Meccanismi di remunerazione della produzione di

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Meccanismi di remunerazione della produzione di"

Transcript

1 Meccanismi di remunerazione della produzione di energia elettrica da FER Davide Valenzano Responsabile Unità Attività Regolatorie e Monitoraggio I Forum ABI Green Energy 2011, 17 giugno 2011

2 Agenda -2-

3 Il Gestore dei Servizi Energetici MSE (Ministero dello Sviluppo Economico) Direttive MEF (Ministero dell Economia e delle Finanze) Proprietà 100% AEEG (Autorità per l Energia l Elettrica ed il Gas ) Deliberazioni MISSIONE Promozione dello sviluppo sostenibile, attraverso l'erogazione di incentivi economici destinati alla produzione energetica da fonti rinnovabili e con azioni informative tese a diffondere la cultura dell'uso dell'energia compatibile con le esigenze dell'ambiente -3-

4 Il ruolo del GSE LE ATTIVITA DEL GSE Principali attività in corso: promozione e incentivazione delle FER elettriche certificazioni di produzione da FER e da CHP gestione servizi per la generazione distribuita (RID, SSP) previsioni e monitoraggio satellitare della produzione da FER elettriche studi, statistiche sulle fonti rinnovabili, attività internazionali supporto al legislatore (MSE, MATTM etc.) servizi specialistici alle PA in campo energetico attività informativa (sito web, contact center, guide divulgative, convegni) Principali nuove attività: promozione delle FER termiche gestione del meccanismo dei Certificati Bianchi sviluppo portale informativo sulle energie rinnovabili e sull efficienza energetica monitoraggio tecnico, economico, ambientale dell attuazione PAN Sistema Italiano di Monitoraggio (statistico) delle Energie Rinnovabili, nei settori elettrico, termico e trasporti, a livello nazionale e gradualmente anche a livello regionale (sinergie con RSE) elaborazione relazioni biennali per il PAN da sottoporre a MSE -4-

5 Agenda -5-

6 Gli impianti a fonte rinnovabile Idroelettrico Biomasse Eolico Biogas Geotermoelettrico Fotovoltaico -6-

7 I principali strumenti di incentivazione gestiti dal GSE Feed in tariffs Feed in premium Quota obbligatoria Tariffa onnicomprensiva Acquisto dell energia a prezzi incentivati Vendita dell energia sul mercato elettrico RICONOSCIMENTO INCENTIVO Su energia immessa in rete RICAVO PRODUTTORE Vendita energia al GSE COPERTURA ONERE INCENTIVAZIONE Direttamente da clienti finali tramite componente tariffaria A3 Conto Energia Attribuzione di un premio all energia prodotta da impianti fotovoltaici e termodinamici che integra il prezzo di vendita dell e.e. RICONOSCIMENTO INCENTIVO Su energia prodotta RICAVO PRODUTTORE Contributo GSE + valore energia prodotta COPERTURA ONERE INCENTIVAZIONE Direttamente da clienti finali tramite componente tariffaria A3 Certificati Verdi (CV) Rilascio dei CV dopo la qualifica e l entrata in esercizio dell impianto Obbligo per produttori e importatori non FER di immettere in rete una % di energia elettrica prodotta da FER tramite annullamento CV RICONOSCIMENTO INCENTIVO Su energia prodotta RICAVO PRODUTTORE Vendita CV + valore energia prodotta COPERTURA ONERE INCENTIVAZIONE Indirettamente da clienti finali tramite prezzo di mercato dell energia -7-

8 Incentivazione e servizi Incentivo Produzione Ritiro Energia Certificazioni C.E. Fotovoltaico C.E. Solare Termodinamico Certificati Verdi Ritiro Dedicato Scambio sul Posto Cogenerazione Garanzia di Origine Tariffe Omnicomprensive CIP 6/92 Certificati RECS -8-

9 Incentivazione dell energia elettrica Es: Energia elettrica riferita ad un impianto fotovoltaico Energia prodotta Energia immessa in rete Energia autoconsumata -9-

10 Attuali voci di ricavo per gli impianti in Conto Energia INCENTIVAZIONE UTILIZZO ENERGIA CONTRIBUTO GSE ENERGIA PRODOTTA (kw installati x ore di funzionamento) X TARIFFA INCENTIVANTE ( /kwh) COSTI EVITATI AUTOCONSUMO: kwh autoconsumati x costo di approvvigionamento energia RICAVO COMMERCIALIZZAZIONE ENERGIA IMMESSA IN RETE Vendita al mercato (Ritiro Dedicato) o Scambio Sul Posto -10-

11 I risultati del Conto Energia La situazione del fotovoltaico n Potenza MW ,841 Dati aggiornati al 16/06/2011 Totale incentivi erogati: 740 Mln -11-

12 Remunerazione impianti Fotovoltaici: Il quarto conto energia (1/9) Il IV Conto Energia (DM 5 maggio 2011): si applica agli impianti fotovoltaici che entrano in esercizio in data successiva al 31 maggio 2011 e fino al 31 dicembre 2016 per un obiettivo indicativo di potenza installata a livello nazionale di circa MW, corrispondente ad un costo indicativo cumulato annuo degli incentivi stimabile tra 6 e 7 miliardi di euro. Possono accedere all incentivazione le seguenti categorie di impianti: a)impianti fotovoltaici, a loro volta distinti in piccoli impianti e grandi impianti; b)impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative; c)impianti a concentrazione. -12-

13 Remunerazione impianti Fotovoltaici: Il quarto conto energia (2/9) I piccoli impianti sono ammessi all incentivo senza graduatoria I grandi impianti sono ammessi all incentivo in modo controllato, con graduatoria e con limite al costo dell incentivo da erogare, con l eccezione di quelli che entrano in esercizio entro il 31 agosto

14 Remunerazione impianti Fotovoltaici: Il quarto conto energia (3/9) Grandi impianti Èistituito il registro dei grandi impianti ammessi all incentivazione, nel periodo dal 1 giugno 2011 al 31 dicembre 2012, con la seguente limitazione sul costo totale dell incentivo: 1/06/ /12/2011 Primo semestre 2012 Secondo semestre 2012 TOTALE Livelli di costo 300 ML 150 ML 130 ML 580 ML Obiettivi indicativi di potenza MW 770 MW 720 MW MW Piccoli impianti Nel periodo dal 1 giugno 2011 al 31 dicembre 2012, i piccoli impianti FTV sono ammessi all incentivazione senza limiti di costo annuo dell incentivo, fatte salve le riduzioni tariffarie previste per l anno 2011 e per l anno

15 Remunerazione impianti Fotovoltaici: Il quarto conto energia (4/9) -15-

16 Remunerazione impianti Fotovoltaici: Il quarto conto energia (5/9) Tariffe 2011 Giugno Luglio Agosto Intervallo di potenza Impianti sugli edifici Altri impianti fotovoltaici Altri impianti fotovoltaici Impianti sugli edifici Impianti sugli edifici Altri impianti fotovoltaici [kw] [ /kwh] [ /kwh] [ /kwh] [ /kwh] [ /kwh] [ /kwh] 1 P 3 0,387 0,334 0,379 0,337 0,368 0,327 3<P 20 0,356 0,319 0,349 0,312 0,339 0,303 20<P 200 0,338 0,306 0,331 0,300 0,321 0, <P ,325 0,291 0,315 0,276 0,303 0, <P ,314 0,277 0,298 0,264 0,280 0,250 P>5000 0,299 0,264 0,284 0,251 0,269 0,238 Intervallo di potenza Impianti sugli edifici Settembre Ottobre Novembre Dicembre Altri impianti fotovoltaici Impianti sugli edifici Altri impianti fotovoltaici Impianti sugli edifici Altri impianti fotovoltaici Impianti sugli edifici Altri impianti fotovoltaici [kw] [ /kwh] [ /kwh] [ /kwh] [ /kwh] [ /kwh] [ /kwh] [ /kwh] [ /kwh] 1 P 3 0,361 0,316 0,345 0,302 0,320 0,281 0,298 0,261 3<P 20 0,325 0,289 0,310 0,276 0,288 0,256 0,268 0,238 20<P 200 0,307 0,271 0,293 0,258 0,272 0,240 0,253 0, <P ,298 0,245 0,285 0,233 0,265 0,210 0,246 0, <P ,278 0,243 0,256 0,223 0,233 0,201 0,212 0,181 P>5000 0,264 0,231 0,243 0,212 0,221 0,191 0,199 0,

17 Remunerazione impianti Fotovoltaici: Il quarto conto energia (6/9) Tariffe SEM SEM 2012 Impianti sugli edifici altri impianti fotovoltaici Impianti sugli edifici altri impianti fotovoltaici Potenza [ /kwh] [ /kwh] [ /kwh] [ /kwh] 1 P 3 0,274 0,240 0,252 0,221 3<P 20 0,247 0,219 0,227 0,202 20<P 200 0,233 0,206 0,214 0, <P ,224 0,172 0,202 0, <P ,182 0,156 0,164 0,140 P>5000 0,171 0,148 0,154 0,133 Tariffe dal 2013 al 2016 A decorrere dal primo semestre 2013 le tariffe assumono valore onnicomprensivo sull energia immessa nel sistema elettrico. Sulla quota di energia autoconsumata è attribuita una tariffa specifica. Impianti sugli edifici SEMESTRE 2013 altri impianti fotovoltaici tariffa onnicomprensiva tariffa autoconsumo tariffa onnicomprensiva tariffa autoconsumo Potenza [ /kwh] [ /kwh] [ /kwh] [ /kwh] 1 P 3 0,375 0,230 0,346 0,201 3<P 20 0,352 0,207 0,329 0,184 20<P 200 0,299 0,195 0,276 0, <P<1000 0,281 0,183 0,239 0, <P ,227 0,149 0,205 0,127 P>5000 0,218 0,140 0,199 0,121 A partire dal 1 semestre del 2013 sono state prestabilite riduzioni degli incentivi per ogni semestre sino alla fine del 2016; queste tariffe potranno essere ulteriormente ridotte sulla base del volume degli incentivi erogati.

18 Remunerazione impianti Fotovoltaici: Il quarto conto energia (7/9) Tariffe per gli impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative Da Giu a Dic Intervallo di potenza [kw] Tariffa corrispondente [ /kwh] 1 P 20 0,427 20<P 200 0,388 P>200 0,359 1 SEM SEM 2012 Intervallo di Tariffa Tariffa potenza corrispondente corrispondente [kw] [ /kwh] [ /kwh] 1 P 20 0,418 0,410 20<P 200 0,380 0,373 P>200 0,352 0,345 A decorrere dal primo semestre 2013 le tariffe assumono valore onnicomprensivo sull energia immessa nel sistema elettrico. Sulla quota di energia autoconsumata è attribuita una tariffa specifica. Intervallo di potenza 1 SEMESTRE 2013 tariffa onnicomprensiva -18- tariffa autoconsumo [kw] [kw] [ /kwh] 1 P 20 0,543 0,398 20<P 200 0,464 0,361 P>200 0,432 0,334 A partire dal 1 semestre del 2013 sono state prestabilite riduzioni degli incentivi per ogni semestre sino alla fine del 2014; queste tariffe potranno essere ulteriormente ridotte sulla base del volume degli incentivi erogati. A decorrere dal 2015 sino alla fine del 2016 gli impianti integrati con caratteristiche innovative accedono alle tariffe previste per gli impianti fotovoltaici tradizionali.

19 Remunerazione impianti Fotovoltaici: Il quarto conto energia (8/9) Tariffe per gli impianti fotovoltaici a concentrazione Da Giu a Dic Intervallo di potenza Tariffa corrispondente [kw] [ /kwh] 1 P 200 0, <P ,310 P>1000 0,272 1 SEM SEM Intervallo di Tariffa Tariffa potenza corrispondente corrispondente [kw] [ /kwh] [ /kwh] 1 P 200 0,352 0, <P ,304 0,298 P>1000 0,266 0,261 A decorrere dal primo semestre 2013 le tariffe assumono valore onnicomprensivo sull energia immessa nel sistema elettrico. Sulla quota di energia autoconsumata è attribuita una tariffa specifica. 1 SEMESTRE 2013 Intervallo di potenza tariffa onnicomprensiva tariffa autoconsumo [kw] [kw] [ /kwh] 1 P 200 0,437 0, <P ,387 0,289 P>1000 0,331 0,253 A partire dal 1 semestre del 2013 sono state prestabilite riduzioni degli incentivi per ogni semestre sino alla fine del 2014; queste tariffe potranno essere ulteriormente ridotte sulla base del volume degli incentivi erogati. A decorrere dal 2015 sino alla fine del 2016 gli impianti a concentazione accedono alle tariffe previste per gli impianti fotovoltaici tradizionali. -19-

20 Remunerazione impianti Fotovoltaici: Il quarto conto energia (9/9) Precisazioni finali La tariffa incentivante spettante è quella vigente alla data di entrata in esercizio dell impianto. Nei casi in cui il mancato rispetto, da parte del GdR, dei tempi per il completamento della realizzazione della connessione e per l attivazione della connessione, previsti dalla deliberazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas del 23 luglio 2008, ARG/elt 99/08 e il relativo Allegato A, comporti la perdita del diritto a una determinata tariffa incentivante, si applicano gli indennizzi previsti e dalla delibera ARG/elt 181/10. In aggiunta ai diversi premi sulla tariffa (già previsti nei precedenti II e III Conto Energia) è stato introdotto un ulteriore incremento del 10 % sulle tariffe incentivanti per gli impianti il cui costo di investimento, relativamente ai componenti diversi dal lavoro, sia per non meno del 60% riconducibile ad una produzione realizzata all interno della Unione Europea. -20-

21 Certificati Verdi e Tariffa Onnicomprensiva IMPIANTI IN ESERCIZIO DAL 1 Gennaio 2008 PICCOLI impianti IAFR 1 MW (200 kw eolico) Sistema incentivante con tariffa fissa onnicomprensiva (incentivo + ricavo vendita energia) (Incentivata solo l energia immessa in rete) Periodo di incentivazione 15 anni Energia incentivata differenziata per fonte Misure speciali per biomasse a filiera corta Incentivi non cumulabili con altri incentivi pubblici Medi e grandi impianti IAFR Sistema incentivante con i certificati verdi rivisto (incentivata tutta l energia netta prodotta) Meccanismo opzionale (attivabile su richiesta), alternativo a quello dei CV Valore CV GSE ( /MWh) = 180 Prezzo medio cessione energia Taglia CV ridotta a 1 MWh Incremento dell obbligo (D.Lgs 79/99) di 0,75% all anno -21-

22 Valorizzazione dell incentivo GSE L incentivo è riconosciuto agli impianti qualificati IAFR sull Energia Incentivata EI E I = funzione della categoria dell intervento e della tipologia dell impianto Sistema con i certificati verdi: Ncv = EI * K Il numero dei certificati Ncv si ottiene moltiplicando il valore EI (MWh) per il valore del coefficiente K specifico della fonte rinnovabile. Sistema con la tariffa onnicomprensiva: I = EI * (E R : Ea ) * T In questo caso il valore dell incentivazione I in euro si ottiene moltiplicando il valore della tariffa T per l energia incentivata EI (MWh) per il rapporto tra l energia immessa in rete E R e quella prodotta Ea. -22-

23 Elementi principali del sistema Certificati Verdi E basato su una quota d obbligo sull energia da fonti convenzionali per ogni produttore/importatore (più di 100 GWh di EE prodotta/importata per ogni produttore/importatore); I produttori/importatori devono immettere in rete una certa quantità di energia rinnovabile pari ad un x % (6,05 % for 2010) di energia da fonte convenzionale prodotta o importata l anno prima (le percentuali aumentano dello 0,75% all anno); I produttori e gli importatori possono adempiere ai loro obblighi attraverso I Certificati Verdi emessi a loro favore o acquistati da altri produttori; L incentivo è garantito per 15 anni; I Certificati Verdi hanno una validità di tre anni; 1 CV è emesso per ogni MWh prodotto moltiplicato per un coefficiente K in relazione alla fonte rinnovabile; I produttori possono passare al meccanismo della Tariffa Omnicomprensiva (se la potenza è < 1MW) o viceversa, solamente una volta; I Certificati Verdi possono essere venduti o acquistati attraverso: I contratti bilaterali: contratti di natura privata le cui regole sono decise dai contraenti Partecipazione al Mercato dei Certificati Verdi: organizzato e gestito dal Gestore del Mercato Elettrico (GME) Normativa di riferimento: L. 79/99; D. lgs. 387/03; L. 244/07; L. 222/07; D.M. 18/12/2008, L. 99/09-23-

24 Tariffe riconosciute ai Certificati Verdi Tabella 2 Legge Finanziaria 2008 dopo le modifiche apportate dalla L. 99/09: riga Fonte Coefficiente 1 Eolica per impianti di taglia superiore a 200 kw 1,00 1 bis Eolica offshore 1,50 2 Solare (conto energia) 3 Geotermica 0,90 4 Moto ondoso e maremotrice 1,80 5 Idraulica 1,00 6 Rifiuti biodegradabili, biomasse diverse da quelle di cui al punto successivo 1,30 7 Biomasse e biogas prodotti da attività agricola, allevamento e forestale da filiera (1,80 dopo DM MIPAAF) 8 Gas di discarica e gas residuati dai processi di depurazione e biogas diversi da quelli del punto precedente 0,80 Per gli impianti che entrano in esercizio entro il 31/12/2012, i fattori moltiplicativi riportati in tabella restano costanti per l intero periodo di diritto e pari ai valori indicati. -24-

25 I Certificati Verdi Mercato dell energia e mercato dei Certificati Verdi Energia convenzionale Energia rinnovabile import Cent/kWh kwh Mercato dell energia kwh Cent/kWh Cent/kWh Obbligo acquisto % CV Cent/kWh Domanda CV Mercato Certificati Cent/kWh Of ferta CV Cent/kWh -25-

26 I Certificati Verdi Certificati Verdi: evoluzione della quota d obbligo Anno di riferimento Quota d'obbligo Anno di asso lvim ento % % % ,35% ,35% ,70% 2006 all'anno ,05% ,80% ,55% ,30% + 0,75% ,05% all'anno ,80% ,55% % 7% 6% 5% 4% 3% 2% 1% 0% Q uota d'obbligo Anno di riferimento Decreto Legislativo n. 79 del

27 I Certificati Verdi: mercato 2010 Certificati Verdi: eccesso di offerta 18,0 TWh 8 TWh Valore riferimento mercato ,82 /CV (MAX) 10 TWh Condizioni di ritiro ,91 /CV (MIN) ECCESSO DI OFFERTA OFFERTA CV IAFR DOMANDA CV MERCATO (OBBLIGO) DOMANDA CV GSE (RITIRO) In condizioni di eccesso di offerta le contrattazioni dei CV tendono ad attestarsi sul livello minimo dei prezzi di riferimento -27-

28 Prezzo di ritiro dei Cv in eccesso da parte del GSE E CV = E x K I E CV = Energia annua incentivata con i certificati verdi (MWh) E I = Energia elettrica incentivata all intervento effettuato (valore netto annuo per impianti nuovi, potenziamenti, rifacimenti, riattivazioni, impianti ibridi, co combustioni) K = Coefficiente differenziato per fonte rinnovabile V CVn = 180 P CE n 1 n ( /MWh) V CVn = Valore di riferimento CV anno n P CE n 1 = Prezzo cessione energia elettrica anno n 1 (definito da AEEG) -28-

29 Valori Tariffa Onnicomprensiva Tabella 3 Legge Finanziaria 2008 dopo le modifiche apportate dalla L. 99/09: riga Fonte Tariffa (euro/mwh) 1 Eolica per impianti di taglia inferiore a 200 kw Solare (conto energia) 3 Geotermica Moto ondoso e maremotrice Idraulica diversa da quella del punto precedente Biogas e biomasse, esclusi i biocombustibili liquidi ad eccezione degli oli vegetali puri tracciabili attraverso il sistema integrato di gestione e di controllo previsto dal regolamento (CE) n. 73/2009 del Consiglio, del 19 gennaio Gas di discarica, gas residuati dai processi di depurazione e biocombustibili liquidi ad eccezione degli oli vegetali puri tracciabili attraverso il sistema integrato di gestione e di controllo previsto dal regolamento (CE) n. 73/2009 del Consiglio, del 19 gennaio Per gli impianti che entrano in esercizio entro il 31/12/2012, le TO riportate in tabella restano costanti per l intero periodo di diritto e pari ai valori indicati. -29-

30 Sistema Tariffa Onnicomprensiva DISTRIBUTORI Trasporto Corrispettivi Dispacciamento e Trasporto Produttori Tariffa Valore MKT Convenzione Tariffa Onnicomprensiva Valorizzazione Energia Valorizzazione Servizi A3 Copertura dei costi GSE eccedenti i ricavi CASSA Comunicazione misure CONGUAGLIO SETTORE ELETTRICO Ai fini della remunerazione, l energia elettrica immessa in rete e oggetto della convenzione è incrementata, nel caso di punti di immissione in bassa e media tensione, del fattore percentuale pari rispettivamente a + 10,8% e + 5,1%, solo per l eventuale quota non incentivata. -30-

31 CV e TO: i risultati della Qualifica IAFR Impianti qualificati (a progetto ed in esercizio) al 31/12/2010 Numero IAFR Potenza (MW) % a progetto 70% in esercizio -31-

32 Agenda -32-

33 La commercializzazione dell energia immessa in rete Il GSE SpA regola con il produttore l energia elettrica immessa in rete in attuazione del: Ritiro Dedicato (delibera AEEG n. 280/07) Scambio sul Posto (delibera AEEG n. ARG/elt 74/08) E possibile passare da un meccanismo di commercializzazione dell energia elettrica ad un altro (ad esempio è possibile recedere la convenzione del ritiro dedicato e sottoscrivere quella relativa allo scambio sul posto) -33-

34 Il ritiro dedicato La commercializzazione dell energia immessa in rete Ritiro dedicato Il regime di ritiro dedicato nasce come alternativa al mercato (contrattazione bilaterale e borsa elettrica) per la vendita dell energia elettrica prodotta e immessa in rete attraverso delle modalità semplificate. Il ritiro dedicato consiste nella cessione al GSE e nella conseguente remunerazione dell energia elettrica immessa in rete e dei relativi corrispettivi per l utilizzo della rete (dispacciamento, trasporto) a condizioni definite dall AEEG. AMBITO DI APPLICAZIONE Impianti di potenza fino a 10 MW o di potenza qualsiasi se alimentati da fonti rinnovabili non programmabili (fotovoltaico, eolico, idroelettrico a fluente, etc.) -34-

35 Ritiro dedicato Remunerazione energia Il GSE regola i corrispettivi spettanti ai produttori su base mensile Il prezzo di ritiro dell energia elettrica immessa in rete èpari al prezzo orario della zona di mercato dove è ubicato l impianto Ai sensi della delibera 280/07 hanno diritto ai prezzi minimi garantiti (PMG) applicati per scaglioni di energia immessa in rete i seguenti impianti: PREZZI MINIMI GARANTITI 2010 Hanno diritto ai PMG Impianti di Potenza minore o uguale a 1 MW Scaglione MWh PMG /MWh Fino a ,4 Oltre i 500 fino a ,2 Oltre fino a ,2 Oltre i P zonale Qualora al termine di ciascun anno solare la valorizzazione a prezzi minimi garantiti risultasse inferiore a quella ottenibile a prezzi di mercato, il GSE riconosce al produttore il relativo conguaglio. Ai fini della remunerazione, l energia elettrica immessa in rete e oggetto della convenzione è incrementata, nel caso di punti di immissione in bassa e media tensione, di un fattore percentuale pari rispettivamente a +10,8% e +5,1%. -35-

36 Lo Scambio Sul Posto Lo scambio sul posto consente di realizzare una particolare forma di remunerazione dell energia immessa in rete per la quale oltre al valore di mercato dell energia si può recuperare, limitatamente all energia scambiata con la rete, il costo dei servizi sostenuto per l energia prelevata; Il GSE èil soggetto erogatore del contributo in conto scambio Impianti FER 1 2 AMBITO DI APPLICAZIONE IMPIANTI FER AMBITO DI APPLICAZIONE IMPIANTI CAR con P 200 kw -36-

37 Grazie per l attenzione! -37-

38 Meccanismi di remunerazione della produzione di energia elettrica da FER : evoluzione normativa Gaia Morleo Unità Attività Regolatorie e Monitoraggio I Forum ABI Green Energy 2011, 17 giugno 2011

39 Agenda -39-

40 La Direttiva 2009/28/CE Obiettivi non vincolanti Obiettivi vincolanti (Direttiva 2009/28/CE) Europa 2010 Europa 2020 Italia 2020 Consumo di energia da FER 12 % 20 % 17 % Consumo di energia da FER nel settore trasporti (Direttiva 2003/30/CE) 5,75 % 10 % 10 % Consumo di energia da FER nel settore elettricità (Direttiva 2001/77/CE) 22 % A discrezione degli Stati Membri, compatibilmente con l obiettivo generale Per quanto riguarda le biomasse liquide, solo quelle che potranno certificare la propria sostenibilità ambientale saranno considerate valide per il raggiungimento degli obiettivi. -40-

41 La Direttiva 2009/28/CE IL PROCESSO NORMATIVO Direttiva 2009/28/CE PAN Piano di Azione Nazionale per le energie rinnovabili D.Lgs. 3 marzo 2011 n.28 Giugno 2009 Giugno 2010 Marzo

42 La Direttiva 2009/28/CE IL CALCOLO DELL OBIETTIVO COMPLESSIVO Quota di energia da FER sul CFL di energia CFL da FER = > 17 % CFL totali CFL totali = Consumi finali di energia (prodotti energetici forniti a scopi energetici all industria, ai trasporti, alle famiglie, ai servizi, all agricoltura, alla silvicoltura e alla pesca) + Servizi ausiliari per la generazione di elettricità e calore + Perdite di distribuzione di elettricità e calore CFL da FER = Consumi finali di energia rinnovabile (elettricità, calore, trasporti) + Misure di cooperazione internazionale (scambi statistici, progetti comuni) -42-

43 Il Piano di Azione Nazionale per le energie rinnovabili Come raggiungere gli obiettivi? Agendo in 4 direzioni Elettricità da FER Calore da FER FER per i trasporti Quota di energia da FER sul CFL di energia = Consumo Finale Lordo da FER Consumo Finale Lordo totale 17 % Stabilizzazione dei consumi TECNOLOGIA + COMPORTAMENTI CONSAPEVOLI Fondamentale una strategia complessiva Politiche integrate, efficaci ed efficienti -43-

44 Il Piano di Azione Nazionale per le energie rinnovabili Produzione lorda di energia ELETTRICA da FER : dati al 2009 e obiettivi del PAN al 2020 x 3 x 2,5 x

45 Potenza degli impianti alimentati con fonti rinnovabili Evoluzione della potenza installata per fonte MW MW MW MW MW +129 MW Nel periodo compreso tra il 2000 e il 2010, la potenza installata è aumentata di MW passando da a MW. * Stima Terna GSE ** Bioenergie comprende biomasse, rifiuti biodegradabili, biogas e bioliquidi -45-

46 Agenda -46-

47 Il D.Lgs. 3 marzo 2011, n.28 I CONTENUTI DEL D.LGS. DI RECEPIMENTO Direttiva 2009/28/CE Obiettivi Art. da 1 a 5 PAN D.Lgs. 28/2011 Cap Misure Art.3 Cap Art. da 1 a 3 Art. da 23 a 33 e Art. da 10 a 13 Mecc. Coop. e GO Art. da 6 a 12 e Art.15 Cap. 4.7 Art. da 34 a 37 Autorizzazioni Art. 13 Cap Art. da 4 a 9 Informazione e Formazione Art. 14 Cap Art. 14 e 15 Reti energetiche Art. 16 Cap Art. da 16 a 22 Sostenibilità bioliquidi Art. da 17 a 21 Cap Art. 38 e 39 Monitoraggio Art. da 22 a 25 Cap Art

48 Il D.Lgs. 3 marzo 2011, n.28 È stata prevista la rimodulazione e la razionalizzazione del sistema degli incentivi per le fonti energetiche rinnovabili allo scopo di rendere economicamente sostenibile ed efficace il sistema degli incentivi previsto per la promozione delle energie rinnovabili. Settore elettrico: il D.Lgs. prevede la revisione degli attuali strumenti di incentivazione attraverso: o il graduale superamento del sistema dei certificati verdi con l introduzione di un sistema incentivante del tipo a tariffa costante per tutto il periodo di diritto all incentivo, che potrà tener conto del valore economico dell energia prodotta; o l introduzione di un meccanismo di aste per impianti sopra i 5 MWe di potenza o il nuovo sistema entrerà in vigore dopo il 31 dicembre 2012, con un adeguato periodo di transizione dall attuale sistema (certificati verdi) al nuovo. Il limite di 5 MWe rappresenta una soglia minima di potenza che sarà rideterminata in aumento con un successivo decreto a seconda della tipologia di fonte. Settore termico: sono previsti incentivi per la produzione di energia termica da rinnovabili e per l efficienza energetica distinti in contributi a valere sulle tariffe del gas naturale per gli interventi di piccole dimensioni realizzati a partire dal 1 gennaio 2012 (per un periodo non superiori a 10 anni), ed in certificati bianchi per tutti gli altri. Il decreto prevede la complessiva rivisitazione dei certificati bianchi ed istituisce un fondo presso la Cassa Conguaglio per il Settore Elettrico per lo sviluppo tecnologico e industriale in materia di fonti rinnovabili ed efficienza energetica. -48-

49 Il D.Lgs. 3 marzo 2011, n.28 REGIMI DI SOSTEGNO PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA Criteri generali per gli impianti in esercizio dal 2013 equa remunerazione proporzionata ai costi di investimento ed esercizio; periodo di incentivazione pari alla vita utile delle diverse tipologie di impianto; incentivo costante durante il periodo e può tener conto del valore economico dell energia prodotta; incentivi destinati a nuove realizzazioni, ricostruzioni integrali, potenziamenti, impianti ibridi e rifacimenti (definizione criteri); impianti fino a un valore non inferiore ai 5 MW: incentivo diversificato per fonte e per scaglioni di potenza; impianti oltre 5 MW: assegnazione degli incentivi con aste al ribasso del GSE; decreto MSE di attuazione entro 6 mesi. -49-

50 Il D.Lgs. 3 marzo 2011, n.28 REGIMI DI SOSTEGNO PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA Aste al ribasso: impianti oltre 5 MW gli incentivi a base d asta tengono conto delle specifiche caratteristiche delle diverse tipologie di impianto e delle economie di scala delle diverse tecnologie; le aste hanno luogo con frequenza periodica e prevedono, tra l altro, requisiti minimi dei progetti e di solidità finanziaria dei soggetti partecipanti, e meccanismi a garanzia della realizzazione degli impianti autorizzati, anche mediante fissazione di termini per l entrata in esercizio; le procedure d asta sono riferite a un contingente di potenza da installare per ciascuna fonte o tipologia di impianto; l incentivo riconosciuto è quello aggiudicato sulla base dell asta al ribasso; le procedure d asta prevedono un valore minimo dell incentivo comunque riconosciuto dal GSE, determinato tenendo conto delle esigenze di rientro degli investimenti effettuati; decreto MSE di attuazione entro 6 mesi -50-

51 Il D.Lgs. 3 marzo 2011, n.28 REGIMI DI SOSTEGNO PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA Disposizioni transitorie Riduzione lineare della quota d obbligo a partire dal 2013, fino ad annullarsi per l anno 2015; il GSE ritira annualmente i certificati verdi rilasciati per le produzioni da fonti rinnovabili degli anni dal 2011 al 2015, eventualmente eccedenti quelli necessari per il rispetto della quota d obbligo. la riprogrammazione degli incentivi al fotovoltaico : attivata con l emissione del DM (VI Conto Energia). -51-

52 Il D.Lgs. 3 marzo 2011, n.28 ELEMENTI INNOVATIVI INTRODOTTI DAL D.LGS. 28/2011 Elementi innovativi di carattere generale relativi ai meccanismi di incentivazione razionalizzazione del sistema di incentivazione delle FER e dell efficienza energetica incentivazione a valere su componente tariffaria (elettrica e del gas) criterio dell equa remunerazione dei costi di investimento e di esercizio costanza del periodo d incentivazione e possibilità che esso tenga conto dell energia prodotta (o risparmiata) introduzione della condizione ostativa alla percezione degli incentivi (10 anni) in caso di fornitura di dati mendaci e documenti non veritieri per pluralità di soggetti, nonché recupero delle somme indebitamente percepite non cumulabilità degli incentivi con altri pubblici, con specifiche eccezioni controlli, in base a principi di efficienza, efficacia e proporzionalità, effettuati dal GSE (fermo restante i poteri di controllo e sanzionatorio di altre amministrazioni ed EE.PP.) sanzioni amministrative in materia di autorizzazione alla costruzione e all esercizio -52-

53 Grazie per l attenzione! -53-

Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07

Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07 1 Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07 PICCOLI impianti IAFR Sistema incentivante con tariffa fissa onnicomprensiva (incentivo + ricavo vendita energia) (Incentivata solo all energia immessa

Dettagli

Le potenzialità degli impianti a fonti rinnovabili. L Incentivazione degli impianti a fonti rinnovabili 4. Le FONTI RINNOVABILI. Obiettivi comunitari

Le potenzialità degli impianti a fonti rinnovabili. L Incentivazione degli impianti a fonti rinnovabili 4. Le FONTI RINNOVABILI. Obiettivi comunitari convegno nazionale & question time L DELLA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI I MERCATI DEI CERTIFICATI VERDI, DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA E DELLE UNITÀ DI EMISSIONE Gli strumenti

Dettagli

Fonti rinnovabili e supporto alla Pubblica Amministrazione, il ruolo del GSE. Maurizio Cuppone

Fonti rinnovabili e supporto alla Pubblica Amministrazione, il ruolo del GSE. Maurizio Cuppone Fonti rinnovabili e supporto alla Pubblica Amministrazione, il ruolo del GSE Maurizio Cuppone Il Gestore dei Servizi Energetici MSE (Ministero dello Sviluppo Economico) Direttive MEF (Ministero dell Economia

Dettagli

Il sistema degli incentivi per le fonti rinnovabili in Italia

Il sistema degli incentivi per le fonti rinnovabili in Italia Il sistema degli incentivi per le fonti rinnovabili in Italia Relatore: Ing. Attilio Punzo Roma, 26 novembre 2010 Sommario Ruolo del GSE nel settore elettrico Il sistema degli incentivi in Italia Incentivi

Dettagli

Gli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Luca Benedetti

Gli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Luca Benedetti Gli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Luca Benedetti Responsabile Unità Studi Perugia 12 marzo 2014 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004

Dettagli

Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili

Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa Convegno FederUtility Fonti rinnovabili ed efficienza energetica Le prospettive per le Aziende

Dettagli

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III Corso di Formazione ESTATE La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università degli Studi di

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

Incentivazione delle biomasse

Incentivazione delle biomasse Incentivazione delle biomasse Luca Benedetti Responsabile Unità Studi luca.benedetti@gse.it 11 a Giornata PAVER Piacenza, 20 giugno 2011 INDICE 1. Meccanismi incentivanti in Italia Certificati Verdi Tariffe

Dettagli

L INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Quadro normativo e risultati

L INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Quadro normativo e risultati L INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Quadro normativo e risultati Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici www.gse.it Ovaro (UD), 27 marzo 2010 www.gsel.it 2 Indice Le attività

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

Gestore dei Servizi Energetici GSE SpA

Gestore dei Servizi Energetici GSE SpA Gestore dei Servizi Energetici GSE SpA Emilio Cremona www.gse.it 2011 www.gsel.it 2 GSE struttura societaria MSE anche di concerto MATT Direttive MINISTERO DELL ECONOMIA 100% AUTORITA ENERGIA Delibere

Dettagli

Le energie rinnovabili nel contesto agro-zootecnico: analisi normativa e d investimento per impianti fotovoltaici e a biomasse/biogas

Le energie rinnovabili nel contesto agro-zootecnico: analisi normativa e d investimento per impianti fotovoltaici e a biomasse/biogas Centro per lo sviluppo del polo di Cremona Le energie rinnovabili nel contesto agro-zootecnico: analisi normativa e d investimento per impianti fotovoltaici e a biomasse/biogas Centro per lo sviluppo del

Dettagli

INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE: COSA CAMBIA CON IL NUOVO DECRETO?

INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE: COSA CAMBIA CON IL NUOVO DECRETO? Rinnovabili: I nuovi incentivi per il settore elettrico Bolzano, 25 luglio 2012 INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE: COSA CAMBIA CON IL NUOVO DECRETO? Andrea Zaghi Centro Studi L Associazione Aper

Dettagli

Nuova tariffa in Italia

Nuova tariffa in Italia è stato pubblicato nella G.U. n. 1 del 2 gennaio 2009, il Decreto 18 dicembre 2008, con il quale si dà prima attuazione alle disposizioni in materia di incentivazione della produzione di energia elettrica

Dettagli

AREA CLIENTI. Home Azienda Sala stampa Dati e Bilanci Sostenibilità Bandi di gara Verso il 2020 Lavora con noi

AREA CLIENTI. Home Azienda Sala stampa Dati e Bilanci Sostenibilità Bandi di gara Verso il 2020 Lavora con noi A A A English AREA CLIENTI Home Azienda Sala stampa Dati e Bilanci Sostenibilità Bandi di gara Verso il 2020 Lavora con noi Contatti FAQ CONTO ENERGIA RITIRO E SCAMBIO QUALIFICHE E CERTIFICATI GAS, CO2

Dettagli

INFORMATIVA 01/2009. Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas

INFORMATIVA 01/2009. Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas INFORMATIVA 01/2009 Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas Realizzato da: TIS Area Energia & Ambiente Data: Bolzano, 06/08/2009 Indice 1 Introduzione... 3 2 Incentivazione

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA Entrata in vigore: Il nuovo regime di incentivazione previsto dal V conto energia entrerà in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento di un costo indicativo

Dettagli

Meccanismi di incentivazione del minieolico. Risultati raggiunti

Meccanismi di incentivazione del minieolico. Risultati raggiunti Meccanismi di incentivazione del minieolico. Risultati raggiunti Ing. Luca Di Carlo Direttore Ingegneria IL MINIEOLICO IN ITALIA. PROGETTARE IL FUTURO Solarexpo The Innovation Cloud Milano, 9 maggio 2014

Dettagli

Centro per lo sviluppo del polo di Cremona

Centro per lo sviluppo del polo di Cremona Centro per lo sviluppo del polo di Cremona La revisione al sistema di incentivazione delle FER: valutazioni economiche e opportunità d investimento per gli impianti di digestione anaerobica di biomasse

Dettagli

Aggiornamenti normativi in materia di fonti rinnovabili

Aggiornamenti normativi in materia di fonti rinnovabili Aggiornamenti normativi in materia di fonti rinnovabili Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa Convegno Cooperative Elettriche Italiane Storiche Pozza di Fassa (TN), 7 e 8 giugno 2013 Il ruolo

Dettagli

www.provincia.bologna.it/opportunita_ambientale

www.provincia.bologna.it/opportunita_ambientale 1 CERTIFICATI VERDI, CONTO ENERGIA E TARIFFA ONNICOMPRENSIVA Legge Finanziaria 2008 (legge 24 Dicembre 2007, n. 244), art. 2, commi da 143 a 157, articolo 2, commi da 136 a 140 D.M 18/12/2008 (decreto

Dettagli

DISPOSIZIONI INCENTIVANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI PER L ANNO 2008

DISPOSIZIONI INCENTIVANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI PER L ANNO 2008 REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE SERVIZIO AGRICOLTURA, FORESTAZIONE E PESCA DISPOSIZIONI INCENTIVANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI PER L ANNO 2008 (LEGGE FINANZIARIA 2008

Dettagli

Il ritiro dedicato dell energia elettrica

Il ritiro dedicato dell energia elettrica Il ritiro dedicato dell energia elettrica prodotta da impianti fino a 10 MVA e da impianti alimentati da fonti rinnovabili non programmabili: la delibera n. 280/07 Direzione Mercati Unità fonti rinnovabili,

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Bologna 8 novembre 2010

Bologna 8 novembre 2010 Bologna 8 novembre 2010 Il Gestore dei Servizi Energe5ci (GSE) Dire(ve Proprietà 100% Delibere MISSIONE promozione dello sviluppo sostenibile, a>raverso l'erogazione di incen5vi economici des5na5 alla

Dettagli

IL REGIME DI INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Decreto Fer. Avv. Germana Cassar g.cassar@macchi-gangemi.com

IL REGIME DI INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Decreto Fer. Avv. Germana Cassar g.cassar@macchi-gangemi.com 1 IL REGIME DI INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Decreto Fer 2 IL REGIME DI INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Il Decreto FER : Decreto Ministeriale 6 luglio 2012 adottato dal Ministero dello

Dettagli

incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili

incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili Incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili incentivi Sommario Incentivi alla Produzione di energia elettrica e termica da impianti

Dettagli

Andamento della produzione lorda totale e Idroelettrica dal 1960 al 2008

Andamento della produzione lorda totale e Idroelettrica dal 1960 al 2008 1 Le fonti rinnovabili in Italia Andamento della produzione lorda totale e Idroelettrica dal 1960 al 2008 GWh 340.000 320.000 300.000 280.000 260.000 240.000 Idroelettrica Produz. Lorda Idro-Rinnovaible

Dettagli

Gli incentivi per la produzione di energie rinnovabili e l efficienza energetica

Gli incentivi per la produzione di energie rinnovabili e l efficienza energetica Gli incentivi per la produzione di energie rinnovabili e l efficienza energetica INTRODUZIONE Il 29 marzo scorso è entrato in vigore il decreto legislativo 28/2011 (c.d. Decreto Rinnovabili) attuativo

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 614/2013/R/EFR AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI CHE ACCEDONO ALLO

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Definizione delle modalità per il ritiro, da parte del Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. - GSE, dell energia elettrica immessa in

Dettagli

La variazione del mix produttivo italiano e gli effetti sul mercato elettrico

La variazione del mix produttivo italiano e gli effetti sul mercato elettrico La variazione del mix produttivo italiano e gli effetti sul mercato elettrico Dott. Ing. Massimo Rivarolo Scuola Politecnica Università di Genova DIME Sez. Maset massimo.rivarolo@unige.it Contenuti Mix

Dettagli

La posizione di Confindustria sul Fotovoltaico

La posizione di Confindustria sul Fotovoltaico La posizione di Confindustria sul Fotovoltaico 1 Gli obiettivi europei di sostenibilità ambientale al 2020 Pacchetto UE clima-energia Normativa e policy UE Recepimento Nazionale Obiettivo vincolante 20%

Dettagli

www.fattoriedelsole.org

www.fattoriedelsole.org Convegno del 6 novembre 2014, Sala Tulipano Fer ed Efficienza: gli obblighi e gli adempimenti annuali degli operatori elettrici e dei Progetti di Efficienza Energetica 10.30. 10.50 Gli adempimenti annuali

Dettagli

Agricoltura ed energia rinnovabile: il quadro normativo

Agricoltura ed energia rinnovabile: il quadro normativo Agricoltura ed energia rinnovabile: il quadro normativo A cura della Dott.ssa ROBERTA CIAVARINO _ INEA Campania La lotta ai cambiamenti climatici è profondamente interconnessa alla questione energetica,

Dettagli

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Bergamo, anno accademico 2013/2014 1 La bolletta elettrica 2 La bolletta elettrica Fonte: AEEG - http://www.autorita.energia.it/it/consumatori/bollettatrasp_ele.htm

Dettagli

IL NUOVO QUADRO DEGLI INCENTIVI PER LE RINNOVABILI DOPO IL D.Lgs. n. 28 DEL 3 MARZO 2011. Milano, 11 maggio 2011

IL NUOVO QUADRO DEGLI INCENTIVI PER LE RINNOVABILI DOPO IL D.Lgs. n. 28 DEL 3 MARZO 2011. Milano, 11 maggio 2011 1 IL NUOVO QUADRO DEGLI INCENTIVI PER LE RINNOVABILI DOPO IL D.Lgs. n. 28 DEL 3 MARZO 2011 Milano, 11 maggio 2011 Avv. Emilio Sani e.sani@macchi-gangemi.com Avv. Alessia Marconi a.marconi@macchi-gangemi.com

Dettagli

Workshop Fonti Rinnovabili

Workshop Fonti Rinnovabili Workshop Fonti Rinnovabili Rinnovabili: vecchi vizi e nuove virtù. Una generazione sempre più al verde? Centro Studi SAFE Auditorium GSE Roma, 23 luglio 2012 Agenda Le rinnovabili nel mondo: quadro attuale

Dettagli

Spalma incentivi volontario

Spalma incentivi volontario Spalma incentivi volontario Guida alla lettura con esempi numerici Spalma incentivi volontario: guida alla lettura Riferimenti normativi: DECRETO LEGGE 23 dicembre 2013, n. 145 (c.d. Destinazione Italia

Dettagli

Corsi di formazione finalizzati alla qualificazione professionale nel settore delle fonti energetiche rinnovabili e mobilità sostenibile

Corsi di formazione finalizzati alla qualificazione professionale nel settore delle fonti energetiche rinnovabili e mobilità sostenibile Corsi di formazione finalizzati alla qualificazione professionale nel settore delle fonti energetiche rinnovabili e mobilità sostenibile Corso: I sistemi fotovoltaici connessi in rete e integrati negli

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 488/2013/R/EFR

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 488/2013/R/EFR DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 488/213/R/EFR SCAMBIO SUL POSTO: AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI

Dettagli

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Commissione Attività Produttive della Camera Roma,

Dettagli

INCENTIVI PER LA COGENERAZIONE DIFFUSA

INCENTIVI PER LA COGENERAZIONE DIFFUSA INCENTIVI PER LA COGENERAZIONE DIFFUSA RELATORE Dott. Sergio Pontiggia Servizi Industriali srl Cogenerazione e pompe di calore: soluzioni di efficienza energetica nelle imprese 24 giugno 2009 Fonte: GSE

Dettagli

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Audizione del Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Roma, 3 luglio 2014 Indice Il Gruppo GSE Decreto-Legge 24

Dettagli

La situazione delle energie rinnovabili. Il bilancio del Conto Energia. MEF (Ministero dell Economia e delle Finanze)

La situazione delle energie rinnovabili. Il bilancio del Conto Energia. MEF (Ministero dell Economia e delle Finanze) Il gruppo GSE MSE (Ministero dello Sviluppo Economico) Direttive MEF (Ministero dell Economia e delle Finanze) Proprietà 100% AEEG (Autorità per l Energial Elettrica ed il Gas ) Delibere Fiera di Verona,

Dettagli

Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili

Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili Il costo indicativo cumulato annuo degli incentivi riconosciuti agli impianti alimentati da fonti rinnovabili diversi da quelli fotovoltaici 30 settembre

Dettagli

Il Quinto conto energia e il nuovo sistema di incentivi alle energie rinnovabili

Il Quinto conto energia e il nuovo sistema di incentivi alle energie rinnovabili Unioncamere Lombardia Il Quinto conto energia e il nuovo sistema di incentivi alle energie rinnovabili 4 giugno 2012 Avv. Stefania Gorgoglione 1 Quadro normativo generale FR D.Lgs. 16 marzo 1999, n. 79,

Dettagli

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Bergamo, anno accademico 2013/2014 1 La bolletta elettrica 2 La bolletta elettrica Fonte: AEEG - http://www.autorita.energia.it/it/consumatori/bollettatrasp_ele.htm

Dettagli

Di Fabio Noferi Commercialista e Revisore Contabile Montevarchi ( Arezzo ).

Di Fabio Noferi Commercialista e Revisore Contabile Montevarchi ( Arezzo ). La tariffa fissa omnicomprensiva per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili diverse rispetto alla energia solare : natura e corretto trattamento da un punto di vista fiscale alla luce della Risoluzione

Dettagli

Il biogas. Opportunità per le aziende agricole e l agro industria produzione e prospettive. Incentivi e finanziamenti

Il biogas. Opportunità per le aziende agricole e l agro industria produzione e prospettive. Incentivi e finanziamenti Il biogas Opportunità per le aziende agricole e l agro industria produzione e prospettive. Incentivi e finanziamenti Renzo N.Iride Servizio Energia-Araen D.M. 18.12.2008 (g.u.2.01.09) Incentivazione della

Dettagli

Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente ai sensi dell art.

Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente ai sensi dell art. Bollettino 2 2 semestre 2012 Incentivazione delle fonti rinnovabili. Certificati Verdi e Tariffe Onnicomprensive. Bollettino aggiorn nato al 31 dicembre 2012. Il presente documento è il bollettino informativo

Dettagli

Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili

Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili Il costo indicativo cumulato annuo degli incentivi riconosciuti agli impianti alimentati da fonti rinnovabili diversi da quelli fotovoltaici Febbraio 2013

Dettagli

Gestore dei Servizi Energetici GSE spa

Gestore dei Servizi Energetici GSE spa Gestore dei Servizi Energetici GSE spa Emilio Cremona Presidente www.gse.it www.gsel.it 2 Indice Il GSE Le fonti rinnovabili: presente e futuro CORRENTE GSE a supporto delle amministrazioni pubbliche 3

Dettagli

TIPI DI ENERGIA. EFV =Energia prodotta dall impianto FV. EPREL =Energia prelevata dalla rete. Eu =Energia utilizzata. EIMM = Energia immessa in rete

TIPI DI ENERGIA. EFV =Energia prodotta dall impianto FV. EPREL =Energia prelevata dalla rete. Eu =Energia utilizzata. EIMM = Energia immessa in rete Ritiro dedicato e Scambio sul posto TIPI DI ENERGIA EFV =Energia prodotta dall impianto FV Eu =Energia utilizzata EIMM = Energia immessa in rete EPREL =Energia prelevata dalla rete EFV =Energia prodotta

Dettagli

Verona, 5 Maggio 2010. www.gse.it

Verona, 5 Maggio 2010. www.gse.it Piano di azione nazionale per le energie rinnovabili Direttiva 2009/28/CE Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici SOLAREXPO Verona, 5 Maggio 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività

Dettagli

Master in Gestione delle Risorse Energetiche

Master in Gestione delle Risorse Energetiche Master in Gestione delle Risorse Energetiche Workshop Safe Tra incentivi e obiettivi, come dividersi oneri e onori delle fonti rinnovabili È possibile investire sul futuro senza compromettere il presente?

Dettagli

L'evoluzione dei meccanismi di incentivazione della produzione di energia Idroelettrica dal DM 18/12/2008 al DM 06/07/2012

L'evoluzione dei meccanismi di incentivazione della produzione di energia Idroelettrica dal DM 18/12/2008 al DM 06/07/2012 L'evoluzione dei meccanismi di incentivazione della produzione di energia Idroelettrica dal DM 18/12/2008 al DM 06/07/2012 Ing. Andros Racchetti Direzione Ingegneria, Unita Impianti Idroelettrici ed Eolici

Dettagli

Fonti normative per lo sviluppo delle biomasse D. Lgs. 3 Marzo 2011 (Decreto Romani)

Fonti normative per lo sviluppo delle biomasse D. Lgs. 3 Marzo 2011 (Decreto Romani) Rechtsanwälte Steuerberater Wirtschaftsprüfer Unternehmensberater Fonti normative per lo sviluppo delle biomasse D. Lgs. 3 Marzo 2011 (Decreto Romani) Tecnologie innovative per le bioenergie Italia e Germania

Dettagli

Il DM 6 luglio 2012 e il V Conto energia sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili

Il DM 6 luglio 2012 e il V Conto energia sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Il DM 6 luglio 2012 e il V Conto energia sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici ENERGIE RINNOVABILI:

Dettagli

Lo sviluppo dell eolico in Italia: incentivi e risultati

Lo sviluppo dell eolico in Italia: incentivi e risultati Lo sviluppo dell eolico in Italia: incentivi e risultati Matteo Giannì Unità Studi e Statistiche - 1 - GSE: monitoraggio e informazione Attività di monitoraggio previste dalla normativa assegnate al GSE

Dettagli

L ENERGIA IDROELETTRICA in ITALIA: evoluzione del settore e del quadro normativo

L ENERGIA IDROELETTRICA in ITALIA: evoluzione del settore e del quadro normativo Certificati Verdi e FER Elettriche Le novità introdotte dal DM 6 luglio 2012 Antonio D Amico Unità Gestione e Riconoscimento Incentivi e Titoli FER Direzione Contratti L ENERGIA IDROELETTRICA in ITALIA:

Dettagli

Attività di promozione e monitoraggio degli impianti a biomasse

Attività di promozione e monitoraggio degli impianti a biomasse Attività di promozione e monitoraggio degli impianti a biomasse Luca Benedetti Responsabile Unità Studi EMERSON - SAFE ROMA, 30 ottobre 2012 IL GRUPPO GSE MSE (Ministero dello Sviluppo Economico) Direttive

Dettagli

Aggiornamenti normativi in materia di produzione da fonti rinnovabili e fotovoltaico - DM 5 e 6 luglio 2012. Gerardo Montanino Direttore Operativo

Aggiornamenti normativi in materia di produzione da fonti rinnovabili e fotovoltaico - DM 5 e 6 luglio 2012. Gerardo Montanino Direttore Operativo Aggiornamenti normativi in materia di produzione da fonti rinnovabili e fotovoltaico - DM 5 e 6 luglio 2012 Gerardo Montanino Direttore Operativo Incontro col GSE, AU e PAT AEIT Trento, 26 ottobre 2012-1

Dettagli

FORUM GREEN ENERGY. Case history CVA: applicazione degli effetti normativi di incentivazione rinnovabile

FORUM GREEN ENERGY. Case history CVA: applicazione degli effetti normativi di incentivazione rinnovabile FORUM GREEN ENERGY Case history CVA: applicazione degli effetti normativi di incentivazione rinnovabile Roma 17 giugno 2011 Gruppo CVA CERTIFICAZIONI INCENTIVI GRUPPO CVA Posizionamento CVA nel mercato

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili: Certificati Verdi e Tariffe Onnicomprensive. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2010

Incentivazione delle fonti rinnovabili: Certificati Verdi e Tariffe Onnicomprensive. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2010 Incentivazione delle fonti rinnovabili: Certificati Verdi e Tariffe Onnicomprensive. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2010 Aprile 2011 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 1. LA QUALIFICAZIONE DEGLI IMIANTI...

Dettagli

V Conto Energia. Sintesi e novità

V Conto Energia. Sintesi e novità V Conto Energia Una sintesi del Decreto Ministeriale (c.d. V Conto Energia) che indica quali sono e potranno essere i criteri e le modalità di incentivazione attuali e futuri della produzione di energia

Dettagli

Lo scambio sul posto (SSP)

Lo scambio sul posto (SSP) Lo scambio sul posto (SSP) Il modulo approfondisce le caratteristiche e le condizioni relative al regime di "Scambio su posto", presentandone definizioni, procedure, modalità e regole tecniche. Il meccanismo

Dettagli

Mercato dei certificati verdi : dalla nascita alla realizzazione

Mercato dei certificati verdi : dalla nascita alla realizzazione Mercato dei certificati verdi : dalla nascita alla realizzazione Giovanni Colais Milano, 19 settembre 2003 G Le fonti rinnovabili: meccanismi di incentivazione G Certificati verdi: il contesto normativo

Dettagli

Il GSE a supporto delle Pubbliche Amministrazioni Ennio Ferrero Responsabile Unità Servizi Specialistici

Il GSE a supporto delle Pubbliche Amministrazioni Ennio Ferrero Responsabile Unità Servizi Specialistici Il GSE a supporto delle Pubbliche Amministrazioni Ennio Ferrero Responsabile Unità Servizi Specialistici Bologna - 22 novembre 2010 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici La situazione delle

Dettagli

I mercati per l ambiente

I mercati per l ambiente I mercati per l ambiente Il piano «20-20-20» A marzo 2007, il Consiglio Europeo si è prefissato di raggiungere entro l anno 2020: a)la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra di almeno il 20%

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino ALTHESYS Presentazione dell IREX International Report Solarexpo Milano, 7 maggio 2014 Non solo energia elettrica INDICE L energia rinnovabile

Dettagli

L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE

L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE L impianto fotovoltaico è un impianto che consente di generare energia elettrica direttamente dalla radiazione del sole. L impianto fotovoltaico

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

Servizi e incentivi per le imprese. Paola Carbone 29 ottobre 2010

Servizi e incentivi per le imprese. Paola Carbone 29 ottobre 2010 Servizi e incentivi per le imprese Paola Carbone 29 ottobre 2010 LE POLITICHE PER L ENERGIA RAFFORZARE binomio politiche energetiche e sviluppo economico sostenibile OBIETTIVI Ridurre i costi della bolletta

Dettagli

Monitoraggio delle energie rinnovabili e dell efficienza energetica

Monitoraggio delle energie rinnovabili e dell efficienza energetica Monitoraggio delle energie rinnovabili e dell efficienza energetica Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi specialistici Roma, 11 Dicembre 2013 Progetto FACTOR20 IL GRUPPO GSE MSE (Ministero

Dettagli

Guida agli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili

Guida agli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Guida agli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Guida agli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Maggio 2010 INDICE INDICE INTRODUZIONE...

Dettagli

Recepimento direttiva 28/2009/CE promozione energia da fonti rinnovabili

Recepimento direttiva 28/2009/CE promozione energia da fonti rinnovabili Recepimento direttiva 28/2009/CE promozione energia da fonti rinnovabili Audizione presso la X Commissione del Senato Roma, 18 Gennaio 2011 Sviluppo delle fonti rinnovabili in Italia TWh Obiettivo rinnovabili

Dettagli

Il DM 6 luglio 2012 sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici

Il DM 6 luglio 2012 sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici Il DM 6 luglio 2012 sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici Eolica

Dettagli

Energia rinnovabile in Campania

Energia rinnovabile in Campania Energia rinnovabile in Campania Le principali fonti di finanziamento delle FER in Campania POR Campania L asse 3 Energia sviluppa azioni finalizzate a: sostenere e/o realizzare impianti per la produzione

Dettagli

Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente ai sensi dell art. 18 del D.M.

Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente ai sensi dell art. 18 del D.M. Bollettino 2 2 semestre 2011 Incentivazione delle fonti rinnovabili Certificati Verdi e Tariffe Onnicomprensive Bollettino aggiorn nato al 31 dicembre 2011 Il presente documento è il bollettino informativo

Dettagli

Prof. Carlo Andrea Bollino

Prof. Carlo Andrea Bollino INCENTIVAZIONE E PROMOZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Prof. Carlo Andrea Bollino Visioni e Frontiere delle Energie Rinnovabili Banca CR Firenze Firenze, 3 luglio 2009 www.gse.it 2 Indice Attività del GSE

Dettagli

Nuovi mercati dell energia e le fonti rinnovabili Regulatory lectures Adam Smith Society

Nuovi mercati dell energia e le fonti rinnovabili Regulatory lectures Adam Smith Society Nuovi mercati dell energia e le fonti rinnovabili Regulatory lectures Adam Smith Society Pia Saraceno Milano, 3 Giugno 2003 Le energie rinnovabili:la Direttiva Europea 77/2001 Sistema burden sharing mutuato

Dettagli

ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N

ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N. 244/07 E DELL ARTICOLO 20 DEL DECRETO MINISTERIALE 18 DICEMBRE 2008, IN MATERIA DI INCENTIVAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Convegno FIRE La professione dell energy manager: esempi e opportunità Milano, 4 dicembre 2007 Andrea Galliani

Dettagli

Il Quinto Conto Energia

Il Quinto Conto Energia Nota di approfondimento Il Quinto Conto Energia E stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 luglio 2012, n. 159, il decreto 5 luglio 2012, cosiddetto Quinto Conto Energia, che ridefinisce le modalità

Dettagli

L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia. Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori

L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia. Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori Seminario AEIT, 22 Maggio 2015 Agenda Contesto normativo e regolatorio Attività GSE Regole Tecniche

Dettagli

Verona 15 Maggio 2008 SOLAREXPO. Luisa Calleri. APER Associazione Produttori di Energia da Fonti Rinnovabili

Verona 15 Maggio 2008 SOLAREXPO. Luisa Calleri. APER Associazione Produttori di Energia da Fonti Rinnovabili Verona 15 Maggio 2008 SOLAREXPO Workshop FIRE APER Fonti rinnovabili: guida per i decisori pubblici e i manager Luisa Calleri APER Associazione Produttori di Energia da Fonti Rinnovabili L Associazione

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA Entrata in vigore: Il nuovo regime di incentivazione previsto dal V conto energia entrerà in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento di un costo indicativo

Dettagli

Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche. Aprile 2012

Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche. Aprile 2012 Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche Aprile 2012 Messaggi chiave Le Energie Rinnovabili elettriche sono un pilastro fondamentale della strategia energetica italiana.

Dettagli

Aspetti energetici ed economici dell utilizzo di biomasse forestali per la produzione di energia elettrica

Aspetti energetici ed economici dell utilizzo di biomasse forestali per la produzione di energia elettrica Aspetti energetici ed economici dell utilizzo di biomasse forestali per la produzione di energia elettrica Giorgio Cavallo Legambiente Friuli Venezia Giulia Sedegliano 11 settembre 2009 Le biomasse forestali

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

Delibera 281/2012/R/efr Revisione del servizio di dispacciamento per le unità di produzione a fonti rinnovabili non programmabili

Delibera 281/2012/R/efr Revisione del servizio di dispacciamento per le unità di produzione a fonti rinnovabili non programmabili Delibera 281/2012/R/efr Revisione del servizio di dispacciamento per le unità di produzione a fonti rinnovabili non programmabili Direzione Gestione Energia Roma, 25 luglio 2012 Contenuti Normativa di

Dettagli