Regolamento di riordino delle disposizioni in materia di attività di INSTALLAZIONE IMPIANTI NEGLI EDIFICI. Bologna, 26 marzo 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento di riordino delle disposizioni in materia di attività di INSTALLAZIONE IMPIANTI NEGLI EDIFICI. Bologna, 26 marzo 2008"

Transcript

1 Regolamento di riordino delle disposizioni in materia di attività di INSTALLAZIONE IMPIANTI NEGLI EDIFICI Bologna, 26 marzo 2008

2 Decreto n. 37 del 22/1/2008 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11- quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante In vigore dal 27 marzo 2008 riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all interno degli edifici pubblicato nella G.U. n. 61 del 12/3/08. CNA Interpreta 2

3 Il Nuovo decreto sostituisce la L.46/90 tranne che per: art. 8 Finanziamento dell attività di normazione tecnica art. 14 Verifiche degli impianti art. 16 Sanzioni Vengono abrogati: Il DPR 447/91 Regolamento di attuazione L.46/90 Gli artt. da 107 a 121 del DPR 380/01 Testo Unico Edilizia CNA Interpreta 3

4 (Art. 1) Uso civile e non civile: per tutti gli impianti posti al servizio degli edifici INDIPENDENTEMENTE DALLA DESTINAZIONE D USO collocati all interno degli stessi o delle relative pertinenze. Ambito di applicazione Questa estensione era solo per gli impianti elettrici (comma 2, art.1 DPR 447/91) CNA Interpreta 4

5 Lettera a: Impianti di produzione, trasformazione, trasporto, distribuzione, utilizzazione dell energia elettrica, nonché impianti di protezione contro le scariche atmosferiche e gli impianti di porte, cancelli e barriere (Art. 1) Classificazione degli impianti Gli impianti di protezione contro le scariche atmosferiche erano nella lettera b). Introdotti ex novo gli impianti per l automazione di porte, cancelli e barriere. CNA Interpreta 5

6 Lettera b: Impianti radiotelevisivi, le antenne, gli impianti elettronici in genere Lettera c: Impianti di riscaldamento, di climatizzazione, di condizionamento e di refrigerazione di qualsiasi natura o specie, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e delle condense, e di ventilazione ed aerazione dei locali (Art. 1) Classificazione degli impianti Lettera b: Stralciati dalla lettera b gli impianti di protezione da scariche atmosferiche Lettera c: Vengono introdotti ex-novo gli impianti di refrigerazione e le condense, mentre viene specificato che gli impianti di cui alla lettera c) comprendono le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e delle condense, e di ventilazione e aerazione dei locali, prima erano in parte nella lettera e) CNA Interpreta 6

7 Lettera d: Impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie Lettera e: Impianti per la distribuzione e l utilizzazione di gas di qualsiasi tipo, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e ventilazione ed aerazione dei locali. (Art. 1) Classificazione degli impianti Lettera d: scompaiono le specifiche di impianto idrico e viene introdotta la definizione di qualsiasi specie. CNA Interpreta 7

8 Lettera f: Impianti di sollevamento di persone o di cose per mezzo di ascensori, di montacarichi, di scale mobili e simili Lettera g: Impianti di protezione antincendio (Art. 1) Classificazione degli impianti Non hanno subito modifiche CNA Interpreta 8

9 POTENZA IMPIEGATA UFFICI TECNICI INTERNI IMPIANTI DI PROTEZIONE ANTINCENDIO CEI Comitato Elettrotecnico Italiano UNI Ente Nazionale Italiano di Unificazione (Art. 2) Definizioni relative agli impianti INVARIATI CNA Interpreta 9

10 (Art. 2) Definizioni relative agli impianti Impianti per l automazione di porte e cancelli e barriere Impianti di refrigerazione Impianti di riscaldamento, climatizzazione, condizionamento Impianti idrici e sanitari Mancano le definizioni. CNA Interpreta 10

11 PUNTO DI CONSEGNA DELLE FORNITURE (Art. 2) Definizioni relative agli impianti Viene specificato che i depositi di combustibile fanno parte dell impianti, si evince quindi che anche i bomboloni GPL fanno parte integrante dell impianto ed in quanto tali devono essere ricompresi nella dichiarazione di conformità CNA Interpreta 11

12 L ORDINARIA MANUTENZIONE (Art. 2) Definizioni relative agli impianti viene introdotto il riferimento al libretto d uso e manutenzione, si evince che anche l installatore (idraulico o elettricista) deve predisporre il libretto d uso e manutenzione CNA Interpreta 12

13 GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE, TRASFORMAZIONE, TRASPORTO, DISTRIBUZIONE, UTILIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA (Art. 2) Definizioni relative agli impianti Vengono introdotti gli impianti per l autoproduzione di energia elettrica (fotovoltaici, eolici, ecc ), mentre scompare il riferimento agli impianti luminosi pubblicitari CNA Interpreta 13

14 GLI IMPIANTI RADIOTELEVISIVI ED ELETTRONICI (Art. 2) Definizioni relative agli impianti Viene specificata la totale applicabilità della legge anche agli impianti di sicurezza CNA Interpreta 14

15 GLI IMPIANTI PER LA DISTRIBUZIONE E L UTILIZZAZIONE DI GAS (Art. 2) Definizioni relative agli impianti Viene ulteriormente specificato che i depositi di combustibile fanno parte dell impianto ed in quanto tali devono essere ricompresi nella dichiarazione di conformità CNA Interpreta 15

16 (Art. 3) Le imprese iscritte al R.I. o AIA sono abilitate solo se il titolare o il legale rappresentante ovvero il responsabile preposto con atto formale è in possesso dei requisiti tecnico professionali. Imprese abilitate Parere MSE n del 12/9/2007: riconosce i requisiti di cui alla L.46/90 alle imprese operanti nel settore industriale. Molte CCIAA: hanno, da settembre scorso, recepito il parere dell MSE e hanno inviato lettere alle imprese per la richiesta di regolarizzazioni L abilitazione delle imprese iscritte al 27/3/08 è subordinata alla presenza di un R.T.in possesso dei requisiti che deve essere preposto con atto formale. CNA Interpreta 16

17 (Art. 3) Il Responsabile Tecnico svolge la sua funzione per UNA sola impresa e la qualifica è incompatibile con ogni altra attività continuativa Imprese abilitate Vengono introdotti i principi di unicità e incompatibilità al quale il responsabile tecnico deve attenersi: il R.T deve svolgere la sua funzione per una sola impresa e la sua qualifica è incompatibile con ogni altra attività continuativa. CNA Interpreta 17

18 (Art. 3) Imprese abilitate Le imprese presentano la DIA in applicazione dell art. 19 della L.241/90 Le imprese presentano le DIA unitamente alla domanda d iscrizione al R.I. o AIA Si auspica che venga individuato un procedimento che permetta al soggetto, che autocertifica il possesso dei requisiti tecnico professionali, di iniziare immediatamente l attività senza attendere 30 giorni anche in previsione dell entrata a regime della Comunicazione Unica. CNA Interpreta 18

19 (Art. 3) Le imprese non installatrici, che hanno al proprio interno degli uffici tecnici sono autorizzate all installazione, alla trasformazione, all ampliamento e alla manutenzione degli impianti, relativi esclusivamente alle proprie strutture interne, solo se le imprese stesse sono dotate di Responsabile Tecnico con i requisiti previsti all art. 4. Imprese abilitate Anche le imprese non installatrici devono presentare dichiarazione attestante il possesso dei requisiti per essere abilitate all attività CNA Interpreta 19

20 (Art. 4) a) Diploma di laurea in materia tecnica specifica conseguito presso un università statale o legalmente riconosciuta Requisiti tecnico-professionali E stata introdotta la specificazione del diploma di laurea CNA Interpreta 20

21 (Art. 4) Requisiti tecnico-professionali b) Diploma o qualifica conseguita al termine di scuola secondaria del secondo ciclo con specializzazione relativa al settore delle attività interessate, seguiti da un periodo di inserimento di almeno due anni continuativi alle dirette dipendenze di un impresa del settore. Il periodo di inserimento per le attività previste alla lett. d) (impianti idrici e sanitari) è di 1 anno. Viene raddoppiato il periodo di inserimento nell azienda specificando che deve essere successivo al diploma e continuativo inteso come tassativo e cioè senza interruzioni. CNA Interpreta 21

22 (Art. 4) Requisiti tecnico-professionali c) Titolo o attestato conseguito in materia di formazione professionale, previo un periodo di inserimento, di almeno quattro anni consecutivi, alle dirette dipendenze di un impresa del settore.il periodo di inserimento per le attività previste alla lett. d) (impianti idrici e sanitari) è di 2 anni Viene raddoppiato il periodo di inserimento in azienda, che deve essere consecutivo cioè seguente anche con interruzioni; inoltre non viene specificato che il periodo di inserimento deve essere successivo al conseguimento del titolo. CNA Interpreta 22

23 (Art. 4) d) Prestazione lavorativa svolta alle dirette dipendenze di un impresa abilitata, nel ramo di attività cui si riferisce la prestazione dell operaio installatore, per un periodo non inferiore a tre anni escluso quello computato ai fini dell apprendistato e quello svolto come operaio qualificato, in qualità di operaio installatore con qualifica di specializzato nelle attività di installazione, di trasformazione, di ampliamento e di manutenzione degli impianti Requisiti tecnico-professionali Viene esplicitamente escluso che possa essere computato il periodo lavorativo come operaio qualificato. CNA Interpreta 23

24 Il periodo di lavoro, di cui ai precedenti commi, può essere svolto anche in forma di collaborazione tecnica continuativa nell ambito delle impresa da parte del titolare, dei soci e dei collaboratori familiari. Si considerano altresì in possesso dei requisiti tecnico-professionali, il titolare dell impresa, i soci ed i collaboratori familiari che hanno svolto attività di collaborazione tecnica continuativa nell ambito di imprese abilitate del settore per un periodo non inferiore a sei anni Per le attività di cui alla lett. d (impianti idrici e sanitari) tale periodo non può essere inferiore a quattro anni. (Art. 4) Requisiti tecnico-professionali Viene introdotta una differenziazione dei tempi necessari per l ottenimento dei requisiti abilitativi per titolari, soci, collaboratori familiari che abbiano svolto attività di collaborazione tecnica continuativa in imprese abilitate. CNA Interpreta 24

25 (Art. 5) Progettazione degli impianti Per l installazione, la trasformazione e l ampliamento degli impianti di cui all art. 1, comma 2, lett. a),b),c),d),e),g) è redatto un progetto. Viene introdotto il principio della redazione del progetto in ogni caso di installazione, trasformazione, ampliamento degli impianti, esclusi quelle di cui alla lettera f).(compresi invece quelli di cui alla lettera d)). Non è soggetta a progettazione la manutenzione straordinaria. CNA Interpreta 25

26 (Art. 5) Al di sopra dei limiti dimensionali il progetto è redatto da un professionista iscritto all Albo, al di sotto di tali limiti il progetto lo può redigere il R.T. dell impresa installatrice. Progettazione degli impianti In pratica, in questo caso, il decreto chiama progetto quello che la 46/90 chiamava schema dell impianto, che peraltro è ancora richiamato nel fac simile della Dichiarazione di conformità CNA Interpreta 26

27 (Art. 5) Obbligo di progettazione da parte di un professionista: Per gli impianti elettrici: alle utenze di singole unità abitative e alle utenze relative ad attività non residenziali con potenza >6KW. Progettazione degli impianti Viene esteso l obbligo alle utenze singole unità abitative e alle utenze relative ad attività non residenziali con potenza impiegata superiore a 6KW. Scompare il limite di 1,5KW per le unità immobiliari soggette a normative CEI. Scompare il limite di altezza di 5 m per gli impianti di protezione da scariche atmosferiche. CNA Interpreta 27

28 (Art. 5) Obbligo di progettazione da parte di un professionista: Per gli impianti elettronici:quando l impianto elettrico in cui sono inseriti è soggetto a progettazione da parte del professionista. Progettazione degli impianti Viene confermato tale obbligo. CNA Interpreta 28

29 (Art. 5) Obbligo di progettazione da parte di un professionista: Per gli impianti di riscaldamento e di gas: se dotati di canne fumarie collettive ramificate. Progettazione degli impianti Prima l obbligo era relativo alle sole canne fumarie. CNA Interpreta 29

30 (Art. 5) Obbligo di progettazione da parte di un professionista: Per gli impianti di gas: se hanno portata termica superiore a 50 KW o dotate di canne fumarie collettive. Progettazione degli impianti E stato innalzato il limite, prima era di 34,8 KW. Obbligo per gli impianti dotati di canne fumarie collettive ramificate prima l obbligo era relativo alle sole canne fumarie. CNA Interpreta 30

31 (Art. 5) Il progetto redatto da un professionista va depositato presso lo sportello unico per l edilizia. Progettazione degli impianti Prima il progetto veniva depositato presso il Comune. CNA Interpreta 31

32 Si considerano realizzati a regola d arte gli impianti costruiti in conformità con le norme tecniche CEI e UNI o di altri Enti Tecnici di Paesi membri dell UE. (Art. 6) Realizzazione ed installazione degli impianti Viene specificato che, si intendono eseguiti secondo la regola dell arte, anche gli impianti eseguiti secondo la normativa di altri Enti Normativi riconosciuti. CNA Interpreta 32

33 Al termine dei lavori, previa effettuazione delle verifiche, l impresa installatrice rilascia al committente la dichiarazione di conformità (Art. 7) Dichiarazione di conformità E specificato che il termine dei lavori è successivo all effettuazione delle verifiche CNA Interpreta 33

34 Fanno parte integrante della dichiarazione: la relazione contenente la tipologia dei materiali impiegati, nonché il progetto (Art. 7) Dichiarazione di conformità Il progetto deve sempre essere allegato alla dichiarazione di conformità. CNA Interpreta 34

35 Nei casi in cui il progetto è redatto dal responsabile tecnico dell impresa installatrice, l elaborato tecnico è costituito almeno dallo schema dell impianto da realizzare (Art. 7) Dichiarazione di conformità Nei casi in cui il progetto è redatto dall impresa, esso equivale allo schema dell impianto. CNA Interpreta 35

36 Nella dichiarazione e nel progetto, è espressamente indicata la compatibilità tecnica con le condizioni preesistenti dell impianto. (Art. 7) Dichiarazione di conformità Nel modello di cui agli Allegati I e II del Decreto 37/08 non è prevista l indicazione della compatibilità tecnica. CNA Interpreta 36

37 La dichiarazione di conformità è rilasciata anche dai responsabili degli uffici tecnici interni delle imprese non installatrici (Art. 7) Dichiarazione di conformità E specificato che anche gli uffici tecnici interni delle imprese non installatrici devono rilasciare la dichiarazione di conformità. CNA Interpreta 37

38 Nel caso in cui la dichiarazione di conformità non sia stata prodotta o non sia più reperibile, tale atto è sostituito per gli impianti eseguiti prima dell entrata in vigore del presente decreto - da una dichiarazione di rispondenza, resa da un professionista iscritto all albo professionale (Art. 7) Dichiarazione di conformità Viene introdotta la dichiarazione di rispondenza, che sostituisce la dichiarazione di conformità smarrita o non prodotta, relativamente agli impianti eseguiti prima dell entrata in vigore della nuova legge. Deve essere resa da un professionista con almeno 5 anni di attività. CNA Interpreta 38

39 Per gli impianti non soggetti a progettazione da parte di un professionista, la dichiarazione di rispondenza può essere redatta e firmata dal responsabile tecnico di un impresa con almeno 5 anni di esperienza. (Art. 7) Dichiarazione di conformità Viene introdotta la dichiarazione di rispondenza, che sostituisce la dichiarazione di conformità smarrita o non prodotta, relativamente agli impianti eseguiti prima dell entrata in vigore della nuova legge. CNA Interpreta 39

40 Il committente è tenuto ad affidare i lavori di installazione, di trasformazione, di ampliamento e di manutenzione straordinaria degli impianti. (Art.8) Obbligo del Committente o proprietario Il committente ha l obbligo, non più solo la responsabilità, di affidare i lavori esclusivamente ad imprese abilitate. CNA Interpreta 40

41 Il proprietario dell impianto adotta le misure necessarie per conservarne le caratteristiche di sicurezza, tenendo conto delle istruzioni per l uso e la manutenzione predisposte dall impresa installatrice dell impianto e dai fabbricanti delle apparecchiature installate (Art.8) Obbligo del Committente o proprietario Il proprietario dell impianto ha l obbligo di conservare la sicurezza dell impianto secondo le indicazioni predisposte dall installatore. CNA Interpreta 41

42 Il committente entro 30 giorni dall allacciamento di una nuova fornitura di gas, energia elettrica, acqua, negli edifici di qualsiasi destinazione d uso, consegna al distributore o al venditore copia della dichiarazione di conformità dell impianto, esclusi i relativi allegati obbligatori, o copia della dichiarazione di rispondenza (Art.8) Obbligo del Committente o proprietario Per il committente viene introdotto l obbligo di consegna della dichiarazione di conformità o della dichiarazione di rispondenza entro 30 giorni dall allacciamento di nuove forniture di gas, elettricità, acqua CNA Interpreta 42

43 La dichiarazione di conformità è consegnata nel caso di richiesta di aumento di potenza impegnata a seguito di interventi sull impianto, o di un aumento di potenza che senza interventi sull impianto determina il raggiungimento dei livelli di potenza impegnata o comunque, per gli impianti elettrici, la potenza di 6 kw. (Art.8) Obbligo del Committente o proprietario La dichiarazione di conformità deve essere consegnata anche in caso di aumenti di potenza. CNA Interpreta 43

44 Decorso il termine di 30 giorni senza che sia prodotta la dichiarazione di conformità, il fornitore o il distributore di gas, energia elettrica o acqua, previo congruo avviso, sospende la fornitura. (Art.8) Obbligo del Committente o proprietario Se non viene consegnata la dichiarazione di conformità viene sospesa la fornitura. CNA Interpreta 44

45 Il certificato di agibilità è rilasciato dalle autorità competenti previa acquisizione della dichiarazione di conformità, nonché del certificato di collaudo degli impianti installati, ove previsto dalle norme vigenti (Art.9) Certificato di agibilità Articolo invariato: il certificato di agibilità viene rilasciato previa acquisizione della dichiarazione di conformità. CNA Interpreta 45

46 La manutenzione ordinaria degli impianti di cui all articolo 1 non comporta la redazione del progetto né il rilascio dell attestazione di collaudo, né l osservanza dell obbligo di cui all articolo 8, comma 1. (Art.10) Manutenzione degli impianti Si conferma che la manutenzione ordinaria non è sostanzialmente soggetta alla norma in oggetto CNA Interpreta 46

47 Per il rifacimento o l installazione di un nuovo impianto su fabbricati con certificato di agibilità, l Impresa installatrice deve consegnare, entro 30 giorni dalla conclusione dei lavori, la Dichiarazione di conformità ed il progetto allo Sportello Unico per l edilizia del Comune dove ha sede l impianto, che provvederà ad inoltrarlo alla Camera di Commercio nella cui Circoscrizione ha sede l Impresa installatrice per i necessari controlli (Art.11) Deposito presso lo sportello unico per l edilizia l del progetto, della dichiarazione di conformità o del certificato di collaudo La dichiarazione di conformità viene depositata solo per il rifacimento o l installazione di nuovi impianti. L obbligo del deposito è esteso agli impianti idrici. E chiarito che le sanzioni per le violazioni sono irrogate dalla CCIAA. CNA Interpreta 47

48 All inizio dei lavori per la costruzione o ristrutturazione dell edificio contenente gli impianti di cui all articolo 1 l impresa installatrice affigge un cartello (Art.12) Cartello informativo E l impresa installatrice, non più il committente che deve affliggere il cartello con i propri dati. CNA Interpreta 48

49 I soggetti destinatari delle prescrizioni previste dal presente decreto conservano la documentazione amministrativa e tecnica, nonché il libretto di uso e manutenzione (Art.13) Documentazione E specificato che sia l impresa, sia il committente devono conservare la documentazione. CNA Interpreta 49

50 L atto di trasferimento riporta la garanzia del venditore in ordine alla conformità degli impianti alla vigente normativa (Art.13) Documentazione In ogni atto di trasferimento (vendita o affitto) dell immobile il venditore deve garantire la conformità degli impianti. CNA Interpreta 50

51 Attuazione dell art. 8 L.46/90. (Art.14) Finanziamento dell attività normativa tecnica Abrogazione del 447/91 che prevedeva l obbligo per l UNI e CEI di rendicontazione delle attività svolte con i finanziamenti ricevuti: ora tale obbligo scompare. CNA Interpreta 51

52 Per le violazioni attinenti al mancato o falso rilascio della Dichiarazione di Conformità sono introdotte sanzioni da 100 a euro, per le violazioni relative agli altri obblighi la sanzione varia da a euro. (Art.15) Sanzioni Vengono modificate le sanzioni: per il mancato rilascio della dichiarazione di conformità o per dichiarazione mendace da 100 a (erano da L a L ) per tutte le altre violazioni da a (per le violazioni compiute dal committente erano da L a L ). Tali sanzioni non coincidono con quelle previste dalla Legge 46/90 che non sono state abrogate. CNA Interpreta 52

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DM del 22/01/08 n. 37 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ATTIVITA DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI Art. 1 - IMPIANTI SOGGETTI ALL APPLICAZIONE

Dettagli

Sicurezza degli impianti negli edifici: nuove regole

Sicurezza degli impianti negli edifici: nuove regole D.M. 22 GENNAIO 2008 N 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n.248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia

Dettagli

Decreto Ministeriale 22 gennaio 2008 n. 37

Decreto Ministeriale 22 gennaio 2008 n. 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione

Dettagli

Sicurezza degli impianti negli edifici

Sicurezza degli impianti negli edifici D.M. 22 GENNAIO 2008 N 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n.248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Decreto del Ministero dello sviluppo economico 22 gennaio 2008, n. 37 Regolamento concernente l'attuazione dell'art. 11-quaterdecies, comma 13, lettera a), della Legge n. 248 del 02/12/2005, recante riordino

Dettagli

Decreto Ministeriale 22 Gennaio 2008, n 37 coordinato con le modifiche di cui al D.L. 112/08.

Decreto Ministeriale 22 Gennaio 2008, n 37 coordinato con le modifiche di cui al D.L. 112/08. Decreto Ministeriale 22 Gennaio 2008, n 37 coordinato con le modifiche di cui al D.L. 112/08. Decreto del Ministero dello sviluppo economico 22/01/2008, n. 37 Regolamento concernente l'attuazione dell'art.

Dettagli

DOCUMENTINEWS GRAZIE A:

DOCUMENTINEWS GRAZIE A: DOCUMENTINEWS Approfondimenti schematici e monotematici di tipo tecnico-giuridico su Normative, Regole, Giurisprudenza, Tecnologie, Tecniche, Prodotti e Materiali da costruzione e per lo studio professionale.

Dettagli

ENTRATA IN VIGORE DELLE NORME IN MATERIA DI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI NEGLI EDIFICI (D.M.22/01/2008 N.37).

ENTRATA IN VIGORE DELLE NORME IN MATERIA DI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI NEGLI EDIFICI (D.M.22/01/2008 N.37). Comune di Modena Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia Via Santi 60 - Tel. 059/203.2224 - Fax 059/203.2164 E-mail giovanni.villanti@comune.modena.it Il Dirigente Responsabile del Settore Modena,

Dettagli

In omaggio agli abbonati a TuttoNormel

In omaggio agli abbonati a TuttoNormel SPIN: Software Per INstallatori Nuovi software per preparare la dichiarazione di conformità (SPIN- DICO) e la dichiarazione di rispondenza (SPIN-DIRI) secondo il Decreto 22/1/08 n. 37. In omaggio agli

Dettagli

DM DM 37/08 37/08 IMPIANTI ELETTRICI

DM DM 37/08 37/08 IMPIANTI ELETTRICI Campo di applicazione ed obblighi nel settore industriale Il DM 37/08 si applica a tutti gli impianti posti all interno degli edifici (ed anche agli impianti utilizzatori posti all esterno di edifici se

Dettagli

DICHIARAZIONE (ai sensi del D.M. 22.01.2008n. 37 circa Disposizioni in materia di installazzione degli impianti all interno degli edifici )

DICHIARAZIONE (ai sensi del D.M. 22.01.2008n. 37 circa Disposizioni in materia di installazzione degli impianti all interno degli edifici ) COMUNE DI VALLARSA Provincia di Trento ALL UFFICIO TECNICO DEL COMUNE DI VALLARSA DICHIARAZIONE (ai sensi del D.M. 22.01.2008n. 37 circa Disposizioni in materia di installazzione degli impianti all interno

Dettagli

DM 22 gennaio 2008 n. 37 Disposizioni in materia di attività di installazione di impianti all interno degli edifici

DM 22 gennaio 2008 n. 37 Disposizioni in materia di attività di installazione di impianti all interno degli edifici DM 22 gennaio 2008 n. 37 Disposizioni in materia di attività di installazione di impianti all interno degli edifici R-08 1 1 DM 22 gennaio 2008 n. 37 Disposizioni in materia di attività di installazione

Dettagli

Impianti elettrici DM 37/08

Impianti elettrici DM 37/08 Impianti elettrici DM 37/08 Requisiti fondamentali di sicurezza Obblighi normativi 1 Impianti elettrici nei condomini ALCUNE CONSIDERAZIONI Servizi condominiali U1 U2 U3 U4 Un guasto elettrico che si verifica

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Decreto del Ministero dello sviluppo economico 22 gennaio 2008, n. 37 Regolamento concernente l'attuazione dell'art. 11-quaterdecies, comma 13, lettera a), della Legge n 248 del 02/12/2005, recante riordino

Dettagli

Regione Toscana. Diritti Valori Innovazione Sostenibilità

Regione Toscana. Diritti Valori Innovazione Sostenibilità Regione Toscana Diritti Valori Innovazione Sostenibilità Guida operativa all applicazione del DM 22 gennaio 2008 n. 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11 - quaterdecies, comma 13, lettera

Dettagli

Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici

Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici Dichiarazione di conformità Dichiarazione di rispondenza 1 La dichiarazione di conformità Progetto

Dettagli

Regione Toscana. Diritti Valori Innovazione Sostenibilità

Regione Toscana. Diritti Valori Innovazione Sostenibilità Regione Toscana Diritti Valori Innovazione Sostenibilità Guida operativa all applicazione del DM 22 gennaio 2008 n. 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11 - quaterdecies, comma 13, lettera

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' DI INSTALLAZIONE IMPIANTI

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' DI INSTALLAZIONE IMPIANTI INIZIO ATTIVITA' INSTALLAZIONE IMPIANTI REV. 2 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' DI INSTALLAZIONE IMPIANTI ( D.M 37/2008- Art. 19 legge 241/1990) Il sottoscritto nato a Prov. Stato il Residente

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c)

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c) TIPO DI LAVORO Installazione, rifacimento, trasformazione, ampliamento di impianto dotato o anche non dotato di canna fumaria collettiva ramificata (Per frigorifero ad adsorbimento alimentato a gas vedere

Dettagli

ATTIVITÀ DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI (Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 22 gennaio 2008 n.

ATTIVITÀ DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI (Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 22 gennaio 2008 n. Il presente modello va trattato esclusivamente con modalità informatiche e compilato negli appositi campi modulo. Terminata la compilazione, il file dovrà essere convertito nel formato standard per la

Dettagli

COMUNE di CHIOGGIA. Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DITTA:

COMUNE di CHIOGGIA. Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DITTA: COMUNE di CHIOGGIA Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DATI IDENTIFICATIVI DELL INTERVENTO: DITTA: PRATICA EDILIZIA: DESCRIZIONE

Dettagli

L. 5 marzo 1990, n. 46: Norme per la sicurezza degli impianti. (Gazzetta Ufficiale n. 59 del 12 marzo 1990)

L. 5 marzo 1990, n. 46: Norme per la sicurezza degli impianti. (Gazzetta Ufficiale n. 59 del 12 marzo 1990) L. 5 marzo 1990, n. 46: Norme per la sicurezza degli impianti. (Gazzetta Ufficiale n. 59 del 12 marzo 1990) La presente legge è stata inizialmente assorbita nel D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380: Testo unico

Dettagli

Gli impianti termici nell edilizia Sei lezioni per saperne di più

Gli impianti termici nell edilizia Sei lezioni per saperne di più FORMAZIONE Gli impianti termici nell edilizia Sei lezioni per saperne di più di Mauro Cappello A partire da questo numero la rubrica Formazione ospiterà un nuovo corso curato dall Ingegnere Mauro Cappello,

Dettagli

Sommario. Preambolo. Preambolo. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge: Articolo 1. (Ambito di applicazione)

Sommario. Preambolo. Preambolo. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge: Articolo 1. (Ambito di applicazione) Legge 05-03-1990, n. 46 - Norme per la sicurezza degli impianti Sommario, Preambolo, Art.1, Art.2, Art.3, Art.4, Art.5, Art.6, Art.7, Art.8, Art.9, Art.10, Art.11, Art.12, Art.13, Art.14, Art.15, Art.16,

Dettagli

(1/circ) Con riferimento al presente provvedimento sono state emanate le seguenti istruzioni:

(1/circ) Con riferimento al presente provvedimento sono state emanate le seguenti istruzioni: 182. INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI (Assicurazione obbligatoria contro gli) F) Provvedimenti vari Norme per la sicurezza degli impianti. Pubblicata nella Gazz. Uff. 12 marzo 1990, n. 59.

Dettagli

UFFICIO ALBO IMPRESE ARTIGIANE. Istruzioni per la compilazione dei modelli di segnalazione certificata di inizio attività:

UFFICIO ALBO IMPRESE ARTIGIANE. Istruzioni per la compilazione dei modelli di segnalazione certificata di inizio attività: UFFICIO ALBO IMPRESE ARTIGIANE Istruzioni per la compilazione dei modelli di segnalazione certificata di inizio attività: IMPRESE DI INSTALLAZIONE, AMPLIAMENTO, TRASFORMAZIONE, MANUTENZIONE DI IMPIANTI

Dettagli

Legge n. 46 del 5 marzo 1990

Legge n. 46 del 5 marzo 1990 Legge n. 46 del 5 marzo 1990 Norme per la sicurezza degli impianti. SOMMARIO Art. 1. Ambito di applicazione. Art. 2. Soggetti abilitati. Art. 3. Requisiti tecnico-professionali. Art. 4. Accertamento dei

Dettagli

Legge ordinaria del Parlamento n 46 del 05/03/1990 Norme per la sicurezza degli impianti.

Legge ordinaria del Parlamento n 46 del 05/03/1990 Norme per la sicurezza degli impianti. Legge ordinaria del Parlamento n 46 del 05/03/1990 Norme per la sicurezza degli impianti. pubblicato/a su : Gazzetta Ufficiale Italiana n 59 del 12/03/1990 NOTE Artt. 1, 2, 3: sugli aspetti disciplinati

Dettagli

Oggetto: Impianti negli edifici Applicazione del nuovo Regolamento con D.M. 37/2008

Oggetto: Impianti negli edifici Applicazione del nuovo Regolamento con D.M. 37/2008 Spettabile CLIENTE e FORNITORE Sua Sede Rif.: 025-2008 RVARI C&F Milano, 03-11-2008 Oggetto: Impianti negli edifici Applicazione del nuovo Regolamento con D.M. 37/2008 Egregi Signori e Gentili Signore,

Dettagli

LEGGE 28 ottobre 2005 n.148 REPUBBLICA DI SAN MARINO DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI

LEGGE 28 ottobre 2005 n.148 REPUBBLICA DI SAN MARINO DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI LEGGE 28 ottobre 2005 n.148 REPUBBLICA DI SAN MARINO DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Promulghiamo e mandiamo a pubblicare

Dettagli

Indicare n. tel. / posta elettronica @. di chi presenta il modello. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CROTONE

Indicare n. tel. / posta elettronica @. di chi presenta il modello. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CROTONE Indicare n. tel. / posta elettronica @. di chi presenta il modello. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CROTONE SCIA (Segnalazione certificata di inizio di attività relativa agli

Dettagli

ABROGATA LA LEGGE 46/90, SOSTITUITA DAL DM 37/08

ABROGATA LA LEGGE 46/90, SOSTITUITA DAL DM 37/08 ABROGATA LA LEGGE 46/90, SOSTITUITA DAL DM 37/08 Il 27 marzo 2008 è stata abrogata la Legge n. 46 del 5 marzo 1990 recante: Norme per la sicurezza degli impianti. Decaduti anche tutti i relativi decreti

Dettagli

INSTALLAZIONE DI IMPIANTI ELETTRICI

INSTALLAZIONE DI IMPIANTI ELETTRICI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI ELETTRICI Breve descrizione Requisiti Dichiarazione di conformità Iter amministrativo Riferimenti normativi Breve descrizione Rientrano nelle attività di impiantistica elettrica

Dettagli

SICUREZZA DEGLI IMPIANTI GARANZIA DI CONFORMITA' E RELATIVE CERTIFICAZIONI CONSEGNA DI DOCUMENTI DOPO IL D.L. 25 GIUGNO 2008, N.

SICUREZZA DEGLI IMPIANTI GARANZIA DI CONFORMITA' E RELATIVE CERTIFICAZIONI CONSEGNA DI DOCUMENTI DOPO IL D.L. 25 GIUGNO 2008, N. !!"#$%%$&'!!"#%$%! ()*+,-. *,*""///+, &*0#&%1%2* $! 3%! SICUREZZA DEGLI IMPIANTI GARANZIA DI CONFORMITA' E RELATIVE CERTIFICAZIONI CONSEGNA DI DOCUMENTI DOPO IL D.L. 25 GIUGNO 2008, N. 112 - FONTI NORMATIVE.

Dettagli

ATTIVITA DI INSTALLAZIONE, TRASFORMAZIONE, AMPLIAMENTO E MANUTENZIONE DI IMPIANTI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DI ATTIVITÁ (PARTE

ATTIVITA DI INSTALLAZIONE, TRASFORMAZIONE, AMPLIAMENTO E MANUTENZIONE DI IMPIANTI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DI ATTIVITÁ (PARTE ATTIVITA DI INSTALLAZIONE, TRASFORMAZIONE, AMPLIAMENTO E MANUTENZIONE DI IMPIANTI (Legge 5.03.90, n.46 art. 8,14,16 - D.M. 22.01.08, n.37 - D.P.R 14.12.1999, n.558-) MODELLO PER LA DICHIARAZIONE DEL POSSESSO

Dettagli

LE NOVITA' INTRODOTTE DAL DECRETO MINISTERIALE N. 37 DEL 22 GENNAIO 2008 RISPETTO ALLA LEGGE 46/90.

LE NOVITA' INTRODOTTE DAL DECRETO MINISTERIALE N. 37 DEL 22 GENNAIO 2008 RISPETTO ALLA LEGGE 46/90. LE NOVITA' INTRODOTTE DAL DECRETO MINISTERIALE N. 37 DEL 22 GENNAIO 2008 RISPETTO ALLA LEGGE 46/90. AMBITO DI APPLICAZIONE - ART. 1 Il DM N. 37 del 22/01/2008 trova applicazione negli interventi relativi

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DELLA SPEZIA

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DELLA SPEZIA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI INSTALLAZIONE AMPLIAMENTO, TRASFORMAZIONE E MANUTENZIONE DI IMPIANTI DISCIPLINATI DAL D.M. 22.01.2008 N. 37 Alla CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI INSTALLAZIONE, AMPLIAMENTO, TRASFORMAZIONE, MANUTENZIONE DI IMPIANTI 1 (D.M. n. 37 del 22.1.

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI INSTALLAZIONE, AMPLIAMENTO, TRASFORMAZIONE, MANUTENZIONE DI IMPIANTI 1 (D.M. n. 37 del 22.1. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI INSTALLAZIONE, AMPLIAMENTO, TRASFORMAZIONE, MANUTENZIONE DI IMPIANTI 1 (D.M. n. 37 del 22.1.2008) al Registro delle Imprese o all Albo delle Imprese Artigiane

Dettagli

DOMANDA DI AGIBILITÀ

DOMANDA DI AGIBILITÀ Al Comune di Duino Aurisina Aurisina Cave 25 34011 Duino Aurisina (TS) Servizio Urbanistica Marca da bollo Il sottoscritto 1 DOMANDA DI AGIBILITÀ 1) Cognome Nome nato a data di nascita cod. fisc. nella

Dettagli

C O M U N E D I G U B B I O

C O M U N E D I G U B B I O C O M U N E D I G U B B I O URBANISTICA, PIANIFICAZIONE AMBIENTALE E PATRIMONIO SERVIZIO URBANISTICA DICHIARAZIONE ASSEVERATA ALLEGATA ALLA RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA ai sensi dell art. 30 della

Dettagli

LE CLAUSOLE DA INSERIRE NEI PRELIMINARI

LE CLAUSOLE DA INSERIRE NEI PRELIMINARI 1 CERTIFICAZIONI DEGLI IMPIANTI LE CLAUSOLE DA INSERIRE NEI PRELIMINARI LA DICHIARAZIONE DELLA PROPRIETA ALL AGENTE IMMOBILIARE Il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 22 gennaio 2008, n.

Dettagli

TESTO COORDINATO DELLA LEGGE 46/90 CON I DECRETI APPLICATIVI: DPR 447/91 - DPR 392/94 - DPR 218/98 - DPR 558/99

TESTO COORDINATO DELLA LEGGE 46/90 CON I DECRETI APPLICATIVI: DPR 447/91 - DPR 392/94 - DPR 218/98 - DPR 558/99 TESTO COORDINATO DELLA LEGGE 46/90 CON I DECRETI APPLICATIVI: DPR 447/91 - DPR 392/94 - DPR 218/98 - DPR 558/99 LEGGE 5 marzo 1990, n. 46 (G.U. n. 59 del 12.3.1990) NORME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI

Dettagli

2) Nome e cognome del titolare o legale rappresentante della ditta installatrice;

2) Nome e cognome del titolare o legale rappresentante della ditta installatrice; LA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Alla fine del lavoro l installatore è tenuto a rilasciare al committente la Dichiarazione di Conformità dei lavori eseguiti, tale dichiarazione per essere valida deve essere

Dettagli

NORME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI (Adempimenti ai sensi dell art. 6, L. 05.03.1990 n. 46, e dell art. 4, D.P.R. 06.12.1991 n.

NORME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI (Adempimenti ai sensi dell art. 6, L. 05.03.1990 n. 46, e dell art. 4, D.P.R. 06.12.1991 n. ALLEGATO 7 BIS ALLA RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE O DENUNCIA INIZIO ATTIVITA DICHIARAZIONE PER ADEMPIMENTI LEGGE N. 46/90 ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI SAN MARTI DI VENEZZE (RO)

Dettagli

ING. SALVATORE MAFFEI - ORDINE DEGLI INGEGNERI DI AVELLINO - 18 DICEMBRE 2009

ING. SALVATORE MAFFEI - ORDINE DEGLI INGEGNERI DI AVELLINO - 18 DICEMBRE 2009 CORSO PREPARATORIO ESAMI DI STATO INGEGNERIA DELLA COMUNICAZIONE ING. SALVATORE MAFFEI - ORDINE DEGLI INGEGNERI DI AVELLINO - 18 DICEMBRE 2009 OGGI PARLEREMO DI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEGLI IMPIANTI

Dettagli

C H I E D E D I C H I A R A

C H I E D E D I C H I A R A MARCA DA BOLLO DA 16,00 SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO AL COMUNE DI SELARGIUS AREA 5 EDILIZIA PRIVATA OGGETTO: ISTANZA PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITÀ (ai sensi dell art. 25 del DPR 380/2001)

Dettagli

La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento

La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento Sezione Toscana e Umbria Toscana La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento Dott. Ing. Emilio Giovannini Direttore UO Verifiche Periodiche ASL1 di Massa Carrara Consigliere

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA GROSSETO, 21 ottobre 2011 Al termine dei lavori, previa effettuazione delle verifiche previste dalle norme vigenti, comprese quelle di funzionalità,

Dettagli

Legge 46/90. Sommario

Legge 46/90. Sommario Legge 46/90 Sommario Definizione dei requisiti e della procedura per l'abilitazione all'installazione degli impianti. Dichiarazione di conformità. Progettazione impianti. Adeguamento impianti esistenti.

Dettagli

Visti gli articoli 8, 14 e 16 della legge 5 marzo 1990, n. 46, recante norme per la sicurezza degli impianti;

Visti gli articoli 8, 14 e 16 della legge 5 marzo 1990, n. 46, recante norme per la sicurezza degli impianti; D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 (1). Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in

Dettagli

ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1

ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1 ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1 RISCHIO ELETTRICO ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 2 PANORAMA LEGISLATIVO NEL SETTORE ELETTRICO ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 3 IMPIANTI E

Dettagli

La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento

La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento Sezione Toscana e Umbria La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento Dott. Ing. Emilio Giovannini Direttore UO Prevenzione Protezione dai Rischi ASL1 di Massa Carrara

Dettagli

L attività di. installazione impianti

L attività di. installazione impianti L attività di installazione impianti Area Studi Giuridici Settore Anagrafico La redazione del documento è stata curata da: Massimiliano Palombi in collaborazione con Paolo Carducci e Luisa Petetta ULTIMO

Dettagli

Allo Sportello Unico per l'edilizia del Comune di. in Via civ. tel fax e-mail. in Via civ. tel fax e-mail CHIEDE/CHIEDONO

Allo Sportello Unico per l'edilizia del Comune di. in Via civ. tel fax e-mail. in Via civ. tel fax e-mail CHIEDE/CHIEDONO Marca da bollo 14,62 Allo Sportello Unico per l'edilizia del Comune di OGGETTO: Richiesta di Permesso in sanatoria ai sensi dell art. 36 del D.P.R. n. 380/01 RICHIEDENTE (cognome e nome o denominazione

Dettagli

Ufficio di Presentata il PARTE PRIMA DICHIARAZIONE DI INIZIO DI ATTIVITÀ

Ufficio di Presentata il PARTE PRIMA DICHIARAZIONE DI INIZIO DI ATTIVITÀ Pag. 1 di 9 Indicare n. tel. / e casella di posta elettronica certificata (P.E.C.) @. di chi presenta il modello. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI LODI Dia/37L 1 (L09) Allegato

Dettagli

DICHIARAZIONE DI AGIBILITÀ (ai sensi dell art. 25, comma 5bis del D.P.R. n. 380/2001 1, dell art. 3.1.6 del R.L.I. 2 e dell art. 4 del R.E.

DICHIARAZIONE DI AGIBILITÀ (ai sensi dell art. 25, comma 5bis del D.P.R. n. 380/2001 1, dell art. 3.1.6 del R.L.I. 2 e dell art. 4 del R.E. Mod. AGIB_RICH Rev. 01 del 2015/07/13 Pagina 1 di 8 parte riservata al Protocollo generale Comune di Arese Settore Gestione del Territorio, Ambiente e Attività Produttive Via Roma n. 2 20020 - Arese (MI)

Dettagli

Gli impianti antincendio. Il quadro normativo di riferimento

Gli impianti antincendio. Il quadro normativo di riferimento Gli impianti antincendio Il quadro normativo di riferimento Mariangela Merrone Chieti, 24 marzo 2010 LA NORMATIVA COGENTE E VOLONTARIA Sin dagli anni 60 nel nostro Paese e negli altri che si proponevano

Dettagli

SETTORE ASSISTENZA TECNICA RISCALDAMENTO E ACQUA SANITARIA

SETTORE ASSISTENZA TECNICA RISCALDAMENTO E ACQUA SANITARIA SETTORE ASSISTENZA TECNICA RISCALDAMENTO E ACQUA SANITARIA Settore riscaldamento e acqua sanitaria Assistenza tecnica riscaldamento e acqua calda sanitaria pag. 127 Controllo manutenzioni e pulizie generale

Dettagli

Al Personale del SUE

Al Personale del SUE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità SETTORE DEL TERRITORIO E DELLO SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO QUALITA EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA PG 40301/08 Ferrara 8 maggio 2008 Al Personale del SUE

Dettagli

IMPRESE DI INSTALLAZIONE IMPIANTI

IMPRESE DI INSTALLAZIONE IMPIANTI IMPRESE DI INSTALLAZIONE IMPIANTI (Decreto Ministeriale n. 37 del 22.01.2008) Istruzioni per l iscrizione nell Albo Imprese Artigiane dei soggetti esercenti l attività di installazione di impianti all

Dettagli

Parte riservata all ufficio P.A. n. / Responsabile del Procedimento: Istruttore Tecnico: _l_ sottoscritt_ nat_ a il - - residente in via/piazza n.

Parte riservata all ufficio P.A. n. / Responsabile del Procedimento: Istruttore Tecnico: _l_ sottoscritt_ nat_ a il - - residente in via/piazza n. Mod. AGIB_DOM Rev. 01 del 2015/07/13 Pagina 1 di 7 parte riservata al Protocollo generale Comune di Arese Settore Gestione del Territorio, Ambiente e Attività Produttive Via Roma n. 2 20020 - Arese (MI)

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI Sommario Le principali novità introdotte dalla normativa statale e regionale Normativa Tecnica

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida.

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida. 3 L EDIFICIO SCOLASTICO 3.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO 3.1.1.IMPIANTO TERMICO CENTRALE -E presente all interno dell edificio nel piano seminterrato il locale caldaie. Ciascuna delle due caldaie

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 22 gennaio 2008 -, n. 37 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante

Dettagli

LEGGE 5 marzo 1990, n.46 - Norme per la sicurezza degli impianti.

LEGGE 5 marzo 1990, n.46 - Norme per la sicurezza degli impianti. Pagina 1 di 7 Home Mappa E-mail facile Ricerca scegli la categoria... 6 Gazzette, leggi e normativa > Normativa nazionali più importante > L. 46/90 GU n. 59 del 12-3-1990 note: Entrata in vigore della

Dettagli

COMUNE DI MONTE DI MALO

COMUNE DI MONTE DI MALO COMUNE DI MONTE DI MALO Provincia di Vicenza MOD- RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA (Art. 24 del D.P.R. n. 380/01 e successive modificazioni ed integrazioni) Via Europa n. 14 36030 Monte di Malo (VI)

Dettagli

4.1 SICUREZZA ELETTRICA

4.1 SICUREZZA ELETTRICA 4.1 SICUREZZA ELETTRICA NOTA: il presente documento è stato redatto consultando e riportando alcune parti del documento della conferenza delle regioni e delle province autonome 10/011/CR10c/C7 Guida operativa

Dettagli

DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Il collaudo e la certificazione degli impianti solari termici

DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Il collaudo e la certificazione degli impianti solari termici DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Ing. Enrico Piano Commissione Energia Cagliari, 17 Giugno 2010 Il mercato del solare termico in Italia nel 2009 Nel solo 2009 in Italia sono stati

Dettagli

di Claudio Venturi con la collaborazione di Giuseppe Del Vecchio (Ufficio legislativo della Confartigianato)

di Claudio Venturi con la collaborazione di Giuseppe Del Vecchio (Ufficio legislativo della Confartigianato) L ATTIVITA DI IMPIANTISTICA DOPO L ENTRATA IN VIGORE DEL D.M. N. 37/2008 Le prime riflessioni sulle nuove disposizioni in materia di sicurezza degli impianti all interno degli edifici in vigore dal 27

Dettagli

Guida operativa Imprese di installazione di impianti DM 37/08

Guida operativa Imprese di installazione di impianti DM 37/08 Guida operativa Imprese di installazione di impianti DM 37/08 1. Premessa La mancanza di disposizioni transitorie e l incertezza nel coordinamento di alcune parti del Decreto hanno causato diverse problematicità

Dettagli

SEGNALA ai sensi dell art. 19 della Legge 241/1990 e successive modifiche

SEGNALA ai sensi dell art. 19 della Legge 241/1990 e successive modifiche SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (Art. 19 della Legge 241/90 e successive modifiche ed integrazioni) La/Il sottoscritta/o (cognome) (nome) codice fiscale in qualità di: titolare legale rappresentante

Dettagli

CIRCOLARE N. 16S: MESSA A NORMA DELL IMPIANTO ELETTRICO

CIRCOLARE N. 16S: MESSA A NORMA DELL IMPIANTO ELETTRICO CIRCOLARE N. 16S: MESSA A NORMA DELL IMPIANTO ELETTRICO Gentile cliente, l energia elettrica rappresenta anche un pericolo per gli uomini, per gli animali e per beni di vario tipo. In particolare: contatti

Dettagli

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06)

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Nuovo ambito di applicazione Certificazione energetica Controllo e manutenzione degli impianti termici Verifiche del

Dettagli

SICUREZZA IMPIANTI DECRETO 22 Gennaio 2008, n. 37 Obbligatorio a partire da 27 marzo 2008

SICUREZZA IMPIANTI DECRETO 22 Gennaio 2008, n. 37 Obbligatorio a partire da 27 marzo 2008 SICUREZZA IMPIANTI DECRETO 22 Gennaio 2008, n. 37 Obbligatorio a partire da 27 marzo 2008 ENTRATA IN VIGORE Il nuovo DM 37/08 che sostituisce la legge 46/90 entra in vigore il 27 marzo 2008 (quindici giorni

Dettagli

Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37

Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 1 D. M. 22/01/2008 n.37 Ministero dello Sviluppo Economico - Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11- quaterdecies, comma 13,

Dettagli

Comune di VILLACIDRO

Comune di VILLACIDRO Comune di VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA' E AGIBILITA PARZIALE Al Sindaco del Comune di Villacidro Al Responsabile del Servizio Urbanistica ed Edilizia Privata

Dettagli

SETTORE ANTENNISTI. Settore antennisti. Manododpera 141 Antenne terrestri digitale e analogico e reti di distribuzione 141 Antenne per satellite 142

SETTORE ANTENNISTI. Settore antennisti. Manododpera 141 Antenne terrestri digitale e analogico e reti di distribuzione 141 Antenne per satellite 142 SETTORE ANTENNISTI Settore antennisti Manododpera 141 Antenne terrestri digitale e analogico e reti di distribuzione 141 Antenne per satellite 142 ATTENZIONE! Le attività di installazione e di manutenzione

Dettagli

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001; articoli 3.1.7 e 3.1.8 del R. L. I.

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001; articoli 3.1.7 e 3.1.8 del R. L. I. Comune di Agnadello Provincia di Cremona Area Tecnica Sportello Unico edilizia Responsabile del procedimento: P.G. Marca da bollo da euro 14,62 DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE D.M. 22 Gennaio 2008, n. 37 Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia

Dettagli

MODULO D.I.A. IN ALTERNATIVA AL PERMESSO DI COSTRUIRE DATI DEL RICHIEDENTE. Il/La sottoscritto/a La Società

MODULO D.I.A. IN ALTERNATIVA AL PERMESSO DI COSTRUIRE DATI DEL RICHIEDENTE. Il/La sottoscritto/a La Società ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio D.I.A. MODULO D.I.A. IN ALTERNATIVA AL PERMESSO DI

Dettagli

MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 22 gennaio 2008, n. 37: Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11- quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in

Dettagli

Richiesta di Agibilità e Dichiarazione di conformità ai sensi dell art.25, comma 1, lettera b del D.P.R. 6 giugno 2001, n.380

Richiesta di Agibilità e Dichiarazione di conformità ai sensi dell art.25, comma 1, lettera b del D.P.R. 6 giugno 2001, n.380 N. Prot. Bollo.16,00 Provincia dell Aquila Sportello Unico per l Edilizia ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL PROCEDIMENTO DI CERTIFICAZIONE DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il sottoscritto cod.

Dettagli

Scheda per opere di: Immobile di proprietà Sig.

Scheda per opere di: Immobile di proprietà Sig. Scheda per opere di: Immobile di proprietà Sig. 1 La/Il sottoscritta/o codice fiscale in qualità di progettista dell'intervento di, relativo all immobile sito in Taurisano, indirizzo, di proprietà del/dei

Dettagli

La Qualificazione del Personale Addetto ai Servizi di Sicurezza: Il Settore Antincendio

La Qualificazione del Personale Addetto ai Servizi di Sicurezza: Il Settore Antincendio La Qualificazione del Personale Addetto ai Servizi di Sicurezza: Il Settore Antincendio D.M. 10 Marzo 1998 D.M. 37 22/01/2008 Direttiva Servizi TC4 CEN/CLC A cura di Mirco Damoli DM 10/3/1998 Criteri generali

Dettagli

I diversi tipi di impianti

I diversi tipi di impianti Secondo quanto stabilito dal Decreto n.37 del 22/01/2008 il progetto degli impianti è sempre obbligatorio. E' da notare che, contrariamente a quanto pensano alcuni (purtroppo anche per scarsa conoscenza

Dettagli

COMUNE DI ROSATE PROVINCIA DI MILANO SETTORE EDILIZIA PRIVATA

COMUNE DI ROSATE PROVINCIA DI MILANO SETTORE EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI ROSATE PROVINCIA DI MILANO SETTORE EDILIZIA PRIVATA Allo Sportello Unico per l Edilizia del Comune di Rosate. Marca da Bollo 14,62 Protocollo generale Pratica edilizia DOMANDA PER CERTIFICATO

Dettagli

LE CANNE FUMARIE LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE, L INSTALLAZIONE E LA MANUTENZIONE

LE CANNE FUMARIE LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE, L INSTALLAZIONE E LA MANUTENZIONE LE CANNE FUMARIE LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE, L INSTALLAZIONE E LA MANUTENZIONE OTTOBRE 2014 Questo manuale di progettazione, installazione e manutenzione degli impianti si prefigge lo scopo di fornire

Dettagli

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme Area Iniziative Formative Via R. Guardini, 75 - Telefono 0461.496048 - Fax 0461.496093 1 CORSI DI FORMAZIONE PER ESPERTI VERIFICATORI Decreto del Presidente della Provincia n. 25-105/Leg del 20 novembre

Dettagli

LA RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO SUL RISPETTO DEI REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA NEGLI EDIFICI

LA RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO SUL RISPETTO DEI REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA NEGLI EDIFICI LA RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO SUL RISPETTO DEI REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA NEGLI EDIFICI Questo articolo illustra i nuovi schemi della relazione tecnica di progetto - contenuti nel D.M. 26/06/2015

Dettagli

Canne fumarie. Sommario

Canne fumarie. Sommario Canne fumarie Sommario Legislazione e normativa di riferimento Esempi pratici di allacciamento Canne collettive ramificate Scarico a parete Termostato fumi Esempi di installazioni errate 1 Sommario Legislazione

Dettagli

LEGGI, DECRETI E ORDINANZE PRESIDENZIALI

LEGGI, DECRETI E ORDINANZE PRESIDENZIALI LEGGI, DECRETI E ORDINANZE PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 6 dicembre 1991, n. 447. Regolamento di attuazione della legge 5 marzo 1990, n. 46, in materia di sicurezza degli impianti

Dettagli

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA Timbro protocollo Bollo Comune di Crespellano Provincia di Bologna Al Responsabile dello Sportello Unico per l Edilizia DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA Ai sensi della

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO. DECRETO 22 gennaio 2008, n. 37

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO. DECRETO 22 gennaio 2008, n. 37 1 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 22 gennaio 2008, n. 37 (pubblicato nella G.U. n 61 del 12/03/2008) Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a)

Dettagli

LEGGE 5.3.1990 n 46. D.P.R. 6.12.1991 n 447

LEGGE 5.3.1990 n 46. D.P.R. 6.12.1991 n 447 LEGGE 5.3.1990 n 46 RME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI D.P.R. 6.12.1991 n 447 REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 1 Che cosa regolamenta la Legge 46/90? 2 In quale modo la Legge 46/90 garantisce la

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA : RELAZIONE ASSEVERATA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA : RELAZIONE ASSEVERATA COMUNE DI FOIANO DI VAL FORTORE Provincia di Benevento SPORTELLO UNICO EDILIZIA Via Nazionale SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA : RELAZIONE ASSEVERATA Il sottoscritto TECNICO PROGETTISTA: codice

Dettagli

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA'

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' Aggiornamento 2014 PRATICA EDILIZIA N. / ORIGINALE/COPIA Al Comune di Opera (Provincia di Milano) PROTOCOLLO GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE GESTIONE DEL TERRITORIO, via Dante Alighieri, 12 20090 Opera

Dettagli

Delibera n.40/2014 AEEGSI

Delibera n.40/2014 AEEGSI Fare clic per modificare stile Delibera n.40/2014 AEEGSI Novità e adempimenti per installatori e progettisti 1 di 85 26 «Convegno CNA Installazione e impianti» Ore 17,45: «Le procedure e la documentazione

Dettagli