servizi del servizis dal

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "servizi del servizis dal"

Transcript

1 Comune di Udine / Dipartimento per le Politiche Sociali Educative e Culturali Comun di Udin / Dipartiment pes Politichis Sociâls, Educativis e Culturâls Carta dei servizi del Comune di Udine Cjarte dai servizis dal Comun di Udin

2 Questa guida è stata realizzata dal Dipartimento Politiche Sociali, Educative e Culturali del Comune di Udine con l intento di offrire al cittadino uno strumento utile e agevole di informazioni relative a tutti i servizi sociali, educativi e culturali da esso progettati e realizzati. È una panoramica di facile lettura perché il cittadino possa orientarsi tra le varie opportunità a lui rivolte e individuare la giusta direzione alle proprie esigenze. Naturalmente non è esaustiva perchè non vuole sostituirsi all indispensabile rapporto diretto tra i cittadini e l amministrazione comunale, anzi alimentarlo e migliorarlo attraverso la conoscenza e la corretta informazione. Dati gli obiettivi che stanno alla base di questo lavoro, abbiamo ritenuto doveroso redigere la pubblicazione in lingua italiana e friulana, per la maggiore diffusione possibile, ma soprattutto per la valorizzazione di un patrimonio che ci appartiene e ci identifica. Cheste vuide e je stade metude adun dal Dipartiment Politichis Sociâls, Educativis e Culturâls dal Comun di Udin cul proponiment di ufrîi al citadin un imprest util e pratic di informazion su ducj i servizis sociâi, educatîfs e culturâi che al progjete e al met in vore. E je une panoramiche di leture facile par che il citadin al puedi orientâsi tra lis svariadis oportunitâts che i si ufrissin e al puedi individuâ la direzion juste pes sôs esigjencis. Naturalmentri no je esaustive, parcè che no vûl sostituîsi al indispensabil rapuart diret tra i citadins e la aministrazion comunâl, anzit e vûl nudrîlu e miorâlu midiant de cognossince e de informazion corete. Stant i obietîfs che a son a la fonde di cheste vore, o vin ritignût che al fos just prontâ la publicazion tes lenghis taliane e furlane par che e ves la difusion plui grande pussibil, ma massime par valorizâ un patrimoni che nus aparten e nus identifiche. Assessore alle Politiche Sociali Daniele Cortolezzis L Assessôr aes Politichis Sociâls Daniele Cortolezzis 3

3 Comune di Udine Dipartimento Politiche Sociali, Educative e Culturali Assessore alle Politiche Sociali Daniele Cortolezzis Assessore alle Attività culturali Gianna Malisani Assessore all Istruzione, Sport e Gemellaggi Vincenzo Martines Direttore del Dipartimento Politiche Sociali, Educative e Culturali Chiara Gallo Dirigente del Servizio Servizi Educativi e Sportivi Filippo Toscano Dirigente del Museo di Storia Naturale Carlo Morandini Dirigente della Biblioteca Civica Romano Vecchiet Responsabile dell Ambito Socio Assistenziale 4.5 dell Udinese MariaTeresa Agosti Responsabile Unità Organizzativa Servizi Sociali Susanna Cardinali Responsabile Unità Organizzativa Galleria d Arte Moderna Isabella Reale Responsabile Unità Organizzativa Musei di Storia e Arte Maurizio Buora Responsabile Unità Organizzativa Attività Culturali Donatella Quendolo Comun di Udin Dipartiment Politichis Sociâls, Educativis e Culturâls Assessôr aes Politichis Sociâls Daniele Cortolezzis Assessore aes Ativitâts Culturâls Gianna Malisani Assessôr ae Istruzion, Sport e Zimulaments Vincenzo Martines Diretore dal Dipartiment Politichis Sociâls, Educativis e Culturâls Chiara Gallo Dirigjent dal Servizi Servizis Educatîfs e Sportîfs Filippo Toscano Dirigjent dal Museu di Storie Naturâl Carlo Morandini Dirigjent de Biblioteche Civiche Romano Vecchiet Responsabile dal Ambit Socio-Assistenziâl 4.5 dal Udinês MariaTeresa Agosti Responsabile Unitât Organizative Servizis Sociâi Susanna Cardinali Responsabile Unitât Organizative Galarie di Art Moderne Isabella Reale Responsabil Unitât Organizative Museus di Storie e Art Maurizio Buora Responsabile Unitât Organizative Ativitâts Culturâls Donatella Quendolo servizi sociali servizis sociâi la traduzione è stata effettuata a cura della Società Filologica Friulana Editing Savina Casamassima Grafica Illustrazioni Scuola di Grafica del Centro Solidarietà Giovani Onlus - Udine Illustrazioni Francesca Pacitto/Scuola di Grafica del Centro Solidarietà Giovani Onlus - Udine Stampa Graphic Linea La traduzion e je stade prontade par cure de Societât Filologjiche Furlane. Editing Savina Casamassima Grafiche Scuele de Grafiche de Centro Solidarietà Giovani Onlus, Udin Ilustrazions Francesca Pacitto/Scuele de Grafiche de Centro Solidarietà Giovani Onlus, Udin Stampe Graphic Linea

4 Servizi Sociali Udine, Via Beato Odorico da Pordenone 1 1. CONTRIBUTI 1.1 Contributi ad Associazioni, Enti, Istituzioni Si tratta di contributi economici erogati a sostegno delle attività svolte senza scopo di lucro da Associazioni, Enti, Istituzioni che operano in campo socio-sanitario. Associazioni, Enti, Istituzioni aventi sede, ovvero operanti, nell ambito del territorio comunale di Udine. Prestazioni Contributi economici (ordinari) per attività di carattere continuativo; contributi convenzionati, qualora venga stipulata apposita convenzione con un soggetto che persegua una finalità di particolare interesse socio-sanitario per il Comune; contributi straordinari (o ad hoc) per iniziative specifiche. Sede e orario al pubblico Settore Servizi Sociali U.O. Servizi Amministrativi 1 Via Beato Odorico da Pordenone 1 (2 piano) dal lunedì al venerdì dalle ore 8.45 alle ore 12.15; lunedì e giovedì anche dalle ore alle ore Modalità di accesso È necessario presentare istanza su carta semplice entro il 31 luglio per i contributi ad hoc o convenzionati, ed entro il 31 ottobre dell anno precedente a quello cui il programma si riferisce per i contributi continuativi. Gli uffici procedono alla valutazione delle istanze pervenute. In caso di accoglimento della richiesta, si provvede all erogazione di una prima quota in acconto e successivamente, dietro presentazione del bilancio consuntivo o, a seconda dei casi, del rendiconto delle spese sostenute, della restante quota a saldo. Documentazione Contestualmente alla domanda si dovranno presentare i seguenti documenti: copia dello statuto dell Associazione; (qualora non già in possesso degli uffici) relazione illustrativa dell attività complessiva svolta dall associazione o dell iniziativa specifica che s intende svolgere; bilancio di previsione per l anno d interesse (quello successivo alla domanda) ovvero preventivi di spesa delle iniziative da porre in essere. Per l erogazione della quota a saldo: bilancio consuntivo o rendiconto delle spese sostenute. Servizis Sociâi Udin, Vie Beât Durì di Pordenon 1 1. CONTRIBÛTS 1.1 Contribûts a Associazions, Ents, Istituzions A son contribûts economics dâts par sostignî lis ativitâts davueltis cence intenzion di lucrâ de bande di Associazions, Ents e Istituzions che a lavorin tal cjamp socio-sanitari. Associazions, Ents e Istituzions che a àn la sede o che a lavorin tal teritori dal Comun di Udin. Contribûts economics (ordenaris) par ativitâts continuativis; contribûts convenzionâts (se si stipule une convenzion di pueste cuntun sogjet che al à finalitâts di interès socio-sanitari particolâr pal Comun); contribûts straordenaris (o ad hoc) par iniziativis specifichis. Setôr Servizis Sociâi U.O. Servizis Aministratîfs 1 Vie Beât Durì di Pordenon 1 (2t plan) di Lunis a Vinars des 8.45 aes 12.15; Lunis e Joibe ancje des aes Cemût si fasie la domande? Si à di fâ domande in cjarte semplice dentri dai 31 di Lui pai contribûts ad hoc o convenzionâts, e dentri dai 31 di Otubar -dal an precedent a chel che si riferìs il programpai contribûts ordenaris. I Uficis a valutin lis domandis ricevudis. Se la domande e ven acetade, si eroghe une prime cuote come acont e plui tart, daûr de presentazion dal belanç consuntîf (o, secont i câs, dal rindicont des spesis fatis), si salde ce che al reste. Ce documents coventino? Dutune cu la domande si à di presentâ chescj documents: copie dal statût de Associazion (se i Uficis no lu àn za); relazion che e spieghe la ativitât complessive davuelte de associazion o che e spieghe la iniziative specifiche che si intint di meti in vore; belanç di prevision pal an che al interesse (l an dopo di chel che si fâs la domande) o dai preventîfs di spese des iniziativis di meti in vore. Pe erogazion de cuote che e salde il contribût: belanç consuntîf o rindicont des spesis fatis. 6 Carta dei Servizi del Comune di Udine

5 1.2 Contributo TARSU Consiste nell erogazione di contributi economici a favore di nuclei familiari disagiati finalizzati al pagamento totale o parziale della tariffa sulla raccolta dei rifiuti solidi urbani. Cittadini residenti in condizioni di disagio economico-sociale rientranti in fasce di reddito predeterminato. Prestazioni Contributo economico finalizzato al pagamento parziale o totale della tariffa per la raccolta dei rifiuti solidi urbani. Sede e orario al pubblico Uffici della Net S.p.a. Viale Duodo,3/e tel n verde Modalità di accesso Presentazione (anche a mezzo posta) della domanda di contributo presso gli uffici della Net con moduli e tempi che vengono diffusi annualmente a mezzo stampa. Documentazione Attestazione ISEE in corso di validità o autocertificazione resa ai sensi del D.P.R. 455/ Contributo per rimpatriati Interventi di assistenza economica per sopperire a gravi necessità dei corregionali all estero (e loro familiari e discendenti) rimpatriati o alla traslazione delle salme in Regione. Corregionali con permanenza all estero di almeno cinque anni (e loro familiari e discendenti) rientrati definitivamente nel territorio regionale da non più di due anni i quali, entro il primo anno dalla data del rimpatrio, siano privi di occupazione ovvero in attesa di trattamento pensionistico. Salme e ceneri di corregionali deceduti all estero che vengano traslate in Italia. Prestazioni Contributo mensile o una tantum commisurato in base all importo pensionistico minimo dei lavoratori dipendenti. Sede e orario al pubblico Settore Servizi Sociali U.O. Servizi Amministrativi 1 Via Beato Odorico da Pordenone 1 (2 piano) dal lunedì al venerdì dalle ore 8.45 alle ore 12.15; lunedì e giovedì anche dalle ore alle ore Contribût TARSU Si dan contribûts economics in favôr di fameis in situazions di disasi, cul fin di paiâ dal dut o in part la tasse pe racolte dai refudums solits urbans. Citadins residents che a son intune situazion di disasi economic/sociâl e che a colin dentri di determinadis fassis di redit. Contribût economic che al à il fin di paiâ dal dut o in part la tasse pe racolte dai refudums solits urbans. Uficis de Net S.p.A. Viâl Duodo, 3/e tel Numar vert Cemût si fasie la domande? Si à di mandâ la domande di contribût (ancje par pueste) ai Uficis de Net, doprant i modui di pueste e dentri dai timps che si fasin savê ogni an midiant de stampe. Ce documents coventino? - atestazion ISEE in cors di validitât o autocertificazion fate daûr dal D.P.R. 455/ Contribûts par rimpatriâts Intervents di assistence economiche par proviodi a lis dibisugnis grâfs dai coregjonâi che a vivevin tal forest e che a son tornâts in patrie (e dai lôr familiârs e dissendents) o ben par puartâ in Regjon i cuarps di chei che a son muarts tal forest. Coregjonâi che a àn vivût tal forest almancul cinc agns (e i lôr familiârs e dissendents), che a son tornâts in Regjon in vie definitive di no plui di doi agns e che -un an dopo tornâts in patrie- a son cence lavôr o in spiete de pension. A son ancje contribûts par puartâ in Italie i cuarps o la cinise dai coregjonâi che a son muarts tal forest. Contribût mensîl o una tantum, calcolât su la fonde de pension minime che al tire un lavoradôr dipendent. Setôr Servizis Sociâi U.O. Servizis Aministratîfs 1 Vie Beât Durì di Pordenon 1 (2t plan) di Lunis a Vinars des 8.45 aes 12.15; Lunis e Joibe ancje des aes Carta dei Servizi del Comune di Udine 9

6 Modalità di accesso Domanda da presentarsi su apposito modulo. Documentazione Autocertificazione attestante la propria situazione anagrafica; autocertificazione attestante i dati relativi all ascendente emigrato (per i nati all estero); dichiarazione sostitutiva di atto notorio attestante la situazione economica; copia di un documento di identità valido. Cemût si fasie la domande? Si à di fâ la domande suntun modul fat di pueste. Ce documents coventino? Autocertificazion de proprie situazion anagrafiche; autocertificazion sui dâts dal assendent emigrât (par chei che a son nassûts tal forest); declarazion sostitutive di at notori che e ateste la situazion economiche; copie di un document di identitât valit. 1.4 Assegni di maternità e per il nucleo familiare L assegno di maternità è un contributo economico per sostenere la madre che non benefici di trattamento previdenziale di indennità di maternità. L assegno per il nucleo familiare è un contributo economico che ha la funzione di sostenere i nuclei familiari con almeno tre figli minori a carico. Per l assegno di maternità: donne che non beneficino di trattamento previdenziale di indennità di maternità, cittadine italiane o extracomunitarie con carta di soggiorno, aventi un indicatore ISE complessivo del nucleo familiare inferiore o pari, per l anno 2005, ad ,45 L importo di riferisce a un nucleo di 3 persone. Per l assegno per il nucleo familiare: nuclei familiari italiani, con almeno tre figli minori, aventi un indicatore ISE, per l anno 2005, inferiore o uguale ad ,43 - L importo di riferisce a un nucleo di 5 persone. Prestazioni L importo dell assegno di maternità corrisponde a 1.419,60. L importo dell assegno per il nucleo familiare corrisponde a mensili. Sede e orario al pubblico Settore Servizi Sociali U.O. Servizi Amministrativi 1 Via Beato Odorico da Pordenone 1 (2 piano) dal lunedì al venerdì dalle ore 8.45 alle ore 12.15; lunedì e giovedì anche dalle ore alle ore Modalità di accesso Presentare domanda sull apposito modulo predisposto dagli uffici comunali disponibile presso l atrio al piano terra di via Beato Odorico da Pordenone, 1 o sul sito internet del Comune. Costi Nessun costo per l utente. Documentazione Certificazione ISEE, carta di soggiorno (solo per extra-comunitari) copia di un documento di identità. 10 Carta dei Servizi del Comune di Udine 1.4 Assegns di maternitât e assegns pe famee L impuart dal assegn di maternitât al è di 1.419,60. L impuart dal assegn pe famee al è di al mês. L assegn di maternitât al è un contribût economic che si da par sostignî lis maris che no tirin il tratament previdenziâl di indenitât di maternitât. L assegn pe famee al è un contribût economic che al à la funzion di sostignî lis fameis che a àn almancul trê fîs minôrs a caric. Pal assegn di maternitât: feminis che no tirin il tratament previdenziâl di indenitât di maternitât, che a son citadinis talianis o extracomunitariis cun cjarte di permanence e che pal 2005 a àn un indicadôr ISE complessîf de famee di no plui di ,45 (chest impuart si riferìs a une famee di 3 personis). Pal assegn pe famee: fameis talianis cun almancul trê fîs minôrs, che pal 2005 a àn un indicadôr ISE di no plui di ,43 (chest impuart si riferìs a une famee di 5 personis). Setôr Servizis Sociâi U.O. Servizis Aministratîfs 1 Vie Beât Durì di Pordenon 1 (2t plan) di Lunis a Vinars des 8.45 aes 12.15; Lunis e Joibe ancje des aes Cemût si fasie la domande? Si à di presentâ la domande suntun modul di pueste prontât dai uficis comunâi. Si pues cjatâ il modul li de jentrade dai uficis in Vie Beât Durì di Pordenon 1, o pûr si lu pues tirâ jù dal sît internet dal Comun. Trop costial? Al utent no i coste nuie. Ce documents coventino? Certificazion ISEE, cjarte di permanence (dome par citadins extracomunitaris), copie di un document di identitât. 11

7 1.5 Assegni di maternità regionali Gli assegni di maternità regionali intendono incentivare le nascite e sostenere la famiglia nei primi mesi di vita del bambino, mediante l erogazione di un contributo economico. Per primo figlio: genitori cittadini italiani o comunitari o extra-comunitari con carta di soggiorno, residenti da almeno un anno in Regione, in possesso di un indicatore ISEE non superiore ad ,00. Per figli successivi al primo e gemelli: genitori cittadini italiani o comunitari o extra-comunitari in possesso di carta di soggiorno residenti da almeno un anno in Regione, in possesso di un indicatore ISEE non superiore a ,00. Prestazioni Primo figlio: 1.550,00; Secondo figlio: 3.100,00; Gemelli: 4.650,00 per ogni nato. Le adozioni sono equiparate alle nascite. Sede e orario al pubblico Settore Servizi Sociali U.O. Servizi Amministrativi 1 Via Beato Odorico da Pordenone 1 (2 piano) dal lunedì al venerdì dalle ore 8.45 alle ore 12.15; lunedì e giovedì anche dalle ore alle ore Modalità di accesso Presentare domanda, presso l Ufficio Protocollo, sull apposito modulo predisposto dagli uffici comunali, disponibile presso l atrio al piano terra di Via Beato Odorico da Pordenone, 1 o sul sito internet del Comune. Costi Nessun costo per l utente. Documentazione Certificazione ISEE, copia della carta di soggiorno (solo per extra-comunitari) e copia di un documento di identità. 1.5 Assegns regjonâi di maternitât I assegns regjonâi di maternitât a vuelin incentivâ lis nassitis e sostignî la famee tai prins mês di vite dal frut midiant di un contribût economic. Pal prin fi: gjenitôrs citadins talians o comunitaris o extracomunitaris con cjarte di permanence, residents in Regjon di almancul un an, cuntun indicadôr ISEE no superiôr a ,00. Pai fîs dopo dal prin e pai zimui: gjenitôrs citadins talians o comunitaris o extracomunitaris con cjarte di permanence, residents in Regjon di almancul un an, cuntun indicadôr ISEE no superiôr a ,00 Prin fi: 1.550,00; Secont fi: 3.100,00; Zimui: 4.650,00 par ogni zimul. Lis adozions a son ecuiparadis a lis nassitis. Setôr Servizis Sociâi U.O. Servizis Aministratîfs 1 Vie Beât Durì di Pordenon 1 (2t plan) di Lunis a Vinars des 8.45 aes 12.15; Lunis e Joibe ancje des aes Cemût si fasie la domande? Si à di presentâ la domande li dal Ufici Protocol, suntun modul di pueste prontât dai uficis comunâi. Si pues cjatâ il modul li de jentrade dai uficis in Vie Beât Durì di Pordenon 1, o pûr si lu pues tirâ jù dal sît internet dal Comun. Trop costial? Al utent no i coste nuie. Ce documents coventino? Certificazion ISEE, cjarte di permanence (dome par citadins extracomunitaris), copie di un document di identitât. 1.6 Assistenza economica Assistenza economica continuativa: si tratta di contributi economici attribuiti per lunghi periodi di tempo, corrisposti a persone che, per età o per inabilità permanente dovuta a disabilità o per malattie gravi, sono sprovviste in modo permanente di reddito sufficiente a soddisfare i bisogni fondamentali di vita. Assistenza economica temporanea: si tratta di contributi economici erogati in relazione alla situazione di insufficienza di reddito transitoria. Assistenza economica straordinaria: si tratta di contributi economici erogati in condizioni particolari e momentanee di difficoltà economica. Persone o nuclei familiari temporaneamente sprovvisti di reddito o con reddito insufficiente a far fronte a bisogni vitali. 12 Carta dei Servizi del Comune di Udine 1.6 Assistence economiche Assistence economiche continuative: a son contribûts economics dâts par periodis di timp luncs a personis che, par vie de etât o par colpe di une inabilitât permanente provocade di une disabilitât o par colpe di malatiis gravis, ur mancje in maniere permanente un redit suficient par sodisfâ lis dibisugnis fondamentâls de vite. Assistence economiche temporanie: a son contribûts economics dâts a personis che a son intune situazion transitorie di insuficience di redit. Assistence economiche straordenarie: a son contribûts economics dâts in situazions particolârs e momentaniis di dificoltât economiche. Personis o fameis che a son temporaniementri cence redit o che a àn un redit insuficient par vivi. 13

8 Prestazioni Contributi in denaro o in buoni servizio (voucher sociali); pagamento utenze diverse. Sede e orario al pubblico Servizio Sociale presso la Circoscrizione di appartenenza lunedì e venerdì dalle ore 8.45 alle ore Modalità di accesso Richiesta dell utente, valutazione e proposta dell Assistente Sociale che prende in carico il caso, valutazione del Settore Servizi Sociali. Documentazione Situazione reddituale dell interessato e del nucleo; situazione sanitaria dell interessato; documentazione inerente la tipologia di contributo (bollette, scontrini, ricevute diverse). 1.7 Contributi per affitti (L. 431/98) Il fondo nazionale istituito presso il Ministero dei Lavori Pubblici ha la finalità di fornire, mediante l erogazione di contributi, un supporto economico alle famiglie che si trovano nell impossibilità di sostenere l onere del pagamento del canone di locazione (al netto degli oneri accessori) di alloggio di proprietà sia pubblica che privata. Residenti, alla data di pubblicazione del Bando, sul territorio comunale, non proprietari di alloggio adeguato, titolari di un contratto di locazione per abitazione principale, non avente natura transitoria, che già non beneficino di canoni sociali. Prestazioni Contributo commisurato in base all incidenza del canone di locazione sul reddito ISEE. Sede e orario al pubblico Per la modulistica e informazioni presso il Settore dei Servizi Sociali (Via Beato Odorico da Pordenone, 1) e le sedi circoscrizionali. Per la presentazione delle domande presso gli uffici convenzionati (es. ATER via Sacile, 15), nei giorni e negli orari stabiliti dal Bando Pubblico annuale. Modalità di accesso Domanda, in forma di autocertificazione, da presentarsi nei termini previsti dal Bando Pubblico annuale presso gli Uffici convenzionati da parte del titolare del contratto di locazione (regolarmente registrato). Documentazione Da accludere facoltativamente alla domanda: copia delle ricevute di pagamento (anche bancarie) della locazione per l anno precedente; copia del contratto di locazione, regolarmente registrato entro il 31 dicembre dell anno precedente a quello della domanda di contributo; copia del certificato rilasciato dalla competente Azienda per i Servizi Sanitari attestante il riconoscimento dell handicap o dell invalidità nel caso di presenza nel nucleo familiare di portatori di handicap o invalidi in misura superiore ai due terzi; certificazione del reddito ISEE in corso di validità. 14 Carta dei Servizi del Comune di Udine Contribûts sot forme di bêçs o di cedulis par servizis (vouchers sociâi); paiament des boletis di svariadis utencis. Servizi Sociâl li de Circoscrizion di apartignince, Lunis e Vinars des 8.45 aes Cemût si fasie la domande? L utent al à di presentâ la domande, l Assistent Sociâl che al cjape in caric il câs al fâs une valutazion e une propueste, il Setôr Servizis Sociâi al fâs la valutazion. Ce documents coventino? Situazion redituâl de persone interessade e de famee; situazion sanitarie de persone interessade; documentazion che e rivuarde il tip di contribût che si domande (boletis, scontrins, ricevudis). 1.7 Contribûts par paiâ il fit (L. 431/98) Il fonts nazionâl istituît dal Ministeri dai Lavôrs Publics al à il fin di dâ contribûts par supuartâ economichementri lis fameis che no rivin a paiâ il cjanul di locazion (cence lis cjamis acessoriis) par un lozament di proprietât publiche o privade. Personis che, la dì che al ven publicât il Bant, a son residentis sul teritori comunâl, no son proprietariis di un lozament adat, a son titolârs di un contrat di locazion par abitazion principâl di nature no-transitorie e che no ricevin altris cjanui sociâi. Contribût calcolât su la fonde de incidence dal cjanul di locazion sul redit ISEE. Par vê informazions e par vê i modui, domandâ al Setôr dai Servizis Sociâi (Vie Beât Durì di Pordenon, 1) e li des sedis circoscrizionâls. Lis domandis si pues presentâlis li dai uficis convenzionâts (par esempli: ATER Vie Sacîl, 15), tai dîs e tai oraris stabilîts ogni an dal Bant Public. Cemût si fasie la domande? Il titolâr dal contrat di locazion (regjistrât regolarmentri), dentri dai tiermins previodûts ogni an dal Bant Public, al à di presentâ la domande, in forme di autocertificazion, li dai Uficis convenzionâts. Ce documents coventino? Si pues zontâ a la domande chescj documents facoltatîfs: copie des ricevudis di paiament (ancje fat in bancje) de locazion pal an precedent; copie dal contrat di locazion, regjistrât regolarmentri prin dai 31 di Dicembar dal an precedent a chel che si fâs la domande di contribût; se te famee a son personis cun handicaps o invalidis par plui di 2/3, copie dal certificât dât fûr de Aziende pai Servizis Sanitaris competente, che al ateste il ricognossiment dal handicap o de invaliditât; certificazion dal redit ISEE in cors di validitât. 15

9 2. SETTORE ALLOGGIATIVO 2.1 Assistenza abitativa e pronta accoglienza Consiste a seconda delle esigenze: in un servizio di pronta accoglienza che offre, in casi eccezionali e per un breve periodo di tempo, una sistemazione alloggiativa in abitazioni del Comune o in altre strutture convenzionate; in un servizio di assistenza abitativa che assegna, periodicamente e secondo le disponibilità, in uso alloggi destinati a finalità assistenziali per periodi di tempo limitati. Il servizio di pronta accoglienza si rivolge a persone in situazioni gravi e urgenti che non abbiano soluzioni alternative; l assistenza abitativa si rivolge a persone o nuclei familiari in difficoltà economica, con gravi problemi, senza una casa o con decreto di sfratto esecutivo. Prestazioni Il servizio di pronta accoglienza offre soluzioni alloggiative urgenti, per periodi di tempo limitatissimi; Il servizio di assistenza abitativa offre un alloggio per periodi di media durata, in attesa che al nucleo venga assegnato un alloggio ATER ovvero che reperisca altra sistemazione sul libero mercato. Sede e orario al pubblico Servizio Sociale presso la Circoscrizione di appartenenza lunedì e venerdì dalle ore 8.45 alle ore Modalità di accesso Per entrambi i servizi bisogna rivolgersi all Assistente Sociale della propria Circoscrizione di appartenenza. Costi Per la pronta accoglienza è richiesta una compartecipazione in misura proporzionata al reddito. Per il servizio di assistenza abitativa è richiesto il versamento di un canone di utilizzo, in misura proporzionata al reddito del nucleo. Documentazione Certificazione della situazione reddituale (ISEE); certificazioni sanitarie e di servizi specialistici; provvedimento di sfratto; dichiarazioni sostitutive per gli stati non documentabili. 2. SETÔR DAI LOZAMENTS 2.1 Assistence abitative e pront acet Secont lis esigjencis, al consist: intun servizi di pront acet che al ufrìs, in câs ecezionâi e par un periodi di timp curt, un lozament in abitazions dal Comun o in altris struturis convenzionadis; intun servizi di assistence abitative che al da in ûs par periodis di timp limitâts, periodichementri e daûr de disponibilitât, lozaments destinâts a finalitâts assistenziâls. Il servizi di pront acet al è destinât a personis che si cjatin in situazions gravis e urgjentis e che no àn soluzions alternativis; la assistence abitative e je destinade a personis o fameis in dificoltât economiche, cun problemis grâfs, cence cjase o cuntun decret di sfrat esecutîf. Il servizi di pront acet al ufrìs soluzions di lozament urgjentis, par periodis di timp une vore curts; Il servizi di assistence abitative al ufrìs un sosten par periodis di timp di durade medie, intant che si spiete che a la famee i vegni assegnât un lozament ATER o che e cjati une altre sistemazion sul marcjât libar. Servizi Sociâl li de Circoscrizion di apartignince, Lunis e Vinars des 8.45 aes Cemût si fasie la domande? Par ducj i doi i servizis si à di domandâ al Assistent Sociâl de proprie Circoscrizion di apartignince. Trop costial? Pal pront acet si domande une compartecipazion in misure proporzionade al redit. Pal servizi di assistence abitative si à di paiâ un cjanul di ûs, in misure proporzionade al redit de famee. Ce documents coventino? Certificazion de situazion redituâl (ISEE); certificazions sanitariis e di servizis specialistics; proviodiment di sfrat; declarazions sostitutivis pai stâts no documentabii. 16 Carta dei Servizi del Comune di Udine 17

10 3. INTERVENTI A FAVORE DEGLI ANZIANI 3.1 Centro Diurno per Anziani autosufficienti (Salotto d Argento) Attività di animazione rivolta a persone anziane tesa, attraverso un loro coinvolgimento, a prevenire situazioni di emarginazione e solitudine. Persone anziane autosufficienti residenti nel Comune di Udine o nei Comuni dell Ambito socio assistenziale 4.5 dell Udinese. Prestazioni Attività di animazione quali: conferenze, corsi di attività fisica (nuoto, ginnastica,, ecc), corsi di lingue, corsi di manualità (pittura, maglia, cartoccio, mosaico, ecc.), giochi di società, lettura di giornali, ecc.. Apertura quotidiana dei locali ricreativi. Le attività sono concordate e verificate con associazioni di volontariato e con rappresentanze degli stessi anziani e vengono realizzate anche a livello territoriale in accordo con le circoscrizioni o altre realtà cittadine. Sede e orario al pubblico Il Centro Diurno per Anziani si trova in via Micesio 31 dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle e dalle alle tel Modalità di accesso Iscrizione annuale gratuita presso il Centro Diurno. Agli iscritti viene consegnata una tessera con la quale si può partecipare a tutte le attività che si svolgono presso il Centro. 3.2 Interventi a favore degli anziani non autosufficienti Tipologia e prestazioni Accoglienza in strutture residenziali: il Comune provvede a sostenere in tutto o in parte gli oneri per l accoglienza di anziani non autosufficienti ed inabili in strutture residenziali (case di riposo, residenze polifunzionali) qualora non possano provvedervi il ricoverato ovvero i parenti tenuti agli alimenti. Frequenza ai centri diurni: il Comune sostiene il 30% della retta di frequenza oltre ad un eventuale ulteriore integrazione riconosciuta in base alla situazione economica del nucleo familiare del richiedente. Anziani ultrasessantacinquenni ovvero inabili la cui non autosufficienza sia stata riconosciuta dalla competente Unità di Valutazione. Sede e orario Assistenti presso le rispettive circoscrizioni Settore Servizi Sociali U.O. Servizi Amministrativi 1 Via Beato Odorico da Pordenone 1 (2 piano) dal lunedì al venerdì dalle ore 8.45 alle ore 12.15; lunedì e giovedì anche dalle ore alle ore tel / / Carta dei Servizi del Comune di Udine 3. INTERVENTS IN FAVÔR DAI ANZIANS 3.1 Centri di Dì par Anzians autosuficients (Tinel di Arint) E je une ativitât di animazion che e je indreçade a personis anzianis e che e smire a prevignî situazions di emargjinazion e solitudin. Personis anzianis autosuficientis, residentis tal Comun di Udin o tai Comuns dal Ambit Socio-assistenziâl nr. 4.5 dal Udinês. Ativitâts di animazion come: conferencis, cors di ativitât fisiche (nadâ, gjinastiche e v.i.), cors di lenghis, cors di manualitât (piture, gugje, scartoç, mosaic e v.i.), zûcs di societât, leture di gjornâi e v.i.. Locâi ricreatîfs vierts ogni dì. Lis ativitâts a son concuardadis e controladis cun associazions di volontariât e cun rapresentants dai anzians stes e a vegnin metudis in vore ancje a nivel teritoriâl, in cunvigne cu lis circoscrizions o cun altris realtâts de citât. Il Centri di Dì par Anzians al è in Vie Micesio 31 di Lunis a Vinars des 8.30 aes e des aes tel Cemût si fasie la domande? La iscrizion par un an e je a gratis e si fâs li dal Centri di Dì. Ai iscrits ur ven dade une tessare che e permet di partecipâ a dutis lis ativitâts che si davuelzin li dal Centri. 3.2 Intervents in favôr dai anzians no-autosuficients Carateristichis e prestazions Lozament in struturis residenziâls: il Comun al sosten par intîr o in part lis spesis par lozâ personis anzianis no-autosuficientis e inabilis in struturis residenziâls (cjasis di ricovar, residencis polifunzionâls), tal câs che no puedin paiâlis la persone ricoverade o i parincj che a àn di paiâi i aliments. Frecuence ai centris di dì: il Comun al paie il 30% de rete di frecuence, oltri che une integrazion eventuâl calcolade su la fonde de situazion redituâl de famee di cui che al fâs domande. Anzians cun plui di sessantecinc agns o inabii che la lôr no-autosuficience e je stade ricognossude de Unitât di Valutazion competente. Sede e orari Assistents li di ogni circoscrizion Setôr Servizis Sociâi U.O. Servizis Aministratîfs 1 Vie Beât Durì di Pordenon 1 (2t plan) di Lunis a Vinars des 8.45 aes 12.15; Lunis e Joibe ancje des aes tel / /

11 Modalità di accesso Strutture residenziali: la domanda di ingresso viene presentata direttamente presso la struttura residenziale prescelta. L assistente sociale di riferimento provvede alla stesura della relazione sociale e a sottoporre il caso al vaglio dell Unità di Valutazione Distrettuale. L eventuale richiesta di integrazione della retta deve essere presentata agli uffici dell U.O. Residenzialità, Semi-residenzialità e accoglienze compilando l apposito modulo. Centri diurni: la domanda di accesso al Centro viene presentata all assistente sociale di riferimento la quale, stilata la relazione, sottopone il caso all UVD ed inoltra la domanda all Ufficio amministrativo per gli adempimenti contabili. Documentazione Strutture residenziali: alla domanda di integrazione della retta contenente le informazioni sulla situazione familiare ed economica del ricoverando vanno allegate le dichiarazioni ISEE dei familiari tenuti per legge agli alimenti. Centri diurni: Qualora via sia necessità di una integrazione della retta superiore al 30%, va presentata la dichiarazione ISEE del nucleo familiare del richiedente la prestazione. 3.3 Agevolazioni trasporto per anziani (SAF) Erogazione di agevolazioni sul costo di abbonamenti sulla rete urbana (SAF) riconosciuto a particolari categorie di cittadini, allo scopo di favorire la loro mobilità sul territorio comunale. Pensionati ultra sessantacinquenni. Prestazioni Abbonamento gratuito o scontato su una linea urbana a scelta. Sede e orario al pubblico Settore Servizi Sociali U.O. Servizi Amministrativi 1 Via Beato Odorico da Pordenone 1 (2 piano) dal lunedì al venerdì dalle ore 8.45 alle ore 12.15; lunedì e giovedì anche dalle ore alle ore tel Modalità di accesso È necessario presentare la domanda, redatta su apposito modulo, cui va allegata l attestazione ISEE in corso di validità. Cemût si fasie la domande? Struturis residenziâls: la domande di ingrès si à di fâle diretementri li de struture residenziâl sielzude. L assistent sociâl di riferiment al pronte la relazion sociâl e al sopon il câs a la Unitât di Valutazion Distretuâl. La eventuâl domande di integrazion de rete e à di jessi presentade ai uficis de U.O. Residenzialitât, Semi-residenzialitât e Acets, compilant il modul di pueste. Centris di Dì: la domande di acès al Centri e à di jessi presentade al assistent sociâl di riferiment che, dopo prontade la relazion, al sopon il câs a la Unitât di Valutazion Distretuâl e al mande la domande al Ufici aministratîf pai adempiments contabii. Ce documents coventino? Struturis residenziâls: a la domande di integrazion de rete (che e à di contignî lis informazions su la situazion familiâr e economiche de persone di ricoverâ) si à di zontâ lis declarazions ISEE dai familiârs che par leç a àn di paiâ i aliments. Centris di Dì: se e covente une integrazion de rete superiôr al 30%, si à di presentâ la declarazion ISEE de famee de persone che e domande la prestazion. 3.3 Agjevolazions pal traspuart par anzians (SAF) Erogazion di agjevolazions sul cost di abonaments pe rêt urbane (SAF) par categoriis particolârs di citadins, par favorî la lôr mobilitât sul teritori comunâl. Pensionâts cun plui di sessantecinc agns. Abonament a gratis o scontât par une linie urbane a sielte. Setôr Servizis Sociâi U.O. Servizis Aministratîfs 1 Vie Beât Durì di Pordenon 1 (2t plan) di Lunis a Vinars des 8.45 aes 12.15; Lunis e Joibe ancje des aes tel Cemût si fasie la domande? Si à di presentâ la domande suntun modul di pueste e si à di zontâ la atestazion ISEE in cors di validitât. 3.4 Buoni Taxi Il Comune di Udine concorre al costo del trasporto delle persone fisicamente impedite all utilizzo dei mezzi pubblici di trasporto, che necessitano di spostamenti nell ambito del territorio cittadino per esigenze sanitarie (visite mediche, cure, riabilitazione) scolastiche, formative, lavorative o di relazione. 20 Carta dei Servizi del Comune di Udine 3.4 Cedulis Taxi Il Comun di Udin al contribuìs a paiâ il cost dal traspuart des personis che a son intrigadis a doprâ i mieçs di traspuart publics, che a àn bisugne di spostâsi dentri dal teritori de citât par esigjencis sanitariis (visitis medichis, curis, riabilitazion) scolastichis, di formazion, di lavôr o di relazion. 21

12 Persone fisicamente impedite all utilizzo dei mezzi pubblici di trasporto in possesso di regolare certificazione che ne attesti il grado di invalidità. Prestazioni Il Comune eroga dei buoni corsa del valore predeterminato e differenziato a seconda del grado di invalidità. Sede e orario al pubblico Settore Servizi Sociali Via Beato Odorico da Pordenone, 1 (2 piano) Ogni giovedì non festivo dalle ore 8.45 alle tel Modalità di accesso È necessario presentare una domanda, redatta su apposito modulo predisposto dagli uffici cui vanno allegati: certificato di invalidità rilasciato dall Azienda per i Servizi sanitari competente per territorio; attestazione ISEE in corso di validità. 4. INTERVENTI A FAVORE DELL HANDICAP 4.1 Contributi economici a favore di portatori di handicap Erogazione di contributi economici finalizzati a favorire l integrazione sociale e la vita di relazione di portatori di handicap (attività sportive, attività ricreative e culturali, partecipazione a soggiorni climatici e/o altri interventi volti a favorirne la partecipazione), e a sostegno dei relativi nuclei familiari (pagamento rette per accoglienze temporanee di sollievo ). La contribuzione è calcolata in base alla situazione economica del nucleo familiare dell utente. Portatori di handicap fisici, psichici e sensoriali. Modalità di accesso La richiesta va presentata al Servizio Sociale della propria Circoscrizione di residenza. Prestazioni Contributi economici. Sede e orario al pubblico Servizio Sociale comunale presso la Circoscrizione di appartenenza. lunedì e venerdì dalle ore 8.45 alle Documentazione Domanda su apposito modulo, copia di un documento d identità; relazione sociale; attestazione ISEE del nucleo familiare di appartenenza; preventivo di spesa rilasciato dall Associazione organizzatrice dell attività. Personis che a son fisichementri intrigadis a doprâ i mieçs di traspuart publics e che a àn un certificât regolâr che al ateste il lôr grât di invaliditât. Il Comun al da cedulis par corsis che a àn un valôr prestabilît e diferent secont dal grât di invaliditât. Setôr Servizis Sociâi Vie Beât Durì di Pordenon 1 (2t plan) Ogni Joibe (fûr che se e je fieste) des 8.45 aes tel Cemût si fasie la domande? Si à di presentâ la domande suntun modul di pueste prontât dai uficis. Si à di zontâ a la domande: certificât di invaliditât dât fûr de Aziende pai Servizis Sanitaris competente pal teritori; atestazion ISEE in cors di validitât. 4. INTERVENTS IN FAVÔR DAI HANDICAPÂTS 4.1 Contribûts economics in favôr di personis cun handicaps Erogazion di contribûts economics che a àn il fin di favorî la integrazion sociâl e la vite di relazion di personis cun handicaps (come, par esempli, la lôr partecipazion a ativitâts sportivis, ativitâts ricreativis e culturâls, la partecipazion a vilegjaduris climatichis e/o altris intervents) e di sostignî lis lôr fameis (paiament des retis par sistemazions temporaniis di solêf ). Il contribût si lu calcole su la fonde de situazion economiche de famee dal utent. Personis cun handicaps fisics, psichics e sensoriâi. Cemût si fasie la domande? Si à di fâ la domande al Servizi Sociâl de proprie Circoscrizion di residence. Contribûts economics. Servizi Sociâl comunâl, li de Circoscrizion di apartignince. Lunis e Vinars des 8.45 aes Ce documents coventino? Si à di fâ la domande suntun modul di pueste; si à di zontâ une copie di un document di identitât, la relazion sociâl; la atestazion ISEE de famee di apartignince; il preventîf di spese fat de Associazion che e organize la ativitât. 22 Carta dei Servizi del Comune di Udine 23

13 4.2 Contributi economici a favore di mutilati e invalidi del lavoro Erogazione di contributi economici a favore di mutilati ed invalidi del lavoro in base al finanziamento regionale maggiorato di un massimo del 10% con fondi comunali. Mutilati ed invalidi del lavoro. Modalità di accesso La richiesta va presentata al Servizio Sociale, anche tramite le Associazioni di categoria. Prestazioni Contributi economici per le seguenti finalità: Assegno di collocamento a favore di mutilati ed invalidi del lavoro disoccupati con invalidità non inferiore al 34%; contributo straordinario (una tantum) a favore di mutilati e invalidi del lavoro che intraprendono un attività in proprio; contributi (una tantum) per spese scolastiche a favore di mutilati ed invalidi del lavoro (corso di laurea, medie superiori, medie inferiori); contributi una tantum per spese scolastiche a favore di figli e orfani di mutilati e invalidi del lavoro (corso di laurea, medie superiori, medie inferiori); contributi straordinari a favore di mutilati ed invalidi del lavoro disoccupati; assegno a favore di mutilati ed invalidi del lavoro ex titolare di assegno di incollocabilità ultra 65enne; contributi per soggiorni climatici a favore di mutilati ed invalidi del lavoro e/o disoccupati con invalidità non inferiore al 34% per un periodo non superiore ai 15 giorni nel corso dell anno. Sede e orario al pubblico Settore Servizi Sociali U.O. Gestione residenzialità, semiresidenzialità, accoglienza Via Beato Odorico 1 (2 piano) dal lunedì al venerdì dalle ore 8.45 alle ore 12.15; lunedì e giovedì anche dalle ore alle ore Documentazione Domanda, copia di un documento d identità; iscrizione agli istituti scolastici; ricevute e/o fatture attestanti le spese sostenute per i soggiorni estivi. 4.3 Contributi economici a favore di minori audiolesi Erogazione di contributi economici a favore di minorati dell udito e della parola minorenni a sostegno della spesa per la rieducazione fonetica e didattica. Minori audiolesi. Modalità di accesso La richiesta va presentata dal genitore del minore al Servizio Sociale della propria circoscrizione di residenza. Sede e orario al pubblico Servizio Sociale comunale presso la Circoscrizione di appartenenza. lunedì e venerdì dalle ore 8.45 alle Carta dei Servizi del Comune di Udine 4.2 Contribûts economics in favôr di mutilâts e invalits dal lavôr Erogazion di contribûts economics in favôr di mutilâts e invalits dal lavôr su la fonde dal finanziament regjonâl incressût al massim dal 10% cun fonts comunâi. Mutilâts e invalits dal lavôr. Cemût si fasie la domande? Si à di presentâ la domande al Servizi Sociâl, ancje midiant des Associazions di categorie. Contribûts economics par chestis finalitâts: Assegn di colocament in favôr di mutilâts e invalits dal lavôr disocupâts cun invaliditât di no mancul dal 34%; contribût straordenari (una tantum) in favôr di mutilâts e invalits dal lavôr che a àn une ativitât in propri; contribûts (una tantum) par spesis scolastichis in favôr di mutilâts e invalits dal lavôr (cors di lauree, scuelis mediis superiôrs, scuelis mediis inferiôrs); contribûts (una tantum) par spesis scolastichis in favôr di fîs e vuarfins di mutilâts e invalits dal lavôr (cors di lauree, scuelis mediis superiôrs, scuelis mediis inferiôrs); contribûts straordenaris in favôr di mutilâts e invalits dal lavôr disocupâts; assegn in favôr di mutilâts e invalits dal lavôr ex titolârs di assegn di incolocabilitât cun plui di 65 agns; contribûts par vilegjaduris climatichis (di no plui di 15 dîs ad an) in favôr di mutilâts e invalits dal lavôr e/o disocupâts cun invaliditât di no mancul dal 34%. Setôr Servizis Sociâi U.O. Gjestion Residenzialitât, Semiresidenzialitât e Acet Vie Beât Durì di Pordenon 1 (2t plan) di Lunis a Vinars des 8.45 aes 12.15; Lunis e Joibe ancje des aes Ce documents coventino? A la domande si à di zontâ une copie di un document di identitât; la iscrizion ai istitûts scolastics; lis ricevudis e/o lis faturis che a atestin lis spesis fatis pes vilegjaduris di Istât. 4.3 Contribûts economics in favôr di minôrs cun handicaps de uldide Erogazion di contribûts economics in favôr di minôrs cun handicaps de uldide e de fevele, tant che sosten de spese pe rieducazion fonetiche e didatiche. Minôrs cun lesions a la uldide. Cemût si fasie la domande? Il gjenitôr dal minôr al à di presentâ la domande al Servizi Sociâl de circoscrizion là che al è resident. Servizi Sociâl comunâl, li de Circoscrizion di apartignince. Lunis e Vinars des 8.45 aes

14 Prestazioni Contributi economici a totale copertura del costo orario del professionista a cui è affidato l incarico per lezioni di rieducazione didattica e fonetica. Documentazione Domanda, copia di documento d identità; certificazione attestante l handicap; relazione sociale; preventivo di spesa rilasciato dal professionista incaricato. 4.4 Fornitura sussidi didattici trascritti in carattere speciale per studenti non vedenti Fornitura di testi scolastici in caratteri speciali (carattere braille e alfabetico ingrandito) per studenti non vedenti, in regime di convenzione con la Biblioteca Italiana per i ciechi Regina Margherita di Monza o con altri istituti specializzati nella produzione di ristampe. Studenti riconosciuti ciechi civili o ipovedenti gravi (con residuo visivo non superiore a 1/10 anche con eventuale correzione) frequentanti la scuola dell obbligo, di formazione professionale e superiore. Modalità di accesso La richiesta va presentata dal genitore, se lo studente è minore, o dallo stesso nel caso in cui fosse maggiorenne al Servizio Sociale della propria circoscrizione di residenza, prima dell inizio dell anno scolastico. Sede e orario al pubblico Servizio Sociale comunale presso la Circoscrizione di appartenenza. lunedì e venerdì dalle ore 8.45 alle Prestazioni il Comune sostiene l intero costo dei sussidi forniti allo studente. Documentazione Domanda di contributo; copia di un documento d identità e preventivo di spesa che verrà fornito al Comune direttamente dalla biblioteca fornitrice dei sussidi. Contribûts economics che a cuvierzin dut il cost orari dal professionist che al à la incarghe di fâ lis lezions di rieducazion didatiche e fonetiche. Ce documents coventino? A la domande si à di zontâ une copie di un document di identitât; la certificazion che e ateste l handicap; la relazion sociâl; il preventîf di spese fat dal professionist incargât. 4.4 Furniment di sussidis didatics trascrits in caratars speciâi par students che no viodin Furniment di tescj scolastics scrits cun caratars speciâi (caratar braille e caratar alfabetic ingrandît) par students che no viodin. Il furniment al è in regjim di convenzion cu la biblioteche taliane par vuarps Regina Margherita di Monze o cun altris istitûts specializâts te produzion di ristampis. Students ricognossûts tant che vuarps civîi o ipoviodents grâfs (che ur reste no plui di 1/10, ancje cu la corezion eventuâl) e che a frecuentin la scuele dal oblic, di formazion professionâl o chê superiôr. Cemût si fasie la domande? Se il student al è minôr di etât la domande al à di fâle un gjenitôr, se no, le fâs il student stes. Si à di presentâ la domande al Servizi Sociâl de circoscrizion di residence prin che al scomenci l an scolastic. Servizi Sociâl comunâl, li de Circoscrizion di apartignince. Lunis e Vinars des 8.45 aes Il Comun al paie par intîr il cost dai sussidis furnîts al student. Ce documents coventino? La domande di contribût, une copie di un document di identitât e il preventîf di spese (che la biblioteche che e furnìs i sussidis lu mande diretementri al Comun). 5. SERVIZI DI PROSSIMITÀ 5.1 No alla solit Udine È un progetto nell ambito delle politiche a sostegno degli anziani attraverso il quale il Comune di Udine e le più importanti realtà istituzionali e associazionistiche del territorio hanno avviato tre sportelli dove vengono accolte le richieste dei cittadini per: spese e piccole commissioni; assistenza nel ricovero e nella degenza ospedaliera; ritiro e consegna referti medici; 26 Carta dei Servizi del Comune di Udine 5. SERVIZI DI PROSSIMITÂT 5.1 No a la solit Udin Al è un progjet tal ambit des politichis a sosten dai anzians. Cun chest progjet il Comun e lis realtâts istituzionâls plui impuartantis dal teritori a àn metût in pîts trê sportei là che si acetin lis domandis dai citadins par: spesis e piçulis comissions; assistence in câs di ricovar o di degjence in ospedâl; 27

15 trasporto, anche assistito; piccole riparazioni e manutenzioni; consegna farmaci a domicilio; consegna e lettura libri a domicilio; consulenza legale; consulenza problemi abitativi; informativa per l accesso ai servizi socio sanitari; compagnia a domicilio; iniziative ricreative e di socializzazione. Gli sportelli sono aperti dal lunedì al sabato dalle ore 8.30 alle ore ai seguenti indirizzi: Via Gen. Chinotto, 1 1^ Circoscrizione Udine Centro Operatrice di sportello: Erica Zambelli Via Martignacco, 146 2^ Circoscrizione Udine Ovest Operatrice di sportello: Germana Morandini Via Pradamano, 21 c/o sede 4^ Circoscrizione Udine sud Operatrice di sportello: Riccarda Roversi oppure telefonando al seguente numero verde attivo tutti i giorni dalle ore 7.00 alle ore con operatore telefonico e dalle ore alle ore 7.00 con segreteria telefonica. ritîr e consegne di referts medics; traspuart, ancje assistût; piçulis riparazions e manutenzions; consegne di medisinis a domicili; consegne e leture di libris a domicili; consulence legâl; consulence su problemis abitatîfs; informazions pal acès ai servizis socio-sanitaris; compagnie a domicili; iniziativis ricreativis e di socializazion. I sportei a son vierts di Lunis a Sabide des 8.30 aes a chescj recapits: Vie Gjen. Chinotto, 1 1me Circoscrizion Udin Centri Operadore di sportel: Erica Zambelli Vie Martignà, 146 2de Circoscrizion Udin Ovest Operadore di sportel: Germana Morandini Vie Pradaman, 21 Li de sede de 4te Circoscrizion Udin Sud Operadore di sportel: Riccarda Roversi o pûr telefonâ al numar vert che al è atîf ogni dì des 7.00 aes cuntun operadôr telefonic e des aes 7.00 cun segretarie telefoniche. 6. CENTRO SERVIZI PER STRANIERI 6.1 Sportello rmativo e di Segretariato Sociale Si tratta di uno sportello polifunzionale che fornisce informazioni e consulenza sui diritti e doveri delle persone straniere presenti in Italia, sulla normativa, sui servizi disponibili sul territorio, sulle procedure amministrative e giuridico-legali che riguardano gli immigrati. Offre interventi specifici quali mediazione linguistica, traduzioni, orientamento e assistenza all inserimento lavorativo, alloggiativo e scolastico. Cittadini stranieri e italiani, istituzioni, operatori dei servizi pubblici e del privato sociale, associazioni, volontariato, cittadini stranieri extra comunitari regolarmente soggiornanti in Italia. 6. CENTRI SERVIZIS PAR CITADINS FORESCJ 6.1 Sportel rmatîf e di Segretariât Sociâl Al è un sportel polifunzionâl che al furnìs informazions e consulence sui dirits e sui dovês dai citadins forescj che a son presints in Italie, su la normative, sui servizis disponibii sul teritori, su lis proceduris aministrativis e juridico-legâls che a rivuardin i imigrâts. Al ufrìs intervents specifics come mediazion linguistiche, traduzions, orientament e assistence pal inseriment lavoratîf, lozatîf e scolastic. Citadins forescj e talians, istituzions, operadôrs dai servizis publics e dal privât sociâl, associazions, volontariât, citadins forescj extracomunitaris che a vivin regolarmentri in Italie. 28 Carta dei Servizi del Comune di Udine 29

16 Prestazioni Lo sportello informativo offre informazioni e consulenza giuridico-legale sulla normativa per l immigrazione e i diritti di cittadinanza; consulenza e assistenza per il disbrigo di pratiche burocratiche; mediazione linguistica e di comunità diretta, o tra utente e operatore sociale, traduzioni di atti e documenti. Il segretariato sociale offre informazioni, consulenza, orientamento e/o accompagnamento ai servizi sociali, sanitari e scolastici; supporto in materia di lavoro; informazioni relative a corsi di studio e formazione professionale e al riconoscimento dei titoli di studio; risposte temporanee e urgenti quali distribuzione di buoni per acquisto di generi di prima necessità; assistenza, orientamento e intervento individuale in merito alle disposizioni di legge in materia di riconoscimento dello status di rifugiato (v. 6.2 Servizio Rifugiati C.I.R.-Udine); supporto nella ricerca della casa a favore di lavoratori immigrati. Sede e orario al pubblico Centro Servizi per Stranieri Sportello rmativo e di Segretariato Sociale Servizio di Mediazione Linguistica e di Comunità Condominio Montegnacco Via Cussignacco 38, 1 piano tel lunedì: dalle ore alle ore 18.00; martedì, giovedì, venerdì: dalle ore 8.45 alle ore12.15 Costi Nessun costo per l utente. Documentazione Per i cittadini stranieri extra comunitari permesso di soggiorno in corso di validità. 6.2 Servizio Rifugiati C.I.R.-Udine È un servizio di informazione, orientamento e accompagnamento individuale in merito alle pratiche amministrative e legali relative all iter della procedura per il riconoscimento dello status di rifugiato e dell accertamento del diritto d asilo ai sensi della normativa italiana e internazionale, in collegamento con enti e istituzioni locali/nazionali competenti nell ambito della suddetta procedura. Il servizio è rivolto prevalentemente alle persone che hanno presentato richiesta di asilo politico alla Questura competente per territorio, a rifugiati politici e beneficiari di protezione umanitaria o temporanea, a richiedenti cui è stato negato lo status di rifugiato, a richiedenti asilo/rifugiati/beneficiari di permesso per motivi umanitari che intendono rimpatriare. Prestazioni Orientamento e accompagnamento legale; informazione e assistenza in merito alle pratiche amministrative e legali; ricostruzione e approfondimento delle memorie personali, con relativa documentazione; preparazione al colloquio presso la Commissione territorialmente competente per il riconoscimento dello status di rifugiato, eventuale assistenza al rimpatrio volontario; intermediazione e collegamento con le istituzioni e gli organismi competenti nella procedura di asilo; informazioni in merito alla tutela giurisdizionale. 30 Carta dei Servizi del Comune di Udine Il sportel informatîf al ufrìs: informazions e consulence juridico-legâl su la normative su la imigrazion e sui dirits di citadinance; consulence e assistence par distrigâ pratichis burocratichis; mediazion linguistiche e di comunitât direte o tra utent e operadôr sociâl; traduzions di ats e documents. Il segretariât sociâl al ufrìs: informazions, consulence, orientament e/o acompagnament ai servizis sociâi, sanitaris e scolastics; supuart in materie di lavôr; informazions su cors di studi e di formazion professionâl e sul ricognossiment dai titui di studi; rispuestis temporaniis e urgjentis tant che distribuzion di cedulis par comprâ gjenars di prime necessitât; assistence, orientament e intervent individuâl par ce che al tocje lis disposizions di leç in materie di ricognossiment dal status di rifugjât (v. Servizi Rifugjâts C.I.R.-Udin); supuart a lavoradôrs imigrâts che a cirin cjase. Centri Servizis par Citadins Forescj Sportel rmatîf e di Segretariât Sociâl Servizi di Mediazion Linguistiche e di Comunitât Condomini Montegnà Vie Cussignà 38, 1n plan tel Lunis: des les 18.00; Martars, Joibe e Vinars: des 8.45 les Trop costial? Al utent no i coste nuie. 6.2 Servizi Rifugjâts C.I.R.-Udin Ce documents coventino? Pai citadins forescj extracomunitaris al covente il permès di permanence in cors di validitât. Al è un servizi di informazion, orientament e acompagnament individuâl pes pratichis aministrativis e legâls che a rivuardin la procedure pal ricognossiment dal status di rifugjât e pal aciertament dal dirit di asîl daûr de normative taliane e internazionâl. Il servizi al è davuelt in colegament cun istituzions e ents locâi/statâi competents tal ambit di chestis proceduris. Il servizi al è indreçât soredut aes personis che a àn presentât la domande di asîl politic a la Cuesture competente par teritori, a rifugjâts politics e a beneficiaris di protezion umanitarie o temporanie, a personis che a àn fat domande ma che ur è stât dineât il status di rifugjât, a personis che a domandin asîl, a rifugjâts o a beneficiaris di un permès par motîfs umanitaris che a vuelin tornâ in patrie. Orientament e acompagnament legâl; informazion e assistence pes pratichis aministrativis e legâls; ricostruzion e aprofondiment des memoriis personâls, cu la documentazion relative; preparazion al colocui li de Comission competente par teritori pal ricognossiment dal status di rifugjât; assistence eventuâl pal rimpatri volontari; intermediazion e colegament cu lis istituzions e i organisims competents te procedure di asîl; informazions su la tutele jurisdizionâl. 31

17 Sede e orario al pubblico Centro Servizi per Stranieri Condominio Montegnacco Via Cussignacco 38, 1 piano tel martedì: dalle ore alle ore 17,30; venerdì: 8.45/12.15 oppure Seminario Arcivescovile Viale Ungheria tel su appuntamento Costi Nessun costo per l utente. Documentazione Prima della presentazione della richiesta di asilo, nessuno, ma ogni documento originale utile, anche se scaduto, è prezioso; successivamente permesso di soggiorno; documento di viaggio in caso di rimpatrio. 6.3 Servizio Casa È un servizio che vuole supportare l immigrato nella ricerca di una sistemazione alloggiativa adatta rispetto alle varie fasi del percorso migratorio di ciascuno; accompagnare l inserimento abitativo; promuovere l integrazione sociale di cittadini lavoratori e delle loro famiglie. Cittadini stranieri con permesso di soggiorno e contratto di lavoro regolari. Prestazioni Il servizio offre supporto nella ricerca di alloggio su libero mercato; consulenza relativa ai contenuti del contratto e assistenza giuridica alla stipula; traduzione del contratto e regolamento di condominio; assistenza nella stesura del verbale di consegna e riconsegna dell immobile e nella stesura di comunicazioni ai proprietari; spiegazione sulle pratiche necessarie per la fornitura di servizi e voltura contratti; mediazioni con condomini e vicinato; attivazioni di reti sinergiche con i servizi sociali territoriali, associazioni di mediazione linguistiche e culturali, di volontariato e con le Caritas locali. Inoltre, attraverso l Agenzia Sociale Immobiliare, è possibile ottenere un prestito che copre in parte o completamente la quota corrispondente alla cauzione d affitto, che viene successivamente restituita dal beneficiario in rate mensili secondo un importo concordato di volta in volta. Sede e orario al pubblico Centro Servizi per Stranieri Sportello Casa Condominio Montegnacco Via Cussignacco 38, 1 piano tel lunedì: dalle ore alle ore 18.00; martedì, giovedì: dalle ore 9.00 alle ore12.15 Documentazione Permesso di soggiorno valido; contratto di lavoro a tempo indeterminato o a tempo determinato con durata di almeno 6 mesi o dichiarazione del datore di lavoro; codice fiscale; buste paga ultime mensilità. 32 Carta dei Servizi del Comune di Udine Centri Servizis par Citadins Forescj Condomini Montegnà Vie Cussignà 38, 1n plan tel Martars: des aes17.30; Vinars: des 8.45 aes o pûr Seminari Arcivescovîl Viâl Ongjarie tel par apontament Trop costial? Al utent no i coste nuie. Ce documents coventino? Prin di presentâ la domande di asîl nol covente nissun document, ma ogni document origjinâl al è preziôs, ancje se al è scjadût. Dopo che si à di presentâ il permès di permanence e, in câs che la persone e vueli tornâ in patrie, un document di viaç. 6.3 Servizi Cjase Al è un servizi che al vûl: judâ l imigrât a cirî un lozament adat a lis svariadis fasis dal percors migratori di ognidun; acompagnâ l inseriment abitatîf; promovi la integrazion sociâl di citadins lavoradôrs e des lôr fameis. Citadins forescj che a àn un permès di permanence e un contrat di lavôr regolârs. Il servizi al ufrìs: un supuart par cirî un lozament sul marcjât libar; consulence sui contignûts dal contrat e assistence juridiche par stipulâlu; traduzion dal contrat e dal regolament di condomini; assistence par prontâ il verbâl di consegne e riconsegne dal imobil e par prontâ lis comunicazions ai proprietaris; spiegazions su lis pratichis che si à di fâ pal furniment di servizis e pe volture dai contrats; mediazions cun condomins e cul vicinât; ativazion di rêts sinergjichis cui servizis sociâi teritoriâi, cu lis associazions di mediazion linguistiche e culturâl, di volontariât e cu lis Caritas locâls. Cun di plui, midiant de Agjenzie Sociâl Imobiliâr, al è pussibil otignî un prestit che al cuvierç in part o dal dut la cauzion dal fit, che dopo e ven tornade dal beneficiari in ratis mensîls cuntun impuart concuardât daûr des voltis. Centri Servizis par Citadins Forescj Sportel Cjase Condomini Montegnà Vie Cussignà 38, 1n plan tel Lunis: des15.00 aes 18.00; Martars e Joibe: des 9.00aes Ce documents coventino? Si à di presentâ: il permès di permanence valit; un contrat di lavôr a timp indeterminât o a timp determinât cuntune durade di almancul 6 mês o une declarazion dal datôr di lavôr; il codiç fiscâl; lis bustis paie dai ultins mês. 33

18 6.4 Servizio Emergenze e Prima Accoglienza Il servizio intende fornire ospitalità temporanea a cittadini stranieri che ne abbiano necessità, coordinare gli interventi di accoglienza, monitorare e utilizzare al meglio le risorse alloggiative disponibili sul territorio. Cittadini stranieri quali immigrati, richiedenti asilo politico, rifugiati o titolari di protezione per motivi umanitari, regolarmente soggiornanti sul territorio comunale, in grave situazione di disagio socio-economico, temporaneamente privi di alloggio e di mezzi di sostentamento autonomo. Sede e orario al pubblico Centro Servizi per Stranieri Condominio Montegnacco, via Cussignacco 38, 1 piano tel lunedì dalle alle 18.00; martedì, giovedì, venerdì dalle 8.45 alle Modalità di accesso Presentazione della richiesta che verrà esaminata da una apposita équipe tecnica composta da assistenti sociali e referenti del servizio. L accoglimento della richiesta è comunque subordinato alla disponibilità delle risorse alloggiative. 6.4 Servizi Emergjencis e Prin Acet Il servizi al vûl: ufrîur une ospitalitât temporanie a citadins forescj che ur covente, coordenâ i intervents di acet; monitorâ e doprâ miôr che si pues i lozaments disponibii sul teritori. Citadins forescj (come i imigrâts, lis personis che a domandin asîl politic, i rifugjâts, i titolârs di protezion par motîfs umanitaris) che a vivin regolarmentri sul teritori comunâl e che a son intune situazion di disasi socioeconomic grâf o che a son temporaniementri cence cjase e cence mieçs par vivi. Centri Servizis par Citadins Forescj Condomini Montegnà Vie Cussignà 38, 1n plan tel Lunis des aes 18.00; Martars, Joibe e Vinars des 8.45 aes Cemût si fasie la domande? Si à di presentâ une domande, che e sarà esaminade di une équipe tecniche di pueste componude di assistents sociâi e referents dal servizi. In ogni câs si podarà acetâ la domande dome se a son lozaments disponibii. 7. SERVIZIO ZERO TOLERANCE contro la violenza alle donne Il progetto è finalizzato a prevenire e rimuovere ogni forma di discriminazione di genere e di violenza sulle donne. Ha come obiettivo principale il contrasto ad ogni forma di violenza nei confronti di donne e bambini, soprattutto all interno della famiglia. Per il sostegno delle donne che hanno subito maltrattamenti o abuso, è attivo uno sportello con due operatrici per colloqui di conoscenza e accoglienza, un numero verde con servizio di segreteria per chiamate fuori orario, percorsi individualizzati per l uscita dalla situazione di violenza, eventuale accoglienza temporanea, partecipazione a gruppi di auto-aiuto con il supporto tecnico-professionale di una psicologa. Sede e orario al pubblico Sportello Zero Tolerance C/o Consultorio Familiare Distretto Sanitario di Udine Via S. Valentino 20 lunedì, martedì, giovedì e venerdì: dalle ore alle ore martedì dalle ore alle ore17.00 numero verde (con servizio di segreteria extraorario di sportello): SERVIZI ZERO TOLERANCE cuintri de violence su lis feminis Il progjet al à il fin di prevignî e eliminâ dutis lis formis di discriminazion di gjenar e dutis lis formis di violence su lis feminis. Il so obietîf principâl al è chel di contrastâ ogni forme di violence cuintri feminis e fruts, massime dentri de famee. Par sostignî lis feminis che a àn subît maltrataments o abûs a son atîfs: un sportel cun dôs operadoris par colocuis di cognossince e acet; un numar vert cuntun servizi di segretarie par clamadis fûr di orari; percors individualizâts par saltâ fûr de situazion di violence; un servizi di lozament temporani eventuâl; partecipazion a grups di auto-aiût cul supuart tecnic professionâl di une psicolighe. Sportel Zero Tolerance li dal Consultori Familiâr Distret Sanitari di Udin Vie Sant Valantin, 20 Lunis, Martars, Joibe e Vinars: des aes 12.00; Martars ancje des15.00 aes17.00 numar vert (cun servizi di segretarie fûr dal orari di sportel): Carta dei Servizi del Comune di Udine 35

19 8. PROGETTI Devianza e Criminalità L obiettivo è garantire alle persone in esecuzione penale o dimesse dal carcere l opportunità di un concreto reinserimento sociale e lavorativo. Gli interventi vengono realizzati in collaborazione tra il Servizio Sociale del Comune, il Centro di Servizio Sociale per Adulti del Ministero della Giustizia, la Casa Circondariale di Udine e le Associazioni di volontariato penitenziario. Tali interventi consistono principalmente in corsi di formazione professionale all interno e all esterno del carcere, attivazione di progetti individualizzati di inserimento lavorativo e borse lavoro, contributi economici, eventuale accoglienza temporanea in una struttura alloggiativa protetta. Città Sane O.M.S. Il progetto Città Sane dell Organizzazione Mondiale della Sanità è un iniziativa di sviluppo internazionale a lungo termine, avviata nel 1987, che ha lo scopo di promuovere in Europa strategie locali globali e innovative nel campo della salute e dello sviluppo sostenibile per il raggiungimento di una sempre migliore qualità della vita dei cittadini, intesa come condizione di benessere fisico, mentale, sociale e ambientale. Le prime tre fasi del progetto sono già state completate. Nel corso della terza sono stati elaborati e presentati alla cittadinanza due fondamentali documenti: il Profilo di Salute della Città di Udine (fotografia/indagine sullo stato di salute della popolazione e i fattori che possono influenzarla) e il successivo, conseguente, Piano di Salute, predisposto per la prima volta in Italia proprio dalla città di Udine. 8. PROGJETS Deviance e Criminalitât L obietîf al è chel di garantî a lis personis in esecuzion penâl o dimetudis de preson une oportunitât concrete di tornâ a inserîsi te societât e tal mont dal lavôr. I intervents a vegnin realizâts in colaborazion tra il Servizi Sociâl dal Comun, il Centri di Servizi Sociâl par Adults dal Ministeri de Justizie, la Cjase Circondariâl di Udin e lis Associazions di volontariât penitenziari. Chescj intervents a consistin soredut in cors di formazion professionâl dentri e fûr de preson, te ativazion di progjets individualizâts di inseriment lavoratîf, in borsis di lavôr, in contribûts economics e, eventualmentri, tal lozament temporani intune struture protete. Citâts Sanis O.M.S. Il progjet Citâts Sanis de Organizazion Mondiâl de Sanitât e je une iniziative di svilup internazionâl a tiermin lunc, inviade tal Il so fin al è chel di promovi in Europe strategjiis locâls globâls e inovativis tal cjamp de salût e dal svilup sostignibil, par che e ledi simpri in miôr la cualitât de vite dai citadins (intindude come cundizion di benstâ fisic, mentâl, sociâl e ambientâl). Lis primis trê fasis dal progjet a son za stadis completadis. Te tierce fase a son stâts elaborâts e presentâts ai citadins doi documents di fonde: il Profîl di Salût de Citât di Udin (fotografie/indagjin sul stât di salût de popolazion e sui fatôrs che a puedin influençâlu) e po, come conseguence di chest Profîl, il Plan di Salût, che in Italie al è stât prontât pe prime volte propit de citât di Udin. 36 Carta dei Servizi del Comune di Udine 37

20 Le Circoscrizioni 1^ Circoscrizione Via Chinotto 1 Centro Est tel ^ Circoscrizione Via Val d Aupa 2 Rizzi San Domenico tel ^ Circoscrizione Viale Forze Armate 4 Laipacco San Gottardo tel ^ Circoscrizione Via Pradamano 21 Udine Sud tel ^ Circoscrizione Via Veneto 164 Cussignacco tel ^ Circoscrizione Via Santo Stefano 5 San Paolo Sant Osvaldo tel ^ Circoscrizione Via Piemonte 84/7 Udine Nord tel Lis Circoscrizions 1me Circoscrizion Vie Chinotto 1 Centri Est tel de Circoscrizion Vie Cjanâl da la Aupe 2 I Riçs Sant Domeni tel ce Circoscrizion Viâl Fuarcis Armadis 4 Laipà Sant Gotart tel te Circoscrizion Vie Pradaman 21 Udin Sud tel te Circoscrizion Vie Venit 164 Cussignà tel te Circoscrizion Vie Sant Scjefin 5 Sant Pauli Sant Svualt tel me Circoscrizion Vie Piemont 84/7 Udin Nord tel Carta dei Servizi del Comune di Udine 39

AZIENDE PE ASSISTENCE SANITARIE N. 3 "FRIÛL DE ALTE-CULINÂR-DI MIEÇ"

AZIENDE PE ASSISTENCE SANITARIE N. 3 FRIÛL DE ALTE-CULINÂR-DI MIEÇ SERVIZI SANITARI NAZIONÂL - REGJON AUTONOME FRIÛL-VIGNESIE JULIE AZIENDE PE ASSISTENCE SANITARIE N. 3 "FRIÛL DE ALTE-CULINÂR-DI MIEÇ" Cul prin di Zenâr dal 2015 e je stade dade dongje la AZIENDE PE ASSISTENCE

Dettagli

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco.

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco. INTERVENTI VARI SEGRETARIATO SOCIALE Che cos è? Il segretariato è un servizio che mette la professionalità degli assistenti sociali a disposizione dei cittadini, fornendo informazioni sulle risorse sociali

Dettagli

Procedimento Assegni al nucleo familiare numeroso Dove E' un contributo economico annuale a sostegno dei nuclei familiari in cui sono presenti almeno

Procedimento Assegni al nucleo familiare numeroso Dove E' un contributo economico annuale a sostegno dei nuclei familiari in cui sono presenti almeno Procedimento Assegni al nucleo familiare numeroso Dove E' un contributo economico annuale a sostegno dei nuclei familiari in cui sono presenti almeno tre figli minori di 18 anni. L'importo massimo dell'assegno

Dettagli

Interventi Sociali anno 2010

Interventi Sociali anno 2010 Comune di Pesaro Assessorato Servizi Sociali Interventi Sociali anno 2010 Pesaro, 14 maggio 2011 Popolazione residente del Comune di Pesaro al 31/12/2010 fascia di età italiani % stranieri % totale 0-14

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI DI SERVIZI IN CAMPO SOCIALE. SERVIZIO DI ALLOGGI PROTETTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI DI SERVIZI IN CAMPO SOCIALE. SERVIZIO DI ALLOGGI PROTETTI COMUNALI Comune di Toscolano Maderno Provincia di Brescia Allegato A REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI DI SERVIZI IN CAMPO SOCIALE. SERVIZIO DI ALLOGGI PROTETTI COMUNALI 1. Definizione,

Dettagli

SERVIZI DI SOSTEGNO ECONOMICO

SERVIZI DI SOSTEGNO ECONOMICO 9 SERVIZI DI SOSTEGNO ECONOMICO Assegno di maternità 9 È un contributo economico per affrontare le spese legate alla nascita ed ai primi mesi di vita del neonato. Può essere richiesto per nascite, adozioni

Dettagli

COMUNE DI UDINE DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI, EDUCATIVE E CULTURALI

COMUNE DI UDINE DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI, EDUCATIVE E CULTURALI COMUNE DI UDINE DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI, EDUCATIVE E CULTURALI U.O. IMMIGRAZIONE, ABITARE SOCIALE E PROMOZIONE DEI DIRITTI DI CITTADINANZA U.S. ABITARE SOCIALE BANDO PER LA CORRESPONSIONE DEI CONTRIBUTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INTERVENTI SOCIO-ASSISTENZIALI IN FAVORE DI MINORI O GIOVANI STUDENTI CON DISABILITA VISIVA O UDITIVA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INTERVENTI SOCIO-ASSISTENZIALI IN FAVORE DI MINORI O GIOVANI STUDENTI CON DISABILITA VISIVA O UDITIVA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INTERVENTI SOCIO-ASSISTENZIALI IN FAVORE DI MINORI O GIOVANI STUDENTI CON DISABILITA VISIVA O UDITIVA INDICE 1. PREMESSA... 2 2. DESTINATARI DELL'ASSISTENZA... 2 3. TIPOLOGIA

Dettagli

REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA. del Comune di Capaci. (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004)

REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA. del Comune di Capaci. (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004) REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA del Comune di Capaci (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004) Art. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento, in esecuzione della

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO E L ATTUAZIONE DEI PATTI SOCIALI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA

BANDO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO E L ATTUAZIONE DEI PATTI SOCIALI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA Comune di Fiorano Modenese Assessorato alle Politiche Sociali BANDO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO E L ATTUAZIONE DEI PATTI SOCIALI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA ANNO 2015 Il COMUNE DI FIORANO per contrastare

Dettagli

2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI

2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI 2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI I benefici che seguono sono continuativi. Potrebbero però modificarsi di anno in anno parte dei requisiti di accesso, periodo di raccolta delle domande e

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO ANTICRISI

PIANO STRAORDINARIO ANTICRISI Prot.Gen.n.6829 Del 14/02/2014 PIANO STRAORDINARIO ANTICRISI BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI TITOLI SOCIALI PER IL SOSTEGNO AL REDDITO ALLE FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI SOCIO-ECONOMICA Delibera

Dettagli

COMUNE DI CINQUEFRONDI Provincia di Reggio Calabria Corso Garibaldi, 98 (Tel.0966-939120 Fax 0966-940818) P.I. 00008010803

COMUNE DI CINQUEFRONDI Provincia di Reggio Calabria Corso Garibaldi, 98 (Tel.0966-939120 Fax 0966-940818) P.I. 00008010803 COMUNE DI CINQUEFRONDI Provincia di Reggio Calabria Corso Garibaldi, 98 (Tel.0966-939120 Fax 0966-940818) P.I. 00008010803 REGOLAMENTO COMUNALE Per la concessione di sovvenzioni, contributi e sussidi a

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto della normativa, l attività

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) PREMESSA Il presente regolamento del Servizio di Assistenza Domiciliare fa riferimento alle disposizioni della legislazione nazionale, regionale

Dettagli

COMUNE DI OBČINA MONRUPINO - REPENTABOR

COMUNE DI OBČINA MONRUPINO - REPENTABOR BANDO PER LA CORRESPONSIONE DEI CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE DI IMMOBILI ADIBITI AD USO ABITATIVO, AI SENSI DELL ART. 11 DELLA L. 431/1998 E DELL ART. 6 DELLA L.R. 6/2003. Art.

Dettagli

COMUNE DI DUEVILLE (Provincia di Vicenza)

COMUNE DI DUEVILLE (Provincia di Vicenza) COMUNE DI DUEVILLE (Provincia di Vicenza) REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 84 del 28/11/2013)

Dettagli

AGEVOLAZIONI ECONOMICHE IN BASE ALL ISEE

AGEVOLAZIONI ECONOMICHE IN BASE ALL ISEE AGEVOLAZIONI ECONOMICHE IN BASE ALL ISEE SANITA ESENZIONE TIKET ASSEGNO DI CURA PER NON AUTOSUFFICIENTI CURE ODONTOIATRICHE Esenzione dal pagamento della quota ricetta di 2 Euro Misura a favore dei non

Dettagli

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI In conformità alla L. 328/2000 e al D. Lgs 109/1998, come modificato dal D. Lgs 130/2000, visto il D.P.C.M. 242/2001 ed i principi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI COMUNALI DESTINATI AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DI ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI COMUNALI DESTINATI AGLI ANZIANI REGOLAMENTO DI ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI COMUNALI DESTINATI AGLI ANZIANI ART. 1: Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l assegnazione degli appartamenti di proprietà Comunale destinati

Dettagli

Sostegno Progetti di Vita Indipendente (L. 162/98) lia persone disabili e al nucleo familiare che li assiste

Sostegno Progetti di Vita Indipendente (L. 162/98) lia persone disabili e al nucleo familiare che li assiste famiglia Assegno di Maternità e Assegno per il Nucleo Famigliare 01 Tali sostegni economici sono volti a favorire il benessere di nuclei familiari con figli. L assegno di maternità è un contributo economico

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.R. n. 45/18 del 21.12.2010 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

C O M U N E di F O R M I A Provincia di Latina

C O M U N E di F O R M I A Provincia di Latina C O M U N E di F O R M I A Provincia di Latina REGOLAMENTO DELL ASSISTENZA ECONOMICA IN FAVORE DI PERSONE BISOGNOSE E A RISCHIO DI EMARGINAZIONE PREMESSA Vista la L.R.9.9.1996 n.38 Riordino, programmazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 12/03/2014

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI CUORE DELLO STELLA

UNIONE DEI COMUNI CUORE DELLO STELLA UNIONE DEI COMUNI CUORE DELLO STELLA tra i Comuni di Rivignano, Pocenia e Teor BANDO PER LA CORRESPONSIONE DEI CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE DI IMMOBILI ADIBITI AD USO ABITATIVO,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 43 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 75/14031 P.G. NELLA SEDUTA DEL 26/05/1994 - MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 75/I23765 P.G. NELLA

Dettagli

COMUNE DI CAPENA (Provincia di Roma)

COMUNE DI CAPENA (Provincia di Roma) REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AI DISABILI, AI MINORI A RISCHIO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n.. DEL Articolo 1 Istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

Comune di Vernate Regolamento comunale per l erogazione di contributi economici alle famiglie. Comune di Vernate

Comune di Vernate Regolamento comunale per l erogazione di contributi economici alle famiglie. Comune di Vernate Comune di Vernate REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ALLE FAMIGLIE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 44 del 28/11/2013 1 PREMESSA Con questo Regolamento si

Dettagli

REGOLAMENTO PER EROGAZIONI CONTRIBUTI ORDINARI E STRAORDINARI. Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.

REGOLAMENTO PER EROGAZIONI CONTRIBUTI ORDINARI E STRAORDINARI. Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. REGOLAMENTO PER EROGAZIONI CONTRIBUTI ORDINARI E STRAORDINARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 03 del 21/02/1991 CAP 1 Oggetto della concessione Il Comune interviene con erogazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE MISURE DI CONTRASTO ALLA POVERTA A FAVORE DI PERSONE E NUCLEI FAMIGLIARI CHE VERSANO IN STATO DI BISOGNO

REGOLAMENTO DELLE MISURE DI CONTRASTO ALLA POVERTA A FAVORE DI PERSONE E NUCLEI FAMIGLIARI CHE VERSANO IN STATO DI BISOGNO REGOLAMENTO DELLE MISURE DI CONTRASTO ALLA POVERTA A FAVORE DI PERSONE E NUCLEI FAMIGLIARI CHE VERSANO IN STATO DI BISOGNO ART.1 OGGETTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi di natura economica

Dettagli

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DELL INTEGRAZIONE RETTE DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI A CARATTERE SOCIO-SANITARIO (RSA E CASA PROTETTA) INDICE

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI SOCIALI VUIDE AI SERVIZIS SOCIÂI

GUIDA AI SERVIZI SOCIALI VUIDE AI SERVIZIS SOCIÂI GUIDA AI SERVIZI SOCIALI VUIDE AI SERVIZIS SOCIÂI ASILO NIDO SCUOLE SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA EDUCAZIONE STRADALE LUDOTECA PROGETTO GIOVANI BIBLIOTECA LABORATORI ESTIVI SERVIZIO DI TRASPORTO PER

Dettagli

Servizi rivolti agli anziani

Servizi rivolti agli anziani Municipio Roma Centro Storico Servizi rivolti agli anziani 1- ASSISTENZA DOMICILIARE Il servizio è rivolto agli anziani soli o inseriti in nucleo familiare, che si trovino in condizione di temporanea o

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11. REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.2007 CAPO I: PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZI SOCIALI Presentazione I Servizi Sociali sono impegnati ad assicurare alle persone ed alle famiglie interventi che consentano di godere di un adeguata qualità della vita.

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE CITTÀ DI SAN DONÀ DI PIAVE (Decorata con Croce al Merito di Guerra e con Medaglia d Argento al Valor Militare) PROVINCIA DI VENEZIA ----------------------------------------- UFFICIO SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO

Dettagli

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari Regolamento per il Servizio di Assistenza Domiciliare e dei Servizi Tutelari SOMMARIO: Art. 1 Finalità del Servizio; Art. 2 Gestione del Servizio; Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1- Oggetto Oggetto del presente regolamento sono le modalità di accesso e i criteri di

Dettagli

COMUNE DI NISCEMI RIPARTIZIONE SERVIZI SOCIALI-PUBBLICA ISTRUZIONE-TURISMO SPORT E SPETTACOLO AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI NISCEMI RIPARTIZIONE SERVIZI SOCIALI-PUBBLICA ISTRUZIONE-TURISMO SPORT E SPETTACOLO AVVISO PUBBLICO COMUNE DI NISCEMI RIPARTIZIONE SERVIZI SOCIALI-PUBBLICA ISTRUZIONE-TURISMO SPORT E SPETTACOLO AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE BENEFICIARI SERVIZIO ASSEGNO CIVICO IN FAVORE DI CITTADINI E/O FAMIGLIE CHE

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.G.R. n. 9/15 del 12.2.2013 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE Art. 1 - Finalità Il Comune di San Giovanni Lupatoto, in un ottica di politica sociale finalizzata al miglioramento della vita dei cittadini che

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI SOCIO - ASSISTENZIALI IN FAVORE DEI DISABILI SENSORIALI. PREMESSA

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI SOCIO - ASSISTENZIALI IN FAVORE DEI DISABILI SENSORIALI. PREMESSA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI SOCIO - ASSISTENZIALI IN FAVORE DEI DISABILI SENSORIALI. PREMESSA Il presente Regolamento si ispira ai principi della Legge-quadro per l'assistenza,

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DI FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO SOCIO-ECONOMICO

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DI FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO SOCIO-ECONOMICO BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DI FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO SOCIO-ECONOMICO PREMESSA A seguito della direttiva prot. n. 108191/10/com del 9.1.01, il Commissario

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI NONCHÉ PER L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI NONCHÉ PER L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI NONCHÉ PER L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI CAP. 1 OGGETTO DELLA CONCESSIONE Il Comune interviene con

Dettagli

Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale

Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A SOGGETTI PRIVATI (approvato con delibera C.C. n 49 del 24/06/2000)

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Settore Servizi scolastici e Socio assistenziali

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Settore Servizi scolastici e Socio assistenziali PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Settore Servizi scolastici e Socio assistenziali OGGETTO : APPROVAZIONE DEL NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI ECONOMICI DA

Dettagli

Scadenza: ore 12,00 del 30/05/2014

Scadenza: ore 12,00 del 30/05/2014 DOMANDA CONTRIBUTO INTEGRAZIONE CANONI DI LOCAZIONE ANNO 2014 Scadenza: ore 12,00 del 30/05/2014 Al SINDACO del COMUNE DI CASTELNUOVO BERARDENGA Il/La sottoscritto/a (cognome e nome) ai sensi dell art.

Dettagli

I.S.E. - I.S.E.E. - I.S.E.E.U.

I.S.E. - I.S.E.E. - I.S.E.E.U. CAAF FABI - VERONA Vicolo Ghiaia, 5-37122 Verona Tel. 045 8006114 - Fax 045 8009165 e-mail: sab.vr@fabi.it I.S.E. - I.S.E.E. - I.S.E.E.U. Il CAAF Fabi Verona è in grado di provvedere alla compilazione

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N.

REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. 159 Approvato con deliberazione del consiglio dell unione n

Dettagli

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A LLEGATO TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A1 - CONTRIBUTI ECONOMICI A1.01 Assegno per il nucleo familiare erogati dai comuni A1.02 Assegno Maternità erogato

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA ALLEGATO A) Modificato con le determinazioni del C.C. n. 53 del 30.09.2013 REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA

Dettagli

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART.

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. 1 (OGGETTO) L Amministrazione Comunale di Casina condividendo le finalità

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE COMUNE DI TORLINO VIMERCATI PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 del 27.9.2010 TITOLO I PRINCIPI

Dettagli

Comune di Cavezzo Provincia di Modena

Comune di Cavezzo Provincia di Modena OGGETTO CONTRIBUTI ECONOMICI, AGEVOLAZIONI IN FAVORE DI PERSONE FISICHE ED INTERVENTI PER FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA :ATTO DI INDIRIZZO ANNO 2009-VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE E AL PIANO ESECUTIVO

Dettagli

COMUNE di NOALE PROVINCIA di VENEZIA. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO di TRASPORTO SOCIALE. Art. 7: Compartecipazione economica al servizio

COMUNE di NOALE PROVINCIA di VENEZIA. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO di TRASPORTO SOCIALE. Art. 7: Compartecipazione economica al servizio COMUNE di NOALE PROVINCIA di VENEZIA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO di TRASPORTO SOCIALE All. sub A) : Regolamento Del. di C.C. n. 12 del 29.04.2013 Sommario: Art. 1: Finalità del servizio Art. 2: Destinatari

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI BARLETTA

AMBITO TERRITORIALE DI BARLETTA CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida AMBITO TERRITORIALE DI BARLETTA SETTORE Servizi Sociali, Sanitari, Pubblica Istruzione, Sport e Tempo Libero DISCIPLINARE

Dettagli

COMUNE DI SANT ANGELO IN VADO Antica Tifernum Mataurense. Capitale della Massa Trabaria - Comune della Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI SANT ANGELO IN VADO Antica Tifernum Mataurense. Capitale della Massa Trabaria - Comune della Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI SANT ANGELO IN VADO Antica Tifernum Mataurense Capitale della Massa Trabaria - Comune della Provincia di Pesaro e Urbino BANDO FONDO SOCIALE PER AFFITTO ANNO 2011 IL RESPONSABILE DEL SETTORE

Dettagli

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma)

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) (Allegato all atto consiliare n. 12/2005) REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI AI PORTATORI DI HANDICAP, AI MINORI A RISCHIO DI DEVIANZE.

Dettagli

COMUNE DI FINO MORNASCO PROVINCIA DI COMO

COMUNE DI FINO MORNASCO PROVINCIA DI COMO COMUNE DI FINO MORNASCO PROVINCIA DI COMO REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 Applicazione. Il presente regolamento si applica all esaurirsi del voucher sociali previsti dal

Dettagli

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano COMUNE DI BARUMINI Provincia del Medio Campidano ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Viale San Francesco 5 c.a.p.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI SETTEMBRE 2008 AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI Relazione tecnica Il presente regolamento è lo strumento realizzato dai Comuni del Distretto 5 per

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO E indetto il bando di cui alla D.G.C. n. 91 del 07/11/2014

Dettagli

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias)

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) BANDO PUBBLICO PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI CONTRASTO DELLE POVERTA - Linea di intervento 3 - CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER SINGOLI E PER NUCLEI FAMILIARI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER SINGOLI E PER NUCLEI FAMILIARI Allegato alla deliberazione di C.C. n. 35 del 29/04/2010 COMUNE DI CREVALCORE (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER SINGOLI E PER NUCLEI

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SOCIALE (TAXI SOCIALE) Adottato con deliberazione consiliare n.17 dd. 30 maggio 2008. 1 Art 1 OGGETTO DEL SERVIZIO Il servizio rientra

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. N. 52 DEL 30.11.2010 MODIFICATO CON D.C.C. N. 43 DEL 26.10.2011 ART. 1 PREMESSA

Dettagli

Bando di concorso per l assegnazione di contributi ad integrazione dei canoni di locazione - Anno 2015

Bando di concorso per l assegnazione di contributi ad integrazione dei canoni di locazione - Anno 2015 PROVINCIA DI FIRENZE Tel. (055) 819941 Bando di concorso per l assegnazione di contributi ad integrazione dei canoni di locazione - Anno 2015 Il presente bando è emanato ai sensi dell art. 11 della legge

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ATTUAZIONE DEL DIRITTO ALLO STUDIO

NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ATTUAZIONE DEL DIRITTO ALLO STUDIO NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ATTUAZIONE DEL DIRITTO ALLO STUDIO Art.1. Il Comune di Salò, per garantire il diritto allo studio, secondo i principi formulati negli articoli 3 e 34 della Costituzione

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Comune di Padova CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE COMUNE DI DOMUS DE MARIA REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN SITUAZIONE DI SVANTAGGIO LINEA D INTERVENTO 3 PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI SETTEMBRE 2008 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI Relazione tecnica Il presente regolamento è lo strumento di cui si sono dotati i Comuni del Distretto 5, secondo quanto previsto dalla

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI INSERIMENTO DI ANZIANI, DISABILI, MINORI IN STRUTTURE PROTETTE

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI INSERIMENTO DI ANZIANI, DISABILI, MINORI IN STRUTTURE PROTETTE COMUNE DI CAGLI Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI INSERIMENTO DI ANZIANI, DISABILI, MINORI IN STRUTTURE PROTETTE (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Comune di Chioggia Settore Servizi Sociali CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE allegato C alla deliberazione G.M. n. 163 del 13.04.2001 modificato con D.G. 141 del 28-03-2003

Dettagli

Misure anticrisi (REALIZZATE A LIVELLO LOCALE)

Misure anticrisi (REALIZZATE A LIVELLO LOCALE) Misure anticrisi (REALIZZATE A LIVELLO LOCALE) Il Comitato di Distretto nella seduta del 13 febbraio 2009 delibera l adozione l a livello distrettuale di misure straordinarie a favore delle famiglie per

Dettagli

FONDO DI SOLIDARIETA

FONDO DI SOLIDARIETA FONDO DI SOLIDARIETA Premesso Che con deliberazione di Giunta Comunale n. 120 del 25/06/2013 il Comune di Sant Antonio Abate ha istituito un fondo di solidarietà per il sostegno alle famiglie che si trovano

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE IN COMUNITA ALLOGGIO E GRUPPI APPARTAMENTO Approvato dalla Conferenza

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIO SANITARIE AGEVOLATE IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5

Dettagli

Comune di Coccaglio Provincia di Brescia. Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI

Comune di Coccaglio Provincia di Brescia. Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI Comune di Coccaglio Provincia di Brescia Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI Approvato con delibera C.C. n 34 del 21.06.2010 Deliberazione C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA

REGOLAMENTO GENERALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA REGOLAMENTO GENERALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA Articolo 1 Finalità. 1. Il presente Regolamento disciplina l erogazione delle prestazioni assistenziali di cui all art. 3, comma 2

Dettagli

TABELLA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DI COMPETENZE DELL ENTE.

TABELLA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DI COMPETENZE DELL ENTE. Comune di Sperone Provincia di Avellino TABELLA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DI COMPETENZE DELL ENTE. APPROVATA CON DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 70 DEL 26.9.2013. ******************************************

Dettagli

Comune di Trezzano Rosa (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI

Comune di Trezzano Rosa (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI Comune di Trezzano Rosa (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI Ultime modifiche apportate con deliberazione C.C. n. 43 del 15.09.2003 2 TITOLO I PRINCIPI GENERALI...4 Art.

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO PROVINCIA DI PORDENONE CAP 33078 L.R.6/2003 ART.6 e L.431/98 ART.11 INTERVENTI A SOSTEGNO DELLE LOCAZIONI ASSESSORATO ALLA TUTELA SOCIALE Vista la Legge Regionale 07.03.2003

Dettagli

Contributi e agevolazioni per famiglie

Contributi e agevolazioni per famiglie Contributi e agevolazioni per famiglie Opuscolo realizzato dall Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune di Signa Febbraio 2014 Bonus sociale tariffe energetiche: luce e gas Il valore del Bonus è differenziato

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE Servizio sociale dei comuni Ambito Distrettuale Sud 6.3 C O M U N E DI Z O P P O L A PROVINCIA DI PORDENONE Via Romanò n. 14 CAP. 33080 tel. 0434/577509 fax 0434/574390 C.F. 80000950933 P.I. 00194930939

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI D INTEGRAZIONE AL REDDITO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI D INTEGRAZIONE AL REDDITO IV Settore Viale dell Università, 2/A - Tel. 0824772688 Fax 0824326211 E-Mail: ufficiodipianob1@libero.it REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI D INTEGRAZIONE AL REDDITO Approvato con Delibera

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI (Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 in data 09/03/1995)

Dettagli

COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera della Giunta Comunale n. 51 del 25/05/2002 INDICE Art. 1 - oggetto pag. 2 Art. 2 - finalità

Dettagli

REQUISITI PER LA PARTECIPAZIONE AL BANDO ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI SERIATE

REQUISITI PER LA PARTECIPAZIONE AL BANDO ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI SERIATE REQUISITI PER LA PARTECIPAZIONE AL BANDO ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (Regolamento Regionale n. 1/2004 e s.m.i.- LL.RR.27/2009) COMUNE DI SERIATE Dal 5 ottobre al 14 dicembre

Dettagli

Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 41955/15 del 15 giugno 2015. Pagina 1 di 18

Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 41955/15 del 15 giugno 2015. Pagina 1 di 18 REGOLAMENTO SULLA COMPARTECIPAZIONE DA PARTE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI D ASSISTENZA DOMICILIARE, PASTI A DOMICILIO E RETTA DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI

Dettagli