Master universitario di II Livello. Teorie e Metodi nell Investigazione Criminale TESTIMONI DI GIUSTIZIA: UNA VITA A METÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Master universitario di II Livello. Teorie e Metodi nell Investigazione Criminale TESTIMONI DI GIUSTIZIA: UNA VITA A METÀ"

Transcript

1 Master universitario di II Livello Teorie e Metodi nell Investigazione Criminale Direttore del Master: Chiar.ma Prof.ssa Gemma Marotta TESTIMONI DI GIUSTIZIA: UNA VITA A METÀ A cura di Flavia Fiumara Anno Accademico

2 Master universitario di II Livello Teorie e Metodi nell Investigazione Criminale TESTIMONI DI GIUSTIZIA: UNA VITA A METÀ Relatore: Avv.ssa Vincenza Rando Masterizzanda Dott.ssa Flavia Fiumara Anno Accademico

3 RITA ATRIA È normale che esista la paura, in ogni uomo, l importante è che sia accompagnata, dal coraggio. Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti. PAOLO BORSELLINO 2

4 INDICE PREFAZIONE... 4 CAPITOLO 1 NASCITA DELLA LEGGE SUI TESTIMONI DI GIUSTIZIA Analisi della legge n 45 del 13 febbraio Le misure ed il programma speciale di protezione CAPITOLO 2 VITA DA TESTIMONI La vita del testimone La storia di Rita Atria: tra coraggio e disperazione Intervista a Piera Aiello: una testimone in trincea Intervista al Dott. Vincenzo Conticello: un imprenditore coraggioso Intervista ad un testimone di giustizia: una vita segreta da vivere CAPITOLO 3 L AUTORITÀ GIUDIZIARIA ED IL TESTIMONE DI GIUSTIZIA: IL PRIMO CONTATTO Intervista al Procuratore di Caltagirone, Dott. Francesco Paolo Giordano Intervista al Vice Questore e Capo della Squadra Mobile di Caltanissetta, Dott. Giovanni Giudice CAPITOLO 4 PROPOSTE PARLAMENTARI SULLE NECESSARIE MODIFICHE ALLA LEGGE N 45 DEL 13 FEBBRAIO Relazione finale sui testimoni di giustizia approvata dalla Commissione Parlamentare nella seduta del 19 febbraio 2008 (stralcio) Riferimenti bibliografici Ringraziamenti

5 PREFAZIONE Circa un anno fa cominciai a scrivere la mia tesi di laurea sui collaboratori di giustizia, pensando di aver colmato la mia sete di conoscenza sul mondo mafioso; ma oggi devo smentire le mie convinzioni. Infatti, quando nei mesi scorsi sono arrivata presso l Associazione Libera, per frequentare il mio tirocinio presso il loro ufficio legale, ero convinta che le mie conoscenze ed il mio bagaglio culturale-mafioso mi sarebbero state sufficienti. Dopo alcuni giorni ho visto un volto della mafia a me sconosciuto: il mondo dei testimoni di giustizia. Leggendo le loro storie e le loro disavventure, si faceva sempre più forte nella mia mente una domanda: perché una persona diventa testimone di giustizia? quali sono le motivazioni?. Quando mi ero occupata dei collaboratori di giustizia, mi ero resa conto che dietro la loro decisione di collaborare con lo Stato ci fosse un interesse legato ad uno sconto di pena ed alla sicurezza di sapere i propri cari al sicuro nel programma di protezione; ma invece, per quanto riguarda i testimoni di giustizia, mi mancava o meglio non riuscivo a comprendere il perché di questa decisione, una decisione che radicalmente cambia tutta un esistenza. Più il tempo passava più non riuscivo a comprendere questo triste fenomeno. Poi la svolta. Alla fine del mese di ottobre del 2009, si è svolto a Roma un convegno su Stati Generali dell Antimafia, organizzato da Libera, incentrato su tutte le problematiche delle organizzazioni criminali, al quale hanno preso parte un folto numero di partecipanti nonché personalità del mondo istituzionale, tra cui anche dei testimoni di giustizia. Ovviamente per motivi legati al mio tirocinio ho partecipato al gruppo di lavoro sui testimoni di giustizia e così ascoltando le loro testimonianze, le loro 4

6 sofferenze, le loro frustrazioni, ma soprattutto vedendo nei loro occhi la determinazione e la fame di giustizia, ho capito il perché della loro scelta: avere coraggio. Coraggio di testimoniare ed assicurare alla giustizia i killer che hanno ucciso un magistrato come Rosario Livatino, oppure opporsi al pagamento del pizzo come ha fatto l imprenditore Vincenzo Conticello, mandando in galera i suoi estorsori, o chi come Rita Atria, la picciridda (la ragazzina), insieme con la cognata Piera Aiello, ha reso dichiarazioni al giudice Paolo Borsellino, raccontando quello di cui era a conoscenza e consentendo l arresto di decine di mafiosi nella zona di Partanna in Sicilia occidentale. Questi uomini e queste donne hanno fatto una scelta di non ritorno, una scelta che non coinvolge solo la loro vita ma anche quella del proprio nucleo familiare. Spesso inconsapevoli delle onerose conseguenze alle quali sarebbero andati incontro. Come si può accettare di vivere lontano dai proprio affetti, abbandonare casa, lavoro, vita sociale, senza poter dire a nessuno dove si va e quando si torna? Vivere con la paura di essere trovati o riconosciuti e dovere scappare nuovamente? Le motivazioni sono le più varie: chi cerca giustizia per aver perso la propria impresa, chi invece, essendo stato testimone oculare magari di un omicidio eccellente, sento il bisogno, come cittadino, di assicurare gli assassini alla giustizia o chi invece vuole dare un segno di cambiamento alla società. Ma sicuramente ciò che rimarrà stampato per sempre nella mia memoria è stata la testimonianza di una piccola donna, avanti con gli anni, che dopo quattordici anni ha ritrovato il corpo del figlio. Le sue parole, che ho ascoltato durante il convegno, erano cariche di dolore ma nella stesso tempo piene di gioia. Infatti dall indagini in corso è emerso che il proprio figlio venne ucciso perché voleva denunciare dei mafiosi. Se non fosse stato eliminato, oggi questo ragazzo sarebbe vivo e, verosimilmente, avremmo un testimone di giustizia in più. 5

7 CAPITOLO 1 NASCITA DELLA LEGGE SUI TESTIMONI DI GIUSTIZIA 1.1 Analisi della legge n 45 del 13 febbraio 2001 La legge 13 febbraio 2001, n 45 ha introdotto nel nostro ordinamento specifiche norme a favore dei testimoni di giustizia. Le nuove disposizioniinserite nell impianto normativo originario del decreto legge 15 gennaio 1991, n 8, convertito con modificazioni nella legge 15 marzo 1991, n 82- hanno delineato la figura del testimone di giustizia, prevedendo specifiche misure di tutela e di assistenza (art 12 che ha inserito nel previgente testo normativo gli artt. 16-bis e 16- ter). La legge n 82 del 1991, però, non conteneva nessuna distinzione tra il collaboratore di giustizia proveniente da organizzazioni criminali ed il testimone. Di conseguenza quest ultimo veniva sottoposto alle stesse misure di assistenza e tutela previste per il collaboratore, proveniente dal mondo criminale; ciò ha posto questioni assai delicate e complesse che più volte sono state sollevate nelle sedi istituzionali. Il legislatore del 2001 ha dunque voluto operare una netta distinzione tra collaboratore e testimone sia sul piano concettuale che sul piano della gestione, nonché con la previsione di un regime giuridico diverso per le due categorie. La nuova legge di riforma ha, pertanto, inteso valorizzare il valore della denuncia ed il contributo dato alla giustizia da tali soggetti: i testimoni di giustizia, cioè coloro che senza aver fatto parte di organizzazioni criminali hanno sentito il dovere di testimoniare per senso civico o sensibilità istituzionale esponendo se stessi e le loro famiglie a possibili rappresaglie o vendette. Secondo l art. 16-bis, introdotto dalla legge n 45 del 2001, i testimoni di giustizia sono coloro che riguardo al fatto-reato, sul quale rendono dichiarazioni, assumono esclusivamente il ruolo di persona offesa o di persona informata sui 6

8 fatti o di testimone; nei loro confronti non deve essere stata disposta una misura di prevenzione, né deve essere in corso un procedimento di applicazione della stessa. Le dichiarazioni rese da tali soggetti devono avere carattere di attendibilità. La gravità delle denunce rese dal testimone all autorità giudiziaria può determinare uno stato di grave pericolo per l incolumità del testimone e dei suoi familiari, tanto da richiedere l adozione di speciali misure di protezione ed il trasferimento in una località protetta. Tali misure possono estendersi alle persone che coabitano o convivono, esposti a grave pericolo a causa delle relazioni trattenute con il testimone. Molteplici sono i soggetti che intervengono nel procedimento della protezione. Agli organi giudiziari spettano poteri propositivi in tema di attivazione e revoca della protezione, mentre agli organi amministrativi appartengono funzioni decisionali ed attuative riguardanti l ammissione, la concreta realizzazione, la cessazione delle misure di tutela ed assistenza. Il decreto legge n 8 del 1991 ha istituito i due organi principali che intervengono nel procedimento della protezione: la Commissione centrale ed il Servizio centrale di protezione. La Commissione centrale per la definizione ed l applicazione delle speciali misure di protezione è istituita con decreto del Ministro dell interno, di concerto con il Ministro della giustizia, sentiti i Ministri interessati; è composta da un Sottosegretario di Stato per l interno che la presiede, da due magistrati, cinque ufficiali e/o funzionari scelti tra coloro che hanno specifiche esperienze nel settore e che sono in possesso di cognizioni aggiornate sulla criminalità organizzata. La Commissione centrale è l organo politico-amministrativo cui spetta decidere in merito all ammissione dei testimoni di giustizia alle speciali misure di protezione e stabilire i contenuti e la durata delle stesse. 7

9 Il Servizio centrale di protezione, istituito nell ambito del Dipartimento di sicurezza pubblica, è una struttura interforze composta da personale della Polizia di Stato, dell Arma dei Carabinieri e del Corpo della Guardia di Finanza. Il Servizio centrale di protezione è l organismo esecutivo, operativo e consultivo della Commissione centrale. Ha lo scopo di garantire la sicurezza del soggetto tutelato, attraverso la creazione di una condizione di mimetizzazione nella località protetta in cui il testimone vive. È l organo preposto a dare attuazione allo speciale programma di protezione e provvede alla tutela, all assistenza ed a tutte le esigenze di vita delle persone sottoposte a protezione. Il Servizio centrale di protezione, in base alla legge n 45 del 2001, ha al suo interno due Divisioni differenti, dotate di personale e mezzi autonomi, con competenze l una sui collaboratori l altra sui testimoni. La legge individua la principale garanzia di sicurezza del testimone nella condizione di maggior anonimato possibile. La mimetizzazione anagrafica avviene tramite il rilascio di documenti di identità con nominativi falsi. Tale strumento viene utilizzato in via temporanea ed al fine esclusivo di garantire la riservatezza e quindi la sicurezza; certo escludendo la possibilità di compiere atti che coinvolgano altri soggetti pubblici o privati. La validità di tali documenti di copertura è legata alla durata del programma di protezione, per cui, al termine di questo, gli stessi vengono ritirati. La documentazione di copertura può comprendere anche il libretto di lavoro, il libretto sanitario, il codice fiscale ed altri documenti che vengono dati al testimone ed ai suoi familiari. Il decreto legislativo 29 marzo 1993, n 119, ha introdotto un altra misura anagrafica finalizzata a garantire la sicurezza dei soggetti protetti: il cambio di generalità, con la creazione di una nuova posizione anagrafica nei registri di stato civile. Quando la sicurezza del soggetto è esposta ad alto rischio, tale strumento costituisce il mezzo più efficace, sia per nascondere definitivamente l identità 8

10 della persona che per il suo reinserimento sociale e lavorativo. Il beneficio del cambio di generalità è stato previsto dal legislatore solo in casi eccezionali, quando ogni altra misura risulti inadeguata. Il cambio di generalità richiede l attivazione di un complesso e lungo iter procedurale che si conclude con un decreto del Ministro dell interno di concerto con il Ministro della giustizia. Il numero di coloro che hanno ottenuto il cambio di generalità è molto ridotto. Va detto, tuttavia, che l impossibilità di fruire di tale beneficio riduce le opportunità di reinserimento lavorativo. La documentazione di copertura non consente, ad esempio, di intraprendere un attività commerciale. L art. 16- ter 1, introdotto dalla legge n 45 del 2001 riguarda, tra l altro, il contenuto delle misure speciali di protezione. È previsto che il regime di protezione per i testimoni di giustizia debba protrarsi fino alla effettiva cessazione del pericolo, quale che sia lo stato ed il grado del procedimento penale nel quale essi sono chiamati a deporre. Le misure assistenziali, lettere b),c),d),e),e f) dell art. 16- ter citato, adottate a favore del testimone, sono volte a garantire il mantenimento di un tenore di vita personale e familiare non inferiore a quello precedente alla loro scelta collaborativa. In pratica, lo Stato si impegna a risarcire il danno che il soggetto è costretto a sopportare in conseguenza della sua disponibilità a denunciare i fatti di cui è a conoscenza ed a rendere testimonianza nei processi. 1 Art. 16-ter. - (Contenuto delle speciali misure di protezione) - 1. I testimoni di giustizia cui è applicato lo speciale programma di protezione hanno diritto: a) a misure di protezione fino alla effettiva cessazione del pericolo per sé e per i familiari; b) a misure di assistenza, anche oltre la cessazione della protezione, volte a garantire un tenore di vita personale e familiare non inferiore a quello esistente prima dell'avvio del programma, fino a quando non riacquistano la possibilità di godere di un reddito proprio; c) alla capitalizzazione del costo dell'assistenza, in alternativa alla stessa; d) se dipendenti pubblici, al mantenimento del posto di lavoro, in aspettativa retribuita, presso l'amministrazione dello Stato al cui ruolo appartengono, in attesa della definitiva sistemazione anche presso altra amministrazione dello Stato; e) alla corresponsione di una somma a titolo di mancato guadagno, concordata con la commissione, derivante dalla cessazione dell'attività lavorativa propria e dei familiari nella località di provenienza, sempre che non abbiano ricevuto un risarcimento al medesimo titolo, ai sensi della legge 23 febbraio 1999, n. 44; f) a mutui agevolati volti al completo reinserimento proprio e dei familiari nella vita economica e sociale. 9

11 Al testimone di giustizia vengono corrisposti un assegno mensile di mantenimento, il pagamento del canone di locazione ed altre misure di assistenza economica. Il testimone di giustizia ha diritto alla capitalizzazione del costo dell assistenza; alla corresponsione di una somma a titolo di mancato guadagno (concordata con la Commissione centrale) derivante dalla cessione dell attività lavorative nella località di provenienza; a mutui agevolati volti al reinserimento economico-sociale proprio e dei familiari. Inoltre, come previsto al comma 3 dell articolo in esame, se nei confronti del testimone è stato disposto per ragioni di sicurezza un trasferimento in una località diversa da quella di origine dove deve rifarsi una vita, lo Stato è tenuto ad acquisire, a prezzo di mercato, i beni immobili di proprietà del testimone, ubicati nella sua località di origine, e a corrispondergli l equivalente in denaro. La piena attuazione della disciplina introdotta dalla legge n 45 del 2001 ha richiesto una rilevante legislazione secondaria. Sono stati emanati nel corso degli anni diversi decreti attuativi che sono intervenuti su particolari aspetti relativi alla tutela, all assistenza nonché al reinserimento sociale dei testimoni di giustizia. Circa la tutela legale dei testimoni, l articolo 8, comma 10, del Regolamento sulle speciali misure di protezione (D.m. n 161 del 2004) prevede che al testimone sia assicurata l assistenza legale in tutti i procedimenti per la tutela di posizioni soggettive lese a motivo della collaborazione resa. L articolo 12 del D.m. 13 maggio 2005, n 138, prevede particolari interventi contingenti, anche di carattere economico, per favorire il reinserimento sociale ed un supporto tecnico e di consulenza ai testimoni. In relazione alla capitalizzazione delle misure di assistenza economica interviene l articolo 10, comma 15 del D.m. n 161 del La suddetta capitalizzazione, che comporta l interruzione delle misure di assistenza economica già assicurate mensilmente, avviene mediante la corresponsione di una somma di denaro pari all importo dell assegno di mantenimento in presenza di un concreto e documentato progetto di reinserimento socio-lavorativo e può essere riferita ad 10

12 un periodo di dieci anni. Alla capitalizzazione si aggiunge un importo forfettario di euro, rivalutabile secondo gli indici ISTAT, quale contributo per sistemazione alloggiativa. 1.2 Le misure ed il programma speciale di protezione Le speciali misure ed il programma di protezione sono disposti dalla Commissione centrale a favore del testimone. Esse possono essere estese anche a coloro che convivono stabilmente con il testimone e, solo quando si è in presenza di specifiche situazioni, anche a coloro che risultano esposti a pericolo attuale, grave e concreto a causa delle relazioni con i predetti soggetti. Le speciali misure di protezione sono adottate quando risultano inadeguate le misure ordinarie disposte (anche su segnalazioni dell Autorità giudiziaria) dalle Autorità di pubblica sicurezza. Le speciali misure di protezione sono adottate dalla Commissione centrale e determinate, o meglio predisposte ed attivate, dal Prefetto del luogo in cui risiede il testimone. Queste consistono: misure di vigilanza e tutela da eseguire a cura degli organi di polizia territorialmente competenti; accorgimenti tecnici di sicurezza (può pensarsi a strumenti di videosorveglianza e di teleallarme); misure necessarie per i trasferimenti in comuni diversi da quelli di residenza; interventi contingenti finalizzati al reinserimento sociale. Le misure vanno prevalentemente adottate nel luogo di origine del testimone o tramite trasferimento a breve distanza e senza utilizzare mezzi di copertura dell identità; spetta, però, alla Commissione centrale decidere quale degli strumenti sopracitati debba essere disposto nello specifico caso. 11

13 Vi sono casi in cui neanche le speciali misure di protezione risultano essere adeguate alla gravità in cui versa il testimone di giustizia; in questo caso la Commissione centrale delibera uno speciale programma di protezione che può prevedere misure aggiuntive rispetto a quelle già sopra indicate: trasferimento delle persone in luoghi protetti; speciali modalità di tenuta della documentazione e delle comunicazioni al servizio informatico; cambiamento delle generalità; altre misure straordinarie ritenute necessarie; misure di assistenza personale ed economica, quali sistemazioni in alloggi, spese per esigenze sanitarie (spesso non è possibile avvalersi delle strutture pubbliche per oggettive questioni di segretezza), spese per l assistenza legale, spese per il mantenimento. a) L assegno di mantenimento e cambio delle generalità L importo dell assegno di mantenimento è quantificato in base a specifici criteri e può essere aggiornato. Può essere poi aumentato, quando ricorrono particolari circostanze e dopo avere acquisito i pareri di chi ha formulato la proposta (procuratore nazionale antimafia o procuratore generale). Il cambiamento delle generalità è una misura cui si perviene solo in casi eccezionali; l attuazione di questo procedimento è indicata nel d.lgs. 29/03/1993, n 119 ed è attuata secondo criteri di assoluta segretezza dal Servizio centrale di protezione. La domanda di cambio di generalità è presentata congiuntamente al Ministro dell interno e a quello della giustizia. È istruita dalla Commissione centrale prevista dall art.10 D.L.8/1991, cui spetta accertare la gravità delle condizioni di pericolo in cui versa il soggetto protetto e la indispensabilità della misura richiesta. Al cambiamento delle generalità provvedono, di concerto, i Ministri dell interno e della giustizia; il decreto contiene il nuovo nome, cognome, luogo e 12

14 data di nascita oltre che la indicazione di tutte le situazioni (sanitarie e fiscali) riguardanti diritti ed obblighi del soggetto protetto, con la regolamentazione della disciplina specifica. Una volta mutata l identità, il soggetto acquisisce una nuova posizione anche nei registri dello stato civile. A tale riguardo, il Servizio centrale di protezione può adottare diverse soluzioni operative : può ottenere che nei registri sia iscritto l atto di nascita formato con riferimento alle nuove generalità di copertura; oppure può chiedere agli uffici dello stato civile atti o certificati da riempire con le nuove generalità, lasciando però che nei registri il testimone di giustizia o il soggetto protetto continui ad essere iscritto con la sua originaria identità. Il decreto di cambiamento delle generalità può essere revocato se il soggetto non rispetta gli impegni previsti dall art.12 D.L.8/1991e, in particolare, quelli relativi all osservanza delle norme di sicurezza, al divieto di contatti con persone dedite al crimine e all adempimento delle obbligazioni contratte. b) Reinserimento dei soggetti protetti La legge 13/02/2001, n 45 ha previsto espressamente che per i testimoni di giustizia le misure di assistenza abbiano un contenuto più ampio; infatti le misure devono garantire che il soggetto protetto possa continuare a godere, fino a quando non lo può fare autonomamente, di un tenore di vita personale e familiare non inferiore a quello precedente alla collaborazione. Per questo motivo il testimone ha diritto: alla corresponsione di una somma per il mancato guadagno quando ha dovuto cessare l attività lavorativa propria e dei familiari per trasferirsi in una località protetta; all acquisizione da parte dello Stato dei beni immobili di cui è proprietario quando, a causa della testimonianza, ha dovuto definitivamente trasferirsi in altra località; 13

15 alla corresponsione, in una sola volta, dell assegno di mantenimento e delle spese di affitto dell alloggio calcolati con riferimento a tutto il presumibile periodo di applicazione del programma di protezione (la cosiddetta capitalizzazione del costo dell assistenza economica); a mutui agevolati per il completo reinserimento proprio e dei familiari nella vita economica e sociale. 14

16 CAPITOLO 2 VITA DA TESTIMONI Il contenuto di questo capitolo si riferisce alle interviste concesse da alcuni testimoni di giustizia; un testimone di giustizia che per motivi di sicurezza chiameremo Matteo (Roma 24 ottobre 2009), il Dott. Vincenzo Conticello, imprenditore e proprietario della Antica Focacceria San Francesco, (Palermo 09 novembre 2009) e da Piera Aiello (28 novembre 2009) 2.1 La vita del testimone Il testimone di giustizia è una persona che ad un certo momento della sua vita si trova coinvolto, suo malgrado, ad essere protagonista inconsapevole di una storia che non gli appartiene, ma che diviene la sua nuova storia di vita. I testimoni di giustizia sono normali cittadini, uomini e donne, del tutto estranei alle organizzazioni criminali (diversamente, come già detto, dai collaboratori di giustizia che provengono ed appartengono a questo tipo di organizzazioni), che, denunciando e fornendo informazioni su persone, fatti, omicidi o qualsiasi altro evento riconducibile al mondo della criminalità organizzata, si espongono al rischio di diventare oggetto di vendette. Per questa loro scelta, segno di un elevato senso civico e morale, sono costretti ad entrare in un programma di protezione ed a un radicale mutamento e stravolgimento della propria vita e della vita dei propri nuclei familiari. Ecco che in pochi giorni si è obbligati a lasciare la propria casa, il proprio lavoro, amici, conoscenti, la propria città, le abitudini di una vita normale ed immergersi nell anonimato attraverso il cambio di generalità ed il trasferimento in località protette. In questa nuova dimensione il testimone e la sua famiglia si trovano a vivere ed affrontare molte difficoltà; ma sicuramente ciò che incide maggiormente è il cambiamento d identità. Questo cambiamento comporta disagi continui e crisi personali che investono non solo il testimone ma soprattutto gli appartenenti più indifesi del nucleo familiare: i minori. Infatti maggiori sono le difficoltà subite dai minori 15

17 che di colpo sono costretti a dover cambiare il proprio nome e cognome senza capire il perché; essi sono i più fragili in quanto portatori di esperienze traumatiche da cui non è possibile nell immediatezza valutarne la portata. Frequenti sono i disturbi di apprendimento, di linguaggio e di adattamento, spesso connessi, per ragioni di sicurezza, al cambiamento di città, dove dovranno cambiare di nuovo nome, scuola, amici. L inserimento scolastico del minore protetto presenta una serie di problematiche legate ovviamente alle regole di protezione. Sono emersi disagi connessi all utilizzazione della nuova identità da parte dei bambini più piccoli, che dimostrano insofferenza o incertezza quando vengono chiamati con il nome di copertura, arrivando a rifiutare di frequentare la scuola. Di conseguenza sono le stesse famiglie che provvedono a tale compito. Non sempre è facile affrontare questo aspetto con il minore; spesso quest ultimo rifiuta o non riesce ad accettare la nuova identità, e dal punto di vista della sicurezza dell intero nucleo familiare può rappresentare un pericolo. La nuova vita, all inizio segregata, poi costretta a svolgersi tra mille precauzioni e compromessi, viene assunta dai più piccoli come un segno della loro diversità rispetto agli altri ragazzi. La necessità di socializzare in condizioni di insicurezza fa sì che il minore abbia bisogno di particolari cure per minimizzare i rischi derivanti da eventuali errori commessi. Oltre ai minori, ci sono anche altre figure che subiscono il trauma dell allontanamento e dell isolamento: le mogli o le compagne. Anche loro, accettando la scelta del proprio uomo ed entrando nel programma di protezione, entrano in mondo fatto solo di rinunce e di mimetizzazione, dove non è possibile riprendere a lavorare, fare nuove amicizie, inserirsi in una normale vita sociale; si vive sempre con il timore di essere scoperti o riconosciuti e quindi costretti a dover cambiare località e generalità. Certo, come si è detto prima, lo Stato assicura una serie di misure di protezione non solo fisiche ma anche economiche come la capitalizzazione, il 16

18 mantenimento del posto di lavoro per i dipendenti pubblici, mutui agevolati, acquisto dei loro beni immobili per facilitare la disponibilità di liquidi, corresponsione di una somma di denaro a titolo di mancato guadagno oltre che la totale protezione fino (ed in alcuni casi anche dopo) all effettiva cessazione di pericolo per il testimone e la propria famiglia. Ma purtroppo la realtà dei fatti è ben diversa; infatti moltissimi testimoni di giustizia ricorrono sempre più frequentemente all ausilio di un loro avvocato per vedere tutelati quelli che sono dei loro veri e propri diritti, ma che invece sembrano apparire come delle concessioni che lo Stato elargisce. La condizione di testimone di giustizia delineata dalla legge 45 del 2001 presenta due paradossi incredibili. Il primo, il più grave, riguarda il possibile cambio di generalità e di città: questi cittadini esemplari, che si mettono al servizio dello Stato, cioè del bene comune, sono costretti a cambiare vita ed identità per salvaguardare la propria incolumità, mentre le organizzazioni criminali continuano a prosperare nelle loro zone. Il secondo attiene alla perdita dei diritti, come quello fondamentale dal o al lavoro. Difatti durante i primi anni del programma di protezione, ma spesso anche oltre, al testimone non è permesso di portare avanti la propria attività lavorativa imprenditoriale, il che ne rende difficile, a volte impossibile, la ripresa all uscita dal programma di protezione. I problemi maggiori, infatti, si incontrano nel momento in cui il programma di protezione termina; quando cioè si torna alla vita normale poiché la rete di sostegno per sé e per la propria famiglia viene meno immediatamente: il diritto a riavere lo stesso tenore di vita di un tempo viene disatteso. È chiaro che la condizione del testimone di giustizia è estremamente complessa e delicata; ma è necessario evidenziarne le criticità ed avviarne una scrupolosa ed attenta riflessione al fine di garantire il loro effettivo, concreto e 17

19 dignitoso reinserimento sociale, economico che dia loro speranza, fiducia, forza per ricostruire le radici di una nuova e serena vita. ********************************* 2.2 La storia di Rita Atria: tra coraggio e disperazione La vicenda di Rita Atria è una delle pagine più dolorose che riguardano la storia dei testimoni di giustizia. Rita nasce in un piccolo paese della Sicilia, Partanna nella zona del Belice, nel 1974; la sua è una famiglia mafiosa, come tante in quella zona. Quando ha undici anni perde il padre, don Vito Atria, e gli affari della famiglia passano nelle mani di suo fratello Nicola; per Rita il fratello diventa un punto di riferimento, un ancora di salvezza. Crescendo ne diventa la confidente, raccogliendo le confessioni delle dinamiche mafiose di Partanna. Nella vita di Rita entra Piera Aiello, la sua futura cognata che giocherà un ruolo molto importante per le sue future scelte. Nel giugno del 1991 Nicola viene ucciso e dopo qualche tempo la moglie Piera decide di presentarsi spontaneamente al procuratore di Marsala, Paolo Borsellino. Ella fa importanti rivelazioni e spinge la cognata Rita a fare altrettanto. Infatti, nel novembre dello stesso anno, la diciassettenne Rita, la picciridda, come verrà poi chiamata affettuosamente dal giudice Borsellino, comincia la sua collaborazione. Ne nasce un rapporto che va al di là degli aspetti strettamente formali, Rita sente che quell uomo è un uomo speciale, una figura forte, lo sente come quel padre che avrebbe voluto avere. Rita però non può rimanere in Sicilia; le sue rivelazioni e quelle della cognata hanno portato diversi mafiosi in carcere e così è costretta a trasferirsi a 18

20 Roma, dove vive una vita blindata, sotto falso nome, lontana dalla madre che non ha accettato la sua scelta, trovando invece nel giudice Borsellino il suo unico conforto, che la proteggerà e la sosterrà in questa sua nuova dimensione. I mesi passano e Rita frequenta la scuola tentando di condurre un esistenza normale. Ma poi arriva quel tragico 19 luglio del 92 dove il giudice Paolo Borsellino insieme alla sua scorta, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Cusina, Claudio Traina ed Emanuela Loi, perdono la vita nella oramai nota strage di Via D Amelio. Il dolore per la perdita del giudice-padre getta Rita nella disperazione più totale che la porterà a suicidarsi gettandosi dal balcone della sua abitazione, il 26 luglio 1992, una settimana dopo la strage. Ma a Rita Atria non viene risparmiato nulla dopo la morte; infatti la madre Giovanna non partecipò al funerale ed attese la ricorrenza dei morti per distruggere la tomba della figlia a martellate per poi far traslare, dopo qualche giorno, la bara in un luogo lontano dalla cappella di famiglia. La storia ma soprattutto la memoria di Rita Atria però continuano a vivere grazie all impegno della cognata Piera Aiello, anch essa testimone di giustizia, e di Nadia Furnari, presidentessa dell Associazione Rita Atria. ********************************* 2.3 Intervista a Piera Aiello: una testimone in trincea Oggi per lo Stato Italiano Piera Aiello non esiste più, perché questa donna ha usufruito del cambio di generalità; ma è solo una questione burocratica, perché in realtà ella vive, anzi meglio cerca sopravvivere al suo fantasma, portando avanti una battaglia per sé e per tutti i testimoni di giustizia, per non sentirsi come Agrumi spremuti e poi buttati via. 19

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita 17 ottobre 2009 Aicha e Achol sono due donne molto diverse, come diversa è la loro storia, che si intreccia solo pochi

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE L affidamento familiare è un intervento temporaneo d aiuto e di sostegno ad un minore che proviene da una famiglia in difficoltà. Attraverso l affidamento, il bambino incontra

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Elisa Ceccarelli, già Presidente del Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Destano particolare allarme e doloroso

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Nel nome. I libri di S. Novantacento edizioni

Nel nome. I libri di S. Novantacento edizioni Nel nome del padre sono 23 gli interrogatori di massimo ciancimino, il figlio di don vito. E una valanga i pizzini che riscrivono la storia dei misteri d italia da gladio, alle stragi del 92, sino ai politici

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI Il mio programma elettorale è frutto della voce delle persone che ho incontrato lungo il mio cammino e che sto incontrando nel corso della mia campagna elettorale SANITA Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE

Dettagli

circonvenzione di persone incapaci CORTE DI APPELLO -

circonvenzione di persone incapaci CORTE DI APPELLO - 1 circonvenzione di persone incapaci CORTE DI APPELLO - atto di impugnazione proposto nell interesse del sig. MARIO BIANCHI, relativo alla sentenza pronunciata il dal giudice per l udienza preliminare

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

PAOLO BONOLIS INTERVISTA DONATO BILANCIA

PAOLO BONOLIS INTERVISTA DONATO BILANCIA Altri misteri Donato Bilancia: il serial killer della Liguria PAOLO BONOLIS INTERVISTA DONATO BILANCIA L intervista televisiva è andata in onda su Canale 5 il 25 aprile 2004 Bonolis: Che cos è che la spingeva

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

La parola tutela è molto ricca di significati, e ha una storia molto lunga che affonda le sue radici nel

La parola tutela è molto ricca di significati, e ha una storia molto lunga che affonda le sue radici nel Il Tutore volontario... quasi un Microgarante Tutela e protezione La parola tutela è molto ricca di significati, e ha una storia molto lunga che affonda le sue radici nel diritto romano. In generale, nella

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA

LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA C è una giovane speranza dell Università di Catania, Lucia Gionfriddo. C era, anzi. Perché un male incurabile l ha trascinata via in una manciata di giorni. Pensa. Era un

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

INTRODUZIONE "La mia storia 2015",

INTRODUZIONE La mia storia 2015, INTRODUZIONE Questa raccolta scaturisce dalla selezione finale delle opere che hanno partecipato al Premio letterario "La mia storia 2015", alla sua seconda edizione. Ancora una volta, il tema è stato

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA*

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* *Lavoro presentato il 23 aprile 2010, presso la Biblioteca di Melegnano nell ambito di un ciclo di incontri patrocinati

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori 1. All articolo 572, secondo comma, del codice penale, dopo la parola: danno le parole di persona minore degli anni quattordici

Dettagli

2. Lei dice che la mafia oggi sia più discreta che nel passato. Secondo Lei: La Mafia e più potente o meno potente che diciamo dieci anni fa?

2. Lei dice che la mafia oggi sia più discreta che nel passato. Secondo Lei: La Mafia e più potente o meno potente che diciamo dieci anni fa? 1. In Germania c'è l'impressione che in Italia il periodo degli grandi assassini della mafia sia passato: Non si vede più grandi attentati come quellineglianninovanta.comemai?egiustoquestaimpressione?

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano GABRIELLA tanti master,

Dettagli

Giorgio Aldo Maccaroni. Cosa fare in caso di separazione, divorzio o fine convivenza

Giorgio Aldo Maccaroni. Cosa fare in caso di separazione, divorzio o fine convivenza Giorgio Aldo Maccaroni Cosa fare in caso di separazione, divorzio o fine convivenza Alcune riflessioni alla luce della nuova normativa AIDIF Copyright edizione e-book 2015 di Pro Aidif s.a.s. Via Salaria,

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA Principi, obiettivi e istruzioni IL SOSTEGNO A DISTANZA che cos è Con il termine Sostegno a Distanza si vuole convenzionalmente indicare una forma di solidarietà, oggi molto

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

Legalità. Entrata in vigore del Codice antimafia e novità in materia di documentazione antimafia

Legalità. Entrata in vigore del Codice antimafia e novità in materia di documentazione antimafia Legalità. Entrata in vigore del Codice antimafia e novità in materia di documentazione antimafia CONSIDERAZIONI GENERALI È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale (G.U. n. 226 del 28.9.2011 - Suppl.

Dettagli

VIOLENZA DOMESTICA E SESSUALE CONTRO LE DONNE

VIOLENZA DOMESTICA E SESSUALE CONTRO LE DONNE neanche con un fiore!! VIOLENZA DOMESTICA E SESSUALE CONTRO LE DONNE Tipologie di violenza e aspetti psicologici Ciriè 9 maggio 2012 Servizio di Psicologia Ospedaliera Area Consultori Familiari Direttore

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo affettivo ma anche davanti alla legge. La riforma sulla filiazione 1 ha definitivamente abolito

Dettagli

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 PAROLE E IMMAGINI PER RACCONTARE GLI SPAZI PER BAMBINI E ADULTI. Gruppo di coordinamento

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

I segreti della mente

I segreti della mente Vittorino Andreoli I segreti della mente Capire, riconoscere, affrontare i segnali della psiche Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06413-2 Prima edizione:

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere!

Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere! Luca d Alessandro COME VIVERE PROSPERANDO ATTRAVERSO L INVESTIMENTO IMMOBILIARE ----------- O ----------- Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere! 2 Titolo COME VIVERE PROSPERANDO ATTRAVERSO

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

lettera del Presidente Nazionale AIGA, Avv. Dario Greco lettera del Coordinatore Regionale AIGA, Avv. Mariangela Grillo

lettera del Presidente Nazionale AIGA, Avv. Dario Greco lettera del Coordinatore Regionale AIGA, Avv. Mariangela Grillo IN EVIDENZA: 1) Lettera aperta all avvocatura italiana lettera del Presidente Nazionale AIGA, Avv. Dario Greco 2) Perché iscriversi all AIGA lettera del Coordinatore Regionale AIGA, Avv. Mariangela Grillo

Dettagli

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE Ciao a tutti, io sono Andrea referente locale Ferrara-Bologna per Aismac. Sono affetto da una Siringomielia traumatica dorsale e da una amputazione

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione?

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Prima di provare a rispondere a questa domanda mi pare indispensabile una premessa che contestualizzi l attuale situazione. Perché a

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

La strage di Capaci raccontata da Tina Montinaro

La strage di Capaci raccontata da Tina Montinaro La strage di Capaci raccontata da Tina Montinaro Venerdì 17 aprile, è venuta nella nostra scuola signora Tina Montinaro, vedova di Antonio Montinaro, uno dei tre uomini di scorta che viaggiavano nella

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni in materia di politiche giovanili N. 2660 BARBIERI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni in materia di politiche giovanili N. 2660 BARBIERI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2660 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEL DEPUTATO BARBIERI Disposizioni in materia di politiche giovanili Presentata il 29 luglio 2009 ONOREVOLI

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie

DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie Oggetto:. DGR 11/2007. Utilizzazione delle risorse provenienti dal fondo nazionale per le politiche sociali di cui al capitolo di spesa n. H41106 per il sostegno

Dettagli

PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli

PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli RELAZIONE ILLUSTRATIVA Secondo le rilevazioni statistiche, la rottura dei legami familiari è un fenomeno sociale che

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO Brochure descrittiva

AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO Brochure descrittiva Percorso formativo Università del volontariato Anno 2014-2015 AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO Brochure descrittiva Tesina di 0 A M M I N I S T R A T O R E D I S O S T E G N O 1 DALL ESPERIENZA ALLO SPORTELLO

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA

DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA INTERVENTO DEL DR ANDREA MAZZEO PRESENTAZIONE Il mio compito è quello di parlarvi

Dettagli

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione Sai mamma, mi domando spesso perché la mia vera mamma non mi ha potuto tenere, forse aveva troppi figli, forse era povera

Dettagli