ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume"

Transcript

1 Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 25 Settembre 2006 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

2 Attività di Polizia Idraulica Definizione: Per Polizia Idraulica si intendono tutte quelle attività e funzioni poste in capo al soggetto gestore di un corso d acqua (naturale o artificiale) affinché, nel rispetto e nell applicazione delle vigenti normative, provveda a tutelare e preservare il corso d acqua stesso e le sue pertinenze demaniali.

3 Quali sono le attività in cui si esplica l azione di Polizia Idraulica? 1) Vigilanza Controllo sul territorio; 2) Accertamento di violazioni ed abusi; 3) Esame di domande e progetti di: a) attraversamenti aerei = ponti, passerelle, cavi aerei ed in sub alveo = tubazioni, cavidotti; b) scarichi nel corso d acqua; c) occupazioni di aree demaniali adiacenti il corso d acqua; d) opere di difesa = scogliere, muri; e) emissione di provvedimenti di autorizzazione, concessione (disciplinari, decreti, canoni) e nulla osta.

4 FONTI NORMATIVE STATALI R.D. 523 / 1904 R.D. 368 / 1904 Capo VII Polizia delle acque corsi d acqua naturali Corsi d acqua di bonifica R.D / 1933 T.U. sulle acque e imp.elettrici L. 36 / 1994 D.lgs 152/1999 Disposizioni in materia di Risorse idriche Disposizioni sulla tutela all inquinamento delle acque Autorità di Bacino del Fiume Po Delibera del Comitato Istituzionale Piano Stralcio per l assetto n.26 del 26 aprile 2001 Idrogeologico PAI

5 R.D. 25 luglio 1904 n 523 Artt. 93, 94, 95, 96, 97, 98, 99, 100, 101 Capo VII E la norma indirizzata alla conservazione delle opere e delle loro pertinenze stabilendo a tutela del corso d acqua : le attività, i lavori e i fatti vietati in modo assoluto rispetto al corso d acqua, strade, sponde ed argini, indicandone le distanze da rispettare; le attività, i lavori e i fatti consentiti attraverso il rilascio di provvedimenti concessori onerosi (canoni) da parte dell ente gestore; le attività, i lavori e i fatti consentiti attraverso il rilascio di provvedimenti autorizzativi da parte dell ente gestore; i contenuti e le disposizioni da inserire nei disciplinari di concessione e nelle autorizzazioni e gli obblighi da porre in capo dei richiedenti; le contravvenzioni e le sanzioni da applicare in caso di inosservanza sia delle norme che delle condizioni contenute nell autorizzazione.

6 R.D. 8 maggio 1904 n 368 Regolamento sulle bonificazioni delle paludi e dei territori paludosi Costituisce il parallelo del R.D. 523/1904 nei confronti dei corsi d acqua di bonifica. Importanti sono i seguenti articoli: Art. 133 : indica i lavori, atti o fatti vietati in modo assoluto nei confronti dei corsi d acqua, strade argini ed altre opere in ambito di bonifica. Art. 134 : indica i lavori, atti o fatti vietati nelle opere di bonifica a chi non ha regolare concessione o licenza.

7 R.D. 11 dicembre 1933 n 1775 Approvazione del Testo Unico delle disposizione di legge sulle acque e su gli impianti elettrici Disciplina l utilizzo delle acque pubbliche relative alle derivazioni d acqua suddividendole in : - Grandi e piccole - Superficiali e sotterranee La procedura, più complessa, prevede l espressione dei pareri di competenza da parte di numerosi enti in conferenza di servizio e si conclude con l emissione di una concessione. Importante è da segnalare che il T.U istituisce un apposita Autorità Giudiziaria il Tribunale delle Acque che tratta nei suoi diversi gradi di giudizio le controversie relative alle acque quali : - la demanialità - i limiti dei corsi e bacini ; il loro alveo e le sponde - i diritti relativi alle derivazioni ed all utilizzazione delle acque pubbliche - qualunque natura riguardante l occupazione parziale o totale, temporanea o permanente di fondi e le indennità per esecuzione e manutenzione di opere idrauliche.

8 Legge 5 gennaio 1994 n 36 Disposizioni in materia di risorse idriche Fondamentale è il comma 1 dell art. 1 - Tutela ed uso delle risorse idriche Tutte le acque superficiali e sotterranee, ancorché non estratte dal sottosuolo, sono pubbliche e costituiscono una risorsa che è salvaguardata ed utilizzata secondo criteri di solidarietà ALTRE CARATTERISTICHE Viene sancito l uso prioritario dell acqua per il consumo umano (art. 2) Vengono dettate norme sul risparmio idrico (art. 5) Viene costituito il Servizio idrico integrato (art. 8 e succ. capo II) Viene incentivato l utilizzo delle acque dei consorzi di bonifica ed irrigazione ad altri usi inclusa la produzione di energia idroelettrica (art. 27)

9 D. Lgs. 11 maggio 1999 n 152 Disposizioni sulla tutela delle acque dall inquinamento e recepimento dir. 91/271 e 91/676 CEE Importanti sono: L art. 21 circa la Disciplina delle aree di salvaguardia delle acque superficiali e sotterranee destinate al consumo umano. Gli art. 27, 28, 29, 30, 31, 32, 33, 34, sulla Disciplina degli scarichi Molto importante è il 1 comma dell art.41 Tutela delle aree di pertinenza dei corpi idrici le Regioni disciplinano gli interventi di trasformazione e di gestione del suolo e del soprassuolo previsti nella fascia di almeno 10 mt. dalla sponda di fiumi, laghi, stagni e lagune comunque vietando la copertura dei corsi d acqua, che non sia imposta da ragioni di tutela della pubblica incolumità e la realizzazione di impianti di smaltimento rifiuti.

10 Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico - PAI L. 18/5/1989 n 183 art.17 comma 6 ter Del. Com. Istit. N 18 del 26/4/2001 Art. 8 delle Norme di Attuazione : Vengono individuate e delimitate le aree interessate da dissesto idrogeologico. In particolare per la Provincia di Milano il pericolo è costituito da esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio lungo le aste dei corsi d acqua (erosioni, sovraincisioni del thalweg, trasporti di massa) All Art. 9 sono definiti tra gli altri le esondazioni e dissesti di 3 tipologie: - Ee aree coinvolgibili dai fenomeni con pericolosità molto elevata - Eb aree coinvolgibili dai fenomeni con pericolosità elevata - Em aree coinvolgibili dai fenomeni con pericolosità media-moderata Nei successivi commi 5 e 6 vengono definiti i rispettivi interventi consentiti. In particolare per le aree Em la competenza è è demandata alla Regione ed agli enti locali.

11 Azioni di delega delle competenze Leggi Bassanini In attuazione della : - L. n 59/97 ( Delega al Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed agli enti locali per la riforma della pubblica amministrazione) e del successivo : D.Lgs. 112/98 ( Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato ) in particolare gli articoli: - art. 86 : gestione del demanio idrico dallo Stato alle regioni ed agli enti locali competenti per territorio; - art. 89c : trasferimento delle funzioni di polizia idraulica e pronto intervento;

12 La Regione Lombardia ha ritenuto di dare ordine alla materia con i seguenti provvedimenti normativi : L.R. n 1/ Riordino del sistema delle autonomie in Lombardia D.G.R. 7868/2002 Determinazione del reticolo idrico principale ; trasferimento delle funzioni di polizia idraulica del reticolo minore e determinazione canoni. L.R. n 7/ Norme in materia di bonifica ed Irrigazione D.G.R / Modifica della D.G.R 7868 / 2002 L.R. n 8/ Modifica della L.R. n 1/2000 L.R. n 36/2004 Esclusione dell imposta regionale per il reticolo minore e di bonifica D.G.R /2005 Approvazione del reticolo idrico di competenza dei consorzi di bonifica

13 L. R. 5 gennaio 2000 n 1 Riordino del sistema delle autonomie in Lombardia E la norma che definisce le varie competenze di Regione, Province e Comuni in tutta una serie di materie in esecuzione del D.Lgs 112 / 98. IMPORTANTI SONO : _ art. 3 comma 108 i) che stabilisce che è competenza della Regione individuare il reticolo idrico principale. _ art. 3 comma 114 che stabilisce che sono trasferite ai comuni le funzioni di polizia idraulica relativa al reticolo idrico minore

14 D.G.R. n 7868 del 25 gennaio 2002 Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni di polizia idraulica concernenti il reticolo idrico minore. Determinazione dei canoni regionali di polizia idraulica. a) Il reticolo idrico principale di competenza regionale (all. A ). Per differenza tutti gli altri corsi d acqua costituiscono il reticolo idrico minore di competenza dei comuni. b) Nell allegato B vengono stabiliti i criteri per l esercizio dell attività di polizia idraulica (rimando alla legge nazionale) sul reticolo idrico minore. c) Nell allegato C sono riportati i canoni demaniali suddivisi con o senza occupazione di area demaniale. d) L allegato D elenca i canali gestiti come polizia idraulica dai Consorzi di bonifica ai sensi del comma 4 dell art. 5 della L.R. n 7 / 2003

15 D.G.R. n del 1 agosto 2003 Modifica della D.G.R. n 7868 / 2002 a) Nell allegato A viene modificato l elenco dei corsi d acqua del reticolo idrico principale. b) Nell allegato B vengono indicati i nuovi criteri per l esercizio della polizia idraulica di competenza comunale ed i criteri per individuare il reticolo idrico minore. c) L allegato C modifica e riclassifica gli importi dei canoni. d) Si riconferma che i consorzi di bonifica esercitano le funzioni di polizia idraulica secondo quanto contenuto nell allegato D della D.G.R

16 L allegato B (della DGR 13950/2003) è composto da 9 punti : Il punto 2 indica la normativa di riferimento. Il punto 3 - Elaborati e procedure Ogni Amministrazione Comunale, entro il 31/12/2004 predispone proposta composta da: - Cartografia riportante i reticoli principale e minore e relative fasce di rispetto ; - Parte normativa riportante le attività vietate o soggette ad autorizzazione nelle fasce di rispetto. NOTA BENE In carenza della vincolante approvazione regionale di tali elaborati su tutte le acque pubbliche valgono le disposizioni generali del R.D. 523/04 con divieto di edificazione a distanza < di 10 mt. Dal corso d acqua. A tale norma si può derogare solo in presenza di discipline locali (norme urbanistiche) vigenti. E importante notare che la riduzione delle fasce non può essere dettata solo da valutazioni di tipo urbanistico essendo il criterio prevalente quello della salvaguardia del corso d acqua dal punto di vista idraulico (sentenza TAR Liguria 828 / 1989). Gli elaborati approvati dalla regione debbono essere oggetto di variante dello strumento urbanistico. L esclusione dal reticolo minore potrà avvenire solo se dimostrata la non pubblicità del corso d acqua. Le proposte di deroga possono essere presentate anche nei confronti di corsi d acqua del reticolo idrico principale.

17 Il punto 4 - Criteri per l individuazione del reticolo idrico minore a)il reticolo principale di competenza regionale b)il reticolo minore di competenza comunale deve comprendere tutte le acque pubbliche (escluse le piovane non ancora convogliate) tenendo conto dei seguenti parametri : corsi d acqua demaniali indicati catastalmente corsi d acqua oggetto di interventi pubblici corsi d acqua riportati sulle cartografie IGM CTR L esclusione eventuale potrà avvenire solamente dimostrando che il corso d acqua non ha caratteristiche idrauliche di pubblico interesse. Il punto 5 Fasce di rispetto Vanno riportate sull elaborato grafico insieme ad eventuali fasce fluviali dei Piani stralcio di bacino ( L.183/97) Per procedere in deroga al 523/1904 occorre rifarsi agli studi di perimetrazione delle aree di esondazione (L.R. 41/97) tenendo conto di : erosioni divagazioni alveo garantire accessibilità per manutenzioni (non <4 mt) superfici soggette ad esondazioni difese radenti muri verticali (solo in centri abitati) attraversamenti per luci > 6mt piena centenaria, franco 1 mt, in subalveo a q. sicurezza sezioni costanti q. intradosso > q. piano campagna pendenza costante (senza accentuazioni o riduzioni)

18 MODALITA PER L INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE La prima attività da svolgere è l individuazione dei corsi d acqua interessanti il territorio comunale Si dovrà tener conto: 1. Definizione corso d acqua (delibera del Comitato Interministeriale Ambiente del 4 febbraio 1977 (G.U N. 48). 2. Siano rappresentati come corsi d acqua sulle cartografie ufficiali (I.G.M., C.T.R. ecc.) 3. Siano indicati come corsi d acqua nelle carte catastali (N.B. Nelle carte catastali i corsi d acqua tombinati sono individuati come terreni) La seconda attività da svolgere è l individuazione dei corsi d acqua pubblici Dal confronto fra le due attività precedenti emergono i corsi d acqua privati Siano individuati come demaniali in base a normative vigenti. Per far ciò è opportuno ricordare le argomentazioni della sentenza 91/2004 del Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche: 1. Siano già stati individuati come pubblici ai sensi del R.D. 1775/1933; 2. Sono da considerarsi pubblici ai sensi dell art. 1 del d.p.r. 238/99 (fontanili per i quali non è stata presentata domanda di riconoscimento di titoli d acqua); 3. Sono corsi d acqua passati in mano pubblica a norma dell art. 28 del R.D. 1775/1933.

19 Dal confronto fra la effettiva situazione dei luoghi e l individuazione del corso d acqua sulla mappa catastale si individuano le aree da sdemanializzare Deducendo ai corsi d acqua pubblici quelli elencati nella tabella A della D.G.R come modificata dalla D.G.R si individua il reticolo idrico minore Ai corsi d acqua del reticolo idrico minore che non sono elencati nell allegato D della D.G.R. 7868/2002 e succ. modifiche si applica il regolamento del R.D. 523/1904. COMPETENZA COMUNALE Ai corsi d acqua del reticolo idrico minore che sono elencati nell allegato D della D.G.R. 7868/2002 si applica il regolamento del R.D. 368/1904. COMPETENZA CONSORZI BONIFICA

20 I corsi d acqua che derivano acque da un corso d acqua pubblico sono da considerarsi in linea di principio privati ma non è sempre vero Vi sono canali derivati che sono di proprietà Statale e/o regionale. Agli stessi si applicano il regolamento del R.D. 523/1904 se non elencati nell allegato D della D.G.R. 7868/2002 Vi sono i canali di proprietà dei Consorzi di Bonifica; per questi si applica il regolamento del R.D. 368/1904 se elencati nell allegato D della D.G.R. 7868/2002 I Canali non rientranti nelle categorie precedenti sono privati e soggetti al disposto del T.U. 1775/1933.

21 Il punto 6 Scarichi L autorizzazione allo scarico compete dal punto di vista quantitativo e non qualitativo. Occorre verificare la capacità idraulica del corpo idrico ricevente secondo i seguenti limiti di accettabilità calcolati secondo il Piano di Risanamento Regionale : 20 l./sec. per ettaro scolante impermeabile di aree residenziali industriali. 40 l./sec. per ettaro scolante impermeabile di aree dotate di fognatura. ( limiti validi per portate scaricate non direttamente in corsi d acqua in aeree montane e nei fiumi Adda e Ticino per la provincia di Milano ). L immissione con manufatto orientato in favore di flusso e dotato di accorgimenti tecnici atti ad evitare fenomeni erosivi. Punto 7 - Ripristino a seguito di violazioni L abusivismo totale o parziale delle disposizioni di polizia idraulica viene perseguito con procedura di Ordinanza Dirigenziale da parte del Comune territorialmente competente per la riduzione in pristino ai sensi dell art. 14 della Legge n 47 /1985.

22 Il punto 8 Autorizzazione Paesistica Se l area di intervento è in zona soggetta a vincolo ambientale occorre : A ) atto autorizzativo della Regione Lombardia D.G. Territorio per opere di competenza regionale; B ) Atto autorizzativo dell ente delegato secondo quanto stabilito dell art.80 della L.R. 12/2005. Punto 9 - Concessioni in aree demaniali Le richieste di sdemanializzazione sul reticolo idrico minore sono ammissibili dal punto di vista idrico solamente quando: l area interessata ha perso definitivamente le sue caratteristiche idrauliche di uso pubblico. Essendo la proprietà demaniale il comune esprime il proprio parere all Agenzia del Demanio territorialmente competente accompagnata da un nulla-osta idraulico. Il nulla osta investe oltre l aspetto tecnico anche quello di opportunità. L ALLEGATO D) della DGR 7868/2002 contiene l elenco dei canali su cui si esercitano le funzioni concessorie da parte dei Consorzi di Bonifica ai sensi della L.R. n 7 / 2003.

23 D.G.R del 11 febbraio 2005 Approvazione del reticolo idrico di competenza dei Consorzi di bonifica ai sensi dell art.10 della L.R. 7/2003 Individua nuovamente il reticolo idrico di competenza dei Consorzi di bonifica. Sino all approvazione del regolamento di P.I. non produce però alcun effetto giuridico circa la presenza o meno di un corso d acqua nell elenco. Pertanto continuano a valere le DGR n 7868 e n Per effetto della sentenza T.S.A. n 91 / 2004 tali DGR sono state parzialmente annullate. La sentenza afferma che alcuni corsi d acqua dell allegato D della DGR 7868 hanno natura privatistica quindi debbono essere stralciati.

24 IL CONTRATTO DI FIUME È il processo per realizzare una programmazione di intervento estesa a tutto il bacino del corso d acqua. Accertata la scarsa efficacia delle politiche sinora attuate sui corsi d acqua in Italia l obbiettivo è l applicazione di questo strumento a cominciare dai bacini soggetti a forte inquinamento e / o a rischio idraulico. Per tali bacini l inversione della tendenza al degrado ambientale può avvenire solo grazie all impegno di tutti gli attori pubblici e privati presenti quali : _ Comuni _ Province _ A.t.o. _ Associazioni _ Forze economiche _ Parchi che condividono l obiettivo della qualità ambientale, territoriale e paesistica. Il primo esempio è il Contratto di fiume dell Olona ove l intesa preliminare è stata sottoscritta dal 90 % dei comuni del bacino.

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 16 Novembre 2005 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE RETICOLO IDRICO MINORE Fondazione Idra ha ottenuto l affidamento per il continuo dei lavori del progetto FESTO, iniziato ormai da più di un anno e che ha visto l individuazione del reticolo principale,

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO D.G.R. 22 dicembre n. IX/2762, SEMPLIFICAZIONE DEI CANONI DI POLIZIA IDRAULICA E RIORDINO DEI RETICOLI IDRICI agosto 2012

Dettagli

INDICE REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA 1 TECNO.GEO. STUDIO

INDICE REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA 1 TECNO.GEO. STUDIO INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento... 2 Art. 2 Definizione del reticolo minore... 2 Art. 3 Normativa di riferimento e competenze... 2 Art. 4 Attività amministrativa dei Comuni... 3 Art. 5 Autorizzazione

Dettagli

Premessa 23/05/2014 2

Premessa 23/05/2014 2 Regione Toscana NORMATIVA sulla DIFESA DEL SUOLO Legge Reg. 27 dicembre 2012 n. 79 Nuova Disciplina in materia di Consorzi di bonifica. Modifiche (Ver. alla l.r. 69/2008 e alla l.r. 91/98. 1.0) Abrogazione

Dettagli

Piano di Risanamento Fiume Lambro

Piano di Risanamento Fiume Lambro Piano di Risanamento Fiume Lambro Piano per l avvio e la messa a sistema delle attività di polizia idraulica Triuggio, Luglio 2013 INDICE 1. PREMESSA 3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 4 2.1. Nazionale 4 2.2.

Dettagli

Comune di Busto Garolfo Provincia di Milano

Comune di Busto Garolfo Provincia di Milano Comune di Busto Garolfo Provincia di Milano INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO COME DEFINITO DALLA D.G.R. 7/7868 del 25/01/2002 e s.m.i. Relazione tecnica illustrativa Maggio 2009 Aggiornamento: Marzo

Dettagli

CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI POLIZIA IDRAULICA DI COMPETENZA COMUNALE

CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI POLIZIA IDRAULICA DI COMPETENZA COMUNALE 191 ALLEGATO D CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI POLIZIA IDRAULICA DI COMPETENZA COMUNALE 1. PREMESSA. Il presente documento, in attuazione della legge 1/2000, fornisce criteri e indirizzi ai comuni

Dettagli

CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI POLIZIA IDRAULICA DI COMPETENZA COMUNALE

CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI POLIZIA IDRAULICA DI COMPETENZA COMUNALE CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI POLIZIA IDRAULICA DI COMPETENZA COMUNALE 1. Premessa. Il presente documento, in attuazione della legge 1/2000, fornisce criteri e indirizzi ai comuni per la ricognizione

Dettagli

1. Nota istituzionale

1. Nota istituzionale Allegato parte integrante ALLEGATO A) 1. Nota istituzionale Prima del D.P.R. 115/73 la titolarità del demanio idrico in Provincia di Trento era esclusivamente statale. Con l entrata in vigore del suddetto

Dettagli

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano 6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano Art. 1 Finalità generali del Piano 1. Il presente Piano costituisce piano stralcio di bacino ai sensi del c.6 ter dell art.17

Dettagli

Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore

Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore Dario Fossati UO Difesa del suolo ACQUA E SVILUPPO SOSTENIBILE - 20 MARZO 2015 I problemi delle aree urbanizzate (ridotta

Dettagli

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Sanitaria - Ambientale Corso di Bonifica dei Siti Contaminati Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento

Dettagli

OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del reticolo idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. LA GIUNTA REGIONALE

OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del reticolo idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. LA GIUNTA REGIONALE OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. N. 1449 IN 30/11/2012 LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA DATA RICHIAMATI: il

Dettagli

COMUNE DI COLICO. Provincia di Lecco RETICOLO IDRICO MINORE

COMUNE DI COLICO. Provincia di Lecco RETICOLO IDRICO MINORE STUDIO DI GEOLOGIA TECNICA ED AMBIENTALE Dott. Cristian Adamoli Via Villatico 11, - 23823 Colico (Lc) / 0341.933011 P.Iva 02471200135 - Cod. Fisc. DML CST 72R19 A745J COMUNE DI COLICO Provincia di Lecco

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 17/2007 (Atti del Consiglio) Norme per l emergenza idrica per l anno 2007. Modifiche alla legge regionale 21 luglio 1995, n. 81 (Norme di attuazione

Dettagli

COMUNE DI TROMELLO (PROVINCIA DI PAVIA) RETICOLO IDRICO PRESENTE NEL TERRITORIO COMUNALE (Delibere G.R. 25/01/02 n 7/7868 e G.R. 01/08/03 n 7/13950 )

COMUNE DI TROMELLO (PROVINCIA DI PAVIA) RETICOLO IDRICO PRESENTE NEL TERRITORIO COMUNALE (Delibere G.R. 25/01/02 n 7/7868 e G.R. 01/08/03 n 7/13950 ) COMUNE DI TROMELLO (PROVINCIA DI PAVIA) RETICOLO IDRICO PRESENTE NEL TERRITORIO COMUNALE (Delibere G.R. 25/01/02 n 7/7868 e G.R. 01/08/03 n 7/13950 ) REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA A CURA DI: STUDIO

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento spese di istruttoria procedimenti autorizzativi in materia di tutela ambientale

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento spese di istruttoria procedimenti autorizzativi in materia di tutela ambientale PROVINCIA DI ROMA Regolamento spese di istruttoria procedimenti autorizzativi in materia di tutela ambientale Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 38 del 13/09/2010 1 ART. 1 Principi generali

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

ISTANZA AUTORIZZAZIONE MOVIMENTO TERRA PER REALIZZAZIONE OPERE COSTRUTTIVE

ISTANZA AUTORIZZAZIONE MOVIMENTO TERRA PER REALIZZAZIONE OPERE COSTRUTTIVE REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO 6 AGRICOLTURA FORESTE E FORESTAZIONE AREA TERRITORIALE [*1]... [*2].... [*3] Via........ [ CAP ] [ CITTÀ ] www.assagri.regione.calabria.it Per il tramite del Suap del Comune

Dettagli

1. Dopo la lettera d) del comma 2 dell articolo 7 della l.r. 81/1995 è inserita la seguente lettera:

1. Dopo la lettera d) del comma 2 dell articolo 7 della l.r. 81/1995 è inserita la seguente lettera: Proposta di legge Norme per l emergenza idrica e per la prevenzione della crisi idropotabile Modifiche alla legge regionale 21 luglio 1995, n. 81 (Norme di attuazione della legge 5 gennaio 1994, n. 36.

Dettagli

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di MODELLO SCIA.b SCIA.b - 29/08/2011 ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA ai sensi dell articolo 19, comma 1

Dettagli

TURATE Provincia di COMO

TURATE Provincia di COMO TURATE Provincia di COMO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO PRINCIPALE E MINORE d.g.r. 25 gennaio 2002 n. 7/7868, modificata dalla d.g.r. 1 agosto 2003 n. 7/13950 CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA

Dettagli

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PRIME ISTRUZIONI OPERATIVE

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PRIME ISTRUZIONI OPERATIVE AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PRIME ISTRUZIONI OPERATIVE PROVINCIA DI BERGAMO ASSESSORATO ALL AMBIENTE DIRIGENTE DR. CLAUDIO CONFALONIERI SETTORE AMBIENTE Dr Ing. Claudia Pianello DPR n. 59 del 13.03.2013

Dettagli

Assessorato Sviluppo della montagna e foreste - Opere pubbliche - Difesa del suolo Direzione Opere Pubbliche

Assessorato Sviluppo della montagna e foreste - Opere pubbliche - Difesa del suolo Direzione Opere Pubbliche TABELLA "CANONI DI CONCESSIONE PER UTILIZZO DI PERTINENZE IDRAULICHE" (ART. 1, COMMA 1, LETTERA C DELLA L.R. 12/2004) INTEGRATA DALL ALLEGATO A DEL D.P.G.R. 6/12/2004, n. 14/R) (n.b. le note integrative

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità Norme per la difesa del suolo. (1) Bollettino Ufficiale n. 43, parte prima, del 21.12.1998 Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91 Titolo I - FINALITÀ Art. 01 - Finalità 1. La Regione Toscana, per soddisfare

Dettagli

Problematica Idraulica e piani urbanistici

Problematica Idraulica e piani urbanistici Associazione Nazionale Urbanisti e Pianificatori Territoriali e Ambientali con il patrocinio di Comune di Este Consorzio di Bonifica Adige Euganeo PREVENZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO: UN COMPITO PER LA PIANIFICAZIONE

Dettagli

Governo delle acque e del territorio

Governo delle acque e del territorio Governo delle acque e del territorio Indicazioni per una gestione comunale Sala Puerari Museo Civico Cremona 22/07/2010 1 Quadro Acque Cremona La realtà cremonese è interessata da un sistema delle acque

Dettagli

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 1. Quadro normativo statale Il Parlamento italiano è intervenuto circa 20 anni fa con una legge organica, la legge 18 maggio 1989, n. 183 Norme

Dettagli

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:.

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:. 3. Che la tipologia dell intervento, delle suddette opere è riconducibile a: 4. Che lo stato attuale dell immobile/unità immobiliare risulta legittimato dai seguenti atti: Fabbricato antecedente al 1938

Dettagli

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n.

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n. Protocollo Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Comunicazione di Inizio lavori per Attività Edilizia Libera non

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME TRONTO IL COMITATO ISTITUZIONALE

AUTORITÀ DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME TRONTO IL COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE DEL COMITATO ISTITUZIONALE N. 03 DEL 07/06/2007 L anno duemilasette (2007) il giorno sette (7) del mese di giugno alle ore 10,30, presso la sede dell Autorità di Bacino Interregionale del

Dettagli

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE CHIARIMENTI SUL REGIME NORMATIVO APPLICABILE NELLA FASCIA DI INEDIFICABILITÀ ASSOLUTA DAI LIMITI DELL ALVEO AI SENSI DELL ART. 8, C.3 DELLA NORMATIVA-TIPO DEI PIANI

Dettagli

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali Le opere di difesa Le opere di derivazione delle acque superficiali Le opere di immissione nelle acque superficiali I corsi d acqua ricevono svariati apporti liquidi derivanti dalle attività antropiche,

Dettagli

Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri

Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri RELAZIONE ILLUSTRATIVA Premessa La presente proposta di legge,

Dettagli

PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL RILASCIO DELLE CONCESSIONI PREFERENZIALI

PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL RILASCIO DELLE CONCESSIONI PREFERENZIALI Art. 1 Generalità Il presente regolamento disciplina il procedimento amministrativo semplificato della concessione preferenziale in attuazione dell art.4 del T.U. 11.12.1933 n.1775 e dell art.34 della

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEL REGOLAMENTO RELATIVO AL RETICOLO DI BONIFICA

LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEL REGOLAMENTO RELATIVO AL RETICOLO DI BONIFICA Consorzio di Bonifica della Media Pianura Bergamasca LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEL REGOLAMENTO RELATIVO AL RETICOLO DI BONIFICA D.G.R. n. 7/7868 del 25/01/2002 della Regione Lombardia L.R. n.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Legge 1986022 Pagina 1 di 5 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE PIANIFICAZIONE GENERALE E DI BACINO SERVIZIO CONTROLLO E GESTIONE DEL TERRITORIO

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE PIANIFICAZIONE GENERALE E DI BACINO SERVIZIO CONTROLLO E GESTIONE DEL TERRITORIO PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE PIANIFICAZIONE GENERALE E DI BACINO SERVIZIO CONTROLLO E GESTIONE DEL TERRITORIO Prot. Generale N. 0113911 / 2013 Atto N. 5050 OGGETTO: CI08166

Dettagli

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i.

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. MODELLO B cod. B- 27/1/2010 da compilarsi

Dettagli

Allegato Tecnico. Normativa ambientale di riferimento e adempimenti per i porticcioli turistici e i campi da golf. Autore. Direzione Scientifica ARPAL

Allegato Tecnico. Normativa ambientale di riferimento e adempimenti per i porticcioli turistici e i campi da golf. Autore. Direzione Scientifica ARPAL LIFE 04 ENV/IT/000437 PHAROS LINEE GUIDA per La predisposizione di sistemi di gestione ambientale secondo i requisiti del Regolamento EMAS II di strutture turistiche importanti (Porticcioli Turistici e

Dettagli

Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia

Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia Modena, 8/03/2011 Prot. Gen. n. 28679/2011 CG-MG/mg A tutto il Personale del Settore Agli Ordini e Collegi Professionali LORO SEDI OGGETTO: PROCEDURE DI

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale O GG E TTO : Art. 57 LR 36/97 e art. 8 LR 18/99 : Schema di Accordo di Pianificazione per variante PTC della Provincia di Genova in recepimento del Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico del Bacino

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

CONSIGLIO DI BACINO BRENTA

CONSIGLIO DI BACINO BRENTA CONSIGLIO DI BACINO BRENTA L.R. del Veneto n. 17 del 27 aprile 2012 DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA - Ing. Marco Puiatti - N. 30 di Reg. del 24/07/2015 Prot. n. 1046 del 24/07/2015 Immediatamente eseguibile

Dettagli

Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di utilizzazione delle acque

Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di utilizzazione delle acque Legge regionale n.11, 29 aprile 2015 Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di 1 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E COMUNITARIO Regio decreto 523/1904 (testo unico sulle opere idrauliche) Legge

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE E ATTIVITA DI POLIZIA IDRAULICA

RETICOLO IDRICO MINORE E ATTIVITA DI POLIZIA IDRAULICA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI BRUSAPORTO RETICOLO IDRICO MINORE E ATTIVITA DI POLIZIA IDRAULICA 1 Indice 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 3 2 DEFINIZIONI... 3 3 COMPETENZE... 4 4 OBIETTIVI E CRITERI... 6

Dettagli

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate VAS Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano integrazione al rapporto ambientale in merito alle osservazioni pervenute in seguito all

Dettagli

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana IL PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO PAI Relazione introduttiva 1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana 1.1 La disciplina La difesa del suolo

Dettagli

SOMMARIO. ELENCO degli ALLEGATI al DOCUMENTO TECNICO ed al REGOLAMENTO

SOMMARIO. ELENCO degli ALLEGATI al DOCUMENTO TECNICO ed al REGOLAMENTO REGOLAMENTO NORMATIIVO PER L ESERCIIZIIO DELL ATTIIVIITA DII POLIIZIIA IIDRAULIICA SOMMARIO ART. 1. OGGETTO DELLA NORMATIVA COMUNALE 3 ART. 2. ELENCO DEL RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE SOGGETTO ALLA NORMATIVA

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE...

INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE... 4 2.1 CARATTERISTICHE DEL RETICOLO IDRICO COMUNALE... 4 2.2 CRITERI DI INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO MINORE E COMPETENZE DI GESTIONE....

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SETTORE URBANISTICA, ASSETTO DEL TERRITORIO, PTCP, PAESAGGIO, GENIO CIVILE, DIFESA DEL SUOLO

CARTA DEI SERVIZI SETTORE URBANISTICA, ASSETTO DEL TERRITORIO, PTCP, PAESAGGIO, GENIO CIVILE, DIFESA DEL SUOLO 1 2 CARTA DEI SERVIZI SETTORE URBANISTICA, ASSETTO DEL TERRITORIO, PTCP, PAESAGGIO, GENIO CIVILE, DIFESA DEL SUOLO INDICE - Presentazione 4 - Premessa 5 - Introduzione 6 - Organizzazione E SERVIZI 11 -

Dettagli

Le misure del Piano Regionale di Tutela delle Acque -Collettamento e trattamento acque reflue-

Le misure del Piano Regionale di Tutela delle Acque -Collettamento e trattamento acque reflue- Le misure del Piano Regionale di Tutela delle Acque -Collettamento e trattamento acque reflue- ALESSANDRO ZUCCA Regione Autonoma FVG Direzione Ambiente ed Energia Palmanova- 19 MAGGIO 2015 Indirizzi e

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 SCHEMA DI ACCORDO Tra la PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE, l AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME

Dettagli

CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 207 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 8.1 Criteri generali di individuazione e valutazione degli interventi Gli

Dettagli

Gli impianti dedicati alla raccolta differenziata di rifiuti solidi urbani : modalità realizzative e gestionali.

Gli impianti dedicati alla raccolta differenziata di rifiuti solidi urbani : modalità realizzative e gestionali. Gli impianti dedicati alla raccolta differenziata di rifiuti solidi urbani : modalità realizzative e gestionali. Preso atto delle continue modifiche normative del settore e delle richieste di chiarimenti

Dettagli

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Evoluzione della normativa sulle acque in Italia RIFERIMENTO NORMATIVO APPROCCIO ALLA TUTELA L. 319/76 Limiti

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2591 Seduta del 31/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2591 Seduta del 31/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2591 Seduta del 31/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nelle tavole seguenti si esaminano rispettivamente i valori storico-culturali e il patrimonio storico architettonico con la viabilità storica; in questo caso non si rilevano situazioni di particolare interesse.

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ATTIVITÀ DELL UNITÀ OPERATIVA VIGILANZA IDRAULICA. Approvato con delibera G.P. n. 84 del 26/02/2007

REGOLAMENTO SULL ATTIVITÀ DELL UNITÀ OPERATIVA VIGILANZA IDRAULICA. Approvato con delibera G.P. n. 84 del 26/02/2007 REGOLAMENTO SULL ATTIVITÀ DELL UNITÀ OPERATIVA VIGILANZA IDRAULICA Approvato con delibera G.P. n. 84 del 26/02/2007 Indice Indice... 2 Premessa... 3 Art. 1... 3 Art. 2... 4 Art. 3... 4 Art. 4... 4 Art.

Dettagli

REGIONE LIGURIA PROVINCIA DI SAVONA. COMUNE di BOISSANO

REGIONE LIGURIA PROVINCIA DI SAVONA. COMUNE di BOISSANO REGIONE LIGURIA PROVINCIA DI SAVONA COMUNE di BOISSANO VARIANTE AL PIANO URBANISTICO COMUNALE, PER OPERE DI DEMOLIZIONE CON TRASFERIMENTO DELLA VOLUMETRIA AD ALTRO LOTTO E INCREMENTO DI VOLUME PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO (Provincia di Milano)

COMUNE DI INVERUNO (Provincia di Milano) COMUNE DI INVERUNO (Provincia di Milano) COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO AI SENSI DELLA L.R. 12/2005 E SECONDO I CRITERI DELLA D.G.R. n. 8/7374/08 Integrazioni

Dettagli

TRA. La Provincia di Lecce In persona del Presidente p.t. dott. Antonio. M. Gabellone. Il Comune di In persona del Sindaco p.t. dott.

TRA. La Provincia di Lecce In persona del Presidente p.t. dott. Antonio. M. Gabellone. Il Comune di In persona del Sindaco p.t. dott. TRA La Provincia di Lecce In persona del Presidente p.t. dott. Antonio. M. Gabellone Il Comune di In persona del Sindaco p.t. dott. PREMESSO che 1. l'art, 19 del D. Lgs. 267/2000 individua le competenze

Dettagli

Settore Tecnico (Servizio Pianificazione, Urbanistica ed Edilizia) REGOLAMENTO COMUNALE

Settore Tecnico (Servizio Pianificazione, Urbanistica ed Edilizia) REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE A TECNOLOGIA CELLULARE QUALI STAZIONI RADIO-BASE PER SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE, DIGITALI MOBILI E SIMILARI Approvato

Dettagli

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale PIANO DI GESTIONE ACQUE (Direttiva Comunitaria 2000/60/CE, D.L.vo. 152/06, L. 13/09, D.L 194/09) Relazione Regionale Allegato 1 QUADRO NORMATIVO E DELLE COMPETENZE INERENTE LE RISORSE IDRICHE REGIONE MOLISE

Dettagli

10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti

10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti torna all Indice Capitolo 10 10 CRITERI DI SELEZIONE DEI SITI IDONEI 10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti I criteri, assunti dal Piano Territoriale di Coordinamento (PTC),

Dettagli

proposta di legge n. 105

proposta di legge n. 105 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 105 a iniziativa dei Consiglieri Procaccini, Martoni presentata in data 31 gennaio 2002 TUTELA DELLA SALUTE E SALVAGUARDIA DELL AMBIENTE DALL INQUINAMENTO

Dettagli

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana Progetto di Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni FASE DI PARTECIPAZIONE ATTIVA (art.66 c.7 D.Lgs 152/06) I INCONTRO PUBBLICO PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

8895 07/08/2008. Identificativo Atto N. 621 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA

8895 07/08/2008. Identificativo Atto N. 621 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA 8895 07/08/2008 Identificativo Atto N. 621 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA REGOLARIZZAZIONE DI PICCOLA DERIVAZIONE DI ACQUE SOTTERRANEE DA 3 POZZI AD USO INDUSTRIALE IN COMUNE DI CREMONA (CR).

Dettagli

INOLTRA DOMANDA PER OTTENERE

INOLTRA DOMANDA PER OTTENERE modello 1 A.O Domanda per ottenere il Nulla Osta all allaccio in fognatura pubblica per lo scarico di reflui domestici provenienti da unità abitative residenziali modello (ai sensi dell art. 45 del D.Lgs.

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

Norme in materia di tutela e valorizzazione dei beni ambientali, paesistici e culturali.

Norme in materia di tutela e valorizzazione dei beni ambientali, paesistici e culturali. Campania - L.R. 18-11-1995, n. 24 L.R. 18 novembre 1995, n. 24(1). Norme in materia di tutela e valorizzazione dei beni ambientali, paesistici e culturali. (1) Pubblicata nel B.U. 21 novembre 1995, n.

Dettagli

DOMANDA 1) PER IL RILASCIO DI CONCESSIONE, LICENZA E NULLA OSTA

DOMANDA 1) PER IL RILASCIO DI CONCESSIONE, LICENZA E NULLA OSTA DOMANDA 1) PER IL RILASCIO DI CONCESSIONE, LICENZA E NULLA OSTA Data Spettabile CONSORZIO DI BONIFICA RIVIERA BERICA Via Circonvallazione, 2 36040 SOSSANO (VI) Oggetto: Corsi d acqua pertinenti alla bonifica

Dettagli

I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006

I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006 I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006 Paolo Casciano Direzione Generale Reti e servizi di pubblica utilità e sviluppo sostenibile Regione Lombardia Ordine Ingg BG 26/11/2007 - ing. Casciano

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

Colpo d occhio sulle principali delibere delle Regioni italiane

Colpo d occhio sulle principali delibere delle Regioni italiane Colpo d occhio sulle principali delibere delle Regioni italiane Regione Principali modifiche rispetto alle linee guida nazionali Riferimento normativo Fonte: Solar Energy Report PIEMONTE Delibera della

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO TICINO (Provincia di Milano) INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO

COMUNE DI SANTO STEFANO TICINO (Provincia di Milano) INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO COMUNE DI SANTO STEFANO TICINO (Provincia di Milano) INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO D.G.R. 25 ottobre 2012 n. IX/4287 RIORDINO DEI RETICOLI IDRICI DI REGIONE LOMBARDIA E REVISIONE DEI CANONI DI

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Piano di Gestione delle Acque I Aggiornamento Rapporto tra PDGAcque e altri piani di indirizzo: PDGAlluvioni, Piano di Sviluppo Rurale, Piano di Indirizzo

Dettagli

DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL 02.10.2012

DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL 02.10.2012 AUTORITà DI BACINO DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL Oggetto: Comune di Arzana - Studio di compatibilità geologica e geotecnica ai sensi dell art. 31 comma 6 lett. a delle N.A. del PAI inerente

Dettagli

PREMESSO CHE: Autorità di bacino Alto Adriatico Comitato Istituzionale - delibera n. 4/2010 - Pagina 2

PREMESSO CHE: Autorità di bacino Alto Adriatico Comitato Istituzionale - delibera n. 4/2010 - Pagina 2 DELIBERA N. 4 Seduta del 21 dicembre 2010 OGGETTO: Adozione del Piano stralcio per l assetto idrogeologico del bacino del fiume Livenza. IL COMITATO ISTITUZIONALE VISTO il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152

Dettagli

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A Prot. n. (PRC/05/30252) Visti: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - il Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modificazioni e integrazioni, recante Attuazione delle direttive 89/618/EURATOM,

Dettagli

Sintesi dei dati relativi al tenore di zolfo di alcuni combustibili liquidi prodotti, importati ed utilizzati in Italia

Sintesi dei dati relativi al tenore di zolfo di alcuni combustibili liquidi prodotti, importati ed utilizzati in Italia Sintesi dei dati relativi al tenore di zolfo di alcuni combustibili liquidi prodotti, importati ed utilizzati in Italia (articolo 7 della direttiva 99/32/CE, come modificata dalla direttiva 2005/33/CE)

Dettagli

REGOLAMENTO SPECIALE PER LA COLTIVAZIONE DEL RISO NELLA PROVINCIA DI VERCELLI

REGOLAMENTO SPECIALE PER LA COLTIVAZIONE DEL RISO NELLA PROVINCIA DI VERCELLI COMUNE DI OLCENENGO Provincia di Vercelli REGOLAMENTO SPECIALE PER LA COLTIVAZIONE DEL RISO NELLA PROVINCIA DI VERCELLI DECRETI DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Decreto del Presidente della Giunta

Dettagli

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA Art. 1 : Oggetto delle concessioni e licenze Il presente documento, relativo alle opere pubbliche di bonifica, le opere idrauliche e le opere

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 2 DEL 16.06.2015

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 2 DEL 16.06.2015 REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 2 Oggetto: Comune di Olbia - Proposta di variante al P.A.I. ai sensi dell art. 37, comma 3 lett. B delle N.A. del P.A.I., per le aree di pericolosità idraulica

Dettagli

Piccolissimi: Pe < 200kW Piccoli: 200 Pe< 1000 kw. Piccolissimi: Pe < 200kW Piccoli: 200 Pe< 1000 kw Medi: 1000 Pe < 5000 kw Grandi: Pe 5000 kw

Piccolissimi: Pe < 200kW Piccoli: 200 Pe< 1000 kw. Piccolissimi: Pe < 200kW Piccoli: 200 Pe< 1000 kw Medi: 1000 Pe < 5000 kw Grandi: Pe 5000 kw IMPIANTI A BIOMASSA - FILIERA DEI COMBUSTIBILI LIQUIDI AMBITI DI Siti UNESCO - candidature in atto Core zone Siti UNESCO - candidature in atto buffer zone Beni Paesaggistici PRINCIPALI DISPOSIZIONI DI

Dettagli

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007 ORDINANZA N. 3 DEL 22.01.08 Oggetto: O.P.C.M. n. 3621 del 18.10.2007. Interventi urgenti di protezione civile diretti a fronteggiare i danni conseguenti agli eccezionali eventi meteorologici che hanno

Dettagli

Il ruolo di ARPA in materia di inquinamento acustico

Il ruolo di ARPA in materia di inquinamento acustico Il ruolo di ARPA in materia di inquinamento acustico Convegno studi La normale tollerabilità del rumore Mantova, 27 novembre 2009 Francesco Ferrari Quando nasce A.R.P.A. Il 18 aprile 1993 un referendum

Dettagli

tra la Regione Autonoma della Sardegna e il Consorzio di Bonifica. per lo svolgimento di attività

tra la Regione Autonoma della Sardegna e il Consorzio di Bonifica. per lo svolgimento di attività SCHEMA DI ACCORDO DI PROGRAMMA tra la Regione Autonoma della Sardegna e il Consorzio di Bonifica. per lo svolgimento di attività inerenti al servizio di piena e intervento idraulico e presidio territoriale.

Dettagli

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO La gestione dei rifiuti, dei rifiuti pericolosi, degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggi è disciplinata dal Decreto Legislativo n 22 del 5/02/1997 Attuazione

Dettagli

S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di

S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di Numero di pratica / Responsabile del Procedimento: S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di Data di avvio del Procedimento Spazio riservato all ufficio

Dettagli

Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque. Bari 30.01.15

Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque. Bari 30.01.15 Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque Bari 30.01.15 Le acque nel Testo Unico Ambientale. Le definizioni (art. 74). ff) scarico: qualsiasi immissione effettuata esclusivamente

Dettagli

Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi

Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi SOGGETTI RICHIEDENTI Le imprese che intendono avviare l attività di recupero di rifiuti

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Servizio URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA ELENCO RIFERIMENTI NORMATIVI

Servizio URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA ELENCO RIFERIMENTI NORMATIVI Pag. 1 / 6 Origine Documento Ente o Servizio Emittente Tipo Esterna / L. Esterna / L. Descrizione Legge 17.08.1942, n. 1150 Legge Urbanistica Pubblicato G.U. 16.10.1942, n. 244 Legge 06.08.1967, n. 765

Dettagli

COMUNE DI CAMPARADA. Piazza Municipio, 01 20050 CAMPARADA (MI) RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI CAMPARADA. Piazza Municipio, 01 20050 CAMPARADA (MI) RELAZIONE TECNICA COMUNE DI CAMPARADA Piazza Municipio, 01 20050 CAMPARADA (MI) RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA REALIZZAZIONE DELLO STUDIO DEL RETICOLO IDROGRAFICO MINORE DEL TERRITORIO COMUNALE DI CAMPARADA SECONDO QUANTO

Dettagli