LE 120 ORE DI DIDATTICA FRONTALE E LA RICERCA UNIVERSITARIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE 120 ORE DI DIDATTICA FRONTALE E LA RICERCA UNIVERSITARIA"

Transcript

1 LE 120 ORE DI DIDATTICA FRONTALE E LA RICERCA UNIVERSITARIA Giuseppe Cocorullo Professore Università della Calabria, Arcavacata di Rende N I. IL DELIBERATO SULLE 120 ORE EGLI ultimi mesi la definizione del numero di ore di didattica frontale che un professore universitario è tenuto a garantire ha stimolato un accesa discussione in Ateneo. Nei Consigli di Facoltà e nel Senato Accademico il confronto sulla questione è stato serrato e, dopo essere anche approdato sulla stampa, sembra aver trovato una soluzione di compromesso in un deliberato del Senato che accogliendo la prassi corrente di attribuire al professore universitario l obbligo di tenere almeno un corso, sancisce al contempo che solo l impegno prestato oltre le 120 ore di didattica frontale sarà gratificato da un corrispettivo economico. Il deliberato, inoltre, prevede un inusuale meccanismo di premialità che tende ad attribuire maggiori risorse economiche a quelle facoltà in cui la media dei professori si accollerà un carico didattico superiore a 120 ore e che, ovviamente, penalizzerà le facoltà in cui si registrerà una situazione opposta. Nel seguito di questo intervento cercherò di fornire i riferimenti legislativi che regolamentano diritti e doveri dei docenti e svilupperò alcuni aspetti della vicenda che, ritengo, possano costituire la base di una più ampia e consapevole riflessione sul lavoro del professore universitario e sulla missione dell università. II. LE NORME SULLO STATO GIURIDICO Nel richiamare le norme che attualmente definiscono lo stato giuridico dei professori universitari, è opportuno sottolineare che a deciderne diritti e doveri non è, come generalmente accade per il pubblico impiego, una controparte amministrativa delegata a trattare con le rappresentanze sindacali il rinnovo di un contratto di lavoro, ma che il datore di lavoro del professore universitario è, per consolidata interpretazione del dettato costituzionale, il Parlamento della Repubblica. In altri termini, la definizione dei compiti e delle attribuzioni dei professori universitari non ricade nell autonomia deliberativa dei Senati Accademici ma in quella del Senato della Repubblica. Ciò premesso, il carico di didattica frontale dei professori universitari, era, fino al 2005, incontestabilmente regolato dall'articolo 6 della legge 18 marzo 1958, n. 311 che imponeva ai docenti: "l'obbligo di dedicare al proprio insegnamento, sotto forma sia di lezioni cattedratiche, sia di esercitazioni di seminario, di laboratorio o di clinica, tante ore settimanali quante la natura e la estensione dell'insegnamento richiedono e sono tenuti ad impartire le lezioni settimanali in non meno di tre giorni distinti". Da tale norma deriva l uso adottato nei decenni passati dalla stragrande maggioranza degli atenei e dallo stesso ministero di concretizzare il carico di didattica frontale in 60/70 ore. Con il successivo D.P.R. n. 382 del 1980 viene definito in 350 ore il complessivo impegno didattico (lezioni, seminari, esami, ricevimento, tesi, ecc ) cui è tenuto un professore universitario. La legge 370/1999 introduce, poi, l incentivazione dell impegno didattico dei

2 professori universitari. L art. 4 della legge dispone la creazione di un apposito fondo destinato a premiare professori che dedicano più di 120 ore a lezioni, esercitazioni, seminari nonché ulteriori e specifici impegni orari per l'orientamento, l'assistenza e il tutorato, la programmazione e l'organizzazione didattica, l'accertamento dell'apprendimento. Nessun nuovo obbligo per i docenti viene quindi introdotto dalla citata legge e, soprattutto, l istituto della supplenza o dell affidamento non viene in alcun modo ad essere sostituito dall incentivo. Per inciso, gli Atenei utilizzarono talmente male il meccanismo degli incentivi da indurre il Parlamento ad abolirne, nel 2003, il finanziamento. Giungiamo infine al 2005, anno in cui una legge, costituita da un unico articolo e 25 commi, la 230, stabilisce al comma 16 che: Resta fermo, secondo l'attuale struttura retributiva, il trattamento economico dei professori universitari articolato secondo il regime prescelto a tempo pieno ovvero a tempo definito. Tale trattamento e' correlato all'espletamento delle attività scientifiche e all'impegno per le altre attività, fissato per il rapporto a tempo pieno in non meno di 350 ore annue di didattica, di cui 120 di didattica frontale Le ore di didattica frontale possono variare sulla base dell'organizzazione didattica e della specificità e della diversità dei settori scientifico-disciplinari e del rapporto docenti-studenti, sulla base di parametri definiti con decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca. E sulla base di quanto disposto da questo comma che, negli anni a seguire, si svilupperà in vari atenei il tentativo di imporre a tutti i professori in servizio, non solo ai nuovi assunti, un carico didattico che, allo stato, è mediamente equivalente alla responsabilità di tre corsi.. In questa sede non entrerò nel merito del confronto che oppone i fautori dell applicabilità indiscriminata di quanto disposto dalla legge 230 a quelli che, me compreso, ritengono che ciò non sia affatto scontato. La questione riguarderà, semmai, Tribunali Amministrativi e Consiglio di Stato. Qui mi preme, invece, approfondire altri problemi, ben più importanti, che la vicenda 120 ore mette in luce; problemi che se non saranno consapevolmente affrontati e risolti finiranno, alla lunga, per minare in maniera definitiva quanto di buono il nostro sistema universitario ancora presenta. III. QUANTO LAVORA UN PROFESSORE UNIVERSITARIO? L attività del professore universitario si configura, come ben sappiamo, nello svolgimento di due funzioni primarie, ricerca e didattica. Compiti che, al di fuori degli atenei, vengono svolti in maniera separata: l insegnamento nelle scuole o negli istituti di alta cultura, la ricerca negli enti di ricerca. E solo nell Università che vi è inscindibile coincidenza, nella figura del professore universitario, fra chi trasmette la conoscenza e chi i confini della conoscenza provvede a farli avanzare. Non è quindi una bizzarria, nel valutare l impegno lavorativo del professore universitario, tener conto dell impegno richiesto dallo svolgimento delle attività di ricerca. Già, ma come si computa questo tempo? Mentre per le attività didattiche la legislazione ineviquocabilmente determina in 350 ore il complessivo impegno cui è tenuto il professore universitario, la verifica dell attività di ricerca è invece affidata, così come nel resto del mondo, ad una valutazione qualitativa e quantitativa della produttività scientifica, produttività che in genere viene misurata in termini di pubblicazioni scientifiche. Ora, la carriera media del professore nell'università italiana dal dottorato, all'assegno, al conseguimento dei ruoli di ricercatore, ricercatore confermato, associato, associato confermato, straordinario, ordinario comporta otto livelli di successive valutazioni dell attività scientifica svolta, che coprono un arco medio di venticinque, trent'anni. In aggiunta, ogni qualvolta partecipa a bandi per l attribuzione competitiva di fondi di ricerca deve dimostrare ad una commissione di anonimi esperti di essere scientificamente attivo nel settore. Quindi, la carriera del professore universitario medio è scandita da frequenti momenti di valutazione della sua attività di ricerca che, come, ricordato,

3 generalmente si estrinseca attraverso la pubblicazione dei risultati del suo lavoro su riviste scientifiche internazionali. Pubblicare su riviste internazionali, riviste che basano prestigio e tiratura sulla qualità dei lavori che ospitano, significa entrare in diretta concorrenza con ricercatori giapponesi, indiani, statunitensi, tedeschi, con il mondo globalizzato della ricerca, insomma. Fare ricerca di qualità internazionale (non importa se di tipo tecnico-scientifico o giuridico-umanistico) richiede intensa applicazione e continuità d impegno, non deve perciò stupire che il Parlamento abbia da sempre sancito come prevalente l impegno che il professore universitario deve dedicare alla ricerca rispetto a quello che egli è tenuto a riservare alla didattica, contenendo quest ultimo in 350 ore. Con riferimento alla situazione ante riforma degli ordinamenti didattici, cioè fino al 2000, si può stimare che complessivamente, fra didattica e ricerca il professore universitario, mediamente, dedicasse al lavoro circa 1600 ore all anno, con il 20-25% di queste riservate alla didattica. A partire dal 2000, con l attivazione dei nuovi ordinamenti didattici universitari ai sensi della L. 509/1999, la ripartizione dell impegno del professore universitario si modifica sostanzialmente. IV. I GUADAGNI DEL PROFESSORE UNIVERSITARIO La carriera universitaria vede come primo periodo retribuito il percorso del dottorato di ricerca: circa 800 al mese per almeno tre anni (una disposizione della scorsa finanziaria dovrebbe elevare il corrispettivo a 1000, ma non è ancora attuata e comunque vale per il futuro, qui tentiamo di analizzare la condizione economica della media dei professori universitari). Il gradino successivo, cui mediamente si accede(va) a 5-6 anni dalla laurea dopo un periodo post dottorato di ulteriore precariato sottoretribuito a circa 1000 al mese, è quello di ricercatore. Il ruolo di ricercatore, a cui mediamente si arriva intorno ai 34 anni, vede una retribuzione d ingresso di circa A fine carriera il professore universitario può arrivare a guadagnare circa mensili netti [1], ma non tutti i docenti arrivano al livello di ordinario e soprattutto non tutti accedono alla fascia di ordinario in età tale (40 anni) da garantire un simile livello retributivo a fine carriera (un recente decreto legge, peraltro, ne propone una riduzione a [2] ). Poiché, come è umano, la maggioranza dei lettori non universitari farà attenzione non tanto al basso livello della retribuzione in ingresso quanto all elevato (se paragonato agli stipendi delle carriere impiegatizie) stipendio finale, è forse più opportuno, per capire quanto in effetti guadagnano gli universitari, riferirsi al reddito cumulato che nello svolgersi di una carriera lavorativa media il professore universitario riesce a raggranellare e compararlo con quello che, ad esempio, un laureato della triennale porta a casa dopo una vita lavorativa spesa in una grande/media azienda operante in settori ad alta tecnologia. Propongo quindi alla vostra attenzione la storia (in termini di reddito lordo annuo) di due giovani, Gianni e Pinotto, che, conseguita la laurea triennale, abbracciano strade diverse. Ambedue brillanti, capaci, lavoratori, scelgono l'uno, Gianni, di proseguire gli studi iscrivendosi alla laurea specialistica, l'altro, Pinotto, di accettare l'offerta di lavoro di una multinazionale operante nel settore dell'informatica. Il confronto viene sviluppato ipotizzando una carriera più veloce della media per Gianni (l universitario) e solo una media per Pinotto (in questo non facendogli giustizia, in quanto, come detto in premessa Pinotto è persona in gamba tanto quanto Gianni). La carriera di Gianni inizia - ovviamente - con un reddito lordo negativo (8.200 euro annui). E' quanto la famiglia di Gianni sborsa (per tutte le tipologie di spesa, compreso il vestiario) per mantenere il figlio agli studi (circa 500 euro netti al mese). I dati economici per Gianni sono ricavati dalle precise tabelle retributive elaborate dal prof. Pagliarini [1], quelli anagrafici sono forniti da uno studio del MIUR-CNVSU [3] e del collega Paolo Rossi dell Università di Pisa[4]. Per l andamento delle retribuzioni di Pinotto la fonte è il rapporto sulle retribuzioni dei professionisti ICT della OD&M Consulting [5]. La carriera di Gianni è supposta "ideale": nessuna interruzione

4 nel tipico sviluppo dell' avanzamento professionale dell'universitario, appena si laurea trova una borsa di dottorato ad aspettarlo, al termine della borsa post-doc è subito pronto il posto di ricercatore, ecc. L età (30) a cui Gianni entra nel ruolo di ricercatore è di circa 5 anni più bassa della media (35), di 4 per il passaggio ad associato e di 2 per quella ad ordinario. E' probabile che la tabella che presento sia afflitta da qualche errore, e vi prego di segnalarli, ma sono convinto che eventuali inesattezze non pregiudichino in misura significativa il dato principale che emerge dal confronto: la relativamente elevata retribuzione dell ultima parte della carriera universitaria non compensa i bassi redditi percepiti per oltre metà della vita lavorativa. Inoltre, il regime a basso reddito, incide pesantemente sulle disponibilità economiche in un momento della vita in cui esse sono più necessarie: intorno ai anni, in genere, si mette su famiglia, si hanno dei figli, si vorrebbe acquistare una casa. età Gianni CARRIERE A CONFRONTO Pinotto Reddito cumulato lordo ( ) differenziale L anno di riferimento per calcolo delle retribuzioni è il Laurea triennale a 23 anni, Gianni prosegue gli studi, Pinotto inizia a lavorare in un'azienda ICT. A 30 anni Gianni diventa ricercatore, Pinotto quadro. Gianni diventa associato a 40 anni, Pinotto prosegue la sua carriera di quadro A 50 anni Gianni è ordinario, a 65 avrà la magra soddisfazione di registrare un differenziale nullo con Pinotto. Il trattamento economico degli universitari italiani appare, poi, ancora più penalizzante se comparato con le retribuzioni percepite dai ricercatori nei paesi con i quali spesso amiamo (a parole) confrontarci. Un recente studio [6] della Commissione Europea fornisce il desolante quadro riportato nella seguente tabella: Retribuzione annua lorda ( ) corretta per il potere d acquisto Nazione per i ricercatori impegnati nelle istituzioni universitarie. Fonte: Commissione Europea Israele Olanda Svizzera Austria Cipro Francia Regno Unito Germania Spagna Italia Turchia India Australia USA Eppure, anche da parte di alcuni colleghi, sento un continuo parlare dei privilegi degli universitari. Francamente, ritengo che un professore che faccia bene il suo lavoro sia sottopagato rispetto ai redditi che percepiscono figure di analogo profilo, anche nel pubblico, non solo nel privato. Ancor di più mi stupisce chi pretende di misurare la prestazione resa dal lavoratore intellettuale col conto del numero di ore passate a scaldare una sedia, senza prendere neppure in considerazione l'ipotesi che, forse, la valutazione dei risultati è una metodologia che meglio si adatta al caso. Se poi, il sistema di valutazione non funziona, allora ci si sforzi di renderlo efficace, ma non si peggiori ulteriormente la situazione proponendo soluzioni talmente rozze da essere peggiori del male che intendono curare.

5 V. LA PRODUTTIVITÀ DEGLI UNIVERSITARI Qual è la qualità del lavoro svolto dagli universitari italiani? A capirlo ci aiutano i dati che periodicamente vengono forniti da autorevoli organizzazioni internazionali. Partiamo allora da quelli relativi all efficienza del sistema formativo: in un recente studio pubblicato dall OECD [7] viene rilevato l enorme sforzo compiuto dall università italiana in questi ultimi anni: il numero di studenti che in Italia completano gli studi universitari, tab. III, è più che raddoppiato nel volgere di 5 anni e attualmente si colloca al di sopra della media OECD. Tutto questo accade in un sistema paese in cui non solo la spesa per studente negli atenei pubblici, si badi bene, pubblici, è di gran lunga inferiore a quella registrata nella gran parte dei paesi industrializzati, tab. IV, ma anche la percentuale statale di prodotto interno lordo destinata alle istituzione universitarie è di gran lunga più bassa, anche degli Stati Uniti, Tab. V. In compenso, il rapporto studenti/docenti del sistema universitario italiano è fra più elevati, tab. VI. E le attività di ricerca degli universitari italiani come si collocano nel panorama internazionale? Indicazioni al riguardo arrivano dal rapporto 2007 [8] della Commissione Europea, tab. VII, e non classifica certo la ricerca italiana come di serie B. VI. LA STAGIONE DELLO STUDENTE CLIENTE La nuova legislazione sugli ordinamenti didattici e le modalità di finanziamento agli atenei, basato sostanzialmente sul solo numero degli studenti iscritti, inducono le università ad una moltiplicazione dell offerta didattica rispetto al periodo antecedente. Gli atenei si qualificano come aziende ed il marketing compare nelle voci dei bilanci universitari. Con l arrivo del 3+2 lo studente universitario da matricola, da iscritto cioè nel libro maestro dove si registrano i nomi di coloro che sono ammessi ad apprendere un arte operando al fianco dei maestri, diventa cliente da ossequiare, riverire, cui dare sempre ragione. Da membro novizio della comunità scientifica di cui accetta e condivide principi e disciplina, lo studente ne diventa estraneo; un cliente, che va blandito, assecondato, vezzeggiato. Bisogna attirare studenti, è questa la parola d ordine che gira fra gli atenei italiani. Le università, da luoghi di maturazione dello spirito critico, diventano imprese il cui successo si misura nel numero di clienti attirati. La qualità degli atenei viene valutata, come per le aziende, in base alla soddisfazione del cliente anziché sulla qualificazione del corpo docente e sulla disponibilità di strutture adeguate. Poiché l importante è indurre quanti più clienti possibile all acquisto del bene, poco interessa poi se esso è inutile o in taluni casi dannoso, proliferano i corsi di laurea dai nomi accattivanti ed attraenti, l offerta didattica si amplia eccessivamente e diventa completamente scorrelata dalla disponibilità di un adeguato corpo docente. VII. GLI ANNI DEL SUPERLAVORO Della situazione descritta al precedente paragrafo il professore universitario è al tempo stesso vittima e responsabile. Responsabile perché l autonomia avrebbe consentito agli atenei di gestire in maniera più sensata il varo dei nuovi ordinamenti, vittima perché una distribuzione delle risorse fondata essenzialmente sul numero di studenti si è prestata ad un facile ricatto: caro professore vuoi maggiori risorse per la tua ricerca, vuoi avere opportunità di carriera? Ebbene, datti da fare ad estendere e sostenere l offerta didattica! Di conseguenza, dal 2000 in poi, l impegno didattico richiesto al professore universitario si è ampliato a dismisura. Le canoniche 350 ore si sono più che raddoppiate. Per convincersene basta tener presente che, nella situazione attuale, un professore universitario è mediamente responsabile di tre corsi per ognuno dei quali è tenuto a garantire l espletamento di almeno 5 appelli annuali. Se frequentati da una sessantina di studenti ognuno, la sola gestione degli appelli d esame dei corsi di titolarità impegna il docente per quasi 350 ore, e questo

6 senza tener conto delle ore dedicate alla didattica frontale. Aggiungiamo poi le ore da dedicare alle sedute di laurea, il cui numero in seguito al 3+2 è raddoppiato, alla supervisione dei laureandi e dei dottorandi, ecc...: è facile constatare come tutti questi impegni esauriscano ampiamente le 350 ore (frontali o meno che siano) che i professori sono tenuti, per legge, a dedicare alla didattica. In effetti, con l applicazione della L. 509/99, si è determinato perlomeno un raddoppio del carico didattico, raddoppio che ha significato un incremento delle complessive ore lavorate perché, nella maggior parte dei casi, il professore ha preferito non intaccare il monte ore dedicato alla ricerca. Si è così potuto osservare un progressivo incremento del complessivo impegno dei professori universitari che negli anni ha raggiunto e superato le 2000 ore annue. Certo, non in tutti gli studi sono rimaste accese le luci fino alle nove di sera ed oltre, certo in qualche caso l impegno si è addirittura ridotto, ma, nella media, i professori che nello svolgere una ricerca dignitosa trovano la ragione d essere della loro attività, hanno scelto di lavorare di più. Gli anni passati sono stati quindi anni di grande impegno e sacrificio personale per i professori universitari; sono stati anche anni di generosità, generosità, per altro, socialmente non riconosciuta, sconosciuta alla pubblica opinione, che ignora, ad esempio, la circostanza che vede il professore universitario volontariamente accettare una retribuzione che è meno di un terzo di quel che la legge vigente prevede per gli incarichi di affidamento o supplenza (art. 114, DPR 382/1980). All'orizzonte si prospetta, poi, l'arrivo del Nuovissimo Ordinamento, quello previsto dal DM 320 del 2004, che, per un lungo periodo transitorio, comporterà un ulteriore aggravio degli impegni didattici: agli esami del vecchio e nuovo ordinamento si aggiungeranno quelli del nuovissimo, in molti casi saranno svolti in contemporanea corsi nuovi e meno nuovi, ecc. Ritenere che questo superlavoro non dovuto sia reiterabile all infinito, per giunta senza alcun riconoscimento sociale e retributivo, e che tutta questa sovraproduttività non abbia alla lunga conseguenze deleterie, difficilmente recuperabili, sulla qualità dell insegnamento e della ricerca è, ad essere buoni, da sprovveduti. Spero ci si renda conto che l imposizione, più o meno mascherata delle 120 ore, senza quei contrappesi previsti dalla stessa legge che le ha introdotte, avrà come effetto a lungo termine un irreversibile dequalificazione di quello che, fino a poco tempo fa concepivamo essere l insegnamento universitario: inscindibile derivazione dello svolgimento di una qualificata attività di ricerca. VIII. CONCLUSIONI In Italia, fare ricerca, almeno la ricerca che non si basa solo sulla disponibilità di un computer, significa innanzitutto fare l'elettricista, l'idraulico, lo sdoganatore, il traduttore, l'addetto agli acquisti ed al magazzino, alcune volte anche il facchino. Il ricercatore deve, poi, trovare il tempo e le forze per conquistare l'attenzione, in concorrenza con il mondo intero, di una qualche prestigiosa rivista scientifica e, necessariamente, procurarsi i contratti per finanziarla, la ricerca. In un sistema paese che da tempo, al di là delle dichiarazioni di principio, non considera l università come priorità strategica (nei primi mesi del 2008 i fondi di finanziamento al sistema universitario sono stati decurtati per finanziare interventi a favore dei camionisti, dell Alitalia e del taglio dell ICI), in un paese dove è più facile vincere al superenalotto che avere un tecnico di laboratorio, condurre attività di ricerca di livello dignitoso è sempre più difficile. Se poi consideriamo che le attività svolte in una regione che è periferia geografica ed economica dell Europa richiedono necessariamente possibilità di frequenti spostamenti in biblioteche, laboratori, musei non disponibili in loco, non possiamo non riconoscere che ottenere dei buoni risultati scientifici all Unical richieda più impegno di quanto non sia richiesto a chi lavora, ad esempio, a Londra. Aggiungiamo infine che da un po di tempo in qua alcuni politici, ma anche professori che hanno di fatto abbandonato le attività propriamente universitarie per dedicarsi ad altre più soddisfacenti occupazioni, iniziano a

7 guardarti con severità e sufficienza quando scoprono che non hai la stessa produttività dei colleghi dell UCLA o del MIT, dimenticando, ma più probabilmente ignorando, che la disponibilità di bilancio annua dei due atenei statunitensi, che insieme non accolgono più di (cinquantamila) studenti, è pari all intero ammontare del finanziamento annuo su cui possono far conto tutte le nostre università, comprese le private. Queste difficoltà, sommate alle problematiche esposte nei precedenti paragrafi dovrebbero rendere consapevole chi occupa i vertici delle strutture universitarie della situazione non facile che sta vivendo chi, nell'università, cerca di svolgere il proprio lavoro con coscienza. L indefinito protrarsi di uno stato d emergenza didattico non potrà che avere come conseguenza la definitiva uscita dell ateneo dal ruolo delle sedi che, almeno potenzialmente, possono ambire a contribuire al progresso del territorio attraverso lo svolgimento di attività di ricerca di concreto valore, Spero che sulla questione possa aprirsi un più ampio dibattito in Ateneo. Riferimenti [1] tabelle relative all anno [2] Decreto-Legge 25 giugno 2008, n. 112, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria [3] Settimo Rapporto sullo Stato del Sistema Universitario, CNVSU, Ottobre [4] Matusa in Cattedra, Paolo Rossi, ATHENET (Rivista dell Università di Pisa) n. 18, Dicembre [5] Le retribuzioni dei professionisti ICT: impiegati, quadri e dirigenti. OD&M Consulting 2005; estratto reperibile all indirizzo: http retribuzioniit_imp.shtml [6] Remuneration of Researchers in the Public and Private sectors, EUROPEAN COMMISSION, DG for Research, aprile 2007 [7] OECD indicators, Education at a Glance 2007 [8] EUROPEAN COMMISSION, Directorate-General for Research, Key Figures 2007 Tab. III

8 Tab. IV Tab. V

9 Tab. VI

10 Tab. VII

NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 1. CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI DIDATTICA UFFICIALE

NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 1. CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI DIDATTICA UFFICIALE ALL. 2 NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 Secondo le previsioni dello Statuto e del regolamento didattico di Ateneo la presente normativa disciplina il conferimento delle attività di didattica

Dettagli

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA STIPULA DI CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO A TITOLO ONEROSO O GRATUITO E DI ATTIVITA INTEGRATIVE AI SENSI DELL ART. 23 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con DR. 11460/I/003

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

POLITECNICO DI BARI ART. 1 ATTIVITA E REGIME DI IMPEGNO DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI

POLITECNICO DI BARI ART. 1 ATTIVITA E REGIME DI IMPEGNO DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO RECANTE NORME PER LA DISCIPLINA DELLO STATO GIURIDICO, DIRITTI E DOVERI DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI DI RUOLO (ex articolo 6, commi 2, 3, 7, 8 e 14, della Legge n. 240/2010)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze D.R. n. 299. IL RETTORE VISTA la Legge n. 168 del 09/05/1989; VISTA la Legge n. 245 del 07/08/1990, ed in particolare l art. 8,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DIDATTICA ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO NEI CORSI DI LAUREA, LAUREA MAGISTRALE E DI SPECIALIZZAZIONE Capo I

Dettagli

GILDA NAZIONALE DEGLI INSEGNANTI #LABUONASCUOLA, DOCENTI PIÙ POVERI CON NUOVO SISTEMA STIPENDI E SCATTI

GILDA NAZIONALE DEGLI INSEGNANTI #LABUONASCUOLA, DOCENTI PIÙ POVERI CON NUOVO SISTEMA STIPENDI E SCATTI GILDA NAZIONALE DEGLI INSEGNANTI #LABUONASCUOLA, DOCENTI PIÙ POVERI CON NUOVO SISTEMA STIPENDI E SCATTI Gilda Nazionale Degli Insegnanti Via Salaria, 44 00138 Roma Tel. 068845005 095 fax. 0684082071 www.gildains.it

Dettagli

Università degli studi di Napoli Parthenope

Università degli studi di Napoli Parthenope REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DIDATTICI AI SENSI DEL D.M. 8 LUGLIO 2008 Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina il conferimento di incarichi di docenza, non rientranti negli obblighi

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE

REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE Romsch UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA FACOLTÀ DI. Anno Accademico.. REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE Prof. PROFESSORE DI I FASCIA TEMPO PIENO PROFESSORE DI II FASCIA TEMPO DEFINITO SETTORE SCIENTIFICO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO. (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 18 agosto 2009, n. 1123)

REGOLAMENTO DIDATTICO. (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 18 agosto 2009, n. 1123) REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 18 agosto 2009, n. 1123) Denominazione inglese della

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER L A.A. 2011/12 (approvate in S.A. il 07.06.2011)

LINEE GUIDA PER LA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER L A.A. 2011/12 (approvate in S.A. il 07.06.2011) LINEE GUIDA PER LA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER L A.A. 2011/12 (approvate in S.A. il 07.06.2011) 1. Definizione delle tipologie di attività didattica Ai fini delle presenti linee guida, vengono così definite

Dettagli

Questionario per gli studenti laureandi nei corsi di laurea Facoltà di Giurisprudenza, Sapienza, Università di Roma

Questionario per gli studenti laureandi nei corsi di laurea Facoltà di Giurisprudenza, Sapienza, Università di Roma Anno 2010 Questionario per gli studenti laureandi nei corsi di laurea Facoltà di Giurisprudenza, Sapienza, Università di Roma Il questionario, anonimo, serve a conoscere in modo sistematico le opinioni

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA

REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Emanato con D.R. n. 337del 18/07/2014. Art. 1 (Finalità) 1. Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO Emanato con D.R. n. 128 del 06/05/2013 Modificato con D.R. n. 107 del 28/02/2014. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

ANNO ACCADEMICO. REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE SVOLTE

ANNO ACCADEMICO. REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE SVOLTE ANNO ACCADEMICO. REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE SVOLTE dal Dott..... nato a. il. ricercatore per il raggruppamento disciplinare n.. (D.M. 4 ottobre 2000 e modifiche D.M. 18 marzo 2005). Da consegnare

Dettagli

Prot. 4002 Bari, 14 marzo 2011

Prot. 4002 Bari, 14 marzo 2011 CONSERVATORIO DI MUSICA NICCOLO PICCINNI Prot. 4002 Bari, 14 marzo 2011 Ai Sigg. Docenti Albo Sede Oggetto: Attività artistica esterna e incarichi presso altre Istituzioni pubbliche e/o soggetti privati.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa La Riforma dell Università Le linee ispiratrici E il primo provvedimento organico che riforma l intero sistema universitario. Il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM PREMESSO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM PREMESSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS PREMESSO -che l art. 2 comma 4 della Legge 30 dicembre 2010, n. 240, recante norme in materia

Dettagli

Articolo 1 (Definizioni)

Articolo 1 (Definizioni) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI: MASTER UNIVERSITARI, CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Articolo 1 (Definizioni) Ai sensi del presente

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; Schema di decreto legislativo recante la disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli atenei in attuazione della delega prevista

Dettagli

Pag. 1 di 5. Titolo: Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche

Pag. 1 di 5. Titolo: Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche I docenti delle Università pubbliche, in quanto dipendenti civili dello Stato, sono iscritti alla cassa per i trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS), istituita il 1 gennaio 1996 come

Dettagli

QUESTIONARIO. Grazie

QUESTIONARIO. Grazie QUESTIONARIO Il questionario, anonimo, serve a rilevare in modo sistematico le opinioni degli studenti che hanno completato un corso di studi. Queste conoscenze potranno aiutare a valutare la qualità dei

Dettagli

Breve Analisi della Convenzione Quadro UNINA CNR. A. Aloisio, L. Coraggio, L. Lista

Breve Analisi della Convenzione Quadro UNINA CNR. A. Aloisio, L. Coraggio, L. Lista Breve Analisi della Convenzione Quadro UNINA CNR A. Aloisio, L. Coraggio, L. Lista Premessa CNR e CRUI hanno stipulato nel 2012 un Accordo Quadro per l'attuazione congiunta di programmi di ricerca nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO EX ART.5 DEL REGOLAMENTO GENERALE DELLE SCUOLE DOTTORALI E DEI CORSI DI DOTTORATO

REGOLAMENTO ATTUATIVO EX ART.5 DEL REGOLAMENTO GENERALE DELLE SCUOLE DOTTORALI E DEI CORSI DI DOTTORATO REGOLAMENTO ATTUATIVO EX ART.5 DEL REGOLAMENTO GENERALE DELLE SCUOLE DOTTORALI E DEI CORSI DI DOTTORATO ART. 1 Istituzione e disciplina della Scuola dottorale in Scienze Umane e dei Corsi di dottorato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA"

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA" RIPARTIZIONE II Settore IV REGOLAMENTO PER LE ATTRIBUZIONI DI ATTIVITA DIDATTICHE (conferimento affidamenti/supplenze attribuzioni contratti di insegnamento)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Art. 26 - Partecipazione ad attività didattiche e scientifiche

Art. 26 - Partecipazione ad attività didattiche e scientifiche Al Magnifico Rettore Università del Salento SEDE Oggetto: Contratti per attività di insegnamento e partecipazione a gruppi e progetti di ricerca - Personale T/A e Lettori/Collaboratori Esperti Linguistici

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera

CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera Università di Bolzano Approvato con delibera n. 56/2010 del

Dettagli

Livello di soddisfazione dei laureandi

Livello di soddisfazione dei laureandi Trasparenza versione S.U.A. Questa versione della scheda per la trasparenza è stata predisposta per il supporto alla compilazione della Scheda Unica Annuale Opzioni: I dati non includono i laureati di

Dettagli

Il Consiglio Direttivo di ARTeD

Il Consiglio Direttivo di ARTeD Osservazioni e richieste di modifica dello schema di regolamento recante criteri e parametri per l attribuzione dell abilitazione scientifica nazionale (ASN) Il Consiglio Direttivo di ARTeD - RIUNITO nella

Dettagli

Parere sullo schema di decreto per la ripartizione del Fondo per il sostegno dei giovani e per favorire la mobilità degli studenti

Parere sullo schema di decreto per la ripartizione del Fondo per il sostegno dei giovani e per favorire la mobilità degli studenti MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario Parere sullo schema di decreto per la ripartizione del Fondo per il sostegno dei

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso RISOLUZIONE N. 6/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 gennaio 2007 OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso Con l interpello

Dettagli

DL 112 = Scomparsa dell Università Pubblica

DL 112 = Scomparsa dell Università Pubblica Una cronistoria - Il 25 giugno 2008, su proposta del Ministro del Tesoro On. Tremonti, il Consiglio dei Ministri approva (all unanimità, Ministro dell Università On. Gelmini compresa!) il Decreto Legge

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto REGOLAMENTO RELATIVO ALLA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI TRASFERIMENTO E DI MOBILITA INTERNA PER LA COPERTURA DEI POSTI VACANTI DI PROFESSORE ORDINARIO, DI PROFESSORE ASSOCIATO E DI RICERCATORE, AI SENSI

Dettagli

4 I LAUREATI E IL LAVORO

4 I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 30 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali di Laurea in Scienze e Tecnologie dell Informazione Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010

Dettagli

OGGETTO: Didattica: tipologie e retribuzioni relative alla copertura delle nuove forme di docenza.

OGGETTO: Didattica: tipologie e retribuzioni relative alla copertura delle nuove forme di docenza. Ripartizione del Personale Prot. n. 35469 03.08.2004 Ai Presidi di Facoltà Al Pro Rettore del Polo Scientifico e Didattico di Terni Ai Presidenti dei Corsi di Studio Ai Direttori delle Scuole di Specializzazione

Dettagli

Scheda tecnica sul nuovo decreto per il reclutamento negli atenei

Scheda tecnica sul nuovo decreto per il reclutamento negli atenei Scheda tecnica sul nuovo decreto per il reclutamento negli atenei Analisi tecnica dello schema di decreto legislativo recante la disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle

Dettagli

Master universitario di 2 livello in. Anno Accademico 2015/2016

Master universitario di 2 livello in. Anno Accademico 2015/2016 Master universitario di 2 livello in Progettazione avanzata dell'insegnamento della lingua e cultura italiane a stranieri (ITALS 2 livello) Anno Accademico 2015/2016 10 CICLO NOTE E CALENDARIO DIDATTICO

Dettagli

Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca. Le nuove Scuole di Dottorato

Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca. Le nuove Scuole di Dottorato Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca Le nuove Scuole di Dottorato L Università degli Studi di Sassari nell a.a. 2007-2008 giunge al definitivo passaggio dal sistema dei Dottorati

Dettagli

Art. 3 Piano finanziario Art. 4 - Copertura finanziaria del Master Universitario

Art. 3 Piano finanziario Art. 4 - Copertura finanziaria del Master Universitario Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Modificato con D.R. n. 1033 2013 Prot. n 24843 del 10.07.2013 REGOLAMENTO MASTER

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 CONSIGLIO DI FACOLTÀ 1. Il Consiglio di Facoltà ha il compito di programmare, coordinare e gestire tutte le attività didattiche che fanno capo alla Facoltà.

Dettagli

Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali

Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali Le opinioni degli studenti raccolte tramite i gruppi Facebook Sondaggio promosso dai Rappresentati degli Studenti nel

Dettagli

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento Testo aggiornato al 9 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 Gazzetta Ufficiale 17 aprile 1982, n. 105 Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Sistema di graduazione delle Posizioni Organizzative Responsabili di Unità Organizzativa Complessa e di Alta Professionalità e Nomina dei titolari

Sistema di graduazione delle Posizioni Organizzative Responsabili di Unità Organizzativa Complessa e di Alta Professionalità e Nomina dei titolari Sistema di graduazione delle Posizioni Organizzative Responsabili di Unità Organizzativa Complessa e di Alta Professionalità e Nomina dei titolari Approvato con Delibera di Giunta Comunale 87 del 21/04/2015

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE E RELAZIONI INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE E RELAZIONI INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN REGOLAMENTO DIDATTICO Titolo I Finalità e ordinamento didattico Art. 1 - Finalità 1. Il Corso di Laurea in Scienze politiche e relazioni internazionali afferisce alla Classe XV. 2. Il

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008

Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008 Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008 Intervento di Nicola Catalano, ricercatore ISFOL Introduzione 1. Conosciamo tutti l importanza delle

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Nota tecnica 2 a) i corsi di studio da istituire e attivare nel rispetto dei requisiti minimi essenziali in termini di risorse strutturali ed umane, nonché quelli da sopprimere a.1 Proporzione di corsi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

DIMENSIONE E - RISULTATI, ANALISI E MIGLIORAMENTO

DIMENSIONE E - RISULTATI, ANALISI E MIGLIORAMENTO DIMENSIONE E - RISULTATI, ANALISI E MIGLIORAMENTO Elemento E1: RISULTATI DEL PROCESSO FORMATIVO Domanda E1.1: I risultati relativi agli studenti in ingresso a) Risultati delle prove di verifica del possesso

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

Università del Salento

Università del Salento Università del Salento REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN LETTERE MODERNE Classe LM 14 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 ARTICOLO 1 Il presente regolamento disciplina gli aspetti organizzativi

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

LINEE-GUIDA. per il. Premessa

LINEE-GUIDA. per il. Premessa LINEE-GUIDA per il Regolamento ministeriale sulla struttura e sul funzionamento dell Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (ANVUR) Premessa La legge di istituzione

Dettagli

Oggetto: modifiche al regolamento per la disciplina dei professori a contratto D.R. 5710 del 5 aprile 2007

Oggetto: modifiche al regolamento per la disciplina dei professori a contratto D.R. 5710 del 5 aprile 2007 AREA ISTITUZIONALE, PIANIFICAZIONE, ORGANIZZAZIONE E CONTROLLO /PN. (invio per e-mail) (Prot. n. 6428 del 23 aprile 2007) Presidi di facoltà Presidenti dei corsi di studio Direttori delle scuole di specializzazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Esercizio 2013 Decreto n. 0149 tp/l.240.10incentivounatantum/d.r.emanazregol.doc IL RETTORE VISTA la Legge 9.05.1989 n. 168 e successive modificazioni;

Dettagli

DL 112 (legge 133) Una cronistoria

DL 112 (legge 133) Una cronistoria DL 112 (legge 133) Una cronistoria - Il 25 giugno 2008, su proposta del Ministro del Tesoro On. Tremonti, il Consiglio dei Ministri approva (all unanimità, Ministro dell Università On. Gelmini compresa!)

Dettagli

Titolo Relazione finale. Donna e ruolo dirigenziale nell Azienda Ospedaliera Universitaria Careggi

Titolo Relazione finale. Donna e ruolo dirigenziale nell Azienda Ospedaliera Universitaria Careggi Università degli Studi di Firenze Corso DONNE, POLITICA E ISTITUZIONI. PERCORSI FORMATIVI PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DI GENERE E DELLE PARI OPPORTUNITA' Edizione 2009 Titolo Relazione finale Donna

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. E L ONG ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WIDE FUND FOR NATURE - ONLUS WWF ITALIA PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Dettagli

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende:

Dettagli

Lugano-Intervento giornate 9-10 settembre 2009 Silvia Cortellazzi, Università cattolica di Milano

Lugano-Intervento giornate 9-10 settembre 2009 Silvia Cortellazzi, Università cattolica di Milano Lugano-Intervento giornate 9-10 settembre 2009 Silvia Cortellazzi, Università cattolica di Milano Indice 1. L Italia e la formazione professionale 2. La Lombardia e la formazione professionale 3. Chi esce

Dettagli

dicembre 2014 - ver.1.0 Indice

dicembre 2014 - ver.1.0 Indice Linee guida strategiche e policy operativa in tema di valorizzazione della ricerca e di diritti di proprietà intellettuale all Università degli Studi di Brescia dicembre 2014 - ver.1.0 Indice 1. Premessa

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI (Modificato con delibere del CdF e CdS del 22.01.03, del 07.05.2003, del 8.10.2003; del 25.02.2004;

Dettagli

Il ruolo del chimico per la sicurezza ambientale

Il ruolo del chimico per la sicurezza ambientale ambientale di Piero Frediani * Ciampolini A. (a cura di). L innovazione per lo sviluppo locale ISBN 88-8453-362-7 (online) 2005 Firenze University Press Nell Anno Accademico 1996-97 l Università di Firenze

Dettagli

UNIVERSITÀ E RICERCA

UNIVERSITÀ E RICERCA UNIVERSITÀ E RICERCA PILASTRI SU CUI FONDARE LO SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO DEL PAESE L istruzione universitaria arreca non solo benefici individuali Per i giovani che la frequentano: oltre all acquisizione

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Consiglio di Area in Ingegneria Ambientale

Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Consiglio di Area in Ingegneria Ambientale Modello 7 Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Consiglio di Area in Ingegneria Ambientale Attività di tirocinio pratico di formazione Convenzione in data Certificazione Studente

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 Art. 1. FINALITA Presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Trieste è istituito il Master Universitario

Dettagli

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi MDT. Master in Diritto tributario dell impresa. XII Edizione

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi MDT. Master in Diritto tributario dell impresa. XII Edizione Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MDT Master in Diritto tributario dell impresa XII Edizione 2013-2014 MDT Master in Diritto tributario dell impresa Il diritto tributario è un tema spesso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO Settore: Servizi agli Studenti Unità Organizzativa: Borse di Studio e Studenti Part Time

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO Settore: Servizi agli Studenti Unità Organizzativa: Borse di Studio e Studenti Part Time UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO Settore: Servizi agli Studenti Unità Organizzativa: Borse di Studio e Studenti Part Time BANDO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO A STUDENTI DI FORME DI COLLABORAZIONE A TEMPO

Dettagli

Oggetto: Regolamento interno delle procedure di trasferimento e di mobilita interna dei professori e ricercatori - modifica.

Oggetto: Regolamento interno delle procedure di trasferimento e di mobilita interna dei professori e ricercatori - modifica. DECRETO N. 1099 /Prot. N. 22837/I-3 Div. Affari Istituzionali Sez. Pers. Doc. Oggetto: Regolamento interno delle procedure di trasferimento e di mobilita interna dei professori e ricercatori - modifica.

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del CdF del 03.05.06 e modificato con delibere del CdF del 07.03.07, del 12.03.08 e del 08.04.08) Regolamento didattico

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLE PROCEDURE DI TRASFERIMENTO E DI MOBILITÀ INTERNA ED ESTERNA AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 2, DELLA LEGGE 3 LUGLIO 1998, N.

REGOLAMENTO RELATIVO ALLE PROCEDURE DI TRASFERIMENTO E DI MOBILITÀ INTERNA ED ESTERNA AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 2, DELLA LEGGE 3 LUGLIO 1998, N. REGOLAMENTO RELATIVO ALLE PROCEDURE DI TRASFERIMENTO E DI MOBILITÀ INTERNA ED ESTERNA AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 2, DELLA LEGGE 3 LUGLIO 1998, N. 210 CAPO I DISCIPLINA GENERALE ARTICOLO 1 Oggetto 1. Il

Dettagli

Data ultimo aggiornamento 4.9.2014

Data ultimo aggiornamento 4.9.2014 Senato Accademico 21.6.2011 e 19.2.2014 Consiglio di Amministrazione 28.6.2011 e 26.2.2014 Decreto Rettorale 654-2011 del 7.7.2011 e 240-2014 del 3.3.2014 e 1056-2014 del 4.9.2014 Pubblicazione all Albo

Dettagli

I DIVISIONE DELIBERA. Art. 2 Tipologie contrattuali Le tipologie contrattuali sono fissate dall art. 24, comma 3, della legge n. 240/2010.

I DIVISIONE DELIBERA. Art. 2 Tipologie contrattuali Le tipologie contrattuali sono fissate dall art. 24, comma 3, della legge n. 240/2010. I DIVISIONE 4.1) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI SELEZIONE E DELLO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA DEI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO EX ART. 24 LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

1 La Ricostruzione di carriera dei docenti di religione

1 La Ricostruzione di carriera dei docenti di religione 1 La Ricostruzione di carriera dei docenti di religione 1.1 La situazione dei docenti di religione 1.1.1 Contesto normativo Con l approvazione della Legge 18 luglio 2003, n. 186, si è conclusa una vicenda

Dettagli

- Capo 1 - Disposizioni generali. - Art.1 - Finalità

- Capo 1 - Disposizioni generali. - Art.1 - Finalità Regolamento recante la disciplina per la copertura dei posti di ruolo di professori di I e II fascia, nonché dei ricercatori universitari mediante trasferimento. - Capo 1 - Disposizioni generali - Art.1

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Federalismo e fiscalità locale Profili

Dettagli

Art. 4: è necessario specificare la percentuale di tempo da dedicare allo studio individuale.

Art. 4: è necessario specificare la percentuale di tempo da dedicare allo studio individuale. Allegato 2 Art. 4. Crediti formativi universitari Testo approvato Rilievi CUN Testo adeguato ai rilievi 1. Il credito formativo universitario (cfu) - di seguito denominato credito - è l unità di misura

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

Con il corso di laurea in Economia Aziendale la Facoltà di Economia di Urbino prepara alla professione di dottore commercialista

Con il corso di laurea in Economia Aziendale la Facoltà di Economia di Urbino prepara alla professione di dottore commercialista Con il corso di laurea in Economia Aziendale la Facoltà di Economia di Urbino prepara alla professione di dottore commercialista La Facoltà di Economia propone il corso di laurea in Economia Aziendale,

Dettagli

Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale

Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale REGOLAMENTO PER I TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO E GLI STAGE (approvato nella seduta 9 luglio 2013) Art. 1 Scopo Il presente

Dettagli