proposta di legge n. 165

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "proposta di legge n. 165"

Transcript

1 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 165 d iniziativa popolare ai sensi dell articolo 44 dello Statuto e della l.r. 5 settembre 1974, 23 presentata in data 18 febbraio 2003 dichiarata ammissibile dall Ufficio di Presidenza in data 26 febbraio 2003 RIORDINO DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DELLA REGIONE MARCHE (434)

2 REGIONE MARCHE 2 CONSIGLIO REGIONALE Signori Consiglieri, l Associazione Amici del Cuore del Fermano, costituita in data 16 novembre 2001 con atto del notaio Danielli, nel quadro delle proprie finalità, ritiene opportuno proporre al Consiglio regionale una legge di iniziativa popolare che regolamenti il necessario ed indispensabile riordino del servizio sanitario regionale. La presente proposta di legge nasce dalla necessità di intervenire sull assetto organizzativo del servizio sanitario regionale per offrire ai cittadini prestazioni sempre più qualificate e rispondenti alle loro variegate necessità. La maggiore qualificazione del sistema, però, richiede di investire maggiori risorse che possono essere reperite solo con la razionalizzazione della spesa attuale e le conseguenti economie. L istituzione di Aziende sanitarie con ambito provinciale coincidente con quello della provincia è in linea con la previsione normativa del decreto legislativo 30 novembre 1992, n. 502 e consente alle ASL una funzione di governo della sanità da realizzare in stretto raccordo con il livello istituzionale delle autonomie locali. Un livello ottimale rispetto alla dimensione geografica e demografica della regione, che soddisfa l esigenza della vicinanza dell organo di governo alla popolazione interessata e nel contempo l esigenza di non avere un sovrannumero di strutture che appesantiscono anche a livello economico il sistema. In tale ottica viene istituita la ASL provinciale di Fermo, in quanto il Consiglio regionale con atto del 20 novembre 1990, n. 11 ha deliberato la proposta al Parlamento di istituzione della quinta provincia delle Marche, con sede legale a Fermo e con ambito territoriale delineato nell atto stesso. Altra finalità del presente disegno di legge è quella di rendere operativo tutto un insieme di norme nazionali e regionali già emanate, ma che non sono state mai applicate. Il disegno di legge affronta anche l aspetto della costituzione delle Aziende ospedaliere: a tal proposito si propongono due Aziende, l ospedale San Salvatore di Pesaro già esistente e l Azienda ospedaliera di Ancona, derivante dalla fusione dell ospedale Umberto I, del Salesi e del Lancisi. Con questo disegno di legge ci si propone, inoltre, di razionalizzare il sistema ospedaliero, di sopprimere i reparti poco utilizzati, i quali non solo costituiscono una inutile spesa, ma possono anche rappresentare un rischio per l utenza. Nell ottica della diminuzione delle spese si propone l abolizione dell Agenzia sanitaria regionale, le cui funzioni possono essere svolte con più efficienza e trasparenza dalle strutture regionali a ciò deputate. L articolo 1 determina le finalità della legge. Gli articoli 2 e 3 stabiliscono il nuovo assetto organizzativo del sistema sanitario regionale, con l istituzione delle Asl con ambito provinciale e l individuazione delle loro sedi legali. L articolo 4 istituisce l ASL provinciale di Fermo, con riferimento alla decisione del Consiglio regionale delle Marche a favore della istituzione della quinta provincia marchigiana e con l indicazione dell ambito territoriale di competenza. L articolo 5 individua le Aziende sanitarie ospedaliere delle Marche. Gli articoli 6 e 7 definiscono l iter per la formazione delle ASL, i rispettivi ambiti territoriali di competenza e le modalità di passaggio dei rapporti attivi e passivi tra le Aziende soppresse e quelle istituite. L articolo 8 sopprime l Agenzia regionale sanitaria di cui all articolo 4 della l.r. 17 luglio 1996, n. 26, in considerazione del fatto che le funzioni alla stessa attribuite sono un duplicato di quelle previste per il servizio regionale alla persona ed alla comunità. L articolo 9 si propone come primo indispensabile passo per la razionalizzazione della rete ospedaliera. L articolo 10 regolamenta il numero dei posti letto ospedalieri per acuti in rapporto agli abitanti delle singole zone. L articolo 11 concerne i presidi ospedalieri di Amandola e Novafeltria. L articolo 12 prevede che la conferenza dei Sindaci sia integrata da un rappresentante dell Amministrazione provinciale. L articolo 13 regolamenta i rapporti dell Azienda con le associazioni di volontariato, ai fini della loro partecipazione consultiva e propositiva agli atti di programmazione. L articolo 14 riguarda le modalità di finanziamento delle ASL e di quelle ospedaliere, secondo parametri obiettivi territoriali e demografici, tenendo conto degli specifici bisogni della popolazione. L articolo 15 stabilisce l abrogazione di tutte le norme regionali in contrasto con la presente proposta di legge. Nell allegata tabella A sono indicati gli ambiti territoriali delle ASL.

3 REGIONE MARCHE 3 CONSIGLIO REGIONALE Art La presente legge, in applicazione del d.lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni, ridefinisce gli ambiti territoriali delle Aziende sanitarie locali, individua le Aziende sanitarie ospedaliere e determina i principi per la riorganizzazione della rete ospedaliera delle Marche. Art Ai fini della migliore organizzazione e della razionalizzazione dei servizi sanitari gli ambiti territoriali e le sedi legali delle Aziende sanitarie locali sono determinati a livello di ambito provinciale, secondo quanto previsto dalla tabella A allegata alla presente legge, di cui è parte integrante. Art In ciascuno degli ambiti territoriali provinciali individuati dalla presente legge è istituita una Azienda sanitaria locale, con sede legale nel capoluogo di provincia. Art E istituita l Azienda sanitaria locale con ambito territoriale provinciale determinato dalla deliberazione del Consiglio regionale del 20 novembre 1990, n. 7, come da tabella A allegata, con sede legale a Fermo. Art E istituita l Azienda ospedaliera Umberto I - G.M. Lancisi - G. Salesi di Ancona. 2. E confermata l Azienda ospedaliera Ospedale San Salvatore di Pesaro. Art L Azienda sanitaria locale di Pesaro è costituita dalla fusione delle Aziende sanitarie locali di Pesaro, Fano e Urbino. 2. L Azienda sanitaria locale di Ancona è costituita dalla fusione delle Aziende sanitarie locali di Ancona, Fabriano, Jesi e Senigallia. 3. L Azienda sanitaria locale di Macerata è costituita dalla fusione delle aziende sanitarie locali di Macerata, Camerino, Civitanova Marche. 4. L Azienda sanitaria locale di Fermo è costituita dall attuale Azienda sanitaria locale e nel suo ambito territoriale sono compresi i comuni di cui all allegata tabella A. 5. L Azienda sanitaria locale di Ascoli Piceno è costituita dalla fusione delle Aziende sanitarie locali

4 REGIONE MARCHE 4 CONSIGLIO REGIONALE di Ascoli Piceno e S. Benedetto del Tronto e comprende i comuni di cui all allegata tabella A. Art La Giunta regionale disciplina i termini e le modalità di passaggio dei rapporti attivi e passivi del personale e dei beni mobili ed immobili dalle istituzioni soppresse a quelle istituite con la presente legge. 2. Le Aziende sanitarie locali hanno la facoltà di raccordarsi nelle forme organizzative più opportune per l acquisto di beni e gestione di servizi. 3. Le Aziende sanitarie esistenti alla data di entrata in vigore della presente legge, fatta eccezione per l Azienda ospedaliera Ospedale San Salvatore di Pesaro, sono soppresse ed i relativi organi decadono dalla carica a decorrere dall insediamento dei nuovi organi previsti dal d.lgs. 502/ Art E soppressa l Agenzia regionale sanitaria, di cui all articolo 4 della l.r. 17 luglio 1996, n Le sue funzioni sono riattribuite alla struttura amministrativa regionale a ciò deputata dalle norme di organizzazione della Regione. 3. Il personale di ruolo regionale ed il suo patrimonio sono attribuiti alla Regione. Art Ai fini della riqualificazione e della riorganizzazione della rete ospedaliera sono soppressi i reparti ospedalieri che hanno avuto nel corso degli ultimi tre anni una utilizzazione media annua inferiore al 65 per cento dei posti letto. 2. I direttori generali propongono alla Giunta regionale il piano di utilizzo dei posti letto, del personale, dei beni mobili ed immobili dei reparti soppressi nell ambito dell Azienda sanitaria locale di competenza. Art Il numero dei posti letto per acuti è fissato ad un massimo del 4 per mille degli abitanti delle ASL. 2. I posti letto sono assegnati all Azienda sanitaria locale. 3. Il Direttore generale, sentita la conferenza dei Sindaci, provvede alla distribuzione dei posti letto nell ambito di uno o più presidi ospedalieri, ove presenti nel territorio della ASL. Art In deroga agli articoli 9 e 10, la Giunta regionale potenzia i presidi ospedalieri di Amandola e Novafeltria operanti in territori disagiati con reparti

5 REGIONE MARCHE 5 CONSIGLIO REGIONALE di emergenza per patologie necessitanti di pronto intervento. Art La Conferenza dei Sindaci di cui all articolo 6 della l.r. 28 giugno 1994, n. 22 è integrata da un rappresentante dell Amministrazione provinciale. Art L Azienda sanitaria locale istituisce un albo delle associazioni di volontariato operanti nel settore della sanità. 2. Possono essere iscritte all albo le associazioni con un numero di soci non inferiore a Il Direttore generale dell Azienda sanitaria locale convoca le associazioni di volontariato che operano nel settore della sanità più rappresentative a livello provinciale per acquisire il parere sugli atti di programmazione. Art Le Aziende sanitarie locali sono finanziate dalla Regione in relazione ai livelli essenziali ed uniformi di assistenza. 2. Il finanziamento è ripartito in base ai criteri stabiliti dal Consiglio regionale, tenendo conto della popolazione residente, dell ampiezza e delle caratteristiche orografiche del territorio di riferimento, con le ponderazioni riferite alle diverse categorie di bisogni. 3. La remunerazione dell attività assistenziale delle Aziende ospedaliere è definita sulla base di un sistema tariffario delle prestazioni e dei programmi assistenziali, nell ambito degli accordi stipulati con i Direttori generali delle Aziende sanitarie locali. Art Sono abrogate tutte le norme in contrasto con la presente legge.

6 REGIONE MARCHE 6 CONSIGLIO REGIONALE Tabella A Azienda sanitaria locale di Pesaro Fanno parte dell Azienda sanitaria locale di Pesaro tutti i comuni della provincia di Pesaro Urbino. Azienda sanitaria locale di Ancona Fanno parte dell Azienda sanitaria di Ancona tutti i comuni della provincia di Ancona. Azienda sanitaria locale di Macerata Fanno parte dell Azienda sanitaria locale di Macerata tutti i comuni della provincia di Macerata. Azienda sanitaria locale di Fermo Fanno parte dell Azienda sanitaria locale di Fermo i seguenti comuni: 1 Altidona, 2 Amandola, 3 Belmonte Piceno, 4 Campofilone, 5 Falerone, 6 Fermo, 7 Francavilla D Ete, 8 Grottazzolina, 9 Lapedona, 10 Magliano di Tenna, 11 Massa Fermana, 12 Monsampietro Morico, 13 Montappone, 14 Montefalcone Appennino, 15 Montefortino, 16 Monte Giberto, 17 Montegiorgio, 18 Montegranaro, 19 Monteleone di Fermo, 20 Montelparo, 21 Monte Rinaldo, 22 Monterubbiano, 23 Monte S. Pietrangeli, 24 Monte Urano, 25 Monte Vidon Combatte, 26 Monte Vidon Corrado, 27 Montottone, 28 Moresco, 29 Ortezzano, 30 Pedaso, 31 Petritoli, 32 Ponzano di Fermo, 33 Porto S. Giorgio, 34 Porto Sant Elpidio, 35 Rapagnano, 36 Santa Vittoria in Matenano, 37 Sant Elpidio a Mare, 38 Servigliano, 39 Smerillo, 40 Torre S. Patrizio. Azienda sanitaria locale di Ascoli Piceno Fanno parte dell Azienda sanitaria locale di Ascoli Piceno tutti i comuni della Provincia di Ascoli Piceno ad eccezione dei 40 Comuni facenti parte dell Azienda sanitaria locale di Fermo.

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XIII LEGISLATURA N. 4596 DISEGNO DI LEGGE d'iniziativa del senatore SCOPELLITI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2000 Modifica della Tabella A allegata al decreto legislativo

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2007

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2007 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 MONTI SIBILLINI Comuni di: ACQUASANTA TERME, ARQUATA DEL TRONTO, COMUNANZA, MONTEFORTINO, MONTEGALLO, MONTEMONACO, ROCCAFLUVIONE MEDIO TENNA Comuni di: AMANDOLA,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO EROGAZIONE ASSEGNO DI CURA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI

AVVISO PUBBLICO EROGAZIONE ASSEGNO DI CURA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE XIX Ente Capofila Comune di Fermo - Comuni di Altidona, Belmonte Piceno, Campofilone, Falerone, Francavilla d'ete, Grottazzolina, Lapedona, Magliano di Tenna, Massa Fermana,

Dettagli

F Le Marche Meridionali del Piceno

F Le Marche Meridionali del Piceno F Le Marche Meridionali del Piceno Il territorio delle Marche Meridionali del Piceno è delimitato ad est dalla linea di costa adriatica, ad ovest dalle catene montuose (appenniniche) dei monti della Laga

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA VALUTAZIONE DEI PROGETTI DI PREVENZIONE

PROTOCOLLO PER LA VALUTAZIONE DEI PROGETTI DI PREVENZIONE AREA TERRITORIALE Dipartimento delle Dipendenze Patologiche U.O.C. Servizio Territoriale Dipendenze Patologiche Direttore dr.ssa Gianna Sacchini Via della montagnola, 90 - Porto Sant Elpidio Tel: 0734

Dettagli

EROGAZIONE ASSEGNO DI CURA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI

EROGAZIONE ASSEGNO DI CURA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AMBITO SOCIALE XIX CITTA DI FERMO SETTORE SERVIZI SOCIO SANITARI AVVISO PUBBLICO EROGAZIONE ASSEGNO DI CURA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IL DIRIGENTE - VISTA la Deliberazione di Giunta Regionale n.

Dettagli

info@comune.castelfidardo.an.it comune@caldarola.sinp.net comune@bolognola.sinp.net comune@camporotondo.sinp.net

info@comune.castelfidardo.an.it comune@caldarola.sinp.net comune@bolognola.sinp.net comune@camporotondo.sinp.net Comune di Acquacanina Comune di Acqualagna Comune di Acquasanta Terme Comune di Acquaviva Picena Comune di Agugliano Comune di Altidona Comune di Amandola Comune di Ancona Comune di Apecchio Comune di

Dettagli

Codice Sede Attuazione Nome Sede Via Sede CAP sede Comune Sede

Codice Sede Attuazione Nome Sede Via Sede CAP sede Comune Sede Codice Ente Nome Ente Codice Sede Attuazione Nome Sede Via Sede CAP sede Comune Sede NZ00003 E.N.D.A.S. - ENTE NAZIONALE DEMOCRATICO DI AZIONE SOCIALE 19644 E.N.D.A.S. REGIONALE MARCHE 2 CORSO GIOVANNI

Dettagli

CODICI ISTAT DEI COMUNI DELLA REGIONE MARCHE

CODICI ISTAT DEI COMUNI DELLA REGIONE MARCHE CODICI ISTAT DEI COMUNI DELLA REGIONE MARCHE PESARO 041 001 Acqualagna PS 041 002 Apecchio PS 041 003 Auditore PS 041 004 Barchi PS 041 005 Belforte all'isauro PS 041 006 Borgo Pace PS 041 007 Cagli PS

Dettagli

- Indirizzario Ambiti Territoriali Sociali -

- Indirizzario Ambiti Territoriali Sociali - - Indirizzario Ambiti Territoriali Sociali - ATS Ambito Territoriale Sociale 1 c/o Comune di Pesaro Piazza del Popolo, 19 61100 - Pesaro tel. 0721/387319 fax 0721/387394-591 e-mail: servizi.sociali@comune.pesaro.ps.it

Dettagli

Buon viaggio! Orario 2006. autobus - treno - aereo - nave. Percorsi urbani-extraurbani. Provincia di Ascoli Piceno

Buon viaggio! Orario 2006. autobus - treno - aereo - nave. Percorsi urbani-extraurbani. Provincia di Ascoli Piceno Provincia di Ascoli Piceno Medaglia d oro al Valor Militare per attività partigiana Assessorato ai Trasporti Campagna a sostegno dell utilizzo del mezzo pubblico in collaborazione con Regione Marche Assessorato

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE CICLO DEI RIFIUTI, BONIFICHE AMBIENTALI, AERCA, RISCHIO INDUSTRIALE N. 35/CRB DEL 11/04/2013 Oggetto: Determinazione del livello di raccolta differenziata

Dettagli

I bilanci dei comuni italiani negli anni dal 2006 al 2010

I bilanci dei comuni italiani negli anni dal 2006 al 2010 Gerardo Massimi già ordinario di Geografia Economica presso la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell Università G. d Annunzio di Chieti Pescara (sede di Pescara) I bilanci dei comuni italiani

Dettagli

L ITALIA DEL CENSIMENTO STRUTTURA DEMOGRAFICA E PROCESSO DI RILEVAZIONE MARCHE

L ITALIA DEL CENSIMENTO STRUTTURA DEMOGRAFICA E PROCESSO DI RILEVAZIONE MARCHE L ITALIA DEL CENSIMENTO STRUTTURA DEMOGRAFICA E PROCESSO DI RILEVAZIONE MARCHE A cura di: Giuseppe Stassi e Alessandro Valentini Coordinamento redazionale: Salvatore Cariello, Domenico Di Spalatro, Patrizia

Dettagli

Aggiornamento modulo INAI L per la Comunicazione Unica

Aggiornamento modulo INAI L per la Comunicazione Unica Aggiornamento modulo INAI L per la Comunicazione Unica Dal 30 settembre 2010 è disponibile una nuova versione del modulo per la compilazione dei dati INAIL ai fini della Comunicazione Unica. Le novità

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 4 N. 454/AV4 DEL 24/06/2016

DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 4 N. 454/AV4 DEL 24/06/2016 1 DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 4 N. 454/AV4 DEL 24/06/2016 Oggetto: [ Ridefinizione dei punti di Continuita Assistenziale Area Vasta 4 di Fermo ] IL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 4 -. -.

Dettagli

CATALOGO DEL FONDO ARCHIVISTICO DEL PARTITO SOCIALISTA DI ASCOLI PICENO GIUSEPPE CESARI 1993

CATALOGO DEL FONDO ARCHIVISTICO DEL PARTITO SOCIALISTA DI ASCOLI PICENO GIUSEPPE CESARI 1993 CATALOGO DEL FONDO ARCHIVISTICO DEL PARTITO SOCIALISTA DI ASCOLI PICENO GIUSEPPE CESARI 1971-1993 1993 1 FONDO DEL PARTITO SOCIALISTA ASCOLI PICENO STAMPA E RIVISTE 1 IDEE SOCIALISTE Anni: - 1978-1979

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma Leggimi ebridge Modulario 22.0 di Novembre 2010 IMPLEMENTAZIONI GENERALI e MODIFICHE di GESTIONE Archivio Nell inserimento di una nuova ditta, come Ditta Individuale o Privato, viene ora permesso di caricare

Dettagli

Codice ente A.N.P.A.S. - ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE INSIEME

Codice ente A.N.P.A.S. - ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE INSIEME Ancona Agugliano Via Gavone, 15 936 P.A. Croce Gialla - Onlus NZ01704 SOCIALE COME RISPOSTA Assistenza 2014038 3 Ancona Ancona Via G. Di Vittorio, 16 35239 ACLI - Associazione Lavoratori Italiani Marche

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO POLITICHE SOCIALI N. 112 DEL 21.06.06 Oggetto: Attuazione DGR n. 323 del 3.3.05 - Liquidazione ed erogazione fondi per la riqualificazione della assistenza socio-sanitaria

Dettagli

CORSI SERGIO Data di Nascita 06/04/1955 Qualifica. DIRIGENTE MEDICO OSSB Amministrazione. ASUR ZT 11 FERMO Incarico attuale

CORSI SERGIO Data di Nascita 06/04/1955 Qualifica. DIRIGENTE MEDICO OSSB Amministrazione. ASUR ZT 11 FERMO Incarico attuale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome CORSI SERGIO Data di Nascita 06/04/1955 Qualifica DIRIGENTE MEDICO OSSB Amministrazione ASUR ZT 11 FERMO Incarico attuale RESPONSABILE U.O.S. CURE PRIMARIE DISTRETTO

Dettagli

REPORT REGIONE MARCHE. Istituti Statali di Istruzione Secondaria di Secondo Grado A.S. 2010/2011

REPORT REGIONE MARCHE. Istituti Statali di Istruzione Secondaria di Secondo Grado A.S. 2010/2011 Regione Marche ANAGRAFE REGIONALE DEGLI STUDENTI REPORT REGIONE MARCHE Istituti Statali di Istruzione Secondaria di Secondo Grado A.S. 2010/2011 In collaborazione con: Provincia di Ancona Provincia di

Dettagli

Bando per la selezione dei volontari del Servizio Civile Regionale su Garanzia Giovani - anno 2015 Elenco Sedi Progetti

Bando per la selezione dei volontari del Servizio Civile Regionale su Garanzia Giovani - anno 2015 Elenco Sedi Progetti Bando per la selezione dei volontari del Servizio Civile Regionale su Garanzia Giovani - anno 2015 Elenco Sedi Progetti Provincia Sede Comune Sede Indirizzo Sede Codice Sede Denominazione Sede Codice Ente

Dettagli

Comitato di Indirizzo e Coordinamento (COICO) del Distretto calzaturiero fermanomaceratese

Comitato di Indirizzo e Coordinamento (COICO) del Distretto calzaturiero fermanomaceratese Sezione anagrafica Denominazione Distretto delle calzature di Fermo Sede del Distretto Il distretto delle calzature di Fermo, noto anche come distretto fermano-maceratese, si colloca tra le province di

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. EMIGRAZIONE, SPORT E POLITICHE GIOVANILI 257/IPC DEL 20/11/2014 Oggetto: DGR 387 del 01/04/2014 Programma interventi l.r. 24/2011. All. A Capitolo II Progetti di interesse

Dettagli

La riorganizzazione della Continuità assistenziale (Guardia

La riorganizzazione della Continuità assistenziale (Guardia La riorganizzazione della Continuità assistenziale (Guardia medica) in Italia e nelle Marche Franco Pesaresi Direttore ASP Ambito 9 Jesi (AN) 20/07/2014 Il presente articolo, seppur autonomo nella sua

Dettagli

MARCHE ANCONA E PROVINCIA

MARCHE ANCONA E PROVINCIA MARCHE 5 SSN Pesaro e Urbino Ancona 1 SSN Macerata 4 SSN 1 SSN Ascoli Piceno Distribuzione dei Centri Antifumo per provincia ANCONA E PROVINCIA ASUR - Zona Territoriale 7 Ancona Poliambulatorio 2000 Servizio

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. 12541 IL MINISTRO VISTO il decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102, concernente, tra l'altro, gli interventi del Fondo di solidarietà nazionale a sostegno delle imprese agricole danneggiate da

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale per il mercato del lavoro Direzione Generale per l innovazione tecnologica e la comunicazione Allegato E Diario degli aggiornamenti (Agevolazioni)

Dettagli

REGIONE MARCHE ANAGRAFE REGIONALE DEGLI STUDENTI

REGIONE MARCHE ANAGRAFE REGIONALE DEGLI STUDENTI REGIONE MARCHE ANAGRAFE REGIONALE DEGLI STUDENTI REPORT PROVINCIALE Scuola Secondaria II grado Report A.S. 2012/2013 PROVINCIA DI FERMO 1 Sezione 1 Dati dimensionali degli Istituti Scolastici di istruzione

Dettagli

CURRICULUM VITAE RODOLFO OLIVIERIARCHITETTO

CURRICULUM VITAE RODOLFO OLIVIERIARCHITETTO CURRICULUM VITAE RODOLFO OLIVIERIARCHITETTO DATI ANAGRAFICI Nome e cognome: Rodolfo Olivieri Data di nascita: 16 febbraio 1967 Luogo di nascita: Fermo Residenza: Porto Sant Elpidio, via Cavour 208 Studio:

Dettagli

Sezione anagrafica. Denominazione Distretto Agro-industriale di San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno)

Sezione anagrafica. Denominazione Distretto Agro-industriale di San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) Sezione anagrafica Denominazione Distretto Agro-industriale di San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) Sede del Distretto Il distretto di San Benedetto del Tronto, secondo la delimitazione stabilita dalla

Dettagli

ELENCO COMUNI DELLA REGIONE MARCHE SUDDIVISI PER PROVINCIA E PER AREE RURALI

ELENCO COMUNI DELLA REGIONE MARCHE SUDDIVISI PER PROVINCIA E PER AREE RURALI ELENCO COMUNI DELLA REGIONE MARCHE SUDDIVISI PER PROVINCIA E PER AREE RURALI AREA A poli urbani AREA C1 aree rurali intermedie industrializzate AREA C2 aree rurali intermedie a bassa densità abitativa

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale per il mercato del lavoro Direzione Generale per l innovazione tecnologica e la comunicazione Diario degli aggiornamenti (Agevolazioni)

Dettagli

Gli Ambiti territoriali sociali: dimensionamento e prospettive Franco Pesaresi Jesi, 27 giugno 2014. Convegno regionale

Gli Ambiti territoriali sociali: dimensionamento e prospettive Franco Pesaresi Jesi, 27 giugno 2014. Convegno regionale Gli Ambiti territoriali sociali: dimensionamento e prospettive Franco Pesaresi Jesi, 27 giugno 2014 Convegno regionale Ciò che occorre fare Sono passati 12 anni da quando gli Ambiti sociali hanno iniziato

Dettagli

Il policentrismo nelle Marche un caso di studio

Il policentrismo nelle Marche un caso di studio Il policentrismo nelle Marche un caso di studio Progetto cofinanziato dall Unione Europea autori Silvia Catalino - Regione Marche Lorenzo Federiconi - Regione Marche Matteo Moroni - Regione Marche Daniele

Dettagli

Provincia Località Zona climatica Altitudine

Provincia Località Zona climatica Altitudine Premi ctrl+f per cercare il tuo comune ANCONA AGUGLIANO D 303 ANCONA D 16 ARCEVIA E 553 BARBARA D 219 BELVEDERE OSTRENSE E 251 CAMERANO D 231 CAMERATA PICENA D 125 CASTEL COLONNA D 125 CASTELBELLINO D

Dettagli

PROVINCIA DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana

PROVINCIA DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana ALLEGATO A 2 PROVINCIA DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana Servizio Urbanistica, BB.NN., Attività Estrattive, Edilizia Residenziale Pubblica BANDO DI CONCORSO RISERVATO

Dettagli

SOCIETA IN EVOLUZIONE

SOCIETA IN EVOLUZIONE SOCIETA IN EVOLUZIONE Il ruolo del Medico di Medicina Generale e del Farmacista sul territorio Il ruolo e le funzioni del Farmacista Dr. Romeo Salvi Presidente Ordine dei Farmacisti di Pesaro e Urbino

Dettagli

REGIONE O S S E RVA T O R I O R E G I O N A L E MERCATO DEL LAVORO. febbraio duemilasette. nel fermano. alla CONOSCENZA L A V O R O

REGIONE O S S E RVA T O R I O R E G I O N A L E MERCATO DEL LAVORO. febbraio duemilasette. nel fermano. alla CONOSCENZA L A V O R O REGIONE O S S E RVA T O R I O R E G I O N A L E MERCATO DEL LAVORO febbraio duemilasette IL caso del distretto calzaturiero nel fermano ASSESSORATO alla CONOSCENZA ISTRUZIONE FORMAZIONE e L A V O R O Il

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE PROGRAMMAZIONE SOCIALE N. 57/APS DEL 07/08/2014

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE PROGRAMMAZIONE SOCIALE N. 57/APS DEL 07/08/2014 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE PROGRAMMAZIONE SOCIALE N. 57/APS DEL 07/08/2014 Oggetto: DGR n. 797 del 30/06/2014 - Approvazione del bando per la presentazione delle domande di assegno

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale per il mercato del lavoro Direzione Generale per l innovazione tecnologica e la comunicazione Diario degli aggiornamenti 17/07/2008 17/07/2008

Dettagli

Quota da Rimborsare. Azienda Denominazione Titoli. Quota Regione

Quota da Rimborsare. Azienda Denominazione Titoli. Quota Regione 220 COMUNE DI ACQUACANINA 5 592,80 563,16 29,64 277 COMUNE DI ACQUALAGNA 342 10.258,05 9.745,15 512,90 147 COMUNE DI ACQUASANTA TERME 295 12.316,71 11.700,87 615,84 148 COMUNE DI ACQUAVIVA PICENA 420 11.209,37

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA OLIVA ASCOLANA DEL PICENO. ARTICOLO 1. Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA OLIVA ASCOLANA DEL PICENO. ARTICOLO 1. Denominazione Il presente documento non ha carattere di ufficialità. La consultazione è gratuita PROVVEDIMENTO 15 febbraio 2006 Iscrizione della denominazione «Oliva Ascolana del Piceno» nel registro delle denominazioni

Dettagli

COMUNE N. TITOLI TOT RIMBORSO QUOTA COMUNE

COMUNE N. TITOLI TOT RIMBORSO QUOTA COMUNE Anno 2012 RIMB - Calcolo rimborso totale x periodo x comune COMUNE N. TITOLI TOT RIMBORSO QUOTA COMUNE QUOTA REGIONE 220 COMUNE DI ACQUACANINA 5 169,00 8,45 160,55 277 COMUNE DI ACQUALAGNA 361 11.368,24

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. CICLO DEI RIFIUTI, BONIFICHE AMBIENTALI E RISCHIO INDUSTRIALE N. 125/CRB DEL 02/10/2014 Oggetto: DGR 782 del 30/06/2014. DGR 1026 del 15/09/2014. Premiazione Concorso

Dettagli

5 per mille 2012 Distribuzione delle scelte e degli importi per attività sociali del comune di residenza - Marche

5 per mille 2012 Distribuzione delle scelte e degli importi per attività sociali del comune di residenza - Marche CODICE FISCALE COMUNE PROVINCIA REGIONE NUMERO SCELTE IMPORTO 00351040423 ANCONA AN MARCHE 488 12.521,70 00272430414 PESARO PU MARCHE 439 12.474,13 81005240411 PERGOLA PU MARCHE 703 10.454,18 00229010442

Dettagli

ALLEGATO 3: ZONE SVANTAGGIATE

ALLEGATO 3: ZONE SVANTAGGIATE ALLEGATO 3: ZONE SVANTAGGIATE COMUNI SVANTAGGIATI (Reg. CE 268/75) PROVINCIA DI PESARO URBINO COMUNI ART. 3 PAR 3 (*P = PARZIALMENTE DELIMITATO) 100 ART. 3 PAR 4 (*P = PARZIALMENTE DELIMITATO) 100 Acqualagna

Dettagli

AGENZIA PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI. COINCIDENZA AMBITI SOCIALI E DISTRETTI SOCIOSANITARI (art. 8 L. 328/2000) Normativa di riferimento

AGENZIA PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI. COINCIDENZA AMBITI SOCIALI E DISTRETTI SOCIOSANITARI (art. 8 L. 328/2000) Normativa di riferimento REGIONI ABRUZZO Coincidenza ambiti territoriali sociali e ambiti del distretto sanitario No 73 distretti sanitari 35 ambiti sociali Normativa di riferimento Note Il Piano sociale regionale 2002-04 (D.C.R.

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE DEL MONDO RURALE E DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLO SVILUPPO AGROALIMENTARE E DELLA QUALITÀ SAQ

Dettagli

Rapporto sulla qualità dello sviluppo nella Provincia. di Ascoli Piceno

Rapporto sulla qualità dello sviluppo nella Provincia. di Ascoli Piceno Provincia di Ascoli Piceno Medaglia d Oro al Valor Militare per attività Partigiana Assessorato alle Attività Produttive Rapporto sulla qualità dello sviluppo nella Provincia di Ascoli Piceno ANNO 2005

Dettagli

Piccoli comuni e gestione associata

Piccoli comuni e gestione associata Piccoli comuni e gestione associata Principali aspetti normativi e organizzativi Ponzano di Fermo, 10 settembre 2014 ANCI MARCHE Corso Garibaldi 78, Ancona Telefono 071.201936 Fax 071.55477 E-mail: ancimarche@tiscalinet.it

Dettagli

MARCHE. Tipologia dell Intervento: Valutazione Clinico-Funzionale: Valutazione Clinica, Esami del Respiro, Esami Strumentali Terapia Farmacologica:

MARCHE. Tipologia dell Intervento: Valutazione Clinico-Funzionale: Valutazione Clinica, Esami del Respiro, Esami Strumentali Terapia Farmacologica: MARCHE (ASUR) Zona Territoriale 7 Ancona Poliambulatorio 2000 Servizio Pneumologico Via C. Colombo, 106 60127 Ancona - AN Dr. Walter Valeri (Dirigente Medico) Tel.: 071/8705007-8 Fax: 071/8705006 E-mail:

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE PROGRAMMAZIONE SOCIALE N. 17/PSI DEL 09/07/2012

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE PROGRAMMAZIONE SOCIALE N. 17/PSI DEL 09/07/2012 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE PROGRAMMAZIONE SOCIALE N. 17/PSI DEL 09/07/2012 Oggetto: DGR n. 6/2012 DGR n. 538/2012 DGR n. 864/2012 Approvazione del bando per la presentazione delle

Dettagli

Foglio1 SPESA PRO CAPITE IN EDILIZIA PUBBLICA DEI COMUNI NELLE MARCHE

Foglio1 SPESA PRO CAPITE IN EDILIZIA PUBBLICA DEI COMUNI NELLE MARCHE Classifica dei comuni nelle MARCHE Foglio1 SPESA PRO CAPITE IN EDILIZIA PUBBLICA DEI COMUNI NELLE MARCHE Comune Prov Regione Spesa pro capite 2014 ( ) Classifica dei comuni in tutta Italia 1 Montedinove

Dettagli

Relazione della V Commissione permanente SICUREZZA SOCIALE (SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA SANITARIA E OSPEDALIERA, ASSISTENZA SOCIALE)

Relazione della V Commissione permanente SICUREZZA SOCIALE (SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA SANITARIA E OSPEDALIERA, ASSISTENZA SOCIALE) REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA Relazione della V Commissione permanente SICUREZZA SOCIALE (SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA SANITARIA E OSPEDALIERA, ASSISTENZA SOCIALE) (Seduta del 28 aprile 2009) Relatore

Dettagli

REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE VIII LEGISLATURA. deliberazione n. 52

REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE VIII LEGISLATURA. deliberazione n. 52 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE deliberazione n. 52 VALUTAZIONE E GESTIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA AMBIENTE (DECRETO LEGISLATIVO 4 AGOSTO 1999, N. 351): ZONIZZAZIONE DEL TERRITORIO REGIONALE, PIANO

Dettagli

MARCHE. LEGENDA PR: provincia Z: zona climatica GR-G: gradi-giorno ALT: altitudine

MARCHE. LEGENDA PR: provincia Z: zona climatica GR-G: gradi-giorno ALT: altitudine MARCHE LEGENDA PR: provincia Z: zona climatica GR-G: gradi-giorno ALT: altitudine PR Z GR-G ALT COMUNE AN D 2064 203 AGUGLIANO AN D 1688 16 ANCONA AN E 2301 553 ARCEVIA AN D 1957 219 BARBARA AN E 2109

Dettagli

MEDICINA DELLO SPORT STRUTTURE PUBBLICHE

MEDICINA DELLO SPORT STRUTTURE PUBBLICHE MEDICINA DELLO SPORT STRUTTURE PUBBLICHE > AREA VASTA 1 ASUR MARCHE SEDE PESARO Via XI Febbraio 36 SEDE FANO Via Vittorio Veneto OSPEDALE SANTA CROCE > AREA VASTA 2 ASUR MARCHE SEDE SENIGALLIA SEDE JESI

Dettagli

COME STA IL CANILE MARCHIGIANO

COME STA IL CANILE MARCHIGIANO Prot. COME STA IL CANILE MARCHIGIANO Quelli che seguono sono tutti i canili e gattili esistenti sul territorio regionale e che è possibile adottare, si tratta di strutture sia gestite dalle Associazioni

Dettagli

Assemblea Territoriale d Ambito dell Ambito Territoriale Ottimale ATO 2 - Ancona

Assemblea Territoriale d Ambito dell Ambito Territoriale Ottimale ATO 2 - Ancona Convenzione per l esercizio unitario delle funzioni amministrative in materia di organizzazione dei servizi di gestione integrata dei rifiuti urbani da parte dell Assemblea Territoriale d Ambito (ATA)

Dettagli

ALLEGATO A. CATALOGO DELL OFFERTA FORMATIVA DEL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE MARCHE - 2007/2013 TIPOLOGIA 4 azione b)

ALLEGATO A. CATALOGO DELL OFFERTA FORMATIVA DEL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE MARCHE - 2007/2013 TIPOLOGIA 4 azione b) ALLEGATO A CATALOGO DELL OFFERTA FORMATIVA DEL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE MARCHE - 2007/2013 TIPOLOGIA 4 azione b) azioni formative inerenti la sicurezza sui luoghi di lavoro in agricoltura

Dettagli

AZIENDA SANITARIA UNICA REGIONALE AREA VASTA N. 4 - FERMO

AZIENDA SANITARIA UNICA REGIONALE AREA VASTA N. 4 - FERMO DIREZIONE AREA VASTA Segreteria...0734 625 2014/015/016 Protocollo...0734 625 2026 - Fax 0734 625 2019 uffici amministrativi Ufficio Relazioni con il Pubblico...0734 625 2017 Fax...0734 625 2931 Affari

Dettagli

AZIENDA SANITARIA UNICA REGIONALE AREA VASTA N. 4 - FERMO - Via Zeppilli, 18

AZIENDA SANITARIA UNICA REGIONALE AREA VASTA N. 4 - FERMO - Via Zeppilli, 18 AREA VASTA N. 4 - FERMO - Via Zeppilli, 18 CENTRALINO 0734 625111 www.asurzona11.marche.it URP - Ufficio Relazioni con il Pubblico 0734 625 2334/2017 Centro Unico Prenotazioni Regionale Numero Verde 800

Dettagli

DELIBERAZIONE N. VII/9491 DEL 21 GIUGNO 2002

DELIBERAZIONE N. VII/9491 DEL 21 GIUGNO 2002 DELIBERAZIONE N. VII/9491 DEL 21 GIUGNO 2002 alla Sanità Carlo Borsani Definizione dei rapporti contrattuali di cui alla dgr n. 47508/99 in applicazione degli indici programmatori espressi dal PSSR 2002/2004.

Dettagli

DI PRODUZIONE INTEGRATA

DI PRODUZIONE INTEGRATA Notiziario AGROMETEOROLOGICO DI PRODUZIONE INTEGRATA per le province di Ascoli Piceno e Fermo 34 07 Settembre 2016 Centro Agrometeo Locale Via Indipendenza 2-4, Ascoli Piceno Tel. 0736/336443 Fax. 0736/344240

Dettagli

S v i l u p p o s o s t e n i b i l e nelle città delle Marche

S v i l u p p o s o s t e n i b i l e nelle città delle Marche European Investment Bank Università Politecnica delle Marche S v i l u p p o s o s t e n i b i l e nelle città delle Marche IL CONTRIBUTO DEL PROGRAMMA JESSICA Ancona, novembre 2009 Rapporto elaborato

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO COMPLETO

DOCUMENTO INFORMATIVO COMPLETO DOCUMENTO INFORMATIVO COMPLETO (in ottemperanza all art. 5 del Regolamento in materia di pubblicazione e diffusione dei sondaggi sui mezzi di comunicazione di massa approvato dall Autorità per le garanzie

Dettagli

REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA IX LEGISLATURA. deliberazione n. 63

REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA IX LEGISLATURA. deliberazione n. 63 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA IX LEGISLATURA deliberazione n. 63 PROGRAMMAZIONE RETE SCOLASTICA PER L ANNO SCOLASTICO 2013/2014 DELIBERAZIONE DELL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE 26 LUGLIO 2012,

Dettagli

Le forme associative intercomunali Il quadro normativo

Le forme associative intercomunali Il quadro normativo Le forme associative intercomunali Il quadro normativo Carlo Paolini Giulia Falcone Anci Toscana karlopaolini45@gmail.com - giulia.falcone@ancitoscana.it Pagina 1 Disciplina generale di fonte legislativa

Dettagli

MEDICINA DELLO SPORT STRUTTURE PUBBLICHE

MEDICINA DELLO SPORT STRUTTURE PUBBLICHE MEDICINA DELLO SPORT STRUTTURE PUBBLICHE >Z.T. 1 PESARO ASUR MARCHE SEDE PESARO Via XI Febbraio 36 1) Direttore Sanitario/Responsabile : Roberto Carusi >Z.T. 2 URBINO ASUR MARCHE SEDE MACERATA FELTRIA

Dettagli

CHIARIRE LE CAUSE DEI LUNGHI TEMPI DI RISPOSTA DEI SERVIZI DI CITOLOGIA PER LA LETTURA DEI PAP-TEST

CHIARIRE LE CAUSE DEI LUNGHI TEMPI DI RISPOSTA DEI SERVIZI DI CITOLOGIA PER LA LETTURA DEI PAP-TEST Data: 30/11/07 CHIARIRE LE CAUSE DEI LUNGHI TEMPI DI RISPOSTA DEI SERVIZI DI CITOLOGIA PER LA LETTURA DEI PAP-TEST (Allegato 2 al cronoprogramma dello screening del tumore del collo dell utero) STATUS

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO POLITICHE SOCIALI N. 29/S05 DEL 02/03/2009

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO POLITICHE SOCIALI N. 29/S05 DEL 02/03/2009 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO POLITICHE SOCIALI N. 29/S05 DEL 02/03/2009 Oggetto: L. n. 104/92, L. n. 162/88, L.r. n.18/96. Assistenza domiciliare indiretta al disabile in situazione di particolare

Dettagli

Servizio Inserimento Lavorativo per Disabili e Svantaggiati ANNO SERVIZIO PARTNERS DESTINATARI ENTI FINANZIATORI

Servizio Inserimento Lavorativo per Disabili e Svantaggiati ANNO SERVIZIO PARTNERS DESTINATARI ENTI FINANZIATORI Servizio Inserimento Lavorativo per Disabili e Svantaggiati progetto interambito per l integrazione lavorativa dei disabili e delle persone con fragilità sociale anno 2012 Il progetto, esprime le esperienze

Dettagli

A relazione degli Assessori Cavallera, Porchietto:

A relazione degli Assessori Cavallera, Porchietto: REGIONE PIEMONTE BU27S1 05/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 17 giugno 2013, n. 10-5950 Nuove disposizioni in merito alla promozione di corsi formativi integrativi per gli operatori occupati

Dettagli

Regione Marche Servizi sanitari per immigrati STP ed ENI (stranieri temporaneamente presenti, europei non iscrivibili)

Regione Marche Servizi sanitari per immigrati STP ed ENI (stranieri temporaneamente presenti, europei non iscrivibili) Regione Marche Servizi sanitari per immigrati STP ed ENI (stranieri temporaneamente presenti, europei non iscrivibili) aggiornato a settembre 2014 Ambulatorio Medico (Dr.ssa Capolupo, Dr.ssa Riu) Sede:

Dettagli

proposta di atto amministrativo n. 147/04

proposta di atto amministrativo n. 147/04 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE VII LEGISLATURA DOCUMENTI ROOSTE DI LEGGE E DI ATTO AMMINISTRATIVO RELAZIONI proposta di atto amministrativo n. 147/04 a iniziativa della Giunta regionale presentata

Dettagli

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI MARCHE PROGRAMMA FORMATIVO ANNO 2015

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI MARCHE PROGRAMMA FORMATIVO ANNO 2015 ORDINE ASSISTENTI SOCIALI MARCHE PROGRAMMA FORMATIVO ANNO 2015 Pagina 1 - Ordine Assistenti Sociali Marche - piano dell offerta formativa 2015 - (delibera n.? del 17/12/2015) Pagina 2 - Convegni organizzati

Dettagli

gusta l arancione e gusta il blu all Expo 2015 gusta l arancione e gusta il blu Bandiere Arancioni Blu gusta l arancione e gusta il blu

gusta l arancione e gusta il blu all Expo 2015 gusta l arancione e gusta il blu Bandiere Arancioni Blu gusta l arancione e gusta il blu gusta l arancione e gusta il blu all Expo 2015 Promuovere le Marche puntando sulle eccellenze. E' quanto si propone il progetto gusta l arancione e gusta il blu. L'iniziativa, nata in collaborazione con

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

ENTE REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO DI CAMERINO Revisore Unico 0737492500. Fax 0737492573 ersu.camerino@ersucam.

ENTE REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO DI CAMERINO Revisore Unico 0737492500. Fax 0737492573 ersu.camerino@ersucam. CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Vincenzo Curi Data di nascita 1 maggio 1965 Amministrazione Incarico attuale Recapito telefonico presso l amministrazione E-mail istituzionale ENTE REGIONALE

Dettagli

LE POSTAZIONI TERRITORIALI DELL EMERGENZA SANITARIA NELLE MARCHE E IN ITALIA

LE POSTAZIONI TERRITORIALI DELL EMERGENZA SANITARIA NELLE MARCHE E IN ITALIA LE POSTAZIONI TERRITORIALI DELL EMERGENZA SANITARIA NELLE MARCHE E IN ITALIA FRANCO PESARESI Direttore ASP Ambito 9 Jesi (AN) 11/5/2014 Articolo pubblicato nel n. 1-2/2014 di Appunti. In questo lavoro

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO COMPLETO

DOCUMENTO INFORMATIVO COMPLETO DOCUMENTO INFORMATIVO COMPLETO (in ottemperanza all art. 5 del Regolamento in materia di pubblicazione e diffusione dei sondaggi sui mezzi di comunicazione di massa approvato dall Autorità per le garanzie

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO COMPLETO

DOCUMENTO INFORMATIVO COMPLETO DOCUMENTO INFORMATIVO COMPLETO (in ottemperanza all art. 5 del Regolamento in materia di pubblicazione e diffusione dei sondaggi sui mezzi di comunicazione di massa approvato dall Autorità per le garanzie

Dettagli

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative:

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative: L Immigrato La complessità dei problemi sociali degli immigrati, le caratteristiche, organizzative dei servizi sanitari e la mancanza di strumenti di rilevazione sistematici ad hoc hanno reso difficoltoso

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE FINANZIAMENTI AI SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI IN AMBITO SOCIALE N. 75/FSP_05 DEL 17/07/2009

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE FINANZIAMENTI AI SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI IN AMBITO SOCIALE N. 75/FSP_05 DEL 17/07/2009 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE FINANZIAMENTI AI SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI IN AMBITO SOCIALE N. 75/FSP_05 DEL 17/07/2009 Oggetto: DGR n. 482 del 01/04/2008 - Incremento e ampliamento

Dettagli

ALLEGATO 1 PROGETTO TECNICO 2008-2010

ALLEGATO 1 PROGETTO TECNICO 2008-2010 ALLEGATO 1 PROGETTO TECNICO 2008-2010 Regione Marche Giunta Regionale Servizio Risorse Umane e Strumentali PF Informatica Febbraio 2008 1 PREMESSA E OBIETTIVI DEL PROGETTO PREVISTO DALL ACCORDO DI PROGRAMMA

Dettagli

PRINCIPALI SANTUARI MARIANI MARCHIGIANI. Provincia di Ancona

PRINCIPALI SANTUARI MARIANI MARCHIGIANI. Provincia di Ancona PRINCIPALI SANTUARI MARIANI MARCHIGIANI Provincia di Ancona Santuario Regina di Tutti I Santi in San Ciriaco (Ancona) Santuario Madonna delle Grazie (Arcevia) Santuario Santa Maria dei Renali (Arcevia)

Dettagli

PARTE QUARTA DELL ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI

PARTE QUARTA DELL ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI PARTE QUARTA DELL ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI TITOLO I CRITERI DELLE GESTIONI ASSOCIATE Art. 192 Finalità della forma associata 1. In applicazione dello statuto le funzioni comunali possono essere

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE CICLO DEI RIFIUTI, BONIFICHE AMBIENTALI, RISCHIO INDUSTRIALE N. 22/CRB DEL 09/04/2015

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE CICLO DEI RIFIUTI, BONIFICHE AMBIENTALI, RISCHIO INDUSTRIALE N. 22/CRB DEL 09/04/2015 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE CICLO DEI RIFIUTI, BONIFICHE AMBIENTALI, RISCHIO INDUSTRIALE N. 22/CRB DEL 09/04/2015 Oggetto: Art. 2 bis della LR 15/97: determinazione del livello

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Schema di Regolamento di riordino dell Agenzia nazionale per la sicurezza del volo ANSV, ai sensi dell articolo 26 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112 RELAZIONE ILLUSTRATIVA L articolo 26, comma 1,

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA 25/09/2002 1712 2 OGGETTO: Legge n. 338/2000 L.R. n. 38/1996. Indirizzi agli sulle modalità di finanziamento dei progetti per la realizzazione di nuovi alloggi per studenti universitari

Dettagli

Relazione Sintetica Riepilogativa dei 3 anni di attività 14/05/2009-10/05/2012 CENTRO ANTIVIOLENZA PERCORSI DONNA

Relazione Sintetica Riepilogativa dei 3 anni di attività 14/05/2009-10/05/2012 CENTRO ANTIVIOLENZA PERCORSI DONNA Relazione Sintetica Riepilogativa dei 3 anni di attività 14/05/2009-10/05/2012 CENTRO ANTIVIOLENZA PERCORSI DONNA Il centro antiviolenza Percorsi Donna è un luogo in cui le donne che subiscono violenza

Dettagli

Sospensione dei pagamenti delle rate a seguito degli eventi sismici del 24 agosto, 26 e 30 ottobre 2016.

Sospensione dei pagamenti delle rate a seguito degli eventi sismici del 24 agosto, 26 e 30 ottobre 2016. Sospensione dei pagamenti delle rate a seguito degli eventi sismici del 24 agosto, 26 e 30 ottobre 2016. CheBanca! conferma il proprio impegno a favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici del

Dettagli

COMUNE DI SPILAMBERTO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI SPILAMBERTO PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI SPILAMBERTO PROVINCIA DI MODENA OGGETTO: Relazione sui risultati conseguiti in attuazione del Piano operativo di razionalizzazione r delle società e delle partecipazioni societarie direttamente

Dettagli

SMART CITIES L ESPERIENZA ENEA - SCENARI ATTUALI E FUTURI NELLO SVILUPPO DELLE SMART CITIES UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA

SMART CITIES L ESPERIENZA ENEA - SCENARI ATTUALI E FUTURI NELLO SVILUPPO DELLE SMART CITIES UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA SMART CITIES L ESPERIENZA ENEA - SCENARI ATTUALI E FUTURI NELLO SVILUPPO DELLE SMART CITIES ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA Ufficio Territoriale Regione Marche Dott. Nicola Cantagallo CONVEGNO

Dettagli

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas)

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas) Schema di disegno di legge recante misure per la liberalizzazione del mercato dell energia, per la razionalizzazione dell approvvigionamento, per il risparmio energetico e misure immediate per il settore

Dettagli