Isolamento acustico al calpestio: dalla teoria al collaudo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Isolamento acustico al calpestio: dalla teoria al collaudo"

Transcript

1 Isolamento acustico al calpestio: dalla teoria al collaudo Raccolta di prove in opera su solai in laterocemento

2

3 INDICE. IL QUADRO LEGISLATIVO NAZIONALE pag.. Che cosa dice la legge. I requisiti acustici passivi degli edi ici f pag. pag.. IL RUMORE DA CALPESTIO pag. 7. SISTEMI DI PROTEZIONE DAL RUMORE DA CALPESTIO: IL MASSETTO GALLEGGIANTE pag. 8. Tecnologia costruttiva. La rigidità dinamica. Legame tra s e L w. Creep. L importanza della posa in opera pag. 8 pag. 9 pag. pag. pag.. LA MISURA DELL ISOLAMENTO DAL RUMORE DA CALPESTIO pag.. I parametri descrittori del rumore da calpestio. Dal livello di pressione sonora all indice di valutazione a numero unico. Le prove in laboratorio e in opera pag. pag. pag.. LE PROVE IN OPERA pag. 9. Soluzioni bistrato. Soluzioni monostrato. Applicazioni particolari. Risanamento pag. 0 pag. 0 pag. pag. 9. I PRODOTTI pag.

4 . IL QUADRO LEGISLATIVO NAZIONALE. Che cosa dice la legge Il cardine della legislazione in materia di acustica in campo edilizio e ambientale è attualmente costituito dalla Legge Quadro sull inquinamento acustico, legge n. 7 del /0/99, che stabilisce i principi fondamentali in materia di tutela dell ambiente esterno e dell ambiente abitativo dall inquinamento acustico. Nel settore delle costruzioni, la Legge Quadro prevede un decreto attuativo sui requisiti acustici passivi degli edifici e delle sue componenti, ed un decreto attuativo sui criteri per la progettazione, l esecuzione e la ristrutturazione delle costruzioni edilizie. In ottemperanza al primo punto è stato pubblicato il Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del //997, Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici, mentre in merito ai criteri di progettazione ed esecuzione delle costruzioni edilizie, il relativo decreto non è stato ancora emanato. La necessità di far fronte alle richieste imposte dal D.P.C.M. //997 ha avuto un impatto molto significativo nel mondo delle costruzioni, in quanto ha comportato un cambiamento nella concezione della problematica dell isolamento dal rumore, promuovendo lo sviluppo di nuovi sistemi nelle tecnologie costruttive e una maggior accuratezza nella realizzazione in opera. Tuttavia, il progettare e costruire acusticamente non si può considerare ancora del tutto di uso comune. Tale innovazione comporta infatti il superamento di alcune criticità, come l utilizzo di materiali certificati e stratigrafie progettate adeguatamente, oltre all impiego di manodopera qualificata e lavorazioni più precise. Il rispetto dei requisiti acustici è spesso stato trascurato, fino all insorgere delle prime cause di risarcimento, che hanno visto pesanti svalutazioni del patrimonio immobiliare proprio per mancanza dei requisiti acustici passivi in seguito a verifiche in opera. Tali condizioni hanno portato il settore delle costruzioni a considerare la tutela del benessere acustico tra i requisiti fondamentali degli edifici. Il rispetto di tali requisiti deve essere affrontato in primo luogo in fase progettuale, mediante metodi di calcolo previsionale efficaci, e successivamente in opera, ponendo particolare attenzione all esecuzione e alla posa non solo degli isolanti acustici, ma di tutti i diversi materiali che compongono gli elementi edilizi e che insieme contribuiscono a determinare la prestazione acustica. La riqualificazione acustica di un edificio esistente comporta infatti interventi invasivi ed onerosi, e non sempre consente di ottenere miglioramenti prestazionali elevati.

5 IL QUADRO LEGISLATIVO NAZIONALE. I requisiti acustici passivi degli edifici. Il Decreto Ministeriale del //997, Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici definisce i requisiti acustici delle sorgenti sonore interne agli edifici ed i requisiti acustici passivi degli edifici e dei loro componenti in opera, al fine di ridurre l esposizione umana al rumore. Determina quindi i requisiti dei singoli elementi costruttivi in termini di prestazioni acustiche di specifici parametri, da rispettare al fine di migliorare la qualità di vita negli ambienti abitativi. Il D.P.C.M. //97 non riguarda altri tipi di sorgenti sonore (traffico veicolare, ferroviario ed aereo, impianti a ciclo produttivo continuo, discoteche,...): per tali sorgenti si fa riferimento a provvedimenti attuativi specifici. Il D.P.C.M. //97 si compone di quattro articoli ed un allegato, in cui vengono definite le grandezze di riferimento. Nell allegato si definiscono inoltre le tipologie di edifici interessate dall applicazione del Decreto, che vengono classificati nelle seguenti categorie: categoria A categoria B categoria C categoria D categoria E categoria F categoria G edifici adibiti a residenza o assimilabili edifici adibiti ad uffici e assimilabili edifici adibiti ad alberghi, pensioni ed attività assimilabili edifici adibiti ad ospedali, cliniche, case di cura e assimilabili edifici adibiti ad attività scolastiche a tutti i livelli e assimilabili edifici adibiti ad attività ricreative o di culto o assimilabili edifici adibiti ad attività commerciali o assimilabili Le grandezze che caratterizzano i requisiti acustici passivi dei singoli elementi costruttivi degli edifici sono: > > > > > > il potere fonoisolante apparente di elementi di separazione tra ambienti R : definisce le proprietà isolanti di una struttura (parete o solaio) divisoria tra due unità immobiliari. Con il termine apparente si intende che la grandezza è misurata in opera, quindi R prende in considerazione tutta la potenza sonora che arriva nell ambiente ricevente, sia per componente diretta (attraverso la struttura divisoria) sia per trasmissioni laterali; l isolamento acustico standardizzato di facciata D m,nt : definisce le proprietà isolanti di una parete divisoria tra l ambiente esterno (sorgente) e l ambiente interno (ricevente). Il pedice m si riferisce al fatto che la misura esterna viene effettuata a due metri dalla facciata, mentre nt significa che tale risultato viene normalizzato rispetto al tempo di riverberazione dell ambiente ricevente; il livello di rumore da calpestio di solai normalizzato : definisce il livello di rumore trasmesso per via strutturale dalle partizioni orizzontali. Il pedice n indica la normalizzazione della misura rispetto all area equivalente di assorbimento acustico; il livello massimo di pressione sonora ponderata A con costante di tempo slow L ASmax, per impianti a funzionamento continuo; il livello continuo equivalente di pressione sonora ponderata A L Aeq, per impianti a funzionamento discontinuo; il tempo di riverberazione T: è il tempo necessario affinché, in un determinato punto dell ambiente, il livello di pressione sonora si riduca di 0 db rispetto a quello che si ha nell istante in cui la sorgente sonora cessa di funzionare.

6 . IL QUADRO LEGISLATIVO NAZIONALE.. Gli indici di valutazione che caratterizzano i requisiti acustici passivi degli edifici, derivanti dalle suddette grandezze,sono: l indice del potere fonoisolante apparente di partizioni tra ambienti R w ; l indice di isolamento acustico standardizzato di facciata D m,nt,w ; l indice del livello di rumore da calpestio di solai normalizzato. Al fine di ridurre l esposizione umana al rumore, il decreto fissa dei valori limite per tali indici, e per gli indici che misurano la rumorosità degli impianti interni. Categoria cat. D: edifici adibiti ad ospedali, cliniche, case di cura e assimilabili cat. A: edifici adibiti a residenza o assimilabili cat. C: edifici adibiti ad alberghi, pensioni ed attività assimilabili cat. E: edifici adibiti ad attività scolastiche a tutti i livelli e assimilabili cat. B: edifici adibiti ad uffici e assimilabili cat. F: edifici adibiti ad attività ricreative o di culto o assimilabili cat. G: edifici adibiti ad attività commerciali o assimilabili Parametri [db] R w D m,nt,w w L A Smax L Aeq Tabella - Valori limite delle grandezze per le diverse categorie di edi fici L unità immobiliare urbana (UIU) è una porzione di fabbricato, un intero fabbricato o un insieme di fabbricati che, nello stato in cui si trova, è di per se stesso in grado di produrre un reddito indipendente In relazione ai valori limite riportati occorre precisare che questi valori devono essere intesi come valori limite inferiore per quanto riguarda il potere fonoisolante apparente (R w ) e per l isolamento acustico di facciata (D m,nt,w ), mentre si parla di valore limite massimo per l indice di valutazione del livello di rumore di calpestio normalizzato ( ), e per gli impianti. I valori di R w sono riferiti a elementi di separazione tra differenti unità immobiliari, mentre i valori di D m,nt,w sono riferiti a elementi di separazione tra ambienti abitativi e l esterno. I valori di w sono invece riferiti a elementi di separazioni tra differenti ambienti abitativi, appartenenti o meno alla stessa unità immobiliare. La verifica in opera dei requisiti acustici passivi degli edifici deve essere eseguita per legge da un Tecnico Competente in Acustica Ambientale riconosciuto da una delle regioni Italiane, con l utilizzo di strumenti certificati e regolarmente tarati e seguendo le normative specifiche internazionali (serie UNI EN ISO 0, serie UNI EN ISO 77, UNI EN ISO 0 e successivi aggiornamenti).

7 IL RUMORE DA CALPESTIO. È definito rumore da calpestio l insieme dei rumori causati da urti, impatti e sollecitazioni meccaniche all interno di un edificio. La maggior parte dei rumori impattivi interessano le partizioni orizzontali: sono infatti quelli causati dai passi, dalla caduta e dal trascinamento degli oggetti. Essi vengono trasmessi per via strutturale: quando un solaio è sollecitato da un urto, è posto in vibrazione e irradia energia sonora non solo agli ambienti direttamente adiacenti o sottostanti, ma anche in ambienti lontani dalla sorgente le cui strutture siano vincolate rigidamente con la struttura sollecitata. Si distinguono quindi: un percorso di trasmissione diretta e numerosi percorsi di trasmissione laterale. TRASMISSIONI LATERALI TRASMISSIONE DIRETTA Figura Percorsi di trasmissione diretta e laterale dei rumori impattivi 7

8 . SISTEMI DI PROTEZIONE DAL RUMORE DA CALPESTIO: IL MASSETTO GALLEGGIANTE. Tecnologia costruttiva Il rumore impattivo si propaga in tutto l edificio attraverso gli elementi strutturali con una velocità estremamente elevata. La trasmissione dei rumori d urto rappresenta quindi uno dei principali problemi legati all insonorizzazione degli edifici. Nel caso dei rumori impattivi, l elevata massa del solaio non garantisce, da sola, il rispetto del limite riguardante il calpestio, come invece avviene per l isolamento ai rumori aerei (in cui il potere fonoisolante aumenta all aumentare della massa). È stato verificato infatti che, a parità di massa, una partizione composta da strati massivi tra loro svincolati fornisce un isolamento maggiore rispetto ad un partizione costituita da uno strato omogeneo. La soluzione per ridurre il rumore dovuto al calpestio è quindi la realizzazione di un pacchetto tecnologico costituito da strati di materiali con differenti caratteristiche fisiche e meccaniche in grado di dissipare l energia causata dagli impatti. La soluzione più efficace è il massetto flottante. R w parete pesante R w parete sottile solaio disaccoppiato solaio omogeneo La tecnica costruttiva del sistema a massetto flottante, o galleggiante, consiste nel disaccoppiare il solaio portante dal pavimento calpestabile mediante uno strato di materiale elastico posto al di sotto del massetto di supporto alla pavimentazione, e lungo il perimetro del locale. Attraverso l interposizione dello strato resiliente, si crea una vasca di contenimento del massetto di supporto, in cui questo è libero di galleggiare, non risultando vincolato rigidamente alle strutture laterali. Si crea così un sistema oscillante che assorbe e dissipa l energia provocata dall impatto. Tale sistema è schematizzabile come un sistema massa-molla-massa, in cui la massa superiore è costituita dal massetto di supporto, la massa inferiore è il solaio strutturale con l eventuale massetto di alleggerimento, e la molla è il materiale acustico. 8 Figura - Modellazione della partizione orizzontale come sistema massamolla-massa In questo modo il fenomeno vibratorio tende a dissiparsi nel sistema anziché liberarsi nelle strutture, esaurendosi prima di propagarsi negli altri ambienti. I materiali anticalpestio per la realizzazione di massetti flottanti devono essere studiati tali da garantire una buona elasticità (caratterizzata attraverso la rigidità dinamica s ) e una buona capacità di non variare il proprio spessore nel tempo sotto carico (scorrimento viscoso a compressione creep), in funzione di tutti i parametri che concorrono al pacchetto tecnologico: tipologia costruttiva, materiali utilizzati, destinazione d uso del locale, prestazioni attese.

9 SISTEMI DI PROTEZIONE DAL RUMORE DA CALPESTIO: IL MASSETTO GALLEGGIANTE La rigidità dinamica.. La rigidità dinamica s è una delle grandezze fondamentali per la valutazione previsionale dell isolamento acustico fornito dal massetto flottante. La rigidità dinamica esprime la capacità di deformazione elastica di un prodotto isolante anticalpestio soggetto ad una sollecitazione di tipo dinamico. È un parametro che include le proprietà elastiche e di smorzamento del materiale, compresa l aria racchiusa nella sua struttura, e può essere correlato alle vibrazioni trasmesse al solaio sottostante e quindi alla energia acustica irradiata nell ambiente ricevente. La rigidità dinamica è definita come il rapporto tra la pressione dinamica esercitata sul materiale e la variazione dinamica di spessore del materiale, dovuta alla pressione stessa: s = F/S d [MN/m ] dove F è la forza dinamica applicata sul materiale, S la superficie del materiale e Δd la variazione di spessore subita dal materiale a seguito dell applicazione della forza. La rigidità dinamica descrive la capacità del materiale resiliente di smorzare le vibrazioni di una struttura sollecitata da rumori impattivi, come, ad esempio, dal calpestio. La rigidità dinamica può essere quindi paragonata alla costante elastica della molla, che nel sistema a massetto flottante è interposta tra la massa del solaio di base e la massa del massetto di supporto. La norma UNI EN 90- determina la modalità per la misura in laboratorio della rigidità dinamica. La prova consiste nell applicazione di una forzante dinamica sulla massa che grava sul provino, con spettro in frequenza tale da misurare la frequenza di risonanza del sistema e, da questa, calcolare la rigidità dinamica apparente s t. È importante sottolineare che il valore di rigidità dinamica apparente s t ricavato dalla prova non sempre coincide con il valore di rigidità dinamica reale s richiesto dalla norma di progettazione UNI EN - per il calcolo dell abbattimento acustico al calpestio L w. La rigidità dinamica reale s di un prodotto è infatti influenzata sia dalle caratteristiche intrinseche dei materiali che lo compongono, sia dal gas contenuto al suo interno (tipicamente l aria). Per questo motivo, è necessario caratterizzare il contributo alla rigidità dinamica fornito dall aria, attraverso la prova di resistenza al flusso d aria r. Nel caso di prodotti con resistenza al flusso d aria molto elevata (r 00 kpa s/m ) o molto bassa (r < 0 kpa s/m ) la rigidità dinamica dell aria viene trascurata, e conseguentemente la rigidità dinamica reale coincide con la rigidità dinamica apparente. Per tali prodotti quindi s = s t [MN/m ] I prodotti in polietilene reticolato espanso a celle chiuse rientrano in questa categoria: le celle chiuse rendono il polietilene impermeabile all aria, e quindi con una resistenza al flusso molto elevata. 9

10 . SISTEMI DI PROTEZIONE DAL RUMORE DA CALPESTIO: IL MASSETTO GALLEGGIANTE Al contrario i materiali fibrosi, come le lane naturali e le fibre sintetiche, e i materiali a celle aperte, come il poliuretano, per loro conformazione consentono il passaggio dell aria trasversalmente al loro spessore. Pertanto la rigidità dinamica reale deve essere corredata dalla prova di resistenza al flusso d aria. Per i prodotti con resistenza al flusso dell aria compresa tra 0 e 00 kpa s/m, la rigidità dinamica reale s si ottiene infatti come: s = s t + s a [MN/m ] dove s a è la rigidità dinamica per unità di superficie del gas contenuto all interno del materiale. Il valore di rigidità dinamica reale in questo caso viene peggiorato dalla presenza di aria non ferma nella sua struttura. Il progettista deve quindi valutare criticamente il valore di rigidità dinamica dichiarato in scheda tecnica, chiarendo se sia reale (s ) o apparente (s t ) e richiedendo il certificato di resistenza al flusso d aria al produttore di materiali anticalpestio. Resistenza al flusso d aria Rigidità dinamica Prova di laboratorio s t r < 0 kpas/m r 00 kpas/m s = s t Prova di laboratorio r 0 kpas/m r < 00 kpas/m s = s t + s a 0

11 SISTEMI DI PROTEZIONE DAL RUMORE DA CALPESTIO: IL MASSETTO GALLEGGIANTE Il legame tra s e L w.. La rigidità dinamica è il parametro fondamentale per il calcolo teorico dell abbattimento acustico fornito dal sistema con massetto flottante. La norma UNI EN - permette di ottenere il valore di L w per massetti in calcestruzzo con la seguente formula: L w = 0log ( f + [db] f 0 ) dove f è la frequenza di riferimento, pari a 00 Hz, f 0 è la frequenza di risonanza del sistema materiale anticalpestio + massetto di supporto, di massa m (kg/m ), funzione della rigidità dinamica: f 0 = 0 s m [Hz] Da tale formula si può osservare che l attenuazione acustica è tanto maggiore quanto più bassa è la rigidità dinamica: la scelta del materiale resiliente da parte del progettista è quindi da effettuarsi in funzione dalle prestazioni acustiche attese. Il dato di rigidità dinamica è l ipotesi alla base della progettazione del pacchetto isolante: una volta determinato il valore di rigidità dinamica del materiale anticalpestio, è possibile stabilire il carico ideale che mette il sistema in regime elastico ad una frequenza di risonanza vantaggiosa; in altri termini è possibile determinare il peso del pacchetto massetto + pavimento che fornisce l abbattimento acustico richiesto in funzione della rigidità dinamica del prodotto. oppure Per un approfondimento sulla rigidità dinamica visita il nostro sito alla sezione Quaderni Tecnici:

12 . SISTEMI DI PROTEZIONE DAL RUMORE DA CALPESTIO: IL MASSETTO GALLEGGIANTE. Creep Un altro importante parametro di qualità del materiale resiliente è lo scorrimento viscoso a compressione, o creep, che permette di valutare la capacità di un materiale resiliente di conservare le sue capacità elastiche sotto carico nel tempo. Durante la prova di creep il materiale anticalpestio viene sottoposto ad un carico statico costante e viene misurata la sua deformazione al trascorrere del tempo. Quando il grafico diventa piatto (asintotico all orizzontale) si può ritenere che il materiale non subirà, sotto carico costante, ulteriori deformazioni da schiacciamento. È importante notare che, per la maggior parte dei materiali Isolmant, lo schiacciamento avviene quasi completamente al momento della applicazione del carico, che nella realtà coincide con la fase di posa del massetto. Al trascorrere del tempo si osserva che l isolante non subisce ulteriori sensibili variazioni di spessore e mantiene inalterate le sue caratteristiche di elasticità, che gli consentono di esplicare la sua azione di molla nel sistema massa-molla-massa. Figura - Diagramma di creep del prodotto Isolmant Special Comportamento allo scorrimento viscoso a lungo termine Isolmant Special mm Tempo trascorso [h] 0,00 0,08,0, Campione [mm] Perdita di spessore [mm],7 0,00-0, -0, -0, -0,8-0,0-0,0-0, -0, -0, -0,, 0,00-0, -0, -0, -0,8-0,0-0,0-0, -0,0-0, -0,,0 0,00-0, -0, -0, -0, -0,7-0,7-0, -0, -0,7-0,7 media, 0,00-0, -0, -0, -0,7-0,9-0,9-0, -0,9-0,0-0,0 0,0% -,% -,% -,% -,% -,% -,% -,% -,% -,8% -,7% Isolmant Special mm, al momento della applicazione del carico di kpa circa 00 kg/ m (nella pratica cantieristica al momento del getto del massetto) subisce nelle prime ore una deformazione pari al -% dello spessore (pari a 0, mm circa) per raggiungere valori di deformazione viscosa a 0 anni di circa 8% dello spessore (creep pari a 0, mm in 0 anni). Per un approfondimento sulle proprietà a lungo termine dei materiali anticalpestio visita il nostro sito alla sezione Quaderni Tecnici:

13 SISTEMI DI PROTEZIONE DAL RUMORE DA CALPESTIO: IL MASSETTO GALLEGGIANTE L importanza della posa in opera.. L isolamento acustico al calpestio non può prescindere dalla corretta posa in opera del massetto flottante. È importante sottolineare che il sistema a massetto flottante garantisce l isolamento acustico esclusivamente qualora non vi siano punti di contatto rigido tra la massa galleggiante ed il solaio o le strutture rigide adiacenti. La realizzazione del pavimento galleggiante deve quindi avvenire seguendo una procedura accurata tale da non creare ponti acustici. Per venire in aiuto ai responsabili di cantiere e agli operatori che si trovino a posare un tappetino acustico, è stata recentemente pubblicata la nuova norma UNI, dal titolo Indicazioni di posa in opera dei sistemi di pavimentazione galleggiante per l isolamento acustico, che fornisce utili indicazioni per tutte le fasi della realizzazione del massetto galleggiante. Gli accorgimenti fondamentali da seguire affinché il massetto galleggiante funzioni correttamente sono riassunti di seguito: > Livellamento del sottofondo: il piano su cui posare > Continuità dei teli: i vari teli di materiale resiliente devono il materiale resiliente deve essere piano e continuo, costituire uno strato uniforme e continuo; per facilitare privo di asperità e pulito tale operazione alcuni prodotti sono dotati di battentatura, i singoli teli devono comunque essere accostati e sigillati attraverso apposito nastro adesivo NO SI NO > Corretto verso di posa: il materiale resiliente ha > Assenza di rotture e lacerazioni: i prodotti anticalpestio spesso un verso di posa ben definito: fare riferimento sono costituiti di materiale soffice, che può danneggiarsi alla scheda tecnica per stenderlo correttamente se non maneggiato correttamente; bisogna quindi evitare di graffiarlo durante le lavorazioni successive alla sua posa con scarpe da cantiere o macchinari pesanti

14 .. SISTEMI DI PROTEZIONE DAL RUMORE DA CALPESTIO: IL MASSETTO GALLEGGIANTE spessore minimo > Posizionamento di fasce tagliamuro: l utilizzo di > Rispetto degli spessori minimi di massetto: lo spessore fasce tagliamuro al di sotto delle tramezze interne è minimo del massetto va rispettato anche in corrispondenza fondamentale per disaccoppiare le pareti dal solaio delle sovrapposizioni di materiale, ad esempio sulla strutturale sovrapposizione tra fascia perimetrale e materassino > Continuità della fascia perimetrale: la fascia perimetrale deve essere posata lungo tutto il perimetro del locale, anche in corrispondenza delle porte-finestre, dei pilastri isolati, dei collettori; sono disponibili particolari accessori presagomati per facilitare la posa in presenza di angoli e spigoli, utili ad esempio in corrispondenza delle porte di accesso > Rifilo della fascia perimetrale: la fascia perimetrale va rifilata solo dopo la posa e la stuccatura della pavimentazione e prima della posa del battiscopa > Desolidarizzazione del battiscopa ceramico: > Risvolto della fascia perimetrale: la fascia deve essere il battiscopa ceramico va tenuto staccato dalla posata anche all interno degli scassi per i collettori. Le pavimentazione, ad esempio con apposite fasce di scatole dei collettori dovranno essere desolidarizzate materiale elastico rispetto alle pareti per evitare la trasmissione delle vibrazioni generate dallo scorrimento dei fluidi nelle tubazioni

15 LA MISURA DELL ISOLAMENTO DAL RUMORE DA CALPESTIO. I parametri descrittori del rumore da calpestio. Per analizzare la prestazione di una partizione orizzontale nei confronti dei rumori impattivi, si fa riferimento al livello medio di pressione sonora che si misura in un ambiente, quando sul solaio sovrastante viene messo in funzione un generatore normalizzato di rumore da calpestio. Tale livello è quindi un valore assoluto, ed è misurato in frequenza e successivamente elaborato in bande di terzi di ottava, da 00 Hz fino a 0 Hz. Il livello di rumore da calpestio normalizzato L n, caratteristico di una partizione orizzontale, si misura in laboratorio. Nella misura in opera viene invece determinato il livello apparente di rumore di calpestio normalizzato, che comprende anche i contributi delle trasmissioni laterali o fiancheggiamenti. Ad un valore elevato di L n ( ) corrisponde un basso livello di isolamento acustico Quando viene realizzato il massetto galleggiante, questo fornisce un miglioramento dal punto di vista acustico, definito come attenuazione del livello di pressione sonora da calpestio ΔL: ΔL = L n0 - L n dove: L n0 è il livello di pressione sonora da calpestio normalizzato del solaio senza massetto galleggiante; L n è il livello di pressione sonora da calpestio normalizzato del solaio con massetto galleggiante. A seconda che il valore si riferisca a una prova di laboratorio o in opera, si parla rispettivamente di ΔL o di ΔL [db] Ad un valore elevato di L corrisponde un elevato abbattimento acustico Dal livello di pressione sonora all indice di valutazione a numero unico. Il DPCM //997 introduce l indice di valutazione del livello di rumore da calpestio normalizzato w : esso rappresenta mediante un numero unico l andamento in frequenza del livello, misurato in opera, ed è calcolato con una procedura standardizzata descritta nelle norme UNI EN ISO 77. Se, da un lato, questo indice permette di avere un indicazione sulle prestazioni acustiche della partizione in esame e di confrontarle con il valore limite previsto dal DPCM, dall altro non permette un analisi approfondita del comportamento fisico del solaio, in quanto non contiene le informazioni sul comportamento, frequenza per frequenza, dell isolamento della partizione. Anche per quanto riguarda l abbattimento acustico fornito del massetto galleggiante ΔL, si calcola un indice a numero unico, l indice di valutazione dell attenuazione del livello di pressione sonora ΔL w che, a partire dai valori in bande di frequenza, descrive descrive mediante singolo numero la capacità di isolamento del pacchetto acustico. Si osservi che tale valore dipende da tutto il sistema realizzato sul solaio, e non del solo materiale isolante.

16 . LA MISURA DELL ISOLAMENTO DAL RUMORE DA CALPESTIO. Le prove in laboratorio e in opera Le procedure normalizzate per effettuare le misure fonometriche e valutare quindi il livello di rumore di calpestio sono raccolte nella serie di norme internazionali UNI EN ISO 0 (e successivi aggiornamenti). Le misurazioni possono essere effettuate in laboratorio (UNI EN ISO 0-/-8) o in opera (UNI EN ISO 0-7), a seconda della finalità della prova, seguendo una procedura simile in termini di modalità di svolgimento della verifica. Tuttavia i risultati ottenuti nei due casi differiscono notevolmente tra loro, in quanto sono molto diverse le condizioni al contorno delle prove: > > > > > La prova in laboratorio viene effettuata su un campione di solaio con caratteristiche normalizzate, cioè in calcestruzzo armato di superficie compresa tra 0 e 0 m e spessore 0 mm. In cantiere la prova è subordinata alla tipologia costruttiva del solaio e alla disposizione architettonica delle strutture. Le strutture di base non sono uguali per comportamento vibrazionale: la soletta in c.a. ha un comportamento dinamico assimilabile a quello delle piastre, mentre il solaio in laterocemento presenta particolari effetti di risonanza dovuti alle pignatte, che peggiorano la prestazione acustica. In laboratorio sussistono condizioni ideali difficilmente ricreabili in opera: in particolare gli effetti di trasmissione laterale, trascurabili in una prova di laboratorio, dove le pareti laterali sono realizzate in calcestruzzo armato e sono disconnesse dalle altre strutture attraverso giunti antivibranti, possono risultare al contrario molto gravosi nelle situazioni reali in opera, dove i solai risultano rigidamente connessi con le pareti interne degli alloggi, che tipicamente sono leggere e di limitato spessore. La posa in opera dei materiali viene curata con estrema attenzione nelle prove in laboratorio, mentre può non avvenire lo stesso in cantiere: errori di posa del materiale anticalpestio quali il mancato utilizzo o la discontinuità della fascia perimetrale, la mancata nastratura dei teli ecc. costituiscono ancora una volta un caso di ponte acustico e possono portare a vanificare l effetto dell utilizzo del materiale anticalpestio. In laboratorio non sono previsti serramenti e aperture: l unica apertura è quella di accesso alla camera di prova, e il portone di chiusura è ad alto isolamento acustico. Al contrario in opera sono presenti tipicamente più aperture nello stesso locale, e i serramenti possono non avere elevate prestazioni acustiche o non essere registrati correttamente. Solaio di base Comportamento vibrazionale Tipologia Prova in laboratorio Prova in opera Trasmissioni laterali Tipologia standardizzata: solaio in calcestruzzo armato spessore 0 mm, superficie compresa tra 0 m e 0 m Simile alle piastre (elemento omogeneo) Assenti (pareti pesanti e disaccoppiate, nessun errore di posa, serramenti a perfetta tenuta) Variabile: i più comuni in Italia solai in laterocemento, ma anche solai in legno, solai in predalles Es. solai in laterocemento: effetti di risonanza dovuti alle pignatte (elemento non omogeneo) Presenti sia per interazione con altre strutture (es. pareti laterali) sia per eventuali errori di posa

17 LA MISURA DELL ISOLAMENTO DAL RUMORE DA CALPESTIO. Nella pratica, quindi, i risultati della prova in laboratorio e della prova in opera non sono tra loro direttamente equiparabili. Utilizzare il valore di L w certificato in laboratorio come valore previsionale di abbattimento acustico ottenibile in opera NON È CORRETTO! Lo scopo della prova in opera è quello di verificare che il solaio in esame, con le sue specificità (tipologia costruttiva, variabili di posa in opera, trasmissioni laterali) rispetti i requisiti acustici passivi come da DPCM //997. Lo scopo della prova in laboratorio è invece quello di utilizzare i risultati ottenuti per comparare le proprietà di isolamento acustico al calpestio dei pacchetti costruttivi. Non intende quindi fornire un valore di abbattimento acustico valido per tutti i solai, ma fornisce al progettista uno strumento per confrontare le prestazioni dei materiali anticalpestio e del sistema tecnologico realizzato. Un esempio Prova per la determinazione del livello di rumore calpestio in laboratorio (a sinistra) e in opera (a destra) - massetto galleggiante realizzato con lo stesso prodotto anticalpestio (Isolmant Underslim) Figura - Report di prova al calpestio in laboratorio Figura - Report di prova al calpestio in opera Nota: è possibile effettuare in laboratorio anche le cosiddette prove conformi, ovvero prove condotte seguendo le prescrizioni della norma UNI EN ISO 0- su strutture che però non rientrano nelle prescrizioni della norma stessa. Esempio di prova conforme è la misura del livello di rumore da calpestio in laboratorio in presenza di solai in laterocemento anziché su soletta in calcestruzzo. Nel caso in cui la tipologia di solaio testato con la prova conforme sia uguale a quello in progetto, il risultato darà al progettista un indicazione più realistica del comportamento acustico della partizione; è bene tuttavia ricordare che, anche a parità di struttura, in laboratorio sussistono condizioni molto diverse rispetto alla situazione in opera, e non è quindi possibile assumere il risultato certificato come prestazione previsionale in opera. 7

18 . LA MISURA DELL ISOLAMENTO DAL RUMORE DA CALPESTIO A che cosa può far riferimento il progettista per conoscere le prestazioni acustiche dei solai che sta progettando? In fase progettuale, il professionista può servirsi dei certificati di prova in laboratorio per confrontare le prestazioni dei prodotti anticalpestio presenti sul mercato; può inoltre far riferimento a collaudi in opera di strutture analoghe per prevedere il comportamento acustico globale della partizione in esame. Tipo di prova Utilizzo Prova in laboratorio confrontare le prestazioni dei prodotti anticalpestio presenti sul mercato Prova in opera prevedere il comportamento acustico globale nelle strutture analoghe Nel capitolo seguente sono raccolti numerosi esempi di collaudi in opera condotti dall Ufficio Tecnico Tecnasfalti con lo scopo di fornire al progettista un indicazione del comportamento acustico delle diverse soluzioni costruttive. Il progettista può quindi avvalersi di tali soluzioni conformi per stimare la resa acustica del divisorio orizzontale previsto a progetto. Rif. norma Grandezza (db) Simbolo Definizione ISO 0-7 livello medio di pressione L in opera venti volte il logaritmo del rapporto tra la pressione ISO 0-8 sonora in laboratorio sonora misurata e la pressione sonora di riferimento ISO 0-8 ISO 0-7 ISO 0-7 ISO 0-8 Descrittori acustici livello di pressione sonora da calpestio normalizzato livello di pressione sonora di calpestio normalizzato rispetto all assorbimento acustico livello di pressione sonora di calpestio normalizzato rispetto al tempo di riverberazione attenuazione del livello di pressione sonora da calpestio ISO 0-7 attenuazione del livello di pressione sonora di calpestio ISO 77- indice di valutazione del livello di rumore da calpestio normalizzato L n in laboratorio livello di pressione sonora da calpestio, incrementato di un termine correttivo in funzione dell assorbimento acustico del locale ricevente in opera livello di pressione sonora da calpestio, incrementato di un termine correttivo in funzione dell assorbimento acustico del locale ricevente T in opera livello di pressione sonora da calpestio, incrementato di un termine correttivo in funzione del tempo di riverberazione del locale ricevente L in laboratorio riduzione del livello di pressione sonora da calpestio conseguente alla posa del massetto flottante L in opera differenza tra il livello medio di pressione sonora nell ambiente ricevente prima e dopo la posa in opera di un dato rivestimento w in opera indice di valutazione del livello di pressione sonora di calpestio normalizzato rispetto all assorbimento acustico, ottenuto della curva di riferimento a 00 Hz, dopo spostamento in conformità al metodo esposto nella norma ISO 77-8 UNI EN ISO 0-7: Acustica - Misurazione dell isolamento acustico in edifici e di elementi di edificio Misurazioni in opera dell isolamento dal rumore di calpestio di solai UNI EN ISO 0-8: Acustica - Misurazione dell isolamento acustico in edifici e di elementi di edificio Misurazioni in laboratorio della riduzione del rumore di calpestio trasmesso da rivestimenti di pavimentazioni su un solaio pesante normalizzato

19 PROVE IN OPERA... Soluzioni bistrato Isolmant Special Isolmant UnderSlim Isolmant Radiante Isolmant UnderSpecial. pag. 0 pag. pag. pag. 7 pag. 0. Soluzioni monostrato Isolmant MonoPlus Isolmant BiPlus pag. 0 pag. pag. Nota per le stratigrafie successive: Ove le caratteristiche tecniche dei materiali e degli elementi non fossero state esplicitate nella relazione di prova in opera, nel calcolo delle masse superficiali e della trasmittanza totale sono stati considerati valori noti in letteratura. In particolare: per i massetti di supporto, è stata considerata una densità pari a kg/m per il massetto in sabbia e cemento e 000 kg/m per il massetto autolivellante; per i sottofondi di livellamento impianti, è stata considerata una densità pari a 00 kg/m. Tali valori sono tipici per le strutture considerate e comunque cautelativi. La trasmittanza è stata calcolata considerando un flusso ascendente tra locali riscaldati; il calcolo è valido come pura indicazione del valore di trasmittanza della singola struttura e non può sostituire una approfondita relazione condotta con i software di calcolo.. Applicazioni particolari Soluzioni tristrato Struttura su travetti. Risanamento Risanamento sotto parquet Risanamento sotto piastrella pag. pag. pag. pag. 9 pag. 0 pag. 9

20 .. SOLUZIONI BISTRATO SOLUZIONI BISTRATO. Le strutture bistrato rappresentano la tecnologia costruttiva più prestazionale in termini di isolamento al calpestio. Esse permettono infatti di escludere dal massetto galleggiante le tubazioni impiantistiche, che, passando tra locali adiacenti, possono costituire un ponte per la trasmissione del rumore. Gli impianti vengono posati all estradosso del solaio strutturale, idoneamente fasciati con materiale resiliente e quindi annegati nel getto di calcestruzzo alleggerito, che ha la duplice funzione di aumentare la massa della struttura (aumentandone il potere fonoisolante) e di livellare il sottofondo preparandolo per la posa del materassino anticalpestio. Dopo aver posizionato e sigillato adeguatamente il materiale resiliente e la fascia perimetrale, realizzando una perfetta vasca a tenuta, si procederà con il posizionamento dell impianto per riscaldamento radiante (se previsto), con il getto del massetto di supporto, di adeguato spessore, e quindi con la posa della pavimentazione. Solo allora sarà possibile rifilare la fascia perimetrale e, in caso di battiscopa ceramico, posizionare la fascia battiscopa per poi realizzare lo zoccolino. I prodotti più adatti per la realizzazione dei solai bistrato sono quelli della gamma Special, costituiti da polietilene reticolato fisicamente a celle chiuse, nudo o accoppiato a speciali fibre in poliestere per aumentarne la capacità dissipativa. Stratigrafie tipiche delle soluzioni bistrato sono le seguenti:. Solaio strutturale. Sottofondo di livellamento impianti. Materassino anticalpestio Isolmant. Massetto di supporto. Pavimentazione. Solaio strutturale. Sottofondo di livellamento impianti. Materassino anticalpestio Isolmant. Sistema di riscaldamento a pavimento. Massetto di supporto. Pavimentazione 0

21 SOLUZIONI BISTRATO.. ISOLMANT SPECIAL Edificio residenziale in Novara (NO). Volume locale ricevente: 7,8 m (C l ) = (-) db (Valutazione basata su risultati di misurazioni in opera ottenute in terzi d ottava mediante il metodo tecnico progettuale UNI EN ISO 0-7) SOLUZIONI BISTRATO Isolmant Special TRASMITTANZA TOTALE U = 0, W/m K Nr. Strato Materiale m Pavimentazione parquet 0,00 Massa superficiale kg/m Massetto di finitura autolivellante 0,00 80 Materiale resiliente Isolmant SPECIAL 0,00 Massetto di livellamento impianti calcestruzzo cellulare 0,00 Solaio strutturale laterocemento 0,0 90 Intonaco premiscelato 0,00 spessore totale 0, 80 Curva sperimentale Curva di riferimento Frequenza Hz Terzo d ottava db ,9 0 8, ,9 0 8,9 00 9,9 00 8, 0 0 8, 8, , , 00, f (Hz) , 00, 0,

22 . SOLUZIONI BISTRATO ISOLMANT SPECIAL Edificio residenziale in Loano (SV) SOLUZIONI BISTRATO Isolmant Special Volume locale ricevente: 7,8 m (C l ) = 8 (-8) db (Valutazione basata su risultati di misurazioni in opera ottenute in terzi d ottava mediante il metodo tecnico progettuale UNI EN ISO 0-7) STRATIGRAFIA TRASMITTANZA TOTALE U = 0,7 W/m K Nr. Strato Materiale m Pavimentazione ceramica 0,00 Massa superficiale kg/m Massetto di supporto sabbia e cemento 0,00 08 Materiale resiliente Isolmant SPECIAL 0,00 Massetto di livellamento impianti calcestruzzo alleggerito 0,0 Solaio strutturale laterocemento 0,0 90 Intonaco premiscelato 0,00 spessore totale 0, Frequenza Hz Terzo d ottava db 80,0 Curva sperimentale Curva di riferimento 00 0, 8, 70,0 0,7 00,7 0, 00, 00,8 0,0 0,0 0,, 0,0 000,9 0 0, 00, 0,0 000, 00 7,9 0, 0, f (Hz)

23 SOLUZIONI BISTRATO. ISOLMANT SPECIAL Edificio residenziale in Varese (VA) STRATIGRAFIA Volume locale ricevente:,0 m (C l ) = 8 (-7) db (Valutazione basata su risultati di misurazioni in opera ottenute in terzi d ottava mediante il metodo tecnico progettuale UNI EN ISO 0-7) SOLUZIONI BISTRATO Isolmant Special 7 TRASMITTANZA TOTALE U = 0,79 W/m K Nr. Strato Materiale Pavimentazione assente m Massa superficiale kg/m Massetto di supporto sabbia e cemento 0,070 Riscaldamento a pavimento pannello in PSE 0,0 Materiale resiliente Isolmant SPECIAL 0,00 Massetto di livellamento impianti calcestruzzo alleggerito 0,00 0 Solaio strutturale laterocemento 0, Intonaco premiscelato 0,0 spessore totale 0,9 80,0 Curva sperimentale Curva di riferimento Frequenza Hz Terzo d ottava db 00,7 70,0,9 0 00,9 0,0 0,, 0,0 00, 00, 0,7 0,0,8 000, 0,0 0 0, 00 0, 000, 0, f (Hz) , 0,9

24 . SOLUZIONI BISTRATO ISOLMANT UNDERSLIM Edificio residenziale in Modena (MO) SOLUZIONI BISTRATO Isolmant UnderSlim Volume locale ricevente: 8,0 m (C l ) = 8 (-) db (Valutazione basata su risultati di misurazioni in opera ottenute in terzi d ottava mediante il metodo tecnico progettuale UNI EN ISO 0-7) STRATIGRAFIA TRASMITTANZA TOTALE U = 0, W/m K Nr. Strato Materiale m Pavimentazione parquet 0,00 Massa superficiale kg/m Massetto di supporto sabbia e cemento 0,00 90 Materiale resiliente Isolmant UNDERSLIM 0,00 Massetto di livellamento impianti calcestruzzo alleggerito 0,080 0 (0 kg/m ) Solaio strutturale laterocemento 0,0 90 Intonaco premiscelato 0,00 spessore totale 0,9 Frequenza Hz Terzo d ottava db , 00 7, 0,7,7 00, 00, 0,8 0, ,9 00 7, , 00, 0, 80,0 70,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0, Curva sperimentale f (Hz) Curva di riferimento

25 SOLUZIONI BISTRATO. ISOLMANT UNDERSLIM Edificio residenziale in Modena (MO) STRATIGRAFIA Volume locale ricevente: 0, m (C l ) = 9 (-) db (Valutazione basata su risultati di misurazioni in opera ottenute in terzi d ottava mediante il metodo tecnico progettuale UNI EN ISO 0-7) SOLUZIONI BISTRATO Isolmant UnderSlim TRASMITTANZA TOTALE U = 0,9 W/m K Nr. Strato Materiale m Pavimentazione ceramica 0,00 Massa superficiale kg/m Massetto di supporto sabbia e cemento 0,00 90 Materiale resiliente Isolmant UNDERSLIM 0,00 Massetto di livellamento impianti calcestruzzo alleggerito 0,080 0 (0 kg/m ) Solaio strutturale laterocemento 0,0 90 Intonaco premiscelato 0,00 spessore totale 0,9 80,0 70,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0, Curva sperimentale f (Hz) Curva di riferimento Frequenza Hz Terzo d ottava db 00 8,, 0, ,7 8 00,9 00 7, 0,, 000, 0, 00,8 000, 00, 0,

26 . SOLUZIONI BISTRATO ISOLMANT UNDERSLIM Edificio residenziale in Imola (BO) SOLUZIONI BISTRATO Isolmant UnderSlim Volume locale ricevente: 0, m (C l ) = (-) db (Valutazione basata su risultati di misurazioni in opera ottenute in terzi d ottava mediante il metodo tecnico progettuale UNI EN ISO 0-7) STRATIGRAFIA TRASMITTANZA TOTALE U = 0,98 W/m K Nr. Strato Materiale m Pavimentazione parquet 0,00 Massa superficiale kg/m Massetto di supporto sabbia e cemento 0,00 90 Materiale resiliente Isolmant UNDERSLIM 0,00 Massetto di livellamento impianti calcestruzzo alleggerito 0,070 Solaio strutturale laterocemento 0,0 00 Intonaco premiscelato 0,00 spessore totale 0,9 Frequenza Hz Terzo d ottava db 00, 9,8 0 9, 00 8, 0 7,,8 00, 00,9 0 7,,7 000, 0,8 00 9,8 000, 00, 0, 80,0 70,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0, Curva sperimentale f (Hz) Curva di riferimento

27 SOLUZIONI BISTRATO. ISOLMANT RADIANTE Edificio residenziale in Parma (PR) STRATIGRAFIA Volume locale ricevente:, m (C l ) = 7 (-) db (Valutazione basata su risultati di misurazioni in opera ottenute in terzi d ottava mediante il metodo tecnico progettuale UNI EN ISO 0-7) SOLUZIONI BISTRATO Isolmant Radiante 7 TRASMITTANZA TOTALE U = 0, W/m K Nr. Strato Materiale m Pavimentazione ceramica 0,00 Massa superficiale kg/m Massetto di supporto sabbia e cemento 0,00 90 Riscaldamento a pavimento pannello in PSE 0,0 Materiale resiliente Isolmant RADIANTE 0,00 Massetto di livellamento impianti calcestruzzo alleggerito 0,00 Solaio strutturale laterocemento 0, Intonaco premiscelato 0,00 spessore totale 0,80 80,0 70,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0, Curva sperimentale f (Hz) Curva di riferimento Frequenza Hz Terzo d ottava db 00 7, 0,9 0, 00, 0,, 00 00, 0,7, 000, 0,8 00, 000 9, 00 0,7 0 9, 7

28 . SOLUZIONI BISTRATO ISOLMANT RADIANTE Edificio residenziale in Parma (PR) SOLUZIONI BISTRATO Isolmant Radiante Volume locale ricevente: 89.9 m (C l ) = 8 (-7) db (Valutazione basata su risultati di misurazioni in opera ottenute in terzi d ottava mediante il metodo tecnico progettuale UNI EN ISO 0-7) STRATIGRAFIA TRASMITTANZA TOTALE U = 0,8 W/m K 7 Nr. Strato Materiale m Pavimentazione ceramica 0,00 Massa superficiale kg/m Massetto di supporto sabbia e cemento fibrorinforzato 0,00 7 Riscaldamento a pavimento pannello in PSE 0,0 Materiale resiliente Isolmant RADIANTE 0,00 Massetto di livellamento impianti calcestruzzo alleggerito 0,00 0 Solaio strutturale laterocemento 0, Intonaco premiscelato 0,00 spessore totale 0,70 Frequenza Hz Terzo d ottava db 00 7, ,8 0,8, , 0, 9, 000 9, 0 0, 00 0, 000, 00, 0 80,0 70,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0, Curva sperimentale f (Hz) Curva di riferimento

29 SOLUZIONI BISTRATO. ISOLMANT RADIANTE Edificio residenziale in Novate Milanese (MI) STRATIGRAFIA Volume locale ricevente:, m (C l ) = (-) db (Valutazione basata su risultati di misurazioni in opera ottenute in terzi d ottava mediante il metodo tecnico progettuale UNI EN ISO 0-7) SOLUZIONI BISTRATO Isolmant Radiante 7 TRASMITTANZA TOTALE U = 0, W/m K Nr. Strato Materiale m Pavimentazione parquet 0,0 Massa superficiale kg/m Massetto di supporto sabbia e cemento 0,0 99 Riscaldamento a pavimento pannello in PSE 0,00 Materiale resiliente Isolmant RADIANTE 0,00 Massetto di livellamento impianti calcestruzzo alleggerito 0,090 7 Solaio strutturale laterocemento 0, Intonaco premiscelato 0,00 8 spessore totale 0,7 80,0 70,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0, Curva sperimentale f (Hz) Curva di riferimento Frequenza Hz Terzo d ottava db 00 7, 0, 0 8, 00,7 0, 0,8 00, 00 0, 0 0 8, ,7 0, 00, 000, 00 9, 0,7 9

30 . SOLUZIONI BISTRATO ISOLMANT UNDERSPECIAL Edificio residenziale in Tortolì (OG) SOLUZIONI BISTRATO Isolmant UnderSpecial Volume locale ricevente: 8 m (C l ) = (-) db (Valutazione basata su risultati di misurazioni in opera ottenute in terzi d ottava mediante il metodo tecnico progettuale UNI EN ISO 0-7) STRATIGRAFIA TRASMITTANZA TOTALE U = 0, W/m K Nr. Strato Materiale m Pavimentazione gres 0,00 Massa superficiale kg/m Massetto di supporto sabbia e cemento 0,00 90 Materiale resiliente Isolmant UNDERSPECIAL 0,008 Massetto di livellamento impianti calcestruzzo alleggerito 0,00 Solaio strutturale laterocemento 0,00 0 Intonaco premiscelato 0,0 spessore totale 0, Frequenza Hz Terzo d ottava db 80,0 Curva sperimentale Curva di riferimento 00 8,7 0, 0, 70,0 00, 0,9 0,0, 00, 0,0 00 0, 0 0, 0 0, ,7 0, 0,0 00, 000, 00, 0 0,7 0, f (Hz)

31 SOLUZIONI BISTRATO. ISOLMANT UNDERSPECIAL Edificio residenziale in Paese (TV) STRATIGRAFIA Volume locale ricevente: 7, m (C l ) = 9 (-) db (Valutazione basata su risultati di misurazioni in opera ottenute in terzi d ottava mediante il metodo tecnico progettuale UNI EN ISO 0-7) SOLUZIONI BISTRATO Isolmant UnderSpecial 7 TRASMITTANZA TOTALE U = 0,0 W/m K Nr. Strato Materiale m Pavimentazione parquet 0,00 Massa superficiale kg/m Massetto di supporto sabbia e cemento 0,00 90 Riscaldamento a pavimento pannello in EPS 0,0 Materiale resiliente Isolmant UNDERSPECIAL 0,008 Massetto di livellamento impianti calcestruzzo alleggerito 0,080 Solaio strutturale laterocemento 0, Intonaco premiscelato 0,0 spessore totale 0,8 80,0 70,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0, Curva sperimentale f (Hz) Curva di riferimento Frequenza Hz Terzo d ottava db 00 0,8 0, 0,9 00 9, 0,, 00,8 00, 0 9,9 7,8 000, 0 00, 000 9,8 00, 0,

32 . SOLUZIONI BISTRATO ISOLMANT UNDERSPECIAL Edificio residenziale in Firenze (FI) SOLUZIONI BISTRATO Isolmant UnderSpecial Volume locale ricevente:, m (C l ) = (-0) db (Valutazione basata su risultati di misurazioni in opera ottenute in terzi d ottava mediante il metodo tecnico progettuale UNI EN ISO 0-7) STRATIGRAFIA TRASMITTANZA TOTALE U = 0,9 W/m K 7 Nr. Strato Materiale m Pavimentazione parquet 0,00 Massa superficiale kg/m Massetto di supporto sabbia e cemento 0,00 90 Riscaldamento a pavimento pannello in PSE 0,0 Materiale resiliente Isolmant UNDERSPECIAL 0,008 Massetto di livellamento impianti calcestruzzo alleggerito 0,00 Solaio strutturale laterocemento 0, Intonaco premiscelato 0,00 spessore totale 0, Frequenza Hz Terzo d ottava db 00, 8, 0,8 00 8,8 0,,8 00,9 00,7 0, 9, 000, 0, 00 7, ,9 0, 80,0 70,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0, Curva sperimentale f (Hz) Curva di riferimento

33 SOLUZIONI BISTRATO. ISOLMANT UNDERSPECIAL Edificio residenziale in Noale (VE) STRATIGRAFIA Volume locale ricevente: 8 m (C l ) = (-) db (Valutazione basata su risultati di misurazioni in opera ottenute in terzi d ottava mediante il metodo tecnico progettuale UNI EN ISO 0-7) SOLUZIONI BISTRATO Isolmant UnderSpecial 7 TRASMITTANZA TOTALE U = 0,8 W/m K Nr. Strato Materiale m Pavimentazione parquet 0,00 Massa superficiale kg/m Massetto di supporto sabbia e cemento 0,00 90 Riscaldamento a pavimento pannello in PSE 0,0 Materiale resiliente Isolmant UNDERSPECIAL 0,008 Massetto di livellamento impianti calcestruzzo alleggerito 0,090 7 Solaio strutturale laterocemento Unisol 0, Intonaco premiscelato 0,00 spessore totale 0, 80,0 70,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0, Curva sperimentale f (Hz) Curva di riferimento Frequenza Hz Terzo d ottava db 00, 0, 0 8,9 00,7 0,, 00, 00, 0,, 000, 0 0,8 00 9, 000, ,

Isolamento acustico al calpestio

Isolamento acustico al calpestio Acustica in edilizia Isolamento acustico al calpestio In materia di inquinamento acustico fa testo la legge quadro n.447 del 26 ottobre 1995 che: fissa le competenze di Stato, Regioni, Province, Comuni

Dettagli

Isolamento acustico anticalpestio

Isolamento acustico anticalpestio Isolamento acustico anticalpestio Isolanti anticalpestio in polietilene espanso reticolato Pavitema Rex è una gamma di isolanti anticalpestio in polietilene espanso reticolato nata per rispondere alla

Dettagli

SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER L ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA

SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER L ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER L ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA ORA VEDREMO IN SINTESI LE POSSIBILI SOLUZIONI TECNICHE RELATIVE A: 1. Isolamento acustico per via aerea mediante sistemi in cartongesso per

Dettagli

Strumenti di progettazione per MAPESILENT SYSTEM

Strumenti di progettazione per MAPESILENT SYSTEM MAPESILENT SYSTEM MAPESILENT System pag. 2 INTRODUZIONE pag. 4 Mapesilent system pag. 4 PRESTAZIONI E POSA IN OPERA pag. 6 ESEMPIO DI CALCOLO ACUSTICO pag. 7 ESEMPIO DI CALCOLO TERMICO pag. 8 COMPONENTI

Dettagli

ELEMENTI DI ACUSTICA 08

ELEMENTI DI ACUSTICA 08 I.U.A.V. Scienze dell architettura a.a. 2012/2013 Fisica Tecnica e Controllo Ambientale Prof. Piercarlo Romagnoni ELEMENTI DI ACUSTICA 08 ACUSTICA ARCHITETTONICA 02 FONOISOLAMENTO ASSORBIMENTO, RIFLESSIONE,

Dettagli

ALLEGATO A Calcoli di progetto PREMESSA Scopo della presente relazione, redatta ai sensi della Legge 26 ottobre 1995, n. 447 Legge quadro sull'inquinamento acustico e del Decreto del Presidente del Consiglio

Dettagli

CIRFONIC hp CAMPO DI UTILIZZO: DESCRIZIONE DI CAPITOLATO: DIMENSIONI DI FORNITURA: SPECIFICHE APPLICATIVE COGENTI:

CIRFONIC hp CAMPO DI UTILIZZO: DESCRIZIONE DI CAPITOLATO: DIMENSIONI DI FORNITURA: SPECIFICHE APPLICATIVE COGENTI: CIRFONIC hp Manto in agglomerato poliuretanico espanso flessibile con pellicola in polietilene CAMPO DI UTILIZZO: CIRFONIC HP è un prodotto specifico per l isolamento acustico del rumore di calpestio,

Dettagli

CIRFONIC SPECIAL CAMPO DI UTILIZZO: DESCRIZIONE DI CAPITOLATO: DIMENSIONI DI FORNITURA:

CIRFONIC SPECIAL CAMPO DI UTILIZZO: DESCRIZIONE DI CAPITOLATO: DIMENSIONI DI FORNITURA: CIRFONIC SPECIAL Manto in agglomerato poliuretanico espanso flessibile con pellicola in polietilene CAMPO DI UTILIZZO: CIRFONIC SPECIAL è un prodotto specifico per l isolamento acustico del rumore di calpestio,

Dettagli

Soluzioni per pareti e solai ISOTEX. Metodo costruttivo in legno-cemento. Fascicolo tecnico realizzato da T.E.P. s.r.l. - Tecnologia e Progetto

Soluzioni per pareti e solai ISOTEX. Metodo costruttivo in legno-cemento. Fascicolo tecnico realizzato da T.E.P. s.r.l. - Tecnologia e Progetto Soluzioni per pareti e solai ISOTEX Metodo costruttivo in legno-cemento Fascicolo tecnico realizzato da T.E.P. s.r.l. - Tecnologia e Progetto La documentazione della ditta C & P Costruzioni è stata analizzata

Dettagli

PARETI IN LECABLOCCO PER IL COMFORT ACUSTICO SOLUZIONI PER LA NORMA UNI 11367

PARETI IN LECABLOCCO PER IL COMFORT ACUSTICO SOLUZIONI PER LA NORMA UNI 11367 PARETI IN LECABLOCCO PER IL COMFORT ACUSTICO SOLUZIONI PER LA NORMA UNI 67 LA NUOVA NORMA UNI 67 Classificazione acustica delle Unità Immobiliari. Norma UNI 67. Nel luglio 00 è stata pubblicata la norma

Dettagli

La previsione della protezione acustica degli edifici con metodi semplificati

La previsione della protezione acustica degli edifici con metodi semplificati La previsione della protezione acustica degli edifici con metodi semplificati EDILTIRRENO EXPO Carrara, 16 Maggio 2008 Simone Secchi Dipartimento di Tecnologie dell Architettura e Design _ Università di

Dettagli

La normativa acustica per le opere edilizie: RELAZIONE VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI D.P.C.M. 5/12/1997

La normativa acustica per le opere edilizie: RELAZIONE VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI D.P.C.M. 5/12/1997 La normativa acustica per le opere edilizie: Requisiti Acustici Passivi degli edifici: relazione verifica D.P.C.M. 5/12/97 CRISTIANA BERNASCONI RELAZIONE VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI

Dettagli

VALUTAZIONE PREVENTIVA DELLE PRESTAZIONI ACUSTICHE

VALUTAZIONE PREVENTIVA DELLE PRESTAZIONI ACUSTICHE Teatro Electra VALUTAZIONE PREVENTIVA DELLE PRESTAZIONI ACUSTICHE Verifica con D.P.C.M. 05/12/1997 SuoNus - Valutazione preventiva delle prestazioni acustiche - Pag. 1 PREMESSA Scopo della presente relazione,

Dettagli

ISOLAMENTO ACUSTICO. Dare valore alla vita di tutti i giorni. Relatore: geom. Alberto Forner Responsabile Commerciale Div. Edilizia [Proxital Spa]

ISOLAMENTO ACUSTICO. Dare valore alla vita di tutti i giorni. Relatore: geom. Alberto Forner Responsabile Commerciale Div. Edilizia [Proxital Spa] ISOLAMENTO ACUSTICO Dare valore alla vita di tutti i giorni Relatore: geom. Alberto Forner Responsabile Commerciale Div. Edilizia [Proxital Spa] 1997/2000 2000/2005 Viene reso attuativo il Decreto che

Dettagli

ABITAZIONI SILENZIOSE DAL D.P.C.M 5/12/97 ALLA CERTIFICAZIONE ACUSTICA

ABITAZIONI SILENZIOSE DAL D.P.C.M 5/12/97 ALLA CERTIFICAZIONE ACUSTICA ABITAZIONI SILENZIOSE DAL D.P.C.M 5/12/97 ALLA CERTIFICAZIONE ACUSTICA Ing. Riccardo Tognarini Design energetico ed acustico degli edifici con studio in San Vincenzo LI Via Pitagora, 3 Tel. 0565705346

Dettagli

In attesa e nella speranza che il D.P.C.M. 5.12.97 venga rivisitato e aggiornato, dobbiamo riferirci inevitabilmente ai requisiti acustici che il

In attesa e nella speranza che il D.P.C.M. 5.12.97 venga rivisitato e aggiornato, dobbiamo riferirci inevitabilmente ai requisiti acustici che il Progettazione, scelte tecniche e controlli dell isolamento acustico tra unità abitative, corretta posa in opera di solai, tamponamenti e pareti divisorie Ing. Paolo Giacomin Vice Presidente Commissione

Dettagli

Premessa. Valori limite dei parametri Parametri R w (*) D 2m,nT,w L n,w L ASmax L Aeq

Premessa. Valori limite dei parametri Parametri R w (*) D 2m,nT,w L n,w L ASmax L Aeq Premessa Scopo della presente relazione, redatta ai sensi della Legge 26 ottobre 1995, n. 447 Legge quadro sull'inquinamento acustico e del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre

Dettagli

Certificazione acustica degli edifici

Certificazione acustica degli edifici ANIT - Associazione Nazionale per l Isolamento Termico e acustico Certificazione acustica degli edifici PREMESSA Il comfort acustico abitativo è uno dei requisiti che caratterizza la qualità ed il valore

Dettagli

Requisiti acustici degli edifici Dalla teoria al cantiere

Requisiti acustici degli edifici Dalla teoria al cantiere Focus PROGETTARE E COSTRUIRE MEGLIO SI DEVE E SI PUO Pollein (AO), 09 ottobre 2012 Requisiti acustici degli edifici Dalla teoria al cantiere Domenico Nicastro nicastro@acusma.com Domenico Nicastro requisiti

Dettagli

Isolamento acustico. Andrea Nicolini

Isolamento acustico. Andrea Nicolini Isolamento acustico Andrea Nicolini Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Ingegneria Industriale, sezione di Fisica Tecnica nicolini.unipg@ciriaf.it ISOLAMENTO ACUSTICO Strutture fonoisolanti

Dettagli

MISURAZIONE IN OPERA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI --- Eseguito ai sensi della Legge n 447/95 in conformità con il DPCM 05/12/1997

MISURAZIONE IN OPERA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI --- Eseguito ai sensi della Legge n 447/95 in conformità con il DPCM 05/12/1997 MISURAZIONE IN OPERA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI --- Eseguito ai sensi della Legge n 447/95 in conformità con il DPCM 05/12/1997 IL COMMITTENTE: Benessere Acustico Sr.l. IL TECNICO: Andrea Cerniglia

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO

INQUINAMENTO ACUSTICO Cremona 27 Ottobre 2006 Ordine degli Ingegneri delle Provincia di Cremona INQUINAMENTO ACUSTICO (Legge Quadro 447/1995) (Regione Lombardia: L.R. 13/2001) Relatore: Dott. Ing. Linda Parati Dottorato Europeo

Dettagli

Isolamento acustico. Dicembre 2005. I Farinelli srl Cenni sull isolamento acustico. Pagina 1 di 7

Isolamento acustico. Dicembre 2005. I Farinelli srl Cenni sull isolamento acustico. Pagina 1 di 7 Isolamento acustico Dicembre 2005 I Farinelli srl Cenni sull isolamento acustico. Pagina 1 di 7 Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 1 Marzo 1991 Limiti massimi di esposizione al rumore

Dettagli

Misura dei requisiti passvi acustici degli edifici

Misura dei requisiti passvi acustici degli edifici Misura dei requisiti passvi acustici degli edifici I parametri acustici per la Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici. Il decreto : DPCM 05-12-1997 si prefigge di: migliorare la qualità

Dettagli

I REQUISITI ACUSTICI PASSIVI E IL DPCM 5 DICEMBRE 1997

I REQUISITI ACUSTICI PASSIVI E IL DPCM 5 DICEMBRE 1997 E IL DPCM 5 DICEMBRE 1997 SITUAZIONE ATTUALE E SVILUPPI FUTURI Relatore: Danilo BRANDA email: d.branda@studiobranda.it Torino, 7 maggio 2009 1 Percorso Inquadramento Legislativo Il D.P.C.M. 5/12/1997 Gli

Dettagli

LE FINESTRE E L ISOLAMENTO ACUSTICO

LE FINESTRE E L ISOLAMENTO ACUSTICO LE FINESTRE E L ISOLAMENTO ACUSTICO Roberto Malatesta. William Marcone Ufficio Tecnico (giugno 2008) LA PROTEZIONE DAL RUMORE DEGLI EDIFICI, LA NORMATIVA NAZIONALE La maggior sensibilità delle persone

Dettagli

FONOISOLAMENTO. SpA. Bonifica acustica_modulo j8

FONOISOLAMENTO. SpA. Bonifica acustica_modulo j8 Coefficiente τ di trasmissione del rumore di una parete τ = W W t = Potere fonoisolante R di una parete i potenza sonora trasmessa al di là della parete potenza sonora incidente sulla parete R = livello

Dettagli

PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA. Chiara Scrosati ITC-CNR

PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA. Chiara Scrosati ITC-CNR PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA Chiara Scrosati ITC-CNR Istituto per le Tecnologie della Costruzione del Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax.

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. 0532-974870 Misurazioni in opera del livello normalizzato di rumore

Dettagli

REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI

REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI ai sensi della Legge Quadro n 447/95: verifica degli adempimenti di cui al D.P.C.M. del 05/12/97 CERTIFICAZIONE MEDIANTE MISURE SPERIMENTALI DEI REQUISITI ACUSTICI

Dettagli

L isolante termico anticalpestio. Isolamento termoacustico dei solai

L isolante termico anticalpestio. Isolamento termoacustico dei solai L isolante termico anticalpestio Isolamento termoacustico dei solai L isolante termico anticalpestio Un doppio problema: requisiti acustici e rendimento energetico dei solai Le normative italiane stabiliscono

Dettagli

Associated with Italcementi Group GEMAFONGOMMA. L isolante acustico per pareti e pavimenti

Associated with Italcementi Group GEMAFONGOMMA. L isolante acustico per pareti e pavimenti Associated with Italcementi Group GEMAFONGOMMA L isolante acustico per pareti e pavimenti GEMAFONGOMMA E la linea di prodotti ACUSTICI per pareti, pavimenti e sottotavolati. GEMAFONGOMMA RTL in rotoli

Dettagli

VALUTAZIONI SPERIMENTALI E QUALITATIVE DELL ISOLAMENTO ACUSTICO DA CALPESTIO DI SOLAI IN OPERA

VALUTAZIONI SPERIMENTALI E QUALITATIVE DELL ISOLAMENTO ACUSTICO DA CALPESTIO DI SOLAI IN OPERA 2 Convention Nazionale del Gruppo di Acustica Edilizia L evoluzione e l armonizzazione delle norme italiane ed europee sulla protezione acustica degli edifici Firenze 13 dicembre 2010 VALUTAZIONI SPERIMENTALI

Dettagli

BENVENUTI IN ISOLMANT

BENVENUTI IN ISOLMANT 28 ottobre 2014 BENVENUTI IN ISOLMANT Tecnasfalti-Isolmant è stata fondata nel 1976 da Ugo Canni Ferrari Produce e distribuisce prodotti per l isolamento acustico e termico Leader in Italia e in Europa

Dettagli

Isolamento acustico: teoria e quadro legislativo

Isolamento acustico: teoria e quadro legislativo Isolamento acustico: teoria e quadro legislativo Dott. Edoardo Piana, Dip. Ingegneria Meccanica e Industriale Università degli Studi di Brescia, via Branze 38, 513 Brescia piana@ing.unibs.it Ing. Ugo Pannuti,

Dettagli

MISURE IN OPERA DEL REQUISITO DI POTERE FONOISOLANTE APPARENTE DI PARTIZIONI VERTICALI

MISURE IN OPERA DEL REQUISITO DI POTERE FONOISOLANTE APPARENTE DI PARTIZIONI VERTICALI MISURE IN OPERA DEL REQUISITO DI POTERE FONOISOLANTE APPARENTE DI PARTIZIONI VERTICALI D.P.C.M. 5/12/97 UNI EN ISO 16283-1 COMMITTENTE: Toppetti 2 srl RELAZIONE CONCLUSIVA Aprile 2014 VIE EN.RO.SE. Ingegneria

Dettagli

PRESTAZIONI DEI TETTI IN LEGNO: DAI MATERIALI AL SISTEMA POSATO IN OPERA

PRESTAZIONI DEI TETTI IN LEGNO: DAI MATERIALI AL SISTEMA POSATO IN OPERA PRESTAZIONI DEI TETTI IN LEGNO: DAI MATERIALI AL SISTEMA POSATO IN OPERA L. Parati(1), A. Carrettini(1), C. Scrosati(2), F. Scamoni(2) 1) PARATI & CO. Studio di Consulenze e Progettazioni Acustiche, Crema

Dettagli

Fonisocal e Fonisocal Plus

Fonisocal e Fonisocal Plus I massetti nelle costruzioni civili e commerciali Fonisocal e Fonisocal Plus Caratteristiche e vantaggi ing. Alessandra Tonti Pescara, Calcestruzzi 26/05/2011 - Italcementi Group Title a.tonti@calcestruzzi.it

Dettagli

Wallgran. Pannelli in gomma per insonorizzazione di pareti. Gruppo

Wallgran. Pannelli in gomma per insonorizzazione di pareti. Gruppo Wallgran Pannelli in gomma per insonorizzazione di pareti Gruppo Wallgran Pannelli in gomma per l insonorizzazione di pareti Maxitalia ha studiato a fondo le problematiche dell isolamento acustico delle

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax.

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. 0532-974870 Misurazioni in opera del livello normalizzato di rumore

Dettagli

cimosa di sormonto autoadesiva

cimosa di sormonto autoadesiva Polietilene reticolato fisicamente sp. 8 mm nominale cimosa di sormonto autoadesiva. Massa elastoplastomerica Lato posa CARATTERISTICHE TECNICHE Acustic System 10, è un manto bistrato con cimosa adesiva,

Dettagli

Pavitema. Isolamento acustico dei sottopavimenti AGGLOMERATO DI SCHIUMA DI GOMMA ESPANSA. Vantaggi. Pavitema Soft

Pavitema. Isolamento acustico dei sottopavimenti AGGLOMERATO DI SCHIUMA DI GOMMA ESPANSA. Vantaggi. Pavitema Soft Pavitema Isolamento acustico dei sottopavimenti Pavitema rappresenta la soluzione pratica ed economica per risolvere il problema dell isolamento anticalpestio. L offerta della Maxitalia è costituita da

Dettagli

VALUTAZIONE TEORICA E SPERIMENTALE DELLE PROPRIETA DI ISOLAMENTO ACUSTICO DI PANNELLI IN SUGHERO

VALUTAZIONE TEORICA E SPERIMENTALE DELLE PROPRIETA DI ISOLAMENTO ACUSTICO DI PANNELLI IN SUGHERO Associazione Italiana di Acustica 36 Convegno Nazionale Torino, 10-12 giugno 2009 VALUTAZIONE TEORICA E SPERIMENTALE DELLE PROPRIETA DI ISOLAMENTO ACUSTICO DI PANNELLI IN SUGHERO Cinzia Buratti, Elisa

Dettagli

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente documento, ivi inclusa la

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente documento, ivi inclusa la Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente documento, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione

Dettagli

Le soluzioni fonoisolanti bauexpert

Le soluzioni fonoisolanti bauexpert Le soluzioni fonoisolanti bauexpert www.bauexpert.it Appiano (BZ) - Tel. 0471 662 119 Borgo Valsugana (TN) - Tel. 0461 753 208 Bressanone (BZ) - Tel. 0472 821 818 Brunico (BZ) - Tel. 0474 572 500 Campo

Dettagli

UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE PROVE IN OPERA

UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE PROVE IN OPERA Associazione Italiana di Acustica 36 Convegno Nazionale Torino, 10-12 giugno 2009 UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE

Dettagli

Isolamento ai rumori aerei e d impatto negli edifici

Isolamento ai rumori aerei e d impatto negli edifici Isolamento ai rumori aerei e d impatto negli edifici Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici Introduzione: DPCM 5 Dicembre 1997 La riduzione dell esposizione umana al rumore: è questo

Dettagli

RELAZIONE ACUSTICA. Legge 447 del 26 ottobre 1995. D.P.C.M. 05 dicembre 1997

RELAZIONE ACUSTICA. Legge 447 del 26 ottobre 1995. D.P.C.M. 05 dicembre 1997 RELAZIONE ACUSTICA Legge 447 del 26 ottobre 1995 D.P.C.M. 05 dicembre 1997 COMMITTENTE: Mario Bianchi EDIFICIO: Palazzina 4 unità Residenziali INDIRIZZO Via Verdi 12, Milano INTERVENTO: Valutazione del

Dettagli

L isolamento termico dei sottofondi contro terra e dei divisori orizzontali interpiano.

L isolamento termico dei sottofondi contro terra e dei divisori orizzontali interpiano. Laterlite 38 tecnologia L isolamento termico dei sottofondi contro terra e dei divisori orizzontali interpiano. Soluzioni per vespai isolati contro terra Le novità contenute nel Decreto requisiti minimi

Dettagli

COMUNE DI SAN SPERATE PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SAN SPERATE PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SAN SPERATE PROVINCIA DI CAGLIARI Progetto per il completamento del CENTRO POLIVALENTE RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI SECONDO LE NORME UNI EN 12354 Cagliari, 26 Gennaio

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax.

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. 0532-974870 Misurazioni in opera del livello normalizzato di rumore

Dettagli

LEZIONE DI ACUSTICA Fondamenti teorici di base ed introduzione all acustica nell edilizia

LEZIONE DI ACUSTICA Fondamenti teorici di base ed introduzione all acustica nell edilizia Sola Ing. Pierfranco TERMOTECNICO CERTIFICATORE ENERGETICO REGIONE PIEMONTE TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA REGIONE PIEMONTE PROFESSIONISTA ANTINCENDIO ISCRITTO NEGLI ELENCHI MINISTERO INTERNI Via A. Savoia

Dettagli

Guida alle applicazioni

Guida alle applicazioni Isolanti acustici Guida alle applicazioni per l isolamento acustico dei solai Divisione Isolanti Isolanti acustici Guida alle applicazioni per l isolamento acustico dei solai Introduzione 04 Strutture

Dettagli

Isolamento acustico di pareti in laterizio: verifica delle prestazioni in opera

Isolamento acustico di pareti in laterizio: verifica delle prestazioni in opera Cis Edil s.r.l. Via C. Iotti, 92 42045 LUZZARA - REGGIO EMILIA Tel 0522.976128 - Fax 0522.977919 www.cisedil.it - info@cisedil.it Isolamento acustico di pareti in laterizio: verifica delle prestazioni

Dettagli

La verifica in opera delle caratteristiche acustiche degli edifici

La verifica in opera delle caratteristiche acustiche degli edifici L acustica applicata all edilizia Verona 24 Novembre 2000 La verifica in opera delle caratteristiche acustiche degli edifici Francesco Ferrari e Valerio Manzoni - ARPA Lombardia - Dipartimento di Mantova

Dettagli

sistema DAMPER isolamento acustico

sistema DAMPER isolamento acustico sistema DAMPER isolamento acustico DAMProll 3 Materassino in gomma per isolamento rumori da calpestio SILEREX 5 Premiscelato sfuso in gomma per isolamento vibrazioni, rumori impattivi e da calpestio DAMPstrip

Dettagli

24 PROGETTAZIONE DEL SILENZIO: NODI PARETE-PAVIMENTO

24 PROGETTAZIONE DEL SILENZIO: NODI PARETE-PAVIMENTO 24 PROGETTAZIONE DEL SILENZIO: NODI PARETE-PAVIMENTO NODO PARETE PESANTE - SOLAIO Desolidarizzazione parete pesante -solaio, mediante speciale fascia tagliamuro Silenz Tagliamuro Later. NODO MASSETTO -

Dettagli

L ACUSTICA. Criteri di Progettazione, Materiali Fonoisolanti e Certificazione Acustica degli Edifici. Ing. Paolo Marinoni.

L ACUSTICA. Criteri di Progettazione, Materiali Fonoisolanti e Certificazione Acustica degli Edifici. Ing. Paolo Marinoni. L ACUSTICA Criteri di Progettazione, Materiali Fonoisolanti e Certificazione Acustica degli Edifici Ing. Paolo Marinoni Celenit SpA Soluzioni ecobiocompatibili per l isolamento acustico UN PRODOTTO SOSTENIBILE

Dettagli

Categoria A. Categoria B. Categoria C. Categoria D. Categoria E. Categoria F. Categoria G. Categorie di cui alla Tabella A. R w D 2m,n,T,w L n,w

Categoria A. Categoria B. Categoria C. Categoria D. Categoria E. Categoria F. Categoria G. Categorie di cui alla Tabella A. R w D 2m,n,T,w L n,w Pavigran Il tappeto ecologico in gomma per anticalpestio Pavigran è una gamma di tappeti isolanti in gomma per lo smorzamento delle vibrazioni, da installare sotto il pavimento per risolvere i problemi

Dettagli

Soluzioni costruttive e problemi per l isolamento acustico delle facciate

Soluzioni costruttive e problemi per l isolamento acustico delle facciate Soluzioni costruttive e problemi per l isolamento acustico delle facciate Simone Secchi Dipartimento Tecnologie dell Architettura e Design Pierluigi Spadolini simone.secchi@unifi.it http://web.taed.unifi.it/fisica_tecnica/secchi/secchi.htm

Dettagli

Linee Guida per la redazione del Progetto Acustico

Linee Guida per la redazione del Progetto Acustico Linee Guida per la redazione del Progetto Acustico Arpa Umbria Agosto 2009 Indice Linea Guida per la redazione del Progetto Acustico.3 Contenuti del Progetto Acustico. 7 Esempio di calcolo..8 Calcolo dell

Dettagli

CAPPOTTO ESTERNO E ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA. PARETI DI TAMPONAMENTO IN ZONE SISMICHE. 1. INTRODUZIONE. Tecnologia delle costruzioni

CAPPOTTO ESTERNO E ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA. PARETI DI TAMPONAMENTO IN ZONE SISMICHE. 1. INTRODUZIONE. Tecnologia delle costruzioni CAPPOTTO ESTERNO E ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA. PARETI DI TAMPONAMENTO IN ZONE SISMICHE. Isolamento acustico di facciata su pareti con isolamento a cappotto in polistirene espanso. ANALISI DEL COMPORTAMENTO

Dettagli

S. Secchi, Università degli Studi di Firenze, Dip. di Tecnologie dell Architettura e Design (TAeD)

S. Secchi, Università degli Studi di Firenze, Dip. di Tecnologie dell Architettura e Design (TAeD) Isolamento acustico di facciata: effetto delle connessioni rigide nelle pareti doppie S. Secchi, Università degli Studi di Firenze, Dip. di Tecnologie dell Architettura e Design (TAeD) Nella realizzazione

Dettagli

Tabella B requisiti acustici passivi degli edifici, dei loro componenti e degli impianti tecnologici

Tabella B requisiti acustici passivi degli edifici, dei loro componenti e degli impianti tecnologici 1. Classificazione degli ambienti e requisiti da rispettare Nel D.P.C.M. 5.12.97 sono indicate, nella tabella A, le classificazioni degli ambienti abitativi e, nella tabella B, i requisiti acustici passivi

Dettagli

2) Parametri R w D 2m,nT,w L n,w 1) D 55 45 58 2) A, C 50 40 63 3) E 50 48 58 4) B, F, G 50 42 55

2) Parametri R w D 2m,nT,w L n,w 1) D 55 45 58 2) A, C 50 40 63 3) E 50 48 58 4) B, F, G 50 42 55 Valente Sonia Matricola 139047 Lezione del 16/01/003 10:30-1:30 ntroduciamo l argomento dell ACUSTCA EDLZA riprendendo il discorso della lezione precedente riguardante l acustica architettonica che ha

Dettagli

di Paolo Benzoni, Alessandro Sartori & C.

di Paolo Benzoni, Alessandro Sartori & C. del biessestudio s.a.s. COMUNE DI MONTE MARENZO Piazza Municipale, 5 VALUTAZIONE TEORICA DELLE PRESTAZIONI ACUSTICHE DI ELEMENTI COSTRUTTIVI D.P.C.M. 5 dicembre 1997 Adeguamento delle facciate esistenti

Dettagli

INTERVENTI DI RIPRISTINO NEL CASO DI DIFETTI DI POSA IN OPERA

INTERVENTI DI RIPRISTINO NEL CASO DI DIFETTI DI POSA IN OPERA INTERVENTI DI RIPRISTINO NEL CASO DI DIFETTI DI POSA IN OPERA Pelucchi Francesco Antonio (1) 1) Studio Pelucchi, Perugia 1. Introduzione In questo lavoro si riportano i risultati di 3 indagini sperimentali

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Disposizioni in materia di classificazione dei requisiti acustici degli edifici in attuazione della delega al Governo per il riordino della disciplina in materia di inquinamento acustico di cui all articolo

Dettagli

Soluzioni di involucro e dettagli costruttivi per isolare dai rumori aerei

Soluzioni di involucro e dettagli costruttivi per isolare dai rumori aerei Soluzioni di involucro e dettagli costruttivi per isolare dai rumori aerei Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale Università degli Studi di Brescia Ing. Edoardo Piana Contenuti minimi del progetto

Dettagli

Comportamento acustico dell involucro

Comportamento acustico dell involucro PROGETTAZIONE DI EDIFICI CON STRUTTURE PORTANTI IN LEGNO Comportamento acustico dell involucro Rovereto, 12 Novembre 2010 Ing. Gaia Pasetto La trasmissione del suono negli edifici Trasmissione per via

Dettagli

ACUSTICA EDILIZIA. Obiettivo dell acustica edilizia è la difesa dai rumori sia esterni che interni mediante:

ACUSTICA EDILIZIA. Obiettivo dell acustica edilizia è la difesa dai rumori sia esterni che interni mediante: ACUSTICA EDILIZIA Obiettivo dell acustica edilizia è la difesa dai rumori sia esterni che interni mediante: a) definizione dei limiti di benessere; b) individuazione e caratterizzazione delle fonti di

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA. MISURAZIONE IN OPERA DELL ISOLAMENTO DAL RUMORE DI CALPESTIO DI SOLAI secondo la norma tecnica UNI EN ISO 140-7 (2000) Perugia

RAPPORTO DI PROVA. MISURAZIONE IN OPERA DELL ISOLAMENTO DAL RUMORE DI CALPESTIO DI SOLAI secondo la norma tecnica UNI EN ISO 140-7 (2000) Perugia RAPPORTO DI PROVA MISURAZIONE IN OPERA DELL ISOLAMENTO DAL RUMORE DI CALPESTIO DI SOLAI secondo la norma tecnica UNI EN ISO 140-7 (2000) Data di Emissione: 13 febbraio 2007 Luogo di Emissione: Committente:

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano

INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano SCHEDA 8 INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano 1. L inquinamento acustico Tra i problemi che riguardano la salubrità degli spazi confinati e

Dettagli

"I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi

I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi "I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi 1 2 Indice Indice... 1 I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI... 4 INTRODUZIONE... 4 PROGETTO ACUSTICO DEGLI EDIFICI IN FUNZIONE DEL CONTROLLO

Dettagli

Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio.

Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio. Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio. Dott. Andrea Bruschi, Dott. Andrea Celentano 1. INTRODUZIONE Il quadro normativo per la caratterizzazione

Dettagli

CAMEO NEW OFFICE BUILDING

CAMEO NEW OFFICE BUILDING Sede legale: via Lanfranco della Pila, 5 20162, Milano P. IVA 06774410960 e-mail: info@enc-srl.it VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI CAMEO NEW OFFICE BUILDING COMUNE DI DESENZANO Relazione tecnica

Dettagli

Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici

Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici L isolamento acustico: Come rispettare i parametri previsti dalle normative vigenti Possibili soluzioni e modalità per una corretta posa in opera Ing. S. Mammi Presidente ANIT 1 IL DPCM 5-12-1997 Determinazione

Dettagli

Soluzioni di parete e di solaio: soluzioni e dettagli per l isolamento ai rumori aerei e al calpestio

Soluzioni di parete e di solaio: soluzioni e dettagli per l isolamento ai rumori aerei e al calpestio Soluzioni di parete e di solaio: soluzioni e dettagli per l isolamento ai rumori aerei e al calpestio Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale Università degli Studi di Brescia Ing. Edoardo Piana

Dettagli

SCHEDA 3 ISOLAMENTO ACUSTICO: ASPETTI FISICI

SCHEDA 3 ISOLAMENTO ACUSTICO: ASPETTI FISICI SCHED 3 ISOLMENTO CUSTICO: SPETTI FISICI Se si pone una sorgente sonora in un locale (emittente) separato da un altro (ricevente) mediante una parete divisoria, una parte dell energia sonora emessa dalla

Dettagli

PRESTAZIONI ACUSTICHE DI FALDE TETTO IN LEGNO: VALUTAZIONI IN LABORATORIO E IN OPERA

PRESTAZIONI ACUSTICHE DI FALDE TETTO IN LEGNO: VALUTAZIONI IN LABORATORIO E IN OPERA Associazione Italiana di Acustica Convegno Nazionale Milano, 11-13 giugno 08 PRESTAZIONI ACUSTICHE DI FALDE TETTO IN LEGNO: VALUTAZIONI IN LABORATORIO E IN OPERA L. Parati (1), A. Carrettini (1), C. Scrosati

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Pagina 2 di 6. I metodi di misura e di calcolo, nonché i valori di riferimento dei vari indici di valutazione, sono descritti nelle seguenti norme:

Pagina 2 di 6. I metodi di misura e di calcolo, nonché i valori di riferimento dei vari indici di valutazione, sono descritti nelle seguenti norme: Pagina 2 di 6 1) isolamento dal rumore aereo delle facciate (n. 5 verifiche); 2) isolamento dal rumore aereo dei divisori verticali tra distinte unità immobiliari (n. 2 verifiche); 3) isolamento dal rumore

Dettagli

Polistirene espanso macinato a granulometria variabile. Polistirene espanso macinato a granulometria variabile,

Polistirene espanso macinato a granulometria variabile. Polistirene espanso macinato a granulometria variabile, Massetti leggeri Perliking : Polistirene macinato e perla vergine per massetti in CLS leggero Tipo PKM Polistirene espanso macinato a granulometria variabile PKM/ADD Polistirene espanso macinato a granulometria

Dettagli

D.P.C.M 5.12.97 Requisiti acustici passivi degli edifici IMPIANTI TECNOLOGICI

D.P.C.M 5.12.97 Requisiti acustici passivi degli edifici IMPIANTI TECNOLOGICI D.P.C.M 5.12.97 Requisiti acustici passivi degli edifici IMPIANTI TECNOLOGICI 1 Livello max di rumore imp. a funzionamento discontinuo L ASmax 35 35 35 35 L ASmax Gli impianti a funzionamento DISCONTINUO

Dettagli

IL SUONO. Grandezze Fisiche. Y = Spostamento della particella. t = Tempo

IL SUONO. Grandezze Fisiche. Y = Spostamento della particella. t = Tempo IL SUONO Caratteristiche Generali Il suono é un onda elastica (ha bisogno di un mezzo per propagarsi),longitudinale (la perturbazione avviene parallelamente alla direzione di propagazione); per la sua

Dettagli

experience and passion

experience and passion experience and passion Isolanti in polietilene espanso reticolato Finalmente la nuova gamma di isolanti termoacustici Monferlene messa a punto dalla Ebrille nella sua divisione espansi. Monferlene ricorda

Dettagli

GAMMA PRODOTTI ISOLAMENTO ACUSTICO. chimica e innovazione industriale

GAMMA PRODOTTI ISOLAMENTO ACUSTICO. chimica e innovazione industriale GAMMA PRODOTTI ISOLAMENTO ACUSTICO chimica e innovazione industriale il silenzio è musica stoppa il rumore A vostra disposizione nei cantieri personale qualifi cato per posa e collaudi in opera. www.proxital.it

Dettagli

SISTEMI COSTRUTTIVI CON ELEMENTI A FORI ORIZZONTALI

SISTEMI COSTRUTTIVI CON ELEMENTI A FORI ORIZZONTALI SISTEMI COSTRUTTIVI CON ELEMENTI A FORI ORIZZONTALI www.latercom.net GAMMA DISPONIBILE Per la loro natura estremamente versatile, gli elementi a fori orizzontali possono essere impiegati per la realizzazione

Dettagli

Il sottoscritto. in qualità di: legale rapp.te titolare altro (specif.) sede legale DICHIARA

Il sottoscritto. in qualità di: legale rapp.te titolare altro (specif.) sede legale DICHIARA 1 Richiesta di permesso di costruire o D.I.A. (escluse pratiche da presentare a S.U.A.P.) Richiesta di licenza o autorizzazione all esercizio di attività produttive (escluse pratiche da presentare a S.U.A.P.)

Dettagli

+ Qualità + Risparmio + Risultati + Ecologia

+ Qualità + Risparmio + Risultati + Ecologia + Qualità + Risparmio + Risultati + Ecologia L isolamento acustico per l edilizia. + Qualità Tecnologie avanzate hanno permesso la realizzazione di una linea unica ed efficace tramite lo studio dei materiali

Dettagli

!"#$%%&''&&( # )$%&%') #*+ RAPPORTO DI PROVA

!#$%%&''&&( # )$%&%') #*+ RAPPORTO DI PROVA RAPPORTO DI PROVA MISURAZIONE IN OPERA DELL ISOLAMENTO DAL RUMORE DI CALPESTIO DI SOLAI secondo la norma tecnica UNI EN ISO 140-7 (2000) Data di Emissione: 13 ottobre 2006 Luogo di Emissione: Committente:

Dettagli

Principali parti di un fabbricato

Principali parti di un fabbricato Principali parti di un fabbricato Un fabbricato industriale risulta essenzialmente costituito dalle seguenti parti: Fondazioni (del fabbricato e dei macchinari) Struttura portante; Copertura e pareti (complete

Dettagli

PROTEZIONE DAI RUMORI TRASMESSI PER VIA AEREA SOLUZIONE UNIVERSALE PER PARETI, SOLAI, SOFFITTI E COPERTURE

PROTEZIONE DAI RUMORI TRASMESSI PER VIA AEREA SOLUZIONE UNIVERSALE PER PARETI, SOLAI, SOFFITTI E COPERTURE PROTEZIONE DAI RUMORI TRASMESSI PER VIA AEREA ISOLAMENTO ACUSTICO DAI RUMORI DA CALPESTIO PROTEZIONE DALLE RADIAZIONI SOLUZIONE UNIVERSALE PER PARETI, SOLAI, SOFFITTI E COPERTURE SICUREZZA AL 100% NON

Dettagli

VERIFICA REQUISITI ACUSTICI PASSIVI AI SENSI D.P.C.M. 5/12/1997 RESIDENZA VERDE VIA A.TISI,8 44011 ARGENTA (FE)

VERIFICA REQUISITI ACUSTICI PASSIVI AI SENSI D.P.C.M. 5/12/1997 RESIDENZA VERDE VIA A.TISI,8 44011 ARGENTA (FE) VERIFICA REQUISITI ACUSTICI PASSIVI AI SENSI D.P.C.M. 5/12/1997 RESIDENZA VERDE VIA A.TISI,8 44011 ARGENTA (FE) Cliente: Immobiliare Primavera soc.coop Via A.Tisi, 8 Argenta (FE) Gennaio 2010 INDICE 1.

Dettagli

Isolamento acustico: valutazione del potere fonoisolante per strutture complesse

Isolamento acustico: valutazione del potere fonoisolante per strutture complesse Isolamento acustico: valutazione del potere fonoisolante per strutture complesse Dott. Edoardo Piana, Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale Università degli Studi di Brescia, via Branze 38,

Dettagli

Guida pratica per l isolamento acustico dei fabbricati

Guida pratica per l isolamento acustico dei fabbricati Guida pratica per l isolamento acustico dei fabbricati ISOLAMENTO ACUSTICO DELLE PARETI Parete doppia con laterizi tipo alveolati s m fo = 160 Lw = 30 Log ( fof ) +3 Ln,w = Ln,w eq Lw + K STIMA TEORICA

Dettagli

ASSIMPREDIL ANCE CONVEGNO REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI MONZA. Martedì 14 OTTOBRE 2008. L uso di materiali per raggiungere i risultati

ASSIMPREDIL ANCE CONVEGNO REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI MONZA. Martedì 14 OTTOBRE 2008. L uso di materiali per raggiungere i risultati ASSIMPREDIL ANCE CONVEGNO REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI MONZA Martedì 14 OTTOBRE 2008 L uso di materiali per raggiungere i risultati Modernità e tradizione, esempi di stratigrafie differenti Relatore

Dettagli

EchoSTOP. Tublex. Gruppo. Isolanti acustici fonoimpedenti. L isolante acustico e termico per impianti idrosanitari

EchoSTOP. Tublex. Gruppo. Isolanti acustici fonoimpedenti. L isolante acustico e termico per impianti idrosanitari EchoSTOP Isolanti acustici fonoimpedenti Tublex L isolante acustico e termico per impianti idrosanitari Gruppo EchoSTOP Isolanti acustici fonoimpedenti La gamma EchoSTOP racchiude una serie di prodotti,

Dettagli

Verifica di isolamento acustico in opera Murature realizzate con blocco aqtb 25 acustico

Verifica di isolamento acustico in opera Murature realizzate con blocco aqtb 25 acustico Verifica di isolamento acustico in opera Murature realizzate con blocco aqtb 25 acustico Sistema AQTB Caratteristiche tecniche AQTB 25 Acustico Dimensioni nominali Peso medio del blocco Peso medio della

Dettagli

Progettare Edifici Acusticamente Confortevoli

Progettare Edifici Acusticamente Confortevoli Edilizia 2007 Progettare Edifici Acusticamente Confortevoli A cura di BibLus-net: Alfredo Mennonna Prima edizione - ottobre 2006 ACCA ACCA software S.p.A. Via Michelangelo Cianciulli 83048 MONTELLA (AV)

Dettagli