STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA"

Transcript

1 STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA BENI CULTURALI FILOSOFIA E SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE LETTERE LINGUE E CULTURE STRANIERE SCIENZE DELL EDUCAZIONE SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA SCIENZE PER L INVESTIGAZIONE E LA SICUREZZA (SEDE DI NARNI) Area Umanistica

2 INDICE BENI CULTURALI FILOSOFIA E SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE LETTERE LINGUE E CULTURE STRANIERE SCIENZE DELL EDUCAZIONE SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA SCIENZE PER L INVESTIGAZIONE E LA SICUREZZA (SEDE DI NARNI) 52

3 BENI CULTURALI CORSO DI LAUREA TRIENNALE

4 Obiettivi formativi Il Corso si propone di formare figure che posseggano una rigorosa preparazione umanistico-letteraria, appropriate conoscenze linguistiche ed una gamma di competenze che permettano agli allievi sia di orientarsi nei fondamenti storici che animano il patrimonio culturale, sia di utilizzare le strumentazioni di base per affrontare problemi connessi con le diverse articolazioni del patrimonio e delle attività culturali. Modalità di accesso CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN BENI CULTURALI L accesso al corso è libero. Per l accesso al Corso di Laurea in Beni Culturali è richiesto un Diploma di scuola media superiore italiana, ovvero un titolo equipollente acquisito all estero riconosciuto idoneo. In particolare si richiedono una buona competenza nell uso scritto e orale della lingua italiana e la conoscenza delle discipline di base previste dal Corso. All inizio dell anno accademico si terrà una prova di orientamento di lingua italiana. In caso di esito negativo gli studenti dovranno frequentare un laboratorio al termine del quale sosterranno una prova di idoneità (la prova è propedeutica all esame di Letteratura italiana). La frequenza al laboratorio sarà obbligatoria per gli studenti che per particolari motivi (iscrizione tardiva, trasferimenti, ecc..) non avranno partecipato alla prova di orientamento. 4

5 Piano degli Studi Il Corso è articolato in n. 3 curricula, con un primo anno comune: Antropologia culturale; Archeologia ; Storia dell Arte. Curriculum in Antropologia culturale Anno Insegnamenti/Altre attività CFU I Letteratura italiana 9 I Cultura e Letteratura Latina 6 I Archeologia e Storia dell Arte Greca e Romana 12 I Storia dell arte medievale 9 I Una disciplina di Storia della Musica (Medievale e Rinascimentale o Moderna e contemporanea) I Antropologia culturale 6 I Una disciplina storica: Storia Greca o Storia Medievale o Storia Moderna I Lingua straniera (Idoneità) 3 II Geografia Umana (Beni Culturali) 12 II Storia dell arte moderna 9 II Una disciplina storica: Storia Romana o Storia Moderna 9 II Etnomusicologia 6 II Biblioteche e Informazione nell era digitale 6 II Patrimoni Culturali Immateriali 6 II Diritto Amministrativo dei Beni Culturali 6 II A scelta libera

6 Piano degli Studi Anno Insegnamenti/Altre attività CFU III Etnografia 6 III Storia contemporanea 6 III Organologia 6 III Economia e Gestione dei Beni Culturali e del Turismo o Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi applicata ai Beni Culturali 6 III A Scelta Libera 12 III Tirocini ed Altre Attività Formative (di cui 3 CFU di Informatica) 9 III Prova finale 9 6

7 Piano degli Studi Curriculum in Archeologia Anno Insegnamenti/Altre attività CFU I Letteratura italiana 9 I Cultura e Letteratura Latina 6 I Archeologia e Storia dell Arte Greca e Romana 12 I Storia dell arte medievale 9 I Una disciplina di Storia della Musica (Medievale e Rinascimentale o Moderna e contemporanea) I Antropologia culturale 6 I Una disciplina storica: Storia Greca o Storia Medievale o Storia Moderna I Lingua straniera (Idoneità) 3 II Geografia Umana (Beni Culturali) 12 II Storia dell arte moderna 9 II Una disciplina storica: Storia Romana o Storia Moderna o Storia Contemporanea II Etruscologia 6 II Biblioteche e Informazione nell Era Digitale 6 II Preistoria e Protostoria 6 II Diritto Amministrativo dei Beni Culturali 6 II A scelta libera

8 Piano degli Studi Anno Insegnamenti/Altre attività CFU III Metodologia della Ricerca Archeologica 6 III Archeologia cristiana 6 III Topografia Antica 6 III Economia e Gestione dei Beni Culturali e del Turismo o Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi applicata ai Beni Culturali III A scelta libera 12 III Tirocini ed altre attività formative (di cui 3 CFU di Informatica) 9 III Prova finale 9 6 8

9 Piano degli Studi Curriculum in Storia dell Arte Anno Insegnamenti/Altre attività CFU I Letteratura italiana 9 I Cultura e Letteratura Latina 6 I Archeologia e Storia dell Arte Greca e Romana 12 I Storia dell arte medievale 9 I Una disciplina di Storia della Musica (Medievale e Rinascimentale o Moderna e contemporanea) I Antropologia culturale 6 I Una disciplina storica: Storia Greca o Storia Medievale o Storia Moderna I Lingua straniera (Idoneità) 3 II Geografia Umana (Beni Culturali) 12 II Storia dell Arte Moderna 9 II Una disciplina storica: Storia Romana o Storia Moderna o Storia Contemporanea II Storia delle Tecniche Artistiche 6 II Biblioteche e Informazione nell Era Digitale 6 II Metodologia della Storia dell Arte 6 II Diritto Amministrativo dei Beni Culturali 6 II A scelta libera

10 Piano degli Studi Anno Insegnamenti/Altre attività CFU III Storia della Critica d Arte 6 III Museologia 6 III Fondamenti di storia dell arte contemporanea 6 III Economia e Gestione dei Beni Culturali e del Turismo o Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi applicata ai Beni Culturali III A scelta libera 12 III Tirocini ed altre attività formative (di cui 3 CFU di Informatica) 9 III Prova finale

11 Lauree magistrali Corso di laurea magistrale interclasse in ARCHEOLOGIA E CIVILTÀ CLASSICHE (Classe LM-2 ) Curriculum in Antropologia culturale: laurea magistrale in SCIENZE SOCIOANTROPOLOGICHE PER L INTEGRAZIONE E LA SICUREZZA SOCIALE (questa magistrale afferisce al Dipartimento di Filosofia, Scienze Sociali, Umane e della Formazione Ambiti occupazionali Il Corso è finalizzato alla formazione di figure professionali che operino: nei settori dei servizi, dell industria culturale e del turismo, negli istituti di cultura che si occupano della conservazione e valorizzazione del patrimonio dei Beni Culturali; nella Pubblica Amministrazione (Soprintendenze, Archivi, Biblioteche e Ministeri); in enti pubblici e privati (Ufficio Studi, Direzione del personale, Servizio stampa e pubbliche relazioni, Marketing e pubblicità, Promozione culturale, etc.); giornalismo, editoria, turismo, comunicazione. Servizi e strutture del Dipartimento Al Dipartimento afferiscono corsi di laurea triennale (Lettere, Beni e Attività Culturali, Lingue e Culture Straniere) e magistrale (Italianistica e Storia Europea; Archeologia e Storia dell Arte; Civiltà Classiche; Lingue, Letterature Comparate e Traduzione Interculturale), e un Dottorato di ricerca in Storia, Arti e Linguaggi nell Europa Antica e Moderna. La sede principale si trova presso Palazzo Manzoni in Piazza Morlacchi, nel cuore del suggestivo centro storico di Perugia, a poche decine di metri dalla celebre Piazza IV Novembre, una delle piazze medievali più belle del mondo. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN BENI CULTURALI 11

12 CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN BENI CULTURALI L attività didattica si svolge in altri edifici, tutti dislocati nella stessa zona del centro storico della città: Palazzo Meoni, Palazzo S. Bernardo, Palazzo Silvi, Palazzo ex Salesiani e Palazzo Pontani. Le principali strutture di cui usufruisce il Dipartimento sono il Laboratorio di informatica dei Dipartimenti Umanistici (LIDU), dotato di 60 postazioni di lavoro, e la Biblioteca Umanistica, una moderna struttura specializzata negli studi sull antichità classica (storia antica, filologia classica greca e latina, archeologia classica), nella storia dell arte medievale, moderna e contemporanea, in italianistica, linguistica e filologia romanza e nelle letterature e lingue moderne. Per lo studio e l approfondimento delle lingue il Dipartimento fa riferimento al Centro Linguistico d Ateneo (http://cla.unipg.it/ ), che pur essendo ospitato in un imponente e suggestivo monastero duecentesco vanta le più moderne attrezzature laboratoriali, aule multimediali ed uno staff di docenti e collaboratori linguistici di grande esperienza. Agli studenti è offerto un servizio di orientamento e tutorato che cura i rapporti con le scuole superiori, organizza giornate di orientamento e tirocini presso enti e istituzioni pubblici e privati, profit e non profit. Con esso collaborano dottorandi e studenti dei Corsi di Laurea Magistrale (usufruendo di contratti di tutorato) per dare sostegno agli studenti dei primi anni. Il servizio relazioni internazionali fornisce assistenza per la partecipazione ai progetti di mobilità e in particolare al programma Erasmus+. Il tutorato stage vanta rapporti con decine di aziende e istituzioni su tutto il territorio nazionale ed ha ricevuto nel 2014 una valutazione eccellente dall ente nazionale di valutazione universitaria. E infine offerta l opportunità di partecipare agli scavi archeologici nazionali e internazionali del Dipartimento. 12

13 INFORMAZIONI DI CONTATTO Dipartimento di Lettere Lingue, Letterature e Civiltà antiche e moderne Piazza Morlacchi, Perugia sito web pagina facebook Dipartimento di Lettere UNIPG Segreteria didattica Tel Presidente del Corso Prof. Giovanni De Santis tel Responsabile qualità Prof.ssa Alessandra Di Pilla tel CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN BENI CULTURALI 13

14 FILOSOFIA E SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE CORSO DI LAUREA TRIENNALE INTERCLASSE

15 Obiettivo didattico L interclasse in Filosofia e Scienze e Tecniche Psicologiche rappresenta una novità sia nel panorama nazionale che europeo. Si tratta di un percorso formativo che nasce dalla unione delle due classi L-5 e L-24 e che consente ai nuovi laureati l acquisizione di ampie basi culturali e strumentali necessarie per la lettura dei nuovi contesti sociali e personali facilitando anche la libera iniziativa individuale. Nel percorso formativo proposto risulta prioritaria la determinazione di funzioni e competenze orientate ai Servizi alla persona; proprio in tale prospettiva il percorso formativo definisce competenze che al tempo stesso richiedono una conoscenza del complesso culturale della realtà contemporanea, quale può essere fornito dagli insegnamenti di base della Classe L-5 (laurea in Filosofia) e una conoscenza specifica del funzionamento psicologico e delle dinamiche e meccanismi specifici dell individuo previsto dalla Classe L-24 (laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche). Il nuovo CDS propone una offerta formativa interdisciplinare che: arricchisce la formazione filosofica, garantita dai tradizionali percorsi di studio filosofici i cui insegnamenti fondamentali sono presenti nel nuovo percorso formativo interclasse, con conoscenze e competenze specifiche di ambito psicologico. arricchisce il percorso formativo previsto dai tradizionali percorsi formativi delle lauree triennali in Scienze e Tecniche Psicologiche (laurea di primo livello in Psicologia), con il contributo epistemologico e culturale garantito da una solida formazione filosofica. CORSO DI LAUREA TRIENNALE INTERCLASSE IN FILOSOFIA E SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE 15

16 Obiettivi formativi CORSO DI LAUREA TRIENNALE INTERCLASSE IN FILOSOFIA E SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE Il percorso formativo proposto per le due classi ha un numero di CFU comuni (non meno di 84 CFU) e risulta chiaramente orientato a definire funzioni e competenze prevalentemente orientate ai Servizi alla persona e garantisce quindi la possibilità di accedere alle lauree Magistrali in Filosofia (classe LM- 78) e in Psicologia (Classe LM-51). Il percorso prevede: l'acquisizione di conoscenze di "macro aree" appartenenti alle due classi "L- 5" (Filosofia) e L-24 (Scienze e Tecniche Psicologiche) l'acquisizione di conoscenze necessarie come prerequisiti per proseguire il percorso formativo nelle Lauree magistrali in Scienze filosofiche (L-78) e in Psicologia (LM-51) acquisizione di conoscenze della storia del pensiero occidentale; acquisizione di un linguaggio filosofico e psicologico specifico; acquisizione di conoscenze psicologiche di base (specialmente di Psicologia Generale, Dinamica e Sociale); acquisizione di conoscenze filosofiche di base (specialmente Storicofilosofiche, Epistemologiche e di filosofia della scienza); conoscenza della lingua inglese a livello B1; potenziamento di competenze finalizzate alla diagnosi delle situazioni e dei contesti; sviluppo di abilità pre-professionalizzanti (conduzione di colloqui, gestione di piccoli gruppi, stesura di relazioni tecniche, etc.); acquisizione delle conoscenze di base sui comportamenti nel ciclo di vita; acquisizione delle conoscenze sulle principali classificazioni psicodiagnostiche e degli approcci di assessment e valutazione clinica; acquisizione di capacità di monitoraggio e valutazione delle competenze utili alla gestione efficace del proprio percorso di studio e alla progettazione di successivi sviluppi sul piano della formazione e della carriera professionale; padronanza della terminologia e dei metodi riguardanti l'analisi dei problemi, le modalità argomentative e l'approccio ai testi (anche in lingua originale); sviluppo degli strumenti critici e delle capacità di ricerca; 16

17 capacità di far uso di adeguati strumenti bibliografici (sia on.line che cartacei); capacità di lettura e di analisi di testi filosofici. Il laureato sarà in grado di interpretare i cambiamenti culturali e di applicare in una situazione reale quanto appreso identificando strategie di progettazione e organizzazione di servizi alla persona anche mediante la creazione di imprese sociali rivolte alla persona. Comune denominatore per tutti gli ambiti di attività riferibili al profilo professionale è la capacità di una comunicazione efficace, di autonomia di giudizio, di team work. Il laureato in Filosofia e Scienze e Tecniche Psicologiche sarà quindi particolarmente orientato all analisi e interpretazione del contesto culturale e personale e capace di rispondere a specifici bisogni degli individui (e/o dei gruppi) per quanto concerne l autonomia e l integrazione sociale con particolare attenzione al funzionamento personale. In particolare, gli ambiti di attività si estendono dal settore pubblico a quello privato, nella creazione e/o inserimento in istituzioni del terzo settore no profit (nelle diverse forme, Onlus, Odv, associazione di promozione sociale, cooperative sociali e sociosanitarie), nei servizi sociali e socio-sanitari e nei servizi per il tempo libero, la cura della persona e la formazione culturale e l integrazione. Il nuovo CdS interclasse propone un profilo formativo anch esso innovativo e capace di leggere con maggiori strumenti la persona nell attuale contesto sociale e culturale. CORSO DI LAUREA TRIENNALE INTERCLASSE IN FILOSOFIA E SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE 17

18 Organizzazione del corso CORSO DI LAUREA TRIENNALE INTERCLASSE IN FILOSOFIA E SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE Il Corso di Studi Interclasse in Filosofia e Scienze e Tecniche Psicologiche ha una durata triennale, per un totale di 180 CFU (60 per anno) e rilascia il titolo di Dottore in Filosofia e Scienze e Tecniche Psicologiche. Oltre ai CFU previsti per attività di base, caratterizzanti e affini, allo studente è lasciata la scelta di 12 CFU liberi (che convergono in una unica prova d'esame). Nel percorso formativo sono previsti inoltre crediti per le attività di Tirocinio e per la Lingua straniera, entrambe valutate come prove d'idoneità. Trattandosi di un CdS Interclasse, sono previste attività comuni, finalizzate a far acquisire allo studente una formazione interdisciplinare; i CFU previsti per tali attività comuni, tra insegnamenti di base e caratterizzanti, sono in numero non inferiore a

19 Piano degli Studi Insegnamenti comuni Anno Insegnamenti/Altre attività CFU I Psicologia Generale 12 I Storia della filosofia I 9 I Psicologia dello Sviluppo I e II modulo 12 I Storia della filosofia II 9 I Psicologia Sociale 9 II Psicologia dinamica I e II modulo 12 II Storia della filosofia contemporanea 9 II Psicopatologia generale e dello sviluppo 9 II Storia della Scienza e della tecnica 9 II Storia contemporanea 6 II Gnoseologia delle Scienze Umane 6 III Psicologia cognitiva 9 III A scelta dello studente 12 III Tirocinio 3 III Prova finale 3 19

20 Piano degli Studi Curriculum in Filosofia Anno Insegnamenti/Altre attività CFU I Estetica o Filosofia Teoretica 6 I Ermeneutica filosofica o Religioni e filosofia della Cina 6 II Filosofia politica o Fenomenologia 6 II Lingua straniera 3 III Filosofia Morale 6 III Metodologia della ricerca educativa I e II modulo 12 III Pedagogia sperimentale 6 III Filosofia della conoscenza o Storia Greca o Pedagogia generale o Storia moderna o Storia medievale 6 Curriculum in Scienze e Tecniche Psicologiche Anno Insegnamenti/Altre attività CFU I Fisiologia o Istituzioni di Filosofia Morale 9 II Psicologia Fisiologica 9 III Psicometria 9 III Psicologia del lavoro 6 III Psichiatria o Istituzioni di Filosofia Teoretica 9 III Psicologia clinica 6 III Lingua straniera 3 20

21 Ambiti occupazionali Oltre a garantire la possibilità di accedere alle lauree Magistrali in Filosofia (classe LM-78) e in Psicologia (Classe LM-51) il corso è prevalentemente orientato ai servizi alla persona. Le funzioni che il laureato potrà svolgere sono prevalentemente orientate all'analisi e interpretazione del contesto culturale e personale al fine di rispondere ai bisogni degli individui (e/o dei gruppi) per quanto concerne l'autonomia e l'integrazione sociale con particolare attenzione al funzionamento personale. In particolare, gli ambiti di attività si estendono dal settore pubblico a quello privato, nella creazione e/o inserimento in istituzioni del terzo settore no profit (nelle diverse forme, Onlus, Odv, associazione di promozione sociale, cooperative sociali e socio-sanitarie), nei servizi sociali e socio-sanitari e nei servizi per il tempo libero, la cura della persona e la formazione culturale e l'integrazione. Il corso apre quindi ai seguenti possibili sbocchi professionali: Progettazione di servizi alla persona Creazione di imprese sociali rivolte ai servizi alla persona intervistatore professionale rilevatore professionale esperto reimpiego pensionati esperto reinserimento ex carcerati mediatore interculturale tecnico per l'assistenza ai giovani disabili tecnico della mediazione sociale. Ulteriori informazioni Ciascuno studente indica al momento dell'immatricolazione la classe entro cui intende conseguire il titolo di studio. Lo studente può comunque modificare la sua scelta, purchè questa diventi definitiva al momento dell'iscrizione al terzo anno. CORSO DI LAUREA TRIENNALE INTERCLASSE IN FILOSOFIA E SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE 21

22 INFORMAZIONI DI CONTATTO CORSO DI LAUREA TRIENNALE INTERCLASSE IN FILOSOFIA E SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA, SCIENZE SOCIALI, UMANE E DELLA FORMAZIONE Piazza Ermini, Perugia Tel (Direzione del Dipartimento) Fax sito web: Per informazioni è possibile contattare: Prof.ssa Claudia Mazzeschi Prof. Carlo Vinti Prof. Massimiliano Marianelli Prof. Valerio Santangelo 22

23 LETTERE CORSO DI LAUREA TRIENNALE

24 Obiettivi formativi La laurea in Lettere è finalizzata a fornire le conoscenze di base a livello postsecondario dello sviluppo storico, linguistico e letterario della civiltà e cultura europea e di quelle con esse correlate nello spazio e nel tempo, dall antichità all età contemporanea, favorendo in particolare lo studio delle fonti proprie di ciascun ambito disciplinare nelle lingue originali. Modalità di accesso Il corso si articola in due curricula: classico e moderno. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN LETTERE Curriculum classico Il corso di laurea in Lettere è ad accesso libero. All inizio dell anno accademico sono previste prove di orientamento nei seguenti ambiti: Lingua italiana, Lingua latina e Lingua greca. Alle prove di orientamento devono partecipare sia gli studenti già immatricolati, sia quelli che devono perfezionare l iscrizione. Gli studenti provenienti da scuole medie superiori dove non hanno seguito l insegnamento del latino, dovranno comunque presentarsi presso la sede della prova per definire le modalità di partecipazione al Laboratorio di latino (livello base). In caso di esito negativo delle prove, lo studente dovrà frequentare laboratori (Laboratorio di Lingua italiana, Laboratorio di latino e Laboratorio di greco) al termine dei quali sosterrà una prova di idoneità. Il superamento delle prove di orientamento o il conseguimento dell idoneità al termine dei laboratori sono propedeutici agli esami di Letteratura italiana, Lingua latina e Lingua greca e dovranno essere registrati nel libretto. Non è prevista l attribuzione di crediti. Curriculum moderno Il corso di laurea in Lettere è ad accesso libero. All inizio dell anno accademico sono previste prove di orientamento nei seguenti ambiti: Lingua italiana e Lingua latina. Alle prove di orientamento devono partecipare sia gli studenti già immatricolati, sia quelli che devono perfezionare l iscrizione. Gli studenti provenienti da scuole medie superiori dove non hanno seguito l insegnamento del latino, dovranno comunque presentarsi presso la sede 24

25 della prova per definire le modalità di partecipazione al Laboratorio di latino (livello base). In caso di esito negativo delle prove, lo studente dovrà frequentare laboratori (Laboratorio di Lingua italiana e/o Laboratorio di latino) al termine dei quali sosterrà una prova di idoneità. Il superamento delle prove di orientamento o il conseguimento dell idoneità al termine dei laboratori sono propedeutici agli esami di Letteratura italiana e Lingua latina e dovranno essere registrati nel libretto. Non è prevista l attribuzione di crediti. Piano degli Studi Curriculum Classico Anno Ambito Insegnamento CFU I Letteratura italiana Letteratura italiana 12 I Filologia e linguistica Glottologia 12 I Storia Storia greca 12 I Affini Archeologia greca 6 I Storia e geografia Geografia 12 I Lingue e Letterature classiche Lingua latina (avanzato) 6 I Lingua straniera (idoneità)* c/o Centro Linguistico d Ateneo 3 * La verifica della conoscenza di una lingua dell Unione europea deve avvenire presso il CLA e soddisfare il livello B1 per quanto concerne la lingua inglese e il livello A2 per tutte le altre lingue. In caso di esito negativo lo studente dovrà frequentare un corso di lingua presso il CLA prima di sottoporsi di nuovo alla verifica. 25

26 Piano degli Studi Anno Ambito Insegnamento CFU II Lingue e letterature classiche Letteratura latina 6 II Letterature moderne II Letteratura italiana contemporanea Lingua greca 6 II Letteratura greca 6 III Filologia linguistica e letteratura Letteratura greca II 0/6 III 24 CFU (tra il II e il III anno) Filologia latina 0/6/12 III Letteratura latina II 0/6 III Letteratura cristiana antica 0/6/12 III Storia medievale 0/12 III Storia moderna 0/12 III Storia Storia contemporanea 0/12 24 CFU Storia romana con II 12 esercitazioni di epigrafia latina II Geografia storica del mondo antico 0/6 II Archeologia romana 6 II Filologia classica 0/6 III Affini 30 CFU Drammaturgia classica 0/6 III Letteratura latina medievale 0/12 III Storia della filosofia I 0/6/12 III Paleografia latina 0/12 II e III A scelta dello studente 12 CFU 0/6/12 II Ulteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche, tirocini, ecc III Prova finale 9 6

27 Piano degli Studi Curriculum Moderno Anno Ambito Insegnamento CFU I Letteratura italiana Letteratura italiana 12 I Filologia e linguistica Linguistica generale 12 I Storia e geografia Storia medievale 12 I Storia e geografia Geografia 12 I Lingue e Letterature classiche Lingua latina (medio) 6 I Lingua straniera (idoneità)* c/o Centro Linguistico d Ateneo 3 * La verifica della conoscenza di una lingua dell Unione europea deve avvenire presso il CLA e soddisfare il livello B1 per quanto concerne la lingua inglese e il livello A2 per tutte le altre lingue. In caso di esito negativo lo studente dovrà frequentare un corso di lingua presso il CLA prima di sottoporsi di nuovo alla verifica. 27

28 Piano degli Studi Anno Ambito Insegnamento CFU II Lingue e letterature classiche Letteratura latina 6 II Letterature moderne Letteratura italiana contemporanea II Storia della lingua italiana 12 III Filologia linguistica e letteratura 24 CFU Filologia romanza 0/12 III Letteratura latina medievale 0/12 II Storia Storia contemporanea 12 II 24 CFU Storia moderna 12 II Archivistica 0/6 II Biblioteconomia 0/6 II Filologia e critica dantesca 0/6 II Informatica scienze umane 0/6 II Storia del teatro e dello spettacolo 0/12 III Affini Storia dell arte medievale 0/6 III 36 CFU Storia dell arte moderna 0/6 III Storia della Filosofia II 0/12 III Studi francescani e cristianesimo medievale 6 0/12 III Storia del cristianesimo 0/12 III Paleografia latina 0/12 II e III A scelta dello studente 12 CFU 0/6/12 II Ulteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche, tirocini, ecc III Prova finale 9

29 Lauree magistrali Laurea magistrale in ITALIANISTICA E STORIA EUROPEA (Classe LM-14); Laurea magistrale in CIVILTÀ CLASSICHE (Classe LM-15). Ambiti occupazionali Gli sbocchi occupazionali e professionali sono i seguenti: impiegati negli enti pubblici e privati, nel campo dell'editoria e nelle istituzioni culturali; docenti nelle scuole e nelle istituzioni di formazione; Giornalismo ed editoria. Servizi e strutture del Dipartimento Al Dipartimento afferiscono corsi di laurea triennale (Lettere, Beni e Attività Culturali, Lingue e Culture Straniere) e magistrale (Italianistica e Storia Europea; Archeologia e Storia dell Arte; Civiltà Classiche; Lingue, Letterature Comparate e Traduzione Interculturale), e un Dottorato di ricerca in Storia, Arti e Linguaggi nell Europa Antica e Moderna. La sede principale si trova presso Palazzo Manzoni in Piazza Morlacchi, nel cuore del suggestivo centro storico di Perugia, a poche decine di metri dalla celebre Piazza IV Novembre, una delle piazze medievali più belle del mondo. L attività didattica si svolge in altri edifici, tutti dislocati nella stessa zona del centro storico della città: Palazzo Meoni, Palazzo S. Bernardo, Palazzo Silvi, Palazzo ex Salesiani e Palazzo Pontani. Le principali strutture di cui usufruisce il Dipartimento sono il Laboratorio di informatica dei Dipartimenti Umanistici (LIDU), dotato di 60 postazioni di lavoro, e la Biblioteca Umanistica, una moderna struttura specializzata negli studi sull antichità classica (storia antica, filologia classica greca e latina, archeologia classica), nella storia dell arte medievale, moderna e contemporanea, in italianistica, linguistica e filologia romanza e nelle letterature e lingue moderne. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN LETTERE 29

30 Per lo studio e l approfondimento delle lingue il Dipartimento fa riferimento al Centro Linguistico d Ateneo (http://cla.unipg.it/ ), che pur essendo ospitato in un imponente e suggestivo monastero duecentesco vanta le più moderne attrezzature laboratoriali, aule multimediali ed uno staff di docenti e collaboratori linguistici di grande esperienza. Agli studenti è offerto un servizio di orientamento e tutorato che cura i rapporti con le scuole superiori, organizza giornate di orientamento e tirocini presso enti e istituzioni pubblici e privati, profit e non profit. Con esso collaborano dottorandi e studenti dei Corsi di Laurea Magistrale (usufruendo di contratti di tutorato) per dare sostegno agli studenti dei primi anni. Il servizio relazioni internazionali fornisce assistenza per la partecipazione ai progetti di mobilità e in particolare al programma Erasmus+. Il tutorato stage vanta rapporti con decine di aziende e istituzioni su tutto il territorio nazionale ed ha ricevuto nel 2014 una valutazione eccellente dall ente nazionale di valutazione universitaria. E infine offerta l opportunità di partecipare agli scavi archeologici nazionali e internazionali del Dipartimento. INFORMAZIONI DI CONTATTO CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN LETTERE Dipartimento di Lettere Lingue, Letterature e Civiltà antiche e moderne Piazza Morlacchi, Perugia Segreteria Didattica tel Presidente del Corso Prof. Stefano Brufani tel Responsabile qualità Prof.ssa Silvia Chessa tel

31 LINGUE E CULTURE STRANIERE CORSO DI LAUREA TRIENNALE

32 Obiettivi formativi CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN LINGUE E CULTURE STRANIERE La laurea triennale prepara alla professioni di: redattori di testi per la pubblicità, giornalisti, linguisti e filologi, revisori di testi, archivisti, bibliotecari, curatori e conservatori di musei, tecnici delle attività ricettive e professioni assimilate, organizzatori di fiere, esposizioni ed eventi culturali, organizzazioni di convegni e ricevimenti, animatori turistici e professioni assimilate, agenti di viaggio, guide turistiche, tecnici dei servizi per l impiego. Il corso fornisce una solida formazione di base in due letterature straniere e nelle due lingue relative scelte dallo studente tra cinese, francese, inglese, portoghese-brasiliana, russa, spagnola e tedesca, oltre che una conoscenza avanzata della lingua e della letteratura italiana. Inoltre, il Corso di Studio costituisce la base per la laurea magistrale e dà la possibilità di conseguire i certificati individuali previsti dal progetto europeo Portfolio linguistico (Alliance Française, Instituto Cervantes, Goethe- Institut, University of Cambridge, Universidade de Lisboa, ecc.). 32

33 Piano degli Studi Anno Insegnamenti/Altre attività CFU I Linguistica generale 9 I Storia Moderna oppure Storia Contemporanea 9 I Lingua A 9 I Lingua B 9 I Letteratura della lingua A 9 I Letteratura della lingua B 9 I A scelta dello studente 6 II Geografia culturale 6 II Didattica delle lingue moderne 9 II Lingua A 9 II Lingua B 9 II Letteratura della lingua A 9 II Letteratura della lingua B 9 II A scelta dello studente 12 III Letteratura italiana 9 III Lingua A 6 III Lingua B 6 III Letteratura della lingua A 6 III Letteratura della lingua B 6 III Filologia (del gruppo filologico di appartenenza di una delle due lingue/letterature scelte) III Laboratorio di informatica 3 III Tirocinio 3 III Prova finale (tesi) 9 9

34 Modalità di accesso CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN LINGUE E CULTURE STRANIERE Il corso di Laurea in Lingue e Culture Straniere è ad accesso libero. Le conoscenze di base necessarie per l'accesso sono di norma acquisite con un Diploma di scuola media superiore italiana, ovvero con un titolo equipollente acquisito all'estero e riconosciuto idoneo. E' previsto un test d'orientamento da sostenere obbligatoriamente prima dell'immatricolazione. Tale test è volto ad accertare la capacità di comprensione e ragionamento e la competenza nella definizione e nell'uso delle strutture lessicali e grammaticali della lingua italiana. Lo studente che non superi questo test potrà ugualmente iscriversi al corso di Laurea, ma dovrà frequentare delle attività formative aggiuntive, che hanno lo scopo di colmare le iniziali lacune di preparazione. E' previsto inoltre un test idoneativo di lingua inglese rivolto a tutti gli studenti che intendono scegliere Inglese come "Lingua e traduzione - Lingua straniera 1" (e conseguentemente "Letteratura straniera 1") e/o "Lingua e traduzione - Lingua straniera 2" (e conseguentemente "Letteratura straniera 2"). Il test idoneativo, con riferimento al Quadro Comune del Consiglio d'europa, è al livello di competenza B1. Lo studente che non superi questo test potrà ugualmente iscriversi al corso di Laurea, ma non potrà scegliere Inglese come "Lingua e traduzione - Lingua straniera 1" (e conseguentemente "Letteratura straniera 1") e/o "Lingua e traduzione - Lingua straniera 2" (e conseguentemente "Letteratura straniera 2"). I test si terranno nel mese di settembre 2015 presso il Centro Linguistico d'ateneo (CLA), Via Enrico dal Pozzo Perugia. Nel sito ufficiale del Dipartimento di Lettere - Lingue, Letterature e Civiltà antiche e moderne (http://www.lettere.unipg.it) e del CLA (http://www.cla.unipg.it), sono presenti tutte le informazioni nonché le date dei test, insieme alle modalità di iscrizione e di svolgimento. Per coloro che non abbiano superato il test di orientamento di Lingua italiana sono previste attività formative aggiuntive volte a colmare le lacune di preparazione. 34

35 Lauree magistrali Corso di laurea magistrale in Lingue, Letterature comparate e Traduzione interculturale (classe delle lauree LM-37). Ambiti occupazionali I laureati nel Corso di Studio triennale in Lingue e Culture Straniere (classe delle lauree L-11) potranno operare tanto nel settore pubblico quanto nel settore privato. Gli sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati del Corso sono vari: in ambito parascolastico (il Corso, tra l altro, costituisce la base per l acquisizione delle tecniche e delle metodologie necessarie per svolgere in futuro dopo la laurea magistrale e dopo il processo di abilitazione e superati i concorsi previsti dalla normativa vigente l insegnamento delle lingue e delle letterature straniere e dell italiano per stranieri); nell industria, nel terziario e nelle istituzioni culturali; nell editoria, nella raccolta e gestione delle informazioni in rete, predisponendo basi di dati plurilingue per molteplici settori, nella net economy e nell elaborazione di cataloghi su supporti elettronici, ipertesti, e-books, ecc.; nei campi della tutela del patrimonio storico e culturale e delle arti figurative, visive e applicate (design, ecc.), della musica e dello spettacolo, del settore turistico e della mediazione interculturale; nel campo editoriale della traduzione letteraria e settoriale; come esperti linguistici, presso aziende pubbliche e private (per l organizzazione di fiere ed esposizioni a livello nazionale e internazionale, nonché presso istituzioni culturali, quali biblioteche e musei); come esperti linguistici, presso le istituzioni dell Unione Europea (Parlamento Europeo, Commissione Europea, Consiglio dei Ministri, ecc.) e presso altri organismi nazionali e internazionali, quali il Ministero degli Affari Esteri, le agenzie per la cooperazione, le organizzazioni governative e non governative e l ONU. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN LINGUE E CULTURE STRANIERE 35

36 Servizi e strutture del Dipartimento CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN LINGUE E CULTURE STRANIERE Al Dipartimento afferiscono corsi di laurea triennale (Lettere, Beni e Attività Culturali, Lingue e Culture Straniere) e magistrale (Italianistica e Storia Europea; Archeologia e Storia dell Arte; Civiltà Classiche; Lingue, Letterature Comparate e Traduzione Interculturale), e un Dottorato di ricerca in Storia, Arti e Linguaggi nell Europa Antica e Moderna. La sede principale si trova presso Palazzo Manzoni in Piazza Morlacchi, nel cuore del suggestivo centro storico di Perugia, a poche decine di metri dalla celebre Piazza IV Novembre, una delle piazze medievali più belle del mondo. L attività didattica si svolge in altri edifici, tutti dislocati nella stessa zona del centro storico della città: Palazzo Meoni, Palazzo S. Bernardo, Palazzo Silvi, Palazzo ex Salesiani e Palazzo Pontani. Le principali strutture di cui usufruisce il Dipartimento sono il Laboratorio di informatica dei Dipartimenti Umanistici (LIDU), dotato di 60 postazioni di lavoro, e la Biblioteca Umanistica, una moderna struttura specializzata negli studi sull antichità classica (storia antica, filologia classica greca e latina, archeologia classica), nella storia dell arte medievale, moderna e contemporanea, in italianistica, linguistica e filologia romanza e nelle letterature e lingue moderne. Per lo studio e l approfondimento delle lingue il Dipartimento fa riferimento al Centro Linguistico d Ateneo (http://cla.unipg.it/ ), che pur essendo ospitato in un imponente e suggestivo monastero duecentesco vanta le più moderne attrezzature laboratoriali, aule multimediali ed uno staff di docenti e collaboratori linguistici di grande esperienza. Agli studenti è offerto un servizio di orientamento e tutorato che cura i rapporti con le scuole superiori, organizza giornate di orientamento e tirocini presso enti e istituzioni pubblici e privati, profit e non profit. Con esso collaborano dottorandi e studenti dei Corsi di Laurea Magistrale (usufruendo di contratti di tutorato) per dare sostegno agli studenti dei primi anni. Il servizio relazioni internazionali fornisce assistenza per la partecipazione ai progetti di mobilità e in particolare al programma Erasmus+. Il tutorato stage vanta rapporti con decine di aziende e istituzioni su tutto il territorio nazionale ed ha ricevuto nel 2014 una valutazione eccellente dall ente nazionale di valutazione universitaria. E infine offerta l opportunità di partecipare agli scavi archeologici nazionali e internazionali del Dipartimento. 36

37 INFORMAZIONI DI CONTATTO Dipartimento di Lettere Lingue, Letterature e Civiltà antiche e moderne Piazza Morlacchi, Perugia Segreteria didattica Tel Presidente del Corso Prof. Leonardo Tofi Tel Responsabile qualità Prof.ssa Mirella Vallone tel CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN LINGUE E CULTURE STRANIERE 37

38 SCIENZE DELL EDUCAZIONE CORSO DI LAUREA TRIENNALE

39 Obiettivi didattici I laureati acquisiranno conoscenze e competenze teoriche nell ambito epistemologico, disciplinare e metodologico in particolare nelle scienze dell educazione, quindi nei settori psicologico, sociologico, filosofico, oltre che storico, linguistico e informatico, idonee alla comprensione delle situazioni problematiche e alla formazione di una cultura dell educazione individuale e di gruppo. Matureranno conoscenze, competenze e metodologie nelle aree dell integrazione, dei servizi alla persona e in particolare dell infanzia, della promozione dell educazione e della cultura negli ambiti di competenza. I laureati in Scienze dell'educazione conseguiranno competenze teoriche, relazionali, applicative e operative per comprendere le situazioni problematiche individuali e di gruppo nel territorio e per saper elaborare progetti, soluzioni e interventi a livello professionale. Obiettivi formativi Sulla base delle competenze e delle capacità critiche, relazionali, applicative e operative acquisite i laureati in Scienze dell Educazione sono in grado di comprendere le situazioni di disagio individuali e di gruppo, anche sul territorio, e sono in grado di progettare e argomentare a livello professionale soluzioni che traducano in azioni educative e formative le conoscenze e le metodologie maturate a livello teorico. Le aree di intervento progettuale privilegiato riguardano l integrazione, i servizi socio-educativi alla persona e in particolare all infanzia, la promozione dell educazione e della formazione continua, anche mediante l utilizzo delle tecnologie informatiche. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE 39

40 Organizzazione del corso CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE Il Corso di Studio triennale è volto a formare l Educatore professionale nei servizi alla persona e per l infanzia; mediante l utilizzo di discipline di base, caratterizzanti e affini forma personale che ha specifiche conoscenze pedagogiche, psicologiche, sociologiche, filosofiche, storiche, antropologiche, tecnologiche e linguistiche (competenza lingua inglese), e che matura capacità di ascolto, analisi, progettazione educativa e formativa per operare sul territorio, sia in strutture pubbliche, sia in strutture private. L organizzazione degli studi conduce all acquisizione di competenze specifiche per intervenire nelle problematiche educative e formative del privato-sociale, per promuovere e gestire attività e progetti di volontariato, per condurre attività formative ed educative di carattere generale, anche nei settori della formazione continua, dell integrazione e della disabilità per creare e/o inserirsi in strutture dedicate ai servizi alla persona. Una parte dei crediti è dedicata ad insegnamenti scelti dagli studenti, al tirocinio, al laboratorio e alla prova finale. Particolare attenzione è rivolta al tirocinio che può essere effettuato presso Enti pubblici e privati, Servizi ed Aziende accreditati e convenzionati. Sono riconosciuti periodi di studio presso università italiane e straniere anche nel quadro di accordi internazionali e/o progetti Erasmus. 40

41 Piano degli Studi Anno Insegnamenti/Altre attività CFU I Didattica generale 12 I Forme e tradizioni della filosofia 12 I Pedagogia generale 9 I Sociologia generale 6 I Psicologia generale 6 I Informatica applicata all Educazione o Tecnologie dell Educazione I Storia moderna 9 6 II Metodologia della ricerca educativa, dell Osservazione e della valutazione 9 II Pedagogia sociale, familiare e interculturale 12 II Igiene e educazione sanitaria 6 II Lingua inglese 9 II Psicologia dello sviluppo 6 II Figure delle relazioni 6 II Modelli e sistemi pedagogici 6 II Storia dell arte medievale in Umbria. Percorsi educativi o Psicologia dinamica 6 41

42 Piano degli Studi Anno Insegnamenti/Altre attività CFU III Istituzioni di etica delle relazioni umane 6 III Pedagogia della diversità e delle differenze 9 III Progettazione e organizzazione dei servizi socio-educativi 9 III Sociolinguistica 6 III Laboratorio di lingua inglese 4 III A scelta dello studente 12 III Tirocinio 6 III Laboratorio 2 III Prova finale 6 42

43 Ambiti occupazionali Il corso prepara figure professionali in grado di operare con competenza nell ambito educativo e formativo. Il laureato in Scienze dell Educazione potrà: svolgere attività di Educatore professionale nei servizi alla persona, nelle comunità e nei servizi sociali, in strutture pubbliche e private; promuovere percorsi educativi nei servizi culturali; potrà svolgere attività di istruttore e di tutor nell ambito educativo e formativo nel settore pubblico e privato e nella più vasta realtà territoriale; effettuare, come Educatore dell infanzia, attività nelle strutture prescolastiche, scolastiche ed extra scolastiche, nei servizi per l infanzia e in altre attività che richiedano competenze specifiche, sia nel settore pubblico, sia nel settore privato; creare e progettare servizi alla persona. Il corso prepara alle professioni di: Tutor, Istitutore, Insegnante nei corsi di qualificazione professionale Il laureato in Scienze dell educazione (D.M. 270) può partecipare ai concorsi banditi da enti pubblici e privati nei settori di competenza. Le attività di tirocinio svolte presso enti pubblici e privati selezionati e convenzionati consentono agli studenti di svolgere un esperienza che li mette in stretto contatto con il mondo del lavoro. Gli studenti possono effettuare parte del proprio percorso di studio (fino a 12 mesi) all estero servendosi del programma ERASMUS. La laurea triennale in Scienze dell Educazione consente l accesso alla Laurea magistrale in Consulenza pedagogica e coordinamento di interventi formativi, presso il Dipartimento di Filosofia, Scienze sociali, umane e della Formazione. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE 43

44 INFORMAZIONI DI CONTATTO CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA, SCIENZE SOCIALI, UMANE E DELLA FORMAZIONE Piazza Ermini, Perugia tel Sito web: Direttore del Dipartimento Prof. Angelo Capecci Tel Coordinatrice del corso Prof.ssa Furia Valori Tel Responsabile della Qualità Prof.ssa Alessia Bartolini Tel Personale amministrativo del corso Elena Pierini Tel

45 SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO

46 Obiettivi formativi CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Possedere conoscenze disciplinari relative agli ambiti oggetto di insegnamento (linguistico-letterari, matematici, di scienze fisiche e naturali, storici e geografici, artistici, musicali e motori); essere in grado di articolare i contenuti delle discipline in funzione dei diversi livelli scolastici e dell'età dei bambini e dell'assolvimento dell'obbligo d'istruzione; possedere capacità pedagogico-didattiche, per gestire la progressione degli apprendimenti, adeguando i tempi e le modalità al livello dei diversi alunni; essere in grado di scegliere e utilizzare di volta in volta gli strumenti più adeguati al percorso previsto (lezione frontale, discussione, simulazione, cooperazione, mutuo aiuto, lavoro di gruppo, nuove tecnologie); possedere capacità relazionali e gestionali in modo da rendere il lavoro di classe fruttuoso per ciascun bambino, facilitando la convivenza di culture e religioni diverse, sapendo costruire regole di vita comuni riguardanti la disciplina, il senso di responsabilità, la solidarietà e il senso di giustizia; essere in grado di partecipare attivamente alla gestione della scuola e della didattica, collaborando con i colleghi sia nella progettazione didattica, sia nelle attività collegiali interne ed esterne, in relazione alle esigenze del territorio in cui opera la scuola. Modalità di accesso Il corso di Laurea magistrale in Scienze della Formazione Primaria è a ciclo unico di 5 anni (LM-85 bis) ed è rivolto alla formazione e abilitazione professionale di insegnanti delle scuole dell'infanzia e primaria, statali e paritari. È ad accesso programmato secondo quanto stabilito dal Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca tenendo conto delle esigenze del sistema nazionale di istruzione. L ammissione presuppone il superamento di una prova nazionale di accesso. I contenuti del test d ingresso sono stabiliti di anno in anno dal Ministero. 46

47 Piano degli Studi Anno Insegnamenti/Altre attività CFU I Antropologia Culturale 8 I Laboratorio di Pedagogia Generale 1 I Pedagogia Generale 8 I Psicologia dello Sviluppo 8 I Diritto amministrativo o Igiene e Educazione Sanitaria 4 I Istituzioni di Matematica 8 I Laboratorio di Letteratura Italiana 1 I Letteratura Italiana I e II modulo 12 I Storia Romana 8 I Laboratorio di lingua Inglese (presso il CLA) 2 II Didattica Generale 8 II Laboratorio di Didattica Generale 2 II Laboratorio di Pedagogia Sperimentale 1 II Pedagogia Sperimentale 6 II Storia dell'educazione e delle Istituzioni Scolastiche 8 II Didattica della Matematica 6 II Laboratorio di Didattica della Matematica 1 II Laboratorio di Lettura/Scrittura 1 II Linguistica e Grammatica Italiana I e II modulo 12 II Didattica della storia contemporanea 8 II Tirocinio 4 II Laboratorio di Lingua Inglese II 3 47

48 Piano degli Studi Anno Insegnamenti/Altre attività CFU III Laboratorio di Tecnologie dell'istruzione 1 III Tecnologie dell'istruzione 6 III Didattica delle scienze biologiche e ambientali I modulo biologico e II modulo ambientale III Fisica Sperimentale e Applicazioni Didattiche 8 III Laboratorio di Educazione Ambientale 1 III Laboratorio di Fisica 1 III Laboratorio di Metodi e Tecniche delle Attività Motorie 1 III Laboratorio di Psicologia dell'educazione 1 III Metodi e Tecniche delle Attività Motorie 8 III Psicologia dell'educazione 8 III Laboratorio di Tecnologie Didattiche 2 III Tirocinio 8 III Laboratorio di Lingua Inglese III 3 IV Laboratorio di Metodologie e Tecniche del Lavoro di Gruppo 1 IV Metodologie e Tecniche del Lavoro di Gruppo 6 IV Geografia 8 IV Geometria 6 IV Laboratorio di Geografia 1 IV Laboratorio di Geometria 1 IV Laboratorio di Storia dell arte moderna o Laboratorio di Tecniche Espressive, Educazione Mediale IV Laboratorio sulla Educazione alla Scrittura 1 IV Letteratura per l'infanzia

49 Piano degli Studi Anno Insegnamenti/Altre attività CFU IV Neuropsichiatria infantile 8 IV Storia dell arte moderna o Tecniche Espressive, Educazione Mediale IV Tirocinio III 7 IV Laboratorio di Lingua Inglese IV 2 IV Inglese Livello B2 2 V Filosofia dell'educazione 8 V Metodi e Tecniche della Valutazione Scolastica 6 V Chimica Generale e Inorganica 4 V Laboratorio di Didattica della Musica 1 V Laboratorio di Pedagogia Speciale 2 V Metodologia dell educazione musicale 8 V Pedagogia Speciale 8 V Laboratorio di Tecnologie Didattiche 1 V Tirocinio IV 5 V A scelta dello studente 8 V Per la prova finale

50 Ambiti occupazionali Insegnamento nelle scuole dell'infanzia e primaria, statali e paritarie. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Tirocinio abilitante Le attività di tirocinio, per complessive 600 ore pari a 24 crediti formativi universitari, devono svilupparsi ampliandosi progressivamente dal secondo anno di corso fino al quinto e devono concludersi con una relazione obbligatoria. Il tirocinio è seguito da insegnanti tutor e coordinato da tutor coordinatori e tutor organizzatori distaccati a tempo parziale e a tempo pieno presso il Corso di Laurea. Esso prevede attività di osservazione, di lavoro in situazione guidata e di attività in cui lo studente sia pienamente autonomo. Il percorso va articolato prevedendo, dal secondo anno, il tirocinio sia nella scuola dell'infanzia, sia in quella primaria. I crediti di tirocinio sono suddivisi nei quattro anni previsti per l'attività. Alla fine di ogni anno lo studente deve redigere una relazione e sostenere un esame per l'acquisizione dei crediti relativi. La valutazione tiene conto anche degli elementi di osservazione redatti dal tutor accogliente della scuola presso la quale lo studente ha svolto il tirocinio diretto. Alla fine del quinto anno lo studente deve redigere un portfolio finale su tutte le attività realizzate nel tirocinio svolto. 50

51 INFORMAZIONI DI CONTATTO DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA, SCIENZE SOCIALI, UMANE E DELLA FORMAZIONE Piazza Ermini, Perugia tel Sito web: Coordinatrice del corso Prof.ssa Floriana Falcinelli tel Responsabile della qualità Prof.ssa Mina De Santis tel Personale amministrativo del corso Elena Pierini Tel CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA 51

52 SCIENZE PER L INVESTIGAZIONE E LA SICUREZZA CORSO DI LAUREA TRIENNALE

53 Contenuti formativi Il corso ha lo scopo di formare un laureato in Scienze per l'investigazione e la Sicurezza in quanto esperto di sistemi investigativi e della sicurezza dei cittadini e della comunità. Tramite tirocini interni ed esterni, conferenze e convegni, e con il contributo dei maggiori esperti e delle più importanti istituzioni nazionali ed internazionali del settore, verrà offerto un percorso di massima competenza, garantendo vaste possibilità di esperienza professionale e di impiego negli ambiti di pertinenza. Allo studente verrà inoltre data la possibilità di arricchire il proprio curriculum anche attraverso la partecipazione ai laboratori e ai progetti di ricerca nazionali e internazionali, svolti dai docenti e dai ricercatori afferenti al corso. Obiettivi formativi Il corso di Laurea triennale consente di acquisire le conoscenze necessarie per lo studio dei fenomeni sociali relativi alla sicurezza e alle indagini investigative. Allo studente verrà offerto un piano di studi finalizzato all'apprendimento delle basi teoriche e pratiche dei saperi della sicurezza e dell'investigazione, sia dal punto di vista metodologico sociale che normativo. In una ottica interdisciplinare si cercherà di perseguire i seguenti obiettivi formativi: solida formazione giuridica, adeguate conoscenze linguistiche; conoscenze storiche e geopolitiche; capacità di inserimento in lavori di gruppo; conoscenze delle tecnologie per la ricerca e il trattamento dei dati; studio dell'investigazione informatica; le nozioni necessarie per il collegamento con le discipline mediche e biologiche; le conoscenze teoriche e metodologiche di ambito sociologico per l'indagine e la comprensione dei modelli sociali, con particolare riferimento ai settori della sociologia giuridica, della devianza e del mutamento sociale, dell'area giuridico-politologica. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE PER L INVESTIGAZIONE E LA SICUREZZA 53

54 Modalità di accesso CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE PER L INVESTIGAZIONE E LA SICUREZZA Il corso non è a numero programmato. Per iscriversi occorre essere in possesso di Diploma di Scuola Superiore di II grado. È previsto un test orientativo non selettivo e non obbligatorio per valutare le competenze possedute ed eventualmente sanare le lacune con un apposito intervento formativo. Organizzazione del corso Il corso è organizzato con lezioni curriculari, laboratori didattici, seminari, convegni e la partecipazione di esperti del settore nazionali e internazionali. La frequenza è obbligatoria, l esonero è concesso solo dietro specifica documentazione di lavoro e/o comprovata certificazione medica. Il corso triennale è arricchito dalla possibilità, non vincolante, di partecipare a corsi di PPA, lingua Araba, lingua Dari, che possono contribuire ad arricchire il curriculum dello studente di competenze spendibili nel mercato del lavoro. Piano degli Studi Il corso di laurea si struttura in tre annualità ed è concepito in modo che lo studente si doti delle competenze di base necessarie e le metta in seguito alla prova con insegnamenti più specialistici e professionalizzanti, così da poter affrontare con successo le problematiche poste da questo innovativo campo d'intervento. Il percorso formativo pertanto è così suddiviso: 54

55 Piano degli Studi Anno Insegnamenti/Altre attività CFU I Informatica forense 6 I Lingua francese 6 I Medicina legale 6 I Sociologia dei fenomeni politici 9 I Sociologia dei processi culturali e politici 12 I Sociologia generale 12 I Storia contemporanea 9 II Antropologia della violenza 6 II Criminologia 9 II Diritto penale 9 II Istituzioni di diritto pubblico 12 II Sociologia della sicurezza I modulo 6 II Sociologia della sicurezza II modulo 6 III Istituzioni di diritto privato e del lavoro 6 III Metodologia della ricerca sociale 12 III Organizzazione e sicurezza aziendale 6 III Psicologia dei comportamenti a rischio 6 III Sociologia dei processi economici e del lavoro 12 III Statistica sociale 6 III Esame a scelta dello studente 12 III Tirocini 4 III Prova finale 8 Ogni CFU corrisponde a 6 ore frontali, pertanto la durata di ciascun corso è pari a sei volte il numero di CFU del corso stesso. 55

56 Opportunità del corso CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE PER L INVESTIGAZIONE E LA SICUREZZA Il corso offre l opportunità di svolgere tirocini formativi curricolari, con oltre 210 convenzioni con enti pubblici e privati, in tutto il territorio nazionale. Oltre ai tirocini esterni, internamente al corso è possibile svolgere tirocini specifici P.P.A. (Protezione Personale Avanzata) e un corso di Arabo, con rilascio di attestato di partecipazione. Narni, sede del corso, è una cittadina ben collegata con aeroporti e stazioni ferroviarie, offre la giusta atmosfera per la concentrazione nello studio e per la socializzazione. Lo studente può svolgere una parte del percorso formativo all estero con il progetto ERASMUS. Entro 12 mesi dalla laurea, è possibile svolgere un tirocinio post-lauream. Il Corso di Laurea si avvale della possibilità di operare analisi e ricerche nel CRISU, CENTRO DI RICERCA IN SICUREZZA UMANA, che promuove attività scientifica negli ambiti sociologici, storici, medici, informatici; sviluppa progetti, organizza convegni, produce pubblicazioni e favorisce l inserimento di giovani laureati nell attività di ricerca attraverso borse di studio o assegni di ricerca. Sbocchi occupazionali Con il diploma di laurea di 1 livello (triennale) si accede alle professioni liberali nel campo investigativo, della sicurezza, alla progressione di carriera nei corpi militari, principi di cooperazione internazionale oltre che in imprese private, istituti bancari, aeroporti e in agenzie di investigazioni (il rilascio del titolo triennale è necessario per aprire un agenzia di investigazione privata). Il laureato in Scienze per l Investigazione e la Sicurezza può operare in contesti nazionali e internazionali, nell organizzazione dei grandi eventi, nella sicurezza dei siti industriali, negli aeroporti, nei porti e nei centri strategici delle vie di comunicazione. Può gestire, proteggere e mettere in sicurezza dati sensibili di imprese pubbliche e private; può collaborare con le organizzazioni statali per la difesa, l'investigazione e la sicurezza, dimostrando di essere un competente interlocutore tra le Forze armate, le Forze di polizia, i Tribunali e la società civile; gestisce e coordina azioni per la tutela e la 56

57 sicurezza di interessi pubblici e privati; opera in diversi settori di applicazione che vanno dalla tutela di interessi strategici nazionali e internazionali alla gestione di sistemi organizzativi-funzionali per la sicurezza del territorio, dei cittadini, dei beni e delle informazioni; può accedere, tramite concorso, ai ruoli delle Forze armate e delle Forze dell'ordine. Con il diploma di laurea di 2 livello (Magistrale), avendo svolto l intero percorso 3+2, i laureati hanno accesso alla carriera dei ruoli dirigenziali del Ministero dell Interno (prefetto), alla gestione di istituti di rieducazione e contenimento, campi di accoglienza, polizia urbana e municipale, aeroporti, banche, aziende pubbliche e private. Corsi di laurea magistrale e percorsi formativi successivi La Laurea triennale in Scienze per l Investigazione e la Sicurezza consente il proseguimento della formazione superiore nella Laurea magistrale in Scienze Socioantropologiche per l Integrazione e la Sicurezza Sociale. Consultare il sito web: CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE PER L INVESTIGAZIONE E LA SICUREZZA 57

58 INFORMAZIONI DI CONTATTO CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE PER L INVESTIGAZIONE E LA SICUREZZA DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA, SCIENZE SOCIALI, UMANE E DELLA FORMAZIONE Piazza Ermini, Perugia tel Sito web: Direttore del Dipartimento Prof. Angelo Capecci Tel Coordinatrice del corso di laurea Prof.ssa Maria Caterina Federici Piazza Galeotto Marzio, 1 - Palazzo Sacripanti NARNI (TERNI) Tel Fax Sito web: Segreteria Studenti - Polo Scientifico Didattico di Terni Per iscrizioni e immatricolazioni Strada di Pentima, TERNI Tel Fax Portale Informazioni: 58

59 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI A cura di: Ufficio Comunicazione istituzionale, social media e grafica Seguici su Studium Generale Perugia

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali VISTO l articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 26 novembre

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE nel Circondario anno scolastico 2012/2013 INDICE dei Contenuti Premessa 1. Introduzione 1.1. Come usare questa guida: obiettivi, cosa contiene 1.2. Per gli studenti

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14)

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Curriculum in Consulente del lavoro PIANO DI STUDIO COORTE DI RIFERIMENTO A.A. 2014-2015 I anno II anno IUS 01 - Istituzioni

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Presentazione delle Schede DAT

Presentazione delle Schede DAT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI CAMPUS UNICA Presentazione delle Schede DAT Dati e indicatori statistici Sono di seguito presentati dettagliatamente i dati e gli indicatori richiesti dal Modello CRUI per

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 10 settembre 2010, n. 249 Regolamento concernente: «Definizione della disciplina dei requisiti e delle modalita' della formazione iniziale

Dettagli

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 10 settembre 2010, n. 249 Regolamento concernente: «Definizione della disciplina dei requisiti e delle modalita' della formazione iniziale degli insegnanti della scuola dell'infanzia, della scuola

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO D. R. 767 del 30/06/2014 MANIFESTO GENERALE DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2014/2015 IL RETTORE VISTA la Legge 19 novembre 1990

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli