INDICE ISU-598:2014/IT1B (IT)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE ISU-598:2014/IT1B (IT) 16.06.2014"

Transcript

1

2

3 ISU-598:2014/IT1B (IT) INDICE 1. INTRODUZIONE AVVERTENZE IMPORTANTI DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO CARATTERISTICHE TECNICHE COSTRUZIONE E DATI TECNICI DELL APPARECCHIO Principali componenti dello scaldabagno Dati tecnici DISPOSITIVI DI SICUREZZA INSTALLAZIONE DELLO SCALDABAGNO REGOLE DI INSTALLAZIONE PIÙ IMPORTANTI Luogo d installazione Ventilazione Impianto di scarico dei gas combusti Impianto del gas ATTIVITÀ PRELIMINARI AL MONTAGGIO FISSAGGIO DELLO SCALDABAGNO ALLACCIAMENTO AL TUBO DEL GAS ALLACCIAMENTO ALL IMPIANTO DELL ACQUA ALLACCIAMENTO AL CONDOTTO DEL CAMINO UTILIZZO DELLO SCALDABAGNO PREPARAZIONE DELL APPARECCHIO PER LA PRIMA MESSA IN FUNZIONE MESSA IN FUNZIONE REGOLAZIONE DELLA PORTATA E DELLA TEMPERATURA DELL ACQUA SPEGNIMENTO DELLO SCALDABGNO ADATTAMENTO ALLA COMBUSTIONE DI UN ALTRO TIPO DI GAS SOSTITUZIONE DEGLI OTTURATORI E DEI RACCORDI DI BLOCCAGGIO NEL GRUPPO DELLA VALVOLA ACQUA-GAS SOSTITUZIONE DEGLI UGELLI DEL BRUCIATORE PRINCIPALE SOSTITUZIONE DELL UGELLO DEL BRUCIATORE DELLA FIAMMA PILOTA I VALORI DI PRESSIONE ED I CONSUMI DI GAS MANUTENZIONE PULIZIA DELLO SCAMBIATORE DI CALORE DAI DEPOSITI E DISINCROSTAZIONE MANUTENZIONE DEL BRUCIATORE PRINCIPALE PULIZIA DEL FILTRO DELL ACQUA PULIZIA DEL FILTRO DEL GAS CONTROLLO DEL SISTEMA DI SICUREZZA Controllo della protezione contro la fuoriuscita dei gas combusti nel locale Controllo della protezione contro il surriscaldamento dello scambiatore di calore DIAGNOSTICA DIAGNOSTICA DEL SISTEMA DI ACCENSIONE CONTROLLO DEL SISTEMA DI ACCENSIONE CONTROLLO DELLE BOBINE DELLA VALVOLA DIFFERENZIALE DI PRESSIONE GUASTI CAUSE E RIMEDI...12

4 2 1. INTRODUZIONE ISU-598:2014/IT1B L oggetto del presente manuale d uso sono gli scaldabagni a gas destinati alla produzione di acqua calda sanitaria, adattati ad uno oppure molti punti di presa dell acqua (per es. doccia, rubinetto del lavandino ecc.). Tutte le informazioni, disegni e specifiche contenute nel presente manuale d uso si basano sui dati più attuali del prodotto, accessibili durante la pubblicazione. Il produttore si riserva il diritto di apportare modifiche nella costruzione dello scaldabagno, senza indicarle nel manuale d uso, se tali modifiche non influiscono sulle proprietà dell utilizzo e caratteristiche tecniche del prodotto. La durata ed affidabilità degli scaldabagni dipendono in modo fondamentale dall adeguata installazione e il modo di utilizzo, nonchè dagli interventi di manutenzione eseguiti adeguatamente sia nel momento che nel modo giusti Avvertenze importanti Leggere, prima di iniziare l installazione ed utilizzo dello scaldabagno. Gli apparecchi a gas, che sono stati ammessi all utilizzo e marchiati sono sicuri, se utilizzati in conformità alla destinazione e con l osservanza delle determinate regole di installazione ed utilizzo. Il manuale di installazione, servizio ed uso costituisce una parte integrale e fondamentale dello scaldabagno, deve essere conservata durante tutto il periodo dell utilizzo e letta attentamente, perché contiene tutte le informazioni ed avvertimenti riguardanti la sicurezza durante l installazione, uso e manutenzione, che devono essere rispettati. Nel caso di trasferimento dell apparecchio ad altro utilizzatore, bisogna dotarlo del manuale di installazione, servizio ed uso. L installazione, impostazione e regolazione dello scaldabagno deve essere affidata al Centro Assistenza Tecnica autorizzato BAXI. L installazione deve essere fatta secondo le prescrizioni delle norme UNI e CEI, della legislazione vigente e nell osservanza della normativa tecnica locale, secondo le indicazioni della buona tecnica. In particolare devono essere rispettate le norme UNI 7129 e le norme CEI 64-8 e Il locale in cui può essere installato lo scaldabagno deve assicurare: lo scarico dei gas combusti tramite il tubo al condotto di scarico fumi individuale, con il tiraggio richiesto; la ventilazione affluente - effluente funzionante, conforme alle indicazioni contenute nel presente manuale d uso e le normative in vigore (punto 3). Il mancato adeguamento alle esigenze sopraindicate, mette a rischio la sicurezza dell utilizzatore e può anche causare il guasto del prodotto, per es. il gelo del circuito dell acqua. L installazione ed avviamento dell apparecchio potrà avvenire soltanto a termine dei lavori edili e di montaggio, nel locale in cui dovrà essere installato lo scaldabagno. È inammissibile l installazione ed avviamento dello scaldabagno nel locale in cui sussistono i lavori edili. Sull impianto dell acqua e del gas dovranno essere montati adeguati filtri, che non sono in dotazione allo scaldabagno. Lo scaldabagno deve essere manovrato esclusivamente da personale qualificato. Non effettuare coi propri mezzi nessuna manipolazione sugli elementi, né riparazione o modifica. Tutte le modifiche che rimpiccioliscono la luce delle aperture di ventilazione affluente (la copertura, il tamponamento) e dei condotti effluenti e di scarico fumi, sia nel locale che nell apparecchio, sono vietati. Non conservare nelle vicinanze dello scaldabagno contenitori con sostanze infiammabili, aggressive o fortemente corrosive. Sugli apparecchi e condotti di scarico fumi, o nelle vicinanze di essi, non si possono mettere o asciugare vestiti ed altri oggetti infiammabili. L assistenza tecnica e la manutenzione dello scaldabagno potrà essere effettuata esclusivamente da un Centro Assistenza Tecnica autorizzato BAXI. L inadempimento alle raccomandazioni di cui al presente manuale d uso, e la mancata realizzazione delle indicazioni ivi comprese da parte degli installatori e dell utilizzatore, non possono costituire oggetto di rivendicazione di garanzia. Attenzione: per preservare la durata e le caratteristiche di efficienza dell apparecchio è obbligatoria l installazione di un dosatore di polifosfati in presenza di acque le cui caratteristiche possono provocare l insorgenza di incrostazioni calcaree. Per il D.P.R. 59/09 è obbligatorio trattare l acqua di alimentazione con durezza temporanea maggiore o uguale a 25 gradi francesi per il circuito di riscaldamento e maggiore uguale di 15 gradi francesi per l acqua sanitaria, mediante trattamento chimico (secondo UNI 8065) di condizionamento per potenze 100 kw o di addolcimento per potenze > 100 kw. Il mancato rispetto di quanto sopra comporta il decadimento della garanzia. Si esclude qualsiasi responsabilità del produttore per i danni causati dall errata installazione o dall utilizzo non corretto, che risultano dall inosservanza delle istruzioni indicate dal produttore, e delle norme vigenti. Prima della messa in servizio dell apparecchio, prendendosi cura della propria sicurezza, verificare che : 1. Sia assicurato il flusso costante dell aria, necessario per la combustione del gas. 2. Il prodotto sia stato collegato al condotto scarico fumi individuale e sia libero il canale di ventilazione. Sentendo l odore del gas: 1. Non usare i selettori elettrici che possono causare una scintilla. 2. Aprire le porte e le finestre. 3. Chiudere la valvola principale del gas. 4. Chiamare l assistenza tecnica qualificata. 5. Se il gas fuoriesce per la mancanza di tenuta della valvola della bombola di gas, chiudere la valvola, staccare la bombola e portarla fuori. 6. Nel caso di accensione del gas che fuoriesce dalla valvola della bombola di gas gettare una coperta bagnata sopra la bombola per soffocare il fuoco, e successivamente bagnarla con l acqua per raffreddare la bombola e permettere la completa chiusura della valvola. Nel caso in cui si manifesta l avaria: 1. Chiudere la valvola del gas. 2. Chiudere la valvola dell acqua, nel caso in cui si verifichi la possibilità di allagamento. 3. Nel caso in cui si verifichi la possibilità di congelamento dello scaldabagno, bisogna scaricarne l acqua.

5 ISU-598:2014/IT1B (IT) Sentendo l odore dei gas combusti: 1. Spegnere lo scaldabagno, chiudendo la presa di acqua calda, oppure scollegare lo scaldabagno dalla rete di alimentazione elettrica, 2. Aprire le porte e le finestre. 3. Dopo l aerazione riavviare per un breve periodo lo scaldabagno e controllare, se l odore dei gas combusti persiste ancora. In caso affermativo, chiamare un tecnico abilitato oppure l azienda specializzata nella pulizia e nel controllo delle canne fumarie, per verificare l efficienza di funzionamento del sistema di scarico dei gas combusti. 2. DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 2.1 Caratteristiche tecniche Accensione elettronica con il controllo ionizzante della fiamma. Protezione contro il peggioramento del tiraggio, ed emissione dei gas di scarico nel locale. Protezione contro il surriscaldamento dello scambiatore di calore. Regolazione proporzionale della potenza. Scaldabagno funzionante a pressione normale, per l impianto dell acqua da 20 a 1000 kpa (da 0,2 a 10,0 bar). Gli scaldabagni a gas Acquaprojet a camera aperta sono del tipo B 11BS, ciò significa che sono adattati al collegamento con il condotto individuale di scarico fumi, che scarica i prodotti di combustione fuori del locale d installazione tramite il tiraggio naturale, e l aria da combustione viene prelevata direttamente dal locale in cui sono installati. Sono dotati di sistemi di protezione contro il peggioramento del tiraggio ed emissione dei gas di scarico nel locale d installazione. Sono stati applicati gli accessori per l acqua e gas, che permettono una regolazione proporzionale della potenza, ciò permette l ottenimento della temperatura costante in uscita. L avviamento (accensione del bruciatore di accensione e bruciatore principale) dello scaldabagno avviene automaticamente durante ogni apertura del rubinetto dell acqua tramite l accensione elettronica. Lo spegnimento avviene dopo la chiusura della valvola a rubinetto. Tra le principali caratteristiche degli scaldabagni Acquaprojet vi è il basso flusso dell acqua che aziona l apparecchio l apparecchio (3,2 lt/min circa). Ogni scaldabagno è adattato durante la fase di produzione alla combustione di un solo tipo del gas e può essere utilizzato soltanto per questo tipo di gas. La sigla del tipo dello scaldabagno, del gruppo e tipo di gas e la pressione di collegamento, per cui lo scaldabagno è stato adattato, Ѐ riportata sull imballaggio e sulla targhetta dati. L adattamento dello scaldabagno per un altro tipo di gas, può essere effettuato da un Centro Assistenza Tecnico qualificato BAXI, in conformità al punto Costruzione e dati tecnici dell apparecchio Principali componenti dello scaldabagno Bruciatore principale 2. Gruppo del bruciatore di accensione 3. Gruppi acqua e gas 4. Scambiatore di calore 5. Cappa fumi 6. Generatore della scintilla 7. Scheda elettronica 10. Sensore fumi 11. Termostato di sovratemperatura Fig Principali componenti dello scaldabagno 7 3

6 ISU-598:2014/IT1B (IT) Bruciatore principale 2. Gruppo del bruciatore di accensione Elettrodo (candela) di accensione Elettrodo (candela) di rilevazione 3. Gruppi acqua e gas 3.1. Manopola regolazione portata del gas 3.2. Manopola regolazione portata dell acqua 3.3. Filtro del gas 3.4. Filtro dell acqua di ingresso 3.5. Valvola differenziale di pressione Bobina della I valvola differenziale di pressione Bobina della II valvola differenziale di pressione 3.7. Vite di regolazione del microinterruttore 3.8. Vite di regolazione bassa portata dell acqua 4. Scambiatore di calore 6. Scheda elettronica 7. Sede delle pile 10. Sensore fumi 11. Termostato di sovratemperatura 13. Spia luminosa LED Fig Schema di principio 3.6 Fig Schema elettrico 2. Gruppo del bruciatore di accensione 2.1. Elettrodo (candela) di accensione 2.2. Elettrodo (candela) di rilevazione Valvola differenziale di pressione Bobina della I valvola differenziale di pressione Bobina della II valvola differenziale di pressione Microinterruttore 6. Generatore di scintilla 7. Sede delle pile 8. Gruppo dei cavi del generatore 10. Sensore fumi 11. Termostato di sovratemperatura 13. Spia luminosa LED 4

7 2.2.2 Dati tecnici ISU-598:2014/IT1B (IT) Parametro Unità 11 i 13 i Potenza termica nominale kw 19,2 22,6 Potenza termica minima kw 7,7 9,1 Carico termico nominale kw 21,8 26,0 Carico termico minimo kw 8,8 10,5 Rendimento termico % Consumo nominale del gas 1) del bruciatore principale gas: m 3 /h 2,3 2H-G20 3+-G30/G31 kg/h 1,7 1) consumo dei singoli gas è stato indicato per i gas di riferimento nelle condizioni di riferimento (15 C, pressione 1013 mbar) prendendo in considerazione l 87% del rendimento dello scaldacqua Pressione cinetica nominale del gas prima dell apparecchio gas 2H-G20 kpa (mbar) 2,0 (20) 3+-G30/G31 3,0/3,7 (30/37) Pressione di esercizio dell acqua kpa (bar) (0,2 10) Portata acqua calda ( t 50 0 C) Portata acqua calda ( t 25 0 C) lt/min lt/min 3,2 5,7 5,7 11,5 3,2 6,5 6,5 13 Temperatura massima dell acqua di uscita 0 C 65 Allacciamento di scarico dei gas combusti (diametro interno) mm Dimensioni d ingombro: altezza / larghezza / profondità mm 585/360/220 Peso kg 10 10,5 Distanza tra i tubi d installazione mm Fig Allacciamento del gas pollici G 1/2 G 3/4 Allacciamento dell acqua fredda pollici G 1/2 Allacciamento dell acqua calda pollici G 1/2 2.3 Dispositivi di sicurezza Protezione contro la fuoriuscita dei gas combusti nel locale: è composta dal sensore fumi (pos. 10) inserito in serie al circuito elettrico di alimentazione. Il compito di tale protezione è la chiusura della valvola principale del gas e la chiusura dell afflusso di gas al bruciatore quando nel condotto scarico fumi il tiraggio è inferiore a 3 Pa, oppure è in sovrappressione. Dopo lo spegnimento dello scaldabagno per la protezione bisogna chiudere il rubinetto dell acqua calda. Dopo 10 minuti circa (per permettere il raffreddamento del sensore fumi, questo tempo dipende tra l altro dalla temperatura nel locale), la protezione verrà sbloccata automaticamente. Dopo l apertura della valvola a rubinetto dell acqua calda scorrerà nuovamente l acqua calda. Nel caso di spegnimenti che si ripetono più spesso, causati dalla protezione, bisogna chiedere una verifica di correttezza del tiraggio da parte di un Centro Assistenza Tecnico autorizzato. È vietato disattivare il funzionamento della protezione contro la mancanza del tiraggio. Non è consentita nessuna modifica fatta in proprio riguardante la protezione. La disattivazione oppure danneggiamento della protezione può causare la fuoriuscita dei gas combusti nel locale. Protezione contro la fuoriuscita di gas: il controllo ionizzante della fiamma crea la chiusura del flusso del gas al bruciatore, dal momento dello spegnimento della fiamma sul bruciatore. Protezione contro il surriscaldamento dello scambiatore di calore: il termostato di sicurezza (pos. 11 fig ) scatterà nel caso in cui l acqua che si trova nello scambiatore superi la temperatura di 95 C, chiudendo l afflusso del gas al bruciatore principale. Non è ammessa l esecuzione di modifiche nei circuiti di protezione dello scaldacqua fatte senza l autorizzazione. 3. INSTALLAZIONE DELLO SCALDABAGNO Affidare l installazione dello scaldabagno a personale in possesso di adeguate abilitazioni professionali. L allacciamento dello scaldabagno all impianto dell acqua, del gas e di scarico dei gas combusti, e il locale in cui deve essere installato lo scaldabagno devono essere conformi alle normative e prescrizioni vigenti. All installazione avvenuta dello scaldabagno, bisogna effettuare il controllo dell ermeticità di tutti i collegamenti del gas e dell acqua. Lo schema dell impianto dell acqua, del gas e di scarico dei gas combusti è stato rappresentato in Figura OSSERVAZIONE: I cavi ed elementi dell impianto di collegamento (i filtri, le valvole) dell acqua, del gas e di scarico dei gas combusti, non sono in dotazione dello scaldabagno. 3.1 Regole di installazione più importanti Luogo d installazione Gli scaldabagni a gas non possono essere installate nei locali abitabili (dove soggiornano sempre le persone). Cubatura del locale non inferiore a 8 m 3. Altezza del locale non inferiore a 2,2 m. 2,8 2,0 5

8 ISU-598:2014/IT1B (IT) Ventilazione Ventilazione affluente Nel locale in cui è stato installato lo scaldabagno deve trovarsi una griglia di ventilazione di superficie non inferiore a 200 cm 2, il cui bordo inferiore deve essere collocato all altezza che non superi i 30 cm sopra il livello del pavimento. Si ammette l alimentazione dell aria esterna dai locali circostanti, dotati anch essi di una griglia di ventilazione di superficie non inferiore a 200 cm 2. Ventilazione di espulsione (cappa fumaria) Nel locale in cui è stato installato lo scaldabagno deve trovarsi una griglia di ventilazione di superficie non inferiore a 200 cm 2, collocato possibilmente vicino al solaio. L utilizzo di un sistema di ventilazione meccanica di espulsione è inammissibile Impianto di scarico dei gas combusti Lo scaldabagno deve essere installato il più vicino possibile al condotto scarico fumi individuale, e in un posto non esposto al gelo. Le sezioni trasversali del condotto del camino ed anche del condotto scarico fumi devono essere uguali su tutta la lunghezza. Il condotto scarico fumi deve uscire dall apparecchio verticalmente (minimo i 220 mm) al primo raccordo a gomito. Il tratto orizzontale che porta al condotto scarico fumi con l alzata minima del 5% (3º circa) non deve superare la lunghezza di 2m (Fig ). La lunghezza del condotto scarico fumi deve essere non inferiore a 2 m. La superficie interna del condotto scarico fumi e del condotto fumi deve essere resistente a loro interreazione distruttiva. Il collegamento dello scaldabagno al condotto scarico fumi deve essere effettuato da personale tecnico qualificato Fig Per assicurare il funzionamento corretto dello scaldabagno l impianto di scarico fumi deve assicurare il tiraggio non inferiore a 3 Pa (0,03 mbar) e non superiore a 15 Pa (0,15 mbar) Impianto del gas Fig Schema dell impianto dell acqua, gas e scarico dei gas combusti Gli apparecchi a gas devono essere collegati in modo fisso con i tubi dell impianto del gas (di acciaio o di rame), oppure con l utilizzo di tubi flessibili di metallo. Impianto del gas liquefatto Nel locale in cui si trova l apparecchio alimentato a gas, può esserci soltanto una bombola a gas collegata ad esso, di capacità fino a 11 kg. Gli apparecchi alimentati a gas liquefatto non possono essere installati nei locali in cui il livello del pavimento si trova al di sotto del terreno circostante. Le bombole devono trovarsi a distanza almeno di 1,5 m dalle superfici che emettono il calore (i termosifoni, le stufe ecc.). Le bombole non possono essere esposte alla radiazione dei bruciatori di focolari aperti. Le bombole devono essere messe in posizione verticale, protette dalla caduta, urto, accesso dei bambini ecc. Le bombole devono trovarsi a distanza di almeno 1 m dagli apparecchi che possono creare la scintillazione, per es. i contatori elettrici. La temperatura del locale in cui deve rimanere la bombola riempita di gas non può superare C. Gli apparecchi a gas devono essere collegati con il riduttore di pressione del gas sulla bombola tramite il tubo flessibile che non superi 3 m di lunghezza, resistenza alla pressione di almeno 300 kpa, resistente ai componenti del gas liquefatto, guasti meccanici e temperatura di 60 0 C. Apparecchi a gas di potenza termica che superano i 10 kw devono essere collegati con il tubo flessibile di acciaio di lunghezza almeno 0,5 m. Raccomandazione: Visto che l utilizzo dello scaldabagno su una bombola di capacità 11 kg basta per un breve periodo di tempo, si consiglia l utilizzo del completo di bombole da 11 kg, cioè la cosiddetta batteria, oppure una bombola di capacità superiore a 11 kg. Tale batteria (massimo 10 pz. di bombole) oppure una bombola più grande, devono essere messe fuori dall edificio. L impianto a gas deve essere dotato di un riduttore di pressione, che permette l abbassamento della pressione 3,7 kpa (37 mbar). 3.2 Attività preliminari al montaggio Durante i lavori di installazione bisogna controllare se: lo scaldabagno è adattato dal produttore al gas che si trova nell impianto a gas a cui deve essere collegato. Il tipo di gas, a cui è stato adattato lo scaldabagno è indicato sull imballo e targhetta dati. l impianto dell acqua è stato sciacquato adeguatamente con lo scopo di eliminare la ruggine, scorie, sabbia ed altri oggetti, che potrebbero disturbare il funzionamento dello scaldacqua (per es. aumentare le resistenze di flusso dell acqua nell impianto). 6

9 ISU-598:2014/IT1B Fissaggio dello scaldabagno Lo scaldabagno deve essere installata sulla parete di materiali non infiammabili, oppure isolarla dalla parete di materiali infiammabile con una piastra di materiale ignifugo. Nel caso di copertura dello scaldabagno con la parete di mobili, bisogna assicurare l afflusso dell aria per una corretta combustione del gas (Fig ). Non montare lo scaldabagno nei pressi di altri apparecchi il cui esercizio potrebbe causare disturbi nel suo funzionamento (per es. sopra il fornello in cui escono i vapori). Il montaggio dello scaldabagno sui ganci fissati in modo permanente nella parete deve essere effettuato tramite l utilizzo dei due fori rettangolari nella piastra del supporto del mantello posteriore. Fig Le distanze di montaggio richieste 3.4 Allacciamento al tubo del gas L allacciamento al tubo del gas è stato rappresentato in Fig La dimensione del tubo di giunzione del gas è G1/2 (11i) o G3/4 (13i). Prima dell apparecchio bisogna montare sull impianto la valvola di arresto, e dopo la valvola un filtro del gas. L Installazione del filtro del gas è necessario per un esercizio corretto, affidabile e durevole del gruppo del gas e del bruciatore. Il filtro non è compreso nella dotazione dello scaldabagno. 3.5 Allacciamento all impianto dell acqua L allacciamento all impianto dell acqua è stato rappresentato in Fig La dimensione del tubo di giunzione dell acqua è G1/2. Prima dello scaldabagno bisogna montare sull impianto una valvola di arresto. L allacciamento dello scaldabagno all impianto dell acqua deve essere effettuato con l utilizzo di tubi flessibili commerciali, oppure tubi rigidi. I tubi non sono compresi nella dotazione dello scaldabagno. Attenzione: per preservare la durata e le caratteristiche di efficienza dell apparecchio è obbligatoria l installazione di un dosatore di polifosfati in presenza di acque le cui caratteristiche possono provocare l insorgenza di incrostazioni calcaree. Per il D.P.R. 59/09 è obbligatorio trattare l acqua di alimentazione con durezza temporanea maggiore o uguale a 25 gradi francesi per il circuito di riscaldamento e maggiore uguale di 15 gradi francesi per l acqua sanitaria, mediante trattamento chimico (secondo UNI 8065) di condizionamento per potenze 100 kw o di addolcimento per potenze > 100 kw. Il mancato rispetto di quanto sopra comporta il decadimento della garanzia. 3.6 Allacciamento al condotto del camino I gas combusti dallo scaldabagno devono essere scaricati al condotto di scarico fumi individuale tramite un tubo di diametro esterno di 110 mm (11i) o 130 mm (13i), realizzato in materiale protetto dalla corrosione O114 / O A ingresso gas (11i) A ingresso gas (13i) B ingresso acqua fredda C uscita acqua calda Fig Le dimensioni principali di installazione (in mm) 7

10 ISU-598:2014/IT1B (IT) UTILIZZO DELLO SCALDABAGNO 4.1 Preparazione dell apparecchio per la prima messa in funzione Prima della messa in funzione dello scaldabagno bisogna: riempire l impianto dell acqua in modo tale che dopo l apertura del rubinetto dell acqua calda scorra l acqua. Tale operazione garantisce l adeguato riempimento di acqua dello scaldabagno, e di conseguenza il corretto esercizio. ruotare il selettore d impostazione della portata del gas e della temperatura spingere fino alla resistenza, prendendo in considerazione il loro posizionamento verso i selettori interni. aprire la sede portapile e tirando verso di se il coperchio. Nella sede portapile bisogna inserire le pile facendo attenzione alla polarità. In seguito chiudere a scatto il coperchio del portapile. Le pile non sono nella dotazione dello scaldabagno. Il produttore consiglia l uso di pile destinate ad alimentazione di apparecchiature radio televisive. Le pile scariche non possono essere rigenerate in nessun modo, non scaldarle, ne gettarle nel fuoco pericolo di esplosione. Fig Apertura della sede delle pile. 4.2 Messa in funzione Avviando lo scaldabagno occorre: Aprire la valvola del gas prima dello scaldabagno (per il gas condensato GPL aprire la valvola sulla bombola). Portare il selettore della portata di gas dalla posizione,,о in una delle 4 posizioni della potenza termica dello scaldabagno (il movimento a passo del selettore). Dopo l apertura del rubinetto dell acqua calda si sentirà il salto di scintilla elettrica (circa 6 al sec.) sul bruciatore di accensione. Dopo un attimo si accenderà il gas sul bruciatore di accensione, e subito dopo sul bruciatore principale. Nel caso di posizione del selettore della portata del gas in posizione,,о il generatore della scintilla produce una scintilla entro i 70 secondi e il gas sul bruciatore di accensione e bruciatore principale non si accenderà. Durante il primo avviamento bisogna disaerare l impianto ed accessori del gas. Per tale motivo, il tempo di primo avviamento può durare più di 20 secondi. In questo modo lo scaldabagno è pronto all utilizzo. Dopo l apertura del rubinetto dell acqua calda avviene l accensione automatica del bruciatore di accensione, e da esso l accensione del gas sul bruciatore principale dopo un attimo di tempo scorrerà l acqua scaldata. Dopo la chiusura del rubinetto dell acqua calda, avverrà la chiusura dell afflusso del gas al bruciatore di accensione e bruciatore principale. 4.3 Regolazione della portata e della temperatura dell acqua Gli scaldabagni Acquaprojet i sono dotati di moderni regolatori dell acqua e del gas che garantiscono una regolazione proporzionale della potenza, ciò permette il raggiungimento della temperatura costante dell acqua in uscita. Il tubo di ingresso acqua fredda è dotato del regolatore di flusso dell acqua, che permette una regolazione scorrevole. Se il selettore d impostazione della temperatura (Fig ) è posizionato fino al termine corsa a destra, si ottiene un piccolo getto di acqua, cioè i 5,7 lt/min per 11 i e 6,5 lt/min per 13 i e la più alta temperatura (con l impostazione del selettore della portata di gas nella posizione estrema, a sinistra), invece il getto di acqua ancora più piccolo si ottiene grazie alla diminuzione del flusso, tramite la valvola a rubinetto. Se il selettore d impostazione della temperatura è posizionato fino alla resistenza a sinistra, si ottiene un grande getto di acqua, cioè 11,5 lt/min per 11 i e 13 lt/min per 13 i di temperatura più bassa (l impostazione del selettore della portata di gas come precedentemente). Dopo il posizionamento del selettore d impostazione della temperatura nelle posizioni intermedie, gli incrementi della temperatura dell acqua variano in modo inversamente proporzionale alla quantità dell acqua. Diminuendo, tramite il selettore d impostazione della temperatura dell acqua, il getto di acqua nello scaldabagno 11 i da circa 11,5 a circa 5,7 lt/min, e nello scaldabagno 13 i da circa 13 a circa 6,5 lt/min, l incremento della temperatura dell acqua varia da circa 25 a circa 50 C. La tempe ratura dell acqua (in una qualsiasi posizione di esercizio del regolatore di flusso dell acqua) può essere regolata con il selettore della portata del gas. Spia luminosa LED lampadina rossa luce lampeggiante segnala la tensione di alimentazione non sufficiente (pile scariche) Spia luminosa LED lampadina gialla luce fissa segnala il funzionamento dello scaldabagno Selettore d impostazione della portata del gas Selettore d impostazione della temperatura Fig Elementi di regolazione e funzione 8

11 ISU-598:2014/IT1B (IT) Spegnimento dello scaldabgno Per mettere lo scaldabagno fuori servizio bisogna ruotare il selettore della portata del g as a destra, fino alla resistenza, in pos. O (Fig ). Se l apparecchio deve rimanere a lungo fuori servizio, bisogna chiudere la valvola del gas prima dello scaldabagno oppure la valvola sulla bombola con il gas condensato (GPL). Se esiste la possibilità che nel locale in cui è installata lo scaldabagno, la temperatura possa scendere a 0 C, bisogna necessariamente svuotare lo scaldabagno dall acqua. A tale scopo bisogna chiudere l afflusso dell acqua fredda allo scaldabagno, e in seguito svitare il dado del tubo di allacciamento dell acqua al gruppo idrico ed aprire il rubinetto dell acqua calda. 5. ADATTAMENTO ALLA COMBUSTIONE DI UN ALTRO TIPO DI GAS ATTENZIONE! I gas adatti per la conversione degli apparecchi sono indicati sulla targa dei dati nella sigla della categoria dell apparecchio: Categoria: II 2H 3P II 2H 3B/P Lo scaldabagno è predispostio per la combustione di 2 famiglie di gas Denominazione gas Famiglia di gas Gruppo del gas Tipo di gas 2H-G20-20mbar seconda gas naturale 9 Pressione nominale del gas in ingresso H G20 20 mbar 3P-G31-37mbar P G31 37 mbar terza 3B/P-G30-30mbar B/P G30 30 mbar gas liquefatto 3+-G30/G /37mbar La trasformazione ad altro tipo di gas deve essere eseguita da un CENTRO ASSISTENZA TECNICA AUTORIZZATO. Il tipo di gas per cui è stato predisposto lo scaldabagno fornito dal produttore è indicato sulla targa dati. In caso di necessità di cambio del gas occorre controllare sulla targa dati al quale tipo di gas l apparecchio può essere transformato. Famiglia 2 i gas naturali: 2H-G20-20mba B/P G30/ G /37mbar Per adattare lo scaldabagno ad un gas diverso da quello di taratura procedere nel modo seguente: sostituire gli otturatori e raccordi di bloccaggio nel gruppo della valvola acqua-gas dello scaldabagno, sostituire gli ugelli del bruciatore principale, nel caso di passaggio dal gas naturale al gas liquefatto oppure al contrario, sostituire il gruppo del bruciatore della fiamma pilota,, sostituire gli ugelli del bruciatore della fiamma pilota, controllare la tenuta gas Sostituzione degli otturatori e dei raccordi di bloccaggio nel gruppo della valvola acqua-gas Sotto il coperchio del gruppo della valvola acqua-gas si trova la valvola gas (regolabile tramite una manopola di regolazione della portata di gas) con il cono della valvola, l otturatore gas II, il raccordo di bloccaggio. Per adattare il gruppo della valvola acqua-gas ad un gas diverso procedere nel modo seguente: smontare il coperchio svitando le due viti, estrarre l otturatore con l aiuto di una pinza, estrarre il raccordo di bloccaggio con l aiuto di una pinza, infilare l otturatore II nuovo sull albero del cono di valvola gas, infilare il raccordo di bloccaggio nuovo badando di non danneggiare l anello di tenuta, rimontare il coperchio assicurandosi del corretto posizionamento della leva rispetto al microinterruttore. Dentro il foro di uscita dei gas dal gruppo della valvola acqua-gas si trova la valvola di arresto/apertura del flusso idraulico con il cono della valvola, l otturatore gas I, il raccordo di bloccaggio e il fermaglio. Per adattare il gruppo della valvola acqua-gas ad un gas diverso procedere nel modo seguente: smontare il bruciatore della fiamma pilota e il bruciatore principale, estrarre l otturatore con l aiuto di una pinza, estrarre il fermaglio con l aiuto di un cacciavite, estrarre il raccordo di bloccaggio con l aiuto di una pinza, infilare l otturatore I nuovo sull albero del cono di valvola gas, infilare il raccordo di bloccaggio nuovo badando di non danneggiare l anello di tenuta, proteggere il raccordo di bloccaggio tramite il fermaglio badando di far scattare il fermaglio sulla scanalatura. Famiglia 3 i gas liquefatti: 3P-G31-37mbar 3B/P-G30-30mbar 3+-G30/G /37mbar raccordo di bloccaggio Fermaglio otturatore II raccordo di bloccaggio otturatore I

12 5.2 Sostituzione degli ugelli del bruciatore principale togliere le viti e separare la rampa ugelli dal bruciatore (4 viti),, svitare gli ugelli ed avvitare i nuovi ugelli (gli ugelli devono essere serrati a tenuta di gas. Badare a non danneggiare le filettature), rimontare la rampa ugelli e il bruciatore. ISU-598:2014/IT1B (IT) rampa ugelli ugello gruppo di miscelatore viti presa di pressione gas viti 5.3 Sostituzione dell ugello del bruciatore della fiamma pilota svitare la boccola di strozzamento, togliere gruppo del tubo di alimentazione del gas della fiamma pilota insieme con la boccola e l ugello, svitare l ugello ed avvitare il nuovo ugello, fissare il tutto al bruciatore della fiamma pilota con l aiuto della boccola di strozzamento. elettrodo di rivelazione elettrodo di accensione ugello gruppo del tubo di alimentazione del gas della fiamma pilota ATTENZIONE! Per la trasformazione dello scaldabagno ad altro tipo di gas utilizzare solo i componenti del kit di trasformazione adatto per un determinato tipo di gas. 5.4 I valori di pressione ed i consumi di gas Mettere in funzione lo scaldabagno, per accendere il gas al bruciatore. Collegare il manometro alla presa di pressione sulla rampa gas del bruciatore. Tipo di gas Campo della pressione cinetica del gas nella rete di distribuzione kpa (mbar) Consumo del gas 1) (dm 3 /min) 11 i Consumo del gas 1) (dm 3 /min) 13 i p min p nom p max da a da a 2H-G20 1,7 (17) 2,0 (20) 2,5 (25) 35,5 40,5 43,6 48,2 3P 3,0 (30) 3,7 (37) 4,2 (42) ,8 18,6 3B/P 2,5 (25) 3,0 (30) 3,5 (35) ,8 14,1 3+ 2,5/3,0 (25/30) 3,0/3,7 (30/37) 3,5/4,2 (35/42) 11/14 12/15 12,8/16,8 14,1/18,6 1) Consumo dei gas è stato indicato per i gas di riferimento nelle condizioni di riferimento (15 0 C, pressione 1013 mbar) prendendo in considerazione il rendimento dello scaldabagno del 87% Per il gas liquefatto impostare la pressione del gas al bruciatore tramite un riduttore posizionato sulla bombola di gas conformemente alla tabella. Collegare il manometro alla presa di pressione sulla rampa gas del bruciatore. Dopo aver eseguito la trasformazione dello scaldabagno occorre : Cancellare sulla targa i dati relativi al vecchio tipo di gas, Incollare l etichetta adesiva allegata al kit di trasformazione con il nuovo tipo di gas, nelle vicinanze della targhetta dello scaldabagno, Annotare l informazione sulla conversione dello scaldabagno ad altro tipo di gas sul manuale d uso. 6. MANUTENZIONE Per assicurare l utilizzo corretto e durevole dello scaldabagno bisogna effettuare le manutenzioni periodiche. Le revisioni e manutenzioni almeno una volta l anno devono essere effettuate da un CENTRO ASSISTENZA TECNICA AUTORIZZATO. Il campo delle operazioni di manutenzione è stato indicato di seguito. Prima di iniziare i lavori di manutenzione bisogna chiudere l afflusso del gas e dell acqua all apparecchio, e successivamente svuotarlo dall acqua. Prima della pulizia bisogna smontare il bruciatore e in seguito lo scambiatore di calore. 6.1 Pulizia dello scambiatore di calore dai depositi e disincrostazione Per assicurare una combustione completa del gas e mantenere un massimo rendimento di scambio del calore nello scaldabagno, si consiglia di mantenere le alette dello scambiatore di calore sempre pulite. La pulizia dello scambiatore di calore dai depositi richiede il suo smontaggio dallo scaldabagno e il risciacquo con un getto forte di acqua. Se esiste anche la necessità di disincrostazione dei tubi dello scambiatore di calore, allora tale operazione deve essere realizzata con l utilizzo dei mezzi accessibili al mercato, usati in conformità alle indicazioni del produttore. Le disincrostazioni possono essere anche eliminate con l utilizzo dell acido acetico di concentrazione pari a 10-20%, lasciandolo nello scambiatore per circa 3 ore. Dopo questa operazione, bisogna sciacquare accuratamente lo scambiatore con l acqua. Per la pulizia dello scambiatore di calore non devono essere MAI usate le spazzole metalliche, oppure altre spazzole di setole dure. Fig

13 ISU-598:2014/IT1B (IT) Manutenzione del bruciatore principale. Durante la manutenzione del bruciatore, pulire i coprigiunti sui segmenti con l utilizzo di una spazzola morbida (non metallica). Bisogna verificare che i coprigiunti oppure i segmenti non siano stati danneggiati. 6.3 Pulizia del filtro dell acqua Nel caso della verifica del flusso troppo basso dell acqua in uscita dallo scaldabagno e delle difficoltà con l accensione del bruciatore, bisogna chiudere la valvola sull afflusso dell acqua e la valvola del gas prima dell apparecchio. Controllare e pulire il filtro dell acqua sull impianto prima dello scaldabagno. Nei casi sporadici può intasarsi il filtro interno del blocco acqua e gas. Occorre allora smontare il blocco, togliere il filtro, pulirlo e rimontare tutto. (Fig.6.4.1). 6.4 Pulizia del filtro del gas Nel caso della verifica del flusso troppo basso del gas in uscita sul bruciatore principale e delle difficoltà con l accensione del bruciatore, bisogna chiudere la valvola sull afflusso dell acqua e la valvola del gas prima dell apparecchio. Controllare e pulire il filtro del gas sull impianto prima dello scaldabagno. Nei casi sporadici, quando manca il filtro sull impianto del gas prima dello scaldabagno, può intasarsi il filtro interno del blocco acqua e gas. Occorre allora smontare il blocco, togliere il filtro, pulirlo e rimontare tutto. (Fig.6.4.1). filtro del gas filtro dell acqua Fig Controllo del sistema di sicurezza Durante ogni revisione dell apparecchio, bisogna verificare la correttezza di funzionamento dei sistemi di protezione e l ermeticità degli accessori del gas Controllo della protezione contro la fuoriuscita dei gas combusti nel locale Il limitatore della temperatura (Fig pos. 10) che nello scaldabagno ha la funzione di protezione contro la fuoriuscita dei gas combusti nel locale, è tarato dal produttore per la temperatura 85±3 C. Per verificare la correttezza di taratura del limitatore, bisogna eseguire le seguenti operazioni: - preparare un contenitore di metallo con il termometro, - versare il liquido nel recipiente, - togliere il limitatore dal manico (svitare le viti), mettere nel contenitore, immergendo soltanto il cappuccio di metallo nel liquido, - scaldare il liquido alla temperatura di 82 C - a questa temperatura il limitatore non dovrebbe mettersi in funzione, - scaldare il liquido alla temperatura di 88 C - a questa temperatura il limitatore dovrebbe mettersi in funzione. Il limitatore della temperatura, che funziona correttamente, deve aprire i contatti nel campo delle temperature da 82 a 88 C Controllo della protezione contro il surriscaldamento dello scambiatore di calore Il limitatore della temperatura (Fig pos. 11) che nello scaldabagno ha la funzione di protezione contro il superamento del limite massimo della temperatura dell acqua, è tarato dal produttore per la temperatura 75±3 C. Il suo controllo avviene in modo analogico alla descrizione compresa nel punto Il limitatore della temperatura, che funziona correttamente deve aprire i contatti nel campo delle temperature da 72 a 78 C. Durante il rimontaggio degli elementi del circuito dell acqua e del gas bisogna usare le nuove guarnizioni. Le operazioni elencate nel punto 6 non entrano nel campo di riparazioni in garanzia. 7. DIAGNOSTICA Lo scaldabagno è sottoposto ad una serie di controlli sia durante la fase di produzione che a prodotto finito. Nonostante questo durante il suo l utilizzo possono verificarsi disturbi di funzionamento, causati per ragioni che non dipendono dal produttore. Allo scopo di facilitare la diagnosi di eventuali malfunzionamenti, essi sono stati elencati nella tabella sottostante. Servendosi delle informazioni elencate, si possono eliminare le operazioni infondate durante lo smontaggio dell apparecchio, riducendo con questo il tempo della riparazione. Prima della riparazione bisogna controllare: che l apparecchio sia adattato al gas della rete di alimentazione, se arriva il gas almeno con la pressione minima riportata, che la depressione nel condotto del camino sia pari a 3-15 Pa (0,03 0,15 mbar) lo stato delle pile 7.1 Diagnostica del sistema di accensione Dopo l apertura del rubinetto, l acqua che scorre nel lo scaldabagno deve causare l avviamento del processo di accensione del bruciatore principale, di cui indichiamo in seguito le seguenti fasi: chiusura dei contatti del microinterruttore Fig pos. 3.6, scintilla tra l elettrodo di accensione pos. 2.1 e testina del bruciatore di accensione pos.2, presenza della tensione sulla bobina I pos apertura della piccola valvola I nella valvola differenziale di pressione (la piccola valvola I nello stato di riposo è chiusa), accensione del gas sul bruciatore di accensione pos. 2 presenza della corrente di ionizzazione percettibile tramite l elettrodo di rilevazione pos. 2.2, 11

14 ISU-598:2014/IT1B (IT) presenza della tensione sulla bobina II pos chiusura della piccola valvola II nella valvola differenziale di pressione (la piccola valvola II nello stato di riposo è aperta), apertura della valvola principale del gas causata dalla differenza delle pressioni sotto e sopra la membrana nella valvola differenziale di pressione pos. 3.5, accensione del gas sul bruciatore principale pos Controllo del sistema di accensione Nel caso di verifica del malfunzionamento dell accensione bisogna effettuare un controllo del sistema di accensione, conformemente alle seguenti indicazioni: 1. Controllare la correttezza dei collegamenti elettrici, 2. Collegare il voltmetro al polo - (la molla nella sede delle pile pos.7), 3. Collegare il voltometro al polo + (la lamella nella sede delle pile pos.7), 4. Misurare la tensione: la tensione della pila deve essere di 1,5V 5. Misurare la tensione di alimentazione dopo la messo in servizio (l esercizio corretto del sistema è a tensione di 0,9 1,5V), 6. Controllare la tensione sulla protezione contro la fuoriuscita dei gas combusti nel locale pos.10 (la tensione sia come sulla pila), 7. Controllare la tensione sulla protezione contro il surriscaldamento dello scambiatore di calore pos.11 (la tensione sia come sulla pila), 8. Controllare la tensione sul morsetto 11 del generatore della scintilla pos.6 (la tensione sia come sulla pila), 9. Chiudere i contatti del microinterruttore pos.3.6. La chiusura dei contatti deve causare la scintilla tra l elettrodo di accensione pos. 2.1 e la molla sul tubetto del bruciatore di accensione pos.2, - controllare la tensione sui morsetti della bobina I pos (l esercizio corretto del sistema è a tensione 0,9 1,5V), - dopo la percezione della corrente di ionizzazione dall elettrodo di vigilanza (al momento dell apparizione della fiamma) controllare la tensione sui morsetti della bobina II pos (l esercizio corretto del sistema è a tensione 0,9 1,5V). 7.3 Controllo delle bobine della valvola differenziale di pressione È possibile effettuare il controllo di eventuali guasti delle bobine elettriche della valvola differenziale di pressione tramite la verifica della resistenza pura di tali bobine. Modo di misurazione della resistenza pura delle bobine: - togliere i manicotti dalle bobine, - collegare al corpo della valvola differenziale di pressione un cavo dell ohmmetro, - collegare l altro cavo ad un manicotto, ed in seguito ad un altro manicotto delle bobine controllate, leggendo ogni volta il valore di resistenza pura. Valori corretti della resistenza pura: Bobina I - 39Ω ± 20% Bobina II - 58Ω ± 20% 8. GUASTI CAUSE E RIMEDI No. Descrizione del problema Cause Rimedio Cavo dell elettrodo scollegato Ripristinare il collegamento Elettrodo guasto Controllare - sostituire Generatore della scintilla guasto Controllare - sostituire Scarica la pila oppure idrogeneratore guasto Controllare - sostituire Effettuare la regolazione del microinterruttore tramite avvitamento della vite sulla leva del microinterruttore. Bisogna fare l attenzione, che dopo la regolazione non si verifichi l effetto della scintilla durante la mancanza del flusso dell acqua. Eliminare la sporcizia Mancanza della scintilla Microinterruttore mal regolato (mancanza dell accensione durante la presa dell acqua) Filtro dell acqua intasato.(il flusso limitato) Elementi guasti negli accessori dell acqua e gas Sostituire gli accessori (la riparazione in garanzia) Membrana dell acqua rotta oppure gli elementi guasti (la riparazione Guasto il meccanismo del sistema postgaranzia) di comando del fungo di valvola del gas Mancanza dell alimentazione del gas Aprire la valvola di arresto del gas allo scaldabagno (elettrodo guasto) Bruciatore di accensione non Presenza dell aria nel sistema del gas Disaerare si accende dalla scintilla Bruciatore di accensione guasto Sostituire Pila scarica oppure idrogeneratore guasto Sostituire Bruciatore di accensione si Cavo dell elettrodo di vigilanza scollegato Ripristinare il collegamento accende, non si accende Elettrodo di vigilanza guasto Controllare - sostituire invece il bruciatore Generatore della scintilla guasto Controllare - sostituire principale. Valvola differenziale di pressione guasta Controllare - sostituire Prove dell accensione durante la mancanza del flusso dell acqua Microinterruttore mal regolato Effettuare la regolazione del microinterruttore tramite avvitamento della vite sulla leva del microinterruttore. Bisogna fare l attenzione, che dopo la regolazione non si verifichi l effetto dell accensione ritardata (scintilla) durante l avviamento dello scaldabagno. 12

15 L apparecchio non scalda abbastanza l acqua L apparecchio surriscalda l acqua L apparecchio non si spegne dopo la chiusura del flusso dell acqua L accensione esplosiva del bruciatore principale Mancanza dell ermeticità nel sistema del gas dello scaldabagno Mancanza dell ermeticità nel sistema idrico dello scaldabagno L apparecchio si spegne durante l esercizio cioè durante il prelievo dell acqua Alette dello scambiatore di calore si sporcano in breve tempo Bassa fiamma sul bruciatore Bruciatore sporco ISU-598:2014/IT1B (IT) Calorifero sporco nello scambiatore di calore Composizione del gas inadatta Eccesiva portata dell acqua Elementi guasti degli accessori dell acqua e gas Stabilizzatore della fiamma del gas regolato in modo inadatto Composizione del gas inadatta Poca portata dell acqua Guasto meccanico del meccanismo del sistema di comando del fungo di valvola del gas Guasto meccanico degli accessori dell acqua e gas Bassa fiamma del bruciatore di accensione (l ugello del bruciatore di accensione intasato) Intasato il flusso del gas al bruciatore di accensione negli accessori dell acqua e del gas. Valvola differenziale guasta Guasto anello di tenuta all ingresso degli accessori dell acqua e del gas Rotta una delle guarnizioni in uscita degli accessori dell acqua e del gas oppure all ingresso al bruciatore principale Guasto meccanico degli accessori dell acqua e del gas Guarnizione rotta all ingresso degli accessori dell acqua e del gas Guarnizione rotta in uscita degli accessori dell acqua e del gas Rotta una delle guarnizioni sui collegamenti dello scambiatore di calore Guasto meccanico degli accessori dell acqua e del gas È scattata la protezione contro la fuoriuscita dei gas combusti nel locale Prima del superamento del limite superiore della temperatura dell acqua Cattivo tiraggio Fiamma gialla Bruciatore sporco (cattiva combustione) Eccessivo consumo del gas Controllare la pressione del gas nella rete Controllare la regolazione dello stabilizzatore del flusso del gas p.5.4 Eliminare la sporcizia dai manicotti e ugelli del bruciatore Eliminare la sporcizia dalle alette del calorifero. Eliminare le disincrostazioni Controllare se il bruciatore principale, bruciatore di accensione e gli accessori dell acqua e del gas sono adattati al gas utilizzato Controllare il basso getto dell acqua se il getto dell acqua non è superiore a 5,7 lt/min, bisogna correggerlo con la vite di regolazione della bassa portata dell acqua Sostituire gli accessori (riparazione in garanzia) oppure gli elementi guasti (riparazione postgaranzia) Fare una regolazione dello stabilizzatore in conformità al p. 5.5 Controllare se il bruciatore principale, bruciatore di accensione e gli accessori dell acqua e del gas sono adattati all utilizzo del gas usato Controllare il basso getto dell acqua se il getto dell acqua non è superiore a 5,7lt/min, bisogna correggerlo con la vite di regolazione della bassa portata dell acqua Sostituire gli accessori (riparazione in garanzia) oppure gli elementi guasti (riparazione postgaranzia) Sostituire gli accessori (riparazione in garanzia) oppure gli elementi guasti (riparazione postgaranzia) Intasato ugello del bruciatore di accensione pulire od eventualmente sostituire Sostituire gli accessori (riparazione in garanzia) oppure La valvola differenziale di pressione (riparazione postgaranzia) Sostituire la guarnizione con una nuova Sostituire la guarnizione con una nuova Sostituire gli accessori (riparazione in garanzia) oppure gli elementi guasti (riparazione postgaranzia) Sostituire la guarnizione con una nuova Sostituire la guarnizione con una nuova Sostituire la guarnizione con una nuova Sostituire gli accessori (riparazione in garanzia) oppure gli elementi guasti (riparazione postgaranzia) Controllare il limitatore se guasto da sostituire. Controllare la correttezza della depressione nel condotto del camino Controllare il limitatore se guasto da sostituire. L apparecchio surriscalda l acqua procedere come sopra Verificare i condotti del camino Controllare il tipo di gas Pulire il bruciatore Controllare - regolare 13

16

Istruzioni per la trasformazione gas

Istruzioni per la trasformazione gas Istruzioni per la trasformazione gas Caldaie combinate a gas e caldaie a gas con bollitore integrato CGU-2-18/24 CGG-2-18/24 CGU-2K-18/24 CGG-2K-18/24 Wolf GmbH Postfach 1380 84048 Mainburg Tel. 08751/74-0

Dettagli

GEP 11 SCALDA ACQUA A GAS 11 LITRI TIRAGGIO NATURALE. Istruzioni per l'installazione

GEP 11 SCALDA ACQUA A GAS 11 LITRI TIRAGGIO NATURALE. Istruzioni per l'installazione GEP 11 SCALDA ACQUA A GAS 11 LITRI TIRAGGIO NATURALE Istruzioni per l'installazione Prodotto / Produzione / Certificazione 1. Operazioni necessarie e misure di sicurezza prima dell installazione 2 2. Tabella

Dettagli

Manuale utente per il modello

Manuale utente per il modello Manuale utente per il modello RBS 24 Elite Caldaia murale istantanea con scambiatore integrato CE 0694 Documentazione Tecnica RADIANT BRUCIATORI S.p.A. Montelabbate (PU) ITALY RBS 24 - RAD - ITA - MAN.UT

Dettagli

AVVERTENZE E SICUREZZE

AVVERTENZE E SICUREZZE AVVERTENZE E SICUREZZE SIMBOLI UTILIZZATI NEL SEGUENTE MANUALE ATTENZIONE: indica azioni alle quali è necessario porre particolare cautela ed attenzione PERICOLO: VIETATO: indica azioni pericolose per

Dettagli

SCALDABAGNI ISTANTANEI A GAS

SCALDABAGNI ISTANTANEI A GAS SCALDABAGNI ISTANTANEI A GAS 3.4.2 7.2008 0694 a gas metano e GPL, camera aperta, accensione automatica a batteria Acquasprint Iono è lo scaldabagno a camera aperta per l installazione semplice e veloce

Dettagli

Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica

Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica Istruzioni di installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica Per la vostra sicurezza Se avvertire odore di gas: WR 275-5 K.B... WR 350-5 K.B... WR 400-5 K.B... 6 720 605

Dettagli

MODELLO WR275-4K...B... WR350-4K...B... WR400-4K...B... NUMERO CE CE 0064 AR 0159 CATEGORIA II 2H3+ B 11 y B 11BS TIPO 23 D 31 V 23 D 31 V 23 D

MODELLO WR275-4K...B... WR350-4K...B... WR400-4K...B... NUMERO CE CE 0064 AR 0159 CATEGORIA II 2H3+ B 11 y B 11BS TIPO 23 D 31 V 23 D 31 V 23 D 6 720 605 391 (01 05) AL Istruzioni di installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica WR 275-4 K B WR 350-4 K B WR 400-4 K B Per la vostra sicurezza Se avvertire odore

Dettagli

Scaldabagno istantaneo a gas, a tiraggio forzato, con camera stagna

Scaldabagno istantaneo a gas, a tiraggio forzato, con camera stagna Istruzioni di installazione e modalità d uso Scaldabagno istantaneo a gas, a tiraggio forzato, con camera stagna WR 250-1 AM..E.. WR 325-1 AM..E.. 6 720 605 072 PT 1999.01 Per la vostra sicurezza Se avvertite

Dettagli

Due tasselli e ganci per il fissaggio MODELLO LM 10 H.. LM 13 H.. LM 16 H.. NUMERO CE CE 0064 AS 0032 CATEGORIA II 2H3+ B 11BS TIPO

Due tasselli e ganci per il fissaggio MODELLO LM 10 H.. LM 13 H.. LM 16 H.. NUMERO CE CE 0064 AS 0032 CATEGORIA II 2H3+ B 11BS TIPO 6 720 605 396 PT 2000.02 LM10H LM13H LM16H Istruzioni per l'installazione e l'utilizzo Scaldabagni istantanei a gas con accensione elettronica Apparecchi consegnati senza miscelatore modello e brevetti

Dettagli

Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica

Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica 6 720 606 716 (02.03) JS Istruzioni d'installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica Per la vostra sicurezza Se avvertite odore di gas: - Chiudete il rubinetto del gas

Dettagli

Istruzioni di servizio per la caldaia a vapore della serie di produzione S 350

Istruzioni di servizio per la caldaia a vapore della serie di produzione S 350 Istruzioni di servizio per la caldaia a vapore della serie di produzione S 350 Posizione della caldaia 1. Per garantire un funzionamento perfetto della caldaia è necessario che la stessa, per mezzo della

Dettagli

MODELLO LM 10 PVH.I LM 13 PVH.I LM 16 PVH.I B 11BS

MODELLO LM 10 PVH.I LM 13 PVH.I LM 16 PVH.I B 11BS 6 720 606 477 (01 07) JS Istruzioni di installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica a batteria LM 10 PVH I LM 13 PVH I LM 16 PVH I Per la vostra sicurezza Se avvertite

Dettagli

Istruzioni di Manutenzione

Istruzioni di Manutenzione Istruzioni di Manutenzione caldaia a condensazione COB COB-CS solo riscaldamento con bollitore a stratificazione Wolf GmbH Postfach 1380 84048 Mainburg Tel. 08751/74-0 Fax 08751/741600 Internet: www.wolf-heiztechnik.de

Dettagli

Istruzioni per la manutenzione

Istruzioni per la manutenzione Istruzioni per la manutenzione Caldaie murali a condensazione CGB-75 CGB-100 Caldaia solo riscaldamento Caldaia solo riscaldamento Wolf Italia S.r.l. Via 25 Aprile, 17 20097 S. Donato Milanese (MI) Tel.

Dettagli

Manuale utente RSF 20 /S. per il modello. Caldaia murale istantanea a gas a camera stagna CE 0694 RSF 20_S - RAD - ITA - MAN.UT - 0113.

Manuale utente RSF 20 /S. per il modello. Caldaia murale istantanea a gas a camera stagna CE 0694 RSF 20_S - RAD - ITA - MAN.UT - 0113. Manuale utente per il modello RSF 20 /S Caldaia murale istantanea a gas a camera stagna CE 0694 RSF 20_S - RAD - ITA - MAN.UT - 0113.1-40-00068 Documentazione Tecnica RADIANT BRUCIATORI S.p.A. Montelabbate

Dettagli

CORPO VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE DELLA BRIANZA CORSO UTILIZZO GRUPPO ELETTROGENO LOMBARDINI 1.IM 300

CORPO VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE DELLA BRIANZA CORSO UTILIZZO GRUPPO ELETTROGENO LOMBARDINI 1.IM 300 CORPO VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE DELLA BRIANZA CORSO UTILIZZO GRUPPO ELETTROGENO LOMBARDINI.IM 300 INTRODUZIONE CON QUESTA PICCOLA MA ESAURIENTE GUIDA SI VUOLE METTERE A DISPOSIZIONE DELL UTENTE UNO STRUMENTO

Dettagli

KIT RIVELATORI DI GAS

KIT RIVELATORI DI GAS SEZIONE 4 KIT RIVELATORI DI GAS attivato guasto allarme sensore esaurito test Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. MT140-001_sez.4.pdf MT140-001 sez.4 1 INDICE SEZIONE 4 CONTROLLO

Dettagli

W R 325-5 AM 1 E S...

W R 325-5 AM 1 E S... Istruzioni d installazione e modalità d uso Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica, camera stagna e tiraggio forzato WR 250-5 AM1 E WR 325-5 AM1 E 6 720 605 967 (01 05) AL Per la vostra

Dettagli

Descrizione del funzionamento

Descrizione del funzionamento Descrizione del funzionamento Laddomat 21 ha la funzione di......all accensione, fare raggiungere velocemente alla caldaia una temperatura di funzionamento elevata....durante il riempimento, preriscaldare

Dettagli

Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione piezoelettrica

Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione piezoelettrica 6 720 605 025 IT (03.10) AL Istruzioni di installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione piezoelettrica W 125-2 KV.. W 275-2 KV... Per la vostra sicurezza Se avvertite odore di gas:

Dettagli

UNI 10683. ed. Ottobre 2012

UNI 10683. ed. Ottobre 2012 UNI 10683 ed. Ottobre 2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri biocombustibili solidi Potenza termica nom< 35 kw VERIFICA INSTALLAZIONE CONTROLLO (NEW) MANUTENZIONE (NEW) APPARECCHI Categorie

Dettagli

ATTILA ISTRUZIONI DI MONTAGGIO ED UTILIZZO

ATTILA ISTRUZIONI DI MONTAGGIO ED UTILIZZO ATTILA ISTRUZIONI DI MONTAGGIO ED UTILIZZO Gentile Cliente la ringraziamo per aver scelto un nostro prodotto e la invitiamo a leggere attentamente quando di seguito riportato -Affidare l installazione

Dettagli

Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic

Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic Pag. 1 di 6 Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic CEE 0426 DIRETTICTIVA 93/42 DISPOSITIVI MEDICI Pag. 2 di 6 INDICE Numero Titolo Pagina 1 Avvertenze 3 2 Introduzione 3 2.1 Riferimenti Normativi 3

Dettagli

Scaldameglio. Bagno Beghelli ISTRUZIONI PER L USOL

Scaldameglio. Bagno Beghelli ISTRUZIONI PER L USOL Scaldameglio Bagno Beghelli ISTRUZIONI PER L USOL Scaldameglio Bagno (cod. ordine 8497) 1. Ingresso aria 2. Uscita aria 3. Indicatore di presenza alimentazione 3 1 2 4. Selettore della temperatura (termostato)

Dettagli

Gruppi Frigo a Pompa di Calore Digital Scroll 230/400V 05 16 Kw

Gruppi Frigo a Pompa di Calore Digital Scroll 230/400V 05 16 Kw Gruppi Frigo a Pompa di Calore Digital Scroll 230/400V 05 16 Kw 1 2 3 4 5 1. Adotta refrigerante R410A, amico del nostro ambiente. 2. Design compatto: Unità con pompa acqua e vaso di espansione, basta

Dettagli

ARTU 11-14 / 11-14 ie b. Scaldabagni istantanei a camera aperta

ARTU 11-14 / 11-14 ie b. Scaldabagni istantanei a camera aperta ARTU - / - ie b Scaldabagni istantanei a camera aperta Massima soddisfazione con piccole dimensioni Artù - Scaldabagni istantanei a gas a camera aperta e tiraggio naturale, con fiamma pilota e accensione

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Allegati alla Dichiarazione di conformità n data Committente. Le presenti istruzioni d uso e manutenzione dell

Dettagli

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL centopercento Made in Italy 1 Dati Tecnici Installazione, uso e manutenzione della caldaia combinata nella quale è possibile bruciare gasolio, gas

Dettagli

Istruzioni per l installazione

Istruzioni per l installazione Istruzioni per l installazione Opalia C 11 E - A/1 Opalia C 14 E - A/1 Sempre al tuo fianco Istruzioni per l installazione Indice 1 Avvertenze sulla documentazione pag 2 2 Descrizione dell apparecchio

Dettagli

Scaldabagni. istantanei a camera aperta. Novità

Scaldabagni. istantanei a camera aperta. Novità Scaldabagni istantanei a camera aperta Novità Artù 11-14 11-14 ie b Massima soddisfazione con piccole dimensioni La gamma degli scaldabagni istantanei a gas Artù a camera aperta e tiraggio naturale, offre

Dettagli

CATEGORIA II 2H3+ TIPO B 11BS W 275-2 K V 1 E S...

CATEGORIA II 2H3+ TIPO B 11BS W 275-2 K V 1 E S... 6 720 605 025 PT 2000.03 Istruzioni di installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica W 275-2 KV1 E... Per la vostra sicurezza Se avvertite odore di gas: - Chiudete il

Dettagli

Istruzioni di montaggio

Istruzioni di montaggio Istruzioni di montaggio Forno a vapore a pressione DG 4064 / DG 4164 DG4064L/DG4164 L Leggere attentamente le istruzioni d'uso prima it-it di procedere al posizionamento, all'installazione e alla messa

Dettagli

Fonte Scaldabagni a camera aperta

Fonte Scaldabagni a camera aperta Fonte Scaldabagni a camera aperta Fonte, acqua calda in dimensioni compatte Dall esperienza e dalla ricerca tecnologica di Beretta nasce la nuova linea di scaldabagni Fonte, progettata per offrire il massimo

Dettagli

Boiler Elektro. Istruzioni di montaggio Pagina 2

Boiler Elektro. Istruzioni di montaggio Pagina 2 Boiler Elektro Istruzioni di montaggio Pagina Boiler Elektro (boiler elettrico) Indice Simboli utilizzati... 11 Modello... 11 Istruzioni di montaggio 4 Istruzioni di montaggio Scelta della posizione e

Dettagli

KDIX 8810. Istruzioni di montaggio

KDIX 8810. Istruzioni di montaggio KDIX 8810 Istruzioni di montaggio Sicurezza della lavastoviglie 4 Requisiti di installazione 5 Istruzioni di installazione 7 Sicurezza della lavastoviglie La vostra sicurezza e quella degli altri sono

Dettagli

Scaldabagno istantaneo a gas con accensione a batteria

Scaldabagno istantaneo a gas con accensione a batteria 6 720 606 714 (02.04) JS Istruzioni d'installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas con accensione a batteria WR11 E... Per la vostra sicurezza Se avvertite odore di gas: - Chiudete il rubinetto

Dettagli

atmomag Catalogo pezzi di ricambio atmomag

atmomag Catalogo pezzi di ricambio atmomag Catalogo pezzi di ricambio atmomag atmomag MAG 16-0/0 XEA MAG 11-0/0 XZ MAG mini 11-0/0 XZ MAG 14-0/0 XZ MAG mini 11-0/0 XI MAG 14-0/0 XI MAG mini 11-0/0 GX MAG 14-0/0 GX MAG 11-0/0 Y XZ MAG mini 11-0/0

Dettagli

SPREMIPOMODORO. Libretto di istruzioni. Qualità e tradizione italiana, dal 1932.

SPREMIPOMODORO. Libretto di istruzioni. Qualità e tradizione italiana, dal 1932. SPREMIPOMODORO Libretto di istruzioni Qualità e tradizione italiana, dal 1932. Lo spremipomodoro Solemio è destinato ad un utilizzo casalingo ed è quindi prodotto sulla base di standard di qualità molto

Dettagli

Fonte. Scaldabagni. Scaldabagni istantanei a camera aperta. Residenziale

Fonte. Scaldabagni. Scaldabagni istantanei a camera aperta. Residenziale Fonte Scaldabagni istantanei a camera aperta Scaldabagni Residenziale Fonte Fonte: grande comfort in dimensioni compatte Dall esperienza e dalla ricerca tecnologica di Beretta nasce la nuova linea di scaldabagni

Dettagli

Scaldabagni. istantanei a camera aperta. Unyc 11 11-14 b 11-14-17 ie b

Scaldabagni. istantanei a camera aperta. Unyc 11 11-14 b 11-14-17 ie b Scaldabagni istantanei a camera aperta - b --17 ie b Per soddisfare tutte le esigenze La gamma degli scaldabagni istantanei a gas Sylber a camera aperta e tiraggio naturale, offre ben 6 modelli in grado

Dettagli

PRODUTTORE AUTOMATICO DI GHIACCIO A CUBETTI

PRODUTTORE AUTOMATICO DI GHIACCIO A CUBETTI PRODUTTORE AUTOMATICO DI GHIACCIO A CUBETTI MANUALE DI PULIZIA E SANITIZZAZIONE RISERVATO AL MANUTENTORE AUTORIZZATO 24847 ed. 10-2007 È vietata la riproduzione, anche solo parziale, del presente manuale.

Dettagli

I D R O N I K TANTACQUA

I D R O N I K TANTACQUA IDRONIK TANTACQUA Piccole dimensioni, grandi prestazioni MODELLO Potenza min/max kw Rendimento % IDRONIK TN 14 tiraggio naturale 12,525 91,5 IDRONIK TS 13 tiraggio stagno 8,522,5 91 Unical, forte dell

Dettagli

Accessori scarico fumi per apparecchi

Accessori scarico fumi per apparecchi Accessori scarico fumi per apparecchi 6 720 606 436-00.1O ZW 23 AE JS Índice Índice Avvertenze 2 Spiegazione dei simboli presenti nel libretto 2 1 Applicazione 3 1.1 Informazioni generali 3 1.2 Combinazione

Dettagli

Modell 1256 03.0/2011. www.viega.com. Art.-Nr.

Modell 1256 03.0/2011. www.viega.com. Art.-Nr. Modell 1256 03.0/2011 Art.-Nr. 684112 560725 Fonterra Kleinflächenregelstation A 2 Fonterra Kleinflächenregelstation B C D E F G 3 Istruzioni per l uso della stazione di regolazione per superfici ridotte

Dettagli

G 50/2-70/2 GAS DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI

G 50/2-70/2 GAS DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI DESCRIZIONE PER CAPITOLATO I bruciatori G 50-70/2 GAS di gas ad aria soffiata di tipo bistadio sono predisposti per funzionamento a G.P.L. (con kit di trasformazione). Cofano insonorizzato sagomato in

Dettagli

NUOVA Ares / Ares CS 1 CARATTERISTICHE. Caldaie a basamento. La sigla NUOVA Ares CS identifica la gamma Immergas di

NUOVA Ares / Ares CS 1 CARATTERISTICHE. Caldaie a basamento. La sigla NUOVA Ares CS identifica la gamma Immergas di Caldaie a basamento La sigla NUOVA Ares CS identifica la gamma Immergas di caldaie a basamento per solo riscaldamento ambiente a camera stagna e tiraggio forzato. Tutte le NUOVA Ares CS uniscono i vantaggi

Dettagli

uno LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO

uno LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO uno GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO CASA sicura LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DOMESTICI Direzione Generale Armonizzazione Mercati www.casasicura.info Il rischio gas in casa COSA SI RISCHIA L

Dettagli

Scaldabagni istantanei a camera aperta NOVITÀ. ARTÙ 11-14 / 11-14 ie b

Scaldabagni istantanei a camera aperta NOVITÀ. ARTÙ 11-14 / 11-14 ie b Scaldabagni istantanei a camera aperta NOVITÀ L B M - / - ie b LE PRESTAZIONI EFFICIENZA E CONSUMI RIDOTTI L entrata in vigore della Direttiva Europea ErP (6.09.0) prevede che anche i generatori per la

Dettagli

OpaliaFast. Scaldabagni a gas. Opalia F

OpaliaFast. Scaldabagni a gas. Opalia F OpaliaFast Opalia Scaldabagni a gas OpaliaFast Opalia C Opalia F OpaliaFast stagna FAST aquaspeed display Scaldabagni a gas istantanei con microaccumulo L intera gamma Opalia si caratterizza per gli elevati

Dettagli

Lista di controllo per la messa in servizio

Lista di controllo per la messa in servizio Sempre al tuo fianco Lista di controllo per la messa in servizio Thesi R Condensing 45 kw - 65 kw Tecnico abilitato Sede dell impianto Tecnico del Servizio di Assistenza Clienti Nome Nome Nome Via/n.

Dettagli

Istruzioni per l uso PIASTRA PER CAPELLI. PIASTRA PER CAPELLI IT pagina. 00332.indd 1 29-05-2010 11:10:4

Istruzioni per l uso PIASTRA PER CAPELLI. PIASTRA PER CAPELLI IT pagina. 00332.indd 1 29-05-2010 11:10:4 Istruzioni per l uso PIASTRA PER CAPELLI PIASTRA PER CAPELLI IT pagina 002.indd 29-0-200 :0:4 6 4 2 [Z] Type H290 00-240 V 0/60 Hz 42 W 002.indd 29-0-200 :0:4 ISTRUZIONI PER L USO DELLA PIASTRA PER CAPELLI

Dettagli

SCALDABAGNI A GAS MINI ISTRUZIONI PER L UTENTE IL CLIMA PER OGNI TEMPO

SCALDABAGNI A GAS MINI ISTRUZIONI PER L UTENTE IL CLIMA PER OGNI TEMPO SCALDABAGNI A GAS MINI ISTRUZIONI PER L UTENTE IL CLIMA PER OGNI TEMPO Indice Regole fondamentali di sicurezza Pag. 5 Avvertenze generali 6 Conoscere lo scaldabagno MINI 8 Messa in servizio 9 Regolazione

Dettagli

MANUALE D USO POMPE CENTRIFUGHE CON SERBATOIO PER ACQUA DI CONDENSA COD. 12170027-12170013 - 12170012-12170011

MANUALE D USO POMPE CENTRIFUGHE CON SERBATOIO PER ACQUA DI CONDENSA COD. 12170027-12170013 - 12170012-12170011 MANUALE D USO POMPE CENTRIFUGHE CON SERBATOIO PER ACQUA DI CONDENSA COD. 12170027-12170013 - 12170012-12170011 INDICE INSTALLAZIONE...3 INTERRUTTORE DI SICUREZZA...3 SCHEMA ELETTRICO...4 GRAFICI PORTATE......5

Dettagli

Istruzioni per l installazione e l utilizzo

Istruzioni per l installazione e l utilizzo Istruzioni per l installazione e l utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas ARTU 11-14 ieb 1 AVVERTENZA Questo libretto contiene dati ed informazioni destinati sia all utente che all installatore. Nello specifico

Dettagli

Ventilatori a canale. Istruzioni di installazione. per ventilatori a canale nelle esecuzioni con motore monofase e trifase I212/06/02/1 IT

Ventilatori a canale. Istruzioni di installazione. per ventilatori a canale nelle esecuzioni con motore monofase e trifase I212/06/02/1 IT Ventilatori a canale Gruppo articoli 1.60 Istruzioni di installazione per ventilatori a canale nelle esecuzioni con motore monofase e trifase Conservare con cura per l utilizzo futuro! I212/06/02/1 IT

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONE

MANUALE D ISTRUZIONE FERRO DA STIRO A VAPORE HFX405PLUS MANUALE D ISTRUZIONE Leggere attentamente il presente manuale e conservarlo come riferimento futuro, assieme al nr. di serie che trovate sulla targhetta dell apparecchio.

Dettagli

JM 9/2-16/2 - G 26/2 GAS

JM 9/2-16/2 - G 26/2 GAS DESCRIZIONE PER CAPITOLATO I bruciatori JM 9/2-16/2 GAS e di gas ad aria soffiata di tipo bistadio sono predisposti per funzionamento a G.P.L. (kit di trasformazione in dotazione sui modelli:, ). Cofano

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO (Allegato alla dichiarazione di conformità o all attestazione di corretta esecuzione dell impianto a gas di cui al modello I allegato alla Delibera AEEG n 40/04)

Dettagli

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl Serie CF3q < Apparecchiatura di controllo di fiamma > SAITEK srl www.saitek.it info@saitek.it Casalgrande (RE) ITALY Tel. +39 0522 848211 Fax +39 0522 849070 CONTROLLO DI FIAMMA SERIE C F 3 Q pag. 1 di

Dettagli

-Zumpe GmbH. Solarcheck Mobilcenter P80. Betriebsanleitung Operating Instructions Notice technique Istruzioni per l uso Manual. Pumps and Sprayers

-Zumpe GmbH. Solarcheck Mobilcenter P80. Betriebsanleitung Operating Instructions Notice technique Istruzioni per l uso Manual. Pumps and Sprayers -Zumpe GmbH Pumps and Sprayers Betriebsanleitung Operating Instructions Notice technique Istruzioni per l uso Manual Solarcheck Mobilcenter P80 Istruzioni per l'uso SOLARCHECK MOBILCENTER P80 1. Dichiarazione

Dettagli

PROVA DI TENUTA DI UN IMPIANTO A GAS UNI 7129-1:2008 UNI 11528:2014

PROVA DI TENUTA DI UN IMPIANTO A GAS UNI 7129-1:2008 UNI 11528:2014 PROVA DI TENUTA DI UN IMPIANTO A GAS UNI 7129-1:2008 UNI 11528:2014 La PROVA DI TENUTA di un impianto gas è una verifica che deve essere eseguita obbligatoriamente su un NUOVO IMPIANTO interno di adduzione

Dettagli

SUPER SIRIO Vip. Libretto istruzioni. Installatore Utente Tecnico. Caldaie a basamento con accumulo a camera aperta (tipo B) e tiraggio naturale

SUPER SIRIO Vip. Libretto istruzioni. Installatore Utente Tecnico. Caldaie a basamento con accumulo a camera aperta (tipo B) e tiraggio naturale SUPER SIRIO Vip Caldaie a basamento con accumulo a camera aperta (tipo B) e tiraggio naturale Libretto istruzioni Installatore Utente Tecnico 1. Pompa di circolazione. Le caldaie serie Super Sirio Vip

Dettagli

Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai.

Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai. Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai. 1 No fai da te Il fai da te sull impianto del gas combustibile è vietato. Tutte le operazioni di manutenzione, ordinaria e

Dettagli

Scheda Tecnica. Unyc 11 11-14 b 11-14-17 ie b 11-14 ie dyn. Scaldabagni. istantanei a camera aperta

Scheda Tecnica. Unyc 11 11-14 b 11-14-17 ie b 11-14 ie dyn. Scaldabagni. istantanei a camera aperta Sbagni istantanei a camera aperta Scheda Tecnica b ie b ie dyn . Circuito idraulico b ie b ie dyn 0 0 Cappa scarico combustione Scambiatore di calore Venturi Dispositivo lenta accensione Dispositivo di

Dettagli

SOMMARIO PRECAUZIONI ------------------------------------------------------------------------ 3

SOMMARIO PRECAUZIONI ------------------------------------------------------------------------ 3 SOMMARIO PRECAUZIONI ------------------------------------------------------------------------ 3 Precauzioni di Installazione... 4 Precauzioni per il funzionamento... 5 INTRODUZIONE ----------------------------------------------------------------------

Dettagli

NIKE Maior @ CARATTERISTICHE. Cod. S.0044 Rev. 000/2000-07 Pensili istantanee

NIKE Maior @ CARATTERISTICHE. Cod. S.0044 Rev. 000/2000-07 Pensili istantanee Nike Maior @ è la serie di caldaie pensili a camera aperta e tiraggio naturale caratterizzata dall'elegante e raffinata linea estetica conferitagli dal moderno design. Sono disponibili due modelli combinati

Dettagli

PRECAUZIONE PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA

PRECAUZIONE PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA PRECAUZIONE PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA Dopo aver tolto l imballaggio assicurarsi dell integrità dell apparecchio. In caso di dubbio non utilizzare l apparecchio e rivolgersi al centro

Dettagli

due LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO

due LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO due GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO CASA sicura LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI Ministero delle Attività Produttive Direzione Generale Armonizzazione Mercati e Tutela Consumatori www.casasicura.info

Dettagli

MISURE D INGOMBRO - COLLEGAMENTI IDRAULICI

MISURE D INGOMBRO - COLLEGAMENTI IDRAULICI La combustione che avviene nelle caldaie tradizionali é in grado di sfruttare, trasformandola in calore, solo una parte dell energia contenuta nel combustibile, mentre il resto viene disperso dal camino.

Dettagli

... Istruzioni per l operazione di trasformazione gas. Caldaie Murali a gas. Camera aperta a tiraggio naturale, stagna a tiraggio forzato

... Istruzioni per l operazione di trasformazione gas. Caldaie Murali a gas. Camera aperta a tiraggio naturale, stagna a tiraggio forzato N GLA24-1H / N GLA28-1H / N GVA24-1H / N GVA28-1H... 6 720 610 311-01.1D Istruzioni per l operazione di trasformazione gas Caldaie Murali a gas Camera aperta a tiraggio naturale, stagna a tiraggio forzato

Dettagli

PRIME NEW. Caldaie murali a gas a condensazione ideali per la sostituzione di caldaie convenzionali

PRIME NEW. Caldaie murali a gas a condensazione ideali per la sostituzione di caldaie convenzionali PRIME NEW Caldaie murali a gas a condensazione ideali per la sostituzione di caldaie convenzionali Ideale per la sostituzione di caldaie convenzionali La nuova gamma a condensazione Prime si articola in

Dettagli

Serie DYNO. Scaldabagni istantanei a gas

Serie DYNO. Scaldabagni istantanei a gas Serie DYNO Scaldabagni istantanei a gas a camera aperta 11 C 14 C Serie Massima soddisfazione con piccole dimensioni La gamma degli scaldabagni istantanei a gas a camera aperta con tiraggio naturale, offre

Dettagli

AUTOMAZIONE PER BARRIERE STRADALI

AUTOMAZIONE PER BARRIERE STRADALI AUTOMAZIONE PER BARRIERE STRADALI ATTENZIONE!! Prima di effettuare l'installazione, leggere attentamente questo manuale che è parte integrante di questa confezione. I nostri prodotti se installati da personale

Dettagli

Scaldabagni istantanei a gas - FONTE AE/AP. Manuale di installazione e manutenzione

Scaldabagni istantanei a gas - FONTE AE/AP. Manuale di installazione e manutenzione Scaldabagni istantanei a gas - FONTE AE/AP Manuale di installazione e manutenzione SOMMARIO INTRODUZIONE.............................................................5 PANNELLO DI COMANDO.....................................................6

Dettagli

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE MISURE PREVENTIVE PER TUTTI I LAVORATORI E vietato depositare e manipolare sostanze infiammabili in quantità superiori alla normale dotazione prevista.

Dettagli

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO. Caminetti

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO. Caminetti ISTRUZIONI DI MONTAGGIO Caminetti Indice 1. Introduzione 3 2. Verifica dell imballo 3 3. Corretto posizionamento del caminetto 4 4. Trasporto sul cantiere 4 5. disposizione del caminetto 5 6. Smontaggio

Dettagli

Istruzioni per l installazione. combinazione frigo-congelatore Pagina 18 7081 401-00. CNes 62 608

Istruzioni per l installazione. combinazione frigo-congelatore Pagina 18 7081 401-00. CNes 62 608 struzioni per l installazione combinazione frigo-congelatore Pagina 18 I 7081 401-00 CNes 62 608 Posizionamento Evitare la posizionatura dell'apparecchio in aree direttamente esposte ai raggi del sole,

Dettagli

Cod. 252.270.00 FRY TOP ELETTRICO SERIE 900A. Mod. 92 FTE-L 92 FTE-R 92 FTE-LC 92 FTE-RC 94 FTE-L 94 FTE-LR 94 FTE-R 94 FTE-LC 94 FTE-LRC 94 FTE-RC

Cod. 252.270.00 FRY TOP ELETTRICO SERIE 900A. Mod. 92 FTE-L 92 FTE-R 92 FTE-LC 92 FTE-RC 94 FTE-L 94 FTE-LR 94 FTE-R 94 FTE-LC 94 FTE-LRC 94 FTE-RC Cod. 252.270.00 FRY TOP ELETTRICO SERIE 900A Mod. 92 FTE-L 92 FTE-R 92 FTE-LC 92 FTE-RC 94 FTE-L 94 FTE-LR 94 FTE-R 94 FTE-LC 94 FTE-LRC 94 FTE-RC INDICE Paragrafo Istruzioni per l'installazione 1 Rispondenza

Dettagli

Buon Lavoro Questo apparecchio è conforme alle direttive: 97/23/CE, 2004/108/CE, 2006/42/CE

Buon Lavoro Questo apparecchio è conforme alle direttive: 97/23/CE, 2004/108/CE, 2006/42/CE PRECAUZIONE PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA Dopo aver tolto l imballaggio assicurarsi dell integrità dell apparecchio. In caso di dubbio non utilizzare l apparecchio e rivolgersi al centro

Dettagli

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO 1 IMPIANTI GAS: LE REGOLE GENERALI A chi mi devo rivolgere? Quando fate realizzare, revisionare o riparare i vostri impianti dovete rivolgervi,

Dettagli

The Tube 40011167-1120. Installazione e manuale dell'utente

The Tube 40011167-1120. Installazione e manuale dell'utente The Tube 40011167-1120 IT Installazione e manuale dell'utente IT 1.1 A 1.1 B 1.1 C Vetro 1.2 A 1.2 B 1.2 C A 1.3 1 < < < < 1.5 1.6 1.7 2 < < < < 1 Introduzione Il Tube è destinato esclusivamente all'uso

Dettagli

Istruzioni di montaggio

Istruzioni di montaggio Istruzioni di montaggio Accessori Collegamento di tubi Logano G5 con Logalux LT300 Logano G5/GB5 con bruciatore e Logalux LT300 Per l installatore Leggere attentamente prima del montaggio. 6066600-0/00

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 6 Aspirazione aria e scarico fumi 9 Accessori 11

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 6 Aspirazione aria e scarico fumi 9 Accessori 11 Murali Standard Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 6 Aspirazione aria e scarico fumi 9 Accessori 11 1 Meteo BOX Guida al capitolato Meteo MIX C.S.I.

Dettagli

Riparazione e Manutenzione

Riparazione e Manutenzione Riparazione e Manutenzione Ampia selezione in una singola marca. Esclusivi design duraturi. Prestazioni rapide e affidabili. Descrizione Versioni Pagina Pompe prova impianti 2 9.2 Congelatubi 2 9.3 Pompe

Dettagli

Full. Full. Stufe convettive a Gas. Stufe Convettive a Gas. Scambiatori di calore in acciaio inox Il calore in più sempre, dove e quando serve

Full. Full. Stufe convettive a Gas. Stufe Convettive a Gas. Scambiatori di calore in acciaio inox Il calore in più sempre, dove e quando serve 40 Anni Amore per il Clima Full Stufe convettive a Gas Full Stufe Convettive a Gas Scambiatori calore in acciaio inox Il calore in più sempre, dove e quando serve L Amore Raatori per il d amare Clima!

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

indice pag. Scaldabagni a gas ondéa HYDROSMART COMPACT 175 con controllo elettronico della temperatura

indice pag. Scaldabagni a gas ondéa HYDROSMART COMPACT 175 con controllo elettronico della temperatura indice pag. ondéa HYDROSMART COMPACT 175 con controllo elettronico della temperatura ondéa HYDROSMART 179 con controllo elettronico della temperatura Camera stagna a tiraggio forzato ondéa LC PVH 183 modulante

Dettagli

Mod:KCGD1/AS. Production code:kev/1

Mod:KCGD1/AS. Production code:kev/1 02/200 Mod:KCGD1/AS Production code:kev/1 Sommario I. SCHEMA DI INSTALLAZIONE...... 4 II. III. IV. SCHEMA ELETTRICO....... 1. Schema elettrico AC 230 50/0 Hz.. CARATTERISTICHE GENERALI...... 1. Descrizione

Dettagli

Riunione agenti 2015

Riunione agenti 2015 Riunione agenti 2015 2. Dielle Carinci Progetto stufe a pellet 2. Filosofia Dielle Dielle è ricerca, innovazione, rispetto della natura, miglioramento continuo, per una totale soddisfazione del cliente.

Dettagli

Per il tecnico abilitato/per l utente. Istruzioni per l uso e l installazione. atmomag. Scaldabagno istantaneo a gas. atmomag mini 11-0/0 (Y) XZ

Per il tecnico abilitato/per l utente. Istruzioni per l uso e l installazione. atmomag. Scaldabagno istantaneo a gas. atmomag mini 11-0/0 (Y) XZ Per il tecnico abilitato/per l utente Istruzioni per l uso e l installazione atmomag Scaldabagno istantaneo a gas atmomag mini 11-0/0 (Y) XZ IT Per l utente Istruzioni per l uso atmomag Indice Informazioni

Dettagli

Merloni Elettrodomestici. Manuale Tecnico di Incasso FORNI. Lingua Emissione/Edizione Pagina I 99-09-16/01 1-18

Merloni Elettrodomestici. Manuale Tecnico di Incasso FORNI. Lingua Emissione/Edizione Pagina I 99-09-16/01 1-18 I 99-09-16/01 1-18 Indice 1 DIMENSIONI DI INGOMBRO E DI INCASSO 3 1.1 Forno da 60 cm 3 1.2 Maxiforno 4 2 INSTALLAZIONE FORNO DA INCASSO 5 3 DA INCASSO A GAS - REQUISITI PER L INSTALLAZIONE 6 4 FISSAGGIO

Dettagli

Istruzioni per l uso PIANO. Sommario. Installazione, 2-4 Posizionamento Collegamento elettrico

Istruzioni per l uso PIANO. Sommario. Installazione, 2-4 Posizionamento Collegamento elettrico Istruzioni per l uso PINO Italiano, 1 R rançais, 9 GB English,17 Sommario Installazione, 2- Posizionamento Collegamento elettrico DE Deutsch, 2 ES Espanol, Descrizione dell apparecchio, ccensione del piano

Dettagli

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori Impianto elettrico Cabine elettriche Quadri elettrici media e bassa tensione e c.c Interruttori media e bassa tensione Trasformatori Batteria di rifasamento Impianto di Protezione contro le scariche atmosferiche

Dettagli

BAGNIMARIA WB 10/20/40 MANUALE DELL UTENTE

BAGNIMARIA WB 10/20/40 MANUALE DELL UTENTE BAGNIMARIA WB 10/20/40 MANUALE DELL UTENTE 1 swiss made Manuale dell utente del bagnomaria WB 10/20/40 INFORMAZIONI GENERALI...3 Note importanti sulla sicurezza...3 Note generali sulla sicurezza...3 Altre

Dettagli

CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE

CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE A) - Destinazione dell apparecchiatura Quadro elettronico adibito al comando di 1 motore asincrono monofase alimentato a 230 vac destinato all automazione di una tapparella

Dettagli

PER L'USO E LA MANUTENZIONE

PER L'USO E LA MANUTENZIONE MANUALE PER L'USO E LA MANUTENZIONE DI QUADRI ELETTRICI SECONDARI DI DISTRIBUZIONE INDICE: 1) AVVERTENZE 2) CARATTERISTICHE TECNICHE 3) INSTALLAZIONE 4) ACCESSO AL QUADRO 5) MESSA IN SERVIZIO 6) OPERAZIONI

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

Istruzioni di montaggio

Istruzioni di montaggio 0 07/00 IT Per i tecnici specializzati Istruzioni di montaggio Gruppo sfiato aria SKS per collettori piani a partire dalla versione. Prego, leggere attentamente prima del montaggio Volume di fornitura

Dettagli

ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SEF (AR2 )

ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SEF (AR2 ) ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SEF (AR2 ) ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO E LA MANUTENZIONE Leggere le istruzioni prima dell'uso. Questo dispositivo di controllo deve essere installato secondo i regolamenti

Dettagli

CUCINE ELETTRICHE / FORNO ELETTRICO SERIE "7" Mod. PCEM 70 CFEM 70. Cod. 252.117.00

CUCINE ELETTRICHE / FORNO ELETTRICO SERIE 7 Mod. PCEM 70 CFEM 70. Cod. 252.117.00 ~ ~ CUCINE ELETTRICHE / FORNO ELETTRICO SERIE "7" Mod. PCEM 70 CFEM 70 Cod. 252.117.00 INDICE Paragrafo ISTRUZIONI PER L'ISTALLATORE 1 Rispondenza alle direttive CEE 1.1 Schemi di installazione 1.2 Schemi

Dettagli