UNITELMA SAPIENZA. offerta formativa. Anno accademico 2014/2015. Programma degli studi. area giuridica. area economica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNITELMA SAPIENZA. offerta formativa. Anno accademico 2014/2015. Programma degli studi. area giuridica. area economica"

Transcript

1 Anno accademico 2014/2015 UNITELMA SAPIENZA offerta formativa area giuridica SCAMS: Corso di laurea triennale in Scienze dell Amministrazione e della Sicurezza MOPS: Corso di laurea magistrale in Management delle organizzazioni pubbliche e sanitarie LMG: Corso di laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza Programma degli studi area economica CLEA: Corso di laurea triennale in Scienze dell Economia Aziendale CLEMA: Corso di laurea magistrale in Economia e management Aziendale N.b.: i programmi dei singoli insegnamenti saranno disponibili dal 15 settembre UNITELMA SAPIENZA UNIVERSITA TELEMATICA Viale Regina Elena, Roma T (+39)

2 PROGRAMMA DEGLI STUDI Corso di Laurea Triennale Scienze dell Amministrazione e della Sicurezza SCAMS Classe L16, Classe delle Scienze dell Amministrazione e dell organizzazione REGOLAMENTO DIDATTICO Anno Accademico 2014/2015 Unitelma Sapienza Università telematica Viale Regina Elena, Roma Cod. Fiscale e Partita IVA T (+39)

3 Premessa Il corso di laurea in Scienze dell'amministrazione e della sicurezza (SCAMS) ha lo scopo di formare esperti nelle attività di programmazione, direzione, gestione e controllo della Pubblica Amministrazione, nonché di professionisti particolarmente qualificati nei settori della security e investigazioni. Gli obiettivi formativi del corso sono tesi a fornire adeguate conoscenze in ambito giuridico, politologico, sociologico, storico, statistico-economico, economico-aziendale, psicologico e criminologico. In particolare, il corso è articolato in due curricula: il primo indirizzo è finalizzato alla formazione di dirigenti e quadri, sia delle Pubbliche Amministrazioni che delle grandi organizzazioni private nazionali ed internazionali, nelle metodologie e nelle tecniche del management pubblico e dell'e-government, a sostegno dei processi innovativi volti alla creazione di una moderna amministrazione, professionalmente idonea ad affrontare tutte le problematiche della società dell'informazione, con riferimento alle politiche e agli indirizzi internazionali, comunitari e nazionali; il secondo indirizzo privilegia tematiche inerenti il settore della sicurezza e delle investigazioni per le amministrazioni pubbliche e private, introducendo elementi di criminologia, diritto penale, processual-penalistico e di sociologia e legislazione della security. Art.1 Obiettivi formativi Il corso ha la finalità di formare coloro che hanno interesse ad operare nelle Pubbliche Amministrazioni e/o nell'ambito della sicurezza ed ha lo scopo di formare esperti e specialisti per le attività di programmazione, direzione, gestione e controllo, nelle investigazioni pubbliche e private, e nelle tematiche della criminologia e security. L'offerta formativa è finalizzata a trattare, in modo integrato, le tematiche del management pubblico, con quella, da un lato, della burocrazia digitale e del governo elettronico, dall'altro, della sicurezza, della criminologia e delle investigazioni e del contrasto dell'illegalità nella pubblica amministrazione. Una puntuale descrizione degli obiettivi formativi, degli sbocchi occupazionali e dei risultati di apprendimento attesi è riportata nell appendice A. Art. 2 Requisiti di ammissione 2.1 Requisiti per l iscrizione. Al corso di laurea sono ammessi coloro che risultano in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o altro titolo conseguito all'estero e riconosciuto idoneo. 2.2 Verifica della preparazione. Successivamente all iscrizione, l Università attiverà una procedura per accertare il possesso delle conoscenze e competenze indispensabili per accedere al Corso di Laurea, anche al fine di prevedere ulteriori attività per l incremento delle stesse. Art. 3 Riconoscimento crediti formativi universitari (cfu) Possono essere riconosciuti i cfu conseguiti in altri Corsi di Laurea e Lauree Magistrali o Specialistiche, Master universitari di I e II livello e Corsi di formazione/perfezionamento universitari, purché congruenti con il settore scientifico disciplinare dell insegnamento oggetto di riconoscimento. Pag 3

4 Possono essere riconosciuti come crediti formativi universitari anche le conoscenze e le abilità professionali certificate individualmente, ai sensi della normativa vigente in materia. In proposito, l'università, in conformità con il D.M. 22 ottobre 2004, n. 270, art. 5 comma 7, e successive modifiche, può riconoscere, secondo criteri predeterminati, le conoscenze e le abilità professionali certificate, esonerando lo studente dal sostenere determinate prove d'esame corrispondenti, nel massimo, a 12 CFU (art. 14, legge 30 dicembre 2010, n. 240). Compete alla Commissione didattica la valutazione delle domande per il riconoscimento di cfu e di ogni eventuale variazione del piano di studio. La valutazione dei cfu diverrà definitiva soltanto all'atto dell'immatricolazione, previa presentazione della documentazione richiesta o delle autodichiarazioni, rese ai sensi del DPR , n. 445 (come modificata dalla L. 183/2011). Art. 4 Ordinamento didattico Il corso in Scienze dell'amministrazione e della sicurezza è articolato in 2 curricula: - Curriculum A: Amministrazione e organizzazione; - Curriculum B: Organizzazione, sicurezza e investigazioni. Lo studente per il conseguimento del titolo deve acquisire 180 cfu, tramite il superamento o la convalida degli esami di profitto (sia quelli obbligatoriamente previsti dal piano che quelli a scelta dello studente), dell idoneità di lingua straniera, delle ulteriori attività formative e della prova finale. Gli studenti regolarmente iscritti per la prima volta ai corsi di studio dell Università Unitelma Sapienza possono sostenere gli esami soltanto a partire dal 45 giorno successivo all'immatricolazione/iscrizione; tale disposizione si applica a tutti i nuovi studenti, anche se trasferiti da altri Atenei. L ordinamento didattico è il seguente: Attività Formative CORSO DI LAUREA IN: SCIENZE DELL AMMINISTRAZIONE E DELLA SICUREZZA (L16) Curriculum A AMMINISTRAZIONE E ORGANIZZAZIONE Ambiti disciplinari SSD Insegnamenti CFU DOCENTE I ANNO B Giuridico IUS/01 Istituzioni di diritto privato 10 B Statistico - economico INF/01 Informatica 8 B Storico, politicosociale amministrativi Sistemi politici e SPS/04 14 B Discipline Lingua e traduzione - L-LIN/12 linguistiche lingua inglese 6 C Socio - psicologico SPS/07 Metodologia della ricerca sociale 8 C Socio - psicologico SPS/09 Organizzazione e gestione delle risorse umane 8 Totale I anno 54 NAPOLI Gaetano Edoardo CIMITILE Marta CONTI Nicolò DOCENTE da definire GALANTINO Maria Grazia SENA Barbara Pag 4

5 II ANNO B Giuridico IUS/10 Diritto amministrativo 10 B C C Statistico - economico Economico - aziendale Economico - aziendale SECS-P/02 Politica economica 6 SECS-P/07 Contabilità pubblica 8 SECS-P/08 Economia e gestione dei servizi pubblici C Giuridico IUS/05 Diritto dell'economia 10 C Giuridico IUS/14 Diritto dell'u.e. 10 C Socio-politologico SPS/04 Scienza dell'amministrazione digitale 8 10 Totale II anno 60 SCIARRETTA Franco MORONE Pier Giuseppe GULLUSCIO Carmela POPOLI Paolo SEPE Marco CARTA Mario LIMONE Donato III ANNO C Giuridico IUS/07 Diritto del lavoro 10 C Socio-politologico SPS/01 Filosofia politica 6 A Affine IUS/12 L'amministrazione finanziaria negli Enti Pubblici A Affine SPS/08 Comunicazione pubblica 8 Altre a scelta dello studente 12 Altre Altre Per la prova finale e la lingua straniera (art. 10, comma 5, lett. C) Ulteriori attività formative (art. 10, comma 45, lett. D) 10 Lingua straniera 5 Ulteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche e telematiche, tirocini formativi e di orientamento, altre conoscenze utili per l'inserimento nel mondo del lavoro Altre Prova finale 5 8 MAIO Valerio SABATINI Angelo Guido SAPONARO Fabio BASILICA Federico DOCENTE da definire Totale III anno 64 Legenda: C: attività caratterizzante A: attività affine o integrativa TOTALE 180 Pag 5

6 Attività Formative CORSO DI LAUREA IN: SCIENZE DELL AMMINISTRAZIONE E DELLA SICUREZZA (L16) Curriculum B ORGANIZZAZIONE, SICUREZZA E INVESTIGAZIONI Ambiti disciplinari SSD Insegnamenti CFU DOCENTE I ANNO B Giuridico IUS/01 Istituzioni di diritto privato 10 B B B Statistico - economico Storico, politicosociale Discipline linguistiche INF/01 Informatica 8 SPS/04 L-LIN/12 Sistemi politici e amministrativi Lingua e traduzione - lingua inglese C Socio - psicologico SPS/07 Sociologia 6 C Socio - psicologico M-PSI/05 Psicologia sociale forense 8 14 Totale I anno 52 6 NAPOLI Gaetano Edoardo CIMITILE Marta CONTI Nicolò DOCENTE da definire GALANTINO Maria Grazia DOCENTE da definire II ANNO B Giuridico IUS/10 Diritto amministrativo 10 B C Statistico - economico Economico - aziendale SECS-S/05 Statistica sociale 6 SECS-P/07 Economia aziendale 12 C Giuridico IUS/04 Diritto commerciale 12 C Socio-politologico SPS/04 Scienza dell'amministrazione Digitale A Affine IUS/17 Diritto penale 8 12 Totale II anno 60 SCIARRETTA Franco SARNACCHIARO Pasquale GULLUSCIO Carmela MARTUCCI Katrin LIMONE Donato COCO Paola III ANNO C Giuridico IUS/07 Diritto del lavoro 10 A Affine SPS/09 Sociologia della security 6 A Affine IUS/16 Procedura Penale 8 A Affine IUS/16 Legislazione delle investigazioni private A Affine IUS/17 Criminologia 8 6 MAIO Valerio SENA Barbara APRATI Roberta DOCENTE da definire MASTRONARDI Vincenzo Pag 6

7 Altre a scelta dello studente 12 Altre Altre Per la prova finale e la lingua straniera (art. 10, comma 5, lett. C) Ulteriori attività formative (art. 10, comma 45, lett. D) Lingua straniera 5 Ulteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche e telematiche, tirocini formativi e di orientamento, altre conoscenze utili per l'inserimento nel mondo del lavoro Altre Prova finale 5 8 DOCENTE da definire Totale III anno 68 Legenda: C: attività caratterizzante A: attività affine o integrativa TOTALE 180 Art. 5 Prova finale La prova finale consiste nella presentazione di una tesi scritta su argomenti di una disciplina presente nel corso di studio. La valutazione sarà espressa in centodecimi con eventuale conferimento della lode. Art. 6 Quote di iscrizione Per le quote di iscrizione, si rinvia all apposita pagina del sito web di Ateneo, Pag 7

8 SCAMS - APPENDICE A Obiettivi formativi specifici del corso Il corso ha la finalità di formare coloro che hanno interesse ad operare nelle Pubbliche Amministrazioni e/o nell'ambito della sicurezza. I destinatari del corso sono, in particolare: i funzionari che operano nelle amministrazioni centrali e periferiche dello Stato, nelle Regioni, nei Comuni e nelle Autonomie locali, nelle Aziende sanitarie locali, nei servizi pubblici locali, negli enti pubblici non economici; i giovani che intendono lavorare nel settore pubblico e della sicurezza. Il corso di laurea ha lo scopo di formare esperti e specialisti per le attività di programmazione, direzione, gestione e controllo, nelle investigazioni pubbliche e private, criminologia e security. In particolare: - il curricula "Amministrazione e Organizzazione" si occupa di formare la moderna dirigenza ed i quadri delle P.A. non solo nelle metodologie e nelle tecniche del management ma anche sull'e-government a sostegno dei processi innovativi per la creazione di una burocrazia idonea ad affrontare tutte le problematiche della società dell'informazione, con riferimento alle politiche comunitarie, nazionali ed internazionali; - il curricula "Organizzazione, sicurezza e investigazioni" individua un approccio multidisciplinare che, integrando saperi propri delle scienze sociali e hard sciences, si focalizza sulla criminologia, sulla legislazione delle investigazioni, anche private, sulla sociologia della security e sulla psicologia sociale forense. L'offerta formativa è finalizzata a trattare, in modo integrato, le tematiche del management pubblico, con quella, da un lato, della burocrazia digitale e del governo elettronico, dall'altro della sicurezza, della criminologia e delle investigazioni. Risultati di apprendimento attesi Conoscenza e comprensione: Il laureato deve conoscere: - i concetti base delle discipline giuridiche, economico-aziendali e socio-politologiche; - la natura e le caratteristiche principali delle amministrazioni pubbliche; - il linguaggio scientifico delle discipline giuridiche e delle scienze economiche e sociali; - i principali strumenti strategici di governance e management delle pubbliche amministrazioni; - gli strumenti informatici e contabili di base per la rilevazione, la misura e l analisi quantitativa dei fenomeni economici e finanziari. Le suddette conoscenze e capacità di comprensione, sviluppate in entrambi gli indirizzi di studio, sono conseguite tramite il modello di "lezione digitale" adottato dall'università Unitelma Sapienza ed erogato tramite la piattaforma e- learning dell ateneo (lezioni audio-video integrate dai documenti indicizzati, audio- streaming/downloading MP3; lo studente può seguire le lezioni sul proprio computer, sul tablet e su smartphone, 24 ore su 24), webinar, esercitazioni, studio individuale, tutorato, e forme di apprendimento cooperativo ed incontri periodici in presenza, che affronteranno temi specifici utili per mettere in pratica le nozioni teoriche acquisite durante le lezioni. Il raggiungimento di queste abilità è verificato dal superamento delle prove d esame, che si svolgono in presenza in forma scritta e/o orale, e nell ambito della preparazione e verifica della prova finale. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Il laureato in Scienze dell Amministrazione e della sicurezza, acquisendo conoscenze professionali integrate da una formazione multidisciplinare sarà in grado di affrontare le Pag 8

9 complessità delle grandi organizzazioni pubbliche e private, riuscendo così ad operare in modo dinamico in sistemi organizzativi complessi. Il laureato deve essere in grado di: - analizzare le criticità organizzative legate al funzionamento della pubblica amministrazione; - individuare i nodi regolamentari e organizzativi che riducono la flessibilità, l efficacia e l efficienza della pubblica amministrazione e delle imprese; - interpretare e gestire i problemi di government e governance multilivello, riconoscendo la dimensione sistemica dei problemi che solleva e fornendo soluzioni orientate all innovazione, secondo le istanze espresse dalle dinamiche socio-economiche locali e sovra-locali; - conoscere le metodologie contabili delle amministrazioni pubbliche; - lavorare e ragionare in gruppo; - applicare quanto appreso alle realtà concrete, anche attraverso l'analisi e l'approfondimento di casi di studio e buone pratiche. Il raggiungimento delle suddette capacità avviene prevedendo all interno degli insegnamenti lo svolgimento di esercitazioni, analisi di case-study, ricerche bibliografiche, lavori individuali o di gruppo. Il raggiungimento di tali abilità è comprovato dal superamento delle prove d esame che si svolgono in presenza in forma scritta e/o orale e nell ambito della preparazione della prova finale. Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative: - comunicazione pubblica - contabilità pubblica - diritto amministrativo - diritto del lavoro - diritto dell'economia - diritto dell'unione europea - diritto penale - economia aziendale - economia e gestione dei servizi pubblici - filosofia politica - informatica - istituzioni di diritto privato - l'amministrazione finanziaria degli enti pubblici - lingua e traduzione-lingua inglese - lingua straniera - metodologia della ricerca sociale - politica economica - procedura penale - scienza dell'amministrazione digitale - sistemi politici e amministrativi - statistica sociale - sociologia Descrittori Autonomia di giudizio: La formazione interdisciplinare garantisce al laureato in Scienze dell'amministrazione e della sicurezza di fornire giudizi critici sulle organizzazioni pubbliche e private, sui cambiamenti che intervengono nei mercati di riferimento, riuscendo ad interpretare la direzione dei cambiamenti in Pag 9

10 atto con riferimento ai modelli organizzativi, storico-politici ed amministrativi, anche con particolare e specifico riferimento al settore pubblico, della sicurezza e della criminologia. I laureati del corso sono in grado di: - utilizzare e valorizzare le risorse umane e strumentali; - valutare l'efficacia dei processi attivati in seno alla pubblica amministrazione; - valutare l'efficacia di processi innovativi e il loro impatto sulle imprese, sulle istituzioni, sul territorio, tenendo conto degli effetti sistemici che i cambiamenti possono produrre; - utilizzare gli elementi di base delle metodologie informatiche e di contabilità pubblica; - comprendere le specificità dell'attività delle amministrazioni pubbliche; L'autonomia di giudizio viene sviluppata attraverso uno studio critico di testi e documenti e nella preparazione della prova finale. Il raggiungimento di tali abilità è comprovato dal superamento delle prove d'esame che si svolgono in presenza in forma scritta e/o orale e nell'ambito della preparazione della prova finale. Questi sono condotti in modo da poter valutare anche il grado di autonomia di giudizio del candidato. Abilità comunicative I laureati del corso: - sono in grado di redigere relazioni scritte e rapporti di lavoro sugli studi effettuati, utilizzando i vari e più opportuni strumenti di comunicazione; - sono in grado di relazionarsi con interlocutori afferenti alla realtà delle pubbliche amministrazioni e non; - possiedono una conoscenza di base della lingua inglese. Le abilità comunicative scritte ed orali sono sviluppate nell'ambito degli esami, della prova finale e della discussione della medesima, dello stage e di eventuali lavori di gruppo. La lingua inglese viene appresa e verificata tramite specifico esame profitto e idoneità. Il raggiungimento di tali abilità è comprovato dal superamento delle prove d'esame che si svolgono in presenza in forma scritta e/o orale e nell'ambito della preparazione della prova finale; questi sono condotti in modo da poter valutare anche le capacità comunicative degli studenti. Capacità di apprendimento La struttura del percorso formativo è tale da incoraggiare costantemente un atteggiamento attivo, critico e propositivo dello studente, in modo da rafforzare la propria capacità di apprendere. Gli strumenti di acquisizione ed elaborazione delle informazioni, le abilità conseguite nella gestione delle fonti, gli elementi di base giuridico/economici/sociali rappresentano gli strumenti che il laureato ha a disposizione per aggiornare costantemente le proprie conoscenze. I laureati del corso: - sanno individuare autonomamente gli strumenti per aggiornare e ampliare la propria conoscenza e le proprie competenze; - sono consapevoli del metodo che porta alla costruzione del ragionamento giuridico; - sono in grado di applicare le conoscenze e le abilità acquisite anche in sede di autoaggiornamento e di aggiornamento professionale o di prosecuzione degli studi verso la laurea magistrale. Le capacità di apprendimento consentono infatti agli studenti di intraprendere, eventualmente, studi di livello superiore. Il raggiungimento di tali abilità è comprovato dal superamento delle prove d'esame che si svolgono in presenza in forma scritta e/o orale e nell'ambito della preparazione della prova finale. Profilo professionale e sbocchi occupazionali previsti per i laureati Funzione in un contesto di lavoro: Pag 10

11 Il laureato in Scienze dell Amministrazione e della sicurezza ha una propensione a lavorare nelle amministrazioni pubbliche centrali e periferiche, negli enti locali e nelle imprese, nei servizi per attività di progettazione di sviluppo economico e sociale di quelle stesse organizzazioni, nelle aziende pubbliche/private del comparto sicurezza e investigazione. Il laureato sa utilizzare strumenti giuridici, economico-aziendali ed informatici adeguati, e ha un profilo professionale tale da saper coordinare un gruppo di lavoro, programmare, dirigere, gestire e controllare sistemi organizzativi ed amministrativi complessi. Il laureato acquisisce inoltre delle competenze che gli consentono di affrontare tutte le problematiche riguardanti le risorse umane e finanziarie, i processi di e-government ed ICT, i sistemi di fiscalità e le problematiche criminologiche, investigative e della sicurezza. Competenze associate alla funzione: Il laureato, appena concluso il proprio percorso formativo, ha la capacità di svolgere attività di programmazione, gestione e controllo proprie di un professionista del settore, e attività di consulenza in ambito economico, amministrativo, gestionale, del comparto security e investigativo e dei settori pubblici e privati. Sbocchi professionali: Gli sbocchi occupazionali, per i laureati che vogliano accedere direttamente al mondo del lavoro al termine del corso di studio, sono costituiti in particolar modo dai ruoli manageriali nelle amministrazioni pubbliche, negli enti e nelle istituzioni locali, nazionali ed internazionali, nelle organizzazioni private, nel terzo settore, nelle aziende private e pubbliche del comparto sicurezza, security e investigativo e in altri ambiti del sistema istituzionale. Il corso prepara alla professione di (codifiche ISTAT): 1. Segretari amministrativi e tecnici degli affari generali - ( ) 2. Assistenti di archivio e di biblioteca - ( ) 3. Tecnici dell'acquisizione delle informazioni - ( ) 4. Intervistatori e rilevatori professionali - ( ) Descrizione dei metodi di accertamento Lo studente, dopo aver studiato ciascuna delle materie indicate nel piano di studi, sostiene una prova, l'esame, al fine della valutazione del profitto. L'esame si svolge in presenza, dinanzi a una Commissione presieduta dal docente titolare dell'insegnamento. Le forme e le modalità delle diverse prove d'esame sono adeguatamente pubblicizzate. Ogni prova di esame verte sulla specifica tematica (giuridica, economica, sociologica, ecc.) prevista dal programma del Corso di laurea. Solitamente la prova d'esame si svolge in forma orale, ma può svolgersi anche in forma scritta. La valutazione tiene in considerazione eventuali attività applicative effettuate dello studente, quali la realizzazione di un project work, la discussione di casi pratici, altre prove individuali o di gruppo effettuate durante il ciclo di studio. Per sottoporsi all'esame lo studente deve preventivamente prenotarsi, entro termini congrui adeguatamente indicati. Tramite l'esame di profitto viene accertato, e poi certificato, l'avvenuto raggiungimento da parte dello studente degli obiettivi formativi prefissati per ogni singolo insegnamento. La certificazione avviene mediante la redazione di un verbale, in modalità telematica, a cura del docente. Il voto di profitto è espresso in trentesimi. Il docente, in virtù di speciali meriti dello studente in relazione all'approfondimento della materia, può eventualmente conferire la lode. Per superare l'esame lo studente deve ottenere una votazione non inferiore a diciotto/trentesimi: tale valutazione consente l'acquisizione dei crediti formativi universitari corrispondenti alla materia oggetto d'esame. Pag 11

12 PROGRAMMA DEGLI STUDI Corso di Laurea Magistrale Management delle organizzazioni pubbliche e sanitarie MOPS Classe LM63, Classe delle Scienze delle Pubbliche Amministrazioni REGOLAMENTO DIDATTICO Anno Accademico 2014/2015 Unitelma Sapienza Università telematica Viale Regina Elena, Roma Cod. Fiscale e Partita IVA T (+39)

13 Premessa Il Corso di Laurea Magistrale in Management delle organizzazioni pubbliche e sanitarie ha come obiettivo la formazione di specialisti nel management pubblico, con particolare riferimento all'innovazione digitale dei servizi della Pubblica Amministrazione, e alle problematiche e specificità delle aziende sanitarie. Il corso si propone di sviluppare le conoscenze per la creazione e lo sviluppo di una moderna amministrazione telematica strutturata su modelli, sistemi e tecniche avanzati di programmazione, direzione e controllo per i processi e le decisioni che utilizzano dati digitali, i procedimenti amministrativi semplificati ed automatizzati, la comunicazione istituzionale, l'erogazione di servizi all'utenza, la gestione della spesa, la fiscalità pubblica e la finanza pubblica e privata, il diritto sanitario, la governance e la pianificazione e controllo delle aziende sanitarie. Art.1 Obiettivi formativi I laureati svilupperanno competenze adeguate ad analizzare le politiche pubbliche e sanitarie ed i loro problemi attuativi (policy analysis); monitorare l'implementazione delle politiche pubbliche (policy monitoring); misurare e valutare gli effetti prodotti dalle politiche implementate (policy evaluation). Una puntuale descrizione degli obiettivi formativi, degli sbocchi occupazionali e dei risultati di apprendimento attesi è riportata nell appendice A. Art. 2 Requisiti di ammissione 2.1 Requisiti per l iscrizione. Al corso magistrale sono ammessi i laureati di primo livello o i laureati dei vecchi ordinamenti (o quanti sono in possesso di titoli equipollenti rilasciati da istituzioni universitarie estere e riconosciuti idonei). In particolare, sono ammessi alla Laurea Magistrale in Management delle organizzazioni pubbliche e sanitarie: i laureati presso l Università Unitelma Sapienza ai Corsi di Laurea appartenenti alla classe L16, Classe delle lauree in scienze dell'amministrazione e dell'organizzazione; i laureati presso altre Università ai Corsi di Laurea appartenenti alla classe L16, Classe delle lauree in scienze dell'amministrazione e dell'organizzazione, purché abbiano conseguito almeno 40 cfu nei settori scientifico-disciplinari di base e caratterizzanti previsti dall ordinamento didattico della classe LM63; i laureati presso qualsiasi Università italiana che non rientrano nella condizione di cui ai punti precedenti. Sarà compito della Commissione Didattica, alla luce dell esame del curriculum dello studente, verificare le possibili affinità tra i settori scientifico-disciplinari nei quali sono stati acquisiti i crediti nel corso di laurea e i settori della laurea magistrale, ed eventualmente stabilire le necessità formative da acquisire per una valida partecipazione al corso di laurea magistrale. 2.2 Verifica della preparazione. Successivamente all iscrizione, l Università attiverà una procedura per accertare il possesso delle conoscenze e competenze indispensabili, ivi inclusa la conoscenza della lingua inglese, per accedere al Corso di laurea, anche al fine di prevedere ulteriori attività per l incremento delle stesse. Pag 13

14 Art. 3 Riconoscimento crediti formativi universitari (cfu) Ai fini del conseguimento del titolo di studio, non possono essere riconosciuti crediti formativi universitari (cfu) conseguiti nel corso di laurea triennale che dà accesso al corso. Possono essere riconosciuti i cfu conseguiti in altri Corsi di Laurea e Lauree Magistrali o Specialistiche, Master universitari di I e II livello e Corsi di formazione/perfezionamento universitari, purché congruenti con il settore scientifico disciplinare dell insegnamento oggetto di riconoscimento. Per quanto riguarda i diplomati presso l Università Unitelma Sapienza al Master di I livello in Management e funzioni di coordinamento delle professioni sanitarie, la Commissione Didattica ha approvato, ai fini dell iscrizione al corso e in presenza dei requisiti di ammissione di cui al precedente art. 2, il riconoscimento di 45 cfu 1. Per quanto riguarda i diplomati presso l Università Unitelma Sapienza al Master di I livello in Infermieristica forense, la Commissione Didattica ha approvato, ai fini dell iscrizione al corso e in presenza dei requisiti di ammissione di cui al precedente art. 2, il riconoscimento di 39 cfu 2. 1 Verranno riconosciuti i seguenti cfu: Insegnamenti del Corso di Laurea riconosciuti Insegnamenti del Master sostenuti Esame Ssd Cfu Esame Ssd Cfu La normativa sui processi di IUS/09 2 digitalizzazione nella P.A. Istituzioni di diritto pubblico IUS/09 10 L Amministrazione digitale IUS/10 4 Il sistema sanitario: aspetti istituzionali IUS/10 4 e normativi Organizzazione e gestione delle risorse SECS-P/10 4 umane Organizzazione delle aziende Modelli organizzativi per il settore SECS-P/10 2 SECS-P/10 10 sanitarie sanitario Management e organizzazione delle SECS-P/08 4 aziende sanitarie Elementi di contabilità pubblica SECS-P/07 4 Pianificazione e controllo nelle aziende SECS-P/07 2 Pianificazione e controllo delle SECS-P/07 10 sanitarie aziende sanitarie Il risk management in sanità SECS-P/11 2 Il sistema epidemiologico SECS-S/01 2 Ulteriori attività formative -- 1 La sanità digitale INF/01 1 Elementi di diritto sanitario e IUS/01 2 responsabilità professionali Diritto Sanitario IUS/05 10 La tutela dei dati personali nella sanità IUS/01 2 Convenzione europea dei diritti umani e IUS/13 2 tutela della salute Diritto del lavoro IUS/07 4 Sociologia del lavoro in sanità 2 Verranno riconosciuti i seguenti cfu: SPS/09 Gestione delle risorse umane nel SPS/09 2 sistema sanitario Relazioni sindacali e confronto IUS/07 2 negoziale nella sanità (su 12) Insegnamenti del Corso di Laurea riconosciuti Insegnamenti del Master sostenuti Esame Ssd Cfu Esame Ssd Cfu Scienza dell Amministrazione digitale IUS/10 4 La normativa sui processi di IUS/09 2 Istituzioni di diritto pubblico IUS/09 10 digitalizzazione delle Pubbliche Amministrazioni Rapporto di lavoro e sicurezza IUS/07 3 Elementi di medicina previdenziale MED/43 1 Pag 14

15 Per quanto riguarda i diplomati presso altre Università a Master analoghi in Management e funzioni di coordinamento delle professioni sanitarie, ovvero in Infermieristica forense, la Commissione Didattica esaminerà eventuali richieste di riconoscimento di cfu. Possono essere riconosciuti come crediti formativi universitari anche le conoscenze e le abilità professionali certificate individualmente, ai sensi della normativa vigente in materia. In proposito, l'università, in conformità con il D.M. 22 ottobre 2004, n. 270, art. 5 comma 7, e successive modifiche, può riconoscere, secondo criteri predeterminati, le conoscenze e le abilità professionali certificate, esonerando lo studente dal sostenere determinate prove d'esame corrispondenti, nel massimo, a 12 CFU (art. 14, legge 30 dicembre 2010, n. 240). Compete alla Commissione didattica la valutazione delle domande per il riconoscimento di CFU e di ogni eventuale variazione del piano di studio. La valutazione dei CFU diverrà definitiva soltanto all'atto dell'immatricolazione, previa presentazione della documentazione richiesta o delle autodichiarazioni, rese ai sensi del DPR , n. 445 (come modificata dalla L. 183/2011). Art. 4 Ordinamento didattico Il corso in Management delle organizzazioni pubbliche e sanitarie è articolato in 2 curricula: - Curriculum A: Management ed e-government delle aziende pubbliche; - Curriculum B: Management delle aziende sanitarie. Lo studente per il conseguimento del titolo deve acquisire 120 cfu, tramite il superamento o la convalida degli esami di profitto (sia quelli obbligatoriamente previsti dal piano che quelli a scelta dello studente), delle ulteriori attività formative, degli stages e tirocini e della prova finale. Gli studenti regolarmente iscritti per la prima volta ai corsi di studio dell Università Unitelma Sapienza possono sostenere gli esami soltanto a partire dal 45 giorno successivo Aspetti giuridici delle professioni IUS/10 2 sanitarie La normativa sulla protezione dei dati IUS/09 1 sanitari Profili di diritto delle responsabilità IUS/04 2 civile e delle assicurazioni La responsabilità amministrativocontabile SECS-P/07 1 in sanità La sperimentazione clinica e la sua IUS/04 1 Diritto Sanitario IUS/05 10 assicurazione obbligatoria La sicurezza dei dispositivi medici: le IUS/04 1 strutture sanitarie e la responsabilità da prodotto difettoso La procedura obbligatoria di mediazione IUS/15 1 finalizzata alla conciliazione nelle controversie civili di risarcimento del danno da responsabilità medica Elementi di diritto penale e la IUS/16 1 consulenza tecnica nel processo penale Organizzazione e gestione delle risorse SPS/09 7 Sociologia del lavoro in sanità SPS/09 12 umane Management e risorse umane SECS-P/08 2 Diritto del lavoro IUS/07 3 Contabilità pubblica SECS-P/07 3 Il risk management in sanità SECS-P/11 3 Pianificazione e controllo delle 7 SECS-P/07 Costruzione e implementazione di un SECS-P/11 1 aziende sanitarie (su 10) sistema efficiente di gestione del rischio clinico aziendale Pag 15

16 all'immatricolazione/iscrizione; tale disposizione si applica a tutti i nuovi studenti, anche se trasferiti da altri Atenei. L ordinamento didattico è il seguente: CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN: MANAGEMENT DELLE ORGANIZZAZIONI PUBBLICHE E SANITARIE (LM63) Curriculum A MANAGEMENT ED E-GOVERNMENT DELLE AZIENDE PUBBLICHE Attività Formative Ambiti disciplinari SSD Insegnamenti CFU DOCENTE C C Statisticoquantitativo Statisticoquantitativo SECS-S/01 INF/01 C Giuridico IUS/09 C Giuridico IUS/05 C C Processi decisionali ed organizzativi Economico - organizzativo I ANNO Statistica per la Pubblica Amministrazione Sistemi informativi per la Pubblica Amministrazione Istituzioni di diritto pubblico Diritto dei mercati finanziari SPS/04 Scienza politica 12 SECS-P/08 Management dell'innovazione Altre A scelta dello studente SARNACCHIARO Pasquale CIMITILE Marta MEOLI Chiara SEPE Marco CONTI Nicolò MAGGIORE Giulio Totale I anno 66 II ANNO C C Processi decisionali ed organizzativi Economico - organizzativo SPS/08 SECS-P/08 Sociologia della comunicazione elettronica La Governance e management nella P.A. A Affine IUS/21 Diritto pubblico comparato 10 A Affine IUS/12 Diritto tributario 8 Altre Per la prova finale 15 Altre Altre Ulteriori attività formative (art. 10, comma 5, lett. D) Legenda: C: attività caratterizzante A: attività affine o integrativa Ulteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche e telematiche, tirocini formativi e di orientamento, altre conoscenze utili per l inserimento nel mondo del lavoro. Per stages e tirocini presso imprese, enti pubblici o privati, ordini professionali Totale II anno 54 TOTALE PAGANO Umberto MAGGIORE Giulio PETRILLO Pier Luigi SAPONARO Fabio Pag 16

17 Attività Formative CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN: MANAGEMENT DELLE ORGANIZZAZIONI PUBBLICHE E SANITARIE (LM63) Curriculum B MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE Ambiti disciplinari SSD Insegnamenti CFU DOCENTE C C Statisticoquantitativo Statisticoquantitativo SECS-S/01 INF/01 C Giuridico IUS/09 I ANNO Metodi statistici per la sanità Sistemi informativi per la P.A. Istituzioni di diritto pubblico C Giuridico IUS/05 Diritto sanitario 10 C C Processi decisionali ed organizzativi Economico - organizzativo SPS/09 SECS-P/10 Sociologia del lavoro in sanità Organizzazione delle aziende sanitarie Altre A scelta dello studente SARNACCHIARO Pasquale CIMITILE Marta MEOLI Chiara SEPE Marco SENA Barbara Docente da definire Totale I anno 66 II ANNO C C Processi decisionali ed organizzativi Economico - organizzativo M-PSI/06 SECS-P/08 A Affine SECS-P/07 A Affine IUS/12 Psicologia del lavoro e delle organizzazioni La Governance e management nelle aziende sanitarie Pianificazione e controllo delle aziende sanitarie Fiscalità e contabilità sanitaria Altre Per la prova finale 15 Altre Altre Ulteriori attività formative (art. 10, comma 5, lett. D) Legenda: C: attività caratterizzante A: attività affine o integrativa Ulteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche e telematiche, titocini formativi e di orientamento, altre conoscenze utili per l inserimento nel mondo del lavoro. Per stages e tirocini presso imprese, enti pubblici o privati, ordini professionali Totale II anno 54 TOTALE AVALLONE Francesco MAGGIORE Giulio Docente da definire SAPONARO Fabio Pag 17

18 Art. 5 Prova finale La prova finale consiste nella presentazione di una tesi scritta su argomenti di una disciplina presente nel corso di studio. La valutazione sarà espressa in centodecimi con eventuale conferimento della lode. Art. 6 Quote di iscrizione Per le quote di iscrizione, si rinvia all apposita pagina del sito web di Ateneo, Pag 18

19 MOPS - APPENDICE A Obiettivi formativi specifici del corso I laureati devono sviluppare competenze adeguate a: - analizzare le politiche pubbliche e sanitarie ed i loro problemi attuativi (policy analysis); - monitorare l'implementazione delle politiche pubbliche (policy monitoring); - misurare e valutare gli effetti prodotti dalle politiche implementate (policy evaluation). A conclusione del corso, i laureati devono aver acquisito un'avanzata conoscenza nelle discipline economiche, organizzative, manageriali, giuridiche, statistiche, oltre che un'approfondita conoscenza del sistema inerente le politiche pubbliche, con particolare specificazione delle politiche sanitarie, e l'innovazione nelle strategie delle organizzazioni pubbliche. In particolare, le discipline economico-aziendali vengono declinate specificatamente con taglio sanitario, con l'obiettivo di fornire allo studente adeguate conoscenze in merito all'organizzazione, pianificazione e controllo delle organizzazioni sanitarie, e gli elementi caratterizzanti la governance e il management delle stesse. Il corso parte dal primo anno in cui si concentrano gli insegnamenti di base economici, statisticoquantitativi, giuridici e dei processi decisionali e organizzativi, fornendo allo studente gli elementi utili per la conoscenza globale del sistema delle organizzazioni pubbliche e sanitarie, oltre che gli strumenti statistici per un'opportuna analisi delle stesse. Il secondo anno è contraddistinto dagli insegnamenti caratterizzanti di matrice economicoorganizzativa e di processi decisionali, con particolare declinazione degli aspetti di governance e management nelle pubbliche amministrazioni, oltre che gli elementi di fiscalità, sociologia e psicologia del lavoro e delle organizzazioni. I laureati, al termine degli studi sono in grado di comprendere ed applicare alle realtà concrete le attività inerenti il management pubblico e sanitario, in particolare: - le metodologie per progettare e dirigere l'innovazione; - l'organizzazione e gestione delle aziende pubbliche e delle risorse umane; - le conoscenze di sistemi informativi e informatici; - i modelli organizzativi. Risultati di apprendimento attesi Conoscenza e comprensione: Il percorso formativo magistrale in management delle organizzazioni pubbliche e sanitarie prepara professionalità nelle quali sono richieste competenze economico-organizzativemanageriali e giuridiche, oltre che padronanza degli strumenti statistico-quantitativi e di capacità di interazione e comprensione dei processi decisionali ed organizzativi. I laureati saranno in grado di: - conoscere il funzionamento e le problematiche di gestione delle organizzazioni pubbliche e sanitarie; - conoscere ed applicare i metodi quantitativi per l'analisi e la valutazione delle politiche pubbliche e aziendali; - progettare, implementare e monitorare politiche pubbliche nei diversi livelli di governance; - rilevare dati e di organizzare le informazioni per l'analisi dei sistemi di governance. Le modalità con cui questi risultati verranno raggiunti, verteranno in particolare sul ricorso ad esempi di amministrazione/organizzazione ed a studi di casi problematici dai quali lo studente possa imparare a esercitare le regole della valutazione e dell'implementazione. Le suddette conoscenze e capacità di comprensione sono conseguite tramite il modello di "lezione digitale" adottato dall'università Unitelma Sapienza ed erogato tramite la piattaforma e- learning dell Ateneo (lezioni audio-video integrate dai documenti indicizzati, audio- Pag 19

20 streaming/downloading MP3; lo studente può seguire le lezioni sul proprio computer, sul tablet e su smartphone, 24 ore su 24), webinar, esercitazioni, studio individuale, tutorato, e forme di apprendimento cooperativo ed incontri periodici in presenza, che affronteranno temi specifici utili per mettere in pratica le nozioni teoriche acquisite durante le lezioni. Il raggiungimento di queste abilità è verificato dal superamento delle prove d esame, che si svolgono in presenza in forma scritta e/o orale, e nell ambito della preparazione e verifica della prova finale. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Il percorso formativo magistrale in management delle organizzazioni pubbliche e sanitarie propone un percorso di studi interdisciplinari economici, giuridici, gestionali, finalizzati all'obiettivo di promuovere l'interazione tra le discipline stesse, con la ricostruzione di realtà concrete e trasversali rispetto alle discipline accademiche. I laureati del Corso di laurea magistrale in management delle organizzazioni pubbliche e sanitarie devono sapersi orientare nello scenario categoriale proprio delle politiche pubbliche e sanitarie, dimostrando di essere anche capaci di applicare conoscenze multidisciplinari nel governo e nella gestione delle strutture amministrative. Devono altresì possedere competenze adeguate per affrontare e risolvere i problemi più delicati delle strutture complesse nelle società contemporanee. Ciò consentirà di sviluppare: - attitudini per prevenire, individuare, analizzare e risolvere problematiche gestionali e amministrative; - capacità di applicare conoscenze teoriche e metodologiche agli interventi specifici; - capacità di applicare tecniche e modelli di analisi comparata, quantitativa e qualitativa, dei dati; - attitudine a operare in gruppi di lavoro; - capacità di acquisire, analizzare e interpretare le informazioni provenienti da diverse fonti; - capacità di comprendere ed analizzare in modo professionale le problematiche dell'amministrazione pubblica e sanitaria. Il raggiungimento delle suddette capacità avviene prevedendo all interno degli insegnamenti lo svolgimento di esercitazioni, analisi di case-study, ricerche bibliografiche, lavori individuali o di gruppo. Il raggiungimento di tali abilità è comprovato dal superamento delle prove d esame che si svolgono in presenza in forma scritta e/o orale e nell ambito della preparazione della prova finale. Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative: - diritto dei mercati finanziari - diritto sanitario - management dell'innovazione - metodi statistici per la sanità - organizzazione delle aziende sanitarie - scienza politica - sistemi informativi per la p.a. - sociologia del lavoro in sanità - statistica per la p.a. - istituzioni di diritto pubblico - diritto pubblico comparato - diritto tributario - fiscalità e contabilità sanitaria Pag 20

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT, INNOVAZIONE NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT, INNOVAZIONE NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Master universitario di II livello in ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT, INNOVAZIONE NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Settima Edizione a.a. 2013-2014 1. Finalità Il master è diretto alla formazione di dirigenti,

Dettagli

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14)

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Curriculum in Consulente del lavoro PIANO DI STUDIO COORTE DI RIFERIMENTO A.A. 2014-2015 I anno II anno IUS 01 - Istituzioni

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso 61 Il corso é Libera Università di lingue e comunicazione IULM-MI L-20 - Scienze della

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia

Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia ( livello) Presidente: prof. Adriano Magli

Dettagli

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento Emanuela Stefani - Fondazione CRUI f Vincenzo Zara - Università del Salento LA RIFORMA UNIVERSITARIA LA NORMATIVA NAZIONALE La normativa nazionale Riferimenti normativi Corsi di Laurea Corsi di Laurea

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica Il Rettore Decreto n. 122549 (1147) Anno _2012 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Università degli Studi di Macerata MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN

Università degli Studi di Macerata MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN Università degli Studi di Macerata MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN FORMAZIONE, GESTIONE E CONSERVAZIONE DI ARCHIVI DIGITALI IN AMBITO PUBBLICO E PRIVATO Anno Accademico 2014/2015 VIII edizione BANDO

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI DIDATTICA INTEGRATIVA, IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ATTIVITA ESTERNE DEI PROFESSORI

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Guida pratica alla progettazione di un Corso di Studio ai sensi del D.M. 270/04

Guida pratica alla progettazione di un Corso di Studio ai sensi del D.M. 270/04 Roma, ottobre 2009 Guida pratica alla progettazione di un Corso di Studio ai sensi del D.M. 270/04 Interazioni con il processo di autovalutazione GUIDA PRATICA ALLA PROGETTAZIONE DI UN CORSO DI STUDIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli