Depressione nei locali di installazione per impianti di combustione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Depressione nei locali di installazione per impianti di combustione"

Transcript

1 G10110 i Edizione dicembre 2003 Depressione nei locali di installazione per impianti di combustione Influsso degli impianti tecnici d aerazione sugli impianti di combustione

2 Berna, Zurigo: dicembre 2003 Destinatari: - Autorità cantonali e comunali per la protezione antincendio - Servizi del gas - upi, SSIGA, AICAA - CFSL, Suva, spia - Società e associazioni (alla c.a. dei loro soci): suissetec ASC: Associazione svizzera per le cucine VSSM (ASFMS: Associazione svizzera fabbricanti mobili e serramenti) VHP: Verband Schweizerischer Hafner- und Plattengeschäfte (ASIFP: Associazione svizzera degli impresari fumisti e piastrellisti) FEA: Fachverband Elektroapparate für Haushalt und Gewerbe Schweiz (Associazione svizzera per gli apparecchi elettrici per la casa e l industria) PROCAL VSFK: Vereinigung Schweizerischer Feuerungskontrolleure (Associazione svizzera dei controllori d'impianti a combustione) ASMS: Associazione svizzera dei maestri spazzacamini SIA: Società svizzera degli ingegneri e degli architetti SSHL: Schweizerischer Verband der Haustechnik-Fachlehrer (SLRV : Associazione svizzera docenti installazione d'impianti) USTSR: Unione Svizzera dei professionisti nella tecnica sanitaria e di riscaldamento VIGW: Vereinigung der Installationskontrolleure im Gas- und Wasserfach (Associazione dei controllori d impianti nel settore del gas e delle acque) VTA: Verein technischer Angestellter der schweizerischen Gas- und Wasserversorgungen (Associazione svizzera degli impiegati tecnici dei servizi del gas e delle acque) HEV: Schweizerischer Hauseigentümerverband (Associazione svizzera dei proprietari fondiari) BATISEC: Kommission für Sicherheit und Gesundheit in der Gebäudetechnik SVIT: Associazione Svizzera dei Fiduciari Immobiliari DEPRESSIONE NEI LOCALI DI INSTALLAZIONE PER IMPIANTI DI COMBUSTIONE INFLUSSO DEGLI IMPIANTI TECNICI D'AERAZIONE SUGLI IMPIANTI DI COMBUSTIONE 1

3 1. Situazione di partenza Gentili Signore e Signori, Nelle "Direttive Gas" della SSIGA (G1, cifra 7.350) e nella direttiva antincendio "Impianti termotecnici" (ITT) dell'aicaa viene fatto riferimento ai problemi che possono derivare dalla produzione di depressione nei locali d'istallazione con focolari aperti. Una significativa casistica di anomalie nel funzionamento e di incidenti, verificatisi nel corso degli ultimi mesi ed anni, ha indotto l'editore della presente circolare a pubblicare un opuscolo informativo, esteso a tutti i settori, per fornire possibili soluzioni, idonee per impianti tecnici interni realizzati in conformità alle direttive. Disponendo misure di protezione corrette è possibile evitare l'influsso degli impianti tecnici d'aerazione sugli impianti di combustione. Tali misure riguardano per lo più: apparecchi a gas di tipo atmosferico, collegati ad un camino (anche quando sono dotati di dispositivi antiriflusso), focolari di stufe da camera e di caminetti: a) in immobili con cucine ristrutturate e dotate di ventilazioni meccaniche (aperture di sfogo dei fumi verso l'esterno); b) in immobili con vani scala aperti e continui (con effetto camino); c) in caso di ristrutturazione di vecchi immobili, in particolare con il rinnovo di cucine, finestre e porte; d) in lavanderie con asciugabiancheria (con sistemi di scarico). Non adottando misure di protezione o adottando misure insufficienti, sussiste il pericolo: in primo luogo, che il processo di combustione venga influenzato sfavorevolmente, con forte formazione di CO, a causa di mancanza di aria nell'impianto di combustione; in secondo luogo, che a causa della depressione i gas di scarico vengano aspirati dagli impianti di combustione verso i locali di installazione. 2

4 Spesso le anomalie di funzionamento e gli incidenti citati (intossicazioni di CO, elevato pericolo per le persone), sono dovuti alla concentrazione di questi gas di scarico tossici nel locale di installazione. Tale pericolo aumenta se la manutenzione periodica degli impianti di combustione viene effettuata in misura insufficiente o gli impianti funzionano in sovraccarico! 2. Obiettivi di protezione e misure di protezione Obiettivi di protezione: Con i focolari è necessario garantire in qualsiasi situazione di funzionamento un'aspirazione sufficiente di aria per la combustione e l'evacuazione continua, non ostacolata dei gas di scarico. Il funzionamento sicuro degli impianti di combustione aperti non deve essere pregiudicato dalla depressione prodotta nel locale di installazione dagli impianti meccanici d'aerazione/ventilazione. Misure di protezione: Da un punto di vista funzionale, occorre separare il funzionamento degli impianti d'aerazione/ventilazione meccanici da quello degli impianti di combustione aperti. I fornitori devono istruire le ditte specializzate e gli utenti degli impianti d'aerazione/ventilazione circa il funzionamento conforme alle direttive degli impianti tecnici interni. Qualora l'incarico per il montaggio di impianti d'aerazione/ventilazione venga affidato a ditte specializzate, si consiglia vivamente di segnalarlo al servizio del gas. 3. Indicazioni di installazione Secondo le Direttive Gas (G1, cifra ), prima di iniziare qualsiasi lavoro su apparecchi a gas (nuove installazioni, ampliamenti o modifiche), è necessario informare per scritto il servizio del gas e altri uffici eventualmente competenti. Su incarico del proprietario, una ditta specializzata deve eseguire una valutazione dell'influsso degli impianti tecnici d'aerazione sugli impianti di combustione. A tale servizio, di regola, sono addette le ditte costruttrici di cucine e di installazione di impianti tecnici interni, o altre ditte e/o personale specializzati. Prima di procedere al montaggio di ventilazioni meccaniche, le ditte specializzate sono pregate di contattare tempestivamente il servizio del gas e le autorità di protezione antincendio locali, affinché queste ultime forniscano indicazioni sulle possibili misure di protezione. Le misure di protezione da adottare dipendono dalle situazioni locali e devono essere quindi ottimizzate in base ai singoli progetti. Le istruzioni per l'installazione e l'uso di impianti o apparecchi meccanici d'aerazione/ventilazione devono fornire indicazioni relative all'influsso sugli impianti di combustione aperti e alle misure di protezione idonee. È necessario far notare che i proprietari degli impianti tecnici interni sono responsabili del funzionamento sicuro dei loro impianti. Per realizzare impianti tecnici d'aerazione e impianti di combustione aperti con funzionamento separato, per quanto riguarda la ventilazione sono possibili, ad esempio, le seguenti soluzioni: aperture di aspirazione (aperture per il rinnovo dell'aria), coperte con serrande meccaniche, dipendenti dalla depressione, eventualmente dotate di filtro; oppure adduzione meccanica dell'aria fresca attraverso un canale di ventilazione, eventualmente con preriscaldamento; 3

5 oppure dispositivi di contatto con le finestre (contatti elettrici o luminosi con le ventilazioni meccaniche). Se tali soluzioni non sono realizzabili, sono possibili le seguenti soluzioni alternative: sostituire l'impianto di combustione esistente con un impianto che dipende dall'aria dell'ambiente (LAS, LAF, impianto a caminetto chiuso); cappa secondo il principio della ricircolazione; ricoprire l'apparecchio a gas esistente con un armadio a tenuta (con presa d'aria definita); bloccaggio elettrico interattivo tra apparecchi (combinato eventualmente con una dispositivo di segnalazione di mancanza del gas, se vi sono anche punti di accensione non protetti). Avvertenza Il montaggio di dispositivi antiriflusso dei gas di scarico negli impianti di scarico o negli apparecchi a gas è una misura di protezione insufficiente per prevenire l'influsso degli impianti tecnici d'aerazione. A causa della maggiore quantità d'aria aspirata attraverso il camino, non viene raggiunta la temperatura di attivazione necessaria per il dispositivo antiriflusso dei gas di scarico. Con tali protezioni non è possibile evitare che attraverso il dispositivo antiriflusso si produca nel locale di installazione una fuoriuscita parziale dei gas di scarico. 4. Per informazioni, applicazioni e controlli Per informazioni, i committenti delle costruzioni, i progettisti, gli architetti e le ditte specializzate possono rivolgersi a: servizi del gas autorità di protezione antincendio (Polizia del fuoco) L'applicazione e i controlli sul posto circa possibili influssi spetta ai servizi del gas: in caso di nuove installazioni, modifiche o ampliamenti di installazioni a gas esistenti (con obbligo di segnalazione al servizio locale del gas); se il servizio del gas è tenuto ad effettuare regolari controlli di sicurezza nella zona interessata; se il servizio del gas riceve la segnalazione di una nuova installazione di un impianto tecnico d'aerazione (secondo capitolo 2). 5. Bibliografia Leporello: Frischluftzufuhr im Badezimmer. Das A und O bei Gasdurchlauferhitzern und Gasboilern. Editore: Städtische Werke Winterthur, Installationskontrolle Gas/Wasser Tel. 052 / o 052 / Leporello: Frische Luft für Ihre Sicherheit. Das A und O bei Gasdurchlauferhitzern und Gasboilern. Editore: Energie Service Biel (ESB), Bienna Tel. 032 /

6 Osservando le presenti disposizioni è possibile evitare in massima parte anomalie di funzionamento, danni o incidenti dovuti all'influsso degli impianti tecnici d'aerazione sugli impianti di combustione aperti. Per la progettazione e la realizzazione di tali impianti è pertanto richiesta la massima accuratezza da parte vostra e la competenza di specialisti (conoscenze e attività interdisciplinare). I servizi locali del gas e le autorità di protezione antincendio, nonché l'aicaa e la SSIGA e tutti gli altri membri del gruppo di lavoro sono a vostra disposizione per rispondere ad eventuali domande. Persone di contatto: AICAA: Signor R. Stüdle, Tel. 031 / SSIGA: Signor H.-J. Lüscher, Tel. 044 / Signor N. Houlmann, Tel. 021 / inoltre: suissetec: Signor M. Lot, Tel. 043 / ASC Signor E. Bosshard Tel. 044 / upi: Signor M. Hugi Tel. 031 / Städt. Werke Winterthur: Signor O. Bodmer Tel. 052 / Distinti saluti Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio (AICAA) suissetec Associazione svizzera per le cucine (ASC) Ufficio per la prevenzione degli infortuni (upi) Società svizzera dell'industria del gas e delle acque (SSIGA) W. Clerc Dr. M. Meyer B. Zuppiger P. Hehlen Dr. A. Kilchmann Presidente della Commissione di esperti "Tecnologie termotecniche e d'aerazione" Direttore Amministratore Direttore Direttore Allegato: Modulo di segnalazione 5

7 MODULO DI SEGNALAZIONE in caso d'influsso degli impianti tecnici d'aerazione sugli impianti di combustione 1. Ditta addetta: Costruzione di cucine Falegnameria Fumista Piastrellista Installatore di sanitari Fornitore di apparecchi a gas Spazzacamino Controllore d'impianti a combustione Ditta: Indirizzo: Telefono: 2. Ubicazione degli impianti: Indirizzo: Piano: Gestore: Telefono: 3. Apparecchi e impianti tecnici interni: Apparecchio a gas... Asciugabiancheria... Focolari di caminetti... Focolari di stufe da camera... Cappa... Ventilatore per l'aria di scarico... Impianto d'aerazione/di ventilazione naturale... Impianto d'aerazione/di ventilazione meccanico Influssi rilevati: Ristagno e riflusso dei gas di scarico Possibile ristagno o riflusso dei gas di scarico Controllare l'evacuazione dei gas di scarico e i parametri igienici della combustione 5. Ulteriori rilevazioni: 6. Controllo richiesto da: servizi locali del gas: autorità locale di protezione antincendio: Ditta: Indirizzo: Telefono: Luogo / Data: Firma: 6

per la certificazione di spazzacamini che effettuano interventi di controllo e pulizia su impianti di combustione alimentati a gas

per la certificazione di spazzacamini che effettuano interventi di controllo e pulizia su impianti di combustione alimentati a gas Schweizerischer Verein des Gas- und Wasserfaches Société Suisse de l Industrie du Gaz et des Eaux Società Svizzera dell Industria del Gas e delle Acque Swiss Gas and Water Industry Association SVGW SSIGE

Dettagli

Regolamento relativo alle manifestazioni

Regolamento relativo alle manifestazioni Utilizzare il gas liquefatto in tutta sicurezza Regolamento relativo alle manifestazioni Versione: marzo 2015 Copyright by FVF 1 Indice Pagina 1 Scopo 3 2 Campo di applicazione 3 3 Procedura 3 4 Attuazione

Dettagli

Impianti di evacuazione di fumo e calore

Impianti di evacuazione di fumo e calore Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Impianti di evacuazione di fumo

Dettagli

Installazione temporanea d'impianti di gas liquefatto

Installazione temporanea d'impianti di gas liquefatto Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO

Dettagli

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione UNI 10683/2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione Regione Lombardia D.G.R.1118 La UNI 10683 è la norma per l installazione,

Dettagli

Concetto di formazione

Concetto di formazione Concetto di formazione per - Specialisti antincendio AICAA - Specialisti in protezione degli edifici dai rischi naturali AICAA Associazione Istituti cantonali assicurazione antincendio AICAA Formazione

Dettagli

MINERGIE in cucina: quali i requisiti?

MINERGIE in cucina: quali i requisiti? Minergie in cucina MINERGIE in cucina: quali i requisiti? MINERGIE significa una migliore qualità di vita con un consumo ridotto di energia. Quali influenze esercita tutto questo sull allestimento della

Dettagli

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90.

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. GLOSSARIO ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. FATTORE DI RISCHIO CONNESSO La Legge 5 marzo 1990, n 46 (pubblicata sulla G.U. n 59) del 12.3.1990

Dettagli

UNI 10683 ottobre 2012 seminario tecnico WIT Wöhler Istituto Tecnico

UNI 10683 ottobre 2012 seminario tecnico WIT Wöhler Istituto Tecnico UNI 10683 ottobre 2012 seminario tecnico WIT Wöhler Istituto Tecnico German Puntscher Wöhler Italia srl, 39100 Bolzano gpu@woehler.it Bolzano, il 18.1.2013 Ogni volta che vedrete questa bandiera parliamo

Dettagli

Collana prodotta dalla Provincia Autonoma di Trento Agenzia Provinciale per le Risorse Idriche e l Energia Testi: a cura di ing.

Collana prodotta dalla Provincia Autonoma di Trento Agenzia Provinciale per le Risorse Idriche e l Energia Testi: a cura di ing. CANNE FUMARIE Collana prodotta dalla Provincia Autonoma di Trento Agenzia Provinciale per le Risorse Idriche e l Energia Testi: a cura di ing. Daniele Biasioni Edizione: settembre 2014 Progetto grafico:

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO

NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO

Dettagli

Dichiarazione di conformità per caldaie a carica manuale

Dichiarazione di conformità per caldaie a carica manuale Ufficio di contatto marchio di qualità: Moritz Dreher Neugasse 6 CH-8005 Zürich Tel.: +41 (0)44 250 88 16 Fax.: +41 (0)44 250 88 22 Email: dreher@holzenergie.ch Marchio di qualità Energia leg Svizzera

Dettagli

INFORMAZIONI UTILI PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI A GAS 1

INFORMAZIONI UTILI PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI A GAS 1 PARTE E INFORMAZIONI UTILI PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI A GAS 1 PREMESSA Cucinare, lavarsi o riscaldarsi: tanti piccoli gesti quotidiani, semplici e sicuri anche grazie al metano Proprio perché si tratta

Dettagli

Caldaia in forma. Campagna Caldaie Efficienti

Caldaia in forma. Campagna Caldaie Efficienti per informazioni: Ufficio Relazioni con il Pubblico Provincia di Treviso Via Cal di Breda, 116 31100 Treviso tel. 0422 656 000 orario di apertura: da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 13.00 e lunedi e mercoledì

Dettagli

Contenuto e obiettivi

Contenuto e obiettivi Aiuto all applicazione EN-4 Impianti di ventilazione Contenuto e obiettivi Il presente aiuto all applicazione tratta delle esigenze da rispettare per la progettazione, la messa in opera e la sostituzione

Dettagli

Ambienti abitativi. Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor

Ambienti abitativi. Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor Radon Cos è e da dove viene Il radon è un gas radioattivo di origine naturale proveniente dal sottosuolo che si può infiltrare e accumulare nelle abitazioni

Dettagli

Impianti termotecnici

Impianti termotecnici Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Impianti termotecnici 26.03.2003

Dettagli

DIRETTIVA ANTINCENDIO

DIRETTIVA ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Impianti d evacuazione di fumo

Dettagli

1 Articolo 20 dell ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt)

1 Articolo 20 dell ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt) Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale dell ambiente UFAM Protezione dell aria e prodotti chimici N. registrazione/dossier: M143-0633

Dettagli

COMUNE DI UDINE Udine, lì 1 luglio 2004

COMUNE DI UDINE Udine, lì 1 luglio 2004 OGGETTO: trasmissione di copia ordinanza sindacale per la pulizia dei camini per motivi di sicurezza privata e pubblica. Alla PROVINCIA DI UDINE Ufficio UCIT Piazza Patriarcato, 3 33100 UDINE All UNIONE

Dettagli

Una scelta logica: riscaldare con la legna.

Una scelta logica: riscaldare con la legna. Una scelta logica: riscaldare con la legna. Bosco curato. Calore piacevole. Clima sano. Riscaldare con la legna: un ciclo naturale senza spreco di risorse. Sappiamo tutti a cosa deve mirare una politica

Dettagli

6302 8758 06/2003 IT Per l utente. Istruzioni d uso. Caldaia speciale a gasolio/gas Logano G215 WS. Si prega di leggere attentamente prima dell'uso

6302 8758 06/2003 IT Per l utente. Istruzioni d uso. Caldaia speciale a gasolio/gas Logano G215 WS. Si prega di leggere attentamente prima dell'uso 6302 8758 06/2003 IT Per l utente Istruzioni d uso Caldaia speciale a gasolio/gas Logano G215 WS Si prega di leggere attentamente prima dell'uso Indice 1 Per la vostra sicurezza.........................................

Dettagli

Presentazione Progetto CALORE PULITO

Presentazione Progetto CALORE PULITO Presentazione Progetto CALORE PULITO INTRODUZIONE (1) Il Responsabile d impianto (proprietario immobile, locatario, amministratore condominiale e terzo responsabile) ha l obbligo di effettuare la regolare

Dettagli

Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori

Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori Seguire i riferimenti posti sul modulo prestampato (A) Per una migliore garanzia della integrità del documento è consigliato numerare tutti

Dettagli

Impianti tecnici d aerazione

Impianti tecnici d aerazione Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Impianti tecnici d aerazione

Dettagli

Linee guida Canton Ticino nr. 02 Costruzioni provvisorie

Linee guida Canton Ticino nr. 02 Costruzioni provvisorie Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco c/o Ufficio domande di costruzione, Viale Stefano Franscini 17-6501 Bellinzona Tel. +41 91 814 36 70 Fax. +41 91 814 44 75 E-mail DT-Ccpolf@ti.ch

Dettagli

ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO

ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO 24 AVVERTENZE PER LA MESSA IN SERVIZIO DELL'APPARECCHIO La prima accensione va effettuata da personale professionalmente abilitato (ad esempio i Centri Assistenza autorizzati

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Cipressino FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Cipressino FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Cipressino FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria Il Cipressino

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

ENERBUILD WP 5.3 Killer Arguments and opportunities. Ventilazione. Paolo Baggio Univ. Di Trento

ENERBUILD WP 5.3 Killer Arguments and opportunities. Ventilazione. Paolo Baggio Univ. Di Trento ENERBUILD WP 5.3 Killer Arguments and opportunities Ventilazione Paolo Baggio Univ. Di Trento Overview dei problemi di ventilazione nelle residenze Gli edifici ad alte prestazioni sono edifici a tenuta

Dettagli

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE La scelta della tipologia impiantistica varia a seconda della destinazione d uso: EDILIZIA CIVILE: Classe Esempi 1 Locali per la residenza Alloggi ad uso privato 2 Locali per il

Dettagli

Piano di formazione. Fumista AFC* relativo all ordinanza sulla formazione professionale di base. del 28 settembre 2010

Piano di formazione. Fumista AFC* relativo all ordinanza sulla formazione professionale di base. del 28 settembre 2010 Piano di formazione relativo all ordinanza sulla formazione professionale di base Fumista AFC* del 28 settembre 2010 *A fine di facilitare la lettura del documento, il maschile è impiegato per designare

Dettagli

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO TERMICO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2.

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO TERMICO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2. Premessa: LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO TERMICO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2. Gentile cliente, l impianto termico può essere fonte di danni alle persone e/o alle

Dettagli

VR-250 ECH/B. Unità di trattamento aria GB GB 10-02 (16-11-2010)

VR-250 ECH/B. Unità di trattamento aria GB GB 10-02 (16-11-2010) VR-250 ECH/B Unità di trattamento aria GB GB 10-02 (16-11-2010) Introduzione Manuale di installazione, uso e manutenzione delle unità di trattamento d aria tipo prodotte da Systemair AB. Contiene le istruzioni

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Diop Mor Samb Modou FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria

Dettagli

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DM del 22/01/08 n. 37 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ATTIVITA DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI Art. 1 - IMPIANTI SOGGETTI ALL APPLICAZIONE

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Padiglione 38. San Salvi FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Padiglione 38. San Salvi FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Padiglione 38 San Salvi FIRENZE 1 STRUTTURA Residenza Universitaria

Dettagli

Dispositivi di spegnimento

Dispositivi di spegnimento Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Dispositivi di spegnimento 26.03.2003

Dettagli

Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la

Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la climatizzazione estiva e invernale Obblighi e prescrizioni di legge

Dettagli

Istruzioni per l'uso. Gestione acque Sistema Boiler D 30L

Istruzioni per l'uso. Gestione acque Sistema Boiler D 30L Gestione acque Sistema Boiler D 30L Costruttore: deconta GmbH Im Geer 20, D - 46419 Isselburg Denominazione / Typ-Nr.: Sistema Boiler / D 30L Tipo-N : N di serie:... Indice 1 Introduzione 3 2 Norme di

Dettagli

Cappa aspirante. [it] Istruzioni per l uso e il montaggio

Cappa aspirante. [it] Istruzioni per l uso e il montaggio Cappa aspirante [it] Istruzioni per l uso e il montaggio â Indice[it]Istruzioni perl usoeil montagio ISTRUZIONI PER L USO... 2 Smaltimento ecologico...2 Istruzioni di sicurezza... 2 Tipi di esercizio...4

Dettagli

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI Perche fare i controlli? RISPARMIO ENERGETICO Un impianto termico più efficiente consuma meno combustibile a parità di calore prodotto. RISPARMIO ECONOMICO

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08. Installazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione

La norma UNI-CIG 7129/08. Installazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione La norma UNI-CIG 719/08 Installazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione www. impiantitalia.it R08 1 1 La norma UNI-CIG 719/08 La seconda parte della

Dettagli

ISTITUTO DI SICUREZZA

ISTITUTO DI SICUREZZA ISTITUTO DI SICUREZZA Porte e chiusure antincendio Documento sulla sicurezza 1251-00.i precedentemente Foglio SPI CO 9 Pagina 1 Generalità 1.1 Campo d applicazione 2 1.2 Definizioni 2 1.3 Significato tecnico

Dettagli

Sommario. Nuove sfide professionali!

Sommario. Nuove sfide professionali! Sommario Controllore della combustione: nuove sfide professionali Impianti termici; situazione attuale. Controlli della combustione e canne fumarie. Base legale. Formazione e delega dei comuni. Possibile

Dettagli

Note Allegati obbligatori

Note Allegati obbligatori Note Allegati obbligatori (*) La portata termica totale dell impianto gas sul quale sono stati eseguiti i lavori (realizzazione, modifica, sostituzione apparecchi, ecc.), deve essere calcolata sommando

Dettagli

Fuoco e fiamme senza fumo

Fuoco e fiamme senza fumo Fuoco e fiamme senza fumo Una campagna d informazione dei fumisti e degli spazzacamini dell APA in collaborazione con l Agenzia provinciale per l ambiente In guten Händen. In buone mani. Michl Laimer Klaus

Dettagli

SERVIZIO QUALITA DELL ARIA E RISORSE ENERGETICHE. www.provincia.torino.it F.A.Q. Esercizio e manutenzione degli impianti termici

SERVIZIO QUALITA DELL ARIA E RISORSE ENERGETICHE. www.provincia.torino.it F.A.Q. Esercizio e manutenzione degli impianti termici F.A.Q. Esercizio e manutenzione degli impianti termici INDICE Che cosa s intende per impianto termico...4 Che cosa si intende genericamente per caldaietta...4 Impianto termico non utilizzato...4 ALCUNE

Dettagli

Palcoscenici NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO. 05.05.2003 / 107-03i

Palcoscenici NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO. 05.05.2003 / 107-03i Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Palcoscenici 05.05.2003 / 107-03i

Dettagli

Relazione di calcolo

Relazione di calcolo Relazione di calcolo Software EC750 - Aperture e scarichi EDIFICIO INDIRIZZO INTERVENTO Villetta singola via Roma, 25-28021 Borgomanero (NO) Sostituzione generatore COMMITTENTE Alberto Rossi INDIRIZZO

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO

LIBRETTO DI IMPIANTO 1 LIBRETTO DI IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) (Sono già

Dettagli

La verifica della resa di calore di una stufa a legna. German p.i. Puntscher

La verifica della resa di calore di una stufa a legna. German p.i. Puntscher La verifica della resa di calore di una stufa a legna German p.i. Puntscher Collaudi Nei collaudi si dividono le 3 diverse categorie: stufa o caminetto inteso come apparecchio singolo stufa o caminetto

Dettagli

VIESMANN. Istruzioni d'uso VITOSOL. per il conduttore dell'impianto. 5590 554 IT 3/2009 Da conservare!

VIESMANN. Istruzioni d'uso VITOSOL. per il conduttore dell'impianto. 5590 554 IT 3/2009 Da conservare! Istruzioni d'uso per il conduttore dell'impianto VIESMANN VITOSOL 3/2009 Da conservare! Avvertenze sulla sicurezza Per la Vostra sicurezza Si prega di attenersi scrupolosamente alle avvertenze sulla sicurezza

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Allegati alla Dichiarazione di conformità n data Committente. Le presenti istruzioni d uso e manutenzione dell

Dettagli

ARES COMUNE DI MOSSA. Agenzia Regionale per. l Edilizia Sostenibile INCENTIVI FISCALI. Martedì 19 novembre 2013 Mossa. Relatore ing.

ARES COMUNE DI MOSSA. Agenzia Regionale per. l Edilizia Sostenibile INCENTIVI FISCALI. Martedì 19 novembre 2013 Mossa. Relatore ing. ARES Agenzia Regionale per l Edilizia Sostenibile COMUNE DI MOSSA INCENTIVI FISCALI Martedì 19 novembre 2013 Mossa Relatore ing. Claudio Degano LE ALIQUOTE IVA IN EDILIZIA GLI INTERVENTI EDILIZI SOGGIACIONO

Dettagli

INFORMAZIONI PER I CITTADINI

INFORMAZIONI PER I CITTADINI 1 INDICE Pagina Informazioni per i cittadini: Campagna di controllo degli impianti termici... 3 Cosa si intende per impianto termico... 4 Responsabile dell impianto termico... 4 Il Libretto di Impianto

Dettagli

Caldaie Domotec A1 l inizio di una nuova era

Caldaie Domotec A1 l inizio di una nuova era Consigli per la pratica Domotec SA Aarburg Edizione 16.19 07/2011 Caldaie Domotec A1 l inizio di una nuova era Domotec A1 è una generazione completamente nuova di caldaie nelle versioni: Condensazione

Dettagli

ATTILA ISTRUZIONI DI MONTAGGIO ED UTILIZZO

ATTILA ISTRUZIONI DI MONTAGGIO ED UTILIZZO ATTILA ISTRUZIONI DI MONTAGGIO ED UTILIZZO Gentile Cliente la ringraziamo per aver scelto un nostro prodotto e la invitiamo a leggere attentamente quando di seguito riportato -Affidare l installazione

Dettagli

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO 1 IMPIANTI GAS: LE REGOLE GENERALI A chi mi devo rivolgere? Quando fate realizzare, revisionare o riparare i vostri impianti dovete rivolgervi,

Dettagli

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Relatore : Teresa Mauri - Responsabile Servizio Energia RUOLO PROVINCIA La Provincia, mediante

Dettagli

Riduttore di pressione Calcolo della pressione disponibile

Riduttore di pressione Calcolo della pressione disponibile Schweizerischer Verein des Gas- und Wasserfaches Société Suisse de l Industrie du Gaz et des Eaux Società Svizzera dell Industria del Gas e delle Acque Swiss Gas and Water Industry Association SVGW SSIGE

Dettagli

In caso di nuova installazione - ristrutturazione - cambio dei generatori di calore:

In caso di nuova installazione - ristrutturazione - cambio dei generatori di calore: Normativa di riferimento L. 10/91 D.P.R. 412/93 D.P.R. 551/99 D.Lgs. 192/05 D.Lgs. 311/06 L.R. 24/06 D.G.R. n. 6033/07 Cos è un impianto termico Qualsiasi impianto di riscaldamento dotato di: Generatore

Dettagli

www.enerline.it MANUTENZIONE PERIODICA DELLA COPERTURA Enerline S.r.l. Via F. Bocconi, 9 20136 Milano Tel. 02-58432143 email: info@enerline.

www.enerline.it MANUTENZIONE PERIODICA DELLA COPERTURA Enerline S.r.l. Via F. Bocconi, 9 20136 Milano Tel. 02-58432143 email: info@enerline. Enerline S.r.l. Via F. Bocconi, 9 20136 Milano Tel. 02-58432143 email: info@enerline.it www.enerline.it MANUTENZIONE PERIODICA DELLA COPERTURA MONOSSIDO DI CARBONIO Le cause Ventilazione Combustione Evacuazione

Dettagli

NORMA DI PROTEZIONE ANTINCENDIO

NORMA DI PROTEZIONE ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio NORMA DI PROTEZIONE ANTINCENDIO

Dettagli

CALORE. Sistemi produzione. In tutti i Paesi sviluppati, la lotta contro gli incendi

CALORE. Sistemi produzione. In tutti i Paesi sviluppati, la lotta contro gli incendi Sistemi produzione CALORE di Marco Albanese, responsabile Ufficio Salute, Sicurezza e Ambiente - Rimessaggio del Tirreno Srl La prevenzione degli incendi garantisce la sicurezza degli edifici In tutti

Dettagli

- quando all'accensione si sentono rumori non usuali; DOMANDE E RISPOSTE

- quando all'accensione si sentono rumori non usuali; DOMANDE E RISPOSTE DOMANDE E RISPOSTE V ediamo adesso di chiarire qualche dubbio che potrebbe essere rimasto dalla lettura delle pagine precedenti. - quando all'accensione si sentono rumori non usuali; - quando le manopole

Dettagli

Convegno Regione Lombardia ARPA Lombardia ISPRA 23 maggio 2011

Convegno Regione Lombardia ARPA Lombardia ISPRA 23 maggio 2011 Convegno Regione Lombardia ARPA Lombardia ISPRA 23 maggio 2011 Le emissioni della combustione della legna in piccoli impianti domestici e la qualità dell'aria titolo intervento : La sicurezza degli impianti

Dettagli

Estratto della Norma UNI 10845

Estratto della Norma UNI 10845 Estratto della Norma UNI 10845 Estratto della NORMA UNI 10845 - Febbraio 2000 Sistemi per l evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad apparecchi alimentati a gas. Criteri di verifica, risanamento

Dettagli

COMUNE DI CINTE TESINO PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI CINTE TESINO PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI CINTE TESINO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA CAMINI ISTITUZIONE DEL SERVIZIO Art. 1 Agli effetti della regolare manutenzione delle canne fumarie e conseguente prevenzione

Dettagli

Cassette ad incasso e sportelli per caminetti Focolari vestiti a nuovo

Cassette ad incasso e sportelli per caminetti Focolari vestiti a nuovo Cassette ad incasso e sportelli per caminetti Focolari vestiti a nuovo Tecnologia. Precisione. Futuro. Il nome Spartherm sta per caminetti innovativi che non solo soddisfano altissimi requisiti in termini

Dettagli

Tecnofumi Srl. Testi leggi

Tecnofumi Srl. Testi leggi Testi leggi NORMA EN 1856/1e norma 1856/2 del 2003 - Marcatura CE La norma riguarda i proddotti Doppia parete ed i sistemi camino. Sintesi: la presente norma istituisce la Marcatura CE, fissando i requisiti

Dettagli

info Guida per l igiene negli impianti di ventilazione singoli Promemoria Clima ventilazione / refrigerazione Novembre 2012

info Guida per l igiene negli impianti di ventilazione singoli Promemoria Clima ventilazione / refrigerazione Novembre 2012 Promemoria Clima ventilazione / refrigerazione info Novembre 2012 Guida per l igiene negli impianti di ventilazione singoli In base alle fasi di progetto definite dalla SIA, la presente guida descrive

Dettagli

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIRO L Landesagentur für Umwelt PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Agenzia provinciale per l ambiente Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici Nel

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw PROVINCIA DI POTENZA Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw dd rf f rt t 54+ à+àddedefff àf N 1 DEFINIZIONI impianto termico: un impianto tecnologico

Dettagli

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-3 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUGLI AMBIENTI DI LAVORO perseguito

Dettagli

Istruzioni di montaggio

Istruzioni di montaggio Istruzioni di montaggio MAGIC K4 Si raccomanda di leggere attentamente le istruzioni contenute nel presente fascicolo e di far installare il caminetto da personale qualificato È necessario attenersi a

Dettagli

CONVEGNO Impianti di climatizzazione estiva Le emissioni della combustione della legna in piccoli impianti domestici

CONVEGNO Impianti di climatizzazione estiva Le emissioni della combustione della legna in piccoli impianti domestici CONVEGNO Impianti di climatizzazione estiva Le emissioni della combustione della legna in piccoli impianti domestici ANFUS, Associazione Nazionale Fumisti installatori e Spazzacamini manutentori 11.500

Dettagli

Regolamento per partner specializzati MINERGIE

Regolamento per partner specializzati MINERGIE Regolamento per partner specializzati MINERGIE Regolamento per partner specializzati MINERGIE 1. Generale I progettisti e costruttori edili sono fondamentali per la diffusione dello standard Minergie sul

Dettagli

Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva

Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva Ultimo aggiornamento: 12 febbraio 2015 A seguito della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 55 del 7 marzo 2014 del

Dettagli

Il Presidente di Assocosma Dante Bozzetto

Il Presidente di Assocosma Dante Bozzetto PERCHE RISCALDARE CON LA LEGNA USARE SOLO LEGNA COME COMBUSTIBILE IL CORRETTO STOCCAGGIO DELLA LEGNA VARIETA DEI SISTEMI DI RISCALDAMENTO I GENERATORI DOMESTICI PRODOTTI O INSTALLATI DAI FUMISTI SCEGLIERE

Dettagli

Le verifiche e la manutenzione degli impianti a biomassa

Le verifiche e la manutenzione degli impianti a biomassa Le verifiche e la manutenzione degli impianti a biomassa WIT Wöhler Istituto tecnico German Puntscher e Marco Scisci 1 Le sfide del settore biomassa Il mercato della biomassa in Italia ha bisogno di una

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria Varlungo

Dettagli

L ATTIVITÀ DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI LA SITUAZIONE VENEZIANA

L ATTIVITÀ DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI LA SITUAZIONE VENEZIANA VENEZIA, 17 dicembre 2007 ATENEO VENETO TAVOLA ROTONDA CANNE FUMARIE NEI CENTRI STORICI: PROBLEMATICHE, NORMATIVE E IMPATTO AMBIENTALE L ATTIVITÀ DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI LA SITUAZIONE VENEZIANA

Dettagli

Manuale utente RSA 28 /25. per il modello

Manuale utente RSA 28 /25. per il modello Manuale utente per il modello RSA 28 /25 Caldaia murale a camera stagna con accumulo CE 0694 RSA 28.25 - RAD - ITA - MAN.UT - 1304.1 - DIGITECH TR - MIAH6 Documentazione Tecnica RADIANT BRUCIATORI S.p.A.

Dettagli

Direttive per la galvanotecnica

Direttive per la galvanotecnica Direttive per la galvanotecnica 1 Campo d'applicazione Le presenti direttive si applicano ai lavori di rivestimento metallico di superfici con il procedimento elettrolitico (galvanostegia) o di fabbricazione

Dettagli

Lamanutenzione de le canne fumarie UNI10847

Lamanutenzione de le canne fumarie UNI10847 Lamanutenzione de le canne fumarie UNI10847 Mario Paonessa presidente spazzacamini ANFUS Lombardia ANFUS presentazione a cura del Gruppo di Lavoro Maestri Spazzacamini Il ruolo dell ANFUS 1 LaNormaUNI10847

Dettagli

Impianti termici per il riscaldamento a biomasse legnose con potenza < 35 kw

Impianti termici per il riscaldamento a biomasse legnose con potenza < 35 kw Impianti termici per il riscaldamento a biomasse legnose con potenza < 35 kw AZIENDE e OPERATORI del Comparto riscaldamento a biomasse. FATTURATO della filiera produzione/commercio/installazione/manutenzione.

Dettagli

Un esperto per due aziende

Un esperto per due aziende Pulizia e controllo degli impianti di combustione Risanamento camini e vendita di cucine economiche e stufe Un esperto per due aziende Protezione antincendio, sicurezza e salvaguardia dell ambiente Grazie

Dettagli

Caldaie a gas di portata termica nominale non maggiore di 35 kw Controllo e manutenzione

Caldaie a gas di portata termica nominale non maggiore di 35 kw Controllo e manutenzione NORMA ITALIANA Caldaie a gas di portata termica nominale non maggiore di 35 kw Controllo e manutenzione UNI 10436 GIUGNO 1996 Gas-fired heating boilers of nominal heat input not exceeding 35 kw Inspection

Dettagli

IMPIANTI TERMICI. Informazioni generali. La manutenzione. Libretto di impianto

IMPIANTI TERMICI. Informazioni generali. La manutenzione. Libretto di impianto IMPIANTI TERMICI Informazioni generali Il DPR 412/93 e s.m.e i. stabilisce che l'accensione degli impianti termici comincia il 15 ottobre e termina il 15 aprile. Il periodo massimo giornaliero di funzionamento

Dettagli

Contratto-tipo di manutenzione programmata di impianti termici con potenza inferiore a 35 kw

Contratto-tipo di manutenzione programmata di impianti termici con potenza inferiore a 35 kw Contratto-tipo di manutenzione programmata di impianti termici con potenza inferiore a 35 kw Premessa L assunzione del presente incarico da parte del Manutentore è subordinata all accertamento delle conformità

Dettagli

remiata con l e ichetta ecologic www.froeling.com

remiata con l e ichetta ecologic www.froeling.com Premiata con l etichetta ecologica! www.froeling.com Riscaldare con la legna Un marchio di eccellenza Sin dall inizio della sua attività Froling si è specializzata nell utilizzo efficiente del legno come

Dettagli

Rilevatore di fumo senza fili RSM-01

Rilevatore di fumo senza fili RSM-01 Rilevatore di fumo senza fili RSM-01 COMPATIBILE CON I SISTEMI DI SICUREZZA SENZA FILI DELLA SERIE Zodiac 6450 / Zodiac Home Guard Plus / 2100 / 3400 / 5850 / 6450 / RD-03 Zodiac Security MANUALE ISTRUZIONI

Dettagli

da hotel tradizionale a ClimaHotel

da hotel tradizionale a ClimaHotel da hotel tradizionale a ClimaHotel Concetto energetico Progetto impianti termoidraulici ed elettrici Direzione lavori impianti Consulenza e calcoli CasaClima Energytech INGEGNERI s.r.l. www.energytech.it

Dettagli

Ascensori per i pompieri

Ascensori per i pompieri Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Ascensori per i pompieri 05.05.2003

Dettagli

Ecco le novità Sicurezza sul lavoro per gli spazzacamini

Ecco le novità Sicurezza sul lavoro per gli spazzacamini Ecco le novità Sicurezza sul lavoro per gli spazzacamini L Ordinanza concernente la prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali nei lavori da spazzacamino, risalente al 1963, è stata abrogata

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI PISA 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA ROSELLINI Via Rosellini,

Dettagli

IMPIANTO DI VENTILAZIONE E DI CONDIZIONAMENTO NEI LOCALI COMMERCIALI E DI LAVORO

IMPIANTO DI VENTILAZIONE E DI CONDIZIONAMENTO NEI LOCALI COMMERCIALI E DI LAVORO REGIONE PIEMONTE AZIENDA REGIONALE A.S.L. n 13 (Sede legale: via dei Mille n.2-28100 Novara) DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA Sede di Borgomanero, viale Zoppis n.10-28021

Dettagli

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE LE CANNE FUMARIE Il camino, o canna fumaria, è il componente dell impianto termico che serve principalmente a smaltire i prodotti della combustione del generatore di calore nell atmosfera. Per tracciare

Dettagli

Le verifiche per valutare una canna fumaria in

Le verifiche per valutare una canna fumaria in Le verifiche per valutare una canna fumaria in appoggio alla, UNI TS 11278, UNI EN 1443. German Puntscher 1 Le problematiche dei camini I camini/canne fumarie sono dei componenti degli impianti termici

Dettagli