Monitoraggio energetico di un impianto geotermico

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Monitoraggio energetico di un impianto geotermico"

Transcript

1 RICERCA Monitoraggio energetico di un impianto geotermico 1 L edificio della società Sero Pumpe System presso la quale è stato installato e reso operativo l impianto testato dalla società MVV Energie nell ambito del programma Erdgas GWP. I risultati del programma intrapreso dell associazione tedesca dei distributori del gas naturale per la misura in campo delle prestazioni energetiche delle pompe di calore ad assorbimento geotermiche. Massimo Ghisleni Il test GWP 24, facente parte della campagna di prove organizzata dall associazione tedesca, Erdgas è stato effettuato presso un nuovo fabbricato destinato ad uso commerciale di proprietà della società Sero Pump Systems di Meckesheim (figura 1). La centrale termica è stata realizzata con una pompa di calore geotermica ad assorbimento con ciclo frigorifero acquaammoniaca da 37 kw (figura 2). La pompa di calore è stata scelta idonea a lavorare a temperature medio alte, in quanto il fluido termovettore doveva raggiungere temperature massime prossime ai 70 C, per alimentare un sistema di riscaldamento ad aria canalizzata per il magazzino. Per assicurare la corretta temperatura di mandata del fluido termovettore al sottosistema d immissione a irraggiamento, si è utilizzato un opportuno sistema di miscelazione gestito in curva climatica. Attraverso la pompa di calore vengono riscaldati 480 m 2 destinati ad uso ufficio mediante pavimenti radianti, mentre attraverso un sistema di diffusione dell aria calda canalizzato vengono riscaldati con il medesimo sottosistema di generazione anche i 770 m 2 dei magazzini. Un sistema di pannelli solari termici piani, aiuta la pompa di calore riscaldando il fluido termovettore freddo utilizzato nel circuito sonde geotermiche. Il preriscaldo del fluido termovettore freddo è attivo ed efficace in tutti i mesi della stagione invernale, ma ottiene i migliori risultati nella parte centrale della stagione, quando per un numero maggiore di ore smette di alimentare direttamente l impianto pannelli a pavimento. Nelle ore più calde e ad elevata radiazione, il sistema di captazione dell energia solare è invece posto a supporto diretto dell impianto di riscaldamento degli uffici. Tale servizio diretto s intensifica e massimizza nei mesi più miti (ottobre, novembre, marzo e aprile) quando l energia solare per un numero maggiore di ore, riesce ad alimentare il circuito con temperature sufficienti alle necessità (figura 3). I pannelli solari in estate sono anche utilizzati per effettuare la ricarica del terreno dopo lo sfruttamento inver- 78

2 nale dello stesso, allo scopo di mantenere neutro l impatto ambientale del sistema di climatizzazione. Una sonda di temperatura, posta in prossimità degli attacchi di uscita del fluido termovettore solare dai pannelli, permette al sistema di gestione (PLC SOL) di sapere se l energia solare è sfruttabile a temperature sufficienti all utilizzo nel sottosistema d immissione ad irraggiamento (SIBT) e, in tal caso, attivando opportunamente una valvola deviatrice (VD), fa in modo che la pompa a portata variabile del circuito pannelli solari (PC- SOL) prelevi il fluido termovettore dalla tubazione di ritorno dai pannelli radianti a pavimento, immettendolo riscaldato sulla stessa tubazione a monte della valvola miscelatrice a tre vie del sottosistema d immissione. Nel caso in cui la sonda di cui sopra rilevi temperature troppo basse per l utilizzo diretto, verrà azionata la valvola deviatrice (VD), facendo in modo che il fluido termovettore solare venga posto in comunicazione con il fluido termovettore geotermico uscente dall evaporatore della pompa di calore. Un apposito sistema di sonde e valvola miscelatrice a tre vie, assicura che la temperatura d invio del fluido termovettore agli scambiatori di calore geotermici, non superi mai determinati valori critici per il materiale plastico con cui sono realizzati. Una caldaia a condensazione da 40 kw (CGB nello schema di figura 3), inserita in impianto per aiutare la pompa di calore, è collegata in parallelo sull impianto secondario a valle del serbatoio inerziale. Il vaso inerziale a tre attacchi avente volume di 600 L, è stato previsto per immagazzinare l eventuale energia prodotta in più dalla pompa di calore e gestire al meglio le condizioni di carico parziale del sottosistema di generazione. La caldaia viene gestita da elettronica definita dalla società che 2 Immagine della pompa di calore geotermica ad assorbimento alimentata a gas, installata e testata da MVV Energie. 3 Schema di principio semplificato del sottosistema di generazione a pompa di calore geotermica ad assorbimento dell'impianto Sero Pump System. 79

3 Tab. 1 - Dati della prima stagione di monitoraggio del sistema, relativi ai consumi di energia primaria non rinnovabile e alla quantità di energia termica prodotta dalla pompa di calore e dalla caldaia. ( C) Q h,gahp (kwh) Q h,cald (kwh) E p,gas (kwh) E el,sist (kwh) E p,el (kwh) E p,nren (kwh) 10/2010 8, ,94 0, ,50 242,76 606, ,40 11/2010 6,8 7016,79 1, ,14 334,40 836, ,14 12/2010-0, ,36 0, ,19 478, , ,99 01/2011 2, ,04 0, ,85 467, , ,60 02/2011 3, ,31 0, ,56 402, , ,11 03/2011 7,5 6561,89 0, ,41 337,84 844, ,01 04/ ,2 1271,86 0,56 971,33 175,10 437, ,08 Tab. 2 - Dati della seconda stagione di monitoraggio del sistema, relativi ai consumi di energia primaria non rinnovabile e alla quantità di energia termica prodotta dalla pompa di calore e dalla caldaia. ( C) Q h,gahp (kwh) Q h,cald (kwh) E p,gas (kwh) E el,sist (kwh) E p,el (kwh) E p,nren (kwh) 10/ , ,63 59, ,14 264,42 661, ,19 11/2011 5, ,73 87, ,46 366,76 916, ,36 12/2011 5, ,54 87, ,20 432, , ,55 01/2012 5, ,79 113, ,14 334,24 835, ,74 02/2012 0, ,48 133, ,91 359,06 897, ,56 03/2012 8, ,6 98, ,11 284,06 710, ,26 04/ , ,97 119, ,01 266,12 665, ,31 ha realizzato l impianto. Tale soluzione di regolazione non risulta essere comunque ottimale o quantomeno quella consigliata dal costruttore della pompa di calore, il quale generalmente offre anche le schede elettroniche per gestire razionalmente le caldaie di terze parti e, gradisce il collegamento sul circuito primario a monte del serbatoio inerziale. Quattro sistemi di misurazione dell energia termica utilizzata, consentono il monitoraggio delle prestazioni del sistema: il contatore Adresse 1 misura l energia termica erogata dalla caldaia a condensazione; il contatore Adresse 2 misura l energia termica erogata dalla pompa di calore; il contatore Adresse 3 misura l energia termica di origine solare captata dai pannelli ed inviata all impianto di riscaldamento; il contatore Adresse 4 misura l energia termica prelevata dal terreno. I consumi di energia elettrica e di gas sono stati contabilizzati nel loro complesso, senza differenziare i singoli generatori. Il sistema di scambio termico con il terreno è realizzato con quattro scambiatori di calore geotermici verticali aventi profondità di 80 m e sviluppo complessivo di 320 m. Gli scambiatori sono progettati per lavorare solo in funzione climatizzazione invernale, cioè senza ricarica termica estiva del terreno da parte della pompa di calore. Gli scambiatori di calore, posati in terreno sostanzialmente limoso e argilloso, sono realizzati in doppia U in polietilene alta densità PEX-A. Viste le temperature del suolo prossime ai 4 C 7 C, le temperature del fluido termovettore freddo si è ritenuto necessario mantenerle a valori prossimi a -3 C in ingresso e 0 C in uscita dalle sonde, additivando l acqua del circuito con glicole etilenico inibito. In queste condizioni, le prestazioni attese dalla pompa di calore sono pari al GUE = 1,493 alle condizioni B0/W50 (corrispondente ad un COP elettrico di 3,7) e al GUE = 1,080 alle condizioni B0/W70 (corrispondente ad un COP elettrico di 2,7). Si tenga conto che, a parità di prestazioni energetiche, ottenendo cioè il medesimo indice di prestazione energetica dell edificio, la pompa di calore ad assorbimento geotermica preleva meno energia dal terreno rispetto ad una paritetica pompa di calore a compressione di vapore, provocando un impatto ambientale termico nel sottosuolo nettamente inferiore. Inoltre, essendo minore la quantità di energia prelavata dal sottosuolo, si è potuto ridurre a metà le sonde geotermiche richieste per una normale pompa di calore geotermica elettrica, rendendo l investimento economico interessante e alla portata dell utente finale. E utile segnalare che nel caso specifico, volendo impiegare 80

4 Tab. 3 - Dati della prima stagione di monitoraggio del sistema, relativi all utilizzo di energia primaria rinnovabile geotermica mediante il funzionamento della pompa di calore e, solare termica direttamente sull impianto di riscaldamento ad irraggiamento. ( C) E g,gahp (kwh) QR g (%) E sol (kwh) E ren,tot (kwh) QR tot (%) 10/2010 8,79 890,99 24,67 995, ,94 11/2010 6,8 1673,36 23, , ,43 12/2010-0,6 2914,23 22, , ,30 01/2011 2,0 3092,87 24, , ,42 02/2011 3,7 2625,58 25, , ,99 03/2011 7,5 1579,53 24, , ,43 04/ ,2 283,64 22,30 557, ,96 Tab. 4 - Dati della seconda stagione di monitoraggio del sistema, relativi all utilizzo di energia primaria rinnovabile geotermica mediante il funzionamento della pompa di calore e, solare termica direttamente sull impianto di riscaldamento ad irraggiamento. ( C) E g,gahp (kwh) QR g (%) E sol (kwh) E ren,tot (kwh) QR tot (%) 10/ ,51 618,50 27,29 180,76 799,26 35,26 11/2011 5, ,60 26, , ,29 42,98 12/2011 5, ,84 24, , ,47 41,09 01/2012 5, ,46 25, , ,80 42,31 02/2012 0, ,97 24, , ,83 41,12 03/2012 8, ,83 25,99 748, ,34 42,20 04/ ,74 940,53 26,16 594, ,41 42,71 generazione. Tra i due anni, nonostante le differenze climatiche vedano il secondo anno meno rigido del primo, esistono differenze in controtendenza nel regime di utilizzo della caldaia. Infatti si nota come, pur mantenendo saturato il funzionamento della pompa di calore, la caldaia durante il secondo anno di rilievi è stata maggiormente utilizzata. Si sono individuate in seguito alcune problematiche nel sistema di gestione della caldaia, che hanno richiesto la rivisitazione delle logiche di gestione del generatore tradizionale. Nelle tabelle citate le ultime quattro colonne riportano i consumi rispetto ai due vettori energetici utilizzati: il gas per la generazione termica e l energia elettrica utilizzata per alimentare gli ausiliari di impianto. Le ultime quattro colonne infatti riportano rispettivamente l energia primaria dovuta al consumo di gas naturale, l energia eletuna paritetica pompa di calore a compressione di vapore azionata elettricamente, si sarebbero dovuti installare circa 650 metri di scambiatori di calore geotermici verticali. Utilizzando la tecnologia ad assorbimento, si è potuto impiegare il gas naturale molto ben distribuito sul territorio, senza dover richiedere particolari allacciamenti e senza dover aumentare l impegno elettrico della struttura. I vantaggi della tecnologia GAHP descritti rispetto al caso analizzato, mettono in evidenza i principali punti d interesse delle pompe di calore a gas per i fornitori d energia ed i gestori calore come la società MVV Energie, la quale nel caso specifico ha eseguito l operazione d installazione e monitoraggio. I risultati delle misure effettuate Durante le stagioni invernali e , si è mantenuto monitora- to il sottosistema di generazione geotermico. Di seguito sono riportate le tabelle dati salienti delle due stagioni di verifica e i grafici con i bilanci energetici complessivi della struttura. Nelle tabelle 1 e 2 si riportano i bilanci tra energia termica ed energia primaria non rinnovabile del sistema monitorato. Nelle tabelle menzionate le prime quattro colonne riportano rispettivamente il mese di rilevamento, la temperatura media dell aria esterna rilevata presso l impianto, l energia termica consegnata dalla pompa di calore ad assorbimento e l energia termica consegnata dalla caldaia a condensazione. Dai dati mostrati si nota come la quasi totalità dell energia termica consegnata al sottosistema di distribuzione sia dovuta al funzionamento della pompa di calore, la quale correttamente viene utilizzata come generatore principale del sottosistema di 81

5 Tab. 5 - Dati della prima stagione di monitoraggio del sistema, le efficienze rilevate. Mese Ore θ w,gn ( C) θ w,in,gahp ( C) θ w,out,bhe ( C) GUE gahp (W/W) REP gahp (W/W) GUΕ sist (W/W) REP sist (W/W) 10/ , ,37 1,33 1,37 1,11 11/ , ,36 1,31 1,36 1,17 12/ , ,35 1,28 1,35 1,20 01/ , ,39 1,33 1,39 1,23 02/ , ,39 1,34 1,39 1,23 03/ , ,37 1,32 1,37 1,16 04/ , ,31 1,29 1,31 0,90 Tab. 6 - Dati della seconda stagione di monitoraggio del sistema, le efficienze rilevate. Mese Ore θ w,gn ( C) θ w,in,gahp ( C) θ w,out,bhe ( C) GUE gahp (W/W) REP gahp (W/W) GUΕ sist (W/W) REP sist (W/W) 10/ , ,42 1,38 1,40 1,00 11/ , ,42 1,36 1,41 1,21 12/ , ,39 1,33 1,38 1,20 01/ , ,41 1,35 1,39 1,22 02/ , ,39 1,33 1,38 1,22 03/ , ,40 1,35 1,39 1,15 04/ , ,39 1,35 1,37 1,10 trica consumata, l energia primaria dovuta al consumo elettrico ed infine l energia primaria non rinnovabile totale di tutto il sistema di climatizzazione. Nelle tabelle 3 e 4 si riportano i risultati del sottosistema di generazione multisorgente rinnovabile (geotermica e solare) nella gestione del sistema di climatizzazione complessivo. Nelle due tabelle menzionate la terza e la quinta colonna rispettivamente riportano l energia termica di origine rinnovabile geotermica e l energia termica di origine rinnovabile solare. La sesta colonna riporta invece l energia termica di origine rinnovabile totale, somma delle precedenti due. Visto e considerato che ciò che si voleva verificare era l effetto positivo del sottosistema multi-sorgente rispetto all energia termica utilizzata dagli utenti (unica cosa concreta che con spirito pragmatico si dovrebbe al limite verificare aldilà dei moderni virtuosismi normativi), si è calcolato il fattore di copertura con energia rinnovabile dei fabbisogni di energia termica del sistema di climatizzazione (QR).Il valore del coefficiente percentuale QR relativo allo sfruttamento della sorgente fredda terreno (energia rinnovabile geotermica) è evidenziato nella quarta colonna delle tabelle citate, mentre il valore del medesimo coefficiente misurato rispetto alla totalità dell energia termica rinnovabile (geotermica e solare) è evidenziato nella settima ed ultima colonna. Osservando i dati delle tabelle 3 e 4, si nota come nei mesi più freddi il coefficiente QR geotermico (quarta colonna) aumenti rispetto ai mesi più miti, in controtendenza rispetto a ciò che normalmente avviene negli impianti a sonde geotermiche per effetto della diminuzione della temperatura del terreno durante il suo sfruttamento. Ciò è dovuto all impiago di energia solare nel sistema di scambio termico a terreno, la quale consente temperature più alte del fluido termovettore geotermico e quindi una migliore efficienza di sfruttamento della sorgente (effetto positivo del sistema multi-sorgente). Nei medesimi mesi in cui ben si sfrutta l energia solare nel campo geotermico, si riduce contestualmente lo sfruttamento diretto dell energia solare nel sistema di immissione del calore. I valori del coefficiente QR totale (settima colonna) mostrano come la pompa di calore ad assorbimento da sola consenta di raddoppiare la capacità di sfruttamento di energie rinnovabili di un semplice sistema di captazione dell energia solare termica, caratteristica valida anche per le pompe di calore ad assorbimento aerotermiche. Quest ultimo concetto, verificato sul campo, è importantissimo: una pompa di calore ad assorbimento, occupando meno spazio tecnico, ottiene il medesimo risultato di un sistema di captazione solare e, se utilizzata in impianti integrati, ne raddoppia i risultati positivi. 82

6 4 Grafico del bilancio energetico ottenuto durante il primo anno di esercizio operativo dell impianto (inverno ): nei bilanci sono inseriti tutti i consumi di energia fossile per l utilizzo del gas e dell energia elettrica di tutto il sistema di climatizzazione (macchine e ausiliari di impianto). Nelle tabelle 5 e 6 si riportano i risultati del sottosistema di generazione in termini di efficienza di utilizzo del gas naturale GUE e di efficienza globale rispetto all utilizzo complessivo di energia primaria non rinnovabile. Nelle due tabelle menzionate le prime cinque colonne riportano rispettivamente: il mese di misura, le ore di funzionamento del sottosistema di generazione, la temperatura di mandata del fluido termovettore caldo, la temperatura d ingresso alla pompa di calore del fluido termovettore freddo uscente dalle sonde geotermiche (ottenuta grazie all intervento dell energia solare), la temperatura d ingresso alla pompa di calore del fluido termovettore freddo nel caso in cui non vi fosse l intervento dell energia solare. Le ultime quattro colonne riportano rispettivamente: l efficienza di utilizzo del gas (GUE) della sola pompa di calore ad assorbimento, il rapporto all energia primaria della sola pompa di calore ad assorbimento (REP), l efficienza di utilizzo del gas dell intero sottosistema di generazione (GAHP e caldaia insieme), il rapporto all energia primaria (REP) di tutto il sottosistema di generazione includendo i consumi elettrici delle macchine e di tutti gli ausiliari di impianto. Soprattutto i valori del REP di sistema sono importantissimi in un impianto mediamente complesso come quello analizzato. Gli impegni elettrici e le logiche di gestione delle apparecchiature, possono fare la differenza tra un caso di successo e un completo fallimento dell operazione se il sistema è progettato o realizzato senza considerare il REP complessivo. I dati rilevati offrono un comportamento della pompa di calore geotermica ad assorbimento sostanzialmente rispondente ai dati di targa comunicati dal costruttore e valori complessivi di efficienza molto soddisfacenti. Per la verifica del risultato complessivo si è reso necessario l utilizzo di un valore di riferimento, il quale andasse a delimitare il valore minimo di REP di sistema. Per valori del REP misurato inferiori a tale livello minimo, dal punto di vista energetico l operazione è da ritenersi svantaggiosa. La formula 1 di seguito riportata, ideata per confrontare le pompe di calore elettriche con le caldaie tradizionali, consente di calcolare un REP* limite oltre il quale non si deve scendere con le prestazioni del sistema di climatizzazione misurato. Essendo il confronto svolto sulla base del rapporto all energia primaria, tale valore limite è assolutamente accettabile anche per le pompe di calore ad assorbimento. (l + πr)c s ηcc REP* = η cl 860 (1) Nell equazione 1 π r rappresenta le perdite della rete elettrica nazionale (dichiarate per l Italia dalla società Terna ), C s è il 83

7 5 Grafico del bilancio energetico ottenuto durante il secondo anno di esercizio operativo dell impianto (inverno ): nei bilanci sono inseriti tutti i consumi di energia fossile per l utilizzo del gas e dell energia elettrica di tutto il sistema di climatizzazione (macchine e ausiliari di impianto). consumo specifico della generazione termoelettrica nazionale ( in Italia secondo delibera AEEG) espresso in kcal/kwh e, η cc è il rendimento del generatore di calore a combustione considerato a confronto. Se si considera un valore di π r = 0,064 (ovvero perdite di rete pari a 6,4% secondo dati Terna del 2008), un valore di C s = 1870 kcal/kwhe (in Italia secondo delibera AEEG 3/08) e un rendimento termico medio stagionale riferito al potere calorifico inferiore di una caldaia a condensazione pari a η cc = 1, il rapporto di energia primaria limite assume valore REP* =1,06. Per calare nel contesto italiano l esempio qui proposto e per una migliore comprensione nel nostro paese dei risultati ottenuti con la prova in Germania, si è deciso di utilizzare in questo contributo valori di riferimento italiani. Come si può notare le medie del REP di sistema presenti nei prospetti presentati, superano di molto il valore limite calcolato per il REP* di riferimento e, quindi l operazione, può dirsi SIMBOLOGIA θ a,avg Temperatura media mensile dell aria esterna presso la località considerata espressa in C; θ w,gn Temperatura media mensile di mandata del fluido termovettore caldo espressa in C; θ w,in,gahp Temperatura di ingresso all evaporatore della pompa di calore espressa in C; Q h,gahp Energia termica generata dalla pompa di calore e consegnata al sottosistema di distribuzione espressa in kwh; Q h,cald Energia termica generata dalla caldaia e consegnata al sottosistema di distribuzione espressa in kwh; E p,gas Energia primaria consumata dal sottosistema di generazione per il consumo di gas dovuto al funzionamento della pompa di calore e della caldaia, espressa in kwh; E el,sist Energia elettrica consumata dal sottosistema di generazione per alimentare la pompa di calore, la caldaia e tutti gli ausiliari di impianto, espressa in kwh; E p,el Energia primaria consumata dal sottosistema di generazione a causa del consumo di energia elettrica, espressa in kwh; E p,nren Energia primaria totale consumata dal sottosistema di generazione, espressa in kwh; E g,gahp Energia termica rinnovabile di origine geotermica prelevata dalla sorgente fredda terreno mediante il funzionamento della pompa di calore geotermica ad assorbimento, espressa in kwh; E sol Energia termica rinnovabile di origine solare captata dal sistema di pannelli solari pianti e trasferita direttamente all impianto di riscaldamento a bassa temperatura, espressa in kwh; E ren,tot Energia termica rinnovabile totale, somma di E g,gahp e E sol trasferita al sottosistema di distribuzione, espressa in kwh. QR g Fattore di copertura dei fabbisogni termici dell edificio con energia termica rinnovabile geotermica, espresso in percentuale; QR tot - Fattore di copertura dei fabbisogni termici dell edificio con energia termica rinnovabile geotermica e solare, espresso in percentuale; GUE gahp Coefficiente di prestazione rispetto al consumo di gas delle pompe di calore ad assorbimento, espresso in kwh/kwh; GUE sist Coefficiente di prestazione rispetto al consumo di gas di tutto il sottosistema di generazione includendo nel computo anche il funzionamento della caldaia, espresso in kwh/kwh; REP gahp Coefficiente di prestazione rispetto alla totalità dei consumi energetici primari delle pompe di calore ad assorbimento, espresso in kwh/kwh; REP sist Coefficiente di prestazione rispetto alla totalità dei consumi energetici primari dell intero sottosistema di generazione, espresso in kwh/kwh; 84

APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE dott. ing. Luca Micheletti

APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE dott. ing. Luca Micheletti APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE dott. ing. Luca Micheletti PERCHE LE POMPE DI CALORE A SERVIZIO DEGLI IMPIANTI SONO RITENUTE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI? In una centrale termoelettrica bruciando circa 2,5

Dettagli

Applicazione di un sistema di scambio termico a bassa entalpia integrato con pannelli solari

Applicazione di un sistema di scambio termico a bassa entalpia integrato con pannelli solari Workshop CISA s.c.a.r.l. Progetto ex dormitorio FF.SS. Porretta Terme (BO), 1 marzo 2006 Applicazione di un sistema di scambio termico a bassa entalpia integrato con pannelli solari Fisica Tecnica Ambientale

Dettagli

Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale

Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale EDILCUSIO s.r.l. da sempre in prima linea nelle soluzioni innovative costruisce ed edifica nel pieno rispetto dell ambiente Gli appartamenti sono

Dettagli

La progettazione e i benefici economici

La progettazione e i benefici economici Geotermia a bassa entalpia: i fattori per lo sviluppo del mercato e della filiera Bologna, 14 novembre 2014 Dipartimento di Ingegneria Industriale dell Università di Parma Energia da fonti rinnovabili:

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono sia

Dettagli

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE Gli oneri economici relativi al riscaldamento invernale e alla climatizzazione estiva di un edificio residenziale sono da considerarsi tra le componenti di spesa principali

Dettagli

COSA E COSA E UNA POMP UNA

COSA E COSA E UNA POMP UNA COSA E UNA POMPA DI CALORE Una pompa di calore è un dispositivo che sposta calore da un luogo in bassa temperatura (chiamato sorgente) ad uno in alta temperatura (chiamato utenza), utilizzando dell energia.

Dettagli

SISTEMI ELETTRICI PER LA PRODUZIONE DI CALORE:

SISTEMI ELETTRICI PER LA PRODUZIONE DI CALORE: SISTEMI ELETTRICI PER LA PRODUZIONE DI CALORE: VALUTAZIONI TECNICO-ECONOMICHE TRA POMPE DI CALORE E GENERATORI DI CALORE I CICLI Cicli diretti = cicli termodinamici che riguardano i motori forniscono lavoro

Dettagli

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Impianto fotovoltaico L impianto fotovoltaico, posto sulla copertura dell edificio, permette di trasformare l energia solare in energia

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE parti 3 4 1 IMPIANTO TERMICO In generale si può pensare articolato nelle seguenti parti: Generatore uno o più apparati che forniscono energia termica ad un mezzo di trasporto

Dettagli

GEOTERMIA A BASSA ENTALPIA IN TOSCANA: Strategie ed azioni Comuni. Esperienze degli operatori di settore nella geotermia a bassa entalpia

GEOTERMIA A BASSA ENTALPIA IN TOSCANA: Strategie ed azioni Comuni. Esperienze degli operatori di settore nella geotermia a bassa entalpia GEOTERMIA A BASSA ENTALPIA IN TOSCANA: Strategie ed azioni Comuni ScuolaSuperiore S.Anna - Pisa 21 Febbraio 2013 Esperienze degli operatori di settore nella geotermia a bassa entalpia Ing.Patrizio Pastacaldi

Dettagli

4. GENERATORI. Gruppo termico modulare con n... analisi fumi previste. Tradizionale A condensazione Altro...

4. GENERATORI. Gruppo termico modulare con n... analisi fumi previste. Tradizionale A condensazione Altro... 4.1 GRUPPI TERMICI O CALDAIE Gruppo Termico GT... Data di installazione... Data di dismissione... Fabbricante... Modello...... Combustibile... Fluido Termovettore... Potenza termica utile nominale Pn max...

Dettagli

Prospettive della geotermia a bassa entalpia in Emilia Romagna

Prospettive della geotermia a bassa entalpia in Emilia Romagna Prospettive della geotermia a bassa entalpia in Emilia Romagna Giorgio Pagliarini Dipartimento di Ingegneria Industriale dell Università di Parma Energia da fonti rinnovabili: energia aerotermica, geotermica,

Dettagli

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE?

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? La pompa di calore è costituita da un circuito chiuso, percorso da uno speciale

Dettagli

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti:

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti: all articolo 3 del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità immobiliari Committente(i) Progettista(i)

Dettagli

S i s t e m i p e r l a P r o d u z i o n e

S i s t e m i p e r l a P r o d u z i o n e Edea SA Via Pasquale Lucchini 4 CH-6900 Lugano Tel +41 (0)91 921 47 80 +41 (0)91 921 47 81 info@edea.ch S i s t e m i p e r l a P r o d u z i o n e C o m b i n a t a d i E n e r g i a T e r m i c a e d

Dettagli

impianti solari termici e pompe di calore Relatore: ing. Giuseppe Pullini EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO

impianti solari termici e pompe di calore Relatore: ing. Giuseppe Pullini EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO impianti solari termici e pompe di calore Relatore: ing. Giuseppe Pullini EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO La pompa di calore La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire calore da un corpo

Dettagli

sistemi solari soluzioni solari

sistemi solari soluzioni solari sistemi solari soluzioni solari per pompe SOLUZIONI INNOATIE PER ABITAZIONI A BASSO CONSUMO CON ENERGIA SOLARE E POMPE DI CALORE Lo scopo di questo catalogo è di fornire una serie di suggerimenti e soluzioni

Dettagli

CICLO FRIGORIFERO PER RAFFREDDAMENTO

CICLO FRIGORIFERO PER RAFFREDDAMENTO CICLO FRIGORIFERO PER RAFFREDDAMENTO REGIONE CALDA Liquido saturo o sottoraffreddato Q out 3 2 Vapore surriscaldato valvola di espansione condensatore compressore P c evaporatore 4 1 Miscela bifase liquidovapore

Dettagli

basso consumo energetico

basso consumo energetico Impianti radianti a pavimento negli edifici a basso consumo energetico Verona, 4 ottobre 2012 Prof. Michele De Carli Dipartimento di 2 Dipartimento di Edifici a basso consumo, definizione: Edifici a basso

Dettagli

Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali

Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali Progettazioni e Consulenze Termotecniche Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali Presentazione in Milano - 19 novembre 2010 Per garantire il confort indoor negli Edifici Evoluti Bertelli gli impianti

Dettagli

L uso della pompa di calore negli interventi di efficienza energetica in edilizia. verso una progettazione in classe A

L uso della pompa di calore negli interventi di efficienza energetica in edilizia. verso una progettazione in classe A L uso della pompa di calore negli interventi di efficienza energetica in edilizia verso una progettazione in classe A Trasporto su strada EUROPA Entro 2020 Caldaie (funzione solo riscaldamento) Acqua calda

Dettagli

Paradigma è: Solare Libra: più soluzioni in un unico prodotto Bollitori / Accumuli inerziali La Luna: satellite naturale della Terra Biomassa

Paradigma è: Solare Libra: più soluzioni in un unico prodotto Bollitori / Accumuli inerziali La Luna: satellite naturale della Terra Biomassa Pompe di calore La Luna: satellite naturale della Terra La Luna, come il Sole, è un elemento che ha importanti effetti sulla Terra: il movimento sincronico tra la Terra e la Luna determina ad esempio l

Dettagli

Gli aspetti costruttivi e le caratteristiche delle pompe di calore

Gli aspetti costruttivi e le caratteristiche delle pompe di calore Ferrara, 24 settembre 2009 GHS Gli aspetti costruttivi e le caratteristiche delle pompe di calore Project Application Manager Robur S.p.A. Pompe di calore: una risorsa preziosa per lo sviluppo ecocompatibile

Dettagli

Sistemi per l'energia in edilizia. LM Ingegneria Edile. A. Perdichizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale Università degli Studi di Bergamo

Sistemi per l'energia in edilizia. LM Ingegneria Edile. A. Perdichizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale Università degli Studi di Bergamo Sistemi per l'energia in edilizia Pompe di calore A. Perdichizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale Università degli Studi di Bergamo Pompe di Calore Frigorifero- Pompa di Calore Q C Ẇ Q F Pompe di

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI PER IL FABBISOGNO TERMICO DEGLI EDIFICI

LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI PER IL FABBISOGNO TERMICO DEGLI EDIFICI Monte San Pietro, 8 giugno 2011 LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI PER IL FABBISOGNO TERMICO DEGLI EDIFICI Incontro di sensibilizzazione dello Sportello Risparmio Energetico Monte San Pietro, 8 giugno 2011

Dettagli

menoenergia LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE

menoenergia LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE 1 LE COSA LE ENERGIE RICHIESTE E UNA COSA RINNOVABILI POMPA DI E RINNOVABILE

Dettagli

WineCenter Caldaro una nuova soluzione energetica

WineCenter Caldaro una nuova soluzione energetica WineCenter Caldaro una nuova soluzione energetica Dott. Ing. Georg Felderer Via Negrelli Straße 13 39100 Bolzano / Bozen Tel.: 0471 054040 KLIMAHOUSE 07 Il WineCenter a Caldaro Il WineCenter a Caldaro

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it SISTEMI DI GENERAZIONE Tipologie più diffuse o in sviluppo Generatori a combustione Caldaie

Dettagli

Geotermia. Un impianto che funziona ad energia geotermica è composto da:

Geotermia. Un impianto che funziona ad energia geotermica è composto da: Geotermia Un impianto che funziona ad energia geotermica è composto da: - SONDA GEOTERMICA inserita in profondità per scambiare calore con il terreno; - POMPA di CALORE installata all'interno dell'edificio;

Dettagli

Applicazione della UNI/TS 11300-4 e della UNI EN 15316 alle pompe di calore ad assorbimento

Applicazione della UNI/TS 11300-4 e della UNI EN 15316 alle pompe di calore ad assorbimento Applicazione della UNI/TS 11300-4 e della UNI EN 15316 alle pompe di calore ad assorbimento GAHP Informazioni e dati tecnici di pronto impiego per l inserimento dei dati delle apparecchiature ad assorbimento

Dettagli

L energia geotermica

L energia geotermica Sistemi geotermici: l'energia naturale 20156 MILANO - Via B. De Rolandi, 7 Tel. 02.39273134-39200007 Fax 02.39200007 - E-mail: soildata@soildata.it - C.F. e P.IVA 11425920151 L energia geotermica Per il

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Dimensionamento dei riscaldamenti a legna a carica manuale

Dimensionamento dei riscaldamenti a legna a carica manuale Dimensionamento dei riscaldamenti a legna a carica manuale www.pentaproject.ch Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed. AELSI - Associazione per l energia del legno della Svizzera

Dettagli

L energia in casa Efficienza energetica: comfort risparmio ambiente

L energia in casa Efficienza energetica: comfort risparmio ambiente Serata informativa L energia in casa Efficienza energetica: comfort risparmio ambiente Puoi rivolgerti allo Sportello Energia per ottenere informazioni su aspetti tecnici, economici e normativi in materia

Dettagli

eihp Sistemi integrati con pompa di calore

eihp Sistemi integrati con pompa di calore eihp Sistemi integrati con pompa di calore CHI SIAMO Eneray è una innovativa iniziativa di impresa con solide basi industriali alle spalle. Eneray è stata fondata da un team di ingegneri e imprenditori

Dettagli

LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA

LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA San Giovanni in Persiceto, 11 giugno 2014 Studio Tecnico Co.Pro.Ri LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA RIFERIMENTI NORMATIVI DETRAZIONI FISCALI 65% Legge 296/2006 e ss.mm.

Dettagli

IMPIANTI SOLARI TERMICI

IMPIANTI SOLARI TERMICI L ENERGIA SOLARE UN OPPORTUNITA PER TUTTI IMPIANTI SOLARI TERMICI lunedì 29 marzo 2010 Per. Ind. Luca Tommasoni 1 CALCOLO DEL FABBISOGNO DI ACS L energia necessaria per la preparazione di acqua calda nelle

Dettagli

Convegno SOLAR COOLING

Convegno SOLAR COOLING Convegno SOLAR COOLING Polo Universitario Bicocca venerdì 19 giugno 2009 ore 15:00 Convegno organizzato da Università Bicocca, Paradigma, CMT, Broad, Fotir e ICRI Impianti ELEMENTI DEL PROGETTO: PANNELLI

Dettagli

CONVEGNO :COGENERAZIONE processi, applicazioni, agevolazioni e risparmi comonext 27/03/2014

CONVEGNO :COGENERAZIONE processi, applicazioni, agevolazioni e risparmi comonext 27/03/2014 CONVEGNO :COGENERAZIONE processi, applicazioni, agevolazioni e risparmi comonext 27/03/2014 ENERGY 4 YOU SRL La Storia Energy 4 You è una società fondata nel 2005 e attiva nella vendita di energia elettrica

Dettagli

Kit ibrido a pompa di calore

Kit ibrido a pompa di calore Kit ibrido a pompa di calore Il rivoluzionario sistema di riscaldamento integrato a pompa di calore. Il rivoluzionario sistema a pompa di calore che orchestra gli elementi. Korus è un sistema elettronico

Dettagli

il futuro è nelle tue mani GUIDA AL GEOTERMICO

il futuro è nelle tue mani GUIDA AL GEOTERMICO il futuro è nelle tue mani GUIDA AL GEOTERMICO soluzioni per l utilizzo evoluto dell energia NELLE ABITAZIONI E NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Enel Green Power, attraverso la Rete in franchising Punto Enel Green

Dettagli

> HMW LT POMPE DI CALORE ACQUA - ACQUA E BRINE - ACQUA PER INSTALLAZIONE ESTERNA O INTERNA. Gamma disponibile. Descrizione dell unità.

> HMW LT POMPE DI CALORE ACQUA - ACQUA E BRINE - ACQUA PER INSTALLAZIONE ESTERNA O INTERNA. Gamma disponibile. Descrizione dell unità. > HMW LT POMPE DI CALORE ACQUA - ACQUA E BRINE - ACQUA PER INSTALLAZIONE ESTERNA O INTERNA ECO-FRIENDLY Gamma disponibile REFRIGERANT GAS Tipologia di unità IH Pompa di calore IP Pompa di calore reversibile

Dettagli

Monitoraggio energetico di un impianto geotermico: l esperienza del nuovo polo scolastico di Agordo

Monitoraggio energetico di un impianto geotermico: l esperienza del nuovo polo scolastico di Agordo Monitoraggio energetico di un impianto geotermico: l esperienza del nuovo polo scolastico di Agordo Filippo Busato Dipartimento di Tecnica e Gestione dei sistemi industriali Università di Padova Pompe

Dettagli

ENERGIA CHECK-UP. energetico CASA. I love my. house. Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa

ENERGIA CHECK-UP. energetico CASA. I love my. house. Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa CHECK-UP energetico CASA I love my house Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa Livello globale di efficienza energetica Esistono diverse soluzioni tecniche per

Dettagli

NUOVO PROGRAMMA POMPE DI CALORE MASSIMA EFFICIENZA, MASSIMO COMFORT, RISPETTO DELL AMBIENTE. www.rehau.it. Edilizia Automotive Industria

NUOVO PROGRAMMA POMPE DI CALORE MASSIMA EFFICIENZA, MASSIMO COMFORT, RISPETTO DELL AMBIENTE. www.rehau.it. Edilizia Automotive Industria NUOVO PROGRAMMA POMPE DI CALORE MASSIMA EFFICIENZA, MASSIMO COMFORT, RISPETTO DELL AMBIENTE www.rehau.it Edilizia Automotive Industria NUOVO PROGRAMMA POMPE DI CALORE PERCHE SCEGLIERE UNA POMPA DI CALORE

Dettagli

LE POMPE DI CALORE ALLA LUCE DEL PROGETTO DI NORMA pr UNI/TS 11300-4 E DEL D.Lgs. 28/11 (RECEPIMENTO DIRETTIVA RES)

LE POMPE DI CALORE ALLA LUCE DEL PROGETTO DI NORMA pr UNI/TS 11300-4 E DEL D.Lgs. 28/11 (RECEPIMENTO DIRETTIVA RES) LE POMPE DI CALORE ALLA LUCE DEL PROGETTO DI NORMA pr UNI/TS 300-4 E DEL D.Lgs. 28/ (RECEPIMENTO DIRETTIVA RES) pr UNI TS 300-4 UTILIZZO DI ENERGIE RINNOVABILI E DI ALTRI METODI DI GENERAZIONE PER IL RISCALDAMENTO

Dettagli

La sostenibilità energetica ed ambientale del Palazzo Italia di EXPO 2015: analisi di un edificio nzeb

La sostenibilità energetica ed ambientale del Palazzo Italia di EXPO 2015: analisi di un edificio nzeb La sostenibilità energetica ed ambientale del Palazzo Italia di EXPO 2015: analisi di un edificio nzeb prof. Ing. Livio de Santoli livio.desantoli@uniroma1.it La normativa ed il ruolo dell efficienza energetica

Dettagli

Nuova versione TERMO_CE 9.05

Nuova versione TERMO_CE 9.05 Nuova versione TERMO_CE 9.05 Principali migliorie rispetto alla versione precedente Fabbisogno di energia termica per climatizzazione invernale ed estiva Queste in sintesi le principali variazioni rispetto

Dettagli

HUB RADIATOR HYBRID. 4 Sistema solare termico (vedi pag.27 e 35) Sistema ibrido multienergia per produrre riscaldamento, condizionamento e ACS

HUB RADIATOR HYBRID. 4 Sistema solare termico (vedi pag.27 e 35) Sistema ibrido multienergia per produrre riscaldamento, condizionamento e ACS è un sistema ibrido multienergia che offre al consumatore la possibilità di riscaldare la casa, produrre ACS e se necessario anche condizionare gli ambienti. La progettazione termotecnica ibrida multienergia

Dettagli

Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti. Massimiliano Vigolo

Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti. Massimiliano Vigolo Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti 2 Ambiti di intervento per il miglioramento dell efficienza Dispersioni dell involucro (coibentazione)

Dettagli

Sistemi ibridi integrati. Luna Platinum CSI

Sistemi ibridi integrati. Luna Platinum CSI Sistemi ibridi integrati Luna Platinum CSI Sistemi ibridi integrati Storicamente leader nel mercato del riscaldamento domestico, Baxi ha allargato la sua attività verso i sistemi ibridi integrati, in cui

Dettagli

D.B.S. PROGETTI I SISTEMI IBRIDI A POMPA DI CALORE

D.B.S. PROGETTI I SISTEMI IBRIDI A POMPA DI CALORE I SISTEMI IBRIDI A POMPA DI CALORE Integrare pompa di calore ad aria e caldaia in un unico sistema di riscaldamento può portare a drastiche riduzioni dei consumi di energia primaria. Un sistema di controllo

Dettagli

SISTEMI DI RISCALDAMENTO E CONDIZIONAMENTO AD ENERGIA GEOTERMICA (POMPE DI CALORE GEOTERMICHE)

SISTEMI DI RISCALDAMENTO E CONDIZIONAMENTO AD ENERGIA GEOTERMICA (POMPE DI CALORE GEOTERMICHE) SISTEMI DI RISCALDAMENTO E CONDIZIONAMENTO AD ENERGIA GEOTERMICA (POMPE DI CALORE GEOTERMICHE) La tecnologia delle pompe di calore geotermiche La Terra assorbe circa il 47% dell'energia che riceve dal

Dettagli

Comuni di Sirolo e Numana

Comuni di Sirolo e Numana Progettista: Arch. Giorgio Pagnoni LUGLIO 2012 RELAZIONE TECNICA IMPIANTO RISCALDAMENTO I STRALCIO FUNZIONALE Service & Consulting Immobiliare s.r.l. - Via Trieste n. 21-60124 Ancona - tel 071 3580027

Dettagli

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Agenzia per l Energia e lo Sviluppo Sostenibile del Comune di Roma Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Abitazioni energeticamente efficienti Buona parte delle abitazioni

Dettagli

Soluzioni impiantistiche per una riqualificazione energetica degli edifici esistenti. Dott. Ing. Pietro Marforio

Soluzioni impiantistiche per una riqualificazione energetica degli edifici esistenti. Dott. Ing. Pietro Marforio Soluzioni impiantistiche per una riqualificazione energetica degli edifici esistenti Dott. Ing. Pietro Marforio Sistema edificio/impianto Per soddisfare il fabbisogno di energia termica di un edificio,

Dettagli

Raffrescamento solare di Schüco Raffrescamento innovativo ed ecologico con l energia solare

Raffrescamento solare di Schüco Raffrescamento innovativo ed ecologico con l energia solare Raffrescamento solare di Schüco Raffrescamento innovativo ed ecologico con l energia solare 2 Schüco Il raffrescamento solare Il raffrescamento solare riduce i costi dell energia e aumenta il comfort Raffrescamento

Dettagli

caso di studio:cooperative di abitazione Borghetto dei pescatori, Ostia

caso di studio:cooperative di abitazione Borghetto dei pescatori, Ostia CONSULTA PER IL PROGETTO SOSTENIBILE E L EFFICIENZA ENERGETICA CORSO DI FORMAZIONE PROGETTO DI QUALITA ED EFFICIENZA ENERGETICA ED AMBIENTALE Lezione del Venerdì 4 Aprile 2008 caso di studio:cooperative

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini: - La detrazione fiscale del 55% per rinnovabili e risparmio energetico nelle abitazioni - Il Conto Energia per il Fotovoltaico - La tariffa omnicomprensiva e i certificati

Dettagli

POMPE DI CALORE. Introduzione

POMPE DI CALORE. Introduzione POMPE DI CALORE Introduzione In impianto tradizionale di riscaldamento si utilizza il potere calorifico di un combustibile (gasolio, metano, legno, carbone, ecc.) per riscaldare a bassa temperatura dei

Dettagli

SOLUZIONI TECNICHE DEL PROGETTO

SOLUZIONI TECNICHE DEL PROGETTO RISCALDAMENTO INVERNALE MODALITA FUNZIONAMENTO RAFFRESCAMENTO ESTIVO MODALITA FUNZIONAMENTO SCHEMA P&I D 6. IMPIANTO A PAVIMENTO 4. SOLARE TERMICO 1. POZZO GEOTERMICO 2. POMPA DI CALORE 3. UNITA TRATTAMENTO

Dettagli

Produzione di calore ad alto rendimento

Produzione di calore ad alto rendimento Produzione di calore ad alto rendimento Negli edifici di nuova costruzione e in quelli in cui è prevista la completa sostituzione dell'impianto di riscaldamento o del solo generatore di calore, è obbligatorio

Dettagli

Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013

Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013 Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013 OBIETTIVI, CAMPO DI APPLICAZIONE E STRATEGIA Impegno preso dagli stati membri dell unione europea. Target raggiungibile tramite

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Impianto termico : Impianto tecnologico

Dettagli

Impianto Solare Termico

Impianto Solare Termico Impianto Solare Termico La ING DG&R è in grado di progettare, fornire e realizzare impianti solari termici di qualsiasi dimensione, con accesso agli incentivi del Conto Energia Termico. A titolo di esempio

Dettagli

BESST C.O.P. ~ 4,6 SERIE PECULIARITÀ. - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. con gas refrigerante ecologico R410A

BESST C.O.P. ~ 4,6 SERIE PECULIARITÀ. - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. con gas refrigerante ecologico R410A PECULIARITÀ - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. - Gas refrigerante ecologico R410A. - Rendimento C.O.P. 4,6. - Frequenza ridotta dei cicli di sbrinamento. - Regolazione automatica della velocità

Dettagli

L ANALISI DI FATTIBILITA TECNICO ECONOMICA E AMBIENTALE DEGLI IMPIANTI GEOTERMICI

L ANALISI DI FATTIBILITA TECNICO ECONOMICA E AMBIENTALE DEGLI IMPIANTI GEOTERMICI PROVINCIA DI VENEZIA SERVIZIO GEOLOGICO E TUTELA DEL TERRITORIO, GEOTERMIA AUDITORIUM PROVINCIA DI VENEZIA Convegno: Energie rinnovabili per la climatizzazione L ANALISI DI FATTIBILITA TECNICO ECONOMICA

Dettagli

GEOTERMIA Per il riscaldamento ed il raffrescamento delle abitazioni

GEOTERMIA Per il riscaldamento ed il raffrescamento delle abitazioni GEOTERMIA Per il riscaldamento ed il raffrescamento delle abitazioni Forum sviluppo sostenibile 1 INNANZITUTTO COS E LA GETERMIA? Lo Studio e lo sfruttamento del naturale calore presente nel sottosuolo.

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE NELL USO DELL ACQUA DI FALDA NELLE POMPE DI CALORE GEOTERMICHE

OTTIMIZZAZIONE NELL USO DELL ACQUA DI FALDA NELLE POMPE DI CALORE GEOTERMICHE AGROITTICA ACQUA & SOLE S.p.A. Sede Operativa Località Cassinazza di Baselica 27010 Giussago PAVIA Tel.: + 39 0382.922223 Email: mauro.alberti@neorurale.net OTTIMIZZAZIONE NELL USO DELL ACQUA DI FALDA

Dettagli

CASE CON SISTEMI INNOVATIVI COMPARATIVA IMPIANTI RISCALDAMENTO

CASE CON SISTEMI INNOVATIVI COMPARATIVA IMPIANTI RISCALDAMENTO CASE CON SISTEMI INNOVATIVI COMPARATIVA IMPIANTI RISCALDAMENTO PREMESSA Con la presente relazione si intende fare una analisi comparativa fra alcuni dei sistemi di Riscaldamento utilizzati per la costruzione

Dettagli

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81 Miglioramenti Energetici Solare Termico Scolastico 2014-2015 81 Sostituzione Generatore di Calore Sostituzione adeguamento sistema di Distribuzione Sostituzione del sistema di emissione Installazione Solare

Dettagli

Energia Geotermica a Trieste

Energia Geotermica a Trieste Energia Geotermica a Trieste Ing. Fabio Morea Ufficio Risparmio Energetico ed Energie Alternative Settore Ambiente ed Energia Comune di Trieste Impianti geotermici in edifici esistenti Gli impianti di

Dettagli

Pompe di calore elio-assistite

Pompe di calore elio-assistite PSIPC: Pannelli Solari Innovativi Integrati con Pompe di Calore Pompe di calore Pannelli solari Pompe di calore elio-assistite 17 %! "! " # # $ '()%$ % & ' ( & # ' $ 18 Il rendimento dei collettori solari

Dettagli

CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1

CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1 CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1 Caldaia a condensazione 06/05/2008 2 Lo scambio termico è tale da raffreddare i fumi ben oltre il loro punto di rugiada (t = 55 C in eccesso

Dettagli

Gli impianti per la climatizzazione

Gli impianti per la climatizzazione Università IUAV di Venezia Gli impianti per la climatizzazione 1 Tipologie secondo il fluido termovettore Componenti elementi costruttivi Produzione del calore/ frigorifera Dimensioni dei canali d aria

Dettagli

SOLARE TERMICO. Solare termico prospettive Nuova legislazione:d.lgs 311. Detrazioni fiscali 2007 e succ. modifiche. Impianti solari.

SOLARE TERMICO. Solare termico prospettive Nuova legislazione:d.lgs 311. Detrazioni fiscali 2007 e succ. modifiche. Impianti solari. SOLARE TERMICO Solare termico prospettive Nuova legislazione:d.lgs 311 Detrazioni fiscali 2007 e succ. modifiche Impianti solari Offerta V Via Kennedy, 7 25028 Verolanuova(BS) Tel. +39 030 931167 Fax 030

Dettagli

menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE

menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE Principio di funzionamento Nelle piscine medio grandi, la normativa prevede una ricambio giornaliero dell acqua totale delle vasche, nella

Dettagli

IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Trasferimento di calore dall ambiente interno a quello esterno L aria del locale da raffrescare cede calore all unità interna del climatizzatore ed in tal modo si raffredda

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA

EFFICIENZA ENERGETICA EFFICIENZA ENERGETICA La strategia italiana per l'efficienza energetica arch. Mario NOCERA GREEN JOBS E NUOVE OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO NELL AMBITODELL EFFICIENZA ENERGETICA: STRUMENTI, INNOVAZIONI E BUONE

Dettagli

RAPPORTI DI CONTROLLO

RAPPORTI DI CONTROLLO RAPPORTI DI CONTROLLO Allegato II (Art.2) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 ( gruppitermici ) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 (gruppi termici)... Cognome... me...

Dettagli

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL &DOGDLHDFRQGHQVD]LRQH 'HVFUL]LRQHGHOODWHFQRORJLD Le caldaie sono il cuore degli impianti di riscaldamento dato che realizzano il processo di combustione da cui si ricava l energia termica necessaria per

Dettagli

Un esempio di riqualificazione energetica

Un esempio di riqualificazione energetica REALIZZAZIONI Un esempio di riqualificazione energetica Riqualificare un impianto introducendo pompe di calore ad assorbimento GAHP può consentire di ottenere anche il dimezzamento dei consumi energetici

Dettagli

ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI -

ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI - ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI - A. INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE COMPLESSIVA DELL EDIFICIO...2 A) VALORI LIMITE...2 B) COSTI AMMISSIBILI...3 C) CONTENUTO DELL ASSEVERAZIONE...3 B. INTERVENTI SU STRUTTURE

Dettagli

COMPONENTI D IMPIANTO IN REGIME INVERNALE Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore

COMPONENTI D IMPIANTO IN REGIME INVERNALE Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore Distribuzione del calore E della portata idraulica Tipologie: A velocità fissa A 3 velocità regolabili A velocità variabile o elettronica modulante

Dettagli

Premessa... Indice...

Premessa... Indice... Indice Premessa... Indice... V VII Capitolo 1 Introduzione... 1 1.1 La produzione di energia elettrica... 2 1.2 Il tele riscaldamento... 4 1.3 Hard Dry Rock... 4 1.4 La bassa entalpia... 6 1.5 La climatizzazione

Dettagli

Riscaldare con il sole

Riscaldare con il sole Foto: AEE Riscaldare con il sole Molti proprietari di casa si chiedono se con un impianto solare sia possibile fornire non solo il calore per riscaldare l acqua sanitaria, ma ottenere anche un contributo

Dettagli

INDUSTRIALE Ideale l installazione delle pompe di calore anche per grandi opere industriali

INDUSTRIALE Ideale l installazione delle pompe di calore anche per grandi opere industriali GUARDARE AL FUTURO SI PUO Le nuove caldaie in pompa di calore sono quanto di meglio il presente può offrire in termini di rendimento e di efficienza. In tutta Europa queste nuove tecnologie verdi a salvaguardia

Dettagli

Pompe di calore a gas: un CO 2...ntributo fondamentale. Zeroemission Roma 01.10.09

Pompe di calore a gas: un CO 2...ntributo fondamentale. Zeroemission Roma 01.10.09 Pompe di calore a gas: un CO 2...ntributo fondamentale Zeroemission Roma 01.10.09 Trasporto su strada EUROPA Entro 2020 Caldaie (funzione solo riscaldamento) Acqua calda sanitaria 20% riduzione emissioni

Dettagli

CONVEGNO L ULTIMA FRONTIERA DELL EFFICIENZA ENERGETICA NEL RISCALDAMENTO

CONVEGNO L ULTIMA FRONTIERA DELL EFFICIENZA ENERGETICA NEL RISCALDAMENTO CONVEGNO L ULTIMA FRONTIERA DELL EFFICIENZA ENERGETICA NEL RISCALDAMENTO Ing. CARLO PIEMONTE Dott. EDUARDO SZEGO Ing. ANDREA MASELLA Università degli Studi di Brescia LA SFIDA DELL'EFFICIENTAMENTO ENERGETICO

Dettagli

INCENTIVI E POMPE DI CALORE GEOTERMICHE

INCENTIVI E POMPE DI CALORE GEOTERMICHE Pistoia 11-13 13 Settembre 2008 INCENTIVI E POMPE DI CALORE GEOTERMICHE Ing.Patrizio Pastacaldi PERCHE LE POMPE DI CALORE GEOTERMICHE? - Aspetti ambientali: - Aspetti economici: - l energia geotermica

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B COMMITTENTE : Amministrazione comunale di Rogeno EDIFICIO : Scuola Secondaria INDIRIZZO : Rogeno,Via vecchia Casletto

Dettagli

Residenze private. Tipologia edificio: villa con maneggio Località: Venezia Tipologia intervento: ristrutturazione complesso esistente

Residenze private. Tipologia edificio: villa con maneggio Località: Venezia Tipologia intervento: ristrutturazione complesso esistente Tipologia edificio: villa con maneggio Località: Venezia Tipologia intervento: ristrutturazione complesso esistente CARATTERISTICHE IMPIANTO: realizzazione di impianto di riscaldamento, condizionamento

Dettagli

Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti

Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti DISPOSIZIONI REGIONE LOMBARDIA 2 2. DEFINIZIONI 1/3 DISPOSIZIONI

Dettagli

Contenuti e obiettivi

Contenuti e obiettivi Aiuto all applicazione EN-1 Parte massima di energia non rinnovabile nelle costruzioni nuove Contenuti e obiettivi Questo aiuto all applicazione tratta delle esigenze minime da rispettare in relazione

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

POMPE DI CALORE SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. clima / comfort / risparmio. Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE)

POMPE DI CALORE SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. clima / comfort / risparmio. Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO POMPE DI CALORE clima / comfort / risparmio Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) tel. 085 9771404 cell. 334 7205 930 MAIL energie@icaro-srl.eu WEB www.icaro-srl.eu

Dettagli

la PRODUZIONE di ENERGIA ELETTRICA nel MONDO

la PRODUZIONE di ENERGIA ELETTRICA nel MONDO la PRODUZIONE di ENERGIA ELETTRICA nel MONDO & CONSUMI procapite 17.800 miliardi di kwh RESTO del MONDO La produzione e quindi il consumo degli Stati Uniti rappresenta, da solo, ¼ di quello mondiale. Il

Dettagli

LEZIONE 2. a cura di Simone Laprovitera e-mail: slaprovitera@trevispa.com tel.: 340.46.87.850

LEZIONE 2. a cura di Simone Laprovitera e-mail: slaprovitera@trevispa.com tel.: 340.46.87.850 LEZIONE 2 Aspetti impiantistici di un sistema geotermico integrato a pompa di calore. Principio di funzionamento delle pompe di calore geotermiche. Esempi di schemi funzionali di centrale. a cura di Simone

Dettagli

2. L applicazione delle disposizioni di cui alla D.G.R. VIII/5018 e s.m.i. è esclusa:

2. L applicazione delle disposizioni di cui alla D.G.R. VIII/5018 e s.m.i. è esclusa: Simulazione tema d esame S_002 1. Indicare l affermazione errata: a. la superficie utile è la superficie netta calpestabile degli ambienti a temperatura controllata o climatizzati dell edificio; b. la

Dettagli