/12/2014 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE, VOLONTARIATO E PARI OPPORTUNITA' Identificativo Atto n. 640

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "12566 22/12/2014 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE, VOLONTARIATO E PARI OPPORTUNITA' Identificativo Atto n. 640"

Transcript

1 /12/2014 Identificativo Atto n. 640 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE, VOLONTARIATO E PARI OPPORTUNITA' ATTUAZIONE DELLA D.G.R DEL 17/10/2014 PROMOZIONE E SVILUPPO SUL TERRITORIO DI AZIONI PER LA QUALITÀ DELLA VITA DELLE PERSONE SOTTOPOSTE A TERAPIA ONCOLOGICA CHEMIOTERAPICA

2 IL DIRETTORE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE, VOLONTARIATO E PARI OPPORTUNITA' VISTA la legge regionale n. 3/2008 Governo della rete delle unità di offerta sociali e sociosanitarie ; VISTA la legge regionale n. 23/99 Politiche regionali per la famiglia ; VISTA la legge regionale n. 1/2008 Testo unico delle leggi regionali in materia di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo e società di mutuo soccorso ; RICHIAMATI i documenti di programmazione regionale, con particolarmente riferimento alla programmazione sociosanitaria: D.c.r n. 78 del 9 luglio 2013 Programma regionale di sviluppo della X legislatura ; D.g.r 20 dicembre 2013, n Determinazione in ordine alla gestione del servizio sociosanitario regionale per l esercizio 2014 ; D.g.r 14 maggio 2013, n. 116 Determinazione in ordine all istituzione del fondo regionale a sostegno della famiglia e dei suoi componenti fragili: atto d indirizzo ; D.g.r n. 1 agosto 2014, n Ulteriori determinazioni in ordine alla gestione del Servizio Sociosanitario Regionale per l esercizio RICHIAMATE, inoltre, in tale ottica: la D.g.r 24 aprile 2013, n. 63 Definizione degli obiettivi aziendali di interesse regionale per i Direttori Generali delle Asl, Aziende Ospedaliere e Areu per l anno 2013, nonché della modalità di valutazione del loro raggiungimento ed in particolare l obiettivo 9 che ha visto la promozione in 9 Asl di azioni innovative nelle quali sono direttamente coinvolti i consultori quali centri per la famiglia; la D.g.r 16 maggio 2014, n Determinazioni in ordine alla valutazione dei Direttori generali delle Aziende Sanitarie Locali e definizione degli obiettivi aziendali per il 2014 ; la D.g.r 20 dicembre 2013, n Determinazioni in merito alla programmazione di progetti di interventi promossi dalle Asl a tutela della fragilità con cui sono stati approvati e sostenuti progetti innovativi coerenti con gli obiettivi definiti della programmazione sociosanitaria ed in particolare con le aree di bisogno individuate dalla succitata D.g.r n. 116/2013, tra cui il progetto Solidarietà in testa a favore delle donne affette da alopecia e 1

3 coinvolte nel percorso riabilitativo a seguito di patologie oncologiche; la D.g.r n. 2313/2014 in cui si prevede l opportunità di estendere la positiva progettualità sopra rappresentata su tutto il territorio regionale per una durata di sei mesi, nelle more della messa a regime di una soluzione di intervento specificamente orientata all aiuto ed al supporto alla persona fragile e alla famiglia nella elaborazione dello stato patologico, negli aspetti personali, interpersonali e relazionali, cruciali per il recupero della propria qualità di vita; CONSIDERATA la rilevanza che in questo ambito rivestono le diverse realtà del Terzo settore e delle Associazioni di volontariato e delle Associazioni di donne nella realizzazione di attività di presa in carico, informazione e supporto e le numerose istanze che provengono dagli Enti del Terzo settore; VISTA la D.g.r n del 17/10/2014 Promozione e sviluppo sul territorio di azioni per la qualità della vita delle persone sottoposte a terapia oncologica chemioterapica con cui vengono individuate le azioni per il sostegno delle donne con alopecia da chemioterapia e delle loro famiglie, tra cui: la previsione di un contributo economico per l acquisto della parrucca; la definizione, all interno delle attività consultoriali, di spazi e modalità di coinvolgimento delle persone interessate ad un percorso di condivisione e di sviluppo di azioni orientate alla prevenzione e alla promozione di attività di sostegno alle persone sottoposte a terapia oncologica, in stretto raccordo con la rete ospedaliera e le organizzazioni del terzo settore che operano in questo segmento di attività; l istituzione di un elenco degli Enti del Terzo settore che operano in tale ambito e che attraverso apposita istanza, manifestano l interesse ad aderire alla predetta iniziativa; RITENUTO, necessario, individuare le modalità operative per la presentazione delle istanze, da parte degli Enti del Terzo settore, di cui allegato A) parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, nonché lo schema di domanda per l'iscrizione all'elenco di cui all'allegato B parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; DATO ATTO che la DGR n del 17/10/2014 non prevede termini per l'individuazione delle modalità attuative relative alla promozione e sviluppo sul territorio di azioni per la qualità della vita delle persone sottoposte a terapia oncologica chemioterapica; RITENUTO, altresì, di determinare il riparto alle Asl delle risorse, di cui allegato C) parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, pari a complessivi euro ,00, in ragione della popolazione femminile residente sui rispettivi territori e la puntuale definizione delle regole di 2

4 rendicontazione delle risorse e delle attività svolte, di cui all allegato D), parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; VISTA la l.r 20/2008 e le D.g.r relative all assetto organizzativo della Giunta regionale; RITENUTO di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul Bollettino ufficiale di Regione Lombardia, sul sito ai sensi del D.Lgvo 33/2013, art. 26 e 27, quali adempimenti in tema di trasparenza; DECRETA 1. Di individuare le modalità operative per la costituzione dell elenco regionale degli Enti del Terzo settore, di cui allegato A) parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; 2. Di approvare lo schema di domanda di cui all allegato B), parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; 3. Di determinare il riparto alle Asl delle risorse, pari a complessivi euro ,00, di cui allegato C), in ragione della popolazione femminile residente sui rispettivi territori e la puntuale definizione delle regole di rendicontazione delle risorse e delle attività svolte, di cui all allegato D), parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; 4. disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul Bollettino ufficiale di Regione Lombardia, sul sito ai sensi del D.Lgvo 33/2013, art. 26 e 27, quali adempimenti in tema di trasparenza IL DIRETTORE GENERALE GIOVANNI DAVERIO 3

5 ALLEGATO A MODALITA OPERATIVE PER L ATTUAZIONE DELLA DGR 2531/ OBIETTIVI E FINALITA Con il presente provvedimento vengono individuate le modalità attuative ed operative per attivare le azioni di sostegno alle donne con alopecia da chemioterapia e delle loro famiglie, anche attraverso l erogazione di un contributo economico per l acquisto della parrucca. Le strutture/servizi ospedalieri e le Aziende sanitarie, che ricevono le donne che stanno affrontando le cure oncologiche, forniscono alle interessate informazioni in merito alle opportunità e servizi per il recupero della propria qualità di vita, indirizzandole ai Consultori pubblici e agli Enti del terzo settore più vicini alla propria residenza e iscritti nell apposito elenco, istituito da Regione Lombardia con Dgr 2531/2014. I consultori pubblici e gli Enti del Terzo settore presentano il proprio programma di intervento alle Asl competenti per territorio e alla Regione. I consultori pubblici e gli Enti del Terzo settore scelti dalle donne predispongono un progetto personalizzato, che sarà sottoscritto anche da ogni interessata, nel quale sono descritti i diversi interventi da realizzare. L elenco, istituito con la delibera sopracitata, permetterà quindi alle interessate di individuare gli Enti del terzo settore più vicini e di ottenere un supporto per quanto concerne gli aspetti personali, interpersonali e relazionali, cruciali per il recupero della propria qualità di vita, rimuovendo in tal modo un fattore di disuguaglianza nelle cure e garantendo l accesso, indipendentemente dalle condizioni economiche 2. REQUISITI SOGGETTIVI PER L ISCRIZIONE ALL ELENCO Essere iscritto in uno degli appositi albi o registri (es. registro Associazioni e di solidarietà familiare, registro delle Associazioni e organizzazioni di volontariato); Presenza nello statuto della finalità di prevenzione e promozione di attività di sostegno alle persone sottoposte a terapia oncologica; Avere una sede operativa permanente sul territorio della Regione Lombardia; Esclusione di qualsiasi attività lucrativa. 3. REQUISITI TECNICO ORGANIZZATIVI PER L ISCRIZIONE ALL ELENCO Essere operativo da almeno tre anni; Disporre di una sede operativa che presenti uno spazio di accoglienza, che garantisca privacy dell utente, dotata di telefono, fax e collegamenti internet. 4. REQUISITI DI AMMISSIBILITÀ DELLE DOMANDE Sono considerati ammissibili le istanze che: siano presentate nel termine perentorio stabilito dal presente provvedimento; siano corredate dalla documentazione prevista; diano atto dell impegno di sostenere il programma di attività e di garantire l universalità nell accesso.

6 5. DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE I soggetti interessati all iscrizione all elenco dovranno presentare la seguente documentazione, sottoscritta dal legale rappresentante: Domanda di ammissione compilata secondo lo schema di cui all allegato B, parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; Dichiarazione attestante l iscrizione ai rispettivi albi o registri; Copia dello statuto e atto costitutivo, redatto in forma di atto pubblico o di scrittura privata autenticata o di scrittura privata, registrata presso l Agenzia delle Entrate (se non viene prodotto in copia autentica autocertificare la conformità della copia all originale ); Dichiarazione relativa all attività svolta, all esperienza almeno triennale nella presa in carico delle persone in terapia oncologica e delle loro famiglie con specifico riguardo al supporto nella vita di relazione, anche attraverso l erogazione di ausili quali le parrucche; Dichiarazione concernente il possesso di specifiche competenze maturate in ambito sociosanitario e di counseling, maturate dagli operatori e volontari impiegati sulla base dei curricula presentati; Dichiarazione di avere un sede permanente sul territorio della Regione Lombardia e dimostrazione di aver instaurato rapporti di collaborazione con le Aziende ospedaliere o con le Aziende Sanitarie Locali della Regione Lombardia; Proposta di intervento anche con riguardo al percorso di ascolto, sostegno e accompagnamento che l ente intende realizzare e che verrà valutato ai fini dell iscrizione all elenco. In caso di partenariato, la documentazione di cui ai punti 2 e 3 dovrà essere posseduta e presentata da tutti i soggetti componenti il raggruppamento. 6. MODALITÀ E TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE Le istanze dovranno pervenire entro 30 (trenta) giorni a partire dal giorno successivo alla data di pubblicazione del presente provvedimento sul BURL, esclusivamente tramite PEC, inviando la documentazione di cui al precedente punto 5 al seguente indirizzo: Qualora nel corso del procedimento siano richiesti agli interessati chiarimenti, supplementi di documentazione o elementi di valutazione integrativi, il termine di trenta giorni previsto per la conclusione del procedimento è sospeso per una sola volta tra la data di richiesta e quella della ricezione delle integrazioni richieste. Il provvedimento di iscrizione nell elenco è trasmesso al legale rappresentante dell Ente non profit mediante lettera raccomandata, fax o posta elettronica certificata. L eventuale diniego dell istanza di iscrizione, per carenza dei requisiti, è disposto con provvedimento del Dirigente competente e trasmesso con le stesse modalità di cui sopra al legale rappresentante dell Ente non profit. Annualmente la Regione provvede ad aggiornare l elenco a seguito di pubblicazione di specifico avviso pubblico. Le domande vengono istruite da apposita Commissione di valutazione, istituita con Decreto del Direttore Generale della Direzione Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità. 7. PUBBLICAZIONE DELL ELENCO

7 L elenco degli Enti del Terzo settore verrà pubblicato sul Burl, previo avviso sui seguenti siti: e La Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità, almeno una volta all anno, pubblica sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia, l elenco degli Enti in regola con il mantenimento dei requisiti di iscrizione. L elenco regionale è consultabile sul sito istituzionale. 8 MODALITA DI SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA A seguito dell iscrizione gli Enti saranno tenuti a realizzare le attività con le modalità e i tempi definiti nel programma di attività e comunque secondo quanto stabilito nell allegato C), parte integrante e sostanziale del presente provvedimento. L ente non profit è altresì tenuto a comunicare tempestivamente tutte le variazioni intervenute, in particolare riguardanti: la denominazione; il legale rappresentante; la sede legale; le sedi operative; Gli uffici competenti della Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità verificano la veridicità di quanto dichiarato con le suddette dichiarazioni sostitutive, nonché l effettiva permanenza dei requisiti di iscrizione previsti dalla normativa di riferimento. In caso di accertata non veridicità di quanto dichiarato, l Ente del terzo settore perde il diritto di mantenimento dell iscrizione nel relativo Elenco e il Dirigente competente ne dispone la cancellazione. 9. CANCELLAZIONE DALL ELENCO La cancellazione dall elenco avviene a seguito di: a) istanza di parte dell Ente non profit iscritto; b) accertata carenza dei requisiti necessari per la permanenza nell Elenco o cessazione dell attività; c) impossibilità da parte della Pubblica Amministrazione di attuare la verifica dei requisiti di iscrizione per mancata trasmissione, da parte dell ente non profit, dei documenti o comunicazione delle informazioni richieste entro i termini stabiliti dalla Regione La cancellazione dall elenco è disposta con provvedimento adottato dal Dirigente della struttura regionale preposta alla tenuta dei registri e degli elenchi degli Enti del Terzo settore. Il provvedimento è trasmesso al legale rappresentante dell Ente mediante lettera raccomandata, fax o posta elettronica certificata. 10. CONTROLLI Ai fini di una buona riuscita dell iniziativa regionale volta alla promozione e sviluppo sul territorio di azioni per la qualità della vita delle persone sottoposte a terapia oncologica chemioterapica, la Regione e le Aziende Sanitarie locali effettuano controlli sul corretto utilizzo delle risorse, nonché della effettiva attuazione dei piani di attività presentati dai Consultori e dagli Enti non profit.

8 ALLEGATO B) D.G.R. N del 17/10/2014 DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ELENCO DEGLI ENTI NON PROFIT CHE OPERANO NELL AMBITO DELLA PROMOZIONE DI ATTIVITÁ DI SOSTEGNO ALLE DONNE CON ALOPECIA SOTTOPOSTE A TERAPIA ONCOLOGICA CHEMIOTERAPICA 1) ANAGRAFICA E IDENTIFICATIVO ENTE NON PROFIT DENOMINAZIONE E SEDE LEGALE Denominazione Acronimo Indirizzo C.A.P. Comune Prov. Tel. Fax Internet E mail per contatti PEC C.F. P.I. RECAPITO PER CORRISPONDENZA Indirizzo C.A.P. Comune Prov. Tel. Fax Internet E mail per contatti PRESIDENTE/LEGALE RAPPRESENTANTE (attualmente in carica e che sottoscrive la richiesta) Nome Cognome Data di nascita Luogo di nascita Prov. C.F. Donna Uomo - La/il Legale Rappresentante coincide con la/il Presidente SI NO Indirizzo C.A.P. Comune Prov. Tel. Fax Internet E mail per contatti Lo Statuto prevede il principio della diarchia, ovvero, la legale rappresentanza è affidata congiuntamente ad altra persona? SI NO 1

9 Se barrato SI, indicare il secondo rappresentante I dati riportati sopra, relativi alla denominazione, alla sede legale e al/la legale rappresentante, corrispondono a quelli riportati nell attribuzione del Codice fiscale? (si ricorda che l attribuzione del c.f. viene aggiornata ogni qualvolta vengono modificati uno o più dati che lo compongono e identificano) SI NO Indicare almeno una sede operativa sul territorio della Lombardia dove viene svolta l attività (la sede operativa può coincidere con quella legale) Ai sensi della DGR 84/2010: dispone di una sede operativa dotata di telefono, fax e collegamento a Internet e che presenta spazio riservato all accoglienza che garantisce privacy Indirizzo sede operativa dove viene svolta l attività Comune Prov. n. Tel. n. Fax Dotazione collegamento a Internet Dotazione spazio riservato all accoglienza Che garantisce la privacy dell utenza 1 SI NO SI NO 2 SI NO SI NO 2) IDENTIFICATIVO DELL ENTE NON PROFIT C.F. P.I. 3) MODULO UNICO DI ISCRIZIONE ALL ELENCO DEGLI ENTI DEL TERZO SETTORE CHE OPERANO NELL AMBITO DELLA PROMOZIONE DI ATTIVITÁ DI SOSTEGNO ALLE DONNE CON ALOPECIA SOTTOPOSTE A TERAPIA ONCOLOGICA CHEMIOTERAPICA D.G.R. N del 17/10/2014 DA COMPILARE A CURA DELL ENTE NON PROFIT RICHIESTA DI FORMALE ISCRIZIONE E AUTOCERTIFICAZIONE Il/La sottoscritto/a In qualità di legale rappresentante dell Ente No Profit 2

10 DICHIARA Ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 e successive modificazioni e integrazioni e, sotto propria responsabilità CHE TUTTE LE INFORMAZIONI FORNITE CON IL PRESENTE MODULO UNICO DI ISCRIZIONE SONO VERITIERE CHE L ENTE E OPERATIVO DA ALMENO TRE ANNI NELLA PRESA IN CARICO DELLE PERSONE IN TERAPIA ONCOLOGICA CHE L ENTE E ISCRITTO AL SEGUENTE ALBO O REGISTRO (INDICARE QUALE).. CHE L ENTE SI AVVALE DI OPERATORI O VOLONTARI CHE HANNO MATURATO SPECIFICHE COMPETENZE NEL SETTORE DELL ASSISTENZA AI MALATI ONCOLOGICI CHE L ENTE SI IMPEGNA A SOSTENERE I SINGOLI PIANI DI INTERVENTO E A GARANTIRE L UNIVERSALITA NELL ACCESSO. E CHIEDE L ISCRIZIONE ALL ELENCO REGIONALE DEGLI DEL TERZO SETTORE (ENTI NON PROFIT) CHE OPERANO NELL AMBITO DELLA PROMOZIONE DI ATTIVITÁ DI SOSTEGNO ALLE PERSONE SOTTOPOSTE A TERAPIA ONCOLOGICA CHEMIOTERAPICA SOSTEGNO ALLE DONNE CON ALOPECIA ACQUISTO PARRUCCA Firma per esteso e leggibile del/della legale rappresentante Nota Informativa Decreto legislativo 196/2003 I dati forniti potranno essere comunicati e/o diffusi con le modalità e in conformità a quanto previsto dal D.lgs. 30 giugno 2003, n. 196 e sue successive modificazioni Il/la sottoscritto/a dichiara di essere informato/a sui diritti sanciti dall art. 13 del suddetto D.lgs. 196/2003 I dati potranno essere utilizzati per finalità statistiche ai sensi del D.lgs. 322/1989 Firma per esteso e leggibile del/della legale rappresentante Data Nome e Cognome Recapiti telefonici sede cell. 3

11 La presente richiesta, con gli allegati necessari, deve essere trasmessa esclusivamente via PEC firmata digitalmente e con i seguenti documenti da allegare pena inammissibilità della stessa Copia dello statuto redatto in forma di atto pubblico o di scrittura privata autenticata o di scrittura privata registrata presso l Agenzia delle Entrate. Oppure autocertificare la conformità della copia all originale; Copia dell atto costitutivo (o ricognitorio) redatto in forma di atto pubblico o di scrittura privata autenticata o di scrittura privata registrata presso l Agenzia delle Entrate. Oppure autocertificare la conformità della copia all originale; Copia dei curricula degli operatori o volontari; Documentazione idonea a comprovare di aver istaurato rapporti di collaborazione con le ASL e/o Aziende ospedaliere lombarde; Relazione concernente le pregresse attività svolte nell ambito della assistenza delle persone sottoposte a terapia oncologica; Proposta dell intervento che l ente intende realizzare con riguardo anche al percorso di ascolto, sostegno e accompagnamento e che verrà valutato ai fini dell iscrizione Inviare a : REGIONE LOMBARDIA Direzione Generale FAMIGLIA, SOLIDARIETÁ SOCIALE E VOLONTARIATO Struttura Promozione della Famiglia e del Volontariato Palazzo Lombardia - Piazza Città di Lombardia MILANO MI 4

12 ALL. C Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Assegnazione d.g.r. n. 2531/2014 Codice A.S.L. A.S.L. Popolazione Femminile % Riparto assegnazione BERGAMO ,00% , , , BRESCIA ,59% , , , COMO ,03% , , , CREMONA ,67% 6.000, , , LECCO ,43% 6.000, , , LODI ,36% 4.000, , , MANTOVA ,19% 7.000, , , MILANO ,96% , , , MILANO N ,52% , , , MILANO N ,21% , , , MONZA E BRIANZA ,66% , , , PAVIA ,54% , , , SONDRIO ,84% 3.000, , , VARESE ,98% , , , VALLECAMONICA-SEBINO ,02% 2.000, , ,00 RL ,00% , , ,00 Assegnazione d.g.r. n. 2531/ ,00

13 ALLEGATO D) REGOLE DI RENDICONTAZIONE DELLE RISORSE E DELLE ATTIVITA SVOLTE Regione Lombardia sostiene i programmi di attività presentati da consultori pubblici e degli Enti non profit, iscritti nell apposito elenco, anche attraverso un contributo per l acquisto della parrucca a rendiconto mensile delle spese sostenute e, comunque, nei limiti delle risorse definite, per la fase di prima applicazione e per la durata di un anno, pari a euro ,00. Regione Lombardia erogherà a rendiconto e fino ad un massimo di euro 150 per ciascuna persona e comunque nella misura massima delle risorse effettivamente disponibili. La rendicontazione delle spese effettivamente sostenute avverrà a cadenza mensile da presentare alla Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità entro il 15 del mese successivo a quello di riferimento delle spese. La rendicontazione dovrà contenere l elenco delle spese sostenute secondo un modello che sarà trasmesso dalla Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità, corredata dai documenti contabili comprovanti le spese, e dovrà essere accompagnata da una relazione sintetica sul numero dei beneficiari coinvolti e sulla loro provenienza. La liquidazione avverrà entro 30 gg. dal ricevimento della documentazione sopra indicata da parte della struttura economica- finanziaria della Direzione Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità. Sono ammissibili i costi relativi al diretto conseguimento delle finalità/azioni previste nel programma di attività, in particolare quelli relativi all acquisto delle parrucche. Con le stesse modalità le Aziende sanitarie locali provvederanno ad erogare le risorse ai consultori pubblici.

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE DISCIPLINA RELATIVA All. D) DGR n..del.. AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE 1. PREMESSA In attuazione di quanto previsto dall art. 36 della l.r. 14 febbraio 2008, n. 1 che

Dettagli

il Tar. Piemonte sez. II con sentenza n. 201/2012 del 9.2.2012 ha respinto il predetto ricorso dichiarandolo inammissibile;

il Tar. Piemonte sez. II con sentenza n. 201/2012 del 9.2.2012 ha respinto il predetto ricorso dichiarandolo inammissibile; REGIONE PIEMONTE BU30 26/07/2012 Codice DB1901 D.D. 13 luglio 2012, n. 144 D.G.R. n. 21-807 del 15.10.2010 e s.m.i. "Protocollo per il miglioramento del percorso assistenziale per la donna che richiede

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 543 29/01/2013 Identificativo Atto n. 36 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE MODALITA DI EROGAZIONE DEL FONDO CRESCO IN ATTUAZIONE

Dettagli

COMPILAZIONE COMUNE A TUTTI GLI ENTI. All. 1 DGR N DEL. C.F. (dato obbligatorio) P. IVA (se posseduta)

COMPILAZIONE COMUNE A TUTTI GLI ENTI. All. 1 DGR N DEL. C.F. (dato obbligatorio) P. IVA (se posseduta) SCHEDA UNICA INFORMATIZZATA PER LA DOMANDA DI ISCRIZIONE AI REGISTRI DELLE ASSOCIAZIONI, ASSOCIAZIONI PROMOZIONE SOCIALE, ORGANIZZAZIONI VOLONTARIATO, ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETA FAMILIARE; ALL ELENCO

Dettagli

Albo delle Libere Forme Associative del Comune di Taranto

Albo delle Libere Forme Associative del Comune di Taranto Albo delle Libere Forme Associative del Comune di Taranto 1. Premessa 2. Scheda generale 3. Modalità di iscrizione 4. Segreteria dell Albo 5. Inserimento e cancellazione nell Albo 6. Struttura 1. PREMESSA

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO 10405 10/11/2014 Identificativo Atto n. 552 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DETERMINAZIONI RELATIVE ALL ATTUAZIONE DELLA DGR 2513 DEL 17/10/2014 PRIMA ATTUA- ZIONE DELLA

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 11 e 33 B.U.R. 1/7/2015, n. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 giugno 2015, n. 0117/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 11 e 33 B.U.R. 1/7/2015, n. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 giugno 2015, n. 0117/Pres. L.R. 5/2012, artt. 11 e 33 B.U.R. 1/7/2015, n. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 giugno 2015, n. 0117/Pres. Regolamento concernente le modalità di iscrizione, cancellazione, aggiornamento e tenuta

Dettagli

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 40 del 29/10/2012 (sostituisce il regolamento approvato con delibera n.

Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 40 del 29/10/2012 (sostituisce il regolamento approvato con delibera n. REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DEGLI ENTI NO-PROFIT Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 40 del 29/10/2012 (sostituisce il regolamento approvato con delibera n. 23 del 19/4/2007)

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DELLE LIBERE ASSOCIAZIONI E DEGLI ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE. INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Istituzione dell

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Prot. n.3662 del 15.04.2016 AVVISO PUBBLICO U.N.R.R.A 2016 Avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul Fondo Lire U.N.R.R.A. per l anno 2016. Direttiva del Ministro del

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 681 Seduta del 13/09/2013

DELIBERAZIONE N X / 681 Seduta del 13/09/2013 DELIBERAZIONE N X / 681 Seduta del 13/09/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni

Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni COMUNE DI OLIVETO CITRA Provincia di Salerno Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni Approvato con deliberazione C.C. n. 14 del 26.04.2013 In vigore dal 26.04.2013 1 TITOLO I TITOLO I - ISTITUZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione Web Lombardia, di seguito denominata GWL,

Dettagli

Art. 3. Procedimento per l iscrizione delle associazioni nell elenco.

Art. 3. Procedimento per l iscrizione delle associazioni nell elenco. RR(3) 21_03.doc Pag: 1 REGOLAMENTO REGIONALE Lombardia 1 OTTOBRE 2003 N. 21 Elenco Regionale delle Associazioni dei Consumatori e degli Utenti e Comitato Regionale per la Tutela dei Diritti dei Consumatori

Dettagli

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa.

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa. Dote Sport Con D.G.R. X/3731 del 19 giugno 2015 sono stati approvati i criteri e le modalità per l assegnazione della Dote Sport, misura prevista dall art. 5 della l.r. 1 ottobre 2014, n. 26 che intende

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI AVVISO 526 FINANZIAMENTI ON-LINE (GEFO) 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Via Gattoni, 13 61121 PESARO (PU)

Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Via Gattoni, 13 61121 PESARO (PU) Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Via Gattoni, 13 61121 PESARO (PU) Tel 0721.402220 - Fax 0721.268278 C.F.80004890416 - C.M. PSIC82400X E-mail: psic82400x@istruzione.it - PEC: psic82400x@pec.istruzione.it

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI Provincia di Napoli ALBO DELLE ASSOCIAZIONI : REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI Provincia di Napoli ALBO DELLE ASSOCIAZIONI : REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA COMUNE DI MELITO DI NAPOLI Provincia di Napoli ALBO DELLE ASSOCIAZIONI : REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA INDICE Art. 1 Materia del regolamento Art. 2 Articolazione Art. 3 Requisiti per l iscrizione

Dettagli

AI REGISTRI DELLE ASSOCIAZIONI

AI REGISTRI DELLE ASSOCIAZIONI All. B) DGR n..del.. DISCIPLINA RELATIVA AI REGISTRI DELLE ASSOCIAZIONI 1. PREMESSA In attuazione di quanto previsto dall art. 25 della l.r. 14 febbraio 2008, n. 1 con il presente provvedimento viene definito:

Dettagli

L.R. 23/2012, art. 26, c. 1, lett. a) B.U.R. 4/6/2014, n. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 21 maggio 2014, n. 090/Pres.

L.R. 23/2012, art. 26, c. 1, lett. a) B.U.R. 4/6/2014, n. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 21 maggio 2014, n. 090/Pres. L.R. 23/2012, art. 26, c. 1, lett. a) B.U.R. 4/6/2014, n. 23 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 21 maggio 2014, n. 090/Pres. Regolamento per la tenuta del Registro regionale delle associazioni di promozione

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO ALLA DELIBERQZIONE C.C. N. 43 DEL 01.06.2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI. Art. 1 Oggetto TITOLO I DISCIPLINA GENERALE.

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU4 29/01/2015

REGIONE PIEMONTE BU4 29/01/2015 REGIONE PIEMONTE BU4 29/01/2015 Azienda sanitaria locale 'TO3' Selezione pubblica per il conferimento di incarichi a tempo determinato per 24 mesi, in qualità di medici di medicina generale convenzionati,

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO 3478 23/04/2014 Identificativo Atto n. 214 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE MODALITA DI EROGAZIONE DELLE RISORSE RELATIVE ALL INIZIATIVA GENITORI

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO PER L INDIVIDUAZIONE DI UN ESPERTO ESTERNO- Docente di madrelingua Inglese.

AVVISO PUBBLICO BANDO PER L INDIVIDUAZIONE DI UN ESPERTO ESTERNO- Docente di madrelingua Inglese. LICEO CLASSICO F. FREZZI - B. ANGELA Indirizzi: LICEO CLASSICO LICEO LINGUISTICO LICEO LINGUISTICO opzione ESABAC LICEO SCIENZE UMANE LICEO SCIENZE UMANE opzione ECONOMICO SOCIALE Sede Centrale F. Frezzi

Dettagli

ASL 7 CARBONIA BANDO RISERVATO AI DIRIGENTI MEDICI PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI RESPONSABILE DELLA STRUTTURA SEMPLICE A

ASL 7 CARBONIA BANDO RISERVATO AI DIRIGENTI MEDICI PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI RESPONSABILE DELLA STRUTTURA SEMPLICE A ASL 7 CARBONIA BANDO RISERVATO AI DIRIGENTI MEDICI PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI RESPONSABILE DELLA STRUTTURA SEMPLICE A VALENZA DIPARTIMENTALE DI ONCOLOGIA DESTINATARI: Conferimento dell incarico

Dettagli

Prot. n. 4746 Conversano, 15/10/2015

Prot. n. 4746 Conversano, 15/10/2015 Prot. n. 4746 Conversano, 15/10/2015 All USR BARI direzione-puglia@istruzione.it All USP BARI Ufficio III usp.ba@istruzione.it Ai Dirigenti degli Istituti Scolastici della Provincia All Università degli

Dettagli

COMUNE DI SUELLI. Settore Amministrativo SETTORE : Frau Andreina. Responsabile: 266 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 51 NUMERAZIONE GENERALE N.

COMUNE DI SUELLI. Settore Amministrativo SETTORE : Frau Andreina. Responsabile: 266 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 51 NUMERAZIONE GENERALE N. COMUNE DI SUELLI SETTORE : Responsabile: Settore Amministrativo Frau Andreina NUMERAZIONE GENERALE N. 266 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 51 in data 07/05/2014 OGGETTO: Avvio del procedimento per la formazione

Dettagli

COMUNE DI PROVAGLIO D ISEO UFFICIO TECNICO

COMUNE DI PROVAGLIO D ISEO UFFICIO TECNICO Allegato A) alla Determinazione n. 166 del 07/07/2015 Prot. 20150005696 UTC/MC/mc li 09 luglio 2015 AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DEI COMPONENTI DELLA COMMISSIONE PER IL PAESAGGIO AI SENSI DELL ART.81

Dettagli

Avviso pubblico ai sensi della D.G.R. n. 1799 del 28.11.06 Borse di studio presentazione candidature ALLEGATO A

Avviso pubblico ai sensi della D.G.R. n. 1799 del 28.11.06 Borse di studio presentazione candidature ALLEGATO A Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 169 del 21-12-2006 21957 INTERVENTI IN FAVORE DEI PUGLIESI NEL MONDO Legge regionale 23/2000 Art. 10 - PIANO 2006 - Avviso pubblico ai sensi della D.G.R.

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 867 DELL 8 MAGGIO 2014

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 867 DELL 8 MAGGIO 2014 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 867 DELL 8 MAGGIO 2014 Regolamento per la tenuta del Registro generale del volontariato organizzato di cui all articolo 5 della legge regionale 9 novembre 2012, n. 23 (Disciplina

Dettagli

.LEGGE REGIONALE 18 MAGGIO 2004, N. 12 Articolo 8 sostituito dall articolo 33 della legge regionale 4 dicembre 2009, n. 30

.LEGGE REGIONALE 18 MAGGIO 2004, N. 12 Articolo 8 sostituito dall articolo 33 della legge regionale 4 dicembre 2009, n. 30 .LEGGE REGIONALE 18 MAGGIO 2004, N. 12 Articolo 8 sostituito dall articolo 33 della legge regionale 4 dicembre 2009, n. 30 FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE

Dettagli

DOMANDA DI FINANZIAMENTO O CONTRIBUTO PER PROGETTI / INIZIATIVE PROMOSSI DA TERZI INFORMAZIONI SUL RICHIEDENTE:

DOMANDA DI FINANZIAMENTO O CONTRIBUTO PER PROGETTI / INIZIATIVE PROMOSSI DA TERZI INFORMAZIONI SUL RICHIEDENTE: MITTENTE: Spettabile FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI MIRANDOLA Piazza Marconi, 23 41037 MIRANDOLA (MO) Tel: 0535-27954 Fax: 0535-98781 e-mail: info@fondazionecrmir.it DOMANDA DI FINANZIAMENTO O CONTRIBUTO

Dettagli

(Provincia di Caserta)

(Provincia di Caserta) (Provincia di Caserta) Regolamento comunale per la concessione di contributi ad Enti, Associazioni e Comitati operanti nel campo culturale, della storia, della solidarietà, turistico, sportivo, ricreativo

Dettagli

Il Responsabile dell Area amministrativo-contabile. Avvisa. che con deliberazione consiliare n. 22 del 31 luglio 2007 è stato approvato il REGOLAMENTO

Il Responsabile dell Area amministrativo-contabile. Avvisa. che con deliberazione consiliare n. 22 del 31 luglio 2007 è stato approvato il REGOLAMENTO COMUNE DI S. STEFANO IN ASPROMONTE 89057 PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Il Responsabile dell Area amministrativo-contabile Avvisa che con deliberazione consiliare n. 22 del 31 luglio 2007 è stato approvato

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI VOLONTARIATO SOCIALE

REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI VOLONTARIATO SOCIALE REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO L Amministrazione Comunale di Trapani - ai sensi della L.r. n 10/91, della L.r. n 22/94 e del vigente

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PROTE ZIONE CIVILE 28 agosto 2014, n. 85

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PROTE ZIONE CIVILE 28 agosto 2014, n. 85 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 126 dell 11 09 2014 32725 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PROTE ZIONE CIVILE 28 agosto 2014, n. 85 Nuove iscrizioni, cancellazioni e variazioni nell Elenco

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ED INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA N. DEL

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ED INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA N. DEL 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ED INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA N. DEL Oggetto: Predisposizione della modulistica per richiesta e rilascio autorizzazione ed accreditamento dei servizi

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali

Articolo 1 Finalità generali Allegato A Deliberazione della G.R. n. 104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie, private e degli

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI, PER LA CREAZIONE DEL REGISTRO PUBBLICO DEI MEDIATORI CULTURALI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA.

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI, PER LA CREAZIONE DEL REGISTRO PUBBLICO DEI MEDIATORI CULTURALI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA. AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI, PER LA CREAZIONE DEL REGISTRO PUBBLICO DEI MEDIATORI CULTURALI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA. IL DIRIGENTE RENDE NOTO o vista la deliberazione del Consiglio Provinciale

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE. lorde

AVVISO DI SELEZIONE. lorde AVVISO DI SELEZIONE La Comunità Montana bandisce una selezione per titoli e curricula per assistenti bagnanti con i quali stipulare contratti di prestazione occasionale di lavoro autonomo per l anno 2012.

Dettagli

- del D.Lgs. 163/2006 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE;

- del D.Lgs. 163/2006 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE; [ AVVISO PROVINCIALE PER LA ISTITUZIONE DI UN ALBO DI ORGANISMI FORMATIVI DA CUI ATTINGERE AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE COMMISSIONI D ESAME PER IL RILASCIO DI QUALIFICHE PROFESSIONALI E/O ABILITAZIONI

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO 4017 15/05/2014 Identificativo Atto n. 230 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO IMPEGNO E CONTESTUALE LIQUIDAZIONE DEL CONTRIBUTO REGIONALE PARI A 100.000,00 A FAVORE DEL SERVIZIO

Dettagli

PIANO PROVINCIALE ASSE A TALENTI AL LAVORO 2012-2014 CUP J42B12000070002

PIANO PROVINCIALE ASSE A TALENTI AL LAVORO 2012-2014 CUP J42B12000070002 AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA DI VOLONTARIATO SVOLTE DA STUDENTI CHE STANNO TERMINANDO CON SUCCESSO PERCORSI DI IFP PIANO PROVINCIALE ASSE A TALENTI AL

Dettagli

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 1 TRIESTINA TRIESTE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Decreto n 238 del 04/06/2015 OGGETTO Avvisi alle Associazioni di Volontariato. Convenzioni volte a garantire

Dettagli

in partenariato con AVVISO PUBBLICO Home Care Premium 2011 Progetto My Care

in partenariato con AVVISO PUBBLICO Home Care Premium 2011 Progetto My Care in partenariato con AVVISO PUBBLICO Home Care Premium 2011 Progetto My Care Interventi innovativi e sperimentali di assistenza in favore di soggetti non autosufficienti, dipendenti pubblici e pensionati

Dettagli

COMUNE DI CARAMANICO TERME. (Provincia di Pescara) -------------------------------------------------------------- REGOLAMENTO

COMUNE DI CARAMANICO TERME. (Provincia di Pescara) -------------------------------------------------------------- REGOLAMENTO Comune di Caramanico Terme (PE) Corso Gaetano Bernardi, 30 - CAP 65023 - tel. (085) 92.90.131 - fax (085) 92.90.202 COMUNE DI CARAMANICO TERME (Provincia di Pescara) --------------------------------------------------------------

Dettagli

Provincia di Udine. P.E.C. comune.maranolagunare@certgov.fvg.it

Provincia di Udine. P.E.C. comune.maranolagunare@certgov.fvg.it Prot. n. 841/2014 AVVISO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI UN INCARICO DI NATURA PROFESSIONALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO PER LE POLITICHE GIOVANILI E LA GESTIONE DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO DIREZIONE GENERALE LA RESPONSABILE RENDE NOTO

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO DIREZIONE GENERALE LA RESPONSABILE RENDE NOTO DIREZIONE GENERALE SERVIZIO DIREZIONE GENERALE LA RESPONSABILE RENDE NOTO Che è indetto un bando con il quale la Provincia di Grosseto intende finanziare, con il contributo della Fondazione Monte dei Paschi

Dettagli

B O R S A D E I G I O V A N I T A L E N T I S P O R T I V I 2015

B O R S A D E I G I O V A N I T A L E N T I S P O R T I V I 2015 ALLEGATO 1 B O R S A D E I G I O V A N I T A L E N T I S P O R T I V I 2015 AVVISO PUBBLICO RIVOLTO AI COMITATI REGIONALI DELLE FEDERAZIONI SPORTIVE NAZIONALI DI CONI E CIP E ALLE DISCIPLINE SPORTIVE ASSOCIATE

Dettagli

LUNEDI 17 NOVEMBRE 2014

LUNEDI 17 NOVEMBRE 2014 BANDO DI SELEZIONE INTERNA PER L ATTRIBUZIONE DELLA POSIZIONE ORGANIZZATIVA PROFESSIONALE DI COORDINATORE CORSI OSS FORMAZIONE AL LAVORO, NELL AMBITO DELLO STAFF DELLA DIREZIONE GENERALE UOC FORMAZIONE

Dettagli

BANDO PER LA SELEZIONE DI 1992 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità)

BANDO PER LA SELEZIONE DI 1992 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità) ALLEGATO E) BANDO PER LA SELEZIONE DI 1992 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità) È indetto un bando per la selezione di 2034 giovani da avviare al servizio

Dettagli

Il sottoscritto/a nato/a a., Prov. il e. residente a, Prov.,via., n.,in qualità di

Il sottoscritto/a nato/a a., Prov. il e. residente a, Prov.,via., n.,in qualità di ALLEGATO 1 Istanza di iscrizione (fac-simile di istanza per l iscrizione al registro provinciale delle associazioni del terzo settore e degli enti del no profit) Al Presidente della Provincia Regionale

Dettagli

CODICE CONCORSO C05. 5-3 108 07.08.2014 4^ - 62 08.08.2014 SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE:

CODICE CONCORSO C05. 5-3 108 07.08.2014 4^ - 62 08.08.2014 SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE: ARPA PUGLIA Riapertura dei termini di presentazione delle domande di partecipazione al concorso pubblico, per titoli ed esami, per il reclutamento a tempo indeterminato di n. 5 Collaboratori professionali

Dettagli

COMUNE DI AGNONE (IS)

COMUNE DI AGNONE (IS) UNIONE EUROPEA COMUNE DI AGNONE (IS) AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI N 5 BORSE LAVORO PER SVILUPPARE PERCORSI DI INTEGRAZIONE E MIGLIORARE IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DI SOGGETTI SVANTAGGIATI POR

Dettagli

Art. 1 (Finalità e obiettivi)

Art. 1 (Finalità e obiettivi) AVVISO PUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI, SOGGETTI PRIVATI SINGOLI O ASSOCIATI, FONDAZIONI ED ASSOCIAZIONI PER INIZIATIVE ED INTERVENTI IN MATERIA AMBIENTALE L art. 12

Dettagli

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI ANNUALITA 2011-2012 DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI

Dettagli

Modello di domanda per Enti e Associazioni ALLA PROVINCIA DI MILANO SETTORE SOSTEGNO E PREVENZIONE DELLE EMERGENZE SOCIALI

Modello di domanda per Enti e Associazioni ALLA PROVINCIA DI MILANO SETTORE SOSTEGNO E PREVENZIONE DELLE EMERGENZE SOCIALI Modello di domanda per Enti e Associazioni ALLA PROVINCIA DI MILANO SETTORE SOSTEGNO E PREVENZIONE DELLE EMERGENZE SOCIALI VIALE PICENO, 60 20129 MILANO DOMANDA PER LA PARTECIPAZIONE ALL AVVISO PUBBLICO

Dettagli

allegato alla determinazione dirigenziale n. 35 del 16/02/2015

allegato alla determinazione dirigenziale n. 35 del 16/02/2015 allegato alla determinazione dirigenziale n. 35 del 16/02/2015 Avviso di mobilità volontaria esterna riservato a dipendenti di amministrazioni pubbliche di cui all art. 1 comma 2 del D.Lgs. 165/2001 e

Dettagli

Prot. n. 3647 Conversano, 20/08/2015

Prot. n. 3647 Conversano, 20/08/2015 Prot. n. 3647 Conversano, 20/08/2015 All USR BARI direzione-puglia@istruzione.it All USP BARI Ufficio III usp.ba@istruzione.it Ai Dirigenti degli Istituti Scolastici della Provincia All Università degli

Dettagli

AREA AFFARI GENERALI

AREA AFFARI GENERALI AREA AFFARI GENERALI BANDO DI MOBILITA VOLONTARIA ESTERNA EX ART. 30 D.LGS 165/2001 PER LA COPERTURA A TEMPO PIENO ED INDETERMINATO DI UN POSTO DI ISTRUTTORE CONTABILE CAT. C SETTORE FINANZIARIO. IL SEGRETARIO

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE Nell ambito del convegno nazionale La figura del tutor all

Dettagli

In esecuzione della Deliberazione n. 187/002B/2014 del 12/03/2014 è indetta:

In esecuzione della Deliberazione n. 187/002B/2014 del 12/03/2014 è indetta: Sede legale: c.so Svizzera, 164-10149 TORINO 011/4393111 In esecuzione della Deliberazione n. 187/002B/2014 del 12/03/2014 è indetta: Selezione Pubblica per Titoli e Colloquio per l affidamento di 1 Borsa

Dettagli

DECRETO N. 1771 Del 11/03/2016

DECRETO N. 1771 Del 11/03/2016 DECRETO N. 1771 Del 11/03/2016 Identificativo Atto n. 202 DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO Oggetto APPROVAZIONE DEL BANDO A FAVORE DI PROGETTI PER IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE, AI SENSI DELL ART.

Dettagli

COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT

COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 64 del 20 nov. 2014 Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo

Dettagli

DECRETO N. 2164 Del 19/03/2015

DECRETO N. 2164 Del 19/03/2015 DECRETO N. 2164 Del 19/03/2015 Identificativo Atto n. 217 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE, AI SENSI DELLA D.G.R. N. X/3143 DEL 18 FEBBRAIO 2015, DELL AVVISO PER

Dettagli

AVVISO DI MOBILITA ORDINARIA INTERNA. Il Direttore Generale, in esecuzione della propria deliberazione N. 361 del 14.07.2011.

AVVISO DI MOBILITA ORDINARIA INTERNA. Il Direttore Generale, in esecuzione della propria deliberazione N. 361 del 14.07.2011. Allegato A alla deliberazione N. 361 del 14.07.2011 AVVISO DI MOBILITA ORDINARIA INTERNA Il Direttore Generale, in esecuzione della propria deliberazione N. 361 del 14.07.2011. RENDE NOTO Che si intende

Dettagli

NAZIONALE Data pubblicazione: 20-11-2013 Data scadenza: 31-12-2013

NAZIONALE Data pubblicazione: 20-11-2013 Data scadenza: 31-12-2013 PAG. 1 Contributi a favore delle associazioni di volontariato ed onlus per l'acquisto di ambulanze, beni strumentali e beni da donare a strutture sanitarie pubbliche NAZIONALE Data pubblicazione: 20-11-2013

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del C.C. n dei 00.00.201 CAPO I VALORIZZAZIONE DELLE FORME ASSOCIATIVE Art. 1 Principi

Dettagli

COMUNE DI BIBIANA Provincia di Torino Via Cavour, 2 10060 Tel 0121 55723 / 559197 - Fax 0121 55888

COMUNE DI BIBIANA Provincia di Torino Via Cavour, 2 10060 Tel 0121 55723 / 559197 - Fax 0121 55888 COMUNE DI BIBIANA Provincia di Torino Via Cavour, 2 10060 Tel 0121 55723 / 559197 - Fax 0121 55888 Approvato con determinazione del Responsabile del Personale n. 4 (Reg. Gen. 77) del 01/04/2015 Tel. 0121

Dettagli

Delibera di G.C. N. 15 del 7 febbraio 2014

Delibera di G.C. N. 15 del 7 febbraio 2014 Avviso pubblico e Regolamento per la concessione di contributi a parziale concorso delle spese di organizzazione di viaggi in provincia di Napoli in periodi di bassa e media stagione Annualità 2014 Delibera

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG

LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06 Art. 1 NORMATIVA APPLICABILE, OGGETTO E FINALITA Art. 1 NORMATIVA APPLICABILE,

Dettagli

Domanda d'iscrizione/conferma d iscrizione (cancellare la voce che non interessa) all'elenco regionale degli operatori archivistici

Domanda d'iscrizione/conferma d iscrizione (cancellare la voce che non interessa) all'elenco regionale degli operatori archivistici Prima di compilare e spedire il presente modello ed il mod.2,leggere attentamente le: - Disposizioni e modalità per la gestione dell'elenco regionale degli operatori archivistici approvate con dgr n. del,

Dettagli

IL/LA SOTTOSCRITTO/A

IL/LA SOTTOSCRITTO/A DOMANDA DI AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO BONUS 2013 Co-finanziato dal Fondo Sociale Europeo (FSE), nell ambito del Programma Operativo Regionale (POR) Umbria, FSE Obiettivo Competitività Regionale e

Dettagli

Regolamento Comunale. per l istituzione e la tenuta del registro Comunale. delle Associazioni di promozione sociale

Regolamento Comunale. per l istituzione e la tenuta del registro Comunale. delle Associazioni di promozione sociale Regolamento Comunale per l istituzione e la tenuta del registro Comunale delle Associazioni di promozione sociale Deliberazione C.C. n. Premessa e definizioni Il presente regolamento attua il Comma 2 dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006 1. OGGETTO E FINALITA Ai sensi e per gli effetti dell art. 125, comma 11,

Dettagli

LA LOMBARDIA METTE ORDINE AI REGISTRI DELL ASSOCIAZIONISMO

LA LOMBARDIA METTE ORDINE AI REGISTRI DELL ASSOCIAZIONISMO LA LOMBARDIA METTE ORDINE AI REGISTRI DELL ASSOCIAZIONISMO Informatizzazione dei registri delle associazioni (APS incluse), organizzazioni di volontariato, associazioni di solidarietà familiare, centri

Dettagli

PROGETTO AREZZO INSIEME PER UNA CITTA' PIU' BELLA

PROGETTO AREZZO INSIEME PER UNA CITTA' PIU' BELLA PROGETTO AREZZO INSIEME PER UNA CITTA' PIU' BELLA Avviso pubblico per la formazione di un elenco di angeli della città volontari per il decoro urbano. 1. Descrizione delle attività di volontariato da svolgersi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE, LA CANCELLAZIONE E LA REVISIONE DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE.

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE, LA CANCELLAZIONE E LA REVISIONE DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE. REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE, LA CANCELLAZIONE E LA REVISIONE DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE. Approvato con delibera di C.C. n. 49 del 06/10/2005. PREMESSA E DEFINIZIONI

Dettagli

Criteri di accesso e modalità di valutazione anno 2015

Criteri di accesso e modalità di valutazione anno 2015 Allegato A Criteri di accesso e modalità di valutazione anno 2015 1. Premessa Con la D.g.r. 2513 del 17/10/2014 si è data una prima attuazione alla legge regionale n. 18 del 24 giugno 2014 Norme a tutela

Dettagli

Premesso che. Tutto ciò premesso

Premesso che. Tutto ciò premesso BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO NELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA AI SENSI DELL ART.15 DELLA LEGGE 11 AGOSTO 1991, N. 266 E DEL DECRETO DEL MINISTERO DEL TESORO 8

Dettagli

AVVISO PUBBLICO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA FORMAZIONE DI UNA SHORT LIST DI ESPERTI E DI PROFILI PROFESSIONALI

AVVISO PUBBLICO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA FORMAZIONE DI UNA SHORT LIST DI ESPERTI E DI PROFILI PROFESSIONALI - Avviso pubblico - Manifestazione di interesse per la formazione di una Short List di Esperti e di Profili Professionali da selezione ai fini della realizzazione delle attività della Fondazione Mario

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE Art. 1 (Istituzione del servizio) Il Comune di Fossalto promuove il benessere dei propri cittadini, con il fine di inserire ed integrare socialmente

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL RESPONSABILE DELL UFFICIO DI PIANO

AVVISO PUBBLICO IL RESPONSABILE DELL UFFICIO DI PIANO AVVISO PUBBLICO IL RESPONSABILE DELL UFFICIO DI PIANO In esecuzione delle seguenti deliberazioni del Coordinamento Istituzionale n. 21 del 26.11.2009, n. 16 del 11.05.2010 e n. 06 del 15.03.2011; VISTO

Dettagli

Azienda Speciale di Formazione Scuola Paolo Borsa

Azienda Speciale di Formazione Scuola Paolo Borsa AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA FORMAZIONE E/O L AGGIORNAMENTO DELL ALBO COLLABORATORI (istituito con determinazioni dirigenziali n. 12/2014 e n. 13/2014) Per titoli ed esperienze lavorative, per la

Dettagli

COMUNE DI GIARDINELLO Provincia di Palermo

COMUNE DI GIARDINELLO Provincia di Palermo COMUNE DI GIARDINELLO Provincia di Palermo REPERTORIO GENERALE N.72 DEL 27/01/2014 DETERMINAZIONE N.48 DEL 27/01/2014 Oggetto: Approvazione avviso per la concessione del Bonus Socio Sanitario a nuclei

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ARTIGIANATO E SERVIZI

DIREZIONE GENERALE ARTIGIANATO E SERVIZI 10462 15/10/2009 Identificativo Atto n. 170 DIREZIONE GENERALE ARTIGIANATO E SERVIZI APPROVAZIONE DELLE GRADUATORIE DEL BANDO "CONTRIBUTI ALLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE (MPMI) PER IL SOSTEGNO DELL'INNOVAZIONE

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

solidarietà familiare

solidarietà familiare Le associazioni di solidarietà familiare ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE Requisiti per diventare associazione di solidarietà familiare...40 Benefici e obblighi derivanti dall iscrizione...42 A chi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI C I T T A D I F E R M O Via Mazzini, 4 63900 Fermo Tel. 0734.2841 Fax 0734.224170 Codice fiscale e partita iva 00334990447 - Sito web: www.comune.fermo.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI,

Dettagli

AVVISO ESPLORATIVO E NON VINCOLANTE PER

AVVISO ESPLORATIVO E NON VINCOLANTE PER UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA Ministero del lavoro e delle politiche sociali Fondazione Calabria Etica AVVISO ESPLORATIVO E NON VINCOLANTE PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE A PARTECIPARE ALL INDIVIDUAZIONE

Dettagli

C O M U N E D I VIGGIANELLO PROVINCIA DI POTENZA UFFICIO ISTRUZIONE E CULTURA IL RESPONSABILE DEL SETTORE AMMINISTRATIVO

C O M U N E D I VIGGIANELLO PROVINCIA DI POTENZA UFFICIO ISTRUZIONE E CULTURA IL RESPONSABILE DEL SETTORE AMMINISTRATIVO PROT. 5803 DEL 23/10/2014 C O M U N E D I VIGGIANELLO PROVINCIA DI POTENZA UFFICIO ISTRUZIONE E CULTURA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 - FORNITURA GRATUITA E SEMIGRATUITA LIBRI DI TESTO LEGGE 448/1998- IL RESPONSABILE

Dettagli

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE.

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. INDICE TITOLO I ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI art. 1 Finalità

Dettagli

REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI: REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA

REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI: REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA CITTA DI MUGGIO (Provincia di Milano) REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI: REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA 1 - OGGETTO...2 2 - FINALITA' GENERALI...2 3 - SEZIONI...2 4 - REQUISITI PER L'ISCRIZIONE...2

Dettagli

considerati i nuovi criteri approvati dalla succitata D.G.R. n. 17-6775 del 28/11/2013;

considerati i nuovi criteri approvati dalla succitata D.G.R. n. 17-6775 del 28/11/2013; REGIONE PIEMONTE BU28 10/07/2014 Codice DB1810 D.D. 22 aprile 2014, n. 216 L.r. 36/00 "Riconoscimento e valorizzazione delle associazioni turistiche pro loco" art. 6 Approvazione della "scheda di rendicontazione

Dettagli

Allegato A alla DGR n. 1. INQUADRAMENTO PROGRAMMATICO E NORMATIVO

Allegato A alla DGR n. 1. INQUADRAMENTO PROGRAMMATICO E NORMATIVO LINEE-GUIDA PER L AVVIO E L ACCOMPAGNAMENTO DEI PISL MONTAGNA (PROGRAMMI INTEGRATI DI SVILUPPO LOCALE PER LA MONTAGNA) MODALITA DI PRIMA APPLICAZIONE DELL ART. 5 DELLA L.R. n. 25/2007* (*come modificato

Dettagli

CONCORSI 6 21.10.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 42

CONCORSI 6 21.10.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 42 6 21.10.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 42 CONCORSI stati pubblicati rispettivamente sul BURT n.15 del 15/04/2015 e N. 29 del 22/07/2015; REGIONE TOSCANA Direzione Organizzazione

Dettagli

MODULO RS DOMANDA DI RINNOVO SEMPLIFICATA. Il/La sottoscritto/a. nato/a a, (prov. ), CHIEDE DI RINNOVARE

MODULO RS DOMANDA DI RINNOVO SEMPLIFICATA. Il/La sottoscritto/a. nato/a a, (prov. ), CHIEDE DI RINNOVARE MODULO RS DOMANDA DI RINNOVO SEMPLIFICATA Il/La sottoscritto/a nato/a a, (prov. ), il / /, codice fiscale CHIEDE DI RINNOVARE 2 bonus elettrico istanza n... bonus gas istanza n. 3 N. identificativo ISEE

Dettagli

Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo

Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo Linee Guida per l iscrizione all elenco dei soggetti senza finalità di lucro ai sensi dell art. 26, commi 2 e 3, della L. 125/2014 e dell art. 17 del

Dettagli