All alba del primo dicembre del 1970, al termine di

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "All alba del primo dicembre del 1970, al termine di"

Transcript

1 Paolo VI di fronte alla legge sull istituzione del divorzio ed il referendum abrogativo di Eliana Versace The first of December 1970 the Chamber of Deputies approved definitively the countered Bill Fortuna - Baslini (from the names of two members who had promoted) which provided for the introduction of the institution of divorce in Italy. The controversial parliamentary affair that led to the legalization of divorce and the subsequent recall referendum took place altogether within a decade, between 1965 and 1974, and was to coincide to a large extent, almost since its inception, with the pontificate of Paul VI. Pope Montini expressed firmly, precisely and unreservedly all his disappointment for the institution of divorce legislation, while, all the same time, a qualified group of Catholic leaders launched a signature campaign to demand the repeal of the law through a referendum. The outcome of the referendum, May 12, 1974, saw the victory of the no vote to repeal with the surprising result of 59,3% of voters, revealing the reality of an increasingly secular Country. The Pope lived with dejection the referendum defeat that, even if foreseen, was not conceived in such proportions. 44 All alba del primo dicembre del 1970, al termine di una tra le più lunghe sedute nella storia del Parlamento italiano, protrattasi durante tutta la notte precedente, il presidente della Camera dei deputati, il socialista Sandro Pertini, annunciò l approvazione definitiva della contrastata proposta di legge Fortuna-Baslini (dal nome dei due deputati che l avevano promossa) che prevedeva l introduzione dell istituto del divorzio in Italia. La controversa vicenda parlamentare che portò alla legalizzazione del divorzio e al successivo referendum abrogativo della legge si svolse complessivamente nell arco di un decennio, tra il 1965 ed il 1974, e venne a coincidere in larga parte, sin quasi dal suo inizio, con il pontificato di Paolo VI. Giovanni Battista Montini era infatti Papa da due anni quando, il primo ottobre del 1965, il deputato del Partito socialista Loris Fortuna presentò alla Camera dei deputati il suo progetto di legge sull istituzione del divorzio. Anche questa proposta sarebbe probabilmente rimasta senza seguito, come era avvenuto per le altre, avanzate negli anni precedenti sempre da parlamentari del PSI se, a sostegno del deputato socialista, non si fosse raccolto un gruppo d ispirazione radicale, capeggiato da Marco Pannella, che diede così origine a una Lega per l istituzione del divorzio in Italia. Questo movimento, la cosiddetta LID, godette di ampia visibilità grazie al combattivo e animoso sostegno di riviste di orientamento laico e spesso anticlericale, tra le quali il periodico sensazionalistico ABC, che si rivolgeva ad un pubblico di tipo popolare, a cui si aggiunse, qualche tempo dopo, il settimanale d opinione L Espresso. Furono proprio i toni eccessivamente polemici, talvolta esasperati e infine anche dissacratori di buona parte della stampa laica italiana nei confronti delle posizioni, ovviamente contrarie ai tentativi di istituzionalizzazione del divorzio, ribadite dalla Chiesa, ad amareggiare il Pontefice, il quale temeva l influenza negativa esercitata sull opinione pubblica dalle pressioni di «certa stampa che, al riguardo, fa aperta propaganda di idee sovvertitrici» 1. In questo senso il Papa confidava in una presa di posizione più energica e più impegnativa da parte di tutta la stampa cattolica, il cui apporto sarebbe stato indispensabile, «per agire con successo in un mondo così restìo a comprendere il valore anche soltanto naturale e sociale, oltre che religioso» del matrimonio e della famiglia. Queste ansie, che Paolo VI lasciava trapelare all inizio del 1968 mentre stava predisponendo la sua ultima enciclica, la tanto contestata Humanae Vitae, nella quale, oltre all impellente questione del controllo delle nascite, avrebbe affrontato, con accenti di rara e toccante delicatezza, anche il tema del matrimonio e dell amore coniugale ebbero primaria influenza pure nell indurre il Papa ad accelerare, con determinazione e in maniera irrevocabile, la nascita, nel dicembre di quello stesso anno, del quotidiano cattolico nazionale Avvenire Beatificationis et canonizationis Servi Dei Pauli VI (Ioannis Baptistae Montini) Summi Pontificis ( ), Positio super vita, virtutibus et fama sanctitatis, vol. I, Tipografia Nova Res, Roma 2011, p Cfr. E.Versace, Paolo VI e «Avvenire». Una pagina sconosciuta nella storia della Chiesa italiana. Edizioni Studium, Roma NS Ricerca n. 2, ottobre 2013

2 Tuttavia le insidie contro i valori cristiani e naturali della famiglia, incrementate dalle recenti iniziative legislative che andavano in aperto contrasto con la morale cattolica e coi principi regolanti in Italia l istituto familiare, avevano preoccupato Montini anche durante il periodo del suo episcopato milanese. A Milano, nella metropoli italiana in cui, a cavallo tra gli anni Cinquanta ed i primi anni Sessanta del secolo scorso, più evidenti e contraddittori si palesavano i segni e gli effetti della modernità, il futuro pontefice aveva scorto, perplesso e attonito, i primi segnali di una società che si andava sempre più secolarizzando, lasciandosi pervadere da un ancora embrionale e però temibile atteggiamento laicista. Inoltre, proprio in quei medesimi anni, furono avanzate in Parlamento dai socialisti le prime proposte di legge miranti all introduzione del divorzio nell ordinamento italiano, mentre ormai sempre crescenti erano, soprattutto al Nord Italia, le separazioni legali. Turbamento e disappunto, misti a sconcerto, suscitò in Montini la clamorosa vicenda extraconiugale che, negli anni Cinquanta, aveva visto protagonisti il campione di ciclismo Fausto Coppi e la donna conosciuta come la Dama Bianca. Fu a causa di questi avvenimenti che l arcivescovo richiamò, in diverse occasioni, con ripetuti avvertimenti, ed in maniera molto risoluta, il direttore de L Italia, quotidiano cattolico della diocesi di Milano, mons. Ernesto Pisoni, imponendo maggior cautela e sobrietà nel pubblicizzare le imprese sportive del Campionissimo «che ha dato e dà tanto pubblico scandalo»: «l ammirazione per un atleta dello sport spiegava Montini, con una lettera manoscritta su questo specifico argomento, indirizzata a Pisoni non autorizza a far dimenticare le esigenze del nostro costume cristiano» 3. In quegli anni si dibatteva sul piano politico la tanto discussa proposta di apertura a sinistra, portata avanti dalla maggioranza della Democrazia Cristiana e finalizzata a un coinvolgimento del Partito socialista nell area della maggioranza e nel governo del Paese. La contrarietà di Montini si fondava anche sul timore che una tolleranza socialisteggiante da parte dei cattolici, avrebbe favorito, da un lato una politica «sempre più rischiosa e forse perfino imprudente», dall altro essa avrebbe «disarma[to] il retto giudizio sui valori morali e ideali dei cattolici e della pubblica opinione verso un socialismo tutt altro che innocuo e ammissibile» 4. E, sempre nel 1963, alcuni mesi prima di essere eletto Papa, accusava nei suoi appunti manoscritti, il giornale socialista L Avanti, di offendere, con alcuni suoi articoli,«i comandamenti sulla morale e sul costume»: non sfuggiva infatti all arcivescovo di Milano che tra i più attivi promotori di iniziative miranti alla legalizzazione del divorzio e alla liberalizzazione dei costumi, vi fossero appunto esponenti del Partito socialista. Oltre alle inconciliabili divergenze di carattere dottrinale, a separare i socialisti dai cattolici, sottostavano, per il futuro Pontefice, anche ineludibili questioni di carattere etico e morale. Fu all inizio del 1960 che Montini affrontò pubblicamente e apertamente la questione del divorzio, affidando le sue riflessioni a una lettera pastorale indirizzata alla diocesi di Milano per la Quaresima e intitolata Per la famiglia cristiana 5. Del documento sono conservate diverse stesure, compreso l originale manoscritto, (in seguito tradotto e diffuso anche in Spagna, con un apposita edizione). Tra tutti i testi del magistero prodotti da Montini negli anni milanesi esso fu il più meditato e studiato dall autore e venne discusso e approfondito anche con il teologo ambrosiano mons. Carlo Colombo. L arcivescovo vi trattava con chiarezza, rigore, e con una impressionante preveggenza, quelle insorgenti tematiche che minacciavano la regolarità e l unità della famiglia, soffermandosi appunto sul divorzio, ma dedicando ampio spazio anche all aborto e alla regolamentazione delle nascite. Su questi aspetti è stato notato come il testo milanese presenti delle singolari ed incontrovertibili similitudini, anche dal punto di vista terminologico, con la Humanae Vitae. Alcune espressioni su matrimonio, famiglia e fecondità, contenute nella lettera pastorale, ritorneranno poi identiche nel discorso pronunciato da Paolo VI esattamente dieci anni dopo, nel maggio 1970, alla vigilia dell approvazione della legge sul divorzio nel corso di un udienza accordata alle Equipes Notre-Dame. In una prima versione a stampa, il testo appariva suddiviso in paragrafetti i cui titoli erano stati attribuiti dallo stesso autore e poi da lui rivisti e corretti. La questione dell indissolubilità del matrimonio e del divorzio, che emerge in verità in diversi punti della lettera pastorale, veniva ampiamente affrontata nel paragrafo intitolato, in maniera inequivocabile, Inflessibile energia della Chiesa contro il divorzio. Spiegava infatti Montini, introducendo il discorso sul divorzio ritenuto «un palliativo giuridico contrario alla legge di Dio» che 3. Archivio della Segreteria dell Arcivescovo (d ora in avanti ASAM), b.119, fasc.407, doc ASAM, b.276, fasc.537, doc. 18. Si veda anche E. Versace, Montini e l apertura a sinistra, Guerini e Associati, Milano ASAM, b.292, fasc. 82. Il fascicolo contiene il manoscritto autografo della Lettera pastorale. NS Ricerca n. 2, ottobre

3 46 non per nulla la Chiesa vi si oppone con inflessibile energia: essa è la custode più gelosa della vita, dell amore, dell onestà; essa è la difesa più tenace del bene sociale che deriva dall indissolubilità della famiglia; essa è la tutrice più fiera e più tenera dei figli innocenti che il divorzio priva di genitori responsabili. L arcivescovo esortava poi il popolo cattolico a vigilare su la non mai sopita campagna in favore del divorzio, ricordando la circostanza, che fa onore all Italia e che ne tutela uno dei beni migliori, e cioè la non esistenza del divorzio nella legislazione civile, e non dimenticando che ogni infrazione, foss anche col così detto «piccolo divorzio», alla stabilità della famiglia non sarebbe rimedio ai mali che si vorrebbero togliere con tale legalizzazione dell infedeltà coniugale. Proprio sull obbligo evangelico, prima ancora che morale e giuridico, della fedeltà coniugale le parole del futuro Pontefice appaiono chiare ed intransigenti: è un linguaggio che diventa strano e insolito per l orecchio moderno, avvezzo alla casistica sempre più varia e più ricca della dissolutezza coniugale, e alle espressioni che ammorbidiscono, con cortesi ipocrisie, l ignobile crudezza. Ma è linguaggio - continuava Montini - che noi cristiani non possiamo sostituire: adultero dovremo chiamare chiunque infrange il vincolo che il matrimonio ha reso intangibile e sacro. L arcivescovo si dimostrava tuttavia fiducioso nella retta coscienza dei cristiani, nonostante continuasse a temere l influenza corrosiva esercitata dalla grande stampa nazionale, alla quale rivolgeva le maggiori critiche. Difendendo la sacralità del matrimonio, lamentava infatti la leggerezza con cui questo sacramento viene pubblicamente deriso, svalutato, oltraggiato da una mentalità superficiale, mondana, gaudente e corrotta, che trova oggi nella stampa, nello spettacolo, nel costume sociale così larga e favorita diffusione. Continuava poi con ammonimenti di permanente attualità: Guai a chi diverte il pubblico divulgando le miserabili storie del vizio, e lo affascina illustrando le turpi vicende della mala vita e gli scandalosi amori dei divi e delle dive, come si trattasse di avventure puramente interessanti l avida curiosità di uomini deboli ed indifesi! All amore coniugale, tratteggiato con singolare finezza e riletto attraverso una predominante ottica provvidenziale, sono invece dedicate le pagine più belle e suggestive del documento milanese. Osiamo dunque pronunciare una grande parola - scriveva allora l arcivescovo - carità è diventato l amore. Questo sacro impegno d amore, vivificato dalla grazia è infatti carità. Proprio il termine carità prediletto da Montini e che affiora sovente nella sua intensa biografia spirituale ed intellettuale era evidenziato dall autore attraverso una sottolineatura a penna nel testo manoscritto originale. Possiamo dunque meglio comprendere l angustia e il profondo turbamento con cui, una volta divenuto Pontefice, Paolo VI seguì la vicenda parlamentare che avrebbe condotto all approvazione della legge sul divorzio in Italia. Il 23 gennaio del 1967, rivolgendosi ai componenti il Tribunale della Sacra Romana Rota, il Papa espresse pubblicamente sorpresa e dispiacere nei confronti del Parlamento che aveva dichiarato il divorzio compatibile con le norme costituzionali italiane. Non vogliamo ora entrare nella discussione circa tale pronunciamento affermò, in maniera chiara e ferma, Paolo VI anche se esso Ci ha recato sorpresa e dispiacere, ed esige da Noi le dovute riserve. Non vogliamo invece tacere la triste impressione che sempre ci ha fatto la bramosia di coloro che aspirano a introdurre il divorzio nella legislazione e nel costume di Nazioni, che hanno la fortuna d esserne immuni, quasi fosse disdoro non avere oggi tale istituzione, indice di perniciosa decadenza morale, e quasi che il divorzio sia rimedio a quei malanni che esso più largamente estende ed aggrava, favorendo l egoismo, l infedeltà, la discordia, dove dovrebbe regnare l amore, la pazienza, la concordia, e sacrificando con spietata freddezza gli interessi e i diritti dei figli, deboli vittime di domestici disordini legalizzati 6. Negli stessi giorni, L Osservatore Romano denunciava il grave vulnus inferto al Concordato dalla proposta di legge che si avviava a riprendere l iter parlamentare. L allocuzione pontificia suscitò alcune reazioni polemiche negli ambienti politici italiani. Per il vice presidente del consiglio, il socialista Pietro Nenni, si trattò di un intrusione nelle prerogative del Parlamento e dello Stato; anche il Presidente della Repubblica, il socialdemocratico Giuseppe Saragat protestò per l intervento del Papa con una lettera inviata al presidente del Consiglio Aldo Moro e trasmessa per conoscenza ai presidenti dei due rami del Parlamento. Per Saragat l episodio che vedeva protagonista Paolo VI, «reso ancor più grave dalle espressioni usate», rappresentava 6. Insegnamenti di Paolo VI [d ora in poi Ins.], vol. III (1965), Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 1966, p. 50. NS Ricerca n. 2, ottobre 2013

4 una «non consentita ingerenza nella vita dello Stato, in contrasto con l art.7 della Costituzione della Repubblica» 7. Fu in questo contesto che in ambienti cattolici si iniziò a prospettare l eventualità di un referendum, anche tra personalità molto vicine a Montini: come mons. Franco Costa, assistente generale dell Azione Cattolica dal 1964 per volontà di Paolo VI, il quale aveva frequenti contatti con gli esponenti politici democristiani e svolgeva un ruolo non ufficiale di intermediario tra la Santa Sede e la Democrazia Cristiana. Mons. Costa, alla vigilia delle elezioni politiche del 19 maggio 1968, a capo di una delegazione della CEI, incontrò il segretario della Democrazia Cristiana, Mariano Rumor, il quale riteneva impossibile impedire l approvazione della legge sul divorzio nel corso della nuova imminente legislatura. Nell ottobre del 1968 anche la Giunta centrale di Azione Cattolica, guidata dal presidente Vittorio Bachelet, elaborando un documento intitolato Per l unità della famiglia cristiana, aveva avanzato la proposta referendaria perché - come spiegava Bachelet, in una lettera pubblicata sul quotidiano La Stampa e scritta per rispondere a un attacco polemico lanciato da Arturo Carlo Jemolo «l ipotesi del referendum che la Costituzione prevede, difficilmente potrebbe trovare una ipotesi di più propria applicazione che in una decisione di così grande importanza e che tocca così da vicino l esperienza e la coscienza di ciascun cittadino» 8. Nel timore concreto che la legge sarebbe stata infine comunque approvata, quindi, diversi cattolici sembravano ormai persuasi, sin dal 1968, della necessità di ricorrere a un referendum abrogativo. Il nuovo Parlamento, come si temeva, rivelò una maggioranza favorevole al divorzio. Nonostante l ostruzionismo messo in atto dal gruppo democristiano per rallentarne l iter legislativo, la legge, tra il 25 e il 28 novembre del 1969, giunse in discussione alla Camera. Ma nell estate del 1969 i vescovi lombardi, uniti a quelli del Piemonte e del Triveneto nella consueta adunanza annuale svoltasi nei pressi di Verona, emanarono una notificazione molto esplicita in merito alla questione del divorzio. Nel documento che all epoca trovò ampia eco sui giornali nazionali e che però sarà quasi completamente trascurato dalla storiografia successiva a proposito del Divorzio e della volontà del Paese, i presuli del Nord Italia ritenevano che «in uno stato democratico, come quello italiano ( ), non si possa in ogni caso modificare la struttura fondamentale della famiglia stessa senza avere direttamente accertato il pensiero e la volontà della maggioranza del Popolo». Ma, più che a un referendum abrogativo della legge sul divorzio, che comunque ancora non era stata approvata dal Parlamento, l episcopato lombardo faceva invece riferimento all eventualità di un referendum preventivo, «con il quale notava il giornalista Sandro Magister nel suo libro del 1979, La politica vaticana e L Italia sottoporre alla riconferma popolare, data per sicura, l articolo del codice civile che dichiara sciolto il matrimonio solo in caso di morte» 9. Anche la Conferenza Episcopale italiana, nell adunanza del settembre 1969, accolse per acclamazione questa nota, già sottoscritta peraltro da diversi episcopati regionali. I vescovi italiani, con una dichiarazione approvata all unanimità, non solo ribadirono, due mesi dopo, «le ragioni naturali prima ancora che religiose» della loro contrarietà all istituzione del divorzio, ma auspicarono anche la possibilità di «accertare direttamente il pensiero e la volontà della maggioranza del popolo» 10. La CEI aveva intanto costituito un apposita Commissione episcopale per la famiglia, presieduta da mons. Enrico Nicodemo, impegnata a difendere la sacralità del vincolo matrimoniale e promuovere una più efficace formazione del laicato cristiano su questi temi. Uno specifico documento, dedicato a Matrimonio e famiglia oggi in Italia, venne predisposto e diffuso nel novembre di quell anno. Prima ancora che i vescovi dell Alta Italia rendessero pubblica la loro notificazione, a Roma, sin dalla primavera del 1969, il Movimento per la Difesa della Famiglia, presieduto dal giurista Raffaele Pio Petrilli, già presidente del Consiglio di Stato e ben conosciuto da Montini fin dagli anni milanesi, stava avviando una capillare azione di propaganda per promuovere un referendum nazionale, con lo scopo di ottenere «il rigetto del deprecato progetto di legge» sul divorzio, prima che questo potesse tornare all esame delle Camere. L ipotesi di un referendum preventivo del quale si era parlato anche all interno del gruppo parlamentare democristiano al Senato e che lo stesso Bachelet non aveva escluso sembrava costituzionalmente possibile ma difficilmente praticabile, in quanto mancava ancora una legge di attuazione della normativa in materia referendaria. Tuttavia, lo stesso Paolo VI, a cui ci si era direttamente rivolti, offrì a questa 7. R. Pertici, Chiesa e Stato in Italia. Dalla Grande Guerra al nuovo Concordato ( ), il Mulino, Bologna 2009, p Una imprescindibile testimonianza su queste vicende è offerta dal diario dell ambasciatore d Italia presso la Santa Sede Gian Franco Pompei, nel volume, Un ambasciatore in Vaticano. Diario , il Mulino, Bologna Come il presidente dell Azione Cattolica vuol condurre la lotta contro il divorzio, «La Stampa», 26 novembre Si veda S. Magister, La politica vaticana e l Italia , Editori Riuniti, Roma 1979, p Si veda anche G. Scirè, Il divorzio in Italia. Partiti, Chiesa, società civile dalla legge al referendum ( ), Bruno Mondadori, Milano 2007, p Positio super vita, virtutibus, cit., p NS Ricerca n. 2, ottobre

5 48 iniziativa del Movimento per la Difesa della Famiglia, il suo personale sostegno, in una maniera tanto discreta quanto concreta 11. Alla possibilità di un referendum, dunque, il Pontefice pensava con insistenza e convinzione e pertanto sollecitò in tal senso alcuni esponenti della Conferenza Episcopale italiana, affinché l episcopato nazionale maturasse «una preparazione adeguata per un eventuale referendum» 12. Dell angustia e dei crescenti timori del Papa in quei mesi, abbiamo altri riscontri documentari. Giulio Andreotti allega infatti alla sua testimonianza, la lettera inviatagli dal Pontefice il 22 dicembre 1969, dopo che il progetto di legge per l introduzione del divorzio era stato approvato dalla Camera dei Deputati. Caro onorevole scrive Paolo VI sto ammirando il suo dono natalizio, con sentimenti di riconoscenza e di compiacenza, ravvisandovi il segno d un ricordo e d una cortesia, che mi commuovono cordialmente. Ora non posso trovare conforto all amarezza che mi affligge profondamente per la grande ferita, inflitta alla inviolabile norma umana e cristiana circa la stabilità e la santità della famiglia, dalla ormai incombente legislazione d un Paese, come l Italia, così segnata dalla vocazione di fedeltà alla Lex naturae e alla lex gratiae, per il bene e per l onore del suo Popolo e per l esempio classico e moderno agli altri Popoli della terra. Cresce il mio dolore al vedere che tocca proprio a testimoni insigni della sociologia cristiana, ora al vertice della responsabilità politica, avallare l offesa. Sono tanto più vivi i miei voti per la divina assistenza e per un Natale ancor pieno di speranze e benedizioni. All inizio del 1970, il Presidente del Consiglio Mariano Rumor incontrò il direttore de L Osservatore Romano, Raimondo Manzini, che ripropose all attenzione del governo italiano le due note vaticane del 1966 e del 1967 e confermò al Primo ministro la preoccupazione di Paolo VI per la legge che era giunta in discussione al Senato. Poco tempo dopo, nei primi giorni di febbraio, il Consiglio per gli affari pubblici della Chiesa fece pervenire al governo italiano una Nota di protesta (datata 30 gennaio 1970) ove si confermava che l approvazione definitiva della legge da parte del parlamento italiano avrebbe rappresentato per la Santa Sede una «evidente violazione di una solenne Convenzione internazionale, resa ancor più grave dal non essere stata per nulla attesa l altra parte». La Santa Sede pertanto, nel caso la legge fosse stata approvata, prospettava l eventualità di elevare formale protesta nei confronti del governo italiano 13. L 11 febbraio seguente, in occasione del quarantunesimo anniversario dei Patti Lateranensi, fu proprio il Papa, nel corso di un udienza, ad intervenire indirettamente sulla questione, formulando l augurio che l equilibrio stabilito nei rapporti tra Italia e Santa Sede «non conoscesse scosse, ancor meno ferite o rotture»: Vogliamo sinceramente sperare aggiungeva il Pontefice e di tutto cuore auspichiamo per amore della pace, per l onore stesso dell Italia e per il maggior bene di tutto il Popolo Italiano che sia evitato qualsiasi passo, che con decisione unilaterale venisse a vulnerare ciò che fu di comune intesa solennemente stabilito. Il Papa precisava ancora: Pensiamo in particolare, voi l avete ben compreso, al punto tanto sostanziale del matrimonio cristiano, che il Concordato ha voluto circondare di stabili garanzie, e che il Nostro grande Predecessore di v.m. Pio XI considerava fra i risultati più preziosi della raggiunta Conciliazione 14. La legge di attuazione del referendum abrogativo di iniziativa popolare venne approvata nel maggio del 1970, grazie al decisivo impegno preso in tal senso dalla Democrazia Cristiana. In quegli stessi giorni, ricevendo in udienza le Equipes Notre-Dame, Paolo VI riprese il tema della famiglia cristiana, ed esprimendosi con termini analoghi a quelli adoperati dieci anni prima nella sua lettera pastorale alla diocesi milanese, ribadì l indissolubilità del matrimonio, la «santità» del sacramento che unisce gli sposi, «l importanza della fecondità», deprecando allo stesso tempo le tentazioni dell «erotismo devastatore» 15. Per comprendere lo stato d animo di Papa Montini in quel delicato e complesso frangente storico, ci sembra molto importante prendere in considerazione anche un appunto autografo del Pontefice, datato 15 giugno 1970 e rinvenuto tra le carte personali del card. Agostino Casaroli. Il testo si estende su due foglietti e appare senza correzioni. Nella prima pagina Paolo VI compie una valutazione sulle conseguenze della legge. Non meno della retta interpretazione del Concordato e della sua valida conservazione, preme scongiurare l introduzione del divorzio nella legislazione italiana (e in quali termini previsti!). Quale sfortuna sarebbe per l Italia scriveva il Papa per la sua tradizione giuridica, per la solidità dell istituto familiare e della com- 11. Ins., p Ibidem. 13. M. Rumor, Memorie ( ), Editrice Veneta, Vicenza 1991, pp Si veda anche la ricostruzione di R. Pertici, op.cit., pp Ins. VIII (1970), Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 1971, p Ibi, pp Il discorso è pronunciato in lingua francese. NS Ricerca n. 2, ottobre 2013

6 pagine sociale, per la pedagogia del costume e del concetto autentico dell amore, per il senso del dovere, per la sorte di tanti figli-orfani di genitori infedeli alla loro responsabilità, per la divisione degli animi risultante e per l obbligo della protesta doverosa per i cattolici e per la Chiesa. Sarebbe atto politico infelicissimo 16. È evidente l atteggiamento decisamente contrario del Papa all approvazione della legge sul divorzio, ma sembra anche significativo notare come nel testo autografo di Paolo VI ritornino alcune delle espressioni da lui formulate con chiarezza e fermezza già dieci anni prima nella citata Lettera pastorale Per la famiglia cristiana. Sul secondo foglietto invece, Montini elencava ciò che doveva essere comunicato dal Sostituto alla Segreteria di Stato, mons. Giovanni Benelli all ambasciatore d Italia presso la Santa Sede, Gian Franco Pompei 17. A voce: far sapere all Ambasciatore d Italia che la promulgazione della legge sul divorzio produrrà vivissimo dispiacere al Papa: per l offesa alla norma morale, per l infrazione alla legge civile italiana, per la mancata fedeltà al Concordato e il turbamento dei rapporti fra l Italia e la Santa Sede, per il danno morale e sociale facilmente progressivo, risultante a carico dell istituto familiare, dei figli specialmente, per la posizione di contrasto che Clero e cattolici sono obbligati a prendere sopra così grave e permanente questione nei riguardi del Paese 18. Quest ultima constatazione sulla «posizione di contrasto che Clero e cattolici sono obbligati a prendere», condivisa da Benelli, apparve molto grave all ambasciatore Pompei. Il sostituto spiegava infatti che «la Santa Sede si vede adesso accusata di aver finora trattenuto dall azione i cattolici italiani, che le avevano fatto fiducia per la sua capacità negoziale sulla base del Concordato». Ma, divenuta ormai palese «la reale incapacità a far prevalere la propria tesi, la Santa Sede non potrà lasciare i cattolici italiani liberi di agire sul piano interno secondo la loro coscienza religiosa e con i mezzi dei quali dispongono» 19. Come si è detto in apertura, dopo un turbolento passaggio al Senato, con il voto definitivo pronunciato quarant anni fa dalla Camera dei deputati (in cui furono espressi 319 voti favorevoli e 286 contrari), il divorzio entrò a far parte della legislazione italiana. Alla comunicazione ufficiale trasmessa dal governo italiano, la Santa Sede rispose con una Nota formale di protesta, sottoposta al Papa, che si trovava in Australia, per l ultimo dei suoi viaggi internazionali, e fu pubblicata immediatamente su L Osservatore Romano. «La notizia, benché non inattesa, ha recato profondo dolore al Santo Padre si leggeva sul quotidiano vaticano per il gravissimo danno che il divorzio reca alla famiglia e specialmente ai figli», giudicandola, allo stesso tempo, lesiva del Concordato. Il comunicato ripeteva le costanti espressioni di addolorato stupore del Pontefice, impegnato a difendere la sacralità del matrimonio e della famiglia. Un chiaro intervento di Paolo VI sulla vicenda del divorzio lo si ebbe qualche settimana dopo, il 22 dicembre 1970, in occasione dell Allocuzione del Papa rivolta al Sacro Collegio cardinalizio per gli auguri natalizi. Osservando l ora presente della vita della Chiesa affermava il Papa la Nostra attenzione è richiamata da un altro avvenimento, che riempie, questo, il nostro animo di profonda amarezza, e pone davanti a noi nuovi gravi problemi. Si tratta dell introduzione del divorzio nella legislazione italiana. Profondo motivo di sconforto era dato al Pontefice dalla considerazione del danno morale che simile innovazione è destinata ad arrecare al popolo italiano. La Chiesa continuava Paolo VI non può, infatti, cessare dal proclamare quell altissimo principio che, iscritto già nel diritto di natura è stato confermato e rafforzato per i cristiani, dalla legge dell Evangelo, là dove Cristo ammonisce che non può l uomo osare di separare ciò che Dio stesso ha unito. Pertanto compito doveroso della Chiesa non potrà cessare di essere quello di ricordare che l osservanza di legge così solenne ed elevata, è, per l uomo e in particolare per il cristiano, non solo dovere ma garanzia di bene: il bene appunto precisava il Papa proveniente dalla tutela che l indissolubilità del vincolo matrimoniale garantisce alla stabilità, alla sicurezza, alla serenità della famiglia, cellula naturale della società umana, e specialmente dei figli 20. Paolo VI espresse dunque in maniera ferma e precisa, e senza riserve, tutta la sua amarezza per l istituzione della legislazione sul divorzio. Negli stessi giorni un gruppo qualificato di esponenti cattolici annunciava l avvio di una raccolta di firme per chiedere 16. I documenti autografi di Paolo VI sono stati ritrovati e pubblicati da Giovanni Maria Vian sulla rivista dell Università cattolica Vita e Pensiero. G.M. Vian, Montini e il divorzio trent anni dopo, «Vita e Pensiero», n. 3 (2004), pp Nel suo Diario l ambasciatore Pompei, ricevuto da Benelli il 25 giugno 1970, intravedendo l appunto notò come sembrasse «della mano di Sua Santità». L ambasciatore trasmise quel giorno stesso un dispaccio al ministro degli Esteri Aldo Moro, con le comunicazioni del Papa. 18. G.M. Vian, Montini e il divorzio, cit., p G.F. Pompei, Un ambasciatore in Vaticano, cit., p Ins. VIII (1970) cit., p NS Ricerca n. 2, ottobre

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA VIALE MICHELANGELO GRIGOLETTI, 5 PORDENONE Tel. 0434/362431 - Fax 0434/1702623 - Cell. 340-5900148 e-mail: chiesabattistapn@libero.it chiesabattistapn@gmail.com sito:

Dettagli

La Santa Sede GIOVANNI PAOLO II LETTERA APOSTOLICA IN FORMA DI MOTU PROPRIO IUSTI IUDICIS

La Santa Sede GIOVANNI PAOLO II LETTERA APOSTOLICA IN FORMA DI MOTU PROPRIO IUSTI IUDICIS La Santa Sede GIOVANNI PAOLO II LETTERA APOSTOLICA IN FORMA DI MOTU PROPRIO IUSTI IUDICIS CON CUI SI RIORDINA INTEGRALMENTE LA MATERIA RIGUARDANTE L ESERCIZIO DELLA FUNZIONE DEI PATRONI E DEGLI AVVOCATI

Dettagli

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono con voi» Mt 28,16-20 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Matteo (28,16-20) In quel tempo, gli undici

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

Non dimentichiamoci di Dio

Non dimentichiamoci di Dio Angelo Scola Non dimentichiamoci di Dio Libertà di fedi, di culture e politica Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06129-2 Prima edizione: marzo 2013 Prefazione

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

TRIBUNALE ECCLESIASTICO REGIONALE LOMBARDO piazza Fontana 2 20122 Milano 02/8556.223 fax 02/8556.414

TRIBUNALE ECCLESIASTICO REGIONALE LOMBARDO piazza Fontana 2 20122 Milano 02/8556.223 fax 02/8556.414 TRIBUNALE ECCLESIASTICO REGIONALE LOMBARDO piazza Fontana 2 20122 Milano 02/8556.223 fax 02/8556.414 NORME E INFORMAZIONI PER LA CONSULENZA DA DARE ALLA PERSONA RICHIEDENTE Gentile Signora, Egregio Signore,

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

Bibliografia di Mons. Luigi Mistò 1

Bibliografia di Mons. Luigi Mistò 1 Bibliografia di Mons. Luigi Mistò 1 1982 Libertà religiosa e libertà della Chiesa. Il fondamento della relazione Chiesa - comunità politica nel quadro del dibattito postconciliare in Italia, Morcelliana,

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA

ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA AZIONE CATTOLICA ITALIANA ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA Approvato dall assemblea diocesana del 1 aprile 2006 Dichiarato conforme dal consiglio nazionale del 10-11 giugno 2006 Integrato

Dettagli

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998)

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Senigallia, 6 gennaio 1998 Solennità dell Epifania Ai Parroci Ai Rettori di Chiese Ai Religiosi A tutti i Sacerdoti Oggetto: Celebrazione del Matrimonio Cari

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Compito del magistero nella Chiesa

Compito del magistero nella Chiesa Compito del magistero nella Chiesa Definizione Uno specifico carisma conferisce al magistero il compito fondamentale di testimonianza autentica della divina Rivelazione: con l assistenza dello Spirito

Dettagli

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu-

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- Vincent Van Gogh, Il Seminatore al tramonto, 1888 6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- to.

Dettagli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Approvata dal Consiglio d Europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 e ratificata dall Italia con la legge 20 marzo 2003 n. 77 Preambolo Gli Stati

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale AZIONE CATTOLICA ITALIANA ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI TORINO Corso Matteotti, 11 10121 TORINO Tel. 011.562.32.85 Fax 011.562.48.95 E-mail: presidenza.ac@diocesi.to.it Partecipazione e responsabilità dei

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa?

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Il matrimonio cristiano chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Antonio Tavilla IL MATRIMONIO CRISTIANO chi si sposa in chiesa sa quello che fa? religione e spiritualità www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di vatican Service News

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di <i>vatican Service News</i> Pagina 4 Angelus dell Acr con il papa in Vaticano, i Messaggi pontifici per la Giornata Mondiale del Malato e la Giornata Mondiale della Comunicazioni Sociali, l AdunanzA Eucaristica a Catanzaro, una giovane

Dettagli

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Signor Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, Signor Presidente

Dettagli

La Santa Sede PAPA FRANCESCO STATUTO DEL DICASTERO PER I LAICI, LA FAMIGLIA E LA VITA

La Santa Sede PAPA FRANCESCO STATUTO DEL DICASTERO PER I LAICI, LA FAMIGLIA E LA VITA La Santa Sede PAPA FRANCESCO STATUTO DEL DICASTERO PER I LAICI, LA FAMIGLIA E LA VITA Art 1 Il Dicastero è competente in quelle materie che sono di pertinenza della Sede Apostolica per la promozione della

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4993 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GAMBATO Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di adozione da parte di persone

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI Scuola dell infanzia Programmazione Religione Cattolica Anno scolastico 2013 2014 Insegnante:BINACO MARIA CRISTINA Motivazione dell itinerario annuale Il percorso per l I.R.C.

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

MISSIONARIO VINCENZIANO

MISSIONARIO VINCENZIANO GMV: origini, identità, attività... GRUPPO MISSIONARIO VINCENZIANO Origine e storia Bisogna risalire ai primi anni del dopoguerra per trovare la fonte da cui scaturì il MOVIMENTO MISSIONARIO VINCENZIANO.

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

LA CASA DI NONNA ITALIA

LA CASA DI NONNA ITALIA dai 9 anni SERIE BLU scuola primaria LA CASA DI NONNA ITALIA UN RACCONTO SULLA COSTITUZIONE AUTORE: P. Valente SCHEDE DIDATTICHE: P. Valente ILLUSTRAZIONI: M. Bizzi PAGINE: 128 PREZZO: 7,50 ISBN: 978-88-472-1409-5

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2514-A DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) E DAL MINISTRO

Dettagli

POSIZIONE MATRIMONIALE

POSIZIONE MATRIMONIALE Mod. I Prot. n. DIOCESI DI PARROCCHIA Via Comune Cap Provincia POSIZIONE MATRIMONIALE GENERALITÀ Fidanzato Fidanzata Cognome e nome 1 Luogo e data di nascita Luogo e data di battesimo Religione Stato civile

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI Roma, 13-14 settembre 2008 Nei giorni 13-14 settembre 2008 si è svolta, presso l Hotel CASCINA PALACE, in Via Attilio Benigni, 7 - Roma, la

Dettagli

La Chiesa Cattolica per la libertà religiosa

La Chiesa Cattolica per la libertà religiosa La Chiesa Cattolica per la libertà religiosa Ordinario di Diritto Canonico nella Università Cattolica di Milano e Direttore del Centro Studi sugli enti ecclesiastici e gli altri enti senza fini di lucro.

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944)

APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944) APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944) Posizione della Santa Chiesa Queste apparizioni della Madre di Dio non hanno ancora ottenuto il verdetto di autentica

Dettagli

Roberto Gatti Luca Alici Ilaria Vellani

Roberto Gatti Luca Alici Ilaria Vellani vademecum_dizionario 04/10/13 11:31 Pagina 1 a cura di Roberto Gatti Luca Alici Ilaria Vellani Vademecum della democrazia UN DIZIONARIO PER TUTTI Editrice AVE vademecum_dizionario 04/10/13 11:28 Pagina

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

GIORNATA DEL VOLONTARIATO. Torino 7 aprile 2013. regionale a tutti i volontari piemontesi che hanno accolto l invito a

GIORNATA DEL VOLONTARIATO. Torino 7 aprile 2013. regionale a tutti i volontari piemontesi che hanno accolto l invito a GIORNATA DEL VOLONTARIATO Torino 7 aprile 2013 Desidero porgere un caloroso saluto a nome dell intera Assemblea regionale a tutti i volontari piemontesi che hanno accolto l invito a partecipare a questa

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

1.1. Diocesi di Lugano. Direttive per il ministero pastorale. 1.1. Il Battesimo

1.1. Diocesi di Lugano. Direttive per il ministero pastorale. 1.1. Il Battesimo 1.1. Diocesi di Lugano Direttive per il ministero pastorale 1.1. Il Battesimo 8 Il Battesimo 1.1.0. Norme generali sul Battesimo Sommario I. Preparazione al Battesimo II. Ministro del Battesimo III. Luogo

Dettagli

CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE

CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE Il Consiglio Pastorale Parrocchiale è un organismo di comunione che, come immagine della Chiesa, esprime e realizza la corresponsabilità dei fedeli ( presbiteri, diaconi,

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

il nuovo Schema di regolamento per i Centri Missionari Diocesani,

il nuovo Schema di regolamento per i Centri Missionari Diocesani, Nuovo Schema di regolamento per i Centri Missionari Diocesani La Presidenza della CEI, nella riunione del 13 giugno 2012, ha approvato il nuovo Schema di regolamento per i Centri Missionari Diocesani,

Dettagli

AD ACCOGLIERE ASCOLTARE E DONARSI

AD ACCOGLIERE ASCOLTARE E DONARSI TUTTI POSSIAMO SPERIMENTARE LA CARITà IMPARANDO AD ACCOGLIERE ASCOLTARE E DONARSI Papa Francesco 28 aprile 2015 Scegli di fare un lascito. i tuoi beni continueranno a vivere nei gesti e nei sorrisi delle

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XXII n. 12 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa del senatore MICHELONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 23 OTTOBRE 2013 Istituzione di una Commissione

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

COMUNE di VICCHIO. Istituzione Culturale Centro Documentazione Don Lorenzo Milani e Scuola di Barbiana CONCORSO NAZIONALE.

COMUNE di VICCHIO. Istituzione Culturale Centro Documentazione Don Lorenzo Milani e Scuola di Barbiana CONCORSO NAZIONALE. COMUNE di VICCHIO Istituzione Culturale Centro Documentazione Don Lorenzo Milani e Scuola di Barbiana CONCORSO NAZIONALE La Parola genera relazione, vita, inclusione, ascolto, democrazia, conflitto, riconoscimento,

Dettagli

Educare alla responsabilità per costruire la città dell uomo Educare alla vita buona del Vangelo.

Educare alla responsabilità per costruire la città dell uomo Educare alla vita buona del Vangelo. Carissimi, a nome dell Azione Cattolica diocesana un saluto e un ringraziamento per la vostra partecipazione a questo momento che nasce nell ambito di un Progetto formativo di Azione Cattolica che mira

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana

Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Cade quest anno il centenario della prima Settimana Sociale dei Cattolici Italiani, svoltasi a Pistoia dal 23

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

STATUTO AZIONE CATTOLICA

STATUTO AZIONE CATTOLICA STATUTO AZIONE CATTOLICA 1. L Azione Cattolica Italiana è una Associazione di laici che si impegnano liberamente, in forma comunitaria ed organica ed in diretta collaborazione con la Gerarchia, per la

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI:

DIVENTARE GENITORI OGGI: In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: ASPETTI MEDICO-SANITARI Sintesi della ricerca Roma, 2 aprile 2015 Che il nostro Paese viva un problema di scarsa natalità è un opinione che la grande parte

Dettagli

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli.

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli. STATUTO GRUPPI DI VOLONTARIATO VINCENZIANO AIC ITALIA Approvato dal Comitato di Presidenza nazionale il 10 maggio 2007 Approvato dal Consiglio nazionale il 10 maggio 2007 Art. 1 - Costituzione I Gruppi

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Promettere (da pro + mitto, mando, pongo avanti) significa impegnarsi a fare o a dare qualcosa.

Promettere (da pro + mitto, mando, pongo avanti) significa impegnarsi a fare o a dare qualcosa. PROMESSA SCOUT Nella nostra vita quante volte abbiamo fatto delle promesse e quante volte non l abbiamo mantenute; quante volte abbiamo ricevuto delle promesse e quante volte non sono state mantenute.

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Introduzione Che cos è il Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)? Si tratta di uno degli istituti di partecipazione all amministrazione

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Prot. 222/2011 Cagliari 18 aprile 2011 A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Come preannunciato nel nostro comunicato dell 8 aprile u.s., il 15 aprile 2011 è

Dettagli

Enz o Bi a n c h i è nato a Castel Boglione (AT) in Monferrato il 3 marzo 1943. Dopo gli studi alla Facoltà di Economia e Commercio dell Università

Enz o Bi a n c h i è nato a Castel Boglione (AT) in Monferrato il 3 marzo 1943. Dopo gli studi alla Facoltà di Economia e Commercio dell Università Terebinto 11 Il Terebinto è una pianta diffusa nella macchia mediterranea. Nella Bibbia è indicata come l albero alla cui ombra venne a sedersi l angelo del Signore (Gdc 6,11); la divina Sapienza è descritta

Dettagli

1.5. Diocesi di Lugano. Direttive per il ministero pastorale. 1.5. Il Matrimonio

1.5. Diocesi di Lugano. Direttive per il ministero pastorale. 1.5. Il Matrimonio 1.5. Diocesi di Lugano Direttive per il ministero pastorale 1.5. Il Matrimonio 34 Il Matrimonio 1.5.0. Norme generali sul Matrimonio Indice I. Responsabile della preparazione al Matrimonio II. Documenti

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

Dilecti amici Carissimi giovani

Dilecti amici Carissimi giovani 5 INDICE Dilecti amici 1. Auguri per l anno della gioventù 9 2. Cristo parla con i giovani 12 3. La giovinezza è una ricchezza singolare 15 4. Dio è amore 19 5. La domanda sulla vita eterna... 22 6....

Dettagli

CURIA VESCOVILE. di Civitavecchia-Tarquinia. Civitavecchia, 18 settembre 2014. Ai Rev.mi Parroci

CURIA VESCOVILE. di Civitavecchia-Tarquinia. Civitavecchia, 18 settembre 2014. Ai Rev.mi Parroci CURIA VESCOVILE di Civitavecchia-Tarquinia Il Vicario Episcopale per la Pastorale Civitavecchia, 18 settembre 2014 Ai Rev.mi Parroci Ai Rev.mi Assistenti di Movimenti, Gruppi, Associazioni Ecclesiali Ai

Dettagli