COME SI ENTRA COME SI ENTRA NELL AREA SCHENGEN COME SI ENTRA IN ITALIA IL VISTO CASO PER CASO LA DOMANDA DEL VISTO LA FRONTIERA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COME SI ENTRA COME SI ENTRA NELL AREA SCHENGEN COME SI ENTRA IN ITALIA IL VISTO CASO PER CASO LA DOMANDA DEL VISTO LA FRONTIERA"

Transcript

1

2 COME SI ENTRA 1. COME SI ENTRA NELL AREA SCHENGEN 2. COME SI ENTRA IN ITALIA 3. IL VISTO 4. CASO PER CASO LA DOMANDA DEL VISTO 5. LA FRONTIERA

3 COME SI ENTRA (1) Gli accordi puntano a realizzare uno spazio comune di libera circolazione tra i cittadini degli Stati aderenti, cancellano le frontiere interne e rafforzano i controlli alle frontiere esterne. (2) Dal 26 ottobre 1997 gli accordi hanno effetti operativi anche per l Italia. Gli accordi risalgono al 14 giugno Fanno parte dell area Schengen (ma le adesioni sono ancora in corso): Germania, Francia, Olanda, Belgio, Lussemburgo, Italia, Spagna, Portogallo, Grecia, Austria, Finlandia. (3) Si tratta di documenti riconosciuti dal Governo italiano per l attraversamento delle frontiere o, in circostanze eccezionali, di lasciapassare validi solo per l Italia. COME SI ENTRA NELL AREA SCHENGEN L Italia aderisce agli accordi di Schengen. (1) Tutti i paesi aderenti che applicano la convenzione (2) hanno eliminato i controlli alle frontiere comuni e hanno creato un unico sistema di visti e ingressi. Gli stranieri che si presentano alla frontiera (via mare, via terra o via aerea) devono avere con sé: un passaporto valido oppure un documento equivalente. (3) un visto di ingresso (quando necessario) e i documenti che giustificano l entrata. risorse economiche per il soggiorno e le spese di ritorno o di transito verso un altro Stato. 10

4 AREA SCHENGEN COME SI ENTRA IN ITALIA LA PROGRAMMAZIONE DEI FLUSSI Ogni anno, il Governo italiano fissa le quote massime di cittadini extracomunitari che possono entrare in Italia. Il tetto è stabilito in base ai seguenti criteri: offerte di lavoro (4) chiamate nominative (5) ricongiungimenti familiari motivi umanitari accordi tra l Italia e i paesi di provenienza (6) (4) L offerta di posti di lavoro, per settore di impiego, determina il numero di lavoratori stranieri che possono trovare occupazione in Italia nell ambito delle quote annuali. (5) Le chiamate nominative comprendono, da un lato, le richieste dei datori di lavoro italiani che già conoscono i lavoratori stranieri che vogliono assumere, dall altro, le richieste che fanno riferimento alle liste di lavoratori stranieri. (6) La riserva di quote di ingresso in base ad accordi bilaterali, tra l Italia e i paesi da cui provengono i cittadini stranieri, rappresenta una novità introdotta dalla legge

5 COME SI ENTRA (7) In caso di guerre, disastri naturali o altri eventi gravi che interessino paesi non aderenti all Unione Europea può essere consentito l ingresso in Italia a cittadini stranieri che ne sono vittime, anche senza visto. Un apposito decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri ne autorizza l ingresso per motivi umanitari. IL VISTO CHI HA BISOGNO DEL VISTO? I cittadini di paesi extraeuropei e gli apolidi devono presentare alla frontiera il passaporto e il visto. I paesi extraeuropei i cui cittadini hanno bisogno del visto per entrare in Italia sono individuati in apposite liste previste dagli accordi di Schengen. CHI NON HA BISOGNO DEL VISTO? (7) I cittadini dell Unione europea possono entrare in Italia senza bisogno di passaporto o di visto. È esente dall obbligo di visto anche lo straniero che, uscito dall Italia, abbia oltre al passaporto: il permesso di soggiorno valido la carta di soggiorno. 12

6 IL VISTO A CHI È NEGATO IL VISTO? Il visto non viene rilasciato agli stranieri: che sono stati precedentemente espulsi dall Italia o da uno dei paesi dell area Schengen considerati pericolosi per l ordine pubblico e la sicurezza dell Italia e degli altri Stati dell Unione Europea in base ad accordi o intese a livello internazionale. UN VISTO PER L ITALIA VALE PER TUTTI I PAESI DEL TRATTATO DI SCHENGEN? Si, se è un visto Schengen, di durata non superiore a tre mesi. No, se si tratta di un visto di durata superiore, regolamentato dalla legge nazionale. 13

7 COME SI ENTRA PER QUALI MOTIVI SI PUÒ RICHIEDERE IL VISTO? QUALI SONO I REQUISITI PER CHIEDERE IL VISTO? Nella richiesta di visto d ingresso devono essere indicati i seguenti dati di base: la ragione del viaggio, i propri dati personali e quelli dei propri familiari, gli estremi del passaporto, il mezzo di trasporto, le risorse economiche sufficienti per viaggio e soggiorno, il luogo dove si intende alloggiare. Adozione Affari Cure mediche Diplomatico Gare sportive Inserimento nel mercato del lavoro Invito Lavoro autonomo o lavoro subordinato Missione Motivi religiosi Reingresso Residenza elettiva Ricongiungimento familiare Studio Transito Turismo 14

8 IL VISTO COME SI OTTIENE IL VISTO? Per ottenere il visto si deve presentare una richiesta al consolato o all ambasciata italiana nel paese di residenza. La domanda è composta di documenti di base uguali per tutti i tipi di visto e documenti specifici. I dati di base da indicare sono: i propri dati personali (nome, cognome, data di nascita, residenza, cittadinanza) e quelli dei propri familiari (8) gli estremi del passaporto o di un altro documento valido la ragione del viaggio (9) i mezzi di trasporto che si intende utilizzare le risorse economiche per le spese di viaggio e soggiorno il luogo dove si alloggerà. Entro 90 giorni dalla presentazione della domanda, (10) le autorità diplomatiche italiane rilasciano o rifiutano (11) il visto. Ottenuto il visto, il cittadino straniero può partire per l Italia. (8) Con un documento valido che dimostri il grado di parentela. (9) Perché da questa dipenderà il tipo e la durata del permesso di soggiorno in Italia. (10) Il termine è di 30 giorni per lavoro subordinato e inserimento nel mercato del lavoro e 120 giorni per lavoro autonomo. (11) Se il visto viene negato, l autorità italiana all estero deve dare allo straniero una spiegazione scritta dei motivi del rifiuto e tutti i chiarimenti su come è possibile fare ricorso contro questa decisione. 15

9 COME SI ENTRA 16 (12) In tutti i casi lo straniero deve presentare, oltre ai documenti necessari al motivo specifico della richiesta, quelli generali per l ingresso. Per tutti i visti che non richiedono una preventiva autorizzazione di autorità italiane, le ambasciate e i consolati sono tenuti ad una attenta valutazione dei requisiti e dei motivi della richiesta di visto. (13) Consente soggiorni fino a 90 giorni e non è rinnovabile. (14) La questura competente è quella del territorio in cui il cittadino straniero troverà impiego. CASO PER CASO LA DOMANDA DEL VISTO (12) TURISMO (13) Requisiti specifici sono: la dimostrazione delle risorse economiche per le spese di soggiorno l esibizione del biglietto di andata e ritorno (o di mezzi per acquistarlo) le prenotazioni di alberghi o la comunicazione di alloggio presso un domicilio privato in Italia. LAVORO Nel caso di lavoro dipendente, la domanda deve contenere: autorizzazione al lavoro rilasciata dalla Direzione provinciale del Lavoro su richiesta del datore di lavoro italiano nulla osta (provvisorio) apposto dalla questura sull autorizzazione. (14) Nel caso di lavoro autonomo, l attività non deve essere riservata, dalla legge, a cittadini italiani o a cittadini di uno degli Stati dell Unione Europea.

10 IL VISTO Il cittadino straniero deve presentare: la dichiarazione che non ci sono ostacoli al rilascio della autorizzazione o della licenza necessarie allo svolgimento dell attività la dichiarazione della Camera di commercio competente per territorio o del competente ordine professionale circa le risorse necessarie all avvio e allo svolgimento dell attività il nulla osta provvisorio della questura. Deve inoltre dimostrare la disponibilità di un alloggio idoneo e di un sufficiente reddito annuo o della garanzia equivalente. Nel caso di inserimento nel mercato del lavoro con sponsorizzazione la domanda deve contenere l autorizzazione all ingresso rilasciata al garante dalla questura (per la prestazione di garanzia vedere il capitolo Il soggiorno, pagina 29). L ingresso per ricerca di lavoro può avvenire anche tramite l iscrizione in liste di prenotazione tenute dalle ambasciate o dai consolati italiani se, dopo 60 giorni dalla pubblicazione del decreto che stabilisce le quote di ingresso, ci sono ancora posti disponibili. CHI ENTRA IN ITALIA CON UN PERMESSO DI SOGGIORNO PER TURISMO PUÒ LAVORARE? No, l ingresso in Italia per turismo non consente altre attività. Non è neanche consentita la proroga o il rinnovo del permesso di soggiorno per turismo, valido per 90 giorni. 17

11 COME SI ENTRA 18 (15) La procedura di ricongiungimento parte comunque dall Italia. (16) Il numero di visti per studio è stabilito di anno in anno con decreto del Ministero degli Affari Esteri in base alle disponibilità di posti nelle Università italiane. (17) Iscrizione alla scuola o all università. COSA PUÒ FARE CHI NON HA RISORSE ECONOMICHE SUFFICIENTI PER VENIRE IN ITALIA A STUDIARE? Può ricorrere al sostegno economico di enti, cittadini italiani o stranieri con un regolare permesso di soggiorno che forniscano una garanzia per il suo ingresso in Italia. RICONGIUNGIMENTI FAMILIARI La richiesta di visto per ricongiungimento familiare va presentata dallo straniero che intende ricongiungersi con un parente in Italia al consolato o all ambasciata italiana nel paese di residenza. Il familiare all estero deve presentare la documentazione che dimostra il grado di parentela o il legame matrimoniale, la minore età, l inabilità al lavoro o la condizione di persona a carico e il nulla osta o la ricevuta della richiesta di nulla osta presentata in questura dal parente che sta in Italia. (15) STUDIO O FORMAZIONE (16) Requisiti necessari sono: l età maggiore di 14 anni la certificazione del corso di studio o dell attività di ricerca (17) una assicurazione sanitaria le risorse economiche sufficienti per il soggiorno oppure il sostegno economico da parte di enti o cittadini italiani o stranieri regolarmente soggiornanti in Italia.

12 IL VISTO CURE MEDICHE (18) La domanda deve contenere: una dichiarazione dell ospedale o della clinica che indichi il tipo di cura, la data di inizio e la durata (orientativa) della cura le risorse economiche per far fronte alle spese (19) il versamento, come deposito, di un anticipo del 30% del costo delle cure alla clinica o all ospedale italiano. La domanda può essere presentata anche da un accompagnatore. (18) Lo straniero che intende curarsi in Italia può richiedere il rilascio di un apposito visto e permesso di soggiorno. (19) Spese sanitarie, di vitto e alloggio e di rimpatrio. MOTIVI RELIGIOSI Prevede soggiorni: per i religiosi che intendano partecipare a manifestazioni di culto o che esercitino funzioni religiose, pastorali o ecclesiastiche. Allo straniero non religioso che voglia frequentare corsi di noviziato, studio o formazione religiosa sarà concesso un visto per studio. Allo straniero che partecipi a pellegrinaggi o a manifestazioni di culto sarà concesso un visto per turismo. 19

13 COME SI ENTRA 20 (20) L adesione agli accordi di Schengen ha rafforzato anche in Italia i controlli alla frontiera attraverso l adozione di sistemi informatici che collegano le autorità di frontiera dei paesi aderenti. (21) Per gli stranieri che provengono da paesi in cui ci sono particolari condizioni epidemiologiche, il Ministero italiano della Sanità può richiedere la presentazione di un certificato medico che attesti l assenza di malattie infettive in corso. (22) L assenza di uno solo dei requisiti necessari all ingresso causa il respingimento, anche se lo straniero è in possesso di un regolare visto di ingresso o di transito. Infatti il visto non garantisce di per sé l ingresso: le autorità di frontiera possono LA FRONTIERA (20) CONTROLLI Alla frontiera italiana, lo straniero è soggetto ai controlli doganali, valutari e sanitari. (21) Passati i controlli, le Autorità di frontiera timbrano il passaporto con la data e il luogo di transito. Entrato in Italia lo straniero ha 8 giorni lavorativi di tempo per richiedere il permesso di soggiorno: il documento che legittima la permanenza in Italia. RESPINGIMENTI La polizia di frontiera respinge gli stranieri che si presentano senza i requisiti richiesti per l ingresso in Italia. (22) Inoltre il questore decide il respingimento, con accompagnamento alla frontiera, nei confronti degli stranieri che: sono entrati in Italia senza passare dai controlli di frontiera ma sono stati fermati all ingresso o subito dopo sono stati temporaneamente ammessi nel territorio per necessità di soccorso.

14 LA FRONTIERA Il mezzo di trasporto (aereo, pullman, treno o nave) che ha portato lo straniero alla frontiera senza i documenti necessari è obbligato a ricondurlo nello Stato di provenienza o in quello dove è stato rilasciato il biglietto di viaggio. (23) Solo in casi eccezionali, il visto può essere rilasciato dalle autorità di frontiera con una durata non superiore a 5 giorni in caso di transito e di 10 giorni in caso di soggiorno. (24) CHI NON PUÒ ESSERE RESPINTO Non possono essere respinti, anche se privi dei documenti e dei requisiti normalmente richiesti per l ingresso in Italia, gli stranieri che: richiedono asilo politico (25) hanno lo status di rifugiato beneficiano di misure di protezione temporanea per motivi umanitari. respingere lo straniero se non ha i mezzi di sostentamento necessari al soggiorno, se non è in grado di fornire esaurienti spiegazioni sul soggiorno in Italia o se rappresenta un pericolo per la sicurezza e l ordine pubblico nazionale. (23) I responsabili hanno l obbligo di verificare che le persone trasportate siano in possesso dei documenti richiesti per l'ingresso in Italia e di riferire alla polizia di frontiera l'eventuale presenza a bordo di stranieri in posizione irregolare. In caso contrario, sono soggetti al pagamento di una multa da 1 a 5 milioni di lire per ogni straniero trasportato. Nei casi più gravi, è prevista la sospensione o la revoca dell autorizzazione o della licenza. 21

15 COME SI ENTRA (24) Insieme al visto di ingresso le autorità di frontiera rilasciano allo straniero una comunicazione, scritta in una lingua a lui comprensibile, che illustra i diritti e i doveri dello straniero che entra in Italia. (25) Per garantire questo diritto, presso i valichi di frontiera sono previsti servizi di accoglienza, informazione e assistenza agli stranieri che intendano presentare domanda di asilo. LOTTA ALL IMMIGRAZIONE CLANDESTINA Chiunque favorisca l'ingresso illegale di stranieri in Italia è punito con il carcere da 3 a 12 anni e una multa fino a 30 milioni di lire per ogni persona che ha fatto entrare clandestinamente. Se questi ingressi sono inoltre destinati allo sfruttamento della prostituzione oppure coinvolgono minori da impiegare in attività illecite, la pena è fissata tra un minimo di 5 e un massimo di 15 anni e una multa di 50 milioni di lire per ogni persona di cui si è favorito l'ingresso illegale. In tutti questi casi: viene eseguito l'arresto in flagranza viene confiscato il mezzo di trasporto utilizzato si effettua un processo con giudizio per direttissima. 22

16 LA FRONTIERA Anche chi favorisce la permanenza in Italia di stranieri irregolari per trarne un ingiusto profitto è punito con la reclusione fino a 4 anni e con la multa fino a 30 milioni di lire. (26) Non costituisce, invece, reato fornire soccorso e assistenza umanitaria a stranieri in condizioni di bisogno anche se presenti illegalmente in Italia. (26) Le somme di denaro confiscate a seguito di condanna per uno di questi reati e le somme di denaro ricavate dalla vendita dei beni confiscati sono destinate al potenziamento delle attività di prevenzione e repressione degli stessi reati. CHI PUÒ CHIEDERE ASILO POLITICO? Lo straniero che ha subito o teme di subire persecuzioni per motivi di razza, religione, nazionalità, opinioni politiche, può fare domanda di asilo alla polizia di frontiera o alla questura. La domanda viene poi trasmessa alla Commissione centrale per il riconoscimento dello status di rifugiato. 23

IL PERMESSO DI SOGGIORNO. a cura di Gianluca Cassuto

IL PERMESSO DI SOGGIORNO. a cura di Gianluca Cassuto IL PERMESSO DI SOGGIORNO CHE COSA È IL PERMESSO DI SOGGIORNO È l autorizzazione a soggiornare in Italia Viene rilasciato dalla Questura (Ministero dell Interno) Si differenziano in base alla durata tra

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l'integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l'integrazione di Cittadini di Paesi Terzi progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi Fondo Europeo per l'integrazione di Cittadini di Paesi Terzi 2007-2013 Annualità 2011 Ministero dell'istruzione

Dettagli

a cura di Gianluca Cassuto

a cura di Gianluca Cassuto Il visto di ingresso è l autorizzazione ad entrare in Italia Viene rilasciato dall Ambasciata Italiana o Consolati Italiani nel Paese di origine Si distinguono in visti di breve periodo (visti di tipo

Dettagli

ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI

ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI SOMMARIO Presentazione... XIII PARTE PRIMA ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI CAPITOLO 1 L INGRESSO DELLO STRANIERO NEL TERRITORIO DELLO STATO 1. Stranieri e apolidi... 3 2. Le condizioni

Dettagli

IL VISTO D'INGRESSO. lavoro autonomo; lavoro subordinato; cure mediche; motivi religiosi; affari; diplomatico; adozione; familiare al seguito;

IL VISTO D'INGRESSO. lavoro autonomo; lavoro subordinato; cure mediche; motivi religiosi; affari; diplomatico; adozione; familiare al seguito; IL VISTO D'INGRESSO I cittadini che intendono soggiornare sul territorio italiano devono esibire alla frontiera la documentazione che giustifichi il loro ingresso e, nei casi previsti, la disponibilità

Dettagli

Indice. Presentazione... p. 15. CAPITOLO PRIMO Fonti e principi generali di Gianluca Maria Bella

Indice. Presentazione... p. 15. CAPITOLO PRIMO Fonti e principi generali di Gianluca Maria Bella Indice Presentazione................................................. p. 15 CAPITOLO PRIMO Fonti e principi generali di Gianluca Maria Bella 1.1. Principi comuni del diritto dell immigrazione.....................»

Dettagli

LA PREFETTURA. Slides a cura della Prefettura di Alessandria. Prefettura di Alessandria

LA PREFETTURA. Slides a cura della Prefettura di Alessandria. Prefettura di Alessandria LA PREFETTURA Prefettura di Alessandria Organo periferico del Ministero dell'interno e sede di rappresentanza del governo in ogni provincia Nel 1999, con la riforma dell'organizzazione del governo è stata

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI

DISPOSIZIONI GENERALI SOMMARIO Capitolo Primo DISPOSIZIONI GENERALI 1 1.1. L ambito di applicazione della legge 1 1.2. Il quadro generale dei diritti 8 1.3. Diritti espressamente garantiti dalla Costituzione agli stranieri

Dettagli

Approfondimento: l assistenza sanitaria

Approfondimento: l assistenza sanitaria Approfondimento: l assistenza sanitaria 1) L'assistenza sanitaria per i cittadini extracomunitari I cittadini stranieri extracomunitari che soggiornano in Italia possono usufruire dell assistenza sanitaria

Dettagli

PREFETTURA e QUESTURA

PREFETTURA e QUESTURA PREFETTURA e QUESTURA Presentazione a cura di Donatella Giunti e Loredana Arena Assistente Sociale della Ispettore Capo della Prefettura di Torino Polizia di Stato Area IV Diritti Civili, Cittadinanza,

Dettagli

Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009. Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano

Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009. Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009 Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano Decreto legislativo 3 ottobre 2008, n. 159 Modifiche ed integrazioni al decreto

Dettagli

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. Profili generali

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. Profili generali CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI SEDE E DIREZIONE NAZIONALE 47900 RIMINI - VIALE TRIPOLI, 214 Tel. 0541.391850 Fax 0541.391594 Web: http://www.cesarimini.it E-mail: servizi@cesarimini.it

Dettagli

PERMESSO CE soggiornanti lungo periodo (art. 9 TU)

PERMESSO CE soggiornanti lungo periodo (art. 9 TU) PERMESSO CE soggiornanti lungo periodo (art. 9 TU) Lo straniero in possesso: - da almeno cinque anni, di un permesso di soggiorno valido - che ha reddito non inferiore all'assegno sociale annuo - di alloggio

Dettagli

RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE - SCHEDA

RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE - SCHEDA RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE - SCHEDA L ingresso per ricongiungimento familiare è possibile previo rilascio del visto per ricongiungimento familiare che consente l ingresso in Italia, ai fini di un soggiorno

Dettagli

Corso Immigrazione Operatori Sindacali. La legislazione

Corso Immigrazione Operatori Sindacali. La legislazione Corso Immigrazione Operatori Sindacali La legislazione Ingresso in Italia Ingresso per brevi periodi Ingresso per soggiorno di lunga durata. Ingresso per Ricongiungimento familiare Ingresso per breve durata

Dettagli

Regolare / Irregolare

Regolare / Irregolare Regolare / Irregolare Ingresso regolare (rispetto delle norme sui visti) Richiesta del permesso di soggiorno entro 8 giorni dall ingresso Rinnovo del permesso entro 60 giorni dalla scadenza Ingresso clandestino

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

CARTA DI SOGGIORNO Io ce l'ho già

CARTA DI SOGGIORNO Io ce l'ho già CARTA DI SOGGIORNO ISTRUZIONI PER L'USO Io ce l'ho già Progetto pilota sperimentale finanziato dalla Regione Lombardia, nell ambito dell accordo di programma con il Ministero del Lavoro e delle Politiche

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI DEI CENTRI PER L IMPIEGO NEI CONFRONTI DEGLI UTENTI STRANIERI. a cura di Sonia Spazzini

GLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI DEI CENTRI PER L IMPIEGO NEI CONFRONTI DEGLI UTENTI STRANIERI. a cura di Sonia Spazzini GLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI DEI CENTRI PER L IMPIEGO NEI CONFRONTI DEGLI UTENTI STRANIERI a cura di Sonia Spazzini Premessa E necessario definire quali siano gli utenti stranieri rispetto ai Centri

Dettagli

Dalle Notizie in evidenza

Dalle Notizie in evidenza Dalle Notizie in evidenza Decreto legislativo 13 febbraio 2014 n. 12 Attuazione della direttiva 2011/51/UE che modifica la direttiva 2003/109/CE del Consiglio per estendere l ambito di applicazione ai

Dettagli

Puoi chiedere informazioni e aiuto a questo numero gratuito: 800.290.290. (24 ore su 24) ti risponderanno nella tua lingua

Puoi chiedere informazioni e aiuto a questo numero gratuito: 800.290.290. (24 ore su 24) ti risponderanno nella tua lingua Se ti hanno condotta in Italia con un contratto di lavoro per motivi artistici e ti hanno fatto avere un permesso di soggiorno con questa dicitura: all art. 27, lett. n) del D. Lgs. 286/1998, sei vincolata

Dettagli

Agenzia delle Entrate

Agenzia delle Entrate Agenzia delle Entrate Direzione Regionale della Lombardia COMITATO TRIBUTARIO REGIONALE NOTIZIE UTILI SU TRIBUTI E LAVORO (Norme in vigore al 30/4/2003) SEI IMMIGRATO E HAI DIFFICOLTA CON LA LINGUA ITALIANA?

Dettagli

da esibire in fotocopia in aggiunta agli originali il giorno della convocazione presso l Ufficio Immigrazione della Questura

da esibire in fotocopia in aggiunta agli originali il giorno della convocazione presso l Ufficio Immigrazione della Questura DOCUMENTI PER IL RILASCIO/RINNOVO DEI PERMESSI DI SOGGIORNO IN FORMATO CARTACEO O ELETTRONICO LA CUI ISTANZA VA PRESENTATA PRESSO LA QUESTURA DI TREVISO UFFICIO IMMIGRAZIONE da esibire in fotocopia in

Dettagli

La procedura per il riconoscimento della protezione internazionale

La procedura per il riconoscimento della protezione internazionale TELEFONO MONDO 800513340 Un servizio di Progetto Integrazione Cooperativa sociale - ONLUS. Ricerche, formazione, mediazione interculturale,interventi sulle problematiche dell'immigrazione. www.telefonomondo.it

Dettagli

Residenza, ospitalità e permesso di soggiorno: questioni e casistiche sull'iscrizione anagrafica dei cittadini stranieri

Residenza, ospitalità e permesso di soggiorno: questioni e casistiche sull'iscrizione anagrafica dei cittadini stranieri LucaTavani Residenza, ospitalità e permesso di soggiorno: questioni e casistiche sull'iscrizione anagrafica dei cittadini stranieri Associazione Nazionale Ufficiali di Stato Civile e d Anagrafe SOGGETTI

Dettagli

GUIDA AL PERMESSO DI SOGGIORNO

GUIDA AL PERMESSO DI SOGGIORNO GUIDA AL PERMESSO DI SOGGIORNO IN QUESTA GUIDA TROVERAI INFORMAZIONI SUI DIVERSI TIPI DI PERMESSO DI SOGGIORNO, SU COME PRESENTARE DOMANDA E RINNOVARE, SUGLI ALTRI DOCUMENTI NECESSARI (RESIDENZA, CARTA

Dettagli

il / / scadenza il / /

il / / scadenza il / / Richiesta nominativa di nulla osta per familiare al seguito ai sensi dell art. 29 del D.Lg.vo n.286/98 come modificato dalla legge n.189/02 e art. 6 D.P.R. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Il permesso di soggiorno per motivi familiari viene rilasciato, nel caso di soggiorno di durata superiore a tre mesi:

Il permesso di soggiorno per motivi familiari viene rilasciato, nel caso di soggiorno di durata superiore a tre mesi: PERMESSO DI SOGGIORNO PER MOTIVI FAMILIARI Il permesso di soggiorno per motivi familiari viene rilasciato, nel caso di soggiorno di durata superiore a tre mesi: allo straniero in possesso del visto per

Dettagli

Permesso di soggiorno

Permesso di soggiorno Permesso di soggiorno Queste disposizioni non si applicano ai componenti del Sacro collegio e del Corpo diplomatico e consolare (art. 8 TU). RICHIESTA E RILASCIO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO Possono soggiornare

Dettagli

SOGGETTI CHE POSSONO INOLTRARE LA RICHIESTA DI RICONGIUNGIMENTO

SOGGETTI CHE POSSONO INOLTRARE LA RICHIESTA DI RICONGIUNGIMENTO RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE L ingresso per ricongiungimento familiare è possibile previo rilascio del visto per ricongiungimento familiare che consente l ingresso in Italia, ai fini di un soggiorno di lunga

Dettagli

REGOLARIZZAZIONE COLF E BADANTI

REGOLARIZZAZIONE COLF E BADANTI REGOLARIZZAZIONE COLF E BADANTI EX ART. 1 TER Legge 102/2009 DI COSA SI TRATTA? La procedura prevista dall art. 1ter della L. 102/2009 è finalizzata all emersione del lavoro in nero svolto nei seguenti

Dettagli

la procedura italiana di ricongiungimento familiare e le relative criticità

la procedura italiana di ricongiungimento familiare e le relative criticità la procedura italiana di ricongiungimento familiare e le relative criticità Procedura ai sensi del Decreto Legislativo 8 gennaio 2007 n. 5 relativa al diritto al ricongiungimento familiare, come emendato

Dettagli

Allegato Mod. T (compilare in stampatello) il / / scadenza il / /

Allegato Mod. T (compilare in stampatello) il / / scadenza il / / Richiesta nominativa di nulla osta per Allo Sportello Unico per familiare al seguito ai sensi l Immigrazione dell art. 29 del D.LG.VO n.286/98 di come modificato dalla legge n.189/02 sigla provincia (1)

Dettagli

La Condizione giuridica dei minori stranieri in Italia

La Condizione giuridica dei minori stranieri in Italia La Condizione giuridica dei minori stranieri in Italia Laura De Carlo La Laura De Carlo 22.04.2015 2.2015 Nozione di Minore Straniero Minore Straniero o Straniero Minorenne? Minore: accertamento dell et

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER LA RICHIESTA DI UN VISTO PER MOTIVI DI AFFARI

FOGLIO INFORMATIVO DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER LA RICHIESTA DI UN VISTO PER MOTIVI DI AFFARI DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER LA RICHIESTA DI UN VISTO PER MOTIVI DI AFFARI 1. Invito su carta intestata da parte di una Ditta italiana compilato rigorosamente secondo il facsimile allegato. La presente

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DIRITTO DEL LAVORO IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Disciplina del lavoro in Qatar Attualmente non esiste il ministero del lavoro in Qatar il quale è stato sciolto con decreto dell emiro del 16

Dettagli

1. INGRESSO E SOGGIORNO

1. INGRESSO E SOGGIORNO 1. INGRESSO E SOGGIORNO 1.1. VISTI DI INGRESSO D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286, Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, art. 4.

Dettagli

Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali

Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE PER I RAPPORTI CON L'UNIONE EUROPEA E PER I RAPPORTI INTERNAZIONALI UFFICIO

Dettagli

III LEZIONE - DISPOSIZIONI SULL INGRESSO/SOGGIORNO NEL TERRITORIO DELLO STATO.

III LEZIONE - DISPOSIZIONI SULL INGRESSO/SOGGIORNO NEL TERRITORIO DELLO STATO. 2 MODULO - TESTO UNICO SULL IMMIGRAZIONE III LEZIONE - DISPOSIZIONI SULL INGRESSO/SOGGIORNO NEL TERRITORIO DELLO STATO. VISTO DI INGRESSO à Per entrare nel territorio italiano si deve richiedere un visto

Dettagli

PERMESSO DI SOGGIORNO CE PER SOGGIORNANTI DI LUNGO PERIODO

PERMESSO DI SOGGIORNO CE PER SOGGIORNANTI DI LUNGO PERIODO PERMESSO DI SOGGIORNO CE PER SOGGIORNANTI DI LUNGO PERIODO Il cittadino extracomunitario in possesso dei requisiti di seguito riportati, può richiedere, per sé e per i propri familiari, il 'permesso di

Dettagli

GUIDA AL PERMESSO DI SOGGIORNO

GUIDA AL PERMESSO DI SOGGIORNO GUIDA AL PERMESSO DI SOGGIORNO IN QUESTA GUIDA TROVERAI INFORMAZIONI SUI DIVERSI TIPI DI PERMESSO DI SOGGIORNO, SU COME PRESENTARE DOMANDA E RINNOVARE, SUGLI ALTRI DOCUMENTI NECESSARI (RESIDENZA, CARTA

Dettagli

Approfondimento su Schengen

Approfondimento su Schengen Approfondimento su Schengen INFORMAZIONI SUL DIRITTO COMUNITARIO INTRODUZIONE Le disposizioni dell accordo di Schengen prevedono l abolizione dei controlli alle frontiere interne degli Stati membri facenti

Dettagli

PERMESSO DI SOGGIORNO PER MOTIVI DI FAMIGLIA

PERMESSO DI SOGGIORNO PER MOTIVI DI FAMIGLIA PERMESSO DI SOGGIORNO PER MOTIVI DI FAMIGLIA RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE ART. 29 D.L.VO 286/1998 Lo straniero titolare di carta di soggiorno o permesso di soggiorno di durata superiore a un anno per motivi

Dettagli

Istruzioni di compilazione

Istruzioni di compilazione Modulo LS2 : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro autonomo e di certificazione attestante il possesso di requisiti per lavoro autonomo ai sensi degli articoli 26 e 9 T.U. Immigrazione

Dettagli

Edizione n. 7-10/01/2007

Edizione n. 7-10/01/2007 Edizione n. 7-10/01/2007 1. Flash Romania e Bulgaria nell Unione europea: liberalizzato di fatto l accesso al lavoro Finanziaria 2007: sanatoria bonus bebè 2. Edizione speciale Lungoresidenti Il permesso

Dettagli

Allegato 6. SERVIZIO CIVILE REGIONALE per STRANIERI Schema Permessi/carte di soggiorno, modalità di rilascio o rinnovo

Allegato 6. SERVIZIO CIVILE REGIONALE per STRANIERI Schema Permessi/carte di soggiorno, modalità di rilascio o rinnovo Allegato 6 SERVIZIO CIVILE REGIONALE per STRANIERI Schema Permessi/carte di soggiorno, modalità di rilascio o rinnovo NO MOTIVI DI LAVORO SUBORDINATO (non stagionale) durata come prevista dal contratto

Dettagli

Istruzioni di compilazione

Istruzioni di compilazione Modulo Z : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro autonomo e di certificazione attestante il possesso di requisiti per lavoro autonomo ai sensi dell'art. 26 T.U. Immigrazione e art.

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 4.9.2014 C(2014) 6141 final ANNEXES 1 to 4 ALLEGATI della decisione di esecuzione della Commissione che stabilisce l elenco dei documenti giustificativi che i richiedenti

Dettagli

IL SOGGIORNO IL PERMESSO DI SOGGIORNO LA CARTA DI SOGGIORNO IL LAVORO I DIRITTI. Diritti e doveri della permanenza in Italia. Il Soggiorno I T A L I A

IL SOGGIORNO IL PERMESSO DI SOGGIORNO LA CARTA DI SOGGIORNO IL LAVORO I DIRITTI. Diritti e doveri della permanenza in Italia. Il Soggiorno I T A L I A 1. IL PERMESSO DI SOGGIORNO IL SOGGIORNO Diritti e doveri della permanenza in Italia 2. LA CARTA DI SOGGIORNO 3. IL LAVORO Il Soggiorno 4. I DIRITTI I T A L I A IL SOGGIORNO (1) Vale il timbro con la data

Dettagli

I nuovi italiani. 1. Un patto leale. Immigrazione: diritti e doveri. La Repubblica italiana è un territorio delimitato

I nuovi italiani. 1. Un patto leale. Immigrazione: diritti e doveri. La Repubblica italiana è un territorio delimitato I nuovi italiani Immigrazione: diritti e doveri 1. Un patto leale La Repubblica italiana è un territorio delimitato da confini, che servono a «distinguerlo», a individuarlo, ma non certo a separarlo dal

Dettagli

Guida sintetica per gli operatori Sei UGL e Patronato ENAS Il Permesso di soggiorno e la Carta di soggiorno

Guida sintetica per gli operatori Sei UGL e Patronato ENAS Il Permesso di soggiorno e la Carta di soggiorno Guida sintetica per gli operatori Sei UGL e Patronato ENAS Il Permesso di soggiorno e la Carta di soggiorno Gli utenti a cui possiamo fornire assistenza, tramite il sito internet www.portaleimmigrazione.it,

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo Z2 : Domanda di certificazione attestante il possesso di requisiti per lavoro autonomo ai sensi dell'art. 26 T.U. Immigrazione e dell'art. 39, comma 9, del D.P.R. n. 394/99 e successive modifiche

Dettagli

Modulo A : Richiesta nominativa e numerica di nulla osta al lavoro domestico ai sensi dell'art. 22 del D.Lgs. 25.07.1998, n.286. Informazioni generali

Modulo A : Richiesta nominativa e numerica di nulla osta al lavoro domestico ai sensi dell'art. 22 del D.Lgs. 25.07.1998, n.286. Informazioni generali Modulo A : Richiesta nominativa e numerica di nulla osta al lavoro domestico ai sensi dell'art. 22 del D.Lgs. 25.07.1998, n.286 Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà

Dettagli

Le ultime disposizioni in materia di cittadini comunitari ed extracomunitari

Le ultime disposizioni in materia di cittadini comunitari ed extracomunitari Le ultime disposizioni in materia di cittadini comunitari ed extracomunitari Le responsabilità degli ufficiali d'anagrafe in relazione alle nuove competenze del Sindaco Convegno nazionale Anusca 20 novembre

Dettagli

SCOPO E OBIETTIVI DELLA LEGGE SOGGETTI DESTINATARI

SCOPO E OBIETTIVI DELLA LEGGE SOGGETTI DESTINATARI SCHEDA SINTETICA D.Lgs. n.286/98 Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero (Modificato dalla legge 30 luglio 2002, n.189 Modifica

Dettagli

STEP 1 Preparazione dei documenti necessari per la richiesta di visto

STEP 1 Preparazione dei documenti necessari per la richiesta di visto STEP 1 Preparazione dei documenti necessari per la richiesta di visto 1. Di seguito si possono trovare i documenti base, necessari per la richiesta di QUALSIASI tipologia di visto: (1) Passaporto Passaporto

Dettagli

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DI CITTADINI COMUNITARI ED EXTRACOMUNITARI

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DI CITTADINI COMUNITARI ED EXTRACOMUNITARI Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA Viale F. Rodolfi n. 37 36100 VICENZA COD. REGIONE 050 COD. U.L.SS. 006 COD.FISC. E P.IVA 02441500242 ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO

Dettagli

Diritto alla salute. Christian Ciaralli 25/ 07/ 2006 6WUDQLHULLQ,WDOLD

Diritto alla salute. Christian Ciaralli 25/ 07/ 2006 6WUDQLHULLQ,WDOLD Diritto alla salute Christian Ciaralli Riferimenti norm ativi Testo Unico immigrazione (D.lgs. 286 del 1998) Art. 34 Art. 35 Iscrizione obbligatoria e volontaria al S.S.N. Assistenza sanitaria per gli

Dettagli

attività lavorativa dovrà effettuarsi. dal governo italiano e stabiliscono, tra l altro, l

attività lavorativa dovrà effettuarsi. dal governo italiano e stabiliscono, tra l altro, l Entrare in Italia per svolgere lavoro subordinato e autonomo: Il cittadino straniero deve possedere al momento di ingresso in Italia un visto per motivi di lavoro a seguito del rilascio del nulla osta

Dettagli

P.A.S.S. - Porta di Accesso ai Servizi Sociali

P.A.S.S. - Porta di Accesso ai Servizi Sociali Documenti richiesti per il RINNOVO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO PER LAVORO SUBORDINATO Fotocopia dell ultimo CUD e delle ultime due busta paga; Per chi è stato assunto prima del 15/11/2011: fotocopia del

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo T : Richiesta nominativa di nulla osta ai sensi dell'art. 29 del D.Lgs. n.286/98 e art. 6 DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni per familiari al seguito per cittadini non presenti

Dettagli

P.A.S.S. - Porta di Accesso ai Servizi Sociali

P.A.S.S. - Porta di Accesso ai Servizi Sociali Documenti richiesti per il RINNOVO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO PER LAVORO SUBORDINATO Fotocopia dell ultimo CUD (oppure 730 o Mod. Unico) e delle ultime due busta paga; Per chi è stato assunto prima del

Dettagli

DOCUMENTI PER IL RINNOVO/AGGIORNAMENTO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO IN FORMATO ELETTRONICO TRAMITE PROCEDURA CON KIT POSTALE

DOCUMENTI PER IL RINNOVO/AGGIORNAMENTO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO IN FORMATO ELETTRONICO TRAMITE PROCEDURA CON KIT POSTALE DOCUMENTI PER IL RINNOVO/AGGIORNAMENTO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO IN FORMATO ELETTRONICO TRAMITE PROCEDURA CON KIT POSTALE da allegare in fotocopia nella busta con cui si spedisce il kit postale ed esibire

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo GN : Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento del genitore naturale non presente sul territorio nazionale al figlio minore, gia' regolarmente soggiornante in Italia con l altro genitore,

Dettagli

RINNOVO PERMESSO SOGGIORNO LAVORO AUTONOMO RINNOVO PERMESSO SOGGIORNO LAVORO SUBORDINATO RINNOVO PERMESSO SOGGIORNO FAMILIARE

RINNOVO PERMESSO SOGGIORNO LAVORO AUTONOMO RINNOVO PERMESSO SOGGIORNO LAVORO SUBORDINATO RINNOVO PERMESSO SOGGIORNO FAMILIARE venerdì su appuntamento RINNOVO PERMESSO SOGGIORNO LAVORO AUTONOMO Modello Unico Bilancino Visura Camerale aggiornata Estratto conto contributi Inps per due anni RINNOVO PERMESSO SOGGIORNO LAVORO SUBORDINATO

Dettagli

Nuove disposizioni in materia di sicurezza, di immigrazione e asilo

Nuove disposizioni in materia di sicurezza, di immigrazione e asilo Nuove disposizioni in materia di sicurezza, di immigrazione e asilo INDICE Introduzione Decreto Legislativo 25 luglio 1998 n. 286 Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione

Dettagli

SOMMARIO n. 4, 2001. Interventi. Proud to be European. Orgoglio e pregiudizi dell identità europea. di Lucia Serena Rossi

SOMMARIO n. 4, 2001. Interventi. Proud to be European. Orgoglio e pregiudizi dell identità europea. di Lucia Serena Rossi SOMMARIO n. 4, 2001 Presentazione pag. 11 Interventi Proud to be European. Orgoglio e pregiudizi dell identità europea. di Lucia Serena Rossi Procedure di regolarizzazione in Europa e criteri di ammissione

Dettagli

Il Testo Unico per l immigrazione D.L. 286 del 1998 e successive modifiche. a cura di Gianluca Cassuto

Il Testo Unico per l immigrazione D.L. 286 del 1998 e successive modifiche. a cura di Gianluca Cassuto Il Testo Unico per l immigrazione D.L. 286 del 1998 e successive modifiche NORMATIVA SULL IMMIGRAZIONE Costituzione della Repubblica Italiana Dichiarazione Universale dei Diritti dell Uomo Decreto Legislativo

Dettagli

REQUISITI PER INGRESSO E SOGGIORNO INFERIORE A TRE MESI. Art. 77 TFUE

REQUISITI PER INGRESSO E SOGGIORNO INFERIORE A TRE MESI. Art. 77 TFUE REQUISITI PER INGRESSO E SOGGIORNO INFERIORE A TRE MESI Art. 77 TFUE 1. L'Unione sviluppa una politica volta a: b) garantire il controllo delle persone e la sorveglianza efficace dell'attraversamento delle

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per. ricongiungimento familiare ai sensi. dell art. 29 del D.LG.VO n.286/98

Richiesta nominativa di nulla osta per. ricongiungimento familiare ai sensi. dell art. 29 del D.LG.VO n.286/98 Richiesta nominativa di nulla osta per Allo Sportello Unico per ricongiungimento familiare ai sensi l Immigrazione dell art. 29 del D.LG.VO n.286/98 di come modificato dalla legge n.189/02 sigla provincia

Dettagli

NORMATIVE SULL IMMIGRAZIONE REGOLARE IN ITALIA

NORMATIVE SULL IMMIGRAZIONE REGOLARE IN ITALIA NORMATIVE SULL IMMIGRAZIONE REGOLARE IN ITALIA INDICE 1. INGRESSO IN ITALIA 2. IL VISTO 3. PRIMI ADEMPIMENTI 4. LO SPORTELLO UNICO PER L IMMIGRAZIONE 5. IL PERMESSO DI SOGGIORNO 6. IL PERMESSO DI SOGGIORNO

Dettagli

I permessi di soggiorno

I permessi di soggiorno Corso accogliere per integrare I permessi di soggiorno Normativa di riferimento dlgs 25 luglio 1998, n. 286 e successive modificazioni D.P.R. 179/2011 Principali tipologie di permessi di soggiorno nella

Dettagli

IL DECRETO FLUSSI, L INGRESSO PER LAVORO. a cura di Gianluca Cassuto

IL DECRETO FLUSSI, L INGRESSO PER LAVORO. a cura di Gianluca Cassuto IL DECRETO FLUSSI, L INGRESSO PER LAVORO COS È IL DECRETO FLUSSI? Il decreto flussi è la legge che ogni anno stabilisce: Il numero di cittadini stranieri che possono venire in Italia a lavorare (PROVENENDO

Dettagli

D. Lgs. 286/98 come modificato dalla Legge n. 189/02

D. Lgs. 286/98 come modificato dalla Legge n. 189/02 D. Lgs. 286/98 come modificato dalla Legge n. 189/02 Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

Ingresso di cittadini extracomunitari ai fini di ricerca scientifica per periodi superiori ai tre mesi

Ingresso di cittadini extracomunitari ai fini di ricerca scientifica per periodi superiori ai tre mesi Ingresso di cittadini extracomunitari ai fini di ricerca scientifica per periodi superiori ai tre mesi Redatto dall Ufficio Ricerca Scientifica e Relazioni Internazionali (aggiornato al 29/02/2012) (art.27

Dettagli

IL RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE

IL RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE IL RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE IL RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE È LA PROCEDURA NECESSARIA PER FAR ARRIVARE IN ITALIA I FAMILIARI I FAMILIARI DA RICONGIUNGERE Coniuge, non legalmente separato maggiore di anni

Dettagli

1) Qual è la normativa di riferimento? 2) Chi può richiedere il ricongiungimento familiare? 3) Per quali familiari si può richiedere?

1) Qual è la normativa di riferimento? 2) Chi può richiedere il ricongiungimento familiare? 3) Per quali familiari si può richiedere? LA PROCEDURA DI RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE PER I CITTADINI STRANIERI RESIDENTI IN PROVINCIA DI VARESE - Risposte a domande frequenti - A cura del Coordinamento della Rete territoriale di sportelli per

Dettagli

per cittadini stranieri

per cittadini stranieri IN ITALIA IN REGOLA Assistenza sanitaria P per cittadini stranieri er i cittadini stranieri, comunitari e non, l iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (S.S.N.) garantisce tutta l assistenza sanitaria

Dettagli

Programma di Formazione Integrata per l innovazione dei processi organizzativi di accoglienza ed integrazione dei cittadini stranieri III Edizione

Programma di Formazione Integrata per l innovazione dei processi organizzativi di accoglienza ed integrazione dei cittadini stranieri III Edizione Associazione Nazionale Comuni Italiani Programma di Formazione Integrata per l innovazione dei processi organizzativi di accoglienza ed integrazione dei cittadini stranieri III Edizione 1 Giornata - Modulo

Dettagli

Conversione del permesso di soggiorno e possibilità di assunzione dei lavoratori stranieri extracomunitari

Conversione del permesso di soggiorno e possibilità di assunzione dei lavoratori stranieri extracomunitari Il punto di pratica professionale Conversione del permesso di soggiorno e possibilità di assunzione dei lavoratori stranieri extracomunitari a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale

Dettagli

Ambasciata d Italia... Domanda di visto per gli Stati Schengen Modulo gratuito...

Ambasciata d Italia... Domanda di visto per gli Stati Schengen Modulo gratuito... 1. Cognome / (x) 2. Cognome alla nascita (cognome/i precedente/i) / (x) 3. Nome/i / (x) 4. Data di nascita (giorno-mese-anno)... 8. Sesso /...: Maschile/... Femminile/... Ambasciata d Italia... Domanda

Dettagli

C) ASILO POLITICO(PROTEZIONE INTERNAZIONALE

C) ASILO POLITICO(PROTEZIONE INTERNAZIONALE DOCUMENTI PER IL RINNOVO/AGGIORNAMENTO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO ELETTRONICO TRAMITE PROCEDURA CON KIT POSTALE da allegare in fotocopia nella busta con cui si spedisce il kit postale ed esibire in originale

Dettagli

Unità 20. La legge sul ricongiungimento familiare. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2

Unità 20. La legge sul ricongiungimento familiare. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2 Unità 20 La legge sul ricongiungimento familiare In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sulla legge per il ricongiungimento familiare parole relative alle leggi sull immigrazione

Dettagli

Convenzione europea relativa al rimpatrio dei minori. L'Aja, 28 maggio 1970

Convenzione europea relativa al rimpatrio dei minori. L'Aja, 28 maggio 1970 Convenzione europea relativa al rimpatrio dei minori L'Aja, 28 maggio 1970 Gli Stati membri del Consiglio d'europa, firmatari della presente Convenzione: Considerando che la loro stretta unione si manifesta,

Dettagli

I.N.P.S. Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

I.N.P.S. Istituto Nazionale della Previdenza Sociale I.N.P.S. Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Polo del welfare Unico interlocutore per i servizi di previdenza e assistenza dopo l integrazione di attività e funzioni dell Inpdap e dell Enpals MEDIATO

Dettagli

Il diritto del lavoratore straniero all unità familiare

Il diritto del lavoratore straniero all unità familiare Il diritto del lavoratore straniero all unità familiare Le fonti Art. 29 Cost.: La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio. Art. 8 CEDU: Ogni persona

Dettagli

NUOVA PROCEDURA COMUNITARI

NUOVA PROCEDURA COMUNITARI NUOVA PROCEDURA COMUNITARI Dall 11 aprile 2007, in adempimento a quanto sancito dal decreto legislativo 6 febbraio 2007, nr.30, recante Attuazione della direttiva 2004/38/CE relativa al diritto dei cittadini

Dettagli

Le principali tipologie di rimpatrio ex artt.23 e 24 del D.P.R. 200/67 riguardano: 1) il rimpatrio di connazionali non residenti all estero;

Le principali tipologie di rimpatrio ex artt.23 e 24 del D.P.R. 200/67 riguardano: 1) il rimpatrio di connazionali non residenti all estero; Circolare n. 14 del 20 novembre 1998 OGGETTO Rimpatri Consolari Al fine di razionalizzare le procedure di rimpatrio consolare, si è ritenuto opportuno, alla luce delle esperienze maturate, aggiornare le

Dettagli

I diritti connessi al soggiorno per motivi di lavoro subordinato

I diritti connessi al soggiorno per motivi di lavoro subordinato I diritti connessi al soggiorno per motivi di lavoro subordinato L iscrizione anagrafica; l assistenza sanitaria; il diritto all unità familiare; la tutela del diritto ad abitare tra accesso all edilizia

Dettagli

LINEAMENTI DELLA NORMATIVA ITALIANA

LINEAMENTI DELLA NORMATIVA ITALIANA Giuseppe Morgese LINEAMENTI DELLA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI IMMIGRAZIONE (dispensa finalizzata allo studio dell esame di Diritto degli stranieri del Corso di Studi in Scienze Politiche, Relazioni

Dettagli

852.11 Ordinanza sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero

852.11 Ordinanza sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero Ordinanza sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero (OAPE) del 4 novembre 2009 (Stato 1 gennaio 2010) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 25 della legge federale del

Dettagli

SOS INFORMADIRITTI. Conoscere per sapere - sapere per orientarsi. Un progetto di Angela Scalzo. in collaborazione con Paola Schiattarella

SOS INFORMADIRITTI. Conoscere per sapere - sapere per orientarsi. Un progetto di Angela Scalzo. in collaborazione con Paola Schiattarella SOS INFORMADIRITTI Conoscere per sapere - sapere per orientarsi Un progetto di Angela Scalzo in collaborazione con Paola Schiattarella A mia sorella Giovanna A chi non ha scelto di essere diverso Alle

Dettagli

RILASCIO E IL RINNOVO DEI PERMESSI DI SOGGIORNO

RILASCIO E IL RINNOVO DEI PERMESSI DI SOGGIORNO COME CHIEDERE IL RILASCIO E IL RINNOVO DEI PERMESSI DI SOGGIORNO Presso gli uffici della Questura, si possono richiedere solo nove tipologie di permesso specifiche. Inoltre, le domande di richiesta e rinnovo

Dettagli

Frequently Asked Questions

Frequently Asked Questions EMERSIONE DAL LAVORO IRREGOLARE DEI LAVORATORI STRANIERI EXTRACOMUNITARI IMPIEGATI NEL SETTORE DOMESTICO Frequently Asked Questions 1. Da quando sono in vigore le procedure per l emersione? Dal 21 agosto

Dettagli

CONFCONSUMATORI. Federazione regionale Toscana GUIDA PRATICA. diritti e doveri del cittadino non comunitario

CONFCONSUMATORI. Federazione regionale Toscana GUIDA PRATICA. diritti e doveri del cittadino non comunitario CONFCONSUMATORI Federazione regionale Toscana GUIDA PRATICA diritti e doveri del cittadino non comunitario DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI EXTRACOMUNITARI La Repubblica Italiana riconosce e garantisce i

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

L'Accordo di Integrazione

L'Accordo di Integrazione di Guida introduttiva all'accordo di Integrazione L'Accordo di Integrazione In per cittadini extra-comunitari Testo elaborato da Cidis Onlus Grafica e illustrazioni Stella Basile Giugno 2013 Integrarsi

Dettagli