Indice Introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice Introduzione --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3"

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI INFORMATICA II LEZIONE II LE LIBRERIE DIGITALI PROF. GIUSEPPE DE SIMONE

2 Indice 1 Introduzione RICERCA Il Web Semantico INTRODUZIONE RESOURCE DESCRIPTION FRAMEWORK RDF DATA MODEL RDF SCHEMA Le Ontologie DEFINIZIONE DI ONTOLOGIA OWL (ONTOLOGY WEB LANGUAGE) Biblioteca Digitale Europea INTRODUZIONE EUROPEANA di 20

3 1 Introduzione La rete Internet e il Web richiedono applicazioni e strumenti complessi per sfruttare a pieno le proprie potenzialità. Solo studiando le caratteristiche della rete ed analizzando le applicazioni esistenti per la produzione, la trasmissione e la condivisione del sapere si possono proporre dei modelli che superino quelli esistenti, consolidati ed affinati in secoli di storia. Le biblioteche, intese come luogo di conservazione e trasmissione del sapere, sono infatti nate già nell antico Egitto ed a quel periodo risale anche il concetto di Biblioteca Universale poi consolidatosi fino a raggiungere l attuale collocazione all interno del web sotto forma di libreria digitale. In tale contesto si colloca lo sviluppo di un progetto integrato di biblioteca digitale ed e- learning. Se si percepisce la Biblioteca Digitale come spazio informativo in cui persone, collezioni digitali e servizi di accesso interagiscono per creare, preservare ed utilizzare i documenti digitali, essa diviene il luogo in cui i nuovi modi di creazione, diffusione ed interiorizzazione del sapere, della conoscenza e di tutti i prodotti dell intelletto umano trovano la giusta collocazione. Il primo uso del termine libreria digitale risale al 1998 in un rapporto redatto dalla Corporation for National Research Initiatives anche se esso è già comparso in un iniziativa del FS/DARPA/NASA nel Il termine libreria digitale è diffusamente applicato a collezioni ed organizzazioni di dati, manipolabili e accessibili da una comunità di utenti. Una libreria digitale è uno spazio definito del web in cui è possibile rilevare una migliore organizzazione e persistenza dei dati. Le librerie digitali costituiscono, da un lato, i nodi della rete che organizzano le risorse accessibili attraverso la rete stessa, ed in questo caso non si differenziano molto da quelli che vengono definiti portali, dall altro possono essere un centro di organizzazione e distribuzione del sapere della comunità scientifica che ad essa afferisce. Data la definizione di libreria digitale, vediamo ora quali sono le differenze fra le librerie digitali e quelle tradizionali. Limiti fisici: gli utenti di una libreria digitale non hanno bisogno di spostarsi per accedere alle informazioni, è sufficiente che abbiano una connessione a disposizione. 3 di 20

4 Disponibilità: gli utenti possono accede alle informazioni senza vincoli di orario. Accessibilità: la stessa risorsa può essere condivisa da diversi utenti. Approccio Strutturale: le librerie digitali consentono l accesso a contenuti strutturati in modo ottimale, ad esempio è possibile spostarsi facilmente dall indice di un particolare libro ad un capitolo in particolare e così via. Recupero delle informazioni: l utente è in grado di utilizzare qualsiasi chiave di ricerca (parola, frase, titolo, nome, soggetto) per cercare l intera collezione. Le librerie digitali prevedono un interfaccia user-friendly che facilita l accesso alle sue risorse. Conservazione: una copia esatta dell originale può essere fatta un numero indefinito di volte senza perdita di qualità. Spazio: considerando che le biblioteche tradizionali hanno uno spazio di memorizzazione limitato, le librerie digitali hanno il potenziale di poter memorizzare molte informazioni, per il semplice fatto che le informazioni digitali richiedono poco spazio fisico. Networking: la libreria digitale prevede un link alle risorse di qualsiasi altra libreria digitale; questo consente la condivisione delle risorse integrate. Costo: in teoria, il costo per gestire una libreria digitale è molto basso rispetto a quello richiesto dalla gestione di una libreria tradizionale. In particolare, una libreria tradizionale deve spendere molto per: La paga dello staff; La manutenzione dei libri; L acquisto di nuovi libri etc. Sebbene le librerie digitali non hanno questi costi, è stato provato che esse possono essere non meno espansive nel loro modo di operare. Le librerie digitali incorrono in costi elevati per: la conversione del materiale cartaceo in formato digitale; la manutenzione da parte dello staff di tali materiali; 4 di 20

5 la gestione dei servizi di rete quali server, larghezza di banda etc. Le informazioni in una libreria digitale devono spesso migrare verso le nuove tecnologie. Questo processo ha come conseguenza costi elevati in merito all hardware e la formazione del personale Ricerca Molte librerie prevedono un interfaccia di ricerca delle risorse così dette deep_web (risorse web non indicizzate), dal momento che spesso non possono essere localizzate dal crawler (programma che sfoglia in modo automatico il World Wide Web) dei motori di ricerca. Alcune librerie digitali creano delle pagine speciali (sitemaps) per consentire di trovare tutte le risorse ad essa appartenenti. Spesso le librerie digitali, per condividere le loro informazioni con latre librerie digitali, utilizzano l Open Archives Initiative Protocol for Metadata Harvesting (OAI-PMH). Si tratta di un protocollo utilizzato per raccogliere la descrizione di record di matadati in un archivio, in modo tale che i servizi possano essere costruiti utilizzando i metadati provenienti da archivi differenti. Il protocollo è di solito denominato OAI. Ci sono due strategie generali per la ricerca in una libreria digitale: 1. ricerca distribuita 2. ricerca di metadati precedentemente raccolti. La ricerca distribuita tipicamente coinvolge un client che invia, in parallelo, richieste multiple di ricerca ad un certo numero di server. I risultati vengono raccolti, i duplicati vengono eliminati o raggruppati, e i restanti items vengono memorizzati e restituiti al client. In una tale ricerca solitamente è utilizzato il protocollo Z39.50 (protocollo client-server per la ricerca e il recupero di informazioni da un database di un computer remoto). Un vantaggio di questo approccio è che l indicizzazione e la memorizzazione delle risorse sono a carico dei server. 5 di 20

6 Uno svantaggio di tale approccio è che il meccanismo di ricerca è limitato dalle differenti indicizzazioni, e l enorme dimensione dei database che rende complicato assemblare risultati partendo da un numero rilevante di item trovati. La ricerca di metadati precedentemente raccolti si basa su un indice di informazioni, memorizzato localmente e precedentemente costruito. Quando viene effettuata una ricerca, il meccanismo di ricerca non ha bisogno di effettuare connessioni con le librerie digitali in cui sta cercando; esso ha già una rappresentazione locale delle informazioni. Questo approccio richiede la creazione di un indice ed un meccanismo di raccolta che opera regolarmente, collegandosi a tutte le librerie digitali ed interrogando tutte le collezioni al fine di scoprire nuove risorse ed aggiornare quelle già esistenti. OAI-PMH è di frequente usato dalle librerie digitali per consentire la raccolta dei metadati. Un vantaggio di questo approccio è che il meccanismo di ricerca ha pieno controllo sugli algoritmi di indicizzazione e classificazione, consentendo così dei risultati più consistenti. Lo svantaggio è che i sistemi di raccolta ed indicizzazione sono costituiti da molte risorse e quindi sono costosi. 6 di 20

7 2 Il web semantico 2.1. Introduzione Il concetto di web semantico è stato introdotto nel 2001 da Tim Berners-Lee, ideatore del World Wide Web. Per chiarire tale concetto cominciamo analizzando brevemente il web attuale: un insieme di documenti collegati tra di loro che costruisce una fitta rete di informazioni. Le modalità di definizione dei contenuti ed i collegamenti tra i documenti sono soltanto modalità sintattiche. Questo significa che un browser può solo seguire un collegamento senza capire la relazione tra la pagina corrente e quella di destinazione. Un motore di ricerca può provare a classificare i contenuti basandosi unicamente sugli elementi sintattici, cioè il testo contenuto nei documenti ed il markup. Il web semantico si propone di catturare il significato dei contenuti e delle reciproche relazioni migliorandone la loro fruizione. Nel web semantico non si parla di documenti e collegamenti, ma bensì di risorse e relazioni. Le risorse sono insiemi di informazioni omogenee e catalogabili, mentre le relazioni stabiliscono il legame semantico tra le risorse. Potremmo ad esempio creare una relazione tra: un articolo con il suo autore; un autore con il suo curriculum; un autore con l insieme dei suoi libri. Affinché il web attuale possa diventare web semantico è necessario che ciascun documento diventi una risorsa e ciascun collegamento esprima una relazione. In sintesi, oltre al contenuto sintattico in sé, i documenti dovrebbero fornire informazioni sul proprio contenuto: i cosiddetti metadati. Per quanto riguarda standard e tecnologie, il web semantico va inteso come una struttura a gradini : uno stack formato da più componenti in cui ogni livello è la base per gli standard definiti ai livelli superiori. 7 di 20

8 Figura 1: Architettura del web semantico Esaminiamo ora brevemente la piramide partendo dalla base: Unicode: si tratta di un sistema di codifica che assegna una sequenza di bit a ogni carattere indipendentemente dal programma, dalla piattaforma e dalla lingua. Attraverso Unicode è possibile rappresentare i caratteri usati in quasi tutte le lingue vive e in alcune lingue morte, nonché simboli matematici e chimici, cartografici, l'alfabeto Braille, ideogrammi etc.. URI (Uniform Resource Identifier): è una stringa che identifica una risorsa nel web in maniera univoca. XML, Namespace e XML Schema: XML fornisce un insieme standard di regole sintattiche per modellare la struttura di documenti e dati. XML Schema è un documento XML che utilizza un insieme di tag speciali per definire la struttura di un documento XML. Infine un Namespace non è altro che un insieme di nomi, di elementi e/o attributi individuati in modo univoco da un identificatore. RDF e RDF Schema: RDF (Resource Description Framework) fornisce un insieme di regole per definire informazioni descrittive sui dati. RDF Schema fornisce, a sua volta, un metodo per combinare queste descrizioni in un singolo vocabolario. OWL (Ontology Web Language): è un linguaggio di markup utilizzato per rappresentare esplicitamente significato e semantica di termini con vocabolari e relazioni tra essi. Tale rappresentazione dei termini e delle relative relazioni costituisce una ontologia. 8 di 20

9 Fino a questo livello abbiamo brevemente identificato le tecnologie sottostanti il processo di rappresentazione della conoscenza. I gradini più elevati della piramide sono occupati da tecnologie ancora in evoluzione. Logica, Prova e Fiducia: affinché il web Semantico possa concretamente aiutarci estraendo autonomamente informazioni utili dalla enorme quantità di documenti web registrati semanticamente, sarà indispensabile costruire un potente linguaggio logico per realizzare le inferenze. I risultati ottenuti saranno validati attraverso motori di validazione costituiti da sequenze di formule derivate da assiomi. Infine il sistema restituirà solo quelle informazioni che secondo il richiedente proverranno da utenti di indubbia attendibilità. Gli altri elementi fondamentali sono rappresentati da: Agenti intelligenti: programmi capaci di eseguire compiti definiti da un utente in modo autonomo. Firma digitale: garantisce, basandosi su di un sistema crittografico, l autenticità delle varie asserzioni e permette di scoprire la loro provenienza. Spetta poi all'utente istruire il software del proprio computer di quali firme digitali fidarsi. Metadati: sono informazioni relative ai dati, tramite le quali è possibile ricavare delle informazioni sulla risorsa a cui sono associate. Ad ogni risorsa disponibile sul web dovrebbe essere associata una precisa descrizione Resource Description Framework L evoluzione del web in web semantico comincia con la definizione, da parte del W3C (associazione fondata da Tim Berners Lee con lo scopo di migliorare gli esistenti protocolli e linguaggi per il world wide web e di aiutare il web a sviluppare tutte le sue potenzialità) dello standard Resource Description Framework (RDF), una particolare applicazione XML che standardizza la definizione di relazioni tra informazioni. Attualmente, l informazione contenuta all interno di una qualsiasi risorsa, è strutturata in modo da essere "machine-readable" (leggibile da una macchina) ma non "machine-understandable" (comprensibile da una macchina). La mancanza di una caratterizzazione semantica pone infatti un limite nelle operazioni di elaborazione automatica delle informazioni sul web. 9 di 20

10 Al fine di colmare le lacune che impediscono alla macchina di interpretare l informazione possono essere utilizzati metadati, cioè descrizioni aggiuntive ai dati. Questa è appunto la funzione di RDF che, ispirandosi ai principi della logica dei predicati e ricorrendo agli strumenti tipici del web (URI) e dell XML (namespace), introduce un formalismo per la rappresentazione di metadati. L idea è quella di avvalersi di una struttura dati organizzata come un grafo orientato in cui i nodi rappresentano le risorse (soggetto e oggetto), mentre gli archi le relazioni (predicato). Come accennato, in RDF le informazioni sono esprimibili con asserzioni costituite da triple formate da: Soggetto: ciò di cui si parla; Predicato: è la proprietà, l attributo, la caratteristica che si vuole descrivere; Oggetto: è il valore della proprietà; Le asserzioni RDF possono essere rappresentate graficamente, in particolare: una risorsa viene rappresentata con un ellisse; le proprietà vengono rappresentate come archi etichettati; i valori corrispondenti a sequenze di caratteri vengono rappresentati come rettangoli RDF Data Model oggetti: Figura 2: Rappresentazione delle asserzioni RDF mette a disposizione un semplice modello per descrivere le risorse, basato su tre tipi di Risorsa: termine con il quale si fa riferimento a qualsiasi cosa descritta da un espressione RDF. Proprietà: è una caratteristica o una relazione utilizzata per descrivere una risorsa. 10 di 20

11 Asserzione: Una risorsa, con una proprietà distinta da un nome, e un valore della proprietà per la specifica risorsa, costituisce un asserzione RDF. Risorsa 1 Proprietà 2 Valore Valore Proprietà 1 Proprietà 3 Valore Risorsa 2 Proprietà 4 Valore Proprietà 5 Risorsa 3 Proprietà 6 Rispetto ad XML, RDF presenta alcuni vantaggi, come ad esempio la possibilità di definire facilmente il tipo e le proprietà degli oggetti. RDF limita ed evidenzia alcune caratteristiche di XML per renderlo un linguaggio rivolto alla descrizione di un oggetto, delle sue proprietà, e delle relazioni con gli altri oggetti. In particolare, le differenze tra RDF e XML sono: RDF è stato progettato appositamente per esprimere metadati. XML può anche essere usato per descrivere metadati, ma generalmente ha un rapporto molto più stretto con i dati. RDF esprime metadati nel senso più proprio, ovvero descrive contenuti di un documento che in esso non sono presenti. XML è fondato su una struttura ad inclusione che consente di esprimere in maniera semplice le relazioni di parentela ma che presenta dei limiti per la definizione di altre relazioni. Spesso è necessario far riferimento a più di una risorsa, ad esempio per esprimere che un libro è stato scritto da più autori oppure per elencare gli iscritti ad un corso, a tal fine in RDF è possibile definire i contenitori. RDF distingue tre tipi di oggetti contenitori: 11 di 20

12 Bag Sequence Alternative Un contenitore di tipo bag è una lista non ordinata di risorse utilizzata per dichiarare che una proprietà ha valori multipli e che l ordine con cui questi valori sono inseriti non è rilevante. Questi tipi di contenitori ammettono valori duplicati. Un contenitore di tipo sequence, invece, è una lista ordinata di risorse usata per dichiarare che una proprietà ha valori multipli e che l ordine dei valori è rilevante. Tale contenitore potrebbe essere usato, ad esempio, per conservare un ordine alfabetico dei valori. Sono ammessi valori duplicati. Infine un contenitore di tipo alternative è una lista di risorse che rappresenta un elenco di alternative al valore (singolo) di una proprietà. Esso potrebbe essere utilizzato, ad esempio, per indicare traduzioni in altre lingue del titolo di un opera, o per fornire una lista di siti Internet nei quali è reperibile la risorsa. Un applicazione che utilizza una proprietà il cui valore è un raccolta di tipo alternative sa di poter selezionare uno fra gli oggetti presenti nella lista RDF Schema Quando si utilizza RDF per descrivere gli elementi di uno specifico dominio è necessario prendere in considerazione la natura del dominio. Questo significa che il dominio interessato deve essere considerato in termini reali, in quanto, le categorie, le relazioni fra gli elementi del dominio e le regole che stabiliscono tali relazioni devono avere determinate caratteristiche per poter essere considerate valide. RDF Schema consente di definire il significato e le caratteristiche delle relazioni esistenti fra le risorse, descritte nel data model RDF, e le loro proprietà. Esso mette a disposizione un insieme di risorse e proprietà predefinite che prende il nome di vocabolario attraverso il quale è possibile definire particolari vocaboli e creare relazioni tra gli oggetti. I concetti resi disponibili da RDF Schema sono: Classe e SottoClasse SottoProprietà 12 di 20

13 Dominio e Codominio di una Proprietà Commenti, Etichette ed Informazioni Addizionali In conclusione, un RDF Schema consente di dare un significato ai diversi termini impiegati nelle asserzioni RDF, inoltre, esso mette a disposizione un meccanismo di specializzazione delle proprietà definendone i vincoli di applicabilità e organizzandole gerarchicamente, consentendo in questo modo di aggiungere connessioni (relazioni) tra molteplici risorse permettendo di fatto l estensione del significato (semantica). 13 di 20

14 3 Le ontologie 3.1 Definizione di ontologia Per raggiungere l'obiettivo prefissato dal web semantico occorre utilizzare l ontologia. L ontologia nasce come disciplina strettamente filosofica, distante dal mondo delle tecnologie. Negli ultimi anni, invece, l espandersi della comunicazione in rete ha consentito agli aspetti ontologici dell informazione di assumere un valore strategico. Inizialmente, le ontologie furono sviluppate nel settore dell intelligenza artificiale al fine di facilitare la condivisione e il riuso della conoscenza. Un ontologia, in informatica, è un insieme gerarchicamente strutturato di termini che descrive un dominio e che può essere utilizzato come schema per una base di conoscenza. Nell ambito del web semantico, Tim Berners-Lee definisce un ontologia come un file contenente la descrizione formale delle relazioni esistenti tra particolari termini. Lo scopo del web semantico è quello di utilizzare un vocabolario condiviso la cui semantica sia descritta in un formato non ambiguo e processabile da una macchina, compito affidato alle ontologie. Un ontologia fornisce quindi una concettualizzazione esplicita che descrive la semantica dei dati. La sua funzione è paragonabile a quella di un database ma con diverse differenze: i linguaggi utilizzati per definire le ontologie hanno una struttura sintattica ed una semantica molto più ricca rispetto al database; un ontologia deve usare una terminologia comune e concordata, affinché possa essere usata (e riusata) per la condivisione e lo scambio di informazioni; un ontologia fornisce la teoria per un dominio e non la struttura per un contenitore di dati; offre quindi non solo la rappresentazione, ma anche un punto di vista sul dominio esaminato. Le Ontologie servono quindi a: Separare la conoscenza dichiarativa sul dominio dalla conoscenza procedurale, e rendere perciò il sistema indipendente dall'applicazione e quindi esportabile in altri domini; Condividere una comprensione comune della struttura dell'informazione in un gruppo: interoperabilità, moduli accessibili anche da applicazioni esterne; 14 di 20

15 Fornire un vocabolario comune: interoperabilità semantica. (Due sistemi, facendo riferimento all'ontologia, possono comunicare anche se usano formati diversi di rappresentazione della conoscenza) Esplicitare le assunzioni sul dominio: modellizzazione della conoscenza del dominio. Esistono differenti tipi di ontologia: Top-level ontologies: concetti molto generali o comune senso di conoscenza, sono indipendenti dal dominio; Domain ontologies: vocabolario relativo ad un generico dominio (esempio: medicina, fisica); Task ontologies: vocabolario relativo ad un generico task o attività (esempio: diagnostica, vendite); Application ontologies: conoscenza proveniente da domain e task ontologies, è generalmente la loro specializzazione. Secondo Berners-Lee, la tipica ontologia per il web è formata da una tassonomia e da una serie di regole di inferenza che specificano ulteriormente le relazioni tra i termini stessi. Le tassonomie definisco classi e sottoclassi di oggetti, le loro proprietà e le relazioni tra di essi. La presenza di ontologie sul web può risolvere, ad esempio, problemi sul significato dei termini presenti nelle pagine e di conseguenza sulla comprensione del contenuto delle pagine stesse. In particolare, è possibile definire le ontologie come delle raccolte di classi e di nuove proprietà, reperibili sul web ad un determinato indirizzo. Al fine di esprimere formalmente le ontologie sono stati sviluppati diversi linguaggi, tra cui DAML-OIL e OWL (Ontology Web Language). 3.2 OWL (Ontology Web Language) L Ontology Web Language (OWL), sviluppato dal W3C, è un linguaggio utilizzato per definire e istanziare le ontologie web. Esistono tre diverse versioni di OWL, divise a seconda di complessità e potere espressivo crescenti. OWL-Lite è la versione sintatticamente più semplice. Attraverso OWL-Lite è possibile definire gerarchie di classi e vincoli poco complessi. 15 di 20

16 OWL-DL è una versione intermedia. Offre un potere espressivo elevato e conserva la decidibilità (tutte le computazioni vengono concluse in un tempo finito) e la completezza computazionale (tutte le conclusioni risultano infatti computabili). OWL-Full, infine, offre la massima espressività, ma non offre alcuna garanzia circa la completezza e la decidibilità (a differenza di OWL-DL). Ciascuna di queste versioni è un'estensione della versione più semplice, sia in ciò che può essere espresso sia in ciò che può essere validamente concluso. Le seguenti affermazioni sono vere, non è vero il contrario: Ogni ontologia OWL Lite legale è un'ontologia OWL DL legale. Ogni ontologia OWL DL legale è un'ontologia OWL Full legale. Ogni conclusione OWL Lite valida è una conclusione OWL DL valida. Ogni conclusione OWL DL è una conclusione OWL Full valida. Gli sviluppatori di ontologia che adottano OWL valutano quale sottolinguaggio si addice meglio ai loro bisogni. La scelta tra OWL Lite e OWL DL dipende dal grado di necessità degli utenti di aver bisogno delle strutture più espressive fornite da OWL DL. La scelta tra OWL DL e OWL Full dipende soprattutto dal grado di necessità degli utenti di aver bisogno degli strumenti di metamodeling dello Schema RDF. In confronto a OWL DL, il supporto di ragionamento, quando si usa OWL Full, è meno prevedibile poichè attualmente non esistono implementazioni complete di OWL Full. OWL Full può essere considerato come una estensione di RDF, mentre OWL Lite e OWL DL possono essere considerate come una estensione di una visione limitata di RDF. Ogni documento OWL (sia esso Lite, DL o Full) è un documento RDF, ed ogni documento RDF è un documento OWL Full, ma solo alcuni documenti RDF saranno un documento OWL Lite oppure OWL DL. A causa di questo, si deve fare attenzione quando si vuole trasformare un documento RDF in OWL. Quando l'espressività di OWL DL o OWL Lite è ritenuta appropriata, alcune precauzioni devono essere prese per assicurare che il documento originale osservi le limitazioni addizionali imposte da OWL DL e OWL Lite. 16 di 20

17 Un ontologia OWL si basa su tre componenti fondamentali: individui, proprietà e classi. Gli individui rappresentano gli oggetti appartenenti al dominio di interesse, le proprietà sono relazioni binarie tra individui, le classi rappresentano gruppi di individui. Città Persone Marco Napoli Franco hafiglio lavoraincittà Salerno hamoglie Roma Luisa Bari La figura mostra un esempio in cui sette individui (Marco, Franco, Luisa, Napoli, Salerno, Roma, Bari) sono raggruppati in due classi (Persone e Città) e relazionati attraverso tre tipi di proprietà (hafiglio, hamoglie e lavoraincittà). Gli individui sono rappresentati come piccoli tondi pieni, le classi come ovali vuoti e le proprietà come archi direzionati. Una ontologia costruita su questo esempio ci direbbe che: Marco, Franco e Luisa sono Persone, Napoli, Salerno, Roma e Bari sono Città. Marco ha un figlio che si chiama Franco, Franco ha una moglie che si chiama Luisa e Marco lavora a Roma. Le classi OWL possono essere organizzate in gerarchie e divise quindi in superclassi e sottoclassi dette tassonomie. Nel nostro esempio, dalla classe Persone è possibile derivare due sotto-classi: Donne e Uomini. Affermare che Uomini è una sottoclasse di Persone equivale a dire che tutti gli Uomini sono Persone. 17 di 20

18 4.1 Introduzione 4 Biblioteca digitale europea In un primo tempo, quando si parlava di biblioteca digitale europea, si faceva riferimento alla realizzazione, da parte delle biblioteche europee, di un comune catalogo interscambiabile di tutte le risorse, prevalentemente pubblicate su carta, disponibili nelle varie nazioni. Il Tel (The European Library), sistema che permette già attualmente di consultare i cataloghi online di diverse biblioteche nazionali, è stato creato da alcuni membri della Conferenza dei direttori delle biblioteche nazionali europee e ha fruito di finanziamenti della Comunità europea in fase iniziale. Eccezionalmente permetteva anche di accedere ad una serie di risorse digitalizzate provenienti dalle biblioteche aderenti al progetto. Con l'enorme progresso della rete Internet è venuto quasi spontaneo passare ad obiettivi più ambiziosi. Viviane Reding, commissario dell'unione Europea per la Società dell Informazione e dei Media, ha indicato un tempo di cinque anni per rendere disponibili in rete almeno sei milioni di risorse digitali, tra libri, documenti e altri beni culturali. La Commissione intende cofinanziare la creazione di una rete di centri di digitalizzazione. Essa desidera anche affrontare la questione della tutela dei diritti di proprietà intellettuale nel contesto delle biblioteche digitali. La Commissione ha pubblicato una sintesi dei risultati di un ampia consultazione online sulle biblioteche digitali iniziata il 30 settembre Le 225 risposte ricevute provengono da biblioteche, archivi e musei (46%), editori e titolari di diritti d autore (19%) nonché università, studiosi e docenti (14%). Le risposte sono generalmente favorevoli all iniziativa, considerata un occasione per rendere l eredità culturale europea più accessibile e utilizzabile su Internet. Esse dimostrano peraltro che le opinioni divergono sui problemi di copyright, in particolare tra istituzioni culturali e detentori dei diritti d autore. I risultati della consultazione sono stati utili alla Commissione per definire meglio l assetto concreto della Biblioteca digitale europea, che offrirà un accesso multilingue e altamente visibile alle risorse digitali delle istituzioni culturali europee. Essa si baserà sull infrastruttura TEL, il sistema che permette attualmente di consultare i cataloghi online di diverse biblioteche nazionali e di accedere anche ad una serie di risorse digitalizzate delle biblioteche aderenti.il nodo da risolvere è la collaborazione tra settore pubblico e privato in materia di digitalizzazione e copyright. 18 di 20

19 4.2 Europeana Europeana è un proggetto iniziato a luglio del 2007 con l obiettivo di creare un prototipo che permetta l accesso a due milioni di oggetti digitali, inclusi film, foto, quadri, file audio, mappe, manoscritti, libri, giornali e pubblicazioni. Il prototipo vedrà la luce entro il Il progetto Europeana nasce all interno del programma econtentplus. Originariamente parte come European digital library network (EDLnet) e coinvolge attualmente 90 organizzazioni rappresentative nel patrimonio culturale europeo. Supervisiore del progetto è la EDL Foundation, che racchiude associazioni chiave all interno del patrimonio culturale europeo. Europeana si basa su standard internazionali che assicurano la raccolta e le pubblicazione, in un unico schema cross-domain, di contenuti digitali eterogenei provenienti da archivi, musei, biblioteche e collezioni audio-video: Dublin Core: sistema di metadati costituito da un nucleo di elementi essenziali ai fini della descrizione di qualsiasi materiale digitale accessibile via rete informatica, OAI-PMH (Open Archive Protocol for Metadata Harvesting): protocollo di comunicazione che permette l'interazione tra più depositi per la disseminazione della conoscenza scientifica. OAI-PMH è un framework per l interoperabilità totalmente indipendendente dal contesto applicativo. Si appoggia all HTTP, protocollo di comunicazione del WWW, per la sintassi di comunicazione, e al concetto di raccolta di metadati per le funzionalità. XML: metalinguaggio creato e gestito dal World Wide Web Consortium (W3C). All interno di Europeana queste tre tecnologie vengono utilizzate rispettivamente per: interoperabilità dei metadati provenienti dai vari settori (Dublin Core), distribuzione delle informazioni dalle banche dati al portale (OAI-PMH) e rappresentazione dei dati (XML). I contenuti digitali saranno selezionati tra quelli già disponibili nei musei, nelle biblioteche, negli archivi e nelle collezioni audio-visive europee. Il prototipo mira a rappresentare contenuti 19 di 20

20 provenienti da queste quattro macro categorie ma soprattutto a raccogliere contenuti provenienti da ogni parte d Europa. L interfaccia sarà multilingue. Inizialmente si prevede un interfaccia disponibile in francese, inglese e tedesco, ma si mira all aumento del numero di lingue col passare del tempo. L intento principale di Europeana è di fornire, entro il 2010, accesso diretto a oltre 6 milioni di contenuti digitali, tra file audio, foto, libri, film e video d archivio. Europeana si pone quindi come progetto di punta per lo sviluppo e la diffusione della cultura all interno del panorama europeo e mondiale. 20 di 20

Indice INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 ORGANIZZAZIONE DI CONTENUTI MULTIMEDIALI E WEB SEMANTICO PROF. ANTONIO TUFANO Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il Web Semantico. Linguaggi. Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni A.A. 2010-2011

Il Web Semantico. Linguaggi. Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni A.A. 2010-2011 Linguaggi Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni A.A. 2010-2011 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it Il Web Semantico Semantic Web

Dettagli

Categorie e oggetti. Il Web semantico. Ontologie di dominio. Le motivazioni del web semantico. Web semantico e logiche descrittive

Categorie e oggetti. Il Web semantico. Ontologie di dominio. Le motivazioni del web semantico. Web semantico e logiche descrittive Categorie e oggetti Web semantico e logiche descrittive M. Simi, 2014-2015 Cap 2 del "Description Logic Handbook" Lezioni di U.Straccia Molti dei ragionamenti che si fanno sono sulle categorie piuttosto

Dettagli

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 1. Introduzione...3 1.2. Application vs Tool... 3 2. Componenti logiche di un modello... 6 3. Ontologie e Semantic

Dettagli

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web Il World Wide Web Il Web Claudio Fornaro ver. 1.3 1 Il World Wide Web (ragnatela di estensione mondiale) o WWW o Web è un sistema di documenti ipertestuali collegati tra loro attraverso Internet Attraverso

Dettagli

Enrico Fagnoni BOTK IN A NUTSHELL

Enrico Fagnoni <e.fagnoni@e-artspace.com> BOTK IN A NUTSHELL Enrico Fagnoni BOTK IN A NUTSHELL 20/01/2011 1 Business Ontology ToolKit Business Ontology Toolkit (BOTK) è un insieme estensibile di strumenti per realizzare applicazioni basate

Dettagli

Convegno delle Stelline 20ᵃ edizione

Convegno delle Stelline 20ᵃ edizione Convegno delle Stelline 20ᵃ edizione RDA e Linked data: un binomio naturale. Linee guida e tecnologie per gli ILS di nuova generazione Tiziana Possemato @Cult I dati delle biblioteche nel web semantico

Dettagli

Internet e le Mappe Cognitive

Internet e le Mappe Cognitive Dott. Gianluca De Grandis www.deghi.com/coevo newcoevo@deghi.com 1.1 L organizzazione attuale dei siti Web Il World Wide Web fu inventato nel 1989 da Tim Berners-Lee 1 presso il CERN di Ginevra. Il progetto

Dettagli

Motori di ricerca di ultima generazione: il web semantico

Motori di ricerca di ultima generazione: il web semantico Motori di ricerca di ultima generazione: il web semantico Quando parliamo di vie di comunicazione di un sistema EWS, è opportuno pensare a quale strada può essere la più rapida per il recupero dei dati

Dettagli

Rappresentazione della Conoscenza. Lezione 10. Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0

Rappresentazione della Conoscenza. Lezione 10. Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0 Rappresentazione della Conoscenza Lezione 10 Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0 Sistemi ed applicazioni Sistemi di rappresentazione della conoscenza basati su logiche descrittive.

Dettagli

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Daniele Silvi, Domenico Fiormonte, Fabio Ciotti fiormont@uniroma3.it - silvi@lettere.uniroma2.it - ciotti@lettere.uniroma2.it 1 La digitalizzazione

Dettagli

XML metadati Semantic Web. Dall interoperabilità sintattica a quella semantica Fabio Ciotti

XML metadati Semantic Web. Dall interoperabilità sintattica a quella semantica Fabio Ciotti Dall interoperabilità sintattica a quella semantica Fabio Ciotti Una delle conseguenze più rilevanti della diffusione del Web è il passaggio definitivo dai sistemi informativi monade ai sistemi aperti

Dettagli

Introduzione al Semantic Web

Introduzione al Semantic Web Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Giuseppe Loseto Dal Web al Semantic Web 2 Dal Web al Semantic Web: Motivazioni Il Web dovrebbe

Dettagli

3.1 Introduzione al Web Semantico

3.1 Introduzione al Web Semantico Informatica Applicata 3.1 Introduzione al Web Semantico Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE 3.1 Introduzione al Web Semantico*

Dettagli

2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura

2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura Fondamenti di Informatica Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Informatica Applicata 2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE

Dettagli

Protocollo di metadata harvesting OAI-PMH Lavoro pratico 2

Protocollo di metadata harvesting OAI-PMH Lavoro pratico 2 Docente: prof.silvio Salza Candidato: Protocollo di metadata harvesting OAI-PMH Open Archive Initiative OAI (Open Archive Initiative) rendere facilmente fruibili gli archivi che contengono documenti prodotti

Dettagli

RICERCA DELL INFORMAZIONE

RICERCA DELL INFORMAZIONE RICERCA DELL INFORMAZIONE DOCUMENTO documento (risorsa informativa) = supporto + contenuto analogico o digitale locale o remoto (accessibile in rete) testuale, grafico, multimediale DOCUMENTO risorsa continuativa

Dettagli

Semantic Web. Semantic Web. Il Semantic Web: una semplice estensione. Il Web oggi. Il Semantic Web. Semantic Web

Semantic Web. Semantic Web. Il Semantic Web: una semplice estensione. Il Web oggi. Il Semantic Web. Semantic Web Semantic Web L. Farinetti - Politecnico di Torino Semantic Web Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino farinetti@polito.it 1 z Seconda generazione del Web z conceptual structuring

Dettagli

Progetti di cooperazione internazionale e nazionale per la catalogazione e la riproduzione digitale

Progetti di cooperazione internazionale e nazionale per la catalogazione e la riproduzione digitale Progetti di cooperazione internazionale e nazionale per la catalogazione e la riproduzione digitale Rossella Caffo Direttore Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane Milano, 14

Dettagli

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Relatore Chiarissimo

Dettagli

Tecnologie digitali e siti web per i beni culturali

Tecnologie digitali e siti web per i beni culturali 55 Stefano Cesarini Il mondo dei beni culturali italiani ed europei sta vivendo una fervida fase di promozione e valorizzazione del proprio patrimonio, anche per l innovativo utilizzo di strumenti di conoscenza

Dettagli

I metadati per la gestione e conservazione dei documenti elettronici. Fiorella Foscarini Firenze, 17 giugno 2007

I metadati per la gestione e conservazione dei documenti elettronici. Fiorella Foscarini Firenze, 17 giugno 2007 I metadati per la gestione e conservazione dei documenti elettronici Fiorella Foscarini Firenze, 17 giugno 2007 Argomenti Che cosa sono i metadati Criticità relative a definizione, indentificazione e classificazione

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

SISTEMI DOCUMENTALI DISTRIBUITI PER LA CREAZIONE DI COMUNITÀ COOPERANTI

SISTEMI DOCUMENTALI DISTRIBUITI PER LA CREAZIONE DI COMUNITÀ COOPERANTI SISTEMI DOCUMENTALI DISTRIBUITI PER LA CREAZIONE DI COMUNITÀ COOPERANTI Il caso di studio della piattaforma Octapy CMS e i circuiti informativi della cultura delle regioni Campania e Puglia 3 C.Noviello

Dettagli

IL WEB SEMANTICO. INTERNET PENSANTE la piu avanzata ipotesi di intelligenza collettiva

IL WEB SEMANTICO. INTERNET PENSANTE la piu avanzata ipotesi di intelligenza collettiva IL WEB SEMANTICO INTERNET PENSANTE la piu avanzata ipotesi di intelligenza collettiva Termine web semantico: è associato all idea di un web nel quale agiscano agenti intelligenti in grado di comprendere

Dettagli

Software per lo storage di contenuti multimediali Manuale d'uso

Software per lo storage di contenuti multimediali Manuale d'uso SP1 Software per lo storage di contenuti multimediali Manuale d'uso Il documento Sp1 rappresenta il manuale d'uso del prototipo software per lo storage dei contenuti multimediali. L'utente destinatario

Dettagli

Creare ontologie ONTOLOGIE, DESCRIPTION LOGIC, PROTÉGÉ STEFANO DE LUCA

Creare ontologie ONTOLOGIE, DESCRIPTION LOGIC, PROTÉGÉ STEFANO DE LUCA Creare ontologie ONTOLOGIE, DESCRIPTION LOGIC, PROTÉGÉ STEFANO DE LUCA Punto di partenza: materia per ragionare Gli agenti intelligenti possono usare tecniche deduttive per raggiungere il goal Per fare

Dettagli

Descrizione Formale Esplicita Dominio

Descrizione Formale Esplicita Dominio Ontologia Abbiamo visto che tassonomie e tesauri fissano una semantica. Per arricchire la semantica si deve passare a modelli concettuali e teorie logiche. Un modello concettuale è il modello di una particolare

Dettagli

Sistemi Informativi Multimediali 1 - Introduzione

Sistemi Informativi Multimediali 1 - Introduzione Che cos è un sistema informativo multimediale? Sistemi Informativi li 1 - Introduzione Augusto Celentano Università Ca Foscari di Venezia Un sistema informativo multimediale (MMDBMS) è un framework che

Dettagli

I punti preliminari da trattare

I punti preliminari da trattare Alma Mater Studiorum Università di Bologna Facoltà di Economia - Bologna CLEA, CLED, CLEF,CLEM Prof. Jacopo Di Cocco Idoneità informatica e Sistemi informatici Parte prima Il word wide web e l informazione

Dettagli

UN SISTEMA DI ARCHIVI AUDIOVISIVI. Accesso on line ai metadati e ai dati

UN SISTEMA DI ARCHIVI AUDIOVISIVI. Accesso on line ai metadati e ai dati scaletta per seminario 14-12-05 UN SISTEMA DI ARCHIVI AUDIOVISIVI sul tema Accesso on line ai metadati e ai dati a cura di Francesco Baldi Discoteca di Stato e Museo dell Audiovisivo novembre 2005 Quadro

Dettagli

connessioni tra i singoli elementi Hanno caratteristiche diverse e sono presentati con modalità diverse Tali relazioni vengono rappresentate QUINDI

connessioni tra i singoli elementi Hanno caratteristiche diverse e sono presentati con modalità diverse Tali relazioni vengono rappresentate QUINDI Documenti su Internet LINGUAGGI DI MARKUP Internet permette (tra l altro) di accedere a documenti remoti In generale, i documenti acceduti via Internet sono multimediali, cioè che possono essere riprodotti

Dettagli

Introduzione ai lavori del Gruppo di studio sui metadati descrittivi. Cristina Magliano

Introduzione ai lavori del Gruppo di studio sui metadati descrittivi. Cristina Magliano Introduzione ai lavori del Gruppo di studio sui metadati descrittivi Cristina Magliano Il Gruppo di lavoro sui metadati descrittivi ha iniziato l attività partendo dall'analisi del primo standard di metadati

Dettagli

MICHAEL (Multilingual Inventory of Cultural Heritage in Europe) www.michael-culture.org

MICHAEL (Multilingual Inventory of Cultural Heritage in Europe) www.michael-culture.org MICHAEL (Multilingual Inventory of Cultural Heritage in Europe) www.michael-culture.org Creare un portale europeo multilingue che dà accesso integrato al patrimonio culturale europeo attraverso le collezioni

Dettagli

TRAME :: web 2.0 e archivi digitali

TRAME :: web 2.0 e archivi digitali TRAME :: web 2.0 e archivi digitali Gianni Corino - Andrea Bottino Politecnico di Torino Trame Tecnologie e ambienti di rete per la memoria culturale del XXI secolo Progetto PRIN biennale (2005-2007) cofinanziato

Dettagli

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4)

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) Architettura del WWW World Wide Web Sintesi dei livelli di rete Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) - Connessione fisica - Trasmissione dei pacchetti ( IP ) - Affidabilità della comunicazione

Dettagli

Programma. Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali. Obiettivi della conservazione digitale. Laurea Magistrale in Informatica

Programma. Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali. Obiettivi della conservazione digitale. Laurea Magistrale in Informatica Laurea Magistrale in Informatica Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Programma Progettazione Gli standard tecnici Ciclo di vita delle risorse digitali Trattamento

Dettagli

Promuovere l accesso on line al patrimonio culturale europeo: i progetti MINERVA e MICHAEL

Promuovere l accesso on line al patrimonio culturale europeo: i progetti MINERVA e MICHAEL Promuovere l accesso on line al patrimonio culturale europeo: i progetti MINERVA e MICHAEL Rossella Caffo Ministero per i Beni e le Attività Culturali Le iniziative del MiBAC La rete MINERVA MICHAEL Il

Dettagli

1. Rappresentazione della conoscenza 2. Ontologie 3. Usi delle ontologie 4. Progettazione di un ontologia 5. Esempio di progettazione di una

1. Rappresentazione della conoscenza 2. Ontologie 3. Usi delle ontologie 4. Progettazione di un ontologia 5. Esempio di progettazione di una 1. Rappresentazione della conoscenza 2. Ontologie 3. Usi delle ontologie 4. Progettazione di un ontologia 5. Esempio di progettazione di una ontologia 1 Rappresentazione della conoscenza Il problema di

Dettagli

Appunti di Sistemi Distribuiti

Appunti di Sistemi Distribuiti Appunti di Sistemi Distribuiti Matteo Gianello 27 settembre 2013 1 Indice 1 Introduzione 3 1.1 Definizione di sistema distribuito........................... 3 1.2 Obiettivi.........................................

Dettagli

MetaMAG METAMAG 1 IL PRODOTTO

MetaMAG METAMAG 1 IL PRODOTTO METAMAG 1 IL PRODOTTO Metamag è un prodotto che permette l acquisizione, l importazione, l analisi e la catalogazione di oggetti digitali per materiale documentale (quali immagini oppure file di testo

Dettagli

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

La parola Ontologia non ha un unico significato:

La parola Ontologia non ha un unico significato: PROGRAMMING Ontologie OWL: Prima puntata Teoria e Pratica Le ontologie sono uno strumento sempre più diffuso tra gli sviluppatori Web per i vantaggi che offrono nella condivisione delle informazioni. In

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica Introduzione al Web WWW World Wide Web CdL Economia A.A. 2012/2013 Domenica Sileo Università degli Studi della Basilicata Introduzione al Web : WWW >> Sommario Sommario 2 n World

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di BBCC Corso di Progettazione e gestione di risorse digitali per i beni culturali

Università di Macerata Facoltà di BBCC Corso di Progettazione e gestione di risorse digitali per i beni culturali Università di Macerata Facoltà di BBCC Corso di Progettazione e gestione di risorse digitali per i beni culturali prof. Pierluigi Feliciati Modulo 2-2 Oltre il sito web: interoperabilità Web 2.0 Web semantico

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP Corso di Sistemi Distribuiti Prof. S. Balsamo Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP [ 777775] 1 INTRODUZIONE 3 2 RPC 3 3 SOAP (SIMPLE OBJECT ACCESS PROTOCOL) 3 4 UTILIZZO DI SOAP COME PROTOCOLLO

Dettagli

Informatica Applicata 3.3 OWL. Antonella Poggi. Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE

Informatica Applicata 3.3 OWL. Antonella Poggi. Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE Informatica Applicata 3.3 OWL Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE The Semantic Web Tower Antonella Poggi Pagina 2 Le ontologie

Dettagli

L architettura del sistema può essere schematizzata in modo semplificato dalla figura che segue.

L architettura del sistema può essere schematizzata in modo semplificato dalla figura che segue. Il software DigitalRepository/AMBiblioweb (DRBW) è un sistema di gestione completo per repository digitali implementato secondo lo standard MAG 2.0 e successive revisioni, in accordo con il modello OAIS.

Dettagli

Internet Architettura del www

Internet Architettura del www Internet Architettura del www Internet è una rete di computer. Il World Wide Web è l insieme di servizi che si basa sull architettura di internet. In una rete, ogni nodo (detto host) è connesso a tutti

Dettagli

Ontologie OWL: Teoria e Pratica

Ontologie OWL: Teoria e Pratica Le ontologie sono uno strumento sempre più diffuso tra gli sviluppatori Web per i vantaggi che offrono nella condivisione delle informazioni. In questo mini-corso di tre lezioni cercheremo, attraverso

Dettagli

Strumenti e tecnologie per il web Gianluca Merlo 28/10/2014. https://www.flickr.com/photos/kalexanderson/52773348

Strumenti e tecnologie per il web Gianluca Merlo 28/10/2014. https://www.flickr.com/photos/kalexanderson/52773348 Strumenti e tecnologie per il web Gianluca Merlo 28/10/2014 https://www.flickr.com/photos/kalexanderson/52773348 https://www.flickr.com/photos/81171474@n06/7437936 Internet vs Web. Quale differenza? https://www.flickr.com/photos/pocphotography/12462536895/sizes/l

Dettagli

Tesi disponibili nell ambito del progetto FP7 ARISTOTELE. Tesi disponibili nell ambito del progetto INDUSTRIA 2015 KITE.it

Tesi disponibili nell ambito del progetto FP7 ARISTOTELE. Tesi disponibili nell ambito del progetto INDUSTRIA 2015 KITE.it Tesi disponibili nell ambito del progetto FP7 ARISTOTELE Ambiente collaborativo per il design e l innovazione Il lavoro si concentrerà sullo sviluppo di specifici componenti di un ambiente collaborativo

Dettagli

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli INTERNET Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli PARTE 1 INTERNET: LA RETE DELLE RETI 2 È ALQUANTO DIFFICILE RIUSCIRE A DARE UNA DEFINIZIONE ESAUSTIVA E CHIARA DI INTERNET IN POCHE PAROLE

Dettagli

Dai metadati all harvesting

Dai metadati all harvesting Dai metadati all harvesting la gestione di risorse informative attraverso repository interoperabili di Gino Roncaglia 1 Pubblicato su Culture del testo e del documento 26/2008, pp. 109 122 1. Cosa sono

Dettagli

Il social network dei blog italiani La mappa dei blogosfera italiana Febbraio 2005

Il social network dei blog italiani La mappa dei blogosfera italiana Febbraio 2005 liani 2005 Il social network dei blog italiani La mappa dei blogosfera italiana Febbraio 2005 1 Il Social Network dei blog italiani Introduzione...4 La dimensione della blogosfera...5 Percorsi della blogosfera...7

Dettagli

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione HTML e Linguaggi Politecnico di Facoltà del Design Bovisa Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione cugola@elet.polimi.it http://home.dei.polimi.it/cugola Indice Il linguaggio del

Dettagli

Cooperazione amministrativa e semantica: Il ruolo del Documento Intelligente

Cooperazione amministrativa e semantica: Il ruolo del Documento Intelligente Cooperazione amministrativa e semantica: Il ruolo del Documento Intelligente Romeo Pruno L attuazione dell e-government ha reso possibile la presentazione sul mercato IT di una grande quantità di soluzioni

Dettagli

POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14. Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro. Dispensa

POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14. Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro. Dispensa DISPENSA I.C.T. POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14 Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro Dispensa IL WORLD WIBE WEB: LINGUAGGI, STRUTTURE, FUNZIONI INDICE L ESPLOSIONE

Dettagli

Prima Parte. Università degli Studi di Napoli -- Classi, proprietà, individui e restrizioni. Gennaro Gambardella

Prima Parte. Università degli Studi di Napoli -- Classi, proprietà, individui e restrizioni. Gennaro Gambardella Università degli Studi di Napoli -- CDL in Informatica Basi di dati Multimediali Prima Parte Classi, proprietà, individui e restrizioni Gennaro Gambardella Tratto da Ontologie OWL: Teoria e Pratica di

Dettagli

GLOSSARIO/DEFINIZIONI

GLOSSARIO/DEFINIZIONI ALLEGATO 1 GLOSSARIO/DEFINIZIONI Indice 1 2 INTRODUZIONE DEFINIZIONI Allegato alle Regole tecniche in materia di documento informatico e gestione documentale, protocollo informatico e di documenti informatici

Dettagli

Sistemi di biblioteche digitali per la ricerca e la didattica: l esperienza del CNR-ISTI

Sistemi di biblioteche digitali per la ricerca e la didattica: l esperienza del CNR-ISTI Sistemi di biblioteche digitali per la ricerca e la didattica: l esperienza del CNR-ISTI Stefania Biagioni e Donatella Castelli Istituto di Scienza e Tecnologie dell Informazione A Faedo CNR stefania.biagioni@isti.cnr.it

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA 05/11/14 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di SISTEMI DISTRIBUITI 7. I processi : il naming Prof. S.Pizzutilo Il naming dei processi Nome = stringa di bit o di caratteri utilizzata per

Dettagli

GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE

GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE di K A T H A G E D O R N, A R G U S A S S O C I A T E S MARZO 2 0 0 0 traduzione di: BARBARA WIEL MARIN DICEMBRE 2009 1 GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE

Dettagli

Sommario [1/2] Vannevar Bush Dalle Biblioteche ai Cataloghi Automatizzati Gli OPAC accessibili via Web Le Biblioteche Digitali

Sommario [1/2] Vannevar Bush Dalle Biblioteche ai Cataloghi Automatizzati Gli OPAC accessibili via Web Le Biblioteche Digitali Introduzione alle Biblioteche Digitali Sommario [1/2] Cenni storici Vannevar Bush Dalle Biblioteche ai Cataloghi Automatizzati Gli OPAC accessibili via Web Le Biblioteche Digitali Cos è una Biblioteca

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Rete Internet Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Che cos è Internet? Il punto

Dettagli

Internet e World Wide Web

Internet e World Wide Web Alfonso Miola Internet e World Wide Web Dispensa C-02 Settembre 2005 1 Nota bene Il presente materiale didattico è derivato dalla dispensa prodotta da Luca Cabibbo Dip. Informatica e Automazione Università

Dettagli

Costruire un progetto di digitalizzazione

Costruire un progetto di digitalizzazione Convegno di studio ABEI Senigallia 2012 Costruire un progetto di digitalizzazione standard, formati e strumenti adeguati agli obiettivi di un progetto relatore dr. Paolo Tentori Novantiqua Multimedia BIBLIOTECA

Dettagli

Agent and Object Technology Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Fondamenti di Informatica

Agent and Object Technology Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Fondamenti di Informatica Agent and Object Technology Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Linguaggi di Programmazione Michele Tomaiuolo Linguaggi macchina I

Dettagli

Il Livello delle Applicazioni

Il Livello delle Applicazioni Il Livello delle Applicazioni Il livello Applicazione Nello stack protocollare TCP/IP il livello Applicazione corrisponde agli ultimi tre livelli dello stack OSI. Il livello Applicazione supporta le applicazioni

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Reti di Calcolatori. Vantaggi dell uso delle reti. Cosa è una rete? Punto di vista logico: sistema di dati ed utenti distribuito

Reti di Calcolatori. Vantaggi dell uso delle reti. Cosa è una rete? Punto di vista logico: sistema di dati ed utenti distribuito Cosa è una rete? Punto di vista logico: sistema di dati ed utenti distribuito Punto di vista fisico: insieme di hardware, collegamenti, e protocolli che permettono la comunicazione tra macchine remote

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

Fondamenti di Informatica 7. Linguaggi di programmazione

Fondamenti di Informatica 7. Linguaggi di programmazione I linguaggi di alto livello Fondamenti di Informatica 7. Linguaggi di programmazione Introduzione alla programmazione Caratteristiche dei linguaggi di programmazione I linguaggi di programmazione di alto

Dettagli

Applicazioni e Architetture Internet. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma

Applicazioni e Architetture Internet. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma Applicazioni e Architetture Internet 1 Introduzione Introduzione alle architetture a tre livelli Formati di dati per il Web HTML, XML, DTD 2 Componenti dei sistemi dataintensive Tre tipi separati di funzionalità:

Dettagli

Laboratorio Matematico Informatico 2

Laboratorio Matematico Informatico 2 Laboratorio Matematico Informatico 2 (Matematica specialistica) A.A. 2006/07 Pierluigi Amodio Dipartimento di Matematica Università di Bari Laboratorio Matematico Informatico 2 p. 1/1 Informazioni Orario

Dettagli

Sistemi Informativi e Servizi in Rete

Sistemi Informativi e Servizi in Rete Sistemi Informativi e Servizi in Rete prof. V. De Antonellis Dipartimento di Ingegneria dell'informazione Università di Brescia valeria.deantonellis@ing.unibs.it Materiale del corso Sito web: www.ing.unibs.it/~deantone/

Dettagli

Rivista del digitale nei beni culturali

Rivista del digitale nei beni culturali Numero 1-2006 Rivista del digitale nei beni culturali ICCU-ROMA Il censimento delle collezioni digitalizzate degli atenei e degli enti di ricerca italiani nell ambito del portale Michael Laura Tallandini

Dettagli

I Principali Servizi del Protocollo Applicativo

I Principali Servizi del Protocollo Applicativo 1 I Principali Servizi del Protocollo Applicativo Servizi offerti In questa lezione verranno esaminati i seguenti servizi: FTP DNS HTTP 2 3 File Transfer Protocol Il trasferimento di file consente la trasmissione

Dettagli

Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa

Oreste Signore, <oreste@w3.org> Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa http://www.w3c.it/education/2012/upra/basicinternet/#(1) 1 of 16 Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa Master in Comunicazione

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

La macchina siamo noi

La macchina siamo noi Altri La macchina siamo noi Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia Diapositiva 1 di 24 Perchè questa trattazione? Perchè il più grande flusso di informazioni oggi lo abbiamo

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE WEB EDITING - Versione 2.0

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE WEB EDITING - Versione 2.0 EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE WEB EDITING - Versione 2.0 Copyright 2010 The European Computer Driving Licence Foundation Ltd. Tutti I diritti riservati. Questa pubblicazione non può essere riprodotta

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Rete Internet Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Che cos è Internet? Il punto

Dettagli

Capitolo 3. Il funzionamento delle reti

Capitolo 3. Il funzionamento delle reti Capitolo 3 Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno

Dettagli

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: Reti di computer ed Internet nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Reti di computer ed Internet

Reti di computer ed Internet Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Pubblicazione di Linked Data in e-commerce: Progettazione e Sperimentazione (Riassunto)

Pubblicazione di Linked Data in e-commerce: Progettazione e Sperimentazione (Riassunto) Universitá degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Corso di Laurea in Informatica Pubblicazione di Linked Data in e-commerce: Progettazione e Sperimentazione

Dettagli

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni White paper Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni Panoramica Questo documento analizza il supporto alla programmabilità nell'infrastruttura ACI (Application Centric

Dettagli

Compilare e gestire bibliografie: i software gratuiti. a cura di Laura Perillo Sistema Bibliotecario di Ateneo Agg. ottobre 2014

Compilare e gestire bibliografie: i software gratuiti. a cura di Laura Perillo Sistema Bibliotecario di Ateneo Agg. ottobre 2014 Compilare e gestire bibliografie: i software gratuiti a cura di Laura Perillo Sistema Bibliotecario di Ateneo Agg. ottobre 2014 I software per la gestione di bibliografie Chiamati reference managers o

Dettagli

La rete Internet. Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin

La rete Internet. Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin La rete Internet Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione Università di Brescia 1 Che

Dettagli

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese)

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) Approvate con delibera della Giunta Comunale n.30 del 18.05.2015 Linee guida per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati (open data) Redatte ai sensi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2015/2016 PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2015/2016 PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ISIS"Giulio Natta" Bergamo pag. 1 di 6 PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Disciplina INFORMATICA monte ore annuale previsto (n. ore settimanali per 33 settimane) 2X33 = 66 competenze

Dettagli

Introduzione a Semantic Web. Informazione semantica (I): RDF e RDFS Informazione semantica (II): OWL Logiche, proof e trust

Introduzione a Semantic Web. Informazione semantica (I): RDF e RDFS Informazione semantica (II): OWL Logiche, proof e trust Ing. Federico Chesani SEMANTIC WEB Outline Outline Introduzione a Semantic Web Caratterizzazione del World Wide Web odierno La proposta Semantic Web Architettura del Semantic Web Informazione semantica

Dettagli

G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I

G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I Introduzione ad XML G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I XML XML (Extensible Markup Language) è un insieme standard di regole sintattiche per modellare la struttura di

Dettagli

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web CORSO EDA Informatica di base Introduzione alle reti informatiche Internet e Web Rete di computer Una rete informatica è un insieme di computer e dispositivi periferici collegati tra di loro. Il collegamento

Dettagli

SHARE CATALOGUE: le biblioteche universitarie in Linked Open Data

SHARE CATALOGUE: le biblioteche universitarie in Linked Open Data SHARE CATALOGUE: le biblioteche universitarie in Linked Open Data Roberto delle Donne (Università degli Studi di Napoli Federico II) Tiziana Possemato (@Cult) SHARE Scholarly Heritage and Access to Research

Dettagli

Introduzione a RDF (Resource Description Framework)

Introduzione a RDF (Resource Description Framework) Introduzione a RDF (Resource Description Framework) Abbiamo visto che uno degli obiettivi del Web Semantico è quello di rendere le risorse comprensibili e utilizzabili da agenti software. Un ruolo molto

Dettagli

Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro.

Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro. Esercizio di GRUPPO: PROTOCOLLO INFORMATICO Mappa concettuale TECNOLOGIE DISPONIBILI Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro.

Dettagli