IL GIRONE DEI DISPERATI (di Mario Calabrese)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL GIRONE DEI DISPERATI (di Mario Calabrese)"

Transcript

1 IL GIRONE DEI DISPERATI (di Mario Calabrese) 1. SPIRITO DI SACRIFICIO Bryan era nell Interspace riservato ad Axel, essendo responsabile delle azioni del Drago durante il viaggio per giungere a Technmiracle. <<Tu sei davvero convinto di potercela fare da solo?>> <<Non sono da solo, ci sono i miei amici e Axel.>> <<Non ti saranno di alcun aiuto, quando dovrai scontrarti con Kind e Sagaz.>> Bryan si girò verso Mason Jaxen, che si era teletrasportato all interno dell Interspace per parlare con lui. <<Hai scelto di farti aiutare da me, perciò si fa a modo mio.>> <<Fai come ti pare. Se morirai, mi basterà andare da tuo fratello e dirgli chi ti ha ucciso, per salvare la mia azienda.>> <<Abbiamo già sconfitto Kind e Sagaz, possiamo farlo ancora!>> <<Questo non è esatto. L altra volta tu e Absestos Boy li avete spediti ad Ever-Fog attraverso un portale creato da Shana. Stavolta sarà una battaglia dagli esiti mortali.>> <<Non è la prima volta che sono costretto ad uccidere un mio avversario.>> <<Ti ho già spiegato che Kind e Sagaz ora sono più forti e apparentemente invincibili. Se non scopri il trucco, non potrai mai vincere.>> Bryan si mise a passeggiare pensieroso, mentre l uomo proseguiva il suo discorso. <<Dovrai essere pronto a superare i limiti che ti sei imposto, altrimenti non ce la farai contro di loro!>> <<L ho già fatto.>> disse Bryan, pensando a quello che gli era successo a Ysecond. <<Prendere a pugni il tuo alter ego non significa niente. Le persone sono brave a farsi del male.>> Bryan si avvicinò a Mason, fissandolo dritto negli occhi. <<Che cosa ti aspetti da me?>> <<Il tuo ex caposquadra non ha equilibrio interiore, ma è ancora al suo posto malgrado ciò che ha fatto negli anni. Sai perché?>> <<Ha amici che lo proteggono all interno del C.A.N.D.>> rispose Bryan sarcasticamente. <<Non solo per quello. Mario Russo combatte senza risparmiarsi e usa ogni tecnica che ha a disposizione, perché lui sa che a volte per battere il tuo avversario, devi divenire simile a lui, sacrificando te stesso.>> <<Non voglio diventare un mostro per poter sconfiggerne degli altri!>> <<La scelta è tua, Bryan Porter. Comunque vadano le cose, io salverò la Zavro Jaxen!>> Mason Jaxen sparì, lasciando Bryan nell Interspace con il suo Drago e i suoi pensieri. <<Perché non hai fatto convocare i proprietari delle multinazionali da Shana e Gloria per il summit?>> <<Conosco Mason Jaxen da vent anni, Sagaz. Sono sicuro che tra poco riceveremo visite e dovremo batterci per non essere sconfitti.>> <<Nessuno conosce il segreto dell invincibilità mia e di Kind, tranne tu e tuo figlio. Se terrete la bocca chiusa, non avremo problemi.>> <<Non voglio coinvolgere i proprietari delle multinazionali, finché i nostri nemici non saranno morti.>> <<Se Bryan Porter viene fin qui mi fa solo un piacere, perché non dovrò andare a stanarlo a casa sua.>> Shana e Gloria ascoltavano i discorsi dei due, sorvegliate da un Demone Subcroc e un Dragontropo Artificiale. Avevano seri dubbi che Bryan potesse farcela contro i due fratelli e il loro esercito. <<Dove avete portato Donald, cosa volete fargli?>> domandò Shana a Roy. <<Preoccupati di te stessa, ti restano un paio di giorni di vita se sarai fortunata.>> rispose l uomo. Sagazcroc ruotò di scatto la testa in direzione della stazione degli Interspace e sorrise maligno. <<Chiama Kind e digli di radunare i Dragontropi. Dobbiamo andare ad accogliere i nostri ospiti!>>

2 2. NIENTE PRELIMINARI Gli occhi dei passeggeri in attesa alla stazione degli Interspace erano tutti su Axel, che seguiva docilmente Bryan portando Fiammetta sulla sua groppa, affiancato dal resto del gruppo. <<Qualunque cosa accada, non separarti mai da Axel.>> <<E tu promettimi che farai tutto quello che è in tuo potere, per tornare da me.>> <<Cosa facciamo, andiamo dritti alla Zavro Jaxen?>> <<Non li senti Bruno?Sono loro che stanno venendo da noi.>> rispose Lucio. <<Sono almeno un centinaio e noi siamo solo in otto.>> disse Mauro. <<Hai dimenticato Axel e poi dubito che Bryan e Lucio si occuperanno dei soldati.>> <<Otto ha ragione. Noi dobbiamo pensare ai generali.>> disse Bryan. <<Questo vuol dire che ci tocca affrontare circa quattordici nemici a testa.>> intervenne Dante. <<Ci stanno aspettando, questo vuol dire che avremo uno scontro frontale.>> disse Giada. <<Anche se ne avessimo eliminato qualcuno di nascosto, ci avrebbero scoperto.>> replicò Flaminia. Una volta usciti dalla stazione, Bryan e i suoi amici dovettero fare pochi metri per vederli avanzare verso di loro. Erano nelle loro sembianze umane, Kind e Sagaz non erano nel gruppo, ma Bryan li sentiva vicini. Due figure fecero qualche passo avanti, sovrapponendosi al gruppo. Erano Zack e un altro uomo. <<Faccio fatica ad accettare che il povero Zack sia diventato un nemico pericoloso!>> esclamò Fiammetta. <<Hanno arruolato anche Franco Marchegiani nel branco dei Dragontropi.>> disse Otto. <<Lo conosci?>> domandò Bryan. <<Ho avuto a che fare con lui tempo fa.>> A un cenno della mano di Zack e Franco, i due schieramenti partirono alla carica contro il gruppetto di Bryan. <<Aspetta il mio segnale, Axel.>> Durante la loro corsa, Dragontropi e Demoni cambiarono aspetto e quando furono a dieci metri, Bryan dette il segnale al suo Drago. Axel spalancò le fauci e colpì gli aggressori con una potente fiammata, ruotando la testa a destra e a sinistra per non mancarne nessuno. Quelli più vicini vennero inceneriti sul colpo, i più fortunati furono ridotti a corpi carbonizzati, che si sarebbero rigenerati in breve tempo. Bryan e Lucio camminarono in mezzo ai loro avversari bruciacchiati e momentaneamente innocui, per superarli e trovarsi faccia a faccia con Kind e Sagaz. Ai due ragazzi bastò guardarli per vedere il cambiamento. Kind non era più un cucciolo irruento, ma un Dragontropo adulto e pericoloso. Sagazcroc invece, era diventato fortissimo rispetto a prima. <<Ti sei portato il tuo animaletto domestico. Quando sarai morto, penserò anche a lui.>> <<Stavolta non sarà due contro uno, Sagaz.>> rispose Bryan. <<Pensi davvero che il tuo amico Absestos Boy possa farcela contro mio fratello?>> <<Se non devo guardarmi le spalle da te, non ci saranno problemi.>> replicò Lucio. I quattro avversari si studiarono ancora per qualche secondo, poi Lucio si lanciò contro Kind, che cercò subito di agguantarlo con i suoi artigli, ma si scontrò con lo scudo generato dall estremità di una Prolunga. Lucio lasciò che la sottile incisione che divideva tutto il suo corpo si aprisse, lasciandosi avvolgere dalla pelle in amianto che l avrebbe protetto dai Pugnali di Carne di Kind. Il Dragontropo sbatté le ali prendendo il volo per atterrare sul tetto di un palazzo e Lucio lo seguì, arrampicandosi sulle pareti del medesimo sfruttando le Prolunghe delle braccia. <<Direi di non perdere tempo, Sagaz. Andiamo al dunque.>> <<Come preferisci, Uomo Drago.>> Bryan iniziò ad aumentare la sua temperatura, raggiungendo in pochi secondi il Quarto Stadio.

3 3. SCENARIO DI GUERRA Kind serrò di scatto le fauci cercando di addentare il collo di Lucio, ma il ragazzo lo scansò indietreggiando e lo attaccò con un Poker di Pugni al petto con tutte le Prolunghe, facendolo volare oltre il tetto del palazzo. Il Dragontropo arrestò la sua corsa con pochi colpi d ala e sprigionò una fiammata congelante contro Lucio, che parò l attacco con gli scudi generati dalle Prolunghe delle gambe. Sfruttando quelle delle braccia, Lucio ruotò su se stesso e colpì Kind con il Pugno Prolunghe Intrecciate. Giù in strada sembrava fosse scoppiata una guerra. Axel avanzava a passo sicuro colpendo con le sue terribili fiammate gli avversari, anche se i più riportavano bruciature superficiali. Per questo Mauro e Giada lo proteggevano stando alle sue spalle, mentre Bruno, Dante e Flaminia affiancavano il Drago. Otto era l unico abbastanza folle e coraggioso da precedere il Drago di Bryan, affrontando i nemici da solo. Improvvisamente un Demone Subcroc si parò di fronte a Otto e si mise in posizione di guardia. <<Ti ricordi di me Otto?Sono Zack, il sacerdote Oscroc. Non ti lascerò distruggere i servi del mio signore!>> Otto lo mise in ginocchio con un front-kick rapidissimo e lo stese con un low kick alla testa. <<Avrai anche i poteri di un Subcroc, ma non sei in grado di combattere.>> Bryan e Sagaz avevano iniziato a combattere. La prima mossa era stata del Demone Krokodil, che aveva cercato di colpirlo con un diretto sinistro in piena faccia, ma l Uomo Drago lo schivò e ricambiò con un crochet lungo destro, che andò a segno, scaraventando Sagaz a terra. Il Demone sprigionò tre raggi della disperazione da bocca e mani, ma Bryan si tolse dalla traiettoria e cercò di colpirlo con una fiammata lanciata dalle fauci, che andò a vuoto. <<Sei diventato ancora più veloce, oltre ad aver aumentato la forza e tutto il resto.>> <<Ho superato mio fratello Hellcroc in potenza, non potrai farcela.>> Bryan tornò a terra e Sagaz fu subito da lui, provò un gancio destro, ma il ragazzo si fece scudo col braccio e contrattaccò con un uppercut sotto la mascella di Sagaz, che stordito com era, non poté sfuggire all axe kick a gamba arretrata diretto alla testa e poi allo spinning kick di Bryan, che gli fece attraversare le pareti di otto grattacieli, prima di potersi fermare. Quando Bryan l ebbe raggiunto volando sulle ali di Drago, Sagaz si stava rimettendo in piedi e lo guardò sorridendo. <<Ti diverte essere pestato dal sottoscritto?>> <<Mi diverte il tuo spreco di energie. Queste ferite stanno già guarendo e tu non sai come uccidermi.>> <<Questo non puoi saperlo.>> <<So che è stato Mason Jaxen ad avvertirti e lui ci ha provato prima di te. Non vincerete mai!>> Bryan piombò addosso a Sagaz, il Demone gli bloccò entrambi i pugni con le sue mani e lo colpì con una serie di ginocchiate al petto. Destra, sinistra e così via, finché Bryan non crollò sulle ginocchia. <<Allora, cosa si prova ad essere pestato dal sottoscritto?>> domandò in tono di scherno. Con uno scatto, Bryan affondò entrambe le ginocchia nel petto di Sagaz, che stramazzò a terra senza fiato. Bryan afferrò Sagaz per le spalle tirandolo su e lo lanciò di peso, facendogli perforare altri cinque edifici in linea diagonale. Kind aveva afferrato le estremità di due Prolunghe di Lucio e sbilanciandolo, ne approfittò per tirargli una serie di calci al petto, per poi spedirlo a terra con un pugno in pieno viso. Non contento, Kind gli mise anche un piede sullo stomaco facendo pressione, ma commise l errore di non curarsi delle altre due Prolunghe, che Lucio lasciò avvolgere attorno al suo collo, per poi colpirlo con gli Scudi in Sincronia ai lati della testa.

4 4. BATTERIE DI RISERVA Mentre sopra al palazzo Lucio e Kind si stavano riprendendo, per le strade di Technmiracle le forze dell ordine avevano avuto la pessima idea di mettersi in mezzo, divenendo facili prede dei Dragontropi che si nutrirono di loro per recuperare le forze. Gli abitanti di Technmiracle erano in preda al panico e stavano sgomberando l area dove si stava svolgendo la battaglia. Otto riuscì a liberare alcuni agenti di polizia e soccorrere dei civili, dicendo ai primi di ritirarsi perché non avrebbero potuto fare niente contro quelle creature, ai secondi disse di allontanarsi da lì. Dante era stato ferito gravemente ad un braccio, così Flaminia gli stava fianco a fianco, Bruno aveva una brutta ferita ad una gamba ed era costretto a combattere sul dorso di Axel. Mauro aveva un piccolo taglio vicino al sopracciglio, ma non stava perdendo un colpo e Giada una ferita al fianco da Pugnale di Carne, alla quale sembrava indifferente. <<Ma questi non muoiono mai?>> domandò ad un certo punto Bruno. <<I Dragontropi rimasti sono circa una trentina, i Demoni Subcroc hanno qualche elemento in più.>> Mentre Otto parlava, Zack lo attaccò dall alto, ma il ragazzo si limitò a flettere la gamba come volesse eseguire un front high-kick. Zack sbatté contro quella gamba con lo stomaco e cadde a terra emettendo un rantolo per la mancanza d ossigeno. Bryan colpì Sagazcroc in pieno petto con i lanciafiamme, scaraventandolo contro un palazzo che tremò fino alle fondamenta per l impatto. Sagazcroc aprì le fauci e lanciò un raggio nero, ma Bryan lo schivò e mi se a segno un gancio sinistro che fece saltare qualche dente al Demone. Sagaz premette la mano contro il petto di Bryan e lo colpì con un raggio della disperazione a piena potenza, dopodiché gli tirò una testata alla base del collo, scaraventandolo via. Bryan perforò quattro edifici rimasti ancora integri prima di fermarsi e mentre si riprendeva, Sagaz lo raggiunse. Stando in ginocchio, Bryan fece scattare il collo e generò un colpo di lanciafiamme dalle fauci contro il Demone, colpendolo in pieno volto. <<Non stai risparmiando energie, Uomo Drago.>> Bryan si rimise in piedi, scattò verso sinistra e sparò con tutti e tre i lanciafiamme, centrando il suo nemico. Sagazcroc si ritrovò col corpo quasi del tutto carbonizzato, ma continuò a parlare con disinvoltura. <<Questi ultimi attacchi mancavano di potenza. Cominci ad essere a corto di energie, non è vero?>> Bryan stava recuperando fiato, mentre le ustioni di Sagaz si riducevano gradualmente per effetto della rigenerazione. <<Sarai anche in grado di guarire all infinito, ma anche tu resterai a corto di energie.>> <<Sono un Demone Krokodil, la mia energia è la disperazione degli esseri umani. Gli abitanti di questa città saranno le mie batterie viventi.>> Detto ciò, Sagaz iniziò ad emettere il suo invisibile flusso della disperazione, per generare energia dalle persone più vicine. <<E tu credi che io sia venuto fin qui senza prendere delle contromisure?axel!>> Non appena udì la voce del suo padrone, il Drago si sollevò in aria, individuò la sua posizione e sparò una fiammata a piena potenza. Bryan si sollevò in aria e con le mani tese all indietro, intercettò la fiammata assorbendola dentro di sé e recuperando le sue forze al 100%. <<La cosa si fa interessante. Io prendo energia dagli umani e tu dal tuo Drago. Quale batteria si scaricherà per prima?>> <<Non ti lascerò fare del male ad altra gente!>> Una volta terminato il caricamento, Bryan fu addosso a Sagaz e lo colpì prima con un destro e poi un sinistro al muso, lo fece piegare con una ginocchiata allo stomaco e lo stese con una gomitata alla testa.

5 5. KIND E SAGAZ AL CONTRATTACCO Kind aveva messo a segno dieci calci in sequenza di eguale potenza allo stomaco di Lucio, poi lo afferrò alla testa con un mano, mentre con l altra si accaniva con una serie di pugni al petto, che lasciarono il ragazzo senza fiato. Dopo il trattamento del Dragontropo, Lucio si reggeva a stento in piedi, ma il Dragontropo non gli dava tregua e fu solo grazie alla Cupola Respingente, che Lucio evitò danni ben peggiori, quando il Dragontropo cercò di infilzarlo con i suoi Pugnali di Carne. Tuttavia il Dragontropo riuscì a fare breccia tra le Prolunghe con una pedata che raggiunse Lucio al fianco e sfruttando l abbassamento di guardia dell avversario, Kind sollevò la gamba e colpì Lucio alla nuca con una specie di axe-kick che portò il ragazzo dal tetto dell edificio al piano terra, facendogli attraversare settanta piani in linea retta senza ascensore. Bryan schivò il calcio di Sagaz diretto al volto, lo colpì con un low kick a gamba avanzata facendolo barcollare e poi lo fece volare con un back-kick devastante. Sagaz colpì di striscio diversi edifici e ne attraversò un altro prima di fermarsi e salire sul tetto di quest ultimo, per fare cenno a Bryan di seguirlo. L Uomo Drago lo assecondò senza rendersi conto che l obiettivo del Demone era quello di allontanarlo il più possibile dal suo Drago, così quando avrebbe esaurito di nuovo le sue energie, lo avrebbe fatto a pezzi. Nel frattempo l esercito di Kind e Sagaz si era ridotto ad una trentina, tra Demoni Subcroc e Dragontropi Artificiali. Gli amici di Bryan avevano riportato altre ferite, Dante usava una delle sue spade per tenersi in piedi, perché un Dragontropo lo aveva azzannato alla caviglia destra, rendendola quasi inservibile. Mauro aveva esaurito le frecce e adesso combatteva all arma bianca col suo coltello da caccia e gli ultimi coltelli da lancio che gli erano rimasti, Giada aveva una ferita al braccio ed una alla spalla e Bruno non era più in grado di combattere, dopo che aveva ricevuto una brutta ferita alla testa e una al petto da un Dragontropo. Otto e Flaminia erano ancora in prima linea supportati dalle fiammate di Axel. Il primo era abituato alle ferite mortali e la seconda era già morta. <<Andiamo Dragontropi, finiamo il lavoro!>> gridò Bonita ai suoi simili. <<Il nostro padrone vuole la morte di costoro, rendiamolo fiero di noi!>> fece eco Gabriel ai Demoni. <<Partono di nuovo alla carica. Sei pronta Flaminia?>> <<Io sto bene, tu cerca di non strafare!>> disse lei, osservando le ferite di Otto, che erano ben più gravi di quelle degli altri. Cinque Dragontropi si scagliarono su Flaminia e cinque Demoni Krokodil contro Otto, mentre i restanti puntarono il gruppo di Axel. Otto squarciò la gola ai primi due nello stesso momento, congelò il terzo, schivò l attacco del quarto e azzannò il quinto alla gola, per poi scagliarlo contro l avversario che stava per attaccarlo di nuovo. Otto infilzò entrambi i Demoni con i suoi Pugnali di Carne, poi li scagliò assieme agli altri nella traiettoria di una fiammata di Axel. Flaminia decapitò i primi due Dragontropi e attirò gli altri tre nella linea di tiro di Axel, mentre Mauro, Giada e Dante proteggevano il Drago dagli attacchi alle spalle. Fiammetta aveva il Cristallo Mutatio di Helen di Falco al collo e quello funzionava meglio di una squadra di guardie del corpo. <<Non ce la faccio più!>> disse ad un certo punto Giada. <<Dobbiamo resistere, ormai ne sono rimasti in pochi.>> la incoraggiò Mauro. <<Continuavo a rigenerarsi all infinito e sembrano immuni alla fatica.>> <<Ma non sono immuni al dolore e alla morte. Attenti alla prossima carica!>> gridò Otto.

6 6. MASON CONTRO ROY Teddy Foster osservava incredulo lo spettacolo che si stava svolgendo nella sua città, mentre suo padre Roy appariva impassibile. <<Stanno radendo al suolo la nostra città, hanno scatenato un inferno!>> <<Technmiracle ha già provato altre volte l inferno, non è la prima volta che uomini Drago e altre creature usano questa città come campo di battaglia. Domani ricostruiremo gli edifici e saranno più belli di prima.>> <<Tu credi che ce la faranno, papà?l esercito di Kind e Sagaz ormai è ridotto all osso!>> <<Un esercito si può riformare, l importante è che ci siano i generali per farlo.>> <<L Absestos Boy le sta prendendo di santa ragione, ma Bryan continua a dare filo da torcere a Sagaz.>> <<Sagazcroc ha un piano preciso, vedrai che le cose cambieranno presto anche su quel fronte.>> Bryan schivò il sinistro di Sagaz e lo colpì con un cross al petto. Il Demone Krokodil mise una mano sul petto dell Uomo Drago e lo colpì con un raggio della disperazione a piena potenza. Bryan vacillò e Sagaz infierì con un altro raggio della disperazione al volto, poi cominciò a colpirlo con un serie di ganci destri alla mascella. Improvvisamente Bryan ficcò la mano aperta nella fauci di Sagaz e sparò un colpo di lanciafiamme alla massima potenza. Il Demone venne scaraventato a terra a parecchi metri di distanza con le mascelle spalancate dalle quali fuoriusciva un fumo nero e denso. Bryan ne approfittò per riprendere fiato e si rese conto che presto avrebbe avuto bisogno di altra energia da Axel. Fu in quel momento che si accorse che il suo Drago era dall altra parte della città. Bryan spiccò il volo e utilizzò le Piante Incendiarie per andare più veloce, ma a metà strada si materializzò Sagazcroc dinanzi a lui. Non era ancora guarito del tutto, ma non era intenzionato a far passare l avversario. <<Dove credi di andare?>> Il Demone cercò di attaccarlo, ma Bryan fece scattare le gambe e gli sferrò un doppio calcio, colpendo con le piante dei piedi dalle quali sprigionava ancora la fiamma ossidrica. Bryan colpì Sagaz al muso con una serie di jab, poi eseguì un high front-kick che fece precipitare il Demone di sotto. Bryan riprese la sua avanzata per raggiungere Axel e il resto della squadra, quando venne colpito alle spalle da tre raggi della disperazione a piena potenza, che provocarono la sua caduta libera verso il suolo. Lucio colpì Kind con una Prolunga, ma il Dragontropo l afferrò e lo tirò di peso verso di sé, infilzandolo con i Pugnali di Carne. Lo spessore della pelle in amianto fece penetrare le dita di Kind per metà, ma Lucio non riusciva ad avere un attimo di respiro e non sapeva per quanto ancora avrebbe potuto reggere agli attacchi dell avversario. L Absestos Boy arretrò per liberarsi dei Pugnali di Carne e indietreggiò mentre Kind avanzò sicuro, finché le Prolunghe delle gambe che Lucio aveva fatto sprofondare nel terreno non uscirono aggrappandosi alle gambe di Kind, immobilizzandolo. Lucio sollevò le Prolunghe delle braccia come serpenti in posizione d attacco e le estremità divennero teste di Dragontropi. <<Adesso si cambia gioco, Kind.>> <<E se Bryan e Lucio riuscissero ad eliminare Kind e Sagaz?>> <<Solo il bastone Fulgor può ucciderli. E poi Sagaz è invincibile con l Herzkrok. >> rispose Roy a suo figlio. <<Grazie mille, amico. Temevo di doverti torturare per avere delle informazioni, ma per nostra fortuna parli sempre un po troppo.>> Roy si girò e vide Mason Jaxen alla sua sinistra, che afferrò rapidamente il bastone Fulgor appoggiato sulla scrivania del suo ex amico e sparì prima che padre e figlio potessero fare qualcosa.

7 7. PRIMA VITTORIA Mauro venne colpito alle spalle da un Demone Subcroc, mentre ne infilzava un altro, tre Dragontropi stavano cercando di immobilizzare Giada che si dibatteva furiosa, Bruno e Dante erano stati già fatti prigionieri, Otto e Flaminia avevano quattro avversari addosso per ciascuno e Axel cercava di colpire alcuni Demoni e Dragontropi che si muovevano molto velocemente. <<Toglietevi di mezzo ragazzi, voglio essere io ad eliminare il nero!>> esclamò Zack, venendo verso i Demoni che stavano dando filo da torcere a Otto. <<Ehi ragazzina!ordina al tuo Drago di cessare il fuoco, altrimenti uccidiamo i tuoi amici!>> esclamò Renaud, mentre il suo amico Franco teneva i Pugnali di Carne contro le gole di Bruno e Dante. Otto si accorse della situazione e approfittando dell intervento di Zack, lo afferrò per un braccio e utilizzandolo come un martello da lancio, mise al tappeto i suoi avversari e lo scagliò contro Renaud e Franco. Il primo fu colpito in pieno, il secondo quando sentì Otto dire ad Axel di fare fuoco, se la dette a gambe. Dopo aver incenerito Renaud, Axel puntò i Dragontropi che infastidivano Giada e con soffi precisi a raggio d azione limitato, li colpì uno dopo l altro riducendoli in cenere. Otto trapassò i cuori dei Demoni Subcroc contro i quali stava combattendo, prima di scagliarli in aria per far giocare Axel al tiro al piattello. <<Allora, chi è rimasto da eliminare?>> domandò Otto ironicamente. Solo in quel momento i ragazzi si resero conto di essere rimasti da soli, non c era più traccia dei nemici. <<Abbiamo vinto, c è l abbiamo fatta!>> gridarono Bruno e Dante. <<Strano, credevo che ce ne fossero degli altri.>> disse Giada. <<Ho la sensazione che alcuni di loro siano scappati.>> aggiunse Flaminia. <<Hai ragione, ma non possiamo inseguirli in queste condizioni.>> disse Mauro. <<Fatemi dare un occhiata alle vostre ferite, curerò quelle più gravi prima di andare da Bryan e Lucio.>> Bryan si rimise in piedi a fatica, mentre Sagazcroc avanzava verso di lui, ormai guarito. L Uomo Drago notò distrattamente il ciondolo che il suo avversario portava al collo, quando quest ultimo cominciò a bersagliarlo di raggi della disperazione. Bryan riuscì a schivarli tutti, ma non si accorse che Sagaz gli era arrivato alle spalle, finché non sentì il suo braccio stringersi attorno al collo, mentre l altro gli bloccava le braccia. <<Ti sei illuso di venire fin qui e di potermi fregare, ma io sono troppo furbo e potente per te.>> <<Se fossi così furbo, staresti lontano da me!>> esclamò Bryan. L Uomo Drago andò in Irradiazione Esterna e Sagazcroc dovette staccarsi all istante da lui, a causa delle fiamme ossidriche. Bryan si girò e lo colpì con un heel-kick a gamba arretrata, con il quale Sagazcroc devastò un altra fila di edifici passandoci attraverso. Bryan si diresse verso di lui a tutta velocità, il Demone cercò di colpirlo con i raggi, ma l Uomo Drago li schivò tutti e lo colpì in pieno petto con una fiammata generata dalle fauci, che butto giù Sagaz. <<Maledizione!La sua forza è nettamente aumentata rispetto a prima!comunque non ha importanza, finché ho con me l Herzkrok.>> disse Sagaz, accarezzando il ciondolo della sua famiglia. Bryan lo fissava mantenendo le distanze e Sagaz avanzò a passo sicuro. <<Quell ultimo colpo di lanciafiamme aveva meno potenza dei precedenti. Stai per rimanere di nuovo a corto di energie, ma non ti lascerò andare dal tuo Drago.>> <<Ed io non ti permetterò di usare gli abitanti di Technmiracle per recuperare le forze.>> <<Lo sto già facendo. Io posso usare il flusso della disperazione anche quando combatto, sebbene il raggio d azione sia più limitato.>> <<Sei un essere disgustoso!>> gridò Bryan, lanciandosi di nuovo all attacco contro Sagaz.

8 8. IL SEGRETO DEL BASTONE FULGOR Roy Ross e suo figlio non sapevano che Mason era entrato già una volta nel palazzo prima di rubare il bastone Fulgor. La prima volta aveva prelevato Shana e Gloria che erano state rinchiuse in un ufficio agli ultimi piani, per portarle in strada. <<Perché ci stai aiutando?>> domandò Gloria. <<Ho bisogno dell aiuto di Shana e so che non mi avrebbe aiutato, se mi fossi rifiutato di salvarti.>> <<Che cosa vuoi da me?>> domandò la ragazza. <<Tu sei una strega. Il potenziamento di Kind e Sagaz è frutto di un incantesimo, come il loro ritorno a Technmiracle.>> disse, porgendole il bastone. <<Roy dice che solo il bastone può ucciderli, ma deve essere usato in un certo modo. Scopri qual è il segreto, così Porter e l Absestos Boy potranno eliminare quei due.>> <<Io non so se potrò farcela.>> disse Shana. <<Sei la figlia di Varsos Russell, mi aspetto che tu ci riesca.>> Shana sobbalzò quando udì il nome di suo padre. Lei e Zara non l avevano mai conosciuto, visto che aveva lasciato la famiglia quando lei era molto piccola. <<Come fai a conoscere mio padre?>> <<Chi credi che abbia chiamato per redigere il Reditus Vitae che mi ha permesso di ritornare tra i vivi?>> <<Va bene, ma in cambio voglio che mi aiuti a liberare Donald.>> <<Come vuoi, ma voglio darvi un consiglio. Prima che termini la battaglia, andate via da Technmiracle. Che Roy vinca o perda, si vendicherà per quello che gli avete fatto.>> Otto aveva raggiunto prima Lucio e Kind, mentre quest ultimo stava attaccando l amico. Rapidissimo Otto distolse l attenzione del Dragontropo dall amico, aprendogli quattro tagli al fianco con i Pugnali di Carne. <<Grazie Otto, ma preferisco che tu vada ad aiutare gli altri.>> <<L esercito di Kind e Sagaz è stato sterminato. Restano solo i generali.>> <<Quando vi avremo uccisi, io e mio fratello ne formeremo uno più potente e numeroso.>> disse Kind. <<Come stanno gli altri?>> domandò Lucio. <<Stanchi e feriti, ma si riprenderanno. Stanno prestando soccorso agli abitanti, come vorrebbe Bryan.>> <<Non credo che ce la faremo contro di lui. Continua a rigenerarsi come Sagazcroc.>> <<Non sono venuto da solo.>> Kind alzò lo sguardo e vide Axel volteggiare sopra le teste di Lucio e Otto, pronto a dare manforte ai due. Kind lanciò una fiammata contro Axel, che prontamente rispose. I due getti di fuoco si incontrarono a metà strada, quale dei due avrebbe prevalso sull altro? Bryan si rialzò dopo aver subìto l assalto di Sagazcroc. Ormai era allo stremo, aveva energia sufficiente per rimanere al Quarto Stadio, per quello che gli poteva servire vista la situazione. <<Sei finito Bryan Porter. Il tuo Drago non farà in tempo a salvarti stavolta, ammesso che i miei Demoni Subcroc non l abbiano già ucciso.>> <<Non conosci Axel. A quest ora i tuoi scagnozzi saranno stati ridotti in cenere!>> Sagaz partì all attacco contro Bryan e lo centrò con un pugno al petto, facendogli percorrere una distanza ben più elevata di quella che aveva percorso lui, quando era stato colpito dall Uomo Drago. Bryan uscì a fatica dalle macerie di un edificio, sebbene fosse ritornato al Primo Stadio. <<Axel, ho bisogno di te!ti prego, vieni il prima possibile!>> gridò a squarciagola. Aveva esitato a chiamarlo fino a quel momento, perché non voleva lasciare i suoi amici da soli contro tutti quei mostri. Purtroppo Bryan non era più riuscito a raggiungerli e forse ormai era troppo tardi.

9 9. IL DOLORE E L IRA DI SAGAZ Bryan non aveva percepito la presenza di Mason Jaxen al suo fianco, finché non si girò e lo vide. <<Non pensavo saresti intervenuto.>> <<Mi sono reso conto che i tuoi amici di Explosive Volcano sono troppo difficili da gestire.>> Sagazcroc aveva visto Mason, ma sapeva che su di lui gli attacchi erano inutili e viceversa, così puntò le mani contro Bryan per colpirlo con un altra dose di raggi. L Uomo Drago li evitò per pura fortuna. <<Non posso affrontarlo in queste condizioni, è troppo potente.>> <<Allora devi portarlo al tuo livello.>> <<Come faccio?>> <<Sei un pessimo osservatore. Non ti sei accorto del gingillo che Sagaz porta al collo?>> Bryan non ebbe bisogno di chiedere altro. Attivò le Piante Incendiarie, si lanciò contro Sagaz e cercò di distruggere il ciondolo con un pugno, ma Il Demone arrestò la sua corsa con un axe-kick che lo scagliò con violenza al suolo, facendolo rimbalzare per il contraccolpo. <<Cosa credevi di fare?io mi sono tolto lo sfizio di usare una delle tue mosse su di te.>> Bryan rimase a terra e Sagaz sollevò il piede per schiacciarlo. A quel punto Bryan gli afferrò l altra gamba con le piante dei piedi e generò le fiamme a pressione, facendo cadere Sagaz fra atroci dolori. Bryan si gettò con un balzo sul Demone Krokodil, gli strappò dal collo l Herzkrok e usò le sue ultime energie per liquefare l oggetto. <<Che tu sia dannato!>> gridò Sagaz, colpendo Bryan con un gancio destro e scaraventandolo contro un palazzo già compromesso, che crollò dopo l impatto dell Uomo Drago. <<Avrai anche distrutto l Herzkrok, ma nelle condizioni in cui ti trovi posso ucciderti senza problemi.>> <<Forse io non potrò batterti, ma ci penseranno i miei amici a vendicarmi.>> disse Bryan, uscendo dalle rovine dell edificio. Kind e Axel avevano ingaggiato uno scontro all ultimo sangue, mentre Lucio recuperava le forze e Otto era tornato in strada ad aiutare la gente di Technmiracle. <<Absestos Boy!>> gridò una voce alle sue spalle. Lucio si voltò e afferrò istintivamente il bastone Fulgor che gli aveva lanciato Mason. <<Shana dice che l arma è legata a Kind e Sagaz tramite un incantesimo di condivisione, dove ricorre un determinato numero.>> Lucio fissò l arma nella speranza di una risposta, poi alzò lo sguardo e vide Kind ferire Axel infilzandolo ai fianchi con tutti i Pugnali di Carne. Il sole andava e veniva quel giorno a causa delle nuvole, ma Lucio decise di usare una lama del bastone per dirigere il suo riflesso contro gli occhi del Dragontropo. Fu in quel momento che vide il nome di Kind scritto sul piatto della lama e capì. Axel e Kind erano troppo in alto per Lucio, ma lui aveva tenuto nascosto ai suoi amici il fatto di aver sviluppato il Terzo Stadio. Dalla schiena dell Absestos Boy uscirono due ali in amianto e spiccando il volo, raggiunse le due creature. <<Axel, fatti da parte!>> Il Drago obbedì e prima che Kind potesse realizzare che Lucio stava volando, quest ultimo gli fu di fronte e lo pugnalò al cuore con la lama del bastone che portava il suo nome. Kind lanciò un lungo e straziante lamento e pronunciò il nome di suo fratello, prima di disintegrarsi. Sagaz stava finendo di eliminare Bryan, quando si bloccò portandosi una mano al petto inorridito. <<KIND NOOOO!>> gridò il Demone Krokodil in preda al dolore più autentico che avesse mai provato. Bryan sorrise, Lucio c è l aveva fatta. Si augurò che anche Fiammetta e gli altri stessero bene.

10 10. BRYAN OLTRE OGNI LIMITE Dopo pochi istanti di dolore, Sagaz fissò Bryan e la sua espressione divenne furiosa e vendicativa. Il Demone spiccò un balzo all indietro e l Uomo Drago sentì che il flusso di disperazione si era fatto più forte. <<Tu e i tuoi amici non salverete nessuno. Se mantengo il flusso di disperazione a questa potenza, entro un ora tutti gli abitanti di Technmiracle si saranno tolti la vita.>> <<Fermati Sagaz!>> <<Se vuoi fermarmi, dovrai uccidermi!>> <<Bryan!>> Il ragazzo alzò lo sguardo e vide Lucio volare accompagnato da Axel, che consegnò il bastone Fulgor al suo padrone. Bryan notò che mancava una delle due lame. <<Due lame, due fratelli e due poteri condivisi. Uccidi Sagaz con la lama rimasta intatta e sarà finita.>> <<Lucio, vai ad aiutare gli altri. Dobbiamo impedire agli abitanti di Techmiracle di suicidarsi!>> Lucio corse a recuperare tre uomini che si erano appena gettati da un grattacielo, mentre Axel soffiava la sua fiamma contro Bryan per rinvigorirlo. <<Dov è finito Sagaz?>> Un baule fu gettato ai piedi di Bryan e un attimo dopo il Demone Krokodil atterrò davanti a esso. Sagaz aprì il baule e Bryan dovette allontanarsi, a causa dell enorme cristallo Mutatio al suo interno. <<Credevi che ti avrei affrontato, senza portarmi dietro uno di questi?al Primo Stadio, la tua forza è inferiore di poco alla mia. Senza gli Stadi Evolutivi, non puoi aumentare i tuoi poteri.>> Bryan pensò ad una possibile soluzione, gli venne in mente la promessa fatta a Fiammetta e le parole di Mason, infine prese la sua decisione. <<Sei un idiota Sagaz. Gli Stadi Evolutivi non servono solo ad aumentare i miei poteri, ma a proteggere la mia metà umana dall aumento improvviso della temperatura.>> <<E cosa succederà, se proverai ad aumentare i tuoi poteri senza trasformarti?>> <<Lo scopriremo tra poco.>> disse Bryan. Arrivò alla temperatura massima del Primo Stadio e continuò ad aumentare. Arrivato a ventunomila gradi la pelle divenne rossa, come se avesse trascorso una giornata al mare senza crema solare. A ventiduemila gradi sugli avambracci e i polpacci di Bryan iniziarono a formarsi delle piccole vesciche che gli procurarono un intenso dolore. L Uomo Drago crollò in ginocchio, mentre il suo avversario rideva di gusto. <<Fa male Bryan?Quello che stai provando adesso è il principio di quello che hanno subìto tutti quelli che hai colpito con le tue fiamme.>> Incurante del dolore, Bryan continuò ad innalzare la sua temperatura. Arrivato a ventitremila, altre vesciche erano apparse sul petto, a ventiquattromila ne vennero altre sulla schiena e sul viso. Bryan dovette fermarsi a venticinquemila e crollò disteso a terra. La pelle era rossa ed il suo corpo era ricoperto da vesciche da ustione di secondo grado, ma adesso era alla pari con Sagaz. Il Demone Krokodil era rimasto a godere della sofferenza del suo avversario fino a quel momento, ma a sorpresa si avvicinò a Bryan che si stava rialzando e gli sferrò un calcio all addome, lo afferrò con una mano alla gola e tenendolo sollevato prese a colpirlo, alternando un pugno e un calcio in sequenza. Alcune vesciche iniziarono ad aprirsi e Bryan gridò di dolore, doveva reagire. Afferrò il braccio di Sagaz con le mani e il Demone lo lasciò andare all istante, ritrovandosi con due ustioni di terzo grado. <<Che razza di tecnica è questa?l ultima volta che ci siamo scontrati non la conoscevi.>> <<Ho appreso questa tecnica dal mio caposquadra. Non ho mai voluto usarla in battaglia, ma tu sei la seconda persona che mi costringe a farlo.>> Bryan si piegò mantenendo le gambe dritte e stracciò il tessuto dei jeans all altezza del ginocchio, gettando via i lembi di stoffa. Un ottima imitazione di Mario Russo.

11 11. MONITO PER IL FUTURO <<Cosa credi di fare?in quelle condizioni, io ti buttò giù con un solo calcio.>> Bryan raccolse il bastone Fulgor e si mise in guardia. Sagaz cominciò a sparare raggi della disperazione all impazzata, ma l Uomo Drago li deviò ruotando il bastone magico e correndo incontro al suo nemico. Sagaz tirò un calcio contro Bryan, che lo parò usando il bastone, allora provò un pugno al volto, ma l Uomo Drago inclinò l arma e anche quell attacco venne assorbito dall oggetto. Sagaz afferrò il bastone e tentò di strapparlo via dalle mani di Bryan, ma quest ultimo tenne duro e sferrò una pedata incandescente all addome di Sagaz, costringendolo a indietreggiare e mollare la presa. Bryan ruotò il bastone e colpì Sagazcroc al muso con l estremità senza lama, con un altra rotazione ferì il Demone al fianco, ma poi l Uomo Drago fu colpito da un raggio in pieno volto e si ritrovò disarmato. Sagaz colpì Bryan con un calcio allo stomaco, stampandolo contro il muro di un grattacielo, lo raggiunse e afferrandolo per la testa, lo scaraventò con forza a terra, formando una rete di crepe nel punto d impatto. Con un piede il Demone Krokodil girò Bryan sulla schiena e provò ad infilzarlo con il bastone, ma all ultimo istante Bryan afferrò il bastone con la mano bloccandolo e condusse tutto il calore del suo corpo all arma. Sagaz lasciò immediatamente il bastone a causa delle ustioni sulle mani, Bryan si rimise in piedi e lo trafisse con la lama allo stomaco. <<Le ferite del bastone guariscono più lentamente, per tua sfortuna.>> <<Come hai fatto a riprenderti così in fretta?>> <<Siamo alla pari, ma adesso aumenterò ancora la mia temperatura.>> <<Vale la pena stare a guardarti, mentre ti fai venire le ustioni di terzo grado.>> Bryan arrivò a ventiseimila e poi ventisettemila. L Uomo Drago gridò quando sugli avambracci apparvero le prime ustioni di terzo grado a macchie, ma durò poco, perché a quello stadio arrivava l insensibilità delle parti lese. Bryan barcollò e fu sul punto di cadere, ma tenne duro e alzò il bastone per parare la raffica di calci che Sagaz prese a sferrare contro di lui. Bryan arrivò a ventinovemila gradi senza Stadio Evolutivo con due ustioni di terzo grado che partivano dal polso fino ad arrivare al gomito. L Uomo Drago scoprì la guardia e lasciò che Sagaz lo prendesse a calci sul petto, per fargli ustionare i piedi. Bryan ferì il suo avversario pugnalandolo prima ad una gamba e poi all altra, poi lo colpì con un colpo di lanciafiamme in pieno petto, mandando il Demone Krokodil contro uno dei pochi edifici rimasti intatti. Sagazcroc afferrò il Cristallo Mutatio e lo scagliò contro Bryan, l Uomo Drago lo intercettò con la lama del bastone Fulgor infilzandolo, per poi scaraventarlo lontano da lì. <<Non ti servirà a nulla, il raggio d azione di quel Cristallo copre tutta Technmiracle!>> Bryan non rispose e raccogliendo le forza che gli erano rimaste, attivò le Piante Incendiarie scagliandosi contro l avversario, tenendo il bastone Fulgor dinanzi a sé. Sagazcroc afferrò due sbarre di metallo dall estremità appuntita e sollevandole sopra la testa, andò incontro a Bryan a tutta velocità, per trapassarlo. Bryan e Sagaz attaccarono nello stesso momento, ma mentre le sbarre di metallo si sciolsero come gelato prima ancora di toccare il corpo dell Uomo Drago, la lama del bastone Fulgor penetrò nel petto del Demone Krokodil, perforando il suo cuore. Sagazcroc alzò la testa ed emise un lungo lamento, poi guardò Bryan e pronunciò le sue ultime parole. <<Credi che sia finita qui?non sai quello che ti aspetta >> Sagaz si disintegrò come suo fratello Kind, senza completare la frase. Bryan lasciò cadere il bastone Fulgor e crollò al suolo, mentre la sua temperatura scendeva in picchiata. Non sapeva se le sue ustioni sarebbero guarite del tutto, ma sapeva che quando si sarebbe risvegliato avrebbe rivisto i suoi amici. E questo fu sufficiente per farlo sorridere.

12 12. DI NUOVO INSIEME <<Bryan, apri gli occhi!andiamo su, non farmi preoccupare!>> esclamò Fiammetta. <<Sarebbe una novità per me.>> rispose con un filo di voce, aprendo gli occhi. Erano tutti lì, feriti, stanchi, ma vivi. Bryan vide che il suo corpo era guarito mentre era privo di sensi, non gli era rimasta una sola cicatrice, a parte quelle già presenti. <<Non mi avevi detto di avere raggiunto il Terzo Stadio.>> disse a Lucio. <<Tu non mi avevi detto che potevi aumentare i tuoi poteri, andando in autocombustione.>> <<A proposito, come avete fatto a ritornare umani senza farvi colpire dal Cristallo Mutatio?>> <<Axel l ha distrutto sbriciolandolo con un morso.>> disse Mauro. Bryan si alzò sostenuto da Fiammetta e si accorse che mancava Otto all appello. Prima che potesse chiedere, vide l amico uscire da un edificio in compagnia di Zack. <<Tutto ok ragazzi, lui verrà con me a Bergamo. Ora che Sagaz è morto, non darà più problemi.>> <<Ma questo non vuol dire che io e voi siamo diventati amici!>> mise in chiaro il Demone Subcroc. <<L importante è che tu non ci dia un valido motivo per eliminarti.>> disse Mauro. Bryan e Fiammetta si misero un po in disparte dal resto del gruppo per parlare in privato. <<Ho deciso di dare una mano alle vittime di questa guerra, Fiammetta. Alle famiglie dei dipendenti della Zavro Jaxen e agli altri abitanti di Techmiracle.>> <<Dovremo occuparci anche di Roy Ross e di suo figlio.>> disse la ragazza. <<Andremo a scambiare due parole con loro prima di andarcene, per convincerli a deporre le armi.>> <<Non sarà difficile, ora che hanno perso i loro alleati sovrannaturali.>> Bryan avvicinò il viso a quello di Fiammetta e si baciarono. FINE RACCONTO

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley Giochi tradizionali adatti alla pallavolo ASINO Si può giocare in un numero imprecisato di bambini che si mettono in cerchio; si tira la palla a colui che lo precede e così via. Quando si sbaglia (la palla

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città Siamo Solo Noi Siamo solo noi che andiamo a letto la mattina presto e ci svegliamo con il mal di testa che non abbiamo vita regolare che non ci sappiamo limitare che non abbiamo più rispetto per niente

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA

ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA Molto spesso arrivo a scuola in ritardo per colpa di un semaforo che diventa verde dopo molto tempo o di persone in auto che non mi vogliono far passare sulle

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

ALUNNI DI CLASSE TERZA CASPOGGIO

ALUNNI DI CLASSE TERZA CASPOGGIO ALUNNI DI CLASSE TERZA CASPOGGIO I CAVALLUCCI MARINI Un giorno, ad una gara di corsa, un cavalluccio marino sfidò un altro cavalluccio marino. Si chiamavano Pippo e Lucio. Pippo era coraggioso, umile e

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Il principe Biancorso

Il principe Biancorso Il principe Biancorso C era una volta un re che aveva tre figlie. Un giorno, stando alla finestra con la maggiore a guardare nel cortile del castello, vide entrare di corsa un grosso orso che rugliava

Dettagli

La strada che non andava in nessun posto

La strada che non andava in nessun posto La strada che non andava in nessun posto All uscita del paese si dividevano tre strade: una andava verso il mare, la seconda verso la città e la terza non andava in nessun posto. Martino lo sapeva perché

Dettagli

Perché affrontare il tema dell inquinamento?

Perché affrontare il tema dell inquinamento? Perché affrontare il tema dell inquinamento? Il problema dell'inquinamento dell'aria a Piacenza è serio e grave. Naturalmente sappiamo che non è grave solo nella nostra città, ma in tutta l Emilia Romagna

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Leggere, ascoltare, navigare

Leggere, ascoltare, navigare Leggere, ascoltare, navigare L AMORE CONTA di Maurizio Ermisino Fausto Podavini ha seguito per due anni una coppia: un marito malato di Alzheimer, una moglie che l ha seguito con devozione. È nato così

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

Sequenza Disintossicante

Sequenza Disintossicante Sequenza Disintossicante Lezioni e suggerimenti pratici di Kundalini Yoga HTTP://WWW.LEVIEDELDHARMA.IT 1 Sequenza Disintossicante Lezioni e suggerimenti pratici di Kundalini Yoga Detoxification Sequenza

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Pio Lando Di Stefano, un arzillo nonnino di novanta anni, ha vissuto gli orrori della seconda guerra Mondiale ed ha

Pio Lando Di Stefano, un arzillo nonnino di novanta anni, ha vissuto gli orrori della seconda guerra Mondiale ed ha Libertà. Per capire il significato di questa parola, bisogna conoscere il significato della parola opposta: prigionia. Questo termine significa essere prigionieri, schiavi, servitori di un padrone. Non

Dettagli

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati,

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, L'indifferenza Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, nei suoi bagni che odorano di fumo di sigarette aspirate avidamente hai subito

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

L uso delle mani e del corpo

L uso delle mani e del corpo PARTE SECONDA 77 78 1 L uso delle mani e del corpo Il contatto: massimo Il contatto delle mani e, quando possibile, delle avambraccia sul corpo, deve essere pieno e senza interruzioni. Durante il massaggio

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

E poi aggiunse - Non voglio giocare a pallamuso, è solo per la fontanella, giuro! Gli avversari_

E poi aggiunse - Non voglio giocare a pallamuso, è solo per la fontanella, giuro! Gli avversari_ Gli avversari_ (leggi la prima parte) Dopo un po che si allenavano, Zio Champion disse loro di fermarsi e di bere qualcosa, sgridandoli, quando scoprì che non avevano portato nulla da bere! - È importante

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Song Book WWW.ALPHAGENERATION.IT/PDGWT

Song Book WWW.ALPHAGENERATION.IT/PDGWT Parola della Grazia Worship Team Song Book WWW.ALPHAGENERATION.IT/PDGWT Ti servirai di me ( 2006 Giovanni Di Sano & Marta Cascio) Verse Sol#Min Si5 Fa#5 Mi Mio Signore Mio Salvatore Fatti Conoscere Sol#Min

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni CANZONE: QUESTO VESTITO BELLISSIMO Giacobbe: Ecco, figlio qui per te una cosa certo che ti coprirà, ti scalderà, e poi sarà un pensiero mio per te. Ti farà pensare a me, al

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

L albero di cachi padre e figli

L albero di cachi padre e figli L albero di cachi padre e figli 1 Da qualche parte a Nagasaki vi era un bell albero di cachi che faceva frutti buonissimi. Per quest albero il maggior piacere era vedere i bambini felici. Era il 9 agosto

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

I tre pesci. (Favola araba)

I tre pesci. (Favola araba) Favolaboratorio I tre pesci I tre pesci. (Favola araba) C'erano una volta tre pesci che vivevano in uno stagno: uno era intelligente, un altro lo era a metà e il terzo era stupido. La loro vita era quella

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

!"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente

!#$%&%'()*#$*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente !"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente Il Primo Pilastro del Biker Vincente Domina ogni terreno con lo sguardo Qual è secondo te la differenza tra un biker vincente, (quelli che ti superano

Dettagli

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1 All. 1 1 All. 2 2 All. 3 Visione I sequenza: La partenza I. Chi sono queste persone? Che cosa fanno? Come sono? E. sono i parenti e gli amici. X. Sono contenti perché sperano che trovano lavoro. E. stanno

Dettagli

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE. Sai che cosa è la propriocezione? SI SENTIRE TUTTE LE PARTI DEL PROPRIO CORPO IN TESTA. Quindi essere padrone delle singole parti del proprio corpo in ogni momento

Dettagli

In realtà la vera domanda e : Come posso fare ad ottenere tutte quelle rivoluzioni?, ma la risposta ad entrambe le domande e la stessa.

In realtà la vera domanda e : Come posso fare ad ottenere tutte quelle rivoluzioni?, ma la risposta ad entrambe le domande e la stessa. Nella quarta parte di questi quattro articoli, andrò a rispondere alla domanda che mi viene posta più frequentemente: Come fanno i Professionisti ad ottenere tutte quelle rivoluzioni? In realtà la vera

Dettagli

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso Anna Contardi e Monica Berarducci Aipd Associazione italiana persone down AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso imparare A conoscere se stessi, Gli AlTri, le proprie emozioni collana Laboratori per

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI!

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! sono un ragazzo di sedici anni trasferito da quasi due anni in Germania e ho avuto la strana idea di esporre un libro sulla vita di ognuno di noi.. A me personalmente non

Dettagli

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley I giochi tradizionali adatti alla pallavolo e Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley ricerca e composizione di: Rosario Ravalli docente regionale allenatori FIPAV Foggia Questo piccolo

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli