PIANO DELL'OPERA. Obiettivo principale: le aree di integrazione e le aree di confine nei percorsi di riabilitazione in età evolutiva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELL'OPERA. Obiettivo principale: le aree di integrazione e le aree di confine nei percorsi di riabilitazione in età evolutiva"

Transcript

1 PIANO DELL'OPERA RIABILITAZIONE IN ETA' EVOLUTIVA: I SAPERI DERIVANTI DALL'ESPERIENZA l attività svolta dai terapisti in area evolutiva ( sia presso gli ambulatori che in contesto scolastico ) incrocia costantemente la dimensione della riabilitazione con i bisogni concreti di autonomia e reinserimento dei pazienti nella vita di tutti i giorni; in particolare si interfaccia intensamente con le domande e la disponibilità a fare tutto il possibile dei familiari. Le competenze richieste in un simile contesto ( definito generalmente di medicina del territorio ) sono complesse ed articolate e,in parte, significativa non rintracciabili nella formazione universitaria ne nell offerta formativa oggi disponibile a livello nazionale. In particolare molti saperi hanno origine nell esperienza diretta degli operatori e/o nella esplorazione di ambiti conoscitivi diversi ( informatica, informazione, tecnologie applicate, assistenza sociale, psicoterapia ). Il presente corso punta a colmare tali deficit di esperienza di seguito meglio specificati: Obiettivo principale: le aree di integrazione e le aree di confine nei percorsi di riabilitazione in età evolutiva L Esperienza di riferimento: sia le lezioni che le esperienze riportate nel corso sono frutto del lavoro costantemente sviluppato nell ambito dell attività riabilitativa condotta presso il Centro di Riabilitazione AXIA ( ) socio fondatore di FocusFad. Il gruppo di docenza: dott.ssa Cimatti Donatella ( medico psicologo); dott. Scarinci Gennaro ( fisiatra); dott.ssa Bini Maria (psicologa e psicoterapeuta); dott. Mazzaro Dario ( esperto in programmazione e qualità)

2 L a struttura del corso : il piano corsuale prevede lo sviluppo di tre corsi FAD tra il con il trattamento progressivo e sistematico delle aree tematiche di seguito elencate; alle aree tematiche sono correlati alcuni corsi FSC ( formazione su campo) e RES (corsi residenziali) che verranno realizzati nel triennio dichiarato. L eventuale iscrizione ai moduli FAD 2012 e 2013 prevede l accesso gratuito al modulo iniziale. Mezzi tecnologici: Personal computer con collegamento a internet, casella di posta elettronica. Risoluzione consigliata a partire da 1.280X800 (vedi dettagli ulteriori a fine documento) PROGRAMMA GENERALE Area Argomento Primo modulo FAD (2011) LA VALUTAZIONE Profilo funzionale Protocollo di Valutazione Il setting di Valutazione Testistica Informatizzazione della Valutazione Misurazione dell Outcome Dalla anamnesi clinica alle competenze Il primo colloquio e la presa in carico; il colloquio di rientro Approccio dinamico ed interdisciplinare Schede per la valutazione; ICF Children Piccoli programmatori: creare utility di facile utilizzo Secondo Modulo FAD (2012) Ostacoli psicologici alle abilità Protocollo per la valutazione del linguaggio L attività di audit clinico Batterie per la valutazione neuropsicologica Piccoli programmatori: creare un archivio dati a misura Modalità di monitoraggio dell outcome Terzo Modulo FAD (2013) Condizionamenti sociali all apprendimento Protocollo per la valutazione neuropsicologica La valutazione in ambito pre-scolare Test informatizzati Piccoli programmatori: sviluppo testistica originale Elaborazione Statistica EVENTO FSC COORDINATO Il setting interdisciplinare (FSC 2012) EVENTO RES COORDINATO

3 IL TRATTAMENTO Linguaggio Principali disturbi nell espressione del linguaggio Principali disturbi sul versante della comprensione Trattamento della sordità ASPETTO METALINGUISTICO Trattamento dislalie Motricità Funzioni cognitive Indicatori neuromotori nell osservazione del bambino e dell adolescente La memoria : valutazione e indicazioni nel trattamento Disprassia e goffaggine L attenzione : valutazione e trattamento Disgrafia e discalculia Il setting della Neuropsicomotricità (FSC 2011) IL TRATTAMENTO DELLA DISFAGIA NEL BAMBINO (2011); DEGLUTIZIONE ATIPICA (2012) DISGRAFIA : valutazione e trattamentoapproccio interdisciplinare (2012) Valutazione e trattamento dell attenzione; disturbo di scrittura, contributo della RPG e dell educazione alla visione (ortottica); Apprendimento VALUTAZIONE DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO ( nuove norme, relazione clinica, STILI DI APPRENDIMENTO E METODI DI STUDIO STILI DI APPRENDIMENTO E METODI DI STUDIO (2012 o 2013)

4 LE ESPERIENZE Relazione indicazioni per gli insegnanti) corpo sano corpo malato : consapevolezza del cambiamento (patologico e fisiologico ) disegno infantile come modalità espressiva - lettura del disegno e dell uso del colore Il corpo adolescente La Famiglia Orientare la famiglia Famiglie fragili? Famiglie e disabilità gravi La Scuola I gruppi operativi Valore riabilitativo della memoria collettiva e sociale) disabilità e gioco adattato Risorse Trucchi e curiosità Il VideoVocabolario Il repertorio dei software opensource (*) Trucchi in terapia del linguaggio Ambienti di programmazione opensource Come creare audiolibri Il terapista programmatore L utilizzo della lavagna interattiva L idea progettuale Prima release Il VideoVocabolario in rete Attaccamento madre-bambino LA PREVENZIONE Motivare alla lettura Giochi di pre-lettura La lettura come processo creativo Approcciare il bambino alla poesia La lettura come processo creativo (2012)

5 Motivare alla scrittura Educare al movimento Pre grafismo La conduzione dei gruppi di psicomotricità a scuola Aspetti psicologici che incidono sul tratto grafico Attività di pregrafismo movimento azione Screening Screening prescolare Screening capacità di letto-scrittura Sicurezza Gestire la sicurezza in contesto ambulatoriale Sicurezza a casa (*) I software riabilitativi sono quasi sempre immaginati come strumenti complessi frutto di ricerca scientifica rigorosa e ad uso di specialisti sanitari. Il mondo del web ha evidenziato in questi anni un incredibile e straordinaria gamma di esperienze e soluzioni ( medici, psicologi, terapisti, insegnanti, studenti e anche familiari dei pazienti) che vengono generosamente messi a disposizione della comunità. Il nostro intento è quello di recuperarli in rete, selezionarli ed adeguarli in modo da essere utilmente e facilmente utilizzate da quelle persone disabili o da chi di loro si prende cura. Programma specifico parte Introduzione 1.Profilo funzionale (30m) 2.Protocollo di Valutazione (90m) 3.Il setting di Valutazione (30m) 4.Testistica ( 60m) 5.Informatizzazione della Valutazione (120m) 6.Orientare la Famiglia (30m)

6 7..Motricità (30m) 8.Test Intermedio 9.Funzioni cognitive (75m) 10.Funzioni Cognitive 2 (75m) 11.Secondo Test Intermedio 12.Risorse (120m) 13.Trucchi e curiosità (60m) 14.Il VideoVocabolario (30m) 15.Motivare alla lettura (30m) 16.Sicurezza (60m) 17.TEST FINALE Nota: fra parentesi tempo stimato

7 Requisiti tecnici minimi Prerequisiti minimi informatici Utilizzo base di un computer con una connessione ad internet Utilizzo base del browser per accedere e navigare in un sito web Utilizzo della posta elettronica Requisiti tecnici minimi per accedere alla piattaforma Moodle Hardware Windows Macintosh Linux Processore 800 MHz Intel Pentium III o superiore 800 MHz PowerPC G4, o superiore 800 MHz Intel Pentium III o superiore RAM 512 MB 256 MB 256 MB Risoluzione video 1024 x x x 768 Audio qualsiasi qualsiasi qualsiasi Scheda video qualsiasi qualsiasi qualsiasi Software di base: Sistema operativo Windows 98 o superiore OS X 10 Distribuzione con kernel o superiore Browser* Firefox 6.0 o superiore Firefox 2.0 o superiore Firefox 2.0 o superiore Connessione Internet ADSL o simili ADSL o simili ADSL o simili

8 Software aggiuntivo per visionare i materiali pubblicati : Adobe Acrobat Reader Versione 9 o superiore Versione 9 o superiore Versione 9 o superiore Flash Player Versione 8 o superiore Versione 8 o superiore Versione 8 o superiore CURRICULA DOCENTI ( ad esclusione della dott.ssa Cimatti Donatella, già inserito come resp.scientifico del corso)

9 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Bini Maria Via Marzabotto 12 S. Giovanni in Persiceto Telefono Fax Nazionalità Italiana Data e luogo di nascita ESPERIENZA LAVORATIVA :Dal 1985 ad oggi la sottoscritta svolge attività inerenti la professione di Psicologo presso il Poliambulatorio privato convenzionato Centro di Riabilitazione Axia nei campi:

10 -Diagnosi Clinica e Progettualità Riabilitativa -Supervisione dei progetti riabilitativi di terapisti del linguaggio e psicologi -Sostegno in chiave sistemico-relazionale e cognitiva delle famiglie e dei contesti scolastici -Psicoterapia in ottica cognitivo-relzionale -Tutoring Tirocinii post laurea di psicologi e psicoterapeuti ( Facoltà di Psicologia, Università di Bologna) -Selezione e Formazione personale interno al Centro di Riabilitazione Axia -Coordinamento Tecnico Settore Neuropsicologico Centro di Riabilitazione Axia ISTRUZIONE E FORMAZIONE 1975 Diploma di Maturità Classica (punteggio 60/60) 1980 Laureata in Psicologia presso il Dipartimento di Psicologia dell Università di Bologna nel 1980 con 110/110 e lode con tesi di laurea dal titolo: Sordità e riabilitazione, il contributo della psicologia cognitiva alla ridefinizione del problema. Iscrizione (n.896) all Albo degli Psicologi e degli Psicoterapeuti dell Emilia Romagna

11 Diploma di terapista del linguaggio conseguito in seguito alla frequenza triennale del corso CESAS, su autorizzazione della regione Emilia Romagna Training biennale in Tecniche di rilassamento psicofisico Conduttori: Dott.B.Barnabei e Dott.ssa P.Affanni Scuola di psicoterapia sistemico-relazionale CIOR (corso introduttivo ottica relazionale) presso l Istituto di Terapia Familiare di Firenze. Direttore: Dott.BERNART Supervisione: ha usufruito di supervisione dal 1996 al 1999 da parte della Dott.ssa Pazzaglia Sabrina ( psicologa-psicoterapeuta iscritta all Albo della Regione Emilia Romagna,socia Spi) Master in Psicoterapia Cognitiva dell età evolutiva (200 ore). Sinesis Centro di Ricerche in Scienze e Terapie Cognitive Direttore: Dott.F.Lambruschi Supervisione: ha usufruito di supervisione da parte della Dott.ssa Tullia Toscani (psicologa-psicoterapeuta iscritta all Albo della Regione Emilia Romagna) didatta dell Istituto di Terapia Familiare di Firenze, Direttrice dell I.T.F in corso tuttora Usufruisce di psicoterapia individuale ad orientamento psicodinamico con psicanalista didatta SPI, Dott.ssa Molinari Silvia, iscritta all Albo della Regione Emilia Romagna. La sottoscritta, operando con responsabilità di formazione e coordinamento tecnico ha gestito numerosi stages di formazione interna nell ambito dei diversi settori del Poliambulatorio. Ha inoltre organizzato numerosi seminari interni aperti anche ad operatori socio-sanitari. Tra i più significativi si segnalano:

12 - Dinamiche psicologiche nel gruppo classe ; relatore Dott.L.Cancrini, dell Università Cattolica La Sapienza Roma - il disturbo di lettura in età evolutiva ; relatrice Dott.ssa C.Burani, CNR Roma - Protesi e riabilitazione; Dott. A. Zaghis, Policlinico Milano - Le dinamiche terapista/famiglia in ottica cognitivo relazionale; rel. Dott. Muratori R. Simap Usl Modena. - Problemi di eminattenzione; rel. Dott.ssa Cimatti, Università di Bologna. - Giovani adulti traumatizzati: la trama delle relazioni paziente, famiglia, operatori, servizi rel. Dott.ssa Toscani T. didatta IstitutoTerapia Familiare Firenze, Direttrice ITF Bologna. DOCENZE :Docenza Corso di aggiornamento rivolto ad insegnanti, scuola d infanzia, Comune di Ferrara. Tema: La comunicazione nella prima e seconda infanzia 1987:Docenza Corso di formazione per psicologi operatori sanitari del S.M.I. S.Giovanni in Persicelo Usl 26 Tema: Sordità infantile: aspetti psicologici e riabilitativi 1988:Docenza Corso di aggiornamento rivolto all equipe psicopedagogia del S.M.I. S.Giovanni in Persicelo Usl 26. Tema: La dislessia evolutiva :Docenza Corso di Formazione triennale rivolto ad insegnanti di scuola materna, Comune di Bologna. Tema: Il bambino scopre la lingua scritta: l occasione della scuola materna :Docenza presso il Corso Ministeriale per la formazione di insegnanti di sostegno (Ist. Gualandi) Materia: Psicolinguistica 1999: Docenza Corso di aggiornamento rivolto a insegnanti di sostegno scuola materna, Comune di Bologna. Tema: Il linguaggio in età prescolare

13 : Docenza Corsi di aggiornamento rivolti a gruppi misti insegnanti materne, elementari, medie. Tema: La prevenzione del disturbo di letto-scrittura,presso il Centro di Documentazione Pedagogica del Comune di Casalecchio di Reno 2003: CORSI ECM (accreditati dalla Regione Emilia Romagna) rivolti a Terapisti del Linguaggio. Temi: - Prevenzione e trattamento dei deficit di letto-scrittura - Inibizione all apprendimento: stili cognitivi e fattori emotivi - Protocolli d intervento in pazienti con esiti da intervento coclearie 2006: "Modulo di aggiornamento interno finalizzato a terapisti e tecnici. I disturbi pervasivi di sviluppo:presentazione del protocollo di intervento NP/AXIA"; 04-05/2006: 5 incontri per Corso di formazione per gli insegnanti dell'istituto San Alberto Magno: "L'integrazione scolastica del bambino con disturbi comportamentali"; 17/10/2006: modulo di aggiornamento interno finalizzato a terapisti "L'utilizzo della catena di valutazione neuropsicologica per l'età evolutiva BVN 5-11 PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE 1986 Bini M.L. L approccio psicolinguistico e terapeutico in Atti corso residenziale di formazione AIMC. Prevenzione e presa in carico del disturbo di lettura e scrittura Bini M.L. Caramelli N. Disturbi di lettura in età evolutiva. Una interpretazione ad un modello di intervento, in Atti XXI Convegno degli Psicologi Italiani, Venezia, 1987.

14 1988 Bini M.L. Dislessia evolutiva e competenza metalinguistica a cura di A. De Filippis, Ed. OMEGA Bini M.L. Educazione e rieducazione: appoggi convergenti o contrastanti in Riabilitazione Oggi, ed. speciale riabilitazione, Milano Mazzaro Dario Bini M.L. Riabilitazione, riattivazione, animazione in stimolazione globale dell anziano in struttura protetta. Supplemento al n. 2 di L ente d ingrandimento, Spep Coop Bini M.L. ( a cura di ) il mondo azzurrese: percorsi riabilitativi in età evolutiva. Supplemento n. 2, di L ente d ingrandimento, Spep Coop. Bologna Bini M.L. Prevenzione delle difficoltà di lettura e scrittura: un training triennale in fascia prescolare ; in Atti del convegno internazionale Imparare: questo è il problema S. Marino 1994 Bini M.L. et AL. Necessità di un trattamento rieducativo multidisciplinare nel traumatizzato cranico ; in Gli Ospedali della Vita, n. 3

15 1999 Bini M.L. Percorso di recupero e reinserimento sociale di pazienti con esiti da trauma cranio encefalico ; in La Riabilitazione verso il 2000 Atti del convegno nazionale, Bellaria settembre PUBBLICAZIONI IN AREA NON SCIENTIFICA 1997 Bini M.L. Una notte di vento sul mare, raccolta di poesie, ed. Libro italiano PRIMA LINGUA Italiano PATENTE B

16 Autorizzo al trattamento dei dati personali in base alla normativa vigente

17 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Mazzaro Dario Via Marzabotto 12 S. Giovanni in Persiceto Nazionalità Italiana Data e luogo di nascita ESPERIENZA LAVORATIVA : impegnato a tempo pieno in qualita' di educa- tore, in seguito di coordinatore e psicologo presso l'anffas di bologna. In particolare, presso le strutture semiresidenziali per handicappati neuropsichici gravi "Villa Tabellini e Casa Gialla" convenzionate

18 con l'usl 29 (BO) : impegnato a tempo pieno presso la Spepcoop, in qualita' prima di terapista della psicomotricita' e psicologo presso il Poliambulatorio denominato " Centro di Terapia del linguaggio e della Psicomotricita'" (convenzionato ai sensi dell'art.26 della L.833/78), in seguito come responsabile di area aziendale e direttore tecnico della cooperativa : responsabile promozione e sviluppo e responsabile qualità del Centro di Riabilitazione Axia, Coop sociale-onlus In specifico, nel corso degli anni citati, mi sono occupa- to in modo approfondito di:

19 - programmazione, gestione e supervisione di servizi semiresidenziali e residenziali a carattere socio-riabilitativo rivolti ad utenza portatrice di handicap e disabilita', disagio sociale, anziani, sofferenza psichica. - conduzione e supervisione di equipe' multiprofessionali in campo riabilitativo ed assistenziali. - elaborazione e sperimentazione di modelli teorici ed o- perativi attinenti la diagnosi funzionale in riabilitazione, il training neuroropsicologico nei disturbi cognitivi in eta' evolutiva, la riattivazione dell'anziano, i protocolli di intervento assistenziale in geriatria. - progettazione originale di sistemi a rete per i servizi alla persona ( A.D.I., Domicilio Allargato, Teleassis-

20 tenza, Agenzie Territoriali Educative, Sistema a rete per utenza psichiatrica, Servizio per l'emergenza socia- le) - elaborazione originale di metodi per la conduzione dei gruppi operativi ( circoli di qualita', gruppi di progetto, formazione personale) e sistemi per la valutazione ed il controllo di efficenza, efficacia e qualita' percepita nei servizi. - produzione di programmi software per la programmazio- ne, il controllo gestionale e la pianificazione opera- tiva di servizi a rete. - le realta' di servizio contattate direttamente ed in modo significativo concernono i territori di bologna e provincia, ferrara, trento, roma, frosinone, trieste.

21 - sul piano teorico, ho ampiamente approfondito la let- teratura attinente: - la terapia della riabilitazione; - la psicologia cognitiva; - le tecniche socio-riabilitative; - la musicoterapia; - la promozione delle risorse umane; - la psicogeriatria; - la legislazione socio-assistenziale; - il marketing sociale; - il controllo di qualità; : Direttore Generale Axia, Coop sociale-onlus - Responsabile Innovazione del Consorzio Eptalavorosociale Onlus - Programmatore applicativi per gestione dati ( php) 2009 EAPQ ( esperto area professionale) Sistema Regionale delle Competenze regione Emilia-Romagna

22 ISTRUZIONE E FORMAZIONE Laureato c/o il Dipartimento di Psicologia Facolta' di Lettere e Filosofia Universita' degli studi di Bologna con Tesi di Psicologia Sperimentale dal titolo "L'esperienza musicale: uno spunto per la psicopedagogia sperimentale" rel. proff. G.MINGUZZI con punti 110 e Lode specializzato in "Terapia della Psicomotricita'" corso triennale presso il CESAS - Parma. - partecipazione ad innumerevoli corsi di aggiornamento regionali e nazionali in tematiche attinenti la riabi-

23 litazione, la riattivazione in geriatria, la diagnosi funzionale in neuropsicologia, la formazione del personale assistenziale ed educativo, le metodiche di progettazione e gestione dei servizi sociali e saniteri, il controllo di qualita' nei servizi. - formazione biennale in tecniche di rilassamento ( training autogeno per immagini e SOUBIRAN ) 1986: IL DISTURBO DI LETTURA IN ETA' EVOLUTIVA - giornata di studio - Centro di Terapia del linguaggio e della psicomotricita' - Spepcoop rel. BINI,MAZZARO,BURANI 1986: L'EVOLUZIONE LINGUISTICA E PSICOMOTORIA DEL BAMBINO SORDO

24 - aggiornamenti scientifici - Centro di Terapia... rel. RUGGERI,MAZZARO,BINI 1986: IL CONTRIBUTO DELL'APPROCCIO PSICOMOTORIO E DELLA TERAPIA DEL LINGUAGGIO NELLA PREVENZIONE E PRESA IN CARICO DEL DISTURBO DELLA LETTURA E SCRITTURA - corso residenziale per insegnanti - AIMC - Gonnesa ( Cagliari ) rel. BINI,BARNABEI,RUGGERI,AFFANNI,MAZZARO 1988: LA FORMAZIONE PERSONALE DELL'EDUCATORE PER L'HANDICAP NEUROPSICHICO GRAVE - corso semiresidenziale - usl 26 - S.Giovanni P. conduttori: MAZZARO,RUGGERI 1988: PSICOMOTRICITA' NELLA RIABILITAZIONE DEL DANNO MOTORIO CEREBRALE - convegno nazionale - usl 27 (BO) - Spepcoop

25 rel.: LANZZI,FERRARI,PFANNER,STELLA,LOPERFIDO,PERFETTI, MONTAGNA,BOSCAINI,FEDRIZZI,AFFANNI,BARNABEI,CARBONI,WILLE,MAZZARO,RUGGERI,LA MACCHIA,NEGRI,SABBADINI, POLLETTA,BONNER,BIONDI,PESCI,CAMERONI, BARBON 1988: CORSO DI FORMAZIONE AREA HANDICAP - formazione interna Spepcoop : CORSO DI FORMAZIONE AREA PSICHIATRICA - formazione interna Spepcoop : RIABILITAZIONE DEL DANNO MOTORIO CEREBRALE - seminario residenziale - usl P.S.GIORGIO (AP) 1990: CORSO AGGIORNAMENTO AREA HANDICAP - formazione interna Spepcoop /91: MODULO FORMATIVO SETTORE ANZIANI - formazione interna Spepcoop -

26 1990: CORSO DI AGGIORNAMENTO SETTORE RIABILITATIVO - formazione interna Spepcoop : DEL METODO E QUANTO NE CONSEGUE - seminari di studio - SPEPCOOP ( relatori interni e di uussll bologna) 1992: CORSO DI PRIMA FORMAZIONE/SELEZIONE EDUCATORI - Spepcoop : CORSO DI QUALIFICAZIONE MIRATA PER OPERATORI SOCIO-EDUCATIVI - formazione interna Spepcoop - ore: : CORSO DI QUALIFICAZIONE MIRATA PER OPERATORI DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA - formazione interna Spepcoop - ore: 70

27 1993: CORSO DI PRIMA FORMAZIONE PER OPERATORI DI RIABILITAZIONE SOCIALE - Provincia autonoma di Trento - ore: : CORSO DI FORMAZIONE PER QUADRI TECNICO GESTIONALI - AGF Bologna ; FONDO SOCIALE EUROPEO - ore: 600 ( coordinamento didattico e lezioni di marketing sociale ) : CORSO DI FORMAZIONE certificazione iso LINNEA-AXIA: Fondo Sociale Europeo ore:200 (formazione alla metodologia del miglioramento continuo) PUBBLICAZIONI 1986: D.MAZZARO,BINI,AFFANNI,BARNABEI,RUGGERI

28 "Atti del corso di aggiornamento" 1-6/sett./1986 AIMC Gonnesa (CA) 1987: D.MAZZARO "Visione come processo cognitivo" Atti del Convegno internazionale di psicomotricita' NIZZA,maggio : D.MAZZARO "Paralisi cerebrale infantile: aspetti metodologici ed epistemologici" in Atti del Convegno nazionale di psicomotricita', Salsomaggiore, Ottobre : D.MAZZARO "La struttura cognitiva dell'atto motorio: la consa- pevolezza dell'azione nella pratica riabilitativa"

29 in Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa n.3, vol.2, : SINOPPI,TONDI,MAZZARO "Prima esperienza di riattivazione psicomotoria in anziani ospitati in casa di riposo" in Gli Ospedali della Vita, anno XVI, n : D.MAZZARO et AA.: "Due anni di esperienza di riattivazione psicomotoria in anziani non autosufficienti istituzionalizzati: risultati e prospettive future" in Gli Ospedali della Vita, anno XVII, n : SINOPPI,TONDI,MAZZARO "Considerazioni su esperienze di psicomotoria in anziani non autosufficienti" in MEDICINA GERIATRICA, n.6, anno XXII

30 1990: D.MAZZARO et AA. "La riattivazione psicomotoria sul territorio: l'esperienza delle vacanze in citta' per anziani" in Gli Ospedali della Vita, anno XVII, n : D.MAZZARO (a cura di) "Stimolazione globale dell'anziano in struttura protetta" supp.al n.2 di L'Ente di Ingrandimento 1992: SINOPPI,TONDI,MAZZARO "La riabilitazione: identita' e prospettive" 1^ Meeting di Medicina Fisica e Riabilitazione, Gardone Riviera,25/ (atti) 1992: BINI,MAZZARO,RUGGERI "Aspetti di terapia psicomotoria con bambini sordi"

31 in Il Mondo Azzurrese,percorsi riabilitativi in eta' evolutiva supp. n.2 di L'Ente di Ingrandimento 1992: SINOPPI,TONDI,MAZZARO "Un modello di intervento globale rivolto all'anziano" in Villa Bernaroli, per una citta' che vuole saper invecchiare supp. n.4/5 di L'Ente di Ingrandimento 1993: D.MAZZARO et AA. "Villa Bernaroli Inverno" in Gli Ospedali della Vita, anno XX n : D.Mazzaro e A. Un percorso di controllo della qualità nell ambito di un servizio riabilitativo a domicilio

32 PRIMA LINGUA Italiano Patente B in HOME CARE, n. 2/3 aprile/settembre 1998

33

34 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Scarinci Gennaro Indirizzo Via Marzabotto 17 Rastignano Telefono Fax Nazionalità Italiana Data e luogo di nascita Bologna 16/04/1957 ESPERIENZA LAVORATIVA 1995 ad oggi coordinatore e referente fisiatra del settore neuromotorio del Poliambulatorio AXIA di Bologna,

35 attualmente accreditato, con esperienza maturata in particolare nell'ambito della riabilitazione domiciliare; attività specialistica ambulatoriale libero professionale presso il Centro, accreditato, San Petronio di Bologna; dal 1991 al 2008 Direttore Sanitario del Centro di Terapia Ionoforetica di Bologna; servizio come medico sostituto presso l'u.s.l. 29 di Bologna; Medico Fiscale presso l'i.n.p.s. di Bologna; luglio 1998 come specialista fisiatra, sostituzione presso l'i.n.a.i.l. di Bologna; nell'anno 1990/91 e 1991/92 docente l'insegnamento di "Neuroriabilitazione dell'adulto" presso la scuola per Terapisti della Riabilitazione dell'u.s.. 28 di Bologna nell'anno 1991/92 insegnamento di "Elementi generali di Chinesiterapia" presso la scuola per Massofisioterapisti dell' U.S.L. 28 di Bologna

36 relatore al convegno "Medicina Fisica e Riabilitazione in età geriatrica" presso l'u.s.l. 5 di Urbino; medico volontario a tempo pieno il Servizio di Terapia Fisica e Riabilitazione dell' Ospedale S.Orsola - Malpighi di Bologna nel periodo 09/01/ /12/1990; ISTRUZIONE E FORMAZIONE 18/6/1987 laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l'università di Bologna 1987 abilitazione alla professione medica conseguita presso l'università di Bologna nella II sessione dell'anno

37 02/07/1991 Diploma di Specializzazione in Fisioterapia presso l'università di Bologna con punteggio di 70/70 di essere iscritto all'ordine dei Medici di Bologna dal CORSI DI AGGIORNAMENTO maggio 2001 al Corso di Aggiornamento "Stabilità clinica e terapia di mantenimento: quale riabilitazione?" riconosciuto dalla Commissione nazionale per la Formazione Continua degli operatori della sanità con il conferimento di n. 15 crediti formativi E.C.M. maggio 2002 al Corso di Aggiornamento "Le algodistrofie e le mobilizzazioni protesiche" riconosciuto dalla Commissione nazionale per la Formazione Continua degli operatori della sanità con il conferimento di n. 13 crediti formativi E.C.M. marzo 2003 al Corso di Aggiornamento "Nuovi orientamenti chirurgici e riabilitativi nelle patologie sportive." riconosciuto dalla Commissione nazionale per la Formazione Continua degli operatori

38 della sanità con il conferimento di n. 8 crediti formativi E.C.M. maggio 2003 al Corso di Aggiornamento "Riabilitazione medica e Riabilitazione sociale: quale integrazione?." riconosciuto dalla Commissione nazionale per la Formazione Continua degli operatori della sanità con il conferimento di n. 16 crediti formativi E.C.M. giugno 2003 al Corso di Aggiornamento "Artro academy progetto formativo ad alto supporto tecnologico." riconosciuto dalla Commissione nazionale per la Formazione Conmtinua degli operatori della sanità con il conferimento di n. 3 crediti formativi E.C.M. ottobre 2003 al Corso di Aggiornamento "Aspetti preventivi e di relazione nel trattamento riabilitativo ambulatoriale e domiciliare." maggio 2004 al Corso di Aggiornamento "Il Fisiatra e la chirurgia funzionale." riconosciuto dalla Commissione nazionale per la Formazione Continua degli operatori della sanità con il conferimento di n. 14 crediti formativi E.C.M.

39 maggio 2004 al Corso di Aggiornamento "La riabilitazione del paziente con grave cerebrolesione." riconosciuto dalla Commissione nazionale per la Formazione Continua degli operatori della sanità con il conferimento di n. 5 crediti formativi E.C.M. giugno 2004 al Corso di Aggiornamento "Progetto e programma in medicina riabilitativa: il lavoro in team interprofessionale." riconosciuto dalla Commissione nazionale per la Formazione Continua degli operatori della sanità con il conferimento di n. 12 crediti formativi E.C.M. novembre 2004 al Corso di Aggiornamento "Corso di formazione teorico-pratico sulla tecnica infiltrativa intrarticolare." riconosciuto dalla Commissione nazionale per la Formazione Continua degli operatori della sanità con il conferimento di n. 6 crediti formativi E.C.M. gennaio 2005 al Corso di Aggiornamento "Rachialgie e danni cartilaginei." riconosciuto dalla Commissione nazionale per la Formazione Continua degli operatori della sanità con il conferimento di n. 6 crediti formativi E.C.M.

40 aprile 2005 al Corso di Aggiornamento "Ricerca, formazione e rieducazione nella paralisi cerebrale infantile." riconosciuto dalla Commissione nazionale per la Formazione Continua degli operatori della sanità con il conferimento di n. 9 crediti formativi E.C.M. aprile 2005 al Corso di Aggiornamento "L ausiliazione : come smontare una carrozzina, analisi delle caratteristiche tecniche dell ausilio." riconosciuto dalla Commissione nazionale per la Formazione Continua degli operatori della sanità con il conferimento di n. 4 crediti formativi E.C.M. maggio 2005 al Corso di Aggiornamento "I disturbi dell'equilibrio in clinica della riabilitazione." riconosciuto dalla Commissione nazionale per la Formazione Continua degli operatori della sanità con il conferimento di n. 15 crediti formativi E.C.M. novembre 2005 al Corso di Aggiornamento "Evidence based rehabilitation: trattamento riabilitativo delle patologie dorsali dell'adulto." riconosciuto dalla Commissione nazionale per la Formazione Continua degli operatori della sanità con il conferimento di n. 6 crediti formativi E.C.M. ottobre 2006 al Corso di Aggiornamento "Invecchiare in salute. Artrosi oggi:prevenire, diegnosticare, curare." riconosciuto dalla Commissione nazionale per la Formazione Continua degli operatori della sanità con il conferimento di n. 4 crediti formativi E.C.M.

41 febbraio 2006 al Corso teorico-pratico sulla "Gestione integrata ospedale-territorio del paziente con low back pain." riconosciuto dalla Commissione nazionale per la Formazione Continua degli operatori della sanità con il conferimento di n. 5 crediti formativi E.C.M. maggio 2006 al Convegno "Il sistema del coma a Bologna." ottobre 2006 al Corso di Aggiornamento "Il trauna distorsivo cervicale." riconosciuto dalla Commissione nazionale per la Formazione Continua degli operatori della sanità con il conferimento di n. 16 crediti formativi E.C.M. febbraio 2007 al Corso di Aggiornamento "Le instabilità articolari nello sportivo." riconosciuto dalla Commissione nazionale per la Formazione Continua degli operatori della sanità con il conferimento di n. 5 crediti formativi E.C.M. maggio 2007 al Corso di Aggiornamento "Medicina riabilitativa e Oncologia." riconosciuto dalla Commissione nazionale per la Formazione Continua degli operatori della sanità con il conferimento di n.11 crediti formativi E.C.M. novembre 2007 al Corso di Aggiornamento "II congresso ortomed: bone healing." riconosciuto dalla Commissione nazionale per la Formazione Continua degli operatori della sanità con il conferimento di n. 4 crediti formativi E.C.M.

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Con il patrocinio di Corso di formazione ECM con metodo Problem Based Learning LE MALFORMAZIONI VASCOLARI CONGENITE: IL SOSPETTO DIAGNOSTICO E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Procedura per sottoscrivere la partecipazione Il professionista sanitario che voglia

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già MASTER BIENNALE ECM NEUROSCIENZE PER LA CLINICA ESPERTA DELLE DISABILITA' COGNITIVE ASSOCIAZIONE PSIONLUS ROMA ANNO 2012-2014 L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA

IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA UFFICIO FORMAZIONE E ECM IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA Mod. -0701-08 a Rev. 02 Del 10/07/2011 LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: STRATEGIE E STRUMENTI LOW ED HIGH TECH PER LA COMUNICAZIONE,

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Easy PDF Creator is professional software to create PDF. If you wish to remove this line, buy it now.

Easy PDF Creator is professional software to create PDF. If you wish to remove this line, buy it now. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome LUSSU AGNESE Indirizzo S.C. Riabilitazione Sanitaria e Sociosanitaria Territoriale Cagliari Area vasta 22,

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass I Informazioni personali Cognome(i/)/Nome(i) Rouame Abdelaziz Indirizzo(i) 7, via S. Andrea, 48022, Lugo di Romagna, Italia Telefono(i) 051 6597766/ 0545 24698 Mobile: 3282119380

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Iscrizione Albo Regione Sardegna n. 259

Iscrizione Albo Regione Sardegna n. 259 CURRICULUM VITAE EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI Nome Cognome Data e luogo di nascita ESPERIENZE LAVORATIVE ANTONELLO CATOGNO 13/06/1974 - Alghero (SS) Indirizzo Via Degli Orti, 68 Cap, Città 07041 Alghero

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli