Efficienza e certificazione energetica in edifici tradizionali. Il ruolo del Comune. II Parte

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Efficienza e certificazione energetica in edifici tradizionali. Il ruolo del Comune. II Parte"

Transcript

1 Corso di formazione per tecnici comunali Efficienza e certificazione energetica in edifici tradizionali. Il ruolo del Comune. II Parte L evoluzione della normativa in materia di efficienza e certificazione energetica in Regione Lombardia e il ruolo del Comune Ing. Carola Carmignani - CESTEC SPA (AREA EDILIZIA SOSTENIBILE) Chiuro, 17 novembre 2011

2 STATO DELL ARTE DEI CONSUMI DI ENERGIA PRIMARIA IN REGIONE LOMBARDIA DOMANDA DI ENERGIA PER SETTORI 26% 44% 2% 28% Civile Industria Agricoltura Trasporti Fonte: Piano d Azione per l Energia CESTEC SPA EFFICENTARE IL SETTORE CIVILE: PER ABBATTERE I CONSUMI ENERGETICI; 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% SETTORE CIVILE: USI FINALI DI ENERGIA 68% 18% 9% 5% PER ABBATTERE LE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI Fonte: Piano d Azione per l Energia CESTEC SPA 2

3 STATO DELL ARTE CIRCA L APPLICAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE IN ITALIA REGIONI CHE NON HANNO DISCIPLINATO E ATTIVATO UN PROPRIO SISTEMA DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA. SI APPLICA LA NORMA NAZIONALE (D.LGS. 192/05 E S.M.I.) REGIONI CHE HANNO DISCIPLINATO LA MATERIA ALL INTERNO DI UN QUADRO PIÙ AMPIO (SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE). LA CERTIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE È VOLONTARIA* (* obbligatoria in Friuli Venezia Giulia) REGIONI CHE HANNO GIÀ DISCIPLINATO E ATTIVATO UN PROPRIO SISTEMA DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA. IN TEMA DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA SI APPLICA LA NORMA NAZIONALE (D.LGS. 192/05 E S.M.I.) 3

4 LA D.G.R. VIII/5018 E S.M.I. REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA minimi dell involucro; degli impianti per la climatizzazione invernale; del sistema edificio-impianto CERTIFICAZIONE ENERGETICA CATASTO REGIONALE DELLE CERTIFICAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI 4

5 IL RUOLO DELLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA L ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA COME STRUMENTO PER: RENDERE TRASPARENTE LA QUALITÀ ENERGETICA DEGLI IMMOBILI IN GRADO DI SPINGERE PROGETTISTI, IMPRESE E CITTADINI AD INVESTIRE NELLA QUALITÀ ENERGETICA DEGLI EDIFICI 5

6 IL MERCATO IMMOBILIARE SI STA MUOVENDO ORIENTA SEMPRE PIÙ LE PROPRIE SCELTE VERSO LA COSTRUZIONE DI EDIFICI A BASSO CONSUMO ENERGETICO CI SONO IMPORTANTI INCENTIVI A LIVELLO NAZIONALE E REGIONALE LE TECNOLOGIE SONO SEMPRE PIÙ MATURE PER ESSERE UTILIZZATE IN MODO VANTAGGIOSO PERCHÉ GLI UTENTI FINALI SONO SEMPRE PIÙ SENSIBILI AI CONSUMI ENERGETICI CONNESSI AL RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO DEGLI EDIFICI 6

7 n di ACE L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI EFFICIENZA E CERTIFICAZIONE ENERGETICA IN REGIONE LOMBARDIA ANDAMENTO NEL DEPOSITO DEGLI ACE NEL CATASTO ENERGETICO Termine deposito ACE con procedura decreto n Obbligo ACE per compravendita di singole unità Obbligo ACE per contratti di locazione Media ACE ACE ACE ACE ACE * NUMERO TOTALE DI ACE * * I dati sono stati rilevati a novembre

8 PRIME ANALISI DEGLI ACE DEPOSITATI IN REGIONE LOMBARDIA COPERTURA U LIM = 0,30 W/M 2 K U MED = 0,96 W/M 2 K % * I dati sono riferiti ad un campione di circa ACE (edifici residenziali) PARETI U LIM = 0,34 W/M 2 K U MED = 1,04 W/M 2 K % SERRAMENTI U LIM = 2,2 W/M 2 K U MED = 3,19 W/M 2 K + 45 % BASAMENTO U LIM = 0.33 W/M 2 K U MED = 1,03 W/M 2 K % 8

9 PRIME ANALISI DEGLI ACE DEPOSITATI IN REGIONE LOMBARDIA 1,40 1,20 1,00 0,80 0,60 0,40 0,20 0,00 1,40 1,20 1,00 0,80 0,60 0,40 0,20 0,00 Prima del 1930 Prima del Involucro edilizio Valore limite (zona E) Basamento Valore limite (zona E) Dopo il 2007 Dopo il ,40 1,20 1,00 0,80 0,60 0,40 0,20 0,00 4,50 4,00 3,50 3,00 2,50 2,00 1,50 1,00 0,50 0,00 Prima del 1930 Prima del Copertura Valore limite (zona E) Serramenti Valore limite (zona E) * I dati sono riferiti ad un campione di circa ACE (edifici residenziali) Dopo il 2007 Dopo il

10 kwh/m 2 anno L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI EFFICIENZA E CERTIFICAZIONE ENERGETICA IN REGIONE LOMBARDIA PRIME ANALISI DEGLI ACE DEPOSITATI IN REGIONE LOMBARDIA 300 Legge 373/1976 EP H medio ET H medio Legge 10/1991 DGR 5018/ * I dati sono riferiti ad un campione di circa ACE (edifici residenziali) 0 anni Riduzione Energia Primaria < > % -3% -2% -13% -35% -32% EP H Energia primaria riscaldamento ET H Energia termica involucro 10

11 DGR VIII/8745 DEL 22 DICEMBRE 2008 REQUISITI PRESTAZIONALI REQUISITI MINIMI INVOLUCRO (PUNTO 5) REQUISITI MINIMI IMPIANTO (PUNTO 6) REQUISITI MINIMI SISTEMA EDIFICIO IMPIANTO TERMICO (PUNTO 7) TUTTE LE VERIFICHE DEVONO ESSERE DOCUMENTATE NELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL ART. 28 DELLA L.10/91 11

12 DGR VIII/8745 DEL 22 DICEMBRE 2008 REQUISITI PRESTAZIONALI INVOLUCRO NUOVA COSTRUZIONE DI EDIFICIO DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE IN RISTRUTTURAZIONE AMPLIAMENTO DELLA VOLUMETRIA RISCALDATA SUPERIORE AL 20% RISPETTO A QUELLA ESISTENTE RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI RISTRUTTURAZIONE SU PIÙ DEL 25% DELLA SUPERFICIE DISPERDENTE ESISTENTE MANUTENZIONE STRAORDINARIA RISTRUTTURAZIONE SUL 25% O MENO DELLA SUPERFICIE DISPERDENTE ESISTENTE AMPLIAMENTO DELLA VOLUMETRIA RISCALDATA INFERIORE OD UGUALE AL 20% DI QUELLA ESISTENTE 12

13 DGR VIII/8745 DEL 22 DICEMBRE 2008 REQUISITI PRESTAZIONALI INVOLUCRO PUNTO 5.1 REQUISITI INVOLUCRO: VERIFICA TERMOIGROMETRICA PER TUTTE LE CATEGORIE DI EDIFICI, AD ECCEZIONE DEGLI EDIFICI APPARTENENTI ALLA CATEGORIA E.8, IL PROGETTISTA PROVVEDE, CONFORMEMENTE ALLA NORMATIVA TECNICA VIGENTE: ALLA VERIFICA DELL ASSENZA DI CONDENSAZIONI SULLE SUPERFICI OPACHE INTERNE DELL INVOLUCRO EDILIZIO; ALLA VERIFICA CHE LE CONDENSAZIONI INTERSTIZIALI NELLE STRUTTURE DI SEPARAZIONE TRA GLI AMBIENTI A TEMPERATURA CONTROLLATA O CLIMATIZZATI E L ESTERNO, COMPRESI GLI AMBIENTI NON RISCALDATI, SIANO LIMITATE ALLA QUANTITÀ RIEVAPORABILE 13

14 DGR VIII/8745 DEL 22 DICEMBRE 2008 REQUISITI PRESTAZIONALI INVOLUCRO PUNTO 5.2 REQUISITI INVOLUCRO: VERIFICA U LIM [W/m 2 K] PER TUTTE LE CATEGORIE DI EDIFICI, PER LE STRUTTURE OPACHE E PER LE CHIUSURE TRASPARENTI COMPRENSIVE DI INFISSI, OGGETTO DELL INTERVENTO, SIANO ESSE VERTICALI, ORIZZONTALI O INCLINATE, DELIMITANTI IL VOLUME A TEMPERATURA CONTROLLATA O CLIMATIZZATO VERSO L ESTERNO, OVVERO VERSO AMBIENTI A TEMPERATURA NON CONTROLLATA, IL VALORE DELLA TRASMITTANZA TERMICA MEDIA, U, DEVE ESSERE INFERIORE A QUELLO RIPORTATO NELLA TABELLA A.2.1 DI CUI ALL ALLEGATO A, IN FUNZIONE DELLA FASCIA CLIMATICA DI RIFERIMENTO, INCREMENTATO DEL 30% PER LE SOLE STRUTTURE OPACHE ZONA CLIMATICA OPACHE VERTICALI STRUTTURE RIVOLTE VERSO L ESTERNO OVVERO VERSO AMBIENTI A TEMPERATURA NON CONTROLLATA OPACHE ORIZZONTALI O INCLINATE CHIUSURE TRASPARENTI COPERTURE PAVIMENTI COMPRENSIVE DI INFISSI D 0,36 0,32 0,36 2,4 E 0,34 0,30 0,33 2,2 F 0,32 0,29 0,32 2,0 14

15 DGR VIII/8745 DEL 22 DICEMBRE 2008 REQUISITI PRESTAZIONALI INVOLUCRO PUNTO 5.3 REQUISITI INVOLUCRO: VERIFICA TRASMITTANZA TERMICA PER TUTTE LE CATEGORIE DI EDIFICI, IL VALORE DELLA TRASMITTANZA TERMICA MEDIA, DELLE STRUTTURE EDILIZIE DI SEPARAZIONE TRA EDIFICI O UNITÀ IMMOBILIARI APPARTENENTI ALLO STESSO EDIFICIO E CONFINANTI TRA LORO, MANTENUTI A TEMPERATURA CONTROLLATA, DEVE ESSERE INFERIORE A 0,8 W/M 2 K NEL CASO DI STRUTTURE OPACHE DIVISORIE VERTICALI, ORIZZONTALI E INCLINATE ED INFERIORE A 2,8 W/M 2 K NEL CASO DI CHIUSURE TRASPARENTI COMPRENSIVE DI INFISSI. I MEDESIMI LIMITI DEVONO ESSERE RISPETTATI PER TUTTE LE STRUTTURE VERTICALI, ORIZZONTALI E INCLINATE, CHE DELIMITANO VERSO L ESTERNO, OVVERO VERSO AMBIENTI A TEMPERATURA NON CONTROLLATA, GLI AMBIENTI NON DOTATI DI IMPIANTO TERMICO, SEMPRECHÉ QUESTI SIANO ADIACENTI AD AMBIENTI A TEMPERATURA CONTROLLATA. PER QUESTI ULTIMI I LIMITI DI CUI SOPRA POSSONO ESSERE OMESSI QUALORA GLI AMBIENTI SIANO AREATI TRAMITE APERTURE PERMANENTI RIVOLTE VERSO L ESTERNO. 15

16 DGR VIII/8745 DEL 22 DICEMBRE 2008 REQUISITI PRESTAZIONALI INVOLUCRO PUNTO 5.4 REQUISITI INVOLUCRO: SISTEMI SCHERMANTI AD ECCEZIONE DEGLI EDIFICI E.6 E E.8, IL PROGETTISTA PROVVEDE A: VERIFICARE L EFFICACIA DEI SISTEMI SCHERMANTI, CON APPLICAZIONE LIMITATA ALL OGGETTO DELL INTERVENTO: RIDUZIONE ESTIVA DELLA RADIAZIONE SOLARE DEL 70% COMPLETO UTILIZZO DELLA RADIAZIONE SOLARE IN INVERNO * * NOTA: IL DDG 14006/2009 AL PUNTO 10 PREVEDE CHE AI FINI DELL'APPLICAZIONE DI QUANTO PREVISTO AL PUNTO 5.4 LETTERA AL DELLE DISPOSIZIONI ALLEGATE ALLA DGR 8745 DEL , SI PRECISA CHE I VETRI CON TRASMITTANZA DI ENERGIA SOLARE DIRETTA NON SUPERIORE A 0,30 SODDISFANO TUTTI I REQUISITI DI SCHERMATURA RICHIESTI;. * È CONSENTITO IMPIEGARE AL POSTO DEI SISTEMI SCHERMANTI SISTEMI FILTRANTI VERIFICARE, PER LE STRUTTURE VERTICALI OPACHE (AD ESCLUSIONE N/NE/NO), IN ALTERNATIVA: MASSA SUPERFICIALE 230 KG/M 2 TRASMITTANZA TERMICA PERIODICA < 0,12 W/M 2 K VERIFICARE, PER LE STRUTTURE ORIZZONTALI O INCLINATE OPACHE: TRASMITTANZA TERMICA PERIODICA < 0,12 W/M 2 16

17 DGR VIII/8745 DEL 22 DICEMBRE 2008 REQUISITI PRESTAZIONALI IMPIANTO NUOVA INSTALLAZIONE RISTRUTTURAZIONE DI IMPIANTO TERMICO IN EDIFICIO ESISTENTE SOSTITUZIONE DEL GENERATORE DI CALORE 17

18 DGR VIII/8745 DEL 22 DICEMBRE 2008 REQUISITI PRESTAZIONALI IMPIANTO PUNTO 6.1 REQUISITI IMPIANTO: VERIFICA EFFICIENZA GLOBALE MEDIA STAGIONALE DEGLI IMPIANTI TERMICI e G,YR SI PROCEDE AL CALCOLO DELL EFFICIENZA GLOBALE MEDIA STAGIONALE E ALLA VERIFICA CHE LO STESSO RISULTI SUPERIORE AL VALORE LIMITE RIPORTATO AL PARAGRAFO A.3 DI CUI ALL ALLEGATO A FLUIDO TERMOVETTORE CIRCOLANTE NELLA DISTRIBUZIONE ε G,YR SOLAMENTE LIQUIDO LOG 10 (PN) % SOLAMENTE ARIA LOG 10 (PN) % dove log Pn è il logaritmo in base 10 della potenza utile nominale del generatore di calore e gh, yr Q Q NH, yr EPH, yr Q NH,YR È IL FABBISOGNO ENERGETICO ANNUALE PER IL RISCALDAMENTO DELL AMBIENTE CONSIDERATO [KWH] Q EPH,YR È IL FABBISOGNO DI ENERGIA PRIMARIA PER LA CLIMATIZZAZIONE DELL AMBIENTE CONSIDERATO [KWH] 18

19 DGR VIII/8745 DEL 22 DICEMBRE 2008 REQUISITI PRESTAZIONALI IMPIANTO PUNTO 6.1 REQUISITI IMPIANTO: VERIFICA EFFICIENZA GLOBALE MEDIA STAGIONALE DEGLI IMPIANTI TERMICI e G,YR * PUNTO 6.2 REQUISITI IMPIANTO: VERIFICHE ALTRENATIVE SI INTENDONO RISPETTATE TUTTE LE DISPOSIZIONI VIGENTI IN TEMA D USO RAZIONALE DELL ENERGIA, INCLUSE QUELLE DI CUI AL PRECEDENTE PUNTO 6.1, QUALORA COESISTANO LE SEGUENTI CONDIZIONI: * RENDIMENTO TERMICO UTILE A CARICO TOTALE > LOG P N POMPE DI CALORE CON COP SUPERIORE A VALORI LIMITE STABILITI SISTEMI DI REGOLAZIONE DEL CALORE: DISPOSITIVI PER LA REGOLAZIONE AUTOMATICA DELLA TEMPERATURA AMBIENTE NEI SINGOLI AMBIENTI O ZONE, CENTRALINA DI TERMOREGOLAZIONE SU 2 LIVELLI (CON SONDA SU TEMPERATURA ARIA INTERNA ED EVENTUALMENTE TEMPERATURA ARIA ESTERNA PER IMPIANTI AUTONOMI E CON SONDA SU TEMPERATURA ACQUA DI MANDATA ED TEMPERATURA ARIA ESTERNA PER IMPIANTI CENTRALIZZATI) EVENTUALE AUMENTO DI POTENZA DEL GENERATORE DI CALORE (+ 10%) MOTIVATO CON APPOSITA RELAZIONE VERIFICA DELLA CORRETTA EQUILIBRATURA DEL SISTEMA DI DISTRIBUZIONE PER SOSTITUZIONI DI GENERATORI DI CALORE CON P N INFERIORI A 35 KW, LA RELAZIONE TECNICA È SOSTITUITA DALLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ. 19

20 DGR VIII/8745 DEL 22 DICEMBRE 2008 REQUISITI PRESTAZIONALI IMPIANTO PUNTO 6.4 REQUISITI IMPIANTO: OBBLIGO DI INSTALLARE DI REGOLAZIONE AUTOMATICA DELLA TEMPERATURA È PRESCRITTA L INSTALLAZIONE DI DISPOSITIVI PER LA REGOLAZIONE AUTOMATICA DELLA TEMPERATURA AMBIENTE NEI SINGOLI LOCALI O NELLE SINGOLE ZONE CHE HANNO CARATTERISTICHE DI USO ED ESPOSIZIONI UNIFORMI, AL FINE DI NON DETERMINARE SOVRA RISCALDAMENTO PER EFFETTO DEGLI APPORTI SOLARI E DEGLI APPORTI GRATUITI INTERNI. L INSTALLAZIONE DI DETTI DISPOSITIVI È AGGIUNTIVA RISPETTO AI SISTEMI DI REGOLAZIONE DI CUI ALL ARTICOLO 7, COMMI 2, 4, 5 E 6 DEL DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 26 AGOSTO 1993, N. 412 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI, E DEVE COMUNQUE ESSERE TECNICAMENTE COMPATIBILE CON L EVENTUALE SISTEMA DI CONTABILIZZAZIONE. 20

21 DGR VIII/8745 DEL 22 DICEMBRE 2008 REQUISITI PRESTAZIONALI IMPIANTO PUNTO 6.5 REQUISITI IMPIANTO: OBBLIGO DI FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI NEL CASO DI EDIFICI PUBBLICI E PRIVATI, È OBBLIGATORIO PROGETTARE E REALIZZARE L IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA IN MODO TALE DA COPRIRE ALMENO IL 50% DEL FABBISOGNO ANNUO DI ENERGIA PRIMARIA RICHIESTA PER LA PRODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA ATTRAVERSO IL CONTRIBUTO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE. LA COPERTURA DEL 50% DEL FABBISOGNO ANNUO DI ENERGIA PRIMARIA RICHIESTA PER LA PRODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA SI INTENDE RISPETTATA QUALORA L ACQUA CALDA SANITARIA DERIVI DA UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO, CHE SIA ALIMENTATA ANCHE DA COMBUSTIONE DI R.S.U. E/O BIOGAS, O DA REFLUI ENERGETICI DI UN PROCESSO PRODUTTIVO NON ALTRIMENTI UTILIZZABILI. LA DISPOSIZIONE SI INTENDE RISPETTATA QUALORA SI UTILIZZINO POMPE DI CALORE PURCHÉ SIANO RISPETTATI VALORI PREFISSATI (TABELLA A.5.1 DI CUI ALL ALLEGATO A) SI CONSIDERA ALTRESÌ RISPETTATO IL DISPOSTO DI CUI SOPRA QUALORA PARI FABBISOGNO DI ENERGIA PRIMARIA SIA SODDISFATTO TRAMITE IL CONTRIBUTO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE, UTILIZZATI AI FINI DELLA CLIMATIZZAZIONE INVERNALE O DEL RISCALDAMENTO. 21

22 DGR VIII/8745 DEL 22 DICEMBRE 2008 REQUISITI PRESTAZIONALI IMPIANTO PUNTO 6.7 REQUISITI IMPIANTO: CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE * IN TUTTI GLI EDIFICI ESISTENTI, APPARTENENTI ALLE CATEGORIE E.1 ED E.2, DEVONO ESSERE REALIZZATI GLI INTERVENTI NECESSARI PER PERMETTERE, OVE TECNICAMENTE POSSIBILE, LA CONTABILIZZAZIONE E LA TERMOREGOLAZIONE DEL CALORE PER SINGOLA UNITÀ IMMOBILIARE. GLI EVENTUALI IMPEDIMENTI DI NATURA TECNICA ALLA REALIZZAZIONE DEI PREDETTI INTERVENTI DEVONO ESSERE MOTIVATI NELLA RELAZIONE TECNICA. LE APPARECCHIATURE INSTALLATE DEVONO ASSICURARE UN ERRORE DI MISURA, NELLE CONDIZIONI DI UTILIZZO, INFERIORE AL 5%, CON RIFERIMENTO ALLE NORME UNI IN VIGORE. PER LE MODALITÀ DI CONTABILIZZAZIONE SI FA RIFERIMENTO ALLE VIGENTI NORME E LINEE GUIDA UNI. * IN ALTERNATIVA VERIFICHE DEL PUNTO

23 DGR VIII/8745 DEL 22 DICEMBRE 2008 REQUISITI PRESTAZIONALI IMPIANTO * PUNTO 6.9 * REQUISITI IMPIANTO: ALTRE PRESCRIZIONI È OBBLIGATORIA LA PREDISPOSIZIONE DELLE OPERE E DEGLI IMPIANTI, NECESSARI A FAVORIRE IL COLLEGAMENTO A RETI DI TELERISCALDAMENTO, NEL CASO DI PRESENZA DI TRATTE DI RETE AD UNA DISTANZA INFERIORE A METRI OVVERO IN PRESENZA DI PROGETTI APPROVATI NELL AMBITO DI OPPORTUNI STRUMENTI PIANIFICATORI. ** PUNTO 6.10 **, * È PRESCRITTO IL TRATTAMENTO DELL ACQUA IMPIEGATA IN TALI IMPIANTI, SECONDO QUANTO PREVISTO DALLA NORMATIVA TECNICA VIGENTE. *** PUNTO 6.11 *,*** QUALORA NON VI SIANO IMPEDIMENTI TECNICI OGGETTIVI, IN PRESENZA DI CALDAIE A CONDENSAZIONE, DI POMPE DI CALORE OVVERO DI ALTRI GENERATORI DI CALORE CHE ABBIANO EFFICIENZA SUPERIORE CON TEMPERATURA DI MANDATA DEL FLUIDO TERMOVETTORE BASSA, QUEST ULTIMA NON DEVE ESSERE SUPERIORE A 50 C. LA PRESCRIZIONE DI CUI SOPRA SI INTENDE RISPETTATA QUALORA LA TEMPERATURA DI RITORNO DEL FLUIDO TERMOVETTORE SIA INFERIORE O UGUALE A 35 C. 23

24 DGR VIII/8745 DEL 22 DICEMBRE 2008 REQUISITI PRESTAZIONALI SISTEMA EDIFICIO IMPIANTO NUOVA COSTRUZIONE DI EDIFICIO DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE IN RISTRUTTURAZIONE AMPLIAMENTO DELLA VOLUMETRIA RISCALDATA SUPERIORE AL 20% RISPETTO A QUELLA ESISTENTE RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI RISTRUTTURAZIONE SU PIÙ DEL 25% DELLA SUPERFICIE DISPERDENTE ESISTENTE 24

25 DGR VIII/8745 DEL 22 DICEMBRE 2008 REQUISITI PRESTAZIONALI SISTEMA EDIFICIO IMPIANTO PUNTO 7.1 REQUISITI SISTEMA EDIFICIO IMPIANTO: VERIFICA SULL EP H PER TUTTI GLI EDIFICI SI PROCEDE, IN SEDE PROGETTUALE, ALLA DETERMINAZIONE DELL INDICE DI PRESTAZIONE ENERGETICA PER LA CLIMATIZZAZIONE INVERNALE O IL RISCALDAMENTO, EP H, ED ALLA VERIFICA CHE LO STESSO RISULTI INFERIORE AI VALORI LIMITE PREFISSATI, A SECONDA DELLA DESTINAZIONE D USO DELL EDIFICIO, IN FUNZIONE DEL RAPPORTO DI FORMA E DEI GRADI GIORNO DEL COMUNE DOVE L EDIFICIO È UBICATO. QEPH, yr EPH PER GLI EDIFICI RESIDENZIALI DELLA CLASSE A E1 [KWH/M 2 ANNO] RAPPORTO DI EP FORMA DELL EDIFICIO H Q V EPH, yr ZONA CLIMATICA E D F S/V [M -1 ] DA 1401 GG A 2100 GG DA 2010 GG A 3000 GG OLTRE 3001 GG 0,2 21, ,8 46,8 0, RAPPORTO DI FORMA DELL EDIFICIO PER TUTTI GLI ALTRI EDIFICI [KWH/M 3 ANNO] ZONA CLIMATICA E D F S/V [M -1 ] DA 1401 GG A 2100 GG DA 2010 GG A 3000 GG OLTRE 3001 GG 0,2 6 9,6 9,6 12,7 12,7 0,9 17,3 22,5 22,

26 DGR VIII/8745 DEL 22 DICEMBRE 2008 REQUISITI PRESTAZIONALI SISTEMA EDIFICIO IMPIANTO PUNTO 7.2 REQUISITI SISTEMA EDIFICIO IMPIANTO : VERIFICA TRASMITTANZE NEL CASO DI RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA CHE COINVOLGE PIÙ DEL 25% DELLA SUPERFICI EDISPERDENTE SENZA RISTRUTTURAZIONE DI IMPIANTO TERMICO, IN ALTERNATIVA AL PUNTO 7.1, IN SEDE PROGETTUALE SI PROCEDE ALLA VERIFICA DELLE TRASMITTANZE EFFETTUATA SULLA SOLA PARTE DELL EDIFICIO OGGETTO DELL INTERVENTO, SENZA APPLICARE LA MAGGIORAZIONE DEL 30%. Zona climatica Opache verticali Strutture rivolte verso l esterno ovvero verso ambienti a temperatura non controllata Opache orizzontali o inclinate Coperture Pavimenti Chiusure trasparenti comprensive di infissi D 0,36 0,32 0,36 2,4 E 0,34 0,30 0,33 2,2 F 0,32 0,29 0,32 2,0 26

27 27

28 AMBITO DI APPLICAZIONE DGR VIII/8745 TIPOLOGIA DI INTERVENTO RELAZIONE TECNICA DIAGNOSI ENERGETICA OBBLIGO ACE AL TERMINE DEI LAVORI NUOVA COSTRUZIONE DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE IN RISTRUTTURAZIONE RECUPERO AI FINI ABITATIVI DI SOTTOTETTO ESISTENTE AMPLIAMENTO VOL. > 20% DEL VOLUME LORDO DELL INTERO EDIFICIO RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA > 25% DELLA SUPERFICIE DISPERDENTE + RISTRUTTURAZIONE DELL IMPIANTO TERMICO RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA > 25% DELLA SUPERFICIE DISPERDENTE F.A.Q. 8B.21 SITO WEB RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA 25% DELLA SUPERFICIE DISPERDENTE AMPLIAMENTO VOL. 20% DEL VOLUME LORDO DELL INTERO EDIFICIO MANUTENZIONE STRAORDINARIA NUOVA INSTALLAZIONE DI IMPIANTO TERMICO (PN 100 KW) NUOVA INSTALLAZIONE DI IMPIANTO TERMICO (PN < 100 KW) RISTRUTTURAZIONE DI IMPIANTO TERMICO (PN 100 KW) RISTRUTTURAZIONE DI IMPIANTO TERMICO (PN < 100 KW) SOSTITUZIONE GENERATORE/I DI CALORE (PN 100 KW) SOSTITUZIONE GENERATORE/I DI CALORE (35 KW PN < 100 KW) ACE COME STRUMENTO CENTRALE PER I COMUNI PER PROGRAMMARE UNO SVILUPPO REALMENTE SOSTENIBILE SUL TERRITORIO 28

29 LR 3/ DEPOSITO E GESTIONE ACE F.A.Q. DA SITO WEB CENED 8B.1 NEI CASI IN CUI È PREVISTO L OBBLIGO DI ALLEGAZIONE DELL ACE ALLA DICHIARAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI, QUALI MODELLI DI ACE È CONSENTITO CONSEGNARE IN COMUNE? È CONSENTITA LA CONSEGNA DEI SEGUENTI MODELLI DI ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA (ACE): DOPO IL , IL PROPRIETARIO DELL EDIFICIO PUÒ DEPOSITARE PRESSO L UFFICIO COMUNALE PREPOSTO: L ACE REDATTO SECONDO IL MODELLO RIPORTATO ALLA DGR IX/1811 E ASSEVERATO DA UN SOGGETTO CERTIFICATORE ACCREDITATO, CHE COMPROVA L'AVVENUTO VERSAMENTO ALL ORGANISMO DI ACCREDITAMENTO DEL CONTRIBUTO PREVISTO DALLA DGR VIII/5018 E S.M.I. PER CIASCUN ACE; NEL CASO DI EDIFICI LA CUI DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ O LA DOMANDA FINALIZZATA AD OTTENERE IL PERMESSO DI COSTRUIRE PER INTERVENTI DI "NUOVA COSTRUZIONE" OVVERO "DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE" SIA STATA PROTOCOLLATA PRESSO IL COMUNE NEL PERIODO INTERCORRENTE TRA L'1 SETTEMBRE 2007 E IL 25 OTTOBRE 2009 (VEDI PUNTO 5 DEL DECRETO 14006), È CONSENTITO DEPOSITARE L'ACE SECONDO IL MODELLO RIPORTATO NELL ALLEGATO C ALLA DGR VIII/5773. L IDONEITÀ DELL ACE, PER QUESTA FATTISPECIE, DOVRÀ ESSERE COMPROVATA DALLA RICEVUTA DELL AVVENUTO INSERIMENTO DEL FILE DI INTERSCAMBIO DATI NEL CATASTO ENERGETICO RIPORTANTE UNA DATA SUCCESSIVA AL 31 AGOSTO 2011; PRIMA DEL , IL PROPRIETARIO DELL EDIFICIO PUÒ DEPOSITARE PRESSO L UFFICIO COMUNALE PREPOSTO: L ACE REDATTO SECONDO IL MODELLO RIPORTATO NELL ALLEGATO C ALLA DGR VIII/8745 E ASSEVERATO DA UN SOGGETTO CERTIFICATORE ACCREDITATO, CHE COMPROVI L'AVVENUTO VERSAMENTO ALL ORGANISMO DI ACCREDITAMENTO DEL CONTRIBUTO PREVISTO DALLA DGR VIII/5018 E S.M.I. PER CIASCUN ACE; A DECORRERE DAL 15 GENNAIO 2010 NEL CASO DI EDIFICI LA CUI DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ O LA DOMANDA FINALIZZATA AD OTTENERE IL PERMESSO DI COSTRUIRE PER INTERVENTI DI "NUOVA COSTRUZIONE" OVVERO "DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE" SIA STATA PROTOCOLLATA PRESSO IL COMUNE NEL PERIODO INTERCORRENTE TRA L'1 SETTEMBRE 2007 E IL 25 OTTOBRE 2009 (VEDI PUNTO 5 DEL DECRETO 14006), È CONSENTITO DEPOSITARE L'ACE SECONDO IL MODELLO RIPORTATO NELL ALLEGATO C ALLA DGR VIII/5773. L IDONEITÀ DELL ACE, PER QUESTA FATTISPECIE, DOVRÀ ESSERE COMPROVATA DALLA RICEVUTA GENERATA DAL CATASTO ENERGETICO CHE DOVRÀ RIPORTARE UNA DATA COMPRESA TRA IL 15 GENNAIO 2010 E IL 31 AGOSTO

30 LR 3/ DEPOSITO E GESTIONE ACE F.A.Q. DA SITO WEB CENED 8B.1 NEI CASI IN CUI È PREVISTO L OBBLIGO DI ALLEGAZIONE DELL ACE ALLA DICHIARAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI, QUALI MODELLI DI ACE È CONSENTITO CONSEGNARE IN COMUNE? DOPO IL CASI PREVISTI AL PUNTO 5 DEL DECRETO RICEVUTA GENERATA DAL CATASTO ENERGETICO DOVRÀ RIPORTARE UNA DATA SUCCESSIVA AL MODELLO DGR IX/1811 MODELLO ALLEGATO C DGR VIII/

31 LR 3/ DEPOSITO E GESTIONE ACE F.A.Q. DA SITO WEB CENED 8B.1 NEI CASI IN CUI È PREVISTO L OBBLIGO DI ALLEGAZIONE DELL ACE ALLA DICHIARAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI, QUALI MODELLI DI ACE È CONSENTITO CONSEGNARE IN COMUNE? PRIMA DEL CASI PREVISTI AL PUNTO 5 DEL DECRETO RICEVUTA GENERATA DAL CATASTO ENERGETICO DOVRÀ RIPORTARE UNA DATA COMPRESA TRA IL E IL MODELLO ALLEGATO C DGR VIII/8745 MODELLO ALLEGATO C DGR VIII/

32 LR 3/ DEPOSITO E GESTIONE ACE F.A.Q. DA SITO WEB CENED 8B.19 NEI CASI IN CUI È PREVISTO L OBBLIGO DI ALLEGAZIONE DELL ACE ALLA DICHIARAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI, AL FINE DI UNA CORRETTA APPLICAZIONE DI QUANTO DEFINITO AL PUNTO 12.6 DELLA DGR VIII/8745, QUALE PROCEDURA DEVE SEGUIRE IL COMUNE? LA PROCEDURA CORRETTA DA SEGUIRE PER TALI CASISTICHE È LA SEGUENTE: PER DICHIARAZIONI DI ULTIMAZIONE LAVORI CHE VERRANNO PRESENTATE PRESSO IL COMUNE COMPETENTE A PARTIRE DAL 1 SETTEMBRE 2011, IL COMUNE NON È PIÙ TENUTO A CONSEGNARE AL PROPRIETARIO DELL EDIFICIO UNA COPIA DELL ACE, APPOSITAMENTE TIMBRATA PER ACCETTAZIONE, CONTESTUALMENTE AL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITÀ O ALLA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CUI ALL ARTICOLO 5 DELLA LEGGE REGIONALE 2 FEBBRAIO 2007, N. 1. A PARTIRE DAL 1 SETTEMBRE 2011, PER EFFETTO DI QUANTO SANCITO ALLA LETTERA F), COMMA 1, ART. 17 DELLA LEGGE REGIONALE 21 FEBBRAIO 2011, N. 3, INFATTI, GLI ACE ACQUISTANO EFFICACIA CON L'INSERIMENTO NEL SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE DEL FILE DI INTERSCAMBIO DATI; PER DICHIARAZIONI DI ULTIMAZIONE LAVORI PRESENTATE PRESSO IL COMUNE COMPETENTE ENTRO IL 1 SETTEMBRE 2011, AL FINE DI COMPROVARE LA VALIDITÀ DELL ACE, IL TIMBRO PER ACCETTAZIONE DA PARTE DEL COMUNE DEVE ESSERE OBBLIGATORIAMENTE APPOSTO IN DATA ANTECEDENTE AL 1 SETTEMBRE LA CONSEGNA DELLA COPIA DELL ACE AL PROPRIETARIO DELL EDIFICIO, APPOSITAMENTE TIMBRATO PER ACCETTAZIONE, DOVRÀ INVECE AVVENIRE CONTESTUALMENTE AL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITÀ O ALLA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CUI ALL ARTICOLO 5 DELLA LEGGE REGIONALE 2 FEBBRAIO 2007, N. 1., COME INDICATO ALL INTERNO DEL PUNTO 12.6 DELLA DGR VIII/8745. PER MAGGIORI CHIARIMENTI RIGUARDANTI I MODELLI DI ACE CHE È CONSENTITO DEPOSITARE PRESSO I COMUNI, CONTESTUALMENTE ALLA DICHIARAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI, SI INVITA ALLA CONSULTAZIONE DELLA PRECEDENTE FAQ 8B.1. 32

33 LR 3/ DEPOSITO E GESTIONE ACE F.A.Q. DA SITO WEB CENED 8B.2 QUALI SONO I COMPITI DEL COMUNE RIGUARDANTI LA GESTIONE DEGLI ACE DEPOSITATI PRESSO GLI UFFICI COMUNALI IN DATA ANTECEDENTE AL 1 SETTEMBRE 2011? IL COMUNE È TENUTO A CONSERVARE L'ACE ANCHE SUCCESSIVAMENTE AL 1 SETTEMBRE 2011, PROVVEDENDO, OVE RICHIESTO, A CONSEGNARE UNA COPIA CONFORME DELL ACE ORIGINALE IN SUO POSSESSO. 8B.17 HO REGISTRATO UN ACE PRIMA DEL 1 SETTEMBRE POSSO FARLO TIMBRARE IN COMUNE PER ACCETTAZIONE DOPO IL 1 SETTEMBRE 2011? NO. A FAR DATA DAL 1 SETTEMBRE 2011 I COMUNI NON POTRANNO PIÙ RILASCIARE ORIGINALI DI ACE. A PARTIRE DAL 1 SETTEMBRE 2011, PER EFFETTO DI QUANTO SANCITO ALLA LETTERA F), COMMA 1, ART. 17 DELLA LEGGE REGIONALE 21 FEBBRAIO 2011, N. 3, L'ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA (ACE), ACQUISTA EFFICACIA CON L'INSERIMENTO NEL CATASTO ENERGETICO REGIONALE DEL FILE DI INTERSCAMBIO DATI (ESTENSIONE FILE:.XML E, QUANDO PREVISTO,.CND). IN ATTUAZIONE DI QUANTO SOPRA, CON DELIBERA N IX/1811 LA GIUNTA REGIONALE HA APPROVATO IL NUOVO MODELLO DI ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA, COGENTE DAL 01 SETTEMBRE PER ULTERIORI DETTAGLI SULLA MODALITÀ DI ACQUISIZIONE DI UN ACE REGISTRATO PRIMA DEL 1 SETTEMBRE 2011 SI RIMANDA ALLA FAQ 8B

34 LR 3/2011: ALCUNE MODIFICHE INTRODOTTE ALLA LR 24/06 E S.M.I. CONTRIBUTO PER CONTROLLI DA PARTE DEL COMUNE SULLA CONFORMITÀ PROGETTI Art. 17 comma 1 lettera g): Art. 12 LR 33/2007 comma 1 lettera a) dopo il comma 1-bis dell articolo 2 è inserito il seguente: 1-ter: i muri perimetrali portanti e di tamponamento, nonché i solai che costituiscono involucro esterno di nuove costruzioni e di ristrutturazioni soggette al rispetto dei limiti di fabbisogno di energia primaria o di trasmittanza termica, previsti dalle disposizioni regionali in materia di risparmio energetico, non sono considerati nei computi per la determinazione della superficie lorda di pavimento (s.l.p.), dei volumi e dei rapporti di copertura in presenza di riduzioni certificate superiori al 10 per cento rispetto ai valori limite previsti dalle disposizioni regionali sopra richiamate. 4 sexies. Qualora il proprietario dell'edificio intenda avvalersi di incentivi subordinati al conseguimento di prestazioni energetiche superiori ai valori limite stabiliti dalla disciplina regionale, il comune può subordinare l'inizio dei lavori al versamento di un contributo, predeterminato su base volumetrica dal comune medesimo, nel rispetto delle indicazioni emanate con idoneo provvedimento regionale, con cui finanziare un fondo finalizzato a coprire i costi per l'esecuzione, anche mediante il supporto di soggetti esterni all'ente, di controlli sulla conformità dei progetti realizzati rispetto a quanto dichiarato dal proprietario. Il presente comma non si applica a edifici monofamiliari e comunque a quelli con volume inferiore a 2000 metri cubi.. 34

35 LR 24/2006 E S.M.I. ART. 27 VERIFICHE E SANZIONI A CARICO DEL COMUNE COMMA 1 QUATER COMMA 17 TER TITOLARE DELL ANNUNCIO IMMOBILIARE CHE NON DICHIARA LA CLASSE E L INDICE DI PRESTAZIONE ENERGETICA DELL EDIFICIO O DELLA SINGOLA UNITÀ ABITATIVA IN TUTTI GLI ANNUNCI COMMERCIALI FINALIZZATI ALLA RELATIVA VENDITA O ANCHE LOCAZIONE DA A (*L ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE PROVVEDIMENTO È SUBORDINATA A SUCCESSIVE DISPOSIZIONI DELLA GIUNTA REGIONALE); PROGETTISTA CHE SOTTOSCRIVE RELAZIONI TECNICHE NON VERITIERE IN RELAZIONE ALLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DELL EDIFICIO DA A , AUMENTATA DEL 50% SE LE RELAZIONI HANNO CONSENTITO DI REALIZZARE INTERVENTI ALTRIMENTI NON AMMISSIBILI O DI ACCEDERE AD AGEVOLAZIONI; COMMA 17 QUATER DIRETTORE LAVORI CHE REALIZZA L INTERVENTO IN DIFFORMITÀ DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA INDICATA NEL RELATIVO TITOLO ABILITATIVO O IN SUCCESSIVE VARIAZIONI. SE LA DIFFORMITÀ COMPORTA PRESTAZIONI ENERGETICHE INFERIORI AI REQUISITI MINIMI, LA SANZIONE È RADDOPPIATA E IL COMUNE PROVVEDE A ORDINARE L ADEGUAMENTO DEGLI INTERVENTI REALIZZATI O IN CORSO DI REALIZZAZIONE DA A ; COMMA 17 SEPTIES AGGIUDICATARIO DI UN CONTRATTO SERVIZIO ENERGIA O SERVIZIO ENERGIA PLUS O IL CONTRAENTE CHE NON CONSEGNA AL PROPRIETARIO DELL EDIFICIO L ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA ENTRO SEI MESI DALLA DEL CONTRATTO MEDESIMO DA 500 A STIPULAZIONE O DAL RINNOVO 35

36 FUTURI SERVIZI DEL SITO WEB CENED DEDICATI AI TECNICI COMUNALI REGISTRAZIONE PER POTER ACCEDERE AI SERVIZI DI CONSULTAZIONE DELLA BANCA DATI DEL CATASTO ENERGETICO EDIFICI REGIONALE I TECNICI COMUNALI DOVRANNO DOTARSI DI UNA UTENZA PERSONALE. CONSULTAZIONE ACE RELATIVAMENTE AL TERRITORIO COMUNALE DI COMPETENZA, IL TECNICO COMUNALE AVRÀ LA POSSIBILITÀ DI VISUALIZZARE L IDONEITÀ DI UN ACE DEPOSITATO NEL CATASTO ENERGETICO EDIFICI REGIONALE. REPORT ACE ATTRAVERSO IL SITO WEB POTRÀ ESSERE RICHIESTA LA GENERAZIONE DEL REPORT DEI DATI DI INPUT E OUTPUT AFFERENTI AD UNO O PIÙ SUBALTERNI RELATIVI AD UN ACE E LE CUI INFORMAZIONI SONO DEPOSITATE NEL CATASTO ENERGETICO EDIFICI REGIONALE. FOCUS CEER TALE SERVIZIO CONSENTIRÀ DI PRENDERE VISIONE DELLO STATO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL PARCO EDILIZIO LOMBARDO SULLA BASE DELLE RISULTANZE DEI DATI ACQUISITI MEDIANTE GLI ACE REGISTRATI. 36

37 GRAZIE PER L ATTENZIONE

La disciplina regionale per l efficienza energetica degli edifici

La disciplina regionale per l efficienza energetica degli edifici La disciplina regionale per l efficienza energetica degli edifici Deliberazione di Giunta Regionale N. VIII/8745 del 22 dicembre 20082 Alice Tura REGIONE LOMBARDIA DG Reti, Servizi di Pubblica Utilità

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI IN REGIONE LOMBARDIA: STATO DELL ARTE

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI IN REGIONE LOMBARDIA: STATO DELL ARTE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI IN REGIONE LOMBARDIA: STATO DELL ARTE Relatore: Francesca BARAGIOLA Cestec SpA LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI IN REGIONE LOMBARDIA: STATO DELL ARTE

Dettagli

ASPESI -Milano 20.05.2008

ASPESI -Milano 20.05.2008 ASPESI -Milano 20.05.2008 LA CERTIFICAZIONE DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI IMMOBILI IN REGIONE LOMBARDIA n.24/2006 B.U.R.L. VIII/5773 Relatore : ing. NEVIO ROMELLI Presidente di : S.I.C.I.V. srl Società

Dettagli

ALLEGATO I. (Articolo 11)

ALLEGATO I. (Articolo 11) ALLEGATO I. (Articolo 11) REGIME TRANSITORIO PER LA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI 1. Per tutte le categorie di edifici, così come classificati in base alla destinazione d uso all articolo 3 del

Dettagli

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale ALLEGATO A - REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale A.1.1 Per gli edifici residenziali della classe E.1, esclusi collegi, conventi, case

Dettagli

Certificatori CENED di Edifici, 16 ore

Certificatori CENED di Edifici, 16 ore Corso di aggiornamento-perfezionamento per Certificatori CENED di Edifici, 16 ore Direttore del Corso: Attilio Carotti 1 Andrea Alessi - Quadro normativo di riferimento : ultimi aggiornamenti - Fasi operative

Dettagli

Guida pratica alle verifiche del D.P.R. 2.4.2009, n. 59

Guida pratica alle verifiche del D.P.R. 2.4.2009, n. 59 Guida pratica alle verifiche del D.P.R. 2.4.2009, n. 59 Edilclima ha predisposto un prospetto informativo delle principali prescrizioni previste dal D.P.R. n. 59 del 2.4.2009, al fine di semplificare e

Dettagli

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti:

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti: all articolo 3 del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità immobiliari Committente(i) Progettista(i)

Dettagli

COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO. A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale

COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO. A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiglio comunale n. 92 in data 30.10.2012 approvato con deliberazione

Dettagli

Allegato energetico al Regolamento edilizio 1

Allegato energetico al Regolamento edilizio 1 Allegato energetico al Regolamento edilizio 1 Adottato con deliberazione di Consiglio comunale n. 47 del 2 aprile 2012 Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 53 del 8 maggio 2012 1 Regolamento

Dettagli

Cenni su efficienza energetica e certificazione energetica degli edifici: la direttiva europea 2002/91/CE ed i decreti legislativi 192/2005 e 311/2006

Cenni su efficienza energetica e certificazione energetica degli edifici: la direttiva europea 2002/91/CE ed i decreti legislativi 192/2005 e 311/2006 Cenni su efficienza energetica e certificazione energetica degli edifici: la direttiva europea 2002/91/CE ed i decreti legislativi 192/2005 e 311/2006 1) Cenni sull efficienza energetica degli edifici

Dettagli

Certificazione energetica in Regione Lombardia

Certificazione energetica in Regione Lombardia Milano 18 dicembre 2008 Certificazione energetica in Regione Lombardia IEE-Project: Tools and Methods for Linking EPBD and Continuous Commissioning (EPBD-cx) The sole responsibility for the content of

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO. d.g.r. VIII/8745 del 22/12/2008 CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI. Arch. Manlio Mazzon

CORSO DI AGGIORNAMENTO. d.g.r. VIII/8745 del 22/12/2008 CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI. Arch. Manlio Mazzon CORSO DI AGGIORNAMENTO CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI d.g.r. VIII/8745 del 22/12/2008 Arch. Manlio Mazzon RIFERIMENTO NORMATIVO 2 D.G.R. N. VIII/5018 Integrato e modificato NORMATIVA DI CARATTERE

Dettagli

(schema) (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità abitative

(schema) (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità abitative RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 Come prevista dall allegato 4 della delibera di Assemblea legislativa della regione Emilia-Romagna n.156/2008, atto di indirizzo e

Dettagli

Tipologie di intervento

Tipologie di intervento CORSO DI LAUREA INGEGNERIA EDILE- ARCHITETTURA La certificazione energetica degli edifici IL DECRETO LEGISLATIVO 192/2005 Tipologie di intervento TIPOLOGIA 1 Edifici di nuova costruzione; Ristrutturazione

Dettagli

Comune di Brembilla. Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

Comune di Brembilla. Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE ALLEGATO ENERGETICO 1 0. Premessa... 3 1. Campo di applicazione... 5 2. Categoria A... 6 3. Categoria B... 8 4. Categoria C... 10 5. Categoria D... 10

Dettagli

COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO Appendice A ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 3 DEL 01.02.2013 RIFERIMENTI NORMATIVI ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CASTEL ROZZONE Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. 3 in data 12.04.2012 PREMESSA L Unione Europea, individuando

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Regolamento Edilizio Comunale

Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo Allegato Energetico al Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. approvato con deliberazione consiliare n. PREMESSA L Unione Europea,

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive

IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive Regione Lombardia IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive REGIONE LOMBARDIA Reti e Servizi di Pubblica Utilità e Sviluppo Sostenibile I CONSUMI DEL

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA

CERTIFICAZIONE ENERGETICA CERTIFICAZIONE ENERGETICA La certificazione energetica è un processo finalizzato a far conoscere al cittadino le caratteristiche energetiche del sistema edificio-impianto che sta per acquistare o per affittare.

Dettagli

COMUNE DI NAVE PROVINCIA DI BRESCIA ALLEGATO ENERGETICO AL REGOLAMENTO EDILIZIO DEL COMUNE DI NAVE

COMUNE DI NAVE PROVINCIA DI BRESCIA ALLEGATO ENERGETICO AL REGOLAMENTO EDILIZIO DEL COMUNE DI NAVE COMUNE DI NAVE PROVINCIA DI BRESCIA ALLEGATO ENERGETICO AL REGOLAMENTO EDILIZIO DEL COMUNE DI NAVE Aprile 2013 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. CONTESTO NORMATIVO LOCALE... 6 3. CAMPO DI APPLICAZIONE...7

Dettagli

2. L applicazione delle disposizioni di cui alla D.G.R. VIII/5018 e s.m.i. è esclusa:

2. L applicazione delle disposizioni di cui alla D.G.R. VIII/5018 e s.m.i. è esclusa: Simulazione tema d esame S_002 1. Indicare l affermazione errata: a. la superficie utile è la superficie netta calpestabile degli ambienti a temperatura controllata o climatizzati dell edificio; b. la

Dettagli

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Il decreto legislativo n. 311 del 29.12.2006 (che modifica il precedente decreto n. 192/2005), pubblicato sulla

Dettagli

I nuovi requisiti di prestazione energetica

I nuovi requisiti di prestazione energetica Milano, 30 giugno 2015 LA DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI: EDIFICIO DI NUOVA COSTRUZIONE: è un edificio il cui titolo abilitativo sia stato richiesto dopo l entrata in vigore del presente provvedimento. Sono

Dettagli

Sintesi commentata della Delibera Giunta Regione Lombardia n.8745 del 22 dicembre 2008 sull efficienza energetica in edilizia

Sintesi commentata della Delibera Giunta Regione Lombardia n.8745 del 22 dicembre 2008 sull efficienza energetica in edilizia news Notiziario in materia di efficienza energetica a cura degli ing. Luca Bertoni e ing. Michele Sardi (Direttori Tecnici energyapiù S.r.l.) Numero 1, Gennaio 2009 Gennaio 2009 Sintesi commentata della

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE)

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) La certificazione energetica Domanda di energia nel 2000 nei Paesi UE

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE Delibera IX/2555 del 24/11/2011 della Giunta regionale della Lombardia L obbligo dell indicazione della classe

Dettagli

INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7.

INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7. INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7.2015 1. Obbligo di dotazione e allegazione dell Attestato di Prestazione

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : EDIFICIO : Appartamento VICENZA INDIRIZZO : COMUNE : VICENZA INTERVENTO

Dettagli

Risparmio e Certificazione Energetica per la Regione Lombardia

Risparmio e Certificazione Energetica per la Regione Lombardia Risparmio e Certificazione Energetica per la Regione Lombardia Legge Regionale della Lombardia D.G.R. 5018 "Disposizioni inerenti all'efficienza energetica in edilizia Metodo di calcolo e Normative Finalità

Dettagli

Relazione DGR VIII-8745. ing. L. Castagnola 14/10/2010 pag. 1 di10 DGR 8745-22/12/2008

Relazione DGR VIII-8745. ing. L. Castagnola 14/10/2010 pag. 1 di10 DGR 8745-22/12/2008 ing. L. Castagnola 14/10/2010 pag. 1 di10 DGR 8745-22/12/2008 Determinazioni in merito alle disposizioni per l'efficienza energetica in edilizia e per la certificazione energetica degli edifici in vigore

Dettagli

STIMA 10 TFM Versione 6.2.02 Guida sintetica della revisione per D.Lgs n 311-29 Dicembre 2006

STIMA 10 TFM Versione 6.2.02 Guida sintetica della revisione per D.Lgs n 311-29 Dicembre 2006 STIMA 10 TFM Versione 6.2.02 Guida sintetica della revisione per D.Lgs n 311-29 Dicembre 2006 Premessa La revisione qui descritta riguarda le nuove procedure integrate STIMA10 e TFM nel programma in applicazione

Dettagli

Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico

Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico FIERA NUOVA BERGAMO Alta efficienza e basso consumo: analisi economiche e soluzioni intelligenti Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico D.Lgs n.

Dettagli

D.G.R. 22 dicembre 2008 n. 8/8745 Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia 2 suppl. straordinario 15 gennaio 2009 e s.m.i

D.G.R. 22 dicembre 2008 n. 8/8745 Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia 2 suppl. straordinario 15 gennaio 2009 e s.m.i D.G.R. 22 dicembre 2008 n. 8/8745 Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia 2 suppl. straordinario 15 gennaio 2009 e s.m.i Notiziario SEGU S.r.l. Legislazione Categoria: certificazione energetica edifici

Dettagli

SETTORE AMBIENTE. Struttura di Supporto Provincia di Bergamo. LINEE GUIDA Allegato Energetico al Regolamento Edilizio

SETTORE AMBIENTE. Struttura di Supporto Provincia di Bergamo. LINEE GUIDA Allegato Energetico al Regolamento Edilizio Struttura di Supporto Provincia di Bergamo LINEE GUIDA Allegato Energetico al Regolamento Edilizio Ottobre 2011 Assessore all Ambiente: Pietro Romanò Assessore all Innovazione Tecnologica: Roberto Anelli

Dettagli

Conferenza Internazionale Riuso Sostenibile del Patrimonio Edilizio Torino, 5 giugno 2007 L ENERGIA: CHIAVE DI VOLTA DEL RIUSO EDILIZIO SOSTENIBILE Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico

Dettagli

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Indirizzi del settore energia nella provincia di Livorno Roberto Bianco 19 giugno 2007 1 Pianificazione energetica provinciale: di linee di indirizzo

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA IN LOMBARDIA

DISPOSIZIONI PER L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA IN LOMBARDIA DISPOSIZIONI PER L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA IN LOMBARDIA Deliberazione di Giunta Regionale 22 dicembre 2008 N. VIII/8745 Valentina Sachero REGIONE LOMBARDIA DG Reti, Servizi di Pubblica Utilità

Dettagli

Controlli energetici sugli edifici privati: obblighi, sanzioni e contributi economici

Controlli energetici sugli edifici privati: obblighi, sanzioni e contributi economici Controlli energetici sugli edifici privati: obblighi, sanzioni e contributi economici Riferimenti normativi (DGR 8745/2008, LR 3/2001, LR 10/2009, LR 26/1995) Lodi, 28 novembre2012 Relatore: ing. Luca

Dettagli

rendimento energetico nell'edilizia

rendimento energetico nell'edilizia Efficienza.. La Direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico nell'edilizia L'energia impiegata nel settore residenziale e terziario... rappresenta oltre il 40 % del consumo finale di energia della Comunità

Dettagli

EFFICIENZA E QUALITÀ ENERGETICA: I DATI DEL PATRIMONIO EDILIZIO CERTIFICATO

EFFICIENZA E QUALITÀ ENERGETICA: I DATI DEL PATRIMONIO EDILIZIO CERTIFICATO 1 CONFERENZA STAMPA DIPRESENTAZIONE DEL PROGETTO BIOCASA 2012: INNOVAZIONE, SOSTENIBILITÀ, EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA EFFICIENZA E QUALITÀ ENERGETICA: I DATI DEL PATRIMONIO EDILIZIO CERTIFICATO

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : CONI SPA EDIFICIO : PISCINA MILANO CONI INDIRIZZO : VIA MONTEVIDEO N.20

Dettagli

DECRETO N. 224 Del 18/01/2016

DECRETO N. 224 Del 18/01/2016 DECRETO N. 224 Del 18/01/2016 Identificativo Atto n. 15 DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE Oggetto INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO

Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni PRIVATI, tipologia e

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. La Certificazione Energetica in Lombardia. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. La Certificazione Energetica in Lombardia. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti La Certificazione Energetica in Lombardia Novembre 2011 Cos è l ACE L Attestato di Certificazione Energetica (ACE) è un documento che attesta la prestazione

Dettagli

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06)

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Nuovo ambito di applicazione Certificazione energetica Controllo e manutenzione degli impianti termici Verifiche del

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 2555 Seduta del 24/11/2011

DELIBERAZIONE N IX / 2555 Seduta del 24/11/2011 DELIBERAZIONE N IX / 2555 Seduta del 24/11/2011 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente GIULIO DE CAPITANI DANIELE BELOTTI ROMANO LA RUSSA GIULIO BOSCAGLI CARLO

Dettagli

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 COMMITTENTE : EDIFICIO : Casa a schiera BOLOGNA INDIRIZZO : COMUNE : BOLOGNA Rif.: C:\Users\manuel.canella\Desktop\BOLOGNA

Dettagli

Il quadro normativo regionale e le nuove azioni per l edilizia l sostenibile

Il quadro normativo regionale e le nuove azioni per l edilizia l sostenibile Regione Lombardia Il quadro normativo regionale e le nuove azioni per l edilizia l sostenibile REGIONE LOMBARDIA Reti e Servizi di Pubblica Utilità e Sviluppo Sostenibile 2006: AVVIO DELLO STUDIO PER UN

Dettagli

DECRETO ATTUATIVO DEL 19 FEBBRAIO 2007 RELATIVO AGLI ARTICOLI DA 344 A 349 DELLA LEGGE FINANZIARIA 2007

DECRETO ATTUATIVO DEL 19 FEBBRAIO 2007 RELATIVO AGLI ARTICOLI DA 344 A 349 DELLA LEGGE FINANZIARIA 2007 DECRETO ATTUATIVO DEL 19 FEBBRAIO 2007 RELATIVO AGLI ARTICOLI DA 344 A 349 DELLA LEGGE FINANZIARIA 2007 Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici

La certificazione energetica degli edifici La certificazione energetica degli edifici Arch. Riccardo Giacobazzi Consulente tecnico di CISA per il settore della bioedilizia Decreto Legislativo del 29 dicembre 2006 n.311 Disposizioni correttive e

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA

EFFICIENZA ENERGETICA EFFICIENZA ENERGETICA La strategia italiana per l'efficienza energetica arch. Mario NOCERA GREEN JOBS E NUOVE OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO NELL AMBITODELL EFFICIENZA ENERGETICA: STRUMENTI, INNOVAZIONI E BUONE

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA: regole per l efficienza energetica degli edifici

REGIONE LOMBARDIA: regole per l efficienza energetica degli edifici REGIONE LOMBARDIA: regole per l efficienza energetica degli edifici GUIDE D APPROFONDIMENTO TECNICO VERSIONE 2.0 GENNAIO 2011 www.anit.it Associazione Nazionale per l Isolamento Termico e acustico Indice:

Dettagli

Prestazione energetica degli edifici - 1

Prestazione energetica degli edifici - 1 ALLEGATO 3 REQUISITI MINIMI DI PRESTAZIONE ENERGETICA 6.. REQUISITO Prestazione energetica degli edifici (Parte seconda, allegato, punti, 7, 5 ) Esigenza da soddisfare Ridurre i consumi energetici per

Dettagli

Gli sviluppi normativi a livello statale e regionale in materia di rendimento energetico nell edilizia. edilizia

Gli sviluppi normativi a livello statale e regionale in materia di rendimento energetico nell edilizia. edilizia Risparmio energetico ed edilizia: normative, soluzioni, esempi ed incentivi economici Parco Alta Valle Pesio e Tanaro Chiusa Pesio, 9.11.2006 Gli sviluppi normativi a livello statale e regionale in materia

Dettagli

Costruire con sole, vento, acqua

Costruire con sole, vento, acqua Costruire con sole, vento, acqua Il progetto D.A.R.E. BIO per un architettura sostenibile a Cecina La certificazione energetica degli edifici Roberto Bianco Cecina - 4 maggio 2006 DIRETTIVA EUROPEA SUL

Dettagli

SICIV SOCIETA ITALIANA CERTIFICAZIONI ISPEZIONI VALIDAZIONI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

SICIV SOCIETA ITALIANA CERTIFICAZIONI ISPEZIONI VALIDAZIONI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SICIV SOCIETA ITALIANA CERTIFICAZIONI ISPEZIONI VALIDAZIONI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI è un Organismo di Certificazione Ispezione e di Verifica, accreditato da SINCERT, con Certificati

Dettagli

Sintesi delle disposizioni inerenti all efficienza energetica in edilizia Regione Lombardia

Sintesi delle disposizioni inerenti all efficienza energetica in edilizia Regione Lombardia Sintesi delle disposizioni inerenti all efficienza energetica in edilizia Regione Lombardia DGR 5018 26/06/2007 DGR 5773-31/10/2007 Nel presente documento sono state evidenziate in rosso le novità introdotte

Dettagli

ALLEGATO I - Criteri di ammissibilità e calcolo degli incentivi per gli interventi di incremento dell efficienza energetica

ALLEGATO I - Criteri di ammissibilità e calcolo degli incentivi per gli interventi di incremento dell efficienza energetica ALLEGATO I - Criteri di ammissibilità e calcolo degli incentivi per gli interventi di incremento dell efficienza energetica 1. Criteri di ammissibilità Nelle tabelle sottostanti si riportano i requisiti

Dettagli

RIQUALIFICARE IL CONDOMINIO: I nuovi obblighi di legge e le opportunità per amministratori, gestori, progettisti

RIQUALIFICARE IL CONDOMINIO: I nuovi obblighi di legge e le opportunità per amministratori, gestori, progettisti RIQUALIFICARE IL CONDOMINIO: I nuovi obblighi di legge e le opportunità per amministratori, gestori, progettisti Per. ind. Fabio Bonalumi -consigliere Collegio Periti Industriali delle province di Milano

Dettagli

Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008

Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008 Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008 Ecoincentivi: interventi sul risparmio energetico e modifiche apportate portate nella finanziaria 2008 per la detrazione

Dettagli

Disposizioni inerenti all efficienza energetica in edilizia

Disposizioni inerenti all efficienza energetica in edilizia 1 Disposizioni inerenti all efficienza energetica in edilizia INDICE 1. FINALITÀ 2. DEFINIZIONI 3. AMBITO DI APPLICAZIONE 4. REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI E DEGLI IMPIANTI 5. METODOLOGIA

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

Il fabbisogno di energia primaria degli edifici nelle nuove procedure della Regione Lombardia

Il fabbisogno di energia primaria degli edifici nelle nuove procedure della Regione Lombardia EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI ED ENERGIE DA FONTI RINNOVABILI NEL NUOVO QUADROLEGISLATIVO politiche, procedure, buone pratiche Il fabbisogno di energia primaria degli edifici nelle nuove procedure

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI a) Premessa L incentivo fiscale per il risparmio energetico introdotto con la Finanziaria 2007 è paragonabile per grandi linee

Dettagli

ALLEGATO A. Tecnologie di utilizzo delle fonti rinnovabili, ove presenti. (23) Tipologia di sistemi per l utilizzazione delle fonti rinnovabili:..

ALLEGATO A. Tecnologie di utilizzo delle fonti rinnovabili, ove presenti. (23) Tipologia di sistemi per l utilizzazione delle fonti rinnovabili:.. ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA (dati riferiti alla situazione successiva agli interventi) Dati generali (1) Ubicazione dell edificio:. (2) Anno di costruzione:.. (3) Proprietà dell edificio:..

Dettagli

CASA INSALUBRE STRUMENTI DI INTERVENTO

CASA INSALUBRE STRUMENTI DI INTERVENTO CASA INSALUBRE STRUMENTI DI INTERVENTO - principali disposizioni di legge per la certificazione energetica Cesena, 17/12/2008 Parte 1 Ing.Gabriele Raffellini principali disposizioni di legge per la certificazione

Dettagli

Il cammino del D.Lgs. 192/05

Il cammino del D.Lgs. 192/05 Convegno Il mercato dell efficienza efficienza energetica: evoluzione, orientamenti ed opportunità legate all incontro fra gli attori Il cammino del D.Lgs. 192/05 Ing. Sandro Picchiolutto Il cammino del

Dettagli

LA DIAGNOSI ENERGETICA e le PRINCIPALI TIPOLOGIE di INTERVENTO negli EDIFICI COMITATO SCIENTIFICO. Ing. Valerio DABOVE Direttore Comitato Scientifico

LA DIAGNOSI ENERGETICA e le PRINCIPALI TIPOLOGIE di INTERVENTO negli EDIFICI COMITATO SCIENTIFICO. Ing. Valerio DABOVE Direttore Comitato Scientifico INCONTRO TAVOLA ROTONDA 14 luglio 2008 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA E RISPARMIO ENERGETICO: COME ATTUARE GLI INTERVENTI NEGLI IMMOBILI LA DIAGNOSI ENERGETICA e le PRINCIPALI TIPOLOGIE di INTERVENTO negli

Dettagli

Finanziaria e detrazioni del 55%

Finanziaria e detrazioni del 55% Finanziaria e detrazioni del 55% Le detrazioni del 55% saranno valide fino al 31 dicembre 2012 alle stesse condizioni. In dettaglio ecco cosa prevede la normativa a sostegno degli interventi di risparmio

Dettagli

Efficienza e Certificazione energetica in Emilia-Romagna. Mirandola, 15 luglio 2008 Fabrizio Ragazzi AESS

Efficienza e Certificazione energetica in Emilia-Romagna. Mirandola, 15 luglio 2008 Fabrizio Ragazzi AESS Efficienza e Certificazione energetica in Emilia-Romagna Mirandola, 15 luglio 2008 Fabrizio Ragazzi AESS IL DECRETO LEGISLATIVO 311/2006 Il 2 febbraio 2007 è entrato in vigore il decreto legislativo n.

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B COMMITTENTE : Amministrazione comunale di Rogeno EDIFICIO : Scuola Secondaria INDIRIZZO : Rogeno,Via vecchia Casletto

Dettagli

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia (come modificata dalla LR 23 novembre 2009, n. 71 e s.m.i.) Capo IV Razionalizzazione della produzione e dei consumi, risparmio

Dettagli

Direzione Lavori Pubblici e Qualità Urbana. Energy Manager ALLEGATO A

Direzione Lavori Pubblici e Qualità Urbana. Energy Manager ALLEGATO A ALLEGATO A REQUISITI TECNICI MINIMI AGEVOLAZIONI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI ESISTENTI BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI INTERVENTI VOLTI AL RISPARMIO E ALL EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 140

LEGGE REGIONALE N. 140 VII LEGISLATURA ATTI: 011117 LEGGE REGIONALE N. 140 NORME PER IL RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI E PER LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI INQUINANTI E CLIMALTERANTI Approvata nella seduta del 15 dicembre

Dettagli

WORKSHOP LE NOVITÀ DEL SETTORE ENERGIA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED IMPIANTI TERMICI

WORKSHOP LE NOVITÀ DEL SETTORE ENERGIA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED IMPIANTI TERMICI WORKSHOP LE NOVITÀ DEL SETTORE ENERGIA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED IMPIANTI TERMICI EVOLUZIONE DELLA LEGISLAZIONE E NORMATIVA ENERGETICA PER LA PROGETTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA

Dettagli

IL DDG N. 14006 DEL 15 DICEMBRE 2009 PRECISAZIONI IN MERITO ALL APPLICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

IL DDG N. 14006 DEL 15 DICEMBRE 2009 PRECISAZIONI IN MERITO ALL APPLICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED IL DDG N. 14006 DEL 15 DICEMBRE 2009 PRECISAZIONI IN MERITO ALL APPLICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI VIGENTI IN MATERIA DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI E MODIFICHE

Dettagli

ALLEGATO 2 1. INFORMAZIONI GENERALI

ALLEGATO 2 1. INFORMAZIONI GENERALI ALLEGATO 2 RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Dott.Ing. Fabio Sicurella f.sicurella@diim.unict.it

Dott.Ing. Fabio Sicurella f.sicurella@diim.unict.it ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA COMMISSIONE GIOVANI PRINCIPI BASILARI PER LA PROGETTAZIONE Problematiche energetiche del sistema Edificio-Impianto Dott.Ing. Fabio Sicurella f.sicurella@diim.unict.it

Dettagli

COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA

COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE NORME TRANSITORIE DI CUI AL D.LGS. N.192 DEL 19 AGOSTO 2005 E AL D.LGS. N.311 DEL 29 DICEMBRE 2006 INTRODUZIONE Allegato al Regolamento

Dettagli

MILANO - GIOVEDÌ, 15 GENNAIO 2009. Sommario

MILANO - GIOVEDÌ, 15 GENNAIO 2009. Sommario REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - GIOVEDÌ, 15 GENNAIO 2009 2º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXIX - N. 8 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

INTERVENTO SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI ESISTENTI

INTERVENTO SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI ESISTENTI 1 RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI ESISTENTI Legge finanziaria 2007 (L.296/2006 art. 1 comma 344-348); prorogata dalla Finanziaria 2008 (ART. 1, COMMA 20 e 24, 286, L.244 del 24 dicembre 2007) DM del

Dettagli

RM Impianti Via delle case Rosse, 16 Loc. Tuori, 52040, Civitella in Val di Chiana Arezzo Tel.: +390575441292 Fax : +390575441385

RM Impianti Via delle case Rosse, 16 Loc. Tuori, 52040, Civitella in Val di Chiana Arezzo Tel.: +390575441292 Fax : +390575441385 Requisiti necessari per accedere alla detrazione Irpef del 65% per l installazione di caldaia a biomassa REQUISITI GENERALI CHE L IMMOBILE OGGETTO D INTERVENTO DEVE POSSEDERE PER POTER USUFRUIRE DELLE

Dettagli

TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI

TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI In Italia, il 19 agosto 2005 è sstato disposto il Decreto Legislativo n. 192 in attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia,

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI DEL 65% INCENTIVI FISCALI

DETRAZIONI FISCALI DEL 65% INCENTIVI FISCALI INCENTIVI FISCALI RISPARMIO ENERGETICO AGEVOLAZIONI FISCALI IN TERMINI DI DETRAZIONI IRPEF / IRES DEL 65% IN COSA CONSISTE? L agevolazione consiste nel riconoscimento di detrazioni dall imposta IRPEF /

Dettagli

Decreto legislativo 19 agosto 2005 n. 192 Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia

Decreto legislativo 19 agosto 2005 n. 192 Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia Decreto legislativo 19 agosto 2005 n. 192 Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia Decreto legislativo 29 dicembre 2006 n. 311 Attuazione della direttiva 2002/91/CE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA

RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI 1. INFORMAZIONI GENERALI

Dettagli

Comune di ZANICA Provincia di Bergamo. ALLEGATO ENERGETICO al Regolamento Edilizio

Comune di ZANICA Provincia di Bergamo. ALLEGATO ENERGETICO al Regolamento Edilizio ALLEGATO A Comune di ZANICA Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO al Regolamento Edilizio 1 di 13 PREMESSA E inevitabile che la normativa nazionale e regionale si conformi nei prossimi anni alle indicazioni

Dettagli

Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto

Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto Associazione Nazionale Costruttori di Impianti Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto Relatore: Vincenzo Corrado www.assistal.it

Dettagli

ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI -

ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI - ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI - A. INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE COMPLESSIVA DELL EDIFICIO...2 A) VALORI LIMITE...2 B) COSTI AMMISSIBILI...3 C) CONTENUTO DELL ASSEVERAZIONE...3 B. INTERVENTI SU STRUTTURE

Dettagli

LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Soggetti beneficiari Per gli interventi di cui all art. 1, commi da 2 a 5 del Decreto 19 febbraio 2007, la detrazione dall imposta

Dettagli

Efficienza energetica degli edifici: inquadramento legislativo e normativo ing. Emanuele Pifferi

Efficienza energetica degli edifici: inquadramento legislativo e normativo ing. Emanuele Pifferi Corso di certificazione energetica degli edifici Efficienza energetica degli edifici: inquadramento legislativo e normativo ing. Emanuele Pifferi Ing. Emanuele Pifferi LEGISLAZIONE SOMMARIO DELLA LEZIONE

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA

EFFICIENZA ENERGETICA EFFICIENZA ENERGETICA Focus Detrazioni 65%: Le sostituzioni di impianti di climatizzazione invernale ai sensi del comma 347 arch. Mario NOCERA WORKSHOP L evoluzione degli impianti alla luce dell efficienza

Dettagli

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni UNIAMO LE ENERGIE 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni Aggiornamento dello STRALCIO DI PIANO PER IL RISCALDAMENTO AMBIENTALE E IL CONDIZIONAMENTO e disposizioni attuative della l.r. 13/2007 IN MATERIA

Dettagli

GOLF CLUB LE ROBINIE. Obbligo della certificazione energetica negli atti di compravendita e contratti di affitto

GOLF CLUB LE ROBINIE. Obbligo della certificazione energetica negli atti di compravendita e contratti di affitto ANACI FULL IMMERSION Il riscaldamento condominiale e le assicurazioni Obbligo della certificazione energetica negli atti di compravendita e contratti di affitto Relatore: GOLF CLUB LE ROBINIE L Associazione

Dettagli

Circolare N.73 del 2 Maggio 2013

Circolare N.73 del 2 Maggio 2013 Circolare N.73 del 2 Maggio 2013 Conto termico, via agli incentivi Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che sono state pubblicate sul sito della GSE le regole tecniche per beneficiare

Dettagli

A T T E S T A T O D I P R E S T A Z I O N E E N E R G E T I C A D E G L I E D I F I C I

A T T E S T A T O D I P R E S T A Z I O N E E N E R G E T I C A D E G L I E D I F I C I DATI GENERALI Destinazione d'uso Residenziale Non residenziale Classificazione D.P.R. 412/93: E.1 (1) Oggetto dell attestato Intero edificio Unità immobiliare Gruppo di unità immobiliari Numero di unità

Dettagli