Comune di Pesaro REGOLAMENTO PER SALE GIOCHI DETENZIONE VIDEOGIOCHI E GIOCHI LECITI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Pesaro REGOLAMENTO PER SALE GIOCHI DETENZIONE VIDEOGIOCHI E GIOCHI LECITI"

Transcript

1 Comune di Pesaro REGOLAMENTO PER SALE GIOCHI DETENZIONE VIDEOGIOCHI E GIOCHI LECITI Approvato con atto di C.C. n. 51 del 22 marzo 1999 Modificato con atto di C.C. n. 41 del 13 marzo 2000

2 Art. 1 - Definizioni 1 L'apertura e il trasferimento di parchi o sale giochi e la detenzione di apparecchi per intrattenimento, sono soggetti al rilascio dell'autorizzazione comunale ai sensi dell'art. 86 del TUdiPS. 2 Per sala giochi si intende uno o più locali all'uopo appositamente organizzati ed a tale scopo destinati, ove sono messi a disposizione del cliente mezzi e strumenti da trattenimento per giochi definiti leciti dalle normative vigente (425/1995) 3 Mentre per parco gioco si intende una sala giochi ubicata in uno spazio all'aperto, all'uopo appositamente organizzato ed a tale scopo destinato, ubicato in località che non possa recare alcun disturbo alla quiete pubblica, ove sono messi a disposizione del cliente mezzi e strumenti da trattenimento per giochi definiti leciti dalle normative vigente (425/1995) 4 Per gioco si intendono tutte quelle forme di divertimento lecito che prevedono utilizzo di mezzi - (elettronici, meccanici, manuali etc ), la cui fruizione è soggetta a pagamento di corrispettivo.resta sottointeso il divieto del pagamento delle vincite in danaro. 5 La detenzione di simili trattenimenti in locali che non siano appositamente attrezzati ed autorizzati (parchi o sale gioco), è consentita solo ed esclusivamente nei pubblici esercizi così come definiti ai sensi della Legge 287/91 art 5, lettera b), ed alle condizioni previste dal presente regolamento (sono dunque esclusi: sale ballo, hotel, ristoranti, bagnini, chioschi autorizzati ai sensi a) ex 112 etc.) 6 Nei pubblici esercizi il numero dei giochi non può superare il numero di 10 per singolo bar. In tal senso la superficie da occupare con i giochi, non può superare i 2/5 di quella totale dei locali in cui è ammesso il pubblico (esclusi servizi, ripostigli et similia), e viene computato in 4 mq l'ingombro minimo medio di ogni gioco (tra superficie effettivamente occupata più i movimenti della persona). 7 Il superamento di tale numero comporta la trasformazione del locale all'uopo destinato in sala gioco, dunque deve essere separata e distinta dall'attività di pubblico esercizio/somministrazione. Ciò non esclude la comunicazione tra bar e sala gioco, ma impone la separazione dei locali, il rispetto delle distanze tra due attività similari e di cui al successivo arto 4, nonché la realizzazione degli altri accorgimenti previsti e necessari dal presente regolamento. 8 Gli esercizi che al momento dell'uscita del presente regolamento hanno autorizzazioni per più dei 10 giochi di cui al precedente comma 6, hanno tre anni di tempo per adeguarsi 9 Non rientrano nella attività di sala giochi soggetti al presente regolamento i trattenimenti che si tengono all'aperto, durante la stagione estiva, offerti all'utenza senza richiesta di compenso o pagamento di alcuna forma di biglietto, ovvero che non rispondono a criteri di imprenditorialità. (N.B. : scivolo di plastica dei bagnini, per es.) 10 I locali ove vengono svolti attività di bowling o altri giochi leciti, comunque tipologicamente diversi da quelli delle sale giochi, devono comunque attenersi al presente regolamento anche se la licenza è rilasciata ai sensi degli artt.i. 68, 86 e 123 del T.U. di P.S. 11 Per quanto non espressamente previsto, si rimanda alla normativa vigente.

3 Art.2 - Autorizzazione Amministrativa per Sale Gioco 1. L'esercizio di questa attività è soggetto ad autorizzazione amministrativa comunale ai sensi dell'art. 86 del R.D. 773/31, ed è valida per l'intestatario della stessa e vincolata ai locali indicati, per i quali deve attestarsi la disponibilità. 2. L'autorizzazione è rilasciata su domanda dell'interessato al Sindaco, accertati i requisiti soggettivi ed oggettivi, previsti dalla normativa vigente: a. certificato antimafia, casellario giudiziario, certificato penale b. presentazione, da parte del legale rappresentante, di dichiarazioni autografe di tecnici abilitati che garantiscano che il locale risponde alle norme relative alla sicurezza sia per i lavoratori che per gli utenti c. elenco dei giochi installati corredati da apposito certificato di omologazione d. idoneità sotto il profilo igienico - sanitario attestata dall'ente preposto e. idoneità sotto il profilo dell'impatto acustico 3. In caso di modifiche alle strutture o di aggiunta di giochi, queste dovranno essere comunicate al Comune entro 30 giorni, ai fini di eventuali accertamenti per la conseguente autorizzazione. 4. La validità è annuale, e si intende automaticamente rinnovata a condizione che entro il 31 dicembre di ogni anno venga comunicato al Comune il prosieguo di attività, con dichiarazione che nulla è cambiato rispetto il momento del rilascio. 5. Il subingresso è consentito, e il proseguimento dell'attività senza interruzione è consentito quando, chi richiede la voltura risulti in possesso dei requisiti soggettivi 6. Le autorizzazioni decadono automaticamente quando: a. l'attività non inizi entro tre mesi dalla data di rilascio dell'autorizzazione, salvo proroga per casi di comprovata necessità e indipendenti dalla volontà del titolare; b. per perdita da parte del titolare dei requisiti soggettivi; c. per mancata richiesta di autorizzazione alla sospensione dell'attività, ovvero quando questa si prolunghi - senza acquisizione preventiva di apposita autorizzazione per oltre trenta giorni. 7. L'autorizzazione è revocata per: a. perdita dei requisiti inerenti le condizioni di sicurezza o igienico sanitari. o a seguito di modifiche b. dove il titolare non provveda al ripristino delle condizioni prescritti entro tre mesi dalla diffida a provvedere, e salvo proroga per comprovata necessità. Art.3 - Autorizzazione Amministrativa in abbinamento ad attività di Bar 1. L'autorizzazione è rilasciata su domanda dell'interessato al Sindaco, ai sensi dell'art. 86 del R.D. 773/31, ai titolari di esercizi autorizzati ai sensi dell'art 5 lettera b) della Legge 287/91,e sino ad un numero massimo di giochi detenibili pari a 10. Diversamente si rimanda a quanto disposto all'art. 1, comma E' valida per l'intestatario della stessa e vincolata ai locali dello stesso pubblico esercizio, e si intende automaticamente rinnovata a condizione che entro il 31 dicembre di ogni anno venga comunicato al Comune il prosieguo, con la dichiarazione che nulla è cambiato rispetto il momento del rilascio. 3. Il rilascio è subordinato alla presentazione, da parte del legale rappresentante - per ogni mezzo o strumento utilizzato per il divertimento del cliente e ove previsto - del certificato di omologazione e del regolamento del relativo funzionamento.

4 Art. 4 - Suddivisione territorio comunale e minimi di superficie 1. Le autorizzazioni all'apertura di nuove sale gioco od al trasferimento degli esistenti, sono rilasciate nel rispetto delle distanze minime. 2. A tal fine il territorio comunale è diviso tra ZONA MARE (comprendente le vie presenti all'interno del perimetro della Statale 16 Iato mare direzione Fano-Pesaro fino all'altezza di piazza Doria. Poi via Cecchi, ponte sul Foglia, strada panoramica San Bartolo, viale Varsavia, viale Parigi, Lungofoglia delle Nazioni, ponte sul Foglia e fino a Baia Flaminia inclusa) e ALTRE ZONE; comprendenti il restante territorio comunale. La planimetria allegata (A) delimita le zone sopra descritte. 3. Distanze minime tra due esercizi della stessa tipologia : a. al momento dell'approvazione del presente regolamento, le nuove aperture vengono fissate in 70 i metri lineari minimi per la zona mare, e in 700 mi per le altre zone; b. La misurazione delle distanze tra esercizi dello stesso tipo - anche se in zone diverse deve essere effettuata tra le due principali porte di ingresso al pubblico, con attraversa mento delle strade ad angolo retto; c. Il trasferimento di un esercizio da una zona all'altra è ammessa nel rispetto delle distanze minime previste dal presente regolamento; d. In caso di dubbio tra diversi sistemi di misurazione verrà tenuta valida la distanza minore. 4. Non sono soggette al rispetto delle distanze minime: a. i giochi ubicati presso i bar (in n di 10) b. le sale giochi in caso di trasferimento temporaneo per lavori di ristrutturazione o manutenzione straordinaria che impediscano lo svolgimento dell'attività, previa autorizzazione del Comune, e purché tale temporaneità venga compresa - senza possibilità di proroga - entro i 6 mesi. Art 5 - Modalità dell'esercizio 1. Le attività di sala gioco sono esercitate in locali aperti al pubblico, cioè destinati esclusivamente a tale attività, con ingresso indipendente, anche se collegate a pubblici esercizi. 2. I titolari hanno l'obbligo di esporre in modo ben visibile al pubblico, l'autorizzazione amministrativa all'esercizio, la tabella con l'elenco dei giochi, le tariffe praticate per le diverse prestazioni, gli orari di apertura. 3. Gli orari dei parchi e delle sale giochi sono determinati ai sensi della normativa vigente tramite apposita ordinanza Sindacale. 4. In ogni caso, anche quando abbinati ad pubblico esercizio, l'orario deve rispondere alle norme della L 447/1995, e non può essere protratto oltre le ore 24,00, e ad esclusione dei tornei di biliardo autorizzati dalle Federazioni riconosciute. 5. E' vietato l'ingresso ai minori di anni 14 se non sono accompagnati dai genitori. 6. Le attrazioni delle sale gioco e dei bar non possono essere collocate all'esterno, nemmeno limitatamente al periodo di maggior afflusso turistico. 7. Per le attrazioni dei parchi all'aperto deve essere prodotta adeguata documentazione che garantisca il rispetto della quiete pubblica.

5 Art. 6 - Vigilanza e sanzioni 1) La verifica dell'osservanza del presente regolamento è demandata agli organi competenti 2) Salve diverse disposizioni di legge, le violazioni sono punite ai sensi dell'art. 106 del R.D. 383/1934, modificato dalla legge 530/1947, e dalla legge 603/1963,e legge 698/1981, e n 47/1992 con sanzione amministrativa da lire a lire ) Indipendentemente dall'applicazione delle sanzioni di cui ai comma precedenti, il Sindaco può disporre la chiusura temporanea dall'esercizio da un minimo di sette giorni fino ad un massimo di 90, in rapporto alla gravità delle sanzioni accertate, e nell'ipotesi di attività esercitate abusivamente, anche presso i bar, dispone l'immediata cessazione eseguibile anche coattivamente. Art.7 - Norme transitorie e finali 1. All'entrata in vigore del presente regolamento tutti i titolari devono verificare i requisiti previsti dal presente regolamento ed adeguarsi entro tre anni.

COMUNE DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L'ATTIVITA' DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI E IN CIRCOLI PRIVATI

COMUNE DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L'ATTIVITA' DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI E IN CIRCOLI PRIVATI COMUNE DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L'ATTIVITA' DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI E IN CIRCOLI PRIVATI (Approvato con deliberazione dal C.C. n 4 del 19.01.1998) ART. 1 Per "Automatico

Dettagli

COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO

COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO INDICE TITOLO I - PRESCRIZIONI GENERALI Art 1 Definizione e ambito di applicazione Art 2 Licenza amministrativa Art 3 Requisiti

Dettagli

Regolamento per la disciplina dell' attività di sala giochi e per l installazione di apparecchi da gioco INDICE

Regolamento per la disciplina dell' attività di sala giochi e per l installazione di apparecchi da gioco INDICE Regolamento per la disciplina dell' attività di sala giochi e per l installazione di apparecchi da gioco INDICE Art. 1 Disposizioni generali e definizione di sala giochi Art. 2 Sale giochi e pubblici esercizi

Dettagli

DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO E GIOCO

DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO E GIOCO COMUNE DI SAREZZO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Commercio tel. 030/802021 DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO

REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO CITTÀ DI BORGOMANERO PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO APPROVATO CON ATTO C.C. N. 38 DEL 07/07/2008 Il presente Regolamento è entrato in vigore il 07/07/2008 INDICE Art. 1 Definizione

Dettagli

COMUNE DI TRESANA. Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

COMUNE DI TRESANA. Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI COMUNE DI TRESANA Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con deliberazione del C.C. n. 3 del 14.01.2012 INDICE TITOLO I NORME GENERALI Art. 1 - Oggetto

Dettagli

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Comune di Pesaro Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 61 del 3.6.2010 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2-Ambito di applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

REGOLAMENTO PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI COMUNE DI ASSO Prov. di Como REGOLAMENTO PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 29.09.2010 IL PRESENTE REGOLAMENTO: è stato deliberato dal

Dettagli

Art. 1 - Definizioni Art. 2 Ambito di applicazione Art. 3 Principi generali

Art. 1 - Definizioni Art. 2 Ambito di applicazione Art. 3 Principi generali Regolamento Regolamento comunale per l apertura e la gestione di sale giochi (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 17 dell 11/06/2007) (Modificato con delibera del Consiglio Comunale n. 25

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO DELLE SALE GIOCHI.

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO DELLE SALE GIOCHI. COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO DELLE SALE GIOCHI. approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 15 del 26 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE Comune di Desenzano del Garda REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 144 del 30.11.2000 Modificato con Deliberazione di C.C. n. 102 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI Art. 1 LICENZA D'ESERCIZIO La licenza per l esercizio di sale pubbliche o per altre giochi

Dettagli

COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E LA DISCIPLINA DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI

COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E LA DISCIPLINA DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E LA DISCIPLINA DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI Delibera del Consiglio Comunale n 1 del 09.01.2012 INDICE Art. 1 DEFINIZIONE e AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO DELLE SALE DA GIOCO

COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO DELLE SALE DA GIOCO COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO DELLE SALE DA GIOCO ART. 1 Disposizioni generali L esercizio di una sala pubblica per biliardi o per altri giochi leciti, in seguito definita convenzionalmente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER SALA GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER SALA GIOCHI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER SALA GIOCHI Approvato con deliberazione consiliare n. 41 del 28/07/2011 Pubblicato all albo pretorio dal 08 al 22 agosto 2011 Art. 1 AMBITO

Dettagli

REGOLAMENTO. Comune di Follonica. per l'apertura e la gestione di sale giochi. Delibera del Consiglio Comunale n. 79 del 26 novembre 2007

REGOLAMENTO. Comune di Follonica. per l'apertura e la gestione di sale giochi. Delibera del Consiglio Comunale n. 79 del 26 novembre 2007 Comune di Follonica per l'apertura e la gestione di sale giochi Delibera del Consiglio Comunale n. 79 del 26 novembre 2007 REGOLAMENTO INDICE SOMMARIO Articolo 1 Definizioni 1 Articolo 2 Ambito di applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con Deliberazione C.C. n. 38 del 18.06.2007 1 INDICE GENERALE Art. 1 - Definizioni Art. 2 Ambito di applicazione Art. 3 - Principi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.2011) 1 INDICE TITOLO I - Norme generali Art. 1 - Oggetto ed ambito

Dettagli

Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco

Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 29 del 08.07.2008 In vigore dal 17.09.2008 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APERTURA E L ESERCIZIO DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI O CONGEGNI DA TRATTENIMENTO Approvato con delibera consiliare n. 4 del

Dettagli

COMUNE DI VEROLENGO NORME E DIRETTIVE PER L ATTIVITA DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI

COMUNE DI VEROLENGO NORME E DIRETTIVE PER L ATTIVITA DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI COMUNE DI VEROLENGO Via Rimembranza, 4 CAP 10038 P R O V I N C I A D I T O R I N O Tel. 011.91.49.102 / 011.91.49.135 Fax 011.91.49.397 Cod. Fisc. 82500370018 P.I. 01716930019 NORME E DIRETTIVE PER L ATTIVITA

Dettagli

REGOLAMENTO SALA GIOCHI

REGOLAMENTO SALA GIOCHI REGOLAMENTO SALA GIOCHI APPROVATO CON D.C. N. 1 DEL 31.1.2011 Art. 1 DEFINIZIONE Art. 2 CARATTERISTICHE DEI LOCALI Art. 3 CARATTERISTICHE E NUMERO DEI GIOCHI Art. 4 ESERCIZI AUTORIZZABILI Art. 5 REQUISITI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Allegato B a Delibera C.C. n.36 del 27/9/2010 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con delibera di C.C. n. 36 del 27/09/2010 Pubblicato all albo Pretorio dal 5/10/2010

Dettagli

Comune di Trevignano Romano

Comune di Trevignano Romano Comune di Trevignano Romano (Prov. di Roma) REGOLAMENTO IN MATERIA DI FUNZIONAMENTO E RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER SALE GIOCHI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 51 del 13.10.2009 INDICE

Dettagli

PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI

PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI edicole PIANO ESCLUSIVE 1 20 marzo 2007 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Aspetti di carattere generale 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12. REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12.2008 INDICE TITOLO I - PRINCIPI GENERALI pag. 1 Art. 1 DEFINIZIONI pag. 1

Dettagli

C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI

C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI Approvato con delibera di C.C. n. 27 del 28/11/2012 I N D I C

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE N. 82 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE N. 82 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI COMUNE DI CASTEL DEL PIANO Provincia di Grosseto Via G. Marconi, 9 Tel. 0564 973511 Fax 0564 957155 SERVIZIO 1 - AMMINISTRATIVO http: www.comune.casteldelpiano.gr.it REGOLAMENTO COMUNALE N. 82 REGOLAMENTO

Dettagli

Comune di Avellino Regolamento dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande

Comune di Avellino Regolamento dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande Comune di Avellino Regolamento dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande Articolo 1 Principi Generali 1. Il presente regolamento è ispirato all'applicazione dei principi in linea

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento, in ottemperanza agli obblighi derivanti dalla legge 14.12.1963 n. 161

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L'INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L'INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO Comune di Rogliano REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L'INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO Approvato ed allegato alla Deliberazione Consiliare n del 1 Comune di Rogliano INDICE TITOLO I Norme

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLAPERTURA E DELLA GESTIONE DELLE SALE GIOCO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLAPERTURA E DELLA GESTIONE DELLE SALE GIOCO CITTA DI BISCEGLIE Provincia di Barletta Andria Trani CODICE POSTALE 70052 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLAPERTURA E DELLA GESTIONE DELLE SALE GIOCO (APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con deliberazione di G.M. n. 122 dell 1/6/2012 INDICE GENERALE CAPO I DEFINIZIONI E DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Definizioni Art. 2 Ambito

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI Art.1 Principi Generali CAPO I NORME GENERALI 1.Il presente regolamento disciplina: a) l apertura, il trasferimento di sede, la variazione di superficie ed il subentro

Dettagli

COMUNE DI RIMINI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE LICENZE E PER L'ESERCIZIO DELL'ATTIVITÀ DEI LOCALI OVE SI DANNO PUBBLICI TRATTENIMENTI DANZANTI.

COMUNE DI RIMINI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE LICENZE E PER L'ESERCIZIO DELL'ATTIVITÀ DEI LOCALI OVE SI DANNO PUBBLICI TRATTENIMENTI DANZANTI. COMUNE DI RIMINI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE LICENZE E PER L'ESERCIZIO DELL'ATTIVITÀ DEI LOCALI OVE SI DANNO PUBBLICI TRATTENIMENTI DANZANTI. Allegato Deliberazione di C.C. n. 263 del 18/3/1982 Modificato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO (approvato con delibera Consiglio Comunale n. 50/2008 del 23/12/2008 Visto l'art. 117 c. VI della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3.

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3. REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3.2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI

Dettagli

Regolamento comunale per la disciplina delle sale giochi

Regolamento comunale per la disciplina delle sale giochi Regolamento comunale per la disciplina delle sale giochi Approvato dal Consiglio Comunale di Lecco con deliberazione del 14.03.2011, n. 33- Articolo 1 - Principi generali 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Comune di San Giuliano Milanese Settore Sviluppo Economia Locale

Comune di San Giuliano Milanese Settore Sviluppo Economia Locale Comune di San Giuliano Milanese Settore Sviluppo Economia Locale REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DELLE SALE GIOCHI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 12 del 09.03.2009.

Dettagli

Art. 1 DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONE DI SALA GIOCHI

Art. 1 DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONE DI SALA GIOCHI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI SALA GIOCHI- BILIARDO-BOWLING E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO E DA GIOCO DI ABILITA Art. 1 DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONE DI SALA

Dettagli

COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA (Provincia di Verona)

COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA (Provincia di Verona) COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA (Provincia di Verona) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 86 del 27.12.2012 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA MUSICALI IN PUBBLICI ESERCIZI,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DI LICENZE PER SALE GIOCHI

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DI LICENZE PER SALE GIOCHI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DI LICENZE PER SALE GIOCHI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DI LICENZE PER SALE GIOCHI Art. 1 DEFINIZIONE E sala gioco l esercizio pubblico con biliardi e/o altri giochi leciti,

Dettagli

R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza -

R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza - R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza - Art. 110. 1. In tutte le sale da biliardo o da gioco e negli altri esercizi, compresi i circoli privati, autorizzati alla pratica

Dettagli

Il sottoscritto (Cognome e nome): Luogo e data di nascita / / Residente in alla Via n Codice Fiscale TEL

Il sottoscritto (Cognome e nome): Luogo e data di nascita / / Residente in alla Via n Codice Fiscale TEL COMUNE DI CAROVIGNO (BR) PROV. BRINDISI Settore Gestione del Territorio Urbanistica LL. PP. Sezione Attività Produttive SUAP Polizia Amministrativa Commercio AVVERTENZA: la presente segnalazione certificata

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA (Art. 86 R.D. 773/1931 e s.m.i.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA (Art. 86 R.D. 773/1931 e s.m.i.) 1 ESTREMI DI ISCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE (A CURA DELL UFFICIO) Ufficio ricevente Presentata il Modalità di inoltro Data protocollo Num. Prot fax a mano posta via telematica NUMERO ASSEGNATO ALLA PRATICA

Dettagli

Il sottoscritto. nato a il nazionalità. Cod.Fisc. residente in. Via n. C.A.P. Tel. Cell. Codice fiscale/partita IVA. Con sede nel Comune di Provincia

Il sottoscritto. nato a il nazionalità. Cod.Fisc. residente in. Via n. C.A.P. Tel. Cell. Codice fiscale/partita IVA. Con sede nel Comune di Provincia da presentarsi all'ufficio Protocollo 30 giorni prima dell'inizio dell'attività DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA' PER INSTALLAZIONE DI GIOCHI LECITI E APPARECCHI E CONGEGNI AUTOMATICI, SEMIAUTOMATICI ED

Dettagli

AREA AFFARI GENERALI Ufficio Attività Produttive

AREA AFFARI GENERALI Ufficio Attività Produttive ESTREMI DI ISCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE (A CURA DELL UFFICIO) Ufficio ricevente Presentata il Modalità di inoltro Data protocollo Num. Prot fax a mano posta via telematica NUMERO ASSEGNATO ALLA PRATICA

Dettagli

Allegato A. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI Approvato con delibera C.C. n 19 del 30/04/2010

Allegato A. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI Approvato con delibera C.C. n 19 del 30/04/2010 Allegato A REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI Approvato con delibera C.C. n 19 del 30/04/2010 Art. 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende per: - TULPS: il Testo

Dettagli

Oggetto: Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco. IL CONSIGLIO COMUNALE

Oggetto: Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco. IL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco. IL CONSIGLIO COMUNALE Vista la relazione del Direttore del Settore dei Servizi Istituzionali e comunicazioni che è parte integrante del presente

Dettagli

COMUNE DI CAPRIANO DEL COLLE. Provincia di Brescia

COMUNE DI CAPRIANO DEL COLLE. Provincia di Brescia COMUNE DI CAPRIANO DEL COLLE Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DI SALE PUBBLICHE DA GIOCO E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI E CONGEGNI AUTOMATICI, SEMIAUTOMATICI ED ELETTRONICI DA

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO. Provincia di Bologna

COMUNE DI MALALBERGO. Provincia di Bologna COMUNE DI MALALBERGO Provincia di Bologna REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 53 DELL 8 NOVEMBRE 2013

Dettagli

Articolo 1 AMBITO DI APPLICAZIONE OGGETTO. Articolo 2 REQUISITI

Articolo 1 AMBITO DI APPLICAZIONE OGGETTO. Articolo 2 REQUISITI CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIO- NE DI ALIMENTI E BEVANDE NEGLI SPACCI ANNESSI A CIRCOLI COOPERATIVI E DEGLI ENTI A CARATTERE NAZIONALE LE CUI FINALITA ASSISTENZIALI SONO RICONO- SCIUTE

Dettagli

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale.

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Norme per l esercizio delle attività di vendita al dettaglio in sede fissa. Decreto legislativo 31 marzo

Dettagli

Regolamento Comunale per la disciplina delle Sale Giochi e degli apparecchi da gioco

Regolamento Comunale per la disciplina delle Sale Giochi e degli apparecchi da gioco COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa Sportelli Unici Integrati del Comprensorio Regolamento Comunale per la disciplina delle Sale Giochi e degli apparecchi da gioco Approvato con Deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI COMUNE DI PONTE LAMBRO Via Roma n. 23 22037 Ponte Lambro (Co) C.F. / P.I. 00601450133 tel. 031 / 623240 fax 031 / 622491 www.comune.pontelambro.co.it UFFICIO COMMERCIO Posta elettronica: protocollo@comune.pontelambro.co.it

Dettagli

COMUNE DI VILLATA Provincia di Vercelli

COMUNE DI VILLATA Provincia di Vercelli COMUNE DI VILLATA Provincia di Vercelli Approvato con deliberazione consiliare n. 25 del 25 novembre 2002 Ripubblicato dal 05.04.2003 al 19.04.2003 INDICE - SOMMARIO Art. 1 - Premessa Art. 2 - Autorizzazione

Dettagli

COMUNE DI GABICCE MARE Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI GABICCE MARE Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI GABICCE MARE Provincia di Pesaro e Urbino CRITERI E PROCEDURE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER LA SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE. Approvati con Delibera di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI BARBIERE E DI PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA INDICE

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI BARBIERE E DI PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA INDICE Approvato con deliberazione di C.C. n. 5 del 30.01.2004 Modificato con deliberazione di C.C. n. 80 del 29.11.2004 REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI BARBIERE E DI PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA

Dettagli

COMUNE DI VALENTANO. Provincia di Viterbo REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO

COMUNE DI VALENTANO. Provincia di Viterbo REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO COMUNE DI VALENTANO Provincia di Viterbo REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 16 del 05.08.2014 INDICE

Dettagli

IN MATERIA DI RILASCIO DI

IN MATERIA DI RILASCIO DI COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis REGOLAMENTO IN MATERIA DI RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE PER LA SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE (APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 168 DEL 02.12.2003)

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER APERTURA DI SALA GIOCHI (Art. 49 - L. 122/2010 - articoli 86-88 e 110 del T.U.L.P.S.

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER APERTURA DI SALA GIOCHI (Art. 49 - L. 122/2010 - articoli 86-88 e 110 del T.U.L.P.S. da presentare in duplice copia SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER APERTURA DI SALA GIOCHI (Art. 49 - L. 122/2010 - articoli 86-88 e 110 del T.U.L.P.S.) Al COMUNE di VILLANOVA D ASTI (AT) Il

Dettagli

LE SANZIONI E I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI PREVISTI DAL D. LGS. N. 114 DEL 1998 IN MATERIA DI COMMERCIO

LE SANZIONI E I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI PREVISTI DAL D. LGS. N. 114 DEL 1998 IN MATERIA DI COMMERCIO LE SANZIONI E I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI PREVISTI DAL D. LGS. N. 114 DEL 1998 IN MATERIA DI COMMERCIO di Claudio Venturi Sommario: 1. Premessa. 2. Le sanzioni per il commercio all ingrosso e al dettaglio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L'INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L'INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L'INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO Approvato ed allegato alla Deliberazione Consiliare n 12 del 27.04.2012 1 INDICE TITOLO I Norme generali pag. 3 Art. 1 Oggetto

Dettagli

&RPXQHGL$YHOOLQR5HJRODPHQWRSHUOHDXWRUL]]D]LRQLGLSXEEOLFLHVHUFL]L

&RPXQHGL$YHOOLQR5HJRODPHQWRSHUOHDXWRUL]]D]LRQLGLSXEEOLFLHVHUFL]L &RPXQHGL$YHOOLQR5HJRODPHQWRSHUOHDXWRUL]]D]LRQLGLSXEEOLFLHVHUFL]L $33529$72&21'(/,%(5$=,21(&216,/,$5(1 $UWLFROR3ULQFLSL*HQHUDOL 1. Il presente regolamento è ispirato all'applicazione dei principi in linea

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Legge Regionale 26 luglio 2003, n. 14 Disciplina dell esercizio delle attività di somministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DELLE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DELLE SALE GIOCHI Comune di Rozzano Provincia di Milano Servizio Commercio REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DELLE SALE GIOCHI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 25 del 20.6.2011 Regolamento

Dettagli

COMUNE DI GANGI REGOLAMENTO

COMUNE DI GANGI REGOLAMENTO COMUNE DI GANGI (Provincia di Palermo) Part. I.V.A. 004759084 SETTORE TECNICO URBANISTICA - COMMERCIO ED ARTIGIANATO (Politiche di Gestione - Sviluppo del Territorio, dell Ambiente e dello Sviluppo Economico)

Dettagli

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006).

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). (Stralcio) Art. 1 (Omissis) 525. Il comma 6 dell articolo 110 del

Dettagli

P R E S C R I V E. COMUNE DI SOMMACAMPAGNA Provincia di Verona

P R E S C R I V E. COMUNE DI SOMMACAMPAGNA Provincia di Verona COMUNE DI SOMMACAMPAGNA Provincia di Verona REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INSTALLAZIONE APPARECCHI DA GIOCO NELLE SALE GIOCHI, ANCHE ITINERANTI, ED ALL'INTERNO DI PUBBLICI ESERCIZI DI

Dettagli

Comune di Rosà (VI) Allegato 1) C.C. n. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO

Comune di Rosà (VI) Allegato 1) C.C. n. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO Comune di Rosà (VI) Allegato 1) C.C. n. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento in attuazione di quanto disposto

Dettagli

COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER I PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI Approvato con delibera Consiglio Comunale

Dettagli

L ATTIVITA DI CONTROLLO DEI PUBBLICI ESERCIZI

L ATTIVITA DI CONTROLLO DEI PUBBLICI ESERCIZI L ATTIVITA DI CONTROLLO DEI PUBBLICI ESERCIZI Legge regionale n. 8/2013 esercizio abusivo dell attività di somministrazione di alimenti e bevande o aut.ne revocata/sopesa o senza requisiti morali: sanzione

Dettagli

COMUNE DI Settimo Milanese (Provincia di Milano) CRITERI COMUNALI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI E SALA SCOMMESSE

COMUNE DI Settimo Milanese (Provincia di Milano) CRITERI COMUNALI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI E SALA SCOMMESSE COMUNE DI Settimo Milanese (Provincia di Milano) CRITERI COMUNALI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI E SALA SCOMMESSE Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente provvedimento disciplina

Dettagli

SUPERFICIE UTILE DEL LOCALE

SUPERFICIE UTILE DEL LOCALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI SALA GIOCHI GIOCHI LECITI- APPARECCHI AUTOMATICI DI INTRATTENIMENTO E SVAGO Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 17 del 17.02.2011 INDICE Art.

Dettagli

Il/La sottoscritto nato/a a il e residente a in via n. codice fiscale

Il/La sottoscritto nato/a a il e residente a in via n. codice fiscale AL COMUNE DI VILLA GUARDIA UFFICIO COMMERCIO Oggetto: Denuncia, ai sensi delle legge 241/90, di inizio di attività per detenere e far funzionare in pubblico esercizio apparecchi e congegni automatici,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI - Articolo 1 - Principi generali - Articolo 2 - Definizioni - Articolo 3 - Apertura,trasferimento di sede e variazione

Dettagli

SOTTOSCRITT. Cognome Nome. Nato a Prov. Stato. Via/Piazza n. Comune CAP Prov. in qualità di: Tipo attività svolta: con sede nel Comune di CAP Prov.

SOTTOSCRITT. Cognome Nome. Nato a Prov. Stato. Via/Piazza n. Comune CAP Prov. in qualità di: Tipo attività svolta: con sede nel Comune di CAP Prov. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA art. 86 T.U.L.P.S. per installazione di APPARECCHI E CONGEGNI PER IL GIOCO LECITO Art. 110, comma 6, lett. a) e comma 7 del T.U.L.P.S. SOTTOSCRITT AL COMUNE

Dettagli

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA Provincia di CASERTA

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA Provincia di CASERTA AL COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA UFFICIO COMMERCIO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI E CONGEGNI DI CUI ALL ART. 110 COMMA 6 E 7 TULPS (Artt. 86 comma 3 R.D.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DEI CIRCHI EQUESTRI, DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI (Legge 18 marzo 1968, n.

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DEI CIRCHI EQUESTRI, DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI (Legge 18 marzo 1968, n. COMUNE DI FARA GERA D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DEI CIRCHI EQUESTRI, DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI (Legge 18 marzo 1968, n. 337) Approvato

Dettagli

Regolamento per il funzionamento delle sale giochi

Regolamento per il funzionamento delle sale giochi Regolamento per il funzionamento delle sale giochi L'esercizio dell'attività di Sala Giochi è soggetta ad autorizzazione rilasciata dal comune. L'istruttoria del comune al fine del rilascio dell'autorizzazione

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA' GIOCHI LECITI

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA' GIOCHI LECITI DENUNCIA INIZIO ATTIVITA' GIOCHI LECITI AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI TORTONA Oggetto: Denuncia inizio attivitá per INSTALLAZIONE di: Il sottoscritto apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA AL COMUNE DI PORTOGRUARO UFFICIO ATTIVITÀ PRODUTTIVE e SUAP P.zza della Repubblica n. 1 30026 Portogruaro (VE) SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO

Dettagli

SOTTOSCRITT. Cognome Nome. Nato a Prov. Stato. Via/Piazza n. Comune CAP Prov. in qualità di: Tipo attività svolta: con sede nel Comune di CAP Prov.

SOTTOSCRITT. Cognome Nome. Nato a Prov. Stato. Via/Piazza n. Comune CAP Prov. in qualità di: Tipo attività svolta: con sede nel Comune di CAP Prov. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI SALA GIOCHI Art. 86 T.U.L.P.S. Codice Attività Economiche approvato con atto di C.C. n. 135 del 21/12/2011 - art.66 SOTTOSCRITT AL COMUNE DI CESENA Settore

Dettagli

COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (Provincia Regionale di Trapani)

COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (Provincia Regionale di Trapani) ALL.1 COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (Provincia Regionale di Trapani) REGOLAMENTO COMUNALE DELLE SALE GIOCHI APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 51 DEL 16/06/09 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 DEFINIZIONI

Dettagli

COMUNE DI BOSCO MARENGO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO

COMUNE DI BOSCO MARENGO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO COMUNE DI BOSCO MARENGO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO Approvato con delibera di CC n. 34 del 27/09/2011 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 PRINCIPI

Dettagli

Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29.12. 2011

Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29.12. 2011 COMUNE DI DERUTA PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29.12. 2011 1 INDICE TITOLO

Dettagli

(PROVINCIA DI ROMA) MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE

(PROVINCIA DI ROMA) MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) Marca Bollo 16,00 AL S.U.A.P. Sportello Unico delle Attività Produttive del Comune di Fiumicino MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE

Dettagli

DIA SALA GIOCHI DICHIARA

DIA SALA GIOCHI DICHIARA DIA SALA GIOCHI AVVERTENZA PER IL DICHIARANTE L apertura di una nuova sala giochi può essere effettuata DECORSI ALMENO TRENTA GIORNI dalla data di presentazione della presente. La presente dichiarazione,

Dettagli

Al SIGNOR SINDACO del Comune di

Al SIGNOR SINDACO del Comune di Da presentare in doppia copia Prima di consegnare il modulo, munirsi di fotocopia da far timbrare per ricevuta dall Ufficio Protocollo e conservare per gli usi successivi Al SIGNOR SINDACO del Comune di.

Dettagli

COMUNE DI LEVANTO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DI SALE DA GIOCO

COMUNE DI LEVANTO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DI SALE DA GIOCO COMUNE DI LEVANTO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DI SALE DA GIOCO Approvato con Deliberazione di C.C. n. 13 del 29/03/2012 TITOLO I DEI PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ALLESTIMENTO E L ESERCIZIO DI CANTIERI EDILI

REGOLAMENTO PER L ALLESTIMENTO E L ESERCIZIO DI CANTIERI EDILI REGOLAMENTO PER L ALLESTIMENTO E L ESERCIZIO DI CANTIERI EDILI Approvato con deliberazione CC n. 25 del 19.04.2000 Modificato con deliberazione CC n. 20 del 5/04/2001 Modificato con deliberazione CC n.

Dettagli

Legge Regionale 15 giugno 2015 n. 14

Legge Regionale 15 giugno 2015 n. 14 Legge Regionale 15 giugno 2015 n. 14 Disposizioni in materia di prevenzione, contrasto e trattamento della dipendenza dal gioco d'azzardo patologico. Modificazioni alla legge regionale 29 marzo 2010, n.

Dettagli

MUNICIPIO DI CREMA SETTORE GESTIONE FINAZIARIA, TRIBUTARIA E COMMERCIALE. SERVIZIO COMMERCIO ORDINANZA n. 2010/00592 del 29/12/2010

MUNICIPIO DI CREMA SETTORE GESTIONE FINAZIARIA, TRIBUTARIA E COMMERCIALE. SERVIZIO COMMERCIO ORDINANZA n. 2010/00592 del 29/12/2010 MUNICIPIO DI CREMA SETTORE GESTIONE FINAZIARIA, TRIBUTARIA E COMMERCIALE SERVIZIO COMMERCIO ORDINANZA n. 2010/00592 del 29/12/2010 CRITERI PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI SALE GIOCHI

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI 1 INDICE GENERALE Art. 1- Obiettivi CAPO I DEFINIZIONI E DISPOSIZIONI GENERALI Art. 2- Definizioni Art. 3- Normativa di riferimento Art.

Dettagli

Somministrazione di alimenti e bevande

Somministrazione di alimenti e bevande Somministrazione di alimenti e bevande S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività AL COMUNE DI Cod. ISTAT...l... sottoscritt...: Cognome Nome C.F. Data di nascita / / Cittadinanza Sesso: M

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL NOLEGGIO CICLI, CICLOMOTORI A DUE E TRE RUOTE, MOTOCICLI E QUADRICICLI PER IL TRASPORTO DI PERSONE

REGOLAMENTO PER IL NOLEGGIO CICLI, CICLOMOTORI A DUE E TRE RUOTE, MOTOCICLI E QUADRICICLI PER IL TRASPORTO DI PERSONE REGOLAMENTO PER IL NOLEGGIO CICLI, CICLOMOTORI A DUE E TRE RUOTE, MOTOCICLI E QUADRICICLI PER IL TRASPORTO DI PERSONE Articolo 1 Dichiarazione inizio attività 1-L esercizio del noleggio di cicli, ciclomotori

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. POLITICHE ECONOMICHE REGOLAMENTO PER I GIOCHI LECITI

COMUNE DI PERUGIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. POLITICHE ECONOMICHE REGOLAMENTO PER I GIOCHI LECITI COMUNE DI PERUGIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. POLITICHE ECONOMICHE REGOLAMENTO PER I GIOCHI LECITI Approvato con atto del Consiglio Comunale n. 179 del 12.09.2005 SI

Dettagli

Comune di Villa guardia

Comune di Villa guardia Comune di Villa guardia UFFICIO COMMERCIO Informativa agli esercenti per l installazione di apparecchi e congegni per il gioco lecito. Con questo scritto l Ufficio intende fornire le informazioni essenziali

Dettagli

Art. 5 - Esercizi autorizzabili

Art. 5 - Esercizi autorizzabili COMUNE DI SORBOLO REGOLAMENTO PER SALE DA BIGLIARDO, SALE GIOCHI E PER INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO Approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 67 del 30.11.2000 modificato con deliberazione

Dettagli

APERTURA DI LOCALI PER L ESERCIZIO DI SALE GIOCHI (art. 86 T.U.L.P.S). NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE

APERTURA DI LOCALI PER L ESERCIZIO DI SALE GIOCHI (art. 86 T.U.L.P.S). NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE APERTURA DI LOCALI PER L ESERCIZIO DI SALE GIOCHI (art. 86 T.U.L.P.S). NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE Il rilascio della licenza per l apertura di una sala giochi è subordinato ad un procedimento così distinto:

Dettagli