VADEMECUM DEI PRINCIPALI OBBLIGHI per i PUBBLICI ESERCIZI. a cura della Direzione di Ascom Vittorio Veneto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VADEMECUM DEI PRINCIPALI OBBLIGHI per i PUBBLICI ESERCIZI. a cura della Direzione di Ascom Vittorio Veneto"

Transcript

1 VADEMECUM DEI PRINCIPALI OBBLIGHI per i PUBBLICI ESERCIZI a cura della Direzione di Ascom Vittorio Veneto

2

3 Il presente Vademecum, realizzato a cura della Direzione di Ascom Vittorio Veneto, rappresenta un pro-memoria dei principali obblighi a cui sono soggetti gli imprenditori operanti nel settore dei pubblici esercizi; resta naturalmente inteso che la puntuale definizione degli obblighi medesimi può avvenire solo con la consulenza dei funzionari Ascom preposti ai vari settori (licenze, sicurezza, ecc.). Presso Ascom sono anche disponibili i cartelli obbligatori da esporre (Fumo, Listino Prezzi, orari, ecc.). REQUISITI GENERALI POSSEDERE I REQUISITI MORALI E PROFESSIONALI PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE e L AUTORIZZAZIONE COMUNALE Coloro che esercitano l attività di somministrazione (e vendita) di prodotti alimentari devono possedere tre requisiti: 1. Personali (maggiore età); 2. Professionali (Corso ex-rec, pratica professionale, ecc. a norma di legge); 3. Morali (assenza condanne penali che impediscono l esercizio della professione). 516, ,00 (con chiusura dell esercizio) ORARI E NORMATIVA DEI PUBBLICI ESERCIZI AVERE UN ORARIO MINIMO DI 5 ORE GIORNALIERE COMUNICARE PREVENTIVAMENTE L ORARIO AL COMUNE ESPORRE UN CARTELLO BEN VISIBILE CON L ORARIO DI APERTURA E CHIUSURA NONCHE L orario minimo previsto dalla vigente normativa è di almeno 5 ore giornaliere. È obbligatorio comunicare preventivamente al Comune l orario adottato, anche differenziato per giorni della settimana e per periodi dell anno, nel rispetto dei limiti minimi e massimi fissati. L orario va reso noto al pubblico mediante l esposizione di un apposito cartello ben visibile anche all esterno. Ascom Vittorio Veneto Vademecum Pubblici Esercizi Pagina 2 di 8

4 IL GIORNO DELLA CHIUSURA SETTIMANALE FACOLTATIVA CESSARE OGNI ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE ALL ORA DI CHIUSURA ESPOSIZIONE AUTORIZZAZIONI (LICENZE) E ALTRI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI ESPORRE IL LISTINO DEI PREZZI (con norme TULPS) DELLE CONSUMAZIONI ALL INTERNO DEL LOCALE ESPORRE IL LISTINO DEI PREZZI ALL ESTERNO DEL LOCALE IN MODO VISIBILE METTERE A DISPOSIZIONE LISTINI O MENU NEI TAVOLI POSIZIONATI ALL ESTERNO O SUL PLATEATICO INDICARE CHIARAMENTE PER I PRODOTTI VENDUTI PER ASPORTO (es. caramelle, brioches, caramelle, ecc.) IL PREZZO DI VENDITA ED EVENTUALMENTE IL PREZZO CHILO/LITRO INDICARE NEL CASO DI PIU (N.b. La giornata o mezza giornata di chiusura è facoltativa) I pubblici esercizi debbono tenere esposte nel locale dell esercizio, in luogo ben visibile al pubblico, le autorizzazioni sanitarie, amministrative, comunali, UTF (ex UTIF), SIAE, estremi di iscrizione alla Camera di Commercio (misura/certificato), licenza o patentino dei Monopoli di stato per la vendita di tabacchi, nonché eventuale copia della documentazione da cui risulti la nomina del Procuratore o del Preposto. I pubblici esercizi debbono tenere esposte all interno del locale, in luogo ben visibile al pubblico anche dall esterno (consigliamo l apposizione di un listino di ridotte dimensioni sulle vetrine), il listino dei prezzi (comprese le eventuali maggiorazioni per il servizio al tavolo o altro), nonché la riproduzione a stampa degli artt. 96, 97 e 101 del R.D. 773/31 e degli articoli 173, 176, 181 e 186 del R.D. 635/40 (Estratto delle Norme di Pubblica sicurezza). Gli esercizi che somministrano pasti, formati da una o più portate, mettono a disposizione dei clienti il menù, con l elenco delle consumazioni e dei prezzi praticati, precisando altresì se gli alimenti non freschi sono surgelati o congelati. Analogo menù (vedi sopra) è esposto all esterno dell esercizio. Per i prodotti destinati alla vendita per asporto, esposti nelle vetrine, sul banco di vendita o in altro luogo visibile al pubblico si applicano le disposizioni vigenti in materia di pubblicità dei prezzi per la vendita al dettaglio. Ascom Vittorio Veneto Vademecum Pubblici Esercizi Pagina 3 di 8

5 PORTATE L ELENCO DELLE CONSUMAZIONI E DEI RELATIVI PREZZI NON VENDERE E SOMMINISTRARE BEVANDE ALCOLICHE E SUPERALCOLICHE DALLE ORE 2 ALLE ORE 6 ANTIMERIDIANE (con esposizione dei relativi cartelli) ESPORRE TABELLE ALCOLOMETRICHE E DETEZIONE DEL RELATIVO APPARECCHIO DI RILEVAZIONE (solo in caso di intrattenimento musicale o danzante) VERSARE I DIRITTI SIAE I titolari e i gestori di pubblici esercizi devono interrompere la vendita e la somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche alle ore 2,00 e non possono riprenderla nelle quattro ore successive. I pubblici esercizi devono esporre un cartello informativo che segnala i divieti di vendita e di somministrazione delle bevande alcoliche e superalcoliche dalle ore 2,00 alle ore 6,00. Se si prosegue l attività del locale oltre la mezzanotte, si devono avere a disposizione, presso almeno un uscita del locale, un apparecchio di rilevazione del tasso alcolemico, di tipo precursore chimico o elettronico, a disposizione dei clienti che desiderino verificare il proprio stato di idoneità alla guida dopo l assunzione di alcool. Dal 13 novembre 2010 l obbligo di affissione delle tabelle alcolemiche è stato esteso agli esercizi dotati di autorizzazione ex art. 86 del TULPS (pubblici esercizi come bar, ristoranti pizzerie e circoli privati con somministrazione, agriturismi) aperti dopo le 24.00, anche se non effettuano attività di spettacolo ed intrattenimento. In ogni caso, nessuna norma è bene evidenziarlo obbliga i titolari o gestori degli esercizi a mettere a disposizione dei clienti detti apparecchi gratuitamente: dunque, ben può essere richiesto agli avventori il corrispettivo per l uso del servizio, fermo restando che gli apparecchi, a richiesta del cliente, devono essere disponibili, pena l applicazione delle sanzioni. Il pubblico esercizio è tenuto al versamento del diritto annuale SIAE (da notare che l iscrizione all Ascom dà titolo ad una riduzione di circa il 20%; il modulo per la riduzione vien consegnato presso gli uffici Ascom) 1.000, ,00 Chiusura del locale da 7 a 30 giorni Ascom Vittorio Veneto Vademecum Pubblici Esercizi Pagina 4 di 8

6 EVENTUALE AUTORIZZAZIONE COMUNALE PER TRATTENIMENTI DANZANTI E SPETTACOLI VARI EVENTUALE PRESENZA SLOT MACHINES ALTRI GIOCHI OCCUPAZIONE SPAZI PUBBLICI ESPOSIZIONE DI INSEGNA I normali intrattenimenti di musica e/o spettacoli vari non necessitano di specifica autorizzazione a meno che: Venga eventualmente alterata l originaria destinazione del locale o siano state fatte modifiche all impianto elettrico; Vengano applicati aumenti delle consumazioni in occasione di tali spettacoli; Sia superato il limite sonoro degli 80 db; Siano rispettati i limiti di orario massimo giornaliero, settimanale ed annuale nell esecuzione di tali spettacoli; In questi casi va richiesta licenza di pubblico spettacolo a norma del TULPS. In caso di presenza di apparecchi (slot machines) il titolare deve disporre di: Licenza comunale; Contratto con il concessionario; Iscrizione presso l elenco degli operatori istituito presso Aams; Attestazione pagamento tassa annuale. Su ciascun apparecchio presente devono essere presenti e visibili: Il nulla osta di distribuzione; Il nulla osta per la messa in esercizio; Scheda esplicativa. In caso di effettuazione di altri giochi il locale dovrà essere munito di: Comunicazione al Comune; Tabella dei giochi proibiti; Orario e costo singola partita per il gioco del biliardo. In caso di occupazione di suolo pubblico (con tavoli, sedie, ecc.) va chiesta l autorizzazione al comune e pagata la relativa tassa annuale. In caso di esposizione di cartelli, insegne, vetrofanie ed altri mezzi pubblicitari è necessario che venga rilasciata la relativa Sanzioni di USL e Comune Sanzione da determinare a cura Ascom Vittorio Veneto Vademecum Pubblici Esercizi Pagina 5 di 8

7 ESPOSIZIONE CARTELLO (REGISTRO UNICO) DEGLI INGREDIENTI PER I PRODOTTI ALIMENTARI DA ASPORTO autorizzazione comunale (vigili); l imposta relativa va versata se le insegne stesse superano la superficie complessiva di 5 mq fare attenzione agli arrotondamenti). Per i prodotti alimentari non confezionati e non somministrati (ma venduti) all interno del locale (pizze, tramezzini, ecc.) va realizzato un Registro Unico degli Ingredienti da mettere a disposizione del pubblico contenente l elenco (in ordine decrescente di quantità presente) degli ingredienti (composti) dei vari alimenti e con apposita indicazione degli allergeni eventualmente presenti. del concessionario , ,00 OBBLIGHI RELATIVI ALL IGIENE E SALUBRITA DEGLI ALIMENTI ELABORAZIONE PIANO DI AUTOCONTROLLO HACCP (e relative registrazioni periodiche) SVOLGIMENTO FORMAZIONE OBBLIGATORIA PER IL PERSONALE (EX LIBRETTO SANITARIO) RISPETTO DELLE NORME DI CORRETTA PRASSI IGIENICA Le aziende devono elaborare un Piano di Autocontrollo Haccp ai sensi del REG. CE 852/04 contenente, tra l altro: i diagrammi di flusso delle varie produzioni, La squadra HACCP; il piano di sanificazione, le misure per la lotta agli infestanti, la qualifica dei fornitori, la rintracciabilità (REG. CE 852/04), le registrazioni, ecc. Il personale che manipola alimenti (cuochi, camerieri, ecc.) deve frequentare percorsi formativi di tre ore con rinnovo triennale ai sensi della L.R. 41/03 presso gli Enti Accreditati; sono esentati solo coloro che siano in possesso della maturità alberghiera (5 anni) ovvero hanno frequentato il corso EX REC dopo il Il titolare assicura il rispetto delle norme di corretta prassi igienica (igiene del personale, abbigliamento idoneo, ecc.) codificate nel Piano Haccp, nonché il rispetto delle stesse da parte dei locali in cui vengono effettuate 1.000, , , ,00 A seconda della gravità dell infrazione (sino alla chiusura del locale) Ascom Vittorio Veneto Vademecum Pubblici Esercizi Pagina 6 di 8

8 le produzioni (superfici in acciaio inox, pareti piastrellate, zanzariere, ecc.). OBBLIGHI RELATIVI ALLA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI LAVORO VALUTAZIONE DEI RISCHI NOMINA DELLE FIGURE OBBLIGATORIE E SVOLGIMENTO DEI RELATIVI CORSI OBBLIGATORI SVOLGIMENTO FORMAZIONE OBBLIGATORIA PER IL PERSONALE RISPETTO DELLE NORME DI SICUREZZA E DI PREVENZIONE INCENDI DEI LOCALI Il Datore di lavoro esegue la valutazione dei rischi elaborando il relativo DVR (Documento della Valutazione dei Rischi) ai sensi dell art. 28 del D.lgs 81/08, con redazione in particolare della valutazione del rischio incendio e del piano di emergenza. La valutazione dei rischi dovrà comprendere anche lo stress lavoro-correlato e le lavoratrici madri (d.lgs 151/01). Dal 30/06/2012 non sarà più possibile redigere l autocertificazione in luogo del DVR. Le figure minime obbligatoriamente previste dalla norma sono: RSSP (corso di 16 ore in caso di svolgimento diretto del titolare); Resp. PREV. INCENDI (corso di 4 ore); Resp. PRIMO SOCCORSO (corso di 12 ore). La formazione è a totale carico del datore di lavoro. Da ricordare che l effettuazione dei corsi è riservato agli enti identificati dalla legge (USL, SCUOLE, ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA in collaborazione con gli ENTI BILATERALI). Il personale deve svolgere 8 ore di formazione in tema di sicurezza ai sensi del nuovo Accordo Stato Regioni con le modalità previste nel accordo medesimo. La formazione è a totale carico del datore di lavoro. Il locale deve disporre, tra gli altri, dei documenti attestanti: L agibilità dei locali; La conformità dell impianto elettrico e termico (DM 37/08) con relativo progetto, relazione, ecc.; 2.500, ,00 (arresto fino a 8 mesi) 2.500, ,00 (arresto fino a 8 mesi) 2.000, ,00 (arresto sino a 8 mesi) Da determinarsi a seconda della violazione Ascom Vittorio Veneto Vademecum Pubblici Esercizi Pagina 7 di 8

9 La conformità delle attrezzature utilizzate alle norme CE; La congruità delle uscite di emergenza (planimetrie); La manutenzione degli estintori; Ecc. OBBLIGHI RELATIVI ALLA PRIVACY PRESENZA EVENTUALE DI TELECAMERE In caso vi sia presenza di telecamere è necessario redigere il DPS (documento programmatico sulla sicurezza) ed in caso dalle telecamere vi sia una possibilità di controllo a distanza dei lavoratori va inoltrata apposita richiesta alla Direzione Provinciale del lavoro. 150, ,00 salvo che non costituisca reato più grave (riprese in spogliatoi, ecc.) Ascom Vittorio Veneto Vademecum Pubblici Esercizi Pagina 8 di 8

info@associatitv.it OBBLIGO NORMA Cosa SI DEVE FARE

info@associatitv.it OBBLIGO NORMA Cosa SI DEVE FARE Dott. Carlo Corocher Dott. Giorgio Ornella Rag. Brunella Berti Rag. Fabrizio Bortoluzzi Rag. Flavio Corocher Dott. Alessio Marcon Dott. Corrado Tonello Dott. Antonio Mautone info@associatitv.it VITTORIO

Dettagli

TABELLA DELLA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER L ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICO ESERCIZIO

TABELLA DELLA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER L ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICO ESERCIZIO TABELLA DELLA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER L ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICO ESERCIZIO 1 ESPOSIZIONE OBBLIGO Cartello con orario di apertura e chiusura Autorizzazioni, licenze

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE AI SOCI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE AI SOCI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE AI SOCI Quando si parla di somministrazione di alimenti e bevande all interno di circoli privati ci si riferisce alla possibilità di avere all interno della sede

Dettagli

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI.

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI. VADEMECUM HACCP COMMERCIO ALIMENTI. GUIDA NORMATIVA PER CONSULENTI, TECNICI E RESPONSABILI AZIENDALI di G. Manzone e G. Ventaloro M&M ASSOCIATI Consulenti Aziendali srl edizioni Prezzo 25,00 - Pagg. 320

Dettagli

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA Gli orari delle attività commerciali e il turno di riposo settimanale 1.1 Le nuove disposizioni europee:

Dettagli

INTRODUZIONE. Cosa rende speciali i nostri corsi

INTRODUZIONE. Cosa rende speciali i nostri corsi SICUREZZA INTRODUZIONE Cosa rende speciali i nostri corsi Formazione e informazione sono gli elementi chiave per prendere consapevolezza dei rischi presenti nel proprio ambiente di lavoro e per predisporre

Dettagli

Cognome e nome Comune di nascita Prov. data di nascita Indirizzo via nr. int. Località CAP Comune Prov.

Cognome e nome Comune di nascita Prov. data di nascita Indirizzo via nr. int. Località CAP Comune Prov. Cod. modello CAPPA80D (03/2009) TEMP1 Commissione di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo - allestimenti temporanei - Da presentare in DUPLICE copia di cui una in bollo Prima di consegnare il presente

Dettagli

ATTIVITA DI PUBBLICO INTRATTENIMENTO SOGGETTE A S.C.I.A. SVOLTE IN UN PUBBLICO ESERCIZIO

ATTIVITA DI PUBBLICO INTRATTENIMENTO SOGGETTE A S.C.I.A. SVOLTE IN UN PUBBLICO ESERCIZIO Al Comune di 46020 PEGOGNAGA (MN) ATTIVITA DI PUBBLICO INTRATTENIMENTO SOGGETTE A S.C.I.A. SVOLTE IN UN PUBBLICO ESERCIZIO AVVERTENZA: la presente segnalazione certificata inizio attività (s.c.i.a) va

Dettagli

VADEMECUM PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA DI SALA GIOCHI

VADEMECUM PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA DI SALA GIOCHI VADEMECUM PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA DI SALA GIOCHI La normativa in materia di sale giochi e apparecchi da gioco è estremamente complessa in quanto le fonti normative sono variegate e in

Dettagli

Comune di Oggiono Provincia di Lecco

Comune di Oggiono Provincia di Lecco Comune di Oggiono Provincia di Lecco Regolamento per la disciplina delle sale da gioco lecito. (Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 23 del 14.03.2011) INDICE Titolo I Disposizioni generali

Dettagli

CAMPAGNA DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI CONTROLLO DEI PREZZI A TUTELA DEL CONSUMATORE

CAMPAGNA DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI CONTROLLO DEI PREZZI A TUTELA DEL CONSUMATORE CAMPAGNA DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI CONTROLLO DEI PREZZI A TUTELA DEL CONSUMATORE Come già preannunciato partirà a breve la nuova campagna promossa dalla Polizia Municipale di controllo dei prezzi a tutela

Dettagli

Quale titolare di autorizzazione, ai sensi degli art. 86 / 88 del TULPS, per l esercizio di:

Quale titolare di autorizzazione, ai sensi degli art. 86 / 88 del TULPS, per l esercizio di: S.U.A.P. - CITTA DI TORRE DEL GRECO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INZIO ATTIVITA S.C.I.A. Subingresso / variazioni / Installazione giochi leciti in Pubblici Esercizi (art. 110 Testo Unico delle Leggi di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.2011) 1 INDICE TITOLO I - Norme generali Art. 1 - Oggetto ed ambito

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI 1 INDICE GENERALE Art. 1- Obiettivi CAPO I DEFINIZIONI E DISPOSIZIONI GENERALI Art. 2- Definizioni Art. 3- Normativa di riferimento Art.

Dettagli

Legge 30 marzo 2001, n. 125. Legge 30 marzo 2001, n. 125. Legge 30 marzo 2001, n. 125. Legge Regionale 14/2003. Legge Regionale 14/2003

Legge 30 marzo 2001, n. 125. Legge 30 marzo 2001, n. 125. Legge 30 marzo 2001, n. 125. Legge Regionale 14/2003. Legge Regionale 14/2003 Legge 30 marzo 2001, n. 125 Legge quadro in materia di alcol e di problemi alcolcorrelati. Art 1 (Oggetto Definizioni) 2. Ai fini della presente legge, Perché bere un bicchiere di buon vino sia un piacere

Dettagli

CIRCOLI Anpas- Guida Riconoscimento del Ministero dell Interno quale Ente Nazionale a carattere assistenziale DM 557/9576.12000.A (137) del 3/09/2007

CIRCOLI Anpas- Guida Riconoscimento del Ministero dell Interno quale Ente Nazionale a carattere assistenziale DM 557/9576.12000.A (137) del 3/09/2007 CIRCOLI Anpas- Guida Riconoscimento del Ministero dell Interno quale Ente Nazionale a carattere assistenziale DM 557/9576.12000.A (137) del 3/09/2007 Indice PREFAZIONE Pag. 5 ASPETTI FISCALI Pag. 6 ASPETTI

Dettagli

COMUNE DI BOSCO MARENGO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO

COMUNE DI BOSCO MARENGO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO COMUNE DI BOSCO MARENGO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO Approvato con delibera di CC n. 34 del 27/09/2011 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 PRINCIPI

Dettagli

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Comune di Pesaro Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 61 del 3.6.2010 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2-Ambito di applicazione

Dettagli

Guida Somministrazione e Commercio Alimenti e Bevande

Guida Somministrazione e Commercio Alimenti e Bevande Guida Somministrazione e Commercio Alimenti e Bevande Aprire un nuovo locale o una nuova attività, anche se si tratta di un e-commerce di prodotti alimentari, non è certo una cosa semplice. Ci vuole passione,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER SALA GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER SALA GIOCHI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER SALA GIOCHI Approvato con deliberazione consiliare n. 41 del 28/07/2011 Pubblicato all albo pretorio dal 08 al 22 agosto 2011 Art. 1 AMBITO

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ SALA GIOCHI Il sottoscritto, Cognome: Nome: 1. Dati azienda e rappresentate legale, ubicazione intervento,

Dettagli

C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI

C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI Approvato con delibera di C.C. n. 27 del 28/11/2012 I N D I C

Dettagli

CRITERI PER LA PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITÀ DI CONTROLLO AMMINISTRATIVO, EFFETTUATA MEDIANTE ACCESSO ISPETTIVO NEI LOCALI E NEI LUOGHI DELLE IMPRESE.

CRITERI PER LA PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITÀ DI CONTROLLO AMMINISTRATIVO, EFFETTUATA MEDIANTE ACCESSO ISPETTIVO NEI LOCALI E NEI LUOGHI DELLE IMPRESE. (allegato al provvedimento) CRITERI PER LA PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITÀ DI CONTROLLO AMMINISTRATIVO, EFFETTUATA MEDIANTE ACCESSO ISPETTIVO NEI LOCALI E NEI LUOGHI DELLE IMPRESE. ELENCO DEI CONTROLLI Esercizi

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO DELLE SALE GIOCHI.

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO DELLE SALE GIOCHI. COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO DELLE SALE GIOCHI. approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 15 del 26 febbraio

Dettagli

NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE

NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE Per informazioni, contattare Novaconsult Via Gaggia n 1/a - 20139 MILANO Tel. +39 02.57408940 - Fax +39 02.57407100 e-mail: info@novaconsult.it www.novaconsult.it INDICE

Dettagli

COMUNE DI TRESANA. Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

COMUNE DI TRESANA. Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI COMUNE DI TRESANA Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con deliberazione del C.C. n. 3 del 14.01.2012 INDICE TITOLO I NORME GENERALI Art. 1 - Oggetto

Dettagli

Subingressi di cui all art. 15 della l.r. n. 30 del 2003. in B.U.R.L. n. 34 del 16-8-2004 sommario

Subingressi di cui all art. 15 della l.r. n. 30 del 2003. in B.U.R.L. n. 34 del 16-8-2004 sommario CIRC R(3) COMM 31_04 Pag: 1 CIRCOLARE 30 Luglio 2004 n. 31 Chiarimenti operativi sull applicazione della l.r. n. 30 del 2003, sugli Indirizzi generali e sui corsi abilitanti, per il rilascio da parte dei

Dettagli

(PROVINCIA DI ROMA) MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE

(PROVINCIA DI ROMA) MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) Marca Bollo 16,00 AL S.U.A.P. Sportello Unico delle Attività Produttive del Comune di Fiumicino MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI LUINO PROVINCIA DI VARESE SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA

COMUNE DI LUINO PROVINCIA DI VARESE SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA COMUNE DI LUINO PROVINCIA DI VARESE SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA, IL TRASFERIMENTO ED IL FUNZIONAMENTO DELLE SALE DA GIOCO Approvato dal Consiglio Comunale

Dettagli

PREZZI CONVENZIONE IQS S.R.L. e FEDERFARMA SALERNO 2011

PREZZI CONVENZIONE IQS S.R.L. e FEDERFARMA SALERNO 2011 PREZZI CONVENZIONE IQS S.R.L. e FEDERFARMA SALERNO 2011 SICUREZZA SUL LAVORO DOCUMENTAZIONI OBBLIGATORIE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO D.Lgs. 81/08 e s.m.i. COSTO DEL SERVIZIO 300,00 + I.V.A. H.A.C.C.P.

Dettagli

POLIZIA DI STATO Questura di Udine. Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione

POLIZIA DI STATO Questura di Udine. Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione POLIZIA DI STATO Questura di Udine Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione Norme principali di riferimento in materia di scommesse e gioco Testo Unico delle Leggi di Pubblica

Dettagli

Il sottoscritto nato a il nazionalità residente a Via Codice fiscale Tel. (barrare la casella che interessa)

Il sottoscritto nato a il nazionalità residente a Via Codice fiscale Tel. (barrare la casella che interessa) ALLO SPORTELLO UNICO DEL COMUNE DI marca da bollo Domanda di AUTORIZZAZIONE AMMINISTRATIVA ALL APERTURA DI ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Art. 7 comma 1 Legge Regionale n. 14 del 26.7.2003

Dettagli

Al SIGNOR SINDACO del Comune di

Al SIGNOR SINDACO del Comune di Da presentare in doppia copia di cui una in bollo Prima di consegnare il modulo, munirsi di fotocopia da far timbrare per ricevuta dall Ufficio Protocollo e conservare per gli usi successivi Al SIGNOR

Dettagli

Via Gaetano Strambio n.5-20133 MILANO Tel. 02.57408940 - Fax 02.99989424 mail: ncteam@pec.it

Via Gaetano Strambio n.5-20133 MILANO Tel. 02.57408940 - Fax 02.99989424 mail: ncteam@pec.it NOVACONSULT TEAM CORSI DI FORMAZIONE Via Gaetano Strambio n.5-20133 MILANO Tel. 02.57408940 - Fax 02.99989424 mail: ncteam@pec.it www.novaconsult.it INDICE Premessa Corso base per lavoratori Corso di formazione

Dettagli

Adempimenti legislativi in merito alla sicurezza sui luoghi di lavoro, ambiente e igiene alimentare.

Adempimenti legislativi in merito alla sicurezza sui luoghi di lavoro, ambiente e igiene alimentare. 1 GUIDA ALLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Adempimenti legislativi in merito alla sicurezza sui luoghi di lavoro, ambiente e igiene alimentare. INDICE 1. Introduzione: la sicurezza sui luoghi di lavoro

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA AL COMUNE DI PORTOGRUARO UFFICIO ATTIVITÀ PRODUTTIVE e SUAP P.zza della Repubblica n. 1 30026 Portogruaro (VE) SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO

Dettagli

Imposta di bollo. Il sottoscritto

Imposta di bollo. Il sottoscritto AL COMUNE di CAMPODENNO Imposta di bollo OGGETTO: Domanda autorizzazione per esercizio di somministrazione temporaneo di alimenti e bevande di cui all art. 14 della L.P. 9/2000 e autorizzazione sanitaria.

Dettagli

Al SIGNOR SINDACO del Comune di

Al SIGNOR SINDACO del Comune di Da presentare in doppia copia Prima di consegnare il modulo, munirsi di fotocopia da far timbrare per ricevuta dall Ufficio Protocollo e conservare per gli usi successivi Al SIGNOR SINDACO del Comune di.

Dettagli

SOGGETTO CHE ESERCITA L ATTIVITÀ. Cognome Nome Data di nascita / / Luogo di nascita (Prov. ) Cittadinanza italiana ovvero Codice Fiscale

SOGGETTO CHE ESERCITA L ATTIVITÀ. Cognome Nome Data di nascita / / Luogo di nascita (Prov. ) Cittadinanza italiana ovvero Codice Fiscale ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE DEL COMUNE DI PROTOCOLLO TAURISANO SCIA immediatamente efficacie dal momento di ricezione da parte dell amministrazione competente secondo le modalità di legge

Dettagli

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato A TUTTI I R.S.P.P. LORO SEDI Casale Monf.to, 6 novembre 2000 Ns/rif. Doc. n. 04/00/02/01/082 Oggetto: Circolare informativa. Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato Responsabilità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12. REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12.2008 INDICE TITOLO I - PRINCIPI GENERALI pag. 1 Art. 1 DEFINIZIONI pag. 1

Dettagli

COMUNE DI LEVANTO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DI SALE DA GIOCO

COMUNE DI LEVANTO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DI SALE DA GIOCO COMUNE DI LEVANTO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DI SALE DA GIOCO Approvato con Deliberazione di C.C. n. 13 del 29/03/2012 TITOLO I DEI PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente

Dettagli

Circondario della Val di Cornia

Circondario della Val di Cornia Circondario della Val di Cornia Comune di San Vincenzo * * * * * REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI GIOCO Approvato con deliberazione C.C. 25/08/2009 n 70 In vigore dal 25/08/2009 TITOLO PRINCIPI... Articolo...

Dettagli

Oggetto: Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco. IL CONSIGLIO COMUNALE

Oggetto: Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco. IL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco. IL CONSIGLIO COMUNALE Vista la relazione del Direttore del Settore dei Servizi Istituzionali e comunicazioni che è parte integrante del presente

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ INSTALLAZIONE APPARECCHI E CONGEGNI DA DIVERTIMENTO E INTRATTENIMENTO PER IL GIOCO LECITO 1. Dati impresa

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AGENZIE DI AFFARI

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AGENZIE DI AFFARI COMUNE DI POLIZZI GENEROSA Prov. Di Palermo Servizio Attività Produttive PROTOCOLLO Al Comune di Polizzi Generosa Servizio Attività Produttive Via Garibaldi n. 13 90028 Polizzi Generosa SEGNALAZIONE CERTIFICATA

Dettagli

PUBBLICI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

PUBBLICI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE PUBBLICI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Per esercizi di somministrazione di alimenti e bevande si intendono le attività commerciali in cui i prodotti vengono venduti per poter esser

Dettagli

IL CIRCOLO NON E UN ESERCIZIO PUBBLICO

IL CIRCOLO NON E UN ESERCIZIO PUBBLICO IL CIRCOLO NON E UN ESERCIZIO PUBBLICO L art.18 della Costituzione riconosce ai cittadini il diritto di associarsi liberamente senza necessità d alcuna autorizzazione, per i fini che non siano vietati

Dettagli

APERTURA DI LOCALI PER L ESERCIZIO DI SALE GIOCHI (art. 86 T.U.L.P.S). NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE

APERTURA DI LOCALI PER L ESERCIZIO DI SALE GIOCHI (art. 86 T.U.L.P.S). NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE APERTURA DI LOCALI PER L ESERCIZIO DI SALE GIOCHI (art. 86 T.U.L.P.S). NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE Il rilascio della licenza per l apertura di una sala giochi è subordinato ad un procedimento così distinto:

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

AREA AFFARI GENERALI Ufficio Attività Produttive

AREA AFFARI GENERALI Ufficio Attività Produttive ESTREMI DI ISCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE (A CURA DELL UFFICIO) Ufficio ricevente Presentata il Modalità di inoltro Data protocollo Num. Prot fax a mano posta via telematica NUMERO ASSEGNATO ALLA PRATICA

Dettagli

ALLEGATO A PERSONE FISICHE

ALLEGATO A PERSONE FISICHE 1 ALLEGATO A PERSONE FISICHE MARCA DA BOLLO DA 16,00 OGGETTO: manifestazione d interesse diretta all assegnazione di locale in proprietà comunale da adibirsi a negozio di vicinato per la vendita di prodotti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI Approvato con deliberazione C.C. n. 214 del 19.11.2007, esecutiva; Modificato con deliberazione C.C.

Dettagli

Il D. Lgs. 81/08: GUIDA ILLUSTRATA per la comprensione dei principali obblighi in materia di Sicurezza sul Lavoro

Il D. Lgs. 81/08: GUIDA ILLUSTRATA per la comprensione dei principali obblighi in materia di Sicurezza sul Lavoro Il D. Lgs. 81/08: GUIDA ILLUSTRATA per la comprensione dei principali obblighi in materia di Sicurezza sul Lavoro 2013 [Documento illustrativo per le aziende e le imprese che vogliono essere informate

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L APERTURA O IL TRASFERIMENTO DI PUBBLICO ESERCIZIO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L APERTURA O IL TRASFERIMENTO DI PUBBLICO ESERCIZIO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L APERTURA O IL TRASFERIMENTO DI PUBBLICO ESERCIZIO Marca da bollo 14,62 Al Comune di Crema Il/La sottoscritt nat_ a il prov. cittadinanza residente a via n. C.F. tel. fax

Dettagli

Comune di CALCO Provincia di Lecco

Comune di CALCO Provincia di Lecco Comune di CALCO Provincia di Lecco Regolamento Comunale per l apertura e la gestione Sale da Gioco (Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 11 del 23 maggio 2012) 1 INDICE Titolo I Disposizioni

Dettagli

Comune di Pregnana Milanese REGOLAMENTO PER L APERTURA E LA GESTIONE DELLE SALE GIOCO

Comune di Pregnana Milanese REGOLAMENTO PER L APERTURA E LA GESTIONE DELLE SALE GIOCO Approvato con deliberazione C.C. n 10 del 27.02.2013 Comune di Pregnana Milanese Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L APERTURA E LA GESTIONE DELLE SALE GIOCO Comune di Pregnana Milanese REGOLAMENTO PER

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO ATTIVITA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

COMUNICAZIONE INIZIO ATTIVITA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Spett.le COMUNE DI OPPEANO Al Responsabile dell Ufficio Attività Produttive 37050 Oppeano (VR) Oggetto: COMUNICAZIONE INIZIO ATTIVITA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE A SEGUITO DI SUBINGRESSO NELLA

Dettagli

Regolamento comunale per la disciplina delle sale giochi

Regolamento comunale per la disciplina delle sale giochi Regolamento comunale per la disciplina delle sale giochi Approvato dal Consiglio Comunale di Lecco con deliberazione del 14.03.2011, n. 33- Articolo 1 - Principi generali 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: IL/LA SOTTOSCRITTO/A COMUNICAZIONE DI VARIAZIONE DEL DELEGATO

Dettagli

PROCEDIMENTI SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE

PROCEDIMENTI SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE PROCEDIMENTI SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE Nome procedimento: Segnalazione Certificata Inizio Attività per l'esercizio di Somministrazione di Alimenti e Bevande. SCIA per l'esercizio di Somministrazione

Dettagli

FORMAZIONE PER IMPRENDITORI E DIPENDENTI

FORMAZIONE PER IMPRENDITORI E DIPENDENTI FORMAZIONE PER IMPRENDITORI E DIPENDENTI Terziaria srl progetta e realizza corsi di Formazione che hanno come obiettivo lo sviluppo della cultura manageriale e di impresa nei settori del Commercio, del

Dettagli

COMUNE DI VITTUONE (Provincia di Milano) SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE Ufficio Commercio REGOLAMENTO COMUNALE DELLE SALE GIOCHI

COMUNE DI VITTUONE (Provincia di Milano) SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE Ufficio Commercio REGOLAMENTO COMUNALE DELLE SALE GIOCHI COMUNE DI VITTUONE (Provincia di Milano) SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE Ufficio Commercio REGOLAMENTO COMUNALE DELLE SALE GIOCHI 1 INDICE Capo I - Norme generali... 3 Articolo 1 - Principi generali... 3 Articolo

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA (Art. 86 R.D. 773/1931 e s.m.i.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA (Art. 86 R.D. 773/1931 e s.m.i.) 1 ESTREMI DI ISCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE (A CURA DELL UFFICIO) Ufficio ricevente Presentata il Modalità di inoltro Data protocollo Num. Prot fax a mano posta via telematica NUMERO ASSEGNATO ALLA PRATICA

Dettagli

[ ] Titolare della impresa individuale [ ] Legale rappresentante della Società [ ] Proprietario/comproprietario [ ] Affittuario [ ] Presidente [ ]

[ ] Titolare della impresa individuale [ ] Legale rappresentante della Società [ ] Proprietario/comproprietario [ ] Affittuario [ ] Presidente [ ] AL COMUNE DI POGGIARDO (Provincia di Lecce) Servizio SUAP INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DI GIOCHI LECITI presso esercizi non in possesso di Autorizzazione ex artt.86 o 88 TULPS R.D. 18/6/1931 n.773 domanda

Dettagli

IGIENE DEGLI ALIMENTI

IGIENE DEGLI ALIMENTI SERVIZIO AZIENDA SICURA IGIENE DEGLI ALIMENTI Assiste ed informa il Responsabile sui temi dell Igiene degli Alimenti (Adempimenti previsti dalle disposizioni normative vigenti) Realizza il Manuale Aziendale

Dettagli

CHECK LIST PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI PRINCIPALI OBBLIGHI DOCUMENTALI E DI ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA

CHECK LIST PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI PRINCIPALI OBBLIGHI DOCUMENTALI E DI ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA CHECK LIST PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI PRINCIPALI OBBLIGHI DOCUMENTALI E DI ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA Pagina 2 di 8 Sommario 1. FINALITA E USO DEL DOCUMENTO... 3 2. VERIFICA DELLA DOCUMENTAZIONE

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA NUOVA APERTURA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA NUOVA APERTURA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA NUOVA APERTURA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Il / La sottoscritto / a..... - visto il D.Lgs. 26/03/2010 nr. 59 così come modificato dal

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO LECITO COMUNE DI BARZANO. Provincia di Lecco

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO LECITO COMUNE DI BARZANO. Provincia di Lecco COMUNE DI BARZANO Provincia di Lecco REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO LECITO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 27.09.2011 Comune di Barzanò Regolamento

Dettagli

residente a In via n. nazionalità in qualità di con sede a in via n. P.IVA n. DICHIARA (ai sensi dell art. 19 della L. 241/90)

residente a In via n. nazionalità in qualità di con sede a in via n. P.IVA n. DICHIARA (ai sensi dell art. 19 della L. 241/90) Da presentare in doppia copia. Munirsi di una fotocopia da far timbrare per ricevuta dall'ufficio Protocollo e trattenere per eventuali usi successivi. Spett.le Ufficio Suap COMUNE DI VIGONZA. OGGETTO:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI Art. 1 LICENZA D'ESERCIZIO La licenza per l esercizio di sale pubbliche o per altre giochi

Dettagli

AGRITURISMO Segnalazione certificata di inizio attività 1

AGRITURISMO Segnalazione certificata di inizio attività 1 spazio per la protocollazione Allo Sportello Unico delle Attività Produttive del COMUNE di AGRITURISMO Segnalazione certificata di inizio attività 1 Il/La sottoscritto/a cognome QUADRO INIZIALE (compilare

Dettagli

AL COMUNE DI ROVIGO SETTORE SICUREZZA Ufficio Polizia Amministrativa Viale Oroboni, 8 45100 Rovigo e-mail: polizialocale@comune.rovigo.

AL COMUNE DI ROVIGO SETTORE SICUREZZA Ufficio Polizia Amministrativa Viale Oroboni, 8 45100 Rovigo e-mail: polizialocale@comune.rovigo. Marca da bollo da 16,00 Esenti le ONLUS (con presentazione di idonea certificazione) e gli enti pubblici Richiesta di rilascio licenza di agibilità per locale di pubblico spettacolo o impianto sportivo

Dettagli

COMUNE DI PAOLA ( Provincia di Cosenza )

COMUNE DI PAOLA ( Provincia di Cosenza ) COMUNE DI PAOLA ( Provincia di Cosenza ) SETTORE N. 7 UFFICIO : Attività Economiche e Produttive ( Piazza IV Novembre,22 ) tel. 0982 582860 fax 0982582397 SALA GIOCHI legislazione di riferimento : Legge

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TURISTICO ALBERGHIERA. Il sottoscritto: Cognome: Nome: Data di nascita / / Cittadinanza Sesso M F

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TURISTICO ALBERGHIERA. Il sottoscritto: Cognome: Nome: Data di nascita / / Cittadinanza Sesso M F Allo Sportello Unico del Comune di POSITANO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TURISTICO ALBERGHIERA 1. Dati impresa Il sottoscritto: Cognome: Nome: Codice Fiscale: Data di nascita / / Cittadinanza

Dettagli

COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (Provincia Regionale di Trapani)

COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (Provincia Regionale di Trapani) ALL.1 COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (Provincia Regionale di Trapani) REGOLAMENTO COMUNALE DELLE SALE GIOCHI APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 51 DEL 16/06/09 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 DEFINIZIONI

Dettagli

SOTTOSCRITT. Cognome Nome. Nato a Prov. Stato. Via/Piazza n. Comune CAP Prov. in qualità di: Tipo attività svolta: con sede nel Comune di CAP Prov.

SOTTOSCRITT. Cognome Nome. Nato a Prov. Stato. Via/Piazza n. Comune CAP Prov. in qualità di: Tipo attività svolta: con sede nel Comune di CAP Prov. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI SALA GIOCHI Art. 86 T.U.L.P.S. Codice Attività Economiche approvato con atto di C.C. n. 135 del 21/12/2011 - art.66 SOTTOSCRITT AL COMUNE DI CESENA Settore

Dettagli

BAR- RISTORANTI- CIRCOLI- ALBERGHI- AGENZIE DI SCOMMESSE- ESERCIZI DI RACCOLTA SCOMMESSE SALE DA GIOCHI

BAR- RISTORANTI- CIRCOLI- ALBERGHI- AGENZIE DI SCOMMESSE- ESERCIZI DI RACCOLTA SCOMMESSE SALE DA GIOCHI BAR- RISTORANTI- CIRCOLI- ALBERGHI- AGENZIE DI SCOMMESSE- ESERCIZI DI RACCOLTA SCOMMESSE SALE DA GIOCHI (da presentare in duplice copia: 1 originale per il Comune e 1 copia per il dichiarante, sulla quale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO

REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO COMUNE di MALGRATE Via Agudio, 10 23864 Malgrate (Lc) Tel. 0341 202000 Fax 0341 202360 E-Mail info@comune.malgrate.lc.it Web: www.comune.malgrate.lc.it REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO: CHE FARE?

SICUREZZA SUL LAVORO: CHE FARE? Via Cesare Battisti n. 19 TERRALBA (OR) C.F./P.IVA 01042940955 CORSI AREA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO: CHE FARE? CORSO DI FORMAZIONE GENERALE DEI LAVORATORI OBBLIGHI E ADEMPIMENTI

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA AGRITURISTICA (articolo n. 13 L.R. 21/2011) Cognome Nome

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA AGRITURISTICA (articolo n. 13 L.R. 21/2011) Cognome Nome COMUNE DI PESARO SPORTELLO UNICO Attività Economiche 61121 PESARO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA AGRITURISTICA (articolo n. 13 L.R. 21/2011) Il sottoscritto Cognome

Dettagli

Il sottoscritto (Richiedente) nato a il / / residente a Via,Piazza ecc. n. in qualità di CHIEDE

Il sottoscritto (Richiedente) nato a il / / residente a Via,Piazza ecc. n. in qualità di CHIEDE Marca da bollo.14,62 Spett. Comune di Usmate Velate Ufficio Commercio Domanda per il rilascio dell Autorizzazione alla somministrazione di alimenti e bevande ai sensi della L.R. n. 6/2010 art. 61 e segg.

Dettagli

il/la sottoscritto/a residente in Via CAP codice fiscale Telefono

il/la sottoscritto/a residente in Via CAP codice fiscale Telefono Al Comune di SAN MARTINO SICCOMARIO Servizio Gestione del Territorio Ufficio Commercio Via Roma n.1 SAN MARTINO SICCOMARIO OGGETTO: domanda di autorizzazione / trasferimento per l'esercizio dell'attività

Dettagli

Cittadinanza Sesso M F Codice Fiscale _. Residenza: Comune Provincia. Via/Piazza N C.A.P. Tel. Cell

Cittadinanza Sesso M F Codice Fiscale _. Residenza: Comune Provincia. Via/Piazza N C.A.P. Tel. Cell ATTIVITA DI PRODUZIONE TRASFORMAZIONE, SOMMINISTRAZIONE, VENDITA DI ALIMENTI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ai sensi dell art. 6 del Reg. Europeo 852/2004 AL SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE

Dettagli

OGGETTO: segnalazione presunto trattenimento abusivo in. sito in Ponzano (TV)

OGGETTO: segnalazione presunto trattenimento abusivo in. sito in Ponzano (TV) Roma, 23 Maggio 2013 Protocollo: U/178/2013 AL SIG. SINDACO COMUNE DI PONZANO AL SIG. QUESTORE QUESTURA DI TREVISO AL SIG. PREFETTO PREFETTURA DI TREVISO AL SIG. COMANDANTE DELLA POLIZIA MUNICIPALE DEL

Dettagli

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 Piano di Autocontrollo Alimentare secondo il Sistema HACCP con Indicazioni di Corretta Prassi Igienica, Rintracciabilità degli alimenti, Ritiro e

Dettagli

Comune di Salerano sul Lambro Provincia di Lodi REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO

Comune di Salerano sul Lambro Provincia di Lodi REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO Comune di Salerano sul Lambro Provincia di Lodi REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO Approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 25 del 03/07/2013 INDICE ART. 1 - ART. 2

Dettagli

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa È in vigore dal 15

Dettagli

- Corso di primo soccorso per aziende di categoria B e C. Durata corso 12 ore, comprensivo di dispense e di rilascio attestato di frequenza

- Corso di primo soccorso per aziende di categoria B e C. Durata corso 12 ore, comprensivo di dispense e di rilascio attestato di frequenza Informazioni on line Consulenze SO.GE.SI. s.r.l. Il costo orario forfettario, comprensivo di spese di trasporto, etc., è di /h 50,00, indipendente dal n di tecnici coinvolti. Per ogni chiamata si applica

Dettagli

STRUTTURE TURISTICHE RICETTIVE STRUTTURE ALBERGHIERE Art. 22 L.R. 33/2002

STRUTTURE TURISTICHE RICETTIVE STRUTTURE ALBERGHIERE Art. 22 L.R. 33/2002 STRUTTURE TURISTICHE RICETTIVE STRUTTURE ALBERGHIERE Art. 22 L.R. 33/2002 S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività ai sensi dell art. 34 del D.L. n. 201/2011 come modificato dalla legge di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI ED ATTIVITA DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI ED ATTIVITA DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI Allegato alla Deliberazione del C.C. n. 46 del 26/03/2009 Comune di Castel San Pietro Terme Piazza XX Settembre, 3 40024 Castel San Pietro Terme (BO) Area Servizi per il Territorio e la Collettività Servizio

Dettagli

(PROVINCIA DI ROMA) Il sottoscritto (Cognome e nome) prov. il e residente a CAP _ prov. in Via / P.zza n. C.F. cittadinanza 1

(PROVINCIA DI ROMA) Il sottoscritto (Cognome e nome) prov. il e residente a CAP _ prov. in Via / P.zza n. C.F. cittadinanza 1 CITTÀ DI ARTENA (PROVINCIA DI ROMA) Protocollo Generale del Comune AL S.U.A.P. Sportello Unico delle Attività Produttive del Comune di Artena SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TRASFERIMENTO

Dettagli

VADEMECUM DEGLI ADEMPIMENTI PER GLI STUDI PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

VADEMECUM DEGLI ADEMPIMENTI PER GLI STUDI PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO VADEMECUM DEGLI ADEMPIMENTI PER GLI STUDI PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Lo svolgimento dell attività all interno degli studi professionali costringe ormai ad un numero crescente

Dettagli

Comune di Villa guardia

Comune di Villa guardia Comune di Villa guardia UFFICIO COMMERCIO Informativa agli esercenti per l installazione di apparecchi e congegni per il gioco lecito. Con questo scritto l Ufficio intende fornire le informazioni essenziali

Dettagli

timbro protocollo Segnalazione Certificata Inizio Attività (SCIA) Spettacolo/intrattenimento temporaneo

timbro protocollo Segnalazione Certificata Inizio Attività (SCIA) Spettacolo/intrattenimento temporaneo CITTA di PESCARA Dipartimento Attività Tecniche, Energetiche ed Ambientali Settore Attività Produttive Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive + timbro protocollo responsabile del

Dettagli

In qualità di : [ ] titolare di ditta individuale è [ ] legale rappresentante della Società / : Denominazione Forma societaria (es.

In qualità di : [ ] titolare di ditta individuale è [ ] legale rappresentante della Società / : Denominazione Forma societaria (es. Trattasi di comunicazione e pertanto non è soggetta ad imposta di bollo compilazione a cura dell interessato Destinatario: Comune di Stazzema Ufficio Commercio P.za Europa, 6 55040 Pontestazzemese Telefono

Dettagli

C O M U N E D I B R U I N O

C O M U N E D I B R U I N O C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 POLIZIA MUNICIPALE Tel. 011.908.40.60 Fax 011.904.87.63 pmbruino@tin.it poliziamunicipale@comune.bruino.to.it OGGETTO: Segnalazione certificata

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) TURISTICO ALBERGHIERA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) TURISTICO ALBERGHIERA C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV POLIZIA MUNICIPALE - Attività Produttive.- via San Marino n. 2 poliziamunicipalemattinata@virgilio -Tel/ 0884\550310 Fax 559870 SEGNALAZIONE

Dettagli