Stored Procedures. Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Stored Procedures. Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma"

Transcript

1 Stored Procedures Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software

2 Stored Procedure e User Defined Function Le stored procedure e le user defined function sono di fatto l estensione procedurale di SQL (di natura dichiarativo) Indipendentemente da come sono definite, la principale peculiarità delle stored procedure/user defined function è quella di poter essere invocate tramite comandi SQL oppure direttamente dalle applicazioni che interagiscono con il database (ad es., tramite JDBC)

3 Il linguaggio SQL/PSM Inizialmente, le stored procedure erano semplici programmi contenenti un singolo statement SQL, che risiedevano sul DBMS e che erano invocabili dai client A partire da SLQ 99, si è definito un vero e proprio linguaggio standardizzato per la definizione di stored procedure Secondo lo standard, i moduli persistenti (funzioni o procedure) possono essere definiti completamente in SQL, con comandi nel linguaggio standard SQL/PSM (Persistent Stored Modules), o utilizzando un diverso linguaggio di programmazione (e.g. Java) La maggior parte dei DBMS offre estensioni proprietarie e specifiche che vanno oltre lo standard

4 Utilità delle stored procedure Semplificano la comunicazione client-server Migliorano lo sviluppo favorendo il riuso del codice diversi client del DBMS (eventualmente scritti in linguaggi diversi ed eseguiti su diverse piattaforme) possono invocare le stesse stored procedure Possono essere usate per la gestione ed il controllo dell integrità dei dati Agevolano la definizione di politiche di controllo dell accesso, aumentando così la sicurezza Forniscono un mezzo di astrazione chi invoca la procedura può ignorare i dettagli implementativi sia della procedura che dello schema della base di dati

5 Nota importante Non si deve però cedere alla tentazione di inglobare tutta la logica dell applicazione nel DBMS tramite stored procedure: per applicazioni complesse questa strada non è percorribile! IMPORTANTE: le stored procedure non devono mai implementare funzionalità che non hanno direttamente a che fare con i dati

6 Definire Stored Procedure Una stored procedure deve avere un nome Può avere parametri, dove ogni parametro è una tripla che composta da: la modalità; esistono tre modalità differenti: IN: sono argomenti di ingresso per la procedura; al parametro deve essere assegnato un valore al momento dell invocazione della procedura che successivamente non viene cambiato; OUT: rappresenta l uscita della procedura che assegna loro i valori che l utente può utilizzare IN OUT: combinano le caratteristiche precedenti il nome del parametro; il tipo SQL del parametro. N.B. Le stored procedure richiedono una conformità rigida ai tipi definiti nella dichiarazione.

7 Definire Stored Procedure in PSM La sintassi per dichiarare stored procedure è la seguente: CREATE PROCEDURE nome(par1,..., parn) codice procedura;

8 Esempi di stored procedure Consideriamo due semplici casi di stored procedure. Stored procedure scritta in SQL: CREATE PROCEDURE AggiungiInventario( IN isbn CHAR(9), IN aggiungiqta INTEGER) UPDATE Libri SET qta_in_stock = qta_in_stock + aggiungiqta WHERE libro_isbn=isbn Stored Procedure scritta in Java: CREATE PROCEDURE AggiungiInventarioJava( IN isbn CHAR(9), IN aggiungiqta INTEGER) LANGUAGE Java EXTERNAL NAME file:///c:/procedureinterne/aggiungiinv.jar

9 Esempio di dichiarazione di stored procedure in PSM Si vuole definire una stored procedure che prende in ingresso il nome di un cliente, identificato dal suo codice cliente cid e restituisce un punteggio così assegnato: i clienti che hanno comprato più di 10 libri ottengono il punteggio 2; i clienti che hanno comprato tra 5 e 10 libri ottengono 1; gli altri ottengono 0.

10 CREATE PROCEDURE calcolapunteggio (IN cid INTEGER, OUT punteggio INTEGER) BEGIN DECLARE numordini INTEGER; SET numordini = (SELECT COUNT(*) FROM Ordini O WHERE O.cid=cid); IF (numordini>10) THEN punteggio=2; ELSEIF (numordini>5) THEN punteggio=1; ELSEIF punteggio=0; ENDIF; END;

11 Invocare stored procedure Le stored procedure possono essere invocate dall interprete dei comandi Attraverso l uso del comando CALL CALL nomestoredprocedure(arg1, arg2,..., arg3) da applicazione (ad es., tramite ODBC, JDBC, ecc.)

12 Esempio di invocazione di stored procedure Da un interprete dei comandi SQL, la stored procedure definita in precedenza può essere invocata, ad esempio, all interno di un altra stored procedure:... DECLARE punt INTEGER; CALL calcolapunteggio(21,punt);...

13 Definire user defined function in PSM Le funzioni sono un tipo particolare di stored procedure che: restituisce un singolo valore o una singola tabella non modifica lo stato del db è invocata come parte di un comando SQL (espressione) Sono definite tramite la seguente sintassi: CREATE FUNCTION nome(par1, par2,...,parn) RETURNS tiposql codice funzione; Secondo lo standard, non possono ricevere parametri di tipo OUT e IN OUT

14 Esempio di dichiarazione di user defined function in PSM Una funzione con semantica analoga alla procedura definita in precedenza è la seguente: CREATE FUNCTION calcolapunteggio (IN cid INTEGER) RETURNS INTEGER BEGIN DECLARE numordini INTEGER; DECLARE punteggio INTEGER; SET numordini = (SELECT COUNT(*) FROM Ordini O WHERE O.cid=cid); IF (numordini>10) THEN punteggio=2; ELSEIF (numordini>5) THEN punteggio=1; ELSEIF punteggio=0; ENDIF; RETURN punteggio; END;

15 Esempio di invocazione di user defined function La user defined function definita in precedenza può essere invocata, in un espressione SQL: DECLARE c INTEGER;... IF calcolapunteggio(c)=2 THEN INSERT INTO premi VALUE (c);...

16 Stored Procedures in PostgreSQL RIFERIMENTO: PostgreSQL 9.1 manual (capitoli 9, 35, 39) pdf/9.1/postgresql-9.1-a4.pdf PostgreSQL stored procedures can be written with a SQL-like language called PL/pgSQL ; a developer could instead choose to write them in Perl, Python, or Tcl using PL/Perl, PL/Python, or PL/Tcl; we will not consider this anymore in this course the syntax is slightly different from the standard one both stored procedures and user-defined functions are functions

17 Un esempio CREATE TABLE prodotto( nome VARCHAR(25), prezzo FLOAT ); CREATE TABLE vendite( prodotto VARCHAR(25), data DATE ); CREATE FUNCTION calcolanumerovendite( prodottoid VARCHAR(25) ) RETURNS int AS $$ DECLARE

18 numero int; BEGIN SELECT COUNT(*) INTO numero FROM vendite WHERE prodotto = prodottoid; RETURN numero; END; $$ LANGUAGE plpgsql; INSERT INTO prodotto VALUES ( camicia, 70); INSERT INTO prodotto VALUES ( pullover, 50); INSERT INTO prodotto VALUES ( gonna, 50); INSERT INTO prodotto VALUES ( calze, 15); INSERT INTO vendite VALUES ( camicia, ); INSERT INTO vendite VALUES ( camicia, ); SELECT calcolanumerovendite( camicia ) AS answer;

19 Notare: l uso di $$ per delimitare l inizio e la fine della definizione della funzione; questo necessario per evitare errori di parsing all interprete con costanti e parole chiave; l uso di SELECT per invocare la funzione nell interprete

20 Un secondo esempio CREATE FUNCTION calcolanumerovendite_v2( INOUT prodottoid VARCHAR(25), OUT numero int ) AS $$ BEGIN SELECT COUNT(*) INTO numero FROM vendite WHERE prodotto = prodottoid; END; $$ LANGUAGE plpgsql; SELECT * FROM calcolanumerovendite_v2( camicia ); prodottoid numero

21 camicia 2 (1 row) Notare: l uso di OUT e INOUT per rappresentare parametri di output e misti; il fatto che la funzione riporta un record anonimo (ovvero una tupla della tabella definita implicitamente dai parametri OUT); l uso di SELECT per selezionare i campi di tale record

22 Tabelle con piú record come valore di ritorno É possibile ritornare anche una vera e propria tabella, con piú record, come valore di ritorno di una funzione CREATE FUNCTION < nomefunzione > (<par. 1> <tipo 1>,..., <par. N> <tipo N>) RETURNS TABLE(<colonna 1> <tipo 1>,..., <colonna N> <tipo N>) AS $$ < corpo della funzione > $$ LANGUAGE plpgsql;

23 It is not allowed to use explicit OUT or INOUT parameters with the RETURNS TABLE notation you must put all the output columns in the TABLE list

Stored Procedures. Antonella Poggi, Claudio Corona. Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma

Stored Procedures. Antonella Poggi, Claudio Corona. Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Stored Procedures Antonella Poggi, Claudio Corona Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2008-2009 Questi lucidi sono stati

Dettagli

Procedure memorizzate SQL-2003/PSM. Forma base di PSM. Parametri in PSM

Procedure memorizzate SQL-2003/PSM. Forma base di PSM. Parametri in PSM Procedure memorizzate SQL-2003/PSM Procedure memorizzate nel database Programmazione general-purpose Leggere sezione 8.2 di Garcia-Molina et al. Lucidi derivati da quelli di Jeffrey D. Ullman 1 Una estensione

Dettagli

Triggers. Basi dati attive. Trigger. Indipendenza della conoscenza

Triggers. Basi dati attive. Trigger. Indipendenza della conoscenza Basi dati attive Triggers Antonella Poggi Domenico Lembo Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2009-2010 Una base di dati

Dettagli

Capitoli 8 e 9. SQL embedded. Applicazioni tradizionali Applicazioni Internet. Sistemi di basi di dati Raghu Ramakrishnan, Johannes Gehrke

Capitoli 8 e 9. SQL embedded. Applicazioni tradizionali Applicazioni Internet. Sistemi di basi di dati Raghu Ramakrishnan, Johannes Gehrke Capitoli 8 e 9 Applicazioni tradizionali Applicazioni Internet SQL embedded SQL nel codice applicativo I comandi SQL possono essere chiamati dall interno di un programma in un linguaggio ospite (ad esempio

Dettagli

DBMS ed Applicazioni Motivazioni

DBMS ed Applicazioni Motivazioni DBMS ed Applicazioni Motivazioni Sin ora abbiamo visto SQL come linguaggio per interrogare DBMS da interfaccia interattiva Nella pratica, un efficace sfruttamento delle potenzialità dei DBMS deriva dalla

Dettagli

Stored Procedure. Antonella Poggi. Dipartimento di informatica e Sistemistica Sapienza Università di Roma

Stored Procedure. Antonella Poggi. Dipartimento di informatica e Sistemistica Sapienza Università di Roma Stored Procedure Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2010-2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

APPLICAZIONI DELLE BASI DI DATI

APPLICAZIONI DELLE BASI DI DATI APPLICAZIONI DELLE BASI DI DATI APPLICAZIONI TRADIZIONALI APPLICAZIONI INTERNET SQL EMBEDDED SQL nel codice applicativo! I comandi SQL possono essere chiamati dall interno di un programma in un linguaggio

Dettagli

Lezione 8. Metadati, Viste e Trigger

Lezione 8. Metadati, Viste e Trigger Lezione 8 Metadati, Viste e Trigger Pag.1 Metadati e catalogo di sistema I metadati sono dati a proposito dei dati (quali tabelle esistono?, quali campi contengono?, quante tuple contengono?, ci sono vincoli

Dettagli

Le Basi di Dati Attive

Le Basi di Dati Attive Le Basi di Dati Attive Basi di dati: Architetture e linee di evoluzione - Seconda edizione Capitolo 5 Appunti dalle lezioni SQL in Linguaggi di programmazione L uso diretto dell interprete SQL è tipicamente

Dettagli

PL/SQL PL/SQL. Ordine degli elementi dei triggers di Oracle. Differenze nei triggers. Versione dei trigger e PSM di Oracle

PL/SQL PL/SQL. Ordine degli elementi dei triggers di Oracle. Differenze nei triggers. Versione dei trigger e PSM di Oracle Versione dei trigger e PSM di Oracle Lucidi derivati da quelli di Jeffrey D Ullman Oracle usa una variante di SQL/PSM che si chiama non consente solo di creare e memorizzare procedure e funzioni, ma puo

Dettagli

DBMS ED APPLICAZIONI (CAPITOLO 6) SQL incluso in codice applicativo Embedded SQL Cursori Dynamic SQL JDBC Stored procedures

DBMS ED APPLICAZIONI (CAPITOLO 6) SQL incluso in codice applicativo Embedded SQL Cursori Dynamic SQL JDBC Stored procedures 1 DBMS ED APPLICAZIONI (CAPITOLO 6) SQL incluso in codice applicativo Embedded SQL Cursori Dynamic SQL JDBC Stored procedures Progettazione 2 Dominio Applicativo PROGETTAZIONE CONCETTUALE PROGETTAZIONE

Dettagli

Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 10

Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 10 Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 10 Parte III: il computer come strumento per l interazione e la comunicazione Si è parlato di identità Parte III: il computer come strumento per l interazione

Dettagli

SQL. Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS)

SQL. Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS) 1 SQL Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS) a.a. 2014/2015 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/basi-dati/bd2014-15.htm Dott.ssa Francesca A. Lisi dott.ssa Francesca A.

Dettagli

Oracle PL/SQL. Motivazioni

Oracle PL/SQL. Motivazioni Oracle PLSQL Motivazioni Supponiamo che nella gestione del database Azienda ci venga chiesto di apportare le modifiche necessarie a far sì che ad ogni impiegato possa essere assegnato, alla fine di ogni

Dettagli

Dominio applicativo. Progettazione. v SQL incluso in codice applicativo v Embedded SQL v Cursori v Dynamic SQL v JDBC v Stored procedures

Dominio applicativo. Progettazione. v SQL incluso in codice applicativo v Embedded SQL v Cursori v Dynamic SQL v JDBC v Stored procedures Dominio applicativo (Capitolo 6) v SQL incluso in codice applicativo v Embedded SQL v Cursori v Dynamic SQL v JDBC v Stored procedures Basi di dati 1 Docente Claudia Amari 1 Progettazione PROGETTAZIONE

Dettagli

RDBMS: panorama attuale. RDBMS: panorama attuale

RDBMS: panorama attuale. RDBMS: panorama attuale RDBMS: panorama attuale Gestiscono e manipolano dati semplici (tabellari) Hanno un linguaggio di interrogazione (SQL) semplice, dichiarativo e standard Tool consolidati per lo sviluppo di applicazioni

Dettagli

SQL Server. SQL server e un RDBMS di tipo client/server che utilizza Transact-SQL per gestire la comunicazione fra un client e SQL Server

SQL Server. SQL server e un RDBMS di tipo client/server che utilizza Transact-SQL per gestire la comunicazione fra un client e SQL Server SQL Server 7.0 1 SQL Server SQL server e un RDBMS di tipo client/server che utilizza Transact-SQL per gestire la comunicazione fra un client e SQL Server 2 Strumenti per la gestione Enterprise Manager

Dettagli

SQL PER LA DEFINIZIONE DI BASI DI DATI

SQL PER LA DEFINIZIONE DI BASI DI DATI SQL PER LA DEFINIZIONE DI BASI DI DATI SQL non è solo un linguaggio di interrogazione (Query Language), ma Un linguaggio per la definizione di basi di dati (Data-definition language (DDL)) CREATE SCHEMA

Dettagli

SQL nei linguaggi di programmazione

SQL nei linguaggi di programmazione SQL nei linguaggi di programmazione Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi Di Dati Modelli e Linguaggi di Interrogazione, McGraw-Hill Italia, Capitolo 6 SQL in Linguaggi di Programmazione L uso diretto

Dettagli

Basi di dati. Il Linguaggio SQL. K. Donno - Il Linguaggio SQL

Basi di dati. Il Linguaggio SQL. K. Donno - Il Linguaggio SQL Basi di dati Il Linguaggio SQL Data Definition Language (DDL) Data Definition Language: insieme di istruzioni utilizzate per modificare la struttura della base di dati Ne fanno parte le istruzioni di inserimento,

Dettagli

Vincoli di Integrità

Vincoli di Integrità Vincoli di Integrità Approccio procedurale Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2008-2009 Questi lucidi

Dettagli

ROUTINE E PROGRAMMAZIONE

ROUTINE E PROGRAMMAZIONE LEZIONE-TSQL-02 TRIGGER E PROCEDURE (VER03 PAG. 1 / 6 LEZIONE-TSQL-02 TRIGGER E PROCEDURE (VER03 T-SQL PROGRAMMAZIONE PARTE SECONDA ROUTINE E PROGRAMMAZIONE In TSQL è possibile definire alcune routine

Dettagli

Basi di Dati Uso di informazioni statistiche e partizionamento delle tabelle per incrementare le performances in PostgreSQL

Basi di Dati Uso di informazioni statistiche e partizionamento delle tabelle per incrementare le performances in PostgreSQL Basi di Dati Uso di informazioni statistiche e partizionamento delle tabelle per incrementare le performances in PostgreSQL di Matteo Bertini Email: matteo@naufraghi.net Web: http://www.slug.it/naufraghi/

Dettagli

JDBC di base. Le classi/interfacce principali di JDBC

JDBC di base. Le classi/interfacce principali di JDBC JDBC di base Java Database Connectivity è il package Java per l accesso a database relazionali il package contiene interfacce e classi astratte completa indipendenza del codice dal tipo di database o di

Dettagli

SQL non è solo un linguaggio di interrogazione (Query Language), ma. Un linguaggio per la definizione di basi di dati (Data-definition language (DDL))

SQL non è solo un linguaggio di interrogazione (Query Language), ma. Un linguaggio per la definizione di basi di dati (Data-definition language (DDL)) SQL PER LA DEFINIZIONE DI BASI DI DATI 1 SQL non è solo un linguaggio di interrogazione (Query Language), ma Un linguaggio per la definizione di basi di dati (Data-definition language (DDL)) CREATE SCHEMA

Dettagli

JDBC: Introduzione. Java Database Connectivity (JDBC): parte 1. Schema dei legami tra le classi principali. Principali classi/interfacce di JDBC

JDBC: Introduzione. Java Database Connectivity (JDBC): parte 1. Schema dei legami tra le classi principali. Principali classi/interfacce di JDBC JDBC: Introduzione Java Database Connectivity (JDBC): parte 1 Gianluca Moro DEIS - Università di Bologna gmoro@deis.unibo.it Java Database Connectivity è il package Java per l accesso a database relazionali

Dettagli

Introduzione. 8- Programmazione di una base di dati attraverso JDBC ESEMPIO

Introduzione. 8- Programmazione di una base di dati attraverso JDBC ESEMPIO 8- Programmazione di una base di dati attraverso JDBC Introduzione ai differenti approcci - JDBC: Architettura e Programmazione Introduzione Nella pratica gli utenti finali accedono al contenuto di una

Dettagli

MySQL Command Line Client: operazioni fondamentali

MySQL Command Line Client: operazioni fondamentali MySQL Command Line Client: operazioni fondamentali INTRODUZIONE Il RDBMS MySQL, oltre a fornire un applicazione che abbia un interfaccia user-friendly, ha a disposizione anche un altro client, che svolge

Dettagli

JDBC versione base. Le classi/interfacce principali di JDBC

JDBC versione base. Le classi/interfacce principali di JDBC JDBC versione base Java Database Connectivity è il package Java per l accesso a database relazionali il package contiene interfacce e classi astratte uno dei pregi è la completa indipendenza del codice

Dettagli

Azioni. Select e join non consentono di modificare il contenuto del DB. Inserzione di nuovi dati. Azioni desiderate. Aggiornamento di dati

Azioni. Select e join non consentono di modificare il contenuto del DB. Inserzione di nuovi dati. Azioni desiderate. Aggiornamento di dati Azioni Select e join non consentono di modificare il contenuto del DB Azioni desiderate Inserzione di nuovi dati Aggiornamento di dati Cancellazione di dati Aggiunta di un record insert into utenti(nome,tel,codice_u)

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

2104 volume III Programmazione

2104 volume III Programmazione 2103 SQLite Capitolo 77 77.1 Utilizzo generale................................. 2104 77.1.1 Utilizzo di sqlite3».......................... 2104 77.1.2 Copie di sicurezza............................ 2106

Dettagli

Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione

Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico

Dettagli

PL/SQL Uso di un linguaggio procedurale per un database

PL/SQL Uso di un linguaggio procedurale per un database PL/SQL Uso di un linguaggio procedurale per un database Roberto Basili Corso di Basi Di Dati 1 a.a. 2000-2001 Abstract Questa breve dispensa descrive piu etesamente i contenuti della esercitazione del

Dettagli

Basi di Dati: Corso di laboratorio

Basi di Dati: Corso di laboratorio Basi di Dati: Corso di laboratorio Lezione 2 Raffaella Gentilini 1 / 45 Sommario 1 Il DDL di SQL: Cancellazione ed Aggiornamento di una BD Cancellazione di Schemi, Tabelle, e Domini Aggiornamento di Tabelle

Dettagli

APPENDICE. Procedure in SQL (1)

APPENDICE. Procedure in SQL (1) APPENDICE Procedure in SQL Transazioni in SQL Embedded SQL Remote Procedure Call Appendice 1 Procedure in SQL (1) Standard SQL2 permette di definire procedure, associate a singoli comandi SQL, memorizzate

Dettagli

Basi di Dati: Corso di laboratorio

Basi di Dati: Corso di laboratorio Basi di Dati: Corso di laboratorio Lezione 9 Raffaella Gentilini 1 / 41 Sommario 1 DBMS Attivi e Triggers 2 2 / 41 DBMS Attivi DBMS Attivi I DBMS tradizionale sono passivi: Eseguono delle operazioni solo

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Aspetti relazionali ad oggetti di Oracle 9i. Il sistema di tipi di Oracle. Tipi oggetto

Aspetti relazionali ad oggetti di Oracle 9i. Il sistema di tipi di Oracle. Tipi oggetto Aspetti relazionali ad oggetti di Oracle 9i 158 Il sistema di tipi di Oracle Non distinct type Tipi oggetto Tipi riferimento Tipi collezione Ereditarietà 159 Tipi oggetto Possibilità di definire tipi oggetto

Dettagli

Il linguaggio SQL: trigger. Versione elettronica: 04.7.SQL.trigger.pdf

Il linguaggio SQL: trigger. Versione elettronica: 04.7.SQL.trigger.pdf Il linguaggio SQL: trigger Sistemi Informativi T Versione elettronica: 04.7.SQL.trigger.pdf DBMS attivi Un DBMS si dice attivoquando dispone di un sottosistema integrato per definire e gestire regole I

Dettagli

NETEZZA APPLIANCE. Danilo De Benedictis danilode@gmail.com NETEZZA DEVELOPMENT

NETEZZA APPLIANCE. Danilo De Benedictis danilode@gmail.com NETEZZA DEVELOPMENT NETEZZA APPLIANCE Danilo De Benedictis danilode@gmail.com NETEZZA DEVELOPMENT NETEZZA DEVELOPMENT STORED PROCEDURES ANALYTIC FUNCTIONS NETEZZA DEVELOPMENT STORED PROCEDURES STORED PROCEDURES Definizione:

Dettagli

Funzioni scalari in SQL. Capitolo 5. coalesce. nullif. Altre funzioni scalari. case

Funzioni scalari in SQL. Capitolo 5. coalesce. nullif. Altre funzioni scalari. case Funzioni scalari in SQL Capitolo 5 Costrutti definiti in SQL-2 che estendono la sintassi delle espressioni nella target list coalesce nullif case Prof. Stefano Paraboschi Vengono valutate per ogni riga

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

Capitolo 7. Esercizio 7.1

Capitolo 7. Esercizio 7.1 Capitolo 7 Esercizio 7.1 Dato lo schema relazionale: IMPIEGATO (Nome, Salario, DipNum) DIPARTIMENTO (DipNum, NomeManager) Definire le seguenti regole attive in Oracle e DB2: 1. una regola, che quando il

Dettagli

Object-Relational Mapping

Object-Relational Mapping Object-Relational Mapping Versione Preliminare Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2008-2009 Questi

Dettagli

Basi di dati Il linguaggio SQL

Basi di dati Il linguaggio SQL Basi di dati Il linguaggio SQL teoria e pratica con Microsoft Access Riepilogando Nelle basi di dati esiste 1. una parte invariante nel tempo, lo schema, costituita dalle caratteristiche dei dati (nomi

Dettagli

Basi di dati Il linguaggio SQL

Basi di dati Il linguaggio SQL Riepilogando Basi di dati Il linguaggio SQL Nelle basi di dati esiste 1. una parte invariante nel tempo, lo schema, costituita dalle caratteristiche dei dati (nomi degli attributi, domini, 2. una parte

Dettagli

Basi di dati (8) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: trigger e cursori (1.

Basi di dati (8) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: trigger e cursori (1. Università di Modena e Reggio Emilia Basi di dati (8) Docente: andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: trigger e cursori (1.1) 1 Panoramica Trigger Creazione Tipi di trigger Tabelle inserted/deleted Esempi

Dettagli

MySQL Procedure, funzioni, trigger e scheduling

MySQL Procedure, funzioni, trigger e scheduling Corso di Laurea in Informatica Base Dati a.a. 2012-2013 MySQL Procedure, funzioni, trigger e scheduling Laboratorio Ing. G. Laboccetta Dott.ssa. V. Policicchio Definizione di stored procedure Una stored

Dettagli

Basi di dati (6) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: T-SQL (1.

Basi di dati (6) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: T-SQL (1. Università di Modena e Reggio Emilia Basi di dati (6) Docente: andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: T-SQL (1.0) 1 Panoramica T-SQL Variabili Controllo di flusso Trattamento errori Print Operatori e funzioni

Dettagli

Corso di Basi di Dati

Corso di Basi di Dati Corso di Basi di Dati Il Linguaggio SQL Home page del corso: http://www.cs.unibo.it/~difelice/dbsi/ SQL (Structured Query Language) e il linguaggio di riferimento per le basi di dati relazionali. Diverse

Dettagli

Una metodologia di progettazione di applicazioni web centrate sui dati

Una metodologia di progettazione di applicazioni web centrate sui dati Una metodologia di progettazione di applicazioni web centrate sui dati A L B E R T O B E L U S S I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 1 / 2 0 1 2 Progettazione logica di un sito web centrato sui dati Si

Dettagli

Corso sul linguaggio SQL

Corso sul linguaggio SQL Corso sul linguaggio SQL Modulo L2B (SQL) 2.1 Comandi sui database 1 Prerequisiti Introduzione ai DB Linguaggi per database Tipi fondamentali di dati 2 1 Introduzione In questa Unità introduciamo il linguaggio

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Nella relazione CINEMA, Nome è chiave secondaria. Nella relazione FILM, CodRegista, e CodProtagonista sono chiavi esterne sulla tabella PERSONE.

Nella relazione CINEMA, Nome è chiave secondaria. Nella relazione FILM, CodRegista, e CodProtagonista sono chiavi esterne sulla tabella PERSONE. Si consideri il seguente schema relazionale, relaivo ad una base di dati per gestire la programmazione cinematografica giornaliera in un certo insieme di cinema: CINEMA(CodC, Nome, Indirizzo, Tel, NSale)

Dettagli

Indice generale. Introduzione...xi. Gli autori...xv. Che cos è un server PostgreSQL...1

Indice generale. Introduzione...xi. Gli autori...xv. Che cos è un server PostgreSQL...1 Introduzione...xi Contenuti del libro... xi Di cosa avete bisogno... xii A chi si rivolge questo libro... xii Convenzioni... xii Feedback dei lettori... xiii Supporto... xiii Scaricare il codice di esempio...

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Tool. Basi di Dati e Sistemi Informativi Prof. Marco Di Felice Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013

Tool. Basi di Dati e Sistemi Informativi Prof. Marco Di Felice Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Tool Basi di Dati e Sistemi Informativi Prof. Marco Di Felice Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Basi di Dati e Sistemi Informativi () PostgreSQL A.A. 2012-2013 1 / 26 Gli strumenti che vedremo Basi

Dettagli

Vincoli di Integrità

Vincoli di Integrità Vincoli di Integrità Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2010-2011 Questi lucidi sono stati prodotti

Dettagli

SQL e applicazioni. Capitolo 8. SQL e linguaggi di programmazione. Applicazioni ed SQL: architettura. Una difficoltà importante.

SQL e applicazioni. Capitolo 8. SQL e linguaggi di programmazione. Applicazioni ed SQL: architettura. Una difficoltà importante. SQL e applicazioni Capitolo 8 Applicazioni tradizionali In applicazioni complesse, l utente non vuole eseguire comandi SQL, ma programmi, con poche scelte SQL non basta, sono necessarie altre funzionalità,

Dettagli

TRIGGER Regole Attive (Trigger) OLD_TABLE NEW_TABLE old new

TRIGGER Regole Attive (Trigger) OLD_TABLE NEW_TABLE old new TRIGGER Regole Attive (Trigger) Programmi attivati automaticamente dal DBMS al verificarsi di determinate condizioni e operazioni sulle tabelle Da un punto di vista generale, in un trigger vengono specificati

Dettagli

Cap. 5 Basi di dati attive

Cap. 5 Basi di dati attive SOMMARIO 2 Cap. 5 Basi di dati attive Introduzione. 3 Trigger in SQL:999.. Esecuzione di un solo trigger... 4 Esecuzione di più trigger... Esempio di esecuzione 23 Progettazione delle regole attive....

Dettagli

DBMS open source: Postgres

DBMS open source: Postgres C DBMS open source: Postgres Lo sviluppo del mondo dell open source rappresenta sicuramente uno dei fenomeni recenti di maggiore impatto nel mondo dell informatica. Sfruttando le caratteristiche di facile

Dettagli

DUE GRUPPI DI COMANDI

DUE GRUPPI DI COMANDI LEZIONE16 SQL DDL PAG. 1 / 9 PROF. ANDREA ZOCCHEDDU LEZIONE16 SQL DDL LINGUAGGIO SQL DATA DESCRIPTION LANGUAGE DUE GRUPPI DI COMANDI I comandi del linguaggio SQL sono divisi in due grandi gruppi che formano

Dettagli

Corso di Informatica. Prerequisiti. Modulo T3 B3 Programmazione lato server. Architettura client/server Conoscenze generali sui database

Corso di Informatica. Prerequisiti. Modulo T3 B3 Programmazione lato server. Architettura client/server Conoscenze generali sui database Corso di Informatica Modulo T3 B3 Programmazione lato server 1 Prerequisiti Architettura client/server Conoscenze generali sui database 2 1 Introduzione Lo scopo di questa Unità è descrivere gli strumenti

Dettagli

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari Gubiani & Montanari Il DBMS Oracle 1 Il DBMS Oracle Express Edition Donatella Gubiani e Angelo Montanari Il DBMS Oracle Il DBMS Oracle Oracle 10g Express Edition Il DBMS Oracle (nelle sue versioni più

Dettagli

Linguaggio SQL. Structured Query Language

Linguaggio SQL. Structured Query Language Linguaggio SQL Structured Query Language Creato negli anni 70 presso IBM Inizialmente solo linguaggio di interrogazione Ora linguaggio di riferimento per DB relazionali Standardizzato grazie al lavoro

Dettagli

a.a. 2012/13 12 Novembre 2012 Preparazione al Test in itinere, Compito A 1. Modellare tramite uno schema entità- relazione la seguente base di dati:

a.a. 2012/13 12 Novembre 2012 Preparazione al Test in itinere, Compito A 1. Modellare tramite uno schema entità- relazione la seguente base di dati: Gestione dei dati e della conoscenza, a.a. 2012/13 12 Novembre 2012 Preparazione al Test in itinere, Compito A 1. Modellare tramite uno schema entità- relazione la seguente base di dati: Si vuole modellare

Dettagli

Corso Base. Lezione 6. Maurizio Cozzetto, Francesco Sarasini

Corso Base. Lezione 6. Maurizio Cozzetto, Francesco Sarasini Corso Base Lezione 6 Maurizio Cozzetto, Francesco Sarasini Database SQLite (1/2) Android provides full support for SQLite databases. Any databases you create will be accessible by name to any class in

Dettagli

Verso l architettura MVC-2 PHP: Hypertext Preprocessor

Verso l architettura MVC-2 PHP: Hypertext Preprocessor Verso l architettura MVC-2 PHP: Hypertext Preprocessor 1 A L B E R T O B E L U S S I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 2 / 2 0 1 3 PHP per generare pagine web dinamiche Anche uno script PHP può essere

Dettagli

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 9: Query Maschere Report. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 9: Query Maschere Report. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 9: Query Maschere Report Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Le QUERY 2 Che cos è una Query? Una Query rappresenta uno strumento per interrogare un database.

Dettagli

Il linguaggio SQL. è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali.

Il linguaggio SQL. è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali. (Structured Query Language) : Il linguaggio è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali. prima versione IBM alla fine degli anni '70 per un prototipo di ricerca (System

Dettagli

DDL, VINCOLI D INTEGRITÁ, AGGIORNAMENTI E VISTE. SQL è più di un semplice linguaggio di interrogazione

DDL, VINCOLI D INTEGRITÁ, AGGIORNAMENTI E VISTE. SQL è più di un semplice linguaggio di interrogazione SQL DDL, VINCOLI D INTEGRITÁ, AGGIORNAMENTI E VISTE SQL è più di un semplice linguaggio di interrogazione! Linguaggio di definizione dati (Data-definition language, DDL):! Crea/distrugge/modifica relazioni

Dettagli

IL LINGUAGGIO SQL IDENTIFICATORI E TIPI DI DATI COMANDI E ISTRUZIONI

IL LINGUAGGIO SQL IDENTIFICATORI E TIPI DI DATI COMANDI E ISTRUZIONI IL LINGUAGGIO SQL Il linguaggio SQL ( Structured Query Languages) è un linguaggio non procedurale che è diventato uno standard tra i linguaggi per la gestione dei database relazionali. Il linguaggio procedurale

Dettagli

Il sistema IBM DB2. Sistemi Informativi T. Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf

Il sistema IBM DB2. Sistemi Informativi T. Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf Il sistema IBM DB2 Sistemi Informativi T Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf IBM DB2 Il DBMS relazionale IBM DB2 è il prodotto di punta dell IBM per la gestione di basi di dati relazionali

Dettagli

User Tools: DataBase Manager

User Tools: DataBase Manager Spazio di lavoro Per usare T-SQL Assistant selezionare il link Simple Query e spostare a piacere la piccola finestra dove un menu a tendina mostra i diversi comandi SQL selezionabili, il pulsante Preview

Dettagli

Metodi per la Gestione dei Dati (lezioni di laboratorio)

Metodi per la Gestione dei Dati (lezioni di laboratorio) Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Scienze della Comunicazione e dell Economia Corso di Laurea in Comunicazione e Marketing Titolare del corso: ing. Stefano SETTI Lezioni di laboratorio

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati

Informatica Generale Andrea Corradini. 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati Informatica Generale Andrea Corradini 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati Sommario Concetti base di Basi di Dati Il modello relazionale Relazioni e operazioni su relazioni Il linguaggio SQL Integrità

Dettagli

PHP 5. PHP ed i database. Database e tabelle. Struttura di un DB relazionale. Accesso a database

PHP 5. PHP ed i database. Database e tabelle. Struttura di un DB relazionale. Accesso a database PHP ed i database PHP 5 Accesso a database PHP funziona con molti database relazionale che includono: Oracle Access Postgres SQL Server MySQL Useremo MySQL poiché è semplice da usare, gratuito e molto

Dettagli

Basi di dati (7) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: stored procedure (1.

Basi di dati (7) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: stored procedure (1. Università di Modena e Reggio Emilia Basi di dati (7) Docente: andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: stored procedure (1.0) 1 Panoramica Stored procedure Creazione Chiamata Modifica Eliminazione Esempio

Dettagli

Applicazioni tradizionali

Applicazioni tradizionali 1 BASI DI DATI Paolo Zirilli Applicazioni tradizionali Concetti di questa lezione SQL nel codice applicativo SQL incluso in codice applicativo Embedded SQL Cursori Dynamic SQL JDBC Stored procedures I

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 12 JDBC. Dr. Paolo Casoto, Ph.D - 2012

Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 12 JDBC. Dr. Paolo Casoto, Ph.D - 2012 + Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 12 JDBC + Cosa vediamo nella lezione di oggi Oggi analizzeremo insieme una specifica tecnologia Java per l accesso e la manipolazione di basi di dati relazionali

Dettagli

TUTORIAL. CREAZIONE DI TRIGGER IN ORACLE LITE 8i MEDIANTE CLASSI JAVA

TUTORIAL. CREAZIONE DI TRIGGER IN ORACLE LITE 8i MEDIANTE CLASSI JAVA TUTORIAL CREAZIONE DI TRIGGER IN ORACLE LITE 8i MEDIANTE CLASSI JAVA Michele de Nittis Generalità... 2 Modello di Caricamento e Pubblicazione... 3 Modello Per Allegato (Attachment)... 9 Esempio di creazione

Dettagli

Data Base. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 6

Data Base. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 6 Data Base 1 Sommario I concetti fondamentali. Database Relazionale.. Query e SQL MySql, Creazione di un db in MySQL con PHPmyAdmin Creazione database e delle Tabelle Query Inserimento Ricerca Modifica

Dettagli

SQL. Alcune note sulla definizione dei dati

SQL. Alcune note sulla definizione dei dati SQL Alcune note sulla definizione dei dati Domini Domini elementari (predefiniti) Domini definiti dall'utente (riutilizzabili, possono servire per specificare vincoli di dominio propri di una certa applicazione)

Dettagli

PROVA FINALE Ingegneria del software

PROVA FINALE Ingegneria del software PROVA FINALE Ingegneria del software Ing. Jody Marca jody.marca@polimi.it Laboratorio N 4 Cos è JDBC 2 JDBC significa Java Database Connectivity Standard definito da Sun MicroSystems per connettere programmi

Dettagli

Informatica B. Contenuti. Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS. Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati

Informatica B. Contenuti. Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS. Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati Informatica B Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS Contenuti Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati Informazioni e dati Dato: elemento semanticamente significativo (data, codice, ecc.),

Dettagli

Tipi MULTISET: accesso

Tipi MULTISET: accesso Tipi MULTISET: accesso Poiche non e previsto un ordine tra gli elementi un accesso diretto come quello visto per gli array non e possibile E necessario utilizzare funzioni ad hoc Tali funzioni possono

Dettagli

SQL. Linguaggio di interrogazione per basi di dati relazionali. Relazione = tabella con attributi (a 1, a 2,, a n ): Funzionalità principali di SQL:

SQL. Linguaggio di interrogazione per basi di dati relazionali. Relazione = tabella con attributi (a 1, a 2,, a n ): Funzionalità principali di SQL: SQL Linguaggio di interrogazione per basi di dati relazionali Relazione = tabella con attributi (a 1, a 2,, a n ): Funzionalità principali di SQL: Creazione delle tabelle Interrogazione della base di dati

Dettagli

Basi di Dati Esercitazione JDBC. Giugno 2007

Basi di Dati Esercitazione JDBC. Giugno 2007 Basi di Dati Esercitazione JDBC Giugno 2007 Esercizi Considerando il seguente schema: Fornitori (CodiceFornitore, Nome, Indirizzo, Citta) Prodotti (CodiceProdotto, Tipo, Marca, Modello) Catalogo (CodiceFornitore,

Dettagli

Programmazione Java Avanzata Spring - JDBC

Programmazione Java Avanzata Spring - JDBC Programmazione Java Avanzata Spring - JDBC Ing. Gianluca Caminiti Riferimenti Spring http://www.springsource.org/ (scaricate il reference) Beginning Spring 2 - From Novice to Professional. APress. 2008

Dettagli

Corso di Web Programming

Corso di Web Programming Corso di Web Programming 11. PHP - Complementi Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea in Informatica Applicata

Dettagli

Suggerimenti per lo Sviluppo delle Applicazioni con PL/SQL. Simona Rotolo

Suggerimenti per lo Sviluppo delle Applicazioni con PL/SQL. Simona Rotolo Suggerimenti per lo Sviluppo delle Applicazioni con PL/SQL Simona Rotolo 2 Questo documento, rivolto a chi sviluppa codice in PL/Sql, è stato redatto al fine di fornire degli standard di sviluppo che aiuteranno

Dettagli

PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE

PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE 1. JAVA 1.1 Introduzione a Java Introduzione Cosa è Java 1.2 Sintassi e programmazione strutturata variabili e metodi tipi di dati, array operatori

Dettagli

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS Base di dati (accezione generica) collezione di dati, utilizzati per rappresentare le informazioni di interesse per una o più applicazioni di una organizzazione (accezione specifica) collezione di dati

Dettagli

Sommario. Pag. 1 di 34 rev 3

Sommario. Pag. 1 di 34 rev 3 Sommario GNU-Linux e i Database...2 MySQL...3 Installazione...3 Accedere al DB...4 Tipi di dati...7 Formato numerico:...7 Formato carattere e/o stringa:...8 Formato data:...8 Altri formati:...8 Creazione

Dettagli

Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R:

Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R: Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R: Si consiglia di creare il data base, inserire i dati nelle tabelle, provare

Dettagli

PHP 5. Accesso a database

PHP 5. Accesso a database PHP 5 Accesso a database PHP ed i database PHP funziona con molti database relazionali che includono: Oracle Access Postgres SQL Server MySQL Useremo MySQL poiché è semplice da usare, gratuito e molto

Dettagli

Esercitazione sulle libpq - libreria C per PostgreSQL

Esercitazione sulle libpq - libreria C per PostgreSQL Esercitazione sulle libpq - libreria C per PostgreSQL Roberto Tronci roberto.tronci@diee.unica.it Basi di Dati A.A. 2007/2008 Tronci ( roberto.tronci@diee.unica.it ) Esercitazione libpq Basi di Dati 2007/2008

Dettagli