ACCORDO di PARTENARIATO tra i COMUNI di BERGAMO, CALUSCO D'ADDA, MADONE e SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII con l ADESIONE di TURISMO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ACCORDO di PARTENARIATO tra i COMUNI di BERGAMO, CALUSCO D'ADDA, MADONE e SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII con l ADESIONE di TURISMO"

Transcript

1 ACCORDO di PARTENARIATO tra i COMUNI di BERGAMO, CALUSCO D'ADDA, MADONE e SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII con l ADESIONE di TURISMO BERGAMO e PROMOISOLA per la RICHIESTA di CONTRIBUTO a FONDAZIONE CARIPLO per la realizzazione del PROGETTO INTEGRATO di VALORIZZAZIONE del PATRIMONIO STORICO-CULTURALE e TURISTICO di BERGAMO e ISOLA BERGAMASCA L'anno DUEMILATREDICI il giorno.. del mese di OTTOBRE in BERGAMO (BG) presso la sede del Comune di Bergamo TRA - COMUNE di BERGAMO con sede presso Palazzo Frizzoni, piazza Matteotti, Bergamo, qui rappresentata dal Dirigente dott. Massimo Chizzolini dell Area Cultura, Istruzione e Politiche Sociali, il quale interviene al presente atto quale soggetto partner del progetto in oggetto nonché soggetto coordinatore del Sistema Turistico Bergamo, Isola e Pianura bergamasca riconosciuto da Regione Lombardia con D.G.R. n. n del 2 aprile 2008; - COMUNE di CALUSCO D'ADDA, con sede in Piazza S. Fedele, Calusco d'adda (BG), qui rappresentata dal Sindaco pro tempore Sig. Roberto Colleoni, il quale interviene al presente atto quale soggetto partner del progetto in oggetto; - COMUNE di MADONE, con sede in Piazza San Giovanni n Madone (BG), qui rappresentata dal Sindaco pro tempore Sig. Maurizio Cavagna, il quale interviene al presente atto quale soggetto partner del progetto in oggetto; - COMUNE di SOTTO il MONTE GIOVANNI XXIII con sede in Piazza Mater et Magistra, Sotto il Monte Giovanni XXIII (BG), qui rappresentata dal Sindaco 1

2 pro tempore Sig. Eugenio Bolognini, il quale interviene al presente atto quale soggetto partner del progetto in oggetto; E CON L ADESIONE DI: - Associazione Culturale PromoIsola PROMOISOLA con sede in Via Legionari di Polonia n. 5 - Ponte S. Pietro (Bg), qui rappresentata dal Presidente pro tempore Sig.., la quale interviene al presente atto quale soggetto capofila, coordinatore e promotore della richiesta di contributo a Fondazione Cariplo per il progetto integrato in oggetto; - Agenzia per lo Sviluppo e la Promozione Turistica della Provincia di Bergamo - TURISMO BERGAMO con sede in Via Tasso 8, Bergamo, qui rappresentata dal Presidente pro tempore Sig.., la quale interviene al presente atto quale soggetto aderente al progetto in oggetto; VISTO E PREMESSO - che il Progetto Integrato di valorizzazione e promozione del patrimonio storicoculturale e turistico di Bergamo ed isola bergamasca (da ora Progetto Integrato ) è frutto di un percorso di concertazione locale che si è attivato a seguito della costituzione del Sistema Turistico Bergamo, Isola e Pianura bergamasca riconosciuto da Regione Lombardia con D.G.R. n. n del 2 aprile 2008 e del relativo Programma di Sviluppo Turistico incentrato nello specifico sulla valorizzazione e promozione integrata delle eccellenze ed evidenze del patrimonio culturale locale e a cui aderiscono gli enti e soggetti sottoscrittori del presente accordo di parternariato; - che il Progetto Integrato si pone ad integrazione, complemento e implementazione di molteplici iniziative attivate dal Sistema turistico e Regione Lombardia con particolare riferimento al Progetto Integrato Attuativo 2010 Alla scoperta dei patrimoni culturali di Bergamo, Isola e pianura bergamasca e al Progetto Integrato d Area Isole e 2

3 Foreste (POR Asse IV II Bando Expo 2015) entrambi approvati e finanziati da Regione Lombardia anche tramite utilizzo di fondi comunitari; - che il Progetto Integrato si pone inoltre a complemento del progetto "Alla scoperta... dolce della media Pianura Lombarda" promosso dall Associazione Pianura da Scoprire di Treviglio, già finanziato da Fondazione Cariplo (Bando Emblematico 2011) finalizzato alla valorizzazione socio-turistica, culturale e ambientale del territorio, da realizzare mediante un piano di marketing territoriale ed iniziative di sviluppo della mobilità, rete di mobilità dolce estesa su tutto il territorio, di messa in rete e di recupero dei beni naturalistici e culturali; - che il Progetto Integrato risulta del tutto coerente con il Piano d Azione Promuovere la razionalizzazione ed il rinnovamento dell offerta culturale con specifico riferimento al bando 2013 Valorizzare il patrimonio culturale attraverso la gestione integrata dei beni promosso dalla Fondazione Cariplo; CONSIDERATO che gli enti e soggetti firmatari del presente accordo di parternariato hanno inteso sviluppare un partenariato locale col fine di valorizzare, promuovere e favorire l integrazione del patrimonio culturale, storico e turistico del territorio di Bergamo città e dell Isola bergamasca al fine di migliorare l accoglienza e l attrattività turistica e favorire lo sviluppo socio economico locale; CONSIDERATA l opportunità di realizzare il Progetto Integrato, quale strumento attuativo per valorizzare, promuovere e favorire la gestione integrata del sistema culturale del territorio interessato; CONSIDERATO che il patrimonio artistico, culturale ed ambientale del territorio di Bergamo città e dell Isola bergamasca ha potenzialità per diventare elemento di primaria importanza per lo sviluppo economico locale nella misura in cui si favorisca l integrazione di risorse e servizi all interno delle aree individuate e connotate da identità territoriali forti e riconoscibili; 3

4 VALUTATA l opportunità di coinvolgere nel Progetto Integrato anche soggetti portatori d interesse pubblici/privati e le associazioni culturali attive sul territorio, a partire dall Agenzia per lo Sviluppo e la Promozione Turistica della Provincia di Bergamo - Turismo Bergamo - e dall Associazione Culturale Promo Isola - PromoIsola, che possano cooperare alla fase attuativa del progetto ed alla sua futura gestione e forniscano garanzie circa la valorizzazione economica degli investimenti programmati; CONSIDERATA l opportunità di programmare, identificare e sviluppare congiuntamente ed in forma negoziale e partecipata programmi, progetti e servizi, nonché strategie e azioni, finalizzate allo sviluppo, alla valorizzazione ed alla comunicazione e promozione integrata della cultura e del turismo nel territorio; CONSIDERATA l opportunità di richiedere un contributo alla Fondazione Cariplo per la realizzazione del Progetto Integrato ; CONSIDERATO che gli enti e soggetti firmatari del presente accordo di parternariato hanno inteso sviluppare il processo di concertazione locale, affidando all Associazione Culturale Promo Isola Promo Isola - il ruolo di soggetto capofila, coordinatore e delegato a presentare alla Fondazione Cariplo il Progetto Integrato ; TUTTO CIO PREMESSO E CONSIDERATO, VISTE le deliberazioni n. del../10/2013 approvata dalla Giunta Comunale di Bergamo, n. del../10/2013 approvata dalla Giunta Comunale di Calusco d Adda, n. del../10/2013 approvata dalla Giunta Comunale di Madone, n. del../10/2013 approvata dalla Giunta Comunale di Sotto il Monte Giovanni XXIII, - Il Comune di Bergamo nella persona del Dirigente dott. Massimo Chizzolini - Il Comune di Calusco d Adda nella persona del Sindaco Sig. Roberto Colleoni - Il Comune di Madone nella persona del Sindaco Sig. Maurizio Cavagna - Il Comune di Sotto il Monte Giovanni XXIII nella persona del Sindaco Sig. Eugenio Bolognini 4

5 - L Agenzia per lo Sviluppo e la Promozione Turistica della Provincia di Bergamo - TURISMO BERGAMO nella persona del Presidente Sig. - L Associazione Culturale PromoIsola PROMOISOLA nella persona del Presidente Sig. SOTTOSCRIVONO IL SEGUENTE ACCORDO DI PARTENARIATO Finalizzato a: 1. Approvare la bozza del Progetto Integrato di valorizzazione e promozione del patrimonio storico-culturale e turistico di Bergamo ed Isola bergamasca, richiedente ancora un perfezionamento meramente formale ed il relativo Piano economico e finanziario allegati al presente accordo di parternariato e costituito da: Interventi strutturali finalizzati al recupero, valorizzazione e miglioramento dell accessibilità e fruizione pubblica del patrimonio storico-culturale e turistico di Bergamo ed Isola bergamasca e creazione di collegamenti, anche virtuali, tra i luoghi più significativi del territorio attraverso percorsi e attività culturali mirate; gestione integrata dei servizi di visita, formazione e didattica; comunicazione e promozione unitaria dell offerta culturale e delle attività di progetto. 2. Individuare l Associazione Culturale Promo Isola Promo Isola quale soggetto capofila, coordinatore e responsabile del progetto, e delegato a presentare richiesta di contributo alla Fondazione Cariplo a valere sul Piano d Azione Promuovere la razionalizzazione ed il rinnovamento dell offerta culturale per il bando 2013 Valorizzare il patrimonio culturale attraverso la gestione integrata dei beni ; 3. riconoscere formalmente gli impegni a carico di ciascun soggetto firmatario esplicitati nella realizzazione del progetto e relativo impegno alla copertura della parte di spesa non ammessa ad aiuto finanziario in funzione delle risorse finanziarie effettivamente disponibili così come previsto dal Piano economico e finanziario allegato al presente accordo di parternariato; Art. 1 Premesse 5

6 Le premesse sono parte integrante del presente Accordo di Parternariato. Art. 2 Oggetto Il presente Accordo di Parternariato è finalizzato alla richiesta di contributo alla Fondazione Cariplo a valere sul Piano d Azione Promuovere la razionalizzazione ed il rinnovamento dell offerta culturale bando 2013 Valorizzare il patrimonio culturale attraverso la gestione integrata dei beni per la realizzazione del Progetto Integrato di valorizzazione del patrimonio storico-culturale e turistico di Bergamo ed isola bergamasca e, fermo restando l auspicato accesso al cofinanziamento, alla definizione e disciplina delle modalità, ruoli, impegni e tempi di attuazione degli interventi, azioni e attività previste. Articolo 3 Validità dell accordo Fermo restando l auspicato accesso al cofinanziamento richiesto a Fondazione Cariplo per la realizzazione del Progetto Integrato, il presente Accordo di parternariato ha validità a partire dalla data di sottoscrizione fino alla conclusione e rendicontazione a Fondazione Cariplo di tutti gli interventi, azioni e attività previste dal Progetto Integrato di valorizzazione e promozione del patrimonio storico-culturale e turistico di Bergamo ed Isola bergamasca e relativo Piano economico e finanziario. Articolo 4 Impegni dei soggetti sottoscrittori Fermo restando le competenze di ciascun soggetto sottoscrittore esplicitato che per l Agenzia per lo Sviluppo e la Promozione Turistica della Provincia di Bergamo - Turismo Bergamo il presente accordo non comporta alcun onere ed impegno finanziario,, le parti che sottoscrivono il presente Accordo di Parternariato si impegnano a: leggere, validare e approvare la bozza del Progetto Integrato di valorizzazione e promozione del patrimonio storico-culturale e turistico di Bergamo ed Isola bergamasca ed 6

7 il relativo Piano economico e finanziario predisposto dal Capofila in nome e per conto del parternariato, allegato al presente Accordo di Parternariato; realizzare gli interventi di propria competenza e previsti all interno del Progetto Integrato nel rispetto dei criteri e delle modalità definiti dal presente accordo e dal bando promosso da Fondazione Cariplo; di assicurare l impegno alla copertura finanziaria della parte di investimento di propria competenza eccedente il contributo richiesto e di sottoscrivere gli impegni economici previsti dal presente accordo esplicitati nel Piano economico e finanziario. Articolo 5 Individuazione del capofila I soggetti sottoscrittori conferiscono all Associazione Culturale Promo Isola Promo Isola il mandato di Ente Capofila del partenariato al fine di inviare e presentare richiesta di contributo a Fondazione Cariplo a valere del Piano d Azione Promuovere la razionalizzazione ed il rinnovamento dell offerta culturale bando 2013 Valorizzare il patrimonio culturale attraverso la gestione integrata dei beni fatta eccezione per l Agenzia per lo Sviluppo e la Promozione Turistica della Provincia di Bergamo - Turismo Bergamo per la quale il presente accordo non comporta alcun onere ed impegno finanziario, impegnandosi fin d ora nei confronti dell Ente Capofila a sostenere le spese pro capite per la presentazione della summenzionata richiesta pari alla somma omnicomprensiva di 915,00 e, nel caso di ammissione al finanziamento, a corrispondere l ulteriore somma predeterminata nella misura massima del 2,5% + IVA dell importo del cofinanziamento ricevuto da ciascun ente dalla Fondazione Cariplo. Il Capofila ha i seguenti compiti: a) rappresentare il partenariato nei confronti di Fondazione Cariplo; b) recepire gli interventi di competenza dei diversi partner pubblici e privati del Progetto Integrato secondo quanto riportato nel relativo Piano economico e finanziario; 7

8 c) compiere tutti gli atti necessari per la partecipazione alla procedura di selezione e conseguenti la stessa fino alla completa realizzazione degli interventi previsti nel Progetto Integrato e relativo Piano economico e finanziario; d) costruire e consolidare un parternariato pubblico-privato aperto ma stabile nel tempo con i soggetti locali e i principali portatori d interesse pubblici e privati; e) coordinare il processo di attuazione del Progetto Integrato e relativo Piano economico e finanziario e assicurarne il monitoraggio; f) rendicontare a Fondazione Cariplo gli interventi, azioni e attività finanziarie conformemente a quanto previsto dall atto di approvazione della graduatoria e del relativo contributo; g) coordinare i rapporti finanziari con Fondazione Cariplo, provvedendo ad incassare le somme dovute ovvero provvedendo tempestivamente all autorizzazione ai pagamenti erogati in favore dei partner dell Accordo di parternariato. Il Capofila non risponde in alcun modo, nei confronti degli altri partner, dei ritardi nei pagamenti o dei minori pagamenti da parte dell Ente erogatore, dipendenti da qualunque causa o ragione non direttamente al capofila imputabili. Articolo 6 Rapporti con i partner pubblici/privati ed i soggetti i beneficiari Fermo restando l auspicato accesso al cofinanziamento richiesto a Fondazione Cariplo per la realizzazione del Progetto Integrato, il Capofila gestisce i rapporti con gli altri partner pubblici/privati e beneficiari coinvolti nella realizzazione del Progetto Integrato secondo le seguenti modalità: - Tavolo di indirizzo e concertazione: i soggetti sottoscrittori del presente accordo di parternariato istituiscono un Tavolo di indirizzo e concertazione con funzioni consultive e di indirizzo costituito dai referenti delle Amministrazioni Comunali sottoscriventi e dai referenti individuati dagli altri soggetti sottoscrittori. Tale organismo ha il compito di individuare e condividere la strategia, di specificare nel dettaglio le azioni e gli interventi del Progetto 8

9 Integrato e di fornire alla Cabina di regia le indicazioni utili per la sua realizzazione. Compito specifico del Tavolo di indirizzo è il mantenimento e consolidamento nel tempo del partenariato pubblico privato ed il coordinamento del programma di interventi e azioni per la valorizzazione e gestione integrata del patrimonio artistico, culturale ed ambientale del territorio di Bergamo città e dell Isola bergamasca. - Cabina di Regia: i soggetti sottoscrittori si impegnano altresì a istituire una Cabina di Regia con funzioni esecutive, operative e decisionali funzionalmente preposta al coordinamento, attuazione, gestione e monitoraggio del Progetto Integrato, costituita dai referenti tecnici indicati dalle Amministrazioni Comunali e dai referenti degli altri soggetti sottoscrittori. Il capofila avrà il ruolo di segreteria tecnica e svolgerà il ruolo di presidente della Cabina di Regia. Alle riunioni della Cabina di Regia, convocate dal Capofila anche su richiesta dei partner, potranno partecipare ulteriori portatori d interesse pubblici e privati del territorio interessato per suggerire azioni ed interventi utili a meglio perseguire la strategia individuata in sede di tavolo di indirizzo. Articolo 7 Azioni e interventi Gli interventi, azioni e attività previste di cui al presente accordo sono quelli previsti dal Progetto Integrato e relativo Piano economico e finanziario allegato e afferiscono a: Interventi strutturali finalizzati al recupero, valorizzazione e miglioramento dell accessibilità e fruizione pubblica del patrimonio storico-culturale e turistico di Bergamo ed Isola bergamasca e creazione di collegamenti, anche virtuali, tra i luoghi più significativi del territorio attraverso percorsi e attività culturali mirate; azioni e attività di gestione integrata dei servizi di visita, formazione e didattica; azioni e attività di comunicazione e promozione unitaria dell offerta culturale e delle attività di progetto. 9

10 Articolo 8 Durata del Progetto Integrato Gli interventi, azioni e attività previsti per la realizzazione del Progetto Integrato saranno attuati nel rispetto del crono programma contenuto nel Piano economico e finanziario del Progetto Integrato allegato. Articolo 9 Piano finanziario Fatta eccezione per l Agenzia per lo Sviluppo e la Promozione Turistica della Provincia di Bergamo - Turismo Bergamo per la quale il presente accordo non comporta alcun onere ed impegno finanziario, l impegno ad assicurare la copertura finanziaria e le quote in capo a ciascun soggetto per la realizzazione del Progetto Integrato sono quelle previste nel Piano economico e finanziario del Progetto Integrato allegato. In allegato: Piano economico e finanziario del Progetto Integrato di valorizzazione e promozione del patrimonio storico-culturale e turistico di Bergamo ed Isola bergamasca. Letto, confermato e sottoscritto. - Comune di Bergamo - Comune di Calusco d Adda - Comune di Madone - Comune di Sotto il Monte Giovanni XXIII 10

11 - Agenzia per lo Sviluppo e la Promozione Turistica della Provincia di Bergamo - TURISMO BERGAMO - Associazione Culturale PromoIsola PROMOISOLA Bergamo../10/

12 ALLEGATO all ACCORDO di PARTENARIATO: Piano economico e finanziario del Progetto Integrato di valorizzazione e promozione del patrimonio storico-culturale e turistico di Bergamo ed Isola bergamasca 12

ACCORDO DI DISTRETTO TRA. Il Sindaco o legale rappresentante del Comune di Gavardo (Bs) in qualità di Capofila del Distretto del Commercio

ACCORDO DI DISTRETTO TRA. Il Sindaco o legale rappresentante del Comune di Gavardo (Bs) in qualità di Capofila del Distretto del Commercio ACCORDO DI DISTRETTO TRA Il Sindaco o legale rappresentante del Comune di Gavardo (Bs) in qualità di Capofila del Distretto del Commercio I sindaci o i legali rappresentanti dei Comuni di Prevalle (Bs)

Dettagli

Protocollo d Intesa CETS Aree Protette PAT BOZZA. Protocollo d'intesa per l attivazione del percorso di adesione alla Carta Europea del Turismo

Protocollo d Intesa CETS Aree Protette PAT BOZZA. Protocollo d'intesa per l attivazione del percorso di adesione alla Carta Europea del Turismo BOZZA Allegato delibera C.E. n del 17.12.2015 Il Segretario generale Protocollo d'intesa per l attivazione del percorso di adesione alla Carta Europea del Turismo Premesso che: Sostenibile (CETS) delle

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA. Approvazione convenzione

COMUNE DI SERDIANA. Approvazione convenzione Approvazione convenzione Approvazione convenzione, per la costituzione del partenariato tra i Comuni di Maracalagonis, Muravera, Serdiana e Villasimius (capofila Serdiana), per il finanziamento di un progetto

Dettagli

ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE

ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione ASSE II - Ambiente e prevenzione dei rischi Attività 4 Valorizzazione delle strutture di fruizione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE. Seduta del 15/09/2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE. Seduta del 15/09/2014 Deliberazione n. 59 del 15/09/2014 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE Seduta del 15/09/2014 OGGETTO: EXPO 2015 - APPROVAZIONE PROTOCOLLO DI INTESA PER LO SVILUPPO DELL'ATTIVITÀ DEL

Dettagli

ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA. con protocollo 0004232 che riconoscono alla scuola

ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA. con protocollo 0004232 che riconoscono alla scuola ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA Visto il D.P.R. n. 275/1999, art. 7, che prevede la possibilità per le istituzioni Scolastiche autonome di stipulare accordi di rete per perseguire

Dettagli

DELIBERA. 2. SARA COMPITO del Responsabile del Servizio porre in essere tutti gli atti consequenziali, compreso l impegno di spesa;

DELIBERA. 2. SARA COMPITO del Responsabile del Servizio porre in essere tutti gli atti consequenziali, compreso l impegno di spesa; BOZZA DELIBERA Il Sindaco, constatato il numero legale degli interventi, dichiara aperta la riunione e li invita a deliberare sull oggetto sopraindicato, LA GIUNTA MUNICIPALE Ritenuto sulla base della

Dettagli

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA Protocollo d Intesa per l attuazione del Contratto del Lago di Bolsena PREMESSO CHE la Direttiva 2000/60/CE del Parlamento

Dettagli

Presentazione bando congiunto. Nutrire il pianeta 2014

Presentazione bando congiunto. Nutrire il pianeta 2014 Presentazione bando congiunto Nutrire il pianeta 2014 Milano, 5 marzo 2014 Il bando congiunto Un nuovo partenariato pubblico-privato che, in ottica EXPO 2015, intende: promuovere risposte adeguate alle

Dettagli

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI NOTIZIARIO SPECIALE N.03/2009 AGLI ENTI ASSOCIATI DELLA LOMBARDIA - LORO SEDI BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA Contributi per manifestazioni

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU53 31/12/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 5 dicembre 2014, n. 33-743 Assegnazione di contributi per l'anno 2014 a favore degli Organismi di collegamento e coordinamento, formati

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA VERSO EXPO 2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015 LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: la Regione Piemonte ha

Dettagli

Foto di Luca Eula. Bando. Anno 2012

Foto di Luca Eula. Bando. Anno 2012 Foto di Luca Eula Bando A SOSTEGNO DI progetti e ATTIVITÁ IN mirafiori sud Anno 2012 2 Fondazione della Comunità di Mirafiori Onlus Bando - Anno 2012 Budget complessivo 40.000 euro Premessa La Fondazione

Dettagli

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 Articolo 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina, in attuazione di quanto previsto all articolo 13, lettera g), dello Statuto della

Dettagli

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO:

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO: ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- RITORIALE DEL SISTEMA AMBIENTALE E CULTURALE DI [INSERIRE DENOMINAZIONE SAC] PREMESSO: che il Programma Operativo (PO)

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA. fra

SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA. fra Regione Campania SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA fra L Ente Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano La Provincia di Salerno Le Comunità Montane..., La Comunità Montana..., La Comunità Montana..., Ecc

Dettagli

SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DELLE ALLEANZE LOCALI IN MATERIA DI CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO

SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DELLE ALLEANZE LOCALI IN MATERIA DI CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO Allegato 1 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DELLE ALLEANZE LOCALI IN MATERIA DI CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO D.G.R. n. X/1081 del 12 dicembre 2013 e Decreto. n. 2058 del 11 marzo 2014

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA I.P.I.A. Andrea BRUSTOLON ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO Via San Lorenzo, 19-32100 BELLUNO Scuola Capofila ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA PREMESSO

Dettagli

con decreto n.1363 del 27 febbraio 2014 il Ministero DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 17 marzo 2015, n. 458

con decreto n.1363 del 27 febbraio 2014 il Ministero DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 17 marzo 2015, n. 458 12757 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 17 marzo 2015, n. 458 FEI 2013 Az. 9. Progetto COM.IN. 2.0 Competenze per l Integrazione. Presa d atto adesione al progetto e Convenzione di Sovvenzione tra il

Dettagli

RETE TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI SONDRIO

RETE TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI SONDRIO RETE TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI SONDRIO ACCORDO PER LA VALORIZZAZIONE DELLE POLITICHE TERRITORIALI DI CONCILIAZIONE FAMIGLIA LAVORO E DELLE RETI DI IMPRESE Premesso che: La Comunicazione della Commissione

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO 1 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Partenariato del Programma Operativo FESR Basilicata 2014-2020 (art. 5 Regolamento UE n. 1303/2/13; Regolamento Delegato (UE) n. 240/2014; D.G.R. n. 906 del 21 luglio 2014)

Dettagli

Presentazione del Programma e del nuovo bando. BENEDETTA SEVI Autorità di Gestione del Programma

Presentazione del Programma e del nuovo bando. BENEDETTA SEVI Autorità di Gestione del Programma Presentazione del Programma e del nuovo bando BENEDETTA SEVI Autorità di Gestione del Programma Presentazione Programma: zone ammissibili e zone adiacenti Presentazione Programma: Assi e risorse ASSE 1

Dettagli

PO FESR Sicilia 2007/2013 Piano di Comunicazione

PO FESR Sicilia 2007/2013 Piano di Comunicazione REPUBBLICA ITALIANA Unione Europea Regione Siciliana PRESIDENZA DIPARTIMENTO REGIONALE DELLA PROGRAMMAZIONE Area Coordinamento, Comunicazione, Assistenza tecnica UOB I - Servizi della Comunicazione PO

Dettagli

5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato

5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato 5. IL PIANO FINANZIARIO 5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato La predisposizione del piano finanziario per il POR della Basilicata è stata effettuata sulla

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE. TITOLO I Norme Generali. Articolo 1-Premessa Generale

FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE. TITOLO I Norme Generali. Articolo 1-Premessa Generale FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE TITOLO I Norme Generali Articolo 1-Premessa Generale Il presente Regolamento è adottato dal CdA della FONDAZIONE Calabria Roma Europa, nei

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra L AUTORITÀ DI GESTIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO INTERREGIONALE ATTRATTORI CULTURALI, NATURALI E TURISMO (POIN) e LE PARTI ECONOMICHE E SOCIALI ED IL PARTENARIATO ISTITUZIONALE 1

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2889 Seduta del 12/12/2014

DELIBERAZIONE N X / 2889 Seduta del 12/12/2014 DELIBERAZIONE N X / 2889 Seduta del 12/12/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DI SVILUPPO E DI COESIONE SERVIZIO PER LE POLITICHE DEI FONDI STRUTTURALI COMUNITARI

Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DI SVILUPPO E DI COESIONE SERVIZIO PER LE POLITICHE DEI FONDI STRUTTURALI COMUNITARI Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DI SVILUPPO E DI COESIONE SERVIZIO PER LE POLITICHE DEI FONDI STRUTTURALI COMUNITARI PROTOCOLLO D INTESA fra il MINISTERO DELLO SVILUPPO

Dettagli

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 ALLEGATO A REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 Aggregazione, Protagonismo, Creatività PREMESSA

Dettagli

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO?

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013 Fondazione Provinciale della Comunità Comasca onlus FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.4/2012: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97;

Dettagli

Determina Cultura/0000005 del 28/01/2014

Determina Cultura/0000005 del 28/01/2014 Comune di Novara Determina Cultura/0000005 del 28/01/2014 Area Servizio Cultura Biblioteche e Sport (14.UdO) Proposta Istruttoria SERVIZIO CULTURA E SPORT Unità Iniziative Culturali Proponente Loredana

Dettagli

Allegato A) alla delibera consiliare n. di data.11.2014 IL SEGRETARIO COMUNALE - dott. Giorgio Osele -

Allegato A) alla delibera consiliare n. di data.11.2014 IL SEGRETARIO COMUNALE - dott. Giorgio Osele - Allegato A) alla delibera consiliare n. di data.11.2014 IL SEGRETARIO COMUNALE - dott. Giorgio Osele - PROVINCIA DI TRENTO SCHEMA DI CONVENZIONE per lo svolgimento in modo coordinato del servizio di trasporto

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97 che ha

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015

REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015 REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015 Codice A15120 D.D. 11 dicembre 2014, n. 4 L.R. 9/2007 art. 24 - d.g.r. 33-743 del 5.12.2014. Approvazione bando regionale per l'assegnazione di contributi anno 2014 a

Dettagli

Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3. Avviso

Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3. Avviso Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3 Avviso Interventi a favore dei Comuni finalizzati allo sviluppo del sistema dei SUAP nella Regione Calabria Indagine

Dettagli

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE: - gli enti convenuti per la sottoscrizione del presente Protocollo, nel riconoscere il ruolo strategico del turismo per lo sviluppo economico e occupazionale del territorio

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Politiche Sociali DIRETTORE GROSSI dott.ssa EUGENIA Numero di registro Data dell'atto 1358 18/09/2015 Oggetto : Approvazione della bozza di accordo operativo

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE E DI ACCOGLIENZA DEGLI ALLIEVI STRANIERI (anno scolastico 2006/2007)

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE E DI ACCOGLIENZA DEGLI ALLIEVI STRANIERI (anno scolastico 2006/2007) BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE E DI ACCOGLIENZA DEGLI ALLIEVI STRANIERI (anno scolastico 2006/2007) Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento 1. Sulla

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - Copia 21- VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 21 Del 17.02.2010 OGGETTO: PROGETTO "COINVOLGIMENTO DEI GIOVANI NELLA VALORIZZAZIONE DELLE SPECIFICITÀ TERRITORIALI".

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE Le linee guida di seguito illustrate rappresentano un primo risultato dell

Dettagli

C O M U N E DI B A R R A L I C.A.P. 09040 PROVINCIA DI CAGLIARI Via Cagliari n 09 Tel. 0709802631 0709802445 -- FAX 0709802535

C O M U N E DI B A R R A L I C.A.P. 09040 PROVINCIA DI CAGLIARI Via Cagliari n 09 Tel. 0709802631 0709802445 -- FAX 0709802535 copia C O M U N E DI B A R R A L I C.A.P. 09040 PROVINCIA DI CAGLIARI Via Cagliari n 09 Tel. 0709802631 0709802445 -- FAX 0709802535 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 6 Del 16.02.2010 OGGETTO: PROGETTO

Dettagli

********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE COMUNE DI PARELLA Provincia di Torino ********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 35 Del 15/10/2014 Oggetto: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D'INTESA PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana

Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana OBIETTIVO COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana Versione gennaio

Dettagli

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013 AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013 FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a progetti diretti a perseguire obiettivi coerenti con

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

Raccolta di domande di ogni tipo (partendo dalle iscrizioni alle scuole ed alle università);

Raccolta di domande di ogni tipo (partendo dalle iscrizioni alle scuole ed alle università); Protocollo Operativo d Intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e Poste Italiane per il servizio di consegna dei libri di testo alle famiglie degli alunni della scuola secondaria

Dettagli

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO IN FORMA ASSOCIATA DELLA SEGRETERIA COMUNALE TRA I COMUNI DI COLOGNO AL SERIO - VERDELLO - BRIGNANO GERA

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO IN FORMA ASSOCIATA DELLA SEGRETERIA COMUNALE TRA I COMUNI DI COLOGNO AL SERIO - VERDELLO - BRIGNANO GERA CONVENZIONE PER IL SERVIZIO IN FORMA ASSOCIATA DELLA SEGRETERIA COMUNALE TRA I COMUNI DI COLOGNO AL SERIO - VERDELLO - BRIGNANO GERA D ADDA - CASTEL ROZZONE. (art. 98 D.Lgs. n. 267/2000 - e art. 10 del

Dettagli

Provincia di Varese, Piazza Libertà 1, 21100 Varese Tel 0332 252111 Fax 0332 235626 C.F. N 80000710121 P.I. N 00397700121 - www.provincia.va.

Provincia di Varese, Piazza Libertà 1, 21100 Varese Tel 0332 252111 Fax 0332 235626 C.F. N 80000710121 P.I. N 00397700121 - www.provincia.va. CARTA PER GLI ACQUISTI VERDI E CONSUMI RESPONSABILI DELLA PROVINCIA DI VARESE: impegni, regolamento, modulo di adesione 1. IMPEGNI Premesse Gli acquisti verdi e consumi responsabili rappresentano lo strumento

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 10 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: L.R. 24/2011 NORME IN MATERIA DI POLITICHE GIOVANILI DGR N. 387/2014- APPROVAZIONE PROGETTO ATS N. 5 L anno duemilaquattordici

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010

PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010 PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010 All.2 Schema di Convenzione tra la Provincia di Lecco e l'azienda Sanitaria Locale di Lecco per la regolazione

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO PER ATTIVITÀ DI COLLABORAZIONE SCIENTIFICA

CONVENZIONE QUADRO PER ATTIVITÀ DI COLLABORAZIONE SCIENTIFICA CONVENZIONE QUADRO PER ATTIVITÀ DI COLLABORAZIONE SCIENTIFICA Tra l Ente Regionale per i Servizi all Agricoltura ed alle Foreste (ERSAF), con sede legale in via Copernico 38-20125 MIlano, C.F. n. 03609320969,

Dettagli

Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali

Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali Bando l assegnazione di contributi da destinare ad interventi di digitalizzazione e valorizzazione delle testate giornalistiche

Dettagli

Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi e ausili finanziari

Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi e ausili finanziari COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA (Provincia di Pisa) Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi e ausili finanziari (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del..,

Dettagli

ACCORDO PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO. Cremona Food Lab * * *

ACCORDO PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO. Cremona Food Lab * * * ACCORDO PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO Food Lab * * * Con il presente accordo, tra: - UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE, nel proseguio anche indicato come Università Cattolica, con sede a Milano - Largo

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE Nell ambito del convegno nazionale La figura del tutor all

Dettagli

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO?

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO N. 1 ANNO 2011 FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a progetti diretti a perseguire obiettivi coerenti

Dettagli

Accordo di rete Nazionale

Accordo di rete Nazionale Accordo di rete Nazionale Accordo fra gli istituti costituzione della rete "Senza Zaino per una scuola comunità" PREMESSO CHE - il modello Senza Zaino è stato promosso nell anno 2002 da un gruppo di docenti

Dettagli

COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20020 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org Codice Fiscale 01617320153 Partita IVA 00719540965 CODICE ENTE 10957 COPIA DELIBERAZIONE

Dettagli

Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia Servizio Civile REGOLAMENTO NAZIONALE SERVIZIO CIVILE

Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia Servizio Civile REGOLAMENTO NAZIONALE SERVIZIO CIVILE REGOLAMENTO NAZIONALE SERVIZIO CIVILE 1 Regolamento Misericordie Storia Fin dalle loro origini, nel 1244 a Firenze, praticando le Opere di Carità, le Misericordie hanno sempre attivamente operato ed operano

Dettagli

REGIONE AUTONOMA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA SARDEGNA REGIONE AUTONOMA SARDEGNA COMUNI DI: PAULILATINO ABBASANTA AIDOMAGGIORE NORBELLO E TRESNURAGHES ACCORDO DI PROGRAMMA TRA i Comuni di PAULILATINO, ABBASANTA, AIDOMAGGIORE, NORBELLO E TRESNURAGHES finalizzato

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 Stralcio di pari opportunità: L AUTORITA PER L UGUAGLIANZA ( ) ( ) 5.2.7

Dettagli

UFFICIO INTERCOMUNALE PER LA RICERCA DI FINANZIAMENTI (U.I.R.F.)

UFFICIO INTERCOMUNALE PER LA RICERCA DI FINANZIAMENTI (U.I.R.F.) UFFICIO INTERCOMUNALE PER LA RICERCA DI FINANZIAMENTI (U.I.R.F.) (Schema di Convenzione di cui all art.20 della LRT n. 68/2011) Tra 1)- Il comune di Calenzano, nella persona di... domiciliato per la sua

Dettagli

I Progetti territoriali

I Progetti territoriali I Progetti territoriali PROGETTI TERRITORIALI: IN SINTESI Chi? Che cosa? Enti pubblici Enti ecclesiastici/religiosi civilmente riconosciuti Enti nonprofit, cooperative e imprese sociali Progetti che: hanno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI EMBLEMATICHE DELLA FONDAZIONE CARIPLO

REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI EMBLEMATICHE DELLA FONDAZIONE CARIPLO REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI EMBLEMATICHE DELLA FONDAZIONE CARIPLO 1. Finalità degli interventi emblematici 2 2. Ammontare delle assegnazioni e soggetti destinatari 2 3. Aree filantropiche di pertinenza

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

Atto di indirizzo in ordine alla partecipazione del Comune di Cremona al Progetto ERG "European Regione of Gastronomy".

Atto di indirizzo in ordine alla partecipazione del Comune di Cremona al Progetto ERG European Regione of Gastronomy. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 79 6 maggio 2015 Immediatamente Eseguibile Oggetto : Atto di indirizzo in ordine alla partecipazione del Comune di

Dettagli

Giunta Regionale della Campania 94 22/11/2012 11 0 - -

Giunta Regionale della Campania 94 22/11/2012 11 0 - - Giunta Regionale della Campania DECRETO DIRIGENZIALE AREA GENERALE DI COORDINAMENTO A.G.C. 11 Sviluppo Attività Settore Primario COORDINATORE Dr. Massaro Francesco DIRIGENTE SETTORE DECRETO N DEL A.G.C.

Dettagli

BANDO 2010.3 SPORT E SOLIDARIETÀ SOCIALE

BANDO 2010.3 SPORT E SOLIDARIETÀ SOCIALE BANDO 2010.3 SPORT E SOLIDARIETÀ SOCIALE I SOCI FONDATORI Comuni del bollatese, rhodense, sestese Bando 2010.3 Sport e solidarietà sociale 1. PROMOTORE E FINALITÀ DEL BANDO La Fondazione Comunitaria del

Dettagli

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Cabina di Regia del 26 gennaio 2009 Regolamento per l organizzazione ed il funzionamento della Cabina di Regia Città di Avellino Programma Integrato

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA Regione Puglia ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA TRA LA REGIONE PUGLIA E IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 Roma, novembre 2014 2 Accordo

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE

LA GIUNTA PROVINCIALE LA GIUNTA PROVINCIALE Premesso che: con Legge n. 64 del 06/03/2001 è stato istituito il Servizio Civile Volontario Nazionale, le cui finalità contemplano: il concorso al dovere di difendere la Patria con

Dettagli

Programma di integrazione sociale e scolastica degli immigrati non comunitari terza annualità 2009 (anno scol. 2010-2011) Avviso

Programma di integrazione sociale e scolastica degli immigrati non comunitari terza annualità 2009 (anno scol. 2010-2011) Avviso Programma di integrazione sociale e scolastica degli immigrati non comunitari terza annualità 2009 (anno scol. 2010-2011) Avviso 1 1. PREMESSA Con deliberazione n.57 del 12 Luglio 2007 il Consiglio Regionale

Dettagli

COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO E MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA. Realizzazione del Progetto:..

COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO E MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA. Realizzazione del Progetto:.. COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO E MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA Realizzazione del Progetto:.. Il giorno.., in, avanti a me notaio.iscritto al collegio notarile di sono

Dettagli

CONVENZIONE. tra REGIONE TOSCANA e CONSORZIO CONFCOMMERCIO CAT. TOSCANA s.ca.r.l. e per l attività inerente la qualificazione del ruolo

CONVENZIONE. tra REGIONE TOSCANA e CONSORZIO CONFCOMMERCIO CAT. TOSCANA s.ca.r.l. e per l attività inerente la qualificazione del ruolo ALLEGATO A CONVENZIONE tra REGIONE TOSCANA e CONSORZIO CONFCOMMERCIO CAT TOSCANA s.ca.r.l. e per l attività inerente la qualificazione del ruolo dei Centri di Assistenza Tecnica e iniziative per l ammodernamento

Dettagli

Carta del Distretto culturale evoluto della Provincia di Cremona - Cre.Ar.T.E.

Carta del Distretto culturale evoluto della Provincia di Cremona - Cre.Ar.T.E. Carta del Distretto culturale evoluto della Provincia di Cremona - Cre.Ar.T.E. Art. 1. Il Distretto culturale evoluto della Provincia di Cremona: natura e scopi Il Distretto culturale costituisce un sistema

Dettagli

Delibera. A1705A - Programmazione e coordinamento sviluppo rurale e agricoltura sostenibile. DE PAOLI Gaudenzio. FREIBURGER Gualtiero.

Delibera. A1705A - Programmazione e coordinamento sviluppo rurale e agricoltura sostenibile. DE PAOLI Gaudenzio. FREIBURGER Gualtiero. Delibera Assessorato ACP - AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA Direzione Settore A17000 - AGRICOLTURA A1705A - Programmazione e coordinamento sviluppo rurale e agricoltura sostenibile Num. Definitivo 29-2396 Num.

Dettagli

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda GESTIONE Regione Lombardia costituisce l unico ed esclusivo punto di riferimento nei confronti del Soggetto gestore. Sarà cura di

Dettagli

visto il regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio del 5 luglio 2006 relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale;

visto il regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio del 5 luglio 2006 relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale; REGIONE PIEMONTE BU11 13/03/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 17 febbraio 2014, n. 8-7107 Programma operativo di cooperazione transfrontaliera Italia-Svizzera 2007-2013. Approvazione scheda relativa

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Pagina 1 di 6 BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Premessa Il Centro di Servizio al volontariato CESAVO emana il presente bando finalizzato al sostegno

Dettagli

- avere attivato corsi di laurea triennale in Scienze Motorie da almeno tre anni.

- avere attivato corsi di laurea triennale in Scienze Motorie da almeno tre anni. INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE PROGETTUALI PER LA SELEZIONE DI UNA FACOLTA DI SCIENZE MOTORIE PER IL CONCORSO ALLA REALIZZAZIONE E VALUTAZIONE DEL PROGETTO A SCUOLA DI SPORT LOMBARDIA IN GIOCO II

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA

PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Avviso provinciale per la realizzazione di un progetto per lo sviluppo di azioni di monitoraggio e analisi del fenomeno degli abbandoni scolastici e formativi nella provincia di Mantova

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Approvato con deliberazione di G.C. n.66 del 06.05.2002. Regolamento di Spazio Autismo. Nascita. Soggetti coinvolti

Approvato con deliberazione di G.C. n.66 del 06.05.2002. Regolamento di Spazio Autismo. Nascita. Soggetti coinvolti Approvato con deliberazione di G.C. n.66 del 06.05.2002 Regolamento di Spazio Autismo Nascita Spazio Autismo si colloca fra i servizi che il Comune di Ponte San Pietro offre a favore di soggetti disabili

Dettagli

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali Bando Volontariato 2015 Reti Nazionali SEZIONE 1. CARATTERISTICHE GENERALI DELL INIZIATIVA 1.1 Obiettivi Nell ambito delle numerose iniziative di sostegno al volontariato della Fondazione, il presente

Dettagli

INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE DETERMINAZIONE. Estensore VITELLONI PIERPAOLO. Responsabile del procedimento BERARDI LUCA

INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE DETERMINAZIONE. Estensore VITELLONI PIERPAOLO. Responsabile del procedimento BERARDI LUCA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE SISTEMI NATURALI DETERMINAZIONE N. G09628 del 03/08/2015 Proposta n. 11798 del 27/07/2015 Oggetto: Regolamento (CE)

Dettagli

Allegato B) alla Deliberazione di Giunta Comunale n. 14 del 20.03.2013.

Allegato B) alla Deliberazione di Giunta Comunale n. 14 del 20.03.2013. Allegato B) alla Deliberazione di Giunta Comunale n. 14 del 20.03.2013. PROGRAMMA INTEGRATO PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI DEI CENTRI STORICI E URBANI DEI COMUNI INTERESSATI DALLA LUNGA

Dettagli

Potenziamento dei sevizi alla persona in aree rurali. Sperimentazione di Unità Complessa Cure primarie (UCCP) in valle Telesina. CONVENZIONE.

Potenziamento dei sevizi alla persona in aree rurali. Sperimentazione di Unità Complessa Cure primarie (UCCP) in valle Telesina. CONVENZIONE. Potenziamento dei sevizi alla persona in aree rurali. Sperimentazione di Unità Complessa Cure primarie (UCCP) in valle Telesina. CONVENZIONE - ASL BN con sede a Benevento in via Via Oderisio,1, 82100 (BN)

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE N. 129 DEL 17.07.2012 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO 'SPORTELLO ON LINE AL CITTADINO'. L anno duemiladodici

Dettagli