REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE DI PUBBLICI ACQUEDOTTI. Art.1 NORME GENERALI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE DI PUBBLICI ACQUEDOTTI. Art.1 NORME GENERALI"

Transcript

1 COMUNE DI SASSOFERRATO Piazza Matteotti, 1 Telefono : 0732/9561 Fax : 0732/ E mail : Web : REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE DI PUBBLICI ACQUEDOTTI Art.1 NORME GENERALI Il Comune di Sassoferrato, nei limiti delle disponibilità e delle potenzialità degli acquedotti comunali, concede a richiesta, una determinata quantità di acqua ad uso privato, sotto l osservanza delle norme contenute nel presente regolamento. Art. 2 RETE DI DISTRIBUZIONE L acqua potabile ad uso privato, di norma viene somministrata per i soli edifici ubicati in vie, piazze, frazioni o accasati provvisti di rete di distribuzione qualora il numero delle concessioni richieste e la loro importanza sia tale da renderlo conveniente. Art. 3 RETE DI DISTRIBUZIONE PUBBLICA E PRIVATA L Amministrazione comunale, in casi eccezionali, e qualora le disponibilità idriche lo consentano, può autorizzare a chi ne faccia richiesta, la derivazione dalla rete di distribuzione di un pubblico acquedotto a servizio di località, accasati e case sparse che ne siano sprovviste, a spese del richiedente e secondo direttive del Servizio Acquedotti Comunali. Sono vietate derivazioni da condotte prementi o adduttrici ad eccezione di casi particolari e che comunque non rechino pregiudizio alla regolare distribuzione. I privati possessori di pozzi e sorgenti dovranno utilizzarli in modo da rendere impossibile il refluire di acqua privata nella condotta pubblica. Per ciò che riguarda gli impianti di autoclave centralizzati dovrà essere posto un contatore generale in ingresso la cui lettura dovrà corrispondere alla sommatoria degli utilizzi parziali. In caso di discordanza il maggiore consumo verrà addebitato in parti uguali ai singoli utenti interessati. E vietato altresì condottare permanentemente acqua al dì fuori degli immobili per i quali esista la concessione, salvo apposita autorizzazione. Sono consentiti apparecchi di utilizzo posti in aderenza alle murature esterne dell immobile medesimo. Gli impianti esistenti dovranno essere adeguati alle presenti disposizioni ed i contravventori sono passibili della rescissione del contrato o della sospensione del nuovo allaccio, oltre alle sanzioni di cui al successivo art.16.

2 Art. 4 MANUTENZIONE DELLA RETE IDRICA Il Comune assume l obbligo della manutenzione fino al contatore delle derivazioni idriche realizzate direttamente e di quelle successivamente adeguate ai sensi del successivo art. 5. Resta a carico dell utente la manutenzione, fino alla condotta comunale, delle derivazioni esistenti non sottoposte ad adeguamento. Resta a carico dell utente la manutenzione del proprio impianto di utilizzo. E espressamente vietato derivare condutture idriche prima del contatore, pena le sanzioni di cui all art. 16 e la rescissione immediata dal contratto con distacco dell utenza. Art. 5 LAVORI DI DERIVAZIONE DALLA RETE IDRICA COMUNALE I lavori per la realizzazione della derivazione idrica, compreso il materiale, sono a totale carico dell utente, ma verranno realizzati direttamente e/o attraverso ditte specializzate dal Comune, previo addebito all utente delle somme necessarie. Il concessionario, successivamente alle domande di fornitura, provvederà al versamento dell anticipo delle spese redatto dall Ufficio Tecnico Comunale. Il Comune potrà dietro formale richiesta del concessionario, assumere in carico le derivazioni esistenti. A tal fine eseguirà a spese del concessionario, i lavori di adeguamento e miglioria ritenuti necessari dall Ufficio Tecnico Comunale. La manutenzione delle derivazioni esistenti non sottoposte ad adeguamento, resta a carico del concessionario. In mancanza, il Comune effettuerà i necessari interventi di manutenzione addebitando il costo all interessato o provvederà alla sospensione dell erogazione. Art. 6 INSTALLAZIONE DEI CONTATORI La fornitura e posa in opera dei contatori è riservata al Comune. E vietata qualsiasi forma di manomissione del contatore che sarà debitamente sigillato dagli addetti. L asportazione del sigillo comporterà un addebito di consumo all utente pari al triplo del minimo contrattuale, oltrechè le sanzioni di cui all art. 16. Art. 7 MANUTENZIONE IMPIANTI I concessionari sono tenuti alla perfetta manutenzione dei loro impianti di utilizzo e sono responsabili di qualsiasi guasto sia nella tubatura che negli apparecchi fino al rubinetto di arresto del contatore. Non eseguendo essi i lavori di riparazione e modificazione riconosciuti necessari dal Servizio Acquedotti Comunale, l Ente sarà in diritto o di farli eseguire d ufficio a spese del concessionario o di sospendere l erogazione dell acqua, senza bisogno di speciali autorizzazioni.

3 Art. 8 CONCESSIONI Le domande di concessione, redatte in carta legale dagli utenti, debbono essere dirette dal Sindaco ed indicare: a) generalità del richiedente e numero di codice fiscale; b) quantità di acqua potabile richiesta ed uso; c) punto di derivazione della conduttura e quello di installazione del contatore; d) accettazione senza riserve delle disposizioni del presente regolamento. Ogni concessione dovrà risultare da apposito contratto, nel quale sarà inserita la clausola che si intendono in essa incluse tutte le disposizioni del presente regolamento. Prima della stipula del contratto ogni concessionario deve versare all Economo Comunale un diritto fisso di allaccio che sarà stabilito con separato atto deliberativo. Tutte le spese di contratto sono a totale carico del concessionario. Art. 9 DURATA DELLE CONCESSIONI La concessione avrà la durata di un anno e si intenderà tacitamente rinnovata di anno in anno qualora non sia intervenuta disdetta da una delle parti almeno un mese prima della scadenza. La disdetta dovrà essere data per iscritto. Indipendentemente dalla stipula del contratto la durata della concessione sarà computata dal 1 gennaio successivo. Qualora una abitazione non sia occupata per trasferimento in corso d anno del proprietario o del locatario, il cocessionario ha facoltà di disdire il contratto anche in corso d anno, in tal caso la disdetta avrà effetto dal trimestre successivo a quello in cui è stato segnalato l evento. La diminuizione o l interruzione del deflusso di acqua, come la sospensione temporanea delle derivazioni private, qualunque ne sia il motivo determinante, non daranno mai diritto ad abbuoni od indennizzi di sorta nè tanto meno a riduzioni del canone. Art. 10 DIVIETO DI SUB CONCESSIONE _- USO DELL ACQUA E vietato all utente di subconcedere l acqua avuta in concessione, in tutto od in parte, ad altri proprietari e così anche di consentire altri innesti di derivazione a valle del contatore. L acqua non potrà essere destinata ad uso diverso da quello indicato nella concessione. Art. 11 LETTURA DEI CONTATORI La rilevazione del consumo dell acqua sarà effettuata dagli agenti del Comune all uopo incaricati od eventualmente da ditta specializzata incaricata dal Comune. Gli agenti hanno diritto al libero accesso, senza obbligo di preavviso, sullo stabile nel quale si

4 usufruisce dell acqua per eseguirvi lettura del contatore, verifiche o contestazioni. Qualora l utente vi si opponga o qualora per la sua assenza non fosse possibile l accesso degli agenti e comunque non si rendesse possibile la lettura del contatore, l utente sarà formalmente invitato a fornire lui stesso la lettura del contatore nei successivi dieci giorni, trascorsi i quali, il contratto di concessione si intenderà rescisso e sarà provveduto senza ulteriore preavviso all interruzione della derivazione, senza che l utente sia esonerato dal pagamento integrale del canone. Il ripristino della derivazione è subordinato al pagamento del diritto fisso di allaccio di cui all art. 8. La bolletta di accertamento rilasciata agli utenti dall incaricato della lettura ha valore di notifica e la mancata contestazione nei quindici giorni successivi rende definitivo l accertamento anche agli effetti della fatturazione. Art. 12 VERIFICHE DEL CONTATORE I concessionari possono sempre chiedere la verifica straordinaria del contatore per controllarne l esattezza del funzionamento. All uopo dovranno allegare alla richiesta la ricevuta di un deposito da effettuarsi presso l Economo Comunale, di un importo da determinare con separato atto deliberativo. Tale somma sarà rimborsata nel solo caso che sia riscontrato un errore superiore al 10%, ritenendosi tale limite ammesso come tolleranza. Qualora, per inconvenienti o guasti alla presa, alle condutture o al contatore, il consumo rilevato risultasse in tutta evidenza diverso da quello presumibile, si procederà a rettifica d ufficio, ragguagliandolo a quello dell anno precedente. I concessionari sono tenuti in ogni caso a comunicare tempestivamente al Sindaco in forma scritta eventuali avarie o danneggiamenti del contatore. Art. 13 PAGAMENTO DEL CANONE Il pagamento del canone, dei consumi extracontrattuali e del nolo del contatore dovrà essere effettuato alle scadenze stabilite dal Comune e comunicate agli utenti mediante apposito avviso contenente gli estremi della fatturazione. In caso di ritardo nel pagamento, si applicheranno le seguenti penalità: a) maggiorazione del 5% dell importo della bolletta per pagamenti effettuati dal 9^ giorno al 30^ giorno successivo alla scadenza; b) maggiorazione del 10% dell importo della bolletta per pagamenti effettuati dal 31^ giorno al 60^ giorno successivo alla scadenza; c) maggiorazione del 25% dell'importo della bolletta per pagamenti effettuati dal 61^ giorno al 90^ giorno successivo alla scadenza. Trascorsi 90 giorni dal termine ultimo della scadenza del pagamento, l'ufficio Tributi comunica all'utente, a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, il mancato pagamento della bolletta (comprensiva della sanzione di cui al punto c)) e qualora lo stesso non vi provveda nei 15 giorni successivi alla ricezione della comunicazione, il contratto si intende risolto ad ogni effetto e la derivazione sarà interrotta. La riattivazione della derivazione è subordinata alla stipula di un nuovo contratto ed il pagamento del diritto fisso di allaccio di cui all art. 8.

5 Art.13 bis ESENZIONI In caso di calamità naturali la Giunta Comunale può con apposito atto esonerare dal pagamento del canone annuo anticipato di fornitura idrica gli utenti che hanno subito danni alla loro abitazione. Art. 14 NORME FINALI Qualora gli agenti del Comune rilevassero contatori collocati in posizione tale da non consentire la lettura agevole o una sufficiente protezione, contesterà immediatamente l irregolarità. L utente nei 10 giorni successivi alla notifica è tenuto alla rimozione degli ostacoli che impediscono la lettura del contatore e alla realizzazione degli accorgimenti necessari alla sua protezione, e non ottemperandovi nel termine suddetto si provvederà alla sospensione della erogazione ed alla rescissione del contratto. L eventuale successivo riallaccio della presa è subordinato al pagamento del diritto fisso di allaccio di cui all art. 8. Per la competenza giudiziaria a tutti gli effetti di ogni e qualunque controversia, l utente elegge domicilio nel Comune di Sassoferrato. Art. 15 TARIFFE Le tariffe ed il ruolo del contatore potranno essere variati con deliberazione consiliare quando lo richiedano il maggior costo d esercizio od altre cause, senza bisogno di avviso preventivo, essendo sufficiente la pubblicazione all albo pretorio della relativa deliberazione. Art. 16 SANZIONI PER INOSSERVANZA DEL REGOLMENTO Salvo quanto già previsto all art. 13 per i ritardati pagamenti, l inosservanza e l infrazione da parte dell utente agli obblighi ed alle norme contenute nel presente regolamento comporterà l applicazione di una sanzione pecuniaria da L a L che sarà stabilita con deliberazione della Giunta Municipale a seconda dell entità dell infrazione, senza pregiudizio dell azione giudiziaria per il recupero di crediti e per i reati previsti dalla legge penale.

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Deliberazione C.C. n. 21 del 9/6/2011 In vigore dal 3 luglio 2011 1 I N D I C E Art. 1 - Oggetto

Dettagli

CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. approvato con delib. del Commissario Straordinario n.

CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. approvato con delib. del Commissario Straordinario n. CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE approvato con delib. del Commissario Straordinario n.723 del 25/10/1984 TITOLO I GESTIONE DELL ACQUEDOTTO E SISTEMA DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

CITTA DI CASTENASO. Provincia di Bologna

CITTA DI CASTENASO. Provincia di Bologna CITTA DI CASTENASO Provincia di Bologna REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE E LA FRUIZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI VIONE PROVINCIA DI BRESCIA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 26/11/2010 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI SOMMARIO Art. DESCRIZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI CAPO I NORME GENERALI ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento disciplina il servizio per l illuminazione

Dettagli

COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA

COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE E FORNITURA DELL ACQUA SOMMARIO Art. DESCRIZIONI 1 ALLACCIAMENTI 2 PREVENTIVAZIONE 3 PROPRIETA DELL OPERA 4 CORRISPETTIVO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE Allegato alla deliberazione C.C. n 25 del 9 novembre 2009 Art.1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nel CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nel CIMITERO COMUNALE COMUNE DI RIGNANO GARGANICO Provincia di Foggia REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nel CIMITERO COMUNALE Approvato con Deliberazione Consiliare n. 45 del 30.11.2013-1

Dettagli

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 40 del 30/11/2010 I N D I C

Dettagli

CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO. Regolamento Comunale Lampade votive

CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO. Regolamento Comunale Lampade votive CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO Regolamento Comunale Lampade votive APPROVATO CON ATTO DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 28 DEL 20.07.2015 Pagina n. 1 di 5 Art.1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 40 del 01.08.2014 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI OGGIONA CON SANTO STEFANO PROVINCIA DI VARESE C.A.P.21040 - C.F. e P.IVA 00309390128 - Tel. 0331/214961 - Fax 216460 e-mail tributi@comune.oggionaconsantostefano.va.it www.comune.oggionaconsantostefano.va.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE Approvato con delib. C.C. n. 35 del 30.09.2013. Pagina 1 di 7 I N D I C E Art. 1 - Oggetto e finalità

Dettagli

COMUNE DI ADRANO REGOLAMENTO. del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA

COMUNE DI ADRANO REGOLAMENTO. del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Pagina 1 di 5 COMUNE DI ADRANO Provincia di Catania REGOLAMENTO del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 11 del 27/02/2010 Pagina 1 INDICE Pagina 2 di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE ART. 1 Il Servizio della distribuzione dell acqua potabile, nelle zone di Aquileia ove tale servizio è in funzione, è assunto in privativa dall Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Comune di Calvenzano P.zza Vitt. Emanuele II, 6 Tel. 0363/860711 Fax. 0363/860799 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Dettagli

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE Attesa la necessità di approvare un nuovo testo del Regolamento Comunale di Illuminazione Votiva,

Dettagli

COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE DI PONSACCO

COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE DI PONSACCO COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE DI PONSACCO Regolamento approvato con Delibera C.C. N. 42 del 28/09/2012 1 REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SINOPOLI PROV. DI REGGIO CALABRIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE DI SINOPOLI Approvato con deliberazione Consiglio Comunale

Dettagli

SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE E GESTIONE DELL ACQUA POTABILE

SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE E GESTIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI OPPIDO MAMERTINA CORSO LUIGI RAZZA N. 2 89014 PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA SERVIZI TECNICI COMUNE DI OPPIDO MAMERTINA UFFICIO TECNICO Tel. Ufficio Tecnico: 0966/879108 Centralino: 0966/879111

Dettagli

COMUNE DI PISOGNE Provincia di Brescia. Regolamento per l erogazione del servizio di illuminazione lampade votive presso i Cimiteri comunali

COMUNE DI PISOGNE Provincia di Brescia. Regolamento per l erogazione del servizio di illuminazione lampade votive presso i Cimiteri comunali COMUNE DI PISOGNE Provincia di Brescia Regolamento per l erogazione del servizio di illuminazione lampade votive presso i Cimiteri comunali Approvato con deliberazione consiliare N 04 del 13/05/2013 Art.

Dettagli

Regolamento per il servizio lampade votive

Regolamento per il servizio lampade votive COMUNE DI SAN GODENZO Provincia di Firenze Regolamento per il servizio lampade votive Approvato con deliberazione consiliare N 5 del 23.02.2012 Indice Art.1 - Premessa 2 Art.2 - Allacciamento 2 Art.3 Spese

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas naturale per uso domestico e civile Approvato con deliberazione di C.C. n. 15 del 12.03.1982 COMUNE DI CARNAGO

Dettagli

COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE

COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE Adottato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 9 del 25 maggio 2010 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Oggetto

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso R E G O L A M E N T O PER LA SOMMINISTRAZIONE DEL GAS (Approvato con deliberazione di C.C. n. 69/1986) 1 ART. 1) ENTE GESTORE - NORME PER LA FORNITURA - SISTEMA

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVATO CON DELIBERA

Dettagli

COMUNE di LERMA Provincia di Alessandria

COMUNE di LERMA Provincia di Alessandria COMUNE di LERMA Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA CIMITERIALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 30-11-2013 Art. 1 - OGGETTO E

Dettagli

COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione C.C. n. del INDICE Art.1 Oggetto del Regolamento Art.2 Forma

Dettagli

Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DELL ACQUA POTABILE DISTRIBUZIONE CON SISTEMA DI MISURA A CONTATORE

Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DELL ACQUA POTABILE DISTRIBUZIONE CON SISTEMA DI MISURA A CONTATORE &2081(',*(1=$12',520$ Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DELL ACQUA POTABILE DISTRIBUZIONE CON SISTEMA DI MISURA A CONTATORE (Approvato con Deliberazione di C.C. n 78 del 27 dicembre

Dettagli

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE E FORNITURA DELL ACQUA RIGENERATA NELL IMPIANTO DI RIUSO DI OSTUNI Art. 1 ( Oggetto ) Il presente Regolamento

Dettagli

C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A

C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A Provincia di Siena REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI COMUNALI Allegato alla D.C.C. n. 29 del 27/06/2005 1 INDICE ART.1 ART.2 ART.3

Dettagli

Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale

Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale C ittà d i Squillace -Provincia di Catanzaro- Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI AULLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

COMUNE DI AULLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI AULLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C. N. 60 DEL 29.12.2011 1 SOMMARIO SOMMARIO.

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA CIMITERI CAPOLUOGO E FRAZIONE CORTEREGGIO

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA CIMITERI CAPOLUOGO E FRAZIONE CORTEREGGIO COMUNE DI SAN GIORGIO CANAVESE Provincia di Torino Tel. 0124-32.121 Fax. 0124-32.51.06 e-mail: municipio@comunesangiorgio.it REGOLAMENTO SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA CIMITERI CAPOLUOGO E FRAZIONE CORTEREGGIO

Dettagli

COMUNE DI SANGINETO PROVINCIA DI COSENZA. REGOLAMENTO COMUNALE Per l erogazione del servizio di illuminazione lampade votive.

COMUNE DI SANGINETO PROVINCIA DI COSENZA. REGOLAMENTO COMUNALE Per l erogazione del servizio di illuminazione lampade votive. COMUNE DI SANGINETO PROVINCIA DI COSENZA REGOLAMENTO COMUNALE Per l erogazione del servizio di illuminazione lampade votive. Il presente regolamento: è stato deliberato dal consiglio comunale nella seduta

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DI LUGO E FORESE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DI LUGO E FORESE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DI LUGO E FORESE (Deliberazione di Consiglio Comunale n. 140 del 12.12.2002) Dicembre 2002 Redatto dal Servizio Contratti - Cimiteri ART.

Dettagli

COMUNE DI FONTE NUOVA (Provincia di Roma) REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO REGOLAMENTO SOMMINISTRAZIONE IDRICA.

COMUNE DI FONTE NUOVA (Provincia di Roma) REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO REGOLAMENTO SOMMINISTRAZIONE IDRICA. REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO n. 10 DEL 25.02.2002 REGOLAMENTO SOMMINISTRAZIONE IDRICA Articolo 1 Distribuzione dell acqua e uso Il Comune somministra acqua nel suo

Dettagli

COMUNE DI ACRI REGOLAMENTO PER L'USO E LA DISTRIBUZIONE DELL'ACQUA POTABILE

COMUNE DI ACRI REGOLAMENTO PER L'USO E LA DISTRIBUZIONE DELL'ACQUA POTABILE COMUNE DI ACRI REGOLAMENTO PER L'USO E LA DISTRIBUZIONE DELL'ACQUA POTABILE TITOLO I RETE DI DISTRIBUZIONE Art. 1 I. Il servizio pubblico della distribuzione dell acqua potabile è gestito direttamente

Dettagli

COMUNE DI PONTE LAMBRO

COMUNE DI PONTE LAMBRO COMUNE DI PONTE LAMBRO Provincia di Como UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO SERVIZIO LAMPADE VOTIVE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE NR. 13 DEL 27 GENNAIO 2006 IN VIGORE DAL 01 GENNAIO 2006 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI PIATEDA * * *

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI PIATEDA * * * Approvato con deliberazione di C.C. n. 35 del 30.11.2004 COMUNE DI PIATEDA Prov. di Sondrio REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI PIATEDA * * * APPROVATO

Dettagli

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como. Regolamento PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como. Regolamento PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como Regolamento PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE 1 I N D ICE Art. 1 Fornitura dell acqua Art. 2 Nuovi allacciamenti su strade prive di rete Art. 3 Ampliamenti di tubazioni

Dettagli

C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO

C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 49 del 29/11/2010 - Entrato in vigore il 01/01/2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Città di Lomazzo C.A.P. 22074 Piazza IV Novembre, 4 (CO) Tel. 02-9694121 - Fax 02-96779146 E-mail info@comune.lomazzo.co.it N.Cod.Fisc.N.Part.I.V.A. 00566590139 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE

Dettagli

Comune di Serravalle Scrivia Provincia di Alessandria

Comune di Serravalle Scrivia Provincia di Alessandria Comune di Serravalle Scrivia Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA GESTIONE IN ECONOMIA DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PRIVATADELLE SEPOLTURE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Deliberazione C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE NATURA E MODALITÀ' DEGLI ALLACCIAMENTI ART. 1 - La Società eroga acqua potabile in via ordinaria o provvisoria, da derivarsi dalla rete primaria, secondaria

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI PINZANO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE ************************* DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Il servizio della distribuzione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di GALATONE Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE Allegato alla delibera di consiglio n. del Art. 1 OGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ACQUEDOTTO RURALE E PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA USO IRRIGUO COMUNE DI BIANZONE PROVINCIA DI SONDRIO Approvato con delibera di C.C. n. 10 del 27.04.2011

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ACQUA POTABILE DEL PUBBLICO ACQUEDOTTO

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ACQUA POTABILE DEL PUBBLICO ACQUEDOTTO Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ACQUA POTABILE DEL PUBBLICO ACQUEDOTTO ANNO 2001 Versione modificata con la Delibera del Consiglio Comunale Numero

Dettagli

CITTA DI AMANTEA (Prov. di Cosenza)

CITTA DI AMANTEA (Prov. di Cosenza) CITTA DI AMANTEA (Prov. di Cosenza) REGOLAMENTO SERVIZIO ILLUMINAZIONE LOCULI CIMITERIALI APPLICAZIONE E RISCOSSIONE DEI CANONI DELLE LAMPADE VOTIVE APPROVATO CON DELIBERAZIONE N. 04 ADOTTATA DAL CONSIGLIO

Dettagli

COMUNE DI CALCIO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE

COMUNE DI CALCIO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE COMUNE DI CALCIO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 28 del 23/06/2015 1 Art. 1 OGGETTO E FINALITA

Dettagli

Erogasmet S.p.A. Carta del Servizio di distribuzione dell acqua tramite rete EROGASMET S.P.A.

Erogasmet S.p.A. Carta del Servizio di distribuzione dell acqua tramite rete EROGASMET S.P.A. EROGASMET S.P.A. CARTA DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA TRAMITE RETE 1 Indice Indice... 2 PRESENTAZIONE... 3 1 PREMESSA... 3 2 PRINCIPI FONDAMENTALI... 3 2.1 Eguaglianza ed imparzialità di trattamento...

Dettagli

COMUNE DI CASTROCIELO Provincia di Frosinone REGOLAMENTO COMUNALE PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO

COMUNE DI CASTROCIELO Provincia di Frosinone REGOLAMENTO COMUNALE PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO COMUNE DI CASTROCIELO Provincia di Frosinone REGOLAMENTO COMUNALE PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del 29.09.2012 1 COMUNE DI CASTROCIELO

Dettagli

Comune di Castelfidardo

Comune di Castelfidardo Comune di Castelfidardo REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO DEL COMUNE DI CASTELFIDARDO - Delibera Consiglio Comunale n 22 del 23/03/2004 - Indice:

Dettagli

COMUNE DI ANDORA PROVINCIA DI SAVONA UFFICIO ACQUEDOTTO. Orari ufficio: Lunedì-Mercoledì-Venerdì dalle 8,30 alle 12,30 Giovedì dalle 13,30 alle 17,00

COMUNE DI ANDORA PROVINCIA DI SAVONA UFFICIO ACQUEDOTTO. Orari ufficio: Lunedì-Mercoledì-Venerdì dalle 8,30 alle 12,30 Giovedì dalle 13,30 alle 17,00 CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE ACQUA POTABILE N. INTESTATARIO PERSONA FISICA Il Sig. / La Sig.ra nato/a a il residente in C.A.P. indirizzo COD FISC: in qualità di TEL. CELL. INTESTATARIO PERSONA GIURIDICA

Dettagli

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI DI CASTAGNETO CARDUCCI DONORATICO BOLGHERI Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE ---- -- - - REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE (Appro~l(I con la dcllberft,10:1 COI1IIIi110 Comw1IIIe 1001J) 123 d~1 30 PUf\II'\ Slodaeo On.le AdrilU1a Poli-Bortone A.'~ét'I!iQre rag Ange\o Tondo J)lretto~

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI FIVIZZANO Provincia di Massa Carrara UFFICIO TECNICO - SERVIZIO CIMITERIALE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI Fivizzano, 25/10/2008 Approvato con Delibera

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA PRESSO I CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA PRESSO I CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA PRESSO I CIMITERI COMUNALI Art. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento ha per oggetto la fornitura dell illuminazione

Dettagli

COMUNE DI BORGIA Provincia di Catanzaro

COMUNE DI BORGIA Provincia di Catanzaro COMUNE DI BORGIA Provincia di Catanzaro *********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI Regolamento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n 36 del 28/11/2014

Dettagli

art. 1 OGGETTO E FINALITÀ DEL REGOLAMENTO

art. 1 OGGETTO E FINALITÀ DEL REGOLAMENTO CITTÀ DI SAN MARCO IN LAMIS COMUNE GIOIELLO D ITALIA 2012 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 57 del 1 dicembre

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

CARTA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO CARTA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO APPROVATO CON DELIBERAZIONE G.C. N. 30 DEL 19.02.2014 PREMESSA La presente carta del servizio idrico è stata adottata dal Comune di CARLAZZO in adempimento delle disposizioni

Dettagli

CONTRATTO DI FORNITURA ACQUA POTABILE DITTA BUCARO

CONTRATTO DI FORNITURA ACQUA POTABILE DITTA BUCARO CONTRATTO DI FORNITURA ACQUA POTABILE DITTA BUCARO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI FORNITURA ACQUA USO IDRO-POTABILE PER UTENZE EXTRAURBANE ART. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO 1. Con il presente contratto

Dettagli

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI approvato con deliberazione di C.S. n. 50 del 19/3/2004 1 Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO APPROVATO con deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ACQUEDOTTO

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ACQUEDOTTO COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ACQUEDOTTO Testo integrato e coordinato con le modifiche apportate (al testo originario adottato con deliberazione C.C. nr. 122 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI LENO REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 35 del 12.07.2007 CAPO PRIMO: GENERALITA...4 Art. 1: Limiti per la distribuzione...4

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI COMUNE DI GESSATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI - APPROVATO con deliberazione del C.C. n. 15 del 31.01.1986 - PUBBLICATO all Albo Pretorio il giorno 18.02.1986

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA COMUNE DI GORLA MAGGIORE - Provincia di VARESE - REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA ASPETTI AMMINISTRATIVI Approvato con delibera consigliare n 13 del 28/02/2002 - esecutivo dal 27/03/2002

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO

COMUNE DI SPILIMBERGO COMUNE DI SPILIMBERGO PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ACQUEDOTTO COMUNALE Approvato con deliberazione consiliare n.20 del 28.01.2005 1 TITOLO I GENERALITA ART.1 ENTE GESTORE DELL

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALE DI VEZZANO SUL CROSTOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALE DI VEZZANO SUL CROSTOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALE DI VEZZANO SUL CROSTOLO Allegato alla delib. C.C. n. 82 del 28.10.2005 Art. 1 OGGETTO E FINALITA

Dettagli

COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI

COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI Provincia di Pavia Via Cavour, 18 27039 Sannazzaro de Burgondi c.f. 00409830189 email: info@comune.sannazzarodeburgondi.pv.it REGOLAMENTO GAS COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di BUCINE Provincia di Arezzo REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Allegato alla delib. C.C. n. 13 del 14.03.2006. Art. 1 OGGETTO

Dettagli

ELENCO PREZZI. Tutti i prezzi indicati devono considerarsi espressi in Euro, IVA esclusa.

ELENCO PREZZI. Tutti i prezzi indicati devono considerarsi espressi in Euro, IVA esclusa. ELENCO PREZZI In riferimento al paragrafo 3.2 del Codice di Rete per la Distribuzione del Gas Naturale, redatto dall Autorità per l Energia Elettrica e il Gas, il presente documento elenca le prestazioni

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

REGOLAMENTO ILLUMINAZIONE VOTIVA

REGOLAMENTO ILLUMINAZIONE VOTIVA REGOLAMENTO del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del 1 ART. 1 Oggetto del regolamento Il presente Regolamento disciplina il servizio di illuminazione

Dettagli

COMUNE DI PRATOVECCHIO STIA PROVINCIA DI AREZZO

COMUNE DI PRATOVECCHIO STIA PROVINCIA DI AREZZO COMUNE DI PRATOVECCHIO STIA PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO D ILLUMINAZIONE - LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con deliberazione C.C. n. 26 del 09/08/201

Dettagli

CONDIZIONI SERVIZIO ILLUMINAZIONE VOTIVA

CONDIZIONI SERVIZIO ILLUMINAZIONE VOTIVA CONDIZIONI SERVIZIO ILLUMINAZIONE VOTIVA ART. 1 ALLACCIAMENTO IMPIANTO ILLUMINAZIONE VOTIVA I cittadini possono richiedere in qualsiasi momento l allacciamento di una lampada votiva elettrica sulle tombe,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO E DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER L USO E DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE REGOLAMENTO PER L USO E DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE 1 TITOLO I GESTIONE DEL SERVIZIO Art. 1 Il servizio di erogazione dell acqua potabile è assunto dal Comune di Ponderano secondo le norme tecniche

Dettagli

Provincia di Cagliari. Regolamento per la distribuzione e fornitura dell acqua rigenerata

Provincia di Cagliari. Regolamento per la distribuzione e fornitura dell acqua rigenerata COMUNE DI VILLASIMIUS Provincia di Cagliari Regolamento per la distribuzione e fornitura dell acqua rigenerata Approvato con deliberazione consigliare N 37 del 16/07/1999 INDICE ART. 1 - OGGETTO... 3 ART.

Dettagli

Spett.le. Comune di DOMANDA NUOVO ALLACCIAMENTO RETE IDRICA E IMPEGNO CONTRATTUALE PER LA FORNITURA DI. Il sottoscritto. (c.f.

Spett.le. Comune di DOMANDA NUOVO ALLACCIAMENTO RETE IDRICA E IMPEGNO CONTRATTUALE PER LA FORNITURA DI. Il sottoscritto. (c.f. Spett.le Comune di OGGETTO: DOMANDA NUOVO ALLACCIAMENTO RETE IDRICA E IMPEGNO CONTRATTUALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE. Il sottoscritto (c.f. ) nato a il residente a in via n. tel. in qualità di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Gestione del Servizio Il servizio di distribuzione dell acqua potabile è affidato dal

Dettagli

Comune di Bernalda Provincia di Matera

Comune di Bernalda Provincia di Matera Comune di Bernalda Provincia di Matera C.f. 810010 90778 P.I. 004110 5776 - CCP 125697 52 tel. 0835.5 40218 fax 0835 540251 email: sicsoci ale@co mune.b ernalda.matera.it AREA di P.O. n 3 SETTORE SOCIO

Dettagli

ELENCO PREZZI. Tutti i prezzi indicati devono considerarsi espressi in Euro, IVA esclusa.

ELENCO PREZZI. Tutti i prezzi indicati devono considerarsi espressi in Euro, IVA esclusa. ELENCO PREZZI In riferimento al paragrafo 3.2 del Codice di Rete per la Distribuzione del Gas Naturale, redatto dall Autorità per l Energia Elettrica e il Gas, il presente documento elenca le prestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 26 del 15 febbraio 1985 S.I.100 ARTICOLO 1 Gestione dell acquedotto Regolamento Tariffe Programmazione

Dettagli

DELIBERA N. 664/06/CONS

DELIBERA N. 664/06/CONS DELIBERA N. 664/06/CONS Regolamento recante disposizioni a tutela dell utenza in materia di fornitura di servizi di comunicazione elettronica mediante contratti a distanza (Proposta di modifiche) Articolo

Dettagli

Impianti per la pubblicità diretta Gestione e manutenzione di transenne parapedonali

Impianti per la pubblicità diretta Gestione e manutenzione di transenne parapedonali CITTA DI SALSOMAGGIORE TERME SETTORE 3 TERRITORIO ED INFRASTRUTTURE Servizio Ambiente Viale Romagnosi, 7 43039 Salsomaggiore Terme (PR) Tel. 0524/580239 Fax 0524/580299 www.comune.salsomaggiore-terme.pr.it

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 A) LOCATORE CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 COGNOME E NOME, nato a Luogo (CO) in data data e residente in Luogo(CO), Indirizzo e n. civico, C.F. Se società:

Dettagli

Comune di CASTELBIANCO

Comune di CASTELBIANCO Comune di CASTELBIANCO REGOLAMENTO ACQUEDOTTO APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 6 del 6 Giugno 2003 INDICE Art 1. Fornitura dell acqua. Art 2. Domanda di fornitura Art 3. Modalità per

Dettagli

Contratto di servizio per utenze raggruppate

Contratto di servizio per utenze raggruppate PGQ -7-02-70 Contratto di servizio per utenze raggruppate Art. 1 Oggetto e finalità Il presente contratto disciplina, in attuazione dell art. 50 del Regolamento del Servizio Idrico Integrato e della Direttiva

Dettagli

Art. 4 - Durata del contratto I contratti di somministrazione del gas hanno la durata di un anno e si rinnovano tacitamente di anno in anno.

Art. 4 - Durata del contratto I contratti di somministrazione del gas hanno la durata di un anno e si rinnovano tacitamente di anno in anno. Oggetto Il presente Regolamento, redatto secondo le direttive stabilite dall'aeeg con deliberazione n. 229/01 e successive modificazioni e integrazioni, disciplina la somministrazione e la fornitura di

Dettagli

COMUNE DI LUCOLI. (Provincia di L Aquila) CONTRATTO DI CONCESSIONE IN USO DEL TERRENO (LOTTO N. ) DI

COMUNE DI LUCOLI. (Provincia di L Aquila) CONTRATTO DI CONCESSIONE IN USO DEL TERRENO (LOTTO N. ) DI SCHEMA CONTRATTO DI CONCESSIONE ALLEGATO - C COMUNE DI LUCOLI (Provincia di L Aquila) CONTRATTO DI CONCESSIONE IN USO DEL TERRENO (LOTTO N. ) DI PROPRIETÀ COMUNALE PER L'INSTALLAZIONE DI STRUTTURE MOBILI

Dettagli

COMUNE DI ALGHERO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO. Regolamento Idrico

COMUNE DI ALGHERO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO. Regolamento Idrico COMUNE DI ALGHERO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Regolamento Idrico Approvato con Delibera Consiliare N 49 del 10.04.1998, resa esecutiva con Provv. Co.Re.Co. N 2456 del 05.06.1998. Integrato con successive

Dettagli

Città di SAN PRISCO Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

Città di SAN PRISCO Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE Città di SAN PRISCO Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 24 del 27.04.2006 Testo entrato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA IDRICA SU RETE URBANA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA IDRICA SU RETE URBANA COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo ***** CAP 90024 Via Salita Municipio, 2 tel. 0921644076 fax 0921644447 P. Iva 00475910824 - www.comune.gangi.pa.it REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA IDRICA SU

Dettagli

CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE

CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE Contratto N. Codice N. Volume N. CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE In data, tra la Sidra S.p.A., che da ora indicheremo come Sidra, da una parte e cod. fisc. nato il a prov. domiciliato e

Dettagli

ESTRATTO CONDIZIONI DAL 1 GENNAIO 2014 POLIZZA COPERTURA ASSICURATIVA DEI RISCHI DI PERDITE OCCULTE DI ACQUA POTABILE

ESTRATTO CONDIZIONI DAL 1 GENNAIO 2014 POLIZZA COPERTURA ASSICURATIVA DEI RISCHI DI PERDITE OCCULTE DI ACQUA POTABILE ASPEM S.p.A. Servizio Acquedotto AXA Agenzia Sviluppo & Trading ESTRATTO CONDIZIONI DAL 1 GENNAIO 2014 POLIZZA COPERTURA ASSICURATIVA DEI RISCHI DI PERDITE OCCULTE DI ACQUA POTABILE CONTRAENTE: ASPEM S.p.A.

Dettagli

COMUNE DI MORLUPO Provincia di Roma

COMUNE DI MORLUPO Provincia di Roma COMUNE DI MORLUPO Provincia di Roma Dipartimento Tecnico Ambientale Servizio 3.3 Infrastrutture Manutenzioni Ambiente - Reti Tecnologiche Cimitero Parchi e Giardini Responsabile geom. Mario Bettelli SERVIZIO

Dettagli

CONTRATTO PER IL VETTORIAMENTO DI GAS NATURALE SULLA RETE DI DISTRIBUZIONE LOCALE. Tra la Pollino Gestione Impianti s.r.l. ( Distributore ), con sede

CONTRATTO PER IL VETTORIAMENTO DI GAS NATURALE SULLA RETE DI DISTRIBUZIONE LOCALE. Tra la Pollino Gestione Impianti s.r.l. ( Distributore ), con sede CONTRATTO PER IL VETTORIAMENTO DI GAS NATURALE SULLA RETE DI DISTRIBUZIONE LOCALE. Tra la Pollino Gestione Impianti s.r.l. ( Distributore ), con sede in Castrovillari Via Roma n. 23 partita IVA n. 02534750787,

Dettagli

C O M U N E D I U M B E R T I D E. -Provincia di Perugia- ************** REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE

C O M U N E D I U M B E R T I D E. -Provincia di Perugia- ************** REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE C O M U N E D I U M B E R T I D E -Provincia di Perugia- ************** REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE PRESSO I CIMITERI DEL COMUNE DI UMBERTIDE APPROVATO CON

Dettagli