FONDO INTEGRATIVO DI PREVIDENZA DIRIGENTI AZIENDE FIAT FIPDAF FONDO PENSIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDO INTEGRATIVO DI PREVIDENZA DIRIGENTI AZIENDE FIAT FIPDAF FONDO PENSIONE"

Transcript

1 FONDO INTEGRATIVO DI PREVIDENZA DIRIGENTI AZIENDE FIAT FIPDAF FONDO PENSIONE CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE A. INFORMAZIONI GENERALI A.1 Lo scopo Scopo del Fondo è garantire agli associati prestazioni pensionistiche aggiuntive ai trattamenti pensionistici di legge. Tale fine è perseguito raccogliendo le somme versate ( contributi ) ed investendole, nell esclusivo interesse dell aderente, in una polizza assicurativa di Ramo V in forma di contratto collettivo di capitalizzazione a premio unico, stipulata con la Compagnia Assicuratrice Alleanza Toro S.p.A., confluita in Generali Italia S.p.A., con conti individuali in capo ad ogni iscritto. La pensione complementare ( rendita ), resa sempre più necessaria dalla riduzione del tasso di sostituzione del primo pilastro, si aggiungerà così alla pensione di base e consentirà all iscritto di mantenere, anche dopo il pensionamento, un tenore di vita più prossimo a quello conseguito durante la sua vita lavorativa.. L adesione al FIPDAF consente di accumulare risparmio per integrare la pensione godendo di significativi vantaggi fiscali. A.2 La costruzione della prestazione complementare La partecipazione alle forme di previdenza complementare prevede al suo interno due fasi distinte: la fase di accumulo la fase di erogazione della prestazione. Dal momento del primo versamento comincia a formarsi la cosiddetta posizione individuale che tiene conto dei versamenti effettuati e dei rendimenti spettanti a ciascun aderente in funzione degli investimenti operati dal Fondo. La posizione individuale rappresenta la somma che viene accumulata nel tempo ed in base alla quale verrà determinato l importo della pensione complementare. Questa posizione cresce per tutto il periodo che intercorre dal momento dell adesione a quello del pensionamento (fase di accumulo) e sarà poi utilizzata per corrispondere la pensione complementare a partire dal momento del pensionamento e per tutta la vita (fase di erogazione). La posizione individuale è inoltre la base per il calcolo di tutte le altre prestazioni cui l aderente potrà aver accesso anche prima del pensionamento. Lo Statuto del Fondo (Parte III) definisce le modalità di costituzione della posizione individuale. 14

2 A.3 Il modello di governance L adesione al Fondo dà diritto ad eleggere i rappresentanti nell Assemblea dei Delegati e ad essere eletto come tale. L Assemblea dei Delegati, a sua volta, procede all elezione della metà dei componenti degli Organi di amministrazione e controllo del Fondo stesso (Consiglio di amministrazione e Collegio dei Sindaci), i quali sono caratterizzati da una composizione paritetica, vale a dire da uno stesso numero di rappresentanti dei dipendenti e di rappresentanti delle Società datori di lavoro. Tutti i componenti degli Organi di amministrazione e controllo sono in possesso dei requisiti di onorabilità e professionalità previsti dalla normativa vigente in materia. Il Consiglio di amministrazione elegge, al suo interno, il Presidente, che ha la rappresentanza legale del Fondo, e il Vice Presidente. Il Consiglio di amministrazione nomina inoltre il Direttore Generale e il Responsabile del Fondo, che possono coincidere nella stessa persona. Il Collegio dei Sindaci elegge, al proprio interno, il Presidente. I relativi articoli dello Statuto (Parte IV) individuano le regole di composizione e designazione degli organi del Fondo e le funzioni loro attribuite. Ulteriori informazioni sul modello di governance del Fondo sono contenute nella sezione Soggetti coinvolti nell attività della forma pensionistica complementare. B. LA CONTRIBUZIONE Nel ricordare che informazioni sulla misura della contribuzione sono già state indicate al paragrafo D.1 Contribuzione della Scheda sintetica, si riepilogano le attuali modalità di contribuzione al FIPDAF. In particolare: le Società associate versano contributi a favore di ciascun proprio dirigente, Socio del Fondo, a decorrere dal 1 gennaio 2012, per un importo pari al 5% della retribuzione complessiva annua lorda utile ai fini del TFR; i dirigenti associati al Fondo, siano essi vecchi iscritti o nuovi iscritti versano un contributo pari a quello aziendale nella rispettiva misura della retribuzione di cui sopra; in alternativa il dirigente, conformemente a quanto previsto dalle disposizioni di legge, può determinare liberamente l entità della contribuzione a proprio carico nella misura diversa che egli intenda liberamente destinare, modificando detta aliquota secondo le possibilità previste dall accordo FIPDAF 23 marzo 2012, tra cui la possibilità di contenere la contribuzione a proprio carico entro il limite di deducibilità fiscale, ferma restando la contribuzione a carico azienda; l accordo FIPDAF 23 marzo 2012 ha confermato l applicazione delle aliquote di contribuzione sulla retribuzione utile ai fini del TFR senza limiti di massimale per tutti i dirigenti assunti o promossi alla data del 30 giugno 2006; l accordo FIPDAF 23 marzo 2012 ha inoltre previsto che, per i dirigenti assunti o promossi a partire dal 1 luglio 2006, le suddette aliquote di contribuzione siano applicate fino al limite di euro annui. 15

3 IL TFR Le fonti istitutive hanno previsto l adesione al FIPDAF anche tramite il solo conferimento dei flussi di TFR in maturazione. Il TFR viene solitamente accantonato in azienda e corrisposto al momento della cessazione del rapporto di lavoro; l importo annuo accantonato è pari al 6,91% della retribuzione lorda e viene ogni anno rivalutato dal datore di lavoro. Il TFR si rivaluta nel tempo in una misura definita dalla legge, pari al 75% del tasso di inflazione più 1,5 punti percentuali (ad esempio, se nell anno il tasso di inflazione è stato pari al 2%, il tasso di rivalutazione del TFR per quell anno sarà: 2% x 75% + 1,5% = 3%). La rivalutazione del TFR versato al FIPDAF non sarà più pari alla misura fissata dalla legge ma dipenderà dal rendimento finanziario degli investimenti ottenuti dal Fondo. La scelta di destinare tutto il TFR maturando al FIPDAF per finanziare la previdenza complementare farà sì che il datore di lavoro non lo accantonerà più in azienda ma lo verserà al Fondo mentre rimarrà accantonato in azienda il TFR maturato fino a quel momento. Qualora la scelta fosse invece quella di mantenere il TFR maturando in azienda, il dipendente potrà comunque successivamente modificare la scelta effettuata. L accordo FIPDAF 23 marzo 2012 ha stabilito il conferimento delle quote di TFR maturando al FIPDAF nel modo seguente: destinazione dell intero accantonamento annuale del trattamento di fine rapporto maturando, che può aver luogo in forma di conferimento tacito, anche con riferimento alla sola quota residua non versata al Fondo in base ai precedenti accordi; i soci la cui iscrizione alla previdenza obbligatoria sia antecedente alla data del 29 aprile 1993, e non siano iscritti al Fondo alla data del 1 gennaio 2007, potranno optare tra la destinazione al Fondo dell intero TFR maturando e la destinazione di una quota dello stesso pari alla contribuzione a carico azienda versata al Fondo; i dipendenti già iscritti al Fondo alla data del 1 gennaio 2007 potranno mantenere in azienda la quota del TFR eventualmente non conferita al Fondo, ferma restando la facoltà di destinare al Fondo l intero TFR in data successiva. È importante sapere che nel caso di conferimento alla previdenza complementare non viene meno la possibilità di utilizzare il TFR per far fronte a esigenze personali di particolare rilevanza (ad esempio, spese sanitarie per terapie e interventi straordinari ovvero acquisto della prima casa di abitazione) (v. paragrafo Anticipazioni e riscatti ). AVVERTENZA - Non sarà possibile revocare la scelta effettuata di conferire il TFR maturando al Fondo. LA QUOTA A CARICO DELL AZIENDA L adesione al FIPDAF consente inoltre di beneficiare di un contributo da parte del datore di lavoro nella misura indicata dagli accordi sindacali collettivi. E possibile godere di questo versamento soltanto se l aderente contribuisce al Fondo almeno nella misura minima prevista. 16

4 IL CONTRIBUTO DEL SOCIO Nella scelta del contributo da versare a proprio carico il potenziale aderente deve considerare che il versamento non è obbligatorio. L aderente può quindi decidere di versare soltanto il TFR al Fondo. Questa scelta tuttavia, nell escludere Il versamento del contributo a proprio carico, almeno nella misura minima prevista impedisce di beneficiare del contributo del datore di lavoro. L aderente può controllare i versamenti effettuati e la posizione tempo per tempo maturata attraverso gli strumenti riportati nel paragrafo Comunicazioni agli iscritti. Ulteriori informazioni sulla contribuzione sono contenute nella Parte III dello Statuto. AVVERTENZA l aderente è tenuto a verificare la correttezza dei contributi affluiti al Fondo rispetto ai versamenti effettuati per il tramite del datore di lavoro, anche al fine di accertare l insussistenza di errori o di omissioni contributive. Particolare attenzione dev essere prestata ai contributi eventualmente versati oltre il limite di deducibilità fiscale e quindi in regime di non esenzione, che devono essere comunicati annualmente al Fondo tramite lo specifico modulo. C. L INVESTIMENTO E I RISCHI CONNESSI C.1 Indicazioni generali I contributi versati, al netto degli oneri trattenuti al momento del versamento, sono investiti in una polizza collettiva di capitalizzazione e si rivalutano nel tempo in funzione del rendimento della Gestione Separata alla quale è collegata la polizza stessa, il cui rendimento è determinato dalle scelte di gestione operate dalla Compagnia Assicuratrice Alleanza Toro S.p.A.. La Compagnia Assicuratrice emette ogni mese una polizza, a premio unico, le cui riserve confluiscono in una speciale gestione di riferimento detta Gestione Separata. La posizione dell iscritto è pertanto gestita per polizze: ad ogni contributo versato in capo all iscritto corrisponde una polizza cui è collegata una garanzia di rendimento minimo e coefficienti di conversione in rendita predeterminati. Le polizze hanno, quindi, un valore differente le une dalle altre in relazione all ammontare dei premi che le hanno determinate ed alle rivalutazioni di cui hanno nel frattempo beneficiato; presentano inoltre garanzie differenziate in base all anno di emissione. La gestione del proprio patrimonio mediante la stipula di contratti assicurativi di cui ai rami vita I, III e V è consentita al Fondo in quanto esso risulta istituito alla data di entrata in vigore della legge 23 ottobre 1992, n. 421 (c.d. forme preesistenti ). Inoltre la gestione assicurativa, prevedendo la garanzia del capitale versato e il suo consolidamento insieme con il rendimento generato dalla gestione, con un rendimento minimo garantito, è idonea a ricevere le quote di TFR conferite al FIPDAF anche con modalità tacita. C.2 Caratteristiche dell investimento 17

5 L investimento dei contributi avviene in contratti collettivi di capitalizzazione, ed è caratterizzato dall assunzione del rischio finanziario da parte della Compagnia Assicuratrice. Il termine rischio vuole esprimere la variabilità del rendimento in un determinato periodo di tempo. Se il comparto presenta un livello di rischio basso, il suo rendimento tende ad essere relativamente stabile nel tempo. L applicazione di coefficienti di conversione in rendita predeterminati fa sì che la Compagnia Assicuratrice assuma anche il rischio demografico, facendosi carico dell erogazione delle prestazioni di rendita vitalizia la cui quantificazione deriva dall applicazione di specifiche tavole demografiche, le quali vengono periodicamente aggiornate in base all evoluzione della speranza di vita. In particolare, per il FIPDAF il rischio finanziario si può considerare assente per la garanzia del riconoscimento di un rendimento annuo minimo, costituito dall impegno della Compagnia ad operare una certa misura minima di rivalutazione annua delle prestazioni assicurate. La Convenzione attualmente in corso con la Compagnia prevede, per i premi versati sino al 31/12/2013, l applicazione di una tariffa con rivalutazione annua minima che, a seconda dei periodi di versamento, può variare tra il 4% ed il 2% secondo i valori massimi consentiti dalla normativa in vigore; per i premi versati dal 1/1/2014, è invece prevista una rivalutazione annua minima pari allo 0,50% annuo composto per il periodo intercorrente tra la data di decorrenza del versamento e la data di richiesta della liquidazione. La misura percentuale di rivalutazione delle prestazioni viene determinata applicando al rendimento della Gestione Separata un aliquota di retrocessione, ferma una ritenzione minima a favore della Compagnia, nella misura prevista dalla Convenzione- In particolare, le rivalutazioni applicate, con l eventuale attribuzione della rivalutazione minima prevista, si consolidano annualmente, così che le prestazioni possono esclusivamente aumentare e mai diminuire. Per quanto riguarda il rischio demografico, occorre rilevare che la rendita sarà determinata applicando al capitale maturato appositi coefficienti di trasformazione; tuttavia, il coefficiente applicabile al capitale derivante da ciascun premio è già fissato al momento del relativo versamento, il che consente di predeterminare, a fronte di ciascun contributo investito in polizza, una porzione della prestazione complessiva di rendita che sarà erogata al momento del pensionamento; tale porzione di rendita non sarà quindi influenzata dall applicazione di eventuali nuovi coefficienti di trasformazione, determinati sulla base di più recenti proiezioni demografiche circa la durata della vita umana, che potranno pertanto riguardare unicamente i versamenti successivi. Per le caratteristiche intrinseche della gestione assicurativa, le risorse del Fondo non sono depositate presso una Banca depositaria. AVVERTENZA - Il livello della garanzia finanziaria applicata dalla Compagnia Assicuratrice è definito nel rispetto della sua misura massima prevista dalla normativa tempo per tempo in vigore che disciplina il settore assicurativo, e può essere modificato ad ogni rinnovo della convenzione in corso, così come le tavole demografiche utilizzate per determinare la prestazione di rendita. Fermo che eventuali modifiche potranno riguardare unicamente i versamenti successivi, qualora in sede di rinnovo della Convenzione la tariffa venisse modificata il Fondo ne informerà gli iscritti. 18

6 Per informazioni sull andamento della gestione si suggerisce di consultare la sezione Informazioni sull andamento della gestione. Nella Scheda sintetica, Tabella Rendimenti storici, sono riportati i risultati conseguiti dal Fondo negli anni passati. Questa informazione può aiutare ad avere un idea dell andamento della gestione, ma occorre ricordare che i rendimenti passati non sono necessariamente indicativi di quelli futuri, vale a dire che non c è alcuna sicurezza sul fatto che nei prossimi anni i risultati saranno in linea con quelli ottenuti in precedenza. D. LE PRESTAZIONI PENSIONISTICHE (PENSIONE COMPLEMENTARE E LIQUIDAZIONE DEL CAPITALE) D.1 Prestazioni pensionistiche Il diritto a percepire la prestazione pensionistica complementare sorge nel momento in cui si matura il diritto alla pensione nel regime previdenziale obbligatorio a condizione di aver partecipato a forme pensionistiche complementari per almeno cinque anni. Sono considerati periodi di partecipazione al Fondo per determinare il diritto alle prestazioni, tutti i periodi nei quali vi sia stato versamento di contributi ivi compresi i periodi derivanti da trasferimenti da altre forme pensionistiche complementari. I requisiti di età e di anzianità contributiva fissati per il pensionamento non sono richiesti ai soci già iscritti al Fondo (o ad altre forme pensionistiche complementari preesistenti alla data di entrata in vigore della legge 23 ottobre 1992, n. 421) alla data del 28 aprile 1993 (c.d. vecchi iscritti) a condizione che gli stessi risolvano il rapporto di lavoro e abbiano diritto al riconoscimento di una prestazione pensionistica nell assicurazione obbligatoria. Dal momento della maturazione dei requisiti l aderente potrà decidere se iniziare a percepire la prestazione pensionistica o proseguire volontariamente la contribuzione, anche oltre il raggiungimento dell età pensionabile prevista nel regime obbligatorio, fino a quando lo riterrà opportuno. E possibile percepire la prestazione complementare in anticipo di 5 anni rispetto al momento sopra indicato soltanto nel caso in cui la cessazione dell attività lavorativa comporti l inoccupazione per un periodo di tempo superiore a 48 mesi o in caso di invalidità permanente che riduca in modo significativo la capacità lavorativa dell iscritto. L entità lorda delle prestazioni è determinata, con rigorosi criteri di gestione finanziaria a capitalizzazione e di corrispettività, sulla base della contribuzione definita versata a carico del lavoratore e del datore di lavoro sulla posizione individuale di ogni singolo lavoratore e dei rendimenti maturati in base all investimento delle risorse del Fondo. Al fine di una corretta valutazione del livello della prestazione che l iscritto può attendersi dal Fondo è importante aver presente fin d ora che l importo della prestazione sarà tanto più alto quanto: più alti sono i versamenti che farà; maggiore è la continuità con cui sono effettuati i versamenti (cioè, non ci sono interruzioni, sospensioni o ritardi nei pagamenti); più lungo è il periodo di tempo tra il momento in cui aderisce e quello in cui andrà in pensione (al pensionamento avrà infatti effettuato più versamenti e maturato più rendimenti); 19

7 più bassi sono i costi di partecipazione; più elevati sono i rendimenti della gestione. In larga parte, tali elementi possono essere influenzati da decisioni dell interessato: ad esempio, da quanto si impegna a versare, dall attenzione che porrà nel confrontare i costi che sostiene con quelli delle altre forme cui potrebbe aderire; dalle scelte che farà su come investire i contributi tra le diverse possibilità che sono proposte; dal numero di anni di partecipazione al piano nella fase di accumulo. I requisiti di accesso alle prestazioni sono indicati nella Parte III dello Statuto. D.2 Prestazione erogata in forma di rendita pensione complementare Salvo l opzione che potrà esercitare per la liquidazione in capitale (v. al riguardo il paragrafo seguente), la prestazione pensionistica sarà interamente erogata all iscritto nella forma di rendita (pensione complementare). Dal momento del pensionamento e per tutta la durata della vita verrà cioè pagata all aderente periodicamente una somma corrispondente alle prestazioni di rendita che avrà acquisito mediante la trasformazione in premi di assicurazione dei contributi versati al Fondo (per la parte per la quale non verrà richiesta la prestazione in capitale) ed alle rivalutazioni che sono state riconosciute alle prestazioni stesse. Al momento dell erogazione della prestazione di rendita, che potrà iniziare anche ad una data diversa da quella, generalmente coincidente con l età pensionabile prevista nel sistema obbligatorio di appartenenza, al montante derivante da ogni specifico versamento sarà applicato il relativo coefficiente di conversione in rendita corrispondente all età raggiunta. I coefficienti di trasformazione tengono conto dell andamento demografico della popolazione italiana e sono differenziati per età e per sesso. In sintesi, quanto maggiore sarà l età al pensionamento, tanto maggiore sarà l importo della pensione. Per un trattamento più approfondito dell argomento, si rimanda al sito del Fondo ed al documento Regolamento per l erogazione delle rendite. D.3 Prestazione erogata in forma di capitale liquidazione del capitale Il titolare del diritto, al momento dell uscita per pensionamento, può optare per la liquidazione del corrispondente capitale nei limiti stabiliti dalla legge e cioè: se vecchio iscritto : facoltà di chiedere la liquidazione dell intera prestazione pensionistica in capitale; se nuovo iscritto : facoltà di chiedere la liquidazione in capitale al massimo per il 50% della prestazione pensionistica. Per effetto di tale scelta, l aderente potrà godere della immediata disponibilità di una somma in capitale ma l importo della pensione complementare che verrà erogato nel tempo sarà più basso, o nullo nel caso di vecchio iscritto, di quello spettante in caso di mancato esercizio di tale facoltà. Qualora l importo che si ottiene, convertendo in rendita pensionistica annua a favore del socio il 70% di quanto maturato sulla posizione individuale risulti inferiore al 50% dell assegno sociale di cui all art. 3, commi 6 e 7 della legge 335/95, il socio può optare per la liquidazione in capitale dell intero importo maturato. 20

8 Le condizioni e i limiti per l accesso alla prestazione in capitale sono indicati alla Parte III dello Statuto. E. LE PRESTAZIONI NELLA FASE DI ACCUMULO In linea generale il piano pensionistico dovrebbe giungere al suo normale compimento concludendo la fase di accumulo al momento del pensionamento quando inizierà la fase di erogazione della prestazione. Sono però previsti dalla normativa vigente alcuni casi di accesso alle prestazioni durante la fase di accumulo. E.1 Anticipazioni e riscatti LE ANTICIPAZIONI In caso di spese sanitarie o interventi straordinari che riguardino l aderente o i propri familiari o, trascorsi otto anni di partecipazione al Fondo, in caso di acquisto della prima casa di abitazione per sé o per i figli, documentato con atto notarile, o per la realizzazione di interventi di recupero del patrimonio edilizio di cui alle lettere a), b), c) e d) del comma 1 dell art. 3 del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, relativamente alla prima abitazione, l aderente può chiedere al FIPDAF di anticipargli fino al 75% della posizione maturata. Altre anticipazioni, in misura inferiore e solo fino al 30% della posizione, possono essere concesse per altre eventuali esigenze. AVVERTENZA - Poiché il pagamento di somme a titolo di anticipazione riduce la posizione individuale, è prevista dalla normativa vigente la possibilità di versare dei contributi aggiuntivi per reintegrare la quota di posizione anticipata in base a quanto previsto dall art. 7 del Regolamento sulle anticipazioni e secondo le modalità definite dal Consiglio di amministrazione del Fondo. Maggiori informazioni sui requisiti di accesso, sulle modalità e sulla misura delle prestazioni sono reperibili sullo Statuto del Fondo (art. 13) e sul documento per le anticipazioni. Alcune forme di anticipazione sono sottoposte ad un trattamento fiscale di minor favore rispetto a quello proprio delle prestazioni pensionistiche complementari. Ne verifichi la disciplina nell apposito documento sul regime fiscale. IL RISCATTO DELLA POSIZIONE MATURATA In presenza di specifiche situazioni attinenti alla vita lavorativa è inoltre possibile riscattare in tutto o in parte la posizione maturata indipendentemente dagli anni che ancora mancano al raggiungimento della pensione. Ciò è possibile, ad esempio, in caso di cessazione dell attività lavorativa da cui consegua un periodo di inoccupazione protratto nel tempo o in caso di invalidità permanente che riduca in modo significativo la capacità lavorativa del lavoratore. E possibile altresì accedere al riscatto della propria posizione individuale qualora vengano meno i requisiti di partecipazione al Fondo senza aver maturato il diritto alla pensione e senza che sia possibile richiedere il trasferimento ad altro fondo pensione o ad una forma pensionistica individuale della loro posizione maturata. 21

9 Il riscatto della posizione individuale avverrà entro sei mesi dalla richiesta. Se, trovandosi nelle situazioni che consentono il riscatto totale della posizione, l aderente intendesse effettuare tale scelta, occorre tenere conto che, a seguito del pagamento della corrispondente somma, verrà meno ogni rapporto tra l aderente stesso ed il Fondo. In tal caso, ovviamente, al momento del pensionamento non avrà alcun diritto nei confronti del Fondo. In ottemperanza alle indicazioni dell Autorità di Vigilanza del 29 marzo 2012 in materia di riscatto parziale ex art. 14 comma 5 del D. Lgs. 252/05, chi perda i requisiti di partecipazione come dipendente senza poter trasferire la posizione individuale potrà inoltre esercitare la facoltà di riscatto parziale di una quota pari al 50 o al 75%. Questo permette all aderente, in caso di inoccupazione temporanea, di mantenere la propria posizione previdenziale beneficiando di un sostegno al reddito per il tempo necessario. Il riscatto parziale può essere erogato in un massimo di cinque quote annuali, permettendo così di contenere al minimo necessario lo smobilizzo e, quindi, il pregiudizio della finalità previdenziale In alcuni casi tali prestazioni subiscono un trattamento fiscale di minor favore rispetto a quello delle prestazioni pensionistiche. Se ne verifichi la disciplina nell apposito documento sul regime fiscale. Maggiori informazioni sui requisiti di accesso, sulle modalità e sulla misura delle prestazioni sono reperibili nella Parte III dello Statuto del Fondo (art. 12). E.2 Prestazioni in caso di decesso prima del pensionamento In caso di morte prima del pensionamento dell associato, la posizione individuale è riscattatadai beneficiari dallo stesso designati o, in mancanza di specifiche indicazioni, dagli eredi. In assenza di tali soggetti la posizione individuale resta acquisita al Fondo. E.3 Trasferimento della posizione individuale Qualora l associato perda i requisiti per la partecipazione al Fondo, può richiedere il trasferimento della propria posizione individuale ad altro fondo pensione, cui abbia possibilità di accedere in relazione alla nuova attività lavorativa ovvero in mancanza di tale possibilità ad un fondo aperto o ad una forma pensionistica individuale. Nel caso in cui l associato, per sua libera scelta, lasci il Fondo senza che siano venuti meno i requisiti di partecipazione, può richiedere il trasferimento della propria posizione ad altro fondo non prima che siano trascorsi due anni di iscrizione al Fondo. È importante sapere che il trasferimento consente di proseguire il piano previdenziale presso un altra forma pensionistica complementare senza alcuna soluzione di continuità e che l operazione non è soggetta a tassazione. In ogni caso, il trasferimento della posizione maturata avverrà entro il termine massimo di sei mesi. Il trasferimento effettuato nei confronti di una forma pensionistica complementare non contrattuale, comporta la cessazione della contribuzione a carico azienda. In caso di trasferimento ad altra forma pensionistica contrattuale, la misura del contributo a carico azienda sarà regolata dagli specifici accordi. 22

10 Le condizioni per il trasferimento della posizione individuale sono indicate nella Parte III dello Statuto del Fondo. F. I COSTI La partecipazione ad una forma pensionistica complementare comporta anche la partecipazione al sostenimento delle spese che gravano direttamente o indirettamente sulla posizione dell aderente. Alcuni costi vengono imputati direttamente mediante trattenute dai versamenti, altri vengono invece prelevati dal patrimonio investito mediante riduzione dei rendimenti. È pertanto opportuno effettuare una attenta valutazione dell incidenza complessiva di tali oneri sulla posizione individuale nel tempo. F.1 Costi nella fase di accumulo I costi sostenuti dal Fondo per far fronte ai propri oneri di funzionamento, sono fissati dagli accordi sindacali aziendali in capo alle Società socie e quantificati in base ai preventivi di spesa elaborati di anno in anno dal Consiglio di amministrazione. A carico degli iscritti sono poste soltanto le commissioni per la gestione degli investimenti. I costi applicati dal Fondo nel corso della fase di accumulo sono indicati nella Tabella Costi della fase di accumulo della Scheda sintetica. INDICATORE SINTETICO DEI COSTI Al fine di facilitare l aderente nel confronto dei costi applicati dalle diverse forme pensionistiche complementari, la COVIP ha prescritto che venga calcolato, secondo una metodologia dalla stessa definita e comune a tutti gli operatori, un Indicatore sintetico dei costi. L indicatore sintetico dei costi è una stima calcolata facendo riferimento a un aderente-tipo che effettua un versamento contributivo annuo di euro e ipotizzando un tasso di rendimento annuo del 4%. Nel calcolo sono presi in considerazione tutti i costi praticati dal Fondo (v. Tabella Costi nella fase di accumulo della Scheda sintetica). Dal calcolo sono escluse le spese e gli oneri aventi carattere di eccezionalità o comunque collegati a eventi o situazioni non prevedibili a priori. L indicatore sintetico dei costi consente di avere, in modo semplice e immediato, un idea del peso che i costi praticati dal Fondo hanno ogni anno sulla posizione individuale. In altri termini, indica di quanto il rendimento dell investimento, ogni anno e nei diversi periodi considerati (2, 5, 10 e 35 anni di partecipazione), risulta inferiore a quello che si avrebbe se i contributi fossero gestiti senza applicare alcun costo. Occorre però ricordare che, proprio perché basato su ipotesi e dati stimati, per condizioni differenti rispetto a quelle considerate - ovvero nei casi in cui non si verifichino le ipotesi previste - l indicatore ha una valenza meramente orientativa. Nel valutarne le implicazioni è necessario considerare che differenze anche piccole di questo valore possono portare nel tempo a scostamenti anche rilevanti della posizione individuale maturata. 23

11 Per utilizzare correttamente questa informazione, si ricorda infine che nel confrontare diverse proposte occorrerà avere anche presenti le differenti caratteristiche di ciascuna di esse (politica di investimento, stile gestionale, garanzie ). I risultati delle stime sono riportati nella Tabella Indicatore sintetico dei costi della Scheda sintetica. F.2 Costi nella fase di erogazione Dal momento del pensionamento verranno invece applicati i costi previsti per l erogazione della pensione complementare che non prevedono caricamenti espliciti mentre permane un caricamento implicito. In particolare dal capitale maturato al momento della conversione viene trattenuto un conto pari al 1,2346% dello stesso. E' inoltre trattenuto un costo aggiuntivo calcolato come percentuale del valore annuo della rendita iniziale, variabile in funzione della periodicità del pagamento della stessa (pari al 25% del valore annuo della rendita iniziale, in caso di pagamento semestrale; al 33,33% per pagamenti quadrimestrali, al 37,50% in caso di pagamenti trimestrali, al 41,67% in caso di pagamenti bimestrali, al 45,83% in caso di pagamenti mensili). A titolo esemplificativo, il costo complessivo per l'erogazione di una rendita iniziale erogabile a favore di un maschio sessantenne con pagamento trimestrale è pari al 2,952%; nel caso di una rendita iniziale erogabile a favore di una femmina sessantenne con pagamento trimestrale è pari al 2,791%. G. IL REGIME FISCALE Per agevolare la costruzione del piano previdenziale e consentire di ottenere al momento del pensionamento prestazioni più elevate, tutte le fasi di partecipazione alle forme di previdenza complementare godono di una disciplina fiscale di particolare favore. I CONTRIBUTI I contributi annui complessivamente versati al Fondo Integrativo di Previdenza Dirigenti Aziende Fiat FIPDAF Fondo Pensione (dall associato e dal datore di lavoro), ad eccezione delle quote di TFR, sono deducibili entro il limite massimo di Euro 5.164,57. A titolo esemplificativo: qualora la somma dei contributi versati da azienda e lavoratore ecceda i 5.164,57 euro annui, le eccedenze versate dal lavoratore non saranno deducibili dal lavoratore iscritto e quelle versate dall azienda concorreranno a formare il reddito dello stesso. Se il lavoratore versa contributi che eccedono il predetto limite, questi non saranno deducibili dal reddito complessivo; tuttavia, nella fase di erogazione della prestazione finale è riconosciuta l esenzione della parte corrispondente a questi contributi. A tal fine, l iscritto deve, entro il 31 dicembre dell anno successivo a quello cui si riferiscono i versamenti, comunicare al Fondo l ammontare dei contributi versati e non dedotti. 24

12 I RISULTATI DI GESTIONE I rendimenti finanziari ottenuti attraverso la gestione del patrimonio del Fondo Integrativo di Previdenza Dirigenti Aziende Fiat FIPDAF Fondo Pensione sono tassati con aliquota dell 11% applicata al risultato netto di gestione maturato per ciascun periodo di imposta. Si tratta di una aliquota più bassa di quella applicata sugli investimenti di natura finanziaria. Questa imposta è prelevata direttamente dal patrimonio investito. I rendimenti indicati nei documenti del Fondo sono al netto di questo onere. LE PRESTAZIONI Le prestazioni erogate dal Fondo godono di una tassazione agevolata, in particolare le prestazioni maturate a partire dal 1 gennaio 2007 sono sottoposte a tassazione al momento dell erogazione, mediante ritenuta operata a titolo definitivo. La pensione complementare (rendita vitalizia) è soggetta a tassazione mediante l aliquota del 15% per la parte relativa ai contributi versati, al netto dei rendimenti finanziari ottenuti già assoggettati a tassazione, e, là dove presenti, dei contributi che hanno ecceduto i su menzionati limiti assoluti di Euro 5.164,57. Le eventuali rivalutazioni della pensione complementare nella fase di erogazione della prestazione sono tassate con imposta sostitutiva nella misura del 20%. La prestazione pensionistica erogata in capitale è soggetta a tassazione mediante l aliquota del 15%. L imposta si applica sull importo maturato, al netto dei rendimenti finanziari già tassati e dei contributi eccedenti i limiti stabiliti. LE ANTICIPAZIONI Le anticipazioni per spese sanitarie sono tassate con l aliquota del 15% per la parte relativa ai contributi versati, al netto dei rendimenti finanziari ottenuti già assoggettati a tassazione, e, là dove presenti, dei contributi che hanno ecceduto i su menzionati limiti assoluti di Euro 5.164,57. Gli altri tipi di anticipazione scontano invece l aliquota del 23%. I RISCATTI PER PERDITA DEI REQUISITI DI PARTECIPAZIONE AL FONDO La stessa aliquota del 15% si applica anche in presenza delle seguenti situazioni: l iscritto ha optato per la liquidazione dell intera posizione pensionistica in capitale (facoltà riconosciuta all iscritto nel caso in cui l importo annuo della rendita vitalizia risulti inferiore a quello dell assegno sociale); il riscatto avviene per cessazione del rapporto di lavoro per invalidità permanente o per inoccupazione per un prolungato periodo di tempo; il riscatto è esercitato dagli aventi diritto in caso di morte del lavoratore associato. Gli importi riscattati per perdita dei requisiti di partecipazione al Fondo Integrativo di Previdenza Dirigenti Aziende Fiat FIPDAF Fondo Pensione per cause di interruzione del rapporto di lavoro diverse da quelle più sopra indicate, sono soggetti a tassazione mediante 25

13 l aliquota del 23%. Anche in questo caso rimangono esenti i rendimenti ottenuti nella gestione finanziaria e i contributi eccedenti i limiti stabiliti. Per approfondimenti sul regime fiscale dei contributi, dei rendimenti della gestione e delle prestazioni si rimanda al sito del Fondo ed alla consultazione del Documento sul regime fiscale. H. ALTRE INFORMAZIONI H.1 Adesione L adesione al Fondo, libera e volontaria, avviene mediante compilazione e presentazione alla Società di appartenenza del modulo di iscrizione predisposto allo scopo e consegnato per le nuove adesioni unitamente alla presente Nota informativa di cui costituisce parte integrante. In tale sede, mediante il modulo all uopo predisposto per l esercizio dell opzione, l aderente può effettuare l opzione dell aliquota di contribuzione a proprio carico, nonché per la quota di TFR da destinare al Fondo. L adesione non è richiesta nel caso di dipendenti iscritti in conseguenza del conferimento tacito del loro TFR da parte del datore di lavoro. H.2 Comunicazioni agli iscritti Il FIPDAF, ogni anno, invia all iscritto una comunicazione, riferita all anno precedente, contenente informazioni sulla gestione complessiva del Fondo e sugli aspetti relativi all evoluzione della propria posizione individuale. Detta comunicazione evidenzia, tra l altro, l ammontare dei contributi versati e delle prestazioni maturate sulla posizione individuale di ogni associato. Si invita l iscritto a porre particolare attenzione nella lettura di questo documento, anche al fine di verificare la regolarità dei versamenti effettuati e comunque conoscere l evoluzione del proprio piano previdenziale. E possibile trovare le informazioni sui versamenti effettuati e sulla posizione tempo per tempo maturata anche nell area riservata ad ogni singolo iscritto del sito web del Fondo. Nella sezione Comunicazioni sono inoltre disponibili i rendiconti relativi agli ultimi anni di partecipazione al Fondo. Il FIPDAF si impegna inoltre a fornire agli iscritti adeguata informativa sulle modifiche in grado di incidere sulle scelte di partecipazione al Fondo intervenute successivamente all adesione, attraverso pubblicazione della documentazione sul sito web del Fondo e/o attraverso l invio di specifiche comunicazioni individuali tramite i canali postale e telematico. H.3 Progetto esemplificativo Come già accennato nella Scheda sintetica, al potenziale aderente verrà consegnato un progetto esemplificativo circa la possibile evoluzione della posizione previdenziale nel tempo. 26

14 Anche se si tratta di una pura proiezione e gli importi effettivamente spettanti nel tempo all aderente potrebbero essere diversi da quelli indicati dal progetto, esso è comunque utile per avere un idea più immediata del piano pensionistico in costruzione e per valutare come gli importi delle prestazioni possono variare al variare della contribuzione, delle scelte di investimento, dei costi e così via. Si tratta pertanto di uno strumento di aiuto finalizzato all assunzione di scelte più appropriate per gli obiettivi che l aderente si aspetta di realizzare mediante l adesione ad una forma di previdenza complementare. Sul sito del FIPDAF è disponibile il Progetto Esemplificativo Standardizzato che fornisce all iscritto una simulazione della prestazione al momento del pensionamento nel sistema previdenziale obbligatorio, sulla base delle novità introdotte dalla Riforma del Nel corso del rapporto, un Progetto esemplificativo più aggiornato, potrà anche tenere conto dei dati effettivi relativi agli anni di partecipazione già trascorsi. H.4 Reclami e modalità di risoluzione delle controversie Eventuali reclami relativi alla partecipazione alla forma pensionistica devono essere inoltrati al Fondo per iscritto, ai contatti precedentemente indicati. Per ottenere i necessari chiarimenti in merito alla situazione riscontrata o la soddisfazione delle proprie richieste, è necessario in primo luogo presentare un reclamo scritto al FIPDAF, il quale è tenuto a fornire una risposta entro 45 giorni dal ricevimento della richiesta. E inoltre possibile segnalare all Autorità di vigilanza irregolarità, criticità o anomalie relative alla gestione del Fondo se: il FIPDAF non ha fornito una risposta entro 45 giorni dal ricevimento della richiesta; la risposta fornita non è ritenuta soddisfacente. E' comunque possibile scrivere direttamente alla COVIP in situazioni di particolare gravità e urgenza, potenzialmente lesive per la collettività degli iscritti al Fondo, seguendo le modalità indicate nella specifica Guida pratica alla presentazione degli esposti disponibile sul sito La COVIP non prende in considerazione gli esposti anonimi. Lo Statuto del Fondo (Parte V) indica le modalità previste per la risoluzione delle controversie derivanti dal rapporto associativo. 27

Depositata in COVIP il 22 giugno 2016

Depositata in COVIP il 22 giugno 2016 Iscritto all Albo dei Fondi Pensione 1^ Sez. Speciale - Fondi Pensione Preesistenti - numero 1146 Depositata in COVIP il 22 giugno 2016 La presente Nota informativa si compone delle seguenti quattro sezioni:

Dettagli

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE Informazioni generali Lo scopo La costruzione della pensione complementare Il modello di governance La contribuzione Il TFR La quota a carico dell

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego I Fondi pensione nel pubblico impiego I scheda Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione

Dettagli

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa Fondo Pensione per i lavoratori dipendenti dalle imprese della distribuzione cooperativa Iscritto all Albo dei Fondi Pensione con il numero d ordine 102 Previcooper, il fondo pensione della distribuzione

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

Il tuo Fondo per la tua pensione complementare

Il tuo Fondo per la tua pensione complementare Il tuo Fondo per la tua pensione complementare PRINCIPALI CARATTERISTICHE Fondo Nazionale Pensione Complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (A) Regime fiscale applicabile agli iscritti a partire dal 1 gennaio 2007ed ai contributi versati dal 1 gennaio 2007dai lavoratori già iscritti 1. I Contributi 1.1 Il regime

Dettagli

FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP)

FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP) FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP) LO SCOPO Il FIP qui descritto è una forma pensionistica complementare individuale di tipo assicurativo, ché ha lo scopo di consentire all aderente di attivare un piano

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 Documento sul regime fiscale Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 aggiornato il 24 settembre 2015 Sommario 1 Regime fiscale dei contributi... 3 2 Regime fiscale della

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE Come viene alimentata la posizione previdenziale? Il finanziamento è attuato mediante contribuzione a carico del lavoratore, del datore di lavoro e tramite

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI. Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI. Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 136 Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione (allegato

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini

Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 136 Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione allegato

Dettagli

Esempio basato sullo schema di Scheda sintetica. SCHEDA SINTETICA Informazioni chiave per gli aderenti (in vigore dal ******)

Esempio basato sullo schema di Scheda sintetica. SCHEDA SINTETICA Informazioni chiave per gli aderenti (in vigore dal ******) Esempio basato sullo schema di Scheda sintetica OMEGA FONDO P E N S I O N E N E G O Z I A L E P E R I L A V O R A T O R I D E L S E T T O R E ALFA ( O M E G A ) iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con

Dettagli

aggiornato al 31 luglio 2014

aggiornato al 31 luglio 2014 aggiornato al 31 luglio 2014 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi versati, a partire dal 1 gennaio 2007, dai

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE Chiarimenti sulla disciplina fiscale del d. lgs. n. 252/2005 (c.d. Testo Unico della previdenza complementare) Circolare dell

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Deliberato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 luglio 2014 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare www.logicaprevidenziale.it A Albo (delle forme pensionistiche complementari): Elenco ufficiale tenuto dalla COVIP cui le forme pensionistiche

Dettagli

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria LIBERA Confederazione Sindacale Li.Co.S. Sede nazionale Via Garibaldi, 45-20092 Cinisello Balsamo (MI) Tel.: 02 / 39.43.76.31. Fax: 02 / 39.43.75.26. e-mail: sindacatolicos@libero.it IL NUOVO TFR, GUIDA

Dettagli

PrevAer Fondo Pensione

PrevAer Fondo Pensione Pagina 1 di 5 Documento sul Regime Fiscale aggiornato al 27 marzo 2015 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione 1 L ADESIONE L adesione alle forme pensionistiche complementari è libera e volontaria 2 L ADESIONE SI PUO ADERIRE A FONTEMP: IN MANIERA

Dettagli

Più opportunità dal tuo fondo pensione

Più opportunità dal tuo fondo pensione fondo pensione per il personale del gruppo helvetia e del gruppo nationale suisse Più opportunità dal tuo fondo pensione Più adesioni con i fiscalmente a carico, più contribuzione da parte del datore di

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

Documento sulla politica di investimento. Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012

Documento sulla politica di investimento. Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 Documento sulla politica di investimento Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 28 Marzo 2013 Sommario 1 PREMESSA...3 2 OBIETTIVI

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA Il decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005 ha rinviato al 1 gennaio 2007 esclusivamente l obbligo della destinazione del TFR maturando alla previdenza

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP)

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) sono forme pensionistiche complementari esclusivamente individuali rivolte a tutti

Dettagli

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) sono forme pensionistiche complementari esclusivamente individuali rivolte a tutti

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

Nota informativa per i potenziali aderenti

Nota informativa per i potenziali aderenti Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1241 Nota informativa per i potenziali aderenti La presente Nota informativa si compone delle seguenti quattro sezioni: Scheda sintetica Caratteristiche della

Dettagli

Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A.

Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A. Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A. Cos è Fondoposte Fondoposte è il Fondo Nazionale di Pensione Complementare per il Personale di Poste Italiane S.p.A. e delle

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Iscritto all Albo dei Fondi Pensione 1^ Sez. Speciale - Fondi Pensione Preesistenti - numero 1146 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - Documento approvato dal Consiglio di amministrazione del 1 aprile 2015 -

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare

Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare Agenda La funzione della previdenza complementare Caratteristiche e modalità di funzionamento Tipologia di forme pensionistiche complementari

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

FONDO PENSIONE MEDICI Iscritto all'albo COVIP con il n 1337

FONDO PENSIONE MEDICI Iscritto all'albo COVIP con il n 1337 mod. C/P01 (Rev. Nov 2010) FONDO PENSIONE MEDICI C/P01 - PENSIONAMENTO RICHIESTA DI PRESTAZIONE PENSIONISTICA Da compilarsi e sottoscrivere a cura dell'aderente Il Sottoscritto.. nato a.. (prov....) il...

Dettagli

Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una

Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una prestazione pensionistica integrativa, autorizzate e

Dettagli

Documento Sul Regime Fiscale

Documento Sul Regime Fiscale 2015 Documento Sul Regime Fiscale Il presente documento illustra sinteticamente il regime fiscale in vigore a decorrere dall 1 gennaio 2007, alla luce delle disposizioni dell Agenzia delle Entrate (Circolare

Dettagli

SCHEDA SINTETICA (dati aggiornati al 30-4-2015)

SCHEDA SINTETICA (dati aggiornati al 30-4-2015) FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE DEI GIORNALISTI ITALIANI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DEL SETTORE DEI GIORNALISTI PROFESSIONISTI,PUBBLICISTI E PRATICANTI SCHEDA SINTETICA

Dettagli

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI ADDETTI AI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO E PER I LAVORATORI DEI SETTORI AFFINI

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI ADDETTI AI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO E PER I LAVORATORI DEI SETTORI AFFINI PRIAMO FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI ADDETTI AI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO E PER I LAVORATORI DEI SETTORI AFFINI Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 139

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

EUROVITA FUTURO PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE. ED. DicEmbrE 2014. Nota informativa per i potenziali Aderenti

EUROVITA FUTURO PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE. ED. DicEmbrE 2014. Nota informativa per i potenziali Aderenti www.eurovita.it ED. DicEmbrE 2014 EUROVITA FUTURO PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 5082, è stato istituito da Eurovita

Dettagli

Premessa: perché la previdenza complementare? 2. La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2. I fondi pensione 4

Premessa: perché la previdenza complementare? 2. La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2. I fondi pensione 4 GUIDA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Premessa: perché la previdenza complementare? 2 La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2 I fondi pensione 4 Il funzionamento dei fondi pensione 5 Come si finanziano

Dettagli

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni La nuova Previdenza: riforma e offerta Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni Previdenza: situazione attuale 140 Alcuni fattori rilevanti: 120 100 80 22 2015 pensionamento persone nate

Dettagli

perché conviene aderire a telemaco

perché conviene aderire a telemaco perché conviene aderire a telemaco Chi è Telemaco TELEMACO è il Fondo Pensione Complementare del settore delle Telecomunicazioni costituito nel 1998, in forma di associazione riconosciuta senza fine di

Dettagli

programma previdenza il tuo DoMani DipenDe DaLLe scelte Di oggi.

programma previdenza il tuo DoMani DipenDe DaLLe scelte Di oggi. programma previdenza il tuo DoMani DipenDe DaLLe scelte Di oggi. tutte Le RISPOSTE CHe CERCHI. IntegrazionePensionisticaAurora * è un piano pensionistico individuale realizzato mediante un contratto di

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE Via di S. Croce in Gerusalemme, 63 00185 Roma Tel. +039 06 77205055 Fax 06 77591946 www.artifond.it FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE a) GENERALITÀ SUL FONDO CHE COS È UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE?

Dettagli

Fondoposte. Il fondo pensione per il Personale non dirigente di Poste Italiane S.p.A. e delle Società controllate che ne applicano il CCNL

Fondoposte. Il fondo pensione per il Personale non dirigente di Poste Italiane S.p.A. e delle Società controllate che ne applicano il CCNL Fondoposte Il fondo pensione per il Personale non dirigente di Poste Italiane S.p.A. e delle Società controllate che ne applicano il CCNL Che cosa è Fondoposte Fondoposte è il Fondo Nazionale di Pensione

Dettagli

% ovvero,00 (indicare in alternativa l importo del prelievo)

% ovvero,00 (indicare in alternativa l importo del prelievo) MODULO C ADESIONE GIORNALISTA DIPENDENTE Compilare il modulo in stampatello ed in ogni sua parte Corso Vittorio Emanuele II, 349 00186 Roma Tel. 066893545 Fax 066865919 www.fondogiornalisti.it mail: segrefnsi2@tin.it

Dettagli

La nuova previdenza complementare

La nuova previdenza complementare Concreto Fondo Pensione Complementare Nazionale La nuova previdenza complementare La nuova previdenza complementare 1 Agenda Adesione esplicita e tacita Fonti di finanziamento e regole per la deducibilità

Dettagli

DOCUMENTO RELATIVO ALLE RENDITE

DOCUMENTO RELATIVO ALLE RENDITE DOCUMENTO RELATIVO ALLE RENDITE (ALLEGATO ALLA NOTA INFORMATIVA) Il presente documento disciplina, nei confronti dell aderente, l erogazione delle prestazioni pensionistiche in forma di rendita del Fondo

Dettagli

I Fondi pensione preesistenti

I Fondi pensione preesistenti I Fondi pensione preesistenti I scheda Fondi pensione preesistenti sono forme pensionistiche complementari che, come suggerisce il termine preesistenti, operavano antecedentemente all emanazione della

Dettagli

FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM STIMA DELLA PENSIONE COMPLEMENTARE (PROGETTO ESEMPLIFICATIVO STANDARDIZZATO)

FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM STIMA DELLA PENSIONE COMPLEMENTARE (PROGETTO ESEMPLIFICATIVO STANDARDIZZATO) FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1070 STIMA DELLA PENSIONE COMPLEMENTARE (PROGETTO ESEMPLIFICATIVO STANDARDIZZATO) (AGGIORNAMENTO DEL 19 DICEMBRE 2014)

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDAV Fondo Pensione Complementare Personale Navigante di Cabina Sede Legale: Viale A. Marchetti, 111 00148 Roma Uffici: Piazza Fernando de Lucia, 37 00139 Roma Telefono: 06/88291308 Telefax: 06/8803298

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO Anno 2013 N. RF148 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO RIFERIMENTI D.LGS. 47/2000; D.LGS.

Dettagli

Riforma della Previdenza Complementare e nuove regole Fondo COMETA

Riforma della Previdenza Complementare e nuove regole Fondo COMETA Riforma della Previdenza Complementare e nuove regole Fondo COMETA * " &$ #+ ( " ', & $ - "$. /$!& /$!& /$!& /$!& + $$!&$ #,!& '!! " #$ %& $ ' ( )( & &$ )($$&! " )( $ )( gennaio 2007 2 Normativa di riferimento:

Dettagli

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PERSEO, il Fondo pensione complementare dei dipendenti delle Regioni, Autonomie locali e della Sanità Chi può aderire PERSEO può contare su una platea di potenziali

Dettagli

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI AMMINISTRATIVI DELLE AGENZIE GENERALI INA-ASSITALIA (Iscritto all Albo COVIP n. 1362) NOTA INFORMATIVA

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI AMMINISTRATIVI DELLE AGENZIE GENERALI INA-ASSITALIA (Iscritto all Albo COVIP n. 1362) NOTA INFORMATIVA FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI AMMINISTRATIVI DELLE AGENZIE GENERALI INA-ASSITALIA (Iscritto all Albo COVIP n. 1362) NOTA INFORMATIVA INDICE 1. SCHEDA SINTETICA 2 A) PRESENTAZIONE DEL FONDO 2 A1. Elementi

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare. Bergamo, 24 Novembre 2008

Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare. Bergamo, 24 Novembre 2008 Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare " La fiscalità della nuova previdenza complementare" INTRODUZIONE La legge di riforma della previdenza complementare (D.Lgs.252/2005

Dettagli

I Fondi pensione negoziali

I Fondi pensione negoziali I Fondi pensione negoziali 45 I Fondi pensione negoziali sono forme pensionistiche complementari la cui origine, come suggerisce il termine negoziali, è di natura contrattuale. Essi sono destinati a specifiche

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

I Fondi pensione aperti

I Fondi pensione aperti 50 I Fondi pensione aperti sono forme pensionistiche complementari alle quali, come suggerisce il termine aperti, possono iscriversi tutti coloro che, indipendentemente dalla situazione lavorativa (lavoratore

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015)

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) Il presente documento integra il contenuto della Nota informativa per l adesione al fondo pensione aperto a contribuzione definita PENSPLAN

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Fondo Pensione complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti a DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Regime fiscale dei contributi (applicabile anche ai soggetti iscritti alla data del

Dettagli

IN BREVE PER I DIPENDENTI PRIVATI

IN BREVE PER I DIPENDENTI PRIVATI IN BREVE PER I DIPENDENTI PRIVATI La previdenza complementare Previdenza complementare: cosa è e a cosa serve? La riforma della previdenza del 1995 ha apportato una significativa riduzione dell entità

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

Il tuo Fondo per la tua pensione complementare

Il tuo Fondo per la tua pensione complementare Il tuo Fondo per la tua pensione complementare PRINCIPALI CARATTERISTICHE Fondo Nazionale Pensione Complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori

Dettagli

LA NUOVA PENSIONE INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DEL SETTORE ARTIGIANO

LA NUOVA PENSIONE INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DEL SETTORE ARTIGIANO LA NUOVA PENSIONE INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DEL SETTORE ARTIGIANO Fondo pensione ARTIFOND iscritto all'albo dei Fondi Pensione n. 156 Via di Santa Croce in Gerusalemme, 63-00185 Roma Tel. 06 77205055

Dettagli

DOCUMENTO SULLE RENDITE FONDO PENSIONE FONDENERGIA

DOCUMENTO SULLE RENDITE FONDO PENSIONE FONDENERGIA DOCUMENTO SULLE RENDITE FONDO PENSIONE FONDENERGIA Redatto in conformità allo schema di Nota Informativa deliberato dalla Covip in data 31.10.06 Allegato Nota Informativa depositata presso la Covip in

Dettagli

SCHEDA SINTETICA (dati aggiornati al 30/04/2014)

SCHEDA SINTETICA (dati aggiornati al 30/04/2014) FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE DEI GIORNALISTI ITALIANI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DEL SETTORE DEI GIORNALISTI PROFESSIONISTI,PUBBLICISTI E PRATICANTI SCHEDA SINTETICA

Dettagli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli LA GUIDA DEL CONTRIBUENTE è una pubblicazione del Ministero delle Finanze Segretariato generale Ufficio per l informazione del contribuente Per ulteriori informazioni: www.finanze.it La Guida è distribuita

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE FONDO PENSIONE (iscritto al n. 1137 della Sezione Speciale I dei Fondi Preesistenti dell Albo Covip) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

Dettagli

I Fondi pensione aperti

I Fondi pensione aperti I Fondi pensione aperti I scheda Fondi pensione aperti sono forme pensionistiche complementari alle quali, come suggerisce il termine aperti, possono iscriversi tutti coloro che, indipendentemente dalla

Dettagli

PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO

PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO CHI È TELEMACO TELEMACO è il Fondo Pensione Complementare del settore delle Telecomunicazioni costituito nel 1998, in forma di associazione riconosciuta senza fine di

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Life Insurance Italia S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto SCHEDA SINTETICA La presente Scheda Sintetica costituisce parte integrante della Nota Informativa. Essa è redatta al fine di facilitare

Dettagli

STIMA DELLA PENSIONE COMPLEMENTARE FONDO PENSIONE APERTO AVIVA

STIMA DELLA PENSIONE COMPLEMENTARE FONDO PENSIONE APERTO AVIVA STIMA DELLA PENSIONE COMPLEMENTARE FONDO PENSIONE APERTO AVIVA Il Progetto esemplificativo è uno strumento che fornisce agli Aderenti delle indicazioni sulla possibile evoluzione della Posizione individuale

Dettagli

Unipol Previdenza. Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA. Documento sul regime fiscale

Unipol Previdenza. Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA. Documento sul regime fiscale Unipol Previdenza Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA Documento sul regime fiscale Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa

Dettagli

PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO

PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO CHI È TELEMACO TELEMACO è il Fondo Pensione Complementare del settore delle Telecomunicazioni costituito nel 1998, in forma di associazione riconosciuta senza fine di

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Fondo Pensione Complementare per i Geometri Liberi Professionisti FONDO PENSIONE FUTURA Iscritto al n. 166 all Albo COVIP DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota

Dettagli

Per saperne di più su alcune parole della previdenza

Per saperne di più su alcune parole della previdenza Adesione individuale: Forma di adesione al fondo pensione aperto, che si perfeziona mediante un contratto stipulato direttamente tra il singolo aderente ed il fondo. Adesione Volontaria: Forma di adesione

Dettagli

NOTA INFORMATIVA AI LAVORATORI

NOTA INFORMATIVA AI LAVORATORI NOTA INFORMATIVA AI LAVORATORI LA RIFORMA DEL TFR informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 8, comma 8 del D.Lgs. 252/2005 Egregio dipendente, con la presente vogliamo informarla che a partire

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LE NUOVE REGOLE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE 1 LE NUOVE REGOLE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE 2 TFR: : quali scelte per il lavoratore Dal 1 gennaio 2007,, se già assunto, o dalla data di assunzione, il lavoratore ha 6 mesi di tempo per: 1. Scegliere

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese 23 domande 23 risposte Oggi un progetto per il futuro Avvertenza: Il presente opuscolo ha carattere divulgativo e non

Dettagli

Documento sulla politica di investimento

Documento sulla politica di investimento DEI DIPENDENTI DELLE IMPRESE DEL GRUPPO UNIPOL Iscrizione all Albo dei Fondi Pensione n 1292 Documento sulla politica di investimento Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 approvato

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

Nel TUO. scoprilo adesso. c è un DIRITTO in più: contratto di lavoro FOND

Nel TUO. scoprilo adesso. c è un DIRITTO in più: contratto di lavoro FOND FOND PERSEO SIRIO Il Fondo pensione complementare dei lavoratori della P.A. e della Sanità Nel TUO contratto di lavoro c è un DIRITTO in più: scoprilo adesso PERSEO SIRIO è il Fondo pensione complementare

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE DESTINAZIONE DEL TFR MATURANDO A PARTIRE DALL 01.01.2007 IN APPLICAZIONE DELL ART. 8 COMMA 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005 N. 252 Ogni lavoratore del settore

Dettagli

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti.

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti. Fondo Pensione CAIMOP Via C.Pavese 360 00144 Roma Tel.065022185 Fax 065022190 www.caimop.it A seguito dell entrata in vigore del Dlgs. 5 dicembre 2005 n.252, dal 1 gennaio 2007 ciascun lavoratore dipendente

Dettagli