In cammino INFORMATORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "In cammino INFORMATORE"

Transcript

1 INFORMATORE DELLA DELLA COMUNITÀ COMUNITA PARROCCHIALE DI S. AMBROGIO IN VIGNATE Autorizzazione del Tribunale di Milano del , n. 91 Direttore responsabile: don Fidelmo Xodo Anno XXVII - n 12 Dicembre 2010 In cammino INFORMATORE Sante Messe in parrocchia: Feriali: ore Prefestiva: ore 18 Festive: ore (in S. Biagio) Lodi: ore 7.15 Vesperi - Rosario: ore 17,15 Confessioni: il sabato dalle ore 15 Don Fidelmo Xodo, parroco: tel Don Fulvio Bertini, vicario parrocchiale: tel Suore Dorotee Maestre dei Ss. Cuori: tel Orari di apertura della segreteria parrocchiale (entrata da Via Vittorio Veneto,1): il lunedì e il venerdì dalle alle 19 e il mercoledì dalle 9.30 alle 11. Per casi urgenti telefonare allo Natale di Gesù: la Sua povertà è la nostra ricchezza L'umile nascita di Gesù non deve sorprendere: l'uomo è salvato per la via dell'umiltà di Dio. La ricchezza della grazia è frutto della povertà del Signore Gesù volle essere un bambino, perché tu potessi crescere come uomo perfetto; fu stretto in fasce, perché tu fossi sciolto dai lacci della morte. Giacque in una stalla, per elevare te sugli altari; dimorò sulla terra, perché tu raggiungessi le stelle. Non trovò posto nell'albergo, perché tu avessi molte dimore Daniele Crespi, Adorazione dei pastori (part.), Certosa di Garegnano, Milano in" cielo. È scritto: «Da ricco qual era, si è fatto povero per voi, perché voi diventaste ricchi della sua povertà»: la sua indigenza è dunque la mia ricchezza; la debolezza del Signore è la mia forza. Egli ha scelto per sé le privazioni, per donare a tutti in abbondanza. Il pianto della sua infanzia è per me un lavacro, quelle lacrime hanno deterso i miei peccati. O Signore Gesù, sono più debitore ai tuoi oltraggi, sopportati per la mia redenzione, che alla tua potenza, da cui venne la mia creazione. Non ci avrebbe giovato nascere, se ci fosse mancata la grazia di essere redenti. S. Ambrogio

2 Ciascuno di voi è pietra viva della Chiesa - ci ha scritto l Arcivescovo - presenza desiderata per la bellezza della casa di Dio! Ma insieme, non da soli! Siete chiamati alla comunione. Lo spirito del mondo porta alle divisioni, alle contrapposizioni, ai personalismi, ai campanilismi. Lo Spirito di Dio edifica la comunione, ci rende un cuor Solo ed un anima sola. Immersi nella comunità cristiana Essere battezzati significa essere immersi. E come Cristo si è immerso non solo nell acqua del Giordano ma pienamente dentro il suo popolo peccatore, in profondo atteggiamento di solidarietà con esso, così anche noi, che siamo stati immersi nel grembo della comunità cristiana, ci sentiamo davvero dentro la Chiesa, in piena comunione tra noi. La comunità cristiana, infatti, non è essenzialmente, come molti pensano, un ente che eroga servizi (catechismo, carità, certificati, sacramenti, Messe in orari comodi...) ma siamo noi, ciascuno di noi, quando viviamo il nostro battesimo. È, questo della realizzazione degli impegni battesimali, un compito sacerdotale che spetta a tutti, non solo ai preti! S. Paolo lo scrive a- gli Efesini: In Cristo, anche voi venite edificati per diventare abitazione di Dio per mezzo dello Spirito. (2, 22) Vivere la corresponsabilità nella comunità cristiana La comunità cristiana ha bisogno del contributo di tutti, un contributo di impegno, di fraternità, di apertura, di corresponsabilità: senza paure e con grande disponibilità; non, tuttavia, per crearsi ciascuno il proprio orticello, per mostrare agli altri la propria bravura, per contrapporre il proprio impegno a quello degli altri, per far sentire il proprio peso in parrocchia, bensì soltanto per far crescere Gesù (cfr. Gv 3,30), al quale 2 RIPRENDENDO I CONTENUTI DELLA LETTERA DELLARCIVESCOVO La parrocchia, una comunità diaconale Chiedo al Signore il dono grande che nella nostra comunità sacerdoti, religiose e laici sappiano sempre lavorare insieme, volendosi bene. Davvero l amore vicendevole e il vicendevole apprezzamento sono il primo servizio che si rende alla Chiesa! nessuno si deve sostituire come salvatore, ma del quale ciascuno di noi vuole sentirsi servo inutile e testimone credibile. Una corresponsabilità come servizio di ciascuno a ciascun altro, in spirito di assoluta gratuità. Il Signore lo sappiamo - ci chiederà se e come abbiamo trafficato i nostri talenti: sarà lui a premiare, eventualmente, i servi buoni e fedeli (cfr Mt 25, 21). La parrocchia, una comunità di servitori I laici devono essere pronti già ora (ma ancor più dovranno esserlo nei prossimi anni ) ad assumersi maggiori responsabilità, perché maggiori e più complessi sono, rispetto al passato e ancor più saranno in futuro, i bisogni che le richiedono. Dobbiamo, perciò, favorendo la più ampia diffusione dei vari ministeri laicali (catechisti battesimali, per l iniziazione cristiana, per gli a- dulti; operatori liturgici; animatori, direttori e responsabili di oratorio; azione cattolica; ministri straordinari della comunione; visitatori delle famiglie ), fare in modo che la nostra comunità divengano sempre più una comunità diaconali, cioè una comunità di servitori, in cui ciascuno - sia esso prete, religioso o laico - si impegna al servizio del bene di tutti. Solo in questo modo sapremo mostrare al mondo il vero volto di Gesù, che è venuto per servire e non per essere servito (Mt 20, 28). Preti, laici e religiose Chiedo al Signore il dono grande che nella nostra comunità sacerdoti, religiose e laici sappiano sempre lavorare insieme, volendosi bene: davvero l amore vicendevole e il vicendevole apprezzamento sono il primo servizio che si rende alla Chiesa!

3 Vorrei che i laici lascino che i loro preti facciano i preti, cioè che curino soprattutto la preghiera e l annunciò della parola di Dio (cfr. Atti 6,4) nonché la crescita spirituale delle persone: molte incombenze che magari per tradizione hanno sempre svolto loro, possono benissimo essere svolte - e anche meglio e con maggior competenza - dai laici stessi, in spirito di servizio e di corresponsabilità. E necessario, d altra parte, che noi preti apprezziamo sempre più la dignità dello stato laicale, accogliamo con disponibilità i carismi dei laici, promuoviamo la crescita sia qualitativa che quantitativa dei vari loro ministeri, consideriamo i laici non dei semplici esecutori di nostre direttive o tutt al più come collaboratori alle nostre fatiche, ma come persone corresponsabili con noi della comunità cristiana. Vorrei che le religiose fossero apprezzate nella nostra comunità non soltanto per il servizio che possono dare, quanto soprattutto per la loro testimonianza di una vita tutta offerta al Alcuni giorni fa mi sono recato presso l'asl di Melzo per una pratica. Mentre aspettavo il mio turno, dalla porta accanto, quella della pedriatria, ho sentito un bambino che piangeva a dirotto. Poco dopo dallo studio medico sono uscite due donne - la nonna e la mamma - con un bambino piccolo in braccio ed uno di circa tre anni, tutti indiani. Il bambino più grande era agitatissimo e terrorizzato: non ne ho capito il motivo, ma piangeva senza sosta. Le due donne, imbarazzate, visti anche i segni di insofferenza di alcuni dei presenti, cercavano di calmarlo. Dopo alcuni minuti il bambino si è avvicinato alla macchina distributrice di dolci ed ha fatto capire, sempre piangendo, 3 Signore e perché secondo la loro propria connotazione carismatica, sono - come dice il nostro 47 Sinodo diocesano - annuncio, diaconia, testimonianza profetica della resurrezione e vivono la loro missione, attestando il primato di Dio, attraverso u- na vita vergine, povera e obbediente. Vivere il comandamento dell amore Amatevi l un l altro come io vi ho amato (Gv 13, 34; 15, 12): questo ci chiede Gesù e lui ci ha amati fino alla fine! (Cfr. Gv. 13,1). Amare e perseverare nell amore è difficile, perché è la via della croce, ma questa è la strada che ha percorso Gesù. E, fuori dalla croce, non c è salvezza. Perciò dobbiamo anche noi di volerne uno. Le due donne non volevano o non potevano esaudire il suo desiderio. Allora un signore che aveva assistito al fatto ha cercato la moneta adatta, ma non avendola trovata, ha chiesto a due coniugi presenti di cambiargliela con quelle in suo possesso. Lo hanno guardato stupiti ed il marito, dandogli quanto richiesto, gli camminare nella via carità, scambiandoci tutte le volte che sarà necessario quel dono grandissimo, che è il per-dono e favorendo tutte le occasioni d incontro e di valorizzazione del buono che c è negli altri. Solo così potremo essere vangelo per gli uomini e le donne che vivono con noi a Vignate. Il vangelo, infatti, va annunciato più con le opere - la vita nell amore! - che con le parole. Guardate come si amano l un l altro. (Tertulliano: PL 1, 471) dicevano i pagani vedendo i primi cristiani... Don Fidelmo NON E STATO PRESO IN PRESTITO (MA FA RIFLETTERE) IL SANTO NATALE E NOI Fra poco sarà di nuovo Natale e Gesù bambino sarà di nuovo fra noi. Sapremo accoglierlo e amarlo? La nostra società sa ancora accogliere tutti, sopratutto i bambini? ha detto: Bisognerebbe mandarli tutti a casa, a calci, anche i bambini, perché fra pochi anni saranno tutti di loro. Quel signore non ha risposto, ha preso il dolce e l ha dato al bambino che, piuano piano si è calmato. Sono uscito dall ASL e mentre mi dirigevo verso la mia auto vi assicuro che,con tanta amarezza nel cuore, mi ha preso un groppo alla gola, e mi si sono inumiditi gli occhi. Siamo ancora una società cristiana, se non abbiamo più amore e tenerezza nemmeno verso i bambini? Mi auguro che Gesù, nascendo, trovi posto nei nostri cuori e ci faccia capire che tutti, vanno amati, senza distinzione, ma sopratutto i bambini. (A cura di Giorgio Airoldi)

4 Così funziona la chiesa degli avvisi: tutto quello che è in programma in parrocchia è segnalato al parroco o alla segreteria; tutto è scritto su un foglio che si può ritirare uscendo di chiesa. I promotori delle iniziative ci tengono molto e si arrabbiano di ogni dimenticanza e imprecisione. Il prete, alla fine della messa, dice: Prendete il foglio degli avvisi. In particolare vi segnalo che si cercano volontari per la giornata missionaria. E poi mercoledì aspetto gli adolescenti. Molti sopportano il momento degli avvisi. Pensano: Lo sta dicendo per gli altri!. Quelli che poi si trovano per la giornata missionaria, si dicono: Siamo sempre di meno. E sì che è stato detto negli avvisi. Quando il prete incontra Stefano, gli dice: Non ti ho visto mercoledì. E Stefano risponde: Perché? Cosa c era mercoledì?. E il prete: Eppure l ho detto negli avvisi!. Si ha l impressione che la chiesa degli avvisi non funzioni. La chiesa degli avvisi, infatti, si DON MARIO, IL VICARIO La parola al nostro V.E.Z., Mons. Delpini immagina che tutto dipende dal fatto che il prete dica le cose e segnali gli impegni. Perciò la gente insiste: Signor parroco, lo dica in chiesa!. E anche il prete si lamenta: Quante volte l ho detto!. Forse, per una chiesa più missionaria, si dovrebbe passare dalla chiesa degli avvisi alla chiesa degli inviti. 4 L invito è una parola tra persone che si guardano in faccia. Il vicino di casa può dire alla vicina: C è la giornata per le missioni: ci fa una delle sue famose crostate con la marmellata di fichi?. L invito è una confidenza che Stefania può fare a Stefano lunedì, entrando in classe: Mercoledì c è l incontro adolescenti. Per contattare Mons. Mario Delpini, vicario episcopale della zona pastorale VIª: P.zza Fontana, MILANO; tel. uff.: La Chiesa degli avvisi Andiamo insieme?. L invito è un espressione di simpatia: Ti stimo, sono contento di averti vicino: perciò condivido con te quello che mi sta a cuore. Chi rivolge un invito ci mette del suo, si dichiara interessato a una iniziativa al punto da interessare anche un altro. È una forma, modesta fin che si vuole, di corresponsabilità. Non ci deve pensare solo il prete e non tutto dipende da lui. L invito è una forma di contagio, come l irradiazione della gioia, la condivisione dell entusiasmo per un momento desiderabile, per un iniziativa che appassiona. L invito è anche la dichiarazione di un impegno di accoglienza: questo amico l ho invitato io, devo far di tutto perché si trovi bene, perché si senta accolto, anche da quelli che da vent - anni organizzano la giornata missionaria! Non so se la chiesa degli inviti abbia più successo della chiesa degli avvisi. Però certo è una chiesa che si presenta più viva, più lieta, più desiderosa di accogliere e condividere: più missionaria, forse. Don Mario, il Vicario La parrocchia intende vendere la casa di sua proprietà situata a Vignate in via don Biffi, 14. Gli interessati possono comunicare il proprio nominativo e recapito telefonico in segreteria parrocchiale (tel )

5 Alla prima grande visione seguono, nell - Apocalisse, le lettere alle sette Chiese, che sono tutte organizzate secondo lo stesso schema: ciascuna inizia con una presentazione che Gesù fa di sé e che sottolinea, di volta in volta, diversi suoi attributi. Ogni lettera contiene, quindi, una lode per gli elementi positivi ed un rimprovero per gli aspetti negativi presenti nella vita di ciascuna Chiesa. E, a mo di conclusione, segue una diversa promessa di Gesù. Qui leggeremo per intero (e commenteremo brevemente) solo l'ultima lettera, la più famosa: "All'angelo della Chiesa che è a Laodicèa scrivi: Così parla l'amen, il Testimone degno di fede e veritiero, il Principio della creazione di Dio. Conosco le tue o- pere: tu non sei né freddo né caldo. Magari tu fossi freddo o caldo! Ma poiché sei tiepido, non sei cioè né freddo né caldo, sto per vomitarti dalla mia bocca. Tu dici: Sono ricco, mi sono arricchito, non ho bisogno di nulla. Ma non sai di essere un infelice, un miserabile, un povero, cieco e nudo. Ti consiglio di comperare da me oro purificato dal fuoco per diventare ricco, e abiti bianchi per vestirti e perché non appaia la tua vergognosa nudità, e collirio per ungerti gli occhi e recuperare la vista. Io, tutti quelli che amo, li rimprovero e li educo. Sii dunque zelante e convèrtiti. Ecco: sto alla porta e busso. Se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta, io verrò da lui, cenerò con lui ed egli con me. Il vincitore lo farò sedere con me, sul mio trono, come anche io ho vinto e siedo con il Padre mio sul suo trono. Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese". (Ap.3, 14-22) In questa settima lettera Gesù si presenta, dunque, come "l'amen", un titolo che gli é attribuito anche da san Paolo: Cristo é l'amen, cioé il "sì di Dio alle sue promesse, e il "sì" che si realizza nell'obbedienza piena dell'uomo-gesù al Padre. Perché Gesù dà poi agli abitanti di Laodicea il consiglio di comprare da lui oro, abiti, e collirio? Perché la lavorazione dell oro, la confezione dei vestiti e la produzione dei cosmetici erano le attività su cui si basava la grande prosperità di Laodicea. Gesù, quindi, vuol dire: non dovete attaccarvi alla vostra ricchezza materiale, ma cercare da me i valori autentici. Quindi, dice loro: Io, tutti quelli che amo, li rimprovero e li educo. Anche questa espressione é ricavata dall Antico Testamento (cfr. Prv 3, 12; Dt 8,5 2; Sam 7, 14; Sap 11, 10) e, nel Nuovo Testamento, si trova anche in 1 Cor 11, 32: "quando siamo giudicati dal Signore, siamo da lui ammoniti per non essere condannati insieme con il mondo. 5 L APOCALISSE SVELA IN CRISTO IL SENSO DELLA STORIA. 4 Le lettere alle sette Chiese Le Chiese cui sono inviate le sette lettere dell Apocalisse Dopo l'invito a cambiare vita, la lettera continua così: Ecco: sto alla porta e busso. Se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta, io verrò da lui, cenerò con lui ed egli con me". Anche quest immagine di grande intimità non é nuovissima, ma la si trova già nel Cantico dei cantici: Mi sono addormentata, ma veglia il mio cuore. Un rumore! La voce del mio amato che bussa: "Aprimi, sorella mia, mia amica, mia colomba, mio tutto; perché il mio capo è madido di rugiada, i miei riccioli di gocce notturne". Mi sono tolta la veste; come indossarla di nuovo? Mi sono lavata i piedi; come sporcarli di nuovo?" L'amato mio ha introdotto la mano nella fessura e le mie viscere fremettero per lui. Mi sono alzata per a- prire al mio amato e le mie mani stillavano mirra; fluiva mirra dalle mie dita sulla maniglia del chiavistello. Ho aperto allora all'amato mio, ma l'amato mio se n'era andato, era scomparso. Io venni meno, per la sua scomparsa; l'ho cercato, ma non l'ho trovato, l'ho chiamato, ma non mi ha risposto." (Ct. 5, 2-6) Questa immagine, contiene un insegnamento molto prezioso: Dio lascia libero l'uomo di fare la sua scelta: "se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre ", dice, infatti, qui Gesù. C è nell'apocalisse un richiamarsi continuo: credo che non ci sia niente in questo libro che non trovi un riferimento in qualche parte dell'antico o del Nuovo Testamento. Infatti, così come la promessa che egli fa di far sedere i vincitori con lui sul suo trono riecheggia alcune parole del vangelo: "Padre - così prega Gesù - voglio che quelli che mi hai dato siano anch'essi con me dove sono io (Gv 17, 24), la frase "Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese", che chiude tutte e sette le lettere, non riecheggia forse le parole ripetute spesso da Gesù nel Vangelo: Chi ha orecchie per intendere, intenda? (Mt 13, 9). Ognuna di queste lettere si conclude, dunque, con l invito all ascolto, invito che pure si trova in vari testi dell'antico Testamento, il più noto dei quali é il cosiddetto Shemà, Israel: Ascolta, Israele: il Signore è il nostro Dio, u- nico è il Signore. Tu a- merai il Signore, tuo Dio, con tutto il cuore, con tutta l'anima e con tutte le forze. Questi precetti che oggi ti do, ti stiano fissi nel cuore. Li ripeterai ai tuoi figli, ne parlerai quando ti troverai in casa tua, quando camminerai per via, quando ti coricherai e quando ti alzerai. Te li legherai alla mano come un segno, ti saranno come un pendaglio tra gli occhi e li scriverai sugli stipiti della tua casa e sulle tue porte. (Dt. 6, 4-9) ll primo atteggiamento dell'uomo nei riguardi di Dio, deve dunque essere quello dell ascolto della sua Parola. Gi Go

6 Battaglia, battaglia e ancora battaglia. È un bisogno. Ma dove combattere? Qual è il campo di battaglia? Si tratta di strade, case, uffici, deserti, paesi, nazioni? No. Si tratta invece del cuore del credente che dalla tradizione biblica è considerato la sede di tutto: degli affetti, dei sentimenti, dell intelligenza, della vita psicologica, della vita morale, della memoria, delle decisioni Tutto viene dal cuore. Non dimentichiamo che il cuore è anche il luogo dell ascolto della Parola di Dio, dimora dello Spirito, dell Amore di Dio, della pace di Gesù. Il cuore rappresenta la dimensione interiore dell uomo. È il vero io, quello autentico. Ed è per questo che Gesù ci avvisa che non è ciò che entra dalla bocca dell uomo a contaminarlo, ma ciò che da lui esce. Ci troviamo in Marco, capitolo 7, È un brano importante, spesso dimenticato o mal compreso. Proviamo a leggerlo, allora: Gesù diceva: - Ciò che esce dall uomo è quello che rende impuro l uomo. Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono i propositi di male: impurità, furti, omicidi, adulteri, avidità, malvagità, inganno, dissolutezza, invidia, calunnia, superbia, stoltezza. 6 È ciò che esce dal cuore dell uomo... Giotto, La resurrezione di Lazzaro Tutte queste cose cattive vengono fuori dall interno e rendono impuro l uomo -. Ecco dunque quali sono i propositi cattivi che, presenti nel nostro cuore, dobbiamo riconoscere ed estirpare. Bisogna pregare e chiedere a Gesù una potente liberazione da queste dodici bestie. Dobbiamo identificarle e allontanarle dal nostro cuore. Il cuore può essere il luogo di accoglienza, oppure di rifiuto. Può essere di carne oppure di pietra. Ma per poter combattere insieme a Cristo dobbiamo avere un cuore docile all azione dello Spirito Santo. Un cuore unificato. Un cuore purificato. Un cuore rigenerato. Dobbiamo renderci conto del disordine che abita in noi, delle pulsioni e- goistiche che determinano il nostro modo di vivere, di pensare, di decidere, di agire. Allora, prima di partire come soldati, dobbiamo sostare un attimo, prendere prima consapevolezza di quel mondo interiore che è ancora abitato dalle tenebre del peccato e che deve conquistare una vita spirituale seria, esigente e continua nella fedeltà al Signore. In pratica, dobbiamo proclamare la signoria di Gesù sulla nostra vita, sulle nostre situazioni, sulle nostre malattie. Questa è la preghiera più potente! Non serve a nulla angustiarsi, chiudersi, piangersi addosso, dobbiamo invece proclamare Gesù Signore sulle nostre situazioni. E, con fede, tutto cambierà. Di grande importanza, a questo riguardo, è il meraviglioso capitolo 11 di Giovanni, quello che racconta la risurrezione di Lazzaro. Esemplare è ciò che Gesù, appena saputo della morte dell amico, proclama: Questa malattia non porterà alla morte (v. 4). Che grande messaggio di vita! Che grande richiamo alla vita! Che grande proclamazione di vita! Perché il cristiano non conosce la morte, ma la vita; il cristiano non è fatto per la morte, ma per la vita. È Gesù che nel medesimo racconto lo promette ("Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà; chiunque vive e crede in me, non morirà in eterno vv ). Questa è l esperienza del cristiano, questa la speranza che non delude - io sono fatto per la vita - e questo è ciò che io devo dire nella mia preghiera personale: la mia malattia è per la vita eterna, è per la gloria di Dio. Questa deve essere la nostra logica, il nostro vivere evangelico: Gesù tu sei il Signore della mia vita. Gesù io ti proclamo Signore di questa mia malattia, di queste ossa malate, dei miei organi corrotti, del mio cuore stanco, del mio sangue infetto, del mio mal di testa, del mio mal di schiena, del mio tumore, di questa mia malattia inguaribile per i medici, del mio cervello, delle mie gambe Così dobbiamo imparare a pregare, in questo modo dobbiamo rivolgerci a Gesù. Una preghiera da rinnovare ogni giorno. Non dobbiamo avere paura nel dirla, anzi, dobbiamo gridarla, senza soste, senza vergogna. 8- Continua Alessandro Mori

7 Brevi dalla Parrocchia CELEBRATA LA GIORNATA MISSIONARIA Nella Giornata missionaria dello scorso ottobre abbiamo pregato per i missionari e le missionarie... Uscendo di chiesa, poi, ci è stata consegnata una bustina che si poteva restituire in settimana con un - offerta finalizzata. In tutto sono stati raccolti euro. Un grazie vivissimo. Spazio Caritas Pubblichiamo il comunicato letto a tutte le messe di domenica 7 novembre in occasione della Giornata della Caritas: La Caritas Ambrosiana ci invita a riflettere sul significato del volontariato che, come dice il nostro Cardinale non deve essere qualcosa di opzionale, ma deve essere avvertito come necessario, come scelta di responsabilità vera e propria prima ancora di una eventuale generosità. In particolare noi volontari che lavoriamo come operatori nel Centro di Ascolto incontriamo persone sempre più numerose che si trovano in situazione di difficoltà dovute alla mancanza o alla perdita del lavoro a seguito dell attuale crisi economica. Per venire in aiuto a questi soggetti lo stesso cardinale Tettamanzi aveva istituito nel 2008 il Fondo famiglia-lavoro che in due anni ha potuto aiutare più di 4000 famiglie, che avrebbe dovuto esaurirsi entro il 2009 e che invece sarà prorogato fino alla fine del prossimo anno visto il permanere della crisi. Anche quest anno la Caritas Ambrosiana sollecita tutte le 1107 parrocchie della diocesi ad incrementare questo fondo ed è per questo che all uscita dalla chiesa troverete un banco vendita di torte e oggetti vari, il cui ricavato andrà a sostenere questo progetto. Ricordiamo che la raccolta diocesana effettuata lo scorso anno ha fruttato la somma di euro e in particolare a Vignate ben 9 famiglie hanno potuto usufruire di questa forma di sostegno. Vi ringraziamo e confidiamo nella vostra generosità. La Caritas parrocchiale 7 Una luce si è levata per il giusto; è arrivata la gioia per i retti di cuore La redazione di In cammino è lieta di porgere a tutti i suoi affezionati lettori i più sinceri auguri di un Natale santo e di un felice anno nuovo. CELEBRATA LA GIORNATA DIOCESANA DELLA CARITAS Domenica 7 novembre si è celebrata la Giornata diocesana della Caritas, che è stata per tutti noi un richiamo ad amare concretamente il prossimo in questo periodo economico difficile per tante persone e famiglie. Sabato 6, durante la S. Messa delle 18 è stato consegnato il mandato agli operatori della nostra Caritas. Con il banco vendita della promosso dalla Caritas parrocchiale sono stati raccolti euro. Anche in questo caso, grazie per la generosità dimostrata. INIZIATO IL CAMMINO DEL CATECUMENATO PER QUATTRO FANCIULLI Domenica 14 novembre, prima di Avvento, alla Messa delle 11.15, quattro fanciulli non ancora battezzati sono stati ammessi al catecumenato, mentre i loro compagni hanno fatto memoria del battesimo. AVVENTO, TEMPO D ATTESA L Avvento è tempo di attesa. La processione all inizio delle sante Messe ci ricorda che il Signore è luce sul cammino della santità. In questo periodo, con più forza del solito, invitiamo ad arrivare puntuali in chiesa e a non uscire con fretta al termine della S. Messa, mostrando così attenzione e cura per le cose che non passano. Approfittiamo dei ritiri spirituali per tutte le età che si terranno in parrocchia. Domenica 5 dicembre sarà il turno del il ritiro parrocchiale e il 12 dicembre a Triuggio sono particolarmente invitati i collaboratori. Aumentiamo in questo periodo l ascolto e la riflessione sulla Parola di Dio in modo personale e anche comunitario. In particolare ogni venerdì alle 21, in casa parrocchiale, ci saranno incontri di spiegazione e confronto sulle letture domenicali. Tutti possono partecipare. In Avvento a- priamo il nostro cuore ai poveri, vicini e lontani. I bambini del catechismo hanno ricevuto il salvadanaio per raccogliere i loro risparmi. Nei giorni feriali, inoltre, in una apposita cesta collocata in chiesa, si fa la raccolta di alimenti a lunga conservazione per aiutare le famiglie povere, che la crisi economica in atto, rende

8 Marta aveva una sorella chiamata Maria, la quale, sedutasi ai piedi di Gesù, ascoltava la sua parola.(lc 10, 39) Perché iniziare con questo piccolo versetto il nostro nuovo cammino sulla via dei Santi? Perché proprio in queste poche parole di Luca, vi è racchiusa una delle meravigliose rivelazioni del Cristianesimo; ed anche una piccola rivoluzione. Maria è seduta ai piedi di Gesù; seduta ai suoi piedi nel gesto tipico del Discepolo quindi Maria è un discepolo di Gesù. Come può essere che una donna arrivi a tanto. Nel mondo ebraico antico le donne non potevano ambire ad un ruolo diverso da quello materno e sponsale, figuriamoci un ruolo tipicamente maschile come il discepolo, una cosa sicuramente scandalosa, ma Gesù ci ha abituati allo scandalo, Gesù vede oltre e sa perfettamente che la donna possiede delle caratteristiche diverse e nuove che completano la nostra capacità di accogliere la Sua parola. Ecco 8 Le sante Un itinerario attraverso la santità al femminile Tondo della Vergine col Bambino tra due sante e due angeli. Dipinto a olio del Pereugino e di Andrea d Assisi detto l Ingegno allora che Maria mentre è seduta non solo ascolta la Parola ma la accoglie, la fa diventare vita vivendola poi con la sua vita. Partiamo allora da questa capacità di accoglienza che è un dono tipicamente femminile per esplorare la vita di alcune donne che hanno saputo accogliere e vivere il Signore in modo unico, intimo, totale per lasciarsi da Lui guidare nel più completo abbandono. Vedremo allora figure che completamente assorbite da Gesù, passano la vita in meditazione arrivando a vette di conoscenza dell amore di Dio che rasentano la perfezione; vedremo figure di donne che per restare fedeli a quell amore così intensamente accolto non rifiuteranno il martirio; vedremo figure di donne che dopo aver accolto e sposato il Signore Gesù diventeranno delle infaticabili operatrici della Misericordia Divina. Vedremo insomma delle donne, giovani, meno giovani, madri, consacrate, colte, ignoranti, belle e meno belle, ricche e povere che ci guideranno con la loro tenerezza ed il loro Amore ad un nuovo incontro con il Signore, questa volta guidati dalle figure delle Sante Un arrivederci a presto: questo nuovo cammino insieme che ci possa portare sempre più vicino ai piedi di Gesù, perché si possa anche noi accoglierlo nella nostra vita. Don Fidelmo e Claudio sempre più numerosi. SI E TENUTO IL RITO DI AMMISSIONE DI NUOVI CHIERICHETTI Sabato 20 novembre alla messa di vigilia delle ore 18 i chierichetti hanno fatto onore a S. Tarcisio, loro patrono, celebrando il rito di ammissione di nuovi ministranti. ASSEMBLEA PARROCCHIALE DI AZIONE CATTOLICA E RINNOVO RESPONSABILI Il 19 novembre si è tenuta come prevede lo Statuto, - l assemblea parrocchiale di Azione Cattolica. Sotto la presidenza del responsabile unitario decanale, Giorgio Gorla, è stato analizzato il documento preparatorio dell assemblea diocesana che si terrà a Milano il prossimo mese di febbraio e si è cercato di riflettere sulla situazione dell associazione in parrocchia. Al termine, sono stati eletti Presidente Giuliana Spizzi e responsabile Adulti Maria Capello. Wilma Ferrari è stata nomina-

9 Venerdì 19 novembre in oratorio si è tenuto un incontro per i genitori dei ragazzi di seconda e terza media, organizzato in collaborazione con il Consultorio familiare di Melzo. Come comunicare con i figli? Quali strategie adottare e perché. Questo il titolo dell incontro, che ha avuto come relatrice la dott.ssa Simona Prinetti Si è trattato del primo di una serie di cinque incontri che si propongono di affrontare le dinamiche del rapporto di relazione tra genitori e figli in età adolescenziale e che intendeono essere per i papà e le mamme un valido supporto formativo, affrontando insieme quelle tematiche che costituiscono il punto critico, nelle loro mille sfaccettature, del periodo che i ragazzi stanno vivendo. Collaborando, ci auguriamo di poter creare i presupposti, perché la loro 9 UNA PROPOSTA PER I PAPÀ E LE MAMME DEI RAGAZZI DI 2ª E 3ªMEDIA Genitori e figli adolescenti Quale rapporto? Una bella e utile iniziativa del nostro Oratorio in collaborazione con il Consultorio decanale di Melzo crescita interiore, spirituale e umana, possa essere supportata nel migliore dei modi. I prossimi incontri saranno i seguenti: 28 gennaio 2011, ore Mamma, papà, non capite niente! Il conflitto genitorifigli: quali funzioni ha e come gestirlo. Relatore: dott. Baio 18 febbraio 2011, ore Crescere un sovrano in famiglia? No, grazie. L educazione dei figli: tra affetto e regole. Relatore: dott. Cavalli 31 marzo 2011, ore Fumo, alcool, cibo, droghe aiuto! I rischi della dipendenza da sostanze. Relatore: dott. Mapelli 12 maggio 2011, ore Lo fanno tutti lo faccio anch io. Sostenere la partecipazione positiva e critica al gruppo. Relatore: dott. Gervasoni Data l importanza dei temi trattati, contiamo su una presenza numerosa e attiva dei genitori. don Fulvio e gli educatori ta delegata all assemblea diocesana. CORSO IN PREPARAZIONE AL MATRIMONIO Terminato il corso autunnale, già ci prepariamo ad iniziare il nuovo cammino per i nostri fidanzati: inizierà la sera del 27 gennaio prossimo, presso il centro pastorale parrocchiale alle ore 20,45 e a- vrà la durata di circa dieci serate. Chi fosse interessato a partecipare è pregato di segnalarlo tempestivamente presso la segreteria parrocchiale negli orari stabiliti. La Chiesa si preoccupa che i futuri sposi possano avere una preparazione al matrimonio alla luce degli insegnamenti del Vangelo. I vari temi verranno svolti da persone qualificate, che hanno il desiderio di essere utili a chi si presta a compiere il passo decisivo della propria vita. A tutti un arrivederci e l augurio di fare tesoro dei tanti insegnamenti di vita che saranno proposti. 8ª MOSTRA DEI PRESEPI presso il nostro Centro pastorale Inaugurata il 7 dicembre 2010, ore 11.15, la mostra sarà visitabile fino al 6 gennaio 2011 Orari di apertura al pubblico Prefestivi: dalle ore 16 alle 19 Festivi: dalle ore 10 alle ore 12 e dalle 15 alle 19 Natale: dalle ore 10 alle ore 12 e dalle 16 alle 19 Capodanno: dalle ore 16 alle ore 19

10 Ci presentiamo. Siamo Federica & Alessio una delle dieci coppie che hanno appena terminato il corso fidanzati... Una sera, dopo uno degli incontri, Giuseppe ci dice: Ho un compito da darvi: dovreste scrivere un articolo sul corso e noi: Oh, mamma mia Proprio noi? E va beh. Ed ora eccoci qui: da che parte iniziamo? Scrivere un articolo che racchiuda e riesca a trasmettere a chi lo legge il significato di un cammino che prepara al matrimonio non e semplice è praticamente una mission impossibile. Sono state dieci serate intense ricche di parole e di silenzi, di esperienze di vita e di insegnamenti, di sorrisi e di battute che ci hanno fatto crescere, ci hanno aiutato a conoscerci ancora meglio e soprattutto a capire meglio quel sacramento che ognuno di noi andrà a celebrare nei prossimi mesi. Dieci incontri che in un modo o nell altro hanno lasciato il segno nella nostra vita e che o- gnuno di noi porterà dentro di se; soprattutto quando, tra qualche mese, sarà passata la frenesia, l entusiasmo e l agitazione che caratterizzano i preparativi di un giorno così importante. Per questo volevamo dire semplicemente un grazie a tutti e pensiamo di poterlo fare a nome di tutte le coppie che hanno partecipato! Grazie a Don Fidelmo che ci ha accolto e ci ha aiutato a capire il senso profondo di cosa significa la parola a- more, il significato del matrimonio come unico sigillo ufficiale e pubblico che nessuno può sciogliere. Amore poche lettere messe in fila che quando bussano al cuore di uomo e una donna sono in grado di sconvolgere la vita e crearne una nuova, 10 SI E CONCLUSO IL CORSO IN PREPARAZIONE AL MATRIMONIO Io accolgo te Le coppie che hanno partecipato al Corso per fidanzati, con alcuni animatori come una cosa sola che automaticamente genererà altro amore. Grazie a Giuliana & Giuseppe per la loro presenza: come secondi genitori ci hanno presi per mano e ogni sera ci hanno fatto fare un passo avanti, perché in ogni gesto pensato per noi era visibile e si sentiva il loro Amore vissuto e regalato gratuitamente a tutti noi! Grazie a Daniela che ci ha parlato della sessualità un argomento non facile e forse ancora un po difficile da trattare, perché ha saputo, con parole semplici e non scontate, valorizzare e esaltare questo grande dono che è stato donato a ogni uomo e donna. Grazie a Mariateresa che con il suo sorriso e le sue parole è riuscita a tirar fuori ( da brava psicologa!) i nostri lati positivi, negativi e i nostri punti di forza, perché è proprio su quelli che dobbiamo costruire il nostro futuro insieme! Grazie a Giovanna per la sua professionalità e preparazione con la quale ci ha spiegato aspetti legali/burocratici a volte dati per scontati per la coppia che mette su famiglia. Grazie a tutte le coppie che hanno portato la loro testimonianza di vita, perché ognuno di loro ha saputo trasmettere il vero senso della vita vissuta in coppia Non si è più due, ma si è una cosa sola: si cammina, si cresce, si sceglie, si gioisce, si piange, ma tutto viene fatto insieme. Grazie a tutti i nostri genitori perché hanno creduto in Noi e ci hanno accompagnato in questo cammino in tutti i sensi, anche partecipando ad un incontro a loro dedicato dove hanno potuto esprimere quello che sentivano dentro e condividere con altri genitori le ansie, le gioie e un po lo smarrimento di quando un figlio/a lascia la casa dove è nato. E, per concludere, un in bocca al lupo a tutti noi che abbiamo partecipato a questo cammino e a tutti i ragazzi che nei prossimi mesi/ anni faranno la nostra stessa scelta L augurio è quello che ci siano sempre più coppie controcorrente che decidano di dire il proprio Sì, lo voglio nella casa di Colui, che come un Amico, ci mette a disposizione la Sua abitazione per il giorno più importante della nostra vita, e diventa il Testimone n 1 del nostro Amore ogni giorno! Auguri! Federica & Alessio

11 Mer 1 ore 9.30 e 17 in Centro Pastorale: scuola di italiano per stranieri; ore 16: Incontro formativo per le insegnanti della Scuola Materna; ore 21: preghiera in oratorio Rinnovamento nello Spirito (RnS); ore 21: prove della Corale S. Ambrogio (Corale SAm) Gio 2 ore 18: Incontro adolescenti; ore 20.30: Incontro diciotto/diciannovenni; ore 20.45: Consiglio Pastorale Parrocchiale (2) Ven 3 Giornata missionaria sacerdotale PRIMO VENERDÌ DEL MESE Visita ai malati. ore 18: S. Messa e, a seguire, l Adorazione continuata (comunitaria dalle 21 alle 22). Sab 4 ore : confessioni; ore 17: Rosario Perpetuo DOM 5 IVª DI AVVENTO (raccolta prima del mese) ore 15: Ritiro d Avvento degli adulti, specialmente per i collaboratori parrocchiali; ore 17.15: Vespri Lun 6 ore 17: S. Messa tra i Vespri, introduzione della statua di S. Ambrogio in chiesa e breve preghiera al patrono. ore in Centro Pastorale: scuola di italiano per stranieri; ore 21: prove Corale SAm Mar 7 SOLENNITÀ DI SANT AMBROGIO FESTA PATRONALE ore 7.30: Lodi del Patrono ore 10.30: S. Messa solenne del santo Patrono ore 11.15: apertura della Mostra Presepi ore 17.15: Vespri di S. Ambrogio ore 21: Concerto della Corale 80 Mer 8 IMMACOLATA CONCEZIONE DI MARIA Giornata dell adesione all'azione Cattolica ore 10: benedizione delle tessere di Azione Cattolica; ore 11.15: S. Messa solenne ore 16: in centro pastorale consegna delle tessere di Azione Cattolica e momento di festa; ore 17.15: Vespri dell Immacolata Gio 9 ore 18: Incontro adolescenti; ore 20.30: Incontro diciotto/diciannovenni; ore 21, a Melzo: approfondimento della fede per i giovani del Decanato Ven 10 ore 21 in casa parrocchiale: incontro sul Vangelo domenicale; Sab 11 ore 9.30: catechismo 4 IVC; Prima Confessione ore ore : confessioni; ore 17.00, sulle vie della santità: Santa Chiara Banchetto vendita a favore dell associazione Tenda di Abramo ore 19: Riunione periodica chierichetti DOM 12 Vª DI AVVENTO ore 7.30: S. Messa per le Consorelle del SS. Sacramento 11 Di giorno in giorno CALENDARIO PARROCCHIALE DICEMBRE 2010 A Triuggio, incontro formativo di tutti i Consiglieri Pastorali (1); ore 9: incontro per tutti i bambini del CAMMINO D' INIZIAZIONE CRI- STIANA (3); ore 16-19: Ritiro d Avvento per il 3 anno di catechismo tradizionale Prima Comunione ore 17.15: Vespri d Avvento Lun 13 ore 20.30: Natale degli Sportivi al Pala Sharp ore in Centro pastorale: scuola di italiano per stranieri; ore 21: Adorazione in oratorio; ore 21: prove Corale SAm Mar 14 ore 9.45: i preti decanato si incontrano a Lucino; ore 18: a Milano, nella basilica dei SS. Apostoli e Nazaro Maggiore: S. Messa natalizia per gli universitari ore in Centro pastorale: scuola di italiano per stranieri; ore 20.30: Messa in chiesa per gli oratoriani e Anagrafe parrocchiale dal 24 ottobre al 21 novembre 2010 scambio degli auguri Mer 15 ore 9.30 e 17 in Centro pastorale: scuola di italiano per stranieri; ore 21: preghiera in oratorio RnS; ore 21: prove Corale SAm Gio : Novena di Natale Primo giorno Ven 17 Termine delle Benedizioni natalizie 16.45: Novena di Natale ore 21 in casa parrocchiale: incontro sul Vangelo domenicale; Sab 18 ore 9: catechismo 3 anno tradizionale; 1 Confessione ore 10 ore 11.30: S. Messa di Natale per gli anziani; ore : confessioni DOM 19 VIª DI AVVENTO O DELL INCARNAZIO- NE Benedizione delle statuine di Gesù Bambino Raccolta straordinaria di alimenti pro Caritas Al mattino, in auditorium: festa di Natale dei bambini della scuola materna; Al pomeriggio: preghiera per tutto il gruppo dell Introduzione alla Vita Cristiana ore 17.15: Vespri d Avvento Lun : Novena di Natale. Da oggi si riconsegnano i SONO RINATI IN CRISTO Valeria Abrusci, Alessandro e Gaia Olga Fusco, Milena Nicosia Date delle prossime celebrazioni del sacramento del battesimo: su indicazione della Diocesi, è in atto un cambiamento riguardante la preparazione dei genitori al battesimo dei loro figli. Il primo passo da compiere rimane quello di presentarsi al parroco. * * Ricordiamo ai familiari, che chiedono le esequie cristiane, di informare personalmente il parroco della morte del congiunto. Ancor meglio sarebbe chiamare il sacerdote prima del decesso perché possa amministrare l Unzione degli Infermi, sacramento di guarigione per la salvezza del corpo e dell anima. Per chi desidera è possibile pubblicare in questo spazio la foto ricordo del defunto, facendola pervenire in tempo utile al parroco. salvadanai di Avvento ore 20.30, in Centro pastorale: scuola di italiano per stranieri; ore 21: prove Corale SAm Mar : Novena di Natale ore 21 in Centro pastorale: proposta formativa per gli adulti EVO Mer 22 ore 9.30 e 17 in Centro pastorale: scuola di italiano per stranieri; ore : confessioni; ore 21 Celebrazione penitenziale comunitaria Gio 23 Ven 24 ore : confessioni; ore : confessioni; 17.00: Novena di Natale; ore17.30: a conclusione della Novena di Natale, in oratorio, piccola processione (oratorio-chiesa) e ore 18: s. Messa di Natale per i bambini; ore 21.30: Messa di vigilia di Natale in S. Biagio; ore 23: Veglia di Natale ore 24: S. Messa solenne concelebrata Sab 25 NATALE DEL SIGNORE Orario festivo delle Ss.Messe: ore Solenne 18 DOM 26 S. STEFANO: Ss. Messe ore ore Vespri; ore 17.20, in Centro pastorale: spiegazione del rito del battesimo ore 18: Riti di accoglienza per le famiglie dei battezzandi Lun 27 Mar 28 Mer 29 Gio 30 Ven 31 ore 18: S. Messa concelebrata e canto del Te Deum ore 23.30: momento di preghiera in oratorio e brindisi

12 Questo mese facciamo una pausa. Non raccontiamo di nessun parroco in particolare, ma continuiamo la lettura della relazione stilata dal vicario foraneo nel 1682, alla morte del curato De Veteris. Da essa veniamo a conoscenza, per esempio, dell entità del beneficio parrocchiale, ossia della ricchezza della nostra chiesa: La Rendita di detta cura, et beneficio di fermo, certo, e siccuro consiste in 80 pertiche di terra, et terreno buono, et vi saranno 20 scuti de livelli, e calcolato il tutto di fermo renderà lire 500; et straordinarii un anno con l altro lire 800 et ha l obbligo [il parroco] di [celebrare] due messe alla settimana. Pur essendo proprietaria di oltre cinque ettari di terreno - e non erano pochi - dati in affitto, la parte più cospicua del beneficio era costituita dalle entrate straordinarie, ossia dalle cosiddette incerte. Ogni anno, infatti, la nostra parrocchia riscuoteva: per gli officii de morti e per messe cantate circa 200 lire; per la cera ed honorari de matrimonii e de battesimi 150 lire; per la celebrazione dei funerali 250 lire; come regalia nella benedizione delle case nella vigilia del santo Natale 5 lire; per l ova delle benedette doppo il parto (uova che venivano poi rivendute a 5 soldi la dozzina) et nell andar a ricever li bolettini della Comunione Pasquale 5 lire; per la recita del Passio (per 12 UN PO DELLA NOSTRA STORIA: I PARROCI Entrate e tariffe nel XVII secolo il quale venivano offerti moggia tre e mezzo di formento in ragione di lire 18 al moggio e moggia tre e mezzo di miglio in ragione di lire 8 al moggio ) 90 lire. La recita del Passio, cioè la lettura del brano evangelico che racconta la passione di Gesù, veniva effettuata dal parroco la domenica, prima della messa più solenne, nel periodo che andava dall ottava di Pasqua all Esaltazione della Croce, all incirca da aprile alla metà di settembre. Molti ricorderanno come ancora fino a una quarantina d anni fa, il curato, durante la celebrazione della messa domenicale, non mancava di ringraziare i fittabili per le offerte in natura del Passio. Nei secoli scorsi gli introiti delle cerimonie funebri costituivano una delle principali entrate di cui godevano i parroci e alle quali mal volentieri rinunciavano. Non di rado, infatti, essi si lamentavano - poco cristianamente, diremmo oggi - di aver dovuto presenziare gratiis et amore Dei alle e- sequie di parrocchiani indigenti, poiché oltre a non ricevere nulla dovevano coprire di tasca propria le spese per la cera e per la sepoltura della salma. Si lagnavano anche del fatto che alcune famiglie, dopo aver concordato il prezzo dei funerali, ne rimandavano continuamente il pagamento, fintanto che alla scadenza dei contratti agricoli a san Martino, lasciavano il paese senza più corrispondere il dovuto. Le tariffe differivano a seconda che si trattasse di funerali di persone intra septenium, cioè di età inferiore ai sette anni, che erano anche i più numerosi, oppure ultra septenium, cioè maggiori di sette anni: per questi ultimi, infatti, si pagava tre volte tanto. Ma soprattutto i prezzi differivano in base alla distanza dell abitazione del defunto dalla parrocchiale: chi risiedeva nelle cassine di mezzo o peggio ancora nei cassinaggi più lontani doveva pagare una tariffa più elevata, poiché, essendo maggiore la strada da percorrere, più cera (delle candele) veniva consumata. I funerali mettevano, dunque, a dura prova i bilanci delle famiglie contadine che erano già più che magri. Avere un lutto in casa, perciò, comportava una doppia disgrazia: al dolore per la perdita di una persona cara, si aggiungeva la preoccupazione di come raccogliere i soldi necessari a pagare le spese funebri. Il numero dei sacerdoti che accompagnavano i funerali costituiva un indice della ricchezza della famiglia cui apparteneva il defunto. Più numerosi e- rano i preti che partecipavano alle esequie, maggiori erano le disponibilità economiche della casata, poichè più denaro bisognava dare al curato per l organizzazione della cerimonia e per il pagamento delle relative spese (onorari dei sacerdoti presenti e del sacrista, spese per la cera). Per questo motivo a Vignate, poichè la stragrande maggioranza delle famiglie apparteneva al ceto contadino, ai funerali partecipava un solo sacerdote, o, al massimo due e, quindi, il consumo di candele era molto limitato. Per le poche famiglie borghesi e/o nobili, invece, i funerali rappresentavano una manifestazione di prestigio e le spese relative ad essi non costituivano certo un problema.. Così messer Guarantone, morto a Trenzanesio a soli 44 anni di età, volle per le proprie esequie, celebrate il 18 febbraio 1695, che il feretro fosse accompagnato alla sepoltura con la presenza d otto sacerdoti e celebrato l offitio in die obiti con la presenza di venticinque sacerdoti con la sua messa, volle i- noltre che la sua salma fosse deposti all interno della chiesa di Sant Ambrogio nella sepoltura de Scolari del Santissimo, essendo anco esso di quel numero e compagnia. La relazione del vicario foraneo ricordava inoltre che con i proventi del beneficio il curato doveva garantire, tra le altre funzioni di sua competenza, la celebrazione della festa del Santo titolare della Chiesa, cioè di quella di Sant Ambrogio, la più sentita dai parrocchiani, per la quale, ogni anno doveva spendere non meno, andando con la debita pramatica, di scudi 12, una somma davvero considerevole per quei tempi. Lu.Ca.

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PREGHIERA DIGIUNO tutto crede, tutto spera, tutto sopporta tutto copre, carita Esercizi spirituali sull Amore che possiamo vivere in famiglia Esercizi

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

DECRETO circa le Esequie Religiose

DECRETO circa le Esequie Religiose Diocesi Oppido-Palmi DECRETO circa le Esequie Religiose Prot.n 417/08/DE Vista l opportunità emersa nel Consiglio Presbiterale dell 11 aprile 2008 di dare una nuova Regolamentazione diocesana alle Esequie

Dettagli

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt.

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt. CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo Lectio Divina (1 Pt.2,1-5; 3,15) Vocazione e missione della comunità cristiana: il cammino degli

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

PREGHIERA PER IL SINODO

PREGHIERA PER IL SINODO PREGHIERA PER IL SINODO Sac. Il Signore sia con voi Tutti: E con il tuo spirito Voce Guida: siamo qui radunati, come papa Francesco ha chiesto a tutti i fedeli, per accompagnare con la nostra preghiera

Dettagli

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina .. mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede (2 Pietro 1:5) Natale Mondello 14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina Dio ha un piano per

Dettagli

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni.

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Prima della conclusione della S. Messa, concelebrata da don Donato, don Giuseppe Pendinelli

Dettagli

Leggete le Beatitudini, vi farà bene.

Leggete le Beatitudini, vi farà bene. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della gioventù Cracovia 2016 - è racchiuso nelle parole Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7). Il Santo Padre Francesco ha scelto la quinta

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

CALENDARIO PASTORALE 2013-2014 SETTEMBRE 2013 PARROCCHIA Parrocchia Decanato Decanato Diocesi DOM 1 I dopo il Martirio

CALENDARIO PASTORALE 2013-2014 SETTEMBRE 2013 PARROCCHIA Parrocchia Decanato Decanato Diocesi DOM 1 I dopo il Martirio Parrocchia San Maurizio di Solbiate Arno CALENDARIO PASTORALE 2013-2014 SETTEMBRE 2013 DOM 1 I dopo il Martirio L 2 Ma 3 Ore 21 Riunione Festa San Maurizio Ore 21 Riunione Asso Me 4 G 5 Ore 19-22 Educatori

Dettagli

via Giuseppe La Farina 15-20126 Milano - telefono e fax 02.66117340 (segreteria parrocchiale)

via Giuseppe La Farina 15-20126 Milano - telefono e fax 02.66117340 (segreteria parrocchiale) Dalla Comune e Provincia di Milano - Diocesi di Milano - Zona Pastorale Prima - Prefettura Nord - Decanato di Niguarda via Giuseppe La Farina 1-20126 Milano - telefono e fax 02.66117340 (segreteria parrocchiale)

Dettagli

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella.

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella. Non è mai troppo tardi per formare un gruppo di Cantori della Stella. Se desiderate formare un gruppo e volete una mano non esitate a chiamarci. Abbiamo fatto tesoro dei consigli e dell esperienza dei

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

ABBIAMO DETTO IN ASSEMBLEA PER IL 2014-2015

ABBIAMO DETTO IN ASSEMBLEA PER IL 2014-2015 ABBIAMO DETTO IN ASSEMBLEA PER IL 2014-2015 Tutti gli amici presenti a Maguzzano, guidati dai membri del Consiglio Pastorale, hanno riflettuto sulle testimonianze riportate sopra e sulla relazione di don

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse Il Vescovo di Crema Alla Comunità parrocchiale di Ripalta Guerina, al parroco don Elio Costi, ai membri del consiglio pastorale, ai catechisti e ai diversi collaboratori Sono state veramente giornate intense

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

Arcidiocesi di Genova. PROGRAMMAZIONE ATTIVITA' UFFICIO CATECHISTICO a.p. 2015/2016 GIUBILEO DELLA MISERICORDIA

Arcidiocesi di Genova. PROGRAMMAZIONE ATTIVITA' UFFICIO CATECHISTICO a.p. 2015/2016 GIUBILEO DELLA MISERICORDIA GIUBILEO DELLA MISERICORDIA Preghiera di Papa Francesco Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e ci hai detto che chi vede te vede Lui. Mostraci il tuo

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

PROCESSIONE EUCARISTICA nella solennità del Corpus Domini

PROCESSIONE EUCARISTICA nella solennità del Corpus Domini PROCESSIONE EUCARISTICA nella solennità del Corpus Domini G. Ci mettiamo in cammino per le strade della nostra città per confermare la nostra fede nella presenza eucaristica di Cristo, che abbiamo celebrato

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 1 Oleggio 08/02/2009 V Domenica del Tempo Ordinario Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 Il compito dell evangelizzazione. Giobbe fa esperienza di

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Anzitutto voglio dare il mio saluto cordiale ed affettuoso a questa cara comunità di Gorle che già mi accoglie da diversi anni, quindi esprimo la mia riconoscenza

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Cristianesimo diviso

Cristianesimo diviso Dalla Comune e Provincia di Milano - Diocesi di Milano - Zona Pastorale Prima - Prefettura Nord - Decanato di Niguarda via Giuseppe La Farina 15-20126 Milano - telefono e fax 02.66117340 (segreteria parrocchiale)

Dettagli

RITI di CONCLUSIONE. Padre nostro che sei nei cieli

RITI di CONCLUSIONE. Padre nostro che sei nei cieli BENEDIZIONE Il celebrante benedice le mamme, che tengono in braccio il loro bambino, quindi i papà e tutti i presenti, dicendo: Dio onnipotente, che per mezzo del suo Figlio, nato dalla vergine Maria,

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

www.parrocchiamadonnaloreto.it

www.parrocchiamadonnaloreto.it www.parrocchiamadonnaloreto.it Prima di Natale, ci sono quattro settimane che sono molto speciali settimane che prendono il nome di Avvento, perche caratterizzate dall Attesa. Qualcuno potrebbe dire: attesa

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

Percorsi per fidanzati in cammino verso il matrimonio

Percorsi per fidanzati in cammino verso il matrimonio Vicariato di Verona centro Percorsi per fidanzati in cammino verso il matrimonio Parrocchia della Cattedrale Ogni incontro vorrà essere sempre un esperienza di ecclesialità e tenendo presente i seguenti

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

CORPUS DOMINI 22 giugno 2014. Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio)

CORPUS DOMINI 22 giugno 2014. Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio) CORPUS DOMINI 22 giugno 2014 Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio) Canto: Adoramus Te Domine (canone di Taizè) - Ti riconosciamo, Signore, presente a noi nell eucaristia - Ti adoriamo,

Dettagli

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo Domenica, 15 novembre 2009 Dov'è il tuo zelo Apocalisse 3:14-22- All'angelo della chiesa di Laodicea scrivi: queste cose dice l'amen, il testimone fedele e veritiero, il principio della creazione di Dio:

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

principale del gruppo è

principale del gruppo è Ufficio Diocesano di Pastorale Familiare e Vita I GRUPPI FAMIGLIA PARROCCHIALI luogo di crescita nella fede e nella spiritualità propria dello stato coniugale; momento di apertura alla vita parrocchiale

Dettagli

STATUTO DELLA FRATERNITÀ DEL TERZ ORDINE CARMELITANO parrocchia Santa Maria delle Vittorie in Bari della Provincia Napoletana dei Padri Carmelitani

STATUTO DELLA FRATERNITÀ DEL TERZ ORDINE CARMELITANO parrocchia Santa Maria delle Vittorie in Bari della Provincia Napoletana dei Padri Carmelitani STATUTO DELLA FRATERNITÀ DEL TERZ ORDINE CARMELITANO parrocchia Santa Maria delle Vittorie in Bari della Provincia Napoletana dei Padri Carmelitani COSTITUZIONE ART. 1 La fraternità del Terz ordine Carmelitano

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Diocesi di Teramo-Atri

Diocesi di Teramo-Atri Diocesi di Teramo-Atri CALENDARIO PASTORALE anno 2015-2016 Settembre 2015 1 Ma 10.ma Giornata per la custodia del creato 2 Me 3 G Teramo, Sala Convegni Palazzo Vescovile ore 19: Sessione Straordinaria

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni

La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni 74. «Il tempo nel cristianesimo ha un importanza fondamentale. Nel tempo viene creato il mondo, al suo interno si svolge la storia della salvezza,

Dettagli

PARROCCHIA di SAN SIMEON PROFETA - VENEZIA ATTIVITA SETTIMANALI QUINDICINALI MENSILI. LUNEDI 19.00 Lectio divina sul Vangelo della Domenica (Canonica)

PARROCCHIA di SAN SIMEON PROFETA - VENEZIA ATTIVITA SETTIMANALI QUINDICINALI MENSILI. LUNEDI 19.00 Lectio divina sul Vangelo della Domenica (Canonica) PARROCCHIA di SAN SIMEON PROFETA - VENEZIA ATTIVITA SETTIMANALI QUINDICINALI MENSILI LUNEDI 19.00 Lectio divina sul Vangelo della Domenica (Canonica) MARTEDI 9.30 Ritiro adulti (ultimo martedì del mese

Dettagli

In cammino con Cristo

In cammino con Cristo Bollettino della Parrocchia di SAN MARTINO Vs. Borgio-Verezzi (SV) (www.parrocchiasanmartinoborgioverezzi.org) In cammino con Cristo DICEMBRE-GENNAIO GIUBILEO STRAORDINARIO GIUBILEO STRAORDINARIO DELLA

Dettagli

Introduzione. Guida: Fratelli e sorelle.

Introduzione. Guida: Fratelli e sorelle. DIOCESI DI VIGEVANO 2 Introduzione Guida: Fratelli e sorelle. Questa veglia ci mette in sintonia con tutta la Chiesa nel condividere l ascolto della Parola e la preghiera, ed ancor più ci aiuta a riscoprire

Dettagli

LA QUARESIMA ORIGINE E STORIA DIMENSIONE BATTESIMALE - PENITENZIALE DIMENSIONE ECCLESIALE

LA QUARESIMA ORIGINE E STORIA DIMENSIONE BATTESIMALE - PENITENZIALE DIMENSIONE ECCLESIALE LA QUARESIMA STRUTTURA DELLA QUARESIMA Il tempo di Quaresima ha lo scopo di preparare la Pasqua mediante il ricordo del Battesimo e la penitenza. Inizia il Mercoledì delle ceneri e termina il Giovedì santo

Dettagli

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI Ricordami Sempre 7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI FORMATI 9 x 13 cm APERTO 9 x 13 cm CHIUSO FORMATI FORMATI 10 x 15 cm APERTO FORMATI 10 x 15 cm CHIUSO ARTE 001_AR 002_AR 003_AR ARTE 004_AR ARTE

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa?

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Il matrimonio cristiano chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Antonio Tavilla IL MATRIMONIO CRISTIANO chi si sposa in chiesa sa quello che fa? religione e spiritualità www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015 Coraggio, sono io Rimanere, andare, gioire La salvezza che Dio ci offre è opera della sua misericordia. Non esiste azione umana, per

Dettagli

IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ

IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ Il fuoco che scalda 57. Celebrare insieme l Eucaristia come festa di tutta la comunità e nutrimento per il cammino, imparare a vivere la comunione e la

Dettagli

Interventi per l animazione della S. Messa in Coena Domini

Interventi per l animazione della S. Messa in Coena Domini Interventi per l animazione della S. Messa in Coena Domini Introduzione Ci ritroviamo insieme questa sera per celebrare la Cena del Signore, al termine del cammino quaresimale. Il clima pasquale fa da

Dettagli

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera?

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Catechismo della Chiesa Cattolica Pregare oggi e perché Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Quali sono le

Dettagli