SPERARE CONTRO OGNI SPERANZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPERARE CONTRO OGNI SPERANZA"

Transcript

1 SPERARE CONTRO OGNI SPERANZA 1 INCONTRO LA PAROLA: dal Vangelo secondo Luca 23, La domanda che nasce spontanea dalla lettura del testo sembra quasi banale: Ma come puoi tu portare salvezza, portare nel mondo la speranza, tu che sei appeso ad una croce?; come può venire la speranza da un fallito, da un abbandonato?. È la stessa obiezione che rivolgono a Gesù i capi del popolo e i soldati: Ha salvato gli altri salvi se stesso. La morte infatti è sempre stata sentita da tutti come una realtà tragica, come la lontananza definitiva dal Dio della vita. Con la morte cessa qualsiasi relazione con gli altri e con Dio. E Gesù ha vissuto fino in fondo questa esperienza: la sua morte fu reale. Egli era disceso dal cielo per amore nostro, per compiere, in unità piena con il volere del Padre, il suo disegno di salvezza per il mondo. Ineffabile kénosi di Dio che Paolo ci fa contemplare nel bellissimo inno della lettera ai Filippesi (2,6-8) presentandoci Cristo nell atto di spogliare se stesso della sua forma divina, per assumere la condizione di servo e diventare in tutto e per tutto simile a noi. Immagine di un Dio che si dona senza riserve, che dona la propria vita senza misura, fino a salire in croce, dove prende su di sé tutta la colpa del mondo. L esperienza di Gesù invece va in un altra direzione perché ci fa vedere come nella piena e totale consapevolezza del compiere la volontà di Dio e del dono totale di sé agli altri, riemerge la sovranità e affidabilità di Dio che dalla morte fa sorgere la vita piena. Gesù, facendo dono della sua vita per Dio e per i fratelli, fa della morte in croce un evento di salvezza. Di fronte alla tragicità del momento, Gesù non smette di invocare Dio come Padre e di affermare solennemente la sua fede in questo papà, nella cui mano stanno l esistenza, la vita, la morte e la storia degli uomini. A destra e alla sinistra di Gesù ci sono due malfattori, crocifissi come lui, che rappresentano tutta l umanità. Davanti a Gesù non si può restare indifferenti e neutrali ma si deve prendere una decisione. I ladroni crocifissi con Gesù rappresentano i due atteggiamenti fondamentali dell uomo di fronte al Dio messo in croce: uno lo maledice, l altro inizia a credere e fa la sua bella professione di fede, sufficiente per far dire a Gesù: Oggi sarai con me in paradiso. Gesù svela i pensieri dei cuori perché l uomo si decida se affidarsi a lui, se ricominciare ancora a sperare in un futuro migliore, in una vita ricca e piena di significato, oppure cadere nel vuoto di una vita senza senso e significato, che non sa che farsene di un Cristo che sale sulla croce! Non c è il buono o il cattivo. Tutti e due sono malfattori, meritevoli della pena capitale. La differenza sta nel fatto che uno si fida di Gesù pur non comprendendo fino in fondo cosa stia accadendo: Dio è lì che condivide con lui la sua sofferenza, eppure è capace di dare speranza, di rovesciare anche le situazioni umanamente impossibili, perché ha vinto la morte con la forza dell amore. L amore crocifisso non è debolezza ma forza, una forza che governa la storia e che nessuna potenza umana potrà mai sopraffare. Non è facile per nessuno superare lo scandalo della croce e riuscire a farla diventare, anche nella nostra vita di ogni giorno, segno e strumenti di speranza! Per cercare il suo valore e il suo significato più vero dobbiamo andare oltre i nostri standard e i nostri criteri. Non è facile. Anche noi, come Gesù, dobbiamo avere il coraggio di gridare: Padre,

2 nelle tue mani consegno il mio spirito. Gesù ci rivela che tutti abbiamo uno spirito, un anima e la consegna nelle mani del Padre. Così Gesù compie l ultimo atto di obbedienza al Padre. Ha dato tutto quello che poteva dare, si è abbandonato, si è affidato totalmente alla volontà del Padre. Sembra la morte della speranza, e diventa invece la capacità di sperare contro ogni speranza, perché si affida e ci affida totalmente alla volontà di Dio Padre. Diceva Max Turian: Scoraggiarsi, mai! Bisogna andare avanti, ognuno al suo posto, con serietà e fedeltà. E magari quando uno meno se la aspetta, si apre un varco, per cui la storia fa un salto di qualità. Tutti noi abbiamo vissuto e forse stiamo ancora vivendo momenti di solitudine e di abbandono. Non ci sentiamo compresi, a volte siamo delusi, traditi. Avvertiamo l insufficienza delle nostre forze e la solitudine davanti a compiti che sono più grandi di noi. Veniamo talvolta a contatto con dolori e sofferenze di molti pensiamo alle grandi tragedie dell umanità: guerre, povertà - e noi non possiamo far nulla. In certi momenti la stessa luce della fede e l amore sembrano spegnersi e cadiamo nella tristezza e nell angoscia. Sono piccole o meno piccole notti dell anima, a volte prolungate, che oscurano in noi la certezza della presenza del Dio vicino che ha dato un senso a tutta la nostra vita. Ed è lì, sulla croce che Gesù, ormai prossimo alla morte, si rivolge al Padre gridando: Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato? (Marco 15,34). Grido misterioso di un Dio che si sente abbandonato da Dio oppure grido di totale fiducia e certezza di quel Dio che chiama Abbà, Padre? Al culmine della sua vita, Gesù è tradito dagli uomini, i suoi non sono più con lui. Sembra anche oscurarsi ciò che gli è più proprio: la sua intima unione con il Padre, il suo legame di Figlio. Ma nello sperimentare questa sofferenza, Gesù compie l opera più bella e grande di tutta la sua missione: si abbandona alla volontà del Padre, riconciliando così tutta l umanità con Dio. Quel vertice di dolore raggiunto dal Figlio di Dio si spalanca ai nostri occhi come il culmine del suo amore per noi, ridonandoci la speranza di una vita nuova. Perché avessimo la luce ti sei fatto cieco; perché avessimo l unione hai provato la separazione dal Padre; perché possedessimo la sapienza ti sei fatto ignoranza ; perché ci rivestissimo dell innocenza, ti sei fatto peccato ; perché sperassimo in Dio ti sei fatto quasi disperato ; perché Dio fosse in noi l hai provato lontano da te. Domande per il gruppo Tutti noi abbiamo vissuto momenti di solitudine e di abbandono. Prova in gruppo a condividere qualcuna di queste esperienze! Hai corso anche tu il rischio dell autosufficienza, del non abbandono alla misericordia del Padre? La croce è il luogo della manifestazione dell amore totale e gratuito del Padre. Necessaria, come abbiamo visto dal ladrone crocifisso con Gesù, la fiducia in Lui; siamo in grado di superare lo scandalo della croce e trasformarlo in luogo di salvezza e di amore? Conosci missionari che hanno dato la vita per l annuncio e la diffusione del Vangelo?

3 LE RAGIONI DELLA SPERANZA 2 INCONTRO LA PAROLA: Dal Vangelo secondo Luca 2,1-20 La vita nuova che nasce presso la grotta di Betlemme ed arricchisce tutta l umanità, non è solo qualcosa che si richiude nel singolo, come un tesoro geloso da difendere perché nessuno lo possa rubare! È invece un dono che riguarda l umanità e deve raggiungere ogni singola persona per costruire un nuovo stile di vita. È la ragione prima della nostra speranza, il fondamento di tutta la nostra vita che ci permette anche di rendere ragione della nostra speranza a chi ci sta vicino. Vi è nato un Salvatore!. I primi a rendersene conto sono stati proprio i semplici pastori, simbolo di tutta l umanità, che accorre per riscoprire ed accogliere il grande prodigio accaduto. È la salvezza che Gesù ci offre. Ma quale salvezza Gesù offre all uomo? Non certo un benessere attento solo ai desideri materiali, né una sicurezza e tranquillità che scarica tutto su Dio. La salvezza che Gesù offre è il recupero della dignità originaria, il ritorno alle sorgenti, la scoperta di una grandezza che abita nel cuore di ognuno e che deve essere portata alla luce, liberata dalle macerie che lungo i secoli e nella storia personale di ciascuno si sono depositate nel crollo degli ideali e della speranza. Con la venuta di Gesù rinasce l uomo nuovo, l uomo vero, l uomo in tutta la sua grandezza, nell armonia di tutto il suo essere. L uomo recupera e torna all autentica libertà, fondamento della speranza, diventando responsabile di se stesso e degli altri suoi simili, capace di spendere tutta la sua vita pur di camminare sulla strada indicata da Dio. La salvezza che Gesù offre è dunque il dono della vera libertà, perché Gesù, venendo sulla terra e assumendo la condizione umana (cfr. Filippesi 2,5-11), restituisce all uomo la sua vera identità, riportandolo alla dignità originaria, così come Dio lo ha pensato e voluto. La ragione più profonda della speranza, che è il recupero della dignità della persona umana, è racchiusa nelle parole che l angelo ha rivolto ai pastori: NON TEMETE! - Ma di che cosa avevano paura i pastori? E noi, di cosa abbiamo paura? Tutti gli uomini e le donne di ogni epoca e di ogni condizione, tutti, e soprattutto quelli che apparentemente sembrano più allegri, spensierati e sicuri, portiamo nascosta una grande paura. Ecco quello che anche noi abbiamo in comune con i pastori di Betlemme: la notte ci circonda e ci turba. C è chi teme di non riuscire a superare una prova, un esame, un concorso; chi ha paura del destino; chi ha paura di se stesso; chi del tradimento di un amico/a; chi addirittura della vita. Tutti poi abbiamo paura del dolore e della morte. Il non temere dell annuncio natalizio riguarda tutti, perché tutti abbiamo paura! OGGI - È l oggi della salvezza. I tempi si sono compiuti e l attesa si è realizzata. L evangelista Luca è molto attento all oggi della salvezza, cosciente dell attualità della salvezza. Se non siamo salvati oggi, se non è oggi che Dio ci fa toccare con mano la sua benevolenza, il futuro di gioia rimane una chimera, una speranza non realizzata. Compimento infatti è una parola che ha un significato molto forte nella bibbia. È l adempimento della promessa fatta agli uomini da Dio all inizio della storia della salvezza (cfr. Abramo, Mosè, David ) è che in Cristo si realizza. È NATO IL SALVATORE - Gesù viene chiamato Salvatore. Chiamare uno salvatore significa riconoscergli un importanza eccezionale, un titolo che viene riservato solo a Dio, l unico capace di portare salvezza e di liberare l umanità. Gesù è salvatore perché, innalzato alla destra di Dio è stato costituito Signore e chiunque invoca il suo nome sarà salvato (cfr. Atti 4, 9-12). Dalla bocca dell angelo di Dio esce l affermazione essenziale della professione di fede della cristianità: è Gesù

4 Salvatore fin dalla nascita, anche se rimane ancora tutto velato fino alla piena realizzazione nella risurrezione. Gesù con la sua venuta rende possibile la nostra piena liberazione e la nostra definitiva speranza. Con la venuta di Gesù l umanità tutta riscopre la sua vocazione originaria, riconducendo ogni uomo e ogni donna a scoprirsi come fratello e sorella. Il Natale è l inaugurazione di un epoca definitiva, di un mondo totalmente nuovo dove il lupo dimorerà insieme con l agnello e il bambino metterà la mano nel covo di serpenti velenosi (Isaia 11,6-9). Sarà l epoca della pace! Gesù è il principe della pace, come era gia stato annunciato. È colui che raduna il gregge disperso e lo conduce sui pascoli fiorenti di una umanità salvata (cfr. salmo 23). Parlare di pace oggi, può sembrare ancora più di ieri un illusione e una utopia. Ma noi ci crediamo perché non è fondata sulle nostre parole o sulla nostra volontà, ma è un dono di Dio che noi dobbiamo accogliere, perché annunciato dai suoi messaggeri. Domande per il gruppo Quali sono le mie paure e miei timori? Che cosa ostacola oggi la speranza di realizzazione della mia vita? Non temere! È valido anche per me il messaggio dell angelo? Perché non devo temere? Su cosa si fonda la mia fiducia e la mia speranza? Molte persone e molte organizzazioni lavorano e lottano per la difesa dei diritti delle persone. Sei consapevole che è Gesù il fondamento della giustizia e della piena realizzazione della persona umana? La ricerca sincera della pace, così tanto compromessa anche ai nostri giorni, è spesso frutto di mode e di luoghi comuni. Si pensa sempre a dare la colpa agli altri, a quelli che non la pensano come noi. Lavorare per la pace invece parte dal cammino personale di ciascuno, da alcune scelte che coinvolgono la nostra vita, dall impegnarci in prima persona alla comprensione dell altro, alla solidarietà con i più poveri e al perdono, dall accogliere la pace come dono di Dio e frutto dello Spirito Santo!

5 3 INCONTRO LE FRAGILITA DELLA SPERANZA LA PAROLA: Dal Vangelo secondo Giovanni 20,11-18 Il cammino di Maria Maddalena, che non riconosce subito ma progressivamente il risorto, è riferimento esemplare per ogni discepolo che si pone sulla stessa strada, alla ricerca del Signore Gesù. Come si può incontrare oggi il Risorto al di là delle nostre fragilità? Come superare la tristezza e lo scandalo della croce? Punto di partenza è la situazione di sconforto che riflette la condizione di ogni credente e di ogni comunità cristiana colpita dallo scandalo della croce. La scena inizia con un invece, contrapponendo il comportamento di Maria con quello dei due discepoli che dopo l annuncio della risurrezione tornano a casa. Maria di Magdala invece non riesce a tornare a casa, non riesce a staccarsi dal sepolcro, anche se vuoto. Non è ancora una fede matura, ma il suo pianto e il suo ostinarsi a rimanere presso la tomba indicano la non rassegnazione. Questa donna ha perso tutto, ha perso Gesù e almeno vuole ricordarlo presso la sua tomba e a questo punto si accorge che non c è nemmeno l ultimo residuo: il cadavere! La sua condizione interiore è di angoscia e disperazione, anche se le rimane ancora una risorsa: la non rassegnazione. Chi ama veramente una persona sente la sua morte come inaccettabile. Il racconto dell incontro con il Risorto si sviluppa in due scene... La prima: Maria curvandosi si volta indietro, verso la tomba, per cercare in alcuni segni la presenza di Gesù risorto; ma non bastano, è necessario qualcosa di più. Non è sufficiente infatti ricordare, ritornare al passato, voltarsi indietro per riconoscere il Cristo risorto. Non è sufficiente nemmeno guardare per riconoscere e incontrare il Risorto. Gli occhi della Maddalena sono ancora incapaci di riconoscerlo, pur avendolo visto e scambiandolo per il custode, come i due di Emmaus (cfr. Luca 24, 15-16). Nella seconda scena è Gesù stesso che prende l iniziativa per portare avanti il cammino di maturazione della fede di Maria Maddalena e la sua capacità di riconoscere Gesù risorto: Gesù infatti chiama Maria per nome ed ella lo riconosce subito, proprio perché si sente chiamata per nome! Nel rapporto con Dio non servono gli occhi, non è sufficiente il vedere solo fisico! Maria non lo riconosce vedendolo, lo riconosce solo sentendosi chiamata per nome, sentendosi conosciuta ed amata da Lui. Il pastore infatti conosce le proprie pecorelle e le chiama per nome, così esse riconoscono la sua voce e lo seguono (cfr. Giovanni 10, 3-4). Ora la Maddalena non è più chinata verso il sepolcro, né è voltata indietro, ma è rivolta solo verso il Risorto. Lo riconosce in modo diverso. L incontro con il Risorto porta a scoprire la sua nuova condizione di vita: egli viene dall alto, è di lassù (cfr. Giovanni 8, 23) ed è colui che deve tornare nel seno del Padre (cfr. Giovanni 1,18). Con la risurrezione/glorificazione Gesù, con tutta la sua umanità, con tutto il suo essere, ritorna al Padre per essere per sempre con noi e con tutta l umanità. Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo (Matteo, 28,20). Ora che lo ha ritrovato, vorrebbe non più separarsi da Lui: Rabbunì significa proprio mio maestro, quasi a indicare una proprietà personale, non condivisibile con altri. Ma la risposta di

6 Gesù è chiara e precisa: Non mi trattenere!. Maria Maddalena è invitata a varcare anche l ultima soglia, che la porta a non più rivolgersi al passato, ma al futuro. E questo passaggio è possibile solo con la fede. Maria, e con lei anche noi, siamo chiamati, attraverso il dono dello Spirito, a riconoscere la nuova identità di Gesù: Figlio di Dio divenuto pienamente uomo, nella morte e risurrezione entra in comunione con il Padre, sedendo accanto a Lui nella gloria. La missione che Gesù affida a Maria di comunicare agli altri la nuova modalità di relazione e di incontro con Gesù risorto, è espressa nelle parole della Maddalena: Ho visto il Signore. Non è più un vedere, un guardare alla ricerca di chissà che cosa o di quale segno straordinario, ma è un vedere con gli occhi della fede che nasce unicamente e solamente dalla chiamata di Gesù. Maria infatti riconosce Gesù risorto solo dopo che si è sentita chiamata per nome, dopo l esperienza personale con Lui, frutto di una reale capacità di amare. Domande per il gruppo Puoi riconoscere Gesù solo se senti che il suo messaggio è indirizzato proprio a te, che Dio ti sta chiamando per nome. Se non riesci a stabilire una relazione intensa e personale con Lui nemmeno se lo incontrassi faccia a faccia sapresti riconoscerlo. Senti il Signore vicino a Te? Lo cerchi? Nella preghiera sei riuscito a stabilire una autentica relazione personale, da amico ad amico? Gesù è presente, parla con la Maddalena, ma non è ancora stata capace di riconoscerlo. È la situazione di tanti giovani di oggi. Ma il racconto evangelico ci offre una indicazione chiara: per incontrare veramente Gesù non bisogna guardare indietro, ritornare al passato. Non ci viene chiesto di sopportare il dolore e la sofferenza ma di trasformarli. Il percorso della fede pasquale ci porta ad aprirci alla speranza di un futuro nuovo. Solo la certezza della presenza del Risorto che ci ama e ci conosce per nome apre la via per una missione nuova: annunciatori di speranza. Nella vita di ogni giorno, con i tuoi amici/che, a scuola o nell ambiente di lavoro, sei un profeta di sventura o un annunciatore di speranza? Sei rivolto sempre a rimpiangere il passato, oppure è la speranza che guida il tuo cammino e le tue scelte?

7 IL NOME DELLA SPERANZA 4 INCONTRO LA PAROLA: Dal Vangelo secondo Marco 16,1-8 Marco non ci vuole dare la cronologia della Risurrezione; non vuol fare un resoconto in diretta, dal vivo, ma ci racconta un esperienza di fede profonda che hanno vissuto i discepoli e la prima comunità cristiana. Pertanto per comprendere la risurrezione è necessario sentirci discepoli, trovarci in cammino e alla sequela di Gesù. È un cammino che parte dalla chiamata e via via, passando per la croce, giunge di fronte ad una tomba vuota. Ma è proprio da qui che è ripartita la speranza! Da qui prende avvio la proclamazione e l annuncio del Regno di Dio. Dalla fuga della donne siamo spinti ad entrare anche noi nel sepolcro per ascoltare e riascoltare l annuncio della nostra salvezza. Ci viene offerta la lieta notizia pasquale che irrompe nella nostra vita e nella nostra storia per offrire significato e senso a tutta la nostra esistenza. Con Cristo risorto, la vita umana non è più consegnata all assurdo e alla disperazione, né al caso o alla fortuna, perché ogni vicenda umana, ogni vita umana è custodita nelle mani di Dio. Le donne sono le protagoniste di questo racconto. Esse diventano le testimoni oculari negli avvenimenti centrali della pasqua di Gesù: passione-morte-annuncio della risurrezione. Sono donne che hanno vissuto fino in fondo la sequela e il servizio a Gesù, fin dagli inizi del suo ministero pubblico in Galilea (cfr. Marco 15,41). È una presenza fedele e continua al maestro, una fedeltà ininterrotta fin dagli inizi! Nell andare al sepolcro trovano che la tomba è aperta! Caratteristica centrale di tutte le tombe è di essere ben chiuse, sia perché devono difendere il cadavere da eventuali atti sacrileghi, sia soprattutto per proteggere i vivi dai morti. La pietra deve separare e distinguere chiaramente i vivi dai morti, la vita dalla morte. Ma proprio da qui prende l avvio il loro cammino spirituale. Alzato lo sguardo vedono che la pietra è stata rotolata via, che non c è più nessuna barriera, nessuna separazione tra i vivi e i morti. Quello che sembrava impossibile, si è inaspettatamente realizzato: la morte è stata vinta. Eppure la pietra rotolata via non basta, non è sufficiente per incontrarsi con il Risorto. Il cammino di fede è ancora lungo e tortuoso. L espressione cercate interpreta tutto l agire delle donne ed è il vero impulso che le spinge ad andare. Si nota la distanza assoluta tra il cercare delle donne, tipico del punto di vista umano che si ferma solo al passato, e l azione gratuita di Dio che apre al futuro! Nell assenza del cadavere di Gesù che costituiva l oggetto della loro ricerca, esse sono invitate a disporsi ad accogliere un nuovo modo di presenza della persona cercata, offrendo non solo nuove modalità ma ragioni e motivazioni più solide e più vere. Voi cercate il crocifisso È risorto non è qui. Crocifissione e risurrezione sono accostate in forte contrasto tra loro. La gloria della risurrezione però non toglie l ignominia della croce. All identità piena di Gesù appartiene la risurrezione e la crocifissione; colui che è riconosciuto come Signore, è un crocifisso. Anche se il racconto non ci dice com è avvenuta la risurrezione, né si sofferma a descrivere com è il risorto. Centrale l affermazione: non è qui. E il discorso cade ancora sulla tomba. Non è solo aperta e illuminata, è vuota! Diventando un oggetto inutile, così come la morte per Lui è sorpassata. Annunciare allora che la tomba è vuota significa che la morte stessa ha cominciato a morire. L angelo offre alle donne un altro progetto, cambiando radicalmente il loro: andate.

8 Anche all inizio del racconto c è un andavano, ma era per ungere un morto, un cadavere; ora invece vanno per annunciare la risurrezione. Il Risorto offre un nuovo movimento di sequela, cambiando radicalmente la motivazione dell andare: prima erano rivolte al passato, ora invece a nuove prospettive di futuro! Ora iniziano un andare che non finirà più, perché tutta la loro vita sarà orientata ad annunciare la speranza del Risorto. È un annuncio che prende le mosse dalla Galilea, il luogo della prima evangelizzazione universale; Galilea delle genti viene chiamata. Il Risorto proietta la comunità cristiana all annuncio missionario, portando il vangelo a tutte le genti. Impegno bello, meraviglioso, ma non facile! Le donne infatti non eseguono subito il comando. Andate e dite e invece fuggirono e non dissero nulla. È un finale che esprime la reazione delle donne: paura, timore e stupore! Sempre, all entusiasmo del primo momento subentra la paura e il dubbio. Il silenzio con il quale le donne reagiscono all ordine dell angelo e il silenzio con il quale Marco chiude il suo vangelo sono un prezioso indicatore per tutti noi chiamati ad annunciare il vangelo, ad essere giovani missionari. Per annunciare il Risorto, dobbiamo anche saper far silenzio. L esperienza della Pasqua del Signore va personalizzata, va fatta propria nella riflessione e nella continua rimeditazione, perché prima di annunciare siamo chiamati a vivere una forte relazione con il Risorto. Dobbiamo saper testimoniare con la vita l esperienza della risurrezione. Annunciare è prima di tutto meditare: dalla contemplazione fioriranno parole che hanno sapore, che trasmettono e restituiscono vita, che sono capaci di coinvolgere. Domande per il gruppo Anche oggi è presente il rischio di voltarsi indietro, di guardare sempre al passato, magari rimpiangendolo. La spinta al cambiamento deve venire più che dalla nostalgia di ciò che eravamo, dalla prospettiva del futuro che ci sta di fronte. Ecco la grazia che dobbiamo chiedere al Risorto. Prova a raccontare in gruppo una tua esperienza di vita, dove hai sperimentato la verità di quanto sopra espresso. Per accogliere con fede la risurrezione è indispensabile una sequela di fedeltà. Non si improvvisa la partecipazione all esperienza della risurrezione. I frutti della Pasqua ci vengono donati ma a noi sta la capacità di accoglierli. So accogliere il Signore? So aspettare, so aprire la porta quando passa e bussa? Quali sono oggi i segni della sua presenza? Il racconto di Marco (16,1-8) ci invita ad un atteggiamento meditativo. Non dobbiamo mai catturare o rinchiudere nella nostra esperienza personale la rivelazione di Dio. Dio è più grande e va al di là di ogni schema. Dobbiamo ripartire continuamente, ricominciando a leggere il vangelo, a riavviare la propria sequela. A che punto mi trovo nel cammino di sequela del Risorto? Sono in ascolto della sua voce, della sua chiamata? So rispondere SI alla sua chiamata?

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore.

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore. MARIA DISCEPOLA DELLA PAROLA E MAESTRA DI PREGHIERA + Dal Vangelo secondo Luca 1,26-56 In quel tempo, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, sposa

Dettagli

NOVENA DI NATALE Scheda per i Migranti

NOVENA DI NATALE Scheda per i Migranti NOVENA DI NATALE Scheda per i Migranti SCHEMA GENERALE Segno di croce Invito alla preghiera (per tutti i giorni) Dio è luce e in Lui non ci sono tenebre. Illumina, Signore, il nostro cuore perché possiamo

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale) E nato per noi un bambino, un figlio ci è stato donato (antifona). Pochi giorni dopo l'apertura della porta Santa che ci ha visti accorrere numerosi per vivere la

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE

PARROCCHIA SACRO CUORE PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 2013 1 ARCIDIOCESI DI CAPUA PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 30 OTTOBRE 2013 SULLE STADE DEL MONDO PRESIEDE DON CARLO IADICICCO MISSIONARIO FIDEI DONUM

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Anno della Misericordia

Anno della Misericordia Parrocchia San Giuseppe Calasanzio Padri Scolopi Via Don Gnocchi 16 - Milano Tel 02-4075933 www.parrocchiacalasanzio.it e-mail: info@parrocchiacalasanzio.it Progetto pastorale 2015-2016 Anno della Misericordia

Dettagli

Meditazione dettata da don Adriano Migliavacca, attuale Vicario generale della diocesi di Pavia, la sera del 12 Marzo 2001 nella parrocchia di Santa Francesca Cabrini in Lodi, in occasione degli esercizi

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

La chiamata alla speranza

La chiamata alla speranza La chiamata alla speranza Preghiera mensile Dicembre 2015 1.- Introduzione L'Avvento è un tempo per rispondere alla "chiamata alla speranza". La nostra è la speranza che abbiamo nella nascita di Cristo,

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

«Il programma è Gesù,

«Il programma è Gesù, ATTIVISMO E CATECHESI Schede operative fotocopiabili per l incontro di catechesi Proposte per una catechesi attiva, visiva e narrativa «Il programma è Gesù, da conoscere, da amare, da imitare» (Nmi 29).

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

GIUBILEO DELLA MISERICORDIA

GIUBILEO DELLA MISERICORDIA GIUBILEO DELLA MISERICORDIA INIZIO DELL ANNO GIUBILARE NELLE COMUNITÀ PARROCCHIALI 13 dicembre 2015 Terza Domenica di Avvento 1 Nella terza domenica di Avvento, detta Gaudete, in ogni chiesa cattedrale

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16.

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16. Vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce,

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono con voi» Mt 28,16-20 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Matteo (28,16-20) In quel tempo, gli undici

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Cari confratelli, cari fratelli e sorelle nel Signore, volgiamo lo sguardo alla Parola dell Apocalisse di Giovanni: Colui (Gesù) che ci ama e ci ha liberati dai nostri

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

DOMENICA V DI PASQUA C

DOMENICA V DI PASQUA C DOPO LA COMUNIONE Assisti, Signore, il tuo popolo che hai colmato della grazia di questi santi misteri, e fa che passi dalla decadenza del peccato alla pienezza della vita nuova. Per Cristo nostro Signore.

Dettagli

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina .. mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede (2 Pietro 1:5) Natale Mondello 14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina Dio ha un piano per

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Oleggio, 01/4/2013. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 01/4/2013. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 01/4/2013 LUNEDÌ DELL ANGELO Letture: Atti 2, 14. 22-23 Salmo 16 (15) Vangelo: Matteo 28, 1-15 NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN! Ci mettiamo alla Presenza del Signore,

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009

La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009 La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009 INTERPRETARE L EVENTO Carissimi A., R. e C., carissimi parenti e amici di Pinuccio qui convenuti, la nostra fede cristiana mi assegna il compito di aiutare

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI. Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze.

DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI. Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze. DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze. La liturgia di oggi, con la commemorazione di tutti i

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio.

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio. FEDE IN DIO A) CO S'E' LA FEDE? La fede si nutre della conoscenza che si acquisisce di una persona. In questa senso la fede può essere grande o piccola, debole o forte. La nostra fede dipende interamente

Dettagli

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO I C1 INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO Per il celebrante e l'équipe battesimale Monizioni Accoglienza Siamo radunati sulla soglia della chiesa è un luogo altamente simbolico, poiché evoca l

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

CRISTO PRESENTE NELLA CHIESA

CRISTO PRESENTE NELLA CHIESA CRISTO PRESENTE NELLA CHIESA 4 aprile 2013 ASCOLTO DELLA PAROLA DI DIO Dal vangelo di Giovanni - 20, 19-31 La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 1. RITO ORDINARIO RITI INIZIALI 60. Il ministro, entrando dal malato, rivolge a lui e a tutti i presenti un fraterno saluto.

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Dio e il dolore Può Dio soffrire? Particolare risalto nell imminenza del Pasqua. Un vero problema

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

La tomba vuota e l apparizione a Maria di Magdala Nel giorno dopo il sabato, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di buon mattino, quand era ancora

La tomba vuota e l apparizione a Maria di Magdala Nel giorno dopo il sabato, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di buon mattino, quand era ancora Scuola di preghiera Venerdì 19 marzo 2010 intervento di don Bruno Daniel La tomba vuota e l apparizione a Maria di Magdala Nel giorno dopo il sabato, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di buon mattino,

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

0I 4VIKLMIVI I PE 'SRJIWWMSRI

0I 4VIKLMIVI I PE 'SRJIWWMSRI PREGO COSÍ 1. Vieni, Signore Gesù Lieti aspettiamo la tua venuta: vieni, Signore Gesù. Tu che esisti da prima dei tempi, hai voluto farti uomo come noi. Attendiamo che ti riveli nella tua gloria, Gesù

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli