CO 2 & Effetto Serra e lo sviluppo sostenibile globale: casi pratici di innovazione tecnologica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CO 2 & Effetto Serra e lo sviluppo sostenibile globale: casi pratici di innovazione tecnologica"

Transcript

1 CO 2 & Effetto Serra e lo sviluppo sostenibile globale: casi pratici di innovazione tecnologica Vander Tumiatti - Imprenditore e Socio Fondatore della Sea Marconi (1968)- Torino Italia; -Ass. Secretary IEC TC 10 (International Electrotechnical Commission) Geneve-CH; -Expert PEN -UNEP (POPs-PCBs Elimination Network-United Nations Environment Programme) Geneve-CH. Michela Tumiatti -ResponsabileRicercae SviluppoSea Marconi - Iscritta all Ordine dei Chimici Piemonte/Valle D Aosta numero 1956 Scenario energie rinnovabili EU 27 ed Italia-2007 (Fonte: Il Sole 24 Ore 22/04/2011) Criticità conseguenti: - Produzione eolica Italia 4,03 TWh(Germania 39,71, Spagna 27,51, Danimarca 7,17, ecc.) - Produzione fotovoltaica Italia 0,039 TWh(Germania 3,075, Spagna 0,501, ecc.) 1

2 Scenario energetico Italia 2009 (Fonte: Il Sole 24 Ore 22/04/2011) Criticità conseguenti: -Importazione del 90% di gas (Russia 33%, Algeria 33%, Libia 13%, Olanda 10%, ecc.) - Importazione del 94% di petrolio (Libia 27%, Russia 20%, Azerbaijan 12%, Iraq 11%, ecc.) Scenario Rinnovabili in Italia MWe totale richieste allacciamento al 31/12/ MWe allacciamento in AT eolico MWe solare MWe biomasse 6.313MWe altro 5.502MWe Curva di punta fabbisogno elettrico (Italia Aprile MWe) Criticità conseguenti: - distorsioni di mercato in termini di politiche di incentivazione - incompatibilità tra la domanda e l offerta - carenza tecnologica dell infrastruttura delle reti AT/MT (Fonte: Il Sole 24 Ore 9/02/2011 Articolo a firma di J. Giliberto) 2

3 Torino febbraio 2011 Il ruolo dell energia nucleare in Italia ENERGIA NUCLEARE E FONTI RINNOVABILI: INCOMPATIBILITÀ O CONVERGENZA?, Confindustria, Torino, 4/02/2011. Convegno finalizzato a promuovere l energia nucleare con tecnologia EPR francese, reattori da 1.600MWe cadauno per un totale di n. 8 pari a MWe da installare (Progetto Nucleare italiano) Più info su: Impatto economico previsto del progetto nucleare in Italia Investimento Totale: 53,8mld per 8 reattori Investimento unitario: 5,8mld per ogni reattore EPR da 1.600MWe Costo smantellamento: 0,960mld per singolo reattore EPR a fine vita Costo totale: di /kwe EPR installato Ore disponibilità operative: 7500h/anno Ciclo di vita prevista per reattore: 60 anni (Fonte: Il Sole 24 Ore, 9/2/2011 -G. Zollino e P.M. Putti) 3

4 Politiche di incentivazione Italia per le Energie Rinnovabili D.Lgs3 marzo 2011, n. 28, di recepimento della Direttiva 2009/28/CE in materia di Energie Rinnovabili Etichettata dagli addetti del settore come Decreto «Ammazza Rinnovabili-Italia» Criticità conseguenti: Drammatica ed immediata riduzione incentivi su nuovi impianti e revisione retroattiva degli incentivi su impianti già installati Difficoltà di ottenere finanziamenti italiani ed internazionali sul progetto rinnovabili in Italia Destabilizzazione dell intero comparto delle Energie Rinnovabili Perdita di credibilità del progetto Energie Rinnovabili in Italia, in competizione con il progetto nucleare Top Event del 11 Marzo 2011 Incidente nucleare in Giappone Fukushima TEPCO: Distrutti MWe! Fukushima-Daiichi-1 BWR 439 Operating 1971 Tokyo Electric Power Co (TEPCO) Japan Fukushima-Daiichi-2 BWR 760 Operating 1974 Tokyo Electric Power Co (TEPCO) Japan Fukushima-Daiichi-3 BWR 760 Operating 1976 Tokyo Electric Power Co (TEPCO) Japan Fukushima-Daiichi-4 BWR 760 Operating 1978 Tokyo Electric Power Co (TEPCO) Japan Fukushima-Daiichi-5 BWR 760 Operating 1978 Tokyo Electric Power Co (TEPCO) Japan Fukushima-Daiichi-6 BWR 1067 Operating 1979 Tokyo Electric Power Co (TEPCO) Japan Fukushima-Daiichi-7 ABWR 1325 Planned Tokyo Electric Power Co (TEPCO) Japan Fukushima-Daiichi-8 ABWR 1325 Planned Tokyo Electric Power Co (TEPCO) Japan 4546 MWe 4

5 Impatto del Top Event del 11/03/2011 Fukushima-Giappone sullo scenario energetico mondiale 6 reattori nucleari distrutti per 4.546MWe in Giappone 7 reattori in Germania(chiusura provvisoria) Campagna Stress test sui reattori nucleari europei Revisione strategica di tutti i nuovi progetti nucleari Aumento domanda e prezzi di energia da fonti energetiche non rinnovabili (petrolio, gas e carbone) Aumento delle emissioni di CO 2 in atmosfera e correlato riscaldamento globale (GWP) Reattori nucleari ad uso energetico Totale reattori nucleari operativi: n 442 nel Mondo n 148 in Europa Fonte: WNA (World Nuclear Association) 5

6 Top Event del 20 Aprile 2010 Incidente piattaforma petrolifera Golfo del Messico - DEEPWATER HORIZON (BP) Conseguenze immediate: mortedi11persone e17feriti perdite incontrollate di petrolio greggio in mare, stimate in circa barili al giorno, per 106 giorni(4/08/2010) danni all ecosistema marino e costiero sugli stati del Golfo del Messico (Lousiana, Mississippi, Alabama, Florida, ecc.) per una stima di decine di miliardi di dollari US per l industria, il turismo, la pesca, ecc. È il più grave disastro ambientale nella storia americana: impatto 10 volte superiore a quello della petroliera Exxon-Valdez del 1989 Top Event del 17 Agosto 2009 Incidente centrale idroelettrica in Russia Sayano-Shushenskaya RusHydro Conseguenze immediate: Distrutti 6500MWe! 1. danni alle persone (74 morti accertati); danni ai beni ed alle infrastrutture (stimati in oltre 1000 milioni di dollari per una completa ricostruzione); 2. danni per la perdita di produzione di energia, alluminio ed altri prodotti (diverse migliaia di milioni di dollari); 3. danni ambientali per la contaminazione da fluidi isolanti, fluidi idraulici e lubrificanti (oltre 80 km quadrati di superficie d acqua contaminata). 6

7 Emissioni globali di CO 2 e ciclo del Carbonio CO 2 ed Effetto Serra - GWP Il ciclo del Carbonio e le emissioni di CO 2 rappresentano una metafora sintomatica della vita dell uomo, della sua storia e della sua evoluzione nel XXI secolo. All attuale scenario antropogenico del Pianeta Terra, caratterizzato dalle attività di più di 6 miliardi di abitanti, sono correlate le conversioni delle matrici carboniose (come i combustibili solidi, liquidi e gassosi) e le equivalenti emissioni nell atmosfera di circa 5,5 Gigatonnellate/anno di Carbonio (United Nations Environment Programme - UNEP- 2009). Il ciclo del carbonio interagisce globalmente con i diversi comparti ambientali e con le varie forme di vita (umana, animale, vegetale, ecc.) che sono presenti nell atmosfera, nella geosfera, nella idrosfera e nella biosfera ovvero in quelle che sono denominate le riserve di carbonio (Carbon Sink). Sappiamo che ad ogni attività umana corrisponde una Impronta di Carbonio (Carbon Footprint), misurabile in unità di Kg di CO 2 equivalente (CO 2 e). La CO 2 è l unità di misura adottata dagli Organismi Internazionali per valutare gli effetti climatici, noti come Effetto Serra, quantificando così il loro potenziale contributo al riscaldamento globale del Pianeta Terra - GWP (Global Warming Potential). 7

8 I cambi climatici ed il Global Warming Potential (GWP) I trend storici della CO2 in atmosfera risultano in costante aumento con un incremento di 110μL/L rispetto ai 280μL/L di valore medio degli ultimi 1000 anni corrispondenti al periodo prerivoluzione industriale e dei trasporti. Negli ultimi 150 anni circa rispetto all ultimo millennio, la CO2èincrementatadicircail39,28%incircail15%deltempoanalizzato. Scenario previsto da IEA* nel documento WEO** 2010 Il WEO 2010 prevede che: * International Energy Agency ** World Energy Outlook incentivo alle fonti Rinnovabili aumenterà da 57mld$ nel 2009 a 205mld$ entro il 2035 aumento del 300% dal 2008 al 2035 di energia rinnovabile da idroelettrico sostenibile, eolico, solare, geotermia, biomasse ed energia marina domanda di combustibili fossili aumenterà insieme alle emissioni di CO2, rendendo quasi impossibile raggiungere l obiettivo di un incremento della temperatura globale di soli 2 C stima di stabilizzazione dei gas serra in atmosfera a 650µL/L (ppm) di CO2 ed equivalente incremento della temperatura fino a 3,5 C 8

9 GWP & Eventi Climatici Estremi Nel primo semestre 2010 la temperatura media è stata di 16,2 C, cioè al valore massimo storico dalle rilevazioni climatiche sistematiche. L aumento della temperatura media innesca fenomeni di propagazione delle ondate di calore nel globo terrestre che inducono perturbazioni anomale nella circolazione dei venti(velocità, direzione, frequenza, ecc.). Gli eventi dell agosto 2010 (la siccità e gli estesi incendi nelle foreste russe; le alluvioni in Germania, India, Pakistan, Cina, ecc.) hanno coinvolto da soli diversi milioni di persone, provocando migliaia di morti, epidemie e distruzioni catastrofiche (a infrastrutture primarie di comunicazione e trasporto, a ospedali, ad abitazioni civili, ad industrie, alla produzione agricola,ecc.). Nel settore delle coperture assicurative dei grandi rischi naturali e tecnologici, gli eventi climatici estremi del pianeta sono sempre più allarmanti, con un aumento conclamato del 300% nei soli ultimi 30 anni ed è stato calcolato che i beni assicurati distrutti dal maltempo dal 1980 ad oggi equivalgono a 1600 miliardi di dollari US: più 11% ogni anno (fonte: Munich Re-CH, uno dei leader mondiali nella riassicurazione). 150 Anniversario dell Unità d Italia Candidatura: Torino Smart City & Collegno APEA In occasione del 150 Anniversario dell Unità d Italia una nuova sfida parte da Torino forte delle proprie capacità e tradizioni di prima capitale d Italia che è stata anche capitale tecnologica mondiale nei settori mirati all Agricoltura, Energia ed Ambiente: Francesco Cirio, Imprenditore ( ) ed inventore e pioniere dell industria conserviera; Galileo Ferraris, Ingegnere e scienziato ( ) scopritore del campo magnetico rotante e ideatore del motore elettrico in corrente alternata; Luigi Casale, chimico, scienziato ed imprenditore ( ) ideatore del processo di sintesi dell ammoniaca utilizzata per fertilizzanti sintetici 9

10 Sedi Sea Marconi Collegno (Torino) ITALIA Homécourt (Lorena) FRANCIA Seclì (Lecce) ITALIA Sea Marconi Group Worldwide Homécourt Francia 2002 Karlsruhe Germania 2007 Collegno (Turin) Italia 1968 Seclì (Lecce) Italia 1992 Buenos Aires Argentina 2004 Barakaldo Spagna

11 Sea Marconi dal 1968 Soluzioni Sostenibili per l Energia & l Ambiente Ricerca Tecnologie Prodotti Servizi Noi siamo il prodotto dell ambiente in cui viviamo e lavoriamo per il nostro futuro Vander Tumiatti Informazioni chiave Fondazione: 1968, da Vander Tumiatti a Torino Missione: Protezione degli asset aziendali e delle risorse ambientali Attività: Ricerca, Tecnologie, Servizi e Prodotti per l Energia e l Ambiente Clienti: ~ EDF Produzione (FR), EDF Distribuzione, RTE, SNCF, Arcelor, National Grid PLC UK, Transba Transener Argentina, Endesa, Enel Distribuzione, Enel GEM, Terna, Edison, Edipower, Gruppo ENI, Saras, Gruppo Exson, Gruppo ERG, Alcoa, ABB. Risorse umane: ~ 100 dipendenti fra ingegneri, dottori in chimica, meccanica, economia, ICT, e tecnici qualificati Diagnostica: EN ISO 17025, database, strumentazione avanzata Decontaminazione: Unità Mobili on-site (DMU) di differenti dimensioni Qualità: ISO 9001, - Sea MarconiEnvirotech-Sea Marconi France sarl in corso di certificazione Brevetti: oltre 40 brevetti EU, USA, ecc. Ricerca e Sviluppo: Qualificati dal Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica M.U.R.S.T. per attività di ricerca per PMI (Legge 46/82) European Project: HALOCLEAN APPLICATION coordinatore del progetto(contratton. GRD1-CT ) Esperti: membri nei Gruppi di lavoro(iec, CEN, CEI, CIGRE, ecc.) 11

12 Qualità - UNI EN ISO 9001:2000 l azienda è certificata UNI EN ISO 9001:2000, sistema di gestione per la qualità in fase di formalizzazione la certificazione ISO Energia & Ambiente 12

13 SCENARIO: Trasformatore = Risorsa Vitale Nella generazione, trasmissione, distribuzione ed utilizzo di energia Assets = Parco Macchine Tipo Potenza (MVA) Tensione (KV) Età (anni) Fluido Costruttori Valore ( ) Vita residua SCENARIO: applicazione dell olio isolante PCAs/PAHs 13

14 SCENARIO OCSE: Olio & Trasformatori di generazione > milioni di litri di oli isolanti minerali Il tipico valore di rimpiazzo a nuovo è più di 1-1,5 / litro L olio isolante rappresenta ~5-6% del valore del transfo L olio isolante rappresenta ~ 25% del peso del transfo OCSE -Valore Totale di Rimpiazzo a Nuovo Stimato dei Trasformatori di Generazione-GSU (Asset Value) > milioni -Euro Caso GreenPro Transfo - Core Business Gestione del ciclo di vita (LCM Life Cycle Management) dei parchi macchine strategiche con fluidi isolanti & PCB Deosvision Chedcos CDP Process Diagnosi per la prevenzione dei danni Decontaminazione dei fluidi e conservazione delle risorse Dealogenazione dei PCB e protezione dell ambiente 14

15 Capacità tecniche per servizi su fluidi isolanti Trasformatori e macchine di potenza trattati (2010) 716 Dealogenazione PCB (CDP Process) 327 Depolarizzazione 82 Decontaminazione fisica 307 Massa di olio trattati (2010) Dealogenazione PCB (CDP Process) Depolarizzazione Decontaminazione fisica ton ton ton ton Numero di unità mobili di decontaminazione (DMU) 25 Campioni di liquidi isolanti analizzati (2010) Trasformatori e macchine analizzati (2010) Prove eseguite su liquidi isolanti (2010) Trasformatori e apparecchiature presenti nel Data base diagnostico Sea Marconi Diagnosi totali presenti nel Data base diagnostico Sea Marconi Metafora olio del trasformatore - sangue umano Si possono eseguire test diagnostici e terapie di dialisi sull olio del trasformatore così come avviene per il sangue umano che, in modo simile, sitrova acontattocon gli organi interni 15

16 Campionamento rappresentativo per test diagnostici Olio del trasformatore Sangue umano Laboratorio analisi dedicato alla diagnostica tecnica Laboratorio Sea Marconi Tipico laboratorio ospedaliero 16

17 Trattamenti integrati e multifunzionali di fluidi isolanti, in continuo, e sotto carico DMU by Sea Marconi per il trattamento del liquido isolante Dialisi del sangue umano Laboratorio Analisi & Ricerca Il nostro laboratorio analisi è tra i migliori al mondo nel nostro settore: CERTIFICATIONE 1. per la gamma di analisi effettuate (capacità di oltre all anno) 2. per la strumentazione impiegata 3. per le metodologie utilizzate Prove accreditate: - PCBs, PCT, PCBsT - IEC 61619: ; EN :2004 -Acqua disciolta - IEC 60814: ; - Furfural and derivative compounds -IEC 61198: ; -Gas disciolti in olio - IEC 60567:

18 Tecnologie e processi multifunzionali con unità DMU Funzione Decontaminazione fisica Depolarizzazione Chedcos Dealogenazione CDP PROCESS Ripristino delle proprietà dielettriche Ripristino delle proprietà chimiche dell olio (acidità, tg delta, colore) Eliminazione del contaminanti dello zolfo corrosivo, DBDS Eliminazione dei contaminanti organo metallici disciolti Dealogenazione e Detossificazione dei seguenti composti: PCBs/PCTs/PCBTs, POPs, ecc. Olio & PCB: Norme tecniche di settore IEC Ed CENELEC CLC/TR (02/2010). Requisiti tecnici CDP Process by Sea Marconi Dealogenazione in continuo mediante un processo a circuito chiuso Questo processo impiega un reagente solido composto da una miscela di glicoli ad alto peso molecolare, una miscela di basi e un promotore radicalico ed altri catalizzatori per la conversione chimica di cloro organico in sale inerte, su supporti particellari ad alta superficie. Questo processo normalmente opera a 80 C 100 C ed ha la capacità di decontaminare apparecchiature on-site, attraverso una circolazione continua dell olio in un sistema chiuso (senza svuotamento dell olio o l uso di cisterne ausiliarie), usando la capacità solvente dell olio per estrazione continua di PCB dai materiali soliti all interno delle apparecchiature 18

19 Prevenzione dei danni, protezione delle Risorse, Assets e Ambiente Guasto Esplosione Incendio Danni Diretti: Asset& Personali Indiretti: Produzione Ambiente: suoli, acqua, aria Black-Out Olio & PCB: Soluzione Sea Marconi Brevetto: EEC USA CDP Process in continuo Dealogenazione dei PCB e protezione ambientale CDP Process è la tecnologia sicura ed esclusiva per la Decontaminazione dei trasformatori e la Dealogenazione/Detos sificazionedei PCB nei fluidi isolanti con il completo recupero funzionale e la riclassificazione PCB-FREE dei trasformatori 19

20 CDP Process - Caratteristiche chiave 1982: Primo brevetto 1983:Prima ed unica applicazione di successo per la completa dealogenazione della 2,3,7,8 TCDD (diossina del caso Seveso) : Applicazione di successo su più di trasformatori di potenza decontaminati da PCB Il D.M. 29/01/2007 Art. E.3 Valutazione comparativa generale TECNICHE Sicurezza funzionale Sicurezza ambientale Sicurezza lavoratori Ecobilancio ed emissioni Rapporto globale costo/beneficio Refilling *** ** *** * ** Sodio, litio e derivati * * * ** * KPEG ** *** *** ** ** Continuo a ciclo chiuso (CDP Process ) Tabella E.3 Matrice decisionale per diverse tecniche disponibili *** *** *** **** **** ****=OTTIMO***=BUONO; **=MEDIO; *=CRITICO Fig. 4 Matrice decisionale secondo le Linee Guida del Ministero dell Ambiente per la definizione della BAT( Best Available Tecnique ) tra le diverse tecnologie di decontaminazione del PCB. CDP Process Colonna con reagente solido particellare INSULATING OIL & PCBS IN Olio prima del CDP PROCESS DECONTA MINATED OIL OUT Olio dopo il CDP PROCESS 20

21 SOLUZIONE: CDP Process, riclassificazione NO PCB per Trasformatore e Olio Prima del CDP Process Dopoil CDP Process 2002 (caso Francia): Life Cycle Analysis (LCA) RiduzionedelleemissioniequivalentidiCO 2 :comparazionetra la sostituzione e l incenerimento PCB ed il CDP Process, che permette il recupero funzionale (on-site) di olio e trasformatore con la riclassificazione NO PCB LIFE CYCLE ANALYSIS-CO2 DIRECT EMISSIONS FOR LITERS OIL TREATED- COMPARISSION RETRO FILLING AND DEHALOGENATION (CDP PROCESS) DIRECT EMISSIONS CO2/UF RETRO-FILLING DIRECT EMISSIONS CO2/UF DEHALOGENATION CO2 EMISSION (TONS / LITERS OIL TREATED) DELTA=49,6 48,6 MILLION 30,00 TONS CO2 26, ,31 DELTA=295 11,8 DELTA=1,6 1,49 0,98 0,94 0, ,00 20,00 15,00 10,00 5,00 RETRO FILLING DEHALOGENATION 0,53 0 PART OF CO2 EMISSIONS DUE TO TRANSPORTS PART OF CO2 EMISSIONS PART OF CO2 EMISSIONS DUE TO PRODUCTION OF CO DUE TO ELIMINATION OF PRODUCTS (REAGENT OR WASTE (USED OIL) REMPLACEMEMT OIL) TOTAL 0,00 DIRECT CO2 EMISSIONS -RETRO-FILLING FOR TRANSFORMERS (MILLION TONS CO2) DIRECT CO2 EMISSIONS -DEHALOGENTION FOR TRANSFORMERS (MILLION TONS CO2) 21

22 Caso Haloclean BioEnergy European Projects (Haloclean Conversion n G1RD ; Haloclean Application n G1RD ) Conversione termochimica di matrici carboniose biogeniche (biomasse primarie o residuali) con processi di pirogassificazione flessibile, catalitica in condizione iperdinamica per la cogenerazione (CHP Combined Heat & Power) fino a 1MWe in configurazione modulare per produzione decentralizzata su filiera corta Tipico schema di Haloclean per la Pirolisi Intermedia 1 generazione (ca t/anno di capacità) base per lo sviluppo della soluzione tecnologica di piro-gassificazione flessibile 2010 (sistema modulare containerizzabile più compatto da ca t/anno) 22

23 Haloclean Bioenergy Unità modulare per cogenerazione decentrata (per Smart Grids) fino a 1MWe Domanda di Brevetto TO2010A presentata il 23/12/2010: IMPIANTO MODULARE PER LA CONDUZIONE DI PROCEDIMENTI DI CONVERSIONE DI MATRICI CARBONIOSE Per maggiori informazioni: Ricerca & Sviluppo Attività previste (1/3) Produzione di carriers bioenergetici di alta qualità (BioTor-prodotto torrefatto, BioChar, Liquidi Biogenici e BioSyngas) Autoproduzione energetica (Self-Sustain) ad alto rendimento (moduli da 1000kWe e ηe=27% e totale>80%) e/o Celle a Combustibile di nuova generazione ultracompatte MM-SOFC (ηe=43% e totale>90%) 23

24 Ricerca & Sviluppo Attività previste (2/3) Processi di conversione integrata di matrici carboniose biogeniche a CO2 NEGATIVA. Il Biochar prodotto dalla pirolisi viene utilizzato come carrier per il sequestro della CO2 ed impiegato come ammendante agricolo per intensificare la resa produttiva finoal20%edoltre. (Progetto Europeo- C-LOCK in fase di valutazione) (1 Kg di BioChar = circa 3 Kg di CO2 equivalente) Ricerca & Sviluppo Attività previste (3/3) Processi di conversione integrata di matrici carboniose biogeniche a Zero Emissioni. Le emissioni dei gruppi di cogenerazione CHP (CO2, NOx, particolato, ecc.) e le ceneri dei processi di pirogassificazione sono utilizzate come nutrienti per la conversione biochimica e la produzione intensiva di microalghe con fotobioreattori di nuova generazione. (Progetto Europeo BioAlgaeSorb 24

25 Caso Progetto n 31 Life Cycle Assessment, studio di grandi apparecchiature elettriche di potenza contaminate da metalli Partners: SEA MARCONI Technologies S.a.s. Referenti: dott. Riccardo Maina, dott.ssa Michela Tumiatti Dipartimento di Chimica Analitica dell Università di Torino Referenti: dott.ssa Maria Concetta Bruzzoniti, prof. Corrado Sarzanini Elektrotehnici Institut Nikola Tesla (Serbia) Referente: Dott.ssa Jelena Lukic Center for Environmental Science and Technology Missouri, Univeristy of Science and Technology(USA) Referente: Prof. Shubhender Kapila Co-finanziato dall Istituto Nazionale del Commercio Estero nell ambito dell accordo MiSE-ICE-CRUI (Ministero dello Sviluppo Economico- Istituto Nazionale del Commercio Estero- Conferenza dei Rettori delle Università Italiane) Attuazione 2008 Impegno finanziario SEA MARCONI Technologies: Dipartimento di Chimica Analitica: Durata: 18 mesi, da novembre 2009 a maggio 2011 Il finanziamento ottenuto ha consentito l attivazione di un Contratto di Collaborazione Coordinata e Continuativa (Co.Co.Co) a carico dell Università degli Studi di Torino (Dott.ssa RM. D. C., PhD) Alla dott.ssa RM. D. C. è stato demandato il compito di coordinare le attività sperimentali Impegno mesi uomo: 18(intera durata del progetto) Attivazione di contratti Co.Co.Co. 3 stages con tesi per Laurea triennale 2 tesi di Laurea triennale 2 tesi di Laurea specialistica 25

26 Tematiche affrontate e risultati raggiunti Determinazione di Cu in oli in servizio Messa a punto di un metodo robusto per la routine Determinazione di Cu particellare in oli Speciazione dimensionale Reattività dei composti solforati (22). Simulazione del loro degrado negli oli in esercizio Definizione di una scala di reattività Divulgazione risultati raggiunti La collaborazione attivata nell ambito del Progetto ha portato/porterà alla partecipazione dei partner ai seguenti eventi nazionali ed internazionali XII Congresso Nazionale di Chimica dell Ambiente e dei Beni Culturali - Taormina, Settembre 2010 IEEE International Conference on Dielectric Liquids Trondheim (Norvegia), Giugno 2011 Incontri di Scienza delle Separazioni. Il contributo della Scienza delle separazioni alle problematiche ambientali 26

27 Pubblicazioni scientifiche Sono in fase di stesura articoli scientifici da inviare a riviste internazionali peer-reviewedsui risultati conseguiti durante l esecuzione del Progetto Si prevede la pubblicazione di 4 articoli Prospettive future del progetto n 31 Messa a punto di kit da campo secondo la strategia Smart Field Test (SFT) Messa a punto di nuove formulazioni di reagenti per la depolarizzazione selettiva di composti corrosivi solforati e non Validazione di risultati dell impianto pilota Domande di brevetto internazionali n. 2 Conclusione generale Il XXI secolo offre concrete opportunità di sviluppo per l impresa sostenibile globale L IMPRESA SOSTENIBILE «Noi siamo il prodotto dell Ambiente in cui viviamo, lavoriamo per anticipare e soddisfare i bisogni del Cliente globale attraverso la ricerca e l innovazione continua di prodotti e tecnologie efficienti, a basse emissioni e/o Zero Emissioni, per lo sviluppo sostenibile della impresa ed il benessere dell umanità» Vander Tumiatti Imprenditore e Fondatore della Sea Marconi (1968) 27

28 Grazie per la Vostra cortese attenzione D&R Contatti Vander Tumiatti Michela Tumiatti Sea Marconi Technologies di Vander Tumiatti S.a.s. Via Ungheria 20, Collegno (TO) Tel: Fax:

Energia & Ambiente: il ruolo delle PMI Italiane, la R&S e le soluzioni sostenibili in termini tecnologici, economici ed ambientali

Energia & Ambiente: il ruolo delle PMI Italiane, la R&S e le soluzioni sostenibili in termini tecnologici, economici ed ambientali Energia & Ambiente: il ruolo delle PMI Italiane, la R&S e le soluzioni sostenibili in termini tecnologici, economici ed ambientali Vander Tumiatti - Imprenditore e Socio Fondatore della Sea Marconi (1968)-

Dettagli

Bioenergia e protezione ambientale. Scenari di sviluppo sostenibile per il Salento. Ambiente, salute, ecologia ed energia.

Bioenergia e protezione ambientale. Scenari di sviluppo sostenibile per il Salento. Ambiente, salute, ecologia ed energia. Bioenergia e protezione ambientale Scenari di sviluppo sostenibile per il Salento. Ambiente, salute, ecologia ed energia. Lecce, venerdì 24 settembre 2010 Bioenergia & Bioprodotti da conversione integrata

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo PROSPETTIVE ENERGETICHE E GREEN ECONOMY NEL CONTESTO ITALIANO Antonio Perdichizzi 1 Motivi della grande attualità del problema dell ENERGIA Impatto ECONOMICO - prezzo

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

L importanza del risparmio energetico nella raffinazione

L importanza del risparmio energetico nella raffinazione L importanza del risparmio energetico nella raffinazione Conferenza Nazionale per l'efficienza Energetica Roma, 21-22 novembre 2012 www.eni.it I consumi energetici: Il pianeta di notte Domanda di energia

Dettagli

Consulenza di Direzione Ambiente & Innovazione Sistemi di Gestione Aziendale. Clicca qui per l avvio

Consulenza di Direzione Ambiente & Innovazione Sistemi di Gestione Aziendale. Clicca qui per l avvio Titolo intervento Ambiente e sostenibilità per la tua Azienda sono un costo?.noi lo trasformiamo in ricchezza. Relatore: : Gian Piero Zattoni Consulenza di Direzione Ambiente & Innovazione Sistemi di Gestione

Dettagli

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA IL PROJECT LEASING per IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA NUOVE opportunità di sviluppo PER LA TUA IMPRESA nel settore dell Energia 1 GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE La cogenerazione, CHP (Combined

Dettagli

configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico, di un sistema

configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico, di un sistema ENERGIA Capacità di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: atto di produrre un cambiamento di configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico,

Dettagli

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS CARBON FOOTPRINT ANALYSIS PROFILO AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto Club e Ambiente Italia. Accreditata come ESCo (Energy Service Company), analizza

Dettagli

BIOMASSA: Conversione energetica della biomassa: opportunità e prospettive. Paolo Silva

BIOMASSA: Conversione energetica della biomassa: opportunità e prospettive. Paolo Silva BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Conversione energetica della biomassa: opportunità e prospettive Paolo Silva Professore associato

Dettagli

Terza conferenza nazionale sulle rinnovabili termiche

Terza conferenza nazionale sulle rinnovabili termiche Terza conferenza nazionale sulle rinnovabili termiche Roma, 30 maggio 2012 Custodi del bosco. La filiera bosco-legno-energia I protagonisti della filiera Alberto Ribolla Presidente Lombardy Energy Cluster

Dettagli

Le azioni di Enel per la sostenibilità energetica

Le azioni di Enel per la sostenibilità energetica Le azioni di Enel per la sostenibilità energetica Franco Donatini Resp. Rinnovabili Politiche di Ricerca e Sviluppo Enel I&I S.p.A Ravenna, 1 ottobre 2010 Il problema epocale La sfida del cambio climatico

Dettagli

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide Laura Scichilone Dottore di ricerca in Storia del federalismo e dell unità europea CRIE-Centro di eccellenza Jean

Dettagli

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI Atlante Statistico dell Energia RIE per AGI Settembre 215 ENERGIA E AMBIENTE 14 Emissioni totali di CO2 principali nei paesi Europei 12 1 mln tonn. 8 6 4 2 199 1992 1994 1996 1998 2 22 24 26 28 21 212

Dettagli

La gestione del Carbon Footprint a livello di organizzazione: competitività di impresa nella low-carbon economy

La gestione del Carbon Footprint a livello di organizzazione: competitività di impresa nella low-carbon economy Centro Studi Qualità Ambiente Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università degli Studi di Padova 049 8275536-9 www.cesqa.it cesqa@unipd.it Prof. Antonio Scipioni Ing. Alessandro Manzardo

Dettagli

Nuovi lavori, nuova occupazione: la green economy energetica

Nuovi lavori, nuova occupazione: la green economy energetica Osservatorio Energia Nuovi lavori, nuova occupazione: la green economy energetica L impatto della nuova politica energetica europea sulla crescita economica e l occupazione in Italia Giuseppe Travaglini

Dettagli

RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14

RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14 RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14 UNA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA AMBIENTALE Con il D.M. n.272/2014 e il D.lgs n.46/2014 l Italia ha accolto le indicazioni normative provenienti dalla Direttiva Europea

Dettagli

Energia, ambiente ed efficienza

Energia, ambiente ed efficienza Energia, ambiente ed efficienza Collegio Gregorianum, Padova 21 maggio 2008 Arturo Lorenzoni Introduzione Il settore energetico ha un incidenza di primaria importanza sull economia nazionale. È il primo

Dettagli

I vantaggi energetici ed ambientali della piccola e micro cogenerazione

I vantaggi energetici ed ambientali della piccola e micro cogenerazione Università di Ferrara GIORNATA DI STUDIO Cogenerazione distribuita per applicazioni civili e residenziali Ferrara, 5 dicembre 2007 I vantaggi energetici ed ambientali della piccola e micro cogenerazione

Dettagli

Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì. Il pacchetto clima energia 20-20-20

Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì. Il pacchetto clima energia 20-20-20 Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì Il pacchetto clima energia 20-20-20 Sessione 1 La strategia 20-20-20: cos è e a quali problemi

Dettagli

Strumenti per ottimizzare i processi e valorizzare i prodotti. Life-Cycle Assessment e ISO 14064 per la gestione del Carbon Footprint

Strumenti per ottimizzare i processi e valorizzare i prodotti. Life-Cycle Assessment e ISO 14064 per la gestione del Carbon Footprint Centro Studi Qualità Ambiente c/o Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università di Padova tel +39 049 8275539/5536 www.cesqa.it cesqa@unipd.it Responsabile: Prof. Antonio Scipioni Relatore:

Dettagli

FONTI DI ENERGIA. Fonti energetiche primarie. Fonti energetiche secondarie. sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia

FONTI DI ENERGIA. Fonti energetiche primarie. Fonti energetiche secondarie. sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia FONTI DI ENERGIA sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia Fonti energetiche primarie quelle che si trovano disponibili in natura si possono classificare in: Fonti energetiche

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Corso di Impatto ambientale Modulo Pianificazione Energetica a.a. 2012/13 Prof. Ing. Francesco

Dettagli

Workshop Industria. Il processo di efficienza energetica nel settore industriale: i risultati ottenuti con l approccio Carbon Footprint neutra

Workshop Industria. Il processo di efficienza energetica nel settore industriale: i risultati ottenuti con l approccio Carbon Footprint neutra Workshop Industria Il processo di efficienza energetica nel settore industriale: i risultati ottenuti con l approccio Carbon Footprint neutra Gianluca Catalano Siram SpA Panel seminari efficienza energetica

Dettagli

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Bienergy Expo Usi termici da fonti rinnovabili: Il ruolo della filiera legno-energia Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Vito Pignatelli, Presidente ITABIA ITABIA - Italian Biomass Association

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

LA TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE. www.renergiesitalia.it C.da Montedoro 24/A - Urbisaglia (MC) Tel. 0733.

LA TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE. www.renergiesitalia.it C.da Montedoro 24/A - Urbisaglia (MC) Tel. 0733. LA TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE www.renergiesitalia.it C.da Montedoro 24/A - Urbisaglia (MC) Tel. 0733.506000 Occorre agire in fretta I cambiamenti climatici minacciano anche la

Dettagli

Crescita della domanda di energia e necessità di nuovi modelli di sviluppo per le città

Crescita della domanda di energia e necessità di nuovi modelli di sviluppo per le città Crescita della domanda di energia e necessità di nuovi modelli di sviluppo per le città Paolo D Ermo - WEC Italia Energy Studies and Analysis Manager Ambiente e Società, 31 maggio 2011 World Energy Council

Dettagli

Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico. Ennio Macchi Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano

Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico. Ennio Macchi Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Il quesito cui cercherò di rispondere 2 La pompa di calore utilizza energia elettrica per

Dettagli

il Master Cosa è A chi si rivolge I docenti

il Master Cosa è A chi si rivolge I docenti X edizione a.a. 2014-2015 il Master Cosa è Il master EFER - Efficienza Energetica e Fonti Energetiche Rinnovabili - è un master universitario di II livello, finalizzato alla formazione di diverse figure

Dettagli

TECNOLOGIE DELLE ENERGIE RINNOVABILI. Introduzione

TECNOLOGIE DELLE ENERGIE RINNOVABILI. Introduzione TECNOLOGIE DELLE ENERGIE RINNOVABILI Introduzione Giuseppe Franchini Dipartimento di Ingegneria e Scienze Applicate Università degli Studi di Bergamo 1 Principi di conversione dell energia Energia PRIMARIA

Dettagli

Proposte di Confindustria per l Efficienza Energetica. Massimo Beccarello Direttore Energia Confindustria

Proposte di Confindustria per l Efficienza Energetica. Massimo Beccarello Direttore Energia Confindustria Proposte di Confindustria per l Efficienza Energetica Massimo Beccarello Direttore Energia Confindustria Roma 19 ottobre 2010 Pacchetto europeo clima - energia Al 2020 l Italia deve obbligatoriamente:

Dettagli

Energie Rinnovabili ed Efficienza energetica

Energie Rinnovabili ed Efficienza energetica Energie Rinnovabili ed Efficienza energetica AGENZIA PER LA DIFFUSIONE DELLE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Fondazione Silvio Tronchetti Provera Milano, 20 giugno 2011 Prof. Massimo Beccarello Facoltà di

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Ingegneria Corso di Gestione ed Economia dell Energia e Fonti Rinnovabili Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Ing. Tiziana

Dettagli

g-box. La centrale elettrica 2G di piccole dimensioni che produce reddito. Elevata efficienza. Ammortamento veloce. 2G. Cogenerazione.

g-box. La centrale elettrica 2G di piccole dimensioni che produce reddito. Elevata efficienza. Ammortamento veloce. 2G. Cogenerazione. g-box. La centrale elettrica 2G di piccole dimensioni che produce reddito. Elevata efficienza. Ammortamento veloce. 2G. Cogenerazione. Un successo in tutto il mondo grazie alla cogenerazione di energia

Dettagli

GREEN JOB: LE NUOVE PROFESSIONI

GREEN JOB: LE NUOVE PROFESSIONI GREEN JOB: LE NUOVE PROFESSIONI Ing. Daniele TESTI Dipartimento di Ingegneria dell Energia e dei Sistemi (DESE) Università di Pisa Definizione di Green Job secondo l ILO (International Labour Organization)

Dettagli

Sviluppo, produzione e manutenzione di impianti di cogenerazione

Sviluppo, produzione e manutenzione di impianti di cogenerazione Sviluppo, produzione e manutenzione di impianti di cogenerazione Cos è un unità di cogenerazione? I vantaggi dell unità di cogenerazione Un unità di cogenerazione di energia elettrica e calore, nota anche

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia Scenari energetici al 2020

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia Scenari energetici al 2020 La situazione delle fonti rinnovabili in Italia Scenari energetici al 2020 Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici Roma, 7 maggio 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti

Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti Centro Studi e Ricerche sul Nocciolo e Castagno Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti Prof. Ing. Danilo Monarca monarca@unitus.it Giornata di Studio INNOVAZIONE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Linee di sviluppo governative in tema di efficienza energetica Marcello Capra Dipartimento per l Energia EFFICIENZA ENERGETICA, POLITICHE TERRITORIALI E TELERISCALDAMENTO EGEA - Alba, 18 novembre 2011

Dettagli

La ricerca del sistema elettrico e il ruolo della chimica

La ricerca del sistema elettrico e il ruolo della chimica 3 a Conferenza Nazionale su Chimica & Energia La ricerca del sistema elettrico e il ruolo della chimica Paolo Savoldelli Milano, 17 ottobre 2012 - Auditorium di FEDERCHIMICA 1 Schema della presentazione

Dettagli

RICERCA, CONSULENZA E PROGETTAZIONE PER LA SOSTENIBILITÀ SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO PER LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE LAVANDERIE INDUSTRIALI

RICERCA, CONSULENZA E PROGETTAZIONE PER LA SOSTENIBILITÀ SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO PER LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE LAVANDERIE INDUSTRIALI RICERCA, CONSULENZA E PROGETTAZIONE PER LA SOSTENIBILITÀ SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO PER LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE LAVANDERIE INDUSTRIALI AMBIENTE ITALIA IN SINTESI Ambiente Italia è un azienda

Dettagli

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino Pinerolo-Nichelino-Ivrea-Collegno-Settimo T.se, 9-16-23 febbraio e 2-9 marzo 2011 Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici

Dettagli

Le fonti energetiche

Le fonti energetiche Le fonti energetiche Le fonti energetiche Dalle fonti di energia si ricava l energia Esse sono suddivise in primarie e secondarie, in relazione al fatto che necessitino più o meno di trasformazioni. Le

Dettagli

Sviluppo, produzione e manutenzione di impianti di cogenerazione

Sviluppo, produzione e manutenzione di impianti di cogenerazione Sviluppo, produzione e manutenzione di impianti di cogenerazione Cos è un unità di cogenerazione? Un unità di cogenerazione di energia elettrica e calore, nota anche solo come unità di cogenerazione o

Dettagli

28 QM 7 C. 1) La Life CycleCost Analysis(LCCA):

28 QM 7 C. 1) La Life CycleCost Analysis(LCCA): 28 QM 7 C 1) La Life CycleCost Analysis(LCCA): E uno strumento economico che permette di valutare tutti i costi relativi ad un determinato progetto, dalla culla alla tomba E una metodologia di analisi

Dettagli

Efficienza per pianificare l energia

Efficienza per pianificare l energia Efficienza per pianificare l energia Simona Murroni - Assessorato Industria - Servizio Energia La RAS - Assessorato Industria Servizio Energia Sta redigendo il Piano Energetico Regionale Ambientale di

Dettagli

SCUOLA DIOCESANA REDEMPTORIS MATER

SCUOLA DIOCESANA REDEMPTORIS MATER SCUOLA DIOCESANA REDEMPTORIS MATER L ENERGIA IN ITALIA E LA CREAZIONE DELLE CENTRALI NUCLEARI Azione del Governo in merito all energia nucleare e alle fonti di energia rinnovabili (Albenga, 27 aprile 2009)

Dettagli

Il ruolo dell IT per il risparmio energetico in azienda: il printing e la gestione documentale

Il ruolo dell IT per il risparmio energetico in azienda: il printing e la gestione documentale Dipartimento di Elettronica e Informazione Il ruolo dell IT per il risparmio energetico in azienda: il printing e la gestione documentale Eugenio Capra eugenio.capra@polimi.it Milano, 3 febbraio 2009 Le

Dettagli

Audizione Leonardo Bellodi. Responsabile Rapporti Istituzionali Senato X Commissione Industria, Commercio e Turismo Roma, 12 Ottobre 2011

Audizione Leonardo Bellodi. Responsabile Rapporti Istituzionali Senato X Commissione Industria, Commercio e Turismo Roma, 12 Ottobre 2011 Audizione Leonardo Bellodi Responsabile Rapporti Istituzionali Senato X Commissione Industria, Commercio e Turismo Roma, 12 Ottobre 2011 Il Piano Energetico Nazionale L input comunitario UNIONE EUROPEA

Dettagli

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone LO STABILIMENTO Lo stabilimento, ubicato nel Comune di Ferrera Erbognone (Pavia) nelle adiacenze della Raffineria Eni Divisione R&M di Sannazzaro de Burgondi, è il

Dettagli

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) APPLICATA ALLA

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) APPLICATA ALLA ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) APPLICATA ALLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI Massimo Marino Life Cycle Engineering Torino www.life-cycle-engineering.it SOMMARIO Nel ultimi tempi si sta assistendo ad

Dettagli

Progetto E2BEBIS Environmental and economic benefit from biochar clusters in the Central Area

Progetto E2BEBIS Environmental and economic benefit from biochar clusters in the Central Area Progetto E2BEBIS Environmental and economic benefit from biochar clusters in the Central Area Pinerolo 27 luglio 2015 A cura di Ostorero A. Uncem Piemonte Progetto finanziato dal Programma Europeo Central

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

Agricoltura Biologica e la sfida ai cambiamenti climatici. Sana 9 settembre 2011

Agricoltura Biologica e la sfida ai cambiamenti climatici. Sana 9 settembre 2011 Agricoltura Biologica e la sfida ai cambiamenti climatici La politica di Coop per l ambiente e il biologico Sana 9 settembre 2011 Claudio Mazzini, Resp. Sostenibilità e Innovazione Valori Coop Italia Coop

Dettagli

Gli apparecchi a biomassa: un eccellenza dell industria italiana

Gli apparecchi a biomassa: un eccellenza dell industria italiana Terza Conferenza Nazionale sulle rinnovabili termiche Gli apparecchi a biomassa: un eccellenza dell industria italiana Roma, 30 Maggio 2012 GS-001 1/4/00-1 Ing. Denis De Marchi Gruppo Unicalor Ceced Italia

Dettagli

Agenzia per l Energia Sostenibile Della Provincia Regionale di Palermo Soc. Cons. ar.l.

Agenzia per l Energia Sostenibile Della Provincia Regionale di Palermo Soc. Cons. ar.l. Agenzia per l Energia Sostenibile Della Provincia Regionale di Palermo Soc. Cons. ar.l. ESCO ENERGY PALERMO è una società consortile senza scopo di lucro istituita con delibera del Consiglio Provinciale

Dettagli

The same technology can be used both for nuclear energy and nuclear weapons. Nuclear weapons capability could spread to as many as 30 more countries.

The same technology can be used both for nuclear energy and nuclear weapons. Nuclear weapons capability could spread to as many as 30 more countries. 62 Science, 9 February 2007, p. 791 The same technology can be used both for nuclear energy and nuclear weapons. Nuclear weapons capability could spread to as many as 30 more countries. Nuclear proliferation

Dettagli

Forum ABI, Roma 17 giugno 2011 Green Energy: rinnovare il credito alle energie rinnovabili. Massimo Beccarello Direttore Energia Confindustria

Forum ABI, Roma 17 giugno 2011 Green Energy: rinnovare il credito alle energie rinnovabili. Massimo Beccarello Direttore Energia Confindustria Forum ABI, Roma 17 giugno 2011 Green Energy: rinnovare il credito alle energie rinnovabili Massimo Beccarello Direttore Energia Confindustria Dipendenza dalle fonti primarie in Italia e in Europa Rapporto

Dettagli

g-box. La centrale elettrica 2G di piccole dimensioni che produce reddito. Elevata efficienza. Ammortamento veloce. 2G. Cogenerazione.

g-box. La centrale elettrica 2G di piccole dimensioni che produce reddito. Elevata efficienza. Ammortamento veloce. 2G. Cogenerazione. g-box. La centrale elettrica 2G di piccole dimensioni che produce reddito. Elevata efficienza. Ammortamento veloce. 2G. Cogenerazione. Un successo in tutto il mondo grazie alla cogenerazione di energia

Dettagli

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico?

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Ing. Paolo M. Rocco Viscontini Enerpoint S.r.l. IEFE Milano 29 Aprile 2005 Il fotovoltaico è ancora troppo costoso: non vale la

Dettagli

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Evoluzione della produzione e della potenza per fonte nell UE 27... 5 Produzione e Potenza nel 2010 nell UE27... 6

Dettagli

Torino, 15 novembre 2011

Torino, 15 novembre 2011 Prime esperienze a Livello Internazionale di Certificazione e definizione di Registri di Contabilizzazione delle Emissioni applicate ad Ambiti e Politiche Territoriali Prof. Ing. Domenico Andreis Torino,

Dettagli

La valutazione del Carbon Footprint del cuoio: Il caso della lavorazione delle pelli ovine nel Distretto di Solofra

La valutazione del Carbon Footprint del cuoio: Il caso della lavorazione delle pelli ovine nel Distretto di Solofra La valutazione del Carbon Footprint del cuoio: Il caso della lavorazione delle pelli ovine nel Distretto di Solofra Biagio Naviglio a, Massimiliano Fabbricino b, Anna Cozzolino b a. Stazione Sperimentale

Dettagli

LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI

LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI Temi della presentazione 1. Politica Ambientale e Certificazioni 2. Studio LCA sui prodotti Olio Extra Vergine di Oliva 3.

Dettagli

Tipologia dei flussi energetici

Tipologia dei flussi energetici Tipologia dei flussi energetici Corso: SISTEMI ENERGETICI - Classe: INGEGNERIA INDUSTRIALE, Laurea: INGEGNERIA MECCANICA Pag. 1 Crescita del fabbisogno di energia - Costi Legge del raddoppio del fabbisogno

Dettagli

L impronta carbonica degli alimenti. Laura Tagliabue, Matteo Zanchi, Stefano Caserini Politecnico di Milano

L impronta carbonica degli alimenti. Laura Tagliabue, Matteo Zanchi, Stefano Caserini Politecnico di Milano L impronta carbonica degli alimenti Laura Tagliabue, Matteo Zanchi, Stefano Caserini Politecnico di Milano Fondazione Culturale San Fedele, Milano, 9 ottobre 2014 Indice Le emissioni di gas serra dalle

Dettagli

(B) Finanziamento richiesto dal Cesi (migliaia di euro)

(B) Finanziamento richiesto dal Cesi (migliaia di euro) Tabella n. 1 (A) Denominazione del progetto (B) Finanziamento richiesto dal Cesi (migliaia di euro) (C) Finanziamento ammesso a carico del Fondo (migliaia di euro) SCENARI (1) 16058 11291 GEN 21 (2) 57610

Dettagli

EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni

EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni Workshop Chi Siamo EQO S.r.l. da oltre 10 anni riunisce professionisti provenenti da diversi settori e con differenti esperienze professionali,

Dettagli

Independent Market Energy Saving Consulting

Independent Market Energy Saving Consulting Independent Market ALENS è ESCo certificata UNI CEI 11352 da TÜV SUD Una nuova realtà nel settore della consulenza in campo energetico, nata dall esperienza pluriennale dei soci. Independent Market Chi

Dettagli

Per un sistema energetico moderno, pulito e sicuro

Per un sistema energetico moderno, pulito e sicuro Per un sistema energetico moderno, pulito e sicuro Fermare la febbre del pianeta! Aumento delle temperature medie, scioglimento dei ghiacciai, uragani e tifoni sempre più frequenti, desertificazione in

Dettagli

SIRAM al servizio del progresso energetico

SIRAM al servizio del progresso energetico SIRAM al servizio del progresso energetico Il Gruppo Siram in Italia SIRAM SPA Leader in Italia nei servizi energetici e multitecnologici per il mercato Pubblico e Privato sede legale Milano 4 Unità di

Dettagli

Le biomasse rappresentano oltre

Le biomasse rappresentano oltre Il futuro della bioenergia: rischi e prospettive Franco Donatini Le biomasse rappresentano oltre al sole la fonte energetica più anticamente utilizzata dall uomo per sopperire ai suoi bisogni. Il suo utilizzo

Dettagli

L offerta formativa universitaria nel settore energia

L offerta formativa universitaria nel settore energia Politecnico di Torino Ingegneria Energetica L offerta formativa universitaria nel settore energia Piero Ravetto Presidente del Consiglio dell Area di Formazione in Ingegneria Energetica 23 maggio 2008

Dettagli

Crescere nell efficienza

Crescere nell efficienza Le sfide competitive per le imprese di servizi e industriali TAVOLA ROTONDA Perché si deve fare e perché non si fa: come superare le barriere non economiche liberando risorse, ovvero le iniziative del

Dettagli

Metodologie e vantaggi. Ing. Matteo Locati Responsabile Servizi Sostenibilità Certiquality

Metodologie e vantaggi. Ing. Matteo Locati Responsabile Servizi Sostenibilità Certiquality GLI STRUMENTI VOLONTARI DI RENDICONTAZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS A EFFETTO SERRA (GHG) Lo standard ISO 14064 Metodologie e vantaggi Ing. Matteo Locati Responsabile Servizi Sostenibilità Certiquality VERSO

Dettagli

UN PIANO B PER L ITALIA

UN PIANO B PER L ITALIA UN PIANO B PER L ITALIA Toni Federico Bomarzo 25 Aprile 2009 www.fondazionesvilupposostenibile.org LIVELLI DI POVERTA PROIEZIONE DEI LIVELLI DI POVERTA AL 2015 POPOLAZIONE MONDIALE AI DIVERSI LIVELLI DI

Dettagli

Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri

Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri Gianfilippo Mancini Divisione Generazione, Energy Management e Mercato Italia Convegno Assocarboni 28 marzo 2014 Evoluzione domanda e parco Italia

Dettagli

Biogenerazione distribuita l importanza della produzione energetica integrata. Clara Uggè ETA-Florence

Biogenerazione distribuita l importanza della produzione energetica integrata. Clara Uggè ETA-Florence Biogenerazione distribuita l importanza della produzione energetica integrata Clara Uggè ETA-Florence Pisa, 18 marzo 2015 Obiettivi Valutazione degli aspetti tecnico economici relativi all impiego di impianti

Dettagli

Un azienda sostenibile

Un azienda sostenibile Un azienda sostenibile I combustibili fossili (greggio, gas e carbone) sono ancora oggi le fonti energetiche più utilizzate, contribuendo per oltre l 80% al consumo mondiale di energia. Il loro indiscusso

Dettagli

Pianificazione Energetica e Low Carbon Economy

Pianificazione Energetica e Low Carbon Economy Pianificazione Energetica e Low Carbon Economy Palma Costi Assessore alle Attività Produttive, Piano Energetico, Economia Verde e Ricostruzione Post Sisma Bologna, 27 novembre 2015 Gli Stati Generali della

Dettagli

Applicazione della metodologia LCA e delle Etichette di tipo III al settore delle costruzioni Adriana Del Borghi

Applicazione della metodologia LCA e delle Etichette di tipo III al settore delle costruzioni Adriana Del Borghi Applicazione della metodologia LCA e delle Etichette di tipo III al settore delle costruzioni Adriana Del Borghi CE.Si.S.P. Centro per lo Sviluppo della Sostenibilità dei Prodotti Università costituenti:

Dettagli

via Dante 6, 20069 - Vaprio d Adda (MI) Italy +39 333 7568612 +39 029094519 http://www.alessandrochignoli.com pag 1/5

via Dante 6, 20069 - Vaprio d Adda (MI) Italy +39 333 7568612 +39 029094519 http://www.alessandrochignoli.com pag 1/5 http://www.alessandrochignoli.com pag 1/5 Nato il 04/11/1970 a Vaprio d'adda MI - Italy Skype: alessandro.chignoli1 Email: mail@alessandrochignoli.com PEC: alessandro.chignoli@ingpec.eu Professional network

Dettagli

Andrea Zara Innovazione e Ambiente Divisione Ingegneria e Innovazione. Convegno Ripensare mobilità e trasporto Provincia di Viterbo, 24 Marzo 2011

Andrea Zara Innovazione e Ambiente Divisione Ingegneria e Innovazione. Convegno Ripensare mobilità e trasporto Provincia di Viterbo, 24 Marzo 2011 L impegno Enel per la Mobilità Elettrica Andrea Zara Innovazione e Ambiente Divisione Ingegneria e Innovazione Convegno Ripensare mobilità e trasporto Provincia di Viterbo, 24 Marzo 2011 Veicoli elettrici

Dettagli

Scenario sulle rinnovabili

Scenario sulle rinnovabili Scenario sulle rinnovabili Gabriele NICOLIS Direzione Commerciale e Marketing Verona, 10 febbraio 2012 Energia: il target dell Europa Libro Verde sul Risparmio energetico dell'unione Europea... la necessità

Dettagli

L ISOLA DEGLI ECO CUOCHI :

L ISOLA DEGLI ECO CUOCHI : L ISOLA DEGLI ECO CUOCHI : CONSAPEVOLEZZA ED EDUCAZIONE TRA NATURA ED ALIMENTAZIONE ISIS Sandro Pertini di Monfalcone (Go) Indirizzo Enogastronomia ed ospitalità alberghiera CHI SIAMO E DOVE OPERIAMO Istituto

Dettagli

Convegno sull uso razionale dell energia e risparmio energetico

Convegno sull uso razionale dell energia e risparmio energetico Convegno sull uso razionale dell energia e risparmio energetico Siena, 23 Aprile 2008 Introduzione ai lavori Mauro Forti Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena Legge Finanziaria

Dettagli

Workshop Fonti Rinnovabili

Workshop Fonti Rinnovabili Workshop Fonti Rinnovabili Rinnovabili: vecchi vizi e nuove virtù. Una generazione sempre più al verde? Centro Studi SAFE Auditorium GSE Roma, 23 luglio 2012 Agenda Le rinnovabili nel mondo: quadro attuale

Dettagli

Sviluppo, progettazione ed assistenza di unità di micro-cogenerazione

Sviluppo, progettazione ed assistenza di unità di micro-cogenerazione Sviluppo, progettazione ed assistenza di unità di micro-cogenerazione Cos è un unità di micro-cogenerazione? Un unità di cogenerazione di energia elettrica e calore, nota anche solo come unità di cogenerazione

Dettagli

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino Pinerolo-Nichelino-Ivrea-Collegno-Settimo T.se, 9-16-23 febbraio e 2-9 marzo 2011 Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici

Dettagli

Come e dove investire in Italia? Affrontare insieme le sfide che attendono il settore dell energia

Come e dove investire in Italia? Affrontare insieme le sfide che attendono il settore dell energia Come e dove investire in Italia? Affrontare insieme le sfide che attendono il settore dell energia Roma, 04 Ottobre 2011 Francesco Giorgianni Responsabile Affari Istituzionali Fonti energetiche primarie

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA Prof. Paolo ZAZZINI Ing. Nicola SIMIONATO LA QUESTIONE ENERGETICA Riduzione dei consumi energetici Adozione di strategie e tecnologie più efficienti di produzione, distribuzione

Dettagli

Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura

Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura Il dibattito scientifico sui mutamenti del clima è stato caratterizzato, soprattutto a partire dagli Anni Settanta del secolo scorso,

Dettagli

Indice. Prefazione 13

Indice. Prefazione 13 Indice Prefazione 13 1 Energia e sostenibilità: il ruolo chiave dell Energy 15 management 1.1 Sviluppo sostenibile e sistemi energetici 16 1.2 Il contesto delle politiche energetiche: competitività, energia

Dettagli

OPPORTUNITÀ E NUOVI SCENARI

OPPORTUNITÀ E NUOVI SCENARI IL SISTEMA ELETTRICO ITALIANO: OPPORTUNITÀ E NUOVI SCENARI SCENARI 3 marzo 212 Davide Tabarelli, Nomisma Energia 1 Agenda Domanda di energia mondiale L Italia ha bisogno di energia La CO2 è meno importante

Dettagli

Da dove viene l energia per produrre l idrogeno?

Da dove viene l energia per produrre l idrogeno? CONVEGNO Da dove viene l energia per produrre l idrogeno? Ing. Fabrizio Mattotea (H2IT) H 2 IT - L associazione Italiana Nasce come Associazione nel 2003 Ha sede all interno della FAST (Federazione Associazioni

Dettagli

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06)

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) 1. Introduzione I consumi di energia all utilizzatore (domestico, industriale, commerciale, per trasporti, agricolo, amministrativo, ecc) nelle

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Efficienza Energetica: problematiche, possibilità,, sviluppi Marcello Capra Dipartimento per l Energia FAST, Fiera di Milano 26 maggio 2009 Il quadro di riferimento nazionale

Dettagli