Gli impianti termici nell edilizia Sei lezioni per saperne di più

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli impianti termici nell edilizia Sei lezioni per saperne di più"

Transcript

1 FORMAZIONE Gli impianti termici nell edilizia Sei lezioni per saperne di più di Mauro Cappello A partire da questo numero la rubrica Formazione ospiterà un nuovo corso curato dall Ingegnere Mauro Cappello, sul tema degli Impianti termici nell edilizia. Il corso ha l obiettivo di fornire gli elementi utili ai tecnici che lavorano nel settore dell edilizia (in particolar modo nella Direzione Lavori) e si articolerà in sei lezioni la prima delle quali, qui di seguito, illustra l analisi della normativa. Mauro Cappello attualmente ispettore presso l Unità di Verifica degli Investimenti Pubblici del Ministero dello Sviluppo economico è stato consulente del Ministro dei lavori pubblici e del Vice Ministro delle Infrastrutture e Trasporti e ha organizzato la 1ª Conferenza Nazionale sui lavori pubblici. È autore di diverse pubblicazioni specialistiche. Involucro edilizio ed impianti tecnologici: una inscindibile relazione Il tema generale degli impianti tecnologici individua un settore molto importante dell edilizia, costituendo parte integrante dell organismo edilizio che in nessun modo può essere scissa dall involucro edilizio propriamente detto. Basti pensare alla definizione di edificio che viene fornita dal Decreto Legislativo 29 dicembre 2006, n. 311 Disposizioni correttive ed integrative al decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, recante attuazione della direttiva 2002/91/CE, relativa al rendimento energetico nell edilizia. L art. 2 reca la seguente definizione di edificio: «edificio» è un sistema costituito dalle strutture edilizie esterne che delimitano uno spazio di volume definito, dalle strutture interne che ripartiscono detto volume e da tutti gli impianti e dispositivi tecnologici che si trovano stabilmente al suo interno; la superficie esterna che delimita un edificio può confinare con tutti o alcuni di questi elementi: l ambiente esterno, il terreno, altri edifici; il termine può riferirsi a un intero edificio ovvero a parti di edificio progettate o ristrutturate per essere utilizzate come unità immobiliari a se stanti. La citata definizione relativa al termine edificio pone in evidenza l inscindibile relazione che lega ogni struttura edilizia agli impianti che in essa trovano collocazione, ne consegue che non si può dire di conoscere a fondo un organismo edilizio se, accanto alla conoscenza degli elementi edilizi classici (muri, solai, coperture, ecc), non si accompagna una adeguata conoscenza dei sistemi tecnologici in esso residenti. Il Geometra italiano è una figura che si caratterizza per 80

2 Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37: la normativa di riferimento La norma che governa il settore degli impianti tecnologici è il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 22 gennaio 2008, n. 37 rubricato come Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all interno degli edifici., pubblicato sulla Gazzetta. Ufficiale del 12 marzo 2008, n. 61. Il D.M. 37/2008 è entrato in vigore il 27 marzo 2008, nella stessa giornata è stata quindi ufficialmente abrogata la celeberrima Legge 46/1990, che per prima aveva introdotto importanti novità nel settore impiantistico. una spiccata preparazione e predilezione verso lo studio, la progettazione e la realizzazione degli involucri edilizi, per contro, ha storicamente riservato una minore attenzione all aspetto impiantistico in generale. Tuttavia la realizzazione degli impianti è uno degli aspetti che il tecnico deve affrontare quando ricopre il ruolo di Direttore dei Lavori. A prescindere dalla dimensione delle opere da realizzare, il Geometra viene frequentemente chiamato a svolgere l attività professionale di direzione lavori e deve quindi confrontarsi spesso con le disposizioni normative che dettano le indicazioni necessarie per la corretta esecuzione delle lavorazioni impiantistiche. Insieme alla Direzione di Geocentro Magazine, si è deciso di rivolgere l attenzione della rubrica Formazione verso il tema dell impiantistica, cominciando ad illustrare ed analizzare il settore termico. Si è scelto di cominciare lo studio degli impianti partendo dai sistemi termici, ciò al fine di determinare la naturale prosecuzione del mini corso sull efficienza energetica degli edifici svolto nel corso dell anno 2009 su questa rivista e che ha incontrato il vasto gradimento della categoria. La classificazione degli impianti L ambito di applicazione del D.M. 37/2008, definito all art.1, coincide con la classificazione degli impianti, che sono suddivisi in sette categorie a seconda della tipologia di impiego. E interessante notare che la normativa recata dal DM 37/2008 viene applicata a tutte le tipologie di impianto, senza alcuna distinzione tra impianti civili e non, inoltre viene definita come origine dell impianto medesimo, il cosiddetto punto di consegna. Per quanto riguarda l attività dei Geometri, chiamati ad operare quasi esclusivamente su edifici civili, è opportuno chiarire che il punto di consegna segna il confine tra l ENTE ed il PRIVATO e normalmente coincide con il contatore dell ente esercente il servizio di fornitura (dell energia elettrica, del gas). Figura 1 - CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI D.M. 37/2008 a. impianti di produzione, trasformazione, trasporto, distribuzione, utilizzazione dell'energia elettrica, impianti di protezione contro le scariche atmosferiche, nonché gli impianti per l'automazione di porte, cancelli e barrierae; b. impianti radiotelevisivi, le antenne e gli impianti elettronici in genere; c. impianti di riscaldamento, di climatizzazione, di condizionamento e di refrigerazione di qualsiasi natura o specie, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e delle condense, e di ventilazione ed aerazione dei locali; d. impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie; e. impianti per la distribuzione e l'utilizzazione di gas di qualsiasi tipo, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e ventilazione ed aerazione dei locali; f. impianti di sollevamento di persone o di cose per mezzo di ascensori, di montacarichi, di scale mobili e simili; g. impianti di protezione antincendio. Il progetto degli impianti: necessità e prescrizioni Il tema della progettazione degli impianti ha generato sempre forti dibattiti tra i professionisti ma anche nello 81

3 ANNO II n. 7 GENNAIO - FEBBRAIO 2010 stesso mondo degli installatori. L origine di queste discussioni derivava, a nostro parere, dalla ambigua formulazione che, in merito all obbligo della progettazione, veniva data all interno della Legge 46/1990. Le nuove disposizioni, pur non cambiando la sostanza di quanto era previsto all interno dalla Legge 46/1990, ha comunque fatto chiarezza sul tema. L art. 5 del DM 37/2008 afferma che per tutte le tipologie di impianto deve essere redatto uno specifico progetto. L art. 5 inoltre afferma che per tutte le categorie di impianto, ad eccezione di quelli idrici e sanitari di qualsiasi natura e specie, in determinate situazioni è obbligatorio che la progettazione sia redatta da un professionista iscritto negli albi professionali. La firma di un tecnico abilitato sull elaborato progettuale, viene obbligatoriamente richiesta solo quando l impianto presenta particolari caratteristiche di complessità, che la norma individua in modo preciso e che sono schematizzate nella tabella 1. L obbligo di progetto redatto da tecnico abilitato in passato veniva erroneamente confuso con l obbligo di progetto in genere, pensando che, al di fuori delle situazioni richiamate dalla norma, il progetto non fosse necessario. Tabella 1 CASISTICHE IN CUI SI RICHIEDE OBBLIGO DI PROGETTO REDATTO DA UN TECNICO ABILITATO (art. 5.2.a) Impianti elettrici di cui all art. 1 comma 2 lettera a) del DM n. 37/08 per tutte le utenze condominiali e per utenze domestiche di singole unità abitative aventi potenza impegnata superiore a 6 kw o per utenze domestiche di singole unità abitative di superficie superiore a 400 mq. (art. 5.2.b) impianti elettrici realizzati con lampade fluorescenti a catodo freddo, collegati ad impianti elettrici, per i quali è obbligatorio il progetto redatto da parte di professionista abilitato e, in ogni caso, per impianti di potenza complessiva maggiore di VA rese dagli alimentatori. (art. 5.2.c) Impianti di cui all art. 1 comma 2) lettera a) del DM n. 37/08, relativi agli immobili adibiti ad attività produttive, al commercio, al terziario e ad altri usi, quando le utenze sono alimentate a tensione superiore a 1000 V, inclusa la parte in bassa tensione, o quando le utenze sono alimentate in bassa tensione aventi potenza impegnata superiore a 6 kw o qualora la superficie superi i 200 mq. (art. 5.2.d) Impianti elettrici relativi ad unità immobiliari provviste, anche solo parzialmente, di ambienti soggetti a normativa specifica del CEI, in caso di locali adibiti ad uso medico o per i quali sussista pericolo di esplosione o a maggior rischio di incendio, nonché per gli impianti di protezione da scariche atmosferiche in edifici di volume superiore a 200 mc. (art. 5.2.e) Impianti di cui all art. 1 comma 2) lettera b) del DM n. 37/08, relativi agli impianti elettronici in genere, quando coesistono con impianti elettrici con obbligo di progettazione da parte di professionista abilitato. (art. 5.2.f) Impianti di riscaldamento di cui all art. 1 comma 2) lettera c) del DM n. 37/08, dotati di canne fumarie collettive ramificate. (art. 5.2.f) Impianti di climatizzazione per tutte le utilizzazioni aventi una potenzialità frigorifera pari o superiore a frigorie/ora. (art. 5.2.g) Impianti di cui all art. 1 comma 2 lettera e) del DM n. 37/08, relativi alla distribuzione e l utilizzazione di gas combustibili con portata termica superiore a 50 kw o dotati di canne fumarie collettive ramificate, o impianti relativi a gas medicali per uso ospedaliero e simili, compreso lo stoccaggio. (art. 5.2.h) Impianti di cui all art. 1 comma 2 lettera g) del DM n. 37/08, se sono inseriti in una attività soggetta al rilascio del certificato di prevenzione incendi e, comunque, quando gli idranti sono in numero pari o superiore a 4 o gli apparecchi di rilevamento sono in numero pari o superiore a 10. La dichiarazione di conformità La dichiarazione di conformità dell impianto, viene trattata all interno dell articolo 7 e trova illustrazione, tramite due particolari modelli (cui fare riferimento), riportati negli allegati I e II della norma. La novità che riguarda questo argomento è legata, oltre che alla sostituzione del precedente modello (recata dalla Legge 46/1990), alla predisposizione di un secondo modello presentato nell allegato II. Il modello dell allegato I è ad uso delle ditte installatrici propriamente dette e viene riportato nella figura 2, mentre l allegato II riguarda ditte, non installatrici, quando eseguono lavori, ampliamenti e manutenzione. Per chiarire meglio il concetto, è necessario richiamare la definizione di Uffici tecnici interni dettata dall art. 2, comma 1 lettera c) che recita uffici tecnici interni: strutture costituite da risorse umane e strumentali preposte all impiantistica, alla realizzazione degli impianti aziendali ed alla loro manutenzione i cui responsabili posseggono i requisiti tecnico-professionali previsti dall articolo 4. Gli uffici tecnici interni sono particolari strutture, normalmente presenti all interno di grandi stabilimenti Jorgen Udvang 82

4 Figura 2 - Dichiarazione di Conformità dell Impianto alla Regola dell arte (Allegato I) Il Sottoscritto... titolare o legale rappresentante dell impresa (ragione sociale)... operante nel settore... con sede in via...n...comune...(prov...)tel... Partita IVA n.... iscritta nel registro delle imprese (d.p.r. 7/12/1995, n. 581) della CCIAA di...n... iscritta all albo provinciale delle imprese artigiane (L.8/8/1985, n.443) di...n... esecutrice dell impianto (descrizione schematica)... inteso come: nuovo impianto trasformazione ampliamento manutenzione straordinaria altro(1):... commissionato da:... installato nei locali siti nel comune di... (prov)...via...n... scala...piano... interno... di proprietà di (nome, cognome o ragione sociale ed indirizzo)... in edificio adibito ad uso: industriale civile commercio altri usi DICHIARA sotto la propria personale responsabilità, che l impianto è stato realizzato in modo conforme alla regola dell arte, secondo quanto previsto dall articolo 6, tenuto conto delle condizioni di esercizio e degli usi a cui è destinato l ufficio, avendo in particolare: rispettato il progetto redatto ai sensi dell art. 5 da (2)... seguito la norma tecnica applicabile all impiego (3)... installato componenti e materiali adatti al luogo di installazione (articoli 5 e 6) controllato l impianto ai fini della sicurezza e della funzionalità con esito positivo, avendo eseguito le verifiche richieste dalle norme e dalle disposizioni di legge. Allegati obbligatori: progetto ai sensi degli articoli 5 e 7 (4); relazione con tipologie dei materiali utilizzati (5) schema di impianto realizzato (6) riferimento a dichiarazioni di conformità precedenti o parziali, già esistenti (7) copia del certificato di riconoscimento dei requisiti tecnico professionali Allegati facoltativi:(8)... DECLINA ogni responsabilità per sinistri a persone o a cose derivanti da manomissione dell impianto da parte di terzi ovvero da carenze di manutenzione o riparazione. Data... Il responsabile tecnico (timbro e firma) Il dichiarante (timbro e firma) Legenda 1. Come esempio nel caso di impianti a gas, con altro si può intendere la sostituzione di un apparecchio installato in modo fisso; 2. Indicare: nome, cognome, qualifica e quando ne ricorra l obbligo ai sensi dell art. 5 comma 2 estremi di iscrizione nell albo professionale, del tecnico che ha redatto il progetto; 3. Citare la o le norme tecniche e di legge, distinguendo tra quelle riferite alla progettazione, all esecuzione ed alle verifiche 4. Qualora l impianto eseguito su progetto sia variato in opera, il progetto presentato alla fine dei lavori deve comprendere le varianti realizzate in corso d opera. Fa parte del progetto la citazione della pratica prevenzione incendi (ove prevista) 5. la relazione deve contenere, per i prodotti soggetti a norma, la dichiarazione di rispondenza alle stesse, completata, ove esistente, con riferimenti a marchi, certificati di prova, ecc rilasciati da istituti autorizzati. Per gli altri prodotti da elencare il firmatario deve dichiarare che trattasi di materiali, prodotti e componenti conformi a quanto previsto dagli articoli 5 e 6. La relazione deve dichiarare l idoneità rispetto agli ambienti di installazione. 6. per schema di i mpianto realizzato si intende la descrizione dell opera come eseguita (si fa semplice rinvio al progetto quanto questo è stato realizzato da un tecnico abilitato e non sono state apportate varianti in corso d opera). Nel caso di trasformazione, ampliamento e manutenzione straordinaria, l intervento deve essere inquadrato, se possibile, nello schema dell impianto preesistente. 7. riferimenti sono costituiti dal nome dell impresa esecutrice e dalla data della dichiarazione, 8. esempio: eventuali certificati delle risultanze delle verifiche eseguite sull impianto prima della messa in esercizio o trattamenti per pulizia, disinfezione, ecc 83

5 ANNO II n. 7 GENNAIO - FEBBRAIO 2010 industriali, che sono deputate allo svolgimento delle lavorazioni necessarie per la manutenzione degli impianti interni all azienda. E bene precisare, onde evitare incresciosi fraintendimenti, che dette strutture non debbono essere confuse con gli uffici tecnici (anch essi interni alle aziende) delle aziende non installatrici. Per esempio, se pensiamo ad una ditta di costruzioni (ditta non installatrice) al cui interno sia presente un ufficio tecnico che svolge la progettazione (strutturale, architettonica ed impiantistica) necessaria all attività dell azienda, esso non rientra nella citata definizione di ufficio tecnico interno (art. 2 c.1 c). Quindi per le imprese non installatrici e solamente nell ipotesi che abbiano all interno uffici tecnici e responsabile tecnico in possesso dei necessari requisiti, è sancito che sono autorizzate all installazione, alla trasformazione, all ampliamento e alla manutenzione degli impianti, residenti esclusivamente nelle proprie strutture. Infine giova chiarire che dette operazioni possono essere svolte solamente nei limiti della tipologia di lavori per i quali il responsabile possiede i requisiti, rimanendo escluse altre tipologie di impianto. La dichiarazione di rispondenza Ulteriore elemento di novità è quello che ha introdotto la Dichiarazione di Rispondenza relativa agli impianti per i quali non sia presente la Dichiarazione di Conformità. Per quanto riguarda gli impianti eseguiti prima del 27/03/2008, nel caso in cui la dichiarazione di conformità non sia stata prodotta o non sia più reperibile, tale documento è sostituito, da una Dichiarazione di Rispondenza, resa da un professionista iscritto all albo professionale per le specifiche competenze tecniche richieste, che ha esercitato la professione, per almeno cinque anni, nel settore impiantistico cui si riferisce la dichiarazione, sotto personale responsabilità, a fronte dell esito di uno specifico sopralluogo e puntuali accertamenti. Nel caso di impianti per i quali la progettazione non debba essere obbligatoriamente redatta da un professionista, la Dichiarazione di Rispondenza può essere resa anche dal responsabile tecnico di un impresa abilitata all installazione, ma solamente se il soggetto ricopre tale ruolo da almeno 5 anni. Per maggiori informazioni visitare il sito Per segnalazioni:

DICHIARAZIONE (ai sensi del D.M. 22.01.2008n. 37 circa Disposizioni in materia di installazzione degli impianti all interno degli edifici )

DICHIARAZIONE (ai sensi del D.M. 22.01.2008n. 37 circa Disposizioni in materia di installazzione degli impianti all interno degli edifici ) COMUNE DI VALLARSA Provincia di Trento ALL UFFICIO TECNICO DEL COMUNE DI VALLARSA DICHIARAZIONE (ai sensi del D.M. 22.01.2008n. 37 circa Disposizioni in materia di installazzione degli impianti all interno

Dettagli

DOCUMENTINEWS GRAZIE A:

DOCUMENTINEWS GRAZIE A: DOCUMENTINEWS Approfondimenti schematici e monotematici di tipo tecnico-giuridico su Normative, Regole, Giurisprudenza, Tecnologie, Tecniche, Prodotti e Materiali da costruzione e per lo studio professionale.

Dettagli

Scheda per opere di: Immobile di proprietà Sig.

Scheda per opere di: Immobile di proprietà Sig. Scheda per opere di: Immobile di proprietà Sig. 1 La/Il sottoscritta/o codice fiscale in qualità di progettista dell'intervento di, relativo all immobile sito in Taurisano, indirizzo, di proprietà del/dei

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DEGLI IMPIANTI DI INSEGNA LUMINOSA

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DEGLI IMPIANTI DI INSEGNA LUMINOSA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DEGLI IMPIANTI DI INSEGNA LUMINOSA Istruzioni per la compilazione L art. 7 comma 1 del D.M. 37/08 prevede che Al termine dei lavori, previa effettuazione delle verifiche previste

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c)

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c) TIPO DI LAVORO Installazione, rifacimento, trasformazione, ampliamento di impianto dotato o anche non dotato di canna fumaria collettiva ramificata (Per frigorifero ad adsorbimento alimentato a gas vedere

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica

IL DIRETTORE GENERALE per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica DECRETO 19 maggio 2010 Modifica degli allegati al decreto 22 gennaio 2008, n. 37, concernente il regolamento in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici. IL DIRETTORE

Dettagli

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DM del 22/01/08 n. 37 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ATTIVITA DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI Art. 1 - IMPIANTI SOGGETTI ALL APPLICAZIONE

Dettagli

COMUNE di CHIOGGIA. Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DITTA:

COMUNE di CHIOGGIA. Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DITTA: COMUNE di CHIOGGIA Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DATI IDENTIFICATIVI DELL INTERVENTO: DITTA: PRATICA EDILIZIA: DESCRIZIONE

Dettagli

COMUNE DI MONTE DI MALO

COMUNE DI MONTE DI MALO COMUNE DI MONTE DI MALO Provincia di Vicenza MOD- RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA (Art. 24 del D.P.R. n. 380/01 e successive modificazioni ed integrazioni) Via Europa n. 14 36030 Monte di Malo (VI)

Dettagli

Allo Sportello Unico per l'edilizia del Comune di. in Via civ. tel fax e-mail. in Via civ. tel fax e-mail CHIEDE/CHIEDONO

Allo Sportello Unico per l'edilizia del Comune di. in Via civ. tel fax e-mail. in Via civ. tel fax e-mail CHIEDE/CHIEDONO Marca da bollo 14,62 Allo Sportello Unico per l'edilizia del Comune di OGGETTO: Richiesta di Permesso in sanatoria ai sensi dell art. 36 del D.P.R. n. 380/01 RICHIEDENTE (cognome e nome o denominazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA D ARTE ( D.M. 37 DEL 22 GENNAIO 2008)

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA D ARTE ( D.M. 37 DEL 22 GENNAIO 2008) Il sottoscritto titolare/legale rappresentante dell impresa (rag. sociale) Operante nel settore Con sede nel comune di: (prov. ) Via nr. P.IVA: Cod. Fisc. Tel. Fax E-mail Iscritta nel registro delle imprese

Dettagli

NORME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI (Adempimenti ai sensi dell art. 6, L. 05.03.1990 n. 46, e dell art. 4, D.P.R. 06.12.1991 n.

NORME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI (Adempimenti ai sensi dell art. 6, L. 05.03.1990 n. 46, e dell art. 4, D.P.R. 06.12.1991 n. ALLEGATO 7 BIS ALLA RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE O DENUNCIA INIZIO ATTIVITA DICHIARAZIONE PER ADEMPIMENTI LEGGE N. 46/90 ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI SAN MARTI DI VENEZZE (RO)

Dettagli

Sicurezza degli impianti negli edifici: nuove regole

Sicurezza degli impianti negli edifici: nuove regole D.M. 22 GENNAIO 2008 N 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n.248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia

Dettagli

In omaggio agli abbonati a TuttoNormel

In omaggio agli abbonati a TuttoNormel SPIN: Software Per INstallatori Nuovi software per preparare la dichiarazione di conformità (SPIN- DICO) e la dichiarazione di rispondenza (SPIN-DIRI) secondo il Decreto 22/1/08 n. 37. In omaggio agli

Dettagli

Impianti elettrici DM 37/08

Impianti elettrici DM 37/08 Impianti elettrici DM 37/08 Requisiti fondamentali di sicurezza Obblighi normativi 1 Impianti elettrici nei condomini ALCUNE CONSIDERAZIONI Servizi condominiali U1 U2 U3 U4 Un guasto elettrico che si verifica

Dettagli

Adeguamento o realizzazione di un impianto

Adeguamento o realizzazione di un impianto CONVEGNO LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI (DALLA L. 46/90 AL D.M. 37/2008) VENERDI 09 APRILE 2010 SALA CONVEGNI Adeguamento o realizzazione di un impianto ASSOCIAZIONE INDUSTRIALI VIA PORTAZZOLO,

Dettagli

ING. SALVATORE MAFFEI - ORDINE DEGLI INGEGNERI DI AVELLINO - 18 DICEMBRE 2009

ING. SALVATORE MAFFEI - ORDINE DEGLI INGEGNERI DI AVELLINO - 18 DICEMBRE 2009 CORSO PREPARATORIO ESAMI DI STATO INGEGNERIA DELLA COMUNICAZIONE ING. SALVATORE MAFFEI - ORDINE DEGLI INGEGNERI DI AVELLINO - 18 DICEMBRE 2009 OGGI PARLEREMO DI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEGLI IMPIANTI

Dettagli

Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici

Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici Dichiarazione di conformità Dichiarazione di rispondenza 1 La dichiarazione di conformità Progetto

Dettagli

2) Nome e cognome del titolare o legale rappresentante della ditta installatrice;

2) Nome e cognome del titolare o legale rappresentante della ditta installatrice; LA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Alla fine del lavoro l installatore è tenuto a rilasciare al committente la Dichiarazione di Conformità dei lavori eseguiti, tale dichiarazione per essere valida deve essere

Dettagli

Denunce di conformità ex DPR 462/01 recapiti telefonici: 0288456237 / 0288456205 COMUNE DI MILANO LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE

Denunce di conformità ex DPR 462/01 recapiti telefonici: 0288456237 / 0288456205 COMUNE DI MILANO LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI MILANO DIREZIONE CENTRALE DECENTRAMENTO ED AUTORIZZAZIONI LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE Via G.B. Pirelli 39 - Milano ex DPR 462/01 recapiti telefonici: 0288456237 / 0288456205

Dettagli

C H I E D E D I C H I A R A

C H I E D E D I C H I A R A MARCA DA BOLLO DA 16,00 SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO AL COMUNE DI SELARGIUS AREA 5 EDILIZIA PRIVATA OGGETTO: ISTANZA PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITÀ (ai sensi dell art. 25 del DPR 380/2001)

Dettagli

Regolamento di riordino delle disposizioni in materia di attività di INSTALLAZIONE IMPIANTI NEGLI EDIFICI. Bologna, 26 marzo 2008

Regolamento di riordino delle disposizioni in materia di attività di INSTALLAZIONE IMPIANTI NEGLI EDIFICI. Bologna, 26 marzo 2008 Regolamento di riordino delle disposizioni in materia di attività di INSTALLAZIONE IMPIANTI NEGLI EDIFICI Bologna, 26 marzo 2008 Decreto n. 37 del 22/1/2008 Regolamento concernente l attuazione dell articolo

Dettagli

Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37

Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 1 D. M. 22/01/2008 n.37 Ministero dello Sviluppo Economico - Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11- quaterdecies, comma 13,

Dettagli

Immobiliare EuroEdil Viale Milano 345 scala: 2 piano: 3 interno: 12 40126 Bologna (BO) Nuovo impianto di condizionamento in civile abitazione.

Immobiliare EuroEdil Viale Milano 345 scala: 2 piano: 3 interno: 12 40126 Bologna (BO) Nuovo impianto di condizionamento in civile abitazione. DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Prot. N 0007-2010 Data 12/03/2010 Committente: Ubicazione Descrizione: Immobiliare EuroEdil Viale

Dettagli

I diversi tipi di impianti

I diversi tipi di impianti Secondo quanto stabilito dal Decreto n.37 del 22/01/2008 il progetto degli impianti è sempre obbligatorio. E' da notare che, contrariamente a quanto pensano alcuni (purtroppo anche per scarsa conoscenza

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Decreto del Ministero dello sviluppo economico 22 gennaio 2008, n. 37 Regolamento concernente l'attuazione dell'art. 11-quaterdecies, comma 13, lettera a), della Legge n. 248 del 02/12/2005, recante riordino

Dettagli

Decreto Ministeriale 22 Gennaio 2008, n 37 coordinato con le modifiche di cui al D.L. 112/08.

Decreto Ministeriale 22 Gennaio 2008, n 37 coordinato con le modifiche di cui al D.L. 112/08. Decreto Ministeriale 22 Gennaio 2008, n 37 coordinato con le modifiche di cui al D.L. 112/08. Decreto del Ministero dello sviluppo economico 22/01/2008, n. 37 Regolamento concernente l'attuazione dell'art.

Dettagli

ENTRATA IN VIGORE DELLE NORME IN MATERIA DI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI NEGLI EDIFICI (D.M.22/01/2008 N.37).

ENTRATA IN VIGORE DELLE NORME IN MATERIA DI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI NEGLI EDIFICI (D.M.22/01/2008 N.37). Comune di Modena Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia Via Santi 60 - Tel. 059/203.2224 - Fax 059/203.2164 E-mail giovanni.villanti@comune.modena.it Il Dirigente Responsabile del Settore Modena,

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE. art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 0013-2010. Data.

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE. art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 0013-2010. Data. DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Prot. N 0013-2010 Data 22/03/2010 Committente: Ubicazione Descrizione: Roberto Rossi Via Via Rosselli

Dettagli

C O M U N E D I G U B B I O

C O M U N E D I G U B B I O C O M U N E D I G U B B I O URBANISTICA, PIANIFICAZIONE AMBIENTALE E PATRIMONIO SERVIZIO URBANISTICA DICHIARAZIONE ASSEVERATA ALLEGATA ALLA RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA ai sensi dell art. 30 della

Dettagli

(da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore Denominazione Indirizzo Telefono

(da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore Denominazione Indirizzo Telefono Richiesta di attivazione della fornitura di gas REVISIONE: 1 DEL: 25.05.2005 PAG. 1 DI 1 178 Allegato A della Delibera 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas (da compilarsi a cura del cliente

Dettagli

Sicurezza degli impianti negli edifici

Sicurezza degli impianti negli edifici D.M. 22 GENNAIO 2008 N 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n.248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia

Dettagli

Roberto Rossi Via Via Rosselli 54 scala: piano: T interno: 2 47522 Cesena (FC) Nuovo impianto solare termico in civile abitazione.

Roberto Rossi Via Via Rosselli 54 scala: piano: T interno: 2 47522 Cesena (FC) Nuovo impianto solare termico in civile abitazione. DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Prot. N 0016-2010 Data 22/03/2010 Committente: Ubicazione Descrizione: Roberto Rossi Via Via Rosselli

Dettagli

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n.

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n. Allegato A (da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore: (Denominazione, indirizzo, telefono) Richiesta di attivazione della fornitura di gas: Codice n. RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 1/12 QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 Autore: Dott. Mauro Baldissin - Tecnico della Prevenzione CANTIERI EDILI CONTROLLI FONDAMENTALI PER RIDURRE IL RISCHIO ELETTRICO Premessa Nei cantieri edili i rischi

Dettagli

Immobiliare EuroEdil Viale Milano 345 scala: 2 piano: 3 interno: 12 40126 Bologna (BO) Nuovo impianto antintrusione in locali ad uso ufficio.

Immobiliare EuroEdil Viale Milano 345 scala: 2 piano: 3 interno: 12 40126 Bologna (BO) Nuovo impianto antintrusione in locali ad uso ufficio. DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Prot. N 004-200 Data 22/03/200 Committente: Ubicazione Descrizione: Immobiliare EuroEdil Viale Milano

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE. art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 0008-2010. Data.

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE. art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 0008-2010. Data. DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Prot. N 0008-2010 Data 12/03/2010 Committente: Ubicazione Descrizione: Flavio Paglierini Via Via Cesare

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE. art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 0009-2010. Data.

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE. art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 0009-2010. Data. DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Prot. N 0009-200 Data 5/03/200 Committente: Ubicazione Descrizione: Immobiliare EuroEdil Viale Milano

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA GROSSETO, 21 ottobre 2011 Al termine dei lavori, previa effettuazione delle verifiche previste dalle norme vigenti, comprese quelle di funzionalità,

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE. art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 0011-2010. Data.

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE. art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 0011-2010. Data. DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Prot. N 00-200 Data 6/03/200 Committente: Ubicazione Descrizione: Immobiliare EuroEdil Viale Milano

Dettagli

PROCEDURA PER L'ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA PER IMPIANTI DI UTENZA GAS NUOVI

PROCEDURA PER L'ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA PER IMPIANTI DI UTENZA GAS NUOVI PROCEDURA PER L'ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA PER IMPIANTI DI UTENZA GAS NUOVI Procedura per richieste di attivazione della fornitura di gas pervenute al venditore a partire dall'1 aprile 2007 (art. 16,

Dettagli

MODULO D.I.A. IN ALTERNATIVA AL PERMESSO DI COSTRUIRE DATI DEL RICHIEDENTE. Il/La sottoscritto/a La Società

MODULO D.I.A. IN ALTERNATIVA AL PERMESSO DI COSTRUIRE DATI DEL RICHIEDENTE. Il/La sottoscritto/a La Società ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio D.I.A. MODULO D.I.A. IN ALTERNATIVA AL PERMESSO DI

Dettagli

(da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore Denominazione Indirizzo Telefono

(da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore Denominazione Indirizzo Telefono Richiesta di attivazione della fornitura di gas REVISIONE: 1 DEL: 25.05.2005 PAG. 1 DI 1 178 Allegato A della Delibera 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas (da compilarsi a cura del cliente

Dettagli

SISTEMI TERMOIDRAULICI PER UNA NUOVA ABITAZIONE

SISTEMI TERMOIDRAULICI PER UNA NUOVA ABITAZIONE SISTEMI TERMOIDRAULICI PER UNA NUOVA ABITAZIONE Il presente documento si propone di approfondire i sistemi di generazione del fluido termovettore per riscaldare e raffrescare le civili abitazioni, con

Dettagli

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n.

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n. Allegato A (da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore: (Denominazione, indirizzo, telefono) Richiesta di attivazione della fornitura di gas: Codice n. RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n.

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n. Allegato A (da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore: (Denominazione, indirizzo, telefono) Richiesta di attivazione della fornitura di gas: Codice n. RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA DELL IMPIANTO ai sensi del decreto 22 gennaio 2008 n. 37, art. 7

DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA DELL IMPIANTO ai sensi del decreto 22 gennaio 2008 n. 37, art. 7 DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA DELL IMPIANTO ai sensi del decreto 22 gennaio 2008 n. 37, art. 7 Il sottoscritto Roberto Marchini che ricopre da almeno cinque anni il ruolo di responsabile tecnico di una

Dettagli

ABROGATA LA LEGGE 46/90, SOSTITUITA DAL DM 37/08

ABROGATA LA LEGGE 46/90, SOSTITUITA DAL DM 37/08 ABROGATA LA LEGGE 46/90, SOSTITUITA DAL DM 37/08 Il 27 marzo 2008 è stata abrogata la Legge n. 46 del 5 marzo 1990 recante: Norme per la sicurezza degli impianti. Decaduti anche tutti i relativi decreti

Dettagli

CAMERA COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CATANIA

CAMERA COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CATANIA SCIA/IMP CAMERA COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CATANIA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' DI IMPIANTISTICA (SCIA) (D.M. n. 37 del 21.01.2008-D.P.R. n. 558/99 -L. 30/07/2010

Dettagli

Decreto Ministeriale 22 gennaio 2008 n. 37

Decreto Ministeriale 22 gennaio 2008 n. 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione

Dettagli

LEGGE 5.3.1990 n 46. D.P.R. 6.12.1991 n 447

LEGGE 5.3.1990 n 46. D.P.R. 6.12.1991 n 447 LEGGE 5.3.1990 n 46 RME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI D.P.R. 6.12.1991 n 447 REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 1 Che cosa regolamenta la Legge 46/90? 2 In quale modo la Legge 46/90 garantisce la

Dettagli

FORMULARIO SICU PREVENZIONE INCENDI SICUREZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI

FORMULARIO SICU PREVENZIONE INCENDI SICUREZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI FORMULARIO SICU PREVENZIONE INCENDI SICUREZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI Dati da compilare obbligatoriamente a cura dell Espositore PROSPETTO RIEPILOGATIVO Con riferimento

Dettagli

Comune di VILLACIDRO

Comune di VILLACIDRO Comune di VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA' E AGIBILITA PARZIALE Al Sindaco del Comune di Villacidro Al Responsabile del Servizio Urbanistica ed Edilizia Privata

Dettagli

LE CLAUSOLE DA INSERIRE NEI PRELIMINARI

LE CLAUSOLE DA INSERIRE NEI PRELIMINARI 1 CERTIFICAZIONI DEGLI IMPIANTI LE CLAUSOLE DA INSERIRE NEI PRELIMINARI LA DICHIARAZIONE DELLA PROPRIETA ALL AGENTE IMMOBILIARE Il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 22 gennaio 2008, n.

Dettagli

DOMANDA DI AGIBILITÀ

DOMANDA DI AGIBILITÀ Al Comune di Duino Aurisina Aurisina Cave 25 34011 Duino Aurisina (TS) Servizio Urbanistica Marca da bollo Il sottoscritto 1 DOMANDA DI AGIBILITÀ 1) Cognome Nome nato a data di nascita cod. fisc. nella

Dettagli

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA'

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' Aggiornamento 2014 PRATICA EDILIZIA N. / ORIGINALE/COPIA Al Comune di Opera (Provincia di Milano) PROTOCOLLO GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE GESTIONE DEL TERRITORIO, via Dante Alighieri, 12 20090 Opera

Dettagli

SEGNALA ai sensi dell art. 19 della Legge 241/1990 e successive modifiche

SEGNALA ai sensi dell art. 19 della Legge 241/1990 e successive modifiche SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (Art. 19 della Legge 241/90 e successive modifiche ed integrazioni) La/Il sottoscritta/o (cognome) (nome) codice fiscale in qualità di: titolare legale rappresentante

Dettagli

SICUREZZA DEGLI IMPIANTI GARANZIA DI CONFORMITA' E RELATIVE CERTIFICAZIONI CONSEGNA DI DOCUMENTI DOPO IL D.L. 25 GIUGNO 2008, N.

SICUREZZA DEGLI IMPIANTI GARANZIA DI CONFORMITA' E RELATIVE CERTIFICAZIONI CONSEGNA DI DOCUMENTI DOPO IL D.L. 25 GIUGNO 2008, N. !!"#$%%$&'!!"#%$%! ()*+,-. *,*""///+, &*0#&%1%2* $! 3%! SICUREZZA DEGLI IMPIANTI GARANZIA DI CONFORMITA' E RELATIVE CERTIFICAZIONI CONSEGNA DI DOCUMENTI DOPO IL D.L. 25 GIUGNO 2008, N. 112 - FONTI NORMATIVE.

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO ITE Bassi in collaborazione con Federamministratori Corso per amministratori condominiali SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO Relatore: Dott. Ing. Donati Bassano PRINCIPALI LEGGI E NORMATIVE Legge 220/12:

Dettagli

PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita iva, residente/ con sede in Via civ.

PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita iva, residente/ con sede in Via civ. PRATICA N ANNO BOLLO PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita iva, residente/ con sede in Via civ. avente titolo alla presentazione della

Dettagli

Richiesta di Agibilità e Dichiarazione di conformità ai sensi dell art.25, comma 1, lettera b del D.P.R. 6 giugno 2001, n.380

Richiesta di Agibilità e Dichiarazione di conformità ai sensi dell art.25, comma 1, lettera b del D.P.R. 6 giugno 2001, n.380 N. Prot. Bollo.16,00 Provincia dell Aquila Sportello Unico per l Edilizia ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL PROCEDIMENTO DI CERTIFICAZIONE DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il sottoscritto cod.

Dettagli

Versione da allegare al preventivo per un nuovo allacciamento

Versione da allegare al preventivo per un nuovo allacciamento Allegato F Versione da allegare al preventivo per un nuovo allacciamento Gentile Cliente, la procedura descritta Le consentirà di assicurarsi la realizzazione del suo impianto di utilizzo del gas nel pieno

Dettagli

PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita iva, residente/ con sede in Via civ.

PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita iva, residente/ con sede in Via civ. Marca da bollo. 16,00 16,0016,0 0 Al Comune di Turri Piazza Sandro Pertini, 1 09020 Turri PRATICA N ANNO PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI INSTALLAZIONE, AMPLIAMENTO, TRASFORMAZIONE, MANUTENZIONE DI IMPIANTI 1 (D.M. n. 37 del 22.1.

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI INSTALLAZIONE, AMPLIAMENTO, TRASFORMAZIONE, MANUTENZIONE DI IMPIANTI 1 (D.M. n. 37 del 22.1. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI INSTALLAZIONE, AMPLIAMENTO, TRASFORMAZIONE, MANUTENZIONE DI IMPIANTI 1 (D.M. n. 37 del 22.1.2008) al Registro delle Imprese o all Albo delle Imprese Artigiane

Dettagli

OGGETTO: Richiesta di certificato di agibilità.

OGGETTO: Richiesta di certificato di agibilità. Marca da bollo 16,00 All Ufficio Tecnico per l edilizia del Comune di 22032 ALBESE CON CASSANO OGGETTO: Richiesta di certificato di agibilità. Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita iva,

Dettagli

AL COMUNE DI MOTTOLA PROVINCIA DI TARANTO Settore Urbanistica

AL COMUNE DI MOTTOLA PROVINCIA DI TARANTO Settore Urbanistica Protocollo RICHIESTA CERTIFICATO AGIBILITA n del (Riservato all Ufficio) AL COMUNE DI MOTTOLA PROVINCIA DI TARANTO Settore Urbanistica MARCA DA BOLLO 14,62 RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITÀ ai sensi dell

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO Titolo I Principi Comuni Capo III Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro Sezione I Misure di tutela e obblighi

D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO Titolo I Principi Comuni Capo III Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro Sezione I Misure di tutela e obblighi D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO Titolo I Principi Comuni Capo III Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro Sezione I Misure di tutela e obblighi Art. 17 Obblighi del datore di lavoro non delegabili 1.

Dettagli

Sommario. Preambolo. Preambolo. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge: Articolo 1. (Ambito di applicazione)

Sommario. Preambolo. Preambolo. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge: Articolo 1. (Ambito di applicazione) Legge 05-03-1990, n. 46 - Norme per la sicurezza degli impianti Sommario, Preambolo, Art.1, Art.2, Art.3, Art.4, Art.5, Art.6, Art.7, Art.8, Art.9, Art.10, Art.11, Art.12, Art.13, Art.14, Art.15, Art.16,

Dettagli

DM DM 37/08 37/08 IMPIANTI ELETTRICI

DM DM 37/08 37/08 IMPIANTI ELETTRICI Campo di applicazione ed obblighi nel settore industriale Il DM 37/08 si applica a tutti gli impianti posti all interno degli edifici (ed anche agli impianti utilizzatori posti all esterno di edifici se

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DEL FABBRICATO (ai sensi dell art. 20 L.R. 31/2002 e in considerazione dei contenuti dell art. 481 del Codice Penale)

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DEL FABBRICATO (ai sensi dell art. 20 L.R. 31/2002 e in considerazione dei contenuti dell art. 481 del Codice Penale) mod. 160 data agg. 07/09/2010 CARTELLA EDILIZIA N. SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DEL FABBRICATO (ai sensi dell art. 20 L.R. 31/2002 e in considerazione dei contenuti dell art. 481 del Codice Penale) INTERVENTO

Dettagli

Regione Toscana. Diritti Valori Innovazione Sostenibilità

Regione Toscana. Diritti Valori Innovazione Sostenibilità Regione Toscana Diritti Valori Innovazione Sostenibilità Guida operativa all applicazione del DM 22 gennaio 2008 n. 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11 - quaterdecies, comma 13, lettera

Dettagli

DM 22 gennaio 2008 n. 37 Disposizioni in materia di attività di installazione di impianti all interno degli edifici

DM 22 gennaio 2008 n. 37 Disposizioni in materia di attività di installazione di impianti all interno degli edifici DM 22 gennaio 2008 n. 37 Disposizioni in materia di attività di installazione di impianti all interno degli edifici R-08 1 1 DM 22 gennaio 2008 n. 37 Disposizioni in materia di attività di installazione

Dettagli

ATTIVITÀ DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI (Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 22 gennaio 2008 n.

ATTIVITÀ DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI (Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 22 gennaio 2008 n. Il presente modello va trattato esclusivamente con modalità informatiche e compilato negli appositi campi modulo. Terminata la compilazione, il file dovrà essere convertito nel formato standard per la

Dettagli

TESTO COORDINATO DELLA LEGGE 46/90 CON I DECRETI APPLICATIVI: DPR 447/91 - DPR 392/94 - DPR 218/98 - DPR 558/99

TESTO COORDINATO DELLA LEGGE 46/90 CON I DECRETI APPLICATIVI: DPR 447/91 - DPR 392/94 - DPR 218/98 - DPR 558/99 TESTO COORDINATO DELLA LEGGE 46/90 CON I DECRETI APPLICATIVI: DPR 447/91 - DPR 392/94 - DPR 218/98 - DPR 558/99 LEGGE 5 marzo 1990, n. 46 (G.U. n. 59 del 12.3.1990) NORME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' DI INSTALLAZIONE IMPIANTI

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' DI INSTALLAZIONE IMPIANTI INIZIO ATTIVITA' INSTALLAZIONE IMPIANTI REV. 2 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' DI INSTALLAZIONE IMPIANTI ( D.M 37/2008- Art. 19 legge 241/1990) Il sottoscritto nato a Prov. Stato il Residente

Dettagli

Oggetto: Impianti negli edifici Applicazione del nuovo Regolamento con D.M. 37/2008

Oggetto: Impianti negli edifici Applicazione del nuovo Regolamento con D.M. 37/2008 Spettabile CLIENTE e FORNITORE Sua Sede Rif.: 025-2008 RVARI C&F Milano, 03-11-2008 Oggetto: Impianti negli edifici Applicazione del nuovo Regolamento con D.M. 37/2008 Egregi Signori e Gentili Signore,

Dettagli

Comune di Fabriano Sportello Unico per l Edilizia

Comune di Fabriano Sportello Unico per l Edilizia Perm. n. Prat. n. Anno del bollo All Ufficio dello Sportello Unico per l'edilizia Del Comune di PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'art. 15 della legge 5 marzo 1990 n.46, recante norme per la sicurezza degli impianti;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'art. 15 della legge 5 marzo 1990 n.46, recante norme per la sicurezza degli impianti; D.P.R. 6 dicembre 1991, n. 447 Regolamento di attuazione in materia di sicurezza degli impianti. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'art. 87, quinto comma, della Costituzione Visto l'art. 15 della legge

Dettagli

ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1

ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1 ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1 RISCHIO ELETTRICO ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 2 PANORAMA LEGISLATIVO NEL SETTORE ELETTRICO ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 3 IMPIANTI E

Dettagli

D.P.R. 6-12-1991 n. 447 Regolamento di attuazione della L. 5 marzo 1990, n. 46, in materia di sicurezza degli impianti. Pubblicato nella Gazz. Uff. 15 febbraio 1992, n. 38. D.P.R. 6 dicembre 1991, n. 447

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Decreto del Ministero dello sviluppo economico 22 gennaio 2008, n. 37 Regolamento concernente l'attuazione dell'art. 11-quaterdecies, comma 13, lettera a), della Legge n 248 del 02/12/2005, recante riordino

Dettagli

RIEPILOGO DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI ATTIVAZIONE FORNITURA GAS METANO AI SENSI DELLA DELIBERA A.E.E.G. 40/04

RIEPILOGO DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI ATTIVAZIONE FORNITURA GAS METANO AI SENSI DELLA DELIBERA A.E.E.G. 40/04 RIEPILOGO DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI ATTIVAZIONE FORNITURA GAS METANO AI SENSI DELLA DELIBERA A.E.E.G. 40/04 Per la parte Documentazione ALLEGATO A o C ALLEGATO B o D ALLEGATI TECNICI

Dettagli

Regione Toscana. Diritti Valori Innovazione Sostenibilità

Regione Toscana. Diritti Valori Innovazione Sostenibilità Regione Toscana Diritti Valori Innovazione Sostenibilità Guida operativa all applicazione del DM 22 gennaio 2008 n. 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11 - quaterdecies, comma 13, lettera

Dettagli

LE NOVITA' INTRODOTTE DAL DECRETO MINISTERIALE N. 37 DEL 22 GENNAIO 2008 RISPETTO ALLA LEGGE 46/90.

LE NOVITA' INTRODOTTE DAL DECRETO MINISTERIALE N. 37 DEL 22 GENNAIO 2008 RISPETTO ALLA LEGGE 46/90. LE NOVITA' INTRODOTTE DAL DECRETO MINISTERIALE N. 37 DEL 22 GENNAIO 2008 RISPETTO ALLA LEGGE 46/90. AMBITO DI APPLICAZIONE - ART. 1 Il DM N. 37 del 22/01/2008 trova applicazione negli interventi relativi

Dettagli

Indicare n. tel. / posta elettronica @. di chi presenta il modello. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CROTONE

Indicare n. tel. / posta elettronica @. di chi presenta il modello. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CROTONE Indicare n. tel. / posta elettronica @. di chi presenta il modello. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CROTONE SCIA (Segnalazione certificata di inizio di attività relativa agli

Dettagli

COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU)

COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU) COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU) protocollo BOLLO PRATICA N PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice

Dettagli

Il sottoscritto (*) residente in: via n. piano interno comune CAP (provincia ) tel. (tel. cellulare e-mail ) Codice Fiscale / Partita IVA:

Il sottoscritto (*) residente in: via n. piano interno comune CAP (provincia ) tel. (tel. cellulare e-mail ) Codice Fiscale / Partita IVA: Allegato H/40 (sezione da compilarsi a cura del venditore) Ragione sociale del venditore Codice del Punto di Riconsegna o codice assegnato dal distributore alla richiesta di attivazione/riattivazione della

Dettagli

Aspetti Giuridici: Denuncia di messa in servizio e Verifiche di Legge

Aspetti Giuridici: Denuncia di messa in servizio e Verifiche di Legge Relazione Argomento : Modalità di accertamento e di controllo delle documentazioni tecniche necessarie a corredo di un impianto realizzato in locali adibiti ad uso estetico/medico Fonti Giuridiche e Normative:

Dettagli

SETTORE ASSISTENZA TECNICA RISCALDAMENTO E ACQUA SANITARIA

SETTORE ASSISTENZA TECNICA RISCALDAMENTO E ACQUA SANITARIA SETTORE ASSISTENZA TECNICA RISCALDAMENTO E ACQUA SANITARIA Settore riscaldamento e acqua sanitaria Assistenza tecnica riscaldamento e acqua calda sanitaria pag. 127 Controllo manutenzioni e pulizie generale

Dettagli

MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 22 gennaio 2008, n. 37: Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11- quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in

Dettagli

L. 5 marzo 1990, n. 46: Norme per la sicurezza degli impianti. (Gazzetta Ufficiale n. 59 del 12 marzo 1990)

L. 5 marzo 1990, n. 46: Norme per la sicurezza degli impianti. (Gazzetta Ufficiale n. 59 del 12 marzo 1990) L. 5 marzo 1990, n. 46: Norme per la sicurezza degli impianti. (Gazzetta Ufficiale n. 59 del 12 marzo 1990) La presente legge è stata inizialmente assorbita nel D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380: Testo unico

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso nell'adunanza generale del 27 giugno 1991;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso nell'adunanza generale del 27 giugno 1991; D.P.R. 6 dicembre 1991, n. 447. Regolamento di attuazione della legge 5 marzo 1990, n. 46, in materia di sicurezza degli impianti. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'art. 87, quinto comma, della Costituzione;

Dettagli

La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento

La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento Sezione Toscana e Umbria Toscana La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento Dott. Ing. Emilio Giovannini Direttore UO Verifiche Periodiche ASL1 di Massa Carrara Consigliere

Dettagli

Il/La sottoscritto/a La Società. indirizzo: n. cap Tel.

Il/La sottoscritto/a La Società. indirizzo: n. cap Tel. ROMA CAPITALE Municipio U.O.T. Urbanistica ed edilizia privata VERSIONE 1 D.I.A. ai sensi dell art. 22 comma 3, art. 23 D.P.R. 380/01 s.m.i. e art. 6 L.R. 21/09 s.m.i. INTERVENTO DI AMPLIAMENTO ai sensi

Dettagli

SCIA / OGGETTO : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) legge 07.08.1990 n.241, art.19. Ovvero

SCIA / OGGETTO : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) legge 07.08.1990 n.241, art.19. Ovvero Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI BUSTO GAROLFO AREA PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA/EDILIZIA PRIVATA Riservato all ufficio Numero pratica edilizia SCIA / OGGETTO

Dettagli

Del. 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica e per il GAS

Del. 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica e per il GAS Del. 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica e per il GAS Adozione del regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza a gas Compilazione dei documenti previsti

Dettagli

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA MARCA DA BOLLO COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Riservato all Ufficio ESTREMI DI RIFERIMENTO ARCHIVIAZIONE: Prot. Gen. Pratica Edilizia: n. del / / RICHIESTA CERTIFICATO

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO. DECRETO 22 gennaio 2008, n. 37

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO. DECRETO 22 gennaio 2008, n. 37 1 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 22 gennaio 2008, n. 37 (pubblicato nella G.U. n 61 del 12/03/2008) Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a)

Dettagli

La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento

La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento Sezione Toscana e Umbria La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento Dott. Ing. Emilio Giovannini Direttore UO Prevenzione Protezione dai Rischi ASL1 di Massa Carrara

Dettagli

Richiesta di rilascio del certificato di agibilità (art. 24 D.P.R. 06.06.2001 n 380)

Richiesta di rilascio del certificato di agibilità (art. 24 D.P.R. 06.06.2001 n 380) Modello 16-A REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA REGION AUTONOME VALLEE D'AOSTE COMUNE DI GIGNOD Marca da bollo 14,62 EGREGIO SIG. SINDACO Richiesta di rilascio del certificato di agibilità (art. 24 D.P.R.

Dettagli