SPERARE CONTRO OGNI SPERANZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPERARE CONTRO OGNI SPERANZA"

Transcript

1 SPERARE CONTRO OGNI SPERANZA 1 INCONTRO LA PAROLA: dal Vangelo secondo Luca 23, La domanda che nasce spontanea dalla lettura del testo sembra quasi banale: Ma come puoi tu portare salvezza, portare nel mondo la speranza, tu che sei appeso ad una croce?; come può venire la speranza da un fallito, da un abbandonato?. È la stessa obiezione che rivolgono a Gesù i capi del popolo e i soldati: Ha salvato gli altri salvi se stesso. La morte infatti è sempre stata sentita da tutti come una realtà tragica, come la lontananza definitiva dal Dio della vita. Con la morte cessa qualsiasi relazione con gli altri e con Dio. E Gesù ha vissuto fino in fondo questa esperienza: la sua morte fu reale. Egli era disceso dal cielo per amore nostro, per compiere, in unità piena con il volere del Padre, il suo disegno di salvezza per il mondo. Ineffabile kénosi di Dio che Paolo ci fa contemplare nel bellissimo inno della lettera ai Filippesi (2,6-8) presentandoci Cristo nell atto di spogliare se stesso della sua forma divina, per assumere la condizione di servo e diventare in tutto e per tutto simile a noi. Immagine di un Dio che si dona senza riserve, che dona la propria vita senza misura, fino a salire in croce, dove prende su di sé tutta la colpa del mondo. L esperienza di Gesù invece va in un altra direzione perché ci fa vedere come nella piena e totale consapevolezza del compiere la volontà di Dio e del dono totale di sé agli altri, riemerge la sovranità e affidabilità di Dio che dalla morte fa sorgere la vita piena. Gesù, facendo dono della sua vita per Dio e per i fratelli, fa della morte in croce un evento di salvezza. Di fronte alla tragicità del momento, Gesù non smette di invocare Dio come Padre e di affermare solennemente la sua fede in questo papà, nella cui mano stanno l esistenza, la vita, la morte e la storia degli uomini. A destra e alla sinistra di Gesù ci sono due malfattori, crocifissi come lui, che rappresentano tutta l umanità. Davanti a Gesù non si può restare indifferenti e neutrali ma si deve prendere una decisione. I ladroni crocifissi con Gesù rappresentano i due atteggiamenti fondamentali dell uomo di fronte al Dio messo in croce: uno lo maledice, l altro inizia a credere e fa la sua bella professione di fede, sufficiente per far dire a Gesù: Oggi sarai con me in paradiso. Gesù svela i pensieri dei cuori perché l uomo si decida se affidarsi a lui, se ricominciare ancora a sperare in un futuro migliore, in una vita ricca e piena di significato, oppure cadere nel vuoto di una vita senza senso e significato, che non sa che farsene di un Cristo che sale sulla croce! Non c è il buono o il cattivo. Tutti e due sono malfattori, meritevoli della pena capitale. La differenza sta nel fatto che uno si fida di Gesù pur non comprendendo fino in fondo cosa stia accadendo: Dio è lì che condivide con lui la sua sofferenza, eppure è capace di dare speranza, di rovesciare anche le situazioni umanamente impossibili, perché ha vinto la morte con la forza dell amore. L amore crocifisso non è debolezza ma forza, una forza che governa la storia e che nessuna potenza umana potrà mai sopraffare. Non è facile per nessuno superare lo scandalo della croce e riuscire a farla diventare, anche nella nostra vita di ogni giorno, segno e strumenti di speranza! Per cercare il suo valore e il suo significato più vero dobbiamo andare oltre i nostri standard e i nostri criteri. Non è facile. Anche noi, come Gesù, dobbiamo avere il coraggio di gridare: Padre,

2 nelle tue mani consegno il mio spirito. Gesù ci rivela che tutti abbiamo uno spirito, un anima e la consegna nelle mani del Padre. Così Gesù compie l ultimo atto di obbedienza al Padre. Ha dato tutto quello che poteva dare, si è abbandonato, si è affidato totalmente alla volontà del Padre. Sembra la morte della speranza, e diventa invece la capacità di sperare contro ogni speranza, perché si affida e ci affida totalmente alla volontà di Dio Padre. Diceva Max Turian: Scoraggiarsi, mai! Bisogna andare avanti, ognuno al suo posto, con serietà e fedeltà. E magari quando uno meno se la aspetta, si apre un varco, per cui la storia fa un salto di qualità. Tutti noi abbiamo vissuto e forse stiamo ancora vivendo momenti di solitudine e di abbandono. Non ci sentiamo compresi, a volte siamo delusi, traditi. Avvertiamo l insufficienza delle nostre forze e la solitudine davanti a compiti che sono più grandi di noi. Veniamo talvolta a contatto con dolori e sofferenze di molti pensiamo alle grandi tragedie dell umanità: guerre, povertà - e noi non possiamo far nulla. In certi momenti la stessa luce della fede e l amore sembrano spegnersi e cadiamo nella tristezza e nell angoscia. Sono piccole o meno piccole notti dell anima, a volte prolungate, che oscurano in noi la certezza della presenza del Dio vicino che ha dato un senso a tutta la nostra vita. Ed è lì, sulla croce che Gesù, ormai prossimo alla morte, si rivolge al Padre gridando: Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato? (Marco 15,34). Grido misterioso di un Dio che si sente abbandonato da Dio oppure grido di totale fiducia e certezza di quel Dio che chiama Abbà, Padre? Al culmine della sua vita, Gesù è tradito dagli uomini, i suoi non sono più con lui. Sembra anche oscurarsi ciò che gli è più proprio: la sua intima unione con il Padre, il suo legame di Figlio. Ma nello sperimentare questa sofferenza, Gesù compie l opera più bella e grande di tutta la sua missione: si abbandona alla volontà del Padre, riconciliando così tutta l umanità con Dio. Quel vertice di dolore raggiunto dal Figlio di Dio si spalanca ai nostri occhi come il culmine del suo amore per noi, ridonandoci la speranza di una vita nuova. Perché avessimo la luce ti sei fatto cieco; perché avessimo l unione hai provato la separazione dal Padre; perché possedessimo la sapienza ti sei fatto ignoranza ; perché ci rivestissimo dell innocenza, ti sei fatto peccato ; perché sperassimo in Dio ti sei fatto quasi disperato ; perché Dio fosse in noi l hai provato lontano da te. Domande per il gruppo Tutti noi abbiamo vissuto momenti di solitudine e di abbandono. Prova in gruppo a condividere qualcuna di queste esperienze! Hai corso anche tu il rischio dell autosufficienza, del non abbandono alla misericordia del Padre? La croce è il luogo della manifestazione dell amore totale e gratuito del Padre. Necessaria, come abbiamo visto dal ladrone crocifisso con Gesù, la fiducia in Lui; siamo in grado di superare lo scandalo della croce e trasformarlo in luogo di salvezza e di amore? Conosci missionari che hanno dato la vita per l annuncio e la diffusione del Vangelo?

3 LE RAGIONI DELLA SPERANZA 2 INCONTRO LA PAROLA: Dal Vangelo secondo Luca 2,1-20 La vita nuova che nasce presso la grotta di Betlemme ed arricchisce tutta l umanità, non è solo qualcosa che si richiude nel singolo, come un tesoro geloso da difendere perché nessuno lo possa rubare! È invece un dono che riguarda l umanità e deve raggiungere ogni singola persona per costruire un nuovo stile di vita. È la ragione prima della nostra speranza, il fondamento di tutta la nostra vita che ci permette anche di rendere ragione della nostra speranza a chi ci sta vicino. Vi è nato un Salvatore!. I primi a rendersene conto sono stati proprio i semplici pastori, simbolo di tutta l umanità, che accorre per riscoprire ed accogliere il grande prodigio accaduto. È la salvezza che Gesù ci offre. Ma quale salvezza Gesù offre all uomo? Non certo un benessere attento solo ai desideri materiali, né una sicurezza e tranquillità che scarica tutto su Dio. La salvezza che Gesù offre è il recupero della dignità originaria, il ritorno alle sorgenti, la scoperta di una grandezza che abita nel cuore di ognuno e che deve essere portata alla luce, liberata dalle macerie che lungo i secoli e nella storia personale di ciascuno si sono depositate nel crollo degli ideali e della speranza. Con la venuta di Gesù rinasce l uomo nuovo, l uomo vero, l uomo in tutta la sua grandezza, nell armonia di tutto il suo essere. L uomo recupera e torna all autentica libertà, fondamento della speranza, diventando responsabile di se stesso e degli altri suoi simili, capace di spendere tutta la sua vita pur di camminare sulla strada indicata da Dio. La salvezza che Gesù offre è dunque il dono della vera libertà, perché Gesù, venendo sulla terra e assumendo la condizione umana (cfr. Filippesi 2,5-11), restituisce all uomo la sua vera identità, riportandolo alla dignità originaria, così come Dio lo ha pensato e voluto. La ragione più profonda della speranza, che è il recupero della dignità della persona umana, è racchiusa nelle parole che l angelo ha rivolto ai pastori: NON TEMETE! - Ma di che cosa avevano paura i pastori? E noi, di cosa abbiamo paura? Tutti gli uomini e le donne di ogni epoca e di ogni condizione, tutti, e soprattutto quelli che apparentemente sembrano più allegri, spensierati e sicuri, portiamo nascosta una grande paura. Ecco quello che anche noi abbiamo in comune con i pastori di Betlemme: la notte ci circonda e ci turba. C è chi teme di non riuscire a superare una prova, un esame, un concorso; chi ha paura del destino; chi ha paura di se stesso; chi del tradimento di un amico/a; chi addirittura della vita. Tutti poi abbiamo paura del dolore e della morte. Il non temere dell annuncio natalizio riguarda tutti, perché tutti abbiamo paura! OGGI - È l oggi della salvezza. I tempi si sono compiuti e l attesa si è realizzata. L evangelista Luca è molto attento all oggi della salvezza, cosciente dell attualità della salvezza. Se non siamo salvati oggi, se non è oggi che Dio ci fa toccare con mano la sua benevolenza, il futuro di gioia rimane una chimera, una speranza non realizzata. Compimento infatti è una parola che ha un significato molto forte nella bibbia. È l adempimento della promessa fatta agli uomini da Dio all inizio della storia della salvezza (cfr. Abramo, Mosè, David ) è che in Cristo si realizza. È NATO IL SALVATORE - Gesù viene chiamato Salvatore. Chiamare uno salvatore significa riconoscergli un importanza eccezionale, un titolo che viene riservato solo a Dio, l unico capace di portare salvezza e di liberare l umanità. Gesù è salvatore perché, innalzato alla destra di Dio è stato costituito Signore e chiunque invoca il suo nome sarà salvato (cfr. Atti 4, 9-12). Dalla bocca dell angelo di Dio esce l affermazione essenziale della professione di fede della cristianità: è Gesù

4 Salvatore fin dalla nascita, anche se rimane ancora tutto velato fino alla piena realizzazione nella risurrezione. Gesù con la sua venuta rende possibile la nostra piena liberazione e la nostra definitiva speranza. Con la venuta di Gesù l umanità tutta riscopre la sua vocazione originaria, riconducendo ogni uomo e ogni donna a scoprirsi come fratello e sorella. Il Natale è l inaugurazione di un epoca definitiva, di un mondo totalmente nuovo dove il lupo dimorerà insieme con l agnello e il bambino metterà la mano nel covo di serpenti velenosi (Isaia 11,6-9). Sarà l epoca della pace! Gesù è il principe della pace, come era gia stato annunciato. È colui che raduna il gregge disperso e lo conduce sui pascoli fiorenti di una umanità salvata (cfr. salmo 23). Parlare di pace oggi, può sembrare ancora più di ieri un illusione e una utopia. Ma noi ci crediamo perché non è fondata sulle nostre parole o sulla nostra volontà, ma è un dono di Dio che noi dobbiamo accogliere, perché annunciato dai suoi messaggeri. Domande per il gruppo Quali sono le mie paure e miei timori? Che cosa ostacola oggi la speranza di realizzazione della mia vita? Non temere! È valido anche per me il messaggio dell angelo? Perché non devo temere? Su cosa si fonda la mia fiducia e la mia speranza? Molte persone e molte organizzazioni lavorano e lottano per la difesa dei diritti delle persone. Sei consapevole che è Gesù il fondamento della giustizia e della piena realizzazione della persona umana? La ricerca sincera della pace, così tanto compromessa anche ai nostri giorni, è spesso frutto di mode e di luoghi comuni. Si pensa sempre a dare la colpa agli altri, a quelli che non la pensano come noi. Lavorare per la pace invece parte dal cammino personale di ciascuno, da alcune scelte che coinvolgono la nostra vita, dall impegnarci in prima persona alla comprensione dell altro, alla solidarietà con i più poveri e al perdono, dall accogliere la pace come dono di Dio e frutto dello Spirito Santo!

5 3 INCONTRO LE FRAGILITA DELLA SPERANZA LA PAROLA: Dal Vangelo secondo Giovanni 20,11-18 Il cammino di Maria Maddalena, che non riconosce subito ma progressivamente il risorto, è riferimento esemplare per ogni discepolo che si pone sulla stessa strada, alla ricerca del Signore Gesù. Come si può incontrare oggi il Risorto al di là delle nostre fragilità? Come superare la tristezza e lo scandalo della croce? Punto di partenza è la situazione di sconforto che riflette la condizione di ogni credente e di ogni comunità cristiana colpita dallo scandalo della croce. La scena inizia con un invece, contrapponendo il comportamento di Maria con quello dei due discepoli che dopo l annuncio della risurrezione tornano a casa. Maria di Magdala invece non riesce a tornare a casa, non riesce a staccarsi dal sepolcro, anche se vuoto. Non è ancora una fede matura, ma il suo pianto e il suo ostinarsi a rimanere presso la tomba indicano la non rassegnazione. Questa donna ha perso tutto, ha perso Gesù e almeno vuole ricordarlo presso la sua tomba e a questo punto si accorge che non c è nemmeno l ultimo residuo: il cadavere! La sua condizione interiore è di angoscia e disperazione, anche se le rimane ancora una risorsa: la non rassegnazione. Chi ama veramente una persona sente la sua morte come inaccettabile. Il racconto dell incontro con il Risorto si sviluppa in due scene... La prima: Maria curvandosi si volta indietro, verso la tomba, per cercare in alcuni segni la presenza di Gesù risorto; ma non bastano, è necessario qualcosa di più. Non è sufficiente infatti ricordare, ritornare al passato, voltarsi indietro per riconoscere il Cristo risorto. Non è sufficiente nemmeno guardare per riconoscere e incontrare il Risorto. Gli occhi della Maddalena sono ancora incapaci di riconoscerlo, pur avendolo visto e scambiandolo per il custode, come i due di Emmaus (cfr. Luca 24, 15-16). Nella seconda scena è Gesù stesso che prende l iniziativa per portare avanti il cammino di maturazione della fede di Maria Maddalena e la sua capacità di riconoscere Gesù risorto: Gesù infatti chiama Maria per nome ed ella lo riconosce subito, proprio perché si sente chiamata per nome! Nel rapporto con Dio non servono gli occhi, non è sufficiente il vedere solo fisico! Maria non lo riconosce vedendolo, lo riconosce solo sentendosi chiamata per nome, sentendosi conosciuta ed amata da Lui. Il pastore infatti conosce le proprie pecorelle e le chiama per nome, così esse riconoscono la sua voce e lo seguono (cfr. Giovanni 10, 3-4). Ora la Maddalena non è più chinata verso il sepolcro, né è voltata indietro, ma è rivolta solo verso il Risorto. Lo riconosce in modo diverso. L incontro con il Risorto porta a scoprire la sua nuova condizione di vita: egli viene dall alto, è di lassù (cfr. Giovanni 8, 23) ed è colui che deve tornare nel seno del Padre (cfr. Giovanni 1,18). Con la risurrezione/glorificazione Gesù, con tutta la sua umanità, con tutto il suo essere, ritorna al Padre per essere per sempre con noi e con tutta l umanità. Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo (Matteo, 28,20). Ora che lo ha ritrovato, vorrebbe non più separarsi da Lui: Rabbunì significa proprio mio maestro, quasi a indicare una proprietà personale, non condivisibile con altri. Ma la risposta di

6 Gesù è chiara e precisa: Non mi trattenere!. Maria Maddalena è invitata a varcare anche l ultima soglia, che la porta a non più rivolgersi al passato, ma al futuro. E questo passaggio è possibile solo con la fede. Maria, e con lei anche noi, siamo chiamati, attraverso il dono dello Spirito, a riconoscere la nuova identità di Gesù: Figlio di Dio divenuto pienamente uomo, nella morte e risurrezione entra in comunione con il Padre, sedendo accanto a Lui nella gloria. La missione che Gesù affida a Maria di comunicare agli altri la nuova modalità di relazione e di incontro con Gesù risorto, è espressa nelle parole della Maddalena: Ho visto il Signore. Non è più un vedere, un guardare alla ricerca di chissà che cosa o di quale segno straordinario, ma è un vedere con gli occhi della fede che nasce unicamente e solamente dalla chiamata di Gesù. Maria infatti riconosce Gesù risorto solo dopo che si è sentita chiamata per nome, dopo l esperienza personale con Lui, frutto di una reale capacità di amare. Domande per il gruppo Puoi riconoscere Gesù solo se senti che il suo messaggio è indirizzato proprio a te, che Dio ti sta chiamando per nome. Se non riesci a stabilire una relazione intensa e personale con Lui nemmeno se lo incontrassi faccia a faccia sapresti riconoscerlo. Senti il Signore vicino a Te? Lo cerchi? Nella preghiera sei riuscito a stabilire una autentica relazione personale, da amico ad amico? Gesù è presente, parla con la Maddalena, ma non è ancora stata capace di riconoscerlo. È la situazione di tanti giovani di oggi. Ma il racconto evangelico ci offre una indicazione chiara: per incontrare veramente Gesù non bisogna guardare indietro, ritornare al passato. Non ci viene chiesto di sopportare il dolore e la sofferenza ma di trasformarli. Il percorso della fede pasquale ci porta ad aprirci alla speranza di un futuro nuovo. Solo la certezza della presenza del Risorto che ci ama e ci conosce per nome apre la via per una missione nuova: annunciatori di speranza. Nella vita di ogni giorno, con i tuoi amici/che, a scuola o nell ambiente di lavoro, sei un profeta di sventura o un annunciatore di speranza? Sei rivolto sempre a rimpiangere il passato, oppure è la speranza che guida il tuo cammino e le tue scelte?

7 IL NOME DELLA SPERANZA 4 INCONTRO LA PAROLA: Dal Vangelo secondo Marco 16,1-8 Marco non ci vuole dare la cronologia della Risurrezione; non vuol fare un resoconto in diretta, dal vivo, ma ci racconta un esperienza di fede profonda che hanno vissuto i discepoli e la prima comunità cristiana. Pertanto per comprendere la risurrezione è necessario sentirci discepoli, trovarci in cammino e alla sequela di Gesù. È un cammino che parte dalla chiamata e via via, passando per la croce, giunge di fronte ad una tomba vuota. Ma è proprio da qui che è ripartita la speranza! Da qui prende avvio la proclamazione e l annuncio del Regno di Dio. Dalla fuga della donne siamo spinti ad entrare anche noi nel sepolcro per ascoltare e riascoltare l annuncio della nostra salvezza. Ci viene offerta la lieta notizia pasquale che irrompe nella nostra vita e nella nostra storia per offrire significato e senso a tutta la nostra esistenza. Con Cristo risorto, la vita umana non è più consegnata all assurdo e alla disperazione, né al caso o alla fortuna, perché ogni vicenda umana, ogni vita umana è custodita nelle mani di Dio. Le donne sono le protagoniste di questo racconto. Esse diventano le testimoni oculari negli avvenimenti centrali della pasqua di Gesù: passione-morte-annuncio della risurrezione. Sono donne che hanno vissuto fino in fondo la sequela e il servizio a Gesù, fin dagli inizi del suo ministero pubblico in Galilea (cfr. Marco 15,41). È una presenza fedele e continua al maestro, una fedeltà ininterrotta fin dagli inizi! Nell andare al sepolcro trovano che la tomba è aperta! Caratteristica centrale di tutte le tombe è di essere ben chiuse, sia perché devono difendere il cadavere da eventuali atti sacrileghi, sia soprattutto per proteggere i vivi dai morti. La pietra deve separare e distinguere chiaramente i vivi dai morti, la vita dalla morte. Ma proprio da qui prende l avvio il loro cammino spirituale. Alzato lo sguardo vedono che la pietra è stata rotolata via, che non c è più nessuna barriera, nessuna separazione tra i vivi e i morti. Quello che sembrava impossibile, si è inaspettatamente realizzato: la morte è stata vinta. Eppure la pietra rotolata via non basta, non è sufficiente per incontrarsi con il Risorto. Il cammino di fede è ancora lungo e tortuoso. L espressione cercate interpreta tutto l agire delle donne ed è il vero impulso che le spinge ad andare. Si nota la distanza assoluta tra il cercare delle donne, tipico del punto di vista umano che si ferma solo al passato, e l azione gratuita di Dio che apre al futuro! Nell assenza del cadavere di Gesù che costituiva l oggetto della loro ricerca, esse sono invitate a disporsi ad accogliere un nuovo modo di presenza della persona cercata, offrendo non solo nuove modalità ma ragioni e motivazioni più solide e più vere. Voi cercate il crocifisso È risorto non è qui. Crocifissione e risurrezione sono accostate in forte contrasto tra loro. La gloria della risurrezione però non toglie l ignominia della croce. All identità piena di Gesù appartiene la risurrezione e la crocifissione; colui che è riconosciuto come Signore, è un crocifisso. Anche se il racconto non ci dice com è avvenuta la risurrezione, né si sofferma a descrivere com è il risorto. Centrale l affermazione: non è qui. E il discorso cade ancora sulla tomba. Non è solo aperta e illuminata, è vuota! Diventando un oggetto inutile, così come la morte per Lui è sorpassata. Annunciare allora che la tomba è vuota significa che la morte stessa ha cominciato a morire. L angelo offre alle donne un altro progetto, cambiando radicalmente il loro: andate.

8 Anche all inizio del racconto c è un andavano, ma era per ungere un morto, un cadavere; ora invece vanno per annunciare la risurrezione. Il Risorto offre un nuovo movimento di sequela, cambiando radicalmente la motivazione dell andare: prima erano rivolte al passato, ora invece a nuove prospettive di futuro! Ora iniziano un andare che non finirà più, perché tutta la loro vita sarà orientata ad annunciare la speranza del Risorto. È un annuncio che prende le mosse dalla Galilea, il luogo della prima evangelizzazione universale; Galilea delle genti viene chiamata. Il Risorto proietta la comunità cristiana all annuncio missionario, portando il vangelo a tutte le genti. Impegno bello, meraviglioso, ma non facile! Le donne infatti non eseguono subito il comando. Andate e dite e invece fuggirono e non dissero nulla. È un finale che esprime la reazione delle donne: paura, timore e stupore! Sempre, all entusiasmo del primo momento subentra la paura e il dubbio. Il silenzio con il quale le donne reagiscono all ordine dell angelo e il silenzio con il quale Marco chiude il suo vangelo sono un prezioso indicatore per tutti noi chiamati ad annunciare il vangelo, ad essere giovani missionari. Per annunciare il Risorto, dobbiamo anche saper far silenzio. L esperienza della Pasqua del Signore va personalizzata, va fatta propria nella riflessione e nella continua rimeditazione, perché prima di annunciare siamo chiamati a vivere una forte relazione con il Risorto. Dobbiamo saper testimoniare con la vita l esperienza della risurrezione. Annunciare è prima di tutto meditare: dalla contemplazione fioriranno parole che hanno sapore, che trasmettono e restituiscono vita, che sono capaci di coinvolgere. Domande per il gruppo Anche oggi è presente il rischio di voltarsi indietro, di guardare sempre al passato, magari rimpiangendolo. La spinta al cambiamento deve venire più che dalla nostalgia di ciò che eravamo, dalla prospettiva del futuro che ci sta di fronte. Ecco la grazia che dobbiamo chiedere al Risorto. Prova a raccontare in gruppo una tua esperienza di vita, dove hai sperimentato la verità di quanto sopra espresso. Per accogliere con fede la risurrezione è indispensabile una sequela di fedeltà. Non si improvvisa la partecipazione all esperienza della risurrezione. I frutti della Pasqua ci vengono donati ma a noi sta la capacità di accoglierli. So accogliere il Signore? So aspettare, so aprire la porta quando passa e bussa? Quali sono oggi i segni della sua presenza? Il racconto di Marco (16,1-8) ci invita ad un atteggiamento meditativo. Non dobbiamo mai catturare o rinchiudere nella nostra esperienza personale la rivelazione di Dio. Dio è più grande e va al di là di ogni schema. Dobbiamo ripartire continuamente, ricominciando a leggere il vangelo, a riavviare la propria sequela. A che punto mi trovo nel cammino di sequela del Risorto? Sono in ascolto della sua voce, della sua chiamata? So rispondere SI alla sua chiamata?

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1

LA PASQUA SETTIMANALE DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 Spunti per la meditazione personale e per la riflessione agli alunni Fr. Donato Petti 1. Perché cercate tra i morti

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Veglia nella notte del S. Natale 2012 Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Il Santo Padre ha dedicato quest'anno liturgico alla Fede e noi in questa veglia che precede la S. Messa di Natale

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede Scuola di Preghiera Venerdì 11 dicembre 2010 intervento di don Fabio Soldan La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede alla luce il suo

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco BENEDIZIONE Parrocchia Natività di Maria Vergine - Gorle CANTO: Ho toccato il fuoco Ho toccato il fuoco con le mani: era il vecchio sogno di un bambino, sono io colui che accende i fuochi, sono il vento

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo Obiettivo generale: L'incontro di questa domenica è incentrato sul cammino del discernimento della

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

La santità al femminile

La santità al femminile Chiavari, 25 settembre 2010. La santità al femminile Introduzione Prima di parlare di santità al femminile, vorrei dedicare la prima parte della nostra riflessione alla santità e alla sua condizione nella

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia.

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. 5 aprile 2015 DOMENICA DI PASQUA RISURREZIONE DEL SIGNORE L annuncio pasquale risuona oggi nella Chiesa: Cristo è risorto, egli vive al di là della

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it MESSAGGI DI LUCE Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it Tengo a precisare che Messaggi di Luce e un progetto che nasce su Facebook a oggi e visitato da piu' di 9000 persone E un

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo PREGHIERA La Tua Parola, Signore, è Verità perenne, la Tua Parola è vita piena, immortale. Nella tua sequela camminerò, nella luce che emana dalla tua Presenza dirigerò spedito i miei passi. Alla tua sorgente

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio.

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. 1 È BELLO LODARTI 2 CANTERÒ IN ETERNO 5 NOI VENIAMO A TE 6 POPOLI TUTTI È bello cantare il tuo amore, è bello lodare il tuo amore, è bello cantare il tuo amore, e bello lodarti Signore, è bello cantare

Dettagli

Luca 2, 8-20 PREMESSA. IL TESTO di Lc 2, 8-20

Luca 2, 8-20 PREMESSA. IL TESTO di Lc 2, 8-20 1 Luca 2, 8-20 PREMESSA Luca prosegue il suo racconto di natale. Lui è uno storico, ce lo dice all'inizio del suo vangelo (Lc 1,1-4), ma il suo intento non è quello di riportarci dei fatti freddi, così

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Decàpoli Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio Va nella tua casa, dai tuoi, annunzia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Domanda della madre dei figli di Zebedeo Matteo 20, 20-28 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio Preghiera per le vocazioni Ti preghiamo, Signore, perché continui ad assistere e arricchire la tua Chiesa con il dono delle vocazioni. Ti preghiamo perché molti vogliano accogliere la tua voce e rallegrino

Dettagli

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata portare vita piena agli altri Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata del Terz Ordine Regolare di San Francesco d Assisi Luglio 2013 #2 La Missione di Gesù Carissime/i, dopo aver presentato

Dettagli

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri?

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? L annuncio della resurrezione di Gesù dai morti è il cuore della buona novella (vangelo) che gli apostoli hanno diffuso attraverso il mondo e per la quale

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello?

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello? Giovedì 13/11/2014 Un ora con Dio Dov'è tuo fratello? Canto d inizio: Invochiamo la tua presenza Invochiamo la tua presenza, vieni Signor Invochiamo la tua presenza, scendi su di noi. Vieni luce dei cuori,

Dettagli

Vita di Maria (XVII): Risurrezione e Ascensione del Signore

Vita di Maria (XVII): Risurrezione e Ascensione del Signore Vita di Maria (XVII): Risurrezione e Ascensione del Signore I Vangeli non includono la Madonna nel gruppo di donne che la domenica si è recata a lavare il corpo del Signore. La sua assenza apre alla speranza

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Giovanni 15, 26-27; 16, 12-15

Giovanni 15, 26-27; 16, 12-15 Giovanni 15, 26-27; 16, 12-15 Venuta del Paraclito 15, 26 In quel tempo. Gesù disse ai suoi discepoli: «Quando verrà il Paràclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre,

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 Mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai poveri a promulgare l anno di misericordia del Signore PACE CON GLI UOMINI compassione e giustizia 3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 ACCOGLIENZA Nel nome

Dettagli

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 1.LA STORIA Il capitolo 22 del libro della Genesi è uno dei testi fondamentali nell Antico Testamento. Il testo appartiene ad

Dettagli

Lectio divina (4) 1. L'annuncio della nascita di Giovanni Battista (1, 5-25)

Lectio divina (4) 1. L'annuncio della nascita di Giovanni Battista (1, 5-25) 1 Lectio divina (4) Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Clèofa e Maria di Màgdala. Gesù allora, vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che egli amava,

Dettagli

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo Domenica, 15 novembre 2009 Dov'è il tuo zelo Apocalisse 3:14-22- All'angelo della chiesa di Laodicea scrivi: queste cose dice l'amen, il testimone fedele e veritiero, il principio della creazione di Dio:

Dettagli

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia Il Credo del Popolo di Dio è una Professione di Fede che Paolo VI ha formulato e presentato il 30 giugno

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

"In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18)

In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi (I Tessalonicesi 5:18) "In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18) Rendere grazie a Dio, sempre, in ogni circostanza, in qualsiasi momento, in qualunque

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6

Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6 Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6 "Quand'anche camminassi nella valle dell'ombra della morte, io non temerei alcun male, perché tu sei con me; il tuo bastone la tua verga mi danno sicurezza".

Dettagli

ANN PASTORALE 2014 2015 LE 100 CASE DEL SIGNORE CONVOCAZIONE DELLA FOLLA EVANGELII GAUDIUM COME FUNZIONA UNA CHIESA IN USCITA

ANN PASTORALE 2014 2015 LE 100 CASE DEL SIGNORE CONVOCAZIONE DELLA FOLLA EVANGELII GAUDIUM COME FUNZIONA UNA CHIESA IN USCITA ANN PASTORALE 2014 2015 LE 100 CASE DEL SIGNORE CONVOCAZIONE DELLA FOLLA EVANGELII GAUDIUM COME FUNZIONA UNA CHIESA IN USCITA La spinta, il coraggio, lo spunto alla Chiesa per vivere in uscita, evangelizzatrice,

Dettagli

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione.

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Eugenio e Chiara Guggi (tramite le parole di Benedetto XVI) Il laico dev essere

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 filemame: 42-18-18.evang.odt 3636 parole di Marco defelice, RO, mercoledì, 6 giugno, 2007 -- cmd -- La Bibbia è la Parola di Dio. È più attuale di quanto lo sia il giornale

Dettagli

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO-

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- DOV'È TUO FRATELLO? Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- RE». Poi partorì ancora Abele, fratello di lui. Abele fu pastore

Dettagli

Osanna al Figlio di David, osanna al Redentor!

Osanna al Figlio di David, osanna al Redentor! 1-PADRE, PERDONA Signore, ascolta: Padre, perdona! Fa che vediamo il tuo amore. 1 A te guardiamo, Redentore nostro, da te speriamo gioia di salvezza: fa che troviamo grazia di perdono. 2 Ti confessiamo

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli