PARTE A: APPROFONDIMENTO INNOVATIVO DEL PROCEDIMENTO PEDAGOGICO DELL INSEGNAMENTO DELLE SCIENZE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARTE A: APPROFONDIMENTO INNOVATIVO DEL PROCEDIMENTO PEDAGOGICO DELL INSEGNAMENTO DELLE SCIENZE"

Transcript

1 PROGETTO POLO DI MILANO PER UNA NUOVA DIDATTICA DATTICA NELLA SCUOLA PROGRAMMA DI SCIENZE PER L ANNO SCOLASTICO O PARTE A: APPROFONDIMENTO INNOVATIVO DEL PROCEDIMENTO PEDAGOGICO DELL INSEGNAMENTO DELLE SCIENZE Responsabili: Prof.sse Franca Pagani e Rosanna La Torraca Premessa Dopo una completa valutazione dell attività del 2013/2014 effettuata il 28 e 29 maggio 2014 con la dott.ssa Anne Goube, (Académie des sciences, ENS-INRP, Institut Universitaire de Formation Joseph Fourier), e con sperimentatrici e trainers, sono stati individuati i punti di forza (il corso di formazione,i seminari con la dott.ssa Anne Goube e la sperimentazione in classe dei moduli ) e i punti di debolezza del programma ( valutazione dello studente e gestione del lavoro di gruppo ), per cui per il 2014/2015 saranno riprese alcune fasi del progetto che hanno funzionato ma saranno effettuate aree di miglioramento. Il progetto ha per obiettivo la diffusione del metodo IBSE (Inquiry Base Science Education) ed è rivolto a docenti e studenti delle scuole elementari e secondarie di primo e secondo grado. Risulta quindi strategico sollecitare la discussione ed il confronto tra insegnanti su esperienze e metodi sperimentali ed attivare iniziative finalizzate all acquisizione professionale e all applicazione di questo strumento di lavoro indispensabile, fornendo loro supporti anche metodologici condivisi a livello internazionale, adattabili ed adattati a contesti diversificati. Sollecitazioni simili sono fornite anche dalle Nuove Indicazioni per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo cicloe secondo ciclo di istruzione, recentemente emesse dal MIUR, che evidenziano l esigenza di ripensare l esperienza del fare scuola e sono permolti aspetti perfettamente in linea anche con lo sviluppo delle competenze funzionali richieste di OCSE PISA. Queste istituzioni, in base alle verifiche a livello nazionale delle competenze acquisite dagli alunni nella scuola, richiedono che l insegnamento /apprendimento delle scienze sia una interazione diretta degli alunni con gli oggetti e le idee coinvolti nell osservazione e nello studio ovviamente seguiti ed indirizzati dal docente. Il lavoro, quindi, deve dare ampio spazio alla discussione e al confronto. Gli studenti devono poter acquisire linguaggi e strumenti appropriati e devono saper descrivere, argomentare, rendere operanti conoscenze e competenze. Risulta evidente come queste istanze siano presupposto e asse su cui si dipana lo sviluppo e l applicazione dell approccio basato sull IBSE che trova nel Progetto La main à la pâte la sua espressione più organizzata e consolidata a livello internazionale. Programma per il 2014/2015 Il programma parte da quello sviluppato l anno scorso e prevede alcuni punti innovativi importanti (b, c) : a) Formazione in presenza con esperti per i nuovi sperimentatori centrato soprattutto sugli aspetti metodologi dell IBSE, con incontri di approfondimento disciplinari. (30 ore)

2 b) Formazione per gli sperimentatori di secondo livello e terzo livello sulla tipologia delle prove da somministrare agli alunni per verificare le competenze IBSE e sulla gestione dei gruppi come è emerso nelle giornate conclusive di valutazione del progetto. (10 ore) c) Formazione indirizzata ai soli trainers e futuri trainers per la definizione dei loro interventi nelle classi degli sperimentatori, sull uso degli strumenti di valutazione e per report/riflessioni sulle attività. (25 ore) d) Formazione dei soli trainers presso poli italiani e centri esteri per il confronto delle diverse realtà e modalità di applicazione dell IBSE. e) Tutoraggio e coordinamento on line f) Sperimentazione nelle classi da parte di docenti di moduli, kit e strumenti di valutazione ed autovalutazione (20 ore) g) Ospitalitàdi docenti formatori italiani e stranieri per il confronto delle diverse realtà e modalità di applicazione dell IBSE h) Partecipazione a network internazionali per la formazione, diffusione e la valutazione. i) Predisposizione di nuovi moduli ad opera dei trainers e dei coordinatori per aumentare la gamma di attività per le classi. In conseguenza di ciò allestimento di nuovo materiale da fornire agli sperimentatori.(30 ore) In questo contesto la formazione assume grande importanza perché è propedeutica e strettamente correlata alla sperimentazione in classe. L obiettivo principale di questo momento iniziale,oltre a quello di far conoscere un nuovo approccio all insegnamento scientifico, è quello di far sì che i docenti coinvolti si impadroniscano gradualmente di una nuova impostazione metodologica,finalizzata a favorire negli alunni la costruzione del sapere e a far superare la visione spesso dogmatica e trasmissiva delle conoscenze scientifiche. Tale azione formativa avvicinerà i docenti all impostazione metodologica e fortemente operativa del programma SID, all interno del quale creare un contesto di confronto nel quale sostenere la riflessione critica e la diffusione di buone pratiche. La formazione comunque continuerà attraverso: a) contatti con i formatori e con gli altri poli già attivi da più anni. b) scambio di materiale e informazione tramite mail o tramite un forum con i responsabili didattici. Tempi : formazione degli sperimentatori :ottobre dicembre sperimentazione: febbraio, marzo, aprile valutazione : maggio- settembre. Partecipanti Lo scorso anno hanno partecipato attivamente al Progetto scuole di Milano e della provincia. Per il prossimo anno è previsto un aumento della partecipazione delle scuole della città di Milano e della città di Pavia e sono già stati presi accordi preliminari con le scuole. PARTE B, APPROFONDIMENTI TEMATICI SULLE FRONTIERE DELLA SCIENZA

3 Responsabili: Prof. Paolo Plevani e Francesco Clementi 1) CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLE BIOTECNOLOGIE Premessa: Il prossimo anno scolastico le classi quinte delle scuole secondarie di secondo grado devono affrontare i nuovi programmi della riforma. Secondo le indicazioni nazionali, gli obiettivi specifici di apprendimento nei licei scientifici comprendono la biochimica e biomateriali, la struttura e funzione di molecole di interesse biologico ponendo l accento sui processi biologici/biochimici nelle situazione della realtà odierna e in relazione a temi di attualità, in particolare quelli legati all ingegneria genetica e alle sue applicazioni. Alcune delle competenze che gli studenti devono acquisire al termine della scuola secondaria e che sono propedeutiche al proseguimento degli studi universitari sono: essere consapevoli delle ragioni che hanno prodotto lo sviluppo scientifico e tecnologico nel tempo, in relazione ai bisogni e alle domande di conoscenza dei diversi contesti, con attenzione critica alle dimensioni tecnico-applicative ed etiche delle conquiste scientifiche, in particolare quelle più recenti; saper cogliere la potenzialità delle applicazioni dei risultati scientifici nella vita quotidiana; comprendere il ruolo della tecnologia come mediazione fra scienza e vita quotidiana; saper utilizzare gli strumenti informatici in relazione all analisi dei dati e alla modellizzazione di specifici problemi scientifici e individuare la funzione dell informatica nello sviluppo scientifico. Proponiamo ai docenti interessati una serie di lezioni e seminari di approfondimento sui ritrovati delle scienze biomolecolari e le tecniche più innovative delle biotecnologie e della manipolazione genetica in campi diversi: alimentare, ambientale, energetico, umano. Proponiamo attività di laboratorio affinchè la dimensione sperimentale possa essere ulteriormente approfondita con attività da svolgersi nei laboratori didattici della scuola o dell università ed enti di ricerca, permettendo anche sviluppi e interazioni con i progetti di orientamento e formazione scuola-lavoro Obiettivi: Obiettivo principale è fare scienza attraverso l organizzazione e l esecuzione di attività sperimentali che sono un aspetto irrinunciabile della formazione scientifica e vanno pertanto promosse. Tali attività educano lo studente a porre domande, a raccogliere dati e a interpretarli, acquisendo man mano gli atteggiamenti tipici di una vera indagine scientifica. Gli approfondimenti previsti anche a livello teorico offriranno spunti per affrontare temi con implicazioni etiche, sociali, ambientali; inoltre, attraverso l uso della bioinformatica si promuoverà l uso delle tecnologie anche nell insegnamento quotidiano. Target: insegnanti delle scuole superiori di secondo grado Sede: Presso il CusMiBio dell Università degli Studi di Milano, Via Celoria 20. Periodo e Durata Il corso si svolge in 4 giornate: dal 23 al 26 settembre 2014 Schema del programma del corso:

4 Primo giorno: - mattino (attività di laboratorio): preparazione di terreni di coltura e piastre per la crescita di batteri, trasformazione batterica e selezione di batteri trasformati mediante terreni selettivi - Regolazione dell espressione genica dal DNA alle proteine (knock-out e knock-in di geni, silenziamento di geni: mirna e RNA interference) (PLEVANI o VIALE) - Epigenetica: codice degli istoni e modificazioni della cromatina e interazione DNA ambiente (BATTAGLIOLI) Secondo giorno: - mattino (attività di laboratorio): barcode con estrazione di DNA da tessuti vegetali, PCR di un gene specie-specifico del cloroplasto, verifica amplificazione con elettroforesi, analisi della sequenza del gene mediante banche dati del DNA e riconoscimento della specie. Inoculo dei batteri trasformati. dal progetto genoma umano ad oggi: evoluzione delle tecniche di sequenziamento, analisi genomica e proteomica e prospettive future (HORNER-PAVESI) Terzo giorno: - mattino (attività di laboratorio): estrazione di plasmidi da batteri trasformati, taglio con enzimi di restrizioni opportuni e verifica della trasformazione mediante elettroforesi su gel di agarosio. - Proteine in 3D. Nuovi Farmaci e nuovi Vaccini (NARDINI) -Biotecnologie mediche: terapia genica e cellule staminali (SICCARDI;ZUCCATO) Quarto giorno: - mattino (attività di laboratorio): test ELISA -Biotecnologie agrarie e ambientali: OGM e biorisanamento (MORANDINI-SACCHI) - Implicazioni bioetiche delle Biotecnologie (TREZZI) N.B. le lezioni teoriche saranno svolte al pomeriggio in modo da consentire ad un numero elevato di docenti di seguire le conferenze mentre la parte pratica verrà svolta al mattino solo per un gruppo ristretto di insegnanti (max 25) interessati al trasferimento della parte sperimentale nei propri laboratori. Attori: docenti UNIMI e docenti di scuola superiore staccati presso il CusMiBio Durata: 12 ore lezioni teoriche + 12 ore lezioni pratiche Risultati attesi: i docenti potranno aggiornare le proprie conoscenze teoriche e pratiche in ambiti di stretta attualità quali le biotecnologie. Le tematiche affrontate coinvolgono più aspetti della scienza che vanno dalla chimica organica, alla biologia molecolar,e alla matematica e bioinformatica e possono toccare temi etici su cui gli insegnanti potranno costruire degli approfondimenti che coinvolgano altre discipline come storia e filosofia. La parte laboratoriale acquisita potrà essere utile per svolgere piccoli esperimenti nei laboratori didattici della scuola o presso l Università e altri enti di ricerca. Alla fine del corso si potranno costituire dei gruppi di studio, con docenti particolarmente interessati alle tematiche affrontate, il cui scopo sarà quello di costruire delle unità didattiche utilizzabili nel quinto anno dei licei. Le linee guida per i programmi di scienze da affrontare nelle classi quinte indicano una serie di discipline diverse (chimica organica, biochimica, biomateriali,

5 ingegneria genetica, ecologia, risorse energetiche e fonti rinnovabili, tettonica a placche, complessi fenomeni metereologici), non sempre facilmente collegabili tra loro. I gruppi di studio avranno il non facile compito di trovare delle tematiche adeguate, capaci di collegare tra loro le varie discipline indicate dalle linee guida (o almeno alcune di esse) e capaci altresì di sollecitare l interesse degli studenti. L interdisciplinarietà è sicuramente un valore aggiunto in quanto solo attraverso una conoscenza olistica si arriva ad acquisire una conoscenza approfondita delle varie tematiche affrontate. 2) CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLA MICROSCOPIA PREMESSA GENERALE: Le iscrizioni al corso di microscopia e al corso di bioinformatica e multimedialità dell anno scolastico sono state numerose, molte di più di quelle che abbiamo potuto accogliere. E quindi anche svolgendo tre edizioni del corso di microscopia e una di Bioinformatica e Multimedialità non abbiamo esaurito le richieste. Si propone per il prossimo anno scolastico lo svolgimento degli stessi corsi. Premessa: Il microscopio ottico è probabilmente lo strumento più frequentemente disponibile nei laboratori delle scuole superiori, talvolta anche nelle scuole secondarie di primo grado, ma spesso è sottoutilizzato o utilizzato non correttamente. Uno dei modi per coinvolgere e incuriosire alla scienza gli studenti è proprio l uso del microscopio che consente di scoprire mondi affascinanti che il nostro occhio non è in grado di percepire. Obiettivo e Target Offrire una formazione aggiornata a docenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado sulla microscopia, in particolare quella ottica; fornire informazioni sull uso corretto dello strumento e la sua manutenzione, sulla preparazione e osservazione di preparati freschi di tessuti animali e vegetali. In questo modo si promuove l uso della microscopia nelle scuole tramite consigli pratici e semplici e attraverso la costruzione di facili schede didattiche, preparate insieme ai docenti del corso. Il microscopio potrebbe diventare un valido strumento per catturare l attenzione degli studenti, coinvolgerli e appassionarli alle discipline scientifiche. Sede: Presso il CusMiBio e il CIMA, Università degli Studi di Milano, Via Celoria 20. Periodo e Durata Due corsi, uno all inizio dell anno, uno verso maggio-giugno, per i docenti di scienze delle scuole secondarie di primo e secondo grado. Il corso si svolge in 3 giornate Schema del programma del corso: Primo giorno: - mattino Lezioni teoriche sulla Microscopia di base: cenni storici sulla microscopia, principi di ottica, tecniche di contrasto in microscopia (campo oscuro, contrasto di fase, contrasto interferenziale). - pomeriggio: Esercitazioni pratiche sull uso del microscopio ottico e dello stereomicroscopio: come usare al meglio il microscopio e lo stereomicroscopio; cosa osservare con l uno e con l altro; come allestire ed eventualmente colorare dei preparati di molecole inorganiche, organiche e di microrganismi. Secondo giorno: - mattino Lezioni teoriche sulla microscopia a fluorescenza, confocale ed elettronica - pomeriggio Esercitazioni pratiche con il microscopio ottico con preparati freschi di cellule e tessuti vegetali. Terzo giorno: - mattino: Lezioni pratiche sull uso del microscopio a. fluorescenza, confocale ed elettronico

6 - pomeriggio: osservazioni al microscopio ottico e con lo stereomicroscopio di microrganismi acquatici vegetali e animali. Esercitazione pratiche multimediali alla scoperta di siti internet sulla microscopia virtuale. Attori: docenti UNIMI e docenti di scuola superiore staccati presso il CUSMIBIO Durata: 18 ore Risultati attesi Il corso di aggiornamento sulla microscopia intende evidenziare il ruolo di primo piano dell osservazione nel percorso di apprendimento degli studenti in modo da suggerire agli insegnati la presentazione delle scienze naturali passando attraverso il corretto cammino osservazioneconcetto; per varie ragioni, infatti, gli insegnanti tendono a fornire concetti, nozioni, principi e poi proporre, quando è possibile, le osservazioni e la scoperta della conoscenza attraverso domande e risposte tratte da attività sperimentali. Gli insegnanti riceveranno un certificato che attesterà la competenza acquisita per la realizzazione e gestione di attività sperimentali di microscopia, anche per classi diverse dalla propria. Si prevede che la formazione coinvolga insegnanti, per ogni edizione del corso (il corso si può replicare). 3) CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLA MULTIMEDIALITA E BIONFORMATICA Premessa La bioinformatica unisce la biologia molecolare e l informatica e occupa un ruolo importante nell ambito scientifico perché permette l analisi e la comparazione dei dati biologici molecolari con conseguenze importanti per la comprensione dell evoluzione, la medicina e la farmacologia. Obiettivo e Target Promuovere negli insegnanti delle scuole secondarie di secondo grado un modo innovativo di far didattica usando strumenti e tecniche multimediali per la trattazione dei dati biologici. Con questo approccio e sfruttando la bionformatica (ad es. consultando numerose banche dati ipertestuali ed interattive disponibili in rete) è possibile raccogliere una grande quantità di informazioni su ogni argomento di ricerca. L interattività di queste banche dati può diventare un elemento fondamentale per un insegnamento più stimolante e quindi un apprendimento più efficace. Luogo, periodo e durata: presso il CuMiBio, nell anno scolastico 2014/15, in 3 pomeriggi dalle alle Schema del programma del corso: Primo giorno: navigheremo tra siti interattivi che spiegano cosa sono i cromosomi, come si classificano e come si realizza il cariotipo. Impareremo ad analizzare il cariotipo per predire malattie cromosomiche. Scopriremo come vengono eseguiti i test diagnostici. Secondo giorno: impareremo a esplorare il genoma umano utilizzando le informazioni contenute in alcune delle banche dati biomediche disponibili on line. Scopriremo le corrispondenze esistenti fra i cromosomi umani e quelli di altri organismi e impareremo a trovare un gene all interno del genoma e a scoprirne la struttura e la funzione. Terzo giorno: Impareremo a utilizzare gli strumenti bioinformatici per lo studio dell evoluzione molecolare e della filogenesi. Utilizzeremo un software, scaricabile da internet, per studiare la struttura tridimensionale delle proteine. Attori: docenti distaccati presso il CusMiBio e docenti dell Università degli Studi di Milano Risultati attesi: Realizzazione di un percorso di bionformatica costruito dagli insegnanti stessi che partecipano al corso. Trasferire la conoscenza informatica acquisita in lavori di classe con gli studenti. Gli

7 insegnanti riceveranno un certificato che attesterà la competenza acquisita per la realizzazione e gestione di laboratori di bioinformatica, anche per classi diverse dalla propria. Si prevede che la formazione coinvolga 20 insegnanti, per ogni edizione del corso. 4) CONFERENZE SULLE NUOVE FRONTIERE DELLA BIOLOGIA Obiettivo Promuovere un aggiornamento continuo sui temi più attuali delle bioscienze attraverso una serie di seminari e convegni tenuti da docenti universitari attivi negli ambiti più attuali della ricerca. Argomenti: MICROBIOMA, BIOLOGIA SINTETICA, NEURODIDATTICA, LUCE Target: insegnanti delle scuole secondarie di primo e secondo grado. Luogo: Università degli Studi di Milano Periodo: aprile-maggio 2015 Programma: conferenze Il microbioma umano: identificare e caratterizzare i microrganismi che coabitano con l uomo è il primo passo per capire il loro rapporto con lo stato di salute e di malattia. L alimentazione è capace di modulare la composizione del microbiota intestinale e la ricerca sta valutando come la dieta interagendo con il microbiota possa influenzare la salute dell uomo. La Biologia sintetica, area di ricerca che combina la biologia, la chimica e l ingegneria con l obiettivo di sintetizzare funzioni biologiche originali o opportunamente modificate. Le nuove prospettive aperte dalla biologia sintetica e il loro impatto sulla salute dell uomo: riprogettazione e produzione di sistemi biologici già presenti in natura (molecole, tessuti, organi), progettazione e fabbricazione di componenti e sistemi biologici non ancora esistenti in natura (vaccini, farmaci) La Neurodidattica. I risultati emergenti dalle neuroscienze cognitive di grande interesse per la didattica. La neurodidattica è una nuova disciplina all interfaccia tra la psicologia (che studia i processi mentali che stanno alla base dei comportamenti), la didattica, nelle sue diverse componenti, e quel settore delle neuroscienze che si occupa di studiare le funzioni del cervello che apprende. La Conferenza si propone come momento di approfondimento culturale tra neuroscienziati e Iinsegnanti. La Luce. La luce sarà esaminata nelle sue valenze scientifiche e tecnologiche, ma sarà anche analizzato il suo ruolo nell arte, nel sostenere la vita e come fonte di energia. Attori: docenti dell Università degli Studi di Milano, del politecnico di Milano e di altre istituzioni di ricerca nazionali esperti nei settori. Risultati attesi: introdurre gli insegnanti, soprattutto delle scuole secondarie di secondo grado, in problematiche avanzate e di grande impatto anche sul pubblico laico in modo che essi siano informati correttamente e possano divenire dei punti di riferimento qualificati per approfondimenti e discussioni con gli studenti e promuovere la loro cittadinanza consapevole. Saranno anche forniti strumenti concreti per permettere agli insegnanti di trasferire più agevolmente le conoscenze acquisite in classe agli studenti. Risultati attesi: Si prevede la partecipazione di almeno 100 docenti delle scuole secondarie di secondo grado per ogni evento.

PROGRAMMA Scientiam Inquirendo Discere SID

PROGRAMMA Scientiam Inquirendo Discere SID PROGRAMMA Scientiam Inquirendo Discere SID Documenti di base a cura di Anna Lepre, Isabella Marini, Silvia Zanetti e Anna Pascucci 1 PROGRAMMA Scientiam Inquirendo Discere SID Documenti di base INTRODUZIONE

Dettagli

PROGETTO DELL'ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA: UNA RETE NAZIONALE IL POLO DI MILANO

PROGETTO DELL'ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA: UNA RETE NAZIONALE IL POLO DI MILANO PROGETTO DELL'ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA: UNA RETE NAZIONALE IL POLO DI MILANO A seguito del protocollo d intesa siglato con il Ministero dell Istruzione, Università

Dettagli

IL POLO DI BOLOGNA EMILIA ROMAGNA Progetto I lincei per una nuova didattica nella scuola: una rete nazionale

IL POLO DI BOLOGNA EMILIA ROMAGNA Progetto I lincei per una nuova didattica nella scuola: una rete nazionale IL POLO DI BOLOGNA EMILIA ROMAGNA Progetto I lincei per una nuova didattica nella scuola: una rete nazionale RISULTATI E PROSPETTIVE Antonio Danieli Direttore Generale Fondazione Golinelli GLI ATTORI Promotori

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE S. CANNIZZARO

LICEO SCIENTIFICO STATALE S. CANNIZZARO LICEO SCIENTIFICO STATALE S. CANNIZZARO ANNO SCOLASTICO 2015 2016 SCHEDA INIZIALE DI MONITORAGGIO PROGETTI INSERITI NEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA (a cura del referente) Progetto: LABORATORI DI BIOLOGIA

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA MOLECOLARE

CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA MOLECOLARE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI BIOSCIENZE CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA MOLECOLARE LAUREA MAGISTRALE CLASSE LM-6 BIOLOGIA ANNO ACCADEMICO 2015-2016 OBIETTIVI FORMATIVI Obiettivi formativi

Dettagli

PROGETTO SCIENZE CLASSI PRIME SECONDARIA I GRADO A.S. 2013/2014

PROGETTO SCIENZE CLASSI PRIME SECONDARIA I GRADO A.S. 2013/2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO Via San Francesco 5 20061 CARUGATE (MI) tel. 02.92151388 02.9253970 02.9252433 FAX 02.9253741 e-mail segreteria: miic8bj003@istruzione.it

Dettagli

Progetto POF LAB 3 a.s. 2014-2015. Concorso CusMiBio Una settimana da ricercatore 2015

Progetto POF LAB 3 a.s. 2014-2015. Concorso CusMiBio Una settimana da ricercatore 2015 Progetto POF LAB 3 a.s. 2014-2015 Concorso CusMiBio Una settimana da ricercatore 2015 Nel precedente a.s. 2013-2014, alcuni studenti dell Istituto hanno partecipato all edizione 2014 del concorso Una settimana

Dettagli

ELABORATO DAI DOCENTI ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj. Anno scolastico 2014-2015

ELABORATO DAI DOCENTI ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj. Anno scolastico 2014-2015 qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI SCIENZE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ELABORATO DAI DOCENTI

Dettagli

Università degli Studi di Trieste Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Università degli Studi di Trieste Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Trieste Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Regolamento didattico del Corso di Laurea interclasse ed interfacoltà in Scienze e Tecnologie

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti Allegato n. 7 Offerta formativa secondo gli ordinamenti preesistenti L'Istituto C. Rosatelli fornisce per gli studenti iscritti nelle classi 5 e i seguenti diplomi: Diploma di Perito industriale L ITIS

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE LIVELLI DI PARTENZA La classe è attenta ma poco partecipe, qualcuno porta anche dei contributi personali

Dettagli

Indicazioni nazionali

Indicazioni nazionali Indicazioni nazionali Dalla lettura delle Indicazioni nazionali ricavo tre principali indicazioni: 1. Forte connotazione interdisciplinare 2. Ruolo centrale del laboratorio 3. Chiara valenza orientativa

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE L insegnamento delle scienze dovrebbe essere caratterizzato dall utilizzo e dall acquisizione delle metodologie euristiche, che alimentano

Dettagli

CURRICOLO SCIENZE SCUOLA PRIMARIA Classe 1, 2, 3

CURRICOLO SCIENZE SCUOLA PRIMARIA Classe 1, 2, 3 CURRICOLO SCIENZE SCUOLA PRIMARIA Classe 1, 2, 3 Nuclei tematici Scienza della materia Traguardi per lo sviluppo della competenza L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità verso fenomeni del mondo fisico

Dettagli

LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE

LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE Finalità educative dell insegnamento delle Scienze Le più significative sono: l abitudine

Dettagli

Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti

Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti 1. Una prima parte descrittiva e informativa costituita dalle seguenti voci Denominazione Il nome dell unità Compito prodotto

Dettagli

POLO DI BOLOGNA/EMILIA ROMAGNA I LINCEI PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA: UNA RETE NAZIONALE

POLO DI BOLOGNA/EMILIA ROMAGNA I LINCEI PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA: UNA RETE NAZIONALE Polo di /Emilia Romagna I Lincei per una nuova didattica nella scuola: Una rete nazionale POLO DI BOLOGNA/EMILIA ROMAGNA I LINCEI PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA: UNA RETE NAZIONALE 1. OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22 Al Collegio dei Docenti E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Oggetto : Pubblicazione Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

REPORT A.S. 2014/15 POLO BOLOGNA/EMILIA-ROMAGNA I LINCEI PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA: UNA RETE NAZIONALE

REPORT A.S. 2014/15 POLO BOLOGNA/EMILIA-ROMAGNA I LINCEI PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA: UNA RETE NAZIONALE REPORT A.S. 2014/15 POLO BOLOGNA/EMILIA-ROMAGNA I LINCEI PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA: UNA RETE NAZIONALE 1. PREMESSA Dall anno scolastico 2014/2015 la Fondazione Golinelli ha inaugurato l area

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 CLASSI SECONDE Docente MELIS LUCIA Libro di testo in adozione SCIENZE INTEGRATE A E B Editore: ZANICHELLI AUTORI: PALMIERI/PAROTTO/ SARACENI/STRUMIA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DEL TERZO ANNO DEL SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DEL TERZO ANNO DEL SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DEL TERZO ANNO DEL SECONDO BIENNIO di Maria Grazia PASTORINO LE LINEE GUIDA DI DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA

Dettagli

Iniziative e formazione per insegnanti

Iniziative e formazione per insegnanti Iniziative e formazione per insegnanti Nel quadro della collaborazione con l Ufficio Scolastico Regionale, l Ateneo promuove, attraverso le proprie Facoltà e strutture scientifiche, attività finalizzate

Dettagli

PRESENTAZIONE INS. GRILLO TERESA

PRESENTAZIONE INS. GRILLO TERESA SEMINARIO NAZIONALE PER L ACCOMPAGNAMENTO DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABANO TERME 29-30 MAGGIO 2014 PRESENTAZIONE INS. GRILLO

Dettagli

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi b PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV Programmazione

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

LS - OSA e gli esami di Stato

LS - OSA e gli esami di Stato LS - OSA e gli esami di Stato Prof. Settimio Mobilio Dipartimento di Scienze Università Roma Tre Progetto LS-OSA Progetto per accompagnare il nuovo indirizzo del Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS PROGETTO DI TIROCINIO L istituzione del nuovo Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA - IMMAGINI, SUONI, COLORI SCUOLA PRIMARIA - MUSICA SCUOLA SECONDARIA I GRADO - MUSICA SCUOLA INFANZIA Nell ambito dell educazione musicale trovano attuazione

Dettagli

MAPPA OPERATIVA PER U.A. DISCIPLINARI. Scuola Secondaria di I grado

MAPPA OPERATIVA PER U.A. DISCIPLINARI. Scuola Secondaria di I grado MAPPA OPERATIVA PER U.A. DISCIPLINARI Scuola Secondaria di I grado Considerate la vastità degli argomenti trattati e le esigenze peculiari di ogni classe, ciascun insegnante deciderà quali unità didattiche

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Corso di Laurea in BIOTECNOLOGIE

Corso di Laurea in BIOTECNOLOGIE Dipartimento di Scienze Biomolecolari Struttura Didattica di Biotecnologie Corso di Laurea in BIOTECNOLOGIE E-mail biotecnologie@uniurb.it Sito web www.uniurb.it/biotecnologie/ Attività Didattica Informazioni

Dettagli

I DIPARTIMENTI DISCIPLINARI

I DIPARTIMENTI DISCIPLINARI I DIPARTIMENTI DISCIPLINARI I Dipartimenti Disciplinari, costituiti dai docenti della stessa disciplina, rappresentano, in base alla legge sull autonomia scolastica, una suddivisione del Collegio dei docenti

Dettagli

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline Curriculum di Matematica Introduzione La matematica nel nostro Liceo Linguistico ha come obiettivo quello di far acquisire allo studente saperi e competenze che lo

Dettagli

SCIENZE. facoltà di. guida alle facoltà 2010/2011. Via Brecce Bianche, 12 Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204512

SCIENZE. facoltà di. guida alle facoltà 2010/2011. Via Brecce Bianche, 12 Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204512 f a c o l t à d i S C I E N Z E UNIVERSITÀ politecnica delle marche facoltà di Via Brecce Bianche, 12 Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204512 SCIENZE Corsi di Laurea Triennale in: SCIENZE BIOLOGICHE SCIENZE

Dettagli

Il Test d ingresso per la Facoltà à di Scienze. PISA 3 dicembre 2008

Il Test d ingresso per la Facoltà à di Scienze. PISA 3 dicembre 2008 Il Test d ingresso per la Facoltà à di Scienze PISA 3 dicembre 2008 SOMMARIO Il documento ufficiale Esempio di test I punti del documento ufficiale della Conferenza delle Facoltà di Scienze Necessità di

Dettagli

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione)

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) Le conoscenze matematiche contribuiscono

Dettagli

liceo scienze applicate

liceo scienze applicate imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein liceo scienze applicate liceo scientifico SCIENZE APPLICATE LICEO SCIENTIFICO, PERCHè L ISTITUTO SOBRERO RAPPRESENTA UN POLO FORMATIVO

Dettagli

IcTgS PRIMO LEVI SEREGNO. Il Sistema Moda

IcTgS PRIMO LEVI SEREGNO. Il Sistema Moda IcTgS PRIMO LEVI SEREGNO Il Sistema Moda S. M. comprende tutte le imprese della filiera Tessile- Abbigliamento Accessori: - filatura, tessitura e lavorazione (fibre naturali, artificiali e sintetiche);

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO A.S. 2013/2014

CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO A.S. 2013/2014 CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO A.S. 2013/2014 BIOTECNOLOGIE A COLORI In collaborazione con l Università degli Studi di Trento e il Centro per la Biologia Integrata (CIBIO) Presentazione A seguito

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA ALLEGATO N 2 AL VERBALE N. 1 PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO TURISMO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 IN STAMPATELLO BONALUMI ANTONELLA FIRMA Presezzo, 28 settembre 2015 Programmazione

Dettagli

Istituto tecnico Luigi Sturzo

Istituto tecnico Luigi Sturzo Istituto tecnico Luigi Sturzo Settore Tecnologico Biotecnologie Ambientali e Biotecnologie Sanitarie Anno Scolastico 2012/ 2013 Programmazione dipartimentale Area scientifica (Matematica, Disegno, Informatica)

Dettagli

La struttura del Master all Università di Palermo

La struttura del Master all Università di Palermo Percorso Formativo MISSB Quali competenze, quali conoscenze? Didattica laboratoriale e progettazione di situazioni di apprendimento in classe tra Matematica e Fisica Università degli Studi Palermo Piazza

Dettagli

MATEMATICA e SCIENZE

MATEMATICA e SCIENZE UNITA DI APPRENDIMENTO 1 e CLASSE: 1 Tempi: settembre /ottobre / novembre Anno Scolastico 2015 / 2016 Il numero e la misura Il metodo scientifico La materia e le sue trasformazioni Conoscenze Ripresa complessiva

Dettagli

BIOETICA PER LE SPERIMENTAZIONI CLINICHE E I COMITATI ETICI

BIOETICA PER LE SPERIMENTAZIONI CLINICHE E I COMITATI ETICI FORMAZIONE UNIVERSITARIA ON-LINE MASTER IN BIOETICA PER LE SPERIMENTAZIONI CLINICHE E I COMITATI ETICI A Distanza e con Campus Virtuale A partire dall A.A. 2009-2010 Coordinamento Prof. Adriano Tagliabracci

Dettagli

LA CONOSCENZA DEL MONDO

LA CONOSCENZA DEL MONDO SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI LA CONOSCENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni. DEL MONDO FISICO E.. Esplorare con curiosità attraverso i sensi. Manipolare materiali diversi. Sperimentare

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

I NUOVI ISTITUTI TECNICI

I NUOVI ISTITUTI TECNICI Istituto Tecnico Industriale Statale Liceo Scientifico Tecnologico Ettore Molinari Via Crescenzago, 110/108-20132 Milano - Italia tel.: (02) 28.20.786/ 28.20.868 - fax: (02) 28.20.903/26.11.69.47 Sito

Dettagli

LA FISICA IN LABORATORIO

LA FISICA IN LABORATORIO Istituto Calasanzio anno 2015-2016 LA FISICA IN LABORATORIO Progetto sulle attività sperimentali per la scuola primaria e secondaria IN COSA CONSISTE IL METODO SCIENTIFICO Nell educazione scientifica è

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO INDIRIZZO MECCANICA, MECCATRONICA ed ENERGIA Meccanica e Meccatronica Energia Materie plastiche

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO INDIRIZZO MECCANICA, MECCATRONICA ed ENERGIA Meccanica e Meccatronica Energia Materie plastiche IIS GIULIO NATTA RIVOLI (To) IL PRIMO BIENNIO ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO INDIRIZZO MECCANICA, MECCATRONICA ed ENERGIA Meccanica e Meccatronica Energia Materie plastiche Il primo biennio ha carattere

Dettagli

La musica è primaria

La musica è primaria La musica è primaria Motivazioni Il bambino quotidianamente vive in un mondo caratterizzato dalla presenza simultanea di stimoli sonori diversi, il cui eccessivo e disorganico sovrapporsi può comportare

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PICCOLE GUIDE, SULLE PISTE DELL APPENNINO

SCHEDA PROGETTO PICCOLE GUIDE, SULLE PISTE DELL APPENNINO SCHEDA PROGETTO PICCOLE GUIDE, SULLE PISTE DELL APPENNINO Percorsi educativi e di ricerca, alla scoperta della Biodiversità e degli Equilibri Naturali nei Parchi Nazionali. I Proponenti del Progetto Promosso

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Modello di lezione con la LIM Wireless e Salute. Due classi quarte (4ISB e 4ISD) studenti di 17-18 anni

Modello di lezione con la LIM Wireless e Salute. Due classi quarte (4ISB e 4ISD) studenti di 17-18 anni SCHEDA PROGETTO LIM Dati dell istituzione scolastica Codice VETF04000T Denominazione I.T.I.S. CARLO ZUCCANTE Indirizzo TF45 - PROGETTO ABACUS -INFORMATICA Titolo di progetto Classi coinvolte Docenti conduttori

Dettagli

Tavola rotonda Le competenze e la didattica laboratoriale dalla Scuola di base all Università: esempi di orientamento formativo.

Tavola rotonda Le competenze e la didattica laboratoriale dalla Scuola di base all Università: esempi di orientamento formativo. SCUOLA ESTIVA DI RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA CHIMICA ULDERICO SEGRE Ferrara 15 luglio 2010 Riflettere sulle conoscenze per favorire un apprendimento significativo Tavola rotonda Le competenze e la didattica

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ARTICOLAZIONE ELETTROTECNICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ARTICOLAZIONE ELETTROTECNICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ARTICOLAZIONE ELETTROTECNICA Gli Allegati A (Profilo culturale, educativo e professionale) e C (Indirizzi, Profili, Quadri orari e Risultati di

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE: PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

DIPARTIMENTO DI SCIENZE: PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DIPARTIMENTO DI SCIENZE: PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Il dipartimento di Scienze è attualmente composto da otto docenti, di diversa formazione e con competenze personali e attitudini che permettono

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

TECNOLOGIA COMPETENZE

TECNOLOGIA COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO F. DE Sanctis CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 1 TECNOLOGIA La materia tecnologia comporta la formazione di competenze diversificate, che vanno dalla formazione di

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

SCUOLA dell' INFANZIA: "FONTECHIARO" Sez. B a.s. 2011-2012

SCUOLA dell' INFANZIA: FONTECHIARO Sez. B a.s. 2011-2012 SCUOLA dell' INFANZIA: "FONTECHIARO" Sez. B a.s. 2011-2012 Inss.: Masci Luana - Del Gatto Paola Per i bambini, scoprire ciò che li circonda è sempre un avventura magica e piena di risorse. La realtà nella

Dettagli

Istituto Comprensivo PARRI PIOSSASCO 2. Anno Scolastico 2015-2016

Istituto Comprensivo PARRI PIOSSASCO 2. Anno Scolastico 2015-2016 Istituto Comprensivo PARRI PIOSSASCO 2 Anno Scolastico 2015-2016 Classe prima Sez. A-B-C-D-E Gli insegnanti dell Area Tecnologica: prof.ssa Patrizia Pisano prof. Carmelo Bonadonna UNITA DIDATTICHE U.D.

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI 1 un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING RELAZIONI INTERNAZIONALI per il MARKETING SISTEMI

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE A.S. 2012/2013

Dettagli

Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali

Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali Cosa è Scuola Valore, Finalità... 2 I progetti... 3 Le risorse e i possibili utilizzi... 4 Il processo di produzione delle risorse... 6 1 Cosa è

Dettagli

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE PRIMA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE.

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE PRIMA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE. Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Generale Regionale per la Sicilia Via Fattori, 60 90146 Palermo Prot. n. 184 out del 22.9.2008 Segr. Ispettiva USR Sicilia I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

Dettagli

Agenda degli incontri

Agenda degli incontri PROGETTO DI FORMAZIONE LEARNING BY DOING Descrizione Percorso Un percorso di formazione per supportare i docenti a formare in modo esplicito le competenze trasversali dei loro allievi. E ormai noto che

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti.

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti. Scienze Competenze TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Osserva con attenzione il suo corpo, L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità

Dettagli

Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA.

Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA. Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA. La Scuola di specializzazione in Genetica medica afferisce all Area Servizi clinici sotto area Servizi clinici diagnostici e terapeutici, Classe dei Servizi

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9)

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9) La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 00-0. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINA TECNOLOGIA NUMERO UNITÀ D APPRENDIMENTO 01 DATI IDENTIFICATIVI TITOLO I METALLI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CLASSI SECONDE CLASSI / ALUNNI COINVOLTI DOCENTI COINVOLTI UNITÀ DI APPRENDIMENTO DOCENTI

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE. e-l@boriamo

ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE. e-l@boriamo ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE e-l@boriamo Pag 2 - PROGETTO Pag 3 - OBIETTIVI/ TECNOLOGIE/METODOLOGIE DI LAVORO Pag 4 - PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento 1 PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA Motivazioni e criteri di riferimento La formazione completa degli insegnanti sul piano universitario rimanda alla necessità di tenere presente che nel definire

Dettagli

Dirigente Anna Maria AMORUSO. LICEO "BIANCHI DOTTULA"

Dirigente Anna Maria AMORUSO. LICEO BIANCHI DOTTULA I NUOVI LICEI D.Lgs 226/ 05 Moratti D.L 112/ 08 conv L 133/ 08 razionalizzazione uso risorse DPR 89 del 15.03.2010 Gelmini Indicazioni nazionali Liceo Artistico Liceo Classico Liceo Linguistico Liceo delle

Dettagli

Piano dell Offerta Formativa

Piano dell Offerta Formativa Liceo Classico MEGARA Sezione Scientifica annessa Augusta (SR) Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2014/2015 Il Liceo MEGARA è una scuola profondamente radicata nella realtà territoriale di Augusta

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2009-2010. Piano integrato Annualità 2009

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2009-2010. Piano integrato Annualità 2009 Istituto Tecnico Industriale Statale Sen. Onofrio Jannuzzi Viale Antonio Gramsci n. 40-70031 ANDRIA (BA) Distretto Scolastico n. 3 - Codice Fiscale: 81006150726 Tel. Centr. 0883/599941 - Tel. Presidenza/Fax

Dettagli

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio.

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio. Distretto Scolastico N 53 Nocera Inferiore (SA) Prot. n. 1676 C/2 Nocera Superiore,18/10/2012 A tutti i docenti All attenzione della prof. Sergio FS di riferimento All attenzione di tutti i genitori Tramite

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE

LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE (Ex Liceo Scientifico Tecnologico) Liceo delle Scienze Applicate ovvero l evoluzione della più importante sperimentazione degli ultimi venti anni, quella del Liceo

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

Italiano a classi aperte

Italiano a classi aperte Italiano a classi aperte Liberare molte energie creative Favorire il successo formativo degli alunni Combattere l individualismo Favorire la socializzazione Sperimentare modalità di tutoring nel gruppo

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018 PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018 Premessa Alla luce dei risultati delle prove Invalsi, tenuto conto dell

Dettagli

L EDUCAZIONE AMBIENTALE E IL RINNOVAMENTO DEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO. Carlo Fiorentini

L EDUCAZIONE AMBIENTALE E IL RINNOVAMENTO DEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO. Carlo Fiorentini L EDUCAZIONE AMBIENTALE E IL RINNOVAMENTO DEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO Carlo Fiorentini La collaborazione ci ha portato ad individuare 5 aspetti caratterizzanti l educazione ambientale 1.

Dettagli

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Piano di studio Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Stato del documento: Approvato dalla Direzione DFA il 15 giugno 2011 Introduzione Il

Dettagli

Bozza,NV 20 Settembre DOCUMENTO INTRODUTTIVO

Bozza,NV 20 Settembre DOCUMENTO INTRODUTTIVO Bozza,NV 20 Settembre DOCUMENTO INTRODUTTIVO Comitato per lo Sviluppo della Cultura Scientifica e Tecnologica Roma, 8 Ottobre 2010 Premessa Il problema dello sviluppo della cultura Scientifica e Tecnologica

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI FISICA anno scolastico 2014/2015

PIANO DI LAVORO DI FISICA anno scolastico 2014/2015 Tel. 0124/45.45.11 - Fax 0124/45.45.45 Cod. Fisc. 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it URL: www.istitutomoro.it ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale

Dettagli

Concorso di idee #La Mia scuola sicura# Progetto: Promozione della cultura della sicurezza

Concorso di idee #La Mia scuola sicura# Progetto: Promozione della cultura della sicurezza Liceo Scientifico Statale Ernesto Basile Via San Ciro, 23-90124 Palermo Tel: 0916302800 - Fax: - 0916302180 Codice Fiscale: 80017840820 Internet : htpp://www.liceobasile.it email: paps060003@istruzione.it

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE DEAL PRESSO LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSI DI FORMAZIONE DEAL PRESSO LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Gruppo di Ricerca DEAL (Dislessia Evolutiva e Apprendimento delle Lingue) Università Ca Foscari Venezia CORSI DI FORMAZIONE DEAL PRESSO LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Si riporta di seguito l offerta formativa

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TECNOLOGIA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TECNOLOGIA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TECNOLOGIA E compito della tecnologia quello di promuovere nei bambini e nei ragazzi forme di pensiero e atteggiamenti che preparino e sostengano

Dettagli

SUPERCOMET: UNO STRUMENTO MULTIMEDIALE PER L INSEGNAMENTO DELLA SUPERCONDUTTIVITÀ. Sperimentazione e innovazione didattica scientifica nella scuola

SUPERCOMET: UNO STRUMENTO MULTIMEDIALE PER L INSEGNAMENTO DELLA SUPERCONDUTTIVITÀ. Sperimentazione e innovazione didattica scientifica nella scuola SUPERCOMET: UNO STRUMENTO MULTIMEDIALE PER L INSEGNAMENTO DELLA SUPERCONDUTTIVITÀ Sperimentazione e innovazione didattica scientifica nella scuola Vilma Capocchiani Unità di Ricerca Didattica dell Università

Dettagli

Obiettivi di apprendimento

Obiettivi di apprendimento Curricolo verticale di SCIENZE classe Prima Primaria 1. OSSERVARE, porre domande, formulare ipotesi e verificarle 1. Conoscere e descrivere parti del corpo utilizzando una semplice nomenclatura 2. Riconoscere

Dettagli

LICEO SOFONISBA ANGUISSOLA www.liceoanguissola.it

LICEO SOFONISBA ANGUISSOLA www.liceoanguissola.it LICEO SOFONISBA ANGUISSOLA www.liceoanguissola.it Liceo delle Scienze Umane ed Economico - Sociale Dati generali Numero totale studenti 80 Numero totale docenti 85 Numero totale non docenti Numero classi

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli