UNITELMA SAPIENZA. offerta formativa. Anno accademico 2014/2015. Programma degli studi. area giuridica. area economica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNITELMA SAPIENZA. offerta formativa. Anno accademico 2014/2015. Programma degli studi. area giuridica. area economica"

Transcript

1 Anno accademico 2014/2015 UNITELMA SAPIENZA offerta formativa area giuridica SCAMS: Corso di laurea triennale in Scienze dell Amministrazione e della Sicurezza MOPS: Corso di laurea magistrale in Management delle organizzazioni pubbliche e sanitarie LMG: Corso di laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza Programma degli studi area economica CLEA: Corso di laurea triennale in Scienze dell Economia Aziendale CLEMA: Corso di laurea magistrale in Economia e management Aziendale N.b.: i programmi dei singoli insegnamenti saranno disponibili dal 15 settembre UNITELMA SAPIENZA UNIVERSITA TELEMATICA Viale Regina Elena, Roma T (+39)

2 PROGRAMMA DEGLI STUDI Corso di Laurea Triennale Scienze dell Amministrazione e della Sicurezza SCAMS Classe L16, Classe delle Scienze dell Amministrazione e dell organizzazione REGOLAMENTO DIDATTICO Anno Accademico 2014/2015 Unitelma Sapienza Università telematica Viale Regina Elena, Roma Cod. Fiscale e Partita IVA T (+39)

3 Premessa Il corso di laurea in Scienze dell'amministrazione e della sicurezza (SCAMS) ha lo scopo di formare esperti nelle attività di programmazione, direzione, gestione e controllo della Pubblica Amministrazione, nonché di professionisti particolarmente qualificati nei settori della security e investigazioni. Gli obiettivi formativi del corso sono tesi a fornire adeguate conoscenze in ambito giuridico, politologico, sociologico, storico, statistico-economico, economico-aziendale, psicologico e criminologico. In particolare, il corso è articolato in due curricula: il primo indirizzo è finalizzato alla formazione di dirigenti e quadri, sia delle Pubbliche Amministrazioni che delle grandi organizzazioni private nazionali ed internazionali, nelle metodologie e nelle tecniche del management pubblico e dell'e-government, a sostegno dei processi innovativi volti alla creazione di una moderna amministrazione, professionalmente idonea ad affrontare tutte le problematiche della società dell'informazione, con riferimento alle politiche e agli indirizzi internazionali, comunitari e nazionali; il secondo indirizzo privilegia tematiche inerenti il settore della sicurezza e delle investigazioni per le amministrazioni pubbliche e private, introducendo elementi di criminologia, diritto penale, processual-penalistico e di sociologia e legislazione della security. Art.1 Obiettivi formativi Il corso ha la finalità di formare coloro che hanno interesse ad operare nelle Pubbliche Amministrazioni e/o nell'ambito della sicurezza ed ha lo scopo di formare esperti e specialisti per le attività di programmazione, direzione, gestione e controllo, nelle investigazioni pubbliche e private, e nelle tematiche della criminologia e security. L'offerta formativa è finalizzata a trattare, in modo integrato, le tematiche del management pubblico, con quella, da un lato, della burocrazia digitale e del governo elettronico, dall'altro, della sicurezza, della criminologia e delle investigazioni e del contrasto dell'illegalità nella pubblica amministrazione. Una puntuale descrizione degli obiettivi formativi, degli sbocchi occupazionali e dei risultati di apprendimento attesi è riportata nell appendice A. Art. 2 Requisiti di ammissione 2.1 Requisiti per l iscrizione. Al corso di laurea sono ammessi coloro che risultano in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o altro titolo conseguito all'estero e riconosciuto idoneo. 2.2 Verifica della preparazione. Successivamente all iscrizione, l Università attiverà una procedura per accertare il possesso delle conoscenze e competenze indispensabili per accedere al Corso di Laurea, anche al fine di prevedere ulteriori attività per l incremento delle stesse. Art. 3 Riconoscimento crediti formativi universitari (cfu) Possono essere riconosciuti i cfu conseguiti in altri Corsi di Laurea e Lauree Magistrali o Specialistiche, Master universitari di I e II livello e Corsi di formazione/perfezionamento universitari, purché congruenti con il settore scientifico disciplinare dell insegnamento oggetto di riconoscimento. Pag 3

4 Possono essere riconosciuti come crediti formativi universitari anche le conoscenze e le abilità professionali certificate individualmente, ai sensi della normativa vigente in materia. In proposito, l'università, in conformità con il D.M. 22 ottobre 2004, n. 270, art. 5 comma 7, e successive modifiche, può riconoscere, secondo criteri predeterminati, le conoscenze e le abilità professionali certificate, esonerando lo studente dal sostenere determinate prove d'esame corrispondenti, nel massimo, a 12 CFU (art. 14, legge 30 dicembre 2010, n. 240). Compete alla Commissione didattica la valutazione delle domande per il riconoscimento di cfu e di ogni eventuale variazione del piano di studio. La valutazione dei cfu diverrà definitiva soltanto all'atto dell'immatricolazione, previa presentazione della documentazione richiesta o delle autodichiarazioni, rese ai sensi del DPR , n. 445 (come modificata dalla L. 183/2011). Art. 4 Ordinamento didattico Il corso in Scienze dell'amministrazione e della sicurezza è articolato in 2 curricula: - Curriculum A: Amministrazione e organizzazione; - Curriculum B: Organizzazione, sicurezza e investigazioni. Lo studente per il conseguimento del titolo deve acquisire 180 cfu, tramite il superamento o la convalida degli esami di profitto (sia quelli obbligatoriamente previsti dal piano che quelli a scelta dello studente), dell idoneità di lingua straniera, delle ulteriori attività formative e della prova finale. Gli studenti regolarmente iscritti per la prima volta ai corsi di studio dell Università Unitelma Sapienza possono sostenere gli esami soltanto a partire dal 45 giorno successivo all'immatricolazione/iscrizione; tale disposizione si applica a tutti i nuovi studenti, anche se trasferiti da altri Atenei. L ordinamento didattico è il seguente: Attività Formative CORSO DI LAUREA IN: SCIENZE DELL AMMINISTRAZIONE E DELLA SICUREZZA (L16) Curriculum A AMMINISTRAZIONE E ORGANIZZAZIONE Ambiti disciplinari SSD Insegnamenti CFU DOCENTE I ANNO B Giuridico IUS/01 Istituzioni di diritto privato 10 B Statistico - economico INF/01 Informatica 8 B Storico, politicosociale amministrativi Sistemi politici e SPS/04 14 B Discipline Lingua e traduzione - L-LIN/12 linguistiche lingua inglese 6 C Socio - psicologico SPS/07 Metodologia della ricerca sociale 8 C Socio - psicologico SPS/09 Organizzazione e gestione delle risorse umane 8 Totale I anno 54 NAPOLI Gaetano Edoardo CIMITILE Marta CONTI Nicolò DOCENTE da definire GALANTINO Maria Grazia SENA Barbara Pag 4

5 II ANNO B Giuridico IUS/10 Diritto amministrativo 10 B C C Statistico - economico Economico - aziendale Economico - aziendale SECS-P/02 Politica economica 6 SECS-P/07 Contabilità pubblica 8 SECS-P/08 Economia e gestione dei servizi pubblici C Giuridico IUS/05 Diritto dell'economia 10 C Giuridico IUS/14 Diritto dell'u.e. 10 C Socio-politologico SPS/04 Scienza dell'amministrazione digitale 8 10 Totale II anno 60 SCIARRETTA Franco MORONE Pier Giuseppe GULLUSCIO Carmela POPOLI Paolo SEPE Marco CARTA Mario LIMONE Donato III ANNO C Giuridico IUS/07 Diritto del lavoro 10 C Socio-politologico SPS/01 Filosofia politica 6 A Affine IUS/12 L'amministrazione finanziaria negli Enti Pubblici A Affine SPS/08 Comunicazione pubblica 8 Altre a scelta dello studente 12 Altre Altre Per la prova finale e la lingua straniera (art. 10, comma 5, lett. C) Ulteriori attività formative (art. 10, comma 45, lett. D) 10 Lingua straniera 5 Ulteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche e telematiche, tirocini formativi e di orientamento, altre conoscenze utili per l'inserimento nel mondo del lavoro Altre Prova finale 5 8 MAIO Valerio SABATINI Angelo Guido SAPONARO Fabio BASILICA Federico DOCENTE da definire Totale III anno 64 Legenda: C: attività caratterizzante A: attività affine o integrativa TOTALE 180 Pag 5

6 Attività Formative CORSO DI LAUREA IN: SCIENZE DELL AMMINISTRAZIONE E DELLA SICUREZZA (L16) Curriculum B ORGANIZZAZIONE, SICUREZZA E INVESTIGAZIONI Ambiti disciplinari SSD Insegnamenti CFU DOCENTE I ANNO B Giuridico IUS/01 Istituzioni di diritto privato 10 B B B Statistico - economico Storico, politicosociale Discipline linguistiche INF/01 Informatica 8 SPS/04 L-LIN/12 Sistemi politici e amministrativi Lingua e traduzione - lingua inglese C Socio - psicologico SPS/07 Sociologia 6 C Socio - psicologico M-PSI/05 Psicologia sociale forense 8 14 Totale I anno 52 6 NAPOLI Gaetano Edoardo CIMITILE Marta CONTI Nicolò DOCENTE da definire GALANTINO Maria Grazia DOCENTE da definire II ANNO B Giuridico IUS/10 Diritto amministrativo 10 B C Statistico - economico Economico - aziendale SECS-S/05 Statistica sociale 6 SECS-P/07 Economia aziendale 12 C Giuridico IUS/04 Diritto commerciale 12 C Socio-politologico SPS/04 Scienza dell'amministrazione Digitale A Affine IUS/17 Diritto penale 8 12 Totale II anno 60 SCIARRETTA Franco SARNACCHIARO Pasquale GULLUSCIO Carmela MARTUCCI Katrin LIMONE Donato COCO Paola III ANNO C Giuridico IUS/07 Diritto del lavoro 10 A Affine SPS/09 Sociologia della security 6 A Affine IUS/16 Procedura Penale 8 A Affine IUS/16 Legislazione delle investigazioni private A Affine IUS/17 Criminologia 8 6 MAIO Valerio SENA Barbara APRATI Roberta DOCENTE da definire MASTRONARDI Vincenzo Pag 6

7 Altre a scelta dello studente 12 Altre Altre Per la prova finale e la lingua straniera (art. 10, comma 5, lett. C) Ulteriori attività formative (art. 10, comma 45, lett. D) Lingua straniera 5 Ulteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche e telematiche, tirocini formativi e di orientamento, altre conoscenze utili per l'inserimento nel mondo del lavoro Altre Prova finale 5 8 DOCENTE da definire Totale III anno 68 Legenda: C: attività caratterizzante A: attività affine o integrativa TOTALE 180 Art. 5 Prova finale La prova finale consiste nella presentazione di una tesi scritta su argomenti di una disciplina presente nel corso di studio. La valutazione sarà espressa in centodecimi con eventuale conferimento della lode. Art. 6 Quote di iscrizione Per le quote di iscrizione, si rinvia all apposita pagina del sito web di Ateneo, Pag 7

8 SCAMS - APPENDICE A Obiettivi formativi specifici del corso Il corso ha la finalità di formare coloro che hanno interesse ad operare nelle Pubbliche Amministrazioni e/o nell'ambito della sicurezza. I destinatari del corso sono, in particolare: i funzionari che operano nelle amministrazioni centrali e periferiche dello Stato, nelle Regioni, nei Comuni e nelle Autonomie locali, nelle Aziende sanitarie locali, nei servizi pubblici locali, negli enti pubblici non economici; i giovani che intendono lavorare nel settore pubblico e della sicurezza. Il corso di laurea ha lo scopo di formare esperti e specialisti per le attività di programmazione, direzione, gestione e controllo, nelle investigazioni pubbliche e private, criminologia e security. In particolare: - il curricula "Amministrazione e Organizzazione" si occupa di formare la moderna dirigenza ed i quadri delle P.A. non solo nelle metodologie e nelle tecniche del management ma anche sull'e-government a sostegno dei processi innovativi per la creazione di una burocrazia idonea ad affrontare tutte le problematiche della società dell'informazione, con riferimento alle politiche comunitarie, nazionali ed internazionali; - il curricula "Organizzazione, sicurezza e investigazioni" individua un approccio multidisciplinare che, integrando saperi propri delle scienze sociali e hard sciences, si focalizza sulla criminologia, sulla legislazione delle investigazioni, anche private, sulla sociologia della security e sulla psicologia sociale forense. L'offerta formativa è finalizzata a trattare, in modo integrato, le tematiche del management pubblico, con quella, da un lato, della burocrazia digitale e del governo elettronico, dall'altro della sicurezza, della criminologia e delle investigazioni. Risultati di apprendimento attesi Conoscenza e comprensione: Il laureato deve conoscere: - i concetti base delle discipline giuridiche, economico-aziendali e socio-politologiche; - la natura e le caratteristiche principali delle amministrazioni pubbliche; - il linguaggio scientifico delle discipline giuridiche e delle scienze economiche e sociali; - i principali strumenti strategici di governance e management delle pubbliche amministrazioni; - gli strumenti informatici e contabili di base per la rilevazione, la misura e l analisi quantitativa dei fenomeni economici e finanziari. Le suddette conoscenze e capacità di comprensione, sviluppate in entrambi gli indirizzi di studio, sono conseguite tramite il modello di "lezione digitale" adottato dall'università Unitelma Sapienza ed erogato tramite la piattaforma e- learning dell ateneo (lezioni audio-video integrate dai documenti indicizzati, audio- streaming/downloading MP3; lo studente può seguire le lezioni sul proprio computer, sul tablet e su smartphone, 24 ore su 24), webinar, esercitazioni, studio individuale, tutorato, e forme di apprendimento cooperativo ed incontri periodici in presenza, che affronteranno temi specifici utili per mettere in pratica le nozioni teoriche acquisite durante le lezioni. Il raggiungimento di queste abilità è verificato dal superamento delle prove d esame, che si svolgono in presenza in forma scritta e/o orale, e nell ambito della preparazione e verifica della prova finale. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Il laureato in Scienze dell Amministrazione e della sicurezza, acquisendo conoscenze professionali integrate da una formazione multidisciplinare sarà in grado di affrontare le Pag 8

9 complessità delle grandi organizzazioni pubbliche e private, riuscendo così ad operare in modo dinamico in sistemi organizzativi complessi. Il laureato deve essere in grado di: - analizzare le criticità organizzative legate al funzionamento della pubblica amministrazione; - individuare i nodi regolamentari e organizzativi che riducono la flessibilità, l efficacia e l efficienza della pubblica amministrazione e delle imprese; - interpretare e gestire i problemi di government e governance multilivello, riconoscendo la dimensione sistemica dei problemi che solleva e fornendo soluzioni orientate all innovazione, secondo le istanze espresse dalle dinamiche socio-economiche locali e sovra-locali; - conoscere le metodologie contabili delle amministrazioni pubbliche; - lavorare e ragionare in gruppo; - applicare quanto appreso alle realtà concrete, anche attraverso l'analisi e l'approfondimento di casi di studio e buone pratiche. Il raggiungimento delle suddette capacità avviene prevedendo all interno degli insegnamenti lo svolgimento di esercitazioni, analisi di case-study, ricerche bibliografiche, lavori individuali o di gruppo. Il raggiungimento di tali abilità è comprovato dal superamento delle prove d esame che si svolgono in presenza in forma scritta e/o orale e nell ambito della preparazione della prova finale. Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative: - comunicazione pubblica - contabilità pubblica - diritto amministrativo - diritto del lavoro - diritto dell'economia - diritto dell'unione europea - diritto penale - economia aziendale - economia e gestione dei servizi pubblici - filosofia politica - informatica - istituzioni di diritto privato - l'amministrazione finanziaria degli enti pubblici - lingua e traduzione-lingua inglese - lingua straniera - metodologia della ricerca sociale - politica economica - procedura penale - scienza dell'amministrazione digitale - sistemi politici e amministrativi - statistica sociale - sociologia Descrittori Autonomia di giudizio: La formazione interdisciplinare garantisce al laureato in Scienze dell'amministrazione e della sicurezza di fornire giudizi critici sulle organizzazioni pubbliche e private, sui cambiamenti che intervengono nei mercati di riferimento, riuscendo ad interpretare la direzione dei cambiamenti in Pag 9

10 atto con riferimento ai modelli organizzativi, storico-politici ed amministrativi, anche con particolare e specifico riferimento al settore pubblico, della sicurezza e della criminologia. I laureati del corso sono in grado di: - utilizzare e valorizzare le risorse umane e strumentali; - valutare l'efficacia dei processi attivati in seno alla pubblica amministrazione; - valutare l'efficacia di processi innovativi e il loro impatto sulle imprese, sulle istituzioni, sul territorio, tenendo conto degli effetti sistemici che i cambiamenti possono produrre; - utilizzare gli elementi di base delle metodologie informatiche e di contabilità pubblica; - comprendere le specificità dell'attività delle amministrazioni pubbliche; L'autonomia di giudizio viene sviluppata attraverso uno studio critico di testi e documenti e nella preparazione della prova finale. Il raggiungimento di tali abilità è comprovato dal superamento delle prove d'esame che si svolgono in presenza in forma scritta e/o orale e nell'ambito della preparazione della prova finale. Questi sono condotti in modo da poter valutare anche il grado di autonomia di giudizio del candidato. Abilità comunicative I laureati del corso: - sono in grado di redigere relazioni scritte e rapporti di lavoro sugli studi effettuati, utilizzando i vari e più opportuni strumenti di comunicazione; - sono in grado di relazionarsi con interlocutori afferenti alla realtà delle pubbliche amministrazioni e non; - possiedono una conoscenza di base della lingua inglese. Le abilità comunicative scritte ed orali sono sviluppate nell'ambito degli esami, della prova finale e della discussione della medesima, dello stage e di eventuali lavori di gruppo. La lingua inglese viene appresa e verificata tramite specifico esame profitto e idoneità. Il raggiungimento di tali abilità è comprovato dal superamento delle prove d'esame che si svolgono in presenza in forma scritta e/o orale e nell'ambito della preparazione della prova finale; questi sono condotti in modo da poter valutare anche le capacità comunicative degli studenti. Capacità di apprendimento La struttura del percorso formativo è tale da incoraggiare costantemente un atteggiamento attivo, critico e propositivo dello studente, in modo da rafforzare la propria capacità di apprendere. Gli strumenti di acquisizione ed elaborazione delle informazioni, le abilità conseguite nella gestione delle fonti, gli elementi di base giuridico/economici/sociali rappresentano gli strumenti che il laureato ha a disposizione per aggiornare costantemente le proprie conoscenze. I laureati del corso: - sanno individuare autonomamente gli strumenti per aggiornare e ampliare la propria conoscenza e le proprie competenze; - sono consapevoli del metodo che porta alla costruzione del ragionamento giuridico; - sono in grado di applicare le conoscenze e le abilità acquisite anche in sede di autoaggiornamento e di aggiornamento professionale o di prosecuzione degli studi verso la laurea magistrale. Le capacità di apprendimento consentono infatti agli studenti di intraprendere, eventualmente, studi di livello superiore. Il raggiungimento di tali abilità è comprovato dal superamento delle prove d'esame che si svolgono in presenza in forma scritta e/o orale e nell'ambito della preparazione della prova finale. Profilo professionale e sbocchi occupazionali previsti per i laureati Funzione in un contesto di lavoro: Pag 10

11 Il laureato in Scienze dell Amministrazione e della sicurezza ha una propensione a lavorare nelle amministrazioni pubbliche centrali e periferiche, negli enti locali e nelle imprese, nei servizi per attività di progettazione di sviluppo economico e sociale di quelle stesse organizzazioni, nelle aziende pubbliche/private del comparto sicurezza e investigazione. Il laureato sa utilizzare strumenti giuridici, economico-aziendali ed informatici adeguati, e ha un profilo professionale tale da saper coordinare un gruppo di lavoro, programmare, dirigere, gestire e controllare sistemi organizzativi ed amministrativi complessi. Il laureato acquisisce inoltre delle competenze che gli consentono di affrontare tutte le problematiche riguardanti le risorse umane e finanziarie, i processi di e-government ed ICT, i sistemi di fiscalità e le problematiche criminologiche, investigative e della sicurezza. Competenze associate alla funzione: Il laureato, appena concluso il proprio percorso formativo, ha la capacità di svolgere attività di programmazione, gestione e controllo proprie di un professionista del settore, e attività di consulenza in ambito economico, amministrativo, gestionale, del comparto security e investigativo e dei settori pubblici e privati. Sbocchi professionali: Gli sbocchi occupazionali, per i laureati che vogliano accedere direttamente al mondo del lavoro al termine del corso di studio, sono costituiti in particolar modo dai ruoli manageriali nelle amministrazioni pubbliche, negli enti e nelle istituzioni locali, nazionali ed internazionali, nelle organizzazioni private, nel terzo settore, nelle aziende private e pubbliche del comparto sicurezza, security e investigativo e in altri ambiti del sistema istituzionale. Il corso prepara alla professione di (codifiche ISTAT): 1. Segretari amministrativi e tecnici degli affari generali - ( ) 2. Assistenti di archivio e di biblioteca - ( ) 3. Tecnici dell'acquisizione delle informazioni - ( ) 4. Intervistatori e rilevatori professionali - ( ) Descrizione dei metodi di accertamento Lo studente, dopo aver studiato ciascuna delle materie indicate nel piano di studi, sostiene una prova, l'esame, al fine della valutazione del profitto. L'esame si svolge in presenza, dinanzi a una Commissione presieduta dal docente titolare dell'insegnamento. Le forme e le modalità delle diverse prove d'esame sono adeguatamente pubblicizzate. Ogni prova di esame verte sulla specifica tematica (giuridica, economica, sociologica, ecc.) prevista dal programma del Corso di laurea. Solitamente la prova d'esame si svolge in forma orale, ma può svolgersi anche in forma scritta. La valutazione tiene in considerazione eventuali attività applicative effettuate dello studente, quali la realizzazione di un project work, la discussione di casi pratici, altre prove individuali o di gruppo effettuate durante il ciclo di studio. Per sottoporsi all'esame lo studente deve preventivamente prenotarsi, entro termini congrui adeguatamente indicati. Tramite l'esame di profitto viene accertato, e poi certificato, l'avvenuto raggiungimento da parte dello studente degli obiettivi formativi prefissati per ogni singolo insegnamento. La certificazione avviene mediante la redazione di un verbale, in modalità telematica, a cura del docente. Il voto di profitto è espresso in trentesimi. Il docente, in virtù di speciali meriti dello studente in relazione all'approfondimento della materia, può eventualmente conferire la lode. Per superare l'esame lo studente deve ottenere una votazione non inferiore a diciotto/trentesimi: tale valutazione consente l'acquisizione dei crediti formativi universitari corrispondenti alla materia oggetto d'esame. Pag 11

12 PROGRAMMA DEGLI STUDI Corso di Laurea Magistrale Management delle organizzazioni pubbliche e sanitarie MOPS Classe LM63, Classe delle Scienze delle Pubbliche Amministrazioni REGOLAMENTO DIDATTICO Anno Accademico 2014/2015 Unitelma Sapienza Università telematica Viale Regina Elena, Roma Cod. Fiscale e Partita IVA T (+39)

13 Premessa Il Corso di Laurea Magistrale in Management delle organizzazioni pubbliche e sanitarie ha come obiettivo la formazione di specialisti nel management pubblico, con particolare riferimento all'innovazione digitale dei servizi della Pubblica Amministrazione, e alle problematiche e specificità delle aziende sanitarie. Il corso si propone di sviluppare le conoscenze per la creazione e lo sviluppo di una moderna amministrazione telematica strutturata su modelli, sistemi e tecniche avanzati di programmazione, direzione e controllo per i processi e le decisioni che utilizzano dati digitali, i procedimenti amministrativi semplificati ed automatizzati, la comunicazione istituzionale, l'erogazione di servizi all'utenza, la gestione della spesa, la fiscalità pubblica e la finanza pubblica e privata, il diritto sanitario, la governance e la pianificazione e controllo delle aziende sanitarie. Art.1 Obiettivi formativi I laureati svilupperanno competenze adeguate ad analizzare le politiche pubbliche e sanitarie ed i loro problemi attuativi (policy analysis); monitorare l'implementazione delle politiche pubbliche (policy monitoring); misurare e valutare gli effetti prodotti dalle politiche implementate (policy evaluation). Una puntuale descrizione degli obiettivi formativi, degli sbocchi occupazionali e dei risultati di apprendimento attesi è riportata nell appendice A. Art. 2 Requisiti di ammissione 2.1 Requisiti per l iscrizione. Al corso magistrale sono ammessi i laureati di primo livello o i laureati dei vecchi ordinamenti (o quanti sono in possesso di titoli equipollenti rilasciati da istituzioni universitarie estere e riconosciuti idonei). In particolare, sono ammessi alla Laurea Magistrale in Management delle organizzazioni pubbliche e sanitarie: i laureati presso l Università Unitelma Sapienza ai Corsi di Laurea appartenenti alla classe L16, Classe delle lauree in scienze dell'amministrazione e dell'organizzazione; i laureati presso altre Università ai Corsi di Laurea appartenenti alla classe L16, Classe delle lauree in scienze dell'amministrazione e dell'organizzazione, purché abbiano conseguito almeno 40 cfu nei settori scientifico-disciplinari di base e caratterizzanti previsti dall ordinamento didattico della classe LM63; i laureati presso qualsiasi Università italiana che non rientrano nella condizione di cui ai punti precedenti. Sarà compito della Commissione Didattica, alla luce dell esame del curriculum dello studente, verificare le possibili affinità tra i settori scientifico-disciplinari nei quali sono stati acquisiti i crediti nel corso di laurea e i settori della laurea magistrale, ed eventualmente stabilire le necessità formative da acquisire per una valida partecipazione al corso di laurea magistrale. 2.2 Verifica della preparazione. Successivamente all iscrizione, l Università attiverà una procedura per accertare il possesso delle conoscenze e competenze indispensabili, ivi inclusa la conoscenza della lingua inglese, per accedere al Corso di laurea, anche al fine di prevedere ulteriori attività per l incremento delle stesse. Pag 13

14 Art. 3 Riconoscimento crediti formativi universitari (cfu) Ai fini del conseguimento del titolo di studio, non possono essere riconosciuti crediti formativi universitari (cfu) conseguiti nel corso di laurea triennale che dà accesso al corso. Possono essere riconosciuti i cfu conseguiti in altri Corsi di Laurea e Lauree Magistrali o Specialistiche, Master universitari di I e II livello e Corsi di formazione/perfezionamento universitari, purché congruenti con il settore scientifico disciplinare dell insegnamento oggetto di riconoscimento. Per quanto riguarda i diplomati presso l Università Unitelma Sapienza al Master di I livello in Management e funzioni di coordinamento delle professioni sanitarie, la Commissione Didattica ha approvato, ai fini dell iscrizione al corso e in presenza dei requisiti di ammissione di cui al precedente art. 2, il riconoscimento di 45 cfu 1. Per quanto riguarda i diplomati presso l Università Unitelma Sapienza al Master di I livello in Infermieristica forense, la Commissione Didattica ha approvato, ai fini dell iscrizione al corso e in presenza dei requisiti di ammissione di cui al precedente art. 2, il riconoscimento di 39 cfu 2. 1 Verranno riconosciuti i seguenti cfu: Insegnamenti del Corso di Laurea riconosciuti Insegnamenti del Master sostenuti Esame Ssd Cfu Esame Ssd Cfu La normativa sui processi di IUS/09 2 digitalizzazione nella P.A. Istituzioni di diritto pubblico IUS/09 10 L Amministrazione digitale IUS/10 4 Il sistema sanitario: aspetti istituzionali IUS/10 4 e normativi Organizzazione e gestione delle risorse SECS-P/10 4 umane Organizzazione delle aziende Modelli organizzativi per il settore SECS-P/10 2 SECS-P/10 10 sanitarie sanitario Management e organizzazione delle SECS-P/08 4 aziende sanitarie Elementi di contabilità pubblica SECS-P/07 4 Pianificazione e controllo nelle aziende SECS-P/07 2 Pianificazione e controllo delle SECS-P/07 10 sanitarie aziende sanitarie Il risk management in sanità SECS-P/11 2 Il sistema epidemiologico SECS-S/01 2 Ulteriori attività formative -- 1 La sanità digitale INF/01 1 Elementi di diritto sanitario e IUS/01 2 responsabilità professionali Diritto Sanitario IUS/05 10 La tutela dei dati personali nella sanità IUS/01 2 Convenzione europea dei diritti umani e IUS/13 2 tutela della salute Diritto del lavoro IUS/07 4 Sociologia del lavoro in sanità 2 Verranno riconosciuti i seguenti cfu: SPS/09 Gestione delle risorse umane nel SPS/09 2 sistema sanitario Relazioni sindacali e confronto IUS/07 2 negoziale nella sanità (su 12) Insegnamenti del Corso di Laurea riconosciuti Insegnamenti del Master sostenuti Esame Ssd Cfu Esame Ssd Cfu Scienza dell Amministrazione digitale IUS/10 4 La normativa sui processi di IUS/09 2 Istituzioni di diritto pubblico IUS/09 10 digitalizzazione delle Pubbliche Amministrazioni Rapporto di lavoro e sicurezza IUS/07 3 Elementi di medicina previdenziale MED/43 1 Pag 14

15 Per quanto riguarda i diplomati presso altre Università a Master analoghi in Management e funzioni di coordinamento delle professioni sanitarie, ovvero in Infermieristica forense, la Commissione Didattica esaminerà eventuali richieste di riconoscimento di cfu. Possono essere riconosciuti come crediti formativi universitari anche le conoscenze e le abilità professionali certificate individualmente, ai sensi della normativa vigente in materia. In proposito, l'università, in conformità con il D.M. 22 ottobre 2004, n. 270, art. 5 comma 7, e successive modifiche, può riconoscere, secondo criteri predeterminati, le conoscenze e le abilità professionali certificate, esonerando lo studente dal sostenere determinate prove d'esame corrispondenti, nel massimo, a 12 CFU (art. 14, legge 30 dicembre 2010, n. 240). Compete alla Commissione didattica la valutazione delle domande per il riconoscimento di CFU e di ogni eventuale variazione del piano di studio. La valutazione dei CFU diverrà definitiva soltanto all'atto dell'immatricolazione, previa presentazione della documentazione richiesta o delle autodichiarazioni, rese ai sensi del DPR , n. 445 (come modificata dalla L. 183/2011). Art. 4 Ordinamento didattico Il corso in Management delle organizzazioni pubbliche e sanitarie è articolato in 2 curricula: - Curriculum A: Management ed e-government delle aziende pubbliche; - Curriculum B: Management delle aziende sanitarie. Lo studente per il conseguimento del titolo deve acquisire 120 cfu, tramite il superamento o la convalida degli esami di profitto (sia quelli obbligatoriamente previsti dal piano che quelli a scelta dello studente), delle ulteriori attività formative, degli stages e tirocini e della prova finale. Gli studenti regolarmente iscritti per la prima volta ai corsi di studio dell Università Unitelma Sapienza possono sostenere gli esami soltanto a partire dal 45 giorno successivo Aspetti giuridici delle professioni IUS/10 2 sanitarie La normativa sulla protezione dei dati IUS/09 1 sanitari Profili di diritto delle responsabilità IUS/04 2 civile e delle assicurazioni La responsabilità amministrativocontabile SECS-P/07 1 in sanità La sperimentazione clinica e la sua IUS/04 1 Diritto Sanitario IUS/05 10 assicurazione obbligatoria La sicurezza dei dispositivi medici: le IUS/04 1 strutture sanitarie e la responsabilità da prodotto difettoso La procedura obbligatoria di mediazione IUS/15 1 finalizzata alla conciliazione nelle controversie civili di risarcimento del danno da responsabilità medica Elementi di diritto penale e la IUS/16 1 consulenza tecnica nel processo penale Organizzazione e gestione delle risorse SPS/09 7 Sociologia del lavoro in sanità SPS/09 12 umane Management e risorse umane SECS-P/08 2 Diritto del lavoro IUS/07 3 Contabilità pubblica SECS-P/07 3 Il risk management in sanità SECS-P/11 3 Pianificazione e controllo delle 7 SECS-P/07 Costruzione e implementazione di un SECS-P/11 1 aziende sanitarie (su 10) sistema efficiente di gestione del rischio clinico aziendale Pag 15

16 all'immatricolazione/iscrizione; tale disposizione si applica a tutti i nuovi studenti, anche se trasferiti da altri Atenei. L ordinamento didattico è il seguente: CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN: MANAGEMENT DELLE ORGANIZZAZIONI PUBBLICHE E SANITARIE (LM63) Curriculum A MANAGEMENT ED E-GOVERNMENT DELLE AZIENDE PUBBLICHE Attività Formative Ambiti disciplinari SSD Insegnamenti CFU DOCENTE C C Statisticoquantitativo Statisticoquantitativo SECS-S/01 INF/01 C Giuridico IUS/09 C Giuridico IUS/05 C C Processi decisionali ed organizzativi Economico - organizzativo I ANNO Statistica per la Pubblica Amministrazione Sistemi informativi per la Pubblica Amministrazione Istituzioni di diritto pubblico Diritto dei mercati finanziari SPS/04 Scienza politica 12 SECS-P/08 Management dell'innovazione Altre A scelta dello studente SARNACCHIARO Pasquale CIMITILE Marta MEOLI Chiara SEPE Marco CONTI Nicolò MAGGIORE Giulio Totale I anno 66 II ANNO C C Processi decisionali ed organizzativi Economico - organizzativo SPS/08 SECS-P/08 Sociologia della comunicazione elettronica La Governance e management nella P.A. A Affine IUS/21 Diritto pubblico comparato 10 A Affine IUS/12 Diritto tributario 8 Altre Per la prova finale 15 Altre Altre Ulteriori attività formative (art. 10, comma 5, lett. D) Legenda: C: attività caratterizzante A: attività affine o integrativa Ulteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche e telematiche, tirocini formativi e di orientamento, altre conoscenze utili per l inserimento nel mondo del lavoro. Per stages e tirocini presso imprese, enti pubblici o privati, ordini professionali Totale II anno 54 TOTALE PAGANO Umberto MAGGIORE Giulio PETRILLO Pier Luigi SAPONARO Fabio Pag 16

17 Attività Formative CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN: MANAGEMENT DELLE ORGANIZZAZIONI PUBBLICHE E SANITARIE (LM63) Curriculum B MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE Ambiti disciplinari SSD Insegnamenti CFU DOCENTE C C Statisticoquantitativo Statisticoquantitativo SECS-S/01 INF/01 C Giuridico IUS/09 I ANNO Metodi statistici per la sanità Sistemi informativi per la P.A. Istituzioni di diritto pubblico C Giuridico IUS/05 Diritto sanitario 10 C C Processi decisionali ed organizzativi Economico - organizzativo SPS/09 SECS-P/10 Sociologia del lavoro in sanità Organizzazione delle aziende sanitarie Altre A scelta dello studente SARNACCHIARO Pasquale CIMITILE Marta MEOLI Chiara SEPE Marco SENA Barbara Docente da definire Totale I anno 66 II ANNO C C Processi decisionali ed organizzativi Economico - organizzativo M-PSI/06 SECS-P/08 A Affine SECS-P/07 A Affine IUS/12 Psicologia del lavoro e delle organizzazioni La Governance e management nelle aziende sanitarie Pianificazione e controllo delle aziende sanitarie Fiscalità e contabilità sanitaria Altre Per la prova finale 15 Altre Altre Ulteriori attività formative (art. 10, comma 5, lett. D) Legenda: C: attività caratterizzante A: attività affine o integrativa Ulteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche e telematiche, titocini formativi e di orientamento, altre conoscenze utili per l inserimento nel mondo del lavoro. Per stages e tirocini presso imprese, enti pubblici o privati, ordini professionali Totale II anno 54 TOTALE AVALLONE Francesco MAGGIORE Giulio Docente da definire SAPONARO Fabio Pag 17

18 Art. 5 Prova finale La prova finale consiste nella presentazione di una tesi scritta su argomenti di una disciplina presente nel corso di studio. La valutazione sarà espressa in centodecimi con eventuale conferimento della lode. Art. 6 Quote di iscrizione Per le quote di iscrizione, si rinvia all apposita pagina del sito web di Ateneo, Pag 18

19 MOPS - APPENDICE A Obiettivi formativi specifici del corso I laureati devono sviluppare competenze adeguate a: - analizzare le politiche pubbliche e sanitarie ed i loro problemi attuativi (policy analysis); - monitorare l'implementazione delle politiche pubbliche (policy monitoring); - misurare e valutare gli effetti prodotti dalle politiche implementate (policy evaluation). A conclusione del corso, i laureati devono aver acquisito un'avanzata conoscenza nelle discipline economiche, organizzative, manageriali, giuridiche, statistiche, oltre che un'approfondita conoscenza del sistema inerente le politiche pubbliche, con particolare specificazione delle politiche sanitarie, e l'innovazione nelle strategie delle organizzazioni pubbliche. In particolare, le discipline economico-aziendali vengono declinate specificatamente con taglio sanitario, con l'obiettivo di fornire allo studente adeguate conoscenze in merito all'organizzazione, pianificazione e controllo delle organizzazioni sanitarie, e gli elementi caratterizzanti la governance e il management delle stesse. Il corso parte dal primo anno in cui si concentrano gli insegnamenti di base economici, statisticoquantitativi, giuridici e dei processi decisionali e organizzativi, fornendo allo studente gli elementi utili per la conoscenza globale del sistema delle organizzazioni pubbliche e sanitarie, oltre che gli strumenti statistici per un'opportuna analisi delle stesse. Il secondo anno è contraddistinto dagli insegnamenti caratterizzanti di matrice economicoorganizzativa e di processi decisionali, con particolare declinazione degli aspetti di governance e management nelle pubbliche amministrazioni, oltre che gli elementi di fiscalità, sociologia e psicologia del lavoro e delle organizzazioni. I laureati, al termine degli studi sono in grado di comprendere ed applicare alle realtà concrete le attività inerenti il management pubblico e sanitario, in particolare: - le metodologie per progettare e dirigere l'innovazione; - l'organizzazione e gestione delle aziende pubbliche e delle risorse umane; - le conoscenze di sistemi informativi e informatici; - i modelli organizzativi. Risultati di apprendimento attesi Conoscenza e comprensione: Il percorso formativo magistrale in management delle organizzazioni pubbliche e sanitarie prepara professionalità nelle quali sono richieste competenze economico-organizzativemanageriali e giuridiche, oltre che padronanza degli strumenti statistico-quantitativi e di capacità di interazione e comprensione dei processi decisionali ed organizzativi. I laureati saranno in grado di: - conoscere il funzionamento e le problematiche di gestione delle organizzazioni pubbliche e sanitarie; - conoscere ed applicare i metodi quantitativi per l'analisi e la valutazione delle politiche pubbliche e aziendali; - progettare, implementare e monitorare politiche pubbliche nei diversi livelli di governance; - rilevare dati e di organizzare le informazioni per l'analisi dei sistemi di governance. Le modalità con cui questi risultati verranno raggiunti, verteranno in particolare sul ricorso ad esempi di amministrazione/organizzazione ed a studi di casi problematici dai quali lo studente possa imparare a esercitare le regole della valutazione e dell'implementazione. Le suddette conoscenze e capacità di comprensione sono conseguite tramite il modello di "lezione digitale" adottato dall'università Unitelma Sapienza ed erogato tramite la piattaforma e- learning dell Ateneo (lezioni audio-video integrate dai documenti indicizzati, audio- Pag 19

20 streaming/downloading MP3; lo studente può seguire le lezioni sul proprio computer, sul tablet e su smartphone, 24 ore su 24), webinar, esercitazioni, studio individuale, tutorato, e forme di apprendimento cooperativo ed incontri periodici in presenza, che affronteranno temi specifici utili per mettere in pratica le nozioni teoriche acquisite durante le lezioni. Il raggiungimento di queste abilità è verificato dal superamento delle prove d esame, che si svolgono in presenza in forma scritta e/o orale, e nell ambito della preparazione e verifica della prova finale. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Il percorso formativo magistrale in management delle organizzazioni pubbliche e sanitarie propone un percorso di studi interdisciplinari economici, giuridici, gestionali, finalizzati all'obiettivo di promuovere l'interazione tra le discipline stesse, con la ricostruzione di realtà concrete e trasversali rispetto alle discipline accademiche. I laureati del Corso di laurea magistrale in management delle organizzazioni pubbliche e sanitarie devono sapersi orientare nello scenario categoriale proprio delle politiche pubbliche e sanitarie, dimostrando di essere anche capaci di applicare conoscenze multidisciplinari nel governo e nella gestione delle strutture amministrative. Devono altresì possedere competenze adeguate per affrontare e risolvere i problemi più delicati delle strutture complesse nelle società contemporanee. Ciò consentirà di sviluppare: - attitudini per prevenire, individuare, analizzare e risolvere problematiche gestionali e amministrative; - capacità di applicare conoscenze teoriche e metodologiche agli interventi specifici; - capacità di applicare tecniche e modelli di analisi comparata, quantitativa e qualitativa, dei dati; - attitudine a operare in gruppi di lavoro; - capacità di acquisire, analizzare e interpretare le informazioni provenienti da diverse fonti; - capacità di comprendere ed analizzare in modo professionale le problematiche dell'amministrazione pubblica e sanitaria. Il raggiungimento delle suddette capacità avviene prevedendo all interno degli insegnamenti lo svolgimento di esercitazioni, analisi di case-study, ricerche bibliografiche, lavori individuali o di gruppo. Il raggiungimento di tali abilità è comprovato dal superamento delle prove d esame che si svolgono in presenza in forma scritta e/o orale e nell ambito della preparazione della prova finale. Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative: - diritto dei mercati finanziari - diritto sanitario - management dell'innovazione - metodi statistici per la sanità - organizzazione delle aziende sanitarie - scienza politica - sistemi informativi per la p.a. - sociologia del lavoro in sanità - statistica per la p.a. - istituzioni di diritto pubblico - diritto pubblico comparato - diritto tributario - fiscalità e contabilità sanitaria Pag 20

UNITELMA SAPIENZA. offerta formativa. Anno accademico 2014/2015. Programma degli studi

UNITELMA SAPIENZA. offerta formativa. Anno accademico 2014/2015. Programma degli studi Anno accademico 2014/2015 UNITELMA SAPIENZA offerta formativa area giuridica SCAMS: Corso di laurea triennale in Scienze dell Amministrazione e della Sicurezza MOPS: Corso di laurea magistrale in Management

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI STUDI Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza LMG

PROGRAMMA DEGLI STUDI Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza LMG PROGRAMMA DEGLI STUDI Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza LMG Classe LMG/01 Classe delle Lauree Magistrali in Giurisprudenza REGOLAMENTO DIDATTICO Anno Accademico 2015/2016 Università

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI STUDI Corso di Laurea Magistrale Economia, Management e Innovazione CLEMI

PROGRAMMA DEGLI STUDI Corso di Laurea Magistrale Economia, Management e Innovazione CLEMI PROGRAMMA DEGLI STUDI orso di Laurea Magistrale Economia, Management e Innovazione LEMI lasse LM77 lasse delle Scienze economico-aziendali REGOLAMENTO DIDATTIO Anno Accademico 2015/201 Università degli

Dettagli

MANAGEMENT E FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MANAGEMENT E FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master universitario di I livello in MANAGEMENT E FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE a.a. 2011-2012 1. Finalità Il Master ha lo scopo di formare il manager sanitario con una solida preparazione

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751/2/3/4 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

MANAGEMENT E FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MANAGEMENT E FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master Universitario di I livello in MANAGEMENT E FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Nona Edizione a.a. 2014-2015 1. Finalità Il master ha lo scopo di formare il manager sanitario con

Dettagli

MANAGEMENT E FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MANAGEMENT E FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master Universitario di I livello in MANAGEMENT E FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Ottava Edizione a.a. 2013-2014 1. Finalità Il master ha lo scopo di formare il manager sanitario

Dettagli

APPRENDERE PER IL FUTURO

APPRENDERE PER IL FUTURO APPRENDERE PER IL FUTURO Guida allʼofferta FORMATIVA APPRENDERE PER IL FUTURO Guida allʼofferta FORMATIVA offerta formativa 12 Corsi di Laurea triennale 12 Scienze dellʼeconomia e della gestione aziendale

Dettagli

DIREZIONE ED ORGANIZZAZIONE DELLE AZIENDE SANITARIE

DIREZIONE ED ORGANIZZAZIONE DELLE AZIENDE SANITARIE Master di I livello in DIREZIONE ED ORGANIZZAZIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 1. Finalità Il corso ha lo scopo di formare operatori e professionisti del settore sanitario, introducendoli alla conoscenza dei

Dettagli

Facoltà di Economia Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale (L 18) Economia e Management Aziendale (LM 77)

Facoltà di Economia Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale (L 18) Economia e Management Aziendale (LM 77) Roma teramo Sede Corropoli (TE) L università On line è il L università On line è il domani domani Corsi di laurea in Facoltà di Economia Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale (L 18) Economia

Dettagli

DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA E SCIENZE POLITICHE, ECONOMICHE E SOCIALI

DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA E SCIENZE POLITICHE, ECONOMICHE E SOCIALI DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA E SCIENZE POLITICHE, ECONOMICHE E SOCIALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE AMEDEO AVOGADRO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA

Dettagli

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 1. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATI VI All interno dell Ateneo

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICA E D IMPRESA. Premessa

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICA E D IMPRESA. Premessa REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICA E D IMPRESA Premessa Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea magistrale in Comunicazione

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN ADMINISTRATION STUDIES

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN ADMINISTRATION STUDIES UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL AMMINISTRAZIONE (Classe L-16 Scienze dell amministrazione e dell organizzazione) UNIVERSITY

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 SEZIONE UNDICESIMA FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 Alla Facoltà di Economia (sede di Piacenza) afferiscono i seguenti corsi di laurea triennali: a) corso di laurea in Economia aziendale b)

Dettagli

Articolo 12. Articolo 13

Articolo 12. Articolo 13 CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE GIURIDICHE PER LA CONSULENZA DEL LAVORO E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI NUOVO ORDINAMENTO Classe L-14, Classe delle lauree triennali in Scienze dei servizi giuridici

Dettagli

corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M. 270/04)

corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M. 270/04) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE Regolamento didattico di corso di studio (laurea di II livello) corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M.

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE (Approvato con delibera del CdS e CdF del 03.05.06 e modificato con delibera del CdS del 07.03.07 e del CdF del 04.04.07) Regolamento didattico

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del C.d.F. del 07.05.03, modificato con delibera del CdF del 8.10.03, del 12.05.04, del 01.06.2005, 21.12.2005) Regolamento

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STUDI EUROPEI (Classe LM-90 Studi Europei) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA (LMG-01)

LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA (LMG-01) LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA (LMG-01) Il corso di laurea in breve ll Corso di laurea magistrale in Giurisprudenza, in modalità E-learning, si propone di formare gli studenti al dominio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Medicina e Chirurgia LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2009-2010 DESCRIZIONE Il Corso

Dettagli

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Classe L 18

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Scienze del lavoro (classe delle

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA ART. 1

FACOLTÀ DI ECONOMIA ART. 1 SEZIONE TERZA FACOLTÀ DI ECONOMIA ART. 1 Alla Facoltà di Economia afferiscono i seguenti corsi di laurea specialistica: a) corso di laurea specialistica in Economia b) corso di laurea specialistica in

Dettagli

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello)

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE (già Istituto Universitario Navale) Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) corso di laurea in Economia Aziendale (Adeguamento di corso

Dettagli

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in ECONOMIA AZIENDALE

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in ECONOMIA AZIENDALE UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in ECONOMIA AZIENDALE approvato dal Senato Accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI 1.1 Dipartimento Economia e impresa

Dettagli

ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA)

ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA) ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA) Coorte: 2008/2009 Il Corso di laurea magistrale in Economia e Direzione Aziendale si propone di fornire una formazione di livello avanzato per l'esercizio di attività

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Economia

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Economia Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Economia Corso di Laurea Magistrale in MANAGEMENT, FINANZA E INTERNATIONAL BUSINESS Classe di appartenenza: LM 77 Scienze economico-aziendali Nome inglese del

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: a) per Facoltà: la Facoltà

Dettagli

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN CONSULENZA E PROFESSIONE Classe

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA CLASSE LMG/01

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA CLASSE LMG/01 Art. 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: a) per Dipartimento: il Dipartimento di

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica Classe di appartenenza: LM - 51 Clinical Psychology REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT. Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali

Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT. Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali ART. 1 Istituzione del corso di laurea in Management (MGT) Presso

Dettagli

Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE

Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE Vista la legge 9.5.89, n. 168; Vista la legge 19.11.90, n. 341; Vista la legge 15.5.97, n. 127; il D.P.R. 27.1.98, n. 25; il D.M. 3.11.99, n. 509 recante norme concernenti

Dettagli

Facoltà: Giurisprudenza Corso di Laurea in: Scienze Politiche Classe: L 36 (Classe delle lauree in Scienze Politiche e delle relazioni internazionali)

Facoltà: Giurisprudenza Corso di Laurea in: Scienze Politiche Classe: L 36 (Classe delle lauree in Scienze Politiche e delle relazioni internazionali) Facoltà: Giurisprudenza Corso di Laurea in: Scienze Politiche Classe: L 36 (Classe delle lauree in Scienze Politiche e delle relazioni internazionali) Sede segreteria del corso: Palazzo Ducale, P.zza Cavour,

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-16 Finanza

Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-16 Finanza Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso Università degli Studi di VERONA LM-16 - Finanza Banca e finanza adeguamento di: Banca

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TRADUZIONE LETTERARIA E TRADUZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Classe 104/S La laurea

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in INGEGNERIA GESTIONALE Classe di appartenenza: LM-31 INGEGNERIA GESTIONALE MANAGEMENT ENGINEERING REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16 Obiettivi formativi Il Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in INGEGNERIA MECCANICA Classe di appartenenza: LM-33 - INGEGNERIA MECCANICA MECHANICAL ENGINEERING REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2014 2015 A CURA DELLA PRESIDENZA DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2014 2015 A CURA DELLA PRESIDENZA DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2014 2015 A CURA DELLA PRESIDENZA DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014-2015 Laurea Magistrale in Giurisprudenza LMG-01 (Ordinamento 26694 D.L.

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24 Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Scienze Psicologiche Classe di appartenenza: L - 24 Psychological Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

Regolamento didattico Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56)

Regolamento didattico Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) Regolamento didattico Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) Obiettivi formativi Il Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico ha l obiettivo

Dettagli

Università Telematica OFFERTA FORMATIVA. Corso di Laurea in Gestione d Impresa

Università Telematica OFFERTA FORMATIVA. Corso di Laurea in Gestione d Impresa Università Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM OFFERTA FORMATIVA Corso di Laurea in Gestione d Impresa Scheda informativa Università Classe Nome del corso telematica Universitas Mercatorum 18 - Classe delle

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Laurea Magistrale GESTIONE DELLE POLITICHE, DEI SERVIZI SOCIALI E DELLA MEDIAZIONE INTERCULTURALE

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Laurea Magistrale GESTIONE DELLE POLITICHE, DEI SERVIZI SOCIALI E DELLA MEDIAZIONE INTERCULTURALE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Laurea Magistrale in GESTIONE DELLE POLITICHE, DEI SERVIZI SOCIALI E DELLA MEDIAZIONE INTERCULTURALE D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico

Dettagli

Corso di Laurea specialistica in SCIENZE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE

Corso di Laurea specialistica in SCIENZE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea specialistica in SCIENZE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE Classe SNT_SPEC/02 Scienze delle professioni

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI E GIUSPRIVATISTICI CORSO DI LAUREA IN MARKETING E COMUNICAZIONE D AZIENDA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015 Art. 1 Finalità Il

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio ART. 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento s intende:

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-90 Studi europei

Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-90 Studi europei Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Università Cattolica del Sacro Cuore LM-90 - Studi europei Studi europei modifica di: Studi europei (1207760) EUROPEAN STUDIES

Dettagli

FUNZIONARIO GIUDIZIARIO E AMMINISTRATIVO ANNO ACCADEMICO 2009/2010

FUNZIONARIO GIUDIZIARIO E AMMINISTRATIVO ANNO ACCADEMICO 2009/2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea telematico in: FUNZIONARIO GIUDIZIARIO E AMMINISTRATIVO ANNO ACCADEMICO 2009/2010 Depliant informativo FACOLTA' DI GIURISPRUDENZA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Scienze della Formazione

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Scienze della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Scienze della Formazione LAUREA MAGISTRALE IN Formazione degli adulti e consulenza nelle organizzazioni REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008

Dettagli

L-18 Economia aziendale REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2013-14

L-18 Economia aziendale REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2013-14 L-18 Economia aziendale REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2013-14 Art.1 Denominazione del corso di studio e classe di appartenenza E istituito presso l Università di Firenze il Corso di Laurea in Economia

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Classe di appartenenza: LM - 85 Pedagogical Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1

Dettagli

Art. 4 Ordinamento didattico Art. 5 Quadro degli insegnamenti e delle attività formative Art. 6 Piano degli studi annuale

Art. 4 Ordinamento didattico Art. 5 Quadro degli insegnamenti e delle attività formative Art. 6 Piano degli studi annuale UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TRIESTE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA, D IMPRESA E PUBBLICITÀ LM 59 Art. 1 Finalità 1. Il presente regolamento didattico

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Fisica Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...1 1. Obiettivi specifici del corso...1 2. Risultati di apprendimento

Dettagli

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Page 1 of 5 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE Testo: LAUREA MAGISTRALE

Dettagli

I VANTAGGI PER GLI ISCRITTI

I VANTAGGI PER GLI ISCRITTI I VANTAGGI PER GLI ISCRITTI I lavoratori iscritti alla CISL, nonché i familiari appartenenti ai loro nuclei familiari, grazie alla convenzione con l università telematica UNITELMA-SAPIENZA, possono frequentare

Dettagli

17-Classe delle lauree in scienze dell'economia e della gestione aziendale Nome del corso. Economia aziendale

17-Classe delle lauree in scienze dell'economia e della gestione aziendale Nome del corso. Economia aziendale Università Università degli studi di Genova Classe 17-Classe delle lauree in scienze dell'economia e della gestione aziendale Nome del corso Economia aziendale Modifica di Economia aziendale (codice=333)

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI DIPARTIMENTO DI Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione CORSO DI LAUREA IN FORMAZIONE E GESTIONE DELLE RISORSE UMANE REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015 Art.

Dettagli

FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE www.scienzepolitiche.uniba.it

FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE www.scienzepolitiche.uniba.it FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE www.scienzepolitiche.uniba.it Presidenza Via Suppa, 9-70122 Bari Preside: prof. Ennio Triggiani e-mail: presidetriggiani@scienzepolitiche.uniba.it Segreteria di Presidenza

Dettagli

Sede: Dipartimento di Fisica, via Madonna delle Carceri 9, tel (+39) 0737 402529, fax (+39) 0737 402853

Sede: Dipartimento di Fisica, via Madonna delle Carceri 9, tel (+39) 0737 402529, fax (+39) 0737 402853 Classe: 25 - Scienze e Tecnologie Fisiche Sede: Dipartimento di Fisica, via Madonna delle Carceri 9, tel (+39) 0737 402529, fax (+39) 0737 402853 Indirizzo Internet di riferimento: https://didattica.unicam.it/esse3/corsodistudio.do?cod_lingua=ita&cds_id=67

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA -

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE CLASSE LM-65 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN FINANZA E METODI QUANTITATIVI PER L ECONOMIA CLASSI DELLE LAUREE MAGISTRALI LM-1 e LM-83 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 (FIN) (Sede

Dettagli

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MANAGEMENT DEL TURISMO E DELL

Dettagli

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

Anno Accademico 2012-2013. Corso di laurea in Scienze della politica e dell amministrazione

Anno Accademico 2012-2013. Corso di laurea in Scienze della politica e dell amministrazione Università degli Studi di Sassari Facoltà di Scienze Politiche Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell Informazione Anno Accademico 2012-2013 Corso di laurea in

Dettagli

Corso di Laurea in Discipline Giuridiche Classe L-14 Scienze dei Servizi Giuridici Degree in LEGAL ISSUES

Corso di Laurea in Discipline Giuridiche Classe L-14 Scienze dei Servizi Giuridici Degree in LEGAL ISSUES hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Giurisprudenza - Como Corso di Laurea in Discipline Giuridiche Classe L-14 Scienze dei Servizi Giuridici Degree in LEGAL ISSUES Sede del corso:

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI. CORSO DI LAUREA Scienze e tecniche psicologiche Classe L-24 Anno Accademico 2013-2014

MANIFESTO DEGLI STUDI. CORSO DI LAUREA Scienze e tecniche psicologiche Classe L-24 Anno Accademico 2013-2014 MANIFESTO DEGLI STUDI CORSO DI LAUREA Scienze e tecniche psicologiche Classe L-24 Anno Accademico 2013-2014 Requisiti d accesso e modalità di verifica Per accedere al corso di laurea della classe L-24

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC)

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC) CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC) classe delle lauree Magistrali in Scienze economiche per l ambiente e la cultura (LM-76).

Dettagli

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia Università degli Studi di Milano-Bicocca Facoltà di Economia Corso di laurea in Economia delle banche, delle assicurazioni e degli intermediari finanziari, Classe appartenenza L-1 Scienze dell'economia

Dettagli

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia Università degli Studi di Milano-icocca Facoltà di Economia Corso di laurea in Economia e amministrazione delle imprese, Classe di appartenenza L-18 Scienze dell'economia e della gestione aziendale Nome

Dettagli

IL RETTORE. S.D.A./Servizio Elettorale, Statuto e Regolamenti D.R. 999

IL RETTORE. S.D.A./Servizio Elettorale, Statuto e Regolamenti D.R. 999 S.D.A./Servizio Elettorale, Statuto e Regolamenti D.R. 999 IL RETTORE VISTO il T.U. delle leggi sull'istruzione Superiore approvato con R.D. 31.08.1933, n. 1592; VISTA la legge 9 maggio 1989, n. 168; VISTO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE (ORU)

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE (ORU) UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE (ORU) (Classe L-16) Immatricolati fino all'a.a. 2013/2014 GENERALITA' Classe di laurea di appartenenza:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN. Comunicazione pubblica, digitale e d impresa Public, Digital and business communication

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN. Comunicazione pubblica, digitale e d impresa Public, Digital and business communication UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Comunicazione pubblica, digitale e Public, Digital and business communication CLASSE LM-59 DELLE LAUREE MAGISTRALI Anno accademico

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 Ingegneria meccanica DM 270/2004,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN: PSICOLOGIA (Interfacoltà con le Facoltà di Lettere e Filosofia e di Medicina

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTA IN INFORMAZIONE ED EDITORIA (CLASSE LM-19)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTA IN INFORMAZIONE ED EDITORIA (CLASSE LM-19) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTA IN INFORMAZIONE ED EDITORIA (CLASSE LM-19) Art. 1 Premessa ed ambito di competenza. Il presente Regolamento, in conformità allo Statuto

Dettagli

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI E UNIVERSITÀ G. D ANNUNZIO CHIETI - PESCARA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI E UNIVERSITÀ G. D ANNUNZIO CHIETI - PESCARA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI E UNIVERSITÀ G. D ANNUNZIO CHIETI - PESCARA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERATENEO TELEMATICO IN SCIENZE PSICOLOGICHE CLASSE L-24

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Scienza dei Materiali. Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...2 1. Obiettivi specifici del corso...2 2.

Dettagli

All. n. 1 al CdF del 11-09-08 n. 27 - Regolamento didattico EA.doc. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE Regolamento didattico del

All. n. 1 al CdF del 11-09-08 n. 27 - Regolamento didattico EA.doc. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE Regolamento didattico del UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE Regolamento didattico del Corso di Laurea triennale in Economia aziendale (Trasformazione di corso di studio pre-esistente D.M. 509/99, secondo il D.M. 270/04)

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN: FORMAZIONE DI OPERATORI TURISTICI Classe L15 Art. 1 - Premesse 1. Il corso

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-59 Scienze della comunicazione pubblica, d'impresa e pubblicità

Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-59 Scienze della comunicazione pubblica, d'impresa e pubblicità Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso Il corso é Libera Univ. degli Studi "Maria SS.Assunta" - LUMSA - Roma LM-59 - Scienze della

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Scuola di Economia e Management L-37 SVILUPPO ECONOMICO, COOPERAZIONE INTERNAZIONALE SOCIO-SANITARIA E GESTIONE DEI CONFLITTI REGOLAMENTO 2013-14

Scuola di Economia e Management L-37 SVILUPPO ECONOMICO, COOPERAZIONE INTERNAZIONALE SOCIO-SANITARIA E GESTIONE DEI CONFLITTI REGOLAMENTO 2013-14 Scuola di Economia e Management L-37 SVILUPPO ECONOMICO, COOPERAZIONE INTERNAZIONALE SOCIO-SANITARIA E GESTIONE DEI CONFLITTI REGOLAMENTO 2013-14 Articolo 1 Denominazione del corso di studio e classe di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) CORSO DI LAUREA INTERCLASSE SCIENZE POLITICHE E RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

ECONOMIA, MANAGEMENT E AMMINISTRAZIONE D AZIENDA

ECONOMIA, MANAGEMENT E AMMINISTRAZIONE D AZIENDA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE ECONOMIA, MANAGEMENT E AMMINISTRAZIONE D AZIENDA Classe di Laurea LM 77 DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE, POLITICHE E DELLE LINGUE MODERNE PRESIDENTE DEL CORSO DI LAUREA Prof.

Dettagli

S.D.A./Servizio Elettorale, Statuto e Regolamenti D.R. 1001 IL RETTORE

S.D.A./Servizio Elettorale, Statuto e Regolamenti D.R. 1001 IL RETTORE S.D.A./Servizio Elettorale, Statuto e Regolamenti D.R. 1001 IL RETTORE VISTO il T.U. delle leggi sull'istruzione Superiore approvato con R.D. 31.08.1933, n. 1592; VISTA la legge 9 maggio 1989, n. 168;

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIORNALISMO E CULTURA EDITORIALE Classe LM 19 INFORMAZIONE E SISTEMI EDITORIALI

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIORNALISMO E CULTURA EDITORIALE Classe LM 19 INFORMAZIONE E SISTEMI EDITORIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIORNALISMO E CULTURA EDITORIALE Classe LM 19 INFORMAZIONE E SISTEMI EDITORIALI Art. 1 Finalità TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO 1. Il diploma

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA www.lex.uniba.it

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA www.lex.uniba.it FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA www.lex.uniba.it Presidenza Piazza Cesare Battisti, 1 - Bari Preside: prof. Mario Giovanni Garofalo Tel. 080.571721-7240; e-mail: mg.garofalo@lex.uniba.it Segreteria Studenti

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Definizioni a) per Facoltà: la Facoltà

Dettagli

Dipartimento di Scienze Giuridiche. PARTE I Principi generali

Dipartimento di Scienze Giuridiche. PARTE I Principi generali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Regolamento didattico del Corso di Laurea in Economia e Commercio Laurea: Classe: Struttura di riferimento: Altre strutture di riferimento: Economia e Commercio Economics

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in TEORIA DELLA COMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE PUBBLICA (LM-92 - Teorie della comunicazione )

Corso di Laurea Magistrale in TEORIA DELLA COMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE PUBBLICA (LM-92 - Teorie della comunicazione ) Dipartimento di Studi Umanistici Corso di Laurea Magistrale in TEORIA DELLA COMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE PUBBLICA (LM-92 - Teorie della comunicazione ) Manifesto degli Studi A.A. 2014/2015 Presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO. UNIVERSITA DI TORINO Facoltà di Scienze MFN CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA. Classe 32

REGOLAMENTO DIDATTICO. UNIVERSITA DI TORINO Facoltà di Scienze MFN CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA. Classe 32 REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITA DI TORINO Facoltà di Scienze MFN CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Classe 32 Art. 1 - Denominazione e classe di appartenenza E` istituito presso l'università degli Studi di

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA Classe di appartenenza: LM-32 INGEGNERIA INFORMATICA COMPUTER SCIENCE AND ENGINEERING REGOLAMENTO

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INFORMATICA Classe LM-18 Informatica 1. ASPETTI GENERALI La durata normale del Corso di Laurea Magistrale in Informatica è di due anni. Lo

Dettagli