Master universitario di II Livello. Teorie e Metodi nell Investigazione Criminale TESTIMONI DI GIUSTIZIA: UNA VITA A METÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Master universitario di II Livello. Teorie e Metodi nell Investigazione Criminale TESTIMONI DI GIUSTIZIA: UNA VITA A METÀ"

Transcript

1 Master universitario di II Livello Teorie e Metodi nell Investigazione Criminale Direttore del Master: Chiar.ma Prof.ssa Gemma Marotta TESTIMONI DI GIUSTIZIA: UNA VITA A METÀ A cura di Flavia Fiumara Anno Accademico

2 Master universitario di II Livello Teorie e Metodi nell Investigazione Criminale TESTIMONI DI GIUSTIZIA: UNA VITA A METÀ Relatore: Avv.ssa Vincenza Rando Masterizzanda Dott.ssa Flavia Fiumara Anno Accademico

3 RITA ATRIA È normale che esista la paura, in ogni uomo, l importante è che sia accompagnata, dal coraggio. Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti. PAOLO BORSELLINO 2

4 INDICE PREFAZIONE... 4 CAPITOLO 1 NASCITA DELLA LEGGE SUI TESTIMONI DI GIUSTIZIA Analisi della legge n 45 del 13 febbraio Le misure ed il programma speciale di protezione CAPITOLO 2 VITA DA TESTIMONI La vita del testimone La storia di Rita Atria: tra coraggio e disperazione Intervista a Piera Aiello: una testimone in trincea Intervista al Dott. Vincenzo Conticello: un imprenditore coraggioso Intervista ad un testimone di giustizia: una vita segreta da vivere CAPITOLO 3 L AUTORITÀ GIUDIZIARIA ED IL TESTIMONE DI GIUSTIZIA: IL PRIMO CONTATTO Intervista al Procuratore di Caltagirone, Dott. Francesco Paolo Giordano Intervista al Vice Questore e Capo della Squadra Mobile di Caltanissetta, Dott. Giovanni Giudice CAPITOLO 4 PROPOSTE PARLAMENTARI SULLE NECESSARIE MODIFICHE ALLA LEGGE N 45 DEL 13 FEBBRAIO Relazione finale sui testimoni di giustizia approvata dalla Commissione Parlamentare nella seduta del 19 febbraio 2008 (stralcio) Riferimenti bibliografici Ringraziamenti

5 PREFAZIONE Circa un anno fa cominciai a scrivere la mia tesi di laurea sui collaboratori di giustizia, pensando di aver colmato la mia sete di conoscenza sul mondo mafioso; ma oggi devo smentire le mie convinzioni. Infatti, quando nei mesi scorsi sono arrivata presso l Associazione Libera, per frequentare il mio tirocinio presso il loro ufficio legale, ero convinta che le mie conoscenze ed il mio bagaglio culturale-mafioso mi sarebbero state sufficienti. Dopo alcuni giorni ho visto un volto della mafia a me sconosciuto: il mondo dei testimoni di giustizia. Leggendo le loro storie e le loro disavventure, si faceva sempre più forte nella mia mente una domanda: perché una persona diventa testimone di giustizia? quali sono le motivazioni?. Quando mi ero occupata dei collaboratori di giustizia, mi ero resa conto che dietro la loro decisione di collaborare con lo Stato ci fosse un interesse legato ad uno sconto di pena ed alla sicurezza di sapere i propri cari al sicuro nel programma di protezione; ma invece, per quanto riguarda i testimoni di giustizia, mi mancava o meglio non riuscivo a comprendere il perché di questa decisione, una decisione che radicalmente cambia tutta un esistenza. Più il tempo passava più non riuscivo a comprendere questo triste fenomeno. Poi la svolta. Alla fine del mese di ottobre del 2009, si è svolto a Roma un convegno su Stati Generali dell Antimafia, organizzato da Libera, incentrato su tutte le problematiche delle organizzazioni criminali, al quale hanno preso parte un folto numero di partecipanti nonché personalità del mondo istituzionale, tra cui anche dei testimoni di giustizia. Ovviamente per motivi legati al mio tirocinio ho partecipato al gruppo di lavoro sui testimoni di giustizia e così ascoltando le loro testimonianze, le loro 4

6 sofferenze, le loro frustrazioni, ma soprattutto vedendo nei loro occhi la determinazione e la fame di giustizia, ho capito il perché della loro scelta: avere coraggio. Coraggio di testimoniare ed assicurare alla giustizia i killer che hanno ucciso un magistrato come Rosario Livatino, oppure opporsi al pagamento del pizzo come ha fatto l imprenditore Vincenzo Conticello, mandando in galera i suoi estorsori, o chi come Rita Atria, la picciridda (la ragazzina), insieme con la cognata Piera Aiello, ha reso dichiarazioni al giudice Paolo Borsellino, raccontando quello di cui era a conoscenza e consentendo l arresto di decine di mafiosi nella zona di Partanna in Sicilia occidentale. Questi uomini e queste donne hanno fatto una scelta di non ritorno, una scelta che non coinvolge solo la loro vita ma anche quella del proprio nucleo familiare. Spesso inconsapevoli delle onerose conseguenze alle quali sarebbero andati incontro. Come si può accettare di vivere lontano dai proprio affetti, abbandonare casa, lavoro, vita sociale, senza poter dire a nessuno dove si va e quando si torna? Vivere con la paura di essere trovati o riconosciuti e dovere scappare nuovamente? Le motivazioni sono le più varie: chi cerca giustizia per aver perso la propria impresa, chi invece, essendo stato testimone oculare magari di un omicidio eccellente, sento il bisogno, come cittadino, di assicurare gli assassini alla giustizia o chi invece vuole dare un segno di cambiamento alla società. Ma sicuramente ciò che rimarrà stampato per sempre nella mia memoria è stata la testimonianza di una piccola donna, avanti con gli anni, che dopo quattordici anni ha ritrovato il corpo del figlio. Le sue parole, che ho ascoltato durante il convegno, erano cariche di dolore ma nella stesso tempo piene di gioia. Infatti dall indagini in corso è emerso che il proprio figlio venne ucciso perché voleva denunciare dei mafiosi. Se non fosse stato eliminato, oggi questo ragazzo sarebbe vivo e, verosimilmente, avremmo un testimone di giustizia in più. 5

7 CAPITOLO 1 NASCITA DELLA LEGGE SUI TESTIMONI DI GIUSTIZIA 1.1 Analisi della legge n 45 del 13 febbraio 2001 La legge 13 febbraio 2001, n 45 ha introdotto nel nostro ordinamento specifiche norme a favore dei testimoni di giustizia. Le nuove disposizioniinserite nell impianto normativo originario del decreto legge 15 gennaio 1991, n 8, convertito con modificazioni nella legge 15 marzo 1991, n 82- hanno delineato la figura del testimone di giustizia, prevedendo specifiche misure di tutela e di assistenza (art 12 che ha inserito nel previgente testo normativo gli artt. 16-bis e 16- ter). La legge n 82 del 1991, però, non conteneva nessuna distinzione tra il collaboratore di giustizia proveniente da organizzazioni criminali ed il testimone. Di conseguenza quest ultimo veniva sottoposto alle stesse misure di assistenza e tutela previste per il collaboratore, proveniente dal mondo criminale; ciò ha posto questioni assai delicate e complesse che più volte sono state sollevate nelle sedi istituzionali. Il legislatore del 2001 ha dunque voluto operare una netta distinzione tra collaboratore e testimone sia sul piano concettuale che sul piano della gestione, nonché con la previsione di un regime giuridico diverso per le due categorie. La nuova legge di riforma ha, pertanto, inteso valorizzare il valore della denuncia ed il contributo dato alla giustizia da tali soggetti: i testimoni di giustizia, cioè coloro che senza aver fatto parte di organizzazioni criminali hanno sentito il dovere di testimoniare per senso civico o sensibilità istituzionale esponendo se stessi e le loro famiglie a possibili rappresaglie o vendette. Secondo l art. 16-bis, introdotto dalla legge n 45 del 2001, i testimoni di giustizia sono coloro che riguardo al fatto-reato, sul quale rendono dichiarazioni, assumono esclusivamente il ruolo di persona offesa o di persona informata sui 6

8 fatti o di testimone; nei loro confronti non deve essere stata disposta una misura di prevenzione, né deve essere in corso un procedimento di applicazione della stessa. Le dichiarazioni rese da tali soggetti devono avere carattere di attendibilità. La gravità delle denunce rese dal testimone all autorità giudiziaria può determinare uno stato di grave pericolo per l incolumità del testimone e dei suoi familiari, tanto da richiedere l adozione di speciali misure di protezione ed il trasferimento in una località protetta. Tali misure possono estendersi alle persone che coabitano o convivono, esposti a grave pericolo a causa delle relazioni trattenute con il testimone. Molteplici sono i soggetti che intervengono nel procedimento della protezione. Agli organi giudiziari spettano poteri propositivi in tema di attivazione e revoca della protezione, mentre agli organi amministrativi appartengono funzioni decisionali ed attuative riguardanti l ammissione, la concreta realizzazione, la cessazione delle misure di tutela ed assistenza. Il decreto legge n 8 del 1991 ha istituito i due organi principali che intervengono nel procedimento della protezione: la Commissione centrale ed il Servizio centrale di protezione. La Commissione centrale per la definizione ed l applicazione delle speciali misure di protezione è istituita con decreto del Ministro dell interno, di concerto con il Ministro della giustizia, sentiti i Ministri interessati; è composta da un Sottosegretario di Stato per l interno che la presiede, da due magistrati, cinque ufficiali e/o funzionari scelti tra coloro che hanno specifiche esperienze nel settore e che sono in possesso di cognizioni aggiornate sulla criminalità organizzata. La Commissione centrale è l organo politico-amministrativo cui spetta decidere in merito all ammissione dei testimoni di giustizia alle speciali misure di protezione e stabilire i contenuti e la durata delle stesse. 7

9 Il Servizio centrale di protezione, istituito nell ambito del Dipartimento di sicurezza pubblica, è una struttura interforze composta da personale della Polizia di Stato, dell Arma dei Carabinieri e del Corpo della Guardia di Finanza. Il Servizio centrale di protezione è l organismo esecutivo, operativo e consultivo della Commissione centrale. Ha lo scopo di garantire la sicurezza del soggetto tutelato, attraverso la creazione di una condizione di mimetizzazione nella località protetta in cui il testimone vive. È l organo preposto a dare attuazione allo speciale programma di protezione e provvede alla tutela, all assistenza ed a tutte le esigenze di vita delle persone sottoposte a protezione. Il Servizio centrale di protezione, in base alla legge n 45 del 2001, ha al suo interno due Divisioni differenti, dotate di personale e mezzi autonomi, con competenze l una sui collaboratori l altra sui testimoni. La legge individua la principale garanzia di sicurezza del testimone nella condizione di maggior anonimato possibile. La mimetizzazione anagrafica avviene tramite il rilascio di documenti di identità con nominativi falsi. Tale strumento viene utilizzato in via temporanea ed al fine esclusivo di garantire la riservatezza e quindi la sicurezza; certo escludendo la possibilità di compiere atti che coinvolgano altri soggetti pubblici o privati. La validità di tali documenti di copertura è legata alla durata del programma di protezione, per cui, al termine di questo, gli stessi vengono ritirati. La documentazione di copertura può comprendere anche il libretto di lavoro, il libretto sanitario, il codice fiscale ed altri documenti che vengono dati al testimone ed ai suoi familiari. Il decreto legislativo 29 marzo 1993, n 119, ha introdotto un altra misura anagrafica finalizzata a garantire la sicurezza dei soggetti protetti: il cambio di generalità, con la creazione di una nuova posizione anagrafica nei registri di stato civile. Quando la sicurezza del soggetto è esposta ad alto rischio, tale strumento costituisce il mezzo più efficace, sia per nascondere definitivamente l identità 8

10 della persona che per il suo reinserimento sociale e lavorativo. Il beneficio del cambio di generalità è stato previsto dal legislatore solo in casi eccezionali, quando ogni altra misura risulti inadeguata. Il cambio di generalità richiede l attivazione di un complesso e lungo iter procedurale che si conclude con un decreto del Ministro dell interno di concerto con il Ministro della giustizia. Il numero di coloro che hanno ottenuto il cambio di generalità è molto ridotto. Va detto, tuttavia, che l impossibilità di fruire di tale beneficio riduce le opportunità di reinserimento lavorativo. La documentazione di copertura non consente, ad esempio, di intraprendere un attività commerciale. L art. 16- ter 1, introdotto dalla legge n 45 del 2001 riguarda, tra l altro, il contenuto delle misure speciali di protezione. È previsto che il regime di protezione per i testimoni di giustizia debba protrarsi fino alla effettiva cessazione del pericolo, quale che sia lo stato ed il grado del procedimento penale nel quale essi sono chiamati a deporre. Le misure assistenziali, lettere b),c),d),e),e f) dell art. 16- ter citato, adottate a favore del testimone, sono volte a garantire il mantenimento di un tenore di vita personale e familiare non inferiore a quello precedente alla loro scelta collaborativa. In pratica, lo Stato si impegna a risarcire il danno che il soggetto è costretto a sopportare in conseguenza della sua disponibilità a denunciare i fatti di cui è a conoscenza ed a rendere testimonianza nei processi. 1 Art. 16-ter. - (Contenuto delle speciali misure di protezione) - 1. I testimoni di giustizia cui è applicato lo speciale programma di protezione hanno diritto: a) a misure di protezione fino alla effettiva cessazione del pericolo per sé e per i familiari; b) a misure di assistenza, anche oltre la cessazione della protezione, volte a garantire un tenore di vita personale e familiare non inferiore a quello esistente prima dell'avvio del programma, fino a quando non riacquistano la possibilità di godere di un reddito proprio; c) alla capitalizzazione del costo dell'assistenza, in alternativa alla stessa; d) se dipendenti pubblici, al mantenimento del posto di lavoro, in aspettativa retribuita, presso l'amministrazione dello Stato al cui ruolo appartengono, in attesa della definitiva sistemazione anche presso altra amministrazione dello Stato; e) alla corresponsione di una somma a titolo di mancato guadagno, concordata con la commissione, derivante dalla cessazione dell'attività lavorativa propria e dei familiari nella località di provenienza, sempre che non abbiano ricevuto un risarcimento al medesimo titolo, ai sensi della legge 23 febbraio 1999, n. 44; f) a mutui agevolati volti al completo reinserimento proprio e dei familiari nella vita economica e sociale. 9

11 Al testimone di giustizia vengono corrisposti un assegno mensile di mantenimento, il pagamento del canone di locazione ed altre misure di assistenza economica. Il testimone di giustizia ha diritto alla capitalizzazione del costo dell assistenza; alla corresponsione di una somma a titolo di mancato guadagno (concordata con la Commissione centrale) derivante dalla cessione dell attività lavorative nella località di provenienza; a mutui agevolati volti al reinserimento economico-sociale proprio e dei familiari. Inoltre, come previsto al comma 3 dell articolo in esame, se nei confronti del testimone è stato disposto per ragioni di sicurezza un trasferimento in una località diversa da quella di origine dove deve rifarsi una vita, lo Stato è tenuto ad acquisire, a prezzo di mercato, i beni immobili di proprietà del testimone, ubicati nella sua località di origine, e a corrispondergli l equivalente in denaro. La piena attuazione della disciplina introdotta dalla legge n 45 del 2001 ha richiesto una rilevante legislazione secondaria. Sono stati emanati nel corso degli anni diversi decreti attuativi che sono intervenuti su particolari aspetti relativi alla tutela, all assistenza nonché al reinserimento sociale dei testimoni di giustizia. Circa la tutela legale dei testimoni, l articolo 8, comma 10, del Regolamento sulle speciali misure di protezione (D.m. n 161 del 2004) prevede che al testimone sia assicurata l assistenza legale in tutti i procedimenti per la tutela di posizioni soggettive lese a motivo della collaborazione resa. L articolo 12 del D.m. 13 maggio 2005, n 138, prevede particolari interventi contingenti, anche di carattere economico, per favorire il reinserimento sociale ed un supporto tecnico e di consulenza ai testimoni. In relazione alla capitalizzazione delle misure di assistenza economica interviene l articolo 10, comma 15 del D.m. n 161 del La suddetta capitalizzazione, che comporta l interruzione delle misure di assistenza economica già assicurate mensilmente, avviene mediante la corresponsione di una somma di denaro pari all importo dell assegno di mantenimento in presenza di un concreto e documentato progetto di reinserimento socio-lavorativo e può essere riferita ad 10

12 un periodo di dieci anni. Alla capitalizzazione si aggiunge un importo forfettario di euro, rivalutabile secondo gli indici ISTAT, quale contributo per sistemazione alloggiativa. 1.2 Le misure ed il programma speciale di protezione Le speciali misure ed il programma di protezione sono disposti dalla Commissione centrale a favore del testimone. Esse possono essere estese anche a coloro che convivono stabilmente con il testimone e, solo quando si è in presenza di specifiche situazioni, anche a coloro che risultano esposti a pericolo attuale, grave e concreto a causa delle relazioni con i predetti soggetti. Le speciali misure di protezione sono adottate quando risultano inadeguate le misure ordinarie disposte (anche su segnalazioni dell Autorità giudiziaria) dalle Autorità di pubblica sicurezza. Le speciali misure di protezione sono adottate dalla Commissione centrale e determinate, o meglio predisposte ed attivate, dal Prefetto del luogo in cui risiede il testimone. Queste consistono: misure di vigilanza e tutela da eseguire a cura degli organi di polizia territorialmente competenti; accorgimenti tecnici di sicurezza (può pensarsi a strumenti di videosorveglianza e di teleallarme); misure necessarie per i trasferimenti in comuni diversi da quelli di residenza; interventi contingenti finalizzati al reinserimento sociale. Le misure vanno prevalentemente adottate nel luogo di origine del testimone o tramite trasferimento a breve distanza e senza utilizzare mezzi di copertura dell identità; spetta, però, alla Commissione centrale decidere quale degli strumenti sopracitati debba essere disposto nello specifico caso. 11

13 Vi sono casi in cui neanche le speciali misure di protezione risultano essere adeguate alla gravità in cui versa il testimone di giustizia; in questo caso la Commissione centrale delibera uno speciale programma di protezione che può prevedere misure aggiuntive rispetto a quelle già sopra indicate: trasferimento delle persone in luoghi protetti; speciali modalità di tenuta della documentazione e delle comunicazioni al servizio informatico; cambiamento delle generalità; altre misure straordinarie ritenute necessarie; misure di assistenza personale ed economica, quali sistemazioni in alloggi, spese per esigenze sanitarie (spesso non è possibile avvalersi delle strutture pubbliche per oggettive questioni di segretezza), spese per l assistenza legale, spese per il mantenimento. a) L assegno di mantenimento e cambio delle generalità L importo dell assegno di mantenimento è quantificato in base a specifici criteri e può essere aggiornato. Può essere poi aumentato, quando ricorrono particolari circostanze e dopo avere acquisito i pareri di chi ha formulato la proposta (procuratore nazionale antimafia o procuratore generale). Il cambiamento delle generalità è una misura cui si perviene solo in casi eccezionali; l attuazione di questo procedimento è indicata nel d.lgs. 29/03/1993, n 119 ed è attuata secondo criteri di assoluta segretezza dal Servizio centrale di protezione. La domanda di cambio di generalità è presentata congiuntamente al Ministro dell interno e a quello della giustizia. È istruita dalla Commissione centrale prevista dall art.10 D.L.8/1991, cui spetta accertare la gravità delle condizioni di pericolo in cui versa il soggetto protetto e la indispensabilità della misura richiesta. Al cambiamento delle generalità provvedono, di concerto, i Ministri dell interno e della giustizia; il decreto contiene il nuovo nome, cognome, luogo e 12

14 data di nascita oltre che la indicazione di tutte le situazioni (sanitarie e fiscali) riguardanti diritti ed obblighi del soggetto protetto, con la regolamentazione della disciplina specifica. Una volta mutata l identità, il soggetto acquisisce una nuova posizione anche nei registri dello stato civile. A tale riguardo, il Servizio centrale di protezione può adottare diverse soluzioni operative : può ottenere che nei registri sia iscritto l atto di nascita formato con riferimento alle nuove generalità di copertura; oppure può chiedere agli uffici dello stato civile atti o certificati da riempire con le nuove generalità, lasciando però che nei registri il testimone di giustizia o il soggetto protetto continui ad essere iscritto con la sua originaria identità. Il decreto di cambiamento delle generalità può essere revocato se il soggetto non rispetta gli impegni previsti dall art.12 D.L.8/1991e, in particolare, quelli relativi all osservanza delle norme di sicurezza, al divieto di contatti con persone dedite al crimine e all adempimento delle obbligazioni contratte. b) Reinserimento dei soggetti protetti La legge 13/02/2001, n 45 ha previsto espressamente che per i testimoni di giustizia le misure di assistenza abbiano un contenuto più ampio; infatti le misure devono garantire che il soggetto protetto possa continuare a godere, fino a quando non lo può fare autonomamente, di un tenore di vita personale e familiare non inferiore a quello precedente alla collaborazione. Per questo motivo il testimone ha diritto: alla corresponsione di una somma per il mancato guadagno quando ha dovuto cessare l attività lavorativa propria e dei familiari per trasferirsi in una località protetta; all acquisizione da parte dello Stato dei beni immobili di cui è proprietario quando, a causa della testimonianza, ha dovuto definitivamente trasferirsi in altra località; 13

15 alla corresponsione, in una sola volta, dell assegno di mantenimento e delle spese di affitto dell alloggio calcolati con riferimento a tutto il presumibile periodo di applicazione del programma di protezione (la cosiddetta capitalizzazione del costo dell assistenza economica); a mutui agevolati per il completo reinserimento proprio e dei familiari nella vita economica e sociale. 14

16 CAPITOLO 2 VITA DA TESTIMONI Il contenuto di questo capitolo si riferisce alle interviste concesse da alcuni testimoni di giustizia; un testimone di giustizia che per motivi di sicurezza chiameremo Matteo (Roma 24 ottobre 2009), il Dott. Vincenzo Conticello, imprenditore e proprietario della Antica Focacceria San Francesco, (Palermo 09 novembre 2009) e da Piera Aiello (28 novembre 2009) 2.1 La vita del testimone Il testimone di giustizia è una persona che ad un certo momento della sua vita si trova coinvolto, suo malgrado, ad essere protagonista inconsapevole di una storia che non gli appartiene, ma che diviene la sua nuova storia di vita. I testimoni di giustizia sono normali cittadini, uomini e donne, del tutto estranei alle organizzazioni criminali (diversamente, come già detto, dai collaboratori di giustizia che provengono ed appartengono a questo tipo di organizzazioni), che, denunciando e fornendo informazioni su persone, fatti, omicidi o qualsiasi altro evento riconducibile al mondo della criminalità organizzata, si espongono al rischio di diventare oggetto di vendette. Per questa loro scelta, segno di un elevato senso civico e morale, sono costretti ad entrare in un programma di protezione ed a un radicale mutamento e stravolgimento della propria vita e della vita dei propri nuclei familiari. Ecco che in pochi giorni si è obbligati a lasciare la propria casa, il proprio lavoro, amici, conoscenti, la propria città, le abitudini di una vita normale ed immergersi nell anonimato attraverso il cambio di generalità ed il trasferimento in località protette. In questa nuova dimensione il testimone e la sua famiglia si trovano a vivere ed affrontare molte difficoltà; ma sicuramente ciò che incide maggiormente è il cambiamento d identità. Questo cambiamento comporta disagi continui e crisi personali che investono non solo il testimone ma soprattutto gli appartenenti più indifesi del nucleo familiare: i minori. Infatti maggiori sono le difficoltà subite dai minori 15

17 che di colpo sono costretti a dover cambiare il proprio nome e cognome senza capire il perché; essi sono i più fragili in quanto portatori di esperienze traumatiche da cui non è possibile nell immediatezza valutarne la portata. Frequenti sono i disturbi di apprendimento, di linguaggio e di adattamento, spesso connessi, per ragioni di sicurezza, al cambiamento di città, dove dovranno cambiare di nuovo nome, scuola, amici. L inserimento scolastico del minore protetto presenta una serie di problematiche legate ovviamente alle regole di protezione. Sono emersi disagi connessi all utilizzazione della nuova identità da parte dei bambini più piccoli, che dimostrano insofferenza o incertezza quando vengono chiamati con il nome di copertura, arrivando a rifiutare di frequentare la scuola. Di conseguenza sono le stesse famiglie che provvedono a tale compito. Non sempre è facile affrontare questo aspetto con il minore; spesso quest ultimo rifiuta o non riesce ad accettare la nuova identità, e dal punto di vista della sicurezza dell intero nucleo familiare può rappresentare un pericolo. La nuova vita, all inizio segregata, poi costretta a svolgersi tra mille precauzioni e compromessi, viene assunta dai più piccoli come un segno della loro diversità rispetto agli altri ragazzi. La necessità di socializzare in condizioni di insicurezza fa sì che il minore abbia bisogno di particolari cure per minimizzare i rischi derivanti da eventuali errori commessi. Oltre ai minori, ci sono anche altre figure che subiscono il trauma dell allontanamento e dell isolamento: le mogli o le compagne. Anche loro, accettando la scelta del proprio uomo ed entrando nel programma di protezione, entrano in mondo fatto solo di rinunce e di mimetizzazione, dove non è possibile riprendere a lavorare, fare nuove amicizie, inserirsi in una normale vita sociale; si vive sempre con il timore di essere scoperti o riconosciuti e quindi costretti a dover cambiare località e generalità. Certo, come si è detto prima, lo Stato assicura una serie di misure di protezione non solo fisiche ma anche economiche come la capitalizzazione, il 16

18 mantenimento del posto di lavoro per i dipendenti pubblici, mutui agevolati, acquisto dei loro beni immobili per facilitare la disponibilità di liquidi, corresponsione di una somma di denaro a titolo di mancato guadagno oltre che la totale protezione fino (ed in alcuni casi anche dopo) all effettiva cessazione di pericolo per il testimone e la propria famiglia. Ma purtroppo la realtà dei fatti è ben diversa; infatti moltissimi testimoni di giustizia ricorrono sempre più frequentemente all ausilio di un loro avvocato per vedere tutelati quelli che sono dei loro veri e propri diritti, ma che invece sembrano apparire come delle concessioni che lo Stato elargisce. La condizione di testimone di giustizia delineata dalla legge 45 del 2001 presenta due paradossi incredibili. Il primo, il più grave, riguarda il possibile cambio di generalità e di città: questi cittadini esemplari, che si mettono al servizio dello Stato, cioè del bene comune, sono costretti a cambiare vita ed identità per salvaguardare la propria incolumità, mentre le organizzazioni criminali continuano a prosperare nelle loro zone. Il secondo attiene alla perdita dei diritti, come quello fondamentale dal o al lavoro. Difatti durante i primi anni del programma di protezione, ma spesso anche oltre, al testimone non è permesso di portare avanti la propria attività lavorativa imprenditoriale, il che ne rende difficile, a volte impossibile, la ripresa all uscita dal programma di protezione. I problemi maggiori, infatti, si incontrano nel momento in cui il programma di protezione termina; quando cioè si torna alla vita normale poiché la rete di sostegno per sé e per la propria famiglia viene meno immediatamente: il diritto a riavere lo stesso tenore di vita di un tempo viene disatteso. È chiaro che la condizione del testimone di giustizia è estremamente complessa e delicata; ma è necessario evidenziarne le criticità ed avviarne una scrupolosa ed attenta riflessione al fine di garantire il loro effettivo, concreto e 17

19 dignitoso reinserimento sociale, economico che dia loro speranza, fiducia, forza per ricostruire le radici di una nuova e serena vita. ********************************* 2.2 La storia di Rita Atria: tra coraggio e disperazione La vicenda di Rita Atria è una delle pagine più dolorose che riguardano la storia dei testimoni di giustizia. Rita nasce in un piccolo paese della Sicilia, Partanna nella zona del Belice, nel 1974; la sua è una famiglia mafiosa, come tante in quella zona. Quando ha undici anni perde il padre, don Vito Atria, e gli affari della famiglia passano nelle mani di suo fratello Nicola; per Rita il fratello diventa un punto di riferimento, un ancora di salvezza. Crescendo ne diventa la confidente, raccogliendo le confessioni delle dinamiche mafiose di Partanna. Nella vita di Rita entra Piera Aiello, la sua futura cognata che giocherà un ruolo molto importante per le sue future scelte. Nel giugno del 1991 Nicola viene ucciso e dopo qualche tempo la moglie Piera decide di presentarsi spontaneamente al procuratore di Marsala, Paolo Borsellino. Ella fa importanti rivelazioni e spinge la cognata Rita a fare altrettanto. Infatti, nel novembre dello stesso anno, la diciassettenne Rita, la picciridda, come verrà poi chiamata affettuosamente dal giudice Borsellino, comincia la sua collaborazione. Ne nasce un rapporto che va al di là degli aspetti strettamente formali, Rita sente che quell uomo è un uomo speciale, una figura forte, lo sente come quel padre che avrebbe voluto avere. Rita però non può rimanere in Sicilia; le sue rivelazioni e quelle della cognata hanno portato diversi mafiosi in carcere e così è costretta a trasferirsi a 18

20 Roma, dove vive una vita blindata, sotto falso nome, lontana dalla madre che non ha accettato la sua scelta, trovando invece nel giudice Borsellino il suo unico conforto, che la proteggerà e la sosterrà in questa sua nuova dimensione. I mesi passano e Rita frequenta la scuola tentando di condurre un esistenza normale. Ma poi arriva quel tragico 19 luglio del 92 dove il giudice Paolo Borsellino insieme alla sua scorta, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Cusina, Claudio Traina ed Emanuela Loi, perdono la vita nella oramai nota strage di Via D Amelio. Il dolore per la perdita del giudice-padre getta Rita nella disperazione più totale che la porterà a suicidarsi gettandosi dal balcone della sua abitazione, il 26 luglio 1992, una settimana dopo la strage. Ma a Rita Atria non viene risparmiato nulla dopo la morte; infatti la madre Giovanna non partecipò al funerale ed attese la ricorrenza dei morti per distruggere la tomba della figlia a martellate per poi far traslare, dopo qualche giorno, la bara in un luogo lontano dalla cappella di famiglia. La storia ma soprattutto la memoria di Rita Atria però continuano a vivere grazie all impegno della cognata Piera Aiello, anch essa testimone di giustizia, e di Nadia Furnari, presidentessa dell Associazione Rita Atria. ********************************* 2.3 Intervista a Piera Aiello: una testimone in trincea Oggi per lo Stato Italiano Piera Aiello non esiste più, perché questa donna ha usufruito del cambio di generalità; ma è solo una questione burocratica, perché in realtà ella vive, anzi meglio cerca sopravvivere al suo fantasma, portando avanti una battaglia per sé e per tutti i testimoni di giustizia, per non sentirsi come Agrumi spremuti e poi buttati via. 19

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Presentazione Si presenta l indagine qualitativa, effettuata con interviste, nel mese di luglio

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust:

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust: DICHIARAZIONE AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL D. LGS. N. 231 DEL 21 NOVEMBRE 2007 IN TEMA DI ANTIRICICLAGGIO MODULO DI IDENTIFICAZIONE E DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (AI SENSI DEGLI ARTT. 18 E 19

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani Un commento sugli effetti del decreto legge n. 138 del 2011 in antitesi alle teorie che vorrebbero una vacatio legis nel campo del trasporto dei rifiuti anche pericolosi L ABROGAZIONE DEL SISTRI NON CREA

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

LE ORIGINI DELLA MAFIA E LA SUA STORIA

LE ORIGINI DELLA MAFIA E LA SUA STORIA 1 LE ORIGINI DELLA MAFIA E LA SUA STORIA Non prima degli anni Settanta sappiamo di più delle strutture interne della mafia, dei complicati rapporti socali e del clima psicologico nei clan della mafia.

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli