Facendo uno sforzo, abbiamo cercato di comprendere il senso del documento di un altra coccinella possibile e abbiamo capito che chiedono:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Facendo uno sforzo, abbiamo cercato di comprendere il senso del documento di un altra coccinella possibile e abbiamo capito che chiedono:"

Transcript

1 Lo scorso 27 settembre è pervenuto un documento dal gruppo un altra coccinella possibile. Documento politico? Scissione? Un documento che ha fatto da apripista ad una serie di mail fotocopia. Documento e mail che non hanno alcun ancoraggio alla lettura storica e amministrativa di Cambiamo Abbiategrasso, che non hanno alcuna visione politica, e se l avessero sarebbe altra cosa rispetto a quella di Cambiamo Abbiategrasso. Al di là della confusione, peraltro già mostrata nel corso della plenaria del , plenaria in cui i firmatari, alla richiesta di una proposta politica che delineasse in modo chiaro il loro pensiero, non sono stati in grado di articolare un ragionamento che avesse solo la parvenza di un elaborazione politica, oggi si presentano con una raccolta firme per quale scopo? Vogliono forse con venti firme (e poi vedremo di chi) sovvertire il risultato elettorale? Vogliono che i rappresentati eletti nelle istituzioni siano fantocci in mano ad un direttivo come nei partiti? (Proposta di Nicoli, sostenuta da Villa, Marmondi e Oldani). Un direttivo che indichi ciò che l eletto può e deve dire? Facendo uno sforzo, abbiamo cercato di comprendere il senso del documento di un altra coccinella possibile e abbiamo capito che chiedono: 1. condivisione delle decisioni 2. maggiore informazione interna 3. possibilità di esprimere la propria idea 1. Condivisione delle decisioni. Cosa significa condividere le decisioni? Affrontare un argomento conosciuto da tutte le parti interessate alla decisione e poi fare una sintesi. Elemento fondamentale per una decisione condivisa è che tutti gli attori abbiano gli elementi per poter valutare attraverso l acquisizione di informazioni sulle quali fondare il proprio convincimento. L acquisizione delle informazioni si ha attraverso un attività costante di studio delle carte e delle situazioni. Quanti dei firmatari hanno fatto richiesta di visionare i documenti allegati alla convocazione del C.C. di cui viene mandata in tempo reale la convocazione con i punti all Odg alla mailing-list coccinelle? Quanti dei firmatari hanno chiesto di poter approfondire un argomento o si sono offerti per supportare i consiglieri comunali nello studio di specifici argomenti? Risposta: NESSUNO. Strumenti per dare un informato contributo decisionale: NESSUNO.

2 2. Informazione interna. Vengono inviate immediatamente alla mailing-list coccinelle le convocazioni e gli OdG delle commissioni e dei Consigli Comunali, vengono inviate alla mailing list coccinelle gli inviti a tutte le riunioni, vengono inviati (prima dell invio alla stampa) tutti i comunicati. Le interviste sono dichiarazioni personali di cui l intervistato si assume la propria responsabilità. Finiguerra ha dichiarato che l amministrazione Arrara è la peggiore degli ultimi 20 anni? E una legittima e personale valutazione. Al contrario non è una legittima e personale valutazione la dichiarazione della Consigliera Villa che ha dichiarato che Cambiamo Abbiategrasso è favorevole al vigile di quartiere e all'abolizione del turno notturno dei Vigili. Questa non è una valutazione. E una proposta che non è mai stata sul tavolo della discussione. Ma sul punto vediamo che nessuno chiede condivisione. Quanto agli incontri. Finiguerra e Boni hanno sempre informato l intero gruppo di ogni loro movimento. La Consigliera Villa ha incontrato il Sindaco presso la sua azienda senza previamente informare il gruppo dell incontro (figurarsi condividere l opportunità dell incontro soprattutto fuori dagli ambiti istituzionali) né ha relazionato il gruppo su quanto discusso in quella sede. Solo casualmente Finiguerra e Boni sono venuti a conoscenza dell incontro e ad oggi non è dato sapere cosa si siano detti la Consigliera Villa, Carlo Oldani, Monica Negri ed il Sindaco Arrara. La Consigliera Villa ha incontrato il dott. Bignamini, amministratore unico di Amaga, informando il Consigliere Finiguerra mentre si stava recando all incontro e senza relazionare il gruppo né i consiglieri su quanto discusso. Non sono incontri carbonari. Sono incontri avvenuti senza condividere la strategia con il gruppo (neppure quello consiliare). Sono incontri il cui contenuto ad oggi è sconosciuto a tutti. Dimissioni Assessore Colla? La richiesta di dimissioni condivisa con le coccinelle, che l hanno approvata a maggioranza (sono pervenute solo 3 voci dissenzienti), è stata fatta in tempi brevi ed in risposta alla solitudine in cui i cittadini del comitato Pagianunz si sono trovati davanti alla proprietà della S2. Nonché alle aggressioni subite da appartenenti al Gruppo Coccinelle recatisi all area umida durante i lavori e minacciati dai lavoranti che, dopo aver rotto bottiglie di vetro davanti ai loro occhi, li hanno minacciati puntandogliele addosso. Nelle contestazioni il cuscinetto delle istituzioni è una garanzia che ad Abbiategrasso è venuta meno. La richiesta di dimissioni dell assessore Colla è stata determinata non solo dall incapacità e dall assenza dell assessore alla partita ma anche come gesto di solidarietà per quelli che hanno rischiato in prima persona e per coloro che sono stati più volte, anche di recente, identificati dalle forze dell ordine. Vogliamo parlare veramente di informazione interna? Tra i firmatari del documento ci sono: Annalisa Oldani: rappresentante in commissione biblioteca proposta ed eletta con i voti di Cambiamo Abbiategrasso. Non ha mai inviato un report della sua attività in tale organismo. Non ha mai comunicato il calendario. Non ha mai condiviso alcun tipo di decisione. Monica Negri: membro del Consiglio di amministrazione della Casa di Riposo nominata su indicazione di Cambiamo Abbiategrasso. Non ha mai relazionato il gruppo sulla sua attività. Non ha mai inviato una convocazione, un ordine del giorno. Non si è mai confrontata con il gruppo.

3 Davide Landoni: rappresentante nella Azienda Speciale Servizi alla Persona proposto ed eletto con i voti di Cambiamo Abbiategrasso. Idem come sopra. Nessuna notizia è pervenuta al gruppo. Il documento è stato inviato ad Agnese Guerreschi proposta ed eletta nella consulta pari opportunità la quale, alla richiesta di Finiguerra di relazionare al gruppo la sua attività e non solo alla consigliera Villa, ha deciso di dimettersi e di lasciare Cambiamo Abbiategrasso. Carenza di informazione. In plenaria è stato lamentato il fatto che il gruppo, chiamiamolo operativo, non invia periodicamente verbali o relazioni a coloro che non partecipano alle riunioni. Sul punto deve essere chiaro che non avendo il movimento una piattaforma liquid feedback, per capirci stile Movimento 5 stelle, l organo deputato a decidere è l assemblea dove avviene il confronto, la discussione e la sintesi. Dalle rimostranze che alcuni dei sottoscrittori hanno fatto in plenaria è derivata l accusa rivolta al gruppo operativo di decidere senza premurarsi di attendere le considerazioni di coloro che per un motivo o per l altro sono assenti dal gruppo da mesi. Tradotto. Chi si studia le carte, prepara interrogazioni, mozioni, interventi in consiglio comunale, partecipa al consiglio comunale, alle commissioni, alla conferenza dei capigruppo e relaziona nella mailing list ed in plenaria poi deve fermarsi, dare ripetizioni a tutti coloro, tra i firmatari di unaltrococcinellapossibile, che sono stati assenti a tutti questi processi decisionali e attendere che qualcuno di loro si faccia un idea. In pratica, tutti hanno un lavoro ed una famiglia a cui dedicare legittimamente del tempo mentre, a chi è operativo sempre, si chiede anche di colmare le lacune di chi ha dedicato il proprio tempo ad altro. Ovviamente non tenendo conto che tutti noi fortunatamente lavoriamo ed abbiamo una famiglia. E che la giornata è di 24 ore per tutti. 3. Possibilità di esprimere la propria idea. In un gruppo politico le idee si esprimono in fase di discussione. Tutte le idee espresse, quando nei fatti sono solo critica distruttiva, sono solo il segnetto da matitina rossa messo su un compito svolto da altri. Ciò detto, comunque, non vi è stata proposta, mozione, comunicato, interrogazione, materiale informativo, che non sia stato condiviso, anche se per poco tempo (magari a causa di dovere uscire tempestivamente ed essere sul pezzo) con il gruppo coccinelle o con il gruppo di coordinamento. Al contrario, proprio uno dei firmatari, Jacopo Ferrario, ha informato il gruppo solo dopo aver già inviato un comunicato alla stampa, in accordo con la Consigliera Villa. Tra i firmatari che rivendicano il loro ruolo di partecipazione attiva che altri gli avrebbero sottratto troviamo: Francesca Berlinzani. Impegnata durante l anno accademico per un incarico professionale che l ha completamente assorbita tanto da scusarsi più volte per essere da mesi assente e impossibilitata a seguire il gruppo; Marta Carraro. Assente dalle riunioni dal e da discussioni via dal quando con altri ha certificato la morte del gruppo Mulabandha; Matteo Ninni che nello spiegare la sua uscita dal tavolo Mulabandha scriveva in data 11 aprile 2013 di non potere partecipare a plenarie e gruppi ristretti almeno sino a giugno e quindi di non poter dare la propria disponibilità neanche per fare qualche cartolina perché chi deve occuparsi di comunicazione deve essere informato e saper bene cosa sta per comunicare. Noi aggiungiamo che lo stesso ragionamento dovrebbe essere applicato anche quando si deve decidere.

4 William Nicoli. Oltre ad aver dichiarato nella plenaria del 16 settembre che non sta a leggere tutte le di coccinelle non partecipa a riunioni del gruppo a far tempo dalla plenaria del Monica Negri. In data chiedeva di non essere inserita nel coordinamento perché troppo impegnata nel CdA della Casa di Riposo e che la sua attività nel movimento sarebbe stata concentrata su questo impegno. Elena Taschera. Si è fatta cancellare dalla mailig list coccinelle come da report plenaria del ; Roberta Laudi Si è fatta cancellare dalla mailig list coccinelle come da report plenaria del ; Luca Gioiosano. Nella plenaria del ha ammesso di non partecipare da mesi alla vita del movimento per propri impegni personali e il cui ultimo intervento finanche solo per inviare una risale al , mail in cui ringrazia Finiguerra per aver modifico all ultimo istante la mozione sulla fondazione alla luce del dibattito via . Fabio Annibale la cui presenza in plenaria non risulta da almeno il mese di novembre 2012 e suoi interventi via sono sempre stati a favore delle iniziative portate avanti. Laura Andreoni che dichiara nella sua del di essere uscita dalle Coccinelle dal novembre 2012 per ricoprire il ruolo di Presidente di Legambiente. Luca Ceroni, Alessandro Piccone e Davide Landoni che non partecipano alla vita del gruppo da almeno marzo Anna Traini. Mai vista ad alcun incontro e la cui ultima in coccinelle risale al ove dice che non riesce a seguire l enorme lavoro che Cambiamo Abbiategrasso sta facendo così come non riesce a leggere tutte le . Roberta Inverni. Assente dal gruppo da tempo immemorabile. Edoardo Priori ha fatto delle comparse spot dopo le elezioni, ma non ha mai partecipato attivamente alla vita del movimento. Luca Lovotti ammette di essere del PD e sperava che Cambiamo Abbiategrasso portasse la sua forza all interno del locale PD in gessato. Nulla di più lontano dalle motivazioni con cui è nata Cambiamo Abbiategrasso. Da questa disamina oltre a chiedersi come si possa rivendicare un diritto di partecipazione allorquando si esplicita l indisponibilità a partecipare o non si partecipa nei fatti da almeno sei mesi (quando va bene) si evidenzia che tutte le critiche sul modo in cui la discussione interna è avvenuta, sui processi decisionali e, in generale, sulla vita del movimento si fondano sul sentito dire e sul passa parola. Sul sentito dire e sul riferito dei seguenti sottoscrittori del documento: la consigliera Villa, il marito e la figlia Oldani Carlo e Annalisa, i coniugi Fusari- Riunno e Marmondi. Marmondi che, pur essendo stato una delle più attive coccinelle, da luglio non ha più risposto alle di chi stava organizzando l evento sull amianto e che ha abbandonato la plenaria del dicendo che per lui Cambiamo Abbiategrasso era finita. Ed è per questa sua dichiarazione che è gli è stato tolto il ruolo di amministratore della mailing list e del profilo facebook. Carlo Oldani, invece, che non partecipa ad una riunione dal mese di aprile, dopo mesi in cui gli interventi via sono stati solo offese a chi stava lavorando, si è chiamato fuori dissociandosi con la del Non si comprende a che titolo sottoscrivano il documento. Si fa inoltre presente che la consigliera Villa non risponde alle anch essa dai primi di agosto e chiesti chiarimenti nella plenaria del ha risposto che non intende rispondere più.

5 Ci sono Persone attive e presenti alle riunioni e alle discussioni via numerose ed eterogenee che hanno una storia ben diversa da raccontare. E infine la ciliegina sulla torta: Fabrizio Tassi. Le elezioni di maggio 2012 hanno sancito la sua sconfitta politica perché, pur avendo preteso la posizione di capolista (con parere contrario di Finiguerra che per la parità di genere, essendo il candidato sindaco un uomo, riteneva corretto che capolista fosse una donna), non è stato in grado di raccogliere sufficienti consensi da permettergli l ingresso in consiglio comunale nonostante la lista Finiguerra Sindaco fosse la più votata in città (4000 voti, 27%) Il 18 dicembre 2012, seguendo ancora la scia Finiguerra, Tassi ne appoggiava la candidatura al Parlamento Italiano magnificando le sue qualità umane, politiche, amministrative e organizzative. Accadeva, però, che Finiguerra a fine gennaio esplicitasse di non voler accettare la candidatura di capolista al senato offertagli da Antonio Ingoia. E passava poco più di un mese da quella rinuncia che Tassi decideva di sganciarsi da Finiguerra e da Cambiamo Abbiategrasso. Lo faceva il 4 marzo 2013 (un mese dopo) attaccandosi alla scusa di un volantinaggio che Cambiamo Abbiategrasso stava valutando di fare davanti all Annunciata dove si teneva un evento organizzato da Iniziativa Donna e curato dallo stesso Tassi. Volantinaggio che peraltro non è avvenuto proprio per le pressioni di Tassi e di alcuni dei firmatari di questo documento, evidentemente preoccupati più di non guastare i loro rapporti con l assessore Colla piuttosto che denunciare la vergogna bocciodromo. Nel mese di maggio viene resa pubblica a mezzo stampa la prima collaborazione ottenuta da Tassi proprio grazie all assessore Colla. E della scorsa settimana la notizia dell incarico di consulenza dell amministrazione Arrara a Tassi nell ambito di Tabù Festival. E sempre Tassi che sul profilo facebook di Cambiamo Abbiategrasso propone la conta degli aderenti iniziando gli attacchi carichi di livore ed insulti nei confronti di Finiguerra. Oggi interviene sostenendo il documento ( da lui stesso elaborato/ispirato?) proponendosi di fatto come il nuovo leader, sconfitto alle democratiche elezioni, che tenta la via dell acclamazione dispensando pillole di saggezza democratica e lisciate di pelo ai firmatari. ******** Ma veniamo ai fatti che spiegheranno in maniera semplice come sia impossibile intraprendere la strada del dialogo con questa maggioranza. Tutte le proposte presentate dal gruppo Cambiamo Abbiategrasso sono state bocciate per partito preso dalla maggiorana Arrara. Già nella prima seduta del Consiglio Comunale ci sono state negate la vicepresidenza del consiglio comunale (richiesta per Marina Villa, alla luce del fatto che Matarazzo fosse stato votato da PD e PDL) e la presenza nella commissione elettorale (quella che nomina gli scrutatori alle elezioni). L unica mozione presentata da Cambiamo Abbiategrasso votata dalla maggioranza è stata quella sulle coppie di fatto dove Cambiamo Abbiategrasso si è mostrata decisa, determinata, inamovibile, unita e ha attuato un vero e proprio pressing psicologico nel corso della discussione e votazione. Anche se poi è stata una vittoria di Pirro considerato che il registro, ad un anno dall approvazione, non risulta ancora istituito per carenza di

6 regolamento che la maggioranza non intende approvare e quindi non mette all ordine del giorno. Attività Proposte Registro Unioni Civili Approvato ma non istituito per assenza di regolamento più volte sollecitato da Cambiamo Abbiategrasso ma fuori dall agenda politica della maggioranza Mozione contro F35 Bocciata Gioco nei cortili Approvato dopo averlo svuotato di contenuto Emendamenti per maggiore Bocciati incasso dall affitto bocciodromo Emendamenti per combattere il Bocciati gioco d azzardo Mozione per destinare Bocciata ,00 dalla Fondazione per la Promozione dell Abbiatense alle spese sociali Mozione riduzione del 90% Bocciata dell indennità del Presidente del Consiglio Comunale Emendamento per introdurre Bocciato limiti nelle nomine negli enti favorendo il ricambio Proposta alla Provincia di Inserimento Area Umida tra le Bocciata L elenco delle proposte formulate nei 5 minuti ad inizio seduta sarebbe troppo lungo aree da tutelare Mozione per la trasparenza nella gestione della Casa di Riposo Non ammessa Interrogazioni Rispetto del contratto dei Non ha ottenuto risposta lavoratori delle cooperative n. 2 su Amaga Nessuna risposta Incendio località Gabana Messa all odg un mese dopo Rapporti Provera-Fondazione Nessuna risposta -Lazzaroni Stato manutentivo Fiera, Rassicurazioni verbali che tutto è condizioni igieniche e presenza a norma e funzionante (ascensore barriere architettoniche compreso) n. 4 sul Bocciodromo Comunale Nessuna risposta

7 Uniche proposte della maggioranza al di fuori della gestione ordinaria Cittadinanza onoraria ai bambini stranieri nati in Italia Ripresa streaming delle sedute di Consiglio Comunale Votata da Cambiamo Abbiategrasso Votata da Cambiamo Abbiategrasso Il voto favorevole di Cambiamo Abbiategrasso non è venuto meno in tante delibere di ordinaria amministrazione e quando le proposte (purtroppo solo due presentate dalla maggioranza e una congiunta) erano condivisibili e di buon senso. Il voto di astensione è stato invece esercitato quando non si è ritenuto opportuno condividere scelte che, seppur in linea di principio non ci vedevano contrari, erano il frutto di analisi e/o contrattazioni alle quali Cambiamo Abbiategrasso, come forza di opposizione non aveva potuto partecipare, e che impegnavano i Consiglieri in un eventuale responsabilità politica o patrimoniale che non poteva essere assunta considerata l estraneità al processo decisionale. Le proposte per la città ed il cambiamento passano anche attraverso l informazione ai cittadini avvenuta con la stampa di Revolution (cessata per la chiusura del Gruppo Mulabandha), la distribuzione di cartoline informative avvenuta in diverse occasioni non ultima quella sull aumento delle tariffe scolastiche (attività a cui nessuno dei firmatari ha aderito), l organizzazione di serate a tema come quella organizzata in data contro il gioco d azzardo con Angela Fioroni, autrice del libro Le regole del Gioco, ex Sindaco di Pero Lega delle Autonomia e Piero Magri, Direttore del mensile Terre di mezzo Fà la cosa giusta. Serata nel corso della quale sono stati illustrati i diversi strumenti a disposizione dell amministrazione comunale e finanziaria per sconfiggere il gioco d azzardo E la serata del sull amianto. Serata di altissimo livello che ha visto presenti tra gli ospiti Luca Gioanola, Sindaco virtuoso di Mirabello Monferrato, Bruno Pesce, Coordinatore vertenza amianto e associazioni familiari vittime amianto nonché Luigi Ferrando, rappresentante sindacale CGIL CISL UIL nel processo Eternit. Anche in questa occasione molteplici sono state le buone pratiche suggerite all amministrazione comunale per rimuovere e contenere il problema amianto. Interessanti le suggestioni provenienti dal pubblico che, evidentemente rassicurato dalla serietà e dalla competenza degli organizzatori e degli ospiti, ha trovato l interlocutore adatto per raccontare quanto sta accadendo a Magenta attorno alla Novaceta nonché ad Abbiategrasso denunciando pubblicamente l inerzia del sindaco Arrara nel rimuovere la copertura in eternit presente sul capannone delle Grafiche Arrara. Ad entrambe le iniziative suddette non ha partecipato alcun componente della Giunta Arrara. E le proposte continueranno. Tante e di elevato contenuto. A fianco a questo ruolo attivo di proposta per la città, Cambiamo Abbiategrasso non ha perso di vista il suo ruolo di opposizione, che ricordiamo a tutti, è soprattutto controllo e informazione alla cittadinanza su quanto avviene nella casa comunale. Ruolo di opposizione apprezzatissimo in città. Lo dimostrano le numerose segnalazioni e denunce che Cambiamo Abbiategrasso riceve dai cittadini.

8 Non si vuole ripercorrere in questa sede tutta la vicenda bocciodromo che ha fatto emergere quanto sia opaca ed intrisa di familismo amorale questa amministrazione comunale. Troviamo anche abbastanza imbarazzante, ipotizzare una collaborazione con chi ci ha di fatto negato diritti democratici (vedi acceso agli atti secretati). Fin dalla sua nascita Cambiamo Abbiategrasso pur ponendosi come alternativa al sistema Abbiategrasso, si è sempre resa disponibile al confronto. Ma in questi 16 mesi di proposte al confronto da parte della maggioranza Arrara non ne sono pervenute. Anzi, l unica vera proposta di collaborazione l abbiamo avanzata noi sul PGT con l obiettivo di salvare l area umida. Proposta che non ha ricevuta neanche una risposta. Completamente ignorata. Nel mese di Luglio abbiamo proposto alla maggioranza la condivisione della mozione redatta e coordinata dalla Consigliera Boni a tutela del Pagiannunz. Anche in questo caso non vi è stata alcuna risposta così siamo stati costretti a depositarla a nome del gruppo Cambiamo Abbiategrasso e verrà discussa e votata lunedì 30 settembre. Cambiamo Abbiategrasso è nata per restare fuori dalle vecchie logiche di partito e per contrastare le solite cordate. E non era solo uno slogan elettorale. E la sua natura. Auguriamo ad unaltracoccinellapossibile di ritrovare veramente lo spirito e la serenità della campagna elettorale, i sorrisi e l allegria. Perché a giudicare dai toni, dalle offese e dalle accuse gratuite, traspare un livore che ha, quello si, poco a che vedere con il DNA di Cambiamo Abbiategrasso. Cambiamo Abbiategrasso

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015

PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015 Poschiavo, 14 febbraio 2014 PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015 L assemblea generale ordinaria del 2015 si è svolta presso il ristorante La Tana del Grillo a Pedemonte, in data 31 gennaio

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI 1 ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA del 12 ottobre 2014 PROVINCIA DI POTENZA VERBALE DELLE OPERAZIONI DELL UFFICIO ELETTORALE 2 VERBALE DELLE OPERAZIONI DELL UFFICIO ELETTORALE 1. INSEDIAMENTO DELL

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Modificato dalle decisioni del Consiglio costituzionale

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t Regolamento interno del Consiglio regionale TITOLO I ORGANI DEL CONSIGLIO E LORO FUNZIONI Capo I Presidenza provvisoria Art. 1 (Ufficio provvisorio di Presidenza) Nella prima adunanza successiva alle elezioni

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

ELEZIONI RSU PUBBLICO IMPIEGO 5 7 MARZO 2012. Le domande e le risposte.

ELEZIONI RSU PUBBLICO IMPIEGO 5 7 MARZO 2012. Le domande e le risposte. ELEZIONI RSU PUBBLICO IMPIEGO 5 7 MARZO 2012 Le domande e le risposte. La Commissione elettorale 1. Componenti della Commissione Elettorale e scrutatori. Comunicazione all'amministrazione I componenti

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO (Testo così come modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n 20 in data 03/07/2006) TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 DEFINIZIONE Il Comune di San Demetrio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

L a Camera dei Comuni

L a Camera dei Comuni L a Camera dei Comuni breve guida CONTATTI Ufficio informazioni della Camera dei Comuni Tel: +44 (0)20-7219 4272 London SW1A 2TT Fax: +44 (0)20-7219 5839 Email: hcinfo@parliament.uk Ufficio informazioni

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

D.R. n. 15 del 26.01.2015

D.R. n. 15 del 26.01.2015 IL RETTORE Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240 Norme in materia di organizzazione delle Università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l efficienza

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO PER LO SVILUPPO DELLA RIFORMA ISTITUZIONALE ELEZIONE DEGLI ORGANI DEL COMUN GENERAL DE FASCIA COMUNI DI CAMPITELLO DI FASSA/CIAMPEDEL-CANAZEI/CIANACEI- MAZZIN/MAZIN-MOENA/MOENA-

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia Anno CXXXVI - Numero 1 Roma, 15 gennaio 2015 Pubblicato il 15 gennaio 2015 BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia PUBBLICAZIONE QUINDICINALE SOMMARIO PARTE PRIMA CONCORSI E COMMISSIONI DIPARTIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE NOTA INFORMATIVA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 25 MAGGIO 2014 Aprile 2014 PREMESSA Le prossime elezioni amministrative, fissate per il 25 maggio, segneranno il rinnovo di 4106 amministrazioni comunali.

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

CAPITOLO I - COSTITUZIONE

CAPITOLO I - COSTITUZIONE CAPITOLO I - COSTITUZIONE ART. 1- FONDAZIONE E' fondata per coloro che aderiscono e aderiranno al presente statuto, che prende vigore immediato, un' associazione per la pratica e la diffusione del Viet

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Il vostro Consiglio dei Governatori

Il vostro Consiglio dei Governatori Il vostro Consiglio dei Governatori Il Consiglio dei governatori è l'organo preposto alla guida del distretto e, come di seguito indicato, fornisce supporto di carattere amministrativo al multidistretto,

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11.

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11. VERBALE N 2/11 L anno 2011 il giorno 4 del mese di marzo alle ore 12,00 previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalle vigenti norme, nella sede del Conservatorio G. Martucci di Salerno si riunisce

Dettagli

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE sede: Casella Postale N.6 C/O Ufficio Postale Rm 161 Via della Fotografia 107 00142 Roma Mail: orti.urbani.tre.fontane@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Scopo

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI),

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI), Dipartimento federale dell economia, della formazione e della ricerca DEFR Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione CSSI Direttive del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione che

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra:

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un primo vincolo è rappresentato dalla sentenza della Corte Costituzionale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Statuti CAS Sezione Bregaglia

Statuti CAS Sezione Bregaglia Statuti CAS Sezione Bregaglia Art. 1 Costituzione Sotto il nome Club Alpino Svizzero (detto in seguito CAS) Sezione Bregaglia è costituita un associazione retta dal presente statuto e dagli art. 60 e seguenti

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE E DELL ATTIVITÀ DEI VOLONTARI

REGOLAMENTO GENERALE E DELL ATTIVITÀ DEI VOLONTARI REGOLAMENTO GENERALE E DELL ATTIVITÀ DEI VOLONTARI Art. 1 - PRINCIPI GENERALI Il presente regolamento generale e dell attività dei Volontari è derivato dallo statuto dell Associazione ed in particolare

Dettagli

Deliberazione n. 18 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE

Deliberazione n. 18 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Protocollo RC n. 21857/08 Anno 2008 VERBALE N. 9 Deliberazione n. 18 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Seduta Pubblica del 12 febbraio 2008 Presidenza: CORATTI L anno duemilaotto,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

REGOLAMENTO 7 CENSIMENTO I LUOGHI DEL CUORE, 201 4

REGOLAMENTO 7 CENSIMENTO I LUOGHI DEL CUORE, 201 4 REGOLAMENTO 7 CENSIMENTO I LUOGHI DEL CUORE, 201 4 1. Promotori e Obiettivi Il FAI Fondo Ambiente Italiano in partnership con Intesa Sanpaolo SpA, promuove la settima edizione del censimento I Luoghi del

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli