Periodico dell IIS Belmesseri di Pontremoli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Periodico dell IIS Belmesseri di Pontremoli"

Transcript

1 Periodico dell IIS Belmesseri di Pontremoli Paolo Belmesseri Tra i letterati pontremolesi che ricevettero più onoranze e riconoscimenti vi fu Paolo Belmesseri, medico, teologo ma soprattutto poeta italiano. Nacque intorno al 1480 in una casa vicino a Pontremoli, in località La Serra.. Trascorse alcuni anni della sua vita a Bologna dove apprese molto del suo sapere, insegnò presso la Facoltà di Medicina dove conobbe Ludovico Ariosto. È ricordato anche per aver combattuto l'epidemia di peste a Venezia, nel 1527 e per essere stato medico personale di Papa Clemente VII. Nel 1533 si recò a Parigi, dove occupò la cattedra di Medicina presso l Università e vi soggiornò per più di un anno. Fra le sue opere ricordiamo L' Opera poetica, raccolta dei suoi Carmi, ed Heptas, dedicata a Clemente VII. Non si hanno più notizie di lui dopo il 1544.

2 Numero I L Eco del Belmesseri Pagina 2 Pagina 3-4 Intervista al Preside Pagina 5 Cent anni di Storia Pagina 6 Tanto per costruire un secondo per distruggere! Pagina 7 La lingua di Ana - Esploranda Pagina 8 Internet Festival Pagina 9 Socializzando a Lucca - Progetto corda Pagina 10 Intervista alle 5^ Pagina 11 Amichevole con i Prof - Il Belmesseri sportivo Pagina 12 Forum Mandela Pagina 13 Cruciverba Pagina 14 Tanti Auguri di Buon Natale!!! Il Capitale Umano di Paolo Virzì Mud di Jeff Nichols Anita B. di Roberto Faenza La mafia uccide solo d estate di Piff Il giovane favoloso di Mario Marcone

3 Numero I L Eco del Belmesseri Pagina 3 Ha trovato un ambiente accogliente all interno della scuola? Qual è stata la sua prima impressione? Quasi sempre ci si interessa alle scuole quando ci sono problemi di sicurezza ed è giusto, perchè prima di tu o viene la sicurezza degli edifici, ma non si possono neppure trascurare gli spazi dove vivono per di- verse ore gli alunni o dove lavora il personale della scuola. La mia prima impressione non è stata posi va; ad esempio ho trovato corridoi chiusi con tavole di legno e nylon. Così, anche con la disponibilità dei no- stri collaboratori scolas ci e degli operai della provincia, abbiamo iniziato a introdurre un po di colore e a sistemare gli spazi, anche gli uffici. La scuola deve presentarsi alle sue ragazze e ai suoi ragazzi, che sono il nostro bene prezioso, nel modo migliore, deve diventare un ambiente accogliente e bello. Voi avete apprezzato ques primi cambiamen e mi ha fa o piacere, soltanto chi non apprezza le cose belle, è ignorante ed è abituato a vivere in ambien squallidi si limita a qualche sorrisino ironico e pensa che il preside non debba occuparsi di queste cose cioè di rendere più bella e accogliente la scuola. Si trova bene con i professori e come le sono parsi i nuovi studenti anche alla luce della 1 a Giornata delle Eccellenze? Sì con i professori mi trovo bene, c è un proficuo scambio di idee, un buon dialogo. Gli studen sono in fondo come tu gli studen delle altre scuole: con i loro problemi, le loro belle idee, le loro generosità, ma anche con la loro vivacità qualche volta eccessiva. Qui al Belmesseri ho apprezzato molto l invito a partecipare all assemblea studentesca e l ho interpretato come un gesto di accoglienza e la volontà di lavorare insieme per la nostra scuola. Con la giornata delle eccellenze abbiamo voluto mandare un mes- saggio al territorio: anche al Belmesseri ci sono ragazze e ragazzi bravi, responsabili, studiosi. Lei, essendo di Pontremoli, si sente particolarmente legato alla nostra scuola e al significato e all importanza di Paolo Belmesseri nella storia? Io mi sento legato alle scuole della Lunigiana, che dobbiamo salvaguardare co- me risorsa di questa nostra terra. Certamente, poichè vivo qui, avverto una par colare appartenenza alle scuole di Pontremoli, specialmente al Belmesseri che si trova a ualmente in difficoltà per il calo delle iscrizioni ma che mi auguro sia momentaneo. Paolo Belmesseri è stato in ques anni dimen cato: bisogna riamme erlo all interno della nostra scuola e ben presto vi accorgerete della sua presenza. Tu, alunni e docen, devono essere consapevoli di trovarsi in un par colare luogo storico. Per questo abbiamo pensato a un bel proge o che si in tola Dentro la storia e infa venendo in questa scuola voi entrate in un edificio che nel passato è stato un piccolo ospedale, poi un convento e infine una scuola...

4 Numero I L Eco del Belmesseri Pagina 4 Lei, in questo anno scolastico è il dirigente di gran parte delle scuole della Lunigiana. Crede che possa essere un esperienza arricchente e in che modo? Tu e le esperienze sono ad ogni modo arricchen e questa è par colarmente interessante perchè, più dei problemi, che non mancano, e della fa ca, vale l incontro con ragazze e ragazzi, con docen, genitori. In- somma tu e le volte che incontriamo, dialoghiamo, ci confron amo con idee diverse dalle no- stre,diven amo più ricchi e alla fine potremo dire con il poeta confesso che ho vissuto. Secondo lei, come mai la nostra scuola, in questo periodo, si trova in un momento di crisi delle iscrizioni? E una domanda difficile. Si possono fare alcune ipotesi... Viviamo in una società dell immagine e della visibilità, tu o deve essere in qualche modo esibito, non ci si può nascondere e forse questa scuola non ha avuto uno slancio in questo senso, non ha fa o conoscere in modo sistema co tu e le belle inizia ve che si sono fa e e si fanno. In questo senso un convinto sostegno da parte del territorio: delle ammini- strazioni comunali, dell Unione dei Comuni, delle associazioni,...potrebbe rivelarsi u le. Si nota una mag- giore tendenza a iscriversi ai licei e da qualche anno anche all enogastronomico e poi subiamo un po l ini- zia va delle scuole spezzine che vengono in Lunigiana a pubblicizzare le loro scuole. Inoltre il serviziotrasporto non ci favorisce: più difficile spostarsi in Lunigiana, più facile in piccole ci à. Quali potrebbero essere le motivazioni valide ed attuali per far sì che un ragazzo si iscriva alla nostra scuola e possa affrontare uno degli indirizzi che vengono offerti? Intanto dovremo recuperare il senso di appartenenza alla nostra Lunigiana: siamo lunigianesi e quindi dobbiamo frequentare una delle nostre scuole a meno che non si decida per una scuola non presente in Lunigiana. La nostra scuola deve presentarsi come a enta al bene dei suoi ragazzi, luogo nel quale, si ap- prende, ci si forma nel dialogo e nel rispe o delle regole. Deve inoltre presentare i suoi docen come seri, prepara, capaci di dialogare instancabilmente e di interce are le solitudini delle ragazze e dei ragazzi, per non lasciarli soli. Rispe o alle scuole di ci à possiamo vantare l ambiente familiare, dove tu si cono- scono, i buoni rappor, l assenza di bullismo e di pra che nocive. Infine l offerta forma va: i nuovi pro- ge e sopra u o il nuovo indirizzo che abbiamo chiesto di a vare: TURISMO,con le dotazioni tecnologi- che e i laboratori contribuiscono a definire una buona scuola. Dunque perchè iscriversi al Belmesseri? per i rappor umani e l a enzione agli alunni, per l offerta forma va: in par colare il nuovo indirizzo TURI- SMO, per la buona scuola che possiamo garan re, nella quale le ragazze e i ragazzi stanno bene. Al termi- ne del corso di studi si potrà accedere al mondo del lavoro ma anche all università A tal proposito vorrei che pubblicaste alcuni passaggi di una ricerca della Fondazione Agnelli che può essere sinte zzata, dal - tolo di un ar colo de La Repubblica: Chi viene da licei e tecnici ha più successo all università. CHI VIENE DA LICEI E TECNICI HA PIU SUCCESSO ALL UNIVERSITA Quali sono le scuole che meglio preparano all università? Andrea Gavosto direttore della Fondazione Agnelli, a seguito degli esiti di una ricerca afferma che...i risultati migliori li ottengono i ragazzi che escono dagli istituti tecnici, da alcuni licei, mentre a parte rare eccezioni le scuole paritarie, sia laiche che religiose, sono in fondo alla classifica. Nel senso che a differenza di gran parte dei paesi OCSE da noi gli istituti pubblici sono più qualificati di quelli privati E la piccola città batte la metropoli, nel senso che...i ragazzi più preparati provengono da scuole di provincia. Gli studenti dei piccoli centri hanno in media performance universitarie migliori, forse a seguito del maggior controllo sociale presente nelle piccole realtà rispetto ai grandi centri urbani...

5 Numero I L Eco del Belmesseri Pagina 5 Quest anno ricorre il centenario della Prima Guerra Mondiale. Per quest occasione le classi 4 a e 5 a dell Istituto Paolo Belmesseri si sono recate al Tribunale di Pontremoli per assistere ad una mostra finanziata dalla provincia di Massa-Carrara e dedicata alla memoria dei caduti per la patria. Appena entrati nella stanza abbiamo avuto l opportunità di vedere le divise, gli elmetti, una corazza perforata da un proiettile e tanti altri oggetti, oltre alle armi utilizzate per combattere. Successivamente abbiamo visto due tipi di mitragliatrici: una sostenuta da due ruote e l altra trasportabile manualmente. Appesi ai muri c erano molti quadri, foto ed elenchi dei caduti nelle varie zone della Lunigiana, in alcuni quadri c erano gli attestati autentici riconosciuti ai soldati più valorosi con accanto la medaglia al valore. In altri, invece, vi erano pagine di giornali dell epoca e molte lettere scritte dai soldati alle proprie famiglie. Una cosa che ci ha colpito molto è stata al struttura sintetica di queste lettere e soprattutto l uso di parole chiave che esprimevano perfettamente il loro stato d animo e la situazione del momento. Successivamente ci siamo recati al Municipio per la proiezione del filmato dedicato alla storia del Milite Ignoto. Il video è stato molto interessante perché ci ha svelato particolari importanti sulla sua storia, come il ruolo di Maria Bergamas che, dopo aver perso il figlio arruolatosi nell esercito italiano, è stata chiamata a scegliere una bara tra altre undici contenenti corpi di soldati non identificati. La bara scelta divenne il Milite ignoto ed è tutt ora il simbolo di tutti gli uomini caduti in guerra mai identificati e l emblema di tutte le mamme e parenti che non hanno mai potuto rivedere e compiangere il proprio figlio, vittima di un destino cinico e crudele. Questa esperienza ha permesso a noi alunni di aprire gli occhi sulle atrocità della guerra e sulla ferocia con cui si è abbattuta sulla vita di uomini, donne e soprattutto di ragazzi (di 17 anni) spinti ad arruolarsi da un patriottismo, oggi, purtroppo sconosciuto. Aurora Ricci Sofia Davico 4 AFM.

6 Numero I L Eco del Belmesseri Pagina 6 E anche quest anno la pioggia ci ha colpito e ci ha riportar nella situazione di 2 anni fa... Persone che purtroppo si sono viste portare via la macchina, allagare la casa e perdere tu o quello che di importante avevano in una manciata di minu! -Carrara (MS) chiesa e interno città colpite questo ottobre dall alluvione -Genova (GE) Il fiume esondato e le persone che guardano la loro vita andarsene insieme all acqua! Persone che si sono ritrovate senza casa, senza auto... -Pallerone(MS) Campo sportivo allagato, una squadra senza campo, senza un posto dove allenarsi e giocare... Natalia Trinchese 3 AFM

7 Numero I L Eco del Belmesseri Pagina 7 Il giorno sabato 18/10/2014 le classi 1^ e 2^ A.F.M dell Istituto Paolo Belmesseri hanno trascorso una mattinata al Teatro Manzoni di Pontremoli in compagnia di Elvira Mujcic (l autrice del libro: La lingua di Ana ) trattando proprio gli argomenti narrati nel suo libro. L autrice rivela agli alunni che ne La lingua di Ana viene scritto quello che lei stessa avrebbe voluto essere nella reale vita, vissuta ai tempi della sua permanenza in Italia da adolescente. Elvira racconta agli interessatissimi ragazzi i numerosi problemi che doveva affrontare ogni giorno nella vita in Italia, come quello della scuola, della vergogna che provava nel far capire alle altre persone che era straniera e dei problemi di comunicazione dovuti alla lingua. Dopo aver risposto a tutte le domande rivolte dagli alunni ed aver guardato due video in cui sono intervistati quattro ragazzi stranieri di Pontremoli che rispondono a delle semplici domande per confrontare i loro paesi d origine ed i loro usi, sono intervenuti la presidentessa Lucia Baracchini, il professor Tonino Ricci e Don Pietro, affermando ciò che ha detto Elvira e sottolineando che è molto importante al giorno d oggi sapere più lingue per trovarsi meglio nel comunicare tra stranieri e consigliando ai ragazzi di rimboccarsi le maniche, prendendo come esempio la scrittrice stessa. Dopo i saluti da parte dei presenti, gli alunni hanno fatto ritorno nelle rispettive scuole e classi. Alessandro Castellotti e Davide Trevisan 2^A.F.M A Esploranda per trovare l equilibrio Esperienze concrete per avvicinare gli studenti alla fisica Arpiola. 24 o obre la classe II CAT, accompa- gna dai professori Giuliani e Bertolini, è in visi- ta al laboratorio Esploranda, alles to dalla professoressa Loredana Capponi nelle classi dell ex scuola elementare di Arpiola. La profes- soressa Capponi illustra alcuni conce di fisica ineren all equilibrio e al baricentro. Un esperi- mento interessante rela vo alla stabilità dell e- quilibrio viene fa o u lizzando due bicicle e. Due studen salgono sulle bicicle e, ma non possono rimanere in equilibrio se non pedalan- do. Raggiungono l equilibrio quando ciascuno me e una mano sul manubrio dell altro, dato che il baricentro del corpo così formato cade all interno della base cos tuita dalle qua ro gomme della bicicle a. Un aspe o del labora- torio che colpisce è che tu gli strumen u liz- za sono costrui a mano con materiale ricicla- to, costatazione che ci fornisce insegnamen u li per a vità future. Quindi diciamo che usci- te di questo genere la scuola dovrebbe propor- ne più spesso, infa per noi ragazzi è impor- tante seguire le lezione in classe, ma è al- tre anto importante sperimentare personal- mente ciò che studiamo perché ci aiuta a pas- sare dal sapere al saper fare. Per questo mo vo ringraziamo sia la professoressa Capponi, che ha ideato il proge o, sia il professor Giuliani che ci ha permesso di partecipare a queste esperienze, ci auguriamo che non sia la sola. Aurora Giubbani II CAT

8 Numero I L Eco del Belmesseri Pagina 8 Il giorno 10 ottobre 2014 le classi 4 A.F.M e 4 S.I.A si sono recate a Pisa per assistere ad un meeting sull'informatica. Noi della A.F.M abbiamo avuto tutta la mattinata libera e così abbiamo deciso di trascorrere quel tempo tutti insieme. Verso mezzogiorno le classi si sono riunite e ci siamo recati in Piazza dei Miracoli per ammirare la famosa Torre di Pisa. Qui abbiamo pranzato, comprato souvenir o semplicemente ci siamo sdraiati in un prato a riposarci. Nel pomeriggio si sono svolte le attività del meeting. Il primo incontro con gli istruttori è stato molto interessante e divertente, ci hanno mostrato come i suoni che escono dalla nostra voce arrivano all'interno del microfono per poi giungere agli amplificatori, dove successivamente vengono rilasciati per arrivare alle nostre orecchie. I ragazzi che spiegavano questi argomenti ci hanno anche fatto vedere com'è possibile fare della buona musica con il computer e modificare i vari suoni, sempre attraverso questo strumento. Nel secondo incontro abbiamo assistito ad un'immersione subacquea registrata, perche, a causa del maltempo, il sub non ha potuto immergersi. Sempre durante quest'incontro ci hanno spiegato come cambiano i colori sott'acqua, cos'è il plancton, il benthos, il necton e quali strategie usano gli animali marini per proteggersi o per cacciare le altre specie. Tutti e due gli incontri sono stati molto istruttivi, perchè ci hanno fatto vedere come la tecnologia può essere utile. Durante il viaggio di ritorno eravamo quasi tutti stanchi, ma contenti di aver potuto partecipare a questo viaggio d'istruzione insieme alla professoressa Raso e al prof e s s o r e Affatato, che sono stati molto comprensivi ed hanno fornito vari chiarimenti a tutti noi. Venerdì 10 0ttobre, noi ragazzi di 4^, siamo andati in trasferta a Pisa per una lezione alternativa. Infatti, in questa bellissima città, si stava svolgendo l Internet festival. Accompagnati dalla prof.ssa Raso abbiamo assistito ad un incontro che approfondiva il concetto di Scienza alla Scuola Normale Superiore. Si è discusso dei vari tipi di chimica (organica, inorganica, biofisica) e della struttura delle proteine, successivamente siamo saliti ai piani alti (che faticaccia!) per un immersione virtuale nella scienza nel CAVE 3D. Muniti degli appositi occhiali, ci siamo letteralmente ritrovati a viaggiare dentro una molecola. E stata un esperienza incredibile, da ripetere assolutamente. A visita finita, tutti a mangiare al McDonald s! Dopo aver attraversato mezza città, siamo arrivati al secondo evento: Che fine ha fatto uwaldo?. L incontro consisteva nel trovare più informazioni possibili riguardo questo misterioso individuo. Ci siamo divisi in squadre e alla fine, dopo aver cercato su dozzine di siti, abbiamo scoperto la sua vera identità. Questo per farci capire che ognuno di noi, quando naviga in Internet, lascia dietro di sé una scia di briciole rintracciabili in qualsiasi momento da qualsiasi persona. Come ultima tappa si è parlato di Hacker Attack!. Ci sono stati illustrati alcuni dei tanti modi che usano gli hackers per rubare dati e informazioni dai nostri pc. Il nostro compagno Davide(noto per le maniere gentili che ha con la tecnologia) ha prestato molta attenzione...soprattutto riguardo al fishing (solo in pochi capiranno!). Il viaggio di ritorno è stato piacevole e all insegna dell allegria: da Pisa fino a casa non abbiamo smesso un attimo di ridere. Questa gita ci è piaciuta molto, è stata altamente istruttiva e ci ha aperto gli occhi su cose che prima ignoravamo. Speriamo di ripeterla al più presto!

9 Numero I L Eco del Belmesseri Pagina 9 Socializzando a Lucca Venerdì 26 Se embre noi ragazzi delle classi pri- me di Fivizzano, Pontremoli e Villafranca dell Is - tuto Belmesseri, siamo anda in gita a Lucca, accompagna dai rispe vi insegnan : per noi di 1 A CAT dalla professoressa di italiano e di storia. La partenza è stata intorno alle ore nove. Ognu- no, munito del proprio biglie o ferroviario, si è recato nella stazione più vicina e ad Aulla ci siamo ritrova tu insieme. Arriva a Lucca, abbiamo po- tuto ammirare la bellissima ci à che cos tuisce uno dei fiori all occhiello della Toscana. La visita è ini- ziata sulle Mura di Lucca, edificate nel cinquecento, che racchiudono il centro storico e la grande pas- seggiata tra pra verdi e alberi secolari. Dalle Mu- ra si può notare la Torre Guinigi, famosa torre al- berata costruita dalla potente famiglia lucchese dei Guinigi. La giornata è trascorsa in un clima di grande entusiasmo e di spensieratezza che ha per- messo a noi ragazzi di conoscerci, di scambiarci i numeri telefonici e di iniziare a condividere gli in- teressi comuni. Tra una pizza, una coca cola e tan- te risate, sono tornato a casa molto contento e arricchito dell esperienza fa a Spero che presto si possa ripetere un altra uscita istru va! Belfor Nicola I^A CAT Come ogni anno la nostra scuola, in collaborazione con l Università degli Studi di Parma, offre ai ragazzi delle classi quinte la possibilità di aderire al Progetto Corda, un progetto finalizzato ad orientare gli studenti nella scelta della Facoltà e a preparare gli stessi alla verifica finale presso l università parmense attraverso corsi pomeridiani di matematica svolti dalle insegnanti della materia: Michelotti Cinzia e Ribolla Anna Maria. Tale progetto, come lo si può dedurre dal nome Corda, fa da tramite tra la scuola superiore e l Università ed è una grande possibilità che la scuola offre ai maturandi in quanto, oltre ad agevolarli per il futuro, fa conoscere loro il metodo di studio e,soprattutto, il modo in cui si svolgono gli esami universitari. In pratica lo si può paragonare ad un trampolino di lancio, visto che offre molte agevolazioni agli studenti che hanno intenzione di proseguire gli studi proprio presso l Università di Parma. Infatti il superamento dell esame garantirebbe ad essi uno o due punti in più negli esami di matematica e l abbuono di una parte di esso presso la facoltà di Economia. Inoltre gli studenti che otterranno punteggi alti nell esame finale saranno esonerati dal pagamento della prima rata delle tasse e ciò è un ottima opportunità visto che alle volte,in tempo di crisi, molti ragazzi rinunciano agli studi per problemi economici. Il nostro Istituto dimostra ancora una volta di essere dalla parte degli studenti, di volerli spingere allo studio oltre che al mondo del lavoro, dimostrando che anche chi frequenta i tecnici può andare all Università ed ottenere buoni risultati!!! Giada Ricci 4^SIA

10 Numero I L Eco del Belmesseri Pagina 10 RAGIONIERI Complessivamente bene, sia con la classe che con i professori, l unica pecca è stata non avere avuto continuità da parte di questi in quanto siamo stati costretti ad abituarci a modo di insegnamento diverso. Come vi siete trovati durante questi 5 anni? GEOMETRI Molto bene, soprattutto nel triennio, non ne siamo assolutamente rimasti delusi. Per quanto riguardo i professori, ci siamo trovati bene in quanto questi sono stati sempre disponibili. In 3^ media, spesso è difficile fare la scelta giusta ma siamo sicuri che se tornassimo indietro rifaremmo la stessa scelta perché ci siamo trovati molto bene visto che l istituto offre materie interessanti e molto attuali. Perché avete scelto questa scuola? E se tornaste indietro, la rifareste? Si, faremmo la stessa scelta visto che questa scuola, se fatta a modo e con serietà, offre molti sbocchi sia per chi vuole continuare lo studio, sia per chi si vuole immettere nel mondo del lavoro. Certamente, soprattutto per quanto riguarda gli sbocchi professionali, ma anche per la serietà dei professori e di tutti i collaboratori dell istituto. Consigliereste questa scuola ad altri ragazzi? Molte persone criticano i tecnici definendoli scuole per chi non ha voglia di studiare, noi personalmente la consigliamo in quanto ci siamo trovati bene, anche dopo la nuova riforma. Oltre le varie uscite, tra cui quella molto interessante di Genova al museo del mare, quest anno, come in passato, la nostra scuola aderisce al PROGETTO CORDA che da l opportunità a noi maturandi di adattarci al mondo universitario. Le esperienze migliori? Migliore esperienza in assoluto: MALTA. Viaggio d istruzione indimenticabile che ha segnato noi ragazzi...da rifare altre 1000 volte!!! Da non sottovalutare il Progetto Corda che da delle agevolazione per chi avesse intenzione di continuare gli studi universitari. Rosi, ci è sembrato una persona che ha buone intenzioni, l abbiamo potuto notare con la modernizzazione avvenuta negli ultimi mesi che ha fatto diventare l ambiente scolastico molto più accogliente. Speriamo che queste iniziative non rimangano solo nell aria, ma diventino concrete a differenza degli anni passati. Confidiamo in lui per fare pubblicità e rendere migliore il nostro istituto. Come vi è parso il nuovo Preside? Con l arrivo del nuovo Preside, abbiamo notato notevoli cambiamenti positivi che a noi ragazzi hanno fatto una bella impressione, e ci terremo a ringraziarlo per la sua disponibilità e anche per l organizzazione dell assemblea. Sembra una persona che tiene sia al futuro della scuola che a quello dei ragazzi. Ismaele Veroni e Federico Ricolini 5^ AFM Marta Cariola, Andrea Leri e Michelangelo Federico 5^A CAT

11 Numero I L Eco del Belmesseri Pagina 11 Mercoledì 29 ottobre presso il campetto da calcio Puma si è svolta una partita che ha visto protagonista la classe 3^ SIA e due dei professori del nostro istituto: Pietro Affatato e Giuseppe Amalfa. L incontro è stato diretto da Lorenzo Cassiani arbitro per un giorno. La partita si è conclusa con la vittoria della squadra capitanata del professore di informatica composta da: Vannoni Luca, Agrò Emanuel, Angella Alessandro, Daniele Tamagna e Pappini Alex. La squadra avversaria, costituita da Thomas Biso, Borille Kevin, Oueslati Haithem, Talamini Marco e Amalfa Giuseppe, si è dovuta arrendere nei minuti finali. La sfida si è conclusa con il risultato di per la squadra di Affatato, fino a poco prima della fine della partita la formazione vincente era in netto svantaggio ma, compattandosi, è riuscita a ribaltare un risultato che sembrava ormai perso. Tutti i partecipanti, a fine incontro, non vedevano l ora di ripetere l esperienza, perché il calcio questa volta unisce alunni ma soprattutto professori che per un giorno si rendono protagonisti di una partita che fa passare un pomeriggio in allegria e sana sportività. La giornata non si poteva concludere in nessun altro modo se non con una foto che rimarrà negli annali di questo Istituto. Alex Pappini 3^ SIA Classe 2^ AFM Il nostro Is tuto offre, tra i vari indirizzi, quello spor vo che dà la possibilità ai ragazzi di impegnarsi in uno sport o un altro, trascorrendo una ma nata al Country Club, a Pontremoli, svolgendo a vità istru ve, ma allo stesso modo diverten come si può notare nelle foto.

12 Numero I L Eco del Belmesseri Pagina 12 Il diciottesimo meeting sui diritti umani toscano, inizia con un doppio inno: quello di Mameli e l'inno alla Gioia, cantato dai ragazzi e suonato dalla storica band i "Canti erranti. Il Mandela Forum di Firenze è strapieno e gremito come non mai, in platea e sugli spalti: quasi diecimila ragazzi delle scuole superiori arrivati da tutte e dieci le province toscane, posti a sedere tutti esauriti. I presentatori, introdotti dal padrone di casa Massimo Gramigni sono: il 'maestro' e cantante Roberto Vecchioni, da quattro anni partecipe del meeting, e la new entry Camilla Raznovich, conduttrice Rai. Tra i tanti ospiti sul palco, a salutare gli studenti sono arrivati anche il presidente della Regione, Enrico Rossi, e il sindaco del capoluogo toscano Dario Nardella. "Fatevi avanti, che il futuro è vostro - ha detto Enrico Rossi ai ragazzi, ricordando la nuova dimensione internazionale del meeting mentre Dario Nardella, in vista dell'expo 2015, ha lanciato ai ragazzi l'invito a non parlare solo di consumismo e turismo ma a riflettere sulle diseguaglianze nel mondo per combatterle. Ricordiamo anche che il meeting dedicato quest'anno alla pace, che si costruisce anche sullo sviluppo sostenibile, diventa europeo grazie al finanziamento dell'unione europea, a gennaio il meeting sarà esportato in Normandia e in Istria e dal 2015 si svolgerà in contemporanea nei tre paesi, un modo per riaffermare qualcosa che dovrebbe essere quasi scontato: cioè in un mondo globalizzato la sostenibilità è l obbiettivo principale che per essere realizzato ha bisogno di una dimensione globale. C'è spazio anche per la poesia grazie al maestro Vecchioni che intona Pablo Neruda in un palasport al buio illuminato da migliaia di piccole luci. Un canto alla pace e una parola per tutti, un inno all'amore e una speranza e poi sulle note anch'esse senza tempo di "Blowing in the wind" di Bob Dylan, il meeting ha il suo finale. Mattia Martinelli 3^AFM

13 Numero I L Eco del Belmesseri Pagina Orizzontali 2. Topo in inglese 3. A scuola è vietato 4. Chi è Umbè? 8. Sinonimo di Shoah 9. Sono utilizzati dagli studenti per cambiarsi 11. Viene organizzata in palestra periodicamente dai ragazzi di Le lavagne elettroniche del Belmesseri (sigla) 14. Cognome del nostro Preside 15. La usi in matematica 16. Manzoni ha scritto i Promessi 18. Il nostro bibliotecario 19. Il nostro Paese 20. Cheope, Chefren e Micerino sono... Verticali 1. Gli studenti l'aspettano con ansia 4. Il nome della scuola nell'immagine in alto 5. Il vulcano della Sicilia 6. In teoria si prende dopo 5 anni di scuola superiore 7. Lo state leggendo "intensamente" in quest'istante 10 Capitale francese ( immagine in basso). 13 Via della nostra scuola. 17 Lo scientifico è un....

14 Numero I L Eco del Belmesseri Pagina 14 Stelle di Natale Ingredienti : Farina 350 g Uova 4 tuorli Burro 250 g Lievito in polvere 8 g Zucchero 150 g Vaniglia 1/2 bacca Buccia grattugiata di 1 limone Ingredienti per decorare : Zucchero di canna Codette colorate Preparazione : Per preparare le stelle di Natale iniziate versando in una ciotola capiente la farina, il burro freddo tagliato a tocchetti, i 4 tuorli, lo zucchero, i semini di vaniglia, il lievito e la buccia del limone grattugiata. Amalgamate il tutto fino ad ottenere un blocco unico, stendete l impasto con un mattarello sulla spianatoia infarinata e formate una sfoglia. Con gli stampini a forma di stella ricavate tante sagome e disponete i biscotti nella teglia foderata con carta forno, spennellatele con del bianco d'uovo e cospargetele con zucchero di canna oppure zuccherini colorati (codette). Infornate a 180 per minuti. Considerate che i biscotti non devono prendere colore ma solo cuocersi e poi fateli raffreddare. BUON APPETITO!! LA REDAZIONE Capo-Redattrici: Ricci Giada, Gerali Selene Vice-Redattori: Tamagana Daniele, Pappini Alex, Trinchese Natalia, Ricolini Federico Redattori: Colombani Isabella, Davico Sofia, Ricci Aurora, Veroni Ismaele, Corsi Erika, Shahu Denada, Martinelli Mattia, Fregosi Federico Disegno: a cura di Giuseppe Mandaliti Pubblicato in data 11/12/2014

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA Mercoledì 11 dicembre abbiamo accolto gli amici delle quinte: vi raccontiamo la giornata...speciale. E' stato molto interessante ed istruttivo, a parer mio, far visitare, nel

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

1 Completate il cruciverba.

1 Completate il cruciverba. Esercizi 1 Completate il cruciverba. Orizzontali 1. Giulia scrive messaggini a tutti con il... 2. Che bello... gli amici! 3. Amo... lezione d italiano. 4. Il primo giorno di scuola conosco nuovi... Verticali

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

cantare in un concorso fare il gemellaggio con un altra scuola

cantare in un concorso fare il gemellaggio con un altra scuola Unità Per cominciare... Osservate le seguenti attività e iniziative. Di solito, quali di queste è possibile svolgere a scuola? fare lezioni di guida cantare in un concorso organizzare una mostra proteggere

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/14

ANNO SCOLASTICO 2013/14 ANNO SCOLASTICO 2013/14 LA LETTERA AL SINDACO L INVITO DEL SINDACO Palermo, 6 Novembre 2013 Caro Sindaco, siamo gli alunni della classe 4^ C della scuola Francesco Orestano che si trova a Brancaccio, in

Dettagli

Il 28 novembre 2015, noi classe 1^B, come tutti gli alunni del nostro Istituto, abbiamo aperto la nostra scuola al territorio. L esperienza è stata

Il 28 novembre 2015, noi classe 1^B, come tutti gli alunni del nostro Istituto, abbiamo aperto la nostra scuola al territorio. L esperienza è stata Il 28 novembre 2015, noi classe 1^B, come tutti gli alunni del nostro Istituto, abbiamo aperto la nostra scuola al territorio. L esperienza è stata molto positiva perché ci ha permesso di far conoscere

Dettagli

ALCUNE IMMAGINI DELLE NOSTRE ESPERIENZE DI QUESTI PRIMI MESI DI SCUOLA

ALCUNE IMMAGINI DELLE NOSTRE ESPERIENZE DI QUESTI PRIMI MESI DI SCUOLA ALCUNE IMMAGINI DELLE NOSTRE ESPERIENZE DI QUESTI PRIMI MESI DI SCUOLA PICCOLO BLU E PICCOLO GIALLO La storia di Piccolo blu e piccolo giallo ha fatto da filo conduttore per le attività dei primi giorni,

Dettagli

IN QUESTO NUMERO. Serata Halloween L angolo del Web A scuola di musica Passatempi

IN QUESTO NUMERO. Serata Halloween L angolo del Web A scuola di musica Passatempi . IN QUESTO NUMERO Serata Halloween L angolo del Web A scuola di musica Passatempi Cari lettori, questo è il primo numero del nostro giornalino: il CAVOUR 24 ore. Lo abbiamo preparato durante il laboratorio

Dettagli

Campus di orientamento per i bambini di quinta elementare

Campus di orientamento per i bambini di quinta elementare Campus di orientamento per i bambini di quinta elementare Sabato 14 dicembre sono venuti a farci visita i bambini di quinta elementare. La nostra scuola è stata inondata dalla gioia contagiosa di questi

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE

AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE CLASSE 4^ A -Soresina AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE FINALITA' Riflettere sulla propria identità - maschio-femmina- per imparare a valorizzare le differenze come un'opportunità

Dettagli

LA SCUOLA IN ITALIA UNITÁ 20

LA SCUOLA IN ITALIA UNITÁ 20 LA SCUOLA IN ITALIA In Italia, l istruzione è obbligatoria per otto anni, dai sei ai quattordici anni di età. La scuola dell obbligo inizia con la scuola elementare, che dura cinque anni, e continua con

Dettagli

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 Evento Flashmob Pensieri raccolti nel gruppo: Sabato ci siamo trovati al Centro e dopo aver indossato le magliette siamo andati tutti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità

Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità Il 6 dicembre 2013, grazie alla collaborazione tra il Liceo Scientifico G. Galilei e L Associazione AMU-Azione per un Mondo Unito

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

Modalità di scrittura Lilia Andrea Teruggi

Modalità di scrittura Lilia Andrea Teruggi Modalità di scrittura Lilia Andrea Teruggi Modalità di scrittura Scrittura spontanea individuale Scrittura spontanea in piccolo gruppo/a coppie Scrittura attraverso la mediazione dell adulto Scrittura

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

Document 1 : A scuola

Document 1 : A scuola Cognome : Nome : Classe : a. Compréhension de l écrit Document 1 : A scuola Associe chaque image à son texte. È mezzogiorno! È l ora di andare a mangiare con i compagni. Il cuoco della mensa prepara dei

Dettagli

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C P A G I N A 1 UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C Giorno 27 novembre, noi alunni della classe 5^ A Primaria del plesso Romana, ci siamo recati presso la sede centrale dell Istituto comprensivo Piero

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli QUADERNO DI LAVORO PER I GENITORI attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli Percorso per genitori di studenti/studentesse in uscita dalla scuola

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Lucio Battisti - E penso a te

Lucio Battisti - E penso a te Lucio Battisti - E penso a te Contenuti: lessico, tempo presente indicativo. Livello QCER: A2/ B1 (consolidamento presente indicativo) Tempo: 1h, 10' Sicuramente il periodo degli anni Settanta è per l'italia

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

NEWS dal CCR In redazione: Alberto, Alice, Ilaria, Mariarachele, Matteo, Mattia E con la collaborazioene di: Davide, Alessandra

NEWS dal CCR In redazione: Alberto, Alice, Ilaria, Mariarachele, Matteo, Mattia E con la collaborazioene di: Davide, Alessandra NEWS dal CCR In redazione: Alberto, Alice, Ilaria, Mariarachele, Matteo, Mattia E con la collaborazioene di: Davide, Alessandra In QUESTO Numero Il CCR sta per prendere la patente IL FUMO Percorso CITTA'

Dettagli

L ESERCITO DEI BISCOTTI

L ESERCITO DEI BISCOTTI L ESERCITO DEI BISCOTTI Siamo gli alunni del Convitto Nazionale Paolo Diacono, un Istituzione Educativa dello Stato, presente a Cividale del Friuli dal 1876. L offerta formativa del Convitto comprende:

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE LICEO SCIENTIFICO DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la

Dettagli

GLI ALUNNI DELLA I A

GLI ALUNNI DELLA I A GLI ALUNNI DELLA I A Descrivi la festa di Halloween soffermandoti sui preparativi, che l hanno preceduta, sul suo svolgimento e parla delle tue impressioni al riguardo. Con la scuola elementare di Puccianiello

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo adolescenti

Livello CILS A1 Modulo adolescenti Livello CILS A1 Modulo adolescenti MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

PROGETTO PON MATEMATICAMENTE

PROGETTO PON MATEMATICAMENTE PROGETTO PON MATEMATICAMENTE In quest anno scolastico nel nostro Circolo Didattico per la prima volta si è realizzato il Progetto PON: Obiettivo C Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani

Dettagli

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA!

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! I piccoli reporter della Guglielmo Marconi intervistano la dott.ssa Laura Bottini, psicologa che collabora con il nostro istituto. A cura del gruppo 4 dei Piccoli Reporter Quando

Dettagli

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI Proseguire il lavoro svolto lo scorso anno scolastico sulle funzioni dei numeri proponendo ai bambini storie-problema

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle

L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle proteste dei docenti contro le ultime disposizioni del governo, avevamo deciso di non offrire nessuna attività extra-

Dettagli

www.metodobillings.it

www.metodobillings.it Si riporta nel seguito l intervista alla Dott.ssa Piera di Maria, riportata alla pag. 11 del Bollettino. La versione integrale del bollettino e scaricabile dal sito del C.L.O.M.B. Centro Lombardo Metodo

Dettagli

Indovina chi è on line? : LT & Pinerolo. : LT & Genova

Indovina chi è on line? : LT & Pinerolo. : LT & Genova Documentazione a cura di Linda Giannini http://www.descrittiva.it/calip/0506/percorsi_lego.htm Indovina chi è on line? Ponte : LT & Pinerolo Ponte : LT & Genova Incontro sincrono con: Donatella Merlo Ins.

Dettagli

Relazione: una giornata a Torino.

Relazione: una giornata a Torino. Relazione: una giornata a Torino. Martedì 2 febbraio 2016 noi alunni della classe 2 A del Liceo Economico Sociale Lagrangia di Vercelli siamo andati in quel che è il capoluogo della nostra regione, per

Dettagli

La ricetta del campione

La ricetta del campione La ricetta del campione INGREDIENTI Passione Coraggio Forza di volontà Grinta Onestà Impegno Costanza Sacrificio Umiltà Tenacia Gioia Temperamento Unione Sportività Sicurezza Astuzia Amicizia Rispetto

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

Il giornalino della classe IV elementare scuola MADRE CABRINI di Torino

Il giornalino della classe IV elementare scuola MADRE CABRINI di Torino ì Il giornalino della classe IV elementare scuola MADRE CABRINI di Torino Cari giovani non sotterrate i talenti, i doni che Dio vi ha dato! Non abbiate paura di sognare cose grandi Papa Francesco La redazione

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Scuola dell'infanzia Cibeno Pile Scuola Primaria don Lorenzo Milani. L'ALFABETO delle fiabe si fa GIOCO

PROGETTO CONTINUITÀ. Scuola dell'infanzia Cibeno Pile Scuola Primaria don Lorenzo Milani. L'ALFABETO delle fiabe si fa GIOCO PROGETTO CONTINUITÀ Scuola dell'infanzia Cibeno Pile Scuola Primaria don Lorenzo Milani L'ALFABETO delle fiabe si fa GIOCO I primi giorni di aprile, tornati dalle vacanze di Pasqua, il postino ci porta

Dettagli

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!!

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! 1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! Dalla testimonianza di Alessandro: ho 15 anni, abito a Milano dove frequento il liceo. Vivo con i miei genitori ed una

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

IL VERBO. Il bambino gioca. Le farfalle volano. Il pallone rimbalza.

IL VERBO. Il bambino gioca. Le farfalle volano. Il pallone rimbalza. Leggi attentamente e impara. IL VERBO In grammatica il verbo è una parola che indica che cosa fa una persona, un animale o una cosa. Il verbo risponde alla domanda oppure .

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Intervento di Fabio Beltram, Direttore eletto Scuola Normale Superiore (in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Signor Presidente della Repubblica mi permetta di unire la mia personale gratitudine

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia?

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia? La nostra biografia Ecco la rielaborazione degli alunni di 5^ dell anno scolastico 2006/2007 delle notizie acquisite dalla lettura della sua biografia e dall incontro con il prof. Paolo Storti, ex allievo

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5.

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. 1) Ciao Laura e ben trovata, parliamo del Campionato appena terminato, un ottimo risultato della vostra squadra

Dettagli

Piera De Giorgi, insieme ad alcune riflessioni di due studenti del Canudo : Simone Ungaro e Tiziano D Ambrosio

Piera De Giorgi, insieme ad alcune riflessioni di due studenti del Canudo : Simone Ungaro e Tiziano D Ambrosio Al termine del progetto Comenius che ha portato a Gioia studenti e docenti provenienti dalla Turchia, si torna tutti alla solita routine, ma con tanti bei ricordi e nuovi amici. Di seguito un breve resoconto

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012

IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012 IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012 Ho seguito, insieme ai miei alunni, due percorsi differenti che poi si

Dettagli

LA CASA DI NONNA ITALIA

LA CASA DI NONNA ITALIA dai 9 anni SERIE BLU scuola primaria LA CASA DI NONNA ITALIA UN RACCONTO SULLA COSTITUZIONE AUTORE: P. Valente SCHEDE DIDATTICHE: P. Valente ILLUSTRAZIONI: M. Bizzi PAGINE: 128 PREZZO: 7,50 ISBN: 978-88-472-1409-5

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità è un [ ] processo di crescita per gli alunni con disabilità e per i loro compagni.

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità è un [ ] processo di crescita per gli alunni con disabilità e per i loro compagni. L integrazione scolastica degli alunni con disabilità è un [ ] processo di crescita per gli alunni con disabilità e per i loro compagni. la presenza di alunni disabili non è un incidente di percorso, un

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

A me è piaciuto molto il lavoro in aula computer perché era a coppie e poi ho potuto imparare ad usare il computer. Anche il

A me è piaciuto molto il lavoro in aula computer perché era a coppie e poi ho potuto imparare ad usare il computer. Anche il Noi abbiamo fatto un progetto con il computer che è durato tanto ma è stato bellissimo, perché abbiamo fatto i disegni di una favola. Abbiamo usato un nuovo programma e Luisanna ha creato un nuovo programma

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

Il laboratorio di musica

Il laboratorio di musica Il laboratorio di musica Il laboratorio di musica si inserisce nei laboratori facoltativi pomeridiani e a differenza degli altri laboratori, che hanno una durata quadrimestrale, dura per tutto l anno.

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIUSEPPE GARIBALDI

ISTITUTO COMPRENSIVO GIUSEPPE GARIBALDI ISTITUTO COMPRENSIVO GIUSEPPE GARIBALDI VIA ABRUZZI 41, FRAZ. SCALO 81059 VAIRANO PATENORA (CE) SISTEMA QUALITA AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO 1 QUESTIONARIO ALUNNI anno scolastico 2010/2011 2 Da considerare

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

Gli alunni delle classi IV e V, il dieci marzo duemilaotto, hanno ospitato nella palestra dell edificio scolastico, il direttore della banca Popolare di Ancona, ente che ha finanziato il progetto Ragazzi

Dettagli

CENTRO - PERIFERIA: ANDATA E RITORNO NEWSPAPER IN RETE EDIZIONE STRAORDINARIA NUMERO UNICO-TIRATURA LIMITATA MAGGIO 2014

CENTRO - PERIFERIA: ANDATA E RITORNO NEWSPAPER IN RETE EDIZIONE STRAORDINARIA NUMERO UNICO-TIRATURA LIMITATA MAGGIO 2014 CENTRO - PERIFERIA: ANDATA E RITORNO NEWSPAPER IN RETE EDIZIONE STRAORDINARIA NUMERO UNICO-TIRATURA LIMITATA MAGGIO 2014 5 scuole per un Curricolo verticale di Rete I.C. VIA DELLE CARINE I.C. MARINO CENTRO

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA G. PASCOLI - SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA G. PASCOLI - SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA G. PASCOLI - SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI INSEGNANTI DELLA SEZIONE 5 ANNI G. PASCOLI INSEGNANTI DELLE CLASSI 1ª E 5ª DELLA SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Maria, Matteo, Victor, Stefania, Samuele

Maria, Matteo, Victor, Stefania, Samuele Un giorno, finita la scuola siamo passati dal bar per comprare le cicche. Eravamo a piedi, desiderosi di fare due passi all'aria aperta e di goderci la bella giornata. Quando siamo usciti dal bar è arrivato

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli