Depressione nei locali di installazione per impianti di combustione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Depressione nei locali di installazione per impianti di combustione"

Transcript

1 G10110 i Edizione dicembre 2003 Depressione nei locali di installazione per impianti di combustione Influsso degli impianti tecnici d aerazione sugli impianti di combustione

2 Berna, Zurigo: dicembre 2003 Destinatari: - Autorità cantonali e comunali per la protezione antincendio - Servizi del gas - upi, SSIGA, AICAA - CFSL, Suva, spia - Società e associazioni (alla c.a. dei loro soci): suissetec ASC: Associazione svizzera per le cucine VSSM (ASFMS: Associazione svizzera fabbricanti mobili e serramenti) VHP: Verband Schweizerischer Hafner- und Plattengeschäfte (ASIFP: Associazione svizzera degli impresari fumisti e piastrellisti) FEA: Fachverband Elektroapparate für Haushalt und Gewerbe Schweiz (Associazione svizzera per gli apparecchi elettrici per la casa e l industria) PROCAL VSFK: Vereinigung Schweizerischer Feuerungskontrolleure (Associazione svizzera dei controllori d'impianti a combustione) ASMS: Associazione svizzera dei maestri spazzacamini SIA: Società svizzera degli ingegneri e degli architetti SSHL: Schweizerischer Verband der Haustechnik-Fachlehrer (SLRV : Associazione svizzera docenti installazione d'impianti) USTSR: Unione Svizzera dei professionisti nella tecnica sanitaria e di riscaldamento VIGW: Vereinigung der Installationskontrolleure im Gas- und Wasserfach (Associazione dei controllori d impianti nel settore del gas e delle acque) VTA: Verein technischer Angestellter der schweizerischen Gas- und Wasserversorgungen (Associazione svizzera degli impiegati tecnici dei servizi del gas e delle acque) HEV: Schweizerischer Hauseigentümerverband (Associazione svizzera dei proprietari fondiari) BATISEC: Kommission für Sicherheit und Gesundheit in der Gebäudetechnik SVIT: Associazione Svizzera dei Fiduciari Immobiliari DEPRESSIONE NEI LOCALI DI INSTALLAZIONE PER IMPIANTI DI COMBUSTIONE INFLUSSO DEGLI IMPIANTI TECNICI D'AERAZIONE SUGLI IMPIANTI DI COMBUSTIONE 1

3 1. Situazione di partenza Gentili Signore e Signori, Nelle "Direttive Gas" della SSIGA (G1, cifra 7.350) e nella direttiva antincendio "Impianti termotecnici" (ITT) dell'aicaa viene fatto riferimento ai problemi che possono derivare dalla produzione di depressione nei locali d'istallazione con focolari aperti. Una significativa casistica di anomalie nel funzionamento e di incidenti, verificatisi nel corso degli ultimi mesi ed anni, ha indotto l'editore della presente circolare a pubblicare un opuscolo informativo, esteso a tutti i settori, per fornire possibili soluzioni, idonee per impianti tecnici interni realizzati in conformità alle direttive. Disponendo misure di protezione corrette è possibile evitare l'influsso degli impianti tecnici d'aerazione sugli impianti di combustione. Tali misure riguardano per lo più: apparecchi a gas di tipo atmosferico, collegati ad un camino (anche quando sono dotati di dispositivi antiriflusso), focolari di stufe da camera e di caminetti: a) in immobili con cucine ristrutturate e dotate di ventilazioni meccaniche (aperture di sfogo dei fumi verso l'esterno); b) in immobili con vani scala aperti e continui (con effetto camino); c) in caso di ristrutturazione di vecchi immobili, in particolare con il rinnovo di cucine, finestre e porte; d) in lavanderie con asciugabiancheria (con sistemi di scarico). Non adottando misure di protezione o adottando misure insufficienti, sussiste il pericolo: in primo luogo, che il processo di combustione venga influenzato sfavorevolmente, con forte formazione di CO, a causa di mancanza di aria nell'impianto di combustione; in secondo luogo, che a causa della depressione i gas di scarico vengano aspirati dagli impianti di combustione verso i locali di installazione. 2

4 Spesso le anomalie di funzionamento e gli incidenti citati (intossicazioni di CO, elevato pericolo per le persone), sono dovuti alla concentrazione di questi gas di scarico tossici nel locale di installazione. Tale pericolo aumenta se la manutenzione periodica degli impianti di combustione viene effettuata in misura insufficiente o gli impianti funzionano in sovraccarico! 2. Obiettivi di protezione e misure di protezione Obiettivi di protezione: Con i focolari è necessario garantire in qualsiasi situazione di funzionamento un'aspirazione sufficiente di aria per la combustione e l'evacuazione continua, non ostacolata dei gas di scarico. Il funzionamento sicuro degli impianti di combustione aperti non deve essere pregiudicato dalla depressione prodotta nel locale di installazione dagli impianti meccanici d'aerazione/ventilazione. Misure di protezione: Da un punto di vista funzionale, occorre separare il funzionamento degli impianti d'aerazione/ventilazione meccanici da quello degli impianti di combustione aperti. I fornitori devono istruire le ditte specializzate e gli utenti degli impianti d'aerazione/ventilazione circa il funzionamento conforme alle direttive degli impianti tecnici interni. Qualora l'incarico per il montaggio di impianti d'aerazione/ventilazione venga affidato a ditte specializzate, si consiglia vivamente di segnalarlo al servizio del gas. 3. Indicazioni di installazione Secondo le Direttive Gas (G1, cifra ), prima di iniziare qualsiasi lavoro su apparecchi a gas (nuove installazioni, ampliamenti o modifiche), è necessario informare per scritto il servizio del gas e altri uffici eventualmente competenti. Su incarico del proprietario, una ditta specializzata deve eseguire una valutazione dell'influsso degli impianti tecnici d'aerazione sugli impianti di combustione. A tale servizio, di regola, sono addette le ditte costruttrici di cucine e di installazione di impianti tecnici interni, o altre ditte e/o personale specializzati. Prima di procedere al montaggio di ventilazioni meccaniche, le ditte specializzate sono pregate di contattare tempestivamente il servizio del gas e le autorità di protezione antincendio locali, affinché queste ultime forniscano indicazioni sulle possibili misure di protezione. Le misure di protezione da adottare dipendono dalle situazioni locali e devono essere quindi ottimizzate in base ai singoli progetti. Le istruzioni per l'installazione e l'uso di impianti o apparecchi meccanici d'aerazione/ventilazione devono fornire indicazioni relative all'influsso sugli impianti di combustione aperti e alle misure di protezione idonee. È necessario far notare che i proprietari degli impianti tecnici interni sono responsabili del funzionamento sicuro dei loro impianti. Per realizzare impianti tecnici d'aerazione e impianti di combustione aperti con funzionamento separato, per quanto riguarda la ventilazione sono possibili, ad esempio, le seguenti soluzioni: aperture di aspirazione (aperture per il rinnovo dell'aria), coperte con serrande meccaniche, dipendenti dalla depressione, eventualmente dotate di filtro; oppure adduzione meccanica dell'aria fresca attraverso un canale di ventilazione, eventualmente con preriscaldamento; 3

5 oppure dispositivi di contatto con le finestre (contatti elettrici o luminosi con le ventilazioni meccaniche). Se tali soluzioni non sono realizzabili, sono possibili le seguenti soluzioni alternative: sostituire l'impianto di combustione esistente con un impianto che dipende dall'aria dell'ambiente (LAS, LAF, impianto a caminetto chiuso); cappa secondo il principio della ricircolazione; ricoprire l'apparecchio a gas esistente con un armadio a tenuta (con presa d'aria definita); bloccaggio elettrico interattivo tra apparecchi (combinato eventualmente con una dispositivo di segnalazione di mancanza del gas, se vi sono anche punti di accensione non protetti). Avvertenza Il montaggio di dispositivi antiriflusso dei gas di scarico negli impianti di scarico o negli apparecchi a gas è una misura di protezione insufficiente per prevenire l'influsso degli impianti tecnici d'aerazione. A causa della maggiore quantità d'aria aspirata attraverso il camino, non viene raggiunta la temperatura di attivazione necessaria per il dispositivo antiriflusso dei gas di scarico. Con tali protezioni non è possibile evitare che attraverso il dispositivo antiriflusso si produca nel locale di installazione una fuoriuscita parziale dei gas di scarico. 4. Per informazioni, applicazioni e controlli Per informazioni, i committenti delle costruzioni, i progettisti, gli architetti e le ditte specializzate possono rivolgersi a: servizi del gas autorità di protezione antincendio (Polizia del fuoco) L'applicazione e i controlli sul posto circa possibili influssi spetta ai servizi del gas: in caso di nuove installazioni, modifiche o ampliamenti di installazioni a gas esistenti (con obbligo di segnalazione al servizio locale del gas); se il servizio del gas è tenuto ad effettuare regolari controlli di sicurezza nella zona interessata; se il servizio del gas riceve la segnalazione di una nuova installazione di un impianto tecnico d'aerazione (secondo capitolo 2). 5. Bibliografia Leporello: Frischluftzufuhr im Badezimmer. Das A und O bei Gasdurchlauferhitzern und Gasboilern. Editore: Städtische Werke Winterthur, Installationskontrolle Gas/Wasser Tel. 052 / o 052 / Leporello: Frische Luft für Ihre Sicherheit. Das A und O bei Gasdurchlauferhitzern und Gasboilern. Editore: Energie Service Biel (ESB), Bienna Tel. 032 /

6 Osservando le presenti disposizioni è possibile evitare in massima parte anomalie di funzionamento, danni o incidenti dovuti all'influsso degli impianti tecnici d'aerazione sugli impianti di combustione aperti. Per la progettazione e la realizzazione di tali impianti è pertanto richiesta la massima accuratezza da parte vostra e la competenza di specialisti (conoscenze e attività interdisciplinare). I servizi locali del gas e le autorità di protezione antincendio, nonché l'aicaa e la SSIGA e tutti gli altri membri del gruppo di lavoro sono a vostra disposizione per rispondere ad eventuali domande. Persone di contatto: AICAA: Signor R. Stüdle, Tel. 031 / SSIGA: Signor H.-J. Lüscher, Tel. 044 / Signor N. Houlmann, Tel. 021 / inoltre: suissetec: Signor M. Lot, Tel. 043 / ASC Signor E. Bosshard Tel. 044 / upi: Signor M. Hugi Tel. 031 / Städt. Werke Winterthur: Signor O. Bodmer Tel. 052 / Distinti saluti Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio (AICAA) suissetec Associazione svizzera per le cucine (ASC) Ufficio per la prevenzione degli infortuni (upi) Società svizzera dell'industria del gas e delle acque (SSIGA) W. Clerc Dr. M. Meyer B. Zuppiger P. Hehlen Dr. A. Kilchmann Presidente della Commissione di esperti "Tecnologie termotecniche e d'aerazione" Direttore Amministratore Direttore Direttore Allegato: Modulo di segnalazione 5

7 MODULO DI SEGNALAZIONE in caso d'influsso degli impianti tecnici d'aerazione sugli impianti di combustione 1. Ditta addetta: Costruzione di cucine Falegnameria Fumista Piastrellista Installatore di sanitari Fornitore di apparecchi a gas Spazzacamino Controllore d'impianti a combustione Ditta: Indirizzo: Telefono: 2. Ubicazione degli impianti: Indirizzo: Piano: Gestore: Telefono: 3. Apparecchi e impianti tecnici interni: Apparecchio a gas... Asciugabiancheria... Focolari di caminetti... Focolari di stufe da camera... Cappa... Ventilatore per l'aria di scarico... Impianto d'aerazione/di ventilazione naturale... Impianto d'aerazione/di ventilazione meccanico Influssi rilevati: Ristagno e riflusso dei gas di scarico Possibile ristagno o riflusso dei gas di scarico Controllare l'evacuazione dei gas di scarico e i parametri igienici della combustione 5. Ulteriori rilevazioni: 6. Controllo richiesto da: servizi locali del gas: autorità locale di protezione antincendio: Ditta: Indirizzo: Telefono: Luogo / Data: Firma: 6

per la certificazione di spazzacamini che effettuano interventi di controllo e pulizia su impianti di combustione alimentati a gas

per la certificazione di spazzacamini che effettuano interventi di controllo e pulizia su impianti di combustione alimentati a gas Schweizerischer Verein des Gas- und Wasserfaches Société Suisse de l Industrie du Gaz et des Eaux Società Svizzera dell Industria del Gas e delle Acque Swiss Gas and Water Industry Association SVGW SSIGE

Dettagli

PROMEMORIA ANTINCENDIO

PROMEMORIA ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Installazione di sistemi di filtri

Dettagli

Norma 7129:2008. Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione. Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A.

Norma 7129:2008. Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione. Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A. Norma 7129:2008 Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A. UNI 7129-2 ed. 2008 Seconda parte: Installazione apparecchi

Dettagli

Regolamento relativo alle manifestazioni

Regolamento relativo alle manifestazioni Utilizzare il gas liquefatto in tutta sicurezza Regolamento relativo alle manifestazioni Versione: marzo 2015 Copyright by FVF 1 Indice Pagina 1 Scopo 3 2 Campo di applicazione 3 3 Procedura 3 4 Attuazione

Dettagli

Impianti di evacuazione di fumo e calore

Impianti di evacuazione di fumo e calore Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Impianti di evacuazione di fumo

Dettagli

Installazione temporanea d'impianti di gas liquefatto

Installazione temporanea d'impianti di gas liquefatto Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO

Dettagli

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione UNI 10683/2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione Regione Lombardia D.G.R.1118 La UNI 10683 è la norma per l installazione,

Dettagli

Modulo A) Dati identificativi di carattere generale. Generalità dell'impresa/operatore che ha eseguito l'intervento

Modulo A) Dati identificativi di carattere generale. Generalità dell'impresa/operatore che ha eseguito l'intervento Pagina 1 UNI 10845 - Verifica dei sistemi per l'evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad alimentati a gas. Criteri di verifica, risanamento, ristrutturazione e intubamento Modulo A) Dati

Dettagli

MINERGIE in cucina: quali i requisiti?

MINERGIE in cucina: quali i requisiti? Minergie in cucina MINERGIE in cucina: quali i requisiti? MINERGIE significa una migliore qualità di vita con un consumo ridotto di energia. Quali influenze esercita tutto questo sull allestimento della

Dettagli

Impianti tecnici di aerazione

Impianti tecnici di aerazione Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Impianti tecnici di aerazione

Dettagli

Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n. 99 del 28/04/2004. UNI 10845

Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n. 99 del 28/04/2004. UNI 10845 ; Sistemi per l evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad apparecchi alimentati a gas. Criteri di Verifica; Risanamento/Ristrutturazione; Intubamento. Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n.

Dettagli

Concetto di formazione

Concetto di formazione Concetto di formazione per - Specialisti antincendio AICAA - Specialisti in protezione degli edifici dai rischi naturali AICAA Associazione Istituti cantonali assicurazione antincendio AICAA Formazione

Dettagli

Lista di controllo CFSL Manutenzione degli impianti di condizionamento dell aria

Lista di controllo CFSL Manutenzione degli impianti di condizionamento dell aria Sicurezza e tutela della salute sul posto di lavoro Lista di controllo CFSL Manutenzione degli impianti di condizionamento dell aria Vi siete assicurati che gli impianti di condizionamento n contamini

Dettagli

UNI 10683 ottobre 2012 seminario tecnico WIT Wöhler Istituto Tecnico

UNI 10683 ottobre 2012 seminario tecnico WIT Wöhler Istituto Tecnico UNI 10683 ottobre 2012 seminario tecnico WIT Wöhler Istituto Tecnico German Puntscher Wöhler Italia srl, 39100 Bolzano gpu@woehler.it Bolzano, il 18.1.2013 Ogni volta che vedrete questa bandiera parliamo

Dettagli

LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA

LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA 2003 DECRETO 17 marzo 2003 AGGIORNAMENTI AGLI ALLEGATI F e G DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

Installazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione

Installazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione 0/11/010 La norma UNI 719/08 Installazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione 1 1 La norma UNI 719/08 Questa è una presentazione non una norma!!! Questa

Dettagli

Contenuto e obiettivi

Contenuto e obiettivi Aiuto all applicazione EN-4 Impianti di ventilazione Contenuto e obiettivi Il presente aiuto all applicazione tratta delle esigenze da rispettare per la progettazione, la messa in opera e la sostituzione

Dettagli

CAMINI E CANNE FUMARIE EMISSIONI IN AMBIENTE. Convegno ANIC a Fiera di Primiero

CAMINI E CANNE FUMARIE EMISSIONI IN AMBIENTE. Convegno ANIC a Fiera di Primiero CAMINI E CANNE FUMARIE EMISSIONI IN AMBIENTE Convegno ANIC a Fiera di Primiero Lotta all inquinamento atmosferico L Italia deve ridurre le emissioni del gas ad effetto serra CO 2 e vincere anche la lotta

Dettagli

GW102. Regolamento. GW102 i Edizione gennaio 2007 REGOLAMENTAZIONE

GW102. Regolamento. GW102 i Edizione gennaio 2007 REGOLAMENTAZIONE Schweizerischer Verein des Gas- und Wasserfaches Société Suisse de l Industrie du Gaz et des Eaux Società Svizzera dell Industria del Gas e delle Acque Swiss Gas and Water Industry Association SVGW SSIGE

Dettagli

Collana prodotta dalla Provincia Autonoma di Trento Agenzia Provinciale per le Risorse Idriche e l Energia Testi: a cura di ing.

Collana prodotta dalla Provincia Autonoma di Trento Agenzia Provinciale per le Risorse Idriche e l Energia Testi: a cura di ing. CANNE FUMARIE Collana prodotta dalla Provincia Autonoma di Trento Agenzia Provinciale per le Risorse Idriche e l Energia Testi: a cura di ing. Daniele Biasioni Edizione: settembre 2014 Progetto grafico:

Dettagli

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90.

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. GLOSSARIO ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. FATTORE DI RISCHIO CONNESSO La Legge 5 marzo 1990, n 46 (pubblicata sulla G.U. n 59) del 12.3.1990

Dettagli

INFORMAZIONI UTILI PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI A GAS 1

INFORMAZIONI UTILI PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI A GAS 1 PARTE E INFORMAZIONI UTILI PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI A GAS 1 PREMESSA Cucinare, lavarsi o riscaldarsi: tanti piccoli gesti quotidiani, semplici e sicuri anche grazie al metano Proprio perché si tratta

Dettagli

Impianti termotecnici

Impianti termotecnici Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Impianti termotecnici 01.01.2015

Dettagli

Dichiarazione di conformità per caldaie a carica manuale

Dichiarazione di conformità per caldaie a carica manuale Ufficio di contatto marchio di qualità: Moritz Dreher Neugasse 6 CH-8005 Zürich Tel.: +41 (0)44 250 88 16 Fax.: +41 (0)44 250 88 22 Email: dreher@holzenergie.ch Marchio di qualità Energia leg Svizzera

Dettagli

Edifici con facciate doppie

Edifici con facciate doppie Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO

NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO

Dettagli

DIRETTIVA ANTINCENDIO

DIRETTIVA ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Impianti d evacuazione di fumo

Dettagli

Materiali da costruzione e parti della costruzione

Materiali da costruzione e parti della costruzione Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Materiali da costruzione e parti

Dettagli

UBICAZIONE DELL UNITA MOBILE Indirizzo... Nr... Palazzo... Scala...Piano...Interno...CAP... Località...Comune... Provincia...

UBICAZIONE DELL UNITA MOBILE Indirizzo... Nr... Palazzo... Scala...Piano...Interno...CAP... Località...Comune... Provincia... LIBRETTO IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) 2 Libretto impianto

Dettagli

LE CANNE FUMARIE. Normative di riferimento per una corretta. realizzazione e manutenzione dei sistemi. fumari al servizio di caldaie a Biomassa

LE CANNE FUMARIE. Normative di riferimento per una corretta. realizzazione e manutenzione dei sistemi. fumari al servizio di caldaie a Biomassa ETA Info... il mio sistema di riscaldamento LE CANNE FUMARIE Normative di riferimento per una corretta realizzazione e manutenzione dei sistemi fumari al servizio di caldaie a Biomassa La passione per

Dettagli

Linee guida Canton Ticino nr. 02 Costruzioni provvisorie

Linee guida Canton Ticino nr. 02 Costruzioni provvisorie Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco c/o Ufficio domande di costruzione, Viale Stefano Franscini 17-6501 Bellinzona Tel. +41 91 814 36 70 Fax. +41 91 814 44 75 E-mail DT-Ccpolf@ti.ch

Dettagli

Ambienti abitativi. Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor

Ambienti abitativi. Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor Radon Cos è e da dove viene Il radon è un gas radioattivo di origine naturale proveniente dal sottosuolo che si può infiltrare e accumulare nelle abitazioni

Dettagli

COMUNE DI UDINE Udine, lì 1 luglio 2004

COMUNE DI UDINE Udine, lì 1 luglio 2004 OGGETTO: trasmissione di copia ordinanza sindacale per la pulizia dei camini per motivi di sicurezza privata e pubblica. Alla PROVINCIA DI UDINE Ufficio UCIT Piazza Patriarcato, 3 33100 UDINE All UNIONE

Dettagli

ISTITUTO DI SICUREZZA

ISTITUTO DI SICUREZZA ISTITUTO DI SICUREZZA Impianti automatici di rivelazione d incendio Documento sulla sicurezza 1806-00.i precedentemente Foglio SPI AE 8 Pagina Introduzione 2 1 Considerazioni generali 1.1 Terminologia

Dettagli

6302 8758 06/2003 IT Per l utente. Istruzioni d uso. Caldaia speciale a gasolio/gas Logano G215 WS. Si prega di leggere attentamente prima dell'uso

6302 8758 06/2003 IT Per l utente. Istruzioni d uso. Caldaia speciale a gasolio/gas Logano G215 WS. Si prega di leggere attentamente prima dell'uso 6302 8758 06/2003 IT Per l utente Istruzioni d uso Caldaia speciale a gasolio/gas Logano G215 WS Si prega di leggere attentamente prima dell'uso Indice 1 Per la vostra sicurezza.........................................

Dettagli

Direttive concernenti la prevenzione di infortuni e intossicazioni nel trattamento termico dei metalli

Direttive concernenti la prevenzione di infortuni e intossicazioni nel trattamento termico dei metalli Direttive concernenti la prevenzione di infortuni e intossicazioni nel trattamento termico dei metalli 1. Campo d applicazione Le disposizioni delle presenti direttive valgono per la costruzione, l esercizio

Dettagli

UNITA OPERATIVA IMPIANTISTICA ANTINFORTUNISTICA AZIENDA USL DI BOLOGNA

UNITA OPERATIVA IMPIANTISTICA ANTINFORTUNISTICA AZIENDA USL DI BOLOGNA UNITA OPERATIVA IMPIANTISTICA ANTINFORTUNISTICA AZIENDA USL DI BOLOGNA Attività in materia di impianti termici Verifiche impianti di riscaldamento ad acqua calda DM 1/12/1975 Verifiche impianti su segnalazioni

Dettagli

Impianti termotecnici

Impianti termotecnici Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Impianti termotecnici 26.03.2003

Dettagli

1 Articolo 20 dell ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt)

1 Articolo 20 dell ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt) Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale dell ambiente UFAM Protezione dell aria e prodotti chimici N. registrazione/dossier: M143-0633

Dettagli

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO TERMICO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2.

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO TERMICO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2. Premessa: LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO TERMICO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2. Gentile cliente, l impianto termico può essere fonte di danni alle persone e/o alle

Dettagli

Caldaia in forma. Campagna Caldaie Efficienti

Caldaia in forma. Campagna Caldaie Efficienti per informazioni: Ufficio Relazioni con il Pubblico Provincia di Treviso Via Cal di Breda, 116 31100 Treviso tel. 0422 656 000 orario di apertura: da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 13.00 e lunedi e mercoledì

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Numero di protocollo COMUNE DI REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, PRESENTAZIONE DI D.I.A., AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI AL SERVIZIO

Dettagli

Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori

Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori Seguire i riferimenti posti sul modulo prestampato (A) Per una migliore garanzia della integrità del documento è consigliato numerare tutti

Dettagli

Una scelta logica: riscaldare con la legna.

Una scelta logica: riscaldare con la legna. Una scelta logica: riscaldare con la legna. Bosco curato. Calore piacevole. Clima sano. Riscaldare con la legna: un ciclo naturale senza spreco di risorse. Sappiamo tutti a cosa deve mirare una politica

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08. Installazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione

La norma UNI-CIG 7129/08. Installazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione La norma UNI-CIG 719/08 Installazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione www. impiantitalia.it R08 1 1 La norma UNI-CIG 719/08 La seconda parte della

Dettagli

Dispositivi di spegnimento

Dispositivi di spegnimento Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Dispositivi di spegnimento 26.03.2003

Dettagli

Impianti tecnici d aerazione

Impianti tecnici d aerazione Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Impianti tecnici d aerazione

Dettagli

VR-250 ECH/B. Unità di trattamento aria GB GB 10-02 (16-11-2010)

VR-250 ECH/B. Unità di trattamento aria GB GB 10-02 (16-11-2010) VR-250 ECH/B Unità di trattamento aria GB GB 10-02 (16-11-2010) Introduzione Manuale di installazione, uso e manutenzione delle unità di trattamento d aria tipo prodotte da Systemair AB. Contiene le istruzioni

Dettagli

Palcoscenici NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO. 05.05.2003 / 107-03i

Palcoscenici NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO. 05.05.2003 / 107-03i Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Palcoscenici 05.05.2003 / 107-03i

Dettagli

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE La scelta della tipologia impiantistica varia a seconda della destinazione d uso: EDILIZIA CIVILE: Classe Esempi 1 Locali per la residenza Alloggi ad uso privato 2 Locali per il

Dettagli

Estratto della Norma UNI 10845

Estratto della Norma UNI 10845 Estratto della Norma UNI 10845 Estratto della NORMA UNI 10845 - Febbraio 2000 Sistemi per l evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad apparecchi alimentati a gas. Criteri di verifica, risanamento

Dettagli

2 Principali misure di protezione antincendio da adottare

2 Principali misure di protezione antincendio da adottare Cancelleria comunale Via Municipio 13 6850 Mendrisio 058 688 31 10 cancelleria@mendrisio.ch mendrisio.ch C O STRUZIONI P R OVVISORI E L I N EE GUI D A DI PROTEZIONE ANTINCENDIO 1 Scopi e basi legali 1.1

Dettagli

ENERBUILD WP 5.3 Killer Arguments and opportunities. Ventilazione. Paolo Baggio Univ. Di Trento

ENERBUILD WP 5.3 Killer Arguments and opportunities. Ventilazione. Paolo Baggio Univ. Di Trento ENERBUILD WP 5.3 Killer Arguments and opportunities Ventilazione Paolo Baggio Univ. Di Trento Overview dei problemi di ventilazione nelle residenze Gli edifici ad alte prestazioni sono edifici a tenuta

Dettagli

Presentazione Progetto CALORE PULITO

Presentazione Progetto CALORE PULITO Presentazione Progetto CALORE PULITO INTRODUZIONE (1) Il Responsabile d impianto (proprietario immobile, locatario, amministratore condominiale e terzo responsabile) ha l obbligo di effettuare la regolare

Dettagli

Relazione di calcolo

Relazione di calcolo Relazione di calcolo Software EC750 - Aperture e scarichi EDIFICIO INDIRIZZO INTERVENTO Villetta singola via Roma, 25-28021 Borgomanero (NO) Sostituzione generatore COMMITTENTE Alberto Rossi INDIRIZZO

Dettagli

Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la

Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la climatizzazione estiva e invernale Obblighi e prescrizioni di legge

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Allegati alla Dichiarazione di conformità n data Committente. Le presenti istruzioni d uso e manutenzione dell

Dettagli

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DM del 22/01/08 n. 37 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ATTIVITA DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI Art. 1 - IMPIANTI SOGGETTI ALL APPLICAZIONE

Dettagli

Finalità e uso del libretto di istruzioni dell impianto termico

Finalità e uso del libretto di istruzioni dell impianto termico Finalità e uso del libretto di istruzioni dell impianto termico Impianto situato in.................................................................................. Via:..............................................................................

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

ISTITUTO DI SICUREZZA

ISTITUTO DI SICUREZZA ISTITUTO DI SICUREZZA Porte e chiusure antincendio Documento sulla sicurezza 1251-00.i precedentemente Foglio SPI CO 9 Pagina 1 Generalità 1.1 Campo d applicazione 2 1.2 Definizioni 2 1.3 Significato tecnico

Dettagli

per EVITARE la formazione di MUFFE da condensa rispettando la classe A ELEMENTI DEL SISTEMA

per EVITARE la formazione di MUFFE da condensa rispettando la classe A ELEMENTI DEL SISTEMA Sistema per EVITARE la formazione di MUFFE da condensa rispettando la classe A MUFFE per mancanza di aerazione Sistema AIRPLAK aerazione naturale per un ambiente sano ELEMENTI DEL SISTEMA silenziatori

Dettagli

Impianti automatici di combustione a legna

Impianti automatici di combustione a legna Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO

Dettagli

SERVIZIO QUALITA DELL ARIA E RISORSE ENERGETICHE. www.provincia.torino.it F.A.Q. Esercizio e manutenzione degli impianti termici

SERVIZIO QUALITA DELL ARIA E RISORSE ENERGETICHE. www.provincia.torino.it F.A.Q. Esercizio e manutenzione degli impianti termici F.A.Q. Esercizio e manutenzione degli impianti termici INDICE Che cosa s intende per impianto termico...4 Che cosa si intende genericamente per caldaietta...4 Impianto termico non utilizzato...4 ALCUNE

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Diop Mor Samb Modou FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria

Dettagli

Sistemi standard di aerazione per edifici residenziali

Sistemi standard di aerazione per edifici residenziali Sistemi standard di aerazione per edifici residenziali Requisiti Aerazione controllata come riferimento Breve presentazione dei sistemi più importanti Possibilità e limiti Indicazioni per la pianificazione

Dettagli

La sicurezza in casa

La sicurezza in casa La sicurezza in casa Impianto a gas Il gas metano è ormai familiare in molte delle nostre case: lo usiamo per cucinare, per scaldare l acqua, per il riscaldamento e, con le più recenti tecnologie, anche

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO

LIBRETTO DI IMPIANTO 1 LIBRETTO DI IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) (Sono già

Dettagli

PER RISCALDARE RISPARMIANDO ELETTRICITÀ!

PER RISCALDARE RISPARMIANDO ELETTRICITÀ! IMPIANTI DI RISCALDAMENTO: LA SCELTA SICURA! Olio e gas Legna in pezzi e pellet Combinazione con l energia solare GUIDA AL RISCALDAMENTO per ammodernamenti e nuovi edifici FUOCO E FIAMMA PER RISCALDARE

Dettagli

Manuale d uso. Caldaie murali a gas a camera stagna, tiraggio forzato (X GVM) ed a camera aperta, tiraggio naturale (X GLM)

Manuale d uso. Caldaie murali a gas a camera stagna, tiraggio forzato (X GVM) ed a camera aperta, tiraggio naturale (X GLM) Manuale d uso X GVM 24-2H - X GLM 24-2H - XGLM 24-2 M 6 720 613 692-00.1O Modelli e brevetti depositati rif.: 6 720 613 692 (2015/07) IT Caldaie murali a gas a camera stagna, tiraggio forzato (X GVM) ed

Dettagli

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO 1 IMPIANTI GAS: LE REGOLE GENERALI A chi mi devo rivolgere? Quando fate realizzare, revisionare o riparare i vostri impianti dovete rivolgervi,

Dettagli

Caldaie Domotec A1 l inizio di una nuova era

Caldaie Domotec A1 l inizio di una nuova era Consigli per la pratica Domotec SA Aarburg Edizione 16.19 07/2011 Caldaie Domotec A1 l inizio di una nuova era Domotec A1 è una generazione completamente nuova di caldaie nelle versioni: Condensazione

Dettagli

Direttive per la galvanotecnica

Direttive per la galvanotecnica Direttive per la galvanotecnica 1 Campo d'applicazione Le presenti direttive si applicano ai lavori di rivestimento metallico di superfici con il procedimento elettrolitico (galvanostegia) o di fabbricazione

Dettagli

Istruzioni di installazione per il personale qualificato UX 15

Istruzioni di installazione per il personale qualificato UX 15 Istruzioni di installazione per il personale qualificato UX 15 CH Indice Indice 1 Significato dei simboli e avvertenze di sicurezza....................... 3 1.1 Spiegazione dei simboli presenti nel libretto...................

Dettagli

Biomassa legnosa locale per un riscaldamento moderno e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico

Biomassa legnosa locale per un riscaldamento moderno e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico Biomassa legnosa locale per un riscaldamento moderno e sostenibile Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico a cura dell ing. Roberto Degiampietro Rizzoli S.r.l. Seminario

Dettagli

Tecnofumi Srl. Testi leggi

Tecnofumi Srl. Testi leggi Testi leggi NORMA EN 1856/1e norma 1856/2 del 2003 - Marcatura CE La norma riguarda i proddotti Doppia parete ed i sistemi camino. Sintesi: la presente norma istituisce la Marcatura CE, fissando i requisiti

Dettagli

Istruzioni per l'uso. Gestione acque Sistema Boiler D 30L

Istruzioni per l'uso. Gestione acque Sistema Boiler D 30L Gestione acque Sistema Boiler D 30L Costruttore: deconta GmbH Im Geer 20, D - 46419 Isselburg Denominazione / Typ-Nr.: Sistema Boiler / D 30L Tipo-N : N di serie:... Indice 1 Introduzione 3 2 Norme di

Dettagli

contributo degli impianti termici per il riscaldamento a biomasse legnose con potenza < 35 kw Sabato 24 Settembre

contributo degli impianti termici per il riscaldamento a biomasse legnose con potenza < 35 kw Sabato 24 Settembre contributo degli impianti termici per il riscaldamento a biomasse legnose con potenza < 35 kw Sabato 24 Settembre a cura della segretaria nazionale Indicazioni della relazione Bonello Il DM 37/08 riproduce

Dettagli

Fuoco e fiamme senza fumo

Fuoco e fiamme senza fumo Fuoco e fiamme senza fumo Una campagna d informazione dei fumisti e degli spazzacamini dell APA in collaborazione con l Agenzia provinciale per l ambiente In guten Händen. In buone mani. Hanspeter Munter

Dettagli

SCHEDA PER LA SCELTA DEL RISCALDAMENTO CRITERI DI BASE PER LA DECISIONE

SCHEDA PER LA SCELTA DEL RISCALDAMENTO CRITERI DI BASE PER LA DECISIONE SCHEDA PER LA SCELTA DEL RISCALDAMENTO CRITERI DI BASE PER LA DECISIONE Quando si realizza un nuovo edificio, o se ne ammoderna uno esistente, nasce la domanda su quale sistema di riscaldamento scegliere.

Dettagli

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-3 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUGLI AMBIENTI DI LAVORO perseguito

Dettagli

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI Perche fare i controlli? RISPARMIO ENERGETICO Un impianto termico più efficiente consuma meno combustibile a parità di calore prodotto. RISPARMIO ECONOMICO

Dettagli

Sommario. Nuove sfide professionali!

Sommario. Nuove sfide professionali! Sommario Controllore della combustione: nuove sfide professionali Impianti termici; situazione attuale. Controlli della combustione e canne fumarie. Base legale. Formazione e delega dei comuni. Possibile

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI

SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI 1 ALLA A.S.P. DI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Per il tramite del SUAP del Comune di SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI Ditta

Dettagli

Accessori S-USI Hydro Control S-Vent S-ESAM. S-USI Hydro Control S-Vent S-ESAM S-Air 1 S-AirBox. Accessori che s integrano con intelligenza.

Accessori S-USI Hydro Control S-Vent S-ESAM. S-USI Hydro Control S-Vent S-ESAM S-Air 1 S-AirBox. Accessori che s integrano con intelligenza. Accessori S-USI Hydro Control S-Vent S-ESAM S-USI Hydro Control S-Vent S-ESAM S-Air 1 S-AirBox Accessori che s integrano con intelligenza. 14 Moduli di controllo per un Accessori S-USI Hydro Control S-Vent

Dettagli

ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO

ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO 24 AVVERTENZE PER LA MESSA IN SERVIZIO DELL'APPARECCHIO La prima accensione va effettuata da personale professionalmente abilitato (ad esempio i Centri Assistenza autorizzati

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Cipressino FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Cipressino FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Cipressino FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria Il Cipressino

Dettagli

Piano di formazione. Fumista AFC* relativo all ordinanza sulla formazione professionale di base. del 28 settembre 2010

Piano di formazione. Fumista AFC* relativo all ordinanza sulla formazione professionale di base. del 28 settembre 2010 Piano di formazione relativo all ordinanza sulla formazione professionale di base Fumista AFC* del 28 settembre 2010 *A fine di facilitare la lettura del documento, il maschile è impiegato per designare

Dettagli

Biomasse: dal bosco il riscaldamento sempre più ecologico e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico

Biomasse: dal bosco il riscaldamento sempre più ecologico e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico Biomasse: dal bosco il riscaldamento sempre più ecologico e sostenibile Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico a cura dell ing. Roberto Degiampietro Rizzoli S.r.l. Incontro

Dettagli

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Relatore : Teresa Mauri - Responsabile Servizio Energia RUOLO PROVINCIA La Provincia, mediante

Dettagli

Istruzione GR No. 13 Tende Costruzioni temporanee

Istruzione GR No. 13 Tende Costruzioni temporanee Istruzione GR No. 13 Tende Costruzioni temporanee La presente istruzione entra in vigore il 1. gennaio 2011 Emanata dalla Commissione amministrativa dell Assicurazione fabbricati dei Grigioni in virtù

Dettagli

ATTILA ISTRUZIONI DI MONTAGGIO ED UTILIZZO

ATTILA ISTRUZIONI DI MONTAGGIO ED UTILIZZO ATTILA ISTRUZIONI DI MONTAGGIO ED UTILIZZO Gentile Cliente la ringraziamo per aver scelto un nostro prodotto e la invitiamo a leggere attentamente quando di seguito riportato -Affidare l installazione

Dettagli

Stagione termica 2012-2014

Stagione termica 2012-2014 ALLEGATO 3 PROTOCOLLO D INTESA 2012-2014 Contratto tipo di manutenzione Stagione termica 2012-2014 Le tariffe massime sotto riportate possono essere indicativamente applicate, fermo restando accordi diversi

Dettagli

Perizia rischio residuo ai sensi art 44g RLE cpv2 (ad ausilio dei Municipi)

Perizia rischio residuo ai sensi art 44g RLE cpv2 (ad ausilio dei Municipi) Istruzioni Canton Ticino nr. 02 Perizia rischio residuo ai sensi art 44g RLE cpv2 (ad ausilio dei Municipi) Il presente formulario non è vincolante, ma rappresenta un mezzo ausiliario per le autorità di

Dettagli

Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC

Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC Canne fumarie per impianti domestici fino 35 kw La canna fumaria sicura

Dettagli

VIESMANN. Istruzioni d'uso VITOSOL. per il conduttore dell'impianto. 5590 554 IT 3/2009 Da conservare!

VIESMANN. Istruzioni d'uso VITOSOL. per il conduttore dell'impianto. 5590 554 IT 3/2009 Da conservare! Istruzioni d'uso per il conduttore dell'impianto VIESMANN VITOSOL 3/2009 Da conservare! Avvertenze sulla sicurezza Per la Vostra sicurezza Si prega di attenersi scrupolosamente alle avvertenze sulla sicurezza

Dettagli

Fuoco e fiamme senza fumo

Fuoco e fiamme senza fumo Fuoco e fiamme senza fumo Una campagna d informazione dei fumisti e degli spazzacamini dell APA in collaborazione con l Agenzia provinciale per l ambiente In guten Händen. In buone mani. Michl Laimer Klaus

Dettagli