Relazione andamento economico-gestionale della società Arezzo Multiservizi s.r.l.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione andamento economico-gestionale della società Arezzo Multiservizi s.r.l."

Transcript

1 Relazione andamento economico-gestionale della società Arezzo Multiservizi s.r.l. Secondo semestre 2012 ( 30 giugno 2012/ 31 dicembre 2012) ******************* Considerazioni generali Ai sensi dell art. 24, comma 4 lettera m) delle NORME PER IL FUNZIONAMENTO DELLA SOCIETA, rimetto al Consiglio di Amministrazione relazione sull andamento economicogestionale della società relativa al periodo 1 gennaio 2012/ 31 giugno 2012 Attività del CDA, Assemblea Soci, Ufficio Controllo Gestione Comune Consiglio di Amministrazione Nel periodo01 luglio 2012/ 31 dicembre 2012 il Consiglio di Amministrazione della società si è riunito in n. 6 sedute : 26 luglio settembre ottobre ottobre novembre dicembre 2012 L Assemblea dei Soci Nel periodo in oggetto l Assemblea dei Soci non è stata convocata Collegio dei Revisori Il Collegio dei Revisori ha eseguito n. 2 verifiche: 16 agosto novembre 2012 Ufficio Controllo Gestione Comune Non si sono avute visite ispettive da parte dell Ufficio Controllo del Comune di Arezzo Disciplina dei servizi pubblici locali La sentenza della Corte Costituzionale n. 199 del 20 luglio 2012 che ha dichiarato illegittima la normativa sui servizi pubblici locali di cui al D.L 138/2011 ha determinato per la Arezzo Multiservizi s.r.l., società costituita nella forma dell <<in house providing>> e affidataria diretta del servizio cimiteriale del Comune di Arezzo: il venir meno del termine di decadenza ( 31 dicembre 2012) dell affidamento diretto previsto dal comma 32 dell art. 3 del citato decreto; il venir meno della disciplina restrittiva degli affidamenti in house in termini di procedimento e di valore previsti dal comma 123 del citato art. 4; il venir meno del divieto di acquisire nuovi servizi da enti pubblici privati previsto dal comma 33 del citato art. 4 1

2 La Corte ha sostenuto che ogni restrizione alla normativa europea in materia di affidamenti in house deve essere considerata contrastante con la volontà espressa con i referendum del giugno Sulla base di tale decisione il CDA, visto il parere dell avv. Pasquini ha deliberato di sospendere l incarico precedentemente affidato allo stesso legale teso a sviluppare l analisi sui possibili modelli di affidamento del servizio, dando atto che, alla luce della situazione determinata dalla sentenza della Corte Costituzionale, l affidamento alla Società andrà a scadenza naturale ( 2027). Resta a carico del Comune di Arezzo che ha affidato il servizio direttamente, l obbligo di redigere e pubblicare entro il 31 dicembre 2013 una relazione motivata in ordine alle ragioni e alla sussistenza dei requisiti previsti dall ordinamento europeo per la forma di affidamento prescelta e che definisca gli obblighi di servizio pubblico ed universale e le eventuali compensazioni economiche. Il CDA ha quindi deliberato di attivare la redazione del piano industriale, indispensabile per una programmazione degli investimenti coerente con i bisogni del servizio e con il piano economicofinanziario della Società. Piano industriale Il CDA ha deliberato nel mese di settembre di riprendere contatti con l azienda Lothar s.r.l., già selezionata con gara per l affidamento dell incarico di predisposizione del piano industriale, e temporaneamente sospeso in attesa degli specifici indirizzi da parte del Comune, ed è stata avviata formalmente la procedura di redazione del piano industriale. In assenza del Piano regolatore Cimiteriale, l incarico assegnato alla Lothar prevede lo sviluppo del piano industriale per il quinquennio 2013/2017 sulla base delle linee programmatiche riportate nel Regolamento urbanistico; per il restante periodo ( 2018/2027) sulla base delle prescrizioni che verranno date con il PRGC. Piano Regolatore cimiteriale Contestualmente alla necessità di redazione del piano industriale della Società, è stata nuovamente affrontata l urgenza della redazione del Piano Regolatore Cimiteriale. Sin dalla sua costituzione la Società attraverso il Presidente ha più volte rappresentato all Amministrazione Comunale la necessità e l urgenza della approvazione del piano regolatore cimiteriali quale strumento di programmazione urbanistica essenziale per una corretta programmazione degli investimenti, coerente con il piano economico e finanziario della società In mancanza del PRGC la Società, dalla sua costituzione ( 31/12/2007) ha operato investimenti di ampliamento cimiteriale soltanto in quei siti cimiteriali ove è stato possibile operare all intermo del perimetro cimiteriale esistente. Tale fatto non ha consentito di intervenire in siti cimiteriale con particolari situazioni di limitata disponibilità di posti e ha richiesto, in tali situazioni,massima attenzione nella programmazioni di interventi di estumulazione per garantire al massimo la disponibilità di posti necessaria. L ufficio tecnico della Società negli scorsi anni ha lavorato alle linee programmatiche di sviluppo dei 54 siti cimiteriali, linee di indirizzo confluite nel Regolamento Urbanistico. Alla luce della sentenza della Corte Costituzionale che delinea il mantenimento in essere della società e dell affidamento del servizio sino alla data di naturale scadenza, il Presidente nello scorso mese di ottobre/novembre ha nuovamente evidenziato all Amministrazione Comunale l urgenza e la necessità dell approvazione del PRGC prospettando anche una collaborazione con gli uffici comunale e l incarico ad un tecnico per l adeguamento e il completamento delle 108 tavole grafiche di progettazione del piano regolatore. L Amministrazione Comunale ha avviato la procedura accogliendo la proposta dell Azienda e ha proceduto alla nomina di un proprio RUP che seguirà la redazione del PRGC sino al suo completamento. 2

3 Regolamento per la gestione dei rifiuti Per disciplinare la materia relativa alla gestione dei rifiuti prodotti nello svolgimento del servizio cimiteriale, si è proceduto con la collaborazione di Comune, Provincia, ARPAT e ASL 8 alla stesura di un Regolamento. Tale documento, approvato dal CDA, è stato trasmesso a tutti gli organi sopracitati che hanno partecipato con il direttore tecnico e il sottoscritto direttore alla redazione del documento. Regolamento di Polizia Mortuaria Comunale Sempre nell ottica di definire gli strumenti necessari per una idonea gestione del servizio cimiteriale affidato è stato dato nuovo impulso alla redazione del Regolamento di Polizia Mortuaria Comunale. Si è quindi proceduto al riesame di una prima bozza già predisposta a fine Sulla base delle considerazioni emerse in ordine alla gestione dei rifiuti prodotti dal servizio, si è proceduto con la collaborazione di Comune, Provincia, ARPAT e ASL 8 alla stesura di un Regolamento per la gestione dei rifiuti. La bozza riveduta e corredata di tale Regolamento è stata trasmessa all Amministrazione Comunale per l avvio delle procedure di approvazione. Interventi Cimitero monumentale Sale del Commiato Nel mese di giugno sono state inaugurate le Sale del Commiato realizzate nella Palazzina a lato sinistro della Chiesa del Cimitero monumentale. Contestualmente ai lavori di ristrutturazione dell immobile la Società ha proceduto ad una nuova sistemazione dell impianto di illuminazione di tutto il piazzale di ingresso antistante la palazzina e la Chiesa Le Stanze del Commiato sono state messe a disposizione delle Imprese di Onoranze Funebri per consentire cerimonie di commiato laiche o di qualsiasi altro culto religiose. La prenotazione della Sale deve essere fatta on-line da parte delle Imprese Funebri incaricate dalle famiglie. Nel periodo giugno/ dicembre 2012 la Sala del Commiato è stata prenotata per n. 6 servizi con un 9introito pari a complessivi. 637,46 Punto informazione Dal mese di maggio 2012 l ufficio del Punto informazione, è stato trasferito al piano terra della palazzina che ospita le Sale del Commiato, in un ambiente nuovo ed accogliente. L Ufficio costituisce un punto di riferimento per i Cittadini che possono acquisire informazione sui servizi relativamente al cimitero urbano, come ai cimiteri extraurbani e presentare richieste o segnalazione di guasti o disservizi alle quali l operatore fornisce immediata risposta ove possibile, o provvede a rimetterla agli uffici per le verifiche di competenza. Proprio in considerazione dell ampio apprezzamento che tale servizio ha riscontrato nell utenza, e per assicurare un servizio funzionale alle Sale del Commiato è stata implementato l orario di apertura del servizio stesso che da maggio è aperto tutti i giorni, mattina e pomeriggio con il seguente orario: Lunedì/sabato Mattina ore 9,30/12,00 Pomeriggio ore 15,30/18 3

4 La nuova collocazione e l ampliamento dell orario di apertura del Punto Informazione ha determinato un consistente incremento sia delle telefonate al numero verde, sia delle presenze di cittadini presso l ufficio, particolarmente rilevante nei mesi di settembre, ottobre e novembre. In tutto l anno 2012 si sono registrate: n telefonate n visite Nel periodo maggio/ dicembre 2012 ha registrato: n telefonate al numero verde n visite maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre visite82 visite74 visite108 visite 115 visite 143 visite 310 visite 189 visite 96 tel. 136 tel.128 tel. 205 tel. 140 tel. 85 tel. 227 tel. 104 tel. 129 Intervento manutenzione straordinaria gruppo loculi dietro emiciclo di sinistra Stante il grave stato di pericolosità dovuto al distacco dei paramenti in travertino dalla sottostante muratura, causato da infiltrazioni di acqua e usura del tempo, nel mese di novembre, con provvedimento di urgenza è stato deliberato l avvio dei lavori di sistemazione di due un gruppi di loculi per un totale di 170 posti nella terrazza dietro l emiciclo sinistro. L intervento volto ad eliminare situazione di pericolo e di grave degrado, consentirà di riqualificare una zona monumentale di pregio andando a completare la riqualificazione della parte sinistra del cimitero monumentale già avviata con l intervento di realizzazione dell ascensore e della scala di accesso al secondo ripiano di sinistra. Il completamento dell intervento è previsto entro il prossimo mese di aprile Lavori copertura loculi terrazza sopra la terza galleria con inserimento vetri fotovoltaici Nel mese di novembre hanno preso avvio i lavori di copertura del blocco di loculi sopra la terza galleria. L intervento fortemente atteso dai concessionari dei posti tomba della terza galleria che hanno in più occasioni evidenziato i gravi danni subiti dalla struttura a seguito dei lavori di realizzazione dell ampliamento del cimitero comunale, consentirà di riqualificare la zona eliminando le gravi infiltrazioni di acqua. Al contempo la scelta di inserire nella copertura vetri fotovoltaici da modo di proseguire il programma avviato dall azienda nell ambito della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, adottando una soluzione architettonicamente compatibile con i luoghi Lavori Manutenzione Messa in opera fontanelle Fra gli interventi di piccola manutenzione e implementazione dei servizi, nel secondo semestre 2012 sono state messe in opera n 4 fontanelle a zampillo con acqua potabile a disposizione degli utenti Riqualificazione area comunale antistante cancello cimitero monumentale Nel mese di settembre, previ accordi con l Amministrazione Comunale, si è proceduto al rifacimento delle condotte e delle griglie per la raccolta delle acque piovane, al successivo rifacimento del manto bituminoso dell area antistante il cancello e alla realizzazione, su ordinanza del Comune, di n. 3 posti auto riservati ai diversamente abili Interventi cimiteri extraurbani Cimitero San Leo 4

5 Nel cimitero di San Leo, che sempre più si va qualificando come il secondo cimitero urbano per estensione e per la sua ubicazione, dopo l attivazione della chiusura automatica del cancello, è stato realizzato un servizio igienico a disposizione dell utenza. Lavori manutenzione viali e lastricati. Nell ambito della convenzione per lavori di piccola manutenzione, affidato a Cooperative di tipo B, sono stati appaltati i lavori per il rifacimento del piano di calpestio dei viali dei cimiteri di Ceciliano, Sant Agata alle Terrine, Staggiano, Quarata, Santa Firmina e Bagnoro. Alla data odierna sono da eseguire gli interventi nei cimiteri di Bagnoro e Santa Firmina che verranno portai a completamento entro il prossimo mese di aprile. Ampliamenti cimiteri Trgozzano, Puglia e Ceciliano Nel secondo semestre sono stati collaudati gli ampliamenti dei cimiteri in oggetto con la realizzazione di n. 36 posti a Ceciliano, 30 posti a Puglia e n. 114 posti a Tregozzano di cui 25 costituscono n. 5 cripte da 5 posti ciascuna da assegnare in concessione novantanovennale. Cappella di Ceciliano Grazie alla collaborazione di cittadini di Ceciliano che hanno contribuito ai lavori, si è proceduto alla tinteggiatura della facciata della cappella del Cimitero di Ceciliano,. Chiusura cancelli in adeguamento Regolamento Polizia Mortuaria. In adeguamento al D.P.R. 285/90 è proseguito dopo il, cimitero di San Leo, il programma di messa in opera di cancelli automatici per garantire la chiusura dei siti cimiteriali in orari prestabiliti, migliorando la custodia e la gestione. In cimiteri interessati dagli interventi sono: Rigutino, Sant Anastasio, Battifolle. La chiusura e apertura automatica sono operative del mese di novembre Personale e corsi formazione Con il mese di giugno ha avuto avvio, come concordato con le OO.SS. CGIL, CISL,UIL in precedenti riunioni, la procedura in forza della quale riconoscere al personale assunto nel periodo 2009/2010 il profilo professionale 3B del CCNL Federambiente. Sono, quindi, stati organizzati ed espletati i corsi di formazione concordati ai quali hanno partecipato tutti i dipendenti interessati. I corsi sono stati completati con il mese di dicembre In esito agli stessi sono demandate al prossimo CDA le decisioni conseguenti, anche alla luce del ricorso proposto da alcuni dei dipendenti interessati, teso al riconoscimento del livello di inquadramento giuridico ed economico a decorrere dalla data di assunzione Gestione attività amministrativo contabile, economico e finanziaria/ Recupero crediti Il servizio contabile/economico/finanziario,ha raggiunto una sua stabilizzazione e garantisce all Azienda una gestione attenta sia in ambito contabile/finanziario sia nella predisposizione di analisi e di strumenti necessari per poter programmare l attività e il servizio in modo coerente con le disponibilità economiche e le specifiche necessità del servizio, garantendo al contempo un controllo ed una verifica costante. Le numerose disposizioni normative recentemente emanate nell ambito della Spending review e dei decreti Cresci Italia, hanno reso particolarmente gravosi gli adempimenti necessari per disporre il pagamento delle fatture con conseguenti responsabilità in carico al responsabile del servizio. Per rispondere alle disposizioni normative è stata messa a punto la procedura per la gestione dei pagamenti entro i termini fissati dalle disposizioni stesse ( 60 giorni dal ricevimento della fattura), previa 5

6 verifica e accertamento di tutte le condizioni che l azienda è tenuta a rispettare per procedere ai relativi pagamenti. Recupero crediti Le posizioni creditorie relative agli esercizi sono in parte state recuperate mentre per quelle ancora aperte sono state attivate dal Legale incaricato dall azienda le procedure esecutive per il recupero. Le modifiche introdotte dal 1 gennaio 2011 nelle modalità di pagamento dei servizi hanno sostanzialmente limitato le situazioni creditorie aperte per gli anni 2011 e 2012 per le quali è stata avviata la procedura di invio dei solleciti di pagamento. Ad oggi la situazione dei crediti dell azienda risulta la seguente: Totale crediti al 31/12/ ,81 di cui crediti anno ,10 di cui crediti anno ,06 di cui crediti anno ,30 di cui crediti anno ,11 di cui crediti anno ,87 di cui crediti rateali aperti al 31/12/ ,65 Controllo di gestione: organizzazione magazzino e gestione spese ordinarie. Per favorire un sempre maggiore controllo delle spese di gestione della società e garantire al contempo il rispetto dei molteplici adempimenti previsti per disporre il pagamento di servizi e forniture, si sta procedendo alla definizione di convenzioni in tutti i rapporti continuativi con i fornitori prevedendo nell ambito delle convenzioni stesse modalità di pagamento delle competenze raggruppate, ove possibile, in date determinate. Per tutti i pagamenti è prevista la liquidazione entro il termine di giorni 60 dal ricevimento della fattura, previa verifica e acquisizione di tutte le dichiarazioni e attestazioni richieste dalle vigenti disposizioni di legge. Sito WEB e informazione Nel periodo giugno/dicembre 2012 è stato revisionato il sito della Società. Gli interventi di revisione hanno reso il sito di più facile consultazione per gli utenti e di più agevole gestione per la società. Il sito raccoglie le informazioni relative alla società, ai suoi organi e alle iniziative e interventi realizzati. Prevede uno spazio dedicato alle news e, in osservanza alle recenti disposizioni normative in materia di pubblicità sui siti internet dei concessionari di pubblici servizi, di cui alla L. 134/2012 art. 18 Amministrazione Aperta, prevede sulla homepage il link Trasparenza per rendere pubblici, i seguenti interventi in favore di: -imprese( concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi e ausilii finanziari) - persone, professionisti, imprese ed enti privati ( attribuzione di corrispettivi e compensi) - enti pubblici e privati ( attribuzione di vantaggi economici di qualunque genere di cui all art. 12 della legge 7 agosto 1990,n. 241) Adempimenti decreto lgs. 81/09 e Sicurezza In data 21 dicembre 2011 è stato stipulato nell ambito della Conferenza permanente tra lo Stato, le Regioni e le province di Trento e Bolzano, come previsto dall art. 37, comma 2 del D.Lgs 81/2008 e s.m.i l accordo sulla formazione continua dei lavoratori. Dopo la sua pubblicazione l accordo è operativo dal 22 gennaio

7 Con tale accordo viene disciplinata la materia relativa alla formazione e aggiornamento dei lavoratori, dei dirigenti, dei preposti e del RLS per quanto concerne la durata, i contenuti minimi e le modalità della formazione e aggiornamento. L articolazione del percorso formativo previsto per ciascuna figura( Lavoratori, preposti, dirigenti), suddiviso in Formazione Generale e Formazione specifica è commisurato alla classe di rischio cui appartiene l Azienda. Arezzo Multiservizi rientra nella classe di rischio Alto I corsi formativi dei lavoratori, vanno realizzati previa richiesta di collaborazione agli Organismi Paritetici ( organismi costituiti da una o più associazioni di datori e prestatori di lavoro, maggiormente rappresentative, firmatarie del CCNL applicato in azienda) Per il CCNL FederAmbiente applicato da Arezzo Multiservizi, l organismo paritetico di riferimento risulta essere la Associazione Rubes Triva. Il piano formativo è stato inviato inviato alla Rubes Triva che entro 15 giorni deve dare riscontro e indicazioni in merito alla pianificazione e organizzazione della formazione di : lavoratori, dirigenti, preposti, valutando al contempo la formazione sino ad oggi erogata. L Accordo prevede al paragrafo 11 Riconoscimento della Formazione pregressa il riconoscimento della formazione erogata sino alla data di entrata in vigore dell Accordo se la formazione erogata è conforme alle previsioni normative e alle indicazioni previste nei CCNL per quanto riguarda: durata, contenuti e modalità di svolgimento dei corsi. Dall esame della situazione aziendale emerge che la formazione delle persone preposte alla sicurezza è coerente con le previsioni contrattuali Dati sul servizio Nel periodo 1 luglio 2012/ 31 dicembre 2012, come di seguito elencati, sono stati eseguiti complessivamente: n. 256 tumulazioni; n. 37 inumazioni; n. 68 tumulazioni di resti ossei; n. 1 tumulazioni resti mortali; n. 64 tumulazioni ceneri; n. 13 cremazioni resti ossei; n.136 estumulazioni; n. 34 esumazioni; n. 598 cremazioni come da elenco che segue: 7 Totali cremazioni da 01/07/2012 al 31/12/2012 Provenienza salme Resti mortali Resti ossei Parti anatomiche Comune di Arezzo Provincia di Arezzo Provincia Pistoia Provincia Prato 41 5 Provincia Siena 64 8 Provincia Firenze Provincia Lucca 46 4 Provincia Pisa Provincia Livorno 2 1 feto

8 Provincia Bologna 2 Provincia Trapani 1 Provincia Orvieto 1 Francia (ee) 1 Nicola s foundation 18 U.s.l. 8 1 Totale Totale generale nel periodo n 598 Cremazioni Luci votive Al 31 dicembre 2012 risultano attivi complessivi n n nel cimitero di Fraternita contratti luci votive di cui: n nel cimitero comunale urbano n nei cimiteri extraurbani Risultano eseguiti in detto periodo n. 246 nuovi allacciamenti a fronte di 256 tumulazioni di salme. I nuovi allacciamenti sono stati richiesti come di seguito indicato: allacci 01/07/ CIMITERO 31/12/2012 AGAZZI 5 ANTRIA 2 AREZZO 57 BADIA S. VERIANO BAGNORO 2 BATTIFOLLE 3 BOSSI CAMPOLUCI 1 CECILIANO 3 CHIANI 1 CHIASSA SUPERIORE 6 CINCELLI 1 COMUNALE 36 FRASSINETO 4 GIOVI 6 MARCENA 3 MOLIN NUOVO 1 MONTE SOPRA RONDINE 8

9 PALAZZO DEL PERO 8 PATRIGNONE 3 PENETO PETROGNANO PIEVE A QUARTO POGGIOLA 6 POLICIANO 1 PRATANTICO 2 PUGLIA 3 QUARATA 7 RIGUTINO 1 RONDINE 1 RUSCELLO 5 S. AGATA ALLE TERRINE 2 S. ANASTASIO 5 S. ANDREA A PIGLI 6 S. FIRENZE 3 S. FIRMINA 8 S. FLORA 1 S. LEO 20 S. MARIA ALLA RASSINATA 1 S. POLO 3 S. ZENO 4 STAGGIANO 11 TREGOZZANO 8 VITIANO 5 CAMPRIANO MELICIANO 1 POMAIO S. CASSIANO MISCIANO S. BIAGIO ALLA RASSINATA BIVIGNANO CALBI STAGGIANO VECCHIO totale 246 Al 31 dicembre 2012 risultano attivi: contratti luce attivi

10 cimitero monumentale cimitero comunale 1754 cimiteri extraurbani Cimiteri riservati al seppellimento di residenti E stato svolto da parte degli operatori cimiteriali, coadiuvati da operatori COOB per i lavori edili, un grosso lavoro di recupero posti tomba attraverso estumulazioni. Ciò ha consentito di tenere aperti tutti i cimiteri gestiti. Ad oggi i cimiteri nei quali sono accolti soltanto i defunti residenti in vita nell area della parrocchia o che hanno sepolti nei cimiteri parenti o affini di 1 grado sono n. 25 e precisamente: Agazzi; Bagnoro; Bossi; Campoluci; Ceciliano; Chiassa Superiore; Giovi; Peneto; Petrognano; Pieve a Quarto; Poggiola; Pratantico; Puglia; Quarata; Rondine; S. Agata alle Terrine; S. Andrea a Pigli; S.Firenze; S.Firmina; S. Flora; S. Polo; S. Zeno; Staggiano; Vitiano; Campriano Servizio di cremazione Nel secondo semestre 2012 le entrate derivanti dal servizio cremazione risultano pari ad ,00. Per il trasferimento di inconsunti dai cimiteri extraurbani, l azienda ha sostenuto una spesa di. 195,00 oltre IVA per ciascun trasferimento per complessivi ,00 (al 30 novembre 2012) come emerge dalla tabella che segue, con una consistente riduzione della spesa rispetto a quella sostenuta per la cremazione di inconsunti prima dell attivazione del Tempio crematorio.. MISERICORDIA ONORANZE FUNEBRI COSTO PER CREMAZIONE SALME INCONSUNTE secondo semestre 2012 Data fattura Nr. Fattura Mese trasporto salme inconsunte 17/09/ luglio+agosto 2.340,00 09/10/ settembre 4.095,00 11/12/ ottobre+novembre 2.730,00 TOTALE 9.165,00 Sepolture Islamiche Nel secondo semestre 2012 non sono state richieste sepolture nelle aree riservate ai professanti religione islamica Sepolture Indigenti Nel secondo semestre 2012, sono state richieste dal Comune di Arezzo n. 2 sepolture per indigenti (26/07 e 29/10) Entrambe le sepolture sono state eseguite nel cimitero di San Leo. Richieste pagamenti rateali secondo semestre

11 Al 31/12/2012 risultano aperte n.21 posizioni per pagamenti rateali, con pagamento rata bimestrale, annuo per le cappelle, per un credito complessivo dell azienda pari ad ,65. Nel secondo semestre 2012 sono stati autorizzati i seguenti pagamenti rateali: n. 3 posizioni con pagamento in 3 rate n. 1 posizioni con pagamento in 5 rate Incassi secondo semestre 2012 Nel periodo 1 luglio dicembre 2012 la società ha emesso fatture per un imponibile di ,94 come emerge dalla tabella che segue: CONCESSIONI FATTURATO 2 SEMESTRE 2012 (RICAVI DA ATTIVITA' DI IMPRESA) GRUPPO DESCRIZIONE FATTURATO TUMULAZIONI ESTUMULAZIONI LUCI INUMAZIONE % INCIDENZA CONCESSIONE POSTO TOMBA ,62 39,09% CONCESSIONE CAPPELLE ,00 3,00% CONCESSIONE INUMAZIONE ,00 0,73% CONCESSIONE RESTI AGGIUNTI ,00 1,05% CONCESSIONE RESTI AGGIUNTI II 2.054,00 0,14% CONCESSIONE AREA CAPPELLA 0,00 0,00% RIMBORSO CONCESSIONI ,39-0,43% TOTALE CONCESSIONI ,23 43,58% SERVIZIO TUMULAZIONE R.O ,00 0,15% SERVIZIO TUMULAZIONE POSTO TOMBA ,00 11,97% TUMULAZIONE BAMBINI 216,00 0,01% SERVIZIO TUMULAZIONE OSSARIO/URN 3.432,00 0,23% TOTALE TUMULAZIONI ,00 12,36% ESTUMULAZIONE STRAORDINARIA 2.540,00 0,17% ESTUMULAZIONE OSSARIO 468,00 0,03% TOTALE ESTUMULAZIONI 3.008,00 0,20% CANONE LUCE VOTIVA ,51 25,61% ALLACCIAMENTO LUCE VOTIVA ,00 1,07% TOTALE LUCI ,51 26,68% INUMAZIONE POSTO RIDOTTO 256,00 0,02% INUMAZIONE SU RICHIESTA ASL 0,00 0,00% TOTALE INUMAZIONE 256,00 0,02% MARMO VARIE CREMAZIONI MARMO LOCULI ,00 1,28% MARMO OSSAI/URNA 3.000,00 0,20% TOTALE MARMO ,00 1,49% SERVIZIO DI TRASFERIMENTO 8.944,00 0,60% MAGGIORAZIONE PER PRENOTAZIONE ,20 0,86% TOTALE VARIE ,20 1,46% CREMAZIONE RESTI MORTALI ,00 2,31% CREMAZIONE RESTI OSSEI DA CASSET 3.840,00 0,26% CREMAZIONE SALMA ADULTO ,00 11,03% CREMAZIONE PARTI ANAT. RICONOSCIBILI 8.350,00 0,56% DISPERSIONE CENERI 53,00 0,00% 11

12 CREMAZIONE FETI E PROD. CONCEPIM. 0,00 0,00% CREMAZIONE FERETRO BAMBINI 0,00 0,00% CREMAZ.RESTI O.DA OSS.COM.AL.COM 960,00 0,06% TOTALE CREMAZIONI ,00 14,22% TOTALE RICAVI DA ATTIVITA' IMPRESA ,94 100,00% Arezzo, 21 gennaio 2013 Il Direttore ( Dott.ssa Gianna Rogialli) 12

Attività del CDA, Assemblea Soci, Ufficio Controllo Gestione Comune Consiglio di Amministrazione

Attività del CDA, Assemblea Soci, Ufficio Controllo Gestione Comune Consiglio di Amministrazione Considerazioni generali Relazione andamento economico-gestionale della società Arezzo Multiservizi s.r.l. Secondo semestre 2013 ******************* Ai sensi dell art. 24, comma 4 lettera m) delle NORME

Dettagli

AREZZO MULTISERVIZI s.r.l. Carta dei Servizi Cimiteriali

AREZZO MULTISERVIZI s.r.l. Carta dei Servizi Cimiteriali AREZZO MULTISERVIZI s.r.l. Carta dei Servizi Cimiteriali Arezzo Multiservizi S.r.l. Punto Informazioni in via A. Da Sangallo n. 3 numero verde: 800.055.315 Uffici: Tel. e Fax +39 0575 21.178 Direzione:

Dettagli

AREZZO MULTISERVIZI s.r.l. Carta dei Servizi Cimiteriali

AREZZO MULTISERVIZI s.r.l. Carta dei Servizi Cimiteriali AREZZO MULTISERVIZI s.r.l. Carta dei Servizi Cimiteriali Arezzo Multiservizi S.r.l. Punto Informazioni in via A. Da Sangallo n. 3 numero verde: 800.055.315 Uffici: Tel. e Fax +39 0575 21.178 Direzione:

Dettagli

D. 30 163/2006-34, 20, D.L.

D. 30 163/2006-34, 20, D.L. Affidamento in Concessione dei servizi cimiteriali comunali, ai sensi dell art. 30 del D. Lgs. 163/2006 - Relazione ai sensi dell art. 34, comma 20, D.L. 179/2012 convertito in Legge 221/2012. Premesso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Deliberazione C.C. n. 21 del 9/6/2011 In vigore dal 3 luglio 2011 1 I N D I C E Art. 1 - Oggetto

Dettagli

TARIFFE SERVIZI CIMITERIALI:

TARIFFE SERVIZI CIMITERIALI: Si riporta il prospetto delle nuove tariffe approvate con Delibera di Giunta n 2010/G/00012 del 4 febbraio 2010 e Delibera di Consiglio 2010/C/00011 del 4 aprile 2010.: TARIFFE SERVIZI CIMITERIALI: Contributo

Dettagli

Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale

Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale C ittà d i Squillace -Provincia di Catanzaro- Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

DETERMINAZIONE DI REPERTORIO GENERALE N. 103 DEL 05-04-2013

DETERMINAZIONE DI REPERTORIO GENERALE N. 103 DEL 05-04-2013 DETERMINAZIONE DI REPERTORIO GENERALE N. 103 DEL 05-04-2013 COPIA Settore II: Oggetto: PRESTAZIONI CIMITERIALI PRESSO CIMITERI COMUNALI DI CAPANNOLI E S.PIETRO BELVEDERE. Impegno di Spesa - Affidamento.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI VIONE PROVINCIA DI BRESCIA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 26/11/2010 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI SOMMARIO Art. DESCRIZIONE

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA (Provincia di Grosseto) COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA (Provincia di Grosseto) VERBALE delle DELIBERAZIONI della GIUNTA COMUNALE (DELIBERAZIONE N 34 del 13/02/2014) OGGETTO: TARIFFE LOCULI E AREE CIMITERIALI, LAMPADE VOTIVE,

Dettagli

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE Attesa la necessità di approvare un nuovo testo del Regolamento Comunale di Illuminazione Votiva,

Dettagli

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico OGGETTO: ISTRUTTORIA PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE CIMITERIALI. IL RESPONSABILE DEL SETTORE PREMESSO che: Le tariffe di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI CAPO I NORME GENERALI ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento disciplina il servizio per l illuminazione

Dettagli

C O M U N E DI CREMENAGA PROVINCIA DI VARESE

C O M U N E DI CREMENAGA PROVINCIA DI VARESE 1 Disciplina generale per la concessione di aree e loculi cimiteriali C O M U N E DI CREMENAGA PROVINCIA DI VARESE DISCIPLINA GENERALE PER LA CONCESSIONE DI AREE E LOCULI CIMITERIALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

! Cosa. Richiesta di esumazione

! Cosa. Richiesta di esumazione Richiesta di esumazione! Cosa Esumazione è il dissotterramento della salma o dei resti mortali, dalla sepoltura situata nel campo comune del cimitero. Le esumazioni ordinarie Con l Ordinanza Sindacale

Dettagli

COMUNE DI BORGIA Provincia di Catanzaro

COMUNE DI BORGIA Provincia di Catanzaro COMUNE DI BORGIA Provincia di Catanzaro *********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI Regolamento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n 36 del 28/11/2014

Dettagli

TARIFFARIO CIMITERIALE

TARIFFARIO CIMITERIALE TARIFFARIO CIMITERIALE SERVIZI CIMITERIALI a decorrere dall 1.10.2011 SERVIZI CIMITERIALI Tumulazione di feretro in loculo di testa (80 x 80) cm, ubicato in qualsiasi fila dalla 1^ alla 6^ TARIFFA (IVA

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA Comune di Morciano di Romagna Provincia di Rimini DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA NON PUBBLICA N. 164 IN DATA 23/12/2008 O G G E T T O APPROVAZIONE NUOVE TARIFFE DEI SERVIZI

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO APPROVATO con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Città di Melegnano. (Provincia di Milano) Area Opere Pubbliche, Patrimonio Pubblico ed Ambiente PROJECT FINANCING

Città di Melegnano. (Provincia di Milano) Area Opere Pubbliche, Patrimonio Pubblico ed Ambiente PROJECT FINANCING Città di Melegnano (Provincia di Milano) Area Opere Pubbliche, Patrimonio Pubblico ed Ambiente PROJECT FINANCING CAPITOLATO PRESTAZIONALE E SCHEMA TECNICO PER REDAZIONE DEL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

Dettagli

IL SISTEMA CIMITERIALE

IL SISTEMA CIMITERIALE COMUNE DI LIVORNO INDAGINE CONOSCITIVA PER L AVVIO DEL PROCEDIMENTO DI REVISIONE DEL PIANO STRUTTURALE IL SISTEMA CIMITERIALE A cura dell Istituzione per i servizi alla persona Tav. 1- Tariffe delle operazioni

Dettagli

CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO. Regolamento Comunale Lampade votive

CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO. Regolamento Comunale Lampade votive CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO Regolamento Comunale Lampade votive APPROVATO CON ATTO DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 28 DEL 20.07.2015 Pagina n. 1 di 5 Art.1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna

Città di Minerbio Provincia di Bologna DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 114 del 19/12/2012 C O P I A OGGETTO: DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE CIMITERIALI PER L'ANNO 2013 Oggi diciannove Dicembre duemiladodici alle ore 13:00 nella Casa Comunale,

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione C.C. n. del INDICE Art.1 Oggetto del Regolamento Art.2 Forma

Dettagli

Piano Industriale SPPL Carminio srl 2011

Piano Industriale SPPL Carminio srl 2011 SOCIETA PATRIMONIALE PUBBLICA LOCALE CARMINIO S.r.l. Società Unipersonale a responsabilità limitata Soggetta all attività di Direzione e Coordinamento del COMUNE di CARMIANO PIANO INDUSTRIALE 2011 1 I

Dettagli

COMUNE DI ALBESE CON CASSANO Provincia di Como PIANO CIMITERIALE. (art. 6 regolamento Regionale n. 6 del 9 novembre 2004)

COMUNE DI ALBESE CON CASSANO Provincia di Como PIANO CIMITERIALE. (art. 6 regolamento Regionale n. 6 del 9 novembre 2004) COMUNE DI ALBESE CON CASSANO Provincia di Como PIANO CIMITERIALE (art. 6 regolamento Regionale n. 6 del 9 novembre 2004) (titolo XV regolamento comunale Polizia Mortuaria) Approvato con deliberazione di

Dettagli

SERVIZI CIMITERIALI. RETTE E TARIFFE Servizi Pubblici Locali affidati a Solaris s.r.l. Anno 2015 TARIFFE CONCESSIONI

SERVIZI CIMITERIALI. RETTE E TARIFFE Servizi Pubblici Locali affidati a Solaris s.r.l. Anno 2015 TARIFFE CONCESSIONI RETTE E TARIFFE Servizi Pubblici Locali affidati a Solaris s.r.l. Anno 2015 SERVIZI CIMITERIALI TARIFFE CONCESSIONI LOCULI TRENTENNALI (IVA 10% esclusa) 1 fila 1.435,45 2 fila 2.467,27 3 fila 2.180,91

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo Codice pratica: DET - 302-2015 COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo Prefettura Arezzo - AR - Prot. Ingresso N.0005500 del 20/04/2015 OGGETTO: DETERMINAZIONE N 285 IN DATA 20-04-2015 DEL

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI CIMITERIALI E CREMATORIO

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI CIMITERIALI E CREMATORIO PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI CIMITERIALI E CREMATORIO Art. 01 Finalità e Definizioni 1-La presente procedura disciplina tutte le fasi della gestione dei rifiuti cimiteriali e del crematorio, allo

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con deliberazione di C.C. n.10 del 29.02.2000 Modificato con deliberazione di C.C. n. 11 del 29.05.2012 Integrato e modificato con deliberazione di C.C. n. 9

Dettagli

DOCUMENTI NECESSARI PER IL RILASCIO DEL PASSAPORTO PER SALME DA TRASFERIRE ALL ESTERO PREVISTI DA ACCORDI INTERNAZIONALI

DOCUMENTI NECESSARI PER IL RILASCIO DEL PASSAPORTO PER SALME DA TRASFERIRE ALL ESTERO PREVISTI DA ACCORDI INTERNAZIONALI Allegato 1 DOCUMENTI NECESSARI PER IL RILASCIO DEL PASSAPORTO PER SALME DA TRASFERIRE ALL ESTERO PREVISTI DA ACCORDI INTERNAZIONALI a) Domanda in bollo al Sindaco del Comune in cui si trova la salma da

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA Reg. Gen. n. 351 del 22/07/2015 DETERMINAZIONE N 123 DEL 22.7.2015 CODICE IDENTIFICATIVO GARA (C.I.G.): Z5D1560660 OGGETTO: SERVIZIO DI CONNETTIVITA E SICUREZZA

Dettagli

COMUNE DI PADOVA CONCESSIONE MANUFATTI E AREE CIMITERIALI. approvato con delibera G.C. n. 642 del 21.12.2010. Servizi Cimiteriali

COMUNE DI PADOVA CONCESSIONE MANUFATTI E AREE CIMITERIALI. approvato con delibera G.C. n. 642 del 21.12.2010. Servizi Cimiteriali COMUNE DI PADOVA Servizi Cimiteriali approvato con delibera G.C. n. 642 del 21.12.2010 Tariffe anno 2011 Manufatti ed aree cimiteriali servizi cimiteriali ed illuminazione votiva cremazioni autorizzazioni

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 72 DEL 8 APRILE 2014

DETERMINAZIONE N. 72 DEL 8 APRILE 2014 Azienda Pubblica di servizi alla persona Montedomini Sant Ambrogio Fuligno Bigallo A.S.P. Firenze Montedomini Via de Malcontenti, 6 50122 FIRENZE DETERMINAZIONE N. 72 DEL 8 APRILE 2014 Oggetto: INCARICO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA CODICE COMUNE N. 11137 Pag.n. 1 Comune di Zibido S. Giacomo Provincia di Milano SIGLA G.C. N 78 DATA 11/04/2011 Oggetto: APPROVAZIONE E RIARTICOLAZIONE DEL NUOVO SERVIZIO CIMITERIALE VERBALE DI DELIBERAZIONE

Dettagli

C O M U N E D I A R C E N E Provincia di Bergamo CONVENZIONE

C O M U N E D I A R C E N E Provincia di Bergamo CONVENZIONE C O M U N E D I A R C E N E Provincia di Bergamo CONVENZIONE TRA IL COMUNE E L IMPRESA DI ONORANZE FUNEBRI PER PRESTAZIONI DI SERVIZI FUNEBRI ANNO 2012 Approvato con determinazione n. 427 del 20/12/2011

Dettagli

Provincia di Firenze. Premesso che:

Provincia di Firenze. Premesso che: Oggetto: Affidamento in Concessione dei servizi cimiteriali comunali, ai sensi dell art. 30 del D. Lgs. 163/2006 - Relazione ai sensi dell art. 34, comma 20, D.L. 179/2012 convertito in Legge 221/2012.

Dettagli

CONCESSIONI AREA CIMITERIALE

CONCESSIONI AREA CIMITERIALE TARIFFARIO SERVIZI CIMITERIALI ISTITUZIONALI delibera del C.d.A. di AGEC n 44 del 22/12/2007 delibera del C.d.A. di AGEC n 140 del 21/10/2008 delibera del C.d.A. di AGEC n 157 del 25/11/2008 delibera del

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2015/55 O G G E T T O

COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2015/55 O G G E T T O COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2015/55 O G G E T T O Rimodulazione tariffe servizi cimiteriali L anno duemilaquindici addì

Dettagli

REGOLAMENTO ILLUMINAZIONE VOTIVA

REGOLAMENTO ILLUMINAZIONE VOTIVA REGOLAMENTO del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del 1 ART. 1 Oggetto del regolamento Il presente Regolamento disciplina il servizio di illuminazione

Dettagli

Tempi e modi di erogazione dei servizi. tumulazioni e inumazioni. Prenotazione servizi inumazione tumulazione

Tempi e modi di erogazione dei servizi. tumulazioni e inumazioni. Prenotazione servizi inumazione tumulazione Tempi e modi di erogazione dei servizi tumulazioni e inumazioni I servizi vengono garantiti in maniera continuativa e regolare, tutti i giorni feriali, esclusi i festivi, in numero di 8 servizi giornalieri

Dettagli

COMUNE DI FERRARA. Ordinanza per regolare esumazioni ed estumulazioni nel Comune di Ferrara IL SINDACO

COMUNE DI FERRARA. Ordinanza per regolare esumazioni ed estumulazioni nel Comune di Ferrara IL SINDACO COMUNE DI FERRARA PROTOCOLLO GENERALE Cod. AMC.FE.A01. 17 GEN. 2004 N. 4519 COMUNE DI FERRARA Ordinanza per regolare esumazioni ed estumulazioni nel Comune di Ferrara PROT. N. IL SINDACO - Premesso che

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA PRESSO I CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA PRESSO I CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA PRESSO I CIMITERI COMUNALI Art. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento ha per oggetto la fornitura dell illuminazione

Dettagli

PROGETTO PER IL COMPLETAMENTO DELLA ZONA C DEL CIMITERO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVE SEPOLTURE

PROGETTO PER IL COMPLETAMENTO DELLA ZONA C DEL CIMITERO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVE SEPOLTURE PROPOSTA DI PROJECT FINANCING COMUNE DI ACICATENA (CT) PROGETTO PER IL COMPLETAMENTO DELLA ZONA C DEL CIMITERO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVE SEPOLTURE Affidamento di opere in Concessione di progettazione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI PIATEDA * * *

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI PIATEDA * * * Approvato con deliberazione di C.C. n. 35 del 30.11.2004 COMUNE DI PIATEDA Prov. di Sondrio REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI PIATEDA * * * APPROVATO

Dettagli

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE COPIA Determinazione n. 683 del 18/10/2013 N. registro di area 220 VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Assunta nel giorno 18/10/2013 da Domenico Leo Responsabile del Settore GESTIONE

Dettagli

COMUNE DI CADELBOSCO DI SOPRA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA

COMUNE DI CADELBOSCO DI SOPRA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA COPIA COMUNE DI CADELBOSCO DI SOPRA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA DELIBERAZIONE N. 30 DEL 16/04/2009 ESTRATTO DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE CIMITERIALI,

Dettagli

i servizi cimiteriali i Servizi cimiteriali PoStuMi e le AutorizzAzioni

i servizi cimiteriali i Servizi cimiteriali PoStuMi e le AutorizzAzioni i servizi cimiteriali i Servizi cimiteriali PoStuMi e le AutorizzAzioni AGEC gestisce i servizi Cimiteriali dal 1999, impegnandosi a garantire un servizio di qualità, nel rispetto del decoro e della riservatezza.

Dettagli

38 CON DELIBERAZINE CONSILIARE N. 37/08.07.2009 SONO STATE APPROVATE LE SEGUENTI MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA, APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 100 IN DATA

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA

COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA PROVINCIA DI VENEZIA Via Repubblica 34/36 C.A.P. 30010 Tel. 041/5145911 Fax 041/460017 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELL ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI Approvato

Dettagli

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N 216 IN DATA 23/05/2013 PROTOCOLLO N 0021022 COMUNICATA AI CAPIGRUPPO CONSILIARI IL 29/05/2013 DELIB. IMM. ESEGUIBILE ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVATO CON DELIBERA

Dettagli

COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE DI PONSACCO

COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE DI PONSACCO COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE DI PONSACCO Regolamento approvato con Delibera C.C. N. 42 del 28/09/2012 1 REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SINOPOLI PROV. DI REGGIO CALABRIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE DI SINOPOLI Approvato con deliberazione Consiglio Comunale

Dettagli

Comune di Sassari Deliberazione della Giunta

Comune di Sassari Deliberazione della Giunta N. del Reg. 13 Comune di Sassari Deliberazione della Giunta OGGETTO DETERMINAZIONE TARIFFE PER ONERI CIMITERIALI PER L'ANNO 2012 L anno duemiladodici addì diciotto mese di gennaio in questo comune, nella

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 40 del 01.08.2014 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI

Dettagli

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO Roma, 31 Marzo 2005 INDICE Art. 1 Denominazione e logo dell Associazione pag. 3 Art. 2 Scopi

Dettagli

COMUNE DI MELICUCCA. Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it STUDIO DI FATTIBILITA

COMUNE DI MELICUCCA. Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it STUDIO DI FATTIBILITA COMUNE DI MELICUCCA Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it Sommario STUDIO DI FATTIBILITA PROJECT FINANCING INTERVENTO INSERITO NEL BILANCIO 2010-2012 REALIZZAZIONE DELL AMPLIAMENTO DEL

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALE DI VEZZANO SUL CROSTOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALE DI VEZZANO SUL CROSTOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALE DI VEZZANO SUL CROSTOLO Allegato alla delib. C.C. n. 82 del 28.10.2005 Art. 1 OGGETTO E FINALITA

Dettagli

REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nel CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nel CIMITERO COMUNALE COMUNE DI RIGNANO GARGANICO Provincia di Foggia REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nel CIMITERO COMUNALE Approvato con Deliberazione Consiliare n. 45 del 30.11.2013-1

Dettagli

COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO

COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO PROVINCIA DI BOLOGNA DELIBERAZIONE C O P I A N. 11 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: SERVIZI CIMITERIALI: VARIAZIONE TARIFFE. Addì TREDICI FEBBRAIO

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO Provincia di Sondrio

CITTÀ DI MORBEGNO Provincia di Sondrio CITTÀ DI MORBEGNO Provincia di Sondrio Deliberazione numero: 39 In data: 06/03/2014 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE VARIAZIONI ALLE TARIFFE CIMITERIALI L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Comune di Piobesi Torinese (Provincia di Torino)

Comune di Piobesi Torinese (Provincia di Torino) Comune di Piobesi Torinese (Provincia di Torino) DOCUMENTO SPECIFICAZIONE DEL SERVIZIO E DELLA GESTIONE DELL IMPIANTO CREMATORIO Contratto di concessione per la progettazione, realizzazione e gestione

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO AMA S.P.A. PER LA GESTIONE DEI SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI DGC N. 74-2007. CLAUSOLE

CONTRATTO DI SERVIZIO AMA S.P.A. PER LA GESTIONE DEI SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI DGC N. 74-2007. CLAUSOLE CONTRATTO DI SERVIZIO AMA S.P.A. PER LA GESTIONE DEI SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI DGC N. 74-2007. CLAUSOLE DI NOTE DELLA STRUTTURA NOTE DELL UFFICIO SEMPLIFICAZIONE COMPETENTE Miglioramento della qualità

Dettagli

SERVIZI CIMITERIALI A RICHIESTA CIMITERO UNICO CAPOLUOGO. Descrizione opere compiute e relativi prezzi unitari

SERVIZI CIMITERIALI A RICHIESTA CIMITERO UNICO CAPOLUOGO. Descrizione opere compiute e relativi prezzi unitari Comune di Pieve di Cento P.zza Andrea Costa, n 17 Pieve di Cento - Provincia di Bologna - C.A.P. 40066 P.I. 00510801202 - C.F. 00470350372 - Tel. 051/6862681 - Fax 051/6862692 III Settore - Ufficio Tecnico

Dettagli

AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO COMUNALE 1. RELAZIONE TECNICA

AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO COMUNALE 1. RELAZIONE TECNICA AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO COMUNALE 1. RELAZIONE TECNICA 1. PREMESSA La presente relazione ha l obiettivo di fornire un informativa di tipo qualitativo

Dettagli

COMUNE DI LIVORNO. alla concessione della cappella denominata ex Fubini, posta all interno del

COMUNE DI LIVORNO. alla concessione della cappella denominata ex Fubini, posta all interno del COMUNE DI LIVORNO N del Repertorio CONVENZIONE ACCESSIVA alla concessione della cappella denominata ex Fubini, posta all interno del Cimitero Comunale La Cigna sul V.le Monumentale. L anno e questo di

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE RAGIONE SOCIALE/COGNOME E NOME VIA N CAP LOCALITÀ PROV. TEL. FAX E-MAIL. al costo di 300,00 + IVA (*)

MODULO DI ISCRIZIONE RAGIONE SOCIALE/COGNOME E NOME VIA N CAP LOCALITÀ PROV. TEL. FAX E-MAIL. al costo di 300,00 + IVA (*) MODULO DI ISCRIZIONE da inviare a Euro.Act s.r.l. via fax allo 0532-19.11.222 entro il VENERDÌ della settimana precedente alla data del corso COMPILARE TUTTI I CAMPI ED INVIARE UN MODULO DISTINTO PER OGNI

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello - Trattamento IVA da riservare alle concessioni in uso a privati di loculi, cappelle ed altri manufatti cimiteriali.

Oggetto: Istanza di interpello - Trattamento IVA da riservare alle concessioni in uso a privati di loculi, cappelle ed altri manufatti cimiteriali. RISOLUZIONE N. 376/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 novembre 2002 Oggetto: Istanza di interpello - Trattamento IVA da riservare alle concessioni in uso a privati di loculi, cappelle

Dettagli

Comune di Forlì Servizio ENTRATE TRIBUTARIE BILANCIO INVESTIMENTI

Comune di Forlì Servizio ENTRATE TRIBUTARIE BILANCIO INVESTIMENTI Racc. Contr / BOLLO ALLEGATO C Comune di Forlì Servizio ENTRATE TRIBUTARIE BILANCIO INVESTIMENTI Schema di A: c.f. p.iva LETTERA CONTRATTO PER AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA CONTABILE/FISCALE E

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta dell Unione NR. 84 DEL 29-12-2011 DETERMINAZIONE TARIFFE DEI SERVIZI NECROFORICI. ANNO 2012.

Verbale di Deliberazione della Giunta dell Unione NR. 84 DEL 29-12-2011 DETERMINAZIONE TARIFFE DEI SERVIZI NECROFORICI. ANNO 2012. UNIONE BASSA EST PARMENSE (Provincia di Parma) Sede legale: Sorbolo, Piazza Libertà, n 1 Sede amministrativa: Sorbolo, Via del Donatore, n 2 Telefono 0521/669611, fax 0521/669669 (C.A.P. 43058) partita

Dettagli

COMUNE di LERMA Provincia di Alessandria

COMUNE di LERMA Provincia di Alessandria COMUNE di LERMA Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA CIMITERIALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 30-11-2013 Art. 1 - OGGETTO E

Dettagli

Tariffe relative ai servizi cimiteriali a domanda individuale.

Tariffe relative ai servizi cimiteriali a domanda individuale. Comune di Bracciano Tariffe relative ai servizi cimiteriali a domanda individuale. Tariffe relative ai diritti sui servizi a domanda individuale e sulle operazioni da effettuare nei cimiteri comunali;

Dettagli

NUOVE TARIFFE SERVIZI CIMITERIALI

NUOVE TARIFFE SERVIZI CIMITERIALI Allegato E alla DGC n del CITTÀ DI GRUGLIASCO PROVINCIA DI TORINO NUOVE TARIFFE SERVIZI CIMITERIALI CONCESSIONI LOCULI 40 anni 30 anni 20 anni LOCULI NUOVI 1ª fila dal basso 3.370,00 2.737,00 2.448,00

Dettagli

SERVIZI CIMITERIALI A RICHIESTA CIMITERO UNICO CAPOLUOGO. Descrizione opere compiute e relativi prezzi unitari

SERVIZI CIMITERIALI A RICHIESTA CIMITERO UNICO CAPOLUOGO. Descrizione opere compiute e relativi prezzi unitari Comune di Pieve di Cento P.zza Andrea Costa, n 17 Pieve di Cento - Provincia di Bologna - C.A.P. 40066 P.I. 00510801202 - C.F. 00470350372 - Tel. 051/6862681 - Fax 051/6862692 III Settore - Ufficio Tecnico

Dettagli

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 374 di data 20 agosto 2015

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 374 di data 20 agosto 2015 COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 374 di data 20 agosto 2015 OGGETTO: Trattativa privata ai sensi dell art. 21, commi 2 lettera

Dettagli

CITTA DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna

CITTA DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna CITTA DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N 96 del 29/07/2011. OGGETTO: ADEGUAMENTO ALL'INDICE DI RIVALUTAZIONE DELL'ISTAT DEI CANONI CONCESSORI

Dettagli

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Deliberazione n. 109 del 13-09-2012 immediatamente eseguibile Comunicata ai capigruppo consiliari il 25-09-2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

Dettagli

Allegato A alla delibera del c.c. n. 56 del 29/11/2012

Allegato A alla delibera del c.c. n. 56 del 29/11/2012 Allegato A alla delibera del c.c. n. 56 del 29/11/2012 INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 DISPOSIZIONI GENERALI Art. 3 DURATA DELLE CONCESSIONI Art. 4 MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE Art. 5 DIRITTO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA Comune di Quinto di Treviso CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI La Carta dei servizi è lo strumento che permette agli utenti il controllo sull erogazione dei servizi anche in termini

Dettagli

COMUNE DI CASTROCIELO Provincia di Frosinone REGOLAMENTO COMUNALE PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO

COMUNE DI CASTROCIELO Provincia di Frosinone REGOLAMENTO COMUNALE PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO COMUNE DI CASTROCIELO Provincia di Frosinone REGOLAMENTO COMUNALE PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del 29.09.2012 1 COMUNE DI CASTROCIELO

Dettagli

C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO

C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 49 del 29/11/2010 - Entrato in vigore il 01/01/2011

Dettagli

COMUNE DI CUASSO AL MONTE REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA

COMUNE DI CUASSO AL MONTE REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA COMUNE DI CUASSO AL MONTE Provincia di Varese REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con delibera del Consiglio comunale n. in data 1 TITOLO I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI FIVIZZANO Provincia di Massa Carrara UFFICIO TECNICO - SERVIZIO CIMITERIALE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI Fivizzano, 25/10/2008 Approvato con Delibera

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DI LOCULI E TOMBE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DI LOCULI E TOMBE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DI LOCULI E TOMBE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Delibera C.C. n 59 del 28/11/2008 modificato con Delibera C.C. n 45 del 11/09/2012 e modificato con Delibera C.C. n

Dettagli

COMUNE DI TICENGO. P r o v i n c i a d i C r e m o n a. Copia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI TICENGO. P r o v i n c i a d i C r e m o n a. Copia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N.14 COMUNE DI TICENGO P r o v i n c i a d i C r e m o n a Adunanza del 16/04/2015 Codice ente: 10807 7 Ticengo Copia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: TARIFFE CIMITERIALI

Dettagli

COMUNE DI URBINO. Segreteria Generale REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI URBINO * * * APPROVATO

COMUNE DI URBINO. Segreteria Generale REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI URBINO * * * APPROVATO COMUNE DI URBINO Segreteria Generale REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI URBINO * * * APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n. 59 del 25

Dettagli

Bur n. 65 del 10/08/2010

Bur n. 65 del 10/08/2010 Bur n. 65 del 10/08/2010 Sanità e igiene pubblica Deliberazioni della Giunta Regionale N. 1909 del 27 luglio 2010 Legge Regionale 4 marzo 2010 n.18 "Norme in materia funeraria". Linee guida di prima applicazione.

Dettagli

COMUNE DI CASTELLO-MOLINA DI FIEMME Provincia di Trento Sede Municipale: Via Roma, 38 38030 Castello di Fiemme

COMUNE DI CASTELLO-MOLINA DI FIEMME Provincia di Trento Sede Municipale: Via Roma, 38 38030 Castello di Fiemme Originale / Copia COMUNE DI CASTELLO-MOLINA DI FIEMME Provincia di Trento Sede Municipale: Via Roma, 38 38030 Castello di Fiemme Tel. 0462 340013 0462 340019 Fax 0462 231187 Indirizzo e-mail segreteria@comune.castellomolina.tn.it

Dettagli

COMUNE DI OFFLAGA ORIGINALE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI OFFLAGA ORIGINALE PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI OFFLAGA ORIGINALE PROVINCIA DI BRESCIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 3 Del 25-02-2014 Oggetto: APPROVAZIONE SECONDA MODIFICA DEL REGOLAMENTO DEI SERVIZI FUNERARI, NECROSCOPICI,

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 570 DEL 29-08-2013 - SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - OGGETTO: Impegno di spesa per ciclo esumazioni ordinarie - CIG

Dettagli

COMUNE DI (PROVINCIA DI NUORO) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI (PROVINCIA DI NUORO) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE CGIL FP CGIL FUNZIONE PUBBLICA FEDERAZIONE PROVINCIALE DI NUORO Via Oggiano, 15 08100 N U O R O - Tel. 0784/37639 Fax 0784/35853 COMUNE DI (PROVINCIA DI NUORO) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. di

Dettagli

, il / / e residente a. codice fiscale, tel. altro titolo:, della salma del/della defunto/a. n. p. s. ),deceduto/a a il / /

, il / / e residente a. codice fiscale, tel. altro titolo:, della salma del/della defunto/a. n. p. s. ),deceduto/a a il / / Spett.le Ufficio Servizi Cimiteriali Marca da bollo 16,00 Servizio SUAP Piazza San Michele 1 30020 QUARTO D ALTINO Tel. 0422 826233 Fax. 0422 826256 servizicimiteriali@comunequartodaltino.it PEC comune.quartodaltino.ve@pecveneto.it

Dettagli

Comune di Argenta PROVINCIA DI FERRARA

Comune di Argenta PROVINCIA DI FERRARA Comune di Argenta PROVINCIA DI FERRARA Deliberazione n. 140 del 25-07-2006 Comunicata il 23-08-2006 art. 125 D. Lgs. 267/2000 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: Concessioni cimiteriali

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 1-02-1977 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 1-02-1977 REGIONE PUGLIA Legge 1977003 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 1-02-1977 REGIONE PUGLIA

Dettagli

COMUNE DI PONTE LAMBRO

COMUNE DI PONTE LAMBRO COMUNE DI PONTE LAMBRO Provincia di Como UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO SERVIZIO LAMPADE VOTIVE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE NR. 13 DEL 27 GENNAIO 2006 IN VIGORE DAL 01 GENNAIO 2006 INDICE

Dettagli

COMUNE DI BELLINZAGO NOVARESE PROVINCIA DI NOVARA

COMUNE DI BELLINZAGO NOVARESE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI BELLINZAGO NOVARESE PROVINCIA DI NOVARA ORDINANZA N. 109 PROT. N.,f4S'3 ~ ESUMAZIONE ORDINARIA DAL CAMPO COMUNE DEL CIMITERO DI BELLINZAGO NOVARESE IL SINDACO VISTO il vigente Regolamento di

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE N. 32 DEL 08.03.2011 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: INTEGRAZIONE DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N.233 DEL 28/12/2010

Dettagli

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 521 Data: 30-07-2014

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 521 Data: 30-07-2014 Comune di Lecco Piazza Diaz, 1-23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111 - Fax 286874 - C.F. 00623530136 N. 521-2014 Reg. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 521 Data: 30-07-2014 SETTORE : AFFARI GENERALI E

Dettagli