Facendo uno sforzo, abbiamo cercato di comprendere il senso del documento di un altra coccinella possibile e abbiamo capito che chiedono:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Facendo uno sforzo, abbiamo cercato di comprendere il senso del documento di un altra coccinella possibile e abbiamo capito che chiedono:"

Transcript

1 Lo scorso 27 settembre è pervenuto un documento dal gruppo un altra coccinella possibile. Documento politico? Scissione? Un documento che ha fatto da apripista ad una serie di mail fotocopia. Documento e mail che non hanno alcun ancoraggio alla lettura storica e amministrativa di Cambiamo Abbiategrasso, che non hanno alcuna visione politica, e se l avessero sarebbe altra cosa rispetto a quella di Cambiamo Abbiategrasso. Al di là della confusione, peraltro già mostrata nel corso della plenaria del , plenaria in cui i firmatari, alla richiesta di una proposta politica che delineasse in modo chiaro il loro pensiero, non sono stati in grado di articolare un ragionamento che avesse solo la parvenza di un elaborazione politica, oggi si presentano con una raccolta firme per quale scopo? Vogliono forse con venti firme (e poi vedremo di chi) sovvertire il risultato elettorale? Vogliono che i rappresentati eletti nelle istituzioni siano fantocci in mano ad un direttivo come nei partiti? (Proposta di Nicoli, sostenuta da Villa, Marmondi e Oldani). Un direttivo che indichi ciò che l eletto può e deve dire? Facendo uno sforzo, abbiamo cercato di comprendere il senso del documento di un altra coccinella possibile e abbiamo capito che chiedono: 1. condivisione delle decisioni 2. maggiore informazione interna 3. possibilità di esprimere la propria idea 1. Condivisione delle decisioni. Cosa significa condividere le decisioni? Affrontare un argomento conosciuto da tutte le parti interessate alla decisione e poi fare una sintesi. Elemento fondamentale per una decisione condivisa è che tutti gli attori abbiano gli elementi per poter valutare attraverso l acquisizione di informazioni sulle quali fondare il proprio convincimento. L acquisizione delle informazioni si ha attraverso un attività costante di studio delle carte e delle situazioni. Quanti dei firmatari hanno fatto richiesta di visionare i documenti allegati alla convocazione del C.C. di cui viene mandata in tempo reale la convocazione con i punti all Odg alla mailing-list coccinelle? Quanti dei firmatari hanno chiesto di poter approfondire un argomento o si sono offerti per supportare i consiglieri comunali nello studio di specifici argomenti? Risposta: NESSUNO. Strumenti per dare un informato contributo decisionale: NESSUNO.

2 2. Informazione interna. Vengono inviate immediatamente alla mailing-list coccinelle le convocazioni e gli OdG delle commissioni e dei Consigli Comunali, vengono inviate alla mailing list coccinelle gli inviti a tutte le riunioni, vengono inviati (prima dell invio alla stampa) tutti i comunicati. Le interviste sono dichiarazioni personali di cui l intervistato si assume la propria responsabilità. Finiguerra ha dichiarato che l amministrazione Arrara è la peggiore degli ultimi 20 anni? E una legittima e personale valutazione. Al contrario non è una legittima e personale valutazione la dichiarazione della Consigliera Villa che ha dichiarato che Cambiamo Abbiategrasso è favorevole al vigile di quartiere e all'abolizione del turno notturno dei Vigili. Questa non è una valutazione. E una proposta che non è mai stata sul tavolo della discussione. Ma sul punto vediamo che nessuno chiede condivisione. Quanto agli incontri. Finiguerra e Boni hanno sempre informato l intero gruppo di ogni loro movimento. La Consigliera Villa ha incontrato il Sindaco presso la sua azienda senza previamente informare il gruppo dell incontro (figurarsi condividere l opportunità dell incontro soprattutto fuori dagli ambiti istituzionali) né ha relazionato il gruppo su quanto discusso in quella sede. Solo casualmente Finiguerra e Boni sono venuti a conoscenza dell incontro e ad oggi non è dato sapere cosa si siano detti la Consigliera Villa, Carlo Oldani, Monica Negri ed il Sindaco Arrara. La Consigliera Villa ha incontrato il dott. Bignamini, amministratore unico di Amaga, informando il Consigliere Finiguerra mentre si stava recando all incontro e senza relazionare il gruppo né i consiglieri su quanto discusso. Non sono incontri carbonari. Sono incontri avvenuti senza condividere la strategia con il gruppo (neppure quello consiliare). Sono incontri il cui contenuto ad oggi è sconosciuto a tutti. Dimissioni Assessore Colla? La richiesta di dimissioni condivisa con le coccinelle, che l hanno approvata a maggioranza (sono pervenute solo 3 voci dissenzienti), è stata fatta in tempi brevi ed in risposta alla solitudine in cui i cittadini del comitato Pagianunz si sono trovati davanti alla proprietà della S2. Nonché alle aggressioni subite da appartenenti al Gruppo Coccinelle recatisi all area umida durante i lavori e minacciati dai lavoranti che, dopo aver rotto bottiglie di vetro davanti ai loro occhi, li hanno minacciati puntandogliele addosso. Nelle contestazioni il cuscinetto delle istituzioni è una garanzia che ad Abbiategrasso è venuta meno. La richiesta di dimissioni dell assessore Colla è stata determinata non solo dall incapacità e dall assenza dell assessore alla partita ma anche come gesto di solidarietà per quelli che hanno rischiato in prima persona e per coloro che sono stati più volte, anche di recente, identificati dalle forze dell ordine. Vogliamo parlare veramente di informazione interna? Tra i firmatari del documento ci sono: Annalisa Oldani: rappresentante in commissione biblioteca proposta ed eletta con i voti di Cambiamo Abbiategrasso. Non ha mai inviato un report della sua attività in tale organismo. Non ha mai comunicato il calendario. Non ha mai condiviso alcun tipo di decisione. Monica Negri: membro del Consiglio di amministrazione della Casa di Riposo nominata su indicazione di Cambiamo Abbiategrasso. Non ha mai relazionato il gruppo sulla sua attività. Non ha mai inviato una convocazione, un ordine del giorno. Non si è mai confrontata con il gruppo.

3 Davide Landoni: rappresentante nella Azienda Speciale Servizi alla Persona proposto ed eletto con i voti di Cambiamo Abbiategrasso. Idem come sopra. Nessuna notizia è pervenuta al gruppo. Il documento è stato inviato ad Agnese Guerreschi proposta ed eletta nella consulta pari opportunità la quale, alla richiesta di Finiguerra di relazionare al gruppo la sua attività e non solo alla consigliera Villa, ha deciso di dimettersi e di lasciare Cambiamo Abbiategrasso. Carenza di informazione. In plenaria è stato lamentato il fatto che il gruppo, chiamiamolo operativo, non invia periodicamente verbali o relazioni a coloro che non partecipano alle riunioni. Sul punto deve essere chiaro che non avendo il movimento una piattaforma liquid feedback, per capirci stile Movimento 5 stelle, l organo deputato a decidere è l assemblea dove avviene il confronto, la discussione e la sintesi. Dalle rimostranze che alcuni dei sottoscrittori hanno fatto in plenaria è derivata l accusa rivolta al gruppo operativo di decidere senza premurarsi di attendere le considerazioni di coloro che per un motivo o per l altro sono assenti dal gruppo da mesi. Tradotto. Chi si studia le carte, prepara interrogazioni, mozioni, interventi in consiglio comunale, partecipa al consiglio comunale, alle commissioni, alla conferenza dei capigruppo e relaziona nella mailing list ed in plenaria poi deve fermarsi, dare ripetizioni a tutti coloro, tra i firmatari di unaltrococcinellapossibile, che sono stati assenti a tutti questi processi decisionali e attendere che qualcuno di loro si faccia un idea. In pratica, tutti hanno un lavoro ed una famiglia a cui dedicare legittimamente del tempo mentre, a chi è operativo sempre, si chiede anche di colmare le lacune di chi ha dedicato il proprio tempo ad altro. Ovviamente non tenendo conto che tutti noi fortunatamente lavoriamo ed abbiamo una famiglia. E che la giornata è di 24 ore per tutti. 3. Possibilità di esprimere la propria idea. In un gruppo politico le idee si esprimono in fase di discussione. Tutte le idee espresse, quando nei fatti sono solo critica distruttiva, sono solo il segnetto da matitina rossa messo su un compito svolto da altri. Ciò detto, comunque, non vi è stata proposta, mozione, comunicato, interrogazione, materiale informativo, che non sia stato condiviso, anche se per poco tempo (magari a causa di dovere uscire tempestivamente ed essere sul pezzo) con il gruppo coccinelle o con il gruppo di coordinamento. Al contrario, proprio uno dei firmatari, Jacopo Ferrario, ha informato il gruppo solo dopo aver già inviato un comunicato alla stampa, in accordo con la Consigliera Villa. Tra i firmatari che rivendicano il loro ruolo di partecipazione attiva che altri gli avrebbero sottratto troviamo: Francesca Berlinzani. Impegnata durante l anno accademico per un incarico professionale che l ha completamente assorbita tanto da scusarsi più volte per essere da mesi assente e impossibilitata a seguire il gruppo; Marta Carraro. Assente dalle riunioni dal e da discussioni via dal quando con altri ha certificato la morte del gruppo Mulabandha; Matteo Ninni che nello spiegare la sua uscita dal tavolo Mulabandha scriveva in data 11 aprile 2013 di non potere partecipare a plenarie e gruppi ristretti almeno sino a giugno e quindi di non poter dare la propria disponibilità neanche per fare qualche cartolina perché chi deve occuparsi di comunicazione deve essere informato e saper bene cosa sta per comunicare. Noi aggiungiamo che lo stesso ragionamento dovrebbe essere applicato anche quando si deve decidere.

4 William Nicoli. Oltre ad aver dichiarato nella plenaria del 16 settembre che non sta a leggere tutte le di coccinelle non partecipa a riunioni del gruppo a far tempo dalla plenaria del Monica Negri. In data chiedeva di non essere inserita nel coordinamento perché troppo impegnata nel CdA della Casa di Riposo e che la sua attività nel movimento sarebbe stata concentrata su questo impegno. Elena Taschera. Si è fatta cancellare dalla mailig list coccinelle come da report plenaria del ; Roberta Laudi Si è fatta cancellare dalla mailig list coccinelle come da report plenaria del ; Luca Gioiosano. Nella plenaria del ha ammesso di non partecipare da mesi alla vita del movimento per propri impegni personali e il cui ultimo intervento finanche solo per inviare una risale al , mail in cui ringrazia Finiguerra per aver modifico all ultimo istante la mozione sulla fondazione alla luce del dibattito via . Fabio Annibale la cui presenza in plenaria non risulta da almeno il mese di novembre 2012 e suoi interventi via sono sempre stati a favore delle iniziative portate avanti. Laura Andreoni che dichiara nella sua del di essere uscita dalle Coccinelle dal novembre 2012 per ricoprire il ruolo di Presidente di Legambiente. Luca Ceroni, Alessandro Piccone e Davide Landoni che non partecipano alla vita del gruppo da almeno marzo Anna Traini. Mai vista ad alcun incontro e la cui ultima in coccinelle risale al ove dice che non riesce a seguire l enorme lavoro che Cambiamo Abbiategrasso sta facendo così come non riesce a leggere tutte le . Roberta Inverni. Assente dal gruppo da tempo immemorabile. Edoardo Priori ha fatto delle comparse spot dopo le elezioni, ma non ha mai partecipato attivamente alla vita del movimento. Luca Lovotti ammette di essere del PD e sperava che Cambiamo Abbiategrasso portasse la sua forza all interno del locale PD in gessato. Nulla di più lontano dalle motivazioni con cui è nata Cambiamo Abbiategrasso. Da questa disamina oltre a chiedersi come si possa rivendicare un diritto di partecipazione allorquando si esplicita l indisponibilità a partecipare o non si partecipa nei fatti da almeno sei mesi (quando va bene) si evidenzia che tutte le critiche sul modo in cui la discussione interna è avvenuta, sui processi decisionali e, in generale, sulla vita del movimento si fondano sul sentito dire e sul passa parola. Sul sentito dire e sul riferito dei seguenti sottoscrittori del documento: la consigliera Villa, il marito e la figlia Oldani Carlo e Annalisa, i coniugi Fusari- Riunno e Marmondi. Marmondi che, pur essendo stato una delle più attive coccinelle, da luglio non ha più risposto alle di chi stava organizzando l evento sull amianto e che ha abbandonato la plenaria del dicendo che per lui Cambiamo Abbiategrasso era finita. Ed è per questa sua dichiarazione che è gli è stato tolto il ruolo di amministratore della mailing list e del profilo facebook. Carlo Oldani, invece, che non partecipa ad una riunione dal mese di aprile, dopo mesi in cui gli interventi via sono stati solo offese a chi stava lavorando, si è chiamato fuori dissociandosi con la del Non si comprende a che titolo sottoscrivano il documento. Si fa inoltre presente che la consigliera Villa non risponde alle anch essa dai primi di agosto e chiesti chiarimenti nella plenaria del ha risposto che non intende rispondere più.

5 Ci sono Persone attive e presenti alle riunioni e alle discussioni via numerose ed eterogenee che hanno una storia ben diversa da raccontare. E infine la ciliegina sulla torta: Fabrizio Tassi. Le elezioni di maggio 2012 hanno sancito la sua sconfitta politica perché, pur avendo preteso la posizione di capolista (con parere contrario di Finiguerra che per la parità di genere, essendo il candidato sindaco un uomo, riteneva corretto che capolista fosse una donna), non è stato in grado di raccogliere sufficienti consensi da permettergli l ingresso in consiglio comunale nonostante la lista Finiguerra Sindaco fosse la più votata in città (4000 voti, 27%) Il 18 dicembre 2012, seguendo ancora la scia Finiguerra, Tassi ne appoggiava la candidatura al Parlamento Italiano magnificando le sue qualità umane, politiche, amministrative e organizzative. Accadeva, però, che Finiguerra a fine gennaio esplicitasse di non voler accettare la candidatura di capolista al senato offertagli da Antonio Ingoia. E passava poco più di un mese da quella rinuncia che Tassi decideva di sganciarsi da Finiguerra e da Cambiamo Abbiategrasso. Lo faceva il 4 marzo 2013 (un mese dopo) attaccandosi alla scusa di un volantinaggio che Cambiamo Abbiategrasso stava valutando di fare davanti all Annunciata dove si teneva un evento organizzato da Iniziativa Donna e curato dallo stesso Tassi. Volantinaggio che peraltro non è avvenuto proprio per le pressioni di Tassi e di alcuni dei firmatari di questo documento, evidentemente preoccupati più di non guastare i loro rapporti con l assessore Colla piuttosto che denunciare la vergogna bocciodromo. Nel mese di maggio viene resa pubblica a mezzo stampa la prima collaborazione ottenuta da Tassi proprio grazie all assessore Colla. E della scorsa settimana la notizia dell incarico di consulenza dell amministrazione Arrara a Tassi nell ambito di Tabù Festival. E sempre Tassi che sul profilo facebook di Cambiamo Abbiategrasso propone la conta degli aderenti iniziando gli attacchi carichi di livore ed insulti nei confronti di Finiguerra. Oggi interviene sostenendo il documento ( da lui stesso elaborato/ispirato?) proponendosi di fatto come il nuovo leader, sconfitto alle democratiche elezioni, che tenta la via dell acclamazione dispensando pillole di saggezza democratica e lisciate di pelo ai firmatari. ******** Ma veniamo ai fatti che spiegheranno in maniera semplice come sia impossibile intraprendere la strada del dialogo con questa maggioranza. Tutte le proposte presentate dal gruppo Cambiamo Abbiategrasso sono state bocciate per partito preso dalla maggiorana Arrara. Già nella prima seduta del Consiglio Comunale ci sono state negate la vicepresidenza del consiglio comunale (richiesta per Marina Villa, alla luce del fatto che Matarazzo fosse stato votato da PD e PDL) e la presenza nella commissione elettorale (quella che nomina gli scrutatori alle elezioni). L unica mozione presentata da Cambiamo Abbiategrasso votata dalla maggioranza è stata quella sulle coppie di fatto dove Cambiamo Abbiategrasso si è mostrata decisa, determinata, inamovibile, unita e ha attuato un vero e proprio pressing psicologico nel corso della discussione e votazione. Anche se poi è stata una vittoria di Pirro considerato che il registro, ad un anno dall approvazione, non risulta ancora istituito per carenza di

6 regolamento che la maggioranza non intende approvare e quindi non mette all ordine del giorno. Attività Proposte Registro Unioni Civili Approvato ma non istituito per assenza di regolamento più volte sollecitato da Cambiamo Abbiategrasso ma fuori dall agenda politica della maggioranza Mozione contro F35 Bocciata Gioco nei cortili Approvato dopo averlo svuotato di contenuto Emendamenti per maggiore Bocciati incasso dall affitto bocciodromo Emendamenti per combattere il Bocciati gioco d azzardo Mozione per destinare Bocciata ,00 dalla Fondazione per la Promozione dell Abbiatense alle spese sociali Mozione riduzione del 90% Bocciata dell indennità del Presidente del Consiglio Comunale Emendamento per introdurre Bocciato limiti nelle nomine negli enti favorendo il ricambio Proposta alla Provincia di Inserimento Area Umida tra le Bocciata L elenco delle proposte formulate nei 5 minuti ad inizio seduta sarebbe troppo lungo aree da tutelare Mozione per la trasparenza nella gestione della Casa di Riposo Non ammessa Interrogazioni Rispetto del contratto dei Non ha ottenuto risposta lavoratori delle cooperative n. 2 su Amaga Nessuna risposta Incendio località Gabana Messa all odg un mese dopo Rapporti Provera-Fondazione Nessuna risposta -Lazzaroni Stato manutentivo Fiera, Rassicurazioni verbali che tutto è condizioni igieniche e presenza a norma e funzionante (ascensore barriere architettoniche compreso) n. 4 sul Bocciodromo Comunale Nessuna risposta

7 Uniche proposte della maggioranza al di fuori della gestione ordinaria Cittadinanza onoraria ai bambini stranieri nati in Italia Ripresa streaming delle sedute di Consiglio Comunale Votata da Cambiamo Abbiategrasso Votata da Cambiamo Abbiategrasso Il voto favorevole di Cambiamo Abbiategrasso non è venuto meno in tante delibere di ordinaria amministrazione e quando le proposte (purtroppo solo due presentate dalla maggioranza e una congiunta) erano condivisibili e di buon senso. Il voto di astensione è stato invece esercitato quando non si è ritenuto opportuno condividere scelte che, seppur in linea di principio non ci vedevano contrari, erano il frutto di analisi e/o contrattazioni alle quali Cambiamo Abbiategrasso, come forza di opposizione non aveva potuto partecipare, e che impegnavano i Consiglieri in un eventuale responsabilità politica o patrimoniale che non poteva essere assunta considerata l estraneità al processo decisionale. Le proposte per la città ed il cambiamento passano anche attraverso l informazione ai cittadini avvenuta con la stampa di Revolution (cessata per la chiusura del Gruppo Mulabandha), la distribuzione di cartoline informative avvenuta in diverse occasioni non ultima quella sull aumento delle tariffe scolastiche (attività a cui nessuno dei firmatari ha aderito), l organizzazione di serate a tema come quella organizzata in data contro il gioco d azzardo con Angela Fioroni, autrice del libro Le regole del Gioco, ex Sindaco di Pero Lega delle Autonomia e Piero Magri, Direttore del mensile Terre di mezzo Fà la cosa giusta. Serata nel corso della quale sono stati illustrati i diversi strumenti a disposizione dell amministrazione comunale e finanziaria per sconfiggere il gioco d azzardo E la serata del sull amianto. Serata di altissimo livello che ha visto presenti tra gli ospiti Luca Gioanola, Sindaco virtuoso di Mirabello Monferrato, Bruno Pesce, Coordinatore vertenza amianto e associazioni familiari vittime amianto nonché Luigi Ferrando, rappresentante sindacale CGIL CISL UIL nel processo Eternit. Anche in questa occasione molteplici sono state le buone pratiche suggerite all amministrazione comunale per rimuovere e contenere il problema amianto. Interessanti le suggestioni provenienti dal pubblico che, evidentemente rassicurato dalla serietà e dalla competenza degli organizzatori e degli ospiti, ha trovato l interlocutore adatto per raccontare quanto sta accadendo a Magenta attorno alla Novaceta nonché ad Abbiategrasso denunciando pubblicamente l inerzia del sindaco Arrara nel rimuovere la copertura in eternit presente sul capannone delle Grafiche Arrara. Ad entrambe le iniziative suddette non ha partecipato alcun componente della Giunta Arrara. E le proposte continueranno. Tante e di elevato contenuto. A fianco a questo ruolo attivo di proposta per la città, Cambiamo Abbiategrasso non ha perso di vista il suo ruolo di opposizione, che ricordiamo a tutti, è soprattutto controllo e informazione alla cittadinanza su quanto avviene nella casa comunale. Ruolo di opposizione apprezzatissimo in città. Lo dimostrano le numerose segnalazioni e denunce che Cambiamo Abbiategrasso riceve dai cittadini.

8 Non si vuole ripercorrere in questa sede tutta la vicenda bocciodromo che ha fatto emergere quanto sia opaca ed intrisa di familismo amorale questa amministrazione comunale. Troviamo anche abbastanza imbarazzante, ipotizzare una collaborazione con chi ci ha di fatto negato diritti democratici (vedi acceso agli atti secretati). Fin dalla sua nascita Cambiamo Abbiategrasso pur ponendosi come alternativa al sistema Abbiategrasso, si è sempre resa disponibile al confronto. Ma in questi 16 mesi di proposte al confronto da parte della maggioranza Arrara non ne sono pervenute. Anzi, l unica vera proposta di collaborazione l abbiamo avanzata noi sul PGT con l obiettivo di salvare l area umida. Proposta che non ha ricevuta neanche una risposta. Completamente ignorata. Nel mese di Luglio abbiamo proposto alla maggioranza la condivisione della mozione redatta e coordinata dalla Consigliera Boni a tutela del Pagiannunz. Anche in questo caso non vi è stata alcuna risposta così siamo stati costretti a depositarla a nome del gruppo Cambiamo Abbiategrasso e verrà discussa e votata lunedì 30 settembre. Cambiamo Abbiategrasso è nata per restare fuori dalle vecchie logiche di partito e per contrastare le solite cordate. E non era solo uno slogan elettorale. E la sua natura. Auguriamo ad unaltracoccinellapossibile di ritrovare veramente lo spirito e la serenità della campagna elettorale, i sorrisi e l allegria. Perché a giudicare dai toni, dalle offese e dalle accuse gratuite, traspare un livore che ha, quello si, poco a che vedere con il DNA di Cambiamo Abbiategrasso. Cambiamo Abbiategrasso

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; gli articoli 4, 5, 6, 7 dello Statuto regionale del PD dell Umbria; l articolo 12 del Regolamento per l elezione del Segretario e dell

Dettagli

C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA

C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 18 del 18.05.05

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO Art. 1 - Istituzione della Consulta Ai sensi dell art. 80 dello Statuto Comunale e deliberazione del C.C. n 55 del 13/11/2008

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI PREMESSA 1. La Regione Lazio, in attuazione dei principi statutari e al fine della concreta applicazione della Carta europea riveduta di partecipazione

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA I COMMISSIONE CONSILIARE PROGRAMMAZIONE E BILANCIO. Seduta del 20 maggio 2015 Processo verbale n.

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA I COMMISSIONE CONSILIARE PROGRAMMAZIONE E BILANCIO. Seduta del 20 maggio 2015 Processo verbale n. CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA X LEGISLATURA I COMMISSIONE CONSILIARE PROGRAMMAZIONE E BILANCIO Seduta del 20 maggio 2015 Processo verbale n. 15 Il giorno 20 maggio 2015, alle ore 10.00 è convocata

Dettagli

Regolamento Interno del CAE di UniCredit Group

Regolamento Interno del CAE di UniCredit Group Regolamento Interno del CAE di UniCredit Group Il Comitato Aziendale Europeo UniCredit Group (CAE UniCredit Group) nella sua seduta del... ha deliberato, secondo quanto previsto dall Accordo del 26.1.2007

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE. Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS

REGOLAMENTO GENERALE. Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS REGOLAMENTO GENERALE Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS Il Consiglio Direttivo (C.D.) dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta (AS.IT.O.I.) propone il presente regolamento

Dettagli

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA REGOLAMENTO REGIONALE Articolo 1 Finalità Il presente Regolamento Regionale del M.A.S.C.I. della Regione Campania, redatto in attuazione dell'art. 9 dello Statuto Nazionale

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

la Direzione Regionale del PD Puglia riunita a Bari il 4 OTTOBRE 2013, ai sensi dell articolo 4,5,7,8 dello Statuto regionale, approva il seguente

la Direzione Regionale del PD Puglia riunita a Bari il 4 OTTOBRE 2013, ai sensi dell articolo 4,5,7,8 dello Statuto regionale, approva il seguente Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; l articolo 4, 5, 7, 8 dello Statuto regionale del PD Puglia; il regolamento Elettorale dei circoli, delle Unioni cittadine e provinciali.

Dettagli

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 23.01.2015 Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

Parte I. Votazione delle delibere dell Assemblea Paritetica (Art. 15 dello Statuto)

Parte I. Votazione delle delibere dell Assemblea Paritetica (Art. 15 dello Statuto) REGOLAMENTO ELETTORALE PER LE VOTAZIONI DELLE DELIBERE DELL ASSEMBLEA PARITETICA, PER LE ELEZIONI, LA NOMINA E LA REVOCA DEI COMPONENTI L ASSEMBLEA DEI DELEGATI, IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ED IL COLLEGIO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA Art. 1 - FUNZIONI e ATTIVITA del COMITATO Il Comitato Consultivo Misto (in sigla CCM), dell Azienda

Dettagli

STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA

STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA 1 STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA COSTITUZIONE E SCOPI Art. 1 La Federconsumatori di Pavia ha sede a Pavia in via G.Cavallini 9 Art. 2 La Federconsumatori di Pavia è una Associazione senza fini

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari Art. 1 Istituzione 1. Il Comune di Bari istituisce la Consulta comunale degli Studenti Universitari della Città di Bari,

Dettagli

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1.

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1. CONSIGLIO COMUNALE DEL 29.11.2012 Interventi dei Sigg. consiglieri Regolamento di polizia mortuaria. Modifiche ed integrazioni. Approvazione nuovo testo coordinato con le modifiche. Passiamo al sesto punto:

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI.

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. N. 21 in data 21 aprile 2009 OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. Introduce l argomento il Sindaco, evidenziando che all O.D.G.

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Art. 1 Denominazione Sede - Durata E costituita l Associazione di volontariato denominata Unione Samaritana ONLUS, con sede in Milano piazza Ospedale Maggiore 3, presso l Azienda

Dettagli

Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI

Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Istituzione della Consulta La Consulta Provinciale delle studentesse e degli studenti

Dettagli

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI COMMISSIONE CONSILIARE III Sanità e Assistenza Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI Argomento n. 4 all ordine del giorno: ITR N. 3113 Bando per l'accesso alla "Dote

Dettagli

Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo

Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo Articolo 1 - Costituzione E costituita l associazione Genitori del 2 Circo lo. Essa ha struttura democratica ed è indipendente da

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE. R.S.A.-R.A. per anziani. San Romualdo GESTIONE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE. R.S.A.-R.A. per anziani. San Romualdo GESTIONE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE R.S.A.-R.A. per anziani San Romualdo GESTIONE REGOLAMENTO ORGANO DI RAPPRESENTANZA DEGLI OSPITI E DEI LORO FAMILIARI Sommario ART. 1 - COSTITUZIONE DEGLI ORGANISMI DI

Dettagli

Associazione di Volontariato ARCI 690.

Associazione di Volontariato ARCI 690. STATUTO Art 1 E costituita con sede in Cascina, presso i locali della Pubblica Assistenza, Via Comaschi, 46 un Associazione di Volontariato che assume la denominazione di Associazione di Volontariato ARCI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Approvato con delibera del CdZ4 N.127 del 09/05/2013 Parte prima PRINCIPI GENERALI Art. 1 PREMESSA Il presente regolamento definisce le finalità,

Dettagli

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Approvato con deliberazione del

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

Regolamento del Rotary Club di Chivasso

Regolamento del Rotary Club di Chivasso Regolamento del Rotary Club di Chivasso Art. 1 Consiglio direttivo L organo amministrativo di questo club è il Consiglio Direttivo, composto da soci del club, e cioè consiglieri eletti ai sensi dell art.

Dettagli

DISTRETTO 2120 ROTARY CLUB LECCE SUD

DISTRETTO 2120 ROTARY CLUB LECCE SUD DISTRETTO 2120 ROTARY CLUB LECCE SUD REGOLAMENTO DEL ROTARY CLUB LECCE SUD tratto dal Manuale di Procedura 2007 ed approvato dall assemblea dei soci il 19 novembre 2009 Articolo 1 - Definizioni 1. Consiglio:

Dettagli

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 17.09.2012 INDICE Art.

Dettagli

COMUNE DI LONDA Provincia di Firenze REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI LONDA Provincia di Firenze REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N. 35 del 29.04.2010 1 INDICE ART. 1: Oggetto del regolamento ART. 2: Valorizzazione della partecipazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (modificato con delibera di C.C. n. 77 del 26.10.2015) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 PRINCIPI L Amministrazione

Dettagli

Comune di Barlassina

Comune di Barlassina Comune di Barlassina Provincia di Monza e Brianza VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE N 39 del 13/09/2010 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAL GRUPPO CONSILIARE "IL POPOLO DELLA LIBERTA'

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE E DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI ANCI LOMBARDIA

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE E DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI ANCI LOMBARDIA REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE E DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI ANCI LOMBARDIA (approvato in data 4 luglio 2014 dal Consiglio Direttivo Regionale) Art. 1 Organo elettivo 1) Spetta all Assemblea

Dettagli

ASSEMBLEA STRAORDINARIA ANNUALE COLLEGIO dei MAESTRI DI SCI

ASSEMBLEA STRAORDINARIA ANNUALE COLLEGIO dei MAESTRI DI SCI ASSEMBLEA STRAORDINARIA ANNUALE COLLEGIO dei MAESTRI DI SCI DELLA REGIONE LOMBARDIA Lecco- 27 maggio 2006 Oggi 27 maggio 2006 in Lecco, presso la sala del Palazzo del Commercio che si ringrazia per la

Dettagli

Gennaio 2012 Ottobre 2012 RELAZIONE DI FEEDBACK

Gennaio 2012 Ottobre 2012 RELAZIONE DI FEEDBACK Gennaio 2012 Ottobre 2012 RELAZIONE DI FEEDBACK COME OPERIAMO A - Art.4 Non Statuto: RAVENNA il movimento 5 stelle non è un partito politico né si intende che lo diventi in futuro. Esso vuole essere testimone

Dettagli

C O M U N E D I M O N T E V A G O PROVINCIA DI AGRIGENTO

C O M U N E D I M O N T E V A G O PROVINCIA DI AGRIGENTO Città Termale C O M U N E D I M O N T E V A G O PROVINCIA DI AGRIGENTO Originale di Deliberazione del Consiglio Comunale N 79 del Registro Delibere Data 06.11.2009 OGGETTO: Parco Eolico ed energie alternative.

Dettagli

REGOLAMENTO COLLEGIO DOCENTI

REGOLAMENTO COLLEGIO DOCENTI Bozza REGOLAMENTO COLLEGIO DOCENTI Art.1 Composizione Il Collegio è composto da tutti i docenti in servizio a tempo determinato ed indeterminato alla data della riunione e dal Dirigente Scolastico che

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO

REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO l art. 10, comma 3, lettera a) del T.U. 16/4/94, n. 297; VISTI gli artt. 8 e 9 del DPR 8/3/99, n. 275; VISTO il D.I. 01/02/2001, n.44; VALUTATA l opportunità

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO. I Sig.ri, le cui firme compaiono nell'allegato A del presente atto costitutivo. dichiarano

ATTO COSTITUTIVO. I Sig.ri, le cui firme compaiono nell'allegato A del presente atto costitutivo. dichiarano ATTO COSTITUTIVO I Sig.ri, le cui firme compaiono nell'allegato A del presente atto costitutivo dichiarano di voler costituire un associazione politico-culturale denominata «PALOMAR» che avrà la sua sede

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI VALLE DEL SOSIO

UNIONE DEI COMUNI VALLE DEL SOSIO UNIONE DEI COMUNI VALLE DEL SOSIO Provincia di Palermo ********** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELL ASSEMBLEA N. 07 DEL 26/04/2011 PRESA ATTO SURROGA DEL CONSIGLIERE DIMISSIONARIO VETRANO OGGETTO: VINCENZO,

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ DI BENEVENTO REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Titolo I Principi generali Art. 1 Il Forum della Gioventù della Provincia di Benevento è un organismo di partecipazione, rappresentanza

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO MOVIMENTO 5 STELLE CASTELFIDARDO

REGOLAMENTO GRUPPO MOVIMENTO 5 STELLE CASTELFIDARDO REGOLAMENTO GRUPPO MOVIMENTO 5 STELLE CASTELFIDARDO Premessa Il presente regolamento definisce le regole di funzionamento del Gruppo Movimento 5 Stelle CASTELFIDARDO (in breve M5S CASTELFIDARDO), ed è

Dettagli

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA ITALIANA DI CONIGLICOLTURA

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA ITALIANA DI CONIGLICOLTURA ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA ITALIANA DI CONIGLICOLTURA STATUTO DENOMINAZIONE SEDE - SCOPO Art. 1 Denominazione È costituita, senza scopo di lucro o finalità politiche, l Associazione denominata: "ASSOCIAZIONE

Dettagli

CENTRO ANZIANI DI PORCIA

CENTRO ANZIANI DI PORCIA Centro anziani di Porcia Associazione di volontariato O.N.L.U.S Iscritto al n 930 del Registro del Volontariato F.V.G Decreto iscrizione n. 1574 del 23.04.2015 Via delle Risorgive, 3-33080 Porcia (PN)

Dettagli

Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI

Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI Approvato dall Assemblea provinciale il 13 giugno 2011 1 REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER

Dettagli

STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011. A.I.C.C.R.E. Associazione dei Comuni e delle Regioni d Europa EMILIA-ROMAGNA

STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011. A.I.C.C.R.E. Associazione dei Comuni e delle Regioni d Europa EMILIA-ROMAGNA Associazione Italiana del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d Europa Federazione dell Emilia-Romagna STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011 A.I.C.C.R.E. Associazione

Dettagli

STATUTO FORUM DEI GIOVANI

STATUTO FORUM DEI GIOVANI STATUTO FORUM DEI GIOVANI ART.1 ADOZIONE DELLO STATUTO L Amministrazione Comunale di Osimo, con deliberazione del Consiglio Comunale del 3.8.2011, riconosciute: - l importanza di coinvolgere i giovani

Dettagli

Presidente Ringrazio il consigliere Beretta. Ha chiesto la parola la consigliera Cercelletta, ne ha facoltà.

Presidente Ringrazio il consigliere Beretta. Ha chiesto la parola la consigliera Cercelletta, ne ha facoltà. CONSIGLIO COMUNALE DEL 16.12.2013 Interventi dei Sigg.ri Consiglieri Sistema Bibliotecario dell Area Metropolitana di Torino, Area Ovest (SBAM Ovest) Approvazione della bozza di convenzione e della bozza

Dettagli

Comune di Paduli Provincia di Benevento

Comune di Paduli Provincia di Benevento Comune di Paduli Provincia di Benevento Regolamento di funzionamento del Forum dei giovani di Paduli (BN) per la partecipazione giovanile, in attuazione della carta europea della partecipazione dei giovani

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1

STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1 STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio delle ragazze e dei ragazzi di Spinea. Le

Dettagli

Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6

Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6 giunta regionale Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6 FAC SIMILE DI STATUTO DI ASSOCIAZIONE Nota bene: il presente fac-simile è indicativo e può essere adattato alle specifiche esigenze

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO Art. 1 Istituzione ed impegni dell Amministrazione Comunale Il Consiglio Comunale di Santa Maria a Vico, riconosciuta

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

STATUTO ALLEGATO A. È costituita l Associazione culturale senza fini di lucro denominata ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SMS BIBLIO PISA

STATUTO ALLEGATO A. È costituita l Associazione culturale senza fini di lucro denominata ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SMS BIBLIO PISA Art. 1. Denominazione STATUTO ALLEGATO A È costituita l Associazione culturale senza fini di lucro denominata ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SMS BIBLIO PISA Art. 2. Sede L Associazione ha sede legale in Pisa

Dettagli

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n.

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10 Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. 461019 Capitale Sociale di Euro 43.797.505 i.v. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con delibera consiliare n. 91 del 19 dicembre 2006 Comune di Prata di Pordenone Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE - Approvato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 28 aprile 1992 - Modificato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 29 aprile 1993 - Modificato dal Comitato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI. Parte I

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI. Parte I 1 REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL SEGRETARIO E ASSEMBLEA DELLA FEDERAZIONE, E DEI SEGRETARI E DEI COMITATI DIRETTIVI DEI CIRCOLI DELLA CITTA DI ROMA E DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI Parte

Dettagli

COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI. Art. 1 Istituzione

COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI. Art. 1 Istituzione COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI Art. 1 Istituzione Il Forum giovanile, previsto dall art. 15 bis dello Statuto comunale, è strumento di autorappresentanza e di partecipazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE REGIONALE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O RELAZIONALE ANFFAS LOMBARDIA - ONLUS

ASSOCIAZIONE REGIONALE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O RELAZIONALE ANFFAS LOMBARDIA - ONLUS ASSOCIAZIONE REGIONALE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O RELAZIONALE ANFFAS LOMBARDIA - ONLUS Sede Legale e Operativa: Via Livigno, 2 20158 MILANO e-mail: info@anffaslombardia.it Codice

Dettagli

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n 17 del 30 marzo 2007 NORME

Dettagli

CIRCOLO LEGAMBIENTE REGIONE VALLE D AOSTA ADERENTE ALLA FEDERAZIONE LEGAMBIENTE VOLONTARIATO STATUTO

CIRCOLO LEGAMBIENTE REGIONE VALLE D AOSTA ADERENTE ALLA FEDERAZIONE LEGAMBIENTE VOLONTARIATO STATUTO CIRCOLO LEGAMBIENTE REGIONE VALLE D AOSTA ADERENTE ALLA FEDERAZIONE LEGAMBIENTE VOLONTARIATO Art. 1 STATUTO Il circolo Legambiente della Valle d Aosta è costituito ad Aosta, con sede in via delle Betulle

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI PASIAN DI PRATO (Approvato con delibera C.C. n. 90 del 29.11.2003, modificato con

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA Costituzione e denominazione dell Associazione art. 1 E costituita una Associazione scientifico-culturale

Dettagli

RELAZIONE DEL TESORIERE

RELAZIONE DEL TESORIERE RELAZIONE DEL TESORIERE Carissimi colleghi, nel bilancio preventivo che vi abbiamo presentato nel marzo dello scorso anno, abbiamo ipotizzato che il bilancio che ci accingiamo ad approvare, relativo al

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI FLUMINIMAGGIORE PROVINCIA DI Carbonia Iglesias REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del INDICE Art. 1 Principi ispiratori Art. 2

Dettagli

STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO DALMINE

STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO DALMINE STATUTO DEL ART. 1 COSTITUZIONE ******* 1.1. E costituita un associazione senza scopo di lucro denominata. 1.2. L associazione è apartitica ed apolitica. 1.3. L associazione ha sede in DALMINE (BG), via

Dettagli

Congresso - Il Regolamento per la partecipazione al voto degli italiani all estero

Congresso - Il Regolamento per la partecipazione al voto degli italiani all estero Congresso - Il Regolamento per la partecipazione al voto degli italiani all estero Delibera n. La Commissione nazionale, riunita il giorno 08 ottobre 2013, - visto l art.10 dello Statuto nazionale; - in

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo.

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo. REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Art.1 Finalità 1. Allo scopo di promuovere i diritti, accrescere le opportunità e favorire una idonea crescita socio-culturale dei ragazzi, nella piena consapevolezza

Dettagli

Comitato Genitori P. Carcano

Comitato Genitori P. Carcano VERBALE N. 3 del 23 - Ottobre - 2014 ASSEMBLEA DEL DIRETTIVO In data 23 Ottobre 2014, alle ore 18.00 presso la sede del Comitato Genitori P. Carcano, sita in via Castelnuovo, 5 22100 Como si è riunita

Dettagli

ASSOCIAZIONE DAR VOCE

ASSOCIAZIONE DAR VOCE ASSOCIAZIONE DAR VOCE Regolamento attuativo dello statuto Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento contiene le disposizioni attuative di alcune previsioni dello Statuto della Associazione

Dettagli

Statuto della E.MAlumni Association

Statuto della E.MAlumni Association STATUTO DELLA E.MALUMNI ASSOCIATION ASSOCIAZIONE DEGLI ALUNNI DEL MASTER EUROPEO IN DIRITTI UMANI E DEMOCRATIZZAZIONE Preambolo Noi, Alunni del Master Europeo in Diritti Umani e Democratizzazione, Aspirando

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA Premessa Il Comune di Colonna istituisce il "Consiglio Comunale dei Ragazzi" (CCR), come previsto dall'art. 5 Bis dello Statuto Comunale

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DELL ASSOCIAZIONE GIRO GIRO TONDO ONLUS ATTO REGISTRATO PRESSO L'AGENZIA DELLE ENTRATE DI ROMA 7 IL 12.01.

ATTO COSTITUTIVO DELL ASSOCIAZIONE GIRO GIRO TONDO ONLUS ATTO REGISTRATO PRESSO L'AGENZIA DELLE ENTRATE DI ROMA 7 IL 12.01. ATTO COSTITUTIVO DELL ASSOCIAZIONE GIRO GIRO TONDO ONLUS ATTO REGISTRATO PRESSO L'AGENZIA DELLE ENTRATE DI ROMA 7 IL 12.01.2010 CON IL N 162 In Grottaferrata (Roma), si sono riuniti il giorno 18 Dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI. Art. 1 Istituzione.. Art. 2 Attribuzioni.. CAPO II ORGANI DELLA

Dettagli

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo REGIONE LOMBARDIA 38 Con la nascita del CCV-Lombardia, il volontariato PC della Regione compie un importante salto di qualità,

Dettagli

STATUTO del CIFA Onlus Centro Internazionale per l Infanzia e la Famiglia

STATUTO del CIFA Onlus Centro Internazionale per l Infanzia e la Famiglia STATUTO del CIFA Onlus Centro Internazionale per l Infanzia e la Famiglia ART. 1 É costituita una Associazione denominata C.I.F.A. ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L INFANZIA E LA FAMIGLIA, abbreviabile

Dettagli

TITOLO K ORGANI COLLEGIALI. Art. K 1. Competenze e composizione. Art. K 2. Calendario delle riunioni

TITOLO K ORGANI COLLEGIALI. Art. K 1. Competenze e composizione. Art. K 2. Calendario delle riunioni TITOLO K ORGANI COLLEGIALI I - COLLEGIO DOCENTI Art. K 1. Competenze e composizione Il Collegio docenti ha le competenze ad esso attribuite dalla legge (D.l.vo n. 297/1994 e successive modificazioni).

Dettagli

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA CONVOCAZIONE ASSEMBLEA Con la presente si convoca l assemblea generale dei lavoratori per il giorno / / alle ore : presso la sede legale dell azienda sita in Via n a ( ) per discutere e re in merito ai

Dettagli

ALLEGATO "C" DELLA RACCOLTA N.18826 STATUTO DELL ENTE BILATERALE NAZIONALE

ALLEGATO C DELLA RACCOLTA N.18826 STATUTO DELL ENTE BILATERALE NAZIONALE ALLEGATO "C" DELLA RACCOLTA N.18826 STATUTO DELL ENTE BILATERALE NAZIONALE Art. 1 Costituzione, denominazione e Soci Fondatori 1. In ottemperanza a quanto disposto dall art. 3 del Contratto Collettivo

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Introduzione Che cos è il Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)? Si tratta di uno degli istituti di partecipazione all amministrazione

Dettagli

COMUNE DI SINALUNGA PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONISMO DEL COMUNE DI SINALUNGA

COMUNE DI SINALUNGA PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONISMO DEL COMUNE DI SINALUNGA COMUNE DI SINALUNGA PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONISMO DEL COMUNE DI SINALUNGA approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.31 del 30.04.2015 1 Sommario TITOLO I ALBO COMUNALE

Dettagli

Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA. Al SINDACO del Comune di SOLOPACA. Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA

Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA. Al SINDACO del Comune di SOLOPACA. Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA Al SINDACO del Comune di SOLOPACA Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA OGGETTO: INTERROGAZIONE" Ai sensi degli artt. 43 del D.Lgs. 267/2000 e 40

Dettagli

Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE. 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL

Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE. 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA CONSULTA DEL VOLONTARIATO VIADANESE Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL VOLONTARIATO VIADANESE. 2. L attività dell Associazione

Dettagli

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Ordine del Giorno 1. Designazione scrutatori; 2. Relazione previsionale e programmatica 2013 2015. Bilancio di Previsione 2013. Bilancio

Dettagli

Comune di Tradate Verbale del Consiglio Comunale

Comune di Tradate Verbale del Consiglio Comunale N 18 Registro Deliberazioni Comune di Tradate Verbale del Consiglio Comunale Oggetto: Adesione ai principi e alle indicazioni della convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità per la programmazione

Dettagli

STATUTO FEDERAZIONE COORDINAMENTI DI VOLONTARIATO SICILIANO (VOL.SI.)

STATUTO FEDERAZIONE COORDINAMENTI DI VOLONTARIATO SICILIANO (VOL.SI.) STATUTO FEDERAZIONE COORDINAMENTI DI VOLONTARIATO SICILIANO (VOL.SI.) Articolo 1 (Costituzione Denominazione Sede) 1. È costituita la Federazione Coordinamenti di Volontariato Siciliano, in breve VOL.SI.,

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Via Arenula 69/70-00186 ROMA - tel. 06 68852036 - fax 06 6869555 www.uidag.it - giustizia@uilpa.it AUDIZIONE PARLAMENTARE DISEGNO DI LEGGE C. 1248 Innanzitutto

Dettagli

STATUTO G.F. IL CUPOLONE DLF-BFI. Approvato Dall Assemblea dei soci in data

STATUTO G.F. IL CUPOLONE DLF-BFI. Approvato Dall Assemblea dei soci in data STATUTO G.F. IL CUPOLONE DLF-BFI Approvato Dall Assemblea dei soci in data 29-05 - 2008 Art. 1 Costituzione e denominazione 1. E costituita in Firenze nel 1961, una associazione denominata Gruppo Fotografico

Dettagli