LOTTO 2 SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LOTTO 2 SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO"

Transcript

1 ALLEGATO B AL CAPITOLATO LOTTO 2 SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO Struttura e numero utenti La struttura e il numero di utenti destinatari delle prestazioni oggetto del presente appalto in riferimento al LOTTO 2 è la seguente: - Nuovo Centro Socializzazione Calenzano, Via Matteotti Calenzano 14 utenti Descrizione e tipologia della struttura E una struttura semiresidenziale che accoglie persone adulte con disabilità psico-fisica o plurima, che necessitano di intensità assistenziale media e interventi integrati, di carattere educativo/abilitativo, per il mantenimento e lo sviluppo delle capacità residue e dei livelli di autonomia raggiunti. L immobile occupa una porzione di piano terra di un edificio condominiale per circa mq 400. La struttura è costituita da un ampia sala attività, oltre a stanze destinate rispettivamente a cucina, infermeria, sala relax/soggiorno, sala mensa, bagno assistito, bagni attrezzati per disabili, spazio per attività amministrative e altri locali di servizio. I requisiti minimi strutturali, organizzativi e professionali sono quelli individuati dal regolamento regionale approvato con D.P.G.R. 26 marzo 2008 n. 15/R regolamento di attuazione dell art. 62 della L.R n. 41 (Sistema integrato di interventi e servizi per la tutela dei diritti di cittadinanza sociale). La struttura è nuova e ospiterà gli utenti presenti nell attuale Centro di Socializzazione Le Prata, Via di Le Prata 69 a Calenzano. L autorizzazione al funzionamento della struttura ai sensi della L.R n. 41 verrà acquisita a cura della Stazione Appaltante. L affidatario dovrà collaborare con la Stazione Appaltante provvedendo, per quanto di competenza, a produrre e fornire la documentazione necessaria richiesta. L avvio delle attività resta subordinato a quanto previsto all Art. Durata del Disciplinare di gara. A fronte dell ottenimento della suddetta autorizzazione, la Stazione Appaltante potrà chiedere al Soggetto Affidatario di rivedere l organizzazione dei servizi previsti a fronte dell inserimento di un numero maggiore di utenti per il numero dei posti autorizzati. In tal caso, nello specifico, la Stazione Appaltante potrà richiedere al Soggetto Affidatario un incremento delle ore di assistenza alla persona e un aumento del numero dei pasti giornalieri forniti rispetto a quanto previsto nel presente documento. Funzionamento della struttura La struttura resterà aperta dalle ore 9.00 alle ore dal lunedì al sabato, tutti i giorni feriali dell anno dal 1 settembre al 31 agosto. Nel giorno del sabato e durante il mese di Agosto, fermo restando il suddetto orario giornaliero d apertura e la capienza prevista (14 utenti), il Centro potrà ospitare utenti provenienti dalle altre strutture del presente Appalto a seconda delle necessità individuate dalle assistenti sociali con i

2 familiari. I servizi da assicurare al sabato e nel mese di agosto sono i medesimi degli altri gg d apertura. Servizi da assicurare nella struttura Dovranno essere fornite agli ospiti i seguenti servizi socio assistenziali e complementari, nel rispetto di quanto previsto dal Capitolato, secondo le modalità e i parametri minimi di seguito indicati: - Servizio ordinario 1. Prestazioni di assistenza di base alla persona:123 ore settimanali. Si intendono comprensive di tutte le attività di assistenza tutelare, igiene e pulizia della persona, bagno assistito, cura della pelle, cambio della biancheria, assistenza nell assunzione del cibo, somministrazione pasti e sorveglianza degli ospiti finalizzata alla salvaguardia dell incolumità fisica e alla prevenzione di episodi di fuga. Non potranno essere computate in questo monte ore né le ore impiegate dal personale in attività di formazione, né quelle impiegate per l assistenza durante il servizio di trasporto né quelle impiegate per il servizio di pulizia della struttura se eventualmente svolto dallo stesso personale addetto all assistenza alla persona. 2. Prestazioni di assistenza infermieristica: 6 ore settimanali Comprendono in generale tutte le attività riconducibili, con riferimento alla tipologia delle strutture e dell utenza, al campo proprio delle attività e responsabilità determinate dal contenuto del Decreto Ministeriali n. 739 del , istitutivo del profilo dell infermiere, nonché dall ordinamento didattico del corso di diploma universitario/laurea e di formazione post base e dal codice deontologico. 3. Prestazioni di sostegno educativo e di attività di animazione e/o occupazionali: 84 ore settimanali. Comprendono tutte le attività di animazione, educative, socializzazione, ricreative ed occupazionali sia individuali che di gruppo svolte da operatori in possesso di qualifica e profilo idonei. Particolare attenzione dovrà essere prestata alle attitudini e possibilità del singolo, favorendo il mantenimento ma soprattutto lo sviluppo e potenziamento delle sue capacità personali e dell autonomia individuale anche attraverso la promozione di percorsi formativi finalizzati all acquisizione di competenze spendibili nel mondo del lavoro e/o percorsi di inserimento lavorativo in collegamento con la realtà locale, produttiva ed associativa. Andranno previste a livello progettuale anche attività diverse per fascia d età tenendo conto dell età e delle patologie degli ospiti. Nel progetto educativo andranno indicati i laboratori che il Soggetto Affidatario intenderà svolgere c/o la struttura e le relative modalità di realizzazione ed utilizzo tenuto conto delle caratteristiche strutturali dell immobile. Il Soggetto Affidatario potrà proporre a propria cura e spese eventuali interventi sull immobile finalizzati alla migliore realizzazione delle attività proposte. Tali interventi potranno essere effettuati solo a seguito di assenso da parte del Comune di Calenzano ed ottenimento delle eventuali necessarie autorizzazioni. 4. Servizio di pulizia: 33 ore settimanali. Dovrà essere svolto a perfetta regola d'arte, riguardare tutti gli spazi della struttura al fine di: - salvaguardare lo stato igienico-sanitario degli ambienti; - mantenere integro l'aspetto estetico e lo stato dei locali;

3 - salvaguardare le superfici sottoposte alle pulizie. Tutti i prodotti impiegati dovranno essere adeguati alla struttura e ai materiali. La pulizia dei locali, effettuata con prodotti igienizzanti biodegradabili nel rispetto della vigente normativa, è comprensiva delle pulizie dei pavimenti, soffitti, corrimani, ringhiere, muri, porte, maniglie, zoccoli, infissi e serramenti,doghe, controsoffitto, radiatori, pilastri, pareti, davanzali e materiale di arredamento, vetri e finestre, nonché degli spazi esterni di pertinenza della struttura. Nel progetto offerta dovranno essere indicate altresì attrezzature e macchine che la Ditta impiegherà per l'espletamento del servizio. Dovranno comunque essere svolte le seguenti attività: a) con cadenza quotidiana: svuotatura di cestini porta-carta, cestini porta-rifiuti spolveratura ad umido degli stipiti, bocchette d areazione e davanzali eliminazione di orme e pulitura con panni adeguati su vetri e specchi spolveratura a umido di letti (qualora presenti), comodini, scrivanie, poltrone, tavoli, sedie e mobili di ogni tipo pulitura con panni imbevuti di sostanze detergenti e disinfettanti tutte le superfici e gli oggetti soggetti all'uso comune, gli interruttori, le maniglie, ecc. pulizia, lavaggio, disinfezione con speciali prodotti ad azione germicida dei servizi igienicosanitari pulizia e lavaggio delle pareti dei servizi pulizia dei rubinetti, portasapone, porta salviette, porta rotoli, portarotoloni ed accessori pulizia di divani e stuoini lavaggio dei pavimenti di tutti i locali con sostanze detergenti e disinfettanti ed eliminazione di eventuali macchie o incrostazioni lavaggio e ripristino ogni qual volta si renda necessario e quindi anche più volte nell arco della giornata, dei locali di maggior frequenza quali corridoio, sala da pranzo e sala di soggiorno, sale attività deragnatura di tutte la superfici della struttura b) con cadenza periodica : con cadenza periodica, da specificare in sede di offerta, dovrà essere effettuata la pulizia a fondo di tutti i locali arredi ed attrezzature presenti nella struttura compresi infissi interni ed esterni, persiane, vetrate, ceratura delle superfici in linoleum, lavaggio e stiratura dei tendaggi verticali (se presenti) nonché dello smontaggio e rimontaggio di questi ultimi. Dovrà essere garantita altresì un adeguata pulizia degli spazi esterni di pertinenza della struttura compreso il taglio dell erba, potatura arbusti e di tutte le piante presenti e la derattizzazione e disinfestazione dei locali e spazi esterni secondo le caratteristiche della struttura. Il servizio è comprensivo delle attività di apparecchiatura e sparecchiatura, riordino e pulizia della sala adibita a refettorio, spazio sporzionatura, cucina, rigovernatura delle stoviglie. L appaltatore è tenuto al rispetto delle norme ambientali e di gestione e smaltimento rifiuti. In particolare l appaltatore dovrà predisporre un apposita procedura di gestione dei rifiuti finalizzata ad attuare una corretta separazione dei rifiuti urbani da quelli speciali e provvedere ad avviare i rifiuti urbani a raccolta differenziata e quelli speciali a smaltimento secondo le norme vigenti.

4 5. Servizio di ristorazione: la gestione del Servizio di ristorazione per gli utenti disabili del Centro è affidata alla Ditta appaltatrice che vi provvederà a proprio rischio e con propria autonoma organizzazione secondo quanto previsto dal Capitolato e da quanto di seguito specificato. Il Servizio c/o il Centro suddetto si intende comprensivo del pranzo. Il servizio dovrà essere effettuato nei gg di apertura del Centro di socializzazione, ovvero dal lunedì al sabato tutti i giorni feriali dell anno dal 1 settembre al 31 agosto. I pasti dovranno essere forniti mediante l utilizzo di Centri di cottura di proprietà della Ditta appaltatrice o di cui ne abbia l uso esclusivo o di proprietà o uso esclusivo di Ditte specializzate nell erogazione di servizi analoghi. I centri cottura utilizzati dovranno essere in regola con le disposizioni igienico-sanitarie e autorizzazioni previste dalla normativa in materia. I Centri cottura dovranno avere le capacità tecniche per assolvere alla produzione richiesta ed essere ubicati ad una distanza tale da consentire l esecuzione del servizio in tempi adeguati. La disponibilità di tali centri dovrà avere la durata di tutto l appalto. Il numero massimo di pasti giornalieri da erogare ammonta a 14. Il numero complessivo dei pasti giornalieri da produrre e da distribuire nel corso dell anno è pari a Il valore del servizio realizzato è quantificato annualmente in ,91 oltre IVA (10%); la valorizzazione del servizio è stata effettuata sulla base del costo medio attuale del servizio già erogato c/o le altre strutture oggetto dell appalto da parte dei Comuni della Zona ( 4,084) moltiplicato per il numero di pasti giornalieri da erogare (14) e i gg annuali di apertura della struttura (6 gg X 52 settimane). La valorizzazione suddetta del servizio è solo indicativa: il numero di pasti erogati potrà variare in base alle presenze giornaliere degli utenti frequentanti. La Stazione appaltante provvederà a comunicare eventuali variazioni al numero giornaliero di pasti da fornire in caso di sospensione, interruzione della frequenza di utenti, eventuali ulteriori inserimenti oltre quelli previsti (sulla base dell autorizzazione al funzionamento concessa), dandone preavviso alla Ditta appaltatrice di almeno 3 giorni. Tali variazioni non dovranno comportare modifiche al costo del singolo pasto fornito. La Stazione appaltante riconoscerà il costo annuale dei pasti effettivamente erogati. A tal fine, la Ditta appaltatrice provvederà a comunicare alla Stazione appaltante il numero mensile di pasti erogati attraverso la trasmissione delle bolle di consegna giornaliera dei pasti c/o la struttura e relativo documento riepilogativo analitico. Nelle suddette bolle dovrà essere evidente il riferimento alla struttura (quale destinataria della fornitura), al giorno di consegna e al numero di pasti forniti. Le bolle dovranno essere vistate dal personale della Ditta appaltatrice referente della struttura quale attestazione ufficiale di avvenuta fornitura. Alla fine di ogni annualità del periodo contrattuale la differenza di spesa tra i pasti complessivi effettivamente erogati e quelli previsti (4368) al costo sopra indicato al netto del ribasso offerto in sede di gara sarà richiesta ad integrazione o a diminuzione dell importo mensile erogato per il Servizio ordinario nella prima fattura utile. La Ditta appaltatrice si impegna ad erogare il servizio secondo quanto richiesto dalla Stazione appaltante e ad adempiere a quanto previsto dalla normativa in materia, nonché alle prescrizioni degli organi di vigilanza igienico-sanitaria, in tutte le fasi di erogazione dello stesso. 1) Tipologia del servizio richiesto: La tipologia del servizio richiesto prevede: a) preparazione e confezionamento dei pasti in contenitori multiporzioni termosigillati (idonei alla conservazione della temperatura); b) le derrate alimentari crude verranno porzionate in idonei contenitori; c) trasporto a norma di legge dei pasti prodotti e consegna c/o il Centro di socializzazione; d) sporzionamento e somministrazione dei pasti agli utenti;

5 e) apparecchiatura, sparecchiatura, rigovernatura delle stoviglie, riordino e pulizia delle sale mensa; f) ritiro dal Centro Socializzazione dei contenitori utilizzati per il trasporto e la distribuzione dei pasti; g) redazione tabella dietetica, menù, preparazione diete speciali e relativa supervisione nel rispetto della tipologia di utenti, nonché loro prescrizioni dietologiche e patologie, e di quanto altro specificato nel presente documento. Tutte le spese relative all erogazione delle prestazioni suddette ((ad eccezione di quelle riferite ai suddetti punti d) ed e) già comprese negli oneri previsti per il Servizio Ordinario c/o il Centro di socializzazione)) e quant altro connesso al buon andamento del servizio (fornitura pentole, stoviglieria, bicchieri, posateria, bavagli, tovaglioli, tovagliette occasionalmente anche a perdere e/o in monoporzione -, ecc) saranno a carico della Ditta appaltatrice e si intendono comprese nell importo erogato per il costo del pasto fornito. 2) Prenotazione dei pasti: La prenotazione del numero dei pasti da fornire c/o la struttura dovrà avvenire tramite comunicazione giornaliera da effettuare entro le ore 09:15 al Centro cottura da parte della Ditta Appaltatrice. L orario suddetto potrà variare su indicazione della Ditta appaltatrice in relazione alle necessità organizzative pur salvaguardando la possibilità di verificare la presenza degli utenti nei consueti orari di arrivo. La prenotazione verrà effettuata sulla scorta di menù predisposti per tipologia piatti e grammature da personale individuato dalla Ditta appaltatrice. La prenotazione dei pasti sarà effettuata su apposita modulistica concordata tra la Ditta appaltatrice e il Centro Cottura via fax o tramite supporto elettronico messi a disposizione dai suddetti. 3) Composizione del pasto: Il pasto, nel rispetto dei menù predisposti, è composto per utente da: a) un primo; b) un secondo; c) un contorno; d) un frutto/dessert/yogurt e) pane f) condimenti (olio extravergine di oliva, sale, aceto..) g) derrate per merenda La Ditta appaltatrice dovrà garantire la fornitura di acqua minerale naturale in bottiglie PET da 1,5 litri in quantità adeguate rispetto al numero di utenti e alle loro necessità in relazione anche al periodo annuale di fornitura (invernale, estivo, ecc). Nel corso dell appalto, potrà essere valutata dal Comune di Calenzano una diversa modalità di fornitura dell acqua ai pasti. Eventuali variazioni di spesa che l introduzione di tale modalità dovesse comportare saranno oggetto di specifici e reciproci accordi. Per la merenda dovranno essere forniti i generi alimentari (latte, tè - anche senza zucchero per diabetici-, caffè, cacao solubile, biscotti o altri preparati di forno, fette biscottate, frutta o succo di frutta, yogurt, zucchero, ecc). I costi relativi alla fornitura dei generi alimentari per la merenda si intendo già compresi nel costo del pasto fornito giornalmente agli utenti. La preparazione e somministrazione agli utenti che la richiedano sarà a cura del personale della Ditta appaltatrice operante c/o il centro di Socializzazione. 4) Menù Nell alimentazione dovrà essere tenuto conto della libera scelta degli utenti, compatibilmente con le prescrizioni dietologiche e le loro patologie. Il menù dovrà essere predisposto da personale individuato dalla Ditta appaltatrice e dovrà essere presentato in sede di progetto-offerta e preventivamente all avvio del servizio. Il menù dovrà essere articolato, salvo diverse e motivate esigenze della struttura, almeno su 4 settimane in una versione autunnale, invernale, primaverile ed

6 estiva per seguire la stagionalità degli alimenti, adottando preferibilmente il modello alimentare mediterraneo e avendo riguardo alla gastronomia tradizionale/locale. Il piatti proposti giornalmente dovranno corrispondere, per tipo e qualità, a quelli indicati nel menù. Il Menù dovrà essere esposto c/o il centro di socializzazione ed essere reso disponibile per le famiglie. Dovrà essere garantita la gradevolezza e il piacere del pasto. Il menù dovrà prevedere giornalmente la scelta per l utente tra: - tre primi; - tre secondi; - due contorni - frutta fresca di stagione/yogurt/dessert. In particolare dovrà essere previsto: - primo piatto: un alternativa almeno costituita da pasta o riso in bianco; - secondo piatto: un alternativa almeno costituita da formaggio tenero in confezione monodose; - contorno: di cui almeno uno di verdura cotta e uno di verdura cruda e sempre disponibile patate lesse; - frutta fresca lavorata, frutta fresca o frutta cotta di stagione o Yogurt o dessert (prodotto da forno, budino, ecc). Dovrà essere garantita, in caso di necessità, una sufficiente fornitura di integratori alimentari (proteici, per diabetici, addensanti, ecc) per far fronte di situazioni critiche dal punto di vista nutrizionale. 5) Specifiche tecniche relative alla predisposizione dei Menù e alle derrate alimentari occorrenti per la preparazione dei pasti Le derrate alimentari impiegate per la preparazione dei pasti dovranno possedere i requisiti previsti dalla normativa in materia e da eventuali disposizioni della ASL 10 FI. I menù dovranno essere predisposti sulla base della Tabella Dietetica elaborata per la tipologia di utenza da personale individuato dalla Ditta appaltatrice, nel rispetto di quanto previsto in materia dalla normativa e da disposizioni della ASL 10 FI. Non è ammessa la fornitura di alimenti derivanti da organismi geneticamente modificati (OGM) o che contengano ingredienti della stessa origine. E auspicabile l impiego di prodotti ottenuti con tecniche compatibili con l ambiente, quali agricoltura integrata e/o biologica, nonché tipici e tradizionali, prodotti IGP e quelli a denominazione protetta certificato ai sensi delle rispettive normative comunitarie di riferimento. E richiesta la fornitura, il più possibile, di alimenti stagionali. E auspicabile la provenienza di questi ultimi da filiera corta e/o a chilometro zero. Preventivamente all avvio del servizio, dovranno essere forniti alla Stazione appaltante Tabella Dietetica ed elenco dei fornitori dei prodotti utilizzati per la preparazione dei pasti. Tabella dietetica e il suddetto elenco dovranno essere rinviati alla Stazione appaltante a seguito di eventuali modifiche. La Tabella Dietetica dovrà essere presentata anche in sede di progetto-offerta. 6) Variazione rispetto ai menù programmati Il menù giornaliero potrà esser variato nei seguenti casi: a) guasti ad uno o più impianti/attrezzature necessarie alla realizzazione dei piatti previsti a menù; b) avaria delle strutture di conservazione dei prodotti deperibili; c) interruzione della produzione per causa di forza maggiore (sospensione erogazione energia elettrica, gas, ecc); d) scioperi o assemblee sindacali. In questi casi la Ditta appaltatrice informerà la Stazione appaltante dell impossibilità di fornire i piatti previsti dal menù e le relative alternative predisposte. La Ditta appaltatrice resterà comunque impegnata alla fornitura dei pasti anche quando per cause accidentali o per emergenze non sia possibile utilizzare il centro cottura individuato. Pertanto dovrà

7 indicare nel progetto-offerta altri centri cottura di appoggio utilizzabili dalla Ditta appaltatrice in alternativa in caso di emergenza o di particolari necessità. In caso di sciopero del personale della Ditta appaltatrice verrà riconosciuto dalla Stazione appaltante soltanto il costo sostenuto per il pasto erogati agli utenti eventualmente presenti c/o la struttura. La variazione del menù potrà avvenire anche in caso di costante non gradimento dei piatti da parte dell utenza. In tal caso la Ditta appaltatrice dovrà apportare la variazione al menù purché equivalente sotto il profilo dietetico ed economico. Nel caso in cui per la preparazione delle pietanze indicate nei menù fossero necessari ingredienti non previsti dalla tabella dietetica, la Ditta appaltatrice deve comunque provvedere al reperimento di quanto necessario senza alcun onere aggiuntivo per la Stazione appaltante. In particolari occasioni (feste, ricorrenze, ecc) o su esplicita richiesta della Stazione appaltante, la Ditta appaltatrice potrà predisporre menù alternativi (in sostituzione del menù comune del giorno) e fornire un maggior numero di pasti rispetto a quelli giornalmente previsti per gli utenti. Gli oneri aggiuntivi eventuali verranno riconosciuti previo assenso da parte della Stazione appaltante. 7) Diete speciali Dovranno essere previsti menù speciali (diete personalizzate) dietro presentazione di certificato medico e menù alternativi per motivi religiosi/culturali. I certificati medici e/o autocertificazioni perverranno alla Ditta appaltatrice direttamente dalle famiglie interessate. La preparazione delle diete speciali dovrà avvenire con la supervisione di personale individuato dalla Ditta appaltatrice che potrà essere consultato dai familiari degli utenti interessati e dalla Stazione appaltante. La Ditta appaltatrice dovrà provvedere alla fornitura richiesta entro e non oltre il 3 giorno lavorativo successivo alla ricezione della suddetta documentazione (certificati medici e/o autocertificazioni). Le richieste dei menù speciali dovranno essere trasmesse dalla Ditta appaltatrice al centro Cottura con le stesse modalità previste al precedente punto 2. Dovranno inoltre essere previsti menù alternativi per motivi di temporanea indisposizione dell utente (da segnalare contestualmente alla prenotazione giornaliera dei pasti). Ogni dieta speciale e menù alternativo dovrà essere fornito contenuto in una vaschetta monoporzione termosigillata e contrassegnata dal nome della struttura e dal cognome e nome dell utente cui è destinata affinché sia perfettamente identificabile da parte del personale addetto alla distribuzione. Tali vaschette devono essere inserite in contenitori termici idonei a mantenere la temperatura prevista dalla legge per i cibi cotti da consumarsi caldi, fino al momento del consumo. Dovrà essere prevista fornitura di Cestini da viaggio o, in casi particolari, pasti frullati e/o omogeneizzati. L erogazione delle diete speciali dovrà essere garantita anche in occasione della fornitura dei cestini da viaggio ed anche quando non sia possibile per motivi di forza maggiore (scioperi, ecc..) accertare in tempo utile la presenza nelle struttura degli utenti interessati. Qualora sia necessaria la fornitura di Cestini da viaggio o pasti frullati e/o omogeneizzati, il pasto per utente dovrà essere equivalente al pasto regolare in termini nutrizionali e calorici, nel rispetto delle prescrizioni dietologiche e patologie individuali. Nel caso di fornitura delle diete speciali e menù alternativi la Ditta appaltatrice non sarà obbligata a garantire giornalmente le alternative indicate al punto 4) ovvero la scelta per l utente tra tre primi, tre secondi, due contorni. Tutte le forniture suddette non dovranno comportare variazioni del costo del singolo pasto fornito per la stazione appaltante. 8) Modalità di trasporto vitto Il servizio dovrà essere svolto nel rispetto delle normative vigenti in materia. I mezzi di trasporto utilizzati dovranno possedere tutte le condizioni necessarie per la circolazione stradale ed essere idonei all uso ed adibiti al trasporto dei pasti.

8 I mezzi stessi dovranno essere mantenuti ad un livello di sanificazione tale da evitare contaminazione dei prodotti trasportati. Le operazioni di lavaggio e sanificazione dovranno essere regolarmente documentate. La Ditta appaltatrice dovrà dotarsi di un adeguata organizzazione a garanzia dell erogazione del servizio anche in caso di guasti, in modo tale da rispettare sempre i tempi di consegna dei pasti e materiali di dispensa. La consegna dei pasti c/o il centro di socializzazione dovrà avvenire alle ore 11:45. L orario suddetto potrà variare su indicazione della Ditta appaltatrice in relazione alle necessità organizzative. I pasti potranno essere consegnati al Centro di socializzazione, con tolleranza di 20 minuti, dall orario stabilito per la consegna. Nessun ritardo ulteriore sarà ammesso, per qualsiasi motivo, salvo casi documentati, di forza maggiore e comunque non imputabili alla Ditta appaltatrice e al centro cottura. Il pasto dovrà essere trasportato e consegnato in contenitori termosigillati multiporzione (salvo diete speciali consegnate in monoporzione) nel rispetto di quanto previsto dalla normativa vigente in materia. Su ciascun contenitore dovrà essere apposta apposita etichetta riportante il pasto contenuto, la data di consegna, il numero di porzioni ivi contenute, il nome della struttura, la ragione sociale della Ditta produttrice del pasto, il luogo e la data di produzione del pasto. La frutta potrà essere lavata c/o il centro cottura o c/o la cucina del centro socializzazione. In ogni caso ne dovrà esser garantito il consumo alla consegna anche con la buccia (ove possibile). 9) Personale adibito al servizio di ristorazione Il personale adibito a quanto previsto dalla Stazione appaltante per il servizio di ristorazione dovrà avere adeguata formazione, prevista dalla normativa vigente. Il personale dovrà essere sottoposto alla sorveglianza sanitaria prevista dalla vigente normativa in materia di sicurezza e prevenzione sui luoghi di lavoro. La Ditta appaltatrice dovrà garantire la formazione continua del personale già adeguatamente formato ed addestrato con particolare riguardo alla corretta applicazione del sistema H.A.C.C.P. Al personale impiegato nel servizio dovranno essere forniti i dispositivi di protezione individuali necessari conformi alla vigente normativa. 10) Controlli alimenti consegnati, rintracciabilità del prodotto e conservazione In tutte le fasi relative all erogazione del servizio di ristorazione (fornitura derrate, stoccaggio e conservazione, preparazione pasti, confezionamento, trasporto, consegna, distribuzione e somministrazione, pulizia) dovrà essere garantita la corretta applicazione dei piani di autocontrollo predisposti e il rispetto di quanto previsto dalla normativa vigente in materia. Nel caso di non conformità di una o più parti del pasto riscontrate al momento della distribuzione e che ne comportino la sostituzione, questa dovrà avvenire entro 30 minuti dal momento della segnalazione. Dovrà essere garantita la rintracciabilità del prodotto nel rispetto di quanto previsto dalla normativa vigente in materia. A tutela della Stazione appaltante e della stessa Ditta appaltatrice, quest ultima dovrà mantenere a disposizione, per almeno 3 giorni presso la cucina della struttura, con idonea conservazione (temperatura da 0 C a + 4 C) un campione rappresentativo del pasto somministrato, che potrà essere utilizzato in caso di insorgenza di problematiche igienico-sanitarie agli ospiti (eventualmente imputabili agli alimenti). Potranno essere eseguiti, in qualsiasi momento e senza preavviso, controlli specifici per verificare la rispondenza del servizio fornito alle prescrizioni contrattuali (compreso la qualità organolettica dei pasti forniti) e alle normative vigenti in materia. Tali controlli potranno avvenire da parte della Stazione appaltante e/o da altri organi preposti al controllo (ASL, ecc) per la parte di propria competenza.

9 Al fine di agevolare i controlli suddetti, dovranno essere messi a disposizione i piani di autocontrollo, le registrazioni delle procedure, i risultati delle verifiche effettuate ed ogni altro materiale o documento eventualmente richiesto e ritenuto utile ai fini del controllo stesso. 6. Servizio di lavanderia e guardaroba: ove si renda necessario, dovrà essere assicurata la fornitura di capi di biancheria piana (lenzuola da letto, federe per guanciali, traverse da letto, tovaglie, tovaglioli, asciugamani, bavagli, teli bagno, copricuscini, coprimaterassi, copriletti) e il lavaggio, asciugatura e stiratura degli stessi. Dovrà essere altresì assicurata la fornitura e lavaggio di coperte e il lavaggio di altri capi di proprietà delle Amministrazioni; in tutti i casi dovranno essere utilizzati prodotti e tecniche adeguati. Il cambio della biancheria piana utilizzata andrà effettuato con frequenza almeno settimanale, e in caso di bisogno, dovrà essere immediato. 7. Servizio di manutenzione: Manutenzione degli immobili e degli impianti: spetta all appaltatore la manutenzione ordinaria della struttura. L appaltatore deve mantenere l edificio, i relativi impianti a servizio dello stesso, nonché il verde e gli spazi esterni, secondo la consuetudine ed i canoni della tecnica, mirando al mantenimento di un buon grado qualitativo e funzionale dell immobile concesso in uso, predisponendo, in sede di formulazione del progetto/offerta, un apposito piano di manutenzione. La gestione della manutenzione ordinaria prevista dal piano, dovrà essere mirata al conseguimento di precisi obiettivi operativi: - Ottimale utilizzazione dell opera nel medio-lungo periodo; - Mantenimento dell opera ad un livello adeguato di prestazioni e in condizioni di efficienza che la preservino dagli effetti di una obsolescenza precoce; - Un controllo vigile e consapevole delle attività alla luce del programma per il raggiungimento e il mantenimento di un alto profilo qualitativo Il piano di manutenzione dovrà prevedere per ogni elemento l indicazione degli specifici interventi manutentivi e della frequenza con cui essi saranno effettuati, sia dei tempi di realizzazione, delle modalità di controllo e reportistica che dei tipi di manodopera impiegati per interventi periodici riconducibili a tre principali tipologie: manutenzione preventiva, manutenzione correttiva, manutenzione di emergenza. L appaltatore dovrà specificare una procedura per la prevenzione della legionellosi. Deve essere altresì assicurata la manutenzione di emergenza/pronto intervento (guasti idrici, elettrici e di ogni tipo). Potrà essere richiesto all appaltatore la realizzazione di interventi di manutenzione straordinaria la cui effettuazione sia necessaria a far fronte a situazioni di emergenza ovvero a prescrizioni della Commissione di Vigilanza (allorché la mancata ottemperanza comporti rischio per la salute o incolumità degli utenti o degli operatori ovvero rischio di interruzione del servizio) e non sia possibile procedere da parte del Comune di Calenzano. L eventuale effettuazione di tali interventi sarà oggetto di specifici accordi con il suddetto. Manutenzione degli arredi e delle attrezzature: spetta all appaltatore la manutenzione ordinaria di tutti gli arredi, attrezzature, suppellettili e strumentazione dei laboratori presenti nella struttura mirando al mantenimento di un buon grado qualitativo e funzionale degli stessi. E altresì tenuto al ripristino dei suddetti mediante riparazione o sostituzione di quelli obsoleti e/o inutilizzabili. In particolare dovrà essere garantita la sostituzione di materassi (se presenti), materassini, cuscini, poltrone relax e di ogni altro arredo che presenti macchie, rotture, segni di logoramento o di malfunzionamento non confacenti alle esigenze degli ospiti e al decoro della struttura. La dismissione dei suddetti beni presenti in inventario dovrà avvenire con le modalità stabilite dal Comune di Calenzano.

10 Potrà essere richiesto all appaltatore l acquisto di ulteriori beni e attrezzature la cui effettuazione in tempi brevi sia necessaria a far fronte a situazioni di emergenza ovvero a prescrizioni della Commissione di Vigilanza (allorché la mancata ottemperanza comporti rischio per la salute o incolumità degli utenti o degli operatori ovvero rischio di interruzione del servizio) e non sia possibile procedere da parte del Comune di Calenzano. L eventuale acquisto di tali beni sarà oggetto di specifici accordi con il suddetto. Al termine del contratto, in ogni caso, tutti i beni e le attrezzature che siano state acquistate dal Soggetto Affidatario in sostituzione di quelle presenti in inventario e/o riportati nel verbale di consegna immobile, e comunque per la gestione dei servizi ordinari e/o servizi integrativi e/o migliorie potranno essere opzionati dal Comune di calenzano per l acquisto al prezzo risultante del valore residuo iscritto in inventario. La consistenza delle attrezzature ed arredi presenti alla scadenza del contratto potrà costituire pertanto oggetto di verifica da parte del suddetto in contraddittorio con l appaltatore. 8. Servizio di trasporto: Il servizio di trasporto dovrà essere effettuato assicurando la disponibilità di mezzi sufficienti per numero e capienza allo svolgimento delle attività previste per gli utenti nel rispetto delle finalità e modalità specificate nel presente paragrafo. I mezzi utilizzati (tutti o in parte, sulla base delle necessità rilevate dall impresa concorrente, della tipologia di utenza e delle modalità di organizzazione del servizio) dovranno essere idonei al trasporto di persone disabili e quindi opportunamente attrezzati per il trasporto di carrozzine. Dovranno essere descritte nel progetto le specifiche caratteristiche dei mezzi utilizzati: numero di mezzi impiegati ed anno di immatricolazione, numero di posti su ciascun mezzo, numero di posti attrezzati, tipo e cilindrata. Tutti i mezzi dovranno essere in ottimo stato di manutenzione ed in regola con le revisioni di legge ed, in caso di guasto, dovranno essere tempestivamente sostituiti con modalità da indicare nel progetto-offerta. Tutti i mezzi dovranno essere dotati di catene o pneumatici da neve. Per lo svolgimento del servizio dovrà essere garantita la presenza di un adeguato numero di autisti, in possesso di patente corrispondente alla tipologia di mezzo utilizzato, di cui dovranno essere indicati nel progetto i turni di servizio previsti. Il servizio di trasporto dovrà essere effettuato nel rispetto delle finalità e modalità di seguito specificate senza che l aggiudicataria possa pretendere incrementi di corrispettivo in caso di cambiamenti di sede della struttura o di cambiamento di residenza degli ospiti. Fermo restando l unicità della sede di servizio e il numero complessivo degli utenti, comunque residenti e/o domiciliati nel territorio della Zona Nord Ovest, la programmazione degli itinerari e la quantificazione di km di percorrenza effettuati ai fini della formulazione del progetto-offerta, avrà pertanto valore meramente indicativo. Il servizio dovrà essere svolto assicurando le attività di: - accompagnamento di tutti gli ospiti dal domicilio al Centro e viceversa; - accompagnamento degli ospiti che abbiano necessità, a visite, esami diagnostici ecc; - visite e gite programmate nell ambito delle attività di animazione. Il servizio di trasporto dovrà essere organizzato dalla Ditta appaltatrice, in modo tale da garantire che il servizio ordinario termini entro le ore 9,30 per i viaggi di andata e inizi non prima delle ore 16,30 per i viaggi di ritorno. La permanenza degli ospiti sui mezzi dovrà essere limitata al massimo e non potrà in ogni caso essere superiore ad 80 minuti. Il servizio di trasporto è comprensivo della attività di accompagnamento ed assistenza durante il percorso, effettuata tramite un operatore specificamente addetto alla assistenza dell ospite nella fasi della uscita e del rientro nella propria abitazione, ivi compresa la eventuale collaborazione con i familiari per il superamento di barriere architettoniche. Di norma l attività di accompagnamento sul

11 mezzo di trasporto non comprende la preparazione del disabile per l uscita di casa, incombenza a cui provvedono i familiari. Il tempo impiegato dagli operatori in attività di assistenza al trasporto dovrà essere computato in aggiunta a quello di assistenza alla persona se svolto dal medesimo personale ordinariamente addetto all assistenza di base. Per il sabato e il mese di Agosto dovrà essere garantita una rimodulazione del servizio di trasporto e accompagnamento in funzione delle eventuali diverse residenze degli utenti frequentanti. 9. Direzione e Coordinamento: La funzione di direzione della struttura e di coordinamento delle attività previste viene assicurata attraverso la presenza di 1 figura di Coordinatore per complessive 15,5 ore settimanali. Il Coordinatore: - E garante della qualità dell assistenza e del benessere dei soggetti accolti; - Assicura il coordinamento, la pianificazione, l organizzazione ed il controllo delle attività della struttura; - Coordina il personale della struttura favorendo il lavoro di gruppo e l autonomia tecnica degli operatori individuando compiti, responsabilità e linee guida di comportamento; - Assicura la regolarità degli acquisti e delle forniture poste a carico dell aggiudicatario, il servizio di manutenzione, pulizia e quanto altro richiesto e necessario al funzionamento delle strutture; Sostiene la motivazione al lavoro degli operatori; - È l interfaccia dell aggiudicatario con il Referente dell appalto individuato dalla Stazione appaltante, con i Responsabili dei Poli Amm.vi e con il Servizio Sociale Professionale, assieme al quale cura il rapporto con i familiari degli ospiti e concorda l attuazione dei piani di assistenza individualizzati; - Assicura l adempimento delle attività di documentazione/informazione/comunicazione di cui al successivo punto 10; - Assicura, in collaborazione il Referente dell appalto individuato dalla Stazione appaltante, l ottemperanza ed il rispetto di quanto contenuto nella Carta dei Servizi della struttura nonché di quanto previsto dalla normativa in materia e di quanto prescritto dalla Commissione di Vigilanza di cui all art. 20 della L.R. 41/05 relativamente al servizio appaltato; - Collabora con i medici di medicina generale e con i medici specialisti degli utenti, cura il rapporto con i servizi sociali e sanitari del territorio di riferimento. Inoltre, in caso di assenze a qualsiasi titolo dal servizio, dovrà essere individuato un sostituto a cui fare riferimento durante tutto il periodo delle assenze. L aggiudicatario dovrà impegnarsi a rimuovere dall incarico e a sostituire immediatamente il Coordinatore a seguito di formale ed insindacabile motivata richiesta avanzata dalla Stazione appaltante. Il Coordinatore dovrà essere in possesso dei requisiti professionali previsti dall art. 6 del Regolamento di attuazione, approvato con Deliberazione G.R. 231/ Attività di documentazione/informazione/comunicazione: Il progetto-offerta relativo al LOTTO dovrà dettagliare come si intende fare fronte ai seguenti adempimenti: a) tenuta e custodia di una cartella personale per ciascuna persona accolta b) tenuta e custodia del registro giornaliero delle presenze degli ospiti

12 c) registro della partecipazione degli ospiti alle attività; d) tenuta e custodia del registro delle presenze giornaliere del personale con l indicazione dei turni e delle relative mansioni e) tenuta e custodia del diario giornaliero delle attività e compilazione di un quaderno giornaliero delle consegne ed informazioni fra gli operatori; f) registro delle terapie individuali; g) registro giornaliero della somministrazione dei farmaci; h) registro di carico e scarico farmaci; i) elenco dei beni, materiali ed attrezzature presenti; j) progetto assistenziale individualizzato dell ospite; k) piano di lavoro delle attività di assistenza alla persona; l) piano di lavoro delle attività educative; m) indagini periodiche di soddisfazione degli utenti, familiari, Stazione appaltante, analisi e diffusione dei risultati; n) raccolta reclami, osservazioni, suggerimenti e modalità di gestione degli stessi; o) informazione/comunicazione periodica delle attività svolte e loro esito nonché delle attività previste, in riferimento alla struttura e ad ogni utente, alle famiglie, alla Stazione Appaltante, al Servizio Sociale Prof.le; p) predisposizione e tenuta di eventuale ulteriore documentazione relativa ai servizi presenti. L aggiudicatario dovrà dare evidenza dell esecuzione dei suddetti adempimenti tramite soprattutto la predisposizione di relativa documentazione. Tale documentazione dovrà essere prodotta in un formato unico e uniforme per la struttura. - Servizi integrativi Servizio di assistenza individualizzata: Oltre alle attività di assistenza di base, come indicate nel Servizio ordinario, dovrà essere garantita l effettuazione di attività di assistenza di base alla persona aggiuntive per 24 ore settimanali per un totale annuale di 1248 ore. Le ore dedicate alla suddetta attività sono assegnate ad personam su casi con elevate necessità assistenziali e potranno variare in ragione di eventuali spostamenti di utenti dalla struttura, nuove ammissioni, dimissioni, sospensioni della frequenza, aggravamento delle condizioni degli ospiti. Le variazioni verranno comunicate alla Ditta aggiudicataria con un preavviso di 7 giorni. Nello specifico la Stazione Appaltante, in collaborazione con la famiglia, informa il responsabile della Ditta aggiudicataria di assenze prolungate (oltre 1 giorno) in relazione alle quali non è necessaria la prestazione lavorativa. Oneri a carico dell appaltatore specifiche relative agli arredi ed utenze Gli arredi nuovi della struttura (compreso elettrodomestici della cucina) saranno forniti a cura e spese del Comune di Calenzano. A carico dell appaltatore, nel rispetto anche di quanto previsto dal capitolato, saranno gli oneri relativi alla fornitura di tutti i materiali (ivi compreso il materiale sanitario e quello per l igiene degli ospiti) attrezzature, beni strumentali occorrenti per le attività e lo svolgimento delle prestazioni previste. L appaltatore, nel rispetto di quanto previsto dal Capitolato, dovrà dotare la struttura di connessione internet e di una postazione di lavoro che abbia la strumentazione multimediale necessaria e consenta l utilizzo della posta elettronica e fax per lo scambio di documenti e informazioni con la Stazione Appaltante, Referente Appalto e Assistenti sociali. Si specifica che quest ultimo dovrà inoltre occuparsi della fornitura della strumentazione multimediale per la sala soggiorno della struttura (TV, DVD, stereo, ecc) e della lavatrice.

13 In riferimento agli altri oneri a carico dell appaltatore previsti da Capitolato, si specifica che l affidatario dovrà provvedere ad attivare ed intestarsi le utenze riferite a energia elettrica, acqua, telefono.

LOTTO 4 SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO

LOTTO 4 SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO ALLEGATO D AL CAPITOLATO LOTTO 4 SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO Strutture e numero utenti Le strutture e il numero di utenti destinatari delle prestazioni oggetto del presente appalto in riferimento al LOTTO

Dettagli

LOTTO 1 SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO

LOTTO 1 SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO ALLEGATO A AL CAPITOLATO LOTTO 1 SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO Strutture e numero utenti Le strutture e il numero di utenti destinatari delle prestazioni oggetto del presente appalto in riferimento al LOTTO

Dettagli

Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Deliberazione di Consiglio Comunale 31 25.09.2002 Approvazione Deliberazione di Consiglio Comunale 14 29.06.2005 Modifica Deliberazione di Consiglio

Dettagli

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 26 del 25.09.2008 Articolo 1 Oggetto e finalità Il presente Regolamento disciplina il servizio di refezione scolastica che il Comune gestisce nell

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 22/12/2010 MODIFICATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Adottato con delibera del Consiglio Comunale n. 18 del 21/07/2010 1/7 TITOLO PRIMO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA.. pag.3 Art. 1 - FINALITA' DEL SERVIZIO

Dettagli

GESTIONE GOVERNATIVA FUNIVIE SAVONA - SAN GIUSEPPE Provincia di Savona

GESTIONE GOVERNATIVA FUNIVIE SAVONA - SAN GIUSEPPE Provincia di Savona GESTIONE GOVERNATIVA FUNIVIE SAVONA - SAN GIUSEPPE Provincia di Savona CAPITOLATO D APPALTO PER IL SERVIZIO DI MENSA AZIENDALE ART. 1 - OGGETTO DEL CONTRATTO Servizio a favore dei Dipendenti della Gestione

Dettagli

COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 40 del 25.11.2013 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione di C.C. n 88 del 20/12/2010 1 2 ART. 1 - OGGETTO 1. La mensa scolastica

Dettagli

Problematiche assistenziali durante il pasto. Referente Az. USL 2. RSA e Cure Intermedie Dott. S. Sensi

Problematiche assistenziali durante il pasto. Referente Az. USL 2. RSA e Cure Intermedie Dott. S. Sensi Problematiche assistenziali durante il pasto Referente Az. USL 2. RSA e Cure Intermedie Dott. S. Sensi I tre momenti fondamentali per l assistenza: PRIMA DI SERVIRE IL PASTO DURANTE LA SOMMINISTRAZIONE

Dettagli

Requisiti di accreditamento Ambito territoriale di Tirano Unità D offerta Sociale Per Disabili Centri Socio Educativi

Requisiti di accreditamento Ambito territoriale di Tirano Unità D offerta Sociale Per Disabili Centri Socio Educativi Requisiti di accreditamento Ambito territoriale di Tirano Unità D offerta Sociale Per Disabili Centri Socio Educativi (come previsto dalla D.G.R. 16 febbraio 2005, n 20943) 1 SERVIZI SOCIALI PER PERSONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI COMMISSIONE MENSA

REGOLAMENTO COMUNALE DI COMMISSIONE MENSA COMUNE di PORTO MANTOVANO REGOLAMENTO COMUNALE DI COMMISSIONE MENSA Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. del 2 Art. 1 - Finalità La Commissione Mensa ha la finalità di favorire la partecipazione,

Dettagli

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST ALLEGATO N. 1.6 al Capitolato Speciale d oneri Azienda pubblica di Servizi alla Persona Cordenonese Arcobaleno FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST VERIFICA EFFETTUATA IL GIORNO / / DALLE ORE ALLE ORE TUTTI

Dettagli

Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo

Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA E COMMISSIONE MENSA Approvato con deliberazione del C.C. n.43 del 28.11.2000 Modificato con deliberazione

Dettagli

ASL DELLA PROVINCIA DI SONDRIO LINEE GUIDA PER LE DIETE SPECIALI NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA. Anno scolastico 2013/2014

ASL DELLA PROVINCIA DI SONDRIO LINEE GUIDA PER LE DIETE SPECIALI NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA. Anno scolastico 2013/2014 Direzione Sanitaria Dipartimento di Prevenzione Medico Servizio Igiene e Prevenzione degli Ambienti di Vita U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione ASL DELLA PROVINCIA DI SONDRIO LINEE GUIDA PER

Dettagli

COMUNE DI VOLVERA CARTA DEI SERVIZI PER LA RISTORAZIONE SCOLASTICA

COMUNE DI VOLVERA CARTA DEI SERVIZI PER LA RISTORAZIONE SCOLASTICA CARTA DEI SERVIZI PER LA RISTORAZIONE SCOLASTICA 1 Sommario 1 CARTA DEL SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL'INFANZIA STATALI E COMUNALI 3 1.1 LA PRODUZIONE DEI PASTI 3 1.2 LA TABELLA ETETICA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ED ASSISTENZA ALLA MENSA PER L ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLA GUARDIA

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ED ASSISTENZA ALLA MENSA PER L ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLA GUARDIA COMUNE DI VILLA GUARDIA Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ED ASSISTENZA ALLA MENSA PER L ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLA GUARDIA Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI OTTOBRE 2011 1 PREMESSA Un alimentazione equilibrata e corretta, gradevole ed accettabile,

Dettagli

NIDI. 1.1 Elenco delle prestazioni e frequenza per ogni tipologia di struttura. - svuotatura cestini - GIORNALIERA

NIDI. 1.1 Elenco delle prestazioni e frequenza per ogni tipologia di struttura. - svuotatura cestini - GIORNALIERA SCHEDA TECNICA N. 1 SERVIZIO DI PULIZIA ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLE SUPERFICI INTERNE E DEGLI ESTERNI NON A VERDE DEI NIDI, DELLE SCUOLE DELL INFANZIA (COMPRESE LE SEZIONI PONTE E PRIMAVERA), DELLE

Dettagli

UNITA D OFFERTA SOCIALI PER DISABILI

UNITA D OFFERTA SOCIALI PER DISABILI UNITA D OFFERTA SOCIALI PER DISABILI D.G.R. n. 20763 del 16 febbraio 2005 Definizione dei requisiti minimi strutturali ed organizzativi per l autorizzazione al funzionamento dei servizi sociali per le

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEGLI ASILI NIDO DEL COMUNE DI SALERNO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEGLI ASILI NIDO DEL COMUNE DI SALERNO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEGLI ASILI NIDO DEL COMUNE DI SALERNO. ART. 1 Oggetto del Regolamento TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI Il presente regolamento disciplina la gestione ed il funzionamento

Dettagli

C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 I N D I C E ART. 1 - FINALITA ART. 2 - UTENZA ART. 3 - FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ART. 4 - ACCESSO

Dettagli

1) TABELLE DIETETICHE

1) TABELLE DIETETICHE COMUNE DI ASSEMINI Area socio-culturale Servizio Pubblica Istruzione Documenti complementari al Capitolato speciale d appalto per l affidamento del servizio Mensa nelle scuole d infanzia, primarie e secondarie

Dettagli

COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento Comunale della Mensa Scolastica

COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento Comunale della Mensa Scolastica COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento Comunale della Mensa Scolastica Art. 1 Finalità Il servizio di mensa scolastica è realizzato dal Comune nell ambito delle proprie competenze stabilite dalla legislazione

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEGLI INTERVENTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PERIODO 01.10.2011 30.06.2013. Art. 1 Oggetto dell appalto

CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEGLI INTERVENTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PERIODO 01.10.2011 30.06.2013. Art. 1 Oggetto dell appalto CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEGLI INTERVENTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PERIODO 01.10.2011 30.06.2013 Art. 1 Oggetto dell appalto Il presente capitolato ha per oggetto l appalto della gestione di

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

ALLEGATO B DESCRIZIONE DEI SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA RESIDENZA

ALLEGATO B DESCRIZIONE DEI SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA RESIDENZA ALLEGATO B DESCRIZIONE DEI SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA RESIDENZA Oggetto Il presente Allegato è strettamente connesso e strumentale all appalto per la fruizione di strutture immobiliari da adibire a

Dettagli

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari Regolamento per il Servizio di Assistenza Domiciliare e dei Servizi Tutelari SOMMARIO: Art. 1 Finalità del Servizio; Art. 2 Gestione del Servizio; Art.

Dettagli

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA COMUNE DI CERRO AL LAMBRO REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA ARTICOLO 1 Istituzione e finalità della Commissione mensa La Commissione Mensa Comunale (di seguito CMC) è una forma democratica di partecipazione

Dettagli

DGR. n. 11497 del 17.3.2010

DGR. n. 11497 del 17.3.2010 DGR. n. 11497 del 17.3.2010 DEFINIZIONE DEI REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO DELL'UNITA' DI OFFERTA SOCIALE "ALLOGGIO PROTETTO PER ANZIANI". (PROSECUZIONE DEL PROCEDIMENTO PER DECORRENZA TERMINI PER L ESPRESSIONE

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA RISTORAZIONE SCOLASTICA R E G O L A M E N T O REGOLAMENTO RISTORAZIONE SCOLASTICA - DALL ANNO SCOLASTICO 2013/2014 1 PREMESSA L ambiente scolastico, in quanto comunità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA COMUNALE (C.M.) Approvato con Delibera C.C n.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA COMUNALE (C.M.) Approvato con Delibera C.C n. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA COMUNALE (C.M.) Approvato con Delibera C.C n. 13 del 11/02/2005 ART. 1 FUNZIONI La Commissione Mensa Comunale (d ora

Dettagli

DISCIPLINARE DI SERVIZIO

DISCIPLINARE DI SERVIZIO ALLEGATO B DISCIPLINARE DI SERVIZIO PER L ACCREDITAMENTO DELL UNITA DI OFFERTA SOCIALE SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA PER LE PERSONE DISABILI (S.F.A) Oggetto Oggetto del presente documento è la descrizione

Dettagli

REGOLAMENTO Servizio di ristorazione scolastica

REGOLAMENTO Servizio di ristorazione scolastica SETTORE DIPARTIMENTALE 3 U.O. 3.2 Servizi sciolastici All. A) REGOLAMENTO Servizio di ristorazione scolastica Approvato con atto di Giunta Comunale n 66 del 3.04.2012 Integrato con atto di Giunta Comunale

Dettagli

Comune di Como REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA

Comune di Como REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA Comune di Como REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA Approvato con Deliberazione C.C. n. 47 del 20/07/2004 Modificato con Deliberazione C.C. n. 68 del 16/12/2013 PREMESSA Il Servizio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA Comune di Castellanza REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA Approvato con Deliberazione di C.C. n. 70 del 27/11/2003 I N D I C E ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE OBIETTIVI DELLA COMMISSIONE MENSA ARTICOLO 2 - COMPOSIZIONE

Dettagli

Scheda tecnica servizio di accompagnamento al trasporto

Scheda tecnica servizio di accompagnamento al trasporto SCHEDA TECNICA N. 4 SERVIZIO DI ASSISTENZA AL TRASPORTO SCOLASTICO PER GLI ALUNNI DELLE SCUOLE DELL INFANZIA, DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO, NONCHE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI 1 Scheda

Dettagli

Comune di Rovello Porro Prov. di Como

Comune di Rovello Porro Prov. di Como Comune di Rovello Porro Prov. di Como REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA 1. Oggetto del Regolamento e finalità del servizio. Le norme del presente Regolamento si applicano al servizio

Dettagli

PROCEDURA RELATIVA ALLA VIGILANZA DURANTE IL CONSUMO DEI PASTI DEI BAMBINI SOTTOPOSTI A REGIME DIETETICO SCUOLE STATALI

PROCEDURA RELATIVA ALLA VIGILANZA DURANTE IL CONSUMO DEI PASTI DEI BAMBINI SOTTOPOSTI A REGIME DIETETICO SCUOLE STATALI Milano, 07/08/2015 Le diete speciali sono pasti preparati appositamente per gli utenti che per motivi di salute o per scelte etico religiose hanno la necessità di seguire un regime alimentare diversificato

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 29/11/2013 Indice Art. 1. Oggetto e finalità del servizio

Dettagli

Regolamento per il servizio di refezione scolastica

Regolamento per il servizio di refezione scolastica Regolamento per il servizio di refezione scolastica Approvato con deliberazione di C.C. n. 24 del 26.06.2003 Modificato con deliberazione di C.C. n. 10 del 16.03.2004-1 - Indice pag. ART. 1 - FINALITA...3

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEL SERVIZIO Il servizio di refezione scolastica è realizzato dal Comune nell ambito delle proprie competenze. Il servizio

Dettagli

Ogni letto è dotato del campanello di chiamata di allarme collegato con il Centro Servizi.

Ogni letto è dotato del campanello di chiamata di allarme collegato con il Centro Servizi. MOD. 30 CASA-ALBERGO PER ANZIANI Le case albergo sono strutture a ciclo residenziale e a prevalenza accoglienza alberghiera nelle quali vengono assicurati, oltre alle prestazioni di tipo alberghiero, interventi

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER L APPALTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E DELLA FORNITURA DI GENERI ALIMENTARI

CAPITOLATO D ONERI PER L APPALTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E DELLA FORNITURA DI GENERI ALIMENTARI CAPITOLATO D ONERI PER L APPALTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E DELLA FORNITURA DI GENERI ALIMENTARI Allegato F Schema orario/organizzativo del servizio di assistenza prescolastica,

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA REGOLAMENTO SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione consiliare n. 9 del 4.02.2010 PRIMA PARTE FINALITÀ E ORGANIZZAZIONE Art. 1 Finalità Il Comune di Pont Canavese predispone un servizio

Dettagli

ALLEGATO C DESCRIZIONE DEI SERVIZI

ALLEGATO C DESCRIZIONE DEI SERVIZI BANDO DI INDIZIONE DI SELEZIONE PUBBLICA, FINALIZZATA ALL'INDIVIDUAZIONE DI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE DISPONIBILI ALLA CO-PROGETTAZIONE PER INTERVENTI INNOVATIVI E SPERIMENTALI NEL SETTORE DEI SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI VOLTURINO PROVINCIA DI FOGGIA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNALE.

COMUNE DI VOLTURINO PROVINCIA DI FOGGIA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNALE. COMUNE DI VOLTURINO PROVINCIA DI FOGGIA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNALE. DUVRI Art. 26, comma 4, D.Lgs. 81/08 Committente: Comune di Volturino SPECIFICHE

Dettagli

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CAIVANO

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CAIVANO AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CAIVANO Anno Scolastico 2013 2014 Il servizio di refezione scolastica è destinato agli alunni delle scuole statali e comunali di Caivano, iscritti alla scuola dell infanzia

Dettagli

o o o o o o o o o o o o o DIRITTO ALL INFORMAZIONE Ogni Ospite ha il diritto di richiedere e ottenere informazioni puntuali riguardo l'accettazione e l'espletamento delle pratiche

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA Art. 1 (Principi, finalità ed ambito di applicazione) 1. L Amministrazione comunale riconosce il valore

Dettagli

Allegato C) COMUNE DI SCALEA (Provincia di Cosenza)

Allegato C) COMUNE DI SCALEA (Provincia di Cosenza) Allegato C) COMUNE DI SCALEA (Provincia di Cosenza) Rep. n. d e l REPUBBLICA ITALIANA Oggetto: Contratto affidamento servizio di preparazione, confezione e distribuzione pasti per refezione scuola materna,

Dettagli

COMUNE DI CAMPI BISENZIO. (Provincia di Firenze) CONTRATTO DI SERVIZIO L anno duemiladieci (2010) il giorno del mese di, in una sala

COMUNE DI CAMPI BISENZIO. (Provincia di Firenze) CONTRATTO DI SERVIZIO L anno duemiladieci (2010) il giorno del mese di, in una sala COMUNE DI CAMPI BISENZIO (Provincia di Firenze) CONTRATTO DI SERVIZIO L anno duemiladieci (2010) il giorno del mese di, in una sala del Palazzo Comunale, in Piazza Dante, 36 fra i Sigg.ri - TAROCCHI VERA,nata

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO COMUNE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO COMUNE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI CUCCIAGO ASSESSORATO ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 26.09.2008 MODIFICATO

Dettagli

CONSORZIO CASE DI VACANZE DEI COMUNI NOVARESI NOVARA Via F.lli Rosselli 1 ooooooooo

CONSORZIO CASE DI VACANZE DEI COMUNI NOVARESI NOVARA Via F.lli Rosselli 1 ooooooooo CONSORZIO CASE DI VACANZE DEI COMUNI NOVARESI NOVARA Via F.lli Rosselli 1 ooooooooo N.26 = OGGETTO: CASA DI VACANZE DI DRUOGNO AFFIDAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE E PULIZIA L anno duemilatredici, il giorno

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 1 IDENTITA DEL CENTRO DISABILI E istituito presso i locali di proprietà dell Ipab Manlio Canepa in V.le Vittoria loc. San Terenzo, un Centro diurno per disabili

Dettagli

Roma, 02 ottobre 2007

Roma, 02 ottobre 2007 RISOLUZIONE N. 275/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 02 ottobre 2007 OGGETTO: Istanza di interpello art. 11 legge 27 luglio 2000, n. 212 IVA Aliquota agevolate- n. 41-bis) della Tabella

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera di C.C. n. 14 del 31/03/2015 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE

Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE INDICE TITOLO I Pag. 1 Art. 1 Pag.

Dettagli

COMUNE DI CARIATI (Prov. COSENZA) REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI CARIATI (Prov. COSENZA) REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA COMUNE DI CARIATI (Prov. COSENZA) REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 16/02/2012 Articolo 1 Costituzione La Commissione Mensa scolastica

Dettagli

Città di Melegnano Provincia di Milano AREA SERVIZI TERRITORIALI PER LE PERSONE E LA COMUNITA

Città di Melegnano Provincia di Milano AREA SERVIZI TERRITORIALI PER LE PERSONE E LA COMUNITA Città di Melegnano Provincia di Milano AREA SERVIZI TERRITORIALI PER LE PERSONE E LA COMUNITA Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze - D.U.V.R.I. Articolo 26 del D.Lgs. n. 81/2008 SERVIZIO

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

COMUNE DI PASSIRANO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA COMUNALE

COMUNE DI PASSIRANO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA COMUNALE COMUNE DI PASSIRANO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA COMUNALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 52 del 29.11.2010

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Centro di costo Gabinetto CAPITOLATO TECNICO

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Centro di costo Gabinetto CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI IN USO AL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI PRESSO LA SEDE DI VIA VITTORIO VENETO N.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA CITTA DI TRAVAGLIATO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE di BREMBATE REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO PASTI A DOMICILIO

COMUNE di BREMBATE REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO PASTI A DOMICILIO COMUNE di BREMBATE REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO PASTI A DOMICILIO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N.25 DEL 29.05.2010 1 Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Finalità del servizio

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA

DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA Allegato alla deliberazione C.C. n. 29 del 30/11/2002 La Commissione Mensa, viene istituita per esercitare, nell interesse dell utenza e di concerto con l Amministrazione

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 93 del 01/07/2015 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO AVVISO DI RIDEFINIZIONE NORME ASSEGNAZIONE VOUCHER SOCIALI PER SOSTENERE LA VITA

Dettagli

Allegato A Indice Indicazioni preliminari intensità assistenziale complessità organizzativa

Allegato A Indice Indicazioni preliminari intensità assistenziale complessità organizzativa Allegato A Indice Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale) Struttura residenziale per persone disabili gravi con attestazione di gravità (Residenza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvata con deliberazione C.C. n. 4 del 18.02.1999 integrata con deliberazione C.C. n. 18 del 09.03.1999. ART. 1 FINALITA ART. 2 FUNZIONAMENTO ART. 3 MODALITA

Dettagli

R.S.A. per anziani L. ACCORSI

R.S.A. per anziani L. ACCORSI 1 ALLEGATO 3 R.S.A. per anziani L. ACCORSI STABILE via Colombes MQ. calpestabili MQ. superf. vetrate seminterrato 1000 piano terra 1060 primo piano 1060 secondo piano 950 3 piano non utilizzato quarto

Dettagli

Casa famiglia per adulti con disabilità Marano Come Noi. via Marano, n.465-03023 Ceccano (Fr) Tel. 0775 604470

Casa famiglia per adulti con disabilità Marano Come Noi. via Marano, n.465-03023 Ceccano (Fr) Tel. 0775 604470 Casa famiglia per adulti con disabilità Marano Come Noi via Marano, n.465-03023 Ceccano (Fr) Tel. 0775 604470 Approvato con Deliberazione del Comitato dell Accordo di Programma n.4 del 17/11/2010 Distretto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CASALSERUGO. Il Consiglio di Istituto

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CASALSERUGO. Il Consiglio di Istituto ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CASALSERUGO Il Consiglio di Istituto VISTE VISTE PRESO ATTO le disposizioni ministeriali in materia di ristorazione scolastica, le disposizioni sanitarie in materia d igiene

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 47 del 30.09.2003 pubblicata in data 06.10.2003 Modificato con delibera Consiglio Comunale n. 49 del 03.11.2004 pubblicata

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 CARTA DEI SERVIZI Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA Una moderna e accogliente struttura residenziale che offre ad

Dettagli

CITTÀ DI ALBANO LAZIALE

CITTÀ DI ALBANO LAZIALE CITTÀ DI ALBANO LAZIALE Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA INDICE 1. Funzioni...2 2. Costituzione e composizione della commissione...2

Dettagli

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 13.4.2010 ART. 1 FINALITA 1. Il servizio

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI LONATE POZZOLO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 30/03/2016, divenuta esecutiva in data 29/04/2016

Dettagli

CRITERI PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA COMUNALE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

CRITERI PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA COMUNALE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA CRITERI PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA COMUNALE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Art. 1 Oggetto e finalità 1. Il presente documento ha per oggetto le modalità di funzionamento la COMMISSIONE

Dettagli

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Indice Allegato A - Indice Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Struttura residenziale per persone disabili gravi con attestazione di gravità

Dettagli

LA CASA PROTETTA BACCARINI

LA CASA PROTETTA BACCARINI Approvazione Delibera CDA n. 10 del 29 luglio 2010 INDICE LA CASA PROTETTA BACCARINI nel dettaglio 1. Dove siamo pag. 3 2. Chi siamo pag. 4 3. La giornata tipo pag. 6 Orari della Casa Protetta pag. 7 2

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

Approvato con delibera di C.C. n. 57 del 22.12.2010

Approvato con delibera di C.C. n. 57 del 22.12.2010 Comune dii Godega dii Sant Urbano (Proviinciia dii Treviiso) Regolamento comunale per l accesso al servizio di trasporto per l utenza svantaggiata. Approvato con delibera di C.C. n. 57 del 22.12.2010 Modificato

Dettagli

via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it

via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it indice 1. FINALITA pag. 2 2. CRITERI DI AMMISSIONE E DIMISSIONE pag. 2 3. RETTA E SPESE PERSONALI pag.

Dettagli

COMUNE DI MASSAROSA Ufficio Pubblica Istruzione REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA

COMUNE DI MASSAROSA Ufficio Pubblica Istruzione REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI MASSAROSA Ufficio Pubblica Istruzione REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA INDICE Art. 1 FINALITA Pag. 3 Art. 2 MODALITA DI GESTIONE... Pag. 3 Art. 3 DESTINATARI DEL SERVIZIO. Pag. 3

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA MENSA SCOLASTICA ED ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE MENSA

REGOLAMENTO PER L USO DELLA MENSA SCOLASTICA ED ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE MENSA C I T T A D I (Provincia di Venezia) C A O R L E REGOLAMENTO PER L USO DELLA MENSA SCOLASTICA ED ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE MENSA Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE Notizie Operative ed Informazioni Pratiche 15/04/2014 ESTRATTO notizie operative ed informazioni pratiche numeri utili Relativi al servizio di Assistenza

Dettagli

COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA

COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 31 del 15.04.2002 Testo entrato in vigore in data 29.05.2002 1 Art. 1 La Commissione

Dettagli

ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO ART. 2 CORRISPETTIVO ART. 3 MODALITA ATTUATIVE 3. 3 EROGAZIONE E GESTIONE DELLE ATTIVITA FORMATIVE

ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO ART. 2 CORRISPETTIVO ART. 3 MODALITA ATTUATIVE 3. 3 EROGAZIONE E GESTIONE DELLE ATTIVITA FORMATIVE CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PER IL PERSONALE DIPENDENTE DELLA PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA CAPITOLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA LOCALI ADIBITI A SEDE DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. Art. 1 ( OGGETTO DELL APPALTO E ARTICOLAZIONI DEL SERVIZIO)

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFELICE DI ROCCELLA PROV. DI PALERMO

COMUNE DI CAMPOFELICE DI ROCCELLA PROV. DI PALERMO COMUNE DI CAMPOFELICE DI ROCCELLA PROV. DI PALERMO CAPITOLATO D ONERI PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA CHE EFFETTUANO IL TEMPO PROLUNGATO

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Allegato A alla delibera di C. C. n. 14 del 30.08.2012 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art.

Dettagli

COMUNE DI PALERMO R A G I O N E R I A G E N E R A L E SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO R A G I O N E R I A G E N E R A L E SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO R A G I O N E R I A G E N E R A L E SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER IL SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE DERATTIZZAZIONE E DISINFEZIONE DEI LOCALI INTERNI

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO DI MAGRA Provincia della Spezia

COMUNE DI SANTO STEFANO DI MAGRA Provincia della Spezia COMUNE DI SANTO STEFANO DI MAGRA Provincia della Spezia Approvato con delibera C.C. n 58 del 19.12.2006 Entrato in vigore il 26 gennaio 2007 DEFINIZIONE DI COMMISSIONE MENSA La Commissione Mensa è un

Dettagli

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE ALLEGATO B) all Avviso Schema di CONVENZIONE TRA COMUNE DI FORLì E ASSOCIAZIONE DI (VOLONTARIATO /PROMOZIONE SOCIALE) (nome). PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO CRESCERE NEL CENTRO PREMESSO - che l Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER I SERVIZI DOMICILIARI

REGOLAMENTO PER I SERVIZI DOMICILIARI REGOLAMENTO PER I SERVIZI DOMICILIARI Art.1 OGGETTO Il Servizio oggetto del presente Regolamento prevede lo svolgimento di attività di carattere domiciliare commissionate dalle Amministrazioni Comunali.

Dettagli