Comune di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE"

Transcript

1 (Proposta n /01/2010) Oggetto: Approvazione Regolamento per il servizio di Affido familiare e di Appoggio familiare PREMESSO: IL DIRIGENTE DEL SETTORE SERVIZI AL CITTADINO che la Legge 149/01 all oggetto "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina l adozione e l affidamento dei minori», nonché al titolo VIII libro primo codice civile" stabilisce, all art. 1 comma 3 che Lo Stato, le regioni e gli enti locali, nell ambito le proprie competenze, sostengono, con idonei interventi, nel rispetto la loro autonomia e nei limiti le risorse finanziarie disponibili, i nuclei familiari a rischio, al fine di prevenire l abbandono e di consentire al minore di essere educato nell ambito la propria famiglia. Essi promuovono altresì iniziative di formazione l opinione pubblica sull affidamento e l adozione e di sostegno all attività le comunità di tipo familiare, organizzano corsi di preparazione ed aggiornamento professionale degli operatori sociali nonché incontri di formazione e preparazione per le famiglie e le persone che intendono avere in affidamento o in adozione minori. I medesimi enti possono stipulare convenzioni con enti o associazioni senza fini di lucro che operano nel campo la tutela dei minori e le famiglie per la realizzazione le attività di cui al presente comma>>; che la Regione Marche con propria Deliberazione di Giunta n. 583/08, riprendendo quanto previsto dall art.1 comma 1250 la Legge 296/06, provvedeva ad approvare la sperimentazione di progetti innovativi per la riorganizzazione dei consultori familiari, al fine di ampliare e potenziare gli interventi sociali a favore le famiglie, prevedendo tra l altro tra le azioni previste la promozione l istituto l affidamento familiare e consolidamento le reti di auto-aiuto familiare con il coinvolgimento privato sociale e l associazionismo; che l affido familiare rappresenta un istituto sempre secondario rispetto alla priorità la famiglia d origine e vi si potrà ricorrere solo qualora la famiglia naturale si trovi nell'impossibilità o nell'incapacità temporanea di rispondere ai bisogni dei propri figli e di assicurare loro un equilibrato sviluppo psico-fisico, nonostante l'apporto dei servizi di cui sopra e solo qualora non sussistano gli estremi di un sostanziale ed irreversibile rifiuto ed abbandono e quindi i requisiti giuridici necessari per intraprendere la via l'adottabilità; CONSIDERATO: che l utilizzo l affido familiare negli ultimi cinque anni è cresciuto di circa il 50%, come evidenziato dai dati in possesso Centro nazionale di documentazione e analisi per l infanzia e l adolescenza; che l affido familiare non deve essere considerato come un servizio, ma un modo per garantire il diritto minore a vivere, crescere ed essere educato nell ambito di una famiglia, senza distinzione di sesso, età, lingua e religione ; che per una buona riuscita percorso l affido familiare, rivolto in particolar modo alla crescita l istituto l affido nel territorio, deve prevedere un forte collegamento tra i soggetti pubblici territorio che coinvolga anche il Terzo settore ed il privato sociale;

2 che vista la necessità a livello di Ambito territoriale di gestire le procedure relative all utilizzo l istituto l affido familiare, con iberazione Comitato dei Sindaci n /12/2009 si è provveduto ad approvare il Regolamento per il servizio di Affido familiare e di Appoggio familiare ; PRESO ATTO che il predetto Regolamento viene allegato alla presente iberazione, e ne forma parte integrante e sostanziale; RILEVATO che il Regolamento predetto si basa sulle seguenti caratteristiche: RILEVATO inoltre: attuare l affido familiare allo scopo primario di garantire al minore le condizioni migliori per il suo sviluppo psicofisico, qualora la famiglia d'origine si trovi nella impossibilità di assicurarle, sia come strumento preventivo in situazioni non necessariamente di patologia familiare o sociale già conclamata sia come intervento riparativo in situazioni di crisi. individuare gli affidatari tra coloro che si sono dichiarati disponibili e per i quali gli operatori competenti abbiano accertato l'idoneità in base ai seguenti requisiti fondamentali: disponibilità a partecipare attraverso un valido rapporto educativo ed affettivo alla maturazione minore; conoscenza l inesistenza di prospettive di adozione minore affidato e la temporaneità servizio; capacità educative ed affettive; unità idonea ed un buon stato di salute; integrazione la famiglia nell'ambito sociale; la disponibilità a mantenere validi rapporti con la famiglia di origine e con l'eventuale tutore o curatore, salvo diverse disposizioni Giudice Tutelare o Tribunale per i minorenni. l équipe socio-sanitaria integrata per l affido ( Gruppo Affido ) composta da operatori l Asur Zona 6 e l Ambito Sociale Territoriale 10, si occupa la tematica l affido familiare nel territorio di competenza, lavorando in stretta collaborazione con i Servizi socio-assistenziali degli Enti Locali l Asur, con il Tribunale per i Minorenni e con le Associazioni di volontariato presenti, che operano in materia di tutela dei minori e le famiglie. la preparazione degli aspiranti affidatari (nucleo familiare completo, coppie e persone singole con o senza figli), intesa come costante ricerca la migliore rispondenza al ruolo che esse devono adempiere verso i minori affidati, viene operata attraverso la partecipazione a percorsi formativi promossi e realizzati congiuntamente dall Equipe socio-sanitaria integrata per l affido, dalle Associazioni di volontariato e dai Servizi socio-assistenziali degli Enti Locali e l Asur. che spettano ai Comuni l Ambito Territoriale Sociale n.10 le assicurazioni, le agevolazioni di carattere di carattere sociale ed educativo, l indennità di mantenimento, il rimborso spese e curare la partecipazione economica dei parenti dei minori tenuti agli alimenti; che spetta al Distretto sanitario l agevolazione di carattere sanitario Per quanto sopra il sottoscritto Dirigente

3 PROPONE 1) di considerare la narrativa parte integrante e sostanziale presente atto; 2) di prendere atto di quanto disposto dalla Legge 149/01, dalla DGR n. 583/08 e che con iberazione Comitato dei Sindaci n /12/2009 è stato approvato il Regolamento per il servizio di Affido familiare e di Appoggio familiare ; 3) di approvare il Regolamento per il servizio di Affido familiare e di Appoggio familiare, che viene allegato al presente atto e ne forma parte integrante e sostanziale, 4) di approvare l immediata esecutività l atto. IL DIRIGENTE ( BOSCAINO FERNANDO )

4 (Proposta n /01/2010) Pareri dei responsabili dei servizi, art. 49 comma 1, D.Lgs. 267/2000 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO ( ) PARERE DI REGOLARITA TECNICA: Il sottoscritto esprime parere FAVOREVOLE in ordine alla regolarità tecnica; IL DIRIGENTE DEL SETTORE ( BOSCAINO FERNANDO ) PARERE IN ORDINE ALLA REGOLARITA CONTABILE: Il sottoscritto esprime parere /////////////////////// in ordine alla regolarità contabile IL DIRIGENTE DEL SETTORE SERVIZI FINANZIARI /////////////////////////////////////

5 PREMESSO CHE: Il minore ha diritto di vivere all'interno la propria famiglia e che i servizi socio-assistenziali, nella sfera le loro rispettive competenze, devono attuare tale diritto, rimuovendo gli ostacoli che si frappongono alla sua realizzazione, intervenendo con un'opera di sostegno economico, sociale, psicologico e pedagogico ai genitori o, in mancanza e sostituzione di essi, ai parenti entro il quarto grado, al fine di porli in condizione di adempiere direttamente alla loro funzione educative; l affido familiare rappresenta un istituto sempre secondario rispetto alla priorità la famiglia d origine e vi si potrà ricorrere solo qualora la famiglia naturale si trovi nell'impossibilità o nell'incapacità temporanea di rispondere ai bisogni dei propri figli e di assicurare loro un equilibrato sviluppo psicofisico, nonostante l'apporto dei servizi di cui sopra e solo qualora non sussistano gli estremi di un sostanziale ed irreversibile rifiuto ed abbandono e quindi i requisiti giuridici necessari per intraprendere la via l'adottabilità; destinatari servizio affido sono i minori da 0 a 18 anni, italiani, stranieri residenti e stranieri accompagnati. RILEVATO CHE: Per affido familiare si deve intendere la collocazione temporanea con permanenza a tempo pieno (affido completo) o parziale (affido diurno o part-time) di minori presso famiglie diverse dalla propria disposta dal Servizio Sociale l Ente Locale e resa esecutiva nei termini e nei modi indicati dalla Legge; per il minore temporaneamente privo di un nucleo familiare idoneo si disporrà prioritariamente l affido familiare o, qualora non sia possibile, l inserimento in una comunità di tipo familiare; oltre all affido familiare a tempo pieno o parziale è possibile prevedere altre forme di sostegno e aiuto alla genitorialità che affondano le proprie radici nel principio di sussidiarietà orizzontale tra famiglie; e poiché favorire la famiglia significa anche favorire l infanzia, prevenendo, quindi, possibili disagi e ottimizzando risorse economiche e sociali altrimenti inutilmente perse, si deve considerare l appoggio una forma di sostegno e solidarietà tra nuclei familiari specialmente mirato per quelle famiglie prive di adeguate risorse parentali ed amicali che presentano difficoltà nella gestione familiare, pertanto esso deve intendersi come la collocazione temporanea di minori, con permanenza di alcune ore e relativa a giornate prestabilite, presso famiglie diverse dalla propria; l appoggio familiare è una porta aperta per bambini e famiglie in difficoltà momentanea, che si inseriscono in famiglie accoglienti e amorevoli che offrono il loro supporto nella gestione la vita quotidiana. L appoggio familiare è un intervento di aiuto a prevenzione di situazioni, che se trascurate nel tempo possono esprimersi in un forte disagio a danno minore. SI APPROVA: Un Regolamento per l affido e l appoggio familiare secondo i seguenti articoli.

6 AFFIDO FAMILIARE Art. 1 Competenze I Comuni afferenti all Ambito Sociale Territoriale 10 in collaborazione con l equipe integrata attua l'affido familiare disposto con decreto Giudice Tutelare luogo ove si trova il minore (affido consensuale), o dal Tribunale per i Minorenni qualora sussistano le condizioni previste dall art.330 e seguenti C.C.(affido giudiziario) allo scopo primario di garantire al minore le condizioni migliori per il suo sviluppo psicofisico, qualora la famiglia d'origine si trovi nella impossibilità di assicurarle, sia come strumento preventivo in situazioni non necessariamente di patologia familiare o sociale già conclamata sia come intervento riparativo in situazioni di crisi. Art. 2 Gestione L'attuazione di tale prassi è gestita secondo quanto disposto dall art.4 la L.149/01 e con le modalità operative previste nel protocollo d intesa tra Comuni l Ambito Sociale Territoriale 10 e l Asur Zona territoriale 6 Di Fabriano. II Servizio affido familiare ha lo scopo di: promuovere, attuare e sostenere gli affidi familiari e verificarne l'andamento; provvedere al reperimento, alla conoscenza e alla selezione degli affidatari; assicurare il mantenimento dei rapporti minore con la famiglia d origine, agendo per la rimozione le difficoltà e degli impedimenti eventualmente esistenti e per il ristabilimento di normali e validi rapporti a meno di diverse prescrizioni l'autorità Giudiziaria; promuovere iniziative di preparazione, aggiornamento e consulenza per gli operatori e quanti sono coinvolti nell'affido familiare; promuovere la divulgazione e l'informazione sulle problematiche l'affido attraverso incontri a livello di zona aperti agli utenti, ai Servizi, alla famiglia, alle associazioni, ecc. Art. 3 Beneficiari Beneficiari servizio di affido familiare sono i minori da 0 a 18 anni, italiani, stranieri residenti e stranieri non accompagnati che si trovano in stato di carenza o mancanza di cure familiari, per temporanea impossibilità o incapacità di chi esercita la potestà genitoriale di soddisfare i loro bisogni. Art. 4 Durata L affido familiare ha durata temporanea, non possono essere superati i due anni, ed è prorogabile dal Tribunale per i Minorenni qualora la sua cessazione rechi pregiudizio al minore. Gli interventi da attuare sono rivolti al minore, alla famiglia d origine (se presente) e agli affidatari. Art. 5 Cessazione L affido familiare cessa allorché siano venute meno le condizioni che lo hanno determinato e, in ogni caso, quando la prosecuzione di esso crei pregiudizio al minore, con provvedimento la stessa autorità che lo ha predisposto. Art. 6 Affidatari Gli affidatari vengono individuati tra coloro che si sono dichiarati disponibili e per i quali gli operatori competenti abbiano accertato l'idoneità in base ai seguenti requisiti fondamentali: disponibilità a partecipare attraverso un valido rapporto educativo ed affettivo alla maturazione minore; conoscenza l inesistenza di prospettive di adozione minore affidato e la temporaneità servizio; capacità educative ed affettive; unità idonea ed un buon stato di salute; integrazione la famiglia nell'ambito sociale;

7 la disponibilità a mantenere validi rapporti con la famiglia di origine e con l'eventuale tutore o curatore, salvo diverse disposizioni Giudice Tutelare o Tribunale per i minorenni. Per famiglia affidataria si intende preferibilmente un nucleo familiare completo, ma possono essere comprese coppie o persone singole con o senza figli o comunità di tipo familiare. Gli affidatari si impegnano a: provvedere alla cura, al mantenimento, all'educazione e all'istruzione minore in affido; suscitare, mantenere e incrementare validi rapporti con la famiglia naturale. Ciò è, infatti, riconosciuto terapeutico per un minore, sempre che non ostino, nei singoli casi controindicazioni specifiche di tipo giuridico o psicologico; mantenere valide condizioni ambientali (igiene, sicurezza e salubrità l'alloggio); assicurare un'attenta osservazione l'evoluzione minore in affido con particolare riguardo alle condizioni psicofisiche ed intellettive, alla socializzazione ed ai rapporti con la famiglia d'origine; assicurare la massima discrezione circa la situazione minore in affido e la famiglia di origine; evitare qualsiasi richiesta di denaro alla famiglia minore; mantenere sistematico rapporti con gli operatori competenti. Le famiglie di origine si impegnano a: Art. 7 Famiglia d origine mantenere validi rapporti e legami con la famiglia affidataria; rispettare modalità, orari e durata degli incontri con il minore, preventivamente concordate con gli operatori nel rispetto le esigenze minore stesso e le eventuali prescrizioni l'autorità giudiziaria; contribuire, secondo le proprie possibilità economiche, alle spese relative al minore; favorire, in collaborazione con gli operatori e con gli affidatari, il rientro minore in famiglia. Art. 8 Equipe socio-sanitaria integrata per l affido e suoi compiti L équipe socio-sanitaria integrata per l affido ( Gruppo Affido ) composta da operatori l Asur Zona 6 e l Ambito Sociale Territoriale 10, si occupa la tematica l affido familiare nel territorio di competenza, lavorando in stretta collaborazione con i Servizi socio-assistenziali degli Enti Locali l Asur, con il Tribunale per i Minorenni e con le Associazioni di volontariato presenti, che operano in materia di tutela dei minori e le famiglie. L Equipe socio-sanitaria integrata per l affido: esamina e valuta le segnalazioni provenienti dai Servizi territoriali di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare; inoltra la proposta l'affido all'amministrazione comunale con i moduli predisposti per sottoscrivere l'impegno degli affidanti e degli affidatari; promuove la divulgazione le problematiche e l'informazione sui temi l'affido;

8 provvede al reperimento, alla conoscenza e alla selezione degli affidatari; propone l abbinamento minore/affidatari, in collaborazione con i Servizi l Ente Locale e/o l Asur; conduce lavori di gruppo e un percorso di preparazione le persone disponibili all affido anche avvalendosi le Associazioni di volontariato che operano nel campo la tutela dei minori e le famiglie; sostiene gli affidatari attraverso incontri di gruppo a cui partecipano tutte le persone valutate idonee all affido dall Equipe; assicura il mantenimento dei rapporti minore con la famiglia di origine, agendo per la rimozione le difficoltà e degli impedimenti eventualmente esistenti e per il ristabilimento di normali e valide relazioni, fatte sempre salve le diverse prescrizioni; assicura agli affidatari e alla famiglia di origine il sostegno psico-sociale per tutta la durata l'affido; verifica e valuta l attività svolta fornendo una supervisione di garanzia sull andamento progetto di affido in corso; (gestisce una banca dati elaborando periodicamente dati inerenti gli affidi nel territorio di competenza, collaborando con la banca dati regionale). Art. 9 Individuazione degli affidatari Spetta all Equipe socio-sanitaria integrata per l affido individuare e sostenere le persone che danno disponibilità ad accogliere un minore in affido, secondo le modalità stabilite nel percorso di conoscenza: colloqui informativi sul significato l affido, visita domiciliare e colloquio con il nucleo al completo per conoscere a fondo la realtà familiare e valutare la reale disponibilità all affido di tutti i componenti, somministrazione di test psicologici agli affidatari, discussione e refertazione finale percorso. Le persone aspiranti affidatarie, per cui è stato emesso un parere positivo da parte degli operatori l Equipe, sulla base degli incontri effettuati e risultato la testistica, vengono considerate disponibili e i loro nominativi inseriti all interno la banca dati tenuta dall Equipe stessa. Art. 10 Preparazione degli affidatari La preparazione degli aspiranti affidatari (nucleo familiare completo, coppie e persone singole con o senza figli), intesa come costante ricerca la migliore rispondenza al ruolo che esse devono adempiere verso i minori affidati, viene operata attraverso la partecipazione a percorsi formativi promossi e realizzati congiuntamente dall Equipe socio-sanitaria integrata per l affido, dalle Associazioni di volontariato e dai Servizi socio-assistenziali degli Enti Locali e l Asur. Nell iter formativo sono previsti incontri individuali con gli operatori addetti e incontri di gruppo con l intervento di famiglie che stanno facendo esperienza di affido. Art. 11 Abbinamento L abbinamento affidatari/minore viene svolto congiuntamente dall Equipe sociosanitaria integrata per l affido e dal Servizio l Ente Locale e/o l Asur. Art. 12 Progetto sul minore in affido I Servizi territoriali (Ente Locale e/o Asur) incaricati caso, secondo le modalità operative previste nel protocollo d intesa tra Comuni l Ambito Sociale Territoriale 10 e l Asur Zona territoriale 6 di Fabriano Nord, redigono il progetto sul minore in affido, soffermandosi particolarmente su: i dati personali, la storia minore e la sua famiglia i motivi che hanno condotto all affidamento e la presumibile durata di questo la presenza di eventuali decreti emessi dal Tribunale per i Minorenni

9 il tipo e la frequenza di rapporti tra la famiglia d origine e il minore il tipo di collaborazione tra famiglia d origine e affidatari le caratteristiche ricercate negli affidatari i momenti di verifica progetto stesso le ipotizzabili condizioni che consentono il rientro in famiglia minore. Art. 13 Impegno degli affidanti e degli affidatari All atto d ingresso minore nella famiglia affidataria, l Amministrazione Comunale richiede un impegno scritto su appositi moduli, da parte degli affidatari, e degli affidanti se trattasi di affido consensuale. Nell impegno, sono precisati i diritti, gli obblighi ed i rapporti tra la famiglia d origine e quella affidataria, e, tra queste e gli operatori dei Servizi. Gli affidanti si impegnano a concordare, con i Servizi territoriali (Ente Locale e /o Asur) competenti incaricati caso, le modalità, gli orari e la durata degli incontri con il minore, nel rispetto le sue esigenze e quelle degli affidatari, salvo diverse disposizioni l autorità affidante. Art. 14 Garanzie e compiti degli affidatari Gli affidatari hanno uno specifico compito educativo e partecipano alle decisioni dei Servizi in merito all educazione ed al trattamento minore. A questi è garantito l affiancamento e il supporto psicologico e sociale necessari per mezzo degli incontri di sostegno promossi dall Equipe sociosanitaria integrata per l affido in collaborazione con i Servizi socio-assistenziali degli Enti Locali e l Asur e con le Associazioni di volontariato. Art. 15 Rapporti tra affidanti ed affidatari Qualora il progetto sul minore lo preveda, e salvo diverse disposizioni l autorità che ha emesso il decreto di affido, gli affidatari mantengono ed incrementano, per quanto possibile, validi rapporti con la famiglia naturale. I Servizi territoriali (Ente Locale e/o Asur) competenti incaricati caso affiancano la famiglia naturale e quella affidataria nel compito di promuovere e rinsaldare tale rapporto. Art. 16 Garanzie alla famiglia d origine Alla famiglia d origine sono garantite le informazioni riguardanti il minore, salvo diverse disposizioni l autorità che ha emesso il decreto. Agli affidanti è garantito, durante tutto il percorso l affido, il sostegno psicologico e sociale degli operatori dei Servizi territoriali (Ente Locale e/o Asur) competenti incaricati caso, per rimuovere le cause che hanno determinato l affido. E garantito il ritorno in famiglia qualora vengano a cessare le condizioni che hanno reso necessario l affidamento. Art. 17 Garanzie al minore I Servizi territoriali (Ente Locale e/o Asur) competenti incaricati caso garantiscono al minore affidato tutti i necessari interventi di sostegno psicologico, educativo e sociale, qualora ne venga ravvisata la necessità. Art. 18 competenze gestionali Spettano ai Comuni l Ambito Territoriale 10 le seguenti competenze: assicurazione ( stipulare un contratto di assicurazione tramite il quale i minori affidati e gli affidatari sono garantiti dagli incidenti e dai danni che sopravvengano al minore o che egli stesso provochi nel corso l'affido); agevolazioni di carattere sociale ed educativo (L Ente Locale di residenza minore affidato (in affidamento completo o diurno) provvede a sostenere o rimborsare le spese per i servizi

10 comunali di carattere educativo e sociale fruiti dal minore stesso (rette nido e scuola l infanzia, mensa e trasporto scolastico, rimborso libri di testo, centri estivi); indennità di mantenimento(affido) con i conseguenti oneri finanziari a favore degli affidatari per contribuire alle spese relative a prestazioni di ogni natura fornite dagli stessi al minore. L'onere mensile minimo è così'stabilito: 350,00 per l'affido completo (diurno e notturno); 175,00 per l'affido giornaliero; 60,00 per l'affido pomeridiano; un rimborso forfettario, da valutare caso per caso, per le vacanze. I singoli Comuni si riservano la discrezionalità di incrementare tale quota. Le cifre suindicate sono suscettibili di oscillazioni in eccesso fino al 30% secondo le esigenze l'affidato evidenziate nella relazione degli operatori. La cifra è aggiornabile annualmente con apposita iberazione; curare la partecipazione economica dei parenti dei minori tenuti agli alimenti, in base all'art. 433 Codice Civile, ove se ne riscontri l'opportunità. In tal caso il contributo Comune è ridotto o eliminato sulla base l'entità la quota corrisposta a titolo di mantenimento. Il trasferimento finanziario alla famiglia affidataria, comunque, deve avvenire tramite il Comune; rimborso spese (appoggio) APPOGGIO FAMILIARE Art. 19 Competenze I Comuni afferenti all Ambito Sociale Territoriale 10 in collaborazione con l equipe integrata attua l appoggio familiare. Art. 20 Gestione Il servizio di appoggio familiare è gestito secondo quanto disposto dall art.4 la L.149/01 e con le modalità operative previste nel protocollo d intesa (tra Comuni l Ambito Sociale Territoriale 10 e l Asur Zona territoriale 6 Di Fabriano. Viene prevista anche una significativa collaborazione con le Associazioni di volontariato presenti che si occupano di tutela di minori e le famiglie. Art. 21 Beneficiari Beneficiari servizio di appoggio familiare sono i minori da 0 a 18 anni, italiani e stranieri residenti, la cui famiglia, seppure sostanzialmente adeguata, risulta carente di risorse parentali, amicali e di punti di riferimento, tali da rendere difficoltosa la gestione l intera vita familiare. Art. 22 Durata L appoggio familiare ha durata temporanea, concordata dalle parti che lo richiedono e lo pongono in essere, e indicata nell impegno di appoggio sottoscritto tra affidanti e affidatari. Gli interventi da attuare sono rivolti al minore, alla famiglia d origine e agli affidatari nei modi e nelle forme che i Servizi socioassistenziali competenti ritengono più rispondenti al caso. Art. 23 Cessazione L appoggio familiare cessa, oltre che per la naturale scadenza temporanea prevista nell impegno scritto, allorché siano venute meno le condizioni che lo hanno determinato e, in ogni caso, quando la prosecuzione di esso crei pregiudizio al minore e alle famiglie coinvolte. Art. 24 Affidatari d appoggio Nel servizio di appoggio familiare gli affidatari sono individuati, preparati ed abbinati al minore secondo le stesse modalità e competenze identificate per il servizio di affido familiare presente Regolamento. Art. 25 Impegno degli affidanti e degli affidatari d appoggio

11 All atto d ingresso minore nella famiglia d appoggio, l Amministrazione Comunale richiede un impegno scritto su appositi moduli, da parte degli affidatari e degli affidanti, in cui sono specificate le giornate e la durata la permanenza minore presso la famiglia d appoggio. Nell impegno, sono precisati i diritti, gli obblighi ed i rapporti tra la famiglia d origine e quella affidataria, e, tra queste e gli operatori dei Servizi. Art. 26 Garanzie e compiti degli affidatari d appoggio Nel rispetto dei principi la solidarietà, la cooperazione e mutuo-aiuto tra famiglie, basi servizio di appoggio familiare, gli affidatari si devono impegnare ad essere un punto di riferimento e sostegno, sociale, psicologico ed educativo per il minore cercando di mantenere validi rapporti con il nucleo affidante, nel rispetto progetto. Agli affidatari d appoggio è garantito il supporto psicologico e sociale per mezzo degli incontri di sostegno promossi dall Equipe socio-sanitaria integrata per l affido in collaborazione con i Servizi socio-assistenziali degli Enti Locali e l Asur e con le Associazioni di volontariato. Art. 27 Garanzie alla famiglia d origine Agli affidanti è garantito, durante tutto il percorso l appoggio, il sostegno psicologico e sociale degli operatori dei Servizi (l Ente Locale e/o l Asur) competenti incaricati caso, per rimuovere le cause che hanno determinato la situazione di disagio. Art. 28 Garanzie al minore I Servizi (l Ente Locale e/o l Asur) competenti incaricati caso garantiscono al minore tutti i necessari interventi di sostegno psicologico, educativo e sociale, previsti nel progetto. Art. 29 Assicurazione Come per il servizio di affido, anche per quello di appoggio, all atto l ingresso minore nella famiglia affidataria, l Amministrazione Comunale stipula un contratto di assicurazione tramite il quale il minore è garantito dagli incidenti e dai danni che gli sopravvengano o che egli provochi a persone e cose. Art. 30 Rimborso spese Nel servizio di appoggio familiare, l Amministrazione Comunale, dal momento l ingresso minore nella famiglia affidataria di supporto, si impegna a corrispondere a questa un rimborso spese mensile. L entità rimborso spese è stabilita nei limiti le disponibilità finanziarie le Amministrazioni Comunali e secondo le disposizioni contenute nella normativa socio-assistenziale correntemente in vigore. Tale quota è determinata a livello di Ambito Territoriale e pertanto applicata a tutti i Comuni l Ambito Sociale Territoriale 10. DISPOSIZIONI FINALI Art. 31 Informazione reciproca e tempestiva Il Comune e il Distretto sanitario si impegnano ad informarsi tempestivamente e reciprocamente su qualsiasi necessità o emergenza che intercorrano durante lo svolgimento l'affido. Art. 32 Gruppo di lavoro Allo scopo di favorire lo scambio di esperienze e la collaborazione tra famiglie che vivono l'esperienza l'affido, in ogni zona operatori e affidatari costituiscono un gruppo di lavoro che si riunisce

12 periodicamente per una verifica l'andamento dei singoli casi e le iniziative attuate nella zona relativamente agli affidi. Art.33 Resoconto statistico annuale Annualmente il Servizio affidi di zona predispone il resoconto statistico lavoro svolto e il programma per l'anno successivo. Art. 34 Revisione Regolamento. L Ambito Sociale Territoriale 10 si riserva di rivisitare annualmente il presente Regolamento proponendo eventuali modifiche correttive.

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina l Istituto dell Affido e dell Appoggio Familiare presso i Comuni

Dettagli

REGOLAMENTO per il SERVIZIO di AFFIDO e APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 10

REGOLAMENTO per il SERVIZIO di AFFIDO e APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 10 REGOLAMENTO per il SERVIZIO di AFFIDO e APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 10 Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina l Istituto dell Affido e il Servizio di Appoggio Familiare presso

Dettagli

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa Regolamento per l Affidamento familiare dei minori Premessa L Affido familiare è regolamentato dalla Legge 4 maggio 1983n.184 Disciplina dell Adozione e dell Affidamento dei Minori, modificata dalla Legge

Dettagli

FAMILIARE E DI APPOGGIO FAMILIARE

FAMILIARE E DI APPOGGIO FAMILIARE REGIONE MARCHE ASUR - Zona Territoriale Sanitaria 10 Ambito Territoriale Sociale 17 COMUNI DI Castelraimondo, Esanatoglia, Fiuminata, Gagliole, Matelica, Pioraco, San Severino Marche, Sefro. Ambito Territoriale

Dettagli

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE Comuni di COLBORDOLO - GABICCE MARE GRADARA - MOMBAROCCIO MONTECICCARDO MONTELABBATE PESARO SANT ANGELO IN LIZZOLA - TAVULLIA PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE PREMESSA - la

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

COMUNE DI MILANO SETTORE SERVIZI ALLA FAMIGLIA. Regolamento sull affido familiare di minori

COMUNE DI MILANO SETTORE SERVIZI ALLA FAMIGLIA. Regolamento sull affido familiare di minori COMUNE DI MILANO SETTORE SERVIZI ALLA FAMIGLIA Regolamento sull affido familiare di minori Informazioni ulteriori sull affido familiare di minori possono essere richieste al: COMUNE DI MILANO SETTORE SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI

COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI Art. 1 premessa Art. 2 finalità e obiettivi del Servizio Art. 3 modalità e definizioni Art. 4 requisiti e Banca dati delle famiglie

Dettagli

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per l affidamento familiare dei minori Adottato con deliberazione consiliare n 41 del 16/03/2000 COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3 REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE PROVINCIA DI BARI C.F. e Partita IVA 00878940725 ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E ALL INFANZIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO VISTI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO Regolamento sull Affido Familiare la L.184/1983 Disciplina dell'adozione e dell'affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE approvato dal Coordinamento Istituzionale con delibera n. 10 del 14/07/2009 PRINCIPI GENERALI Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

Servizi sociali di Ambito

Servizi sociali di Ambito Regolamento sull affido familiare dell Ambito territoriale di Seriate Comuni di: Seriate, Albano S. Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

affidamento minori C O M U N E DI C A P O D' O R L A N D O SERVIZIO COMUNALE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI ( LEGGE REGIONALE N.

affidamento minori C O M U N E DI C A P O D' O R L A N D O SERVIZIO COMUNALE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI ( LEGGE REGIONALE N. DT. 660/99 C O M U N E DI C A P O D' O R L A N D O P R O V I N C I A D I M E S S I N A R E G O L A M E N T O SERVIZIO COMUNALE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI ( LEGGE REGIONALE N. 22/86 ) APPROVATO

Dettagli

Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8

Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8 Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8 Regolamento Comunale sull Affidamento Familiare dei Minori 1 R E G O L A M E N T O SULL'AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI

Dettagli

Art. 13 Sostegno agli affidatari... 4 Art. 14 Assicurazione...4 Art. 15 Indennità di mantenimento... 4

Art. 13 Sostegno agli affidatari... 4 Art. 14 Assicurazione...4 Art. 15 Indennità di mantenimento... 4 Regolamento per il servizio di affidamento familiare a scopo educativo-assistenziale Indice generale Regolamento per il servizio di affidamento familiare a scopo educativo-assistenziale...1 PREMESSA...

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 47/8 in data 26/01/2012 1 ART. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE CITTÀ DI RAGUSA Settore 12 - Servizi Sociali e Assistenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 65 del 08.11.2007 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria famiglia.

1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria famiglia. Nuovo testo della Legge n. 184 del 1983 Diritto del minore ad una famiglia come modificata dalla legge del 28/3/2001 n. 149 TITOLO I Principi generali Art. 1 1. Il minore ha diritto di crescere ed essere

Dettagli

Città di Ispica Prov. di Ragusa

Città di Ispica Prov. di Ragusa Città di Ispica Prov. di Ragusa REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Art. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

REGOLAMENTO PER DISCIPLINARE L'AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO PER DISCIPLINARE L'AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO PER DISCIPLINARE L'AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Art. 1- RIFERIMENTI NORMATIVI Il D.Lgs.vo n. 502/92, così come modificato dal D. Lgs. n. 517/93 (art. 3) prevede la possibilità del conferimento

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

Città di Busto Arsizio. Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori

Città di Busto Arsizio. Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori Città di Busto Arsizio Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 89 del 25.07.2008 Premessa L affido familiare è regolamentato

Dettagli

COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE DEL "SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE" LEGGE 184/83

COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE LEGGE 184/83 COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE DEL "SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE" LEGGE 184/83 ART. 1 L'Amministrazione Comunale di Bitonto, nel rispetto ed in attuazione del titolo

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE Art. 1 Normativa L articolo 31 della Costituzione sancisce che è compito dello Stato agevolare la formazione della famiglia e l'adempimento dei compiti relativi. Con l

Dettagli

Cairate - Castellanza Fagnano Olona Gorla Maggiore Gorla Minore Marnate Olgiate Olona Solbiate Olona REGOLAMENTO AFFIDI

Cairate - Castellanza Fagnano Olona Gorla Maggiore Gorla Minore Marnate Olgiate Olona Solbiate Olona REGOLAMENTO AFFIDI Cairate - Castellanza Fagnano Olona Gorla Maggiore Gorla Minore Marnate Olgiate Olona Solbiate Olona REGOLAMENTO AFFIDI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.S. n 108 IN DATA 26.05.2006 1 Premessa L affido

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003.

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003. Regolamento Premessa L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine

Dettagli

COMUNE DI BREMBATE PROVINCIA DI BERGAMO. Settore Affari generali e servizi alla persona REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO FAMILIARE

COMUNE DI BREMBATE PROVINCIA DI BERGAMO. Settore Affari generali e servizi alla persona REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO FAMILIARE COMUNE DI BREMBATE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Affari generali e servizi alla persona REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO FAMILIARE Premessa Art. 1 L affidamento familiare Art. 2 L affidamento familiare e la

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. REGOLAMENTO COMUNALE n. 57 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. Allegato B Alla deliberazione di Consiglio Comunale nr 34 del 31/3/2004 Protocollo operativo tra Centro

Dettagli

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali L affido in Italia: dalle prime esperienze all attuale normativa giuridica L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali Interventi della dott.ssa Barbara Montisci,, Giudice Onorario del T.M.

Dettagli

DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie

DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie Oggetto:. DGR 11/2007. Utilizzazione delle risorse provenienti dal fondo nazionale per le politiche sociali di cui al capitolo di spesa n. H41106 per il sostegno

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio dell'unione n. 8 del 19.09.2014. REGOLAMENTO per il SERVIZO MINORI TITOLO I FINALITA E ACCESSO

Approvato con deliberazione del Consiglio dell'unione n. 8 del 19.09.2014. REGOLAMENTO per il SERVIZO MINORI TITOLO I FINALITA E ACCESSO Approvato con deliberazione del Consiglio dell'unione n. 8 del 19.09.2014 REGOLAMENTO per il SERVIZO MINORI TITOLO I FINALITA E ACCESSO Art.1 - FINALITA' DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMIGLIARE Comuni aderenti a offertasociale asc - Unità operativa Affidi Mowgli

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMIGLIARE Comuni aderenti a offertasociale asc - Unità operativa Affidi Mowgli REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMIGLIARE Comuni aderenti a offertasociale asc - Unità operativa Affidi Mowgli I Comuni costituenti l azienda consortile offertasociale, per il miglior espletamento delle competenze

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE AMBITO TERRRITORIALE VALLE SERIANA Comuni di Albino, Alzano Lombardo, Aviatico, Casnigo, Cazzano S.A., Cene, Colzate, Fiorano al Serio, Gandino, Gazzaniga, Leffe, Nembro,

Dettagli

COMUNE DI GREZZANA REGOLAMENTO COMUNALE SULL'AFFIDO E SULLA TUTELA DEI MINORI

COMUNE DI GREZZANA REGOLAMENTO COMUNALE SULL'AFFIDO E SULLA TUTELA DEI MINORI PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO COMUNALE SULL'AFFIDO E SULLA TUTELA DEI MINORI (ai sensi della L. 184/83 e modifiche L. 149/01) INDICE PRINCIPI ISPIRATORI Art. 1. OGGETTO Art. 2. TIPOLOGIA DI INTERVENTI

Dettagli

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione,

Dettagli

COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Art. 1 L Amministrazione comunale attua l affidamento allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per il suo sviluppo psico-fisico,

Dettagli

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE L affidamento familiare è un intervento temporaneo d aiuto e di sostegno ad un minore che proviene da una famiglia in difficoltà. Attraverso l affidamento, il bambino incontra

Dettagli

COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO COMUNALE SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI (approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 12 del 23/02/2011) PREMESSA L affido familiare è

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 46 del 09/10/2015 IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Maria Teresa Vella 1 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI INDICE Art. 1 - Oggetto PREMESSA Art.

Dettagli

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo)

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo) Costituita dai Comuni di: Beinette, Boves, Chiusa di Pesio, Entracque, Limone Piemonte, Peveragno, Pianfei, Roaschia, Robilante, Roccavione, Valdieri, Vernante Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante

Dettagli

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE PER L'AFFIDAMENTO TEMPORANEO FAMILIARE

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE PER L'AFFIDAMENTO TEMPORANEO FAMILIARE COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N 84 DEL 28/12/1996 REGOLAMENTO COMUNALE PER L'AFFIDAMENTO TEMPORANEO FAMILIARE 1 FINALITA DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce (Settore Amministrativo) REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Vista la legge nazionale 184/83 che, agli artt. 1,2,3,4 e 5, disciplinando l affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE 2000 Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 86 del 29 settembre ARTICOLO 1 - RIFERIMENTI LEGISLATIVI L affido è disposto dal Comune, o chi da esso delegato, in

Dettagli

C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO COMUNALE SUL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO COMUNALE SUL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO COMUNALE SUL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con deliberazione consiliare n. del I N D I C E Art. 1. Finalità

Dettagli

COMUNE DI PONZANO DI FERMO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

COMUNE DI PONZANO DI FERMO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI COMUNE DI PONZANO DI FERMO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Premesso che I Comuni degli Ambiti Sociali XIX, e XX in ottemperanza all attuale normativa e nell attuazione degli indirizzi

Dettagli

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino azienda territoriale per i servizi alla persona REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE Premessa I Comuni dell Ambito Territoriale

Dettagli

CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO DELL AFFIDO FAMILIARE E DEGLI ALTRI SERVIZI PER LA TUTELA DEI MINORI (Legge 184/1983)

CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO DELL AFFIDO FAMILIARE E DEGLI ALTRI SERVIZI PER LA TUTELA DEI MINORI (Legge 184/1983) CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO DELL AFFIDO FAMILIARE E DEGLI ALTRI SERVIZI PER LA TUTELA DEI MINORI (Legge 184/1983) Articolo 1 (Oggetto del Regolamento) Oggetto del presente regolamento

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA Comune Capofila San Benedetto del Tronto Acquaviva Picena Campofilone Carassai Cossignano Cupra Marittima Grottammare Massignano Monsampolo del Tronto Montalto delle Marche Montefiore dell Aso Monteprandone

Dettagli

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI Ambito Sociale Territoriale n 3 Ente capofila Comunità Montana del Catria e Nerone - Cagli Comuni di Acqualagna, Apecchio, Cagli, Cantiano, Piobbico DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI N 27 del 12.12.2003

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI BERGAMO COMUNE DI SORISOLE COMUNE DI GORLE COMUNE DI PONTERANICA COMUNE DI ORIO AL SERIO COMUNE DI TORRE BOLDONE

AMBITO TERRITORIALE DI BERGAMO COMUNE DI SORISOLE COMUNE DI GORLE COMUNE DI PONTERANICA COMUNE DI ORIO AL SERIO COMUNE DI TORRE BOLDONE AMBITO TERRITORIALE DI BERGAMO DI GORLE DI ORIO AL SERIO DI PONTERANICA DI SORISOLE DI TORRE BOLDONE 02 PRESENTAZIONE 03 L art.1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia sancisce che

Dettagli

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali DISCIPLINARE DI FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO ANZIANI ART. 1 NATURA DEL SERVIZIO Il Comune di Mesagne intende realizzare il servizio di affidamento anziani,

Dettagli

proposta di legge n. 168

proposta di legge n. 168 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 168 a iniziativa del Consigliere Latini presentata in data 14 dicembre 2011 DISCIPLINA DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA

Dettagli

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA Cap 06060 P.zza della Repubblica n. 4 P.IVA 00436320543 Tel. 075.830186 e-mail: info@comune.paciano.pg.it fax. 075.830447 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDI E ACCOGLIENZE FAMILIARI

REGOLAMENTO AFFIDI E ACCOGLIENZE FAMILIARI SERVIZIO MINORI E FAMIGLIE DEI COMUNI DI ORIO AL SERIO, PONTERANICA, SORISOLE, TORRE BOLDONE Sede operativa presso il Comune capofila: Via Valbona 73 24010 Ponteranica (Bg) tel. 035/574225 Fax 035/573575

Dettagli

Bilancio dei Bambini

Bilancio dei Bambini Asili nido comunali: n iscritti 2009 2010 2011 Var. % anno 2011-2010 Numero di strutture Asili nido Capienza dei posti disponibili Numero posti attivati Numero iscritti 27 28 28-1.214 1.254 1.258 0,32%

Dettagli

S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA MUNICIPIO ROMA VII. (Seduta del 4 Novembre 2003)

S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA MUNICIPIO ROMA VII. (Seduta del 4 Novembre 2003) Prot. N. 44891/03 Prot. Serv. Delib. N. 44/03 S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA MUNICIPIO ROMA VII ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO (Seduta del 4 Novembre 2003) VERBALE N. 77

Dettagli

Regolamento Affidamento Familiare

Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione, l erogazione e l accesso all affidamento familiare rivolto ai minori e alle loro famiglie

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI PONZANO DI BOZZA AL 13.01.2011 REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI PONZANO DI Premesso che I Comuni dell Ambito Sociale XIX, in ottemperanza

Dettagli

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI Ambito Sociale Territoriale n 3 Ente capofila Comunità Montana Catria e Nerone - Cagli Comuni di Acqualagna, Apecchio, Cagli, Cantiano, Piobbico DELIBERAZIONE COMITATO DEI SINDACI N 26 13.10.2003 Oggetto

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DELLE RISORSE PER IL SOSTEGNO ALL AFFIDAMENTO FAMILIARE

CRITERI E MODALITÀ PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DELLE RISORSE PER IL SOSTEGNO ALL AFFIDAMENTO FAMILIARE ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DELLE RISORSE PER IL SOSTEGNO ALL AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. PREMESSA La legge 4 maggio 1983, n. 184, come modificata dalla legge 28 marzo 2001,

Dettagli

COMUNE DI MATERA CITTA' DEI SASSI Segreteria Generale REGOLAMENTO SULL'AFFIDAMENTO DEI MINORI

COMUNE DI MATERA CITTA' DEI SASSI Segreteria Generale REGOLAMENTO SULL'AFFIDAMENTO DEI MINORI COMUNE DI MATERA CITTA' DEI SASSI Segreteria Generale REGOLAMENTO SULL'AFFIDAMENTO DEI MINORI Approvato con atto di C.C. n. 87 del 6.12.1996 1 ART. 1 Il Comune, nei confronti dei minori, qualora la famiglia

Dettagli

REGOLAMENTO TERRITORIALE AFFIDI

REGOLAMENTO TERRITORIALE AFFIDI Ambito Territoriale di Cantù REGOLAMENTO TERRITORIALE AFFIDI Approvato con delibera del Tavolo Politico n. 34 del 16 novembre 2010 Art. 1 Normativa L'affidamento familiare per i minori è regolato dalla

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) OGGETTO: Esame ed approvazione Regolamento del servizio di affidamento familiare. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che la legge 08 novembre 2000, n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE Allegato sub lettera A) alla delibera di CC. N COMUNE DI MIRA (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE 1 Art. 1 IL VALORE DELLA FAMIGLIA 1. La famiglia viene riconosciuta come l unità fondamentale

Dettagli

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ;

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ; Consiglio di Amministrazione Deliberazione n. del OGGETTO: RECEPIMENTO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 79 11035 DEL 17/11/03 Approvazione linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N.6

AMBITO TERRITORIALE N.6 AMBITO TERRITORIALE N.6 Comune Capofila Grottaglie, Comune di Carosino, Comune di Faggiano, Comune di Leporano, Comune di Monteiasi, Comune di Montemesola, Comune di Monteparano, Comune di Pulsano, Comune

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA 2 OGGETTO: INDIRIZZI IN MATERIA DI INTERVENTI SOCIO-SANITARI TERRITORIALI RELATIVI ALL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI CUI ALLA LEGGE 4 MAGGIO 1983, N.184, E SUCCESSIVE MODIFICHE LA VISTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE Art.1 - Oggetto Il presente Regolamento, in rispondenza alle priorità d intervento individuate dalla legge 328/00, norma gli interventi relativi agli affidamenti

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

Regolamento Affido a Famiglie e/o Strutture di accoglienza Ambito:CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI A6 APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE n. 05 DEL 25.09.2009 L Affidamento familiare Premessa

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Ambito Territoriale di Sesto Calende

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Ambito Territoriale di Sesto Calende REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Ambito Territoriale di Sesto Calende Documento prodotto dall Equipe di regia del Progetto I Custodi dei sogni Luisa Di Matteo, Marta Saraggiotto Comune di Vergiate

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE NA6

AMBITO TERRITORIALE NA6 AMBITO TERRITORIALE NA6 CASORIA ARZANO CASAVATORE UFFICIO TECNICO DI PIANO ======================================================================= Via Po Centro Gallery - 80026 CASORIA (NA) REGOLAMENTO

Dettagli

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE BUONE PRASSI PREMESSA L affidamento familiare, intervento di protezione e tutela nei confronti di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare,

Dettagli

Il percorso di conoscenza e valutazione consiste in alcuni colloqui con l assistente sociale e lo psicologo, ed in una visita domiciliare.

Il percorso di conoscenza e valutazione consiste in alcuni colloqui con l assistente sociale e lo psicologo, ed in una visita domiciliare. L Affidamento Familiare Che cos è l affidamento familiare: L affidamento familiare è un intervento temporaneo di aiuto e di sostegno ad un minore ed alla sua famiglia che si trova a vivere una situazione

Dettagli

1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione

1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione REGOLAMENTO PER IL LIVELLO ASSOCIATO DELL AFFIDO FAMILIARE Articolo 1 - Oggetto 1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione associata

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE 1 Art. 1- Oggetto e finalità Regolamento del servizio di affidamento familiare di minori L'affidamento

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. RITENUTO, per i motivi riportati nel predetto documento istruttorio e che vengono condivisi, di deliberare in merito;

LA GIUNTA REGIONALE. RITENUTO, per i motivi riportati nel predetto documento istruttorio e che vengono condivisi, di deliberare in merito; D.G.R. n. 869 del 17.6.2003, Indirizzi in materia di interventi socio-sanitari territoriali relativi all affidamento familiare di cui alla legge 4 maggio 1983, n.184, e successive modifiche (B.U.R. n.

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA Documentazione Sistema Qualità Pag. 1 di 11 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA DELLA ZONA ALTA VALDELSA Numero Revisione Motivo Data 1 APPROVAZIONE CONSIGLIO

Dettagli

I bambini e le famiglie

I bambini e le famiglie 3.8 I bambini e le famiglie ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà Continuare a vivere ASSISTENZA DOMICILIARE nel proprio ambiente di vita Vivere in un contesto familiare, AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

Regol@mento per. l affidamento familiare dei minori

Regol@mento per. l affidamento familiare dei minori Comune di Spoleto Direzione Istruzione Coesione Sociale Salute e Sport Regol@mento per l affidamento familiare dei minori Il Regolamento per l affidamento familiare dei minori è stato adottato dal Consiglio

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI In uno strumento complesso e articolato come l affidamento familiare, intervento di rete per eccellenza, è fondamentale definire i compiti di ogni tecnico. Una prima chiarezza

Dettagli

Distretto Socio Sanitario n. 24

Distretto Socio Sanitario n. 24 Distretto Socio Sanitario n. 24 Centro Affidi Distrettuale Azione n. 9 Piano di Zona 2010-2012 Comuni di: Piazza Armerina Aidone Barrafranca Pietraperzia Cos è il Centro affidi Il Centro Affidi è un servizio

Dettagli

Norma. Laura Landi - avvocato

Norma. Laura Landi - avvocato Laura Landi Norma legge 4 maggio 1983, n. 184 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori Modificata da Legge 28 marzo 2001, n. 149 Diritto del minore ad una famiglia Laura Landi - avvocato

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Allegato A SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Il giorno., dell anno. alle ore., presso la sede

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi che garantisca livelli adeguati d intervento in materia di adozione internazionale. LA VISTO il documento istruttorio riportato in calce

Dettagli

CITTA DI ROSETO DEGLI ABRUZZI (Provincia di Teramo)

CITTA DI ROSETO DEGLI ABRUZZI (Provincia di Teramo) CITTA DI ROSETO DEGLI ABRUZZI (Provincia di Teramo) REGOLAMENTO COMUNITA EDUCATIVA PER MINORI INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10 ART. 11 ART. 12 ART. 13 ART.

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che:

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU44 31/10/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 7 ottobre 2013, n. 10-6456 Art.6 comma 8 L.184/83: approvazione criteri in materia di interventi a sostegno delle adozioni di minori

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli