Rassegna Stampa. Lunedì 24 Marzo 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna Stampa. Lunedì 24 Marzo 2014"

Transcript

1 Rassegna Stampa Lunedì 24 Marzo 2014

2 Sommario Testata Data Pag. Titolo p. 1. Fondi pensione Affari & Finanza - supp. la Repubblica PLUS 24 - supp. Il Sole 24 Ore 24/03/ I fondi pensione in forte ascesa e con le nuove leggi c'è più elasticità (Frojo Marco) 1 Fondi sulla via della Borsa ma c'è chi dice «no». D'Agostino: «Stop alle barriere nella distribuzione». Gli effetti del nuovo Fisco su fondi comuni ed Etf (Ursino Gianfranco;D'Angerio Vi) Previdenza Italia Oggi 24/03/ Parasubordinati ai contributi forzati per salvare l'inps. II paradosso dell'accredito contributivo (Cirioli Daniele) Sole 24 Ore (Il) 1 Il governo - Poletti: il taglio del contenzioso primo obiettivo della riforma (Bricco Paolo) Sole 24 Ore (Il) 1 Come cambia il lavoro - Durc consultabile online (Cannioto Antonino;Maccarone Gi) Italia Oggi 1 Facile assumere apprendisti - Apprendisti, assunzioni facili (Cirioli Daniele)

3 Estratto da pag. 31. Ezio Mauro Lunedì 24/03/2014 [ UV SITU AZIONE] I fondi pensione in forte ascesa e con le nuove leggi c'è più elasticità Seppur con dimensioni decisamente inferiori a quelli del mondo occidentale, i fondi pensione sudamericani mostrano una interessante dinamica. I loro numeri sono infatti in rapida ascesa e il loro sviluppo non è solo quantitativo ma anche qualitativo. Le recenti normative emanate dai governi locali consentono toro di investire più liberamente e l'interesse per gli asset occidentali è in crescita. Il mercato dei fondi pensioni ha un valore di 280 miliardi di dollari nel solo Brasile, seguono i 29 miliardi di quello peruviano eilsmiliardidimessicoe Cile. Da un punto di vista normativo è particolarmente interessante il caso del Perù, che ha di recente autorizzato i fondi pensioni locali a investire fino all'80% delle proprie risorse in asset stranieri. Attualmente l'america Latina è il terzo maggior acquirente di fondi Ucits dopo l'europa e l'asia. I fondi Ucits rispettano le norme imposte dall'unione Europea che regolamentano tre aspetti fondamentali: questi strumenti finanziari sottostanno alle stesse regole in ogni Paese dell'unione Europea e sono quindi liberamente distribuibili in Europa; essi possono inoltre investire in numerosi strumenti finanziari, purché previsti dalla legge, e contengono restrizioni agli investimenti, volte a proteggere gli investitori. (m.fr.) O RIPRODUZIONE RISERVATA Fondi pensione Pag. 1

4 Estratto da pag. 1 FONDI COMUNI IN PI AZZA AFFARI Rilevazione di Plus24 fra le Sgr: prevalgono i favorevoli Ecco perché la negoziazione può far bene ai risparmiatori ALL'INTERNO DI PLUS24 4 II dilemma quotazione Fondi sulla via della Borsa ma «c'è chi dice no» di Gianfranco Ursino 5 M dilemma quotazione D'Agostino (Consob): «Stop alle barriere nella distribuzione» di D'Angerio e Ursino La variabile Erario Gli effetti del nuovo Fisco su fondi comuni ed Etf di Gianfranco Ursino La variabile Erario Investimenti e imposte: copiamo dagli inglesi di Vitaliano D'Angerio Fondi pensione Pag. 2

5 Estratto da pag. 1 IL DILEMMA QUOTAZIONE Fondi sulla vìa della Borsa ma c'è chi dice «no» Tra i gestori favorevoli all'innovazione molti iscritti ad Assogestioni: Piooner, Aletti Gestielle e Generali compresi Gianfranco Ursino D Quasi un plebiscito. La larghissima maggioranza delle società di gestione che offrono i loro prodotti ai risparmiatori italiani, vede con favore la possibilità di negoziare i fondi comuni in Borsa. Almeno secondo le argomentate risposte di 45 società su 49 che hanno espresso la loro opinione sull'opportunità per l'industria del risparmio gestito di avere un canale di distribuzione aggiuntivo per i loro prodotti. FAVOREVOLI Nell'elenco delle società che ritengono che la negoziazione dei fondi a Piazza Affari possa solo far bene al settore e renderlo più efficiente, figurano soprattutto player di mediopiccole dimensioni prive di proprie reti di distribuzione. Ma tra i favorevoli ci sono anche grandi nomi del risparmio gestito italiano ed estero (Pioneer, Generali, Aletti Gestielle, Amundi e Natixis), che possono comunque già fare affidamento su una o più reti di collocamento, all'interno del loro gruppo di appartenenza. Quasi tutte case d'investimento associate ad Assogestioni. Eppure, i vertici dell'associazione dei gestori un anno fa, quando Borsa Italiana aveva aperto il dossier sulla "quotazione" dei fondi, avevano declinato l'invito a seder si al tavolo di riflessione organizzato per dare voce agli operatori. Persino l'abi, seppur contraria all'iniziativa, aveva partecipato ai lavori. Adesso è quasi tutto pronto, manca solo il via libera definitivo da parte di Banca d'italia, mentre la Consob ha già ritoccato i propri regolamenti per ampliare i canali distributivi ed aiutare il mercato a far emergere non solo i gestori, ma O ONLINE Le singole posizioni delle Sgr Tutte le risposte delle case anche i consulenti di qualità (vedi d'investimento saranno pubblicate integralmente, da intervista a paginas). L'obiettivo è martedì prossimo 25 marzo 2014, in un dossier online sul canale internet di Plus24. Nella sezione di partire entro la fine di saranno pubblicati anche documenti esclusivi di quest'anno. CONTRAI» Ma tra la Borsa Italiana che illustrano nel dettaglio le modalità di compravendita a Piazza Affari delle schiera delle società che non quote di fondi o azioni di Sicav caldeggiano la svolta della negoziazione dei fondi in Borsa, non ci sono solo le quattro Sgr che hanno manifestano apertamente le loro osservazioni critiche sull'argomento (Azimut, Lemanik, La Française e Nemesis). Molte case d'investimento, soprattutto i big del settore di matrice estera (vedi tabella e articolo in basso), hanno preferito trincerarsi dietro un «no comment». Alcuni grandi operatori hanno risposto che non commissioni o, quantomeno, una maggiore hanno ancora affrontato questo tema con il necessario livello di trasparenza con la netta separazione approfondimento o che degli oneri che il risparmiatore sull'argomento proposto sono sostiene per il servizio di gestione e ancora in corso valutazioni e, per il il servizio di consulenza. Tutti, gestori e consulenti, avrebbero modo momento, non vogliono di valorizzare le proprie competenze. esprimersi. Ma tra di loro, la Inoltre la compravendita dei maggioranza è sicuramente contraria. A volte una non risposta fondi in Borsa, potrebbe rendere è più esplicativa di una risposta. più facile l'ingresso degli operatori L'ATTESA EFFICIENZA La italiani all'estero. Una via finora centralità del canale di acquisto e poco battuta dai gestori tricolore. vendita delle quote dei fondi in ATTENTI AL FAI-DA-TE II Borsa rappresenterebbe, quindi, un progetto non è però privo di importante punto di svolta per insidie, come sottolineano un po' l'industria e potrebbe aprire oppor tutti i partecipanti all'inchiesta, ma in particolare coloro che hanno voluto evidenziare con forza qualche riserva e, soprattutto, chi tunità su diversi fronti. Tra chi ha espresso parere contrario. In accoglie favorevolmente la novità, primis, viene evidenziato il rischio quasi tutti tendono a sottolineare il di favorire il fai-da-te e grande salto in avanti che il settore l'investimento nei fondi con può compiere in termini di un'ottica di breve periodo e questo efficienza, maggiore concorrenza e potrebbe diventare molto sostenibilità del business. La Borsa pericoloso e controproducente. faciliterebbe la trasparenza e la competizione dell'offerta favorendo Per tutti resta quindi un punto fermo lo sviluppo del mercato sia sul fronte il valore aggiunto di una consulenza dell'accesso ai prodotti, sia di qualità che deve essere esercitata promuovendo una sorta di selezione dai canali distributivi. I consulenti naturale dei fondi di qualità. Ci devono avere un ruolo sempre più importante nel guidare sarebbe una semplificazione delle l'investitore nella scelta dei prodotti procedure operative, un potenziale più adatti alle sue specifiche allargamento della base clienti e si esigenze e nella definizione delle innesterebbe un circolo virtuoso strategie di asset allocation. nella struttura dei costi, con Ovviamente perché ciò sia possibile il possibile abbattimento delle mercato italiano dell'asset Fondi pensione Pag. 3

6 Estratto da pag. 1 management deve rivedere il avranno il coraggio di accettare tale proprio modello commerciale, al sfida si potrà osservare un momento condizionato da una forte riassestamento del modello ridistribuzione delle commissioni a industriale prima che siano future favore delle reti che svolgono il normative comunitarie a imporlo. È collocamento. Se i grandi player, questa la nuova sfida del risparmio che nel nostro Paese sono legati a gestito, come sottolinea un gestore, doppio filo con i gruppi bancari, nell'evoluzione della Mifid. RIPRODUZIONE RISERVATA Gli esteri preferiscono i promotori Sono già entrati sul mercato e Ma se il segreto del loro successo desiderano mantenere lo status fosse frutto solo della qualità dei quo D Sono soprattutto i colossi loro prodotti, perché le grandi case dell'asset management internazionali temono la competizione in una arena internazionale a non vedere di competitiva, davvero imparziale, che buon occhio la negoziazione dei potrebbe essere rappresentata dalla fondi e dei comparti di Sicav a Borsa L'inchiesta condotta a tappeto Piazza Affari. Non sono, quindi, questa settimana da Plus24, non fa esclusivamente le Sgr italiane di altro che confermare la matrice bancaria a osteggiare la testimonianza raccolta, tra le altre, messa in moto di un'evoluzione da un promotore di Sanpaolo Invest dei modelli distributivi che (vedi Plus24 del 1 febbraio scorso) potrebbe essere innescata dalla che sottoponeva alla nostra compravendita delle quote in attenzione i risultati di una mini- Borsa. A temere la messa a inchiesta che aveva condotto tra le rischio del loro business lungo la case di investimento presenti nella nostra Penisola, ci sono anche gli sua gamma di offerta, dopo aver letto i primi articoli sulla operatori stranieri che negli "quotazione" dei fondi in Borsa ultimi anni so pubblicati su P1US24- «La risposta di Pimco, Templeton, Pictet, Fidelity, etc, è stata pressoché unanime: non ci sognia no già riusciti a penetrare nel mo neanche lontanamente di mercato italiano della distribuzione quotare i nostri fondi. Del resto per dei fondi, adeguandosi alla prassi del loro sarebbe un vero e proprio mercato di riconoscere alte suicidio, dato che la grandissima retrocession! alle reti per far breccia parte della loro raccolta avviene nei portafogli dei risparmiatori italiani (vedi inchiesta di Plus24 di tramite promotori finanziari, i sabato scorso, 15 marzo 2014). quali, a loro volta, sarebbero se Senza considerare i concorsi a premi non spazzati via, molto indeboliti organizzati dalle case d'investimento da un sistema del genere. A che per i collocatori e altre forme di pro tutto ciò» Dichiarazioni che incentivazione che non pongono al lasciano trapelare le for ti centro gli interessi e le esigenze del preoccupazioni e le r esistenze dei cliente. Vedi ad esempio il sempre canali distributivi nei confronti di più diffuso meccanismo di un'iniziativa che andrebbe a remunerazione basato del pre-conto smuovere gli attuali meccanismi di (si tratta di una percentuale di vendita dei fondi comuni, offrendo anticipo commissionale, concordata tuttavia la possibilità ai promotori in specifici contratti di di porre al centro della loro attività collocamento, che la Sgr recupera la tanto decantata consulenza. attraverso una commissione differita G.Ur. RIPRODUZIONE di vendita a carico del RISERVATA sottoscrittore). gianfranco.ursmoisiilsole24ore. com Fondi pensione Pag. 4

7 Estratto da pag. 1 La spaccatura La tabella riassume le posizioni dei gestori e le Se da domani i fondi fossero negoziati in Borsa, 8A+ Investimenti Aberdeen AcomeA Ad va m Aletti Gestielle Algebris AllianceBernstein Alpi Fondi Amundi Anthilia Capital Partners Arc Asset Management Bancoposta Fondi Candriam (ex Dexia) Capital Strategies Partners Comgest Consultinvest Diaman Sicav Duemme Sicav Finlabo Inv. Sicav Generali Investments Europe Hedge Invest J. Lamarck Selectra M&G Investments Italy Natixis Neuberger Berman New Millennium (Banca Finnat) Nextam Partners Pharus Sicav Pioneer Investments Italia Rothschild & Cie Gestion Russell Investments Sella Gestioni Soprarno Swiss&Global Symphonia Union Bancaire Privée Zenit argomentazioni portate a sostegno delle loro tesi. Questa la domanda sottoposta a 90Sgr: secondo voi sarebbe un bene o un male per l'industria del risparmio gestito Più offerta quindi più competizione Lo scambio delle quote dei fondi comuni in Borsa andrebbe nella direzione di una maggiore liberalizzazione del settore e come tale avrebbe ricadute positive per tutta l'industria. Favorisce l'ampliamento dell'offerta e, di conseguenza, la competizione. Inoltre eliminerebbe le barriere all'ingresso rappresentate dagli accordi di distribuzione e dai vincoli operativi connessi Così è il servizio la chiave del successo L'innovazione rende disponibili i fondi ai risparmiatori indipendentemente dall'intermediario di riferimento, rendendo il servizio e non il prodotto il fattore critico di successo nella scelta dell'intermediario. Si darebbe libero accesso a ottimi fondi, anche di nicchia, che oggi retrocedeno meno commissioni alle reti Ci sarà chiarezza sulle commissioni Aiuterebbe a distinguere quale parte delle commissioni, impropriamente dette di gestione, va ai collocatori e quanto ai gestori. Sarebbe opportuno che emergesse anche nei confronti del cliente, l'ammontare di danaro investito nei piani di marketing che le grandi case spendono a favore delle reti bancarie Meno margini ma più volumi Sebbene la negoziazione in Borsa dei fondi può tradursi in una minore marginalità su alcuni prodotti (classi di fondi a costi inferiori), questo dovrebbe esser controbilanciato da un aumento dei volumi e da un maggiore riconoscimento della capacità di generare valore rispetto ai competitor o di esser in grado di creare prodotti accattivanti Perché le azioni sì e i fondi no Non si capisce perché un risparmiatore possa acquistare liberamente un qualsiasi titolo quotato e non possa fare altrettanto con un fondo iperregolato. Tra l'altro, le banche attive nel risparmio gestito, sarebbero obbligate a trattare tutti i fondi disponibili sul mercato, non solo quelli della casa FAVOREVOLI CON RISERVA Bcc Risparmio & Previdenza BNY Mellon Credit Suisse Etica Fondaco Ingim Lombard Odier Petercam CONTRARI Azimut La Française Lemanik Nemesis Agorà, Alkimis, Allianz G.l, Anima, Arca, Axa, BlackRock, Bnpparibas, Carmignac, Deutsche A&WM, Ersel, Edmond De Rothschild, Eurizon Capital, East Capital, Euromobiliare Fidelity, Fideuram, Financière De L'Echiquier, Franklin Templeton, Goldman Sachs Am, Henderson G.l, Ignis, Invesco Am, I nvestec, I nvestitori, J PMorganAm, Janus, Kairos Partners, Legg Mason, Mediolanum, Morgan Stanley Am, Nordea, Pictet, Pimco, Raiffeisen, Schroders, Sofia, State Street G.A, Ubi Pramerica, Ubs G.Am, Vontobel 8 Troppa enfasi sulla performance La possibilità di compravendere direttamente le quote dei fondi in Borsa porrebbe l'accento sulle performance. Ma sarebbe un errore guardare solo ai rendimenti: i fondi si distinguono anche per volatilità, strategie ed esposizione a certe tipologie di rischio. Un'eterogeneità dell'offerta che impone di non sottovalutere il ruolo dei professionisti della consulenza. Spinta al fai-da-te, trappola notorietà La negoziazione in Borsa dei fondi rappresenta una spinta al «fai da te» che potrebbe rivelarsi dannosa e dare adito a politiche di marketing aggressive basate sul prodotto: i fondi più pubblicizzati sarebbero i più venduti e spesso nel mondo del risparmio gestito la qualità non va di pari passo con la notorietà. Pausa di riflessione Alcuni operatori hanno risposto che non hanno ancora affrontato questo tema con il necessario livello di approfondimento o che sull'argomento proposto sono ancora in corso valutazioni e, per il momento, non vogliono esprimersi. FAVOREVOLI CON RISERVA Bcc Risparmio & Previdenza BNY Mellon Credit Suisse Etica Fondaco Ingim Lombard Odier Petercam CONTRARI Azimut La Française Lemanik Nemesis Agorà, Alkimis, Allianz G.l, Anima, Arca, Axa, BlackRock, Bnpparibas, Carmignac, Deutsche A&WM, Ersel, Edmond De Rothschild, Eurizon Capital, East Capital, Euromobiliare Fidelity, Fideuram, Financière De L'Echiquier, Franklin Templeton, Goldman Sachs Am, Henderson G.l, Ignis, Invesco Am, I nvestec, I nvestitori, J PMorganAm, Janus, Kairos Partners, Legg Mason, Mediolanum, Morgan Stanley Am, Nordea, Pictet, Pimco, Raiffeisen, Schroders, Sofia, State Street G.A, Ubi Pramerica, Ubs G.Am, Vontobel 8 Troppa enfasi sulla performance La possibilità di compravendere direttamente le quote dei fondi in Borsa porrebbe l'accento sulle performance. Ma sarebbe un errore guardare solo ai rendimenti: i fondi si distinguono anche per volatilità, strategie ed esposizione a certe tipologie di rischio. Un'eterogeneità dell'offerta che impone di non sottovalutere il ruolo dei professionisti della consulenza. Spinta al fai-da-te, trappola notorietà La negoziazione in Borsa dei fondi rappresenta una spinta al «fai da te» che potrebbe rivelarsi dannosa e dare adito a politiche di marketing aggressive basate sul prodotto: i fondi più pubblicizzati sarebbero i più venduti e spesso nel mondo del risparmio gestito la qualità non va di pari passo con la notorietà. Pausa di riflessione Alcuni operatori hanno risposto che non hanno ancora affrontato questo tema con il necessario livello di approfondimento o che sull'argomento proposto sono ancora in corso valutazioni e, per il momento, non vogliono esprimersi. Fondi pensione Pag. 5

8 Estratto da pag. 1 «Stop alle barriere nella distribuzione» (.ìiuseppe D'Agostino Vicedirettore generale Consob Vi taliano D'Angerio Gianfranco Ursino INTERVISTA O «La Consob ha sempre puntato sull'articolazione dei canali distributivi per i servizi ai risparmiatori. Bisogna non avere rimpianti per l'ambiente "chiuso" di un sistema distributivo a offerta "bloccata" (pochi prodotti finanziari e "della casa") per andare in modo deciso verso forme di architettura aperta. Da parte dei singoli investitori vi deve essere una partecipazione attiva al processo delle scelte d'investimento del proprio risparmio: è importante la piena collaborazione nell'individuare i propri bisogni finanziari e nel fornire all'intermediario tutte le informazioni utili per soddisfarli, anche grazie all'aiuto di un consulente finanziario. È bene chiarire che partecipazione attiva del risparmiatore non vuoi dire in alcun modo "fai da te"». Questo lo stato delle riflessioni della Consob, illustratodal vicedirettore generale Consob, Giuseppe D'Agostino, sul dibattito lanciato da Plus24 sulle modalità di collocamento dei fondi e, più in generale, dei prodotti finanziari. A proposito di compravendita dei fondi in Borsa, a che punto sono i provvedimenti attuativi delle authority Per quanto ci riguarda è tutto pronto e Banca d'italia sta finalizzando le necessarie modifiche regolamentari. È un ulteriore canale distributivo che aiuterà ad aprire il mercato e far emergere il valore del gestore, ma anche dell'intermediario nella sua funzione di assistenza al cliente. aperta, creare un gruppo pilota per Lacompetizione può causare avviare ilprogetto.inltaliaimprimo instabilità, nel breve periodo, ma è un standard motore che genera qualità per il didistribuzioneèstatoapprovatoeim sistema. È la via principale per valorizzare i gestori di qualità che, a Bene l'articolazione dei canali di volte, non riescono a trovare collocamento così emerge la spazio.per emergere, qualità dei gestori plementato da l'assetmanagerbravo deve poter circa 20 società. Se ne sono accedere almercato della distribuzione. aggiunte altre Sì, ma la soluzione Comunque gli attuali frutti sul fronte tecnica individuata deve essere dell'architettura aperta sono il risultato adottata da tutti i partecipanti (a di un lungo lavoro. Cominciato quando vario titolo) al processo Nel 2008, subito dopo la Mifid. distributivo perché il sistema Proponemmo all'industria, assieme a possa beneficiare delle esternalità Bancad'Italia, divalutareladematerializzazione di positive attese. Aquei gruppi di quote e gestione accentrata. Verme lavoro non partecipavano Eurizon anche formato un tavolo di lavoro con e Pioneer. Sì, ma solo Abi, Assogestioni, Assosim, Assoreti e inizialmente, avendo in seguito singoli operatori che portarono anche manifestato la disponibilità ad le esperienze estere. attuare gli standard. In ogni caso, abbiamo registrato la convinta Nello specifico, approfondimmo collaborazione di Abi e l'esperienza degli Usa che fu Assogestioni per finalizzare il illustrata in una testimonianza da un operatore americano. In cosa progetto anche attraverso consiste U sistema Usa È un sistema specifiche forme di supporto su base consortile (Nsec) a cui tecnico-operativo agli operatori in partecipano gestori e distributori di fase diimplementazione. È pur fondi che consente lo scambio delle vero che i tempi originariamente quote e la connessa previsti si sono dilatati. Ora c'è la contabilizzazione delle operazioni di possibilità di acquistare i fondi in sottoscrizione e rimborso. Consente Borsa. Siamo a una svolta Sulla la valorizzazione del gestore questione dei canali di liberandolo dai vincoli determinati distribuzione c'è bisogno dalle specificità informatiche dei certamente di effettuare una distributori prescelti. È una sorta di riflessione strategica, attesa hub di gestori a cui si agganciano l'importanza di valorizzare il tutti i distributori. In Italia non è risparmio in tutte le sue forme. Lo così Le condizioni operative non lo impone la Mifid2 che andrà in consentivano perché, pur in applicazione a fine presenza di processi di gestione RIPRODUZIONE RISERVATA degli ordini automatizzati, le modalità di svolgimento erano segmentate per gruppo bancario. Dopo il forte indirizzo fornito dalle Autorità, l'industria nelle sue varie componenti si sta impegnando in un'operazione di radicale cambiamento operativo che necessita di essere portata rapidamente a compimento. Si riferisce alla piattaforma di Assogestioni, l'italian Fund Hub? C'è ancora molto da fare su questo versante. L'iniziativa cardine è quella portata avanti dal tavolo tecnico guidato da Abi e Assogestioni, che ha prodotto le linee guida per la standardizzazione dei flussi di sottoscrizione e rimborso. All'inizio a noi interessava ampliare il raggio di azione dell'architettura Fondi pensione Pag. 6

9 Estratto da pag. 1 LE MODALITÀ DI NEGOZIAZIONE «> Scambi al Nav Le transazioni avvengono mediante l'immissione nel book di negoziazione di proposte senza limite di prezzo. Non è prevista la figura del market maker e non c'è un doppio prezzo di acquisto e vendita, il cosiddetto spread denaro-lettera (bid/ask). Vanno solo indicate il numero di quote del fondo che si intende acquistare o vendere al Nav (valore patrimoniale delle quote) del giorno in cui l'ordine viene passato sul circuito elettronico. Ma la valorizzazione non è immediata. «* II livellamento È richiesta comunque la presenza di un operatore incaricato, che si impegna a bilanciare le proposte di acquisto e vendita immesse durante la seduta. In casi eccezionali, qualora l'operatore incaricato non soddisfi il quantitativo differenziale, le proposte ineseguite saranno cancellate. * Latempistica La Sgr deve comunicare la valorizzazione delle quote la entro le ore 17 del giorno successivo (t+1), anche se l'intermediario può dare al cliente conferma del prezzo definitivo anche il giorno successivo (t+2) ed eseguire i contratti in tempo per la liquidazione prevista il terzo giorno successivo a quello della loro conclusione (t+3). Una tempistica che stride un po' con i regolamenti delle authority. Ma questo è un nodo che sta per essere sciolto. «> Tra Sgr e collocatore Del resto già oggi l'investitore quando sottoscrive o cede le quote di un fondo attraverso un collocatore, non conosce il prezzo definitivo della compravendita. Le Sgr riconoscono il valore del giorno di ricezione della domanda e nei prospetti indicano l'orario spartiacque per evadere la richiesta in giornata, di norma entro le 15, ma varia da fondo a fondo. Il problema può sorgere sulla discrezionalità che il collocatore ha nel girare alla Sgr la richiesta ricevuta dal cliente. Banche e promotori sono "obbligati" contrattualmente, ma anche ai sensi dell'ari del C.C., a inoltrare le richieste entro il giorno successivo a quello di ricezione. 9- Più certezze Una tempistica che apre la strada a tre diverse possibilità: il collocatore può trasmettere subito l'ordine ricevuto in mattinata, successivamente nell'arco della giornata, come anche nel pomeriggio del giorno dopo. La richiesta di investimento o disinvestimento può quindi essere evasa ai prezzi di oggi, domani o dopodomani. Negoziando il fondo in Borsa, l'investitore avrà in futuro qualche certezza in più. Fondi pensione Pag. 7

10 Estratto da pag. 1 Gli effetti del nuovo Fisco su fondi comuni ed Etf L'aumento dell'aliquota sulle rendite finanziarie graverà in misura ridotta sui prodotti del risparmio gestito Gianfranco Ursino D Ilrincarofiscaleannunciatodalpremier Renzi, con l'aumento della tassazione sulle rendite finanziarie al 26%, toccherà anche i fondi comuni. Solo i BoI, secondo le prime dichiarazioni governative, resteranno esclusi. Ma le ricadute sui sottoscrittori di fondi comuni, Sicav ed Etf (ma anche polizze vita e gestioni patrimoniali) potranno essere attenuate, anche solo in minima parte, dal particolare regime impositivo previsto questi strumenti. Il precedente riordino della tassazione delle rendite finanziarie, varato da Tremonti ed entrato in vigore a inizio 2012, ha previsto un'aliquota unica del 20% per tutti gli strumenti finanziaria esclusione di titoli di Stato ed equiparati, per i quali è rimasta l'aliquota ridotta del 12,5%. E per non penalizzare l'industria dell'assetmanagement, l'aliquota agevolata del 12,5% è stata mantenuta anche per la parte di rendimento che gli strumenti di risparmio gestito ricavanodainvestimentiintitoligovernaüvi italiani ed esteri. Nel definire le modalità di individuazione della quota di proventi riferibili ai titoli di S tato e il relativo regime agevolato di tassazione, il Tesoro con un decreto attuatìvo ha dato indicazioni di considerare su base forfettaria la percentuale media dell'attivo rilevata sugli ultimi due prospetti contabili (semestrali o annuali) redatti entro il semestre solare anteriore alla data di distribuzione deiproventi, di riscatto, cessione o liquidazione delle quote. Una soluzione approssimativa che dissente dal tenore letterale, oltre che dall'iniziale ratio, della norma primaria, ma che consente in qualche modo agli intermediär! di applicarla. Una traccia che le case d'investimento hanno poi seguito più o meno alla lettera. Le Sgr, per esempio, tra fine novembre 2013 e inizio gennaio 2014 hanno comunicato ai collocatori (sostituti d'imposta) la percentuale da utilizzare per tassare, con il più mite regime impositivo del 12,5%, i guadagni/perdite realizzati dal sottoscrittore che esce dal fondo nel primo semestre dell'anno in corso. Solo tra fine maggio e luglio, le Sgr comunicheranno il nuovo valore (una volta approvato il rendiconto di fine 2013) da utilizzare nel secondo semestre Ci sono poi delle particolarità. L'investitore che entra ed esce da un fondo o da un comparto di Sicav appena avviato, che non ha ancora approvato alcun rendiconto, subisce la tassazione piena al 20% (26% dal prossimo 1 maggio se sarà confermato l'aumento). E quando sarà approvato il primo rendiconto annuale/ semestrale, in virtù del valore puntuale dei titoli di Stato presenti nel portafoglio del fondo, sarà possibile definire (senza attendere il secondo rendiconto per fare la media) la percentuale da assoggettare al 12,5%. Se si tratta, invece, solodi una nuova classe di fondi/ comparti già esistenti, allora si applica la percentuale prevista per le classi già in essere. Infine, in caso di fusione tra fondi nel corso del semestre, le società di gestione più efficienti comunicano agli intermediari(anchecondiscretoanticipo) la variazione della percentuale che va tassata al 12,5%. RIPRODUZIONE RISERVATA Fondi pensione Pag. 8

11 Estratto da pag. 1 Investimenti e imposte Copiarne dagli inglesi Piani di lungo termine e fondi pensione, Assogestioni punta al modello anglosassone dal "fisco amico" Vi taliano D'Angerio O Investimenti di lungo termine. In francese la traduzione è Plan d'epargne en Actions. In inglese invece ci sono gli Individual Savings Account. Li conoscono anche i lettori di "Plus24" che ci scrivono a riguardo e mostrano interesse. Il minimo comun denominatore di tali strumenti finanziari è un "fisco amico" per i risparmiatori, francesi e inglesi, che detengono per un po' di anni i propri soldi investiti in fondi comuni. Viceversa, in Italia i provvedimenti del Governo Renzi aumenteranno le aliquote dal 20 al 26% sui prodotti di risparmio. Soltanto i titoli di Stato saranno graziati dall'aumento delle imposte. FRANCIA E INGHILTERRA «L'optimum sarebbe avere dei piani di risparmio simili a quelli inglesi - afferma Fabio Galli, direttore generale di Assogestioni, associazione italiana delle società di gestione - in cui i rendimenti sono detassati ed esistono vincoli sia con riferimento all'ammontare delle somme che ogni anno possono essere versate in tali piani, sia riguardo alla tipologia di investimento consentita. La norma d'altronde già esiste dal 2O11, chiediamo al Governo Renzi di definirne i contenuti». Francia e Inghilterra hanno dunque agevolato gli investimenti di lunga gittata e da tempo Assogestioni ha fatto di tale soluzione un cavallo di battaglia. I transalpini hanno posto una serie di paletti (temporali e di asset allocation) per definire quali siano gli "gli investimenti di lungo termine" aiutati dal fisco. Qual è dunque il tempo "giusto" di permanenza in un Piano LA PAROLA CHIAVE Plani individuali dì risparmio Nel Libro Verde della Commissione europea (marzo 2013) venivano individuate nuove regole per f a vori re gì i investimenti di lungo termine, indicando a tutti i Paesi una strada che conducesse all'introduzione di sgravi fiscali per chi decidesse di investire sul lungo periodo. Vanno in questa direzionegli Individual Savings Accounts inglesi e i Plan d'epargne en Actions francesi. Assogestioni ha proposto i Piani Individuali di Risparmio. Si attendono le risposte dal Governo di Risparmio a lungo termine? «Per quanto ci riguarda - ribadisce Galli - pensiamo che un risparmiatore debba rimanere in tale genere di investimento per un determinato arco temporale, ad esempio cinque anni». Vedremo nelle prossime settimane se il pressing delle Sgr italiane riuscirà a far breccia nel ministero dell'economia e più in generale nel Governo Renzi. FONDI PENSIONI E AFFINI A quanto si sa, e salvo colpi di scena, oltre ai titoli di Stato vi dovrebbero essere altre eccezioni. Fondi pensione e altre forme previdenziali dovrebbero restare infatti con una tassazione all'n per cento. Anche su questo punto Assogestioni ha qualcosa da dire: «È necessario che il prelievo dell'ii% passi dal maturato al realizzato - sottolinea il direttore generale di Assogestioni -. In sostanza, le tasse non devono pesare nella fase di accumulo come avviene ora ma quando scatta il momento della pensione e il lavoratore incassa appunto la rendita integrativa». Viene sottolineato, inoltre, che in Gran Bretagna fondi pensione e forme previdenziali simili sono esentati dalla tassazione. A questo punto, l'industria del risparmio attende il dettaglio della nuova tassazione sul risparmio. Incrociando le dita. RIPRODUZIONE RISERVATA Fondi pensione Pag. 9

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano 2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano Domenico Siniscalco 2.1 Premessa L Italia è un paese di grandi risparmiatori. Comunque la si misuri in rapporto al reddito disponibile

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 5 LEGGE 10 ottobre 2014, n. 147 Modifiche alla disciplina dei requisiti per la fruizione delle deroghe riguardanti l'accesso al trattamento pensionistico. (14G00161) (GU n.246 del 22-10-2014)

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34)

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34) 1 di 10 24/06/2015 21:30 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 febbraio 2015, n. 29

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 febbraio 2015, n. 29 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 febbraio 2015, n. 29 Regolamento recante norme attuative delle disposizioni in materia di liquidazione del TFR come parte integrante della retribuzione

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

(1). IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. Visto l'articolo 2120 del Codice civile, recante la disciplina del trattamento di fine rapporto;

(1). IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. Visto l'articolo 2120 del Codice civile, recante la disciplina del trattamento di fine rapporto; D.P.C.M. 20 febbraio 2015, n. 29 (1). Regolamento recante norme attuative delle disposizioni in materia di liquidazione del TFR come parte integrante della retribuzione per il periodo di paga decorrente

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli