenti dei datori di lavoro garantiscano una migliore sicurezza del cantiere, potrà, altresì, decidere di adottarli modificando il Piano di Sicurezza e di Coordinamento. SEGNALETICA GENERALE PREVISTA NEL CANTIERE Divieto di accesso alle persone non autorizzate. Autoveicoli non autorizzati Vietato spegnere con acqua Vietato fumare. Pericolo di inciampo. COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 8

9 Caduta con dislivello. Protezione obbligatoria del viso. Protezione obbligatoria del corpo. Protezione individuale obbligatoria contro le cadute. Guanti di protezione obbligatoria. Calzature di sicurezza obbligatorie. Protezione obbligatoria dell'udito. E' severamente proibito avvicinarsi agli scavi Dispersore di terra COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 9

10 LAVORAZIONI e loro INTERFERENZE Individuazione, analisi e valutazione dei rischi (punto 2.1.2, lettera c, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008) Scelte progettuali ed organizzative, procedure, misure preventive e protettive (punto 2.1.2, lettera d, punto 3, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008) Allestimento del cantiere L'allestimento e l'organizzazione del cantiere sarà realizzata come di seguito riportato: - recinzione dell'area d'intervento non necessaria in quanto il parco è già completamente recintato; - ubicazione degli accessi; - realizzazione della viabilità del cantiere; - realizzazione degli impianti di cantiere (acqua, elettricità, ecc.); - realizzazione dell'impianto di messa a terra; - localizzazione dei servizi sanitari; - localizzazione dei luoghi di lavoro fissi (banco del ferraiolo, betoniera, molazza, ecc.). La Lavorazione è suddivisa nelle seguenti Fasi e Sottofasi: Installazione nel cantiere di presidi igienico-sanitari Installazione nel cantiere di presidi igienico-sanitari (fase) Nel cantiere verrà installato un servizio igienico da cantiere con w.c. chimico e un box uffici e zona ristoro. Macchine utilizzate: 1) Autocarro; 2) Autogrù. Lavoratori impegnati: 1) Addetto all'imbracatura [Apparecchi di sollevamento]; Addetto all'imbracatura, all'avviamento ed alla ricezione del carico, e alle segnalazioni con l'operatore dell'apparecchio di sollevamento. a) DPI: Addetto all'imbracatura [Apparecchi di sollevamento]; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b) guanti; c) scarpe di sicurezza con suola antiscivolo e imperforabile. a) Caduta dall'alto; b) Caduta di materiale dall'alto o a livello; c) Elettrocuzione; d) Rumore: dba < 80; a) Attrezzi manuali; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Colpi, tagli, punture, abrasioni. 2) Addetto all'installazione di box prefabbricati; Addetto all'installazione, montaggio e messa in esercizio di box prefabbricati nel cantiere. a) DPI: Addetto all'installazione di box prefabbricati; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b) guanti; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d) occhiali di sicurezza. COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 10

11 a) Rumore: dba 80 / 85; a) Attrezzi manuali; b) Avvitatore elettrico; c) Ponteggio mobile o trabattello; d) Saldatrice elettrica; e) Scala doppia; f) Smerigliatrice angolare (flessibile); g) Trapano elettrico; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Cesoiamenti, stritolamenti, impatti, lacerazioni; Elettrocuzione; Caduta dall'alto; Disturbi alla vista; Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; Incendi o esplosioni; Ustioni. PARCO La Lavorazione è suddivisa nelle seguenti Fasi e Sottofasi: Messa in esercizio di condotta fognaria Completamento e messa in esercizio dell'impianto di distribuzione idrica Completamento e messa in esercizio dell'impianto elettrico Formazione di manto stradale Posa tradizionale di intonaci esterni Posa in opera di ringhiere Posa in opera di arredo urbano Posa di colonnine per illuminazione Sistemazione a verde Messa in esercizio di condotta fognaria (fase) Messa in esercizio di impianto fognario costituito da condotte fognarie in p.v.c e pozzetti prefabbricati mediante pulizia dei pozzetti e riposizionamento delle caditoie e dei chiusini. Macchine utilizzate: 1) Autocarro. Lavoratori impegnati: 1) Addetto alla messa ine sercizio di condotte fognarie; Addetto alla messa in esercizio di impianto fognario costituito da condotte fognarie in p.v.c e pozzetti prefabbricati mediante pulizia dei pozzetti e riposizionamento delle caditoie e dei chiusini. a) DPI: Addetto alla messa in esercizio di impianto fognario; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b) guanti; c) occhiali protettivi; d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; e) mascherina antipolvere; f) otoprotettori. a) Caduta dall'alto; b) Rumore: dba 85 / 90; c) Seppellimenti e sprofondamenti; a) Andatoie e Passerelle; b) Attrezzi manuali; c) Compressore con motore endotermico; d) Martello demolitore pneumatico; e) Molazza; f) Scala semplice; g) Smerigliatrice angolare (flessibile); COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 11

12 Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Cesoiamenti, stritolamenti, impatti, lacerazioni; Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; Incendi o esplosioni; Investimento e ribaltamento; Scoppio; Vibrazioni; Scivolamenti e cadute; Elettrocuzione; Ustioni. Completamento e messa in esercizio dell'impianto di distribuzione idrica (fase) Completamento e messa in esercizio dell'impianto di distribuzione idrica mediante completamento dei collegamenti delle condotte esistenti. Macchine utilizzate: 1) Autocarro. Lavoratori impegnati: 1) Addetto alla posa in opera di condotta idrica; Completamento e messa in esercizio dell'impianto di distribuzione idrica mediante completamento dei collegamenti delle condotte esistenti. a) DPI: Addetto alla posa in opera di condotta idrica; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b) guanti; c) occhiali protettivi; d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; e) mascherina antipolvere; f) otoprotettori. a) Caduta dall'alto; b) Rumore: dba 80 / 85; c) Seppellimenti e sprofondamenti; a) Andatoie e Passerelle; b) Attrezzi manuali; c) Compressore con motore endotermico; d) Martello demolitore pneumatico; e) Scala semplice; f) Smerigliatrice angolare (flessibile); Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Cesoiamenti, stritolamenti, impatti, lacerazioni; Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; Incendi o esplosioni; Investimento e ribaltamento; Scoppio; Vibrazioni; Scivolamenti e cadute; Elettrocuzione; Ustioni. Completamento e messa in esercizio dell'impianto elettrico (fase) Completamento e messa in esercizio dell'impianto elettrico mediante posa in opera di conduttori flessibili di rame con isolamento in p.v.c. e loro collegamento ai quadri esistenti. Lavoratori impegnati: 1) Addetto alla posa in opera dell'impianto elettrico; Addetto al completamento e messa in esercizio dell'impianto elettrico mediante posa in opera di conduttori flessibili di rame con isolamento in p.v.c. e loro collegamento ai quadri esistenti. a) DPI: Addetto alla posa in opera dell'impianto elettrico; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti isolanti; b) occhiali protettivi; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo. a) Rumore: dba < 80; a) Attrezzi manuali; b) Ponte su cavalletti; c) Ponteggio mobile o trabattello; d) Saldatrice elettrica; COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 12

13 e) Scala doppia; f) Smerigliatrice angolare (flessibile); g) Trapano elettrico; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Caduta dall'alto; Disturbi alla vista; Elettrocuzione; Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; Incendi o esplosioni; Ustioni; Cesoiamenti, stritolamenti, impatti, lacerazioni. Formazione di manto stradale (fase) Realizzazione di manto stradale, con strato in terra stabilizzata. Macchine utilizzate: 1) Autocarro; 2) Finitrice; 3) Rullo compressore; 4) Autobetoniera. Lavoratori impegnati: 1) Addetto a terra alla finitrice; Collaboratore a terra alle operazioni di posa di manto in terra stabilizzata a mezzo finitrice. a) DPI: Addetto a terra alla finitrice; Fornire al lavoratore adeguati dispositivi di prevenzione individuale: a) guanti contro le aggressioni meccaniche (perforazioni, tagli, vibrazioni, ecc.); b) indumenti di lavoro di sicurezza (tute); c) scarpe di tipo antinfortunistico (suola imperforabile, slacciamento rapido, punta rinforzata contro lo schiacciamento); d) elmetto; e) occhiali. a) Cesoiamenti, stritolamenti, impatti, lacerazioni; b) Getti o schizzi; c) Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; d) Investimento e ribaltamento; e) Rumore: dba 80 / 85; a) Attrezzi manuali; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Colpi, tagli, punture, abrasioni. Posa tradizionale di intonaci esterni (fase) Posa di intonaci esterni eseguita a mano. Lavoratori impegnati: 1) Addetto alla posa tradizionale di intonaci esterni; Addetto alla posa a mano di intonaci esterni. a) DPI: Addetto alla posa tradizionale di intonaci esterni; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b) guanti; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d) maschera respiratoria a filtri; e) occhiali. a) Rumore: dba < 80; a) Andatoie e Passerelle; b) Argano a bandiera; c) Attrezzi manuali; d) Ponteggio metallico fisso; e) Scala semplice; Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Scivolamenti e cadute. COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 13

14 Posa in opera di ringhiere (fase) Posa in opera di ringhiere, previo scarico, accatastamento in cantiere e sollevamento al piano e verniciatura. Lavoratori impegnati: 1) Addetto alla posa in opera di ringhiere; Posa in opera di ringhiere, previo scarico e accatastamento in cantiere e sollevamento al piano e verniciatura. a) DPI: Addetto alla posa in opera di ringhiere; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b) casco; c) calzature di sicurezza con suola antiscivolo ed imperforabile; d) occhiali; e) otoprotettori. a) Rumore: dba 80 / 85; a) Attrezzi manuali; b) Cannello per saldatura ossiacetilenica; c) Pistola per verniciatura a spruzzo; d) Ponteggio metallico fisso; e) Smerigliatrice angolare (flessibile); Caduta di materiale dall'alto o a livello; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; Incendi o esplosioni; Ustioni; Getti o schizzi; Caduta dall'alto; Scivolamenti e cadute; Cesoiamenti, stritolamenti, impatti, lacerazioni; Elettrocuzione. Posa in opera di arredo urbano (fase) Realizzazione di arredo urbano lungo strade, viali, aree a verde, costituito la posa in opera di panchine, alberi di piccolo fusto, fontanelle, cestini portarifiuti, fioriere, ecc. Macchine utilizzate: 1) Autocarro; 2) Autogrù. Lavoratori impegnati: 1) Addetto alla posa in opera di arredo urbano; Addetto all realizzazione di arredo urbano a) DPI: Addetto alla posa in opera di arredo urbano; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b) guanti; c) occhiali protettivi; d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile. a) Rumore: dba 80 / 85; a) Attrezzi manuali; b) Saldatrice elettrica; c) Smerigliatrice angolare (flessibile); d) Trapano elettrico; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Disturbi alla vista; Elettrocuzione; Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; Incendi o esplosioni; Ustioni; Cesoiamenti, stritolamenti, impatti, lacerazioni. Posa di colonnine per illuminazione (fase) Posa in opera di colonnine illuminazione. Macchine utilizzate: 1) Autobetoniera; 2) Dumper; 3) Autocarro. COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 14

15 Lavoratori impegnati: 1) Addetto alla posa di colonnine per illuminazione; Addetto alla posa in opera di colonnine luminose. a) DPI: Addetto alla posa di pali per pubblica illuminazione; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b) guanti; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d) occhiali protettivi; e) mascherina antipolvere. a) Rumore: dba 80 / 85; a) Attrezzi manuali; b) Carriola; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Colpi, tagli, punture, abrasioni. Sistemazione a verde (fase) Sistemazione di area a verde attrezzato, ottenuta mediante limitati movimenti terra (per la modifica e/o correzione del profilo del terreno), la messa a dimora di nuova alberatura o potatura di quella presistente, la preparazione del terreno per la semina di prato. Macchine utilizzate: 1) Dumper; 2) Motozappa; 3) Pala meccanica; 4) Trattore. Lavoratori impegnati: 1) Addetto alla sistemazione a verde; Addetto alla sistemazione di area a verde attrezzato, ottenuta mediante limitati movimenti terra (per la modifica e/o correzione del profilo del terreno), la messa a dimora di nuova alberatura o potatura di quella presistente, la preparazione del terreno per la semina di prato. a) DPI: Addetto alla sistemazione a verde; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b) guanti; c) indumenti protettivi (tute); d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile. a) Rumore: dba 80 / 85; a) Attrezzi manuali; b) Carriola; c) Compattatore a piatto vibrante; d) Decespugliatore a motore; e) Scala doppia; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Cesoiamenti, stritolamenti, impatti, lacerazioni; Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; Incendi o esplosioni; Movimentazione manuale dei carichi; Scivolamenti e cadute; Vibrazioni; Ustioni; Caduta dall'alto; Elettrocuzione. COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 15

16 EDIFICI La Lavorazione è suddivisa nelle seguenti Fasi e Sottofasi: EDIFICIO A Rimozione di intonaci e/o rivestimenti esterni Posa tradizionale di intonaci esterni Posa in opera di serramenti Tinteggiatura di superfici esterne EDIFICIO B Realizzazione carpenteria per strutture in c.a. Lavorazione e posa ferri di armatura Getto di cordolo in c.a Disarmo opere in c.a. Rimozione di intonaci e/o rivestimenti esterni Montaggio elementi prefabbricati in legno Realizzazione di copertura in legno Realizzazione di opere di lattoneria Posa in opera di tegole, coppi, ecc. Posa tradizionale di intonaci esterni Posa in opera di serramenti Tinteggiatura di superfici esterne EDIFICIO C Rimozione di intonaci e/o rivestimenti esterni Posa tradizionale di intonaci esterni Completamento dell'impianto elettrico interno Completamento dell'impianto idrico-sanitario Posa di intonaci interni Posa rivestimenti interni Posa in opera di ringhiere Posa in opera di serramenti Tinteggiatura di superfici esterne EDIFICIO A (fase) Rimozione di intonaci e/o rivestimenti esterni (sottofase) Demolizione di intonaci esterni. Macchine utilizzate: 1) Autocarro. Lavoratori impegnati: 1) Addetto alla rimozione di intonaci e/o rivestimenti esterni; Addetto alla demolizione di intonaci esterni. a) DPI: Addetto alla rimozione di intonaci e/o rivestimenti esterni; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b) guanti; c) occhiali protettivi; d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; e) mascherina antipolvere; f) cintura di sicurezza; g) otoprotettori. a) Caduta di materiale dall'alto o a livello; b) Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; c) Rumore: dba 85 / 90; a) Argano a cavalletto; b) Attrezzi manuali; COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 16

17 c) Martello demolitore elettrico; d) Ponteggio metallico fisso; e) Smerigliatrice angolare (flessibile); Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Cesoiamenti, stritolamenti, impatti, lacerazioni; Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; Vibrazioni; Scivolamenti e cadute; Ustioni. Posa tradizionale di intonaci esterni (sottofase) Posa di intonaci esterni eseguita a mano. Lavoratori impegnati: 1) Addetto alla posa tradizionale di intonaci esterni; Addetto alla posa a mano di intonaci esterni. a) DPI: Addetto alla posa tradizionale di intonaci esterni; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b) guanti; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d) maschera respiratoria a filtri; e) occhiali. a) Rumore: dba < 80; a) Andatoie e Passerelle; b) Attrezzi manuali; c) Ponteggio metallico fisso; d) Scala semplice; Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Scivolamenti e cadute; Elettrocuzione. Posa in opera di serramenti (sottofase) Posa in opera di serramenti in legno, PVC, metallo con o senza taglio termico, ecc. Lavoratori impegnati: 1) Addetto alla posa in opera di serramenti; Addetto alla posa in opera di serramenti in legno, PVC, metallo con o senza taglio termico, ecc. a) DPI: Addetto alla posa in opera di serramenti; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b) occhiali protettivi; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d) mascherina antipolvere. a) Rumore: dba 80 / 85; a) Argano a bandiera; b) Attrezzi manuali; c) Pistola sparachiodi; d) Ponte su cavalletti; e) Scala doppia; f) Smerigliatrice angolare (flessibile); g) Trapano elettrico; Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Incendi o esplosioni; Vibrazioni; Cesoiamenti, stritolamenti, impatti, lacerazioni; Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; Ustioni. Tinteggiatura di superfici esterne (sottofase) Tinteggiatura di pareti esterne, eseguita a pennello, rullo o a spruzzo. Lavoratori impegnati: COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 17

18 1) Addetto alla tinteggiatura di superfici esterne; Addetto alla tinteggiatura di pareti esterne, eseguita a pennello, rullo o a spruzzo. a) DPI: Addetto alla tinteggiatura di superfici esterne; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b) guanti; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d) maschera antipolvere; e) occhiali. a) Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; b) Rumore: dba < 80; a) Attrezzi manuali; b) Ponteggio metallico fisso; c) Pistola per verniciatura a spruzzo; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Caduta dall'alto; Scivolamenti e cadute; Getti o schizzi; Inalazione polveri, fibre, gas, vapori. EDIFICIO B (fase) Realizzazione carpenteria per strutture in c.a. (sottofase) Realizzazione di opere di carpenteria per strutture in c.a. Lavoratori impegnati: 1) Carpentiere; Addetto alla realizzazione di opere di carpenteria per strutture in c.a. per la realizzazione di muri di contenimento, pilastrini, pozzetti, travi ecc a) DPI: Carpentiere; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b) guanti; c) grembiuli di cuoio; d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; e) otoprotettori. a) Elettrocuzione; b) Rumore: dba 80 / 85; a) Attrezzi manuali; b) Ponteggio mobile o trabattello; c) Scala doppia; d) Scala semplice; e) Sega circolare; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Caduta dall'alto; Elettrocuzione; Cesoiamenti, stritolamenti, impatti, lacerazioni; Ustioni. Lavorazione e posa ferri di armatura (sottofase) Lavorazione (sagomatura, taglio, saldatura) di tondini di ferro per armature di strutture in c.a. e posa nelle casserature Lavoratori impegnati: 1) Ferraiolo: Strutture; Addetto alla lavorazione e posa nelle casserature di tondini di ferro per armature a) DPI: Ferraiolo; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b) guanti; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d) occhiali o schermi facciali paraschegge. a) Elettrocuzione; COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 18

19 b) Rumore: dba < 80; a) Attrezzi manuali; b) Ponteggio mobile o trabattello; c) Saldatrice elettrica; d) Scala doppia; e) Scala semplice; f) Trancia-piegaferri; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Caduta dall'alto; Disturbi alla vista; Elettrocuzione; Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; Incendi o esplosioni; Ustioni; Cesoiamenti, stritolamenti, impatti, lacerazioni. Getto di cordolo in c.a (sottofase) Getto in calcestruzzo per la realizzazione di un cordolo per ancoraggio di travi Lavoratori impegnati: 1) Addetto al getto di cordolo in c.a.; Addetto al getto in calcestruzzo per la realizzazione di un cordolo per ancoraggio di travi a) DPI: Addetto al getto di cordolo in c.a. per ancoraggio di travi in ferro; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b) casco; c) cinture di sicurezza; d) indumenti protettivi (tute). a) Caduta dall'alto; b) Caduta di materiale dall'alto o a livello; c) Rumore: dba 80 / 85; a) Argano a cavalletto; b) Attrezzi manuali; c) Carriola; Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Colpi, tagli, punture, abrasioni. Disarmo opere in c.a. (sottofase) Disarmo delle armature provvisionali di sostegno di strutture in c.a. Macchine utilizzate: 1) Dumper. Lavoratori impegnati: 1) Addetto al disarmo delle opere in c.a.; Addetto al disarmo delle armature provvisionali di sostegno di strutture in c.a. a) DPI: Addetto al disarmo opere in c.a.; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b) guanti; c) cintura di sicurezza; d) scarpe di sicurezza con suola antiscivolo, imperforabile e puntale di acciaio. a) Caduta dall'alto; b) Caduta di materiale dall'alto o a livello; c) Colpi, tagli, punture, abrasioni; d) Rumore: dba 80 / 85; e) Seppellimenti e sprofondamenti; a) Andatoie e Passerelle; b) Argano a cavalletto; c) Attrezzi manuali; d) Ponteggio metallico fisso; e) Ponteggio mobile o trabattello; COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 19

20 f) Scala doppia; g) Scala semplice; Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Scivolamenti e cadute. Rimozione di intonaci e/o rivestimenti esterni (sottofase) Demolizione di intonaci esterni, eseguita mediante l'ausilio di attrezzi manuali e meccanici. Macchine utilizzate: 1) Autocarro. Lavoratori impegnati: 1) Addetto alla rimozione di intonaci e/o rivestimenti esterni; Demolizione di intonaci esterni, eseguita mediante l'ausilio di attrezzi manuali e meccanici. a) DPI: Addetto alla rimozione di intonaci e/o rivestimenti esterni; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b) guanti; c) occhiali protettivi; d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; e) mascherina antipolvere; f) cintura di sicurezza; g) otoprotettori. a) Caduta di materiale dall'alto o a livello; b) Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; c) Rumore: dba 85 / 90; a) Argano a cavalletto; b) Attrezzi manuali; c) Martello demolitore elettrico; d) Ponteggio metallico fisso; e) Smerigliatrice angolare (flessibile); Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Cesoiamenti, stritolamenti, impatti, lacerazioni; Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; Vibrazioni; Scivolamenti e cadute; Ustioni. Montaggio elementi prefabbricati in legno (sottofase) Montaggio di travi, capriate, ecc. realizzati in stabilimento e successivamente trasportati sul cantiere per la posa in opera. Prima dell'inizio dell'opera deve essere messa a disposizione dei responsabili del lavoro, degli operatori e degli organi di controllo, la seguente documentazione tecnica: - piano di lavoro sottoscritto dalla o dalle ditte e dai tecnici interessati che descriva chiaramente le modalità di esecuzione delle operazioni di montaggio e la loro successione; - procedure di sicurezza da adottare nelle varie fasi di lavoro fino al completamento dell'opera; - nel caso di più ditte operanti nel cantiere, cronologia degli interventi da parte delle diverse ditte interessate. In mancanza di tale documentazione tecnica, della quale dovrà essere fatta esplicita menzione nei documenti di appalto, è fatto divieto di eseguire operazioni di montaggio. Il fornitore la ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti a formulare istruzioni scritte corredate da relativi disegni illustrativi circa le modalità di effettuazione delle varie operazioni e di impiego dei vari mezzi al fine della prevenzione degli infortuni. Tali istruzioni dovranno essere compatibili con le predisposizioni costruttive adottate in fase di progettazione e costruzione. Su tutti gli elementi prefabbricati destinati al montaggio e di peso superiore a 2 tonnellate deve essere indicato il loro peso effettivo. Macchine utilizzate: 1) Autogrù. Lavoratori impegnati: COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 20

21 1) Addetto all'imbracatura [Apparecchi di sollevamento]; Addetto all'imbracatura, all'avviamento ed alla ricezione del carico, e alle segnalazioni con l'operatore dell'apparecchio di sollevamento. a) DPI: Addetto all'imbracatura [Apparecchi di sollevamento]; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b) guanti; c) scarpe di sicurezza con suola antiscivolo e imperforabile. a) Caduta dall'alto; b) Caduta di materiale dall'alto o a livello; c) Elettrocuzione; d) Rumore: dba < 80; a) Attrezzi manuali; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Colpi, tagli, punture, abrasioni. 2) Addetto al montaggio di prefabbricati; Addetto al montaggio pannelli, travi, pilastri, ecc. realizzati in fabbrica e successivamente trasportati sul cantiere per la posa in opera. a) DPI: Addetto al montaggio di prefabbricati; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) elmetto (sia per gli addetti al montaggio che per quanti partecipano al lavoro da terra; tali elmetti devono essere corredati da cinghia sottogola, indispensabile soprattutto per chi, lavorando in elevazione, è impossibilitato a recuperare facilmente il casco eventualmente perduto); b) guanti; c) cintura di sicurezza a dissipazione di energia; d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile. a) Caduta dall'alto; b) Rumore: dba 80 / 85; a) Attrezzi manuali; b) Avvitatore elettrico; c) Ponteggio metallico fisso; d) Ponteggio mobile o trabattello; e) Saldatrice elettrica; f) Scala doppia; g) Smerigliatrice angolare (flessibile); h) Trapano elettrico; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Cesoiamenti, stritolamenti, impatti, lacerazioni; Elettrocuzione; Caduta dall'alto; Scivolamenti e cadute; Disturbi alla vista; Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; Incendi o esplosioni; Ustioni. Realizzazione di copertura in legno (sottofase) Posa in opera di copertura in legno con travicelli, tavolato, pacchetto di impermeabilizzazione e coibentazione. Lavoratori impegnati: 1) Addetto alla posa in opera di copertura in legno; Addetto alla posa in opera di copertura in legno a) DPI: Addetto alla posa in opera di copertura in legno; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b) guanti; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d) mascherina con filtro antipolvere; e) indumenti protettivi (tute); f) cintura di sicurezza. a) Caduta dall'alto; b) Rumore: dba 80 / 85; COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 21

22 a) Andatoie e Passerelle; b) Attrezzi manuali; c) Avvitatore elettrico; d) Pistola sparachiodi; e) Ponteggio metallico fisso; f) Smerigliatrice angolare (flessibile); g) Trapano elettrico; Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Cesoiamenti, stritolamenti, impatti, lacerazioni; Elettrocuzione; Incendi o esplosioni; Vibrazioni; Scivolamenti e cadute; Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; Ustioni. Realizzazione di opere di lattoneria (sottofase) Posa in opera di scossaline, canali di gronda, pluviali, ecc. Lavoratori impegnati: 1) Addetto alla realizzazione di opere di lattoneria; Addetto alla posa in opera di scossaline, canali di gronda, pluviali, ecc. a) DPI: Addetto alla realizzazione di opere di lattoneria; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b) guanti; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d) mascherina con filtro antipolvere; e) indumenti protettivi (tute); f) cintura di sicurezza. a) Caduta dall'alto; b) Rumore: dba 80 / 85; a) Andatoie e Passerelle; b) Argano a cavalletto; c) Attrezzi manuali; d) Avvitatore elettrico; e) Cannello per saldatura ossiacetilenica; f) Cesoie elettriche; g) Ponteggio metallico fisso; h) Smerigliatrice angolare (flessibile); i) Trapano elettrico; Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Cesoiamenti, stritolamenti, impatti, lacerazioni; Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; Incendi o esplosioni; Ustioni; Scivolamenti e cadute. Posa in opera di tegole, coppi, ecc. (sottofase) Posa in opera di tegole, coppi, ecc. previo posizionamento di listelli in legno (o di appositi agganci) per il loro fissaggio. Lavoratori impegnati: 1) Addetto alla posa in opera di tegole, coppi, ecc.; Addetto alla posa in opera di tegole, coppi, ecc. previo posizionamento di listelli in legno (o di appositi agganci) per il loro fissaggio. a) DPI: Addetto alla posa in opera di tegole, coppi, ecc.; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b) guanti; c) grembiuli di cuoio; d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; e) mascherina antipolvere; f) otoprotettori; g) cintura di sicurezza; h) occhiali o schermi facciali paraschegge. a) Rumore: dba < 80; a) Andatoie e Passerelle; COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 22

23 b) Attrezzi manuali; c) Avvitatore elettrico; d) Ponteggio metallico fisso; e) Scala semplice; f) Smerigliatrice angolare (flessibile); g) Trapano elettrico; Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Cesoiamenti, stritolamenti, impatti, lacerazioni; Elettrocuzione; Scivolamenti e cadute; Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; Ustioni. Posa tradizionale di intonaci esterni (sottofase) Posa di intonaci esterni eseguita a mano. Lavoratori impegnati: 1) Addetto alla posa tradizionale di intonaci esterni; Addetto alla posa a mano di intonaci esterni. a) DPI: Addetto alla posa tradizionale di intonaci esterni; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b) guanti; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d) maschera respiratoria a filtri; e) occhiali. a) Rumore: dba < 80; a) Andatoie e Passerelle; b) Attrezzi manuali; c) Ponteggio metallico fisso; d) Scala semplice; Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Scivolamenti e cadute; Elettrocuzione. Posa in opera di serramenti (sottofase) Posa in opera di serramenti in legno. Lavoratori impegnati: 1) Addetto alla posa in opera di serramenti; Addetto alla posa in opera di serramenti in legno. a) DPI: Addetto alla posa in opera di serramenti; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti; b) occhiali protettivi; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d) mascherina antipolvere. a) Rumore: dba 80 / 85; a) Argano a bandiera; b) Attrezzi manuali; c) Pistola sparachiodi; d) Ponte su cavalletti; e) Scala doppia; f) Smerigliatrice angolare (flessibile); g) Trapano elettrico; Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Incendi o esplosioni; Vibrazioni; Cesoiamenti, stritolamenti, impatti, lacerazioni; Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; Ustioni. Tinteggiatura di superfici esterne (sottofase) Tinteggiatura di pareti esterne, eseguita a pennello, rullo o a spruzzo. COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 23

24 Lavoratori impegnati: 1) Addetto alla tinteggiatura di superfici esterne; Addetto alla tinteggiatura di pareti esterne, eseguita a pennello, rullo o a spruzzo. a) DPI: Addetto alla tinteggiatura di superfici esterne; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b) guanti; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d) maschera antipolvere; e) occhiali. a) Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; b) Rumore: dba < 80; a) Attrezzi manuali; b) Ponteggio metallico fisso; c) Pistola per verniciatura a spruzzo; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Caduta dall'alto; Scivolamenti e cadute; Getti o schizzi; Inalazione polveri, fibre, gas, vapori. EDIFICIO C (fase) Rimozione di intonaci e/o rivestimenti esterni (sottofase) Demolizione di intonaci esterni. Macchine utilizzate: 1) Autocarro. Lavoratori impegnati: 1) Addetto alla rimozione di intonaci e/o rivestimenti esterni; Addetto alla demolizione di intonaci esterni, rimozione di lastroni in pietra di rivestimento, di copertine, di soglie e davanzali, di rivestimenti in genere, eseguita mediante l'ausilio di attrezzi manuali e meccanici. a) DPI: Addetto alla rimozione di intonaci e/o rivestimenti esterni; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b) guanti; c) occhiali protettivi; d) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; e) mascherina antipolvere; f) cintura di sicurezza; g) otoprotettori. a) Caduta di materiale dall'alto o a livello; b) Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; c) Rumore: dba 85 / 90; a) Argano a cavalletto; b) Attrezzi manuali; c) Martello demolitore elettrico; d) Ponteggio metallico fisso; e) Smerigliatrice angolare (flessibile); Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Cesoiamenti, stritolamenti, impatti, lacerazioni; Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; Vibrazioni; Scivolamenti e cadute; Ustioni. Posa tradizionale di intonaci esterni (sottofase) Posa di intonaci esterni eseguita a mano. Lavoratori impegnati: 1) Addetto alla posa tradizionale di intonaci esterni; Addetto alla posa a mano di intonaci esterni. COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 24

25 a) DPI: Addetto alla posa tradizionale di intonaci esterni; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) casco; b) guanti; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo e imperforabile; d) maschera respiratoria a filtri; e) occhiali. a) Rumore: dba < 80; a) Andatoie e Passerelle; b) Attrezzi manuali; c) Ponteggio metallico fisso; d) Scala semplice; Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Scivolamenti e cadute; Elettrocuzione. Completamento dell'impianto elettrico interno (sottofase) Completamento dell'impianto elettrico all'interno di edifici, a partire dal quadro di alloggio o di zona, consistente nella posa in opera di conduttori flessibili di rame con isolamento in p.v.c. non propagante l'incendio, cassette di derivazione, morsetti e relativi accessori, punti luce, prese, quadri di protezione (magnetotermi differenziali, "salvavita", ecc.) e comando, impianto di messa a terra. Lavoratori impegnati: 1) Addetto alla posa in opera dell'impianto elettrico interno; Addetto alla posa in opera di cavi elettrici, cassette di derivazione, tubazioni, ecc. per la realizzazione dell'impianto elettrico interno. a) DPI: Addetto alla posa in opera dell'impianto elettrico interno; Devono essere forniti al lavoratore adeguati dispositivi di protezione individuale: a) guanti isolanti; b) occhiali protettivi; c) calzature di sicurezza con suola antisdrucciolo. a) Rumore: dba < 80; a) Argano a bandiera; b) Attrezzi manuali; c) Ponte su cavalletti; d) Ponteggio mobile o trabattello; e) Saldatrice elettrica; f) Scala doppia; g) Trapano elettrico; Caduta dall'alto; Caduta di materiale dall'alto o a livello; Elettrocuzione; Colpi, tagli, punture, abrasioni; Disturbi alla vista; Inalazione polveri, fibre, gas, vapori; Incendi o esplosioni; Ustioni; Cesoiamenti, stritolamenti, impatti, lacerazioni. Completamento dell'impianto idrico-sanitario (sottofase) Completamento all'interno di edifici di impianti idrico, sanitario, in fori e tracce precedentemente realizzati, e delle rubinetterie e degli apparecchi sanitari. Lavoratori impegnati: 1) Addetto alla posa in opera dell'impianto idrico-sanitario; Addetto alla realizzazione degli impianti idrico, sanitario, attraverso la posa in opera di tubazioni (in ferro o p.v.c. o polietilene o rame) in fori e tracce prerealizzati, di sanitari (con eventuali staffe a muro), di sistemi di controllo elettrici o elettronici della temperatura dell'acqua, delle rubinetterie, ecc. a) DPI: Addetto alla posa in opera dell'impianto idrico-sanitario; COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' DEL PARCO DI VILLA BOLDETTI - Pag. 25

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI. (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106)

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI. (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) ALLEGATO B Comune di Marineo Provincia di PA ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: PROGETTO DEI LAVORI

Dettagli

Comuni di Volla e Casalnuovo di Napoli Provincia di Napoli

Comuni di Volla e Casalnuovo di Napoli Provincia di Napoli ALLEGATO B Comuni di Volla e Casalnuovo di Napoli Provincia di Napoli ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ed entità del danno, valutazione dell'esposizione al rumore e alle vibrazioni (D.Lgs 9 aprile 2008

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ESITO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ESITO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Individuazione dei criteri seguiti per la valutazione Per ogni lavoratore vengono individuati i relativi pericoli connessi con le lavorazioni stesse, le attrezzature impiegate

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO Comune di Pisticci Provincia di Matera PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO Decreto Legislativo 494/96-528/99 e D.P.R. 222/2003 OGGETTO: Sistemazione delle facciate degli immobili di Piazza Elettra a Marconia

Dettagli

LAVORO (punto 2.1.2, lettera a, punto 1, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.)

LAVORO (punto 2.1.2, lettera a, punto 1, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) ANAGRAFICA Pag. 1 LAVORO (punto 2.1.2, lettera a, punto 1, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: Natura dell'opera: OGGETTO: Permesso di costruire/dia: Importo presunto

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ALLEGATO "B" Comune di LENOLA Provincia di LT ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: PROGETTO PER L'INNALZAMENTO

Dettagli

ALLEGATO E SCHEDE DI SICUREZZA RELATIVE ALLE LAVORAZIONI, ALLE MACCHINE ED ATTREZZATURE

ALLEGATO E SCHEDE DI SICUREZZA RELATIVE ALLE LAVORAZIONI, ALLE MACCHINE ED ATTREZZATURE ALLEGATO E SCHEDE DI SICUREZZA RELATIVE ALLE LAVORAZIONI, ALLE MACCHINE ED ATTREZZATURE C.1. Premessa...2 C.2. Elenco delle fasi lavorative...3 C.3. Analisi delle fasi lavorative...5 C.4. Schede macchine...41

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ALLEGATO "B" Comune di ROCCABRUNA Provincia di CN ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MURAVERA Provincia di Cagliari

COMUNE DI MURAVERA Provincia di Cagliari COMUNE DI MURAVERA Provincia di Cagliari "PIA CA 13-5C EST - SERPEDDI' - REALIZZAZIONE DI UN TEATRO IN LOCALITA' SANTA LUCIA" PROGETTO ESECUTIVO Tavola : F COMUNE DI MURAVERA Prot. n. del Data: Gennaio

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi è stata effettuata in conformità alla normativa italiana vigente: - D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, "Attuazione dell'art. 1 della legge 3 agosto

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO. Provincia di Olbia Tempio ELABORATO: PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ED ALLEGATI ALLEGATO

PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO. Provincia di Olbia Tempio ELABORATO: PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ED ALLEGATI ALLEGATO COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO Provincia di Olbia Tempio OGGETTO: Realizzazione intersezione a rotatoria al km 300,134 della S.S. 125 ELABORATO: PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ED ALLEGATI ALLEGATO

Dettagli

COMUNE DI DONATO SITO CIMITERIALE COMUNALE PROGETTO ESECUTIVO. TITOLO DELL ELABORATO: PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO. ALLEGATO ALLA DELIBERA n DEL

COMUNE DI DONATO SITO CIMITERIALE COMUNALE PROGETTO ESECUTIVO. TITOLO DELL ELABORATO: PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO. ALLEGATO ALLA DELIBERA n DEL REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI BIELLA COMUNE DI DONATO SITO CIMITERIALE COMUNALE Nuovo Loculario cellette ossario sito cimiteriale del Capoluogo PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO E 1 TITOLO DELL ELABORATO: PIANO

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Comune di GIOIA SANNITICA Provincia di Caserta PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: LAVORI DI COMPLETAMENTO

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106)

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) ALLEGATO "B" Comune di Ortona Provincia di Chieti ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Completamento

Dettagli

CANTIERE: Strada Provinciale n. 130, Trani-Andria (Bari)

CANTIERE: Strada Provinciale n. 130, Trani-Andria (Bari) ALLEGATO B ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ed entità del danno, valutazione dell' al rumore e alle vibrazioni (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) OGGETTO: Lavori di ammodernamento ed allargamento

Dettagli

1 LAVORAZIONI - FASI 2. 1.0 Allestimento del cantiere 2

1 LAVORAZIONI - FASI 2. 1.0 Allestimento del cantiere 2 INDICE 1 LAVORAZIONI - FASI 2 1.0 Allestimento del cantiere 2 1.0.1 Installazione di cantiere temporaneo su strada (fase) 2 1.0.2 Installazione nel cantiere di presidi igienico-sanitari (fase) 2 1.0.3

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE - VARIANTE - Il R.U.P.: ing. Francesco Cicala. Il Progettista: ing. Francesco Cicala

PROGETTO PRELIMINARE - VARIANTE - Il R.U.P.: ing. Francesco Cicala. Il Progettista: ing. Francesco Cicala Comune di Villaricca Provincia di Napoli Progetto per la realizzazione di un'area parcheggio pubblico e completamento impianto sportivo al Corso Italia con struttura polifunzionale PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

L.S. Darwin - I.T.C. Romero Viale Papa Giovanni XXIII, 25 - Rivoli (TO)

L.S. Darwin - I.T.C. Romero Viale Papa Giovanni XXIII, 25 - Rivoli (TO) AREA EDILIZIA SERVIZIO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA L.S. Darwin - I.T.C. Romero Viale Papa Giovanni III, 25 - Rivoli (TO) INTERVENTI DI COMPLETAMENTO DI ADEGUAMENTO NORMATIVO

Dettagli

LAVORO CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA:

LAVORO CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: LAVORO CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: Natura dell'opera: PON - ambiente per apprendimento - triennio 2010-2013 - FESR 2007-2013 - 2007 IT 16 1 PO 004 - asse II - "qualità degli ambienti scolastici"

Dettagli

LAVORAZIONI e loro INTERFERENZE Individuazione, analisi e valutazione dei rischi

LAVORAZIONI e loro INTERFERENZE Individuazione, analisi e valutazione dei rischi Descrizione delle lavorazioni e delle fasi Pagina 1 di 15 LAVORAZIONI e loro INTERFERENZE Individuazione, analisi e valutazione dei rischi (punto 2.1.2, lettera c, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008) Scelte

Dettagli

APPALTO DI MANUTENZIONE RETI E SERVIZI DEL CICLO IDRICO INTEGRATO. SCHEDE DI SUPPORTO Pagina 1 di 4

APPALTO DI MANUTENZIONE RETI E SERVIZI DEL CICLO IDRICO INTEGRATO. SCHEDE DI SUPPORTO Pagina 1 di 4 SCHEDE DI SUPPORTO Pagina 1 di 4 Schede di supporto A Sicurezza generale B Sicurezza di fase A4 Installazione e smantellamento cantiere A7 Moti del terreno A8 Cadute di masse di terreno A10 Vento A11 Reti

Dettagli

LAVORO CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: Natura dell'opera: OGGETTO:

LAVORO CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: Natura dell'opera: OGGETTO: LAVORO CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: Natura dell'opera: OGGETTO: Importo presunto dei Lavori: Numero imprese in cantiere: Numero massimo di lavoratori: Entità presunta del lavoro: Opera Edile Ampliamento,

Dettagli

LAVORO CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: Natura dell'opera: Sostituzione infissi Tubazioni per impianto di riscaldamento.

LAVORO CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: Natura dell'opera: Sostituzione infissi Tubazioni per impianto di riscaldamento. Comune di Lamezia Terme P.S.C. (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) OGGETTO: Completamento scuola elementare e materna Borrello. COMMITTENTE: Comune di Lamezia Terme CANTIERE: Località Piazza

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ALLEGATO "B" Comune di Costermano Provincia di VR ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Costruzione

Dettagli

LAVORO CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: Natura dell'opera: OGGETTO:

LAVORO CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: Natura dell'opera: OGGETTO: LAVORO CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: Natura dell'opera: OGGETTO: Importo presunto dei Lavori: Numero imprese in cantiere: Numero massimo di lavoratori: Entità presunta del lavoro: Opera Edile EFFICIENTAMENTO

Dettagli

SCHEDE INTEGRATIVE PER LE ATTIVITÀ DI CANTIERE

SCHEDE INTEGRATIVE PER LE ATTIVITÀ DI CANTIERE SCHEDE INTEGRATIVE PER LE ATTIVITÀ DI CANTIERE LUOGHI, LOCALI E POSTI DI LAVORO (riferiti alle attività prevalenti svolte dall'impresa) 1-ATTIVITÀ DI CANTIERE N. SCHEDA Scavi e movimento terra 1.1.1 X

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Comune di LECCO Provincia di LC PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO OGGETTO: COSTRUZIONE DI UN EDIFICIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA PER COMPLESSIVI 12 ALLOGGI IN COMUNE DI LECCO, VIA GORIZIA 1

Dettagli

LAVORO. (punto 2.1.2, lettera a, punto 1, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.)

LAVORO. (punto 2.1.2, lettera a, punto 1, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) LAVORO (punto 2.1.2, lettera a, punto 1, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: Natura dell'opera: OGGETTO: Importo presunto dei Lavori: Numero imprese in cantiere:

Dettagli

PSC AZIENDA OSPEDALIERA G. BROTZU BROTZU S.M.H. AZIENDA OSPEDALIERA G. BROTZU

PSC AZIENDA OSPEDALIERA G. BROTZU BROTZU S.M.H. AZIENDA OSPEDALIERA G. BROTZU H AZIENDA OSPEDALIERA G. BROTZU BROTZU S.M.H. Oggetto: Lavori di ristrutturazione dell'impianto di refrigerazione centralizzato dell'ospedale Brotzu Il Committente: AZIENDA OSPEDALIERA G. BROTZU Il Responsabile

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO Comune di Bologna Provincia di BO PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: COMMITTENTE: CANTIERE: DEMOLIZIONE

Dettagli

!! " !! " # $ % % & ' ()$

!!  !!  # $ % % & ' ()$ !! "!! " # $ % % & ' ()$ Natura dell'opera: OGGETTO: Importo presunto dei Lavori:!"#$%&'( Entità presunta del lavoro: (!%$ )*+ Durata in giorni (presunta): #, Dati del CANTIERE: - &$ Indirizzo Città: .///

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ALLEGATO "A" Comune di Marzeno di Brisighella Provincia di RA ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Art. 24, comma 2, lettera n) del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 e s.m.i.) (Allegato XV del D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

A Relazione Tecnica. 1 Caratteristica dell Opera

A Relazione Tecnica. 1 Caratteristica dell Opera A Relazione Tecnica 1 Caratteristica dell Opera Descrizione: Interventi per incrementare la qualità delle infrastrutture scolastiche. Ubicazione: Liceo Scientifico e Istituto Tecnico Commerciale Leonardo

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Comune di Offida Provincia di Ascoli Piceno ANALISI E VALUAZIONE DEI RISCHI PROBABILIA' ed ENIA' del DANNO Decreti Legislativi 494/96 e 528/99 D.P.R. 222/2003 OGGEO: Dissesto idrogeologico in ato sul versante

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO Comune di vari Provincia di RM PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: COMMITTENTE: CANTIERE: APPALTO

Dettagli

LAVORO (punto 2.1.2, lettera a, punto 1, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.)

LAVORO (punto 2.1.2, lettera a, punto 1, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) LAVORO (punto 2.1.2, lettera a, punto 1, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: OGGETTO: FIUMICINO Lavori di manutenzione straordinaria dei fabbricati demaniali situati

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ALLEGATO "B" Comune di Firenze Provincia di FI ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Lavori di restauro

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Comune di Montemurlo Provincia di Prato ANALISI E VALUAZIONE DEI RISCHI PROBABILIA' ed ENIA' del DANNO Decreti Legislativi 494/96 e 528/99 D.P.R. 222/2003 OGGEO: Nuova area mercato e collegamento viario

Dettagli

12 - PIANO DI SICUREZZA E. ALLOGGI E.R.P. SOVV.TA IN LEVERANO Legge 457/78 3 B. IL TECNICO Ing. Salvatore Candido. IL R.U.P. Ing.

12 - PIANO DI SICUREZZA E. ALLOGGI E.R.P. SOVV.TA IN LEVERANO Legge 457/78 3 B. IL TECNICO Ing. Salvatore Candido. IL R.U.P. Ing. PROVINCIA DI LECCE ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI PROGETTO PER ADEGUAMENTO E RIPRISTINO DELL'INTERVENTO COSTRUTTIVO DI n. 18 ALLOGGI E.R.P. SOVV.TA IN LEVERANO Legge 457/78 3 B. ALL. 12 - PIANO DI SICUREZZA

Dettagli

LAVORO CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA:

LAVORO CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: 1 LAVORO CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: Natura dell'opera: OGGETTO: Opera Edile con impianti Interventi di adeguamento sismico nella scuola elementare Madonna del Carmelo in Ragalna. PROGETTO di

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1 SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1 Descrizione delle attività: Scavi, sbancamenti e reinterri. Lavoratori esposti a rischi potenziali: Dipendenti delle imprese appaltatrici e lavoratori autonomi presenti

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV)

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) $Empty_LAV_03.50x02.60$ Comune di CASTIGLIONE M.M. Provincia di CH PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) OGGETTO: PROGETTO DEFINITIVO/ESECUTIVO DI VARIANTE

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Comune di PAVIA Provincia di PV PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) OGGETTO: Rifacimento della copertura COMMITTENTE: ISTITUTO ZOOPROFILATICO SPERIMENTALE

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ALLEGATO B Comune di Stazzano Provincia di AL ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Probabilità ed entità del danno, valutazione dell'esposizione al rumore e alle vibrazioni (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art.

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA E ADEGUAMENTO NORMATIVO IN MATERIA DI SICUREZZA DEL PLESSO SCOLASTICO VIA QUASIMODO / VIALE LONGARONE - Pag.

LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA E ADEGUAMENTO NORMATIVO IN MATERIA DI SICUREZZA DEL PLESSO SCOLASTICO VIA QUASIMODO / VIALE LONGARONE - Pag. - Pag. 1 LAVORO CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: Natura dell'opera: OGGETTO: Opera Edile LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA E ADEGUAMENTO NORMATIVO IN MATERIA Importo presunto dei Lavori: 45 000,00

Dettagli

nome file: Seminario Reggio Emilia 07.06.2010 Copyright by Impresa Pizzarotti & C. S.p.A. Pagina 1

nome file: Seminario Reggio Emilia 07.06.2010 Copyright by Impresa Pizzarotti & C. S.p.A. Pagina 1 SICUREZZA IN CANTIERE: TESTO UNICO PER LA SICUREZZA E CORRETTIVO D.LGS. 106/09 POS E PIMUS MIGLIORARE LA LORO EFFICACIA IN CANTIERE RELATORE E. Massaroli Pagina 1 Perché funzionano poco o male? Pianificare

Dettagli

Cronoprogramma (Gantt)

Cronoprogramma (Gantt) Cronoprogramma (Gantt) Non potendo preventivare nel tempo e quindi programmare i lavori di manutenzione ordinaria, la predisposizione di un cronoprogramma lavori risulta di difficile realizzazione e soprattutto

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO Comune di Villa San Pietro Provincia di CA PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: COMMITTENTE: CANTIERE:

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. Comune di Cavarzere Provincia di VE PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Manutenzione Straordinaria

Dettagli

PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO

PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO FASCICOLO INFORMATIVO DELL'OPERA Responsabile del Procedimento: Arch.

Dettagli

PRIME INDICAZIONI PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA

PRIME INDICAZIONI PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA Comune di Pollica Provincia di Salerno PRIME INDICAZIONI PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA OGGETTO: LAVORI URGENTI DI MESSA IN SICUREZZA, RIPRISTINO E CONSOLIDAMENTO A SEGUITO DI DISSESTI E MOVIMENTI

Dettagli

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Comune di Vico Equense Provincia di NAPOLI FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA per la prevenzione e protezione dai rischi (Allegato XVI e art. 91 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs.

Dettagli

OGGETTO: OPERE DI SALVAGUARDIA IDRAULICA NELL'AREA URBANA DEL TERRITORIO DI TRIGGIANO - DEVIATORE COMMITTENTE: Comune di Triggiano

OGGETTO: OPERE DI SALVAGUARDIA IDRAULICA NELL'AREA URBANA DEL TERRITORIO DI TRIGGIANO - DEVIATORE COMMITTENTE: Comune di Triggiano ALLEGATO B Comune di Triggiano Provincia di Ba ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Probabilità ed entità del danno, valutazione dell' al rumore e alle vibrazioni (D.Lgs aprile n., Art. e Allegato XV) - (D.Lgs

Dettagli

PROVINCIA DI NAPOLI Area Edilizia Scolastica Ufficio Specialistico Tecnico Edilizia Scolastica 1

PROVINCIA DI NAPOLI Area Edilizia Scolastica Ufficio Specialistico Tecnico Edilizia Scolastica 1 PROVINCIA DI NAPOLI Area Edilizia Scolastica Ufficio Specialistico Tecnico Edilizia Scolastica 1 ALLEGATO B ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Probabilità ed entità del danno, valutazione dell'esposizione

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Comune di Laerru Provincia di SS ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Probabilità ed entità del danno, valutazione dell' al rumore e alle vibrazioni (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) OGGETTO:

Dettagli

CSP b A01 Analisi dei rischi

CSP b A01 Analisi dei rischi Anno CODIFICA COMMESSA 2013 Committente B 007 O.M.S.I. Trasmissioni S.p.A. Commessa 010b Via S. Pietro, 60 Roè Volciano (BS) Variante a Piano Attuativo convenzionato Via Monte Covolo OPERE DI URBANIZZAZIONE

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO Comune di Siena Provincia di SI PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: COMMITTENTE: CANTIERE: lavori

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi è stata effettuata ai sensi della normativa italiana vigente: D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, "Attuazione dell'art. 1 della legge 3 agosto 2007,

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di GIOIA DEL COLLE Provincia di BARI DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO:

Dettagli

Committente: COMUNE DI PORTICI

Committente: COMUNE DI PORTICI Data: DUVRI LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA PER GLI IMMOBILI DESTINATI AD EDILIZIA PUBBLICA ABITATIVA, EDILIZIA PUBBLICA ISTITUZIONALE E IMPIANTI SPORTIVI Città: P O R T I C I Committente:

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO LOTTO B (pag.1) PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) OGGETTO: ACCORDO QUADRO PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI DI MANUTENZIONE FINALIZZATI A MIGLIORARE LA

Dettagli

CANTIERE: Via Don Bobbio 25, LAVAGNA (GE)

CANTIERE: Via Don Bobbio 25, LAVAGNA (GE) ALLEGATO B Comune di LAVAGNA Provincia di GE ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Probabilità ed entità del danno, valutazione dell' al rumore e alle vibrazioni (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Comune di San Sperate Provincia di CA PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Realizzazione di un bocciodromo

Dettagli

SCALA - PROVINCIA BELLUNO

SCALA - PROVINCIA BELLUNO TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PIANO

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di Mentana Provincia di Roma DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Realizzazione

Dettagli

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO P.S.C. ALL. B - ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO P.S.C. ALL. B - ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI S T U D I O D I P R O G E T T A Z I O N E C I V I L E E D I N D U S T R I A L E D O T T. I N G. P R E T T O F L A V I O COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA Oggetto: SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO Comune di Milano Provincia di MI PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: COMMITTENTE: CANTIERE: Milano

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA Comune di Torre del Grecco Provincia di NA PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (Allegato XV, art. 89 e art. 96 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: COMMITTENTE: CANTIERE:

Dettagli

PIANO DELLE DEMOLIZIONI

PIANO DELLE DEMOLIZIONI COMUNE DI RONCHI DEI LEGIONARI PROVINCIA DI GORIZIA PIANO DELLE DEMOLIZIONI TITOLO IV D.LGS. N 81 DEL 09/04/2008, LAVORI DI REALIZZAZIONE DI UNA SALA POLIFUNZIONALE DA RICAVARE NELL EDIFICIO DI PROPRIETA

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASLAL CASALE MONFERRATO VIALE GIOLITTI 2

REGIONE PIEMONTE ASLAL CASALE MONFERRATO VIALE GIOLITTI 2 REGIONE PIEMONTE ASLAL CASALE MONFERRATO VIALE GIOLITTI 2 PROGETTO: LAVORI DI ADEGUAMENTO STRUTTURALE- IMPIANTISTICO NECESSARI PER LA RICOLLOCAZIONE LABORATORIO PREPARAZIONE FARMACI CHEMIOTERAPICI E GALENICI

Dettagli

Compreso trasporto, montaggio e smontaggio e preparazione della base in cls armata di appoggio.

Compreso trasporto, montaggio e smontaggio e preparazione della base in cls armata di appoggio. ORG: ORGANIZZAZIONE DI CANTIERE ORG.002 DELIMITAZIONI VARIE 1 ORG.001010 Recinzione di cantiere alta cm 200, eseguita ferri tondi infissi in basi cemento, rete metallica elettrosaldata e rete di plastica

Dettagli

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI)

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI) Comune di TORINO Provincia di TO FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI) OGGETTO: AREA OVEST COMMITTENTE:

Dettagli

SCHEDA II-1 Misure preventive e protettive in dotazione dell opera ed ausiliarie

SCHEDA II-1 Misure preventive e protettive in dotazione dell opera ed ausiliarie Tipologia dei lavori: INTERVENTI DI CONTROLLO E REVISIONE CODICE SCHEDA C 01 DISTRIBUZIONE ACQUA FREDDA E CALDA. VERIFICA FUNZIONAMENTO TERMINALI E RUBINETTI, VERIFICA DEGLI SCARICHI, VERIFICA DELLE TUBAZIONI

Dettagli

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE Prime indicazioni per la stesura del piano della sicurezza Descrizione sommaria delle fasi

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO Comune di TAORMINA Provincia di ME PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: COMMITTENTE: CANTIERE: Intervento

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ALLEGATO "B" Comune di Orbassano Provincia di TO ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: "Recupero funzionale,

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO ai sensi del D.Lgs. 81 del 09/04/2008

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO ai sensi del D.Lgs. 81 del 09/04/2008 ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI della provincia di Brindisi LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA E RISANAMENTO ALLOGGI DI E.R.P. NEGLI EDIFICI I.A.C.P. IN BRINDISI COMPLESSO EX UNRRA CASA DI VIALE ALDO

Dettagli

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI INCONTRI CON LE IMPRESE Lodi, 21 Luglio 2015 LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI ing. Marco Antonio Fusco CPT Milano, Lodi, Monza Brianza Principali fasi di lavorazione nella prefabbricazione 1.

Dettagli

UNIONE DI COMUNI LOMBARDA PRIMA COLLINA Canneto Pavese Castana Montescano Provincia di Pavia

UNIONE DI COMUNI LOMBARDA PRIMA COLLINA Canneto Pavese Castana Montescano Provincia di Pavia UNIONE DI COMUNI LOMBARDA PRIMA COLLINA Canneto Pavese Castana Montescano Provincia di Pavia INTERVENTO: RECUPERO DELLE INFRASTRUTTURE STRADALI DANNEGGIATE DA EVENTI ATMOSFERICI E DISSESTI IDROGEOLOGICI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. GALILET. l IL DIRIGENTE SCÓLASTICO- RUP prof.ssa Concatta De luliis NAPOLI. PON FESR "Ambienti per I'apprendimento"

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. GALILET. l IL DIRIGENTE SCÓLASTICO- RUP prof.ssa Concatta De luliis NAPOLI. PON FESR Ambienti per I'apprendimento R I _**À,, 1 &.t:....b\. -lei I I '.')t,7 ).:' i : - - - l I I Con! Eurapa rnvesttamo nel!9,r4!tr4 PON FESR "Ambienti per I'apprendimento" - I i Programmazione 2007-2013 - Fondo Europeo di Svituppo Regionate

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. Comune di Valeggio sul Mincio Provincia di Verona PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Lavori di

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV)

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Lamezia Terme Provincia di Catanzaro PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) OGGETTO: Scavo, restauro e valorizzazione del parco archeologico

Dettagli

PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO

PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO conforme ai contenuti minimi previsti dall allegato XV del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. COORDINATORE in fase di: O PROGETTAZIONE O ESECUZIONE INDIRIZZO CANTIERE NATURA DELL

Dettagli

RIDEFINIZIONE\ SPAZI\ INTERNI\ ED OPERE\ IMPIANTISTICHE\ INTEGRATIVE PER\ ACCREDITAMENTO\ ISTITUZIONALE\ RSA\ DI\ CASOLI PROGETTO\ ESECUTIVO

RIDEFINIZIONE\ SPAZI\ INTERNI\ ED OPERE\ IMPIANTISTICHE\ INTEGRATIVE PER\ ACCREDITAMENTO\ ISTITUZIONALE\ RSA\ DI\ CASOLI PROGETTO\ ESECUTIVO RAGGRUPPAMENTO\ TEMPORANEO\ DI\ PROFESSIONISTI: ARCH.\ MARIO\ DI\ PRINZIO\ (CAPOGRUPPO) ARCH.\ MARIO\ GALLO ARCH.\ PAOLO\ DE\ NOBILI ARCH.\ ANTONIO\ COLANZI ING.\ LUCIANO\ GENTILE PER.\ IND.\ GIUSEPPE\

Dettagli

ELENCO SCHEDE PRESENTI NELLA RACCOLTA "SCHEDE DI SICUREZZA IN WORD" http://negozio.testo-unico-sicurezza.com/schede-sicurezza.html

ELENCO SCHEDE PRESENTI NELLA RACCOLTA SCHEDE DI SICUREZZA IN WORD http://negozio.testo-unico-sicurezza.com/schede-sicurezza.html ELENCO SCHEDE PRESENTI NELLA RACCOLTA "SCHEDE DI SICUREZZA IN WORD" http://negozio.testo-unico-sicurezza.com/schede-sicurezza.html www.testo-unico-sicurezza.com Nome Dimensione Data ultima modifica Tipo

Dettagli

Smobilizzo del cantiere DEMOLIZIONI E TAGLI DISFACIMENTI E RIMOZIONI. Rimozione di impianti. Posa di recinzioni e cancellate

Smobilizzo del cantiere DEMOLIZIONI E TAGLI DISFACIMENTI E RIMOZIONI. Rimozione di impianti. Posa di recinzioni e cancellate Fasi 1. ALLESTIMENTO E SMOBILIZZO DEL CANTIERE Sottofasi Allestimento di cantiere temporaneo su strada Allestimento di depositi, zone per lo stoccaggio dei materiali e per gli impianti fissi Montaggio

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO $Empty_LAV_03.50x02.60$ Comune di Napoli Provincia di Napoli PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) OGGETTO: lavori di manutenzione facciata interna ITG

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV)

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) COMUNE DI TAURASI PROVINCIA di AVELLINO P.S.R. CAMPANIA 2007-2013 Interventi cofinanziati dal FEASR BANDO DI ATTUAZIONE DELLA MISURA 125, Infrastrutture connesse allo sviluppo e all adeguamento dell agricoltura

Dettagli

PIANO GENERALE E PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

PIANO GENERALE E PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO PIANO GENERALE E PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art. 100 Decreto Legislativo 81/08) ACCORDO QUADRO PER IL RIFACIMENTO DELL IMPERMEABILIZZAZIONE DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA Roma,

Dettagli

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DELL OPERA L identificazione e la descrizione dell opera è esplicitata con: a) l indirizzo del cantiere; b) la descrizione del contesto in cui

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI Valutazione del rischio R = 2 x 2 = 4 S. 01 CATEGORIA: INSTALLAZIONE DEL CANTIERE OPERAZIONE: Installazione di impianto di terra e contro le scariche atmosferiche per il ponteggio ATTREZZATURE: Compressore,

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI UNITARI Art. Descrizione U.M. 02.10.020.00 1a Linea elettrica mobile per impianti di illuminazione di sicurezza, realizzata con cavo multipolare flessibile isolato in gomma G10 sotto guaina

Dettagli

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali LA SICUREZZA DEI CANTIERI ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali 1 I riferimenti normativi (norme prescrittive) D.P.R. 27.04.1955 n. 547 Norme di prevenzione degli infortuni

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV)

DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) ALLEGATO A Comune di Lamezia Terme Provincia di CZ DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) OGGETTO: Scavo, restauro e valorizzazione del parco archeologico

Dettagli

LAVORO CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: Natura dell'opera: OGGETTO: MURTA MARIA. Importo presunto dei Lavori: Entità presunta del lavoro:

LAVORO CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: Natura dell'opera: OGGETTO: MURTA MARIA. Importo presunto dei Lavori: Entità presunta del lavoro: LAVORO CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: Natura dell'opera: OGGETTO: MURTA MARIA. Importo presunto dei Lavori: Entità presunta del lavoro: Opera Stradale REALIZZAZIONE VIABILITA DI PIANO NELLA FRAZIONE

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ENTE FORESTAS DE SARDIGNA ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA Direzione Generale Servizio antincendio, Protezione civile e Infrastrutture PIANO DI SICUREZZA

Dettagli

CANTIERE: Via SAN SOTERO, 32 - ROMA 00165

CANTIERE: Via SAN SOTERO, 32 - ROMA 00165 Comune di ROMA Il presente piano è redatto dal Coordinatore per la Progettazione per conto della Committente, con la funzione di analizzare tutti i rischi connessi al cantiere in oggetto, art. 100 D.Lgs.

Dettagli

Piano di Sicurezza e Coordinamento relativo al cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) SCHEDE DI SICUREZZA

Piano di Sicurezza e Coordinamento relativo al cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) SCHEDE DI SICUREZZA cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) DOCUMENTO ELABORATO AI SENSI DELL ART. 100 DEL D. LGS. 81/2008 COORDINATO CON IL D. LGS. 3 AGOSTO 2009, N 106 E CON I CONTENUTI MINIMI PREVISTI ALL'ALLEGATO

Dettagli

LAVORO (punto 2.1.2, lettera a, punto 1, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.)

LAVORO (punto 2.1.2, lettera a, punto 1, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) LAVORO (punto 2.1.2, lettera a, punto 1, Allegato XV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: OGGETTO: Lavori di costruzione di un sottobanchina per attracco natanti della Guardia

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Comune di Messina Provincia di ME PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: LAVORI PER IL RIATTAMENTO

Dettagli