COMUNE di CHIOGGIA. Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DITTA:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE di CHIOGGIA. Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DITTA:"

Transcript

1 COMUNE di CHIOGGIA Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DATI IDENTIFICATIVI DELL INTERVENTO: DITTA: PRATICA EDILIZIA: DESCRIZIONE DELL INTERVENTO: UBICAZIONE DELL INTERVENTO: via fg mapp 1 / 6

2 IMPIANTI ELETTRICI (art.1 lettera a del D.M. 22/01/2008): vi sono utenze condominiali di uso comune (quali ad esempio autorimesse condominiali, ascensori, caldaie centralizzate, unità di trattamento aria, climatizzatori, illuminazione vani scala, ecc.) aventi potenza impegnata superiore a 6 kw vi sono utenze domestiche di singole unità abitative di superficie superiore a 400m 2 (considerare lo sviluppo di tutti i piani dell unità immobiliare) vi sono impianti realizzati con lampade fluorescenti a catodo freddo, collegati ad uno o più degli impianti elettrici per i quali è obbligatorio il progetto vi sono impianti realizzati con lampade fluorescenti a catodo freddo, di potenza complessiva maggiore di 1200 VA resa dagli alimentatori vi sono immobili adibiti ad attività produttive, al commercio, al terziario e ad altri usi, con utenze alimentate a tensione superiore a 1000 V (presenza della cabina MT/BT) vi sono immobili adibiti ad attività produttive, al commercio, al terziario e ad altri usi, con utenze alimentate in bassa tensione (230 V o 400 V) aventi potenza impegnata superiore a 6 kw vi sono immobili adibiti ad attività produttive, al commercio, al terziario e ad altri usi, con utenze alimentate in bassa tensione (230 V o 400 V) aventi superficie superiore a 200m 2 vi sono unità immobiliari con locali adibiti ad uso medico vi sono ambienti soggetti a normativa specifica del Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI) o per i quali sussista pericolo di esplosione o siano a maggior rischio in caso di incendio Il fabbricato che contiene l immobile oggetto dell intervento ha un volume superiore a 200m 3 per tali utenze condominiali per tali unità abitative presentare anche il progetto degli impianti realizzati con lampade fluorescenti a catodo freddo solo degli impianti elettrici realizzati con lampade fluorescenti a catodo freddo dell impianto elettrico (anche della parte in bassa tensione) per tali immobili per tali immobili per l intera unità immobiliare dell impianto elettrico per l intera unità immobiliare presentare la relazione di verifica allo scopo di stabilire se è necessario l impianto di protezione contro le scariche atmosferiche; qualora tale impianto risultasse necessario, presentare anche il relativo progetto 2 / 6

3 IMPIANTI RADIOTELEVISIVI, ANTENNE E IMPIANTI ELETTRONICI IN GENERE (art.1 lettera b del D.M. 22/01/2008): vi sono impianti elettronici in genere (antintrusione, allarme, diffusione sonora, televisivi, TV a circuito chiuso, trasmissione dati, ecc.), in unità immobiliari contenenti impianti elettrici soggetti all obbligo di progettazione anche degli impianti elettronici IMPIANTI DI RISCALDAMENTO E DI CLIMATIZZAZIONE azionati da fluido liquido, aeriforme, gassoso e di qualsiasi natura o specie (art.1 lettera c del D.M. 22/01/2008, Legge 10/91, D.P.R. 412/93, D.Lgs.192/05 e D.Lgs.311/06): vi sono canne fumarie collettive ramificate vi sono impianti di climatizzazione con potenza frigorifera pari o superiore a frigorie/ora L edificio o l unità immobiliare oggetto dell intervento è di nuova costruzione, oppure è prevista una ristrutturazione integrale degli elementi edilizi o un ampliamento superiore al 20% dell edificio esistente dell intervento è prevista la trasformazione da impianto di riscaldamento centralizzato ad autonomo delle canne fumarie collettive ramificate climatizzazione riscaldamento, la relazione sul contenimento energetico di cui alla Legge 10/91 e s.m.i. e l attestato di qualificazione o di certificazione energetica dell edificio riscaldamento, delle eventuali canne fumarie collettive ramificate e la relazione sul contenimento energetico di cui alla Legge 10/91 e s.m.i. 3 / 6

4 IMPIANTI PER LA DISTRIBUZIONE E L UTILIZZAZIONE DI GAS di qualsiasi tipo (art.1 lettera e del D.M. 22/01/2008): vi sono impianti di riscaldamento e/o utilizzi per la cottura dei cibi (quali ad esempio cucine, rosticciere, friggitrici, forni, ecc.), con potenzialità termica complessiva superiore a 50 kw (equivalenti a circa kcal/h), o dotati di canne fumarie collettive ramificate vi sono impianti per il trasporto, l utilizzazione o lo stoccaggio di gas medicali per uso ospedaliero o simili trasporto/utilizzazione del gas trasporto/utilizzazione dei gas medicali IMPIANTI DI PROTEZIONE ANTINCENDIO (art.1 lettera g del D.M. 22/01/2008): dell intervento è presente una o più attività soggetta al rilascio del Certificato di Prevenzione Incendi dell intervento verranno installati quattro o più idranti dell impianto elettrico e degli eventuali impianti di protezione antincendio, di spegnimento (ad idranti, a pioggia, sprinkler, ecc.) e/o di rilevazione (gas, fumo, incendio, ecc.) protezione antincendio, ad idranti dell intervento verranno installati dieci o più apparecchi di rilevamento (gas, fumo, incendio, ecc.) rilevazione 4 / 6

5 NOTE: 1) per il rifacimento o l installazione di nuovi impianti di cui all art.1, comma 2, lettere a), b), c), d), e), g) ed h) del D.M. 22/01/2008, relativi ad edifici per i quali è già stato rilasciato il certificato di agibilità, l impresa installatrice deposita, entro 30 giorni dalla conclusione dei lavori, presso lo sportello unico di cui all art.5 del D.P.R. 06/06/2001 n 380 del comune ove ha sede l impianto, la dichiarazione di conformità ed il progetto redatto ai sensi dell art.5, o il certificato di collaudo degli impianti installati, ove previsto dalle norme vigenti (art.11 comma 1 del D.M. 22/01/2008); 2) per le opere di installazione, di trasformazione e di ampliamento di impianti che sono connesse ad interventi edilizi subordinati a permesso di costruire ovvero a denuncia di inizio attività, di cui al D.P.R. 06/06/2001 n 380, il soggetto titolare del permesso a costruire o il soggetto che ha presentato la denuncia di inizio attività, deposita il progetto degli impianti da realizzare presso lo sportello unico per l edilizia del comune ove deve essere realizzato l intervento, contestualmente al progetto edilizio (art.11 comma 2 del D.M. 22/01/2008); 3) lo sportello unico di cui all art.5 del D.P.R. 06/06/2001 n 380, inoltra copia della dichiarazione di conformità alla Camera di Commercio Industria Artigianato ed Agricoltura, nella cui circoscrizione ha sede l impresa esecutrice dell impianto (art.11 comma 3 del D.M. 22/01/2008); 4) nel caso di rifacimento parziale di impianti, il progetto, la dichiarazione di conformità e l attestazione di collaudo ove previsto, si riferiscono alla sola parte degli impianti oggetto dell opera di rifacimento, ma tengono conto della sicurezza e funzionalità dell intero impianto. Nella dichiarazione di conformità e nel progetto deve essere espressamente indicata la compatibilità tecnica con le condizioni preesistenti dell impianto (art.7 comma 3 del D.M. 22/01/2008); 5) all inizio dei lavori per la costruzione o ristrutturazione dell edificio contenente gli impianti di cui all art.1 del D.M. 22/01/2008, l impresa installatrice affigge un cartello da cui risultino i propri dati identificativi, se è prevista la redazione del progetto da parte dei soggetti indicati all art. 5, comma 2, del D.M. 22/01/2008, il nome del progettista dell impianto o degli impianti (art.12 comma 1 del D.M. 22/01/2008); 6) i progetti deve contenere almeno gli schemi dell impianto ed i disegni planimetrici, nonché una relazione tecnica sulla consistenza e sulla tipologia dell installazione, della trasformazione o dell ampliamento dell impianto stesso, con particolare riguardo alla tipologia e alle caratteristiche dei materiali e componenti da utilizzare e alle misure di prevenzione e di sicurezza da adottare. Nei luoghi a maggior rischio di incendio e in quelli con pericolo di esplosione, particolare attenzione è posta nella scelta dei materiali e componenti da utilizzare nel rispetto della specifica normativa tecnica vigente (art.5 comma 4 del D.M. 22/01/2008); 7) se l impianto a base di progetto è variato in corso d opera, il progetto presentato deve essere integrato con la necessaria documentazione tecnica attestante le varianti, alle quali, oltre che al progetto, l installatore è tenuto a fare riferimento nella dichiarazione di conformità (art.5 comma 5 del D.M. 22/01/2008); 8) per l installazione, la trasformazione e l ampliamento degli impianti di cui all art.1, comma 2, lettere a), b), c), d), e), g) del D.M. 22/01/2008 per cui non esiste l obbligo del progetto da parte di professionista iscritto negli albi professionali, il progetto (comunque obbligatorio) è redatto, in alternativa, dal responsabile tecnico dell impresa installatrice (art.5 comma 1 del D.M. 22/01/2008). In tal caso l elaborato tecnico deve essere costituito almeno dallo schema dell impianto da realizzare, inteso come descrizione funzionale ed effettiva dell opera da eseguire eventualmente integrato con la necessaria documentazione tecnica attestante le varianti introdotte in corso d opera (art.7 comma 2 del D.M. 22/01/2008). 5 / 6

6 DICHIARAZIONE: I sottoscritti, sotto la propria responsabilità, consapevoli delle sanzioni penali previste dall art.26 della Legge n 15 del 4 gennaio 1968, nel caso di mendaci dichiarazioni, falsità negli atti, uso o esibizione di atti falsi o contenenti dati non più rispondenti a verità, DICHIARANO 1) che i dati forniti sono rispondenti alla previsione del progetto 2) di impegnarsi a comunicare tempestivamente all Amministrazione eventuali variazioni significative che si desiderano apportare all edificio e/o agli impianti o che si dovessero verificare in corso d opera. Il Committente Il Tecnico Chioggia, li 6 / 6

NORME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI (Adempimenti ai sensi dell art. 6, L. 05.03.1990 n. 46, e dell art. 4, D.P.R. 06.12.1991 n.

NORME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI (Adempimenti ai sensi dell art. 6, L. 05.03.1990 n. 46, e dell art. 4, D.P.R. 06.12.1991 n. ALLEGATO 7 BIS ALLA RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE O DENUNCIA INIZIO ATTIVITA DICHIARAZIONE PER ADEMPIMENTI LEGGE N. 46/90 ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI SAN MARTI DI VENEZZE (RO)

Dettagli

Scheda per opere di: Immobile di proprietà Sig.

Scheda per opere di: Immobile di proprietà Sig. Scheda per opere di: Immobile di proprietà Sig. 1 La/Il sottoscritta/o codice fiscale in qualità di progettista dell'intervento di, relativo all immobile sito in Taurisano, indirizzo, di proprietà del/dei

Dettagli

DICHIARAZIONE (ai sensi del D.M. 22.01.2008n. 37 circa Disposizioni in materia di installazzione degli impianti all interno degli edifici )

DICHIARAZIONE (ai sensi del D.M. 22.01.2008n. 37 circa Disposizioni in materia di installazzione degli impianti all interno degli edifici ) COMUNE DI VALLARSA Provincia di Trento ALL UFFICIO TECNICO DEL COMUNE DI VALLARSA DICHIARAZIONE (ai sensi del D.M. 22.01.2008n. 37 circa Disposizioni in materia di installazzione degli impianti all interno

Dettagli

DOCUMENTINEWS GRAZIE A:

DOCUMENTINEWS GRAZIE A: DOCUMENTINEWS Approfondimenti schematici e monotematici di tipo tecnico-giuridico su Normative, Regole, Giurisprudenza, Tecnologie, Tecniche, Prodotti e Materiali da costruzione e per lo studio professionale.

Dettagli

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DM del 22/01/08 n. 37 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ATTIVITA DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI Art. 1 - IMPIANTI SOGGETTI ALL APPLICAZIONE

Dettagli

2) Nome e cognome del titolare o legale rappresentante della ditta installatrice;

2) Nome e cognome del titolare o legale rappresentante della ditta installatrice; LA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Alla fine del lavoro l installatore è tenuto a rilasciare al committente la Dichiarazione di Conformità dei lavori eseguiti, tale dichiarazione per essere valida deve essere

Dettagli

Adeguamento o realizzazione di un impianto

Adeguamento o realizzazione di un impianto CONVEGNO LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI (DALLA L. 46/90 AL D.M. 37/2008) VENERDI 09 APRILE 2010 SALA CONVEGNI Adeguamento o realizzazione di un impianto ASSOCIAZIONE INDUSTRIALI VIA PORTAZZOLO,

Dettagli

ING. SALVATORE MAFFEI - ORDINE DEGLI INGEGNERI DI AVELLINO - 18 DICEMBRE 2009

ING. SALVATORE MAFFEI - ORDINE DEGLI INGEGNERI DI AVELLINO - 18 DICEMBRE 2009 CORSO PREPARATORIO ESAMI DI STATO INGEGNERIA DELLA COMUNICAZIONE ING. SALVATORE MAFFEI - ORDINE DEGLI INGEGNERI DI AVELLINO - 18 DICEMBRE 2009 OGGI PARLEREMO DI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEGLI IMPIANTI

Dettagli

Allo Sportello Unico per l'edilizia del Comune di. in Via civ. tel fax e-mail. in Via civ. tel fax e-mail CHIEDE/CHIEDONO

Allo Sportello Unico per l'edilizia del Comune di. in Via civ. tel fax e-mail. in Via civ. tel fax e-mail CHIEDE/CHIEDONO Marca da bollo 14,62 Allo Sportello Unico per l'edilizia del Comune di OGGETTO: Richiesta di Permesso in sanatoria ai sensi dell art. 36 del D.P.R. n. 380/01 RICHIEDENTE (cognome e nome o denominazione

Dettagli

Gli impianti termici nell edilizia Sei lezioni per saperne di più

Gli impianti termici nell edilizia Sei lezioni per saperne di più FORMAZIONE Gli impianti termici nell edilizia Sei lezioni per saperne di più di Mauro Cappello A partire da questo numero la rubrica Formazione ospiterà un nuovo corso curato dall Ingegnere Mauro Cappello,

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Decreto del Ministero dello sviluppo economico 22 gennaio 2008, n. 37 Regolamento concernente l'attuazione dell'art. 11-quaterdecies, comma 13, lettera a), della Legge n. 248 del 02/12/2005, recante riordino

Dettagli

COMUNE DI ROSATE PROVINCIA DI MILANO SETTORE EDILIZIA PRIVATA

COMUNE DI ROSATE PROVINCIA DI MILANO SETTORE EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI ROSATE PROVINCIA DI MILANO SETTORE EDILIZIA PRIVATA Allo Sportello Unico per l Edilizia del Comune di Rosate. Marca da Bollo 14,62 Protocollo generale Pratica edilizia DOMANDA PER CERTIFICATO

Dettagli

Decreto Ministeriale 22 Gennaio 2008, n 37 coordinato con le modifiche di cui al D.L. 112/08.

Decreto Ministeriale 22 Gennaio 2008, n 37 coordinato con le modifiche di cui al D.L. 112/08. Decreto Ministeriale 22 Gennaio 2008, n 37 coordinato con le modifiche di cui al D.L. 112/08. Decreto del Ministero dello sviluppo economico 22/01/2008, n. 37 Regolamento concernente l'attuazione dell'art.

Dettagli

ENTRATA IN VIGORE DELLE NORME IN MATERIA DI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI NEGLI EDIFICI (D.M.22/01/2008 N.37).

ENTRATA IN VIGORE DELLE NORME IN MATERIA DI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI NEGLI EDIFICI (D.M.22/01/2008 N.37). Comune di Modena Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia Via Santi 60 - Tel. 059/203.2224 - Fax 059/203.2164 E-mail giovanni.villanti@comune.modena.it Il Dirigente Responsabile del Settore Modena,

Dettagli

COMUNE DI MONTE DI MALO

COMUNE DI MONTE DI MALO COMUNE DI MONTE DI MALO Provincia di Vicenza MOD- RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA (Art. 24 del D.P.R. n. 380/01 e successive modificazioni ed integrazioni) Via Europa n. 14 36030 Monte di Malo (VI)

Dettagli

Decreto Ministeriale 22 gennaio 2008 n. 37

Decreto Ministeriale 22 gennaio 2008 n. 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione

Dettagli

Sommario. Preambolo. Preambolo. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge: Articolo 1. (Ambito di applicazione)

Sommario. Preambolo. Preambolo. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge: Articolo 1. (Ambito di applicazione) Legge 05-03-1990, n. 46 - Norme per la sicurezza degli impianti Sommario, Preambolo, Art.1, Art.2, Art.3, Art.4, Art.5, Art.6, Art.7, Art.8, Art.9, Art.10, Art.11, Art.12, Art.13, Art.14, Art.15, Art.16,

Dettagli

Sicurezza degli impianti negli edifici: nuove regole

Sicurezza degli impianti negli edifici: nuove regole D.M. 22 GENNAIO 2008 N 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n.248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia

Dettagli

Regolamento di riordino delle disposizioni in materia di attività di INSTALLAZIONE IMPIANTI NEGLI EDIFICI. Bologna, 26 marzo 2008

Regolamento di riordino delle disposizioni in materia di attività di INSTALLAZIONE IMPIANTI NEGLI EDIFICI. Bologna, 26 marzo 2008 Regolamento di riordino delle disposizioni in materia di attività di INSTALLAZIONE IMPIANTI NEGLI EDIFICI Bologna, 26 marzo 2008 Decreto n. 37 del 22/1/2008 Regolamento concernente l attuazione dell articolo

Dettagli

MODULO D.I.A. IN ALTERNATIVA AL PERMESSO DI COSTRUIRE DATI DEL RICHIEDENTE. Il/La sottoscritto/a La Società

MODULO D.I.A. IN ALTERNATIVA AL PERMESSO DI COSTRUIRE DATI DEL RICHIEDENTE. Il/La sottoscritto/a La Società ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio D.I.A. MODULO D.I.A. IN ALTERNATIVA AL PERMESSO DI

Dettagli

LEGGE 5.3.1990 n 46. D.P.R. 6.12.1991 n 447

LEGGE 5.3.1990 n 46. D.P.R. 6.12.1991 n 447 LEGGE 5.3.1990 n 46 RME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI D.P.R. 6.12.1991 n 447 REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 1 Che cosa regolamenta la Legge 46/90? 2 In quale modo la Legge 46/90 garantisce la

Dettagli

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni UNI 5104 Impianti di condizionamento dell'aria - norme per l'ordinazione, l'offerta e il collaudo. UNI

Dettagli

C H I E D E D I C H I A R A

C H I E D E D I C H I A R A MARCA DA BOLLO DA 16,00 SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO AL COMUNE DI SELARGIUS AREA 5 EDILIZIA PRIVATA OGGETTO: ISTANZA PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITÀ (ai sensi dell art. 25 del DPR 380/2001)

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c)

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c) TIPO DI LAVORO Installazione, rifacimento, trasformazione, ampliamento di impianto dotato o anche non dotato di canna fumaria collettiva ramificata (Per frigorifero ad adsorbimento alimentato a gas vedere

Dettagli

I diversi tipi di impianti

I diversi tipi di impianti Secondo quanto stabilito dal Decreto n.37 del 22/01/2008 il progetto degli impianti è sempre obbligatorio. E' da notare che, contrariamente a quanto pensano alcuni (purtroppo anche per scarsa conoscenza

Dettagli

In omaggio agli abbonati a TuttoNormel

In omaggio agli abbonati a TuttoNormel SPIN: Software Per INstallatori Nuovi software per preparare la dichiarazione di conformità (SPIN- DICO) e la dichiarazione di rispondenza (SPIN-DIRI) secondo il Decreto 22/1/08 n. 37. In omaggio agli

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA GROSSETO, 21 ottobre 2011 Al termine dei lavori, previa effettuazione delle verifiche previste dalle norme vigenti, comprese quelle di funzionalità,

Dettagli

Impianti elettrici DM 37/08

Impianti elettrici DM 37/08 Impianti elettrici DM 37/08 Requisiti fondamentali di sicurezza Obblighi normativi 1 Impianti elettrici nei condomini ALCUNE CONSIDERAZIONI Servizi condominiali U1 U2 U3 U4 Un guasto elettrico che si verifica

Dettagli

Il/La sottoscritto/a C.F. ( ) residente a in Via/P.zza n.. Tel/Cel

Il/La sottoscritto/a C.F. ( ) residente a in Via/P.zza n.. Tel/Cel Spazio riservato all ufficio protocollo Bollo 14,62 Spett.le COMUNE DI CADREZZATE Via Vittorio Veneto, n. 29 21020 CADREZZATE (VA) Alla c.a. del Responsabile Area Tecnica OGGETTO: Richiesta di Certificato

Dettagli

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001; articoli 3.1.7 e 3.1.8 del R. L. I.

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001; articoli 3.1.7 e 3.1.8 del R. L. I. Comune di Agnadello Provincia di Cremona Area Tecnica Sportello Unico edilizia Responsabile del procedimento: P.G. Marca da bollo da euro 14,62 DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli

Dettagli

OGGETTO: DOMANDA CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24-25 D.P.R. 380/2001 art. 3.1.7-3.1.8. R.L.I.)

OGGETTO: DOMANDA CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24-25 D.P.R. 380/2001 art. 3.1.7-3.1.8. R.L.I.) Spett.le COMUNE DI OSIO SOTTO SERVIZIO PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO P.za Papa Giovanni XXIII n.1 24046 Osio Sotto BG Marca da Bollo 14,62 OGGETTO: DOMANDA CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli

Dettagli

RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA' AI SENSI DEGLI ARTT. 24 e 25 DEL D.P.R. 06 giugno 2001, n. 380

RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA' AI SENSI DEGLI ARTT. 24 e 25 DEL D.P.R. 06 giugno 2001, n. 380 ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI Marca da Bollo. 16,00 RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA' AI SENSI DEGLI ARTT. 24 e 25 DEL D.P.R. 06 giugno 2001, n. 380 Il/La Sottoscritto/a Nato/a a

Dettagli

TESTO COORDINATO DELLA LEGGE 46/90 CON I DECRETI APPLICATIVI: DPR 447/91 - DPR 392/94 - DPR 218/98 - DPR 558/99

TESTO COORDINATO DELLA LEGGE 46/90 CON I DECRETI APPLICATIVI: DPR 447/91 - DPR 392/94 - DPR 218/98 - DPR 558/99 TESTO COORDINATO DELLA LEGGE 46/90 CON I DECRETI APPLICATIVI: DPR 447/91 - DPR 392/94 - DPR 218/98 - DPR 558/99 LEGGE 5 marzo 1990, n. 46 (G.U. n. 59 del 12.3.1990) NORME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso nell'adunanza generale del 27 giugno 1991;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso nell'adunanza generale del 27 giugno 1991; D.P.R. 6 dicembre 1991, n. 447. Regolamento di attuazione della legge 5 marzo 1990, n. 46, in materia di sicurezza degli impianti. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'art. 87, quinto comma, della Costituzione;

Dettagli

Legge n. 46 del 5 marzo 1990

Legge n. 46 del 5 marzo 1990 Legge n. 46 del 5 marzo 1990 Norme per la sicurezza degli impianti. SOMMARIO Art. 1. Ambito di applicazione. Art. 2. Soggetti abilitati. Art. 3. Requisiti tecnico-professionali. Art. 4. Accertamento dei

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'art. 15 della legge 5 marzo 1990 n.46, recante norme per la sicurezza degli impianti;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'art. 15 della legge 5 marzo 1990 n.46, recante norme per la sicurezza degli impianti; D.P.R. 6 dicembre 1991, n. 447 Regolamento di attuazione in materia di sicurezza degli impianti. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'art. 87, quinto comma, della Costituzione Visto l'art. 15 della legge

Dettagli

SISTEMI TERMOIDRAULICI PER UNA NUOVA ABITAZIONE

SISTEMI TERMOIDRAULICI PER UNA NUOVA ABITAZIONE SISTEMI TERMOIDRAULICI PER UNA NUOVA ABITAZIONE Il presente documento si propone di approfondire i sistemi di generazione del fluido termovettore per riscaldare e raffrescare le civili abitazioni, con

Dettagli

RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA

RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA Mod. AGIBILITA P R O V I N C I A D I V A R E S E Originale C o p i a S e r v i z i o E d i l i z i a P r i v a t a e U r b a n i s t i c a Pratica edilizia Protocollo generale Bollo da Euro 14,62 l sottoscritt

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DEL FABBRICATO (ai sensi dell art. 20 L.R. 31/2002 e in considerazione dei contenuti dell art. 481 del Codice Penale)

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DEL FABBRICATO (ai sensi dell art. 20 L.R. 31/2002 e in considerazione dei contenuti dell art. 481 del Codice Penale) mod. 160 data agg. 07/09/2010 CARTELLA EDILIZIA N. SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DEL FABBRICATO (ai sensi dell art. 20 L.R. 31/2002 e in considerazione dei contenuti dell art. 481 del Codice Penale) INTERVENTO

Dettagli

D.P.R. 6-12-1991 n. 447 Regolamento di attuazione della L. 5 marzo 1990, n. 46, in materia di sicurezza degli impianti. Pubblicato nella Gazz. Uff. 15 febbraio 1992, n. 38. D.P.R. 6 dicembre 1991, n. 447

Dettagli

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA'

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' Aggiornamento 2014 PRATICA EDILIZIA N. / ORIGINALE/COPIA Al Comune di Opera (Provincia di Milano) PROTOCOLLO GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE GESTIONE DEL TERRITORIO, via Dante Alighieri, 12 20090 Opera

Dettagli

Richiesta di Agibilità e Dichiarazione di conformità ai sensi dell art.25, comma 1, lettera b del D.P.R. 6 giugno 2001, n.380

Richiesta di Agibilità e Dichiarazione di conformità ai sensi dell art.25, comma 1, lettera b del D.P.R. 6 giugno 2001, n.380 N. Prot. Bollo.16,00 Provincia dell Aquila Sportello Unico per l Edilizia ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL PROCEDIMENTO DI CERTIFICAZIONE DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il sottoscritto cod.

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO ITE Bassi in collaborazione con Federamministratori Corso per amministratori condominiali SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO Relatore: Dott. Ing. Donati Bassano PRINCIPALI LEGGI E NORMATIVE Legge 220/12:

Dettagli

PERIZIA GIURATA COSTITUISCE PARTE INTEGRANTE DELLA DOMANDA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA

PERIZIA GIURATA COSTITUISCE PARTE INTEGRANTE DELLA DOMANDA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA Marche da Bollo PERIZIA GIURATA COSTITUISCE PARTE INTEGRANTE DELLA DOMANDA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA Il sottoscritto nato a il ( ), CF residente in Via n. civ. c.a.p. Iscritto della Provincia di con

Dettagli

Comune di Fabriano Sportello Unico per l Edilizia

Comune di Fabriano Sportello Unico per l Edilizia Perm. n. Prat. n. Anno del bollo All Ufficio dello Sportello Unico per l'edilizia Del Comune di PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita

Dettagli

Sicurezza degli impianti negli edifici

Sicurezza degli impianti negli edifici D.M. 22 GENNAIO 2008 N 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n.248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia

Dettagli

Legge 46/90. Sommario

Legge 46/90. Sommario Legge 46/90 Sommario Definizione dei requisiti e della procedura per l'abilitazione all'installazione degli impianti. Dichiarazione di conformità. Progettazione impianti. Adeguamento impianti esistenti.

Dettagli

DM DM 37/08 37/08 IMPIANTI ELETTRICI

DM DM 37/08 37/08 IMPIANTI ELETTRICI Campo di applicazione ed obblighi nel settore industriale Il DM 37/08 si applica a tutti gli impianti posti all interno degli edifici (ed anche agli impianti utilizzatori posti all esterno di edifici se

Dettagli

L. 5 marzo 1990, n. 46: Norme per la sicurezza degli impianti. (Gazzetta Ufficiale n. 59 del 12 marzo 1990)

L. 5 marzo 1990, n. 46: Norme per la sicurezza degli impianti. (Gazzetta Ufficiale n. 59 del 12 marzo 1990) L. 5 marzo 1990, n. 46: Norme per la sicurezza degli impianti. (Gazzetta Ufficiale n. 59 del 12 marzo 1990) La presente legge è stata inizialmente assorbita nel D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380: Testo unico

Dettagli

DOMANDA DI AGIBILITÀ

DOMANDA DI AGIBILITÀ Al Comune di Duino Aurisina Aurisina Cave 25 34011 Duino Aurisina (TS) Servizio Urbanistica Marca da bollo Il sottoscritto 1 DOMANDA DI AGIBILITÀ 1) Cognome Nome nato a data di nascita cod. fisc. nella

Dettagli

COMUNE DI SUISIO SCIA / PROVINCIA DI BERGAMO. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) ex lege 07.08.1990 n.241, art.

COMUNE DI SUISIO SCIA / PROVINCIA DI BERGAMO. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) ex lege 07.08.1990 n.241, art. Spazio riservato al Protocollo COMUNE DI SUISIO PROVINCIA DI BERGAMO UFFICIO TECNICO Riservato all ufficio Numero pratica edilizia SCIA / OGGETTO : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

Dettagli

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA Timbro protocollo Bollo Comune di Crespellano Provincia di Bologna Al Responsabile dello Sportello Unico per l Edilizia DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA Ai sensi della

Dettagli

SCIA / OGGETTO : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) legge 07.08.1990 n.241, art.19. Ovvero

SCIA / OGGETTO : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) legge 07.08.1990 n.241, art.19. Ovvero Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI BUSTO GAROLFO AREA PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA/EDILIZIA PRIVATA Riservato all ufficio Numero pratica edilizia SCIA / OGGETTO

Dettagli

Comune di VILLACIDRO

Comune di VILLACIDRO Comune di VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA' E AGIBILITA PARZIALE Al Sindaco del Comune di Villacidro Al Responsabile del Servizio Urbanistica ed Edilizia Privata

Dettagli

Oggetto: Impianti negli edifici Applicazione del nuovo Regolamento con D.M. 37/2008

Oggetto: Impianti negli edifici Applicazione del nuovo Regolamento con D.M. 37/2008 Spettabile CLIENTE e FORNITORE Sua Sede Rif.: 025-2008 RVARI C&F Milano, 03-11-2008 Oggetto: Impianti negli edifici Applicazione del nuovo Regolamento con D.M. 37/2008 Egregi Signori e Gentili Signore,

Dettagli

SCHEDA NR. 05 Impianti elettrici e di terra

SCHEDA NR. 05 Impianti elettrici e di terra SCHEDA NR. 05 Impianti elettrici e di terra Soggetti obbligati Proprietari o affittuari di immobili soggetti alla legge n. 46/90: edifici adibiti ad uso civile e limitatamente agli impianti elettrici anche

Dettagli

COMUNE DI PIANORO PROVINCIA DI BOLOGNA RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA

COMUNE DI PIANORO PROVINCIA DI BOLOGNA RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA Marca da bollo COMUNE DI PIANORO PROVINCIA DI BOLOGNA 14,62 RISERVATO ALL UFFICIO Pratica edilizia n. del RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA (ai sensi dell art. 24 del D.P.R.

Dettagli

ATTESTAZIONE DI AGIBILITÀ PER EDILIZIA ABITATIVA (ai sensi dell art. 25 comma 5 bis D.P.R. 380/2001 e ss.mm.)

ATTESTAZIONE DI AGIBILITÀ PER EDILIZIA ABITATIVA (ai sensi dell art. 25 comma 5 bis D.P.R. 380/2001 e ss.mm.) ATTESTAZIONE DI AGIBILITÀ PER EDILIZIA ABITATIVA (ai sensi dell art. 25 comma 5 bis D.P.R. 380/2001 e ss.mm.) Spazio riservato all'ufficio Pratica n. Archiviata n. del Marca da bollo di 16,00 Al Responsabile

Dettagli

ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI BREGNANO

ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI BREGNANO ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI BREGNANO Marca da bollo 14,62 RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA' AI SENSI DEGLI ARTT. 24 e 25 DEL D.P.R. 06 giugno 2001, n. 380 Il/la Sottoscritto/a Nato/a

Dettagli

Regione Toscana. Diritti Valori Innovazione Sostenibilità

Regione Toscana. Diritti Valori Innovazione Sostenibilità Regione Toscana Diritti Valori Innovazione Sostenibilità Guida operativa all applicazione del DM 22 gennaio 2008 n. 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11 - quaterdecies, comma 13, lettera

Dettagli

Aspetti Giuridici: Denuncia di messa in servizio e Verifiche di Legge

Aspetti Giuridici: Denuncia di messa in servizio e Verifiche di Legge Relazione Argomento : Modalità di accertamento e di controllo delle documentazioni tecniche necessarie a corredo di un impianto realizzato in locali adibiti ad uso estetico/medico Fonti Giuridiche e Normative:

Dettagli

DM 22 gennaio 2008 n. 37 Disposizioni in materia di attività di installazione di impianti all interno degli edifici

DM 22 gennaio 2008 n. 37 Disposizioni in materia di attività di installazione di impianti all interno degli edifici DM 22 gennaio 2008 n. 37 Disposizioni in materia di attività di installazione di impianti all interno degli edifici R-08 1 1 DM 22 gennaio 2008 n. 37 Disposizioni in materia di attività di installazione

Dettagli

Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37

Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 1 D. M. 22/01/2008 n.37 Ministero dello Sviluppo Economico - Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11- quaterdecies, comma 13,

Dettagli

SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA COMUNE DI BESOZZO PROVINCIA DI VARESE PRATICA EDILIZIA: N.... ANNO... RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA (Ai sensi dell art. 24 del D.P.R. 06 giugno 2001 n. 380) RICHIEDENTE:

Dettagli

Regione Toscana. Diritti Valori Innovazione Sostenibilità

Regione Toscana. Diritti Valori Innovazione Sostenibilità Regione Toscana Diritti Valori Innovazione Sostenibilità Guida operativa all applicazione del DM 22 gennaio 2008 n. 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11 - quaterdecies, comma 13, lettera

Dettagli

COMUNE DI CANARO Provincia di Rovigo bollo

COMUNE DI CANARO Provincia di Rovigo bollo COMUNE DI CANARO Provincia di Rovigo bollo RICHIESTA DI AGIBILITA (Ai sensi del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380) Il sottoscritto.., nato a..., il... Codice fiscale, tel......, residente in..., località...,

Dettagli

LEGGI, DECRETI E ORDINANZE PRESIDENZIALI

LEGGI, DECRETI E ORDINANZE PRESIDENZIALI LEGGI, DECRETI E ORDINANZE PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 6 dicembre 1991, n. 447. Regolamento di attuazione della legge 5 marzo 1990, n. 46, in materia di sicurezza degli impianti

Dettagli

RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA (art. 24 e 25 del D.P.R. 380/01 e s.m.i) SITO IN VIA/LOCALITA

RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA (art. 24 e 25 del D.P.R. 380/01 e s.m.i) SITO IN VIA/LOCALITA . BOLLO COMUNE DI ROFRANO Settore Urbanistica RISERVATO ALL UFFICIO ARCHIVIAZIONE DEL PROCEDIMENTO RISERVATO AL PROTOCOLLO PRATICA EDILIZIA N DEL / / RISERVATO ALL UFFICIO ACCETTAZIONE VERIFICA ELABORATI

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Decreto del Ministero dello sviluppo economico 22 gennaio 2008, n. 37 Regolamento concernente l'attuazione dell'art. 11-quaterdecies, comma 13, lettera a), della Legge n 248 del 02/12/2005, recante riordino

Dettagli

ATTESTAZIONE DI AGIBILITÀ PER EDILIZIA ABITATIVA (ai sensi dell art. 25 comma 5 bis D.P.R. 380/2001)

ATTESTAZIONE DI AGIBILITÀ PER EDILIZIA ABITATIVA (ai sensi dell art. 25 comma 5 bis D.P.R. 380/2001) Comune di Jesi Area Servizi Tecnici Ufficio Controllo del Territorio ATTESTAZIONE DI AGIBILITÀ PER EDILIZIA ABITATIVA (ai sensi dell art. 25 comma 5 bis D.P.R. 380/2001) Spazio riservato all'ufficio Pratica

Dettagli

Canne fumarie. Sommario

Canne fumarie. Sommario Canne fumarie Sommario Legislazione e normativa di riferimento Esempi pratici di allacciamento Canne collettive ramificate Scarico a parete Termostato fumi Esempi di installazioni errate 1 Sommario Legislazione

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena Via Panoramica, 60-41055 Montese Sportello Unico Tel. 059 971112 fax 059 971125 C.F. 00273460360 SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA Da presentare entro 15 giorni dalla Comunicazione

Dettagli

COMUNE DI SANT ARCANGELO (PZ) Sportello Unico per l Edilizia Corso Vittorio Emanuele

COMUNE DI SANT ARCANGELO (PZ) Sportello Unico per l Edilizia Corso Vittorio Emanuele COMUNE DI SANT ARCANGELO (PZ) Sportello Unico per l Edilizia Corso Vittorio Emanuele SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) ex lege 07.08.1990 n. 241, art.19 Il sottoscritto nato a il codice

Dettagli

Richiesta di Certificato di Agibilità - art. 25, D.P.R. n 380/01 e s.m.i. per opere di:

Richiesta di Certificato di Agibilità - art. 25, D.P.R. n 380/01 e s.m.i. per opere di: Piverone, li Marca da Bollo 14,62 Ill.mo Signor Sindaco del Comune di PIVERONE C.a. Ufficio Tecnico Piazza G. Marconi n 1 10010 Piverone (TO) Oggetto: Richiesta di Certificato di Agibilità - art. 25, D.P.R.

Dettagli

Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici

Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici Dichiarazione di conformità Dichiarazione di rispondenza 1 La dichiarazione di conformità Progetto

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA D ARTE ( D.M. 37 DEL 22 GENNAIO 2008)

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA D ARTE ( D.M. 37 DEL 22 GENNAIO 2008) Il sottoscritto titolare/legale rappresentante dell impresa (rag. sociale) Operante nel settore Con sede nel comune di: (prov. ) Via nr. P.IVA: Cod. Fisc. Tel. Fax E-mail Iscritta nel registro delle imprese

Dettagli

PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita iva, residente/ con sede in Via civ.

PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita iva, residente/ con sede in Via civ. PRATICA N ANNO BOLLO PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita iva, residente/ con sede in Via civ. avente titolo alla presentazione della

Dettagli

COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO allo Sportello Unico per l Edilizia allo Sportello Unico Attivita Produttive

COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO allo Sportello Unico per l Edilizia allo Sportello Unico Attivita Produttive COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO allo Sportello Unico per l Edilizia allo Sportello Unico Attivita Produttive BOLLO DA 16,00 Richiesta del certificato di agibilità di edificio articoli 24 e 25 del d.p.r.

Dettagli

TARIFFE COLLAUDI IMPIANTI

TARIFFE COLLAUDI IMPIANTI TARIFFE COLLAUDI IMPIANTI Il Consiglio dell' Ordine ha distinto con due tariffe diverse i collaudi relativi alla sola sicurezza degli impianti e quelli relativi sia alla sicurezza che alle prestazioni

Dettagli

OGGETTO: Richiesta di certificato di agibilità.

OGGETTO: Richiesta di certificato di agibilità. Marca da bollo 16,00 All Ufficio Tecnico per l edilizia del Comune di 22032 ALBESE CON CASSANO OGGETTO: Richiesta di certificato di agibilità. Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita iva,

Dettagli

DI GUSPINI (VS) - SETTORE URBANISTICA OPERE PUBBLICHE

DI GUSPINI (VS) - SETTORE URBANISTICA OPERE PUBBLICHE AGI COMUNE DI GUSPINI (VS) - SETTORE URBANISTICA OPERE PUBBLICHE MODULO DI RICHIESTA AGIBILITÀ PROTOCOLLO GENERALE Marca da Bollo 16,00 NUMERO PROTOCOLLO AGIBILITÀ ANNO 201 AL SINDACO DEL COMUNE DI GUSPINI

Dettagli

Comune di San Giuliano Milanese Settore Tecnico e Sviluppo del Territorio Servizio Pianificazione Urbanistica ed Edilizia Privata

Comune di San Giuliano Milanese Settore Tecnico e Sviluppo del Territorio Servizio Pianificazione Urbanistica ed Edilizia Privata Settore Tecnico e Sviluppo del Territorio Servizio Pianificazione Urbanistica ed Edilizia Privata 6.1 Richiesta certificato di agibilità OGGETTO: Richiesta per ottenere il permesso di Agibilità. Al sig.

Dettagli

AL COMUNE DI MOTTOLA PROVINCIA DI TARANTO Settore Urbanistica

AL COMUNE DI MOTTOLA PROVINCIA DI TARANTO Settore Urbanistica Protocollo RICHIESTA CERTIFICATO AGIBILITA n del (Riservato all Ufficio) AL COMUNE DI MOTTOLA PROVINCIA DI TARANTO Settore Urbanistica MARCA DA BOLLO 14,62 RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITÀ ai sensi dell

Dettagli

LE NOVITA' INTRODOTTE DAL DECRETO MINISTERIALE N. 37 DEL 22 GENNAIO 2008 RISPETTO ALLA LEGGE 46/90.

LE NOVITA' INTRODOTTE DAL DECRETO MINISTERIALE N. 37 DEL 22 GENNAIO 2008 RISPETTO ALLA LEGGE 46/90. LE NOVITA' INTRODOTTE DAL DECRETO MINISTERIALE N. 37 DEL 22 GENNAIO 2008 RISPETTO ALLA LEGGE 46/90. AMBITO DI APPLICAZIONE - ART. 1 Il DM N. 37 del 22/01/2008 trova applicazione negli interventi relativi

Dettagli

Denunce di conformità ex DPR 462/01 recapiti telefonici: 0288456237 / 0288456205 COMUNE DI MILANO LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE

Denunce di conformità ex DPR 462/01 recapiti telefonici: 0288456237 / 0288456205 COMUNE DI MILANO LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI MILANO DIREZIONE CENTRALE DECENTRAMENTO ED AUTORIZZAZIONI LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE Via G.B. Pirelli 39 - Milano ex DPR 462/01 recapiti telefonici: 0288456237 / 0288456205

Dettagli

Legge ordinaria del Parlamento n 46 del 05/03/1990 Norme per la sicurezza degli impianti.

Legge ordinaria del Parlamento n 46 del 05/03/1990 Norme per la sicurezza degli impianti. Legge ordinaria del Parlamento n 46 del 05/03/1990 Norme per la sicurezza degli impianti. pubblicato/a su : Gazzetta Ufficiale Italiana n 59 del 12/03/1990 NOTE Artt. 1, 2, 3: sugli aspetti disciplinati

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06)

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Nuovo ambito di applicazione Certificazione energetica Controllo e manutenzione degli impianti termici Verifiche del

Dettagli

(1/circ) Con riferimento al presente provvedimento sono state emanate le seguenti istruzioni:

(1/circ) Con riferimento al presente provvedimento sono state emanate le seguenti istruzioni: 182. INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI (Assicurazione obbligatoria contro gli) F) Provvedimenti vari Norme per la sicurezza degli impianti. Pubblicata nella Gazz. Uff. 12 marzo 1990, n. 59.

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO Titolo I Principi Comuni Capo III Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro Sezione I Misure di tutela e obblighi

D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO Titolo I Principi Comuni Capo III Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro Sezione I Misure di tutela e obblighi D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO Titolo I Principi Comuni Capo III Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro Sezione I Misure di tutela e obblighi Art. 17 Obblighi del datore di lavoro non delegabili 1.

Dettagli

CAMERA COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CATANIA

CAMERA COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CATANIA SCIA/IMP CAMERA COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CATANIA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' DI IMPIANTISTICA (SCIA) (D.M. n. 37 del 21.01.2008-D.P.R. n. 558/99 -L. 30/07/2010

Dettagli

Istanza per il rilascio del certificato di agibilità

Istanza per il rilascio del certificato di agibilità Modello CA (01/02/2013) Allo Sportello Unico per l Edilizia Pagina 1 di 5 C O M U N E D I C A N D E L A (Provincia di Foggia) SETTORE TECNICO - URBANISTICO AMBIENTE - PATRIMONIO Protocollo Cod. Fisc. 80035910712

Dettagli

Per l installazione, la trasformazione e l ampliamento degli impianti di cui all articolo 1 (esclusi impianti di sollevamento persone e cose) è

Per l installazione, la trasformazione e l ampliamento degli impianti di cui all articolo 1 (esclusi impianti di sollevamento persone e cose) è NORMATIVA PUBBLICO SPETTACOLO Rimini 23 Maggio 2014 Impianti elettrici nei luoghi soggetti a controllo dei Vigili del Fuoco Dott.Ing. Gianfranco Tripi Principali disposizioni di legge sugli impianti Legge

Dettagli

Protocollo Allo Sportello Unico per l Edilizia Comune di Bazzano

Protocollo Allo Sportello Unico per l Edilizia Comune di Bazzano Protocollo Allo Sportello Unico per l Edilizia Comune di Bazzano Pratica U.T. Cod. Eco SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA PARTE C) (art. 20 L.R 25/11/2002, n. 31 e art. 104 del R.E.) PER L ASSEVERAZIONE DEI REQUISITI

Dettagli

DITTA: DENOMINAZIONE (RAGIONE SOCIALE): SEDE LEGALE: UBICAZIONE DELL ESERCIZIO:

DITTA: DENOMINAZIONE (RAGIONE SOCIALE): SEDE LEGALE: UBICAZIONE DELL ESERCIZIO: Schema di Relazione tecnica. DIA SANITARIA per STABILIMENTO O LABORATORIO DI PRODUZIONE, PREPARAZIONE E CONFEZIONAMENTO OD ESERCIZIO COMMERCIALE, NONCHE DEPOSITO DI SOSTANZE ALIMENTARI Lettera a) del quadro

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DEGLI IMPIANTI DI INSEGNA LUMINOSA

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DEGLI IMPIANTI DI INSEGNA LUMINOSA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DEGLI IMPIANTI DI INSEGNA LUMINOSA Istruzioni per la compilazione L art. 7 comma 1 del D.M. 37/08 prevede che Al termine dei lavori, previa effettuazione delle verifiche previste

Dettagli

Nominativo/Ragione Sociale: Residenza/Sede: Provincia. Via : n C.F./P.IVA. Telefono: Cellulare Mail

Nominativo/Ragione Sociale: Residenza/Sede: Provincia. Via : n C.F./P.IVA. Telefono: Cellulare Mail Comune di Piaggine Provincia di Salerno Area Tecnica Sportello Unico edilizia Responsabile del procedimento: Arch. Angelo Prinzo P.G. OGGETTO: Richiesta di agibilità totale parziale Bollo da 14,62 Il sottoscritto

Dettagli

Luogo Data Il dichiarante 5

Luogo Data Il dichiarante 5 I dati acquisiti saranno trattati in conformità alla normativa sulla Privacy (D. Lgs. 196 del 2003). Si veda http://territorio.comune.bergamo.it/privacy P510 M002 REV.00 Ufficio Tecnico Gestione del territorio

Dettagli

Impianti elettrici nei condomini

Impianti elettrici nei condomini Incontro di aggiornamento ANACI BOLOGNA Impianti elettrici nei condomini Ing. Alfonso Montefusco Direttore UOC Impiantistica Antinfortunistica Azienda USL di Bologna Teatro Galliera via Matteotti 27 Bologna

Dettagli

Impianti Antiintrusione (Scheda)

Impianti Antiintrusione (Scheda) IMPIANTI ANTINTRUSIONE Sistema di alimentazione: TT Normalmente un impianto anti-intrusione è dotato di alimentazione propria basata su batterie in grado di alimentare l'impianto per adeguati periodi.

Dettagli