L ATTIVITA DI CONTROLLO DEI PUBBLICI ESERCIZI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ATTIVITA DI CONTROLLO DEI PUBBLICI ESERCIZI"

Transcript

1 L ATTIVITA DI CONTROLLO DEI PUBBLICI ESERCIZI

2 Legge regionale n. 8/2013 esercizio abusivo dell attività di somministrazione di alimenti e bevande o aut.ne revocata/sopesa o senza requisiti morali: sanzione amm.va pecuniaria da 2.500,00 a ,00

3 per ogni altra violazione sanzione amm.va pecuniaria da 500,00 a 2.700,00 violazione obbligo di formazione sanzione amm.va pecuniaria da 100,00 a 450,00

4 DOCUMENTI DA ESPORRE NEL P.E. Autorizzazione amministrativa: mancata esposizione prevede ai sensi dell art. 180 R.D. n. 635/40 sanzione amm.va da 154,00 a 1.032,00 ( 308,00) sanzione accessoria:eventuale sospensione attività per max 3 mesi Licenza giochi leciti: di cui all art. 86 R.D. 773/1931.Se svolgimento giochi alle carte senza licenza: sanzione amm.va da 516,00 a 3.098,00 prevista dall art. 17/bis/1 comma del TULPS

5 Tabella giochi proibiti: ART. 110 R.D. 773/1931 e 195 del Regolamento. Deve essere esposta in luogo visibile in caso contrario sanzione penale:arresto sino a 2 mesi o ammenda fino a 103,00 (TULPS art.221) Ex Notifica Sanitaria: non vi è obbligo esposizione ma dev essere disponibile nel P.E. Prezzi: dei prodotti destinati alla vendita per asporto esposti e visibili al pubblico

6 Listino prezzi: art. 180 R.D. 635/40. Se non esposto: sanzione prevista da art. 221/bis/2 comma TULPS da 154,00 a 1.032,00. Orario: se mancata esposizione sanzione prevista dall articolo 221/bis/2 comma TULPS da 154,00 a 1.032,00.

7 Tariffa oraria sala da biliardo: se non esposta violazione penale prevista dall art. 17 e 110/1 comma TULPS: arresto sino a 3 mesi od ammenda sino a 206,00

8 Ingredienti prodotti di pasticceria: esposti vicino banco vendita Cartello divieto di fumare: in base a normativa regionale Riproduzione a stampa degli articoli del TULPS previsti dall art. 180, c. 2, del R.D. 635/40: esposta in luogo ben visibile sanzione amm.va da 154,00 a 1.032,00 (art. 221-bis, c. 2, TULPS)

9 SOMMINISTRAZIONE ALCOLICI A MINORI DI ANNI 16 O PERSONE IN MANIFESTE CONDIZIONI DI DEFICIENZA PSICHICA ART. 689 C.P. AUTORITA GIUDIZIARIA Arresto sino a 1 anno SOMMINISTRAZIONE ALCOLICI A PERSONE UBRIACHE ART. 691 C.P AUTORITA GIUDIZIARIA Arresto da 3 mesi sino a 1 anno

10 P.E. DOVE SONO AVVENUTI GRAVI DISORDINI O RITROVO ABITUALE DI PERSONE PREGIUDICATE O PERICOLOSE ART. 100 TULPS QUESTORE

11 ATTIVITA ACCESSORIE PER CUI NECESSITA AUT.NE DI PUBBLICO SPETTACOLO + AGIBILITA C.C.V. TRATTENIMENTI DANZANTI PAY-TV CON ALLESTIMENTO DI SALE STRUTTURE APPOSITE + PAGAMENTO BIGLIETTO/ MAGGIORAZIONE PREZZI CONCERTI / ARTE VARIA CON TRASFORMAZIONE ANCHE TEMPORANEA DEL LOCALE (PEDANE, ALLESTIMENTI SCENICI, SEDIE O TRIBUNE)

12 ATTIVITA ACCESSORIE PER CUI NECESSITA SOLO AUTORIZZAZIONE DI PUBBLICO SPETTACOLO CONCERTI / ARTE VARIA SENZA TRASFORMAZIONE LOCALE PAY-TV IN CASO DI AUMENTO DI PREZZO O PAGAMENTO BIGLIETTO INGRESSO MA SENZA TRASFORMAZIONE LOCALE

13 TRATTENIMENTI/SPETTACOLI SENZA AGIBILITA C.C.V. (ART. 80 TULPS) E LICENZA DI SPETTACOLO (68 o 69 TULPS) Mancato rispetto delle prescrizioni dettate dalla C.C.V.: DENUNCIA ALL A.G (681 C.P.) Arresto sino a 6 mesi Ammenda non inf. a 103,00 CASI GRAVI E REITERATI AUSILIO TECNICO VV.FF. SEQUESTRO PENALE (321 E 354 C.P.P.) VERBALE da 258,00 a 1.549,00 P.M.R. non ammesso (666 C.P., modif. dall art. 49 d.lgs. 507/99 ) RELAZIONE DI SERVIZIO E INVIO VERBALE Reiterazione della violazione od aut.ne revocata, Sospesa o negata: SOSPENSIONE NON SUP. A 7 GG.

14 SORVEGLIABILITA DEI PUBBLICI ESERCIZI

15 NORMATIVA D.M. 564/92 criteri di sorvegliabilità D.M. 534/94 - sorvegliabilità esterna; - caratteristiche delle vie di accesso; - sorvegliabilità interna; - sorvegliabilità interna nei circoli privati con somministrazione

16 SORVEGLIABILITA ESTERNA I locali e le aree adibite, anche solo temporaneamente o per attività stagionali devono essere dotati di vie d accesso e/o uscita tali da consentire la sorvegliabilità alle autorità competenti Non possono essere utilizzate per accedere ad abitazioni private

17 Da ciò deriva che tutte le entrate di un pubblico esercizio devono consentire l accesso diretto dalla strada e se i locali sono posizionati a livello superiore rispetto alla strada possono essere prescritti idonei sistemi di illuminazione e segnalazione degli accessi. E ammesso comunque, che per recarsi all ingresso del locale si debba attraversare giardini, corridoio, pubblici o privati, l importante è che siano accessibili a tutti.

18 CARATTERISTICHE DELLE VIE DI ACCESSO La porta d accesso ai locali deve essere strutturata in modo tale da consentire l apertura dall esterno in qualsiasi momento. L apertura deve essere azionabile dall esterno del pubblico esercizio: questo perchè il legislatore ha voluto consentire l ingresso delle forze dell ordine in tali locali, in qualsiasi momento, senza alcun ostacolo o ritardo.

19 Durante l orario di apertura del locale vige il divieto assoluto di posizionare ostacoli che creino problemi nell ingresso e nell uscita dal locale medesimo. La porta si potrà aprire sia verso l esterno che verso l interno, l importante che garantisca la sicurezza di coloro che entrano ed escono dal locale

20 SORVEGLIABILITA INTERNA Per sorvegliabilità interna si intende il divieto di posizionare chiusure e/o serrature ai locali interni al pubblico esercizio, aperti al pubblico (con eccezione dei servizi igienici) in modo da impedire l accesso immediato. Se vi sono locali interni non aperti al pubblico, devono essere segnalati al momento della richiesta dell autorizzazione per l attività di somministrazione, ma in nessun caso può essere impedito l accesso alle forze dell ordine.

21 Tutte le vie d uscita ed i vani interni all esercizio devono essere segnalati da targhe o sistemi idonei visivi anche luminosi. Viene meno la sorvegliabilità dei locali: - revoca dell autorizzazione preceduta da un provvedimento di sospensione dell attività per una durata non inferiore a tre giorni e non superiore a novanta giorni, termine entro il quale il titolare può ripristinare i requisiti mancanti

22 Decadenza dell autorizzazione per grave e reiterata violazione. La reiterazione si verifica qualora sia stata commessa la stessa violazione per due volte in un periodo di dodici mesi

23 L INQUINAMENTO ACUSTICO DERIVANTE DA LOCALI PUBBLICI: DISTURBO OGGETTIVO: TUTELA PENALE (art. 659 C.P. comma 1 o 2) IL TITOLARE DEL P.E. E RESPONSABILE PER DISTURBO CREATO FUORI DEL LOCALE ACCERTAMENTO FONOMETRICO POSITIVO (DPCM ): TUTELA AMMINISTRATIVA (L. 447/95, art. 10/2 516,00 a 5.164,00)

24 ACCERTAMENTI REATO 659 C.P. SCALETTA OPERATIVA IDENTIFICARE E ASSUMERE A S.I.T. PERSONE LESE NEL RIPOSO CIRCA FREQUENZA, DURATA, TIPOLOGIA SPECIFICITA RUMORI ACQUISIRE RICHIESTE INTERVENTO, ESPOSTI, DENUNCE A P.L., PS, CC ACCERTARE PRESSO IL SETTORE PREPOSTO SE RISULTANO ORDINANZE A CARICO P.E.

25 SOPRALLUOGO PRESSO P.E. ED ABITAZIONE RECLAMANTE PER DESCRIVERE QUALITA, QUANTITA E FONTE RUMORE INDIVIDUARE RESPONSABILE PRO-TEMPORE GESTIONE P.E. Caterina Buffardeci

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER SALA GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER SALA GIOCHI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER SALA GIOCHI Approvato con deliberazione consiliare n. 41 del 28/07/2011 Pubblicato all albo pretorio dal 08 al 22 agosto 2011 Art. 1 AMBITO

Dettagli

DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO E GIOCO

DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO E GIOCO COMUNE DI SAREZZO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Commercio tel. 030/802021 DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO

Dettagli

DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con deliberazione di G.M. n. 122 dell 1/6/2012 INDICE GENERALE CAPO I DEFINIZIONI E DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Definizioni Art. 2 Ambito

Dettagli

COMUNE DI TRESANA. Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

COMUNE DI TRESANA. Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI COMUNE DI TRESANA Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con deliberazione del C.C. n. 3 del 14.01.2012 INDICE TITOLO I NORME GENERALI Art. 1 - Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO SALA GIOCHI

REGOLAMENTO SALA GIOCHI REGOLAMENTO SALA GIOCHI APPROVATO CON D.C. N. 1 DEL 31.1.2011 Art. 1 DEFINIZIONE Art. 2 CARATTERISTICHE DEI LOCALI Art. 3 CARATTERISTICHE E NUMERO DEI GIOCHI Art. 4 ESERCIZI AUTORIZZABILI Art. 5 REQUISITI

Dettagli

Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco

Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 29 del 08.07.2008 In vigore dal 17.09.2008 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

REGOLAMENTO. Comune di Follonica. per l'apertura e la gestione di sale giochi. Delibera del Consiglio Comunale n. 79 del 26 novembre 2007

REGOLAMENTO. Comune di Follonica. per l'apertura e la gestione di sale giochi. Delibera del Consiglio Comunale n. 79 del 26 novembre 2007 Comune di Follonica per l'apertura e la gestione di sale giochi Delibera del Consiglio Comunale n. 79 del 26 novembre 2007 REGOLAMENTO INDICE SOMMARIO Articolo 1 Definizioni 1 Articolo 2 Ambito di applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Legge Regionale 26 luglio 2003, n. 14 Disciplina dell esercizio delle attività di somministrazione

Dettagli

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APERTURA E L ESERCIZIO DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI O CONGEGNI DA TRATTENIMENTO Approvato con delibera consiliare n. 4 del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con Deliberazione C.C. n. 38 del 18.06.2007 1 INDICE GENERALE Art. 1 - Definizioni Art. 2 Ambito di applicazione Art. 3 - Principi

Dettagli

Comune di Trevignano Romano

Comune di Trevignano Romano Comune di Trevignano Romano (Prov. di Roma) REGOLAMENTO IN MATERIA DI FUNZIONAMENTO E RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER SALE GIOCHI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 51 del 13.10.2009 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE N. 82 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE N. 82 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI COMUNE DI CASTEL DEL PIANO Provincia di Grosseto Via G. Marconi, 9 Tel. 0564 973511 Fax 0564 957155 SERVIZIO 1 - AMMINISTRATIVO http: www.comune.casteldelpiano.gr.it REGOLAMENTO COMUNALE N. 82 REGOLAMENTO

Dettagli

Art. 1 - Definizioni Art. 2 Ambito di applicazione Art. 3 Principi generali

Art. 1 - Definizioni Art. 2 Ambito di applicazione Art. 3 Principi generali Regolamento Regolamento comunale per l apertura e la gestione di sale giochi (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 17 dell 11/06/2007) (Modificato con delibera del Consiglio Comunale n. 25

Dettagli

C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI

C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI Approvato con delibera di C.C. n. 27 del 28/11/2012 I N D I C

Dettagli

COMUNE DI STAFFOLO. SEGNALAZIONE di INIZIO ATTIVITA per l attività di Pubblico spettacolo / Trattenimento

COMUNE DI STAFFOLO. SEGNALAZIONE di INIZIO ATTIVITA per l attività di Pubblico spettacolo / Trattenimento COMUNE DI STAFFOLO SEGNALAZIONE di INIZIO ATTIVITA per l attività di Pubblico spettacolo / Trattenimento Data di Protocollo SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ai sensi degli articoli 68, 69 e

Dettagli

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Comune di Pesaro Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 61 del 3.6.2010 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2-Ambito di applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO (approvato con delibera Consiglio Comunale n. 50/2008 del 23/12/2008 Visto l'art. 117 c. VI della

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MANIFESTAZIONE TEMPORANEA - art. 68 T.U.L.P.S.

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MANIFESTAZIONE TEMPORANEA - art. 68 T.U.L.P.S. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MANIFESTAZIONE TEMPORANEA - art. 68 T.U.L.P.S. Al COMUNE di CAPURSO Largo S. Francesco 22 SERVIZIO S.U.A.P. Il sottoscritto nato a il residente a Via n. Tel

Dettagli

COMUNE DI VEROLENGO NORME E DIRETTIVE PER L ATTIVITA DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI

COMUNE DI VEROLENGO NORME E DIRETTIVE PER L ATTIVITA DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI COMUNE DI VEROLENGO Via Rimembranza, 4 CAP 10038 P R O V I N C I A D I T O R I N O Tel. 011.91.49.102 / 011.91.49.135 Fax 011.91.49.397 Cod. Fisc. 82500370018 P.I. 01716930019 NORME E DIRETTIVE PER L ATTIVITA

Dettagli

Traccia 1. 2. Chi conferisce la qualità di agente di pubblica sicurezza a norma della Legge 65/1986?

Traccia 1. 2. Chi conferisce la qualità di agente di pubblica sicurezza a norma della Legge 65/1986? Traccia 1 1. Il Sindaco ha competenza in materia di ordine e sicurezza pubblica? A) No; B) Si, ma solo nei Comuni con meno di 1.000 abitanti; C) Si: 2. Chi conferisce la qualità di agente di pubblica sicurezza

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Comune di Spresiano (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO - Delibera C.C. n 19 del 29.05.2007: Approvazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12. REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12.2008 INDICE TITOLO I - PRINCIPI GENERALI pag. 1 Art. 1 DEFINIZIONI pag. 1

Dettagli

CITTA DI PORTO TORRES Provincia di Sassari

CITTA DI PORTO TORRES Provincia di Sassari CITTA DI PORTO TORRES Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNALE ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE NEI CIRCOLI PRIVATI DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N 52 DEL 17/07/2007 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Oggetto: Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco. IL CONSIGLIO COMUNALE

Oggetto: Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco. IL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco. IL CONSIGLIO COMUNALE Vista la relazione del Direttore del Settore dei Servizi Istituzionali e comunicazioni che è parte integrante del presente

Dettagli

Ecco come è regolato l accesso delle Forze di Polizia (non Locali) nei Circoli privati dopo l abrogazione apportate dal DL 5/2012

Ecco come è regolato l accesso delle Forze di Polizia (non Locali) nei Circoli privati dopo l abrogazione apportate dal DL 5/2012 Ecco come è regolato l accesso delle Forze di Polizia (non Locali) nei Circoli privati dopo l abrogazione apportate dal DL 5/2012 Dott. Claudio Malavasi * Premesso che dopo l entrata in vigore del D.L.

Dettagli

RICHIESTA DI RILASCIO AUTORIZZAZIONE ALL APERTURA DI PUBBLICO ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE

RICHIESTA DI RILASCIO AUTORIZZAZIONE ALL APERTURA DI PUBBLICO ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE COMUNE DI COMACCHIO Settore VIII Servizio Commercio MARCA DA BOLLO 14,62 AL SINDACO DEL COMUNE DI COMACCHIO RICHIESTA DI RILASCIO AUTORIZZAZIONE ALL APERTURA DI PUBBLICO ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI

Dettagli

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA Provincia di CASERTA

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA Provincia di CASERTA AL COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA UFFICIO COMMERCIO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI E CONGEGNI DI CUI ALL ART. 110 COMMA 6 E 7 TULPS (Artt. 86 comma 3 R.D.

Dettagli

VADEMECUM DEI PRINCIPALI OBBLIGHI per i PUBBLICI ESERCIZI. a cura della Direzione di Ascom Vittorio Veneto

VADEMECUM DEI PRINCIPALI OBBLIGHI per i PUBBLICI ESERCIZI. a cura della Direzione di Ascom Vittorio Veneto VADEMECUM DEI PRINCIPALI OBBLIGHI per i PUBBLICI ESERCIZI a cura della Direzione di Ascom Vittorio Veneto Il presente Vademecum, realizzato a cura della Direzione di Ascom Vittorio Veneto, rappresenta

Dettagli

Il sottoscritto nato a il nazionalità residente a Via Codice fiscale Tel. (barrare la casella che interessa)

Il sottoscritto nato a il nazionalità residente a Via Codice fiscale Tel. (barrare la casella che interessa) ALLO SPORTELLO UNICO DEL COMUNE DI marca da bollo Domanda di AUTORIZZAZIONE AMMINISTRATIVA ALL APERTURA DI ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Art. 7 comma 1 Legge Regionale n. 14 del 26.7.2003

Dettagli

COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO DELLE SALE DA GIOCO

COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO DELLE SALE DA GIOCO COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO DELLE SALE DA GIOCO ART. 1 Disposizioni generali L esercizio di una sala pubblica per biliardi o per altri giochi leciti, in seguito definita convenzionalmente

Dettagli

Allegato A. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI Approvato con delibera C.C. n 19 del 30/04/2010

Allegato A. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI Approvato con delibera C.C. n 19 del 30/04/2010 Allegato A REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI Approvato con delibera C.C. n 19 del 30/04/2010 Art. 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende per: - TULPS: il Testo

Dettagli

REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO

REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO CITTÀ DI BORGOMANERO PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO APPROVATO CON ATTO C.C. N. 38 DEL 07/07/2008 Il presente Regolamento è entrato in vigore il 07/07/2008 INDICE Art. 1 Definizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

REGOLAMENTO PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI COMUNE DI ASSO Prov. di Como REGOLAMENTO PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 29.09.2010 IL PRESENTE REGOLAMENTO: è stato deliberato dal

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE Il sottoscritto, Cognome: Nome: 1. Dati azienda e rappresentate

Dettagli

COMUNE DI BOSCO MARENGO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO

COMUNE DI BOSCO MARENGO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO COMUNE DI BOSCO MARENGO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO Approvato con delibera di CC n. 34 del 27/09/2011 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 PRINCIPI

Dettagli

COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO

COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO INDICE TITOLO I - PRESCRIZIONI GENERALI Art 1 Definizione e ambito di applicazione Art 2 Licenza amministrativa Art 3 Requisiti

Dettagli

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione OGGETTO: CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 134 Operativa Attività Produttive. D.lgs 11 Aprile 2011 n. 54 recante Attuazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO DELLE SALE GIOCHI.

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO DELLE SALE GIOCHI. COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO DELLE SALE GIOCHI. approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 15 del 26 febbraio

Dettagli

COMUNE DI CAPRIANO DEL COLLE. Provincia di Brescia

COMUNE DI CAPRIANO DEL COLLE. Provincia di Brescia COMUNE DI CAPRIANO DEL COLLE Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DI SALE PUBBLICHE DA GIOCO E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI E CONGEGNI AUTOMATICI, SEMIAUTOMATICI ED ELETTRONICI DA

Dettagli

A TAL FINE IL SOTTOSCRITTO DICHIARA

A TAL FINE IL SOTTOSCRITTO DICHIARA COMUNE DI COMACCHIO Settore IV Servizio Attività Produttive AL SINDACO DEL COMUNE DI COMACCHIO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TEMPORANEA DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE IN OCCASIONE

Dettagli

BAR- RISTORANTI- CIRCOLI- ALBERGHI- AGENZIE DI SCOMMESSE- ESERCIZI DI RACCOLTA SCOMMESSE

BAR- RISTORANTI- CIRCOLI- ALBERGHI- AGENZIE DI SCOMMESSE- ESERCIZI DI RACCOLTA SCOMMESSE BAR- RISTORANTI- CIRCOLI- ALBERGHI- AGENZIE DI SCOMMESSE- ESERCIZI DI RACCOLTA SCOMMESSE Timbro ufficiale (spazio riservato all ufficio) Al Signor SINDACO Servizio Polizia Amministrativa SALICE SALENTINO

Dettagli

(PROVINCIA DI ROMA) MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE

(PROVINCIA DI ROMA) MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) Marca Bollo 16,00 AL S.U.A.P. Sportello Unico delle Attività Produttive del Comune di Fiumicino MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLAPERTURA E DELLA GESTIONE DELLE SALE GIOCO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLAPERTURA E DELLA GESTIONE DELLE SALE GIOCO CITTA DI BISCEGLIE Provincia di Barletta Andria Trani CODICE POSTALE 70052 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLAPERTURA E DELLA GESTIONE DELLE SALE GIOCO (APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

Comune di Oggiono Provincia di Lecco

Comune di Oggiono Provincia di Lecco Comune di Oggiono Provincia di Lecco Regolamento per la disciplina delle sale da gioco lecito. (Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 23 del 14.03.2011) INDICE Titolo I Disposizioni generali

Dettagli

COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA (Provincia di Verona)

COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA (Provincia di Verona) COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA (Provincia di Verona) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 86 del 27.12.2012 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA MUSICALI IN PUBBLICI ESERCIZI,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN OCCASIONE DI SAGRE, FIERE, FESTE, MERCATI O ALTRE RIUNIONI STRAORDINARIE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN OCCASIONE DI SAGRE, FIERE, FESTE, MERCATI O ALTRE RIUNIONI STRAORDINARIE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN OCCASIONE DI SAGRE, FIERE, FESTE, MERCATI O ALTRE RIUNIONI STRAORDINARIE APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N 13 DEL 31.05.2012

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Legge regionale 26 luglio 2003, n. 14 Disciplina dell esercizio delle attività di somministrazione di alimenti e bevande

Dettagli

Comune di Fiorano Modenese Provincia di Modena

Comune di Fiorano Modenese Provincia di Modena Comune di Fiorano Modenese Provincia di Modena REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO, SALE BILIARDO, SALE GIOCHI, SALE BINGO ED AGENZIE DI SCOMMESSE Regolamento

Dettagli

L' I N I Z I O A T T I V I T A'

L' I N I Z I O A T T I V I T A' COMUNE DI RICCIONE Attività Produttive Polizia Amministrativa AL COMUNE DI RICCIONE SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.2011) 1 INDICE TITOLO I - Norme generali Art. 1 - Oggetto ed ambito

Dettagli

il/i giorno/i/periodo, dalle ore alle ore consistente in (allegare programma oppure descrivere dettagliatamente nello spazio di seguito

il/i giorno/i/periodo, dalle ore alle ore consistente in (allegare programma oppure descrivere dettagliatamente nello spazio di seguito COMUNE DI GALLIATE C.A.P. 28066 PROVINCIA DI NOVARA Piazza Martiri della Libertà, 24 Tel. 0321/800700 Fax 0321/800725 Sito internet:www.comune.galliate.no.it SETTORE POLIZIA LOCALE Piazza Vittorio Veneto,

Dettagli

Regolamento per la disciplina dell' attività di sala giochi e per l installazione di apparecchi da gioco INDICE

Regolamento per la disciplina dell' attività di sala giochi e per l installazione di apparecchi da gioco INDICE Regolamento per la disciplina dell' attività di sala giochi e per l installazione di apparecchi da gioco INDICE Art. 1 Disposizioni generali e definizione di sala giochi Art. 2 Sale giochi e pubblici esercizi

Dettagli

C O M U N E D I A S C I A N O PROVINCIA DI SIENA U.O. SERVIZI AL CITTADINO

C O M U N E D I A S C I A N O PROVINCIA DI SIENA U.O. SERVIZI AL CITTADINO C O M U N E D I A S C I A N O PROVINCIA DI SIENA U.O. SERVIZI AL CITTADINO Tel 0577-714509 Fax 0577-719517 Domanda di autorizzazione allo svolgimento di pubblico spettacolo/manifestazioni a carattere temporaneo

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE PRESSO CIRCOLI PRIVATI VARIAZIONI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE PRESSO CIRCOLI PRIVATI VARIAZIONI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE PRESSO CIRCOLI PRIVATI VARIAZIONI SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI PERUGIA AREA GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO U.O. SERVIZI ALLE

Dettagli

DENUNCIA L INIZIO DELL ATTITA Ai sensi dell art.19 della Legge n 241/90

DENUNCIA L INIZIO DELL ATTITA Ai sensi dell art.19 della Legge n 241/90 AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI Oggetto: Denuncia di Manifestazione occasionale di pubblico spettacolo / somministrazione temporanea di alimenti e bevande in occasione di festa, fiera, sagra, altra manifestazione

Dettagli

Segnalazione Certificata di inizio attività

Segnalazione Certificata di inizio attività 0Spett.le COMUNE DI SAN MARCELLO PISTOIESE Servizi Culturali e Turistici 51028 SAN MARCELLO Pistoiese OGGETTO: SCIA per attività di pubblico spettacolo ed intrattenimento art. 68, 69 e 80 TULPS. Il sottoscritto,

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

SOTTOSCRITT. Cognome Nome. Nato a Prov. Stato. Via/Piazza n. Comune CAP Prov. in qualità di: Tipo attività svolta: con sede nel Comune di CAP Prov.

SOTTOSCRITT. Cognome Nome. Nato a Prov. Stato. Via/Piazza n. Comune CAP Prov. in qualità di: Tipo attività svolta: con sede nel Comune di CAP Prov. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA art. 86 T.U.L.P.S. per installazione di APPARECCHI E CONGEGNI PER IL GIOCO LECITO Art. 110, comma 6, lett. a) e comma 7 del T.U.L.P.S. SOTTOSCRITT AL COMUNE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3.

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3. REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3.2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI

Dettagli

MANIFESTAZIONI:AUTORIZZAZIONI PUBBLICO SPETTACOLO O INTRATTENIMENTO A CARATTERE TEMPORANEO

MANIFESTAZIONI:AUTORIZZAZIONI PUBBLICO SPETTACOLO O INTRATTENIMENTO A CARATTERE TEMPORANEO MANIFESTAZIONI:AUTORIZZAZIONI PUBBLICO SPETTACOLO O INTRATTENIMENTO A CARATTERE TEMPORANEO Lo svolgimento di pubblici spettacoli e manifestazioni a carattere temporaneo è soggetto ad autorizzazione del

Dettagli

COMUNE DI VALENTANO. Provincia di Viterbo REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO

COMUNE DI VALENTANO. Provincia di Viterbo REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO COMUNE DI VALENTANO Provincia di Viterbo REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 16 del 05.08.2014 INDICE

Dettagli

Comune di Villa guardia

Comune di Villa guardia Comune di Villa guardia UFFICIO COMMERCIO Informativa agli esercenti per l installazione di apparecchi e congegni per il gioco lecito. Con questo scritto l Ufficio intende fornire le informazioni essenziali

Dettagli

COMUNE DI LOANO Provincia di Savona

COMUNE DI LOANO Provincia di Savona COMUNE DI LOANO Provincia di Savona REGOLAMENTO COMUNALE PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN OCCASIONE DI SAGRE, FIERE, FESTE, MERCATI O ALTRE RIUNIONI STRAORDINARIE APPROVATO CON DELIBERA

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 (Agg 11/2010) AVVIO ATTIVITÀ NON SOGGETTE A PROGRAMMAZIONE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Al Comune di Ai sensi del

Dettagli

Comune di Thiene CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE E NORME PROCEDURALI

Comune di Thiene CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE E NORME PROCEDURALI Comune di Thiene CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE E NORME PROCEDURALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 43, del 13/12/2012 Articolo 1 Obiettivi

Dettagli

AL COMUNE DI MARANO SUL PANARO Piazza Matteotti, 17 41054 MARANO SUL PANARO

AL COMUNE DI MARANO SUL PANARO Piazza Matteotti, 17 41054 MARANO SUL PANARO Contrassegno telematico comprovante il pagamento dell imposta di bollo MODELLO PER LO SVOLGIMENTO TEMPORANEO DI SAGRE, FIERE, FESTE O ALTRE MANIFESTAZIONI da parte di PRIVATI (contrassegnare con una crocetta):

Dettagli

Per il rilascio dell autorizzazione e delle eventuali proroghe è necessario rivolgersi al Servizio Pubblici Spettacoli Licenze e Attività Ricettive.

Per il rilascio dell autorizzazione e delle eventuali proroghe è necessario rivolgersi al Servizio Pubblici Spettacoli Licenze e Attività Ricettive. - Ufficio competente Per il rilascio dell autorizzazione e delle eventuali proroghe è necessario rivolgersi al Servizio Pubblici Spettacoli Licenze e Attività Ricettive. - Descrizione Per manifestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DI LICENZE PER SALE GIOCHI

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DI LICENZE PER SALE GIOCHI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DI LICENZE PER SALE GIOCHI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DI LICENZE PER SALE GIOCHI Art. 1 DEFINIZIONE E sala gioco l esercizio pubblico con biliardi e/o altri giochi leciti,

Dettagli

AREA PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA SERVIZIO COMMERCIO. Redatto a cura del Servizio Commercio

AREA PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA SERVIZIO COMMERCIO. Redatto a cura del Servizio Commercio AREA PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA SERVIZIO COMMERCIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO DI SALE GIOCO AVENTI COME ATTIVITA PRINCIPALE LA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA SALUTE CONTRO I DANNI DERIVANTI DAL FUMO NORME DI RIFERIMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA SALUTE CONTRO I DANNI DERIVANTI DAL FUMO NORME DI RIFERIMENTO COMUNE di LARI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA SALUTE CONTRO I DANNI DERIVANTI DAL FUMO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 02/04/2009 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA

Dettagli

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006).

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). (Stralcio) Art. 1 (Omissis) 525. Il comma 6 dell articolo 110 del

Dettagli

PRIVACY-VIDEOSORVEGLIANZA

PRIVACY-VIDEOSORVEGLIANZA Circolare n. 1/08 del 20 novembre 2008* PRIVACY-VIDEOSORVEGLIANZA Riferimenti normativi La forma di sorveglianza legata all utilizzo di sistemi di ripresa delle immagini, definita videosorveglianza, è

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA AL COMUNE DI PORTOGRUARO UFFICIO ATTIVITÀ PRODUTTIVE e SUAP P.zza della Repubblica n. 1 30026 Portogruaro (VE) SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO DI MANIFESTAZIONI OCCASIONALI DI PUBBLICO SPETTACOLO O TRATTENIMENTO ALL APERTO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO DI MANIFESTAZIONI OCCASIONALI DI PUBBLICO SPETTACOLO O TRATTENIMENTO ALL APERTO COMUNE DI MONTE SAN SAVINO Corso Sangallo 38 52048 Monte San Savino Telefono: 0575 8177220 Fax: 0575 843076 Web: www.citymonte.it E-mail: commercio@citymonte.it C.F. e P.I. 00272160516 REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E LA DISCIPLINA DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI

COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E LA DISCIPLINA DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E LA DISCIPLINA DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI Delibera del Consiglio Comunale n 1 del 09.01.2012 INDICE Art. 1 DEFINIZIONE e AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI

Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI Facendo seguito alla informativa trasmessa dalla scrivente Direzione

Dettagli

1. Dati generali dell intervento. 2. Specifiche relative all attività SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA ALLEGATO B-16 SCIA

1. Dati generali dell intervento. 2. Specifiche relative all attività SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA ALLEGATO B-16 SCIA SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA Ultimo Aggiornamento: 22/09/2014 ALLEGATO B-16 SCIA Produzione/Importazione/Distribuzione/ Installazione giochi Sale giochi (Regio Decreto 18/06/1931, n. 773 - art. 86 e 110)

Dettagli

COMUNE DI PAOLA. ( Provincia Di Cosenza ) GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI E SIMILARI SPECIFICA DEI GIOCHI

COMUNE DI PAOLA. ( Provincia Di Cosenza ) GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI E SIMILARI SPECIFICA DEI GIOCHI COMUNE DI PAOLA ( Provincia Di Cosenza ) SETTORE N. 7 UFFICIO : Attività Economiche e Produttive ( Piazza IV Novembre,22 ) tel. 0982 582860 fax 0982582397 PEC : qsarpa@comune.paola.cs.it legislazione di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE per la concessione di licenze e per il funzionamento delle sale giochi.

REGOLAMENTO COMUNALE per la concessione di licenze e per il funzionamento delle sale giochi. REGOLAMENTO COMUNALE per la concessione di licenze e per il funzionamento delle sale giochi. Art. 1 OBBLIGO DI LICENZA L esercizio di una sala pubblica per biliardi o altri giochi leciti, definita convenzionalmente

Dettagli

Testo Unico. Il sistema sanzionatorio del D.Lgs. 81/08. Le sanzioni previste dal nuovo D.Lgs. 81/08 sono:

Testo Unico. Il sistema sanzionatorio del D.Lgs. 81/08. Le sanzioni previste dal nuovo D.Lgs. 81/08 sono: Testo Unico Salute e sicurezza sul lavoro Dr. Biagio Calò NORMATIVA SULL IGIENE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Le nuove disposizioni penali introdotte dal D.Lgs. 81/08 12 Giugno 2008 Direttore SPRESAL

Dettagli

DOMANDA di LICENZA per l attività di Pubblico Spettacolo / Trattenimento per capienze superiori a 200 persone

DOMANDA di LICENZA per l attività di Pubblico Spettacolo / Trattenimento per capienze superiori a 200 persone Bollo Al Sig. SINDACO del Comune di SAN PANCRAZIO SALENTINO(BR) DOMANDA di LICENZA per l attività di Pubblico Spettacolo / Trattenimento per capienze superiori a 200 persone DOMANDA di LICENZA ai sensi

Dettagli

timbro protocollo Segnalazione Certificata Inizio Attività (SCIA) Spettacolo/intrattenimento temporaneo

timbro protocollo Segnalazione Certificata Inizio Attività (SCIA) Spettacolo/intrattenimento temporaneo CITTA di PESCARA Dipartimento Attività Tecniche, Energetiche ed Ambientali Settore Attività Produttive Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive + timbro protocollo responsabile del

Dettagli

C H I E D E. marca da bollo. All UFFICIO COMMERCIO Comune di Capriate San Gervasio (BG) Il sottoscritto. per conto della società

C H I E D E. marca da bollo. All UFFICIO COMMERCIO Comune di Capriate San Gervasio (BG) Il sottoscritto. per conto della società marca da bollo All UFFICIO COMMERCIO Comune di Capriate San Gervasio (BG) Il sottoscritto per conto della società Recapito telefonico: Fax ; C H I E D E il rilascio della licenza per attività primaria

Dettagli

Provincia di Sassari

Provincia di Sassari REGOLAMENTO DI INDIVIDUAZIONE DEI CRITERI COMUNALI DI PROGRAMMAZIONE PER IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Al Sig. Sindaco del Comune di VETTO

Al Sig. Sindaco del Comune di VETTO Al Sig. Sindaco del Comune di VETTO in carta semplice COMUNE DI VETTO Data arrivo Prot. Gen.. Fascicolo... Vetto, lì,..... (data di compilazione) Oggetto: Segnalazione certificata di inizio attività di

Dettagli

LA DISCIPLINA DEI PUBBLICI SPETTACOLI

LA DISCIPLINA DEI PUBBLICI SPETTACOLI LA DISCIPLINA DEI PUBBLICI SPETTACOLI Secondo quanto affermato dal Ministero delle Finanze, nella circolare n.165/e del 7 settembre 2000, avente per oggetto "Riforma della disciplina fiscale relativa alle

Dettagli

Segnalazione Certificata Inizio Attività Svolgimento Manifestazione Temporanea

Segnalazione Certificata Inizio Attività Svolgimento Manifestazione Temporanea Segnalazione Certificata Inizio Attività Svolgimento Manifestazione Temporanea Il riscontro diretto dell ufficio Protocollo del Comune di Mondragone, attestato da timbro datario di avvenuto ricevimento

Dettagli

Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee

Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee COMUNE DI SINALUNGA (Provincia di SIENA) ************************** Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 55 del 16/09/2011

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Allegato B a Delibera C.C. n.36 del 27/9/2010 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con delibera di C.C. n. 36 del 27/09/2010 Pubblicato all albo Pretorio dal 5/10/2010

Dettagli

CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE

CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE COMUNE DI ZOPPOLA (PROVINCIA DI PORDENONE) CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE (Approvati con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

nel caso di vendita di bevande alcoliche a minori di 18 anni si applica la sanzione pecuniaria fino a un massimo di 1000;

nel caso di vendita di bevande alcoliche a minori di 18 anni si applica la sanzione pecuniaria fino a un massimo di 1000; Promemoria delle principali norme sulla vendita e/o somministrazione di alcol (Decreto Legge n 158/2012 e Regolamento di Polizia Urbana del Comune di Modena) a к k k e к p a s к(comune di Modena e a n

Dettagli

SCIA per apparecchi e congegni per il gioco lecito -

SCIA per apparecchi e congegni per il gioco lecito - ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PROFUTTIVE del Comune di CORTONA Piazza della Repubblica n. 13 52044 CORTONA da presentare in duplice copia OGGETTO: Avvio installazione apparecchi e congegni per il gioco

Dettagli

Disciplina degli orari di attività dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande IL SINDACO

Disciplina degli orari di attività dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande IL SINDACO COMUNE DI TRESCORE CREMASCO Provincia di Cremona Ufficio Segreteria Via Carioni 13-26017 Trescore Cremasco Tel. 0373 272246 Fax 0373 272232 e.mail segreteria@trescorecremasco.net Prot. n. 4399 Trescore

Dettagli

Comune di CALCO Provincia di Lecco

Comune di CALCO Provincia di Lecco Comune di CALCO Provincia di Lecco Regolamento Comunale per l apertura e la gestione Sale da Gioco (Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 11 del 23 maggio 2012) 1 INDICE Titolo I Disposizioni

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L'ATTIVITA' DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI E IN CIRCOLI PRIVATI

COMUNE DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L'ATTIVITA' DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI E IN CIRCOLI PRIVATI COMUNE DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L'ATTIVITA' DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI E IN CIRCOLI PRIVATI (Approvato con deliberazione dal C.C. n 4 del 19.01.1998) ART. 1 Per "Automatico

Dettagli

Città di Cantù (CO) Area Gestione del Territorio Assessorato al Commercio e alle Attività Produttive Piazza Parini 22063 Cantù (CO)

Città di Cantù (CO) Area Gestione del Territorio Assessorato al Commercio e alle Attività Produttive Piazza Parini 22063 Cantù (CO) Città di Cantù (CO) Area Gestione del Territorio Assessorato al Commercio e alle Attività Produttive Piazza Parini 22063 Cantù (CO) Tel. 031/717560 - fax 031/717558 e-mail commercio@comune.cantu.co.it

Dettagli

ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE DEL COMUNE DI SANREMO. Il sottoscritto. nato a il - residente. in via N., legale rappresentante della società

ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE DEL COMUNE DI SANREMO. Il sottoscritto. nato a il - residente. in via N., legale rappresentante della società nuovo PE ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE DEL COMUNE DI SANREMO SCIA -SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ APERTURA NUOVO ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE Il sottoscritto nato a il - residente

Dettagli

COMUNE DI ALBANELLA REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI SEDI DI LUOGHI DI LAVORO COMUNALI

COMUNE DI ALBANELLA REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI SEDI DI LUOGHI DI LAVORO COMUNALI COMUNE DI ALBANELLA REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI SEDI DI LUOGHI DI LAVORO COMUNALI Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 12 in data 15.07.2005 Articolo 1 Oggetto

Dettagli

R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza -

R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza - R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza - Art. 110. 1. In tutte le sale da biliardo o da gioco e negli altri esercizi, compresi i circoli privati, autorizzati alla pratica

Dettagli