Attività di promozione e monitoraggio degli impianti a biomasse

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Attività di promozione e monitoraggio degli impianti a biomasse"

Transcript

1 Attività di promozione e monitoraggio degli impianti a biomasse Luca Benedetti Responsabile Unità Studi EMERSON - SAFE ROMA, 30 ottobre 2012

2 IL GRUPPO GSE MSE (Ministero dello Sviluppo Economico) Direttive MEF (Ministero dell Economia e delle Finanze) Proprietà 100% AEEG (Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas ) Delibere MISSIONE Promozione dello sviluppo sostenibile, attraverso l'erogazione di incentivi economici destinati alla produzione energetica da fonti rinnovabili e con azioni informative tese a diffondere la cultura dell'uso dell'energia compatibile con le esigenze dell'ambiente - 2 -

3 INDICE PRODUZIONE DI ENERGIA DA FER: A CHE PUNTO SIAMO E DOVE VOGLIAMO ARRIVARE. FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA: FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA: FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI: IL MONITORAGGIO STATISTICO E DEGLI IMPATTI ECONOMICI

4 PRODUZIONE DI ENERGIA DA FER: A CHE PUNTO SIAMO E DOVE VOGLIAMO ARRIVARE. I dati del Piano di Azione Nazionale: Consumo finale lordo per settore (Mtep) Mtep Dati statistici disponibili sulla Piattaforma SIMERI (Mtep) FER - Elettricità (1) 4,8 4,8 4,9 5,1 5,4 5,9 FER - Termico 2,2 2,7 2,4 3,4 4,5 5,5 FER - Trasporti 0,2 0,2 0,2 0,7 1,2 1,5 Consumi Finali Lordi (2) 138,9 137,3 134,3 131,7 124,7 127,5 Target (3) 5,2% 5,6% 5,5% 7,0% 8,9% 10,1% Note alla Tabella 1 Per il settore Elettricità i dati sono disponibili a livello regionale e provinciale (questi ultimi riservati alle Regioni). 2 Il Consumo Finale Lordo è pari alla somma tra i Consumi finali di energia + Servizi ausiliari per la generazione di elettricità e calore + Perdite di distribuzione di elettricità e calore. 3 Il Target nazionale è pari alla quota percentuale di energia rinnovabile rispetto al Consumo Finale Lordo di energia

5 PRODUZIONE DI ENERGIA DA FER: A CHE PUNTO SIAMO E DOVE VOGLIAMO ARRIVARE. I dati dell Italian Progress Report 2011 Quota dei consumi finali lordi di energia coperti da fonti energetiche rinnovabili 17,0 % Valore UE-27 al 2010 : 12,4 % OBIETTIVO COMPLESSIVO ENERGIE RINNOVABILI 10,1 % 4,9 % 8,0 % TRAIETTORIA DELINEATA DAL PIANO DI AZIONE NAZIONALE PER LE ENERGIE RINNOVABILI Il contributo delle biomasse per il raggiungimento degli obiettivi al 2020 per i tre settori supererà il 50% - 5 -

6 PRODUZIONE DI ENERGIA DA FER: A CHE PUNTO SIAMO E DOVE VOGLIAMO ARRIVARE. La Nuova Strategia Energetica Nazionale: le sette priorità. 1. La promozione dell'efficienza energetica, per la quale si prevede il superamento degli obiettivi europei. 2. La promozione di un mercato del gas competitivo, integrato con l'europa e con prezzi ad essa allineati, e con l'opportunità di diventare il principale Hub sud-europeo. 3. Lo sviluppo sostenibile delle energie rinnovabili, per le quali intendiamo superare gli obiettivi europei (" "), contenendo al contempo l'onere in bolletta. 4. Lo sviluppo di un mercato elettrico pienamente integrato con quello europeo, efficiente e con la graduale integrazione della produzione rinnovabile. 5. La ristrutturazione della raffinazione e della rete di distribuzione dei carburanti, verso un assetto più sostenibile e con livelli europei di competitività e qualità del servizio. 6. Lo sviluppo sostenibile della produzione nazionale di idrocarburi, con importanti benefici economici e di occupazione e nel rispetto dei più elevati standard internazionali in termini di sicurezza e tutela ambientale. 7. La modernizzazione del sistema di governance, con l'obiettivo di rendere più efficaci e più efficienti i nostro processi decisionali

7 PRODUZIONE DI ENERGIA DA FER: A CHE PUNTO SIAMO E DOVE VOGLIAMO ARRIVARE. La nuova Strategia Energetica Nazionale - Risultati attesi al 2020 Contenimento consumi di energia primaria (da 165 a 158 Mtep, -4%). Consumi di energia elettrica ai livelli attuali (consumi lordi annui pari a 346 TWh). Forte incremento energie rinnovabili (fino al 20% dei consumi finali e al 23% dei consumi primari). Rinnovabili elettriche prima componente del mix (mix atteso 36% - 38%). Minore dipendenza energetica da estero (dall 84% al 67%). Sviluppo degli investimenti molto significativo (180 miliardi di euro entro il 2020). Riduzione emissioni gas serra (-19% rispetto al 2005). Previsione di risparmi di energia primaria fino al 24% (-20 Mtep rispetto a oggi)

8 PRODUZIONE DI ENERGIA DA FER: A CHE PUNTO SIAMO E DOVE VOGLIAMO ARRIVARE. Sviluppo sostenibile delle energie rinnovabili gli obiettivi della SEN Settore elettrico Incidenza sui Consumi Finali Lordi (%) Settore termico Incidenza sui Consumi Finali Lordi (%) Settore trasporti Incidenza sui Consumi Finali Lordi (%) 22 (~ 67 TWh ~ 5,7 Mtep) 26 (~ 100 TWh ~ 8,5 Mtep) (~ 130 Twh ~ 11 Mtep) 9 (~ 3,9 Mtep) 17 (~ 10,5 Mtep) (~ 11 Mtep) 5 (~ 1 Mtep) 10 (~ 2,5 Mtep) 10 (~ 2,5 Mtep) - 8 -

9 INDICE PRODUZIONE DI ENERGIA DA FER: A CHE PUNTO SIAMO E DOVE VOGLIAMO ARRIVARE. FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA: FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA: FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI: IL MONITORAGGIO STATISTICO E DEGLI IMPATTI ECONOMICI

10 FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA: LE STATISTICHE Evoluzione della produzione lorda da fonti rinnovabili (TWh) Nel 2000: 51 TWh => nel 2011: 83 TWh Aumento totale di circa 32 TWh (+64%) dovuto alle nuove rinnovabili 2011: Eolica + Solare + Bioenergie = 38% 2000: Eolica + Solare + Bioenergie = 4% 51 9% 83 13% 12% 13% 7% 87% 55% Idrica Geotermica Bioenergie* Eolica Solare * Bioenergie: biomasse solide, parte biodegradabile dei rifiuti, biogas e bioliquidi

11 FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA: LE STATISTICHE Focus sulle bioenergie nel settore elettrico (2011) Produzione lorda (GWh) Potenza efficiente lorda e numero di impianti

12 FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA: LE STATISTICHE Focus sulle bioenergie nel settore elettrico (2011) * Nelle biomasse solide è inclusa la parte biodegradabile dei rifiuti solidi urbani

13 FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA: LE STATISTICHE Focus sulle bioenergie nel settore elettrico (2011) Distribuzione regionale (n.) Distribuzione regionale (GWh)

14 FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA: LE STATISTICHE Focus sulle bioenergie nel settore elettrico (2011) Produzione da bioenergie per settore nel 2011 (GWh)

15 INDICE PRODUZIONE DI ENERGIA DA FER: A CHE PUNTO SIAMO E DOVE VOGLIAMO ARRIVARE. FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA: FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA: FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI: IL MONITORAGGIO STATISTICO E DEGLI IMPATTI ECONOMICI

16 FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA: GLI INCENTIVI D.M. 6/7/2012 Ambito di Applicazione e limite di costo di incentivazione Impianti FER (no FTV) in esercizio dal 1 gennaio 2013 (con potenza 1 kw) collegati alla rete elettrica. Il costo indicativo cumulato per tutte le tipologie di incentivo agli impianti a fonte rinnovabile diversi dai fotovoltaici non può superare complessivamente i 5,8 miliardi di euro annui (contatore sul sito GSE). Contingenti di potenza ammessi all incentivazione La potenza incentivabile annua delle diverse fonti rinnovabili è ripartita in contingenti annuali per le diverse modalità di accesso (Accesso diretto, Aste, Registri per impianti nuovi, integralmente ricostruiti, riattivati, potenziati e ibridi, nonché Registri per rifacimenti). La potenza incentivabile complessiva, è riportata nella seguente tabella (espressa in MW): Eolico onshore Eolico offshore Idroelettrico Geotermoelettrico Biomasse di cui all articolo 8, comma 4, lettere a), b) e d), biogas, gas di depurazione, gas di discarica e bioliquidi sostenibili Biomasse di cui all articolo 8, comma 4, lettera c) Oceanica (comprese maree e moto ondoso)

17 FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA: GLI INCENTIVI IL DM INDIVIDUA 3 DIVERSE MODALITÀ DI ACCESSO AGLI INCENTIVI: 1) ACCESSO DIRETTO a seguito dell entrata in esercizio degli interventi previsti per piccoli impianti e per particolari situazioni. 2) REGISTRI per due diversi insiemi di interventi progettuali: a) Registro per impianti nuovi, integralmente ricostruiti, riattivati, potenziati e ibridi che non possono accedere direttamente agli incentivi e con una potenza inferiore alla potenza di soglia di 5 MW (10 MW per idroelettrici e 20 MW geotermoelettrici); b) Registro per gli interventi di rifacimento parziali e totali (con l esclusione dei rifacimenti dei piccoli impianti che possono accedere direttamente agli incentivi). 3) ASTE per impianti nuovi, integralmente ricostruiti, riattivati, potenziati e ibridi di potenza superiore alla potenza di soglia di 5 MW (10 MW per idroelettrici e 20 MW geotermoelettrici)

18 FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA: GLI INCENTIVI CONCETTO FONDAMENTALE TARIFFA INCENTIVANTE = INCENTIVO + PREZZO ZONALE ORARIO + PREMIO (EVENTUALE) Potenza 1 MW Tariffa incentivante onnicomprensiva To = Tb + Pr Potenza > 1 MW Incentivo I nuovo = Tb + Pr - Pz Pr: premio Tb: tariffa incentivante base Pr Tb Pr I Tb Pz Pr: premio I = Tb-Pz Nel caso di incentivo negativo: I=0 Pz: prezzo zonale orario Nel caso di prezzo zonale orario negativo: Pz=0 Es: prezzo zonale 2011 ore 12 - zona Sud: 75 /MWh - zona Nord: 80 /MWh

19 FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA: GLI INCENTIVI

20 INDICE PRODUZIONE DI ENERGIA DA FER: A CHE PUNTO SIAMO E DOVE VOGLIAMO ARRIVARE. FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA: FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA: FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI: IL MONITORAGGIO STATISTICO E DEGLI IMPATTI ECONOMICI

21 FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA: LA SEN Gli obiettivi della SEN per la produzione di energia elettrica da FER L obiettivo è quello di sviluppare le rinnovabili fino al 36-38% dei consumi finali (e potenzialmente oltre) al 2020, pari a circa 130 TWh/anno o 11 Mtep. Con tale contributo, la produzione rinnovabile diventerà la prima componente del mix di generazione elettrica in Italia, al pari o superando il gas. In una prospettiva di più lungo termine (2030 e al 2050) in cui ci si attende una sostanziale ulteriore riduzione dei costi unitari è possibile prevedere sviluppi ancora più ambiziosi. Nel far questo, si vogliono contenere i costi in bolletta per i consumatori, accompagnando lo sviluppo con incentivi progressivamente ridotti e commisurati al costo della tecnologia. Complessivamente, per il raggiungimento degli obiettivi al 2020, vengono messi a disposizione un totale di circa 12,5 miliardi l anno (dai 9 miliardi circa che erano già stati impegnati a fine 2011 a 12,5 miliardi) per 20 anni, assegnando le residue risorse in base a criteri di priorità che favoriscano l efficienza, l innovazione tecnologia, un minore impatto ambientale e la filiera industriale nazionale

22 INDICE PRODUZIONE DI ENERGIA DA FER: A CHE PUNTO SIAMO E DOVE VOGLIAMO ARRIVARE. FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA: FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA: FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI: IL MONITORAGGIO STATISTICO E DEGLI IMPATTI ECONOMICI

23 FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA: LE STATISTICHE Il contributo delle bioenergie al settore termico in Italia Il contributo delle bioenergie alla produzione termica rinnovabile è stato superiore rispetto a quanto previsto nel PAN. I consumi sono in forte aumento specialmente nel settore residenziale: pellet 700 ktep nel Anche il teleriscaldamento presenta trend di crescita positivi. Energia geotermica (escluso calore geotermico a bassa temperatura nelle applicazioni di pompe di calore) Solare Biomassa : biomassa solida biogas bioliquidi Energia rinnovabile da pompe di calore: di cui aerotermica di cui geotermica di cui idrotermica 3 4 TOTALE di cui teleriscaldamento di cui biomassa in nuclei domestici

24 INDICE PRODUZIONE DI ENERGIA DA FER: A CHE PUNTO SIAMO E DOVE VOGLIAMO ARRIVARE. FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA: FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA: FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI: IL MONITORAGGIO STATISTICO E DEGLI IMPATTI ECONOMICI

25 FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA: GLI INCENTIVI L'incentivazione delle FER termiche: L Italia vanta un importante leadership tecnologica nel settore industriale degli impianti di produzione di calore da biomasse. Oggi esiste una stretta contiguità tra gli strumenti di sostegno all efficienza energetica e alle FER termiche. I principali meccanismi di sostegno alle FER termiche sono: Detrazioni fiscali del 55% (proroga a giugno 2013); Detrazioni fiscali 36% (oggi portate al 50% dal decreto crescita fino a giugno 2013); Certificati bianchi; Conto energia termico in dirittura di arrivo

26 INDICE PRODUZIONE DI ENERGIA DA FER: A CHE PUNTO SIAMO E DOVE VOGLIAMO ARRIVARE. FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA: FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA: FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI: IL MONITORAGGIO STATISTICO E DEGLI IMPATTI ECONOMICI

27 FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA: LA SEN Gli obiettivi della SEN per la produzione di energia termica da FER I consumi termici rappresentano la quota più importante dei nostri consumi energetici, sia nel settore civile che industriale (circa il 45% dei consumi finali complessivi). Il contributo delle FER (circa il 20%) al soddisfacimento dei consumi finali termici sarà fondamentale

28 FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA: LA SEN Gli obiettivi della SEN per la produzione di energia termica da FER L Italia è ben posizionata nel segmento industriale delle rinnovabili termiche, in particolare nell ambito delle biomasse, in cui circa il 65% della tecnologia è di produzione italiana, anche nei segmenti a più alto contenuto tecnologico, sebbene il livello di importazioni di biomassa non sia trascurabile. E necessario superare le barriere che ostacolano la piena diffusione delle biomasse per usi termici e sensibilizzare all adozione di buone pratiche specificatamente locali: ad esempio, per le biomasse approvvigionamento di combustibile in filiera corta. Particolare attenzione dovrà essere dedicata alla promozione di investimenti nel settore forestale, anche in ottica di riduzione della CO 2 e di decarbonizzazione dell economia italiana

29 INDICE PRODUZIONE DI ENERGIA DA FER: A CHE PUNTO SIAMO E DOVE VOGLIAMO ARRIVARE. FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA: FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA: FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI: IL MONITORAGGIO STATISTICO E DEGLI IMPATTI ECONOMICI

30 FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI: LE STATISTICHE L obiettivo al 2020 dell Italia per i biocarburanti è quello di un contributo pari a circa il 10% dei consumi, ovvero circa 2,5 Mtep/anno. In termini di costi per il sistema l impatto dell obiettivo al 2020 dell Italia potrebbe ammontare a circa un miliardo di euro l anno. Bioetanolo/ bio-etbe di cui biocarburanti ex Art. 21, par. 2 di cui importati Biodiesel di cui biocarburanti ex Art. 21, par. 2 di cui importati Idrogeno da fonti rinnovabili Elettricità da fonti rinnovabili di cui nel trasporto su strada di cui nel trasporto non su strada Altre (ad esempio biogas, oli vegetali ecc) di cui biocarburanti Art. 21, par. 2 TOTALE

31 INDICE PRODUZIONE DI ENERGIA DA FER: A CHE PUNTO SIAMO E DOVE VOGLIAMO ARRIVARE. FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA: FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA: FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI: IL MONITORAGGIO STATISTICO E DEGLI IMPATTI ECONOMICI

32 FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI: GLI INCENTIVI Il principale strumento previsto dalla legislazione per la promozione dei biocarburanti è costituito dall'obbligo, imposto ai soggetti che immettono in consumo carburanti per autotrazione, di immettere in consumo una determinata quota di biocarburanti. La quota d obbligo di immissione in consumo di biocarburanti definita per il 2013 è pari al 5% e per il 2014 al 5,5%. L'Italia ha finora raggiunto e superato gli obblighi, crescenti dall' 1% del 2007 al 4,5% del Il rispetto dell'obbligo è certificato mediante l'emissione a favore del Soggetto Obbligato di certificati di immissione in consumo in numero variabile a seconda delle Gcal di biocarburanti totali immesse. I biocarburanti immessi in consumo, come stabilito all'art.38 del D.Lgs n. 28 del 2011 devono rispettare i criteri di sostenibilità stabiliti dalla direttiva 2009/28/CE. Il rispetto dei criteri di sostenibilità deve essere certificato da appositi organismi di certificazione secondo lo schema nazionale di certificazione (DM 23 gennaio 2012) o gli schemi volontari riconosciuti dall'ue

33 FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI: GLI INCENTIVI La legge 7 agosto 2012 n. 134, cosiddetta "legge crescita", ha stabilito che a decorrere dal 1 gennaio 2013, le competenze operative e gestionali assegnate al Ministero delle politiche agricole, sono attribuite al Ministero dello sviluppo economico che le esercita anche avvalendosi del GSE. Normalmente l'immissione in consumo di 10 Gcal di biocarburanti dà diritto all'ottenimento di un certificato. L'art. 33 del D.Lgs. n. 28 del 2011, ai commi 4 e 5, ha introdotto per rifiuti e sottoprodotti prodotti e trasformati in UE e per altre materie ben determinate il cosiddetto double counting (un certificato ogni 5 Gcal). Tutte le altre materie prodotte e trasformate in UE e i biocarburanti immessi extra rete in percentuale superiore al 25% danno diritto ad un certificato ogni 8 Gcal immesse

34 INDICE PRODUZIONE DI ENERGIA DA FER: A CHE PUNTO SIAMO E DOVE VOGLIAMO ARRIVARE. FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA: FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA: FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI: IL MONITORAGGIO STATISTICO E DEGLI IMPATTI ECONOMICI

35 FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI: LA SEN I biocarburanti devono continuare a essere inclusi negli obiettivi di produzione delle energie rinnovabili, data la possibilità di un importante apporto alla riduzione delle emissioni di CO 2. E' fondamentale che i biocarburanti vengano prodotti in maniera sostenibile, ossia con una reale riduzione delle emissioni e senza impatti negativi sull'ambiente o sugli usi alimentari dei terreni. In quest'ottica è molto importante sostenere in termini di ricerca ed incentivi i i biocarburanti di seconda e terza generazione e in particolare del biometano. Se per lo sviluppo di tali tecnologie fosse necessario più tempo si deve valutare la possibilità di posticipare l'obiettivo del 10% al Anche il recente orientamento dell'ue prevede un sempre maggior ricorso ai biocarburanti di seconda e terza generazione a scapito di quelli di prima generazione provenienti da colture alimentari poco sostenibili dal punto di vista delle emissioni di gas ad effetto serra durante il ciclo di vita

36 INDICE PRODUZIONE DI ENERGIA DA FER: A CHE PUNTO SIAMO E DOVE VOGLIAMO ARRIVARE. FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA: FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA: FOCUS SULLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI: IL MONITORAGGIO STATISTICO E DEGLI IMPATTI ECONOMICI

37 IL MONITORAGGIO STATISTICO DEGLI IMPATTI ECONOMICI Monitoraggio ricadute economiche - industriali - occupazionali Il D.Lgs. 28/2011 assegna al GSE il compito di effettuare un monitoraggio delle ricadute industriali e occupazionali connessi alla diffusione delle fonti rinnovabili e alla promozione dell efficienza energetica. Il GSE sta sviluppando un progetto per la valutazione degli impatti della green economy basato su un apposita metodologia: sistema per la valutazione ed il monitoraggio delle ricadute economiche ed occupazionali della diffusione delle energie rinnovabili in Italia. ricadute occupazionali (dirette, indirette, indotte, lorde, nette, temporanee, permanenti); ricadute economiche (fatturato, valore aggiunto). metodologia combinata di due approcci, che assicuri un monitoraggio ripetibile: bottom up: indagini mediante questionari presso gli attori delle filiere industriali interessate; top down: utilizzo delle matrici I-O. SIMERI Dati di installato per fonte e per tipologia di impianto Modello Green Economy Ricadute economiche e occupazionali per tecnologia in Italia

38 IL MONITORAGGIO STATISTICO DEGLI IMPATTI ECONOMICI La SEN evidenzia che il Paese è ben posizionato da un punto di vista industriale per cogliere le opportunità di sviluppo delle rinnovabili elettriche. Il grafico seguente mostra la stima della percentuale del contributo dato dall'industria nazionale rispetto al costo totale a vita intera (Investimenti + Costi operativi e di Combustibile)

39 Grazie per l attenzione

Gli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Luca Benedetti

Gli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Luca Benedetti Gli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Luca Benedetti Responsabile Unità Studi Perugia 12 marzo 2014 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Bienergy Expo Usi termici da fonti rinnovabili: Il ruolo della filiera legno-energia Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Vito Pignatelli, Presidente ITABIA ITABIA - Italian Biomass Association

Dettagli

Aggiornamenti normativi in materia di fonti rinnovabili

Aggiornamenti normativi in materia di fonti rinnovabili Aggiornamenti normativi in materia di fonti rinnovabili Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa Convegno Cooperative Elettriche Italiane Storiche Pozza di Fassa (TN), 7 e 8 giugno 2013 Il ruolo

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino ALTHESYS Presentazione dell IREX International Report Solarexpo Milano, 7 maggio 2014 Non solo energia elettrica INDICE L energia rinnovabile

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Corso di Impatto ambientale Modulo Pianificazione Energetica a.a. 2012/13 Prof. Ing. Francesco

Dettagli

La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica

La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica Unità Tecnica Efficienza Energetica -UTEE Sommario Direttiva Europea sull Efficienza Energetica Strategia Energetica Nazionale (sett. 2012) 2

Dettagli

La situazione delle energie rinnovabili. Il bilancio del Conto Energia. MEF (Ministero dell Economia e delle Finanze)

La situazione delle energie rinnovabili. Il bilancio del Conto Energia. MEF (Ministero dell Economia e delle Finanze) Il gruppo GSE MSE (Ministero dello Sviluppo Economico) Direttive MEF (Ministero dell Economia e delle Finanze) Proprietà 100% AEEG (Autorità per l Energial Elettrica ed il Gas ) Delibere Fiera di Verona,

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Commissione Attività Produttive della Camera Roma,

Dettagli

Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili

Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa Convegno FederUtility Fonti rinnovabili ed efficienza energetica Le prospettive per le Aziende

Dettagli

Gestore dei Servizi Energetici GSE SpA

Gestore dei Servizi Energetici GSE SpA Gestore dei Servizi Energetici GSE SpA Emilio Cremona www.gse.it 2011 www.gsel.it 2 GSE struttura societaria MSE anche di concerto MATT Direttive MINISTERO DELL ECONOMIA 100% AUTORITA ENERGIA Delibere

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

Incentivazione delle biomasse

Incentivazione delle biomasse Incentivazione delle biomasse Luca Benedetti Responsabile Unità Studi luca.benedetti@gse.it 11 a Giornata PAVER Piacenza, 20 giugno 2011 INDICE 1. Meccanismi incentivanti in Italia Certificati Verdi Tariffe

Dettagli

Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07

Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07 1 Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07 PICCOLI impianti IAFR Sistema incentivante con tariffa fissa onnicomprensiva (incentivo + ricavo vendita energia) (Incentivata solo all energia immessa

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

Lo sviluppo dell eolico in Italia: incentivi e risultati

Lo sviluppo dell eolico in Italia: incentivi e risultati Lo sviluppo dell eolico in Italia: incentivi e risultati Matteo Giannì Unità Studi e Statistiche - 1 - GSE: monitoraggio e informazione Attività di monitoraggio previste dalla normativa assegnate al GSE

Dettagli

Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015

Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015 Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015 29 febbraio 2016 1. Premessa In un quadro di continua evoluzione normativa, tecnologica e di mercato, la disponibilità di dati aggiornati e

Dettagli

Nuova tariffa in Italia

Nuova tariffa in Italia è stato pubblicato nella G.U. n. 1 del 2 gennaio 2009, il Decreto 18 dicembre 2008, con il quale si dà prima attuazione alle disposizioni in materia di incentivazione della produzione di energia elettrica

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

INFORMATIVA 01/2009. Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas

INFORMATIVA 01/2009. Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas INFORMATIVA 01/2009 Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas Realizzato da: TIS Area Energia & Ambiente Data: Bolzano, 06/08/2009 Indice 1 Introduzione... 3 2 Incentivazione

Dettagli

INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE: COSA CAMBIA CON IL NUOVO DECRETO?

INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE: COSA CAMBIA CON IL NUOVO DECRETO? Rinnovabili: I nuovi incentivi per il settore elettrico Bolzano, 25 luglio 2012 INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE: COSA CAMBIA CON IL NUOVO DECRETO? Andrea Zaghi Centro Studi L Associazione Aper

Dettagli

Monitoraggio delle energie rinnovabili e dell efficienza energetica

Monitoraggio delle energie rinnovabili e dell efficienza energetica Monitoraggio delle energie rinnovabili e dell efficienza energetica Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi specialistici Roma, 11 Dicembre 2013 Progetto FACTOR20 IL GRUPPO GSE MSE (Ministero

Dettagli

Uno degli strumenti per il biometano nei trasporti : l obbligo di immissione in consumo dei biocarburanti

Uno degli strumenti per il biometano nei trasporti : l obbligo di immissione in consumo dei biocarburanti Uno degli strumenti per il biometano nei trasporti : l obbligo di immissione in consumo dei biocarburanti Luca Benedetti Responsabile Unità Studi e Statistiche Biometano, una nuova opportunità per la valorizzazione

Dettagli

Master in Gestione delle Risorse Energetiche

Master in Gestione delle Risorse Energetiche Master in Gestione delle Risorse Energetiche Workshop Safe Tra incentivi e obiettivi, come dividersi oneri e onori delle fonti rinnovabili È possibile investire sul futuro senza compromettere il presente?

Dettagli

Biomasse: stato dell arte e prospettive future Riccardo Ballesio, Laura Cardinali SAFE

Biomasse: stato dell arte e prospettive future Riccardo Ballesio, Laura Cardinali SAFE Biomasse: stato dell arte e prospettive future Riccardo Ballesio, Laura Cardinali SAFE Sommario Bioenergia nel mondo Panoramica europea Situazione italiana Considerazioni conclusive Bioenergie: una realtà

Dettagli

Gli impatti sul territorio del sistema di incentivi alla produzione di energia rinnovabile in ambito agricolo

Gli impatti sul territorio del sistema di incentivi alla produzione di energia rinnovabile in ambito agricolo Milano, 20 luglio 2015 Gli impatti sul territorio del sistema di incentivi alla produzione di energia rinnovabile in ambito agricolo Davide Valenzano Milano, 20 Luglio 2015 Ringraziamenti Si ringraziano

Dettagli

Gestore dei Servizi Energetici GSE spa

Gestore dei Servizi Energetici GSE spa Gestore dei Servizi Energetici GSE spa www.gse.it www.gsel.it 2 Indice Il GSE Le fonti rinnovabili: presente e futuro CORRENTE GSE a supporto delle amministrazioni pubbliche 3 GSE struttura societaria

Dettagli

Andamento della produzione lorda totale e Idroelettrica dal 1960 al 2008

Andamento della produzione lorda totale e Idroelettrica dal 1960 al 2008 1 Le fonti rinnovabili in Italia Andamento della produzione lorda totale e Idroelettrica dal 1960 al 2008 GWh 340.000 320.000 300.000 280.000 260.000 240.000 Idroelettrica Produz. Lorda Idro-Rinnovaible

Dettagli

Politiche per la promozione delle fonti rinnovabili termiche: ruolo degli incentivi e obiettivo 2020

Politiche per la promozione delle fonti rinnovabili termiche: ruolo degli incentivi e obiettivo 2020 Politiche per la promozione delle fonti rinnovabili termiche: ruolo degli incentivi e obiettivo 2020 Tommaso Franci Convegno FIPER Biomasse il futuro dell energia e dell ambiente! Il ruolo delle biomasse

Dettagli

Fonti rinnovabili e supporto alla Pubblica Amministrazione, il ruolo del GSE. Maurizio Cuppone

Fonti rinnovabili e supporto alla Pubblica Amministrazione, il ruolo del GSE. Maurizio Cuppone Fonti rinnovabili e supporto alla Pubblica Amministrazione, il ruolo del GSE Maurizio Cuppone Il Gestore dei Servizi Energetici MSE (Ministero dello Sviluppo Economico) Direttive MEF (Ministero dell Economia

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile

Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile Elementi chiave del documento di Strategia Energetica Nazionale Marzo 2013 Agenda Sintesi obiettivi, priorità e risultati attesi

Dettagli

AREA CLIENTI. Home Azienda Sala stampa Dati e Bilanci Sostenibilità Bandi di gara Verso il 2020 Lavora con noi

AREA CLIENTI. Home Azienda Sala stampa Dati e Bilanci Sostenibilità Bandi di gara Verso il 2020 Lavora con noi A A A English AREA CLIENTI Home Azienda Sala stampa Dati e Bilanci Sostenibilità Bandi di gara Verso il 2020 Lavora con noi Contatti FAQ CONTO ENERGIA RITIRO E SCAMBIO QUALIFICHE E CERTIFICATI GAS, CO2

Dettagli

Verona, 5 Maggio 2010. www.gse.it

Verona, 5 Maggio 2010. www.gse.it Piano di azione nazionale per le energie rinnovabili Direttiva 2009/28/CE Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici SOLAREXPO Verona, 5 Maggio 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività

Dettagli

I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica

I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica Giuseppe D Amore ENAMA Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola giuseppe.damore@enama.it Bastia Umbra 6 Aprile 2013 Punti salienti Livelli di incentivo

Dettagli

Workshop Fonti Rinnovabili

Workshop Fonti Rinnovabili Workshop Fonti Rinnovabili Rinnovabili: vecchi vizi e nuove virtù. Una generazione sempre più al verde? Centro Studi SAFE Auditorium GSE Roma, 23 luglio 2012 Agenda Le rinnovabili nel mondo: quadro attuale

Dettagli

Il DM 6 luglio 2012 e il V Conto energia sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili

Il DM 6 luglio 2012 e il V Conto energia sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Il DM 6 luglio 2012 e il V Conto energia sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici ENERGIE RINNOVABILI:

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA Entrata in vigore: Il nuovo regime di incentivazione previsto dal V conto energia entrerà in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento di un costo indicativo

Dettagli

Il mercato energetico in Italia: vantaggi e opportunità per le PMI

Il mercato energetico in Italia: vantaggi e opportunità per le PMI 1 Il mercato energetico in Italia: vantaggi e opportunità per le PMI Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Sviluppo del Sistema Elettrico Workshop Fondazione idi Milano, 11 Novembre 2010 www.gsel.it1

Dettagli

Il GSE a supporto delle Pubbliche Amministrazioni Ennio Ferrero Responsabile Unità Servizi Specialistici

Il GSE a supporto delle Pubbliche Amministrazioni Ennio Ferrero Responsabile Unità Servizi Specialistici Il GSE a supporto delle Pubbliche Amministrazioni Ennio Ferrero Responsabile Unità Servizi Specialistici Bologna - 22 novembre 2010 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici La situazione delle

Dettagli

Ministero dello sviluppo economico

Ministero dello sviluppo economico Incentivi per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e per interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni Ministero dello sviluppo economico Dipartimento Energia - DGENRE - Div.

Dettagli

L INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Quadro normativo e risultati

L INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Quadro normativo e risultati L INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Quadro normativo e risultati Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici www.gse.it Ovaro (UD), 27 marzo 2010 www.gsel.it 2 Indice Le attività

Dettagli

La Strategia Energetica Nazionale

La Strategia Energetica Nazionale La Strategia Energetica Nazionale La nuova Strategia Energetica Nazionale, diffusa a fini di consultazione pubblica, individua quattro obiettivi principali per il sistema energetico italiano: 1) Ridurre

Dettagli

Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009

Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009 Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009 Strumenti legislativi di promozione delle agro energie Giuseppe

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO Sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE

Dettagli

Meccanismi di remunerazione della produzione di

Meccanismi di remunerazione della produzione di Meccanismi di remunerazione della produzione di energia elettrica da FER Davide Valenzano Responsabile Unità Attività Regolatorie e Monitoraggio I Forum ABI Green Energy 2011, 17 giugno 2011 Agenda -2-

Dettagli

Il sistema degli incentivi per le fonti rinnovabili in Italia

Il sistema degli incentivi per le fonti rinnovabili in Italia Il sistema degli incentivi per le fonti rinnovabili in Italia Relatore: Ing. Attilio Punzo Roma, 26 novembre 2010 Sommario Ruolo del GSE nel settore elettrico Il sistema degli incentivi in Italia Incentivi

Dettagli

Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia

Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia Energy Med Napoli, 23/03/2012 Marco Ballicu, Unità affari istituzionali e regolamentari EGL Italia S.p.A. Una società del Gruppo Indice

Dettagli

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Evoluzione della produzione e della potenza per fonte nell UE 27... 5 Produzione e Potenza nel 2010 nell UE27... 6

Dettagli

Sviluppo e monitoraggio delle energie rinnovabili e dell efficienza energetica

Sviluppo e monitoraggio delle energie rinnovabili e dell efficienza energetica Sviluppo e monitoraggio delle energie rinnovabili e dell efficienza energetica Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi specialistici Conferenza Energetica: «Per una Regione Energy Smart»

Dettagli

La posizione di Confindustria sul Fotovoltaico

La posizione di Confindustria sul Fotovoltaico La posizione di Confindustria sul Fotovoltaico 1 Gli obiettivi europei di sostenibilità ambientale al 2020 Pacchetto UE clima-energia Normativa e policy UE Recepimento Nazionale Obiettivo vincolante 20%

Dettagli

L Italia delle fonti rinnovabili

L Italia delle fonti rinnovabili L Italia delle fonti rinnovabili Le fonti rinnovabili in Italia Il GSE, Gestore dei Servizi Energetici, pubblica periodicamente dati e statistiche sulle fonti rinnovabili utilizzate in Italia. L uscita

Dettagli

Gestore dei Servizi Energetici GSE spa

Gestore dei Servizi Energetici GSE spa Gestore dei Servizi Energetici GSE spa Emilio Cremona Presidente www.gse.it www.gsel.it 2 Indice Il GSE Le fonti rinnovabili: presente e futuro CORRENTE GSE a supporto delle amministrazioni pubbliche 3

Dettagli

Il DM 6 luglio 2012 sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici

Il DM 6 luglio 2012 sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici Il DM 6 luglio 2012 sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici Eolica

Dettagli

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III Corso di Formazione ESTATE La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università degli Studi di

Dettagli

La variazione del mix produttivo italiano e gli effetti sul mercato elettrico

La variazione del mix produttivo italiano e gli effetti sul mercato elettrico La variazione del mix produttivo italiano e gli effetti sul mercato elettrico Dott. Ing. Massimo Rivarolo Scuola Politecnica Università di Genova DIME Sez. Maset massimo.rivarolo@unige.it Contenuti Mix

Dettagli

Il Piano Energetico Ambientale Regionale: Strategie regionali per il

Il Piano Energetico Ambientale Regionale: Strategie regionali per il Il Piano Energetico Ambientale Regionale: Strategie regionali per il raggiungimento degli obiettivi 2020 Relatore: Katiuscia Grassi PO Analisi e programmazione ambientale ed energetica Servizio Infrastrutture,

Dettagli

IL REGIME DI INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Decreto Fer. Avv. Germana Cassar g.cassar@macchi-gangemi.com

IL REGIME DI INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Decreto Fer. Avv. Germana Cassar g.cassar@macchi-gangemi.com 1 IL REGIME DI INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Decreto Fer 2 IL REGIME DI INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Il Decreto FER : Decreto Ministeriale 6 luglio 2012 adottato dal Ministero dello

Dettagli

Terza relazione dell Italia in merito ai progressi ai sensi della direttiva 2009/28/CE

Terza relazione dell Italia in merito ai progressi ai sensi della direttiva 2009/28/CE Terza relazione dell Italia in merito ai progressi ai sensi della direttiva 2009/28/CE Dicembre 2015 1 INDICE 1. Quote settoriali e complessive e consumo effettivo di energia da fonti rinnovabili (EFR)

Dettagli

Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche. Aprile 2012

Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche. Aprile 2012 Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche Aprile 2012 Messaggi chiave Le Energie Rinnovabili elettriche sono un pilastro fondamentale della strategia energetica italiana.

Dettagli

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE Mauro Fasano U.O. Energia e Reti Tecnologiche Dino De Simone Direzione Energia Finlombarda IL PEAR

Dettagli

Le energie rinnovabili nel contesto agro-zootecnico: analisi normativa e d investimento per impianti fotovoltaici e a biomasse/biogas

Le energie rinnovabili nel contesto agro-zootecnico: analisi normativa e d investimento per impianti fotovoltaici e a biomasse/biogas Centro per lo sviluppo del polo di Cremona Le energie rinnovabili nel contesto agro-zootecnico: analisi normativa e d investimento per impianti fotovoltaici e a biomasse/biogas Centro per lo sviluppo del

Dettagli

La Generazione Distribuita: Un Nuovo Modello di Sviluppo Sostenibile

La Generazione Distribuita: Un Nuovo Modello di Sviluppo Sostenibile La Generazione Distribuita: Un Nuovo Modello di Sviluppo Sostenibile Sonia Sandei Responsabile Impianti Generazione Distribuita Enel Energia Soluzioni Grandi Clienti Italian DHI Conference Torino, 15 Ottobre

Dettagli

Lo sviluppo del biogas e del biometano in Italia alla luce del nuovo Decreto legislativo 28/2011

Lo sviluppo del biogas e del biometano in Italia alla luce del nuovo Decreto legislativo 28/2011 Lo sviluppo del biogas e del biometano in Italia alla luce del nuovo Decreto legislativo 28/2011 Rocca di Casalina, Deruta (PG) 15 settembre 2011 Marino Berton Quali politiche di incentivo per il biogas

Dettagli

Le potenzialità degli impianti a fonti rinnovabili. L Incentivazione degli impianti a fonti rinnovabili 4. Le FONTI RINNOVABILI. Obiettivi comunitari

Le potenzialità degli impianti a fonti rinnovabili. L Incentivazione degli impianti a fonti rinnovabili 4. Le FONTI RINNOVABILI. Obiettivi comunitari convegno nazionale & question time L DELLA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI I MERCATI DEI CERTIFICATI VERDI, DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA E DELLE UNITÀ DI EMISSIONE Gli strumenti

Dettagli

Italia Rinnovabile verso l Europa 2020 situazione e prospettive. Pierluigi Adami, coord scientifico Esecutivo nazionale Ecodem

Italia Rinnovabile verso l Europa 2020 situazione e prospettive. Pierluigi Adami, coord scientifico Esecutivo nazionale Ecodem Italia Rinnovabile verso l Europa 2020 situazione e prospettive Pierluigi Adami, coord scientifico Esecutivo nazionale Ecodem Gli obiettivi della Direttiva RED La direttiva 2009/28/CE sulle Energie Rinnovabili

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 614/2013/R/EFR AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI CHE ACCEDONO ALLO

Dettagli

Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore

Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore Risorse geotermiche di media e bassa temperatura in Italia. Potenziale, Prospettive di mercato, Azioni. Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore geotermico Ing. Fausto Ferraresi Presidente AIRU

Dettagli

Strategia energetico-ambientale regionale 2014-2020: documento preliminare. Le fonti energetiche rinnovabili in Umbria

Strategia energetico-ambientale regionale 2014-2020: documento preliminare. Le fonti energetiche rinnovabili in Umbria Strategia energetico-ambientale regionale 2014-2020: documento preliminare Le fonti energetiche rinnovabili in Umbria Energia solare ed idroelettrica SEAR 2014-2020 Servizio Energia qualità dell ambiente

Dettagli

LE RINNOVABILI TERMICHE PER L ITALIA : A CHE PUNTO SIAMO?

LE RINNOVABILI TERMICHE PER L ITALIA : A CHE PUNTO SIAMO? LE RINNOVABILI TERMICHE PER L ITALIA : A CHE PUNTO SIAMO? ROSA FILIPPINI IV Conferenza nazionale per le rinnovabili termiche Prima giornata: Le rinnovabili termiche per l Italia: a che punto siamo? Milano,

Dettagli

Meccanismi di incentivazione del minieolico. Risultati raggiunti

Meccanismi di incentivazione del minieolico. Risultati raggiunti Meccanismi di incentivazione del minieolico. Risultati raggiunti Ing. Luca Di Carlo Direttore Ingegneria IL MINIEOLICO IN ITALIA. PROGETTARE IL FUTURO Solarexpo The Innovation Cloud Milano, 9 maggio 2014

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia Scenari energetici al 2020

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia Scenari energetici al 2020 La situazione delle fonti rinnovabili in Italia Scenari energetici al 2020 Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici Roma, 7 maggio 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

Terra Futura2011. Patto dei Sindaci. Temi e strumenti operativi per il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Terra Futura2011. Patto dei Sindaci. Temi e strumenti operativi per il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Terra Futura2011 Patto dei Sindaci Temi e strumenti operativi per il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Biomassedarifiutocome risorsaenergetica, per abbatterele emissionidi CO 2 Inquadramento

Dettagli

Gestore dei Servizi Energetici Divisione Gestione e Coordinamento Generale Unità Studi e Statistiche. Marzo 2015

Gestore dei Servizi Energetici Divisione Gestione e Coordinamento Generale Unità Studi e Statistiche. Marzo 2015 Gestore dei Servizi Energetici Divisione Gestione e Coordinamento Generale Unità Studi e Statistiche Marzo 2015 Il presente rapporto è stato elaborato nell ambito delle attività di monitoraggio dello sviluppo

Dettagli

Italian Biomass Forum Prospettive di sviluppo della bioenergia in Italia

Italian Biomass Forum Prospettive di sviluppo della bioenergia in Italia Italian Biomass Forum Prospettive di sviluppo della bioenergia in Italia Biomasse solide: produzione decentralizzata di elettricità e calore Milano - 21 Giugno 2012 Comitato Termotecnico Italiano PROSPETTIVE:

Dettagli

Procedure di calcolo degli obiettivi

Procedure di calcolo degli obiettivi ALLEGATO 1 (art. 3, comma 4) Procedure di calcolo degli obiettivi 1. Calcolo della quota di energia da fonti rinnovabili 1. Ai fini del raggiungimento dell obiettivo di cui all articolo 3, comma 1, il

Dettagli

Gestore dei Servizi Energetici GSE SpA

Gestore dei Servizi Energetici GSE SpA Gestore dei Servizi Energetici GSE SpA Emilio Cremona Presidente www.gse.it www.gsel.it 2 Indice Il GSE Le fonti rinnovabili: presente e futuro CORRENTE GSE a supporto delle amministrazioni pubbliche 3

Dettagli

BIOMASSE: TRAGUARDARE IL FUTURO CON L ESPERIENZA DEL PASSATO

BIOMASSE: TRAGUARDARE IL FUTURO CON L ESPERIENZA DEL PASSATO Presentazione BIOMASSE: TRAGUARDARE IL FUTURO CON L ESPERIENZA DEL PASSATO Marco Manchisi TERA Bari, Convegno Fiera del Levante, 12 Settembre 2011 V^ GIORNATA DELL ENERGIA PULITA RIFLESSIONI Il quadro

Dettagli

Osservatorio Agroenergia. Prof. Alessandro Marangoni. 3 marzo 2011

Osservatorio Agroenergia. Prof. Alessandro Marangoni. 3 marzo 2011 Osservatorio Agroenergia Il settore delle agroenergie in Italia Prof. Alessandro Marangoni 3 marzo 2011 Indice 1. Perché le agroenergie? g 2. Le biomasse solide 3. Il biogas 4. Le biomasse liquide 5. L

Dettagli

Aggiornamenti normativi in materia di produzione da fonti rinnovabili e fotovoltaico - DM 5 e 6 luglio 2012. Gerardo Montanino Direttore Operativo

Aggiornamenti normativi in materia di produzione da fonti rinnovabili e fotovoltaico - DM 5 e 6 luglio 2012. Gerardo Montanino Direttore Operativo Aggiornamenti normativi in materia di produzione da fonti rinnovabili e fotovoltaico - DM 5 e 6 luglio 2012 Gerardo Montanino Direttore Operativo Incontro col GSE, AU e PAT AEIT Trento, 26 ottobre 2012-1

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO PARERE 14 OTTOBRE 2015 489/2015/I/EFR PARERE IN MERITO ALLO SCHEMA DI DECRETO INTERMINISTERIALE PER L INCENTIVAZIONE DELLA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI DIVERSE DALLA

Dettagli

1. Semplificazione dei Procedimenti Amministrativi

1. Semplificazione dei Procedimenti Amministrativi Osservazioni alla Bozza del Decreto Ministeriale in attuazione del DLgs 28/2011 sulle misure di sostegno alla produzione elettrica da fonti rinnovabili La Fondazione per lo sviluppo sostenibile accoglie

Dettagli

Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche. Aprile 2012

Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche. Aprile 2012 Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche Aprile 2012 Messaggi chiave Le Energie Rinnovabili elettriche sono un pilastro fondamentale della strategia energetica italiana.

Dettagli

Circolare N.72 del 21 Maggio 2014

Circolare N.72 del 21 Maggio 2014 Circolare N.72 del 21 Maggio 2014 Energie rinnovabili. Pubblicati i nuovi bandi GSE Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che GSE ha pubblicato i tre bandi per partecipare alla procedura

Dettagli

FORUM GREEN ENERGY. Case history CVA: applicazione degli effetti normativi di incentivazione rinnovabile

FORUM GREEN ENERGY. Case history CVA: applicazione degli effetti normativi di incentivazione rinnovabile FORUM GREEN ENERGY Case history CVA: applicazione degli effetti normativi di incentivazione rinnovabile Roma 17 giugno 2011 Gruppo CVA CERTIFICAZIONI INCENTIVI GRUPPO CVA Posizionamento CVA nel mercato

Dettagli

IL NUOVO QUADRO DEGLI INCENTIVI PER LE RINNOVABILI DOPO IL D.Lgs. n. 28 DEL 3 MARZO 2011. Milano, 11 maggio 2011

IL NUOVO QUADRO DEGLI INCENTIVI PER LE RINNOVABILI DOPO IL D.Lgs. n. 28 DEL 3 MARZO 2011. Milano, 11 maggio 2011 1 IL NUOVO QUADRO DEGLI INCENTIVI PER LE RINNOVABILI DOPO IL D.Lgs. n. 28 DEL 3 MARZO 2011 Milano, 11 maggio 2011 Avv. Emilio Sani e.sani@macchi-gangemi.com Avv. Alessia Marconi a.marconi@macchi-gangemi.com

Dettagli

Efficienza energetica e fonti rinnovabili: gli gli strumenti di di supporto e il il relativo impatto sul sistema energetico nazionale

Efficienza energetica e fonti rinnovabili: gli gli strumenti di di supporto e il il relativo impatto sul sistema energetico nazionale Efficienza energetica e fonti rinnovabili: gli gli strumenti di di supporto e il il relativo impatto sul sistema energetico nazionale Prof. ing. Massimo Dentice d'accadia Sezione Energetica, Termofluidodinamica

Dettagli

Cam era dei D eputati - 1 4 5 - S en a to della R epubblica

Cam era dei D eputati - 1 4 5 - S en a to della R epubblica Cam era dei D eputati - 1 4 5 - S en a to della R epubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XCVIII N. 3 La produzione di energia da impianti fotovoltaici ha presentato un incremento

Dettagli

Le rinnovabili termiche: i dati, gli obiettivi e il potenziale al 2020

Le rinnovabili termiche: i dati, gli obiettivi e il potenziale al 2020 Le rinnovabili termiche: i dati, gli obiettivi e il potenziale al 2020 Dossier per la stampa a cura dell uff. Studi Amici della Terra Italia Onlus www.amicidellaterra.it 1 2 Il Piano d azione nazionale

Dettagli

Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente ai sensi dell art.

Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente ai sensi dell art. Bollettino 2 2 semestre 2012 Incentivazione delle fonti rinnovabili. Certificati Verdi e Tariffe Onnicomprensive. Bollettino aggiorn nato al 31 dicembre 2012. Il presente documento è il bollettino informativo

Dettagli

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI Osservatorio Energia Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA PREMESSA Nel marzo 2007, l Unione europea ha varato il primo concreto

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACQUISITO il concerto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

PREMESSE VISTO il Piano d Azione Nazionale per le energie rinnovabili, PAN, adottato dal Governo nel giugno 2010, nel quale il predetto obiettivo del

PREMESSE VISTO il Piano d Azione Nazionale per le energie rinnovabili, PAN, adottato dal Governo nel giugno 2010, nel quale il predetto obiettivo del PREMESSE VISTO il Piano d Azione Nazionale per le energie rinnovabili, PAN, adottato dal Governo nel giugno 2010, nel quale il predetto obiettivo del 17% è scomposto nei tre settori principali calore,

Dettagli

Audizione sui Prezzi dell Energia Elettrica e del Gas 10 a Commissione Permanente del Senato

Audizione sui Prezzi dell Energia Elettrica e del Gas 10 a Commissione Permanente del Senato Audizione sui Prezzi dell Elettrica e del Gas 1 a Commissione Permanente del Senato Dott. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato GSE Roma, 18 giugno 213-1 - Il Gruppo GSE Autorità per l Elettrica

Dettagli

Energia rinnovabile in Campania

Energia rinnovabile in Campania Energia rinnovabile in Campania Le principali fonti di finanziamento delle FER in Campania POR Campania L asse 3 Energia sviluppa azioni finalizzate a: sostenere e/o realizzare impianti per la produzione

Dettagli