PROGETTISTA : Ing. GIUSEPPE STAMA Dirigente Settore V Servizi Pubblici Locali e Tecnici Comune di Polignano a Mare TITOLO ELABORATO:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTISTA : Ing. GIUSEPPE STAMA Dirigente Settore V Servizi Pubblici Locali e Tecnici Comune di Polignano a Mare TITOLO ELABORATO:"

Transcript

1 PROGETTISTA : Ing. GIUSEPPE STAMA Dirigente Settore V Servizi Pubblici Locali e Tecnici Comune di Polignano a Mare TITOLO ELABORATO:

2 INDICE 1. PREMESSA CENNI STORICI 3 2. RACCOLTA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI NEL COMUNE DI POLIGNANO A MARE DATI SULLA RACCOLTA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ANDAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 7 3. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 9 4. DESCRIZIONE E FINALITÀ DELL INTERVENTO DESCRIZIONE DEL PROGETTO DESCRIZIONE DELLO STATO ATTUALE DESCRIZIONE DELLE OPERE IN PROGETTO ASPETTI RELATIVI ALLA FUNZIONALITÀ DEL SISTEMA DI TRASPORTO E DEL CENTRO DISPONIBILITÀ DELLE AREE INTERFERENZA CON PUBBLICI SERVIZI INDIRIZZI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO DEFINITIVO CATEGORIA DEI LAVORI E PREZZI ADOTTATI COSTO DELL INTERVENTO CONCLUSIONI 24 D.1 Relazione illustrativa 1/24

3 1. PREMESSA Un ciclo dei materiali operato in un ottica di filiere differenziate per le diverse frazioni di rifiuti, riciclabili e valorizzabili, costituisce un opportunità economica ancor prima che un obbligo ambientale. La prima separazione dei rifiuti operata dai cittadini (organico, plastica e metalli, carta e cartone, vetro, inorganico residuo), evita la cross contaminazione delle frazioni di rifiuti e presuppone una Raccolta e Trasporto differenziato. L espletamento della Raccolta Differenziata (RD), operata come trasporto su gomma, che si tratti di sistemi stradali piuttosto che di prossimità, comporta due inconvenienti per i cittadini: a) l eccessiva distanza di conferimento dal limite delle proprietà privata, tipico dei sistemi stradali (ad es. cassonetti stradali, cassoni interrati, isole ecologiche), oppure; b) la bassa frequenza di conferimento, tipico dei sistemi di prossimità (quali il porta a porta). Vi sono poi i condomini, che rappresentano la norma nelle città, dove non vi è il controllo del conferimento, fattore ritenuto chiave del metodo Porta a Porta, e l accumulo di rifiuti viene ospitato all interno degli androni; il conferimento stradale nelle ore e nei giorni stabiliti diventa spesso un problema logistico, tanto da lasciare spazio a organizzazioni che svolgono quindi un vero e proprio servizio privato di igiene ambientale nelle aree condominiali, con aggravio di costi per i cittadini. I risultati consolidati di Raccolta Differenziata indicano che, nei comuni di nuova introduzione della RD, viene garantito un maggiore grado di differenziazione attraverso la raccolta di prossimità. Questa però reintroduce: a) una più bassa produttività; b) un peggioramento delle condizioni di salubrità degli addetti; c) un aumento dell infortunistica nonché dell usura lavorativa degli operatori; e tutto ciò si traduce in un aumento dei costi di raccolta. Qualsiasi soluzione ibrida non fa che privilegiare l uno o l altro di detti disagi (distanza di recapito o frequenza di conferimento). Si consideri inoltre che il sistema porta a porta presenta spesso uno spettacolo indecoroso di filari di mastelle o bidoni di plastica lungo i civici stradali, la cui metà circa è contornata da sacchetti di rifiuti accatastati. La ragione, com è facile riscontrare, risiede nel fatto che la capienza di una mastella deve soddisfare esigenze di peso trasportabile dal cittadino e di ingombro in casa, ma poco si concilia con il volume di rifiuti prodotto dalla famiglie con più di due o tre persone, alle frequenze di raccolta stabilite. Pertanto sebbene la media di abitanti per famiglia sia prossima alle 3 persone, di fatto la realtà è costituita da singoli (sempre più frequenti), coppie di pensionati (sempre più longevi) e - perché si ottenga la media citata di famiglie più numerose (soprattutto al sud) con figli in casa fino a tarda età. Le famiglie di composizione sotto la media devono esporre D.1 Relazione illustrativa 2/24

4 sempre quella mastella (anche se parzialmente vuota), mentre quelle sopra la media le contornano con i sacchetti eccedenti. Tra le soluzioni del Porta a Porta tese ad evitare l esposizione prolungata delle mastelle, vi sono realtà come Firenze in cui queste possono essere esposte solo mezzora al giorno, diversa strada per strada, ed altre come Perugia dove si conferisce direttamente il sacco per strada, di sera. Vi è poi da considerare la natura del corrispettivo per tale Servizio Pubblico Locale che in un ottica di efficientamento, tende a trasformarsi da tassa (legata al patrimonio) a tariffa (legata al consumo e al virtuosismo dei cittadini e degli operatori); tuttavia sistemi basati su cassonetti o su mastelle poco si conciliano con tecniche di misurazione puntuale dei rifiuti. In conclusione, l effetto finale di una raccolta differenziata operata ancora con trasporto su gomma è che i cittadini devono: a) collezionare i rifiuti in casa; b) pagare di più; c) vedere disattese le politiche di tariffazione a danno di quelle tributarie; d) rimanere con l inquinamento acustico e di emissioni in atmosfera dovuto ai camion della raccolta e al traffico indotto che spesso si imbottiglia al seguito. A ciò si aggiunga il degrado urbano, la scarsa igiene di lavoro degli addetti e la regressione delle condizioni di lavoro, scarsa elasticità del servizio in relazione a carichi di punta stagionali, turistici e di festività CENNI STORICI La necessità di trovare soluzioni alternative per la raccolta dei rifiuti solidi urbani nelle aree residenziali è nata in Svezia circa 40 anni fa. Dopo avere analizzato il sistema di raccolta tradizionale, risultò impossibile migliorarne gli aspetti sanitari e ambientali e contenerne i continui incrementi dei costi. In risposta a queste necessità si iniziò a sviluppare un sistema di raccolta automatizzato capace di trasportare i rifiuti dal luogo d origine ad un punto di raccolta di facile accesso tramite l impiego di flussi d aria all interno di condotti. Durante lo sviluppo del sistema si dovettero risolvere diversi problemi tecnici. In quegli anni il trasporto pneumatico di granulati omogenei era una tecnica ben nota, ma il possibile comportamento di un materiale totalmente eterogeneo all interno di condotte che ne permettevano il trasporto era completamente sconosciuta. Si doveva inoltre trovare un modo per separare il mezzo di trasporto (l aria) dai rifiuti e ideare un sistema sicuro per introdurre i rifiuti nel sistema. Dopo aver installato un primo piccolo sistema di raccolta pneumatica nell ospedale di Solleftea (Svezia), si mise in funzione il primo grosso sistema del mondo in un area residenziale, nel 1967 a Sundbyberg, un sobborgo di Stoccolma. Questa installazione, alla quale in un primo momento furono collegati 600 appartamenti, è stata ampliata in diverse tappe sino a servire oggi più di D.1 Relazione illustrativa 3/24

5 appartamenti, o meglio circa residenti. L esperienza di questa prima installazione, che sin d allora funziona senza alcuna interruzione e che ha già raccolto più di tonnellate (un quarto di milione di metri cubi) di rifiuti, è stata estremamente positiva. Durante i successivi cinque/sei anni si installarono 25 sistemi di raccolta pneumatica in diverse parti del mondo. A Stoccolma circa abitazioni e 9 nuove urbanizzazioni furono servite con la raccolta pneumatica; nella allora Germania Occidentale, nel Villaggio Olimpico di Monaco 72 furono collegate ad un sistema simile appartamenti; in Venezuela, l area residenziale del Parque Central con abitazioni; negli Stati Uniti, Walt Disney World in Florida, eccetera. Oggi, più di 1500 installazioni di raccolta pneumatica dei rifiuti solidi urbani sono in funzione nel mondo. Oggi giorno non si installano sistemi di raccolta pneumatici solo nelle are residenziali di nuova costruzione, ma anche in aree già consolidate. Ovviamente in questo caso i costi di installazione e posa dei condotti sono più elevati che nelle aree di nuova costruzione ma comunque la raccolta pneumatica dei rifiuti rimane più economica di quella convenzionale. La raccolta dei rifiuti solidi urbani con un sistema pneumatico ha ormai dimostrato che oggi non solo è possibile eliminare gli inconvenienti della raccolta tradizionale, ma si possono anche ridurre i suoi costi. D.1 Relazione illustrativa 4/24

6 2. RACCOLTA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI NEL COMUNE DI POLIGNANO A MARE Le fonti di dati accreditate per attingere informazioni attendibili sulla raccolta dei rifiuti solidi urbani unitamente ad altri dati di carattere generale sui servizi erogati dai singoli Comuni sono essenzialmente due: le dichiarazioni MUD e i dati regionali (ovvero raccolti dal Commissario Delegato dal 1997 al 2006 e successivamente dagli Uffici competenti della Regione Puglia). Per quanto attiene le dichiarazioni MUD previste dall allora vigente D.Lgs. n.22/97 (art.11) e riproposte dal D.Lgs. n.152/2006 (art.189), trattasi di comunicazioni obbligatorie per legge che ogni Comune è tenuto ad inviare entro il 30 aprile di ogni anno alla CCIAA. Per quanto attiene i dati regionali invece, in virtù di quanto previsto dalla L.R. 25/2007, i Comuni pugliesi sono tenuti alla comunicazione mensile in via telematica dei rifiuti solidi urbani raccolti sul proprio territorio. Data la completezza delle comunicazioni mensili dei quantitativi relativi alle diverse tipologie di rifiuti solidi urbani raccolti nell anno 2013 nel territorio del comune di Polignano a Mare, al fine di fotografare lo stato attuale della raccolta differenziata in questo contesto territoriale, di seguito si commentano i risultati conseguiti nell anno passato presenti sul sito DATI SULLA RACCOLTA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Dai dati relativi all anno 2013 si riscontra che l amministrazione comunale di Polignano a Mare ha attivato nel proprio territorio le seguenti raccolte differenziate e selettive: ü Carta e cartone ( ); ü Imballaggi in carta e cartone ( ); ü Rifiuti biodegradabili di cucine e mense ( ); ü Rifiuti dei mercati ( ); ü Imballaggi in vetro ( ); ü Imballaggi in plastica ( ); ü Legno ( ); ü Metallo ( ); ü Abbigliamento ( ); ü Apparecchiature fuori uso contenenti CFC ( ); ü Apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso ( ); ü Medicinali ( ); D.1 Relazione illustrativa 5/24

7 ü Oli e grassi commestibili ( ); ü Pneumatici fuori uso ( ); ü Rifiuti ingombranti ( ); ü Inerti da costruzione e demolizione ( ); ü Rifiuti plastici da agricoltura, ecc. ( ); ü Fanghi delle fosse settiche ( ); ü Altri rifiuti non biodegradabili ( ); Nella tabella successiva si riporta l elenco dettagliato delle diverse tipologie di rifiuti raccolti dal servizio pubblico nel territorio del comune di Polignano a Mare nel corso dell anno CODICE CER ANNO quantità [kg] [%] Frazione organica umida % % Carta e cartoni % % Vetro % Plastica % Legno % Metallo % Tessili % Beni durevoli (RAEE) % % % % Farmaci % Oli vegetali % Pneumatici fuori uso % D.1 Relazione illustrativa 6/24

8 Ingombranti % Inerti da costruzione e demolizione % Altro % % % Rifiuti urbani misti + residui pulizia strade % Tot. Differenziata % Tot. Indifferenziata % Tot. RSU Si riscontra che complessivamente nel 2013 la raccolta differenziata è stata pari al 26,66% con un incidenza pro-capite di circa 180 kg/ab * anno. In questo caso il dato risulta particolarmente alto in quanto non è considerato l afflusso di turisti che nella stagione estiva accresce notevolmente il numero di abitanti di Polignano a Mare. Trattasi di risultati decisamente al di sotto dei target fissati per l anno 2013 dalla regione Puglia con il Piano Regionale di Gestione Rifiuti Solidi Urbani, pari al 65% (cfr. Deliberazione della Giunta Regionale del 13 maggio 2013 n. 959) ANDAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA Tenendo sempre conto dei dati presenti sul sito della Regione Puglia si riporta il grafico relativo all anno 2013 dell andamento della raccolta differenziata. D.1 Relazione illustrativa 7/24

9 Si nota un incremento puntuale tra il mese di Settembre e il mese di Ottobre, chiaro segnale di un cambiamento nella gestione della raccolta differenziata. Infatti, proprio in quel periodo, nel comune di Polignano a Mare è stata attivata la raccolta differenziata del tipo porta a porta. Questo ha sicuramente aumentato la frazione differenziata rispetto alla vecchia gestione, ma non è difficile intuire, anche osservando i dati relativi all anno 2014, che questo servizio non è sufficiente a garantire una percentuale media del 65%. Infatti, essendo Polignano a Mare una cittadina fortemente turistica, che durante la stagione estiva registra un notevole incremento di popolazione effettiva, è difficile sperare che i turisti si adattino facilmente ad un sistema di raccolta porta a porta che non garantisce un alta frequenza di conferimento. Da ciò scaturisce la necessità di un servizio di raccolta differenziata con la possibilità di conferire il rifiuto 24 ore su 24, che aumenta gli standard di efficienza e garantisca una percentuale di raccolta differenziata pari o addirittura superiore al 65%. D.1 Relazione illustrativa 8/24

10 3. NORMATIVA DI RIFERIMENTO A seguito dei nuovi indirizzi normativi nazionali (D.Lgs. n.22/97 e D.Lgs. n.152/2006) e regionali (Decreto 6 marzo 2001, n.41, Decreti 30 settembre 2001 n.296 e 300, Decreto 26 marzo 2004 n.56 e 9 dicembre 2005 n.187), la raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani è diventata cruciale per garantire elevati standard di protezione ambientale. Infatti, negli ultimi anni si pone sempre più attenzione verso la separazione dei rifiuti solidi urbani ed assimilati alla fonte al fine di ridurre la quantità e la pericolosità dei residui da smaltire in discarica. Con l emanazione del D.Lgs. n.205/2010 sono state integrate e modificate alcune norme contenute nella prima stesura del D.Lgs. n.152/2006. In materia di rifiuti solidi urbani, le definizioni previste all art.183 comma 1 sono le seguenti: ü lett.o) raccolta: il prelievo dei rifiuti, compresi la cernita preliminare e il deposito, ivi compresa la gestione dei centri di raccolta di cui alla lettera mm, ai fini del loro trasporto in un impianto di trattamento; ü lett.p) raccolta differenziata: la raccolta in cui un flusso di rifiuti è tenuto separato in base al tipo ed alla natura dei rifiuti al fine di facilitarne il trattamento specifico; ü lett. mm) centro di raccolta: area presidiata ed allestita, senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica, per l'attività di raccolta mediante raggruppamento differenziato dei rifiuti urbani per frazioni omogenee conferiti dai detentori per il trasporto agli impianti di recupero e trattamento. La disciplina dei centri di raccolta è data con decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, sentita la Conferenza unificata, di cui al decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281; L art. 201 c.4 e 5 del D.Lgs. n.152/2006 prevede che per la gestione ed erogazione del servizio di gestione integrata e per il perseguimento degli obiettivi determinati dall'autorità d'ambito, sono affidate, ai sensi dell'articolo 202 e nel rispetto della normativa comunitaria e nazionale sull'evidenza pubblica, le seguenti attività: a) la realizzazione, gestione ed erogazione dell'intero servizio, comprensivo delle attività di gestione e realizzazione degli impianti; b) la raccolta, raccolta differenziata, commercializzazione e smaltimento completo di tutti i rifiuti urbani e assimilati prodotti all'interno dell'ato. Al comma 5 invece, è stabilito che in ogni ambito: a) è raggiunta, nell'arco di cinque anni dalla sua costituzione, l'autosufficienza di smaltimento anche, ove opportuno, attraverso forme di cooperazione e collegamento con altri soggetti pubblici e privati; D.1 Relazione illustrativa 9/24

11 b) è garantita la presenza di almeno un impianto di trattamento a tecnologia complessa, compresa una discarica di servizio. Oltre a questi obiettivi relativi all organizzazione generale del servizio da parte dell Autorità d Ambito, all art.204 c.1 del D.Lgs. n.152/2006 è previsto che in ogni ambito territoriale ottimale deve essere assicurata una raccolta differenziata dei rifiuti urbani pari alle seguenti percentuali minime di rifiuti prodotti: a) almeno il 35% per cento entro il 31 dicembre 2006; b) almeno il 45% per cento entro il 31 dicembre 2008; c) almeno il 65% per cento entro il 31 dicembre Pur trattandosi di tassi di intercettazione di raccolta differenziata previsti per la gestione d ambito, questi obiettivi di legge saranno posti alla base della progettazione dei nuovi servizi di raccolta dei rifiuti solidi urbani e speciali assimilati comunali, anche se traslati nel tempo, vincolando la scelta del modello di raccolta agli ambiziosi obiettivi di avvio al recupero previsti dalla normativa vigente. Nel caso in esame, all interno dell area di pertinenza del nuovo centro è presente l impianto di aspirazione della nuova rete pneumatica, alla quale conferiscono le quattro tipologie di rifiuto indicato, tra le quali i rifiuti urbani non differenziati: ciò comporta una riflessione sulla definizione di suddetta area che non può essere inquadrata come Centro Comunale di Raccolta. Con riferimento alle procedure autorizzative che a livello regionale sono regolamentate dalla L.R. n.11 del 12 aprile 2001 e ss.mm.ii., l impianto di aspirazione della rete pneumatica rientra, per analogia, nella fattispecie delle stazioni di trasferimento dei rifiuti. Con riferimento a quanto previsto nella L.R. 11/01 e ss.mm.ii. le stazioni di trasferimento rifiuti sono inquadrate nell ambito dei progetti da sottoporre a verifica di assoggettabilità a VIA di competenza provinciale solo se con capacità superiore a 20 ton/giorno (B.2.ai) impianti di incenerimento e di trattamento di rifiuti urbani e assimilabili con capacità superiore a 10 t/giorno, e stazioni di trasferimento, con capacità superiore a 20 t/giorno). Nel caso specifico le quantità sono ben al di sotto di tale soglia, come dimostrato nella Relazione Tecnica R.2, in cui risulta che nell area servita dalla rete pneumatica di raccolta rifiuti c è una produzione media giornaliera di circa 6,3 ton/giorno di rifiuti solidi urbani. Inoltre, bisogna tenere conto dell art. 193 comma 11 del D.lgs 152/2006 e ss.mm.ii. il quale prevede che gli stazionamenti dei veicoli in configurazione di trasporto, nonché le soste tecniche per le operazioni di trasbordo, ivi compreso quelle effettuate con cassoni e dispositivi scarrabili non rientrano nelle attività di stoccaggio di cui all'articolo 183, comma 1, lettera v), purché le stesse siano dettate da esigenze di trasporto e non superino le quarantotto ore, escludendo dal computo i giorni interdetti alla circolazione. Pertanto in considerazione del fatto che i rifiuti saranno trasferiti entro 48 ore a destino finale (impianti di smaltimento/recupero a seconda della frazione raccolta) permette al D.1 Relazione illustrativa 10/24

12 centro stesso di non essere considerato stoccaggio e quindi di non necessitare di alcuna conseguente autorizzazione in materia di rifiuti. D.1 Relazione illustrativa 11/24

13 4. DESCRIZIONE E FINALITÀ DELL INTERVENTO L intervento in progetto rientra nell ambito di una strategia complessiva tesa ad aumentare le percentuali di raccolta differenziata ed ampliare la gamma dei servizi di raccolta offerti all utenza da parte dell amministrazione del Comune di Polignano a Mare. Il Quadro Strategico Nazionale per la gestione dei rifiuti solidi urbani prevede il raggiungimento di target di risultato per tre indicatori fondamentali agganciando gli stessi a un meccanismo incentivante che porterebbe la Puglia a beneficiare di ulteriori risorse oltre quelle già stanziate per il potenziamento e l ammodernamento dei servizi di gestione dei rifiuti solidi urbani e speciali non pericolosi assimilati. In particolare, sono stati definiti i tre obiettivi di servizio di seguito succintamente riportati: ü S.07 - Rifiuti solidi urbani smaltiti in discarica per abitante. Il target per la verifica finale del 2013 è definito da due condizioni da soddisfare simultaneamente per accedere al premio: a) ciascuna regione non deve superare 230 kg/procapite di rifiuti urbani smaltiti in discarica, che è all incirca il valore della media UE(25) al 2005; b) la percentuale di rifiuto urbano smaltito in discarica (sul totale del rifiuto urbano) non può essere superiore al 50%; ü S.08 - Rifiuti urbani oggetto di Raccolta Differenziata sul totale dei rifiuti urbani. In considerazione degli obiettivi normativi, alla verifica finale del 2013 ciascuna regione deve raggiungere un incidenza della raccolta differenziata di almeno il 40% dei rifiuti solidi urbani complessivamente intercettati dal servizio pubblico; ü S.09 - Percentuale di frazione umida trattata in impianti di compostaggio sulla frazione di umido nel rifiuto urbano totale. Con l obiettivo di ridurre il divario tra aree del Paese, alla verifica finale del 2013 ciascuna regione deve raggiungere almeno il 20% di frazione umida trattata in impianti di compostaggio, che corrisponde all'incirca al valore assunto dall'italia nel La realizzazione dell impianto pneumatico di raccolta dei rifiuti solidi urbani rientra tra quei metodi, sicuramente innovativi, che consentirebbero il raggiungimento dei target di raccolta differenziata fissati per la città di Polignano a Mare, migliorando notevolmente il servizio offerto ai cittadini. Per la realizzazione di questo progetto è stato individuata una particolare area de Comune di Polignano a Mare che usufruirà di questo metodo innovativo di raccolta RSU mediante trasporto pneumatico, il quale conferirà i rifiuti in un sito di proprietà comunale che è completamente sgombro da qualsiasi infrastruttura o opera pubblica ed è localizzato in un area strategica per l intera città. D.1 Relazione illustrativa 12/24

14 SISTEMA INNOVATIVO DI RACCOLTA RSU MEDIANT E TRASPORTO PNEUMATICO 5. DESCRIZIONE DEL PROGETTO 5.1. DESCRIZIONE DELLO STATO ATTUALE L area individuata per la predisposizione del sistema di trasporto pneumatico dei rifiuti nel Comune di Polignano a Mare ricopre una superficie molto ampia, di circa 42 ettari, a servizio di una parte dell abitato esterno al centro storico. La rete di condotte di trasporto coprirà l intera area scelta, mentre la centrale di aspirazione sarà ubicata in un punto facilmente raggiungibile dai mezzi pesanti e periferico rispetto all area urbana della cittadina. AREA SERVITA DALL IMPIANTO DI TRASPORTO PNEUMATICO CENTRALE DI ASPIRAZIONE Figura 1 Individuazione del quartiere di Polignano a Mare servito dalla raccolta pneumatica di RSU Il sito individuato per la realizzazione della centrale di aspirazione dei rifiuti è raggiungibile sia dall abitato di Polignano a Mare che dalle aree extraurbane, percorrendo le maggiori arterie viarie fino a raggiungere Via Pompeo Sarnelli. Il sito in questione, è ubicato nell agro del territorio di competenza del predetto ente e dista circa 1,0 km dal centro. D. 1 Relazione illustrativa 13/24

15 SISTEMA INNOVATIVO DI RACCOLTA RSU MEDIANT E TRASPORTO PNEUMATICO Il sito in esame è allibrato in catasto terreni al fg.23 p.lle 3153 e 644 e al fg. 24 p.lle 64, 1103 e 1104 (cfr. Tav. 1.02) e sviluppa una superficie pari a circa m2. SITO CENTRALE ASPIRAZIONE Figura 2 Stato attuale del sito di interesse 5.2. DESCRIZIONE DELLE OPERE IN PROGETTO L intervento consiste nella realizzazione di un sistema di trasporto pneumatico (TP) dei rifiuti urbani, che è tipicamente costituito da: ü una centrale di aspirazione e raccolta; ü un rifiuto dotto sotterraneo a filo marciapiede; ü una serie di colonnine di conferimento dei rifiuti e servizio delle utenze domestiche e commerciali. Il sistema ripropone, a scala di quartiere, il principio dell aspirapolvere casalingo così come la movimentazione industriale di granaglie e di secco sfuso in genere. Nello specifico dei rifiuti il TP è già ampiamente utilizzato all estero con referenze di oltre 1500 impianti, alcuni in esercizio da oltre 40 anni. D. 1 Relazione illustrativa 14/24

16 AREA SERVITA DALL IMPIANTO DI TRASPORTO PNEUMATICO CENTRALE ASPIRAZIONE Figura 3 Area di Polignano a Mare servita dalla rete di trasporto pneumatico rifiuti e nuovo CCR. Le colonnine vengono posizionate entro m dalle abitazioni e suddivise per frazione di rifiuti in modo tale da ottenere una raccolta separata delle diverse frazioni e garantire un usabilità giornaliera del sistema. Tali colonnine andranno posizionate a filo interno marciapiede così da recuperare superfici libere per il parcheggio. Al di sotto delle colonnine vi è uno spazio per il deposito temporaneo dei rifiuti utile ad ottimizzare l energia di aspirazione da parte delle centrale. Il sistema è completamente automatico. Le colonnine sono collegate al rifiuto dotto, che viaggia in sotterraneo ad una profondità di 2 2,70 metri (a seconda della morfologia del territorio) e che può agevolmente adattarsi planoaltimetricamente alla presenza degli altri sotto-servizi grazie alla spinta per differenza di pressione (non ci sono i vincoli di percorso a gravità, tipico della fognatura). Il rifiutodotto dovrà essere provvisto di tutte le valvole e i passaggi per ispezione e manutenzione tale da non richiedere interventi di riparazione a mezzo scavo. La centrale, che costituisce il nodo terminale del sistema, contiene gli aspiratori, i cicloni di separazione aria rifiuti, le batterie di purificazione dell aria che viene re-immessa pura in atmosfera, i container di rifiuti pronti per essere conferiti al rispettivo recapito finale, a seconda della frazione. D.1 Relazione illustrativa 15/24

17 Si prevede di raccogliere quattro frazioni quali organico, plastica e metalli, carta e cartone, secco residuo (indifferenziato) che devono essere rigorosamente separate e giungere ai rispettivi recapiti finali in 4 container differenti. Restano esclusi il vetro, nonché le altre frazioni di minore peso ponderale, che potranno comunque essere conferite presso il Centro Comunale di Raccolta. D.1 Relazione illustrativa 16/24

18 6. ASPETTI RELATIVI ALLA FUNZIONALITÀ DEL SISTEMA DI TRASPORTO E DEL CENTRO Il sistema di trasporto pneumatico dei rifiuti è completamente automatico e gestito da un sistema software di supervisione e controllo. Tale software è normalmente gestibile in modalità client server e pertanto l impianto può essere gestito anche in remoto senza alcuna difficoltà. È comunque prevista all interno della centrale di aspirazione, una stazione di controllo dove operare e gestire l intero sistema. All interno del centro deve essere prevista la presenza di personale qualificato ed adeguatamente addestrato, a cura della ditta aggiudicatrice, nel gestire le fasi operative ovvero situazioni di emergenza preventivabili (sversamenti accidentali di rifiuti, incendi, ecc..). È previsto che il centro debba essere aperto in giorni ed orari ben determinati assicurando la sorveglianza interna durante le ore di apertura. La superficie del settore di conferimento deve essere pavimentata e dotata di sistemi di raccolta dei reflui che in maniera accidentale possano fuoriuscire dagli automezzi e/o dai serbatoi. La superficie antistante la centrale deve avere dimensioni tali da consentire un'agevole movimentazione dei mezzi e delle attrezzature in ingresso ed in uscita e deve dare la possibilità di agganciare e sganciare i container. Devono essere adottate tutte le cautele per impedire la formazione degli odori e la dispersione di aerosol e di polveri; nel caso di formazione di emissioni gassose o polveri l'impianto deve essere fornito di idoneo sistema di captazione ed abbattimento delle stesse. Essendo l intervento finanziato dalla Regione Puglia Assessorato Qualità dell Ambiente P.O. FERS 2007/2013 Asse II Azione 2.5.1, il progetto prevede un 1 Lotto funzionale da collaudarsi entro il 30/10/2015 come evidenziato negli elaborati grafici G.07 G.08 G.09. D.1 Relazione illustrativa 17/24

19 7. DISPONIBILITÀ DELLE AREE Il suolo in cui è prevista la realizzazione della centrale di aspirazione e del CCR, allibrato in catasto terreni al fg.23 p.lle 3153 e 644 e al fg. 24 p.lle 67, 1103 e 1104 (cfr. Tav. G.13) tutte da espropriare. Le particelle si estendono su una superficie di circa m 2 ma solo una parte sarà occupata dal corpo della centrale di aspirazione: il resto sarà utilizzato come piazzale per movimentazione dei mezzi e la restante parte sistemata a verde. SITO CENTRALE ASPIRAZIONE Figura 4 Inquadramento catastale dell area individuata per la realizzazione della centrale La rete di trasporto pneumatico, invece, si svilupperà in sotterraneo lungo la rete viaria già presente a Polignano a Mare, ad una profondità di 2 2,70 metri (a seconda della morfologia del territorio) adattandosi agevolmente alla presenza di altri sotto-servizi grazie alla spinta per differenza di pressione, che esclude qualsiasi tipo di vincolo legato al funzionamento in gravità (tipico, ad esempio, della fognatura). D.1 Relazione illustrativa 18/24

20 8. INTERFERENZA CON PUBBLICI SERVIZI E SOTTO SERVIZI Il sito individuato per la realizzazione della centrale di aspirazione dei rifiuti solidi urbani è raggiungibile sia dall abitato di Polignano a Mare che dalle aree extraurbane, percorrendo le maggiori arterie viarie fino a raggiungere Via Pompeo Sarnelli. 1. Dalle aree extraurbane, percorrendo la Strada Statale 16, bisogna prendere l uscita Polignano Sud che porta direttamente in Via Pompeo Sarnelli fino alla centrale di aspirazione, che si trova dopo poche centinaia di metri; Dal centro cittadino è facilmente raggiungibile percorrendo sempre Via Pompeo Sarnelli che attraversa quasi completamente la città, collegando il centro (piazza Garibaldi), fino alla S.S SITO CENTRALE ASPIRAZIONE Figura 5 Percorsi di accesso alla nuova centrale di aspirazione di Polignano a Mare Trattandosi di viabilità comunale secondaria, non si ritiene che l esercizio della centrale possa rappresentare un interferenza non sostenibile per i servizi pubblici esistenti. Inoltre, la localizzazione in un area abbastanza periferica, ottimamente collegata, sia con il centro urbano che con le strade extraurbane, consente un facile accesso sia alle autovetture o piccoli mezzi degli utenti, sia ai mezzi pesanti per il conferimento agli impianti di recupero e/o smaltimento, evitando di ostacolare le piccole strade urbane locali, che risultano facilmente congestionabili. D.1 Relazione illustrativa 19/24

21 Per quanto riguarda le interferenze delle opere di progetto, inerenti la realizzazione delle condotte nell area servita dalla centrale di aspirazione, rispetto ai sotto servizi esistenti nella medesima area, quali: Fognatura Rete idrica - Metano Enel - Telecom, da uno studio preliminare delle strade oggetto d intervento e da un analisi cartografica condotta attraverso il supporto degli enti gestori di tali sotto servizi, si è potuto rilevare la presenza di tutti i sotto servizi citati. In particolare da queste analisi si è verificato che la fognatura esistente, che si sviluppa in sotterraneo nell area servita dall impianto di trasporto pneumatico dei rifiuti, si articola in condotte principali ubicate ad un profondità media di circa 2.00/2.70 m e in condotte secondarie ubicate ad una profondità media di 1.50 m. Partendo da questo dato di fatto, le condotte previste negli interventi di progetto, saranno di norma posate ad una profondità media variabile tra 0,80 e 1,20 m, al fine di evitare tutte le possibili interferenze con le condotte della rete fognaria. Per quanto riguarda gli altri citati sotto servizi, è evidente che essi non ostacoleranno la realizzazione delle condotte di progetto, in quanto trattandosi di una rete di trasporto dei rifiuti funzionante grazie alla spinta per differenza di pressione, si può escludere qualsiasi tipo di vincolo legato al funzionamento in gravità. Per questo motivo sarà possibile ubicare le condotte di progetto a profondità diverse e con angolazioni variabili da 15 a 30 sia in senso orizzontale che in senso verticale. E evidente che attraverso questi accorgimenti le condotte in progetto, essendo estremamente flessibili, potranno agevolmente adattarsi alla presenza dei relativi sottoservizi ricadenti nell area oggetto dei lavori e in questo modo si potranno evitare tutte le possibili interferenze, che durante l esecuzione degli interventi potrebbero intralciare la messa in opera e la funzionalità della condotte in progetto. In merito alla localizzazione nel sottosuolo della posizione e della profondità di tutti i sotto servizi ubicati nell area servita dall impianto di trasporto pneumatico dei rifiuti, questa Amministrazione Comunale, si riserva di richiedere nel disciplinare di gara a cura e a carico dell imprese partecipanti, di effettuare uno studio approfondito e l analisi dei sottoservizi presenti nell area oggetto degli interventi da produrre in sede di offerta. D.1 Relazione illustrativa 20/24

22 9. INDIRIZZI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO DEFINITIVO Per la definizione del presente progetto è stata adottata come base cartografica il rilievo fotogrammetrico del sito che, seppur fedele alla realtà, non consente di conoscere pienamente le specifiche caratteristiche del sito. In sede di redazione del progetto definitivo dovranno essere approfonditi i seguenti aspetti: ü Conoscenza dello stato di fatto definendo in maniera esatta gli ingombri degli immobili esistenti (piazzale, recinzioni, edifici, ecc..) unitamente all andamento altimetrico del piazzale attraverso l esecuzione di un rilievo di campo di dettaglio; ü Conoscenza dello stato di fatto delle rete viaria esistente con individuazione dei sottoservizi presenti mediante ricerca cartografica presso gli enti gestori e mediante investigazione attraverso antenne e radar; ü Richiesta e conseguimento di Autorizzazione Paesaggistica ex art.5.01 delle N.T.A. del P.U.T.T./p analogamente a quanto accaduto per le opere esistenti giusta Determinazione Dirigente Servizio II A del 21 maggio 2005, n.28; ü Acquisizione dei pareri previsti per legge da parte di ASL SISP ed ASL SPESAL e Comando Provincia VV.FF; ü Autorizzazione allo scarico nei primi strati del sottosuolo di acque meteoriche trattate ex art.113 del D.Lgs. n.152/2006. ü Comunicazione alla regione e alla provincia dell approvazione del progetto; ü Comunicazione alla regione e alla provincia dell approvazione del collaudo dei lavori e avvio esercizio. D.1 Relazione illustrativa 21/24

23 10. CATEGORIA DEI LAVORI E PREZZI ADOTTATI Il quadro economico dell intervento, riportato al paragrafo seguente, è stato redatto secondo quanto prescritto dall art. art. 16 del Regolamento sui LL.PP. di cui al D.P.R. 207/1017, in base agli importi dei lavori e delle somme da rendere disponibili all amministrazione per l attuazione del progetto. L importo dei lavori è stato desunto da un computo metrico estimativo utilizzando la tariffa delle Opere Pubbliche della Regione Puglia dell'anno Per le categorie di lavoro i cui prezzi di riferimento non sono compresi nel Prezzario citato, si è proceduto ad elaborare apposite Analisi dei Prezzi i cui prezzi elementari sono stati dedotti da listini ufficiali o dai listini delle locali camere di commercio ovvero, in difetto, dai prezzi correnti di mercato ed indagini effettuate presso i fornitori ed i rivenditori, il tutto ai sensi dall art. 32 del Regolamento sui LL.PP. di cui al D.P.R. 207/2010. Gli oneri per l attuazione del piano di sicurezza sono stati stimati in ,95 suddivisi in ,87 per gli oneri diretti della sicurezza ed ,08 per gli oneri indiretti della sicurezza. Il totale dei lavori così come da computo metrico estimativo ammonta a ,32 comprensivo degli oneri di sicurezza stimati in ,95, da appaltarsi a corpo secondo le seguenti categorie: Categorie Importo Incidenza % 0 Costi sicurezza speciali , Scavi e demolizioni , Movimentazioni e trasporti , Condotte , Riempimento scavo , Sede stradale , Opere in c.a. prefabbricate , Opere di finitura , Recinzione , Sistemazione piazzale , Impianto illuminazione sterna , Sistemazione a verde , Impianto trattamento acque piazzale , Impianto antincendio , Punti di raccolta , Macchinari di aspirazione , Impianti interni , TOTALI , Tutti i lavori a corpo sono da eseguirsi in conformità ai grafici di progetto, parte integrante della presente relazione. D.1 Relazione illustrativa 22/24

24 11. COSTO DELL INTERVENTO In base all importo dei lavori desunto dal computo metrico estimativo, e alle classiche altre voci da considerare per le somme a disposizione, è stato redatto in conformità all art. 16 del DPR 207/10, il seguente quadro economico dell intervento per un totale complessivo di ,00: QUADRO ECONOMICO A) Lavori e oneri della sicurezza a base di gara 1 Lavori e forniture ,37 2 Oneri della sicurezza non soggetti a ribasso ,95 TOTALE A) ,32 B) Somme a disposizione dell'amministrazione Spese tecniche 1 Incentivo art. 93 comma 7 - bis D.lgs 163/06 smi ,09 2 Spese necessarie alla stesura e verifica del progetto preliminare 5 000,00 3 Supporto al RUP e Amministrazione , Oneri per la progettazione Definitiva-Esecutiva e sicurezza in fase di progettazione Direzione Lavori, misura e contabilità, coordinamento sicurezza in fase di esecuzione , ,00 6 Spese per pubblicità - contributo AVCP - Commisione di gara ,00 7 Collaudo Tecnico Amministrativo e Statico ,00 8 Rilievi, Indagini e accertamenti ,00 9 Relazione geologiche e specialistiche ,00 Sommano ,09 10 IVA (10% su Totale A) ,43 11 IVA (22% su 4B+5B+7B+8B+9B+18B) ,40 12 Opere di difficile valutazione relative alle cavità IVA compresa ,00 13 Imprevisti IVA compresa ,76 14 Oneri da riconoscere ad altre amministrazioni (allacci servizi pubblici) ,00 15 Lavori in Economia ,00 16 Indennità di Esproprio ,00 17 Spese per Attività Amm.ve per le procedure espropriative oneri compresi ,00 18 CNPAIA ,00 TOTALE B) ,68 IMPORTO TOTALE PROGETTO ,00 D.1 Relazione illustrativa 23/24

25 12. CONCLUSIONI La rete di trasporto pneumatico si svilupperà in sotterraneo lungo la rete viaria già presente a Polignano a Mare, ad una profondità di 1.20 metri (a seconda della morfologia del territorio) adattandosi agevolmente alla presenza di altri sotto-servizi grazie alla spinta per differenza di pressione, che esclude qualsiasi tipo di vincolo legato al funzionamento in gravità (tipico, ad esempio, della fognatura). Per questo motivo sarà possibile ubicare le condotte di progetto a profondità diverse e con angolazioni variabili da 15 a 30 sia in senso orizzontale che in senso verticale. In questo modo, potranno essere evitate tutte le possibili interferenze con i citati sotto servizi esistenti, che potrebbero durante l esecuzione dei lavori intralciare la messa in opera e la funzionalità della condotta in progetto. Si può pertanto affermare che i sotto servizi presenti lungo le strade oggetto d intervento non creano situazione ostative alla realizzazione dell opera nel suo complesso. Tuttavia trattandosi di progettazione preliminare, questa Amministrazione Comunale, si riserva di richiedere nel disciplinare di gara, a cura e a carico delle imprese partecipanti, di effettuare uno studio approfondito e l analisi dei sottoservizi presenti nell area oggetto degli interventi da produrre in sede di offerta, al fine di eliminare e risolvere, tutte le interferenze dai puntuali rilievi effettuati, che potranno interessare la realizzazione dell opera in oggetto, e quindi non ostacolarne la fase di realizzazione e completamento. Essendo l intervento finanziato dalla Regione Puglia Assessorato Qualità dell Ambiente P.O. FERS 2007/2013 Asse II Azione 2.5.1, il progetto prevede un 1 Lotto funzionale da collaudarsi entro il 30/10/2015 come evidenziato negli elaborati grafici G.07 G.08 G.09. Polignano gennaio 15 Il Dirigente dell U.T.C. Ing. Giuseppe STAMA D.1 Relazione illustrativa 24/24

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RSU ED ASSIMILATI ED ANNESSO IMPIANTO DI TRASPORTO PNEUMATICO RIFIUTI. Progetto Preliminare INDICE

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RSU ED ASSIMILATI ED ANNESSO IMPIANTO DI TRASPORTO PNEUMATICO RIFIUTI. Progetto Preliminare INDICE INDICE raccolta fisso area presidiata ed allestita, senza ulteriori oneri a carico della finanza pubblica, per l'attività di raccolta mediante raggruppamento differenziato dei rifiuti per frazioni omogenee

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO) Comunità Montana Triangolo Lariano Gestione Associata dei Servizi di Igiene Urbana, Raccolta Differenziata e Smaltimento RSU REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

Comune di Adrano (Provincia di Catania) IV A.F. / 3 servizio - Ambiente e verde

Comune di Adrano (Provincia di Catania) IV A.F. / 3 servizio - Ambiente e verde Comune di Adrano (Provincia di Catania) IV A.F. / 3 servizio - Ambiente e verde COPIA Determina 4 a A.F. /3 Serv. n. 6 del 31/03/2010 Registro Generale n. 320 del 31/03/2010 Oggetto: Centro di Raccolta

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... 3. 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE... 4 Frequenza svuotamento... 4

SOMMARIO PREMESSA... 3. 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE... 4 Frequenza svuotamento... 4 COMUNE DI FOLLONICA ANNO 2013 PIANO ECONOMICO E FINANZIARIO TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARES) RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO (ex art. 8 D.P.R. 27.04.1999, n. 158) SOMMARIO PREMESSA... 3 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23 dicembre 2003, n. 48-11386 Modifica della scheda di rilevamento dei dati di produzione dei rifiuti urbani di cui alla D.G.R. 17-2876 del 2 maggio 2001 (B.U. n. 5

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI NELLE AREE AD ALTA INTENSITA ABITATIVA

COMUNE DI CORCIANO RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI NELLE AREE AD ALTA INTENSITA ABITATIVA COMUNE DI CORCIANO RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI NELLE AREE AD ALTA INTENSITA ABITATIVA Aprile 2011 Premessa Il servizio di raccolta differenziata nel Comune di Corciano ha iniziato ad operare in

Dettagli

La Carta dei Servizi

La Carta dei Servizi La Carta dei Servizi - Allegato B - DETTAGLIO SULLE STRUTTURE E I SERVIZI FORNITI Le principali attività garantite da ACEA sono: la raccolta stradale per eco-punti; le raccolte domiciliari; il lavaggio

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RSU ED ASSIMILATI ED ANNESSO IMPIANTO DI TRASPORTO PNEUMATICO RIFIUTI INDICE

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RSU ED ASSIMILATI ED ANNESSO IMPIANTO DI TRASPORTO PNEUMATICO RIFIUTI INDICE INDICE 3.1.1. Normativa nazionale in materia di raccolta differenziata 21 3.1.2. Normativa nazionale in materia di Centri Comunali di Raccolta 24 3.1.3. Normativa regionale 25 3.2.1. Piano Regolatore Generale

Dettagli

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA 1 Normativa di riferimento Legge nazionale di riferimento: Testo Unico in materia ambientale D.Lgs. 152/06 In Lombardia vige la L.R. 26/03 Disciplina dei servizi locali

Dettagli

COMUNE DI ILBONO PROVINCIA DELL OGLIASTRA Allegato alla Delibera di C.C. n.20 del 25/06/2013

COMUNE DI ILBONO PROVINCIA DELL OGLIASTRA Allegato alla Delibera di C.C. n.20 del 25/06/2013 1 Premessa COMUNE DI ILBONO PROVINCIA DELL OGLIASTRA Allegato alla Delibera di C.C. n.20 del 25/06/2013 PIANO FINANZIARIO - TARES 2013 Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano

Dettagli

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana 1di6 CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana OGGETTO : Relazione Tecnica Descrittiva ex art. 279 Lettera a) D.P.R. n. 207/2010 Regolare Esecuzione CCP

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

Provincia Regionale di Trapani

Provincia Regionale di Trapani Provincia Regionale di Trapani SETTORE 8 Territorio, Ambiente, Parchi, Riserve, Protezione Civile e Portualità Servizio di rimozione e trasporto, ai fini del loro conferimento presso idoneo impianto autorizzato

Dettagli

CITTÀ DI RAGUSA SETTORE VIII. www.comune.ragusa.it. ORDINANZA N. 275 R.O.S. del 06/02/2012. Oggetto: Regolamentazione servizio integrato dei rifiuti.

CITTÀ DI RAGUSA SETTORE VIII. www.comune.ragusa.it. ORDINANZA N. 275 R.O.S. del 06/02/2012. Oggetto: Regolamentazione servizio integrato dei rifiuti. CITTÀ DI RAGUSA www.comune.ragusa.it SETTORE VIII Ambiente, Energia, Protezione Civile Via Mario Spadola, 56 Pal. Ex Consorzio Agrario - Tel. 0932 676436 Fax 0932 676438 - E-mail giulio.lettica@comune.ragusa.gov.it

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 7. RIFIUTI 7.1. Inquadramento Il rapido sviluppo industriale ed il miglioramento delle condizioni economiche hanno comportato negli ultimi decenni un aumento sempre maggiore dei consumi e della conseguente

Dettagli

PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA

PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA UFFICIO TECNICO PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA PROGETTO A CURA DELL UFFICIO TECNICO Istruttore Amministrativo Geometra Ingegnere PORCARO OLINDO SALVATORE BARBATO

Dettagli

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Art. n.1 Definizione e Campo di Applicazione. Le piazzole ecologiche o ecopiazzole sono aree attrezzate destinate

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE ECOLOGIA Tutela del Suolo e Rifiuti

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE ECOLOGIA Tutela del Suolo e Rifiuti REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA Tutela del Suolo e Rifiuti Proposta nr. 37 del 08/04/2011 - Determinazione nr. 832 del 08/04/2011 OGGETTO: Comune di CASARSA DELLA DELIZIA. Autorizzazione

Dettagli

SETTORE AMBIENTE ATTIVITA PRODUTTIVE SERVIZIO AMBIENTE PROGETTO ESECUTIVO

SETTORE AMBIENTE ATTIVITA PRODUTTIVE SERVIZIO AMBIENTE PROGETTO ESECUTIVO SETTORE AMBIENTE ATTIVITA PRODUTTIVE SERVIZIO AMBIENTE PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTO DI INSTALLAZIONE DI N.1 DISTRIBUTORI AUTOMATICI DI ACQUA POTABILE REFRIGERATA, LISCIA O GASSATA IN COMUNE DI FERRARA

Dettagli

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU DEFINIZIONE DI RIFIUTO D.Lgs.. 152/2006 (Testo Unico) Parte quarta, Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA SITUAZIONE IN PROVINCIA DI PARMA L autosufficienza nello smaltimento della quota residua di rifiuti

Dettagli

PIANO FINANZIARIO 2008 - PASSIRANO

PIANO FINANZIARIO 2008 - PASSIRANO Allegato alla delibera di GC n. 18 del 30.01.2008 PIANO FINANZIARIO 2008 - PASSIRANO L elaborazione del Piano Finanziario 2008 è stata eseguita prendendo a base i seguenti elementi: Dati quantitativi dei

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ALLEGATO A alla Delibera del Consiglio Comunale n. 37 del 28/12/2015 COMUNE DI SCORRANO. (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Eguaglianza

Dettagli

OGGETTO: Sistema premiante raccolta differenziata rifiuti approvazione parametri di riconoscimento del bonus economico IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: Sistema premiante raccolta differenziata rifiuti approvazione parametri di riconoscimento del bonus economico IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Sistema premiante raccolta differenziata rifiuti approvazione parametri di riconoscimento del bonus economico IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: il Comune intende incentivare la raccolta differenziata

Dettagli

OGGETTO: Sistema premiante raccolta differenziata rifiuti approvazione parametri di riconoscimento del bonus economico IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: Sistema premiante raccolta differenziata rifiuti approvazione parametri di riconoscimento del bonus economico IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Sistema premiante raccolta differenziata rifiuti approvazione parametri di riconoscimento del bonus economico Premesso che: IL CONSIGLIO COMUNALE il Comune intende incentivare la raccolta differenziata

Dettagli

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia 1. Premessa Al fine di consentire una contabilizzazione uniforme della

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER UN SERVIZIO DI TRATTAMENTO FINALIZZATO AL RECUPERO DI R.U. - R.D

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER UN SERVIZIO DI TRATTAMENTO FINALIZZATO AL RECUPERO DI R.U. - R.D 1 MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER UN SERVIZIO DI TRATTAMENTO FINALIZZATO AL RECUPERO DI R.U. - R.D. E DI UN SERVIZIO DI SMALTIMENTO SOVVALLI CONFERITI DALL ASIA NAPOLI SPA Disciplinare tecnico 2 1. Principi

Dettagli

Helios srl Processing and Recycling waste

Helios srl Processing and Recycling waste Helios srl Processing and Recycling waste Attività dell impianto Le attività di recupero e trattamento dei rifiuti previste presso l impianto possono essere essenzialmente ricondotte alle seguenti tipologie:

Dettagli

COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE Piazza Indipendenza n. 2 - C.A.P. 33040 Tel. 0431-99092 Fax 0431-973707 e-mail: tecnico@com-campolongo-tapogliano.regione.fvg.it - Cod.Fisc. - P.IVA 02551830306

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SITO NEL COMUNE DI PONTEDERA ZONA INDUSTRIALE LA BIANCA VIA DON MEI Art. 1 Definizione centro raccolta

Dettagli

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 13/05/2008 1. FINALITA DELLA STAZIONE

Dettagli

In data.. TRA PREMESSO

In data.. TRA PREMESSO i.e.s. CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI URBANI, SPECIALI NON PERICOLOSI E PERICOLOSI AI SENSI DEL D.LGS. 03/04/2006 N.152 ARTICOLO 188 COMMA 2 LETTERA C). In data.. TRA AnconAmbiente S.p.A.

Dettagli

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Esperto: ing. Walter

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio

Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio Il Centro di Raccolta Differenziata dei rifiuti è un area presidiata ove si svolge l attività di raccolta

Dettagli

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Allegato 1 Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Si riporta di seguito, in via del tutto esemplificativo, la strutturazione di un impianto di trattamento

Dettagli

CITTÀ DI SCAFATI ( Provincia di Salerno ) AREA SERVIZI AL TERRITORIO SETTORE AMBIENTE, CIR, VERDE PUBBLICO E ANTIRANDAGISMO

CITTÀ DI SCAFATI ( Provincia di Salerno ) AREA SERVIZI AL TERRITORIO SETTORE AMBIENTE, CIR, VERDE PUBBLICO E ANTIRANDAGISMO Ordinanza n.37 del 23.06.2015 PREMESSO: IL SINDACO - che il piano per la raccolta differenziata del Comune di Scafati, attualmente è regolamentato dall Ordinanza Sindacale n.18 del 01.03.2013; - che il

Dettagli

SCHEDA 1. Cosa è la Waste Recycling oggi.

SCHEDA 1. Cosa è la Waste Recycling oggi. SCHEDA 1 Cosa è la Waste Recycling oggi. L azienda -nata circa 18 anni fa dall esperienza pluriennale della ditta individuale di uno degli attuali azionisti- oggi ha in forza 94 dipendenti di cui 63 (il

Dettagli

GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILABILI AGLI URBANI.

GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILABILI AGLI URBANI. COMUNE DI ROBBIATE Provincia di Lecco GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILABILI AGLI URBANI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 53 del 23/12/2015

Dettagli

1. Dati del Direttore dei lavori/professionista abilitato. 2. Dati dell impianto produttivo e dichiarazione conformità

1. Dati del Direttore dei lavori/professionista abilitato. 2. Dati dell impianto produttivo e dichiarazione conformità Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ ED AGIBILITÀ DELL IMPIANTO PRODUTTIVO ai sensi dell art 25 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i., e con le modalità di cui all art

Dettagli

Comune di Talmassons MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEI RIFIUTI URBANI

Comune di Talmassons MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEI RIFIUTI URBANI Comune di Talmassons MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEI RIFIUTI URBANI Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 184 del 25.11.2010 Art. 1 NORME GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI. Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta è un area presidiata

Dettagli

Città di Ariccia. Tariffazione Puntuale

Città di Ariccia. Tariffazione Puntuale Città di Ariccia Tariffazione Puntuale Ariccia a Tariffa Puntuale Cos è la Tariffa Puntuale? Breve excursus storico 1997: d.lgs 22/1997 la TIA, Tariffa d Igiene Urbana, destinata a sostituire progressivamente

Dettagli

Autorità d Ambito Territoriale Ottimale A.A.T.O. BACCHIGLIONE

Autorità d Ambito Territoriale Ottimale A.A.T.O. BACCHIGLIONE Autorità d Ambito Territoriale Ottimale A.A.T.O. BACCHIGLIONE Determinazione del Direttore N. DI REG.: 4 N. DI PROT.: 24 OGGETTO: A.V.S. S.p.A. PROGETTO DI COSTRUZIONE FOGNATURA NERA IN LOCALITÀ GIACOMONI

Dettagli

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data Perseguito L addetto alla ricezione Spett.le Sportello Unico per le Attività Produttive Comune di Castellammare del Golfo Verbale

Dettagli

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI Obiettivo dell Accordo di Programma per la gestione dei rifiuti inerti

Dettagli

Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento. Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento

Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento. Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento Brescia, 30 aprile 2015 Legislazione italiana ed europea

Dettagli

COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco

COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco Ordinanza n. 46 del 27 Maggio 2013 Oggetto: Modalità di gestione e conferimento Rifiuti Solidi Urbani.- IL SINDACO (In qualità di Autorità

Dettagli

LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PROVINCIA DI PAVIA Divisione Territorio Settore Tutela Ambientale PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI AZIONI DI ATTUAZIONE LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5 PARERE SULLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

Dettagli

33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308

33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308 COMUNE DI CASSACCO Comun di Cjassà 33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308 Regolamento per la gestione dei centri di raccolta

Dettagli

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3]

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] 1 A. MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO (ART. 8 D.P.R. n.158/1999, comma 3, lettera

Dettagli

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE A cura di: ORR - Segreteria tecnico-ammistrativa Informazioni su news, eventi, corsi di formazione,

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI COMUNE DI CALCI PROVINCIA DI PISA SETTORE 5 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI Approvato con Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA ATTREZZATO E SUA FINALITA Il centro

Dettagli

Settore Lavori Pubblici Ufficio del Dirigente

Settore Lavori Pubblici Ufficio del Dirigente Allegato A PROGETTO DI FORMAZIONE LAVORO ATTIVITA RELATIVE ALLA GESTIONE EDIFICI ED INFRASTRUTTURE STRADALI COMUNALI Di cui all art. 3, legge n. 863/1984 e successive modificazioni Attività e programmi

Dettagli

Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT

Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT Rifiuti solidi urbani indifferenziati (1) 92,50 (*) 10% Pneumatici assimilati agli urbani e conferiti in modo differenziato alle piattaforme di lavorazione (1) 92,50

Dettagli

ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI

ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI A) Premessa Il presente piano finanziario, redatto in conformità a quanto

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E PIANO FINANZIARIO TARI ANNO 2014: ALLEGATO A1) ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 22 dd. 20.05.2014 COMUNE DI ALA PROVINCIA DI TRENTO PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L.

Dettagli

INFORMARIFIUTI MAGGIO

INFORMARIFIUTI MAGGIO PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE AMBIENTE INFORMARIFIUTI MAGGIO 2008 Circolare per le amministrazioni locali su tutto quanto fa rifiuto SOMMARIO Nuovo decreto CENTRI DI RACCOLTA Produzione rifiuti urbani -

Dettagli

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 10 Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE Ordinanza n. 755 del 12 novembre 2013 Oggetto: DIVIETO DI ABBANDONO RIFIUTI E MATERIALI IL SINDACO VISTO D.Lgs 03/04/06 n. 152 e s.m.i. Norme in materia ambientale ed in particolare: - l articolo 178 ove

Dettagli

sensi dell art. 208 del D.Lgs. 152/2006 e dell art. 25 della L.R. 83/2000).

sensi dell art. 208 del D.Lgs. 152/2006 e dell art. 25 della L.R. 83/2000). Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Deposito Temporaneo di rifiuti ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE, IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE, ALLA DOMANDA

Dettagli

Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque. Bari 30.01.15

Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque. Bari 30.01.15 Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque Bari 30.01.15 Le acque nel Testo Unico Ambientale. Le definizioni (art. 74). ff) scarico: qualsiasi immissione effettuata esclusivamente

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI FAUGLIA Provincia di Pisa DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n 12 del 21.01.2012 In vigore dal 21.01.2012 REGOLAMENTO

Dettagli

Esempi di applicazione della certificazione ambientale. La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure

Esempi di applicazione della certificazione ambientale. La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure Esempi di applicazione della certificazione ambientale La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure 1 I riconoscimenti ottenuti 2 La dichiarazione ambientale 3 La dichiarazione

Dettagli

Ritardi cronici nella gestione integrata dei rifiuti e maggiori costi che ricadono sui cittadini

Ritardi cronici nella gestione integrata dei rifiuti e maggiori costi che ricadono sui cittadini Ambiente. Ritardi cronici nella gestione integrata dei rifiuti e maggiori costi che ricadono sui cittadini Raccolta differenziata: il ministro vuole stangare i Comuni non virtuosi Qualsiasi sostanza od

Dettagli

consorzio provinciale della brianza milanese per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani in liquidazione

consorzio provinciale della brianza milanese per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani in liquidazione consorzio provinciale della brianza milanese per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani in liquidazione Iscritto R.E.A. di Monza e Brianza: 1540710 - Iscritto Registro Imprese di Monza e Brianza 03997090158

Dettagli

COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO

COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO Ai sensi del D.P.R. 158/1998 ANNO 2013 COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO 2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Borgolavezzaro conta, al 31/12/2012,

Dettagli

COMUNE SANTA CROCE CAMERINA (RG) 3 Dipartimento Assetto del Territorio Via Alberto Moravia n.15

COMUNE SANTA CROCE CAMERINA (RG) 3 Dipartimento Assetto del Territorio Via Alberto Moravia n.15 OGGETTO: GESTIONE SERVIZI DI IGIENE AMBIENTALE PER MESI SEI RELAZIONE - QUADRO ECONOMICO - PLANIMETRIA; Premesso che il Comune di Santa Croce Camerina con deliberazione di Giunta Comunale n. 07 del 13/02/2015

Dettagli

Insediamenti in cui viene svolta attività di gestione rifiuti.

Insediamenti in cui viene svolta attività di gestione rifiuti. INDICAZIONI PROGETTUALI PER DOMANDE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI IN CUI VENGONO SVOLTE ATTIVITÀ DI GESTIONE RIFIUTI. Insediamenti in cui viene svolta attività

Dettagli

Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Sondrio N dei comuni 78 N delle schede da compilare 75 N delle schede compilate 75 % di copertura 1,% Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che

Dettagli

Modulo A9.03 Mod.COM_69_Schema_Collaudo vers. 00 del 30/01/2015. Allo Sportello Unico Attività Produttive del

Modulo A9.03 Mod.COM_69_Schema_Collaudo vers. 00 del 30/01/2015. Allo Sportello Unico Attività Produttive del Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SCHEMA DI COLLAUDO IMPIANTO PRODUTTIVO ai sensi dell art. 10 del D.P.R. 160/2010, lettera b) Il presente modello deve essere presentato ogni qualvolta

Dettagli

IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI TORINO

IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI TORINO IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI TORINO Documento di sensibilizzazione e di informazione del personale di cantiere sulle problematiche ambientali in fase di costruzione A

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2011 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

COMUNE DI REZZO (IM)

COMUNE DI REZZO (IM) COMUNE DI REZZO (IM) Via Roma 11 18020 REZZO IM Tel 0183 34015 fax 0183 34152 email info@comune.rezzo.im.it PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEI TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES) A)

Dettagli

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2 ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2.1 PREMESSA... 3 2.2 SMALTIMENTO RIFIUTI URBANI NON DIFFERENZIATI... 3 2.3 RACCOLTA, SELEZIONE E RECUPERO MULTIMATERIALE... 4 2.4 RACCOLTA,

Dettagli

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 100,0% Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei

Dettagli

La raccolta domiciliare e l applicazione della tariffa puntuale nel comune di Mantova

La raccolta domiciliare e l applicazione della tariffa puntuale nel comune di Mantova La raccolta domiciliare e l applicazione della tariffa puntuale nel comune di Mantova Anzio Negrini Mantova Direttore Ambiente Gruppo Mantova Ambiente Tea 1 Chi è Mantova Ambiente Mantova Ambiente è una

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI SERMONETA Provincia di Latina Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Approvato con deliberazione CC. n. 33 del 16/12/2013 Regolamento

Dettagli

ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione

ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione 1 ART. 1) OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e la gestione dell Isola ecologica comunale denominata Arechi. In particolare il presente

Dettagli

Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta

Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta RAPPORTO FINALE TASK 4.1 PIANO DI MONITORAGGIO Territorio e Area industriale della Provincia di Rovigo Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta Data emissione 20-10-2006 Il Piano di

Dettagli

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012.

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. ALLEGATO 2 Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. Rinnovo convenzione con ATO 5 per la parte economica per l anno 2012 La assemblea di ATO5 del 22/12/2011

Dettagli

Allegato 2.i) MODULO OFFERTA ECONOMICA LISTA DELLE CATEGORIE DI LAVORO E FORNITURE PREVISTE PER L'ESECUZIONE DELL'APPALTO

Allegato 2.i) MODULO OFFERTA ECONOMICA LISTA DELLE CATEGORIE DI LAVORO E FORNITURE PREVISTE PER L'ESECUZIONE DELL'APPALTO Allegato 2.i) PROCEDURA DI GARA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA, CARICO, SCARICO, TRASPORTO E CONFERIMENTO DI RIFIUTI DI VARIA NATURA E GIACENTI SU VARIE AREE PUBBLICHE DEL COMUNE DI

Dettagli

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA ARTICOLO DI RIFERIMENTO FATTISPECIE VIOLAZIONE SANZIONE MINIMO EDITTALE 1.1 Nelle

Dettagli

COMUNE DI CALITRI (Provincia di Avellino)

COMUNE DI CALITRI (Provincia di Avellino) COMUNE DI CALITRI (Provincia di Avellino) PROCEDURA CONCORSUALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA E VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMPRESA LA REALIZZAZIONE DEGLI

Dettagli

ALCUNI MODELLI SULLA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI A LIVELLO EUROPEO: CASE HISTORIES

ALCUNI MODELLI SULLA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI A LIVELLO EUROPEO: CASE HISTORIES ALCUNI MODELLI SULLA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI A LIVELLO EUROPEO: CASE HISTORIES Fausto Talenti Presidente AMSA SpA Milano dall emergenza all autosufficienza: autosufficienza: una sfida percorribile

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI CERTIFICAZIONE DELLE PERCENTUALI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI NELLA REGIONE CALABRIA PREMESSA...2 DEFINIZIONI...2 CALCOLO DELLA PERCENTUALE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA...5 ESCLUSIONI DAL

Dettagli

Il quadro dei costi è coerente con le disposizioni del DPR 158/99. Organico e costo del personale.

Il quadro dei costi è coerente con le disposizioni del DPR 158/99. Organico e costo del personale. ONERE ANNUO A BASE DI GARA. Nelle pagine che seguono viene riportata l analisi economica conseguente alla esecuzione dei servizi, secondo le modalità minime indicate nell allegato Relazione Tecnica e nel

Dettagli

Anche a Cave arriva la raccolta differenziata PORTA a PORTA

Anche a Cave arriva la raccolta differenziata PORTA a PORTA www.provincia.roma.it Anche a Cave arriva la raccolta differenziata PORTA a PORTA Comune di Cave Ufficio Informazioni RD, Tel. 06 950 008 28 - www.comune.cave.rm.it La raccolta differenziata Necessità

Dettagli

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente La gestione sostenibile dei rifiuti Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente Cenni sulla normativa Le prime direttive europee sui rifiuti risalgono alla seconda metà degli anni 70 1975:

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA Incremento Raccolta Differenziata ed introduzione raccolta organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p.

STUDIO DI FATTIBILITA Incremento Raccolta Differenziata ed introduzione raccolta organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p. STUDIO DI FATTIBILITA Incremento Raccolta Differenziata ed introduzione raccolta organico per le utenze condominiali AMSA MSA S.p.A 11 GENNAIO 2012 1 Premesse e obiettivi Il piano prevede la revisione

Dettagli

COMUNE DI ORTACESUS PROVINCIA DI CAGLIARI. Oggetto:

COMUNE DI ORTACESUS PROVINCIA DI CAGLIARI. Oggetto: COMUNE DI ORTACESUS PROVINCIA DI CAGLIARI STUDIO TECNICO DI INGEGNERIA - DOTT. ING. GIUSEPPE FANNI Via Ogliastra n. 37-09121 CAGLIARI TEL. / FAX 070-285855 - CELL.3497823004 Oggetto: REALIZZAZIONE DI UN

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A

C O M U N E D I P A L A I A C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza sul Lavoro, Patrimonio REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA Approvato

Dettagli