Il modello DM10. Amministrazione del personale Lezione n. 24. Il modello DM10

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il modello DM10. Amministrazione del personale Lezione n. 24. Il modello DM10"

Transcript

1 Il modello DM10 Il modello DM10 Il modello DM10 deve essere utilizzato dal datore di lavoro per denunciare all'inps le retribuzioni mensili corrisposte ai lavoratori dipendenti, i contributi dovuti e l'eventuale conguaglio delle prestazioni anticipate per conto dell'inps (malattia, maternità, donazione sangue), nonché le agevolazioni e gli sgravi spettanti. Le somme dovute dal datore di lavoro, in base a quanto risulta dal modello DM10 devono essere versate con il modello F24 di cui abbiamo parlato in precedenza. Il modello serve anche per la comunicazione di alcuni dati statistici quali il numero di dipendenti di sesso maschile e femminile, il numero di dipendenti non retribuiti, la forza aziendale. Allegato alla lezione trovate il modello DM10 (Allegato 1). Vediamo un po più nel dettaglio tale modello. Considerazioni generali Come si è detto, la denuncia delle retribuzioni mensili corrisposte ai lavoratori dipendenti, la determinazione dei contributi dovuti e dell'eventuale conguaglio 1

2 delle prestazioni anticipate per conto dell INPS, delle agevolazioni e degli sgravi è effettuata con il modello DM10/2. In precedenza esisteva anche il modello DM10/1 che veniva utilizzato come modello di versamento dei contributi: esso è stato abolito e, come detto, il versamento dei contributi è effettuato ora tramite il modello F24. Come abbiamo visto nelle precedenti lezioni, il datore di lavoro è tenuto, da una parte, a versare all INPS i contributi a suo carico e a carico del lavoratore e, dall altra, ad anticipare al dipendente, per conto dell INPS, alcune prestazioni economiche (indennità di malattia, indennità di maternità, assegni al nucleo familiare, ecc..) che sono conguagliate con i contributi dovuti nel mese. Il modello DM/2 serve a denunciare: da un lato, gli importi a debito del datore di lavoro, ovvero contributi calcolati secondo le aliquote percentuali e le misure vigenti per la categoria di appartenenza, ma anche quote associative, ecc.. dall altro, gli importi a credito del datore di lavoro, come assegni per il nucleo familiare, indennità di malattia e maternità, sgravi e benefici per assunzioni agevolate, ecc... L'azienda con personale dipendente occupato in più stabilimenti, filiali, agenzie, succursali ecc., operanti in province o Regioni diverse, può chiedere di accentrare gli adempimenti contributivi relativi a tutte le dipendenze. In tal caso l azienda può utilizzare un unica posizione contributiva per il versamento dei contributi per i dipendenti dislocati negli altri stabilimenti. L autorizzazione all accentramento deve essere richiesta alla Direzione provinciale del lavoro competente per la posizione aziendale sulla quale si intendono accentrare gli adempimenti e decorre dal primo giorno del mese successivo a quello di emanazione del provvedimento. I datori di lavoro autorizzati all accentramento devono trasmettere alla sede dell INPS territorialmente competente per la posizione sulla quale si accentrano gli adempimenti contributivi, copia del provvedimento emanato dalla Direzione provinciale del lavoro. A seguito dell accentramento le posizioni contributive 2

3 delle aziende accentrate vengono chiuse d ufficio. Nel caso di apertura di nuove unità produttive i datori di lavoro già autorizzati all accentramento possono chiedere l estensione del provvedimento anche alle nuove unità. Soggetti tenuti alla presentazione del modello Devono presentare il modello DM10/2 i datori di lavoro appartenenti alle seguenti categorie: industria; artigianato; commercio e terziario; proprietari di fabbricato e servizi di culto; professionisti ed artisti; credito, assicurazioni e servizi tributari appaltati; agricoltura (solo per taluni dipendenti e per taluni tipi di contributi; amministrazioni dello stato ed enti pubblici. La presentazione delle denunce DM10/2 va effettuata relativamente ai lavoratori dipendenti e a quelli equiparati come ad esempio i soci di società ed enti cooperativi per i quali il datore di lavoro ha l obbligo di versare almeno uno dei seguenti contributi: contributo per il fondo pensioni lavoratori dipendenti (IVS); contributo per l'assicurazione obbligatoria contro la disoccupazione involontaria generale obbligatoria; contributo per il finanziamento dell'assegno per il nucleo familiare (CUAF); contributo per l indennità economica di malattia; contributo per l indennità economica di maternità; contributo per la cassa integrazione guadagni ordinaria; contributo per la cassa integrazione straordinaria; 3

4 contributo per il finanziamento dell indennità di mobilità; contributo per il finanziamento del fondo di garanzia per il trattamento di fine rapporto (TFR); contribuzione di solidarietà; contribuzione aggiuntiva versata facoltativamente dagli organismi sindacali; contribuzione dovuta per amministratori locali in aspettativa per cariche elettive; versamento da parte dell organo elettivo della quota a carico del lavoratore per l accredito figurativo nei confronti dei lavoratori in aspettativa per ricoprire alcune cariche elettive. Termini di presentazione e versamento Il modello DM10/2 deve essere presentato mensilmente, in genere, entro l'ultimo giorno del mese successivo a quello in cui è scaduto il periodo di paga cui la denuncia si riferisce. Nel caso in cui tale giorno coincida con un giorno festivo o un sabato, la presentazione della denuncia è posticipata al primo giorno lavorativo successivo. Le somme a debito del datore di lavoro, risultanti dal modello DM10/2 devono essere versate, con modello F24 entro il giorno 16 del mese successivo. Nel caso in cui il giorno di scadenza del versamento coincida con un giorno festivo o un sabato, esso è posticipato al primo giorno lavorativo successivo. Esistono delle ipotesi nelle quali la presentazione delle denunce mensili e il versamento dei contributi possono essere differiti. Ad esempio, le aziende che a causa della chiusura per ferie collettive non possono provvedere, entro il termine di scadenza al versamento dei contributi o alla presentazione della denuncia mensile, possono chiedere l autorizzazione ad effettuare gli 4

5 adempimenti del mese in cui cadono le ferie collettive entro un termine più ampio. Normalmente il differimento non può superare il giorno di scadenza dei contributi dovuti per il mese successivo. Nel caso in cui, nel modello DM10/2, siano poste a conguaglio prestazioni previdenziali anticipate dal datore di lavoro superiori all importo dei contributi dovuti, si determina un credito a favore del datore di lavoro. Il datore di lavoro può compensare l importo a credito con altri tributi e contributi da pagare (ad esempio: IVA, IRPEF, IRAP,ecc..) con il modello F24. In alternativa, egli, può chiedere il rimborso direttamente all INPS. Il modello DM10/2 va comunque presentato anche se il saldo è a credito o pari a zero. Il modello va presentato telematicamente. Per l invio telematico il datore di lavoro deve chiedere il rilascio del codice Pin con apposita domanda alla sede INPS compente (Allegato 2). Nel caso in cui i datori di lavoro non dispongono di sistemi informatici in grado di produrre il file necessario, l'inps mette a disposizione una procedura per acquisire direttamente le denunce mensili sul sito Internet. I files trasmessi mediante Internet possono contenere sia le denunce per le quali sono stati versati interamente i contributi, sia quelle parzialmente o totalmente insolute o a credito del datore di lavoro. La trasmissione telematica può essere fatta direttamente dal datore di lavoro o da intermediari abilitati (consulenti del lavoro, dottori commercialisti, ecc..). Compilazione del modello Gli importi delle retribuzione e dei contributi, indicati nel modello, devono essere arrotondati: fino a 49 centesimi di euro, si arrotonda all'unità di euro inferiore; da 50 centesimi in poi si arrotonda all'unità di euro superiore. Il modello si compone dei seguenti quadri: 5

6 quadro A, nel quale vanno indicati i dati identificativi del datore di lavoro (denominazione, matricola INPS, codice fiscale, ecc..) ed alcuni dati sulla composizione della forza aziendale (numero di dipendenti occupati, dipendenti di sesso maschile, femminile, ecc.); quadro B e C, nel quale vengono indicati i dati retributivi relativi ad operai, impiegati, dirigenti, ecc... Ad esempio, nel quadro B, nel rigo operai vanno indicati tutti gli operai a tempo pieno, sia a tempo indeterminato che a termine, con esclusione di quelli contraddistinti da uno specifico codice tipo contribuzione. Per ogni rigo compilato occorre indicare il numero dei dipendenti, le giornate, le retribuzioni ed il corrispondente importo dei contributi dovuti al netto delle riduzioni contributive; quadro D, nel quale occorre indicare gli importi relativi alle prestazioni previdenziali anticipate dal datore di lavoro e conguagliate con i contributi dovuti, nonché gli sgravi e le riduzioni contributive. Per le prestazioni previdenziali più usuali (assegni al nucleo familiare, cassa integrazione, indennità di malattia e maternità) sono previste righe prestampate; quadro F, nel quale vengono indicati i dati relativi alla cassa integrazione guadagni; quadro I per la sottoscrizione da parte del datore di lavoro. 6

A cura di Beniamino Gallo

A cura di Beniamino Gallo A cura di Beniamino Gallo Aggiornamento Luglio 2003 DIREZIONE CENTRALE ENTRATE CONTRIBUTIVE Responsabile del progetto: Daniela Pizzi, Direttore vicario Direzione Centrale Entrate Contributive Progetto

Dettagli

1. Aziende destinatarie degli obblighi contributivi per le indennità economiche di malattia e maternità (art. 20, c. 2 L.

1. Aziende destinatarie degli obblighi contributivi per le indennità economiche di malattia e maternità (art. 20, c. 2 L. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 10-03-2009 Messaggio n. 5730 OGGETTO: Istruzioni operative per la regolarizzazione dei contributi dovuti per il finanziamento

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Aggiornamento Gennaio 2006 ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE DIREZIONE CENTRALE ENTRATE CONTRIBUTIVE Responsabile del progetto: Daniela Pizzi, Direttore vicario Direzione Centrale Entrate Contributive

Dettagli

Corso Teorico Pratico di Paghe e Contributi L I.N.P.S. DIPENDENTI

Corso Teorico Pratico di Paghe e Contributi L I.N.P.S. DIPENDENTI Corso Teorico Pratico di Paghe e Contributi A cura di Rag. Macrì Patrizia L I.N.P.S. DIPENDENTI PREMESSA L iscrizione presso l I.n.p.s. (Istituto Nazionale della Previdenza Sociale) si rende obbligatoria

Dettagli

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro PROGRAMMA CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro 1. Collocamento ordinario 2. Collocamento obbligatorio 3. Adempimenti collegati

Dettagli

Come leggere la busta paga

Come leggere la busta paga Come leggere la busta paga Indice Che cosa è pag. 3 A cosa serve pag. 4 La struttura della busta paga pag. 5 Intestazione (dati ditta dati anagrafici e contrattuali lavoratore) pag. 6 Corpo della Busta

Dettagli

Presentazione curata da Antonino Cannioto - Direzione Centrale Entrate e in parte curata dalla direzione provinciale di Firenze INPS

Presentazione curata da Antonino Cannioto - Direzione Centrale Entrate e in parte curata dalla direzione provinciale di Firenze INPS 1 Presentazione curata da Antonino Cannioto - Direzione Centrale Entrate e in parte curata dalla direzione provinciale di Firenze 3 3 Provincia di Firenze POPOLAZIONE RESIDENTE 998.098 LAVORATORI OCCUPATI

Dettagli

Vademecum. Guida alla lettura della busta paga PRATICA LAVORO 2/2011 - INSERTO. Riferimenti normativi e nozione. Soggetti interessati.

Vademecum. Guida alla lettura della busta paga PRATICA LAVORO 2/2011 - INSERTO. Riferimenti normativi e nozione. Soggetti interessati. Guida alla lettura della busta paga Riferimenti normativi e nozione R.D.L. 10 settembre 1923, n. 1955 R.D.L. 28 agosto 1924, n. 1422 (*) L. 5 gennaio 1953, n. 4, art. 1 D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797, artt.

Dettagli

A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga

A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga * aggiornato al 20 luglio 2009 CHE COS È è un documento obbligatorio

Dettagli

Gli emolumenti del personale della scuola

Gli emolumenti del personale della scuola Gli emolumenti del personale della scuola Di salvatore buonandi La retribuzione complessiva dei dipendenti della scuola è costituita da indennità di varia natura, di cui alcune concorrono con lo stipendio

Dettagli

Rag. Roberto Gemini. Tel. n. 0577257215 Com.ne n 86 30/04/03

Rag. Roberto Gemini. Tel. n. 0577257215 Com.ne n 86 30/04/03 CONFLUENZA DELL' NELL'INPS - ISTRUZIONI L'INPS, con la circolare n. 83 del 24 aprile 2003, riepiloga ed integra le precedenti istruzioni in tema di versamento dei contributi relativi ai dirigenti di aziende

Dettagli

LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE

LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE A cura del GRUPPO SULLE PROBLEMATICHE DEL LAVORO dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Torino, Ivrea e Pinerolo Relatore dottoressa Luisella

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro CHE COS È E' un documento obbligatorio che indica la retribuzione,

Dettagli

Tuccio Rag. Emanuele

Tuccio Rag. Emanuele Commercialista Consulente del Lavoro Revisore Contabile Via Verga, 16 GELA (CL) Tel. 0933-911496 e-mail: emtucci@gmail.com CORSO DI FORMAZIONE ENNA BASSA 31-05-2011 Con il patrocinio di FEMCA CISL SICILIA

Dettagli

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro * aggiornato al 19.05.2011 CHE COS È è un documento obbligatorio che

Dettagli

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007.

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007. Presidio Unificato Previdenza Agricola Roma, 6 Marzo 2007 Circolare n. 52 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

I lavoratori dipendenti e i pensionati (in possesso di determinati redditi), possono presentare la dichiarazione con il modello 730.

I lavoratori dipendenti e i pensionati (in possesso di determinati redditi), possono presentare la dichiarazione con il modello 730. 03 giugno 2013 Più tempo per consegnare il modello 730 ai Caf o ai professionisti abilitati. Un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, firmato il 29 maggio scorso, ha fatto slittare dal 31

Dettagli

ELEMENTI DI PAGHE E CONTRIBUTI Formazione continua individuale

ELEMENTI DI PAGHE E CONTRIBUTI Formazione continua individuale ELEMENTI DI PAGHE E CONTRIBUTI Formazione continua individuale Durata: 60 ore Inizio corso: da definire Sede: Corso Raffaello 17/D - Torino Docente: dottore consulente del lavoro con esperienza consolidata

Dettagli

IN QUESTO NUMERO. INPS: Conguaglio previdenziale di fine anno 2014 - circolare n 25 del 4 febbraio 2015.

IN QUESTO NUMERO. INPS: Conguaglio previdenziale di fine anno 2014 - circolare n 25 del 4 febbraio 2015. N. 2 9 febbraio 2015 Reg. Tribunale di Milano n. 51 del 1 marzo 2013 IN QUESTO NUMERO INPS: Gestione separata, aliquote contributive, massimale e minimale di reddito per l anno 2015 - circolare n. 27/2015.

Dettagli

NUOVO SISTEMA DI GESTIONE DELLA CIG

NUOVO SISTEMA DI GESTIONE DELLA CIG NUOVO SISTEMA DI GESTIONE DELLA CIG Il nuovo sistema si basa sulla raccolta mensile, tramite il flusso UNIEMENS, di tutte le informazioni utili alla gestione dell evento di Cassa Integrazione (CIG Ordinaria,

Dettagli

ADEMPIMENTI. Casse Edili e Rilascio DURC: i Requisiti

ADEMPIMENTI. Casse Edili e Rilascio DURC: i Requisiti CIRCOLARE MENSILE GIUGNO 2012 LAVORO - NOVITA DEL MESE NEWS DI GIUGNO ADEMPIMENTI Casse Edili e Rilascio DURC: i Requisiti Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con nota n.8367 del 2 maggio,

Dettagli

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella Corso: 2^ Operatore dei servizi all impresa Materia: Tecnica ed Economia Aziendale LA BUSTA PAGA ANNO FORMATIVO 2012/2013 La busta

Dettagli

SCADENZE GENNAIO 2016

SCADENZE GENNAIO 2016 SCADENZE GENNAIO 2016 VENERDì 1 GENNAIO TASSO INTERESSE LEGALE - Dal 1.01.2016 la misura del saggio degli interessi legali passa dallo 0,5% allo 0,2% in ragione d anno (decreto MEF 11.12.2015, G.U. 15.12.2015,

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI ELABORAZIONE PAGHE

DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI ELABORAZIONE PAGHE DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI ELABORAZIONE PAGHE Il contratto per la fornitura del servizio di elaborazione paghe ha generalmente validità di 12 mesi e comprenderà tutte le elaborazioni mensili ed annuali,

Dettagli

Circolare 7. del 13 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE

Circolare 7. del 13 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE Circolare 7 del 13 febbraio 2015 Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 3 2 Ambito applicativo della certificazione unica... 3 2.1 Redditi

Dettagli

CIRCOLARE n. 09/2015 Nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate

CIRCOLARE n. 09/2015 Nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate CIRCOLARE n. 09/2015 Nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate 1 PREMESSA Il DLgs. 21.11.2014 n. 175 ha previsto la precompilazione dei modelli 730 da parte

Dettagli

Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare E' una prestazione

Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare E' una prestazione Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare Tra gli elementi aggiuntivi della retribuzione vi può essere l'assegno familiare. Va precisato, anzi tutto,

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI

NEWSLETTER LAVORO FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI NEWSLETTER N. 2/2014 NEWSLETTER LAVORO FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI ULTIME NOVITA FISCALI GESTIONE SEPARATA INPS: ALIQUOTE VE 2014 CIRCOLARE INPS N. 18 DEL FEBRRAIO 2014 DIFFERIMENTO AUTOLIQUIDAZIONE

Dettagli

5B -5C - 5D - 5F - 5G

5B -5C - 5D - 5F - 5G Cod Dal Al 5A CODICI 5 IMPRESA ARTIGIANA CON FAMILIARI COADIUTORI E/O SOCI. Il numero di tali lavoratori, iscritti nella Gestione speciale artigiani, deve essere inserito nel campo del mod. DM72 o del

Dettagli

Al Presidente Ai Consiglieri di Amministrazione

Al Presidente Ai Consiglieri di Amministrazione Direzione centrale delle entrate contributive Direzione centrale organizzazione Direzione centrale pianificazione e controllo di gestione Direzione centrale prestazioni Direzione centrale prestazioni a

Dettagli

Dichiarazione 730 per i dipendenti senza sostituto Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Dichiarazione 730 per i dipendenti senza sostituto Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Dichiarazione 730 per i dipendenti senza sostituto Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " FISCO Il Mod. 730/2014 può essere utilizzato anche se non si ha un sostituto d imposta

Dettagli

SCADENZE SETTEMBRE 2014

SCADENZE SETTEMBRE 2014 SCADENZE SETTEMBRE 2014 LUNEDì 1 SETTEMBRE REGISTRO - Scade il termine per la registrazione dei nuovi contratti di locazione di immobili con decorrenza 1 a- gosto 2014 e per il versamento dell imposta

Dettagli

OGGETTO: Modello 770/2005 Semplificato Istruzioni per la compilazione.

OGGETTO: Modello 770/2005 Semplificato Istruzioni per la compilazione. DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE Roma, 4-7-2005 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali e per loro tramite: - Alle Amministrazioni Statali - Agli Enti con Personale Iscritto alle Casse CPDEL,

Dettagli

Agg.905S Contabilità. Manuale Utente. Assist. Clienti. A cura di: VERS. 13.11.2012 (T.M.)

Agg.905S Contabilità. Manuale Utente. Assist. Clienti. A cura di: VERS. 13.11.2012 (T.M.) Agg.905S Contabilità Manuale Utente A cura di: VERS. 13.11.2012 (T.M.) Assist. Clienti Sommario PAG.2 Sommario Contenuto dell aggiornamento:... 1 Contesto. Dal sole 24 ore... 1 Processo:... 5 Operazioni

Dettagli

Corso di formazione in PAGHE E CONTRIBUTI

Corso di formazione in PAGHE E CONTRIBUTI Corso di formazione in PAGHE E CONTRIBUTI Obiettivi Obiettivo principale del corso è creare un operatore autonomo nella scelta e nella gestione delle varie tipologie di contratti e soprattutto con una

Dettagli

SCADENZE FISCALI di Giugno

SCADENZE FISCALI di Giugno SCADENZE FISCALI di Giugno Martedì 16 Giugno IVA MENSILE Ultimo giorno utile per versare l eventuale imposta a debito relativa al mese di maggio (contribuenti mensili). Il codice tributo da utilizzare

Dettagli

Prof. Luigi Trojano. Esci

Prof. Luigi Trojano. Esci 1 LE FORME DI RETRIBUZIONE GLI ELEMENTI DELLA RETRIBUZIONE IL SISTEMA DELLE ASSICURAZIONI SOCIALI GESTIONI INPS MOBILITA CONTRIBUTI INPS E RILEVAZIONE ASSEGNI FAMILIARI RAPPORTI CON L INAILL INAIL: CONGUAGLIO

Dettagli

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001;

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 13/2001 Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; Copyright 2001 Acerbi

Dettagli

Scadenze del mese di luglio

Scadenze del mese di luglio Scadenze del mese di luglio lun mar mer gio ven sab dom 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 giovedì, 10 luglio Fondo A. Pastore (ex PREVIR) - Versamento

Dettagli

MODELLO 770/2001 PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001. Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU

MODELLO 770/2001 PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001. Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU MODELLO 770/2001 (DICHIARAZIONE PER LE RITENUTE, I CONTRIBUTI E I PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001 Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU DEVONO PRESENTARE IL

Dettagli

SCADENZE FISCALI di Luglio

SCADENZE FISCALI di Luglio SCADENZE FISCALI di Lunedì 6 UNICO 2009 Chi applica gli studi di settore (per esempio, professionisti, imprese, ecc.), entro oggi può pagare le imposte di Unico 2009 (saldi 2008 e acconti per il 2009)

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013 Direzione Centrale Entrate Roma, 18/02/2013 Circolare n. 28 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Informativa n. 13 INDICE. del 12 marzo 2013

Informativa n. 13 INDICE. del 12 marzo 2013 Informativa n. 13 del 12 marzo 2013 Modelli 730/2013 - Ricezione in via telematica dall Agenzia delle Entrate del risultato contabile per l effettuazione dei conguagli (modelli 730-4) - Comunicazione all

Dettagli

Circolare Mensile Lavoro MARZO 2015

Circolare Mensile Lavoro MARZO 2015 Circolare Mensile Lavoro MARZO 2015 INDICE Le news del mese di marzo 2015 Approfondimenti o Asseverazione conformità dei rapporti di lavoro o Compensazione dei crediti tramite modello F24 o Aliquote 2015

Dettagli

SCADENZE FEBBRAIO 2015

SCADENZE FEBBRAIO 2015 SCADENZE FEBBRAIO 2015 MARTEDì 10 FEBBRAIO IMU TERRENI Scade il termine per il versamento dell IMU sui terreni; l imposta è calcolata in base alle aliquote standard (7,6 per mille) tranne quando i Comuni

Dettagli

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE ANALISI DELLA RETRIBUZIONE DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 1 Definizione di cedolino paga

Dettagli

CUD 2005 ISTRUZIONI PER IL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D IMPOSTA COMPILAZIONE DATI PREVIDENZIALI E ASSISTENZIALI

CUD 2005 ISTRUZIONI PER IL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D IMPOSTA COMPILAZIONE DATI PREVIDENZIALI E ASSISTENZIALI ALLEGATO 3 CUD 2005 AGENZIA DELLE ENTRATE ISTRUZIONI PER IL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D IMPOSTA COMPILAZIONE DATI PREVIDENZIALI E ASSISTENZIALI Generalità Dati generali La

Dettagli

SCADENZE MAGGIO 2013 DOMENICA 12 MAGGIO

SCADENZE MAGGIO 2013 DOMENICA 12 MAGGIO SCADENZE MAGGIO 2013 DOMENICA 12 MAGGIO AGENTI DI COMMERCIO, MEDIATORI E SPEDIZIONIERI Gli adempimenti previsti entro tale data ed indicati all interno della nostra circolare 10.2013 (http://www.contrino.it/?p=1555)

Dettagli

Il personale dipendente

Il personale dipendente Il personale dipendente Tra i fattori della produzione di una azienda vanno ricompresi i costi sostenuti per le prestazioni lavorative di soggetti dipendenti e di lavoratori autonomi. Il costo del lavoro

Dettagli

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga Circolare n. 12 del 17 luglio 2014 Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga INDICE 1 Premessa... 2 2 Disciplina prevista dal testo originario del DL 66/2014... 2 2.1 Utilizzo delle ritenute

Dettagli

Scheda informativa Corso di Formazione Professionale

Scheda informativa Corso di Formazione Professionale Scheda informativa Corso di Formazione Professionale Titolo dell intervento Paghe e Contributi Sede formativa Centro Free Formation - Via Giuseppe Torre, 26 Pagani (SA) Enti Proponenti Centro Free Formation/Integrazione

Dettagli

chiarimento e cogliamo l occasione per porgere distinti saluti.

chiarimento e cogliamo l occasione per porgere distinti saluti. Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 06/07/2015 Oggetto: Adempimenti e scadenze del mese di luglio 2015. La presente per informarvi in merito a: Adempimenti e scadenze. Certi di garantire un sempre

Dettagli

SPAZIO AZIENDE GIUGNO 2013

SPAZIO AZIENDE GIUGNO 2013 Con la collaborazione del Centro Studi SEAC siamo lieti di inviarle il n. 06 di SPAZIO AZIENDE GIUGNO 2013 LE ULTIME NOVITÀ Procedure standardizzate per la valutazione dei rischi FAQ Ministero del Lavoro

Dettagli

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA 05/02/09 CIG ORDINARIA 1

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA 05/02/09 CIG ORDINARIA 1 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA 05/02/09 CIG ORDINARIA 1 CAMPO DI APPLICAZIONE C. I. G. AZIENDE SOGGETTE ALLA NORMATIVA Aziende Industriali Industria Edile e Lapidei Artigianato Edile e Lapidei Imprese

Dettagli

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO Come leggere la Busta Paga ANNO 2016 Le GUIDE della Fondazione Studi A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei

Dettagli

Guida alla lettura della busta paga

Guida alla lettura della busta paga Guida alla lettura della busta paga La busta paga è un documento che deve essere obbligatoriamente consegnato dal datore di lavoro al lavoratore dipendente al fine di certificare la retribuzione e le ritenute

Dettagli

A CHI SPETTA I REQUISITI. Riposi giornalieri

A CHI SPETTA I REQUISITI. Riposi giornalieri Riposi giornalieri Legge n. 584 del 13 luglio 1967, art. 1 - DM del 8 aprile 1968 Legge n. 107 del 4 maggio 1990, art. 13 Al lavoratore dipendente che cede il proprio sangue gratuitamente viene concessa

Dettagli

1) Scadenze importanti 2) Agevolazioni e contributi a favore delle imprese 3) Tabella Usufrutto 2015 4) Varie aggiornamento. 1. Scadenze importanti

1) Scadenze importanti 2) Agevolazioni e contributi a favore delle imprese 3) Tabella Usufrutto 2015 4) Varie aggiornamento. 1. Scadenze importanti DOTT. RAG. GIOVANNA CASTELLI Via Luigi Sacco 14, Varese partita iva 00346750128 Tel.: 0332/288494 288522 Fax: 0332/831583-282850 E-mail: segreteria@gcastelli.com cod.fiscale CSTGNN52D41L682L Varese, 9

Dettagli

Modello CUD 2009: la compilazione dei dati previdenziali Inps Gabriele Bonati Consulente aziendale in Lodi

Modello CUD 2009: la compilazione dei dati previdenziali Inps Gabriele Bonati Consulente aziendale in Lodi I SUPPLEMENTI Guida al Lavoro Modello CUD 2009: la compilazione dei dati previdenziali Inps Gabriele Bonati Consulente aziendale in Lodi 32 La certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente CUD

Dettagli

Contribuzione di finanziamento dell Assicurazione Sociale Per l Impiego ASPI

Contribuzione di finanziamento dell Assicurazione Sociale Per l Impiego ASPI Contribuzione di finanziamento dell Assicurazione Sociale Per l Impiego ASPI Torino 18 aprile 2013 Beniamino Gallo Contribuzione finanziamento ASPI L introduzione dell ASPI, a decorrere dal 1 gennaio 2013,

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO Sezione seconda - Determinazione del contributo Determinazione del contributo DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO Per determinare il contributo dovuto per un determinato periodo d imposta l INPS deve fornire

Dettagli

31 Dicembre 2013. Indice

31 Dicembre 2013. Indice Tutti i diritti sono riservati alla Zucchetti S.p.a. Indice 1- Fondo Coasco 1 2- Passaggio di competenze dall Ipsema all Inps in riferimento ai contributi di malattia, maternità, donazione sangue 3- Deducibilità

Dettagli

CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE ED ASSICURATIVA

CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE ED ASSICURATIVA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE ED ASSICURATIVA Suggerimento n. 202/29 del 19 aprile 2013 AZ/GA INPS - MINIMALI DI RETRIBUZIONE E ALTRI ELEMENTI UTILI PER CALCOLO DEI CONTRIBUTI PER L ANNO 2013 - NUOVA CONTRIBUZIONE

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 14/12/2012

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 14/12/2012 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 14/12/2012 Circolare n. 140 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

di Andrea Bergamini Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Andrea Bergamini Risorse Umane >> Amministrazione del personale CONTRIBUZIONE PER LA MOBILITÀ di Andrea Bergamini Risorse Umane >> Amministrazione del personale Agli inizi degli anni novanta il legislatore è intervenuto con l intento di introdurre uno strumento in

Dettagli

VOUCHER (BUONI LAVORO)

VOUCHER (BUONI LAVORO) SCADENZE APRILE 2015 MARTEDì 7 APRILE VOUCHER (BUONI LAVORO) - Fine del periodo delle vacanze pasquali (cominciate il 29 marzo) durante le quali i datori di lavoro di qualsiasi settore produttivo hanno

Dettagli

Confronto degli oneri contributivi. e fiscali e delle prestazioni sociali. in Austria ed Italia

Confronto degli oneri contributivi. e fiscali e delle prestazioni sociali. in Austria ed Italia Confronto degli oneri contributivi e fiscali e delle prestazioni sociali in Austria ed Italia di K. Schönach, G. Innerhofer, G. Auer SINTESI (a cura di Klaus Schönach e Andrea Zeppa) Bolzano / Innsbruck,

Dettagli

FAQ CUD 2006 1 \ 6. la gestione PDF. Gecom Paghe

FAQ CUD 2006 1 \ 6. la gestione PDF. Gecom Paghe 1 \ 6 Cos è TeamSystem la gestione PDF Gecom Paghe FAQ CUD 2006 2 \ 6 Per un dipendente licenziato e riassunto viene stampato un solo CUD con i dati dell ultima matricola Non sono stati inseriti i dati

Dettagli

LEGGERE LA BUSTA PAGA

LEGGERE LA BUSTA PAGA LEGGERE LA BUSTA PAGA Maria Elisa Caldera Consulente del Lavoro Iscritta al n 839 dell'ordine Provinciale di Brescia info@calderaconsulenzalavoro.it Programma di Lavoro Busta paga: Cos'è A cosa serve Le

Dettagli

Il Calcolo dei contributi:

Il Calcolo dei contributi: Il Calcolo dei contributi: Tabella di calcolo dei contributi La La utile al calcolo del TFR La quota di TFR da versare al Fondo Cometa La tredicesima e la quattordicesima mensilità Il caso di cassa integrazione

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

Circolare n. 6/2012 Modelli 730/2012, nuove procedure

Circolare n. 6/2012 Modelli 730/2012, nuove procedure PERNI & DORENTI Partners Oliviero Perni Luca Dorenti Of Counsel Giovanni Intrigliolo Barbara Bonsignori International Partners Luca Soldati Linda Muller Mauro Brambilla Marco Gubler Massimo Sommaruga Milano,

Dettagli

Studio Professionale Rag. Loredana Hertel

Studio Professionale Rag. Loredana Hertel Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 1 SETTEMBRE AL 30 SETTEMBRE 2012 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 1 settembre 2012 al 30 settembre 2012, con il commento dei principali termini di prossima

Dettagli

ISCRIZIONE ALL INPS DELLE AZIENDE

ISCRIZIONE ALL INPS DELLE AZIENDE L ARGOMENTO DEL MESE ISCRIZIONE ALL INPS DELLE AZIENDE L iscrizione delle imprese all Inps è un provvedimento necessario per assolvere gli obblighi assicurativi e contributivi che sorgono nel momento in

Dettagli

SCADENZE NOVEMBRE 2014

SCADENZE NOVEMBRE 2014 SCADENZE NOVEMBRE 2014 LUNEDì 17 NOVEMBRE RAVVEDIMENTO OPEROSO BREVE Scade il termine per regolarizzare gli adempimenti (omessi, tardivi o insufficienti versamenti di imposte o ritenute) non effettuati

Dettagli

OTTOBRE INFORMATIVA N. 243 30 SETTEMBRE 2014 IVA CORRISPETTIVI GRANDE DISTRIBUZIONE

OTTOBRE INFORMATIVA N. 243 30 SETTEMBRE 2014 IVA CORRISPETTIVI GRANDE DISTRIBUZIONE INFORMAT N. 243 30 SETTEMBRE 2014 Si riportano di seguito le principali scadenze del QUARTO TRIMESTRE 2014. Si rammenta che a decorrere dell 1.10.2014 è operativo l obbligo di utilizzo dei servizi telematici

Dettagli

DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE

DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE Anche quest anno è stata prevista una proroga generalizzata per la presentazione, ed i relativi versamenti, delle dichiarazioni dei redditi. Come annunciato, ormai,

Dettagli

Gestione del Personale

Gestione del Personale Gestione funzionale e completa del Personale sia dal punto di vista giuridico che da quello finanziario. La procedura consente di elaborare, per ciascun mese, due mensilità ordinarie e 98 mensilità straordinarie

Dettagli

a cura dello Studio de Strobel - Forti (Consulenza Societaria e Tributaria) - Roma, Via Montello, 20

a cura dello Studio de Strobel - Forti (Consulenza Societaria e Tributaria) - Roma, Via Montello, 20 Scadenze fiscali Principali adempimenti di carattere fiscale e previdenziale per i Professionisti e le Società in genere in scadenza nel periodo compreso dal 1 gennaio al 31 febbraio 2013. a cura dello

Dettagli

GENNAIO INPS DIPENDENTI IVA LIQUIDAZIONE MENSILE

GENNAIO INPS DIPENDENTI IVA LIQUIDAZIONE MENSILE GENNAIO Lunedì 2 gennaio mese di novembre 2005; mese di novembre 2005. L adempimento interessa anche i compensi Lunedì 16 gennaio LIQUIDAZIONE MENSILE DICHIARAZIONI D'INTENTO RITENUTE ALLA FONTE SU DIVIDENDI

Dettagli

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI ASpI 1) COS E? 2) A CHI SI APPLICA? 3) QUANDO SI PUO RICHIEDERE? 4) QUAL È LA RETRIBUZIONE DI RIFERIMENTO PER IL CALCOLO DELL

Dettagli

LA SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DEL PERSONALE LA TUA ATTIVITÀ A PORTATA DI MANO

LA SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DEL PERSONALE LA TUA ATTIVITÀ A PORTATA DI MANO LA SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DEL PERSONALE LA TUA ATTIVITÀ A PORTATA DI MANO INDICE La soluzione Caratteristiche Pag. 03 Aggiornamenti mensili delle tabelle precaricate e aggiornate Pag. 03 Funzionalità

Dettagli

Lunedì 3 maggio. Venerdì 7 maggio

Lunedì 3 maggio. Venerdì 7 maggio MAGGIO 2010 TOSAP Scade il termine per il versamento della rata di aprile della tassa per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche, dovuta per importi superiori ad euro 258,23 (lire 500.000) (art. 50,

Dettagli

Oggetto: CIRCOLARE INFORMATIVA DEL MESE DI LUGLIO 2009.

Oggetto: CIRCOLARE INFORMATIVA DEL MESE DI LUGLIO 2009. STUDIO ANSALDI & ASSOCIATI Dott. Rag. Marco Ansaldi e Rag. Antonella Bolla ALBA - Via San Paolo n. 3/A tel. 0173-366212 CANALE - P.zza Trento T. n. 21 tel. 0173-970386 www.ansaldiassociati.it Ai Signori

Dettagli

ACCONTI, RITENUTE, ECCEDENZE e ALTRI DATI

ACCONTI, RITENUTE, ECCEDENZE e ALTRI DATI ACCONTI, RITENUTE, ECCEDENZE e ALTRI DATI GLI ACCONTI PAGATI La compilazione del quadro F del 730 Il quadro F del modello 730 si compone di 8 sezioni nelle quali sono riportati i seguenti dati: Sezione

Dettagli

NOVITÀ MODELLI 770/2010 SEMPLIFICATO e ORDINARIO

NOVITÀ MODELLI 770/2010 SEMPLIFICATO e ORDINARIO Circolare informativa per la clientela n. 14/2010 del 10 giugno 2010 NOVITÀ MODELLI 770/2010 SEMPLIFICATO e ORDINARIO In questa Circolare 1. Modelli 770/2010 Semplificato e Ordinario 2. Principali novità

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, Circolare n. Allegati n.

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

VADEMECUM PROCEDURA MOBILITA ORDINARIA E LUNGA AZIENDE GRUPPO ALMAVIVA

VADEMECUM PROCEDURA MOBILITA ORDINARIA E LUNGA AZIENDE GRUPPO ALMAVIVA VADEMECUM PROCEDURA MOBILITA ORDINARIA E LUNGA AZIENDE GRUPPO ALMAVIVA Premessa La Legge Finanziaria n. 296 del 2006 ha introdotto la possibilità, per le imprese o gruppi di imprese, di fare ricorso alla

Dettagli

LA FINANZIARIA 2010 IN SINTESI

LA FINANZIARIA 2010 IN SINTESI LA FINANZIARIA 2010 IN SINTESI Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.302 del 30 dicembre 2009, entra in vigore, dal 1 gennaio, la Legge Finanziaria per il 2010 (Legge 23 dicembre 2009, n.191).

Dettagli

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi n 43 del 16 novembre 2012 circolare n 695 del 15 novembre 2012 referente GRANDI/af INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi L INPS, con circolare n.128 del 2 novembre 2012 (allegata alla

Dettagli

2 DISCIPLINA PREVISTA DAL TESTO ORIGINARIO DEL DL 66/2014

2 DISCIPLINA PREVISTA DAL TESTO ORIGINARIO DEL DL 66/2014 Dott. Mauro ROVIDA Dott. Luca Andrea CIDDA Dott. Francesca RAPETTI Dott. Pietro GRONDONA Dott. Luca GIACOMETTI Dott. Paolo STAGNO Dott. Barbara MARINI Dott. Micaela MARINI Dott. Paolo PICCARDO Telef.:

Dettagli

2 InformaImpresa Venerdì 25 gennaio 2013 SOMMARIO

2 InformaImpresa Venerdì 25 gennaio 2013 SOMMARIO 2 InformaImpresa Venerdì 25 gennaio 2013 SOMMARIO 1 - Appuntamento entro il 18 febbraio e il 18 marzo 2013 (perché il 16 cade di sabato) 2 - Riduzione Premi Speciali Unitari per il settore dell Autotrasporto

Dettagli

SCADENZE SETTEMBRE 2013

SCADENZE SETTEMBRE 2013 SCADENZE SETTEMBRE 2013 LUNEDì 2 SETTEMBRE IMPOSTE RATEIZZATE - Ultimo giorno utile per effettuare il versamento della rata delle imposte rateizzate da parte dei contribuenti non titolari di partita Iva.

Dettagli

Circolare informativa

Circolare informativa Circolare informativa Ultime novità fiscali Incentivi acquisto eco-veicoli Dati forniti dal contribuente indagato per evasione Decreto Ministero Sviluppo Economico 11.1.2013 È stato pubblicato sulla G.U.

Dettagli

OPERATORE FISCALE CAAF E PATRONATO

OPERATORE FISCALE CAAF E PATRONATO CORSO PER OPERATORE FISCALE CAAF E PATRONATO Certificazione Sistemi di Gestione Qualità ISO 9001 39 CORSO PER OPERATORE FISCALE CAAF E PATRONATO Materiale propedeutico (studio a casa) + 48 ore di lezioni

Dettagli

Principali scadenze del periodo

Principali scadenze del periodo Principali scadenze del periodo Venerdì 10 aprile COMUNICAZIONE ALL ANAGRAFE TRIBUTARIA SPESOMETRO MODELLO POLIVALENTE - COMUNICAZIONE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (ELENCO CLIENTI/FORNITORI: ANNO 2014)

Dettagli

Decreto Legislativo n. 151/2015

Decreto Legislativo n. 151/2015 Decreto Legislativo n. 151/2015 DISPOSIZIONI DI RAZIONALIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE E ALTRE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAPPORTO DI LAVORO

Dettagli

Mod. 730: tutte le novita` e le scadenze del 2012

Mod. 730: tutte le novita` e le scadenze del 2012 Mod. 730: tutte le novita` e le scadenze del di Saverio Cinieri (*) L ADEMPIMENTO L Agenzia delle Entrate ha approvato il Mod. 730/ che permette ad alcune categorie di contribuenti (per lo piu` lavoratori

Dettagli