QUADRO RG REDDITO D IMPRESA IN REGIME DI CONTABILITÀ SEMPLIFICATA E REGIMI FORFETARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUADRO RG REDDITO D IMPRESA IN REGIME DI CONTABILITÀ SEMPLIFICATA E REGIMI FORFETARI"

Transcript

1 QUADRO RG REDDITO D IMPRESA IN REGIME DI CONTABILITÀ SEMPLIFICATA E REGIMI FORFETARI ASPETTI GENERALI Sono tenuti alla compilazione del Quadro RG gli enti non commerciali residenti e non residenti con stabile organizzazione nel territorio dello Stato, che hanno e- sercitato attività commerciale in contabilità semplificata. Sono ammessi alla tenuta della contabilità semplificata i soggetti che, nel precedente periodo d imposta, hanno conseguito ricavi di ammontare non superiore: a ,00 per le imprese aventi ad oggetto prestazioni di servizi; a ,00 per le imprese aventi ad oggetto altre attività; e che non hanno optato per la contabilità ordinaria (art. 20 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600). Ai fini del computo di detti limiti, i ricavi vanno assunti secondo criteri di competenza. Per i soggetti che esercitano contemporaneamente prestazioni di servizi ed altre attività si deve fare riferimento all ammontare dei ricavi relativi all attività prevalente, a condizione che i ricavi siano distintamente annotati; in mancanza, si considerano prevalenti le attività diverse dalle prestazioni di servizi. I limiti di ricavi per l applicazione del regime di contabilità semplificata sono stati innalzati alla misura sopra indicata dall art. 7, comma 2, lett. m) del D.L. n. 70/2011. Non è stata però specificata la decorrenza dei nuovi limiti. Si ritiene tuttavia, anche in conformità a quanto precisato dall Agenzia delle Entrate in occasione del precedente innalzamento delle soglie (circ. n. 80/E del 2001), che i nuovi limiti per la contabilità semplificata trovino applicazione già con riferimento al periodo d imposta 2011, qualora nel periodo precedente (2010), i sopra indicati limiti non siano stati superati. Gli enti ammessi alla contabilità semplificata determinano il reddito in conformità a quanto previsto dall art. 66 del TUIR e, cioè, per differenza tra: l ammontare dei ricavi di cui all art. 85 del TUIR e degli altri proventi di cui agli artt. 89 e 90, comma primo, del TUIR conseguiti nel periodo d imposta e l ammontare delle spese documentate sostenute nel periodo stesso. La differenza è rispettivamente aumentata e diminuita delle rimanenze finali e delle esistenze iniziali ed è ulteriormente aumentata delle plusvalenze realizzate e delle sopravvenienze attive e diminuita delle minusvalenze e sopravvenienze passive. DICHIARAZIONI FISCALI UNICO ENC 127

2 GUIDA ALLA COMPILAZIONE RIGO RG1: Descrizione dell attività Nel Rigo RG1 va indicato, nella Colonna 1, il Codice relativo all attività svolta in via prevalente: il Codice va rilevato in base alle tabelle di classificazione delle attività economiche ATECO Nelle Colonne 2 e 3 deve invece essere indicato il Codice di esclusione dall applicazione degli studi di settore o di inapplicabilità degli stessi. Le istruzioni ricordano che i soggetti nei cui confronti si applicano gli studi di settore devono invece barrare l apposita casella contenuta nella seconda facciata del frontespizio del Modello UNICO ENC (nel Rigo tipo di dichiarazione ) e compilare ed allegare gli appositi Modelli. Chi è soggetto alla determinazione del reddito secondo criteri forfetari è escluso dall applicazione degli studi di settore. Il Codice identificativo di questa causa di esclusione è l 8. In questa circostanza, il modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore, ad esclusione del quadro relativo agli elementi contabili, deve comunque essere compilato. Determinazione del reddito Righi RG2 RG11 Componenti positivi Nella prima parte dedicata ai dati contabili del Quadro RG devono essere indicati gli elementi positivi del reddito d impresa. In particolare, nel Rigo RG2, Colonna 3, deve essere indicato l ammontare dei ricavi di cui alle lett. a) e b) del comma 1 dell art. 85 del TUIR. Si tratta quindi di: corrispettivi delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi alla cui produzione o al cui scambio è diretta l attività dell impresa; corrispettivi delle cessioni di materie prime e sussidiarie, di semilavorati e di altri beni mobili, esclusi quelli strumentali, acquistati o prodotti per essere impiegati nella produzione. Il Rigo RG2 contiene 3 Colonne delle quali la prima deve essere utilizzata per indicare facoltativamente l ammontare dei ricavi per i quali è stata emessa fattura, mentre nella seconda dovranno essere indicati i ricavi derivanti dalle attività in regime forfetario. Compilano questo Rigo: le associazioni sportive dilettantistiche, le associazioni senza scopo di lucro e le pro-loco e delle altre associazioni che hanno optato per i criteri di determinazione forfetaria del reddito previsti dalla legge n. 398/1991; gli enti non commerciali esercenti attività di agriturismo; le associazioni sindacali e di categoria operanti nel settore agricolo. I soggetti che svolgono una di queste attività devono barrare l apposita casella contenuta nel Quadro. 128 DICHIARAZIONI FISCALI UNICO ENC

3 Nel Rigo RG3 devono essere indicati gli altri proventi considerati ricavi, diversi da quelli indicati nel Rigo RG2. Attività in regime forfettario LEGGE N. 398/1991 Sono tenuti alla compilazione del Quadro RG anche quei soggetti che applicano le disposizioni di cui alla legge 16 dicembre 1991, n Si tratta di: associazioni sportive dilettantistiche; associazioni senza fini di lucro; pro-loco; associazioni bandistiche e cori amatoriali, filodrammatiche, di musica e danza popolare legalmente costituite senza fini di lucro. Questi soggetti possono applicare la normativa speciale qualora abbiano conseguito, nel periodo d imposta precedente, ricavi annui inferiori a Questo limite massimo di ricavi annui va rapportato, nel primo periodo d imposta, ai giorni effettivi di durata dell esercizio. Il regime di cui alla legge n. 398/1991 consente di determinare il reddito forfetariamente, applicando all ammontare annuo dei ricavi commerciali il coefficiente di redditività del 3%, ed aggiungendo le plusvalenze patrimoniali. ESEMPIO Un associazione con periodo d imposta coincidente con l anno solare che determina il reddito secondo le disposizioni di cui alla legge n. 398/1991 dovrà operare il seguente calcolo: totale ricavi conseguiti nell anno: ; costi conseguiti nell anno: ; plusvalenze realizzate; 250. Determinazione del reddito imponibile IRES: x 3% = = Per accedere al regime della legge n. 398/1991 è necessario presentare l opzione: all ufficio SIAE competente in ragione del domicilio fiscale dell associazione, prima dell inizio dell anno solare per cui ha effetto l opzione stessa; agli uffici finanziari (ufficio IVA o Ufficio delle Entrate, se istituito), con le modalità previste dal D.P.R. 10 novembre 1997, n In concreto, per esercitare l opzione valida agli effetti degli uffici finanziari è necessario barrare la casella VO contenuta nel frontespizio del Modello UNICO ENC ed allegare alla dichiarazione il Quadro VO della dichiarazione IVA Questa opzione è valida finché non viene superato il limite di ricavi stabilito per legge e comunque è vincolante per 5 anni. DICHIARAZIONI FISCALI UNICO ENC 129

4 Qualora si superi, nel corso del periodo d imposta, il limite di ricavi previsto per legge, l opzione per l applicazione del regime di cui alla legge n. 398/1991 cessa di avere efficacia a decorrere dal mese successivo a quello in cui è avvenuto il superamento e tornano ad avere efficacia gli ordinari obblighi contabili e di determinazione del reddito. Nello stesso periodo d imposta si possono, così, avere due diversi criteri di determinazione del reddito: uno forfetario (legge n. 398/1991), applicabile dall inizio del periodo d imposta e fino al mese in cui si è superato il limite di ricavi; uno analitico, applicabile a partire dal mese successivo a quello in cui si è superato il limite di ricavi e fino alla fine del periodo d imposta. Nel caso in cui l associazione, nel corso del 2011, abbia perso il diritto ad applicare le disposizioni di cui alla legge n. 398/1991 ma non abbia superato il limite per la contabilità semplificata, può determinare il reddito relativo al periodo che va dal mese successivo a quello di superamento del limite per l applicazione del regime di cui alla legge n. 398/1991 al termine del periodo d imposta applicando i coefficienti dell art. 145 del TUIR. Nello stesso periodo d imposta si possono, quindi, avere, due distinti regimi forfetari di determinazione del reddito d impresa. ESEMPIO Un associazione sportiva dilettantistica con periodo d imposta coincidente con l anno solare che ha esercitato l opzione per l applicazione del regime di cui alla legge n. 398/1991 ha conseguito, a tutto il mese di settembre 2011, ricavi per e vuole continuare a determinare il reddito d impresa in maniera forfetaria anche una volta u- scita dal regime speciale. Il reddito viene determinato: fino al mese di settembre, con il coefficiente della legge n. 398/1991 (3%); da ottobre a dicembre, con i coefficienti dell art. 145 del TUIR (10% o 25%). Per le associazioni sportive dilettantistiche e per le associazioni pro-loco che si avvalgono delle disposizioni di cui alla legge n. 398/1991 non concorrono a formare il reddito imponibile, per un numero complessivo non superiore a due eventi all anno e per un importo non superiore al limite annuo di ,69 : i proventi realizzati nello svolgimento di attività commerciali connesse agli scopi istituzionali e quelli realizzati per il tramite di raccolte di fondi effettuate in conformità all art. 143, comma 3, lett. a) del TUIR. ATTIVITA DI AGRITURISMO Gli enti non commerciali che esercitano attività di agriturismo (legge 20 febbraio 2006, n. 96) determinano il reddito imponibile applicando, all ammontare dei ricavi conseguiti con l esercizio di tale attività, al netto dell Imposta sul Valore Aggiunto, il coefficiente di redditività del 25% (art. 5, comma 1, della legge 30 dicembre 1991, n. 413). Per attività agrituristiche si intendono le attività di ricezione ed ospitalità esercitate dagli imprenditori agricoli di cui all art c.c. 130 DICHIARAZIONI FISCALI UNICO ENC

5 ATTIVITA DI ASSISTENZA FISCALE AGLI ASSOCIATI Le associazioni sindacali e di categoria operanti nel settore agricolo, per l attività di assistenza fiscale resa agli associati, determinano il reddito imponibile applicando all ammontare dei ricavi il coefficiente di redditività del 9% (art. 78, comma 8, della legge n. 413/1991). Per tale attività gli obblighi di tenuta delle scritture contabili sono limitati alla registrazione delle ricevute fiscali su di un apposito registro. REGIME FORFETTARIO ART. 145 TUIR Sono tenuti alla compilazione del Quadro RG, oltre agli enti non commerciali in regime di contabilità semplificata, anche i soggetti che si avvalgono di disposizioni particolari, che consentono la determinazione forfetaria del reddito d impresa. Si tratta, in particolare, degli enti non commerciali in contabilità semplificata che applicano l art. 145 del TUIR. Tale norma consente di applicare all ammontare dei ricavi conseguiti nell esercizio di attività commerciali il coefficiente di redditività corrispondente alla specifica classe di appartenenza ed aggiungendo le plusvalenze patrimoniali, le sopravvenienze attive, i dividendi ed interessi ed i proventi immobiliari. L art. 145 del TUIR non è stato modificato a seguito della variazione del limite di ricavi per l applicabilità del regime di contabilità semplificata. Si ritiene, però, che il mancato intervento derivi da una semplice dimenticanza. Classi di ricavi TIPO DI ATTIVITÀ LIMITE DI RICAVI COEFFICIENTE a) Prestazioni di servizi fino a ,706 15% da ,707 a ,00 25% b) Altre attività fino a ,844 10% da ,845 a ,00 15% Questo regime forfetario è applicabile dietro l esercizio di un apposita opzione, da esprimere nella dichiarazione annuale dei redditi. L opzione ha effetto dall inizio del periodo d imposta nella quale è esercitata fino a revoca e comunque per un triennio. All atto della compilazione del Quadro RG del Modello UNICO gli enti non commerciali potranno, quindi, se ne ricorrono i presupposti, valutare la convenienza dell applicazione del metodo forfetario. DICHIARAZIONI FISCALI UNICO ENC 131

6 Nella Colonna 2 del Rigo RG4 devono essere indicati i ricavi conseguiti nell esercizio di attività commerciali da parte degli enti non commerciali ammessi alla contabilità semplificata che non abbiano optato per la contabilità ordinaria e che intendano fruire del regime forfetario di determinazione del reddito d impresa di cui all art. 145 del TUIR. Nella Colonna 1 di questo Rigo deve essere indicato il Codice 1, se si tratta di attività di prestazione di servizi e il Codice 2, se si tratta di altre attività. Corrispettivi non annotati nelle scritture Nel Rigo RG5 devono essere indicati i corrispettivi non annotati nelle scritture contabili anche qualora l ente non commerciale intenda avvalersi delle disposizioni dell «adeguamento ai ricavi determinati in base agli studi di settore». L adeguamento agli studi di settore, per i periodi d imposta diversi da quelli in cui trova applicazione per la prima volta lo studio (o le modifiche conseguenti alla sua revisione) si effettua con il versamento di una maggiorazione del 3%, calcolata sulla differenza tra i ricavi derivanti dall applicazione degli studi e quelli annotati nelle scritture contabili. Questa maggiorazione, che non è dovuta se la citata differenza non è superiore al 10% dei ricavi annotati nelle scritture contabili, deve essere versata entro il termine per il versamento a saldo dell imposta sul reddito. L importo della maggiorazione per adeguamento agli studi di settore va indicata nella Colonna 2 di questo Rigo. Plusvalenze e sopravvenienze Nel Rigo RG6 deve essere indicato l ammontare delle plusvalenze patrimoniali: queste plusvalenze possono essere rateizzate in 5 esercizi, se i beni cui si riferiscono sono stati posseduti per un periodo non inferiore a 3 anni. In quest ultimo caso dovrà essere indicato, nel Rigo RG6 solo il quinto della plusvalenza che si intende rateizzare. Resta inteso che nel Rigo vanno indicate anche le quote di plusvalenze rateizzate nei precedenti periodi d imposta. Analogo trattamento può essere riservato alle sopravvenienze attive: in tal caso, l importo della sopravvenienza (o della quota) deve essere indicato nel Rigo RG7. Nello stesso Rigo devono essere indicate le quote di sopravvenienze di precedenti esercizi. Rimanenze finali Nei Righi RG8 ed RG9 deve essere indicato il valore delle rimanenze finali relative a materie prime e sussidiarie, semilavorati, merci e prodotti finiti, prodotti in corso di lavorazione e servizi non di durata ultrannuale, nonché il valore delle rimanenze finali di opere, forniture e servizi di durata ultrannuale in corso di esecuzione. Altri componenti positivi di reddito Nel Rigo RG10 devono essere indicati gli altri componenti positivi di reddito ed i proventi, diversi da quelli indicati nei precedenti Righi, conseguiti nell esercizio di impresa. In questo Rigo vanno indicati anche gli utili distribuiti da soggetti residenti in Stati o territori con regimi fiscali privilegiati. Nel Rigo RG10 è presente un apposita Colonna (la 3) dove indicare redditi imputati da trust trasparente o misto di cui l ente risulti beneficiario. 132 DICHIARAZIONI FISCALI UNICO ENC

7 Il totale dei componenti positivi deve essere indicato nel Rigo RG11. Righi RG12 RG22 Componenti negativi In questi Righi l ente non commerciale dovrà indicare i componenti negativi del reddito d impresa. Esistenze iniziali Nei Righi RG12 ed RG13 devono essere indicate, rispettivamente, le esistenze iniziali risultanti all inizio del periodo d imposta relative a materie prime e sussidiarie, semilavorati, merci e prodotti finiti, prodotti in corso di lavorazione e servizi non di durata ultrannuale, e le esistenze iniziali risultanti all inizio del periodo d imposta relative ad opere, forniture e servizi di durata ultrannuale. Altri costi I costi per l acquisto di materie prime e sussidiarie, semilavorati e merci devono essere indicati nel Rigo RG14. Nel Rigo RG15 deve essere indicato l ammontare delle spese per prestazioni di lavoro dipendente e assimilato e di lavoro autonomo mentre nel Rigo RG16 deve essere segnalata la remunerazione dovuta ai titolari di rapporti di associazione in partecipazione e di cointeressenza con apporto esclusivo di opere e servizi. Quote di ammortamento Nei Righi RG17 ed RG18 devono essere indicate, rispettivamente, le quote di ammortamento e le spese per l acquisto di beni strumentali di costo unitario non superiore a 516,46. Nel Rigo RG19 deve essere indicato l importo dei canoni di locazione finanziaria relativi a beni mobili strumentali. Con riferimento ai canoni di locazione finanziaria ed alle quote di ammortamento di autovetture, autocaravan, motocicli e ciclomotori utilizzati nell esercizio d impresa è necessario tenere conto dei limiti di deducibilità di cui all art. 164 del TUIR. Sono deducibili nella misura dell 80% le quote di ammortamento, i canoni di locazione anche finanziaria o di noleggio e le spese di impiego e manutenzione relativi ad apparecchiature terminali per servizi di comunicazione elettronica ad uso pubblico di cui alla lettera gg) del comma 1 dell art. 1 del Codice delle comunicazioni elettroniche di cui al D.Lgs. 1 agosto 2003, n Questa regola si riferisce ai servizi di telefonia fissa e mobile. Il limite è elevabile al 100% per gli oneri relativi ad impianti di telefonia dei veicoli utilizzati per il trasporto di merci da parte di imprese di autotrasporto limitatamente ad un solo impianto per ciascun veicolo. Nel Rigo RG20 vanno indicate le spese e gli altri componenti negativi derivanti da operazioni intercorse con imprese residenti ovvero localizzate in Stati o territori diversi da quelli individuati nella lista di cui al D.M. da emanarsi ai sensi dell art. 168-bis del TUIR, ovvero derivanti da prestazioni di servizi rese da professionisti domiciliati in Stati o territori diversi da quelli individuati nella predetta lista. DICHIARAZIONI FISCALI UNICO ENC 133

8 Altri componenti negativi Costi forfetari Costi promiscui Nel Rigo RG21 devono essere indicati gli altri componenti negativi deducibili non indicati nei precedenti Righi: si tratta, ad esempio, delle imposte deducibili, delle spese di rappresentanza o pubblicità, delle spese di manutenzione, riparazione, ammodernamento e trasformazione non incrementative. Deve, inoltre, essere evidenziata in questo Rigo, nella Colonna 1, da parte dei soggetti che determinano il reddito secondo modalità forfetarie, la percentuale di ricavi riconosciuta come costi deducibili. Deve poi essere indicata nel Rigo RG21 anche la parte attribuibile all attività commerciale delle spese promiscue. Si ricorda che le spese e gli altri componenti negativi relativi a beni e servizi adibiti promiscuamente all esercizio di attività commerciali e di altre attività, sono deducibili per la parte del loro importo che corrisponde al rapporto tra l ammontare dei ricavi e altri proventi che concorrono a formare il reddito d impresa e l ammontare complessivo di tutti i ricavi e proventi; per gli immobili utilizzati promiscuamente è deducibile la rendita catastale o il canone di locazione anche finanziaria per la parte del loro ammontare che corrisponde al predetto rapporto. Le spese di rappresentanza vanno evidenziate nella Colonna 2 del Rigo RG21. In questa Colonna vanno indicate anche le spese per prestazioni alberghiere e somministrazioni di alimenti e bevande che costituiscono spese di rappresentanza, nella misura del 75% del loro ammontare. Nel Rigo RG21 devono inoltre essere indicate le quote deducibili delle spese di rappresentanza sostenute prima dell entrata in vigore della modifica normativa. Nella Colonna 3 del Rigo RG21 deve invece essere indicato l importo dell IRAP deducibile, pari al 10% dell imposta versata nel periodo d imposta oggetto della dichiarazione sia a titolo di saldo che di acconto. Percentuale di deducibilità dei costi promiscui: Ricavi e altri proventi che concorrono a formare il reddito d impresa Ricavi e proventi complessivi Nel Rigo RG22 deve essere indicato l importo escluso dal reddito in applicazione delle disposizioni sulle Reti di impresa. Nel Rigo RG23 deve essere indicato il totale dei componenti negativi risultante dalla somma degli importi indicati nei Righi da RG12 a RG22. Righi RG24 RG32 Determinazione del reddito o della perdita Nel Rigo RG24 deve essere indicata la differenza fra i Righi RG11 e RG23. Nella Colonna 2 del Rigo RG25, in caso di partecipazione in società di persone residenti nel territorio dello Stato o in GEIE Gruppo europeo di interesse economico deve essere indicata la quota di reddito imputata al dichiarante ai sensi dell art. 5 del TUIR, ovvero dell art. 11, comma 4, del D.Lgs. n. 240/1991, e, nella Colonna 134 DICHIARAZIONI FISCALI UNICO ENC

9 1, l ammontare della quota di reddito minimo in caso di partecipazione in società non operativa. Nel Rigo RG26 deve essere indicata la quota di perdita di partecipazione imputata al dichiarante ai sensi dell art. 5 del TUIR, ovvero dell art. 11, comma 4, del D.Lgs. n. 240/1991. Nella Colonna 2 del Rigo RG27 deve essere indicato l importo risultante da questa operazione: RG24 + RG25, Col. 2 RG26. Nella Colonna 1 deve essere indicato l ammontare delle perdite non compensate per effetto dell applicazione della disciplina delle società non operative. In caso di trust trasparente la perdita, o una parte in caso di trust misto, va indicata nel Quadro PN. Nel Rigo RG28 vanno indicate le eventuali erogazioni liberali effettuate. Qualora l ente non commerciale abbia conseguito proventi esenti, l eventuale perdita d impresa deve essere ridotta dell importo di tali proventi, per la parte che eccede i componenti negativi non dedotti per effetto dell applicazione degli artt. 61 e 109 del TUIR, che vanno indicati al Rigo RG29. Nel Rigo RG30 deve essere indicata la differenza tra l importo di Rigo RG27, Colonna 2, e le erogazioni liberali di Rigo RG28. Qualora nel Rigo RG27, Colonna 2, sia indicata una perdita, nel Rigo RG30 deve essere esposta la perdita ridotta dell importo del Rigo RG29. Nella Colonna 2 del Rigo RG31 va indicato l importo delle perdite derivanti da partecipazioni in società esercenti attività d impresa in contabilità ordinaria (dal Quadro RH) e quelle risultanti dal Quadro RC (se non già utilizzate), fino a concorrenza dell importo di Rigo RG30. Se queste perdite sono inferiori all importo di Rigo RG30 si procede alla compensazione anche con l eventuale eccedenza di perdite degli esercizi precedenti, non utilizzata per compensare altri redditi d impresa del periodo d imposta, da evidenziare anche nella Colonna 1. Nel Rigo RG32 deve essere indicata la differenza positiva tra l importo di Rigo RG30 e quello di Rigo RG31, Colonna 4 da riportare nell apposito Rigo del Quadro RN e/o PN. Le istruzioni alla compilazione del Quadro RG ricordano che, nell ipotesi di soggetto non operativo, qualora il reddito di cui al Rigo RG30 sia inferiore al reddito imponibile minimo di cui al Rigo RS57, va riportato nel Quadro RN quest ultimo importo. In tale ultima ipotesi, le perdite non compensate di cui al Rigo RG27, Colonna 1, non sono riportabili nel Quadro RN per abbattere il reddito complessivo. Qualora l importo di Rigo RG30 sia superiore al reddito imponibile minimo, va riportato nel Quadro RN l ammontare di Rigo RG32 e le perdite di cui al Rigo RG31 possono essere computate solo per la parte di reddito eccedente quello minimo. Le perdite residue vanno indicate nell apposito prospetto del Quadro RS. Trust trasparente o misto Importi ricevuti Questa Sezione è finalizzata ad indicare specifici importi, trasferiti al soggetto dichiarante da trust trasparenti o misti di cui all art. 73, comma 2, del TUIR, di cui lo DICHIARAZIONI FISCALI UNICO ENC 135

10 stesso è beneficiario. Questi dati devono essere riportati nei corrispondenti Righi del Quadro RN. In particolare, nel Rigo RG33 va indicato: nella Colonna 1, l ammontare del credito d imposta derivante dalla partecipazione agli OICVM e a fondi comuni di investimento; nella Colonna 2, l ammontare dei crediti di imposta per i redditi prodotti all estero; nella Colonna 3, l ammontare delle ritenute d acconto; nella Colonna 4, l eccedenza IRES trasferita al contribuente dal Trust trasparente o misto; nella Colonna 5, l ammontare complessivo degli altri crediti di imposta; nella Colonna 6, l ammontare degli acconti IRES versati dal Trust per la parte trasferita al dichiarante. CASI PRATICI INDICAZIONE DEI PROVENTI Un associazione che nel 2011 ha conseguito proventi da attività commerciale per un importo complessivo pari a ed è in regime di contabilità semplificata deve indicare il ricavo derivante dall attività commerciale, senza applicazione di regimi forfetari, nel Rigo RG2, Colonna 3. ATTIVITA COMMERCIALE Un circolo nautico affiliato alla Federazione Italiana Vela gestisce un porticciolo con un centinaio di posti barca che vengono concessi ai soci dietro pagamento di una quota annua che non supera i costi di diretta imputazione. La prestazione di servizi portuali è un attività sempre commerciale, per la quale non valgono le ipotesi di agevolazione previste per gli enti di tipo associativo. Nel caso di gestione di un porto seppur con quote di rimborso non superiori alle spese di gestione non si ritiene applicabile neanche la disposizione di cui al secondo periodo del primo comma dell art. 143 del TUIR, che esclude da imposizione fiscale quelle prestazioni di servizi rese dall associazione in conformità ai fini istituzionali. E infatti impossibile che, nella attività di gestione di un piccolo porto, manchi una specifica organizzazione, condizione invece necessaria per l applicabilità della disposizione prima citata. DETERMINAZIONE FORFETTARIA DEL REDDITO Si faccia il caso di un ente non commerciale che voglia gestire l attività commerciale svolta (attività che non costituiscono prestazioni di servizi, con rica- 136 DICHIARAZIONI FISCALI UNICO ENC

11 vi complessivi annui pari a ) applicando il regime forfetario di cui all art. 145 del TUIR. Nel Quadro RG dovranno essere indicati i ricavi complessivi e i costi forfetariamente riconosciuti. Ricavi: Costi: ,844 x 90% = ,56 + ( ,844) = ,156 x 85% = ,58 = Totale ,14 Reddito = Ricavi Costi = ,14 = 9.958,86 La compilazione del Quadro RG avviene in questo modo: Nell esempio di sopra riportato, questo regime risulta conveniente qualora i costi effettivamente sostenuti dall ente siano complessivamente inferiori a DICHIARAZIONI FISCALI UNICO ENC 137

12 L ente dovrà poi indicare nel Rigo RG6 le plusvalenze patrimoniali, nel Rigo RG7 le sopravvenienze attive e nel Rigo RG10 i dividendi ed interessi ed i proventi immobiliari. APPLICAZIONE DEL REGIME FORFETTARIO DEL TUIR L opzione per l applicazione del regime forfetario di determinazione del reddito di cui all art. 145 del TUIR si deve esercitare nel quadro RG del modello UNICO ENC Nella C.M. n. 124/E del 1998 il Ministero delle Finanze ha chiarito che il comportamento concludente correlato all applicazione del regime forfetario di determinazione del reddito si esplica e si esaurisce in sede di dichiarazione dei redditi, senza la necessità di effettuare alcuna comunicazione. Di conseguenza, chi intende determinare il reddito secondo questo regime forfetario dovrà indicare i ricavi nel Rigo RG4, indicando, nella Colonna 1, il Codice relativo al settore di attività, ed i relativi costi nel Rigo RG21, Colonne 1 e 3. CUMULABILITA DI REGIMI FORFETTARI Se nel corso del 2011 un associazione ha perso i requisiti per l applicazione del regime di cui alla legge n. 398/1991, è possibile applicare, in sede di dichiarazione dei redditi, il regime forfetario di determinazione del reddito di cui all art. 145 del TUIR. Il limite per l applicabilità del regime forfetario di cui all art. 145 del TUIR è infatti quello della contabilità semplificata ( ,00 di compensi annui, per le attività di prestazione di servizi, ovvero ,00 di compensi per le altre attività), più alto rispetto a quello previsto per l applicazione della legge n. 398/1991. In questa ipotesi dovranno essere compilati sia il Rigo RG2 sia il Rigo RG4 per indicare i ricavi derivanti, rispettivamente, dall attività in 398 e dal regime forfetario di cui all art. 145 del TUIR. I costi dovranno invece essere indicati nel Rigo RG21. LEGGE N. 398/1991: DETERMINAZIONE DEL REDDITO L associazione sportiva dilettantistica che ha applicato il regime di cui alla legge n. 398/1991 e che nel Rigo RG2 ha indicato, come ricavi complessivi, l importo di dovrà segnalare, al Rigo RG21, Colonne 1 e 4, il 97% dei predetti ricavi, come costi forfetariamente riconosciuti. Si avrà quindi: x 97% = importo da indicare nel Rigo RG21, Colonne 1 e 4, e nel Rigo RG22. La compilazione del Quadro RG avviene in questo modo: 138 DICHIARAZIONI FISCALI UNICO ENC

13 L.N. 398/1991: SUPERAMENTO DE LIMITE DI RICAVI Nel caso in cui un associazione, nel corso dell anno perda i requisiti per l applicazione del regime di cui alla legge n. 398/1991 (avendo superato il limite di di compensi) deve compilare il quadro RG in maniera particolare. Nello stesso Quadro RG andranno infatti indicati, in maniera forfetaria, i ricavi e i costi conseguiti fino a che ha applicato il regime di cui alla legge n. 398/1991 e, in maniera analitica, i ricavi ed i costi conseguiti dall associazione nella restante parte del periodo d imposta (a partire dal mese successivo a quello di perdita dei requisiti per la legge 398). In particolare, i ricavi vanno inseriti, per l intero importo, nel Rigo RG2, Colonna 3, evidenziando nella Colonna 2 quelli derivanti dal regime forfetario. I costi collegati al regime forfetario vanno indicati nella Colonna 1 del Rigo RG21 mentre gli altri costi derivanti dal regime analitico devono essere indicati nei rispettivi Righi da RG12 a RG22. DICHIARAZIONI FISCALI UNICO ENC 139

14 RIPARTIZIONE DEI COSTI PROMISCUI Nel corso del periodo d imposta l ente non commerciale ha conseguito i seguenti risultati: ricavi derivanti da attività commerciali: entrate derivanti da attività istituzionale (quote associative, contributi, erogazioni liberali): costi promiscui istituzionali-commerciali (ad esempio, spese energia elettrica utilizzata presso la sede dell ente, dove viene svolta, insieme a quella istituzionale, anche l attività commerciale), inseriti in contabilità per l intero importo: Rapporto ricavi commerciali/ricavi complessivi: = 20% Dei costi promiscui, il 20% è attribuibile all attività commerciale, l eccedenza a quella istituzionale. Nel caso delle spese telefoniche si avrà, quindi: %= 420 è l importo da indicare al Rigo RG21 Questi dati vanno poi riepilogati nel prospetto contenuto nel Quadro RS. CHECK LIST DI VERIFICA Compilazione del Quadro RG Verifica codice attività Verifica cause di esclusione dagli studi di settore Verifica cause di inapplicabilità degli studi di settore Bilancio di verifica Verifica limiti di deducibilità Interessi passivi Spese di competenza di altri esercizi Spese di rappresentanza Spese di manutenzione Spese automezzi Spese telefoniche 140 DICHIARAZIONI FISCALI UNICO ENC

15 Ammortamenti Svalutazioni Accantonamenti a fondi Sopravvenienze attive e passive Differenze su cambi Altre spese Verificare la compilazione degli altri prospetti presenti nel Quadro RS DICHIARAZIONI FISCALI UNICO ENC 141

Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali

Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali Nell imminenza delle scadenze relative alle dichiarazioni dei redditi per l esercizio 2004 ed al versamento delle imposte ad esse

Dettagli

direttamente, tramite i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate

direttamente, tramite i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate Chi deve presentare la dichiarazione La soggettività passiva all IRAP non è circoscritta unicamente ai soggetti che esercitano attività di impresa o di lavoro autonomo ma anche agli enti non commerciali

Dettagli

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI Anno 2013 N. RF160 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO RIFERIMENTI CIRCOLARE DEL 12/07/2013 CONTRIBUENTI E MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI ART.

Dettagli

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME 2 REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME Il REGIME DI VANTAGGIO o nuovo regime dei minimi si rende applicabile: per il periodo d imposta in cui è iniziata l attività e per i 4 successivi; anche oltre

Dettagli

Modello UNICO SOCIETA DI CAPITALI: modalità di compilazione del quadro TN

Modello UNICO SOCIETA DI CAPITALI: modalità di compilazione del quadro TN Stampa Modello UNICO SOCIETA DI CAPITALI: modalità di compilazione del quadro TN admin in Quadro normativo - L art. 115, co. 1, del D.P.R. 917/1986 é relativo all opzione per il regime della trasparenza

Dettagli

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni. studi di settore: cause di esclusione

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni. studi di settore: cause di esclusione PERIODO D IMPOSTA 0 0 REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni Rientro lavoratrici/lavoratori RE Codice attività studi di settore: cause di esclusione

Dettagli

La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef

La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef Focus di pratica professionale di Sandro Cerato e Michele Bana La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef Premessa Il D.Lgs. n.446/97 distingue i criteri di determinazione della base

Dettagli

genzia ntrate UNICO Persone fisiche

genzia ntrate UNICO Persone fisiche genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Persone fisiche INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 38 26.06.2014 L imponibile IRES per le associazioni e società sportive dilettantistiche. Il regime fiscale agevolativo della Legge 398/1991e

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Principali disposizioni fiscali e tributarie OBBLIGHI FISCALI L Associazione è soggetta a specifiche norme fiscali, anche se svolge soltanto l attività

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 MD/cm Monza, lì 03/03/2015 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Oggetto : NUOVO REGIME FORFETTARIO PER PERSONE FISICHE Riferimenti: Legge n. 190/2014 (c.d. Legge

Dettagli

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011 Focus di pratica professionale di Norberto Villa Le società di comodo in Unico 2011 Il prospetto del quadro RF Il quadro RF del modello Unico SC 2011 contiene le informazioni necessarie per verificare

Dettagli

Fiscal News N. 170. Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC. La circolare di aggiornamento professionale 20.06.2014

Fiscal News N. 170. Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC. La circolare di aggiornamento professionale 20.06.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 170 20.06.2014 Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC Tra le novità ospitate dal quadro RS del Modello Unico SC vi è l agevolazione per le

Dettagli

IL QUADRO LM NUOVI MINIMI DEL MOD. UNICO 2013 PF

IL QUADRO LM NUOVI MINIMI DEL MOD. UNICO 2013 PF INFORMATIVA N. 111 26 APRILE 2013 DICHIARAZIONI IL QUADRO LM NUOVI MINIMI DEL MOD. UNICO 2013 PF Art. 27, DL n. 98/2011 Circolare Agenzia Entrate 30.5.2012, n. 17/E Istruzioni mod. UNICO 2013 PF Informativa

Dettagli

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche 2015 INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni. studi di settore: cause di esclusione

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni. studi di settore: cause di esclusione PERIODO D IMPOSTA 0 PERSONE FISICHE 0 ntrate REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni Rientro lavoratrici/lavoratori RE RE Codice attività Compensi derivanti

Dettagli

Istruzioni Quadro G. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2014

Istruzioni Quadro G. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro G Il contribuente, per la compilazione di questo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 123/E

RISOLUZIONE N. 123/E RISOLUZIONE N. 123/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 novembre 2010 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Riportabilità delle perdite dei contribuenti minimi in

Dettagli

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Le fonti normative Normativa fiscale Riferimenti D.P.R. 917/86 (T.U.I.R.) Artt. 73, 143-150 L. 398/91 Regime forfetario di determinazione

Dettagli

Regime contabile: ordinario o semplificato

Regime contabile: ordinario o semplificato Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 02 20.01.2014 Regime contabile: ordinario o semplificato A cura di Devis Nucibella Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione

Dettagli

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC INFORMATIVA N. 081 25 MARZO 2013 DICHIARAZIONI LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC Istruzioni mod. UNICO 2013 SC Nel mod. UNICO 2013 SC sono presenti alcune novità connesse con l operatività di una serie

Dettagli

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE REGIMI CONTABILI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI In base alla normativa in vigore i regimi contabili previsti per gli enti non commerciali sono i seguenti: a) regime ordinario; b) regime semplificato; c) regime

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

COSTI BLACK-LIST IN DICHIARAZIONE DEI REDDITI

COSTI BLACK-LIST IN DICHIARAZIONE DEI REDDITI video FISCO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI CASO PRATICO del 20.04.2011 n. 0376-775130 www.ratiofad.it COSTI BLACK-LIST IN DICHIARAZIONE DEI REDDITI Artt. 110, 166, 167, 168 e 168-bis D.P.R. 22.12.1986, n.

Dettagli

QUADRO RS - Prospetti vari

QUADRO RS - Prospetti vari QUADRO - Prospetti vari Il presente quadro rappresenta un completamento del quadro RF; esso raggruppa, infatti, una serie di prospetti che risultano complementari ai dati relativi al reddito in esso indicati.

Dettagli

UNICO. Persone Fisiche 2016. Fascicolo 3. Periodo d imposta 2015 FASCICOLO 3 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE FASCICOLO 1 FASCICOLO 2 MODELLO GRATUITO

UNICO. Persone Fisiche 2016. Fascicolo 3. Periodo d imposta 2015 FASCICOLO 3 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE FASCICOLO 1 FASCICOLO 2 MODELLO GRATUITO UNICO Persone Fisiche 2016 Fascicolo 3 Periodo d imposta 2015 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE FASCICOLO 3 Istruzioni comuni ai quadri RE - RF - RG - RD - RS Novità della disciplina del reddito d impresa

Dettagli

-anna maria mangiapelo

-anna maria mangiapelo REDDITI DI IMPRESA - norme generali - dall utile al reddito: esame dei principali casi di deducibilità fiscale dei componenti negativi - regole per la contabilità semplificata -anna maria mangiapelo 1

Dettagli

Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche

Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche FIPAV - Comitato Provinciale di Rimini Dott. Andrea Biselli Dott. Marco Frassini Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche Sommario 1. Forma giuridica e requisiti

Dettagli

REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI

REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Esercizio di attività commerciali (art. 2195 c.c.): - attività industriale diretta alla

Dettagli

Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità

Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità a cura di Fabio Bonicalzi (*) Sul sito Internet dell Agenzia delle Entrate sono stati pubblicati i Provvedimenti di approvazione dei seguenti modelli

Dettagli

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir -

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - 1 IRPEF IRPEF: redditi da lavoro autonomo L IRPEF è un imposta personale

Dettagli

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI Numero 1 Anno 2008 gennaio/2 FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI La Finanziaria 2008 ha introdotto un nuovo regime fiscale destinato alle persone fisiche esercenti attività d impresa, arti o professioni

Dettagli

Regime fiscale agevolato per autonomi

Regime fiscale agevolato per autonomi 1 REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI Regime fiscale agevolato per autonomi L art. 1, c. 54 89, della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi, destinato agli esercenti

Dettagli

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 CATEGORIE DI REDDITO DETERMINAZIONE DEL REDDITO SCADENZA COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI Il Quadro RN è utilizzato ai fini del calcolo

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti:

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: CIRCOLARE N. 05 DEL 02/02/2016 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: MAXI-AMMORTAMENTI PER I BENI STRUMENTALI NUOVI ACQUISTATI NEL PERIODO 15.10.2015-31.12.2016 PAG. 2 IN SINTESI:

Dettagli

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI ALTRI INTERESSI SU IMMOBILI PATRIMONIO SU VEICOLI A MOTORE SOGGETTI IRPEF SOGGETTI IRES BANCHE ASSICURAZIONI

Dettagli

Presupposto soggettivo/oggettivo

Presupposto soggettivo/oggettivo IRAP Principi generali Irap: acronimo di Imposta regionale sulle attività produttive. È un'imposta reale che colpisce la ricchezza in quanto tale, senza tener conto delle condizioni personali del contribuente

Dettagli

SOGGETTI INTERESSATI

SOGGETTI INTERESSATI Associazione Nazionale Tributaristi L.A.P.E.T. I REGIMI CONTABILI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI GIAMPIERO LA TORRE Tributarista in Gradisca d'isonzo (GO) SOGGETTI INTERESSATI Associazioni Sportive Dilettantistiche

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA CHECK LIST PER DETERMINARE L IMPONIBILE IRES E IRAP

INDICE PARTE PRIMA CHECK LIST PER DETERMINARE L IMPONIBILE IRES E IRAP INDICE PARTE PRIMA CHECK LIST PER DETERMINARE L IMPONIBILE IRES E IRAP 1. PRINCIPI GENERALI 1.1 Determinazione del reddito imponibile... 3 1.2 Nozione fiscale di ricavo e criteri di imputazione... 8 1.3.

Dettagli

Opzione Irap entro il 3 marzo

Opzione Irap entro il 3 marzo Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 07 24.02.2014 Opzione Irap entro il 3 marzo A cura di Devis Nucibella Categoria: Irap Sottocategoria: Base imponibile Entro il prossimo

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO DEGLI ENTI NON COMMERCIALI

CONTABILITA E BILANCIO DEGLI ENTI NON COMMERCIALI Direzione Regionale della Lombardia VIII CONVEGNO ANNUALE CODIS CONTABILITA E BILANCIO DEGLI ENTI NON COMMERCIALI GIAN MARIO COLOMBO 9 Novembre 2011 - Teatro Angelicum Milano CONTABILITA FISCALE DEGLI

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 3. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

UNICO 02 FASCICOLO 2 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 3. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 3 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 03 FASCICOLO 3 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 MODELLO GRATUITO INDICE UNICO 2015 Persone fisiche

Dettagli

NOVITÀ IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI. Alessandro Cotto

NOVITÀ IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI. Alessandro Cotto NOVITÀ IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI Alessandro Cotto UNICO 2011 - NOVITÀ Nuova sezione del Quadro RS per la Tremonti-quater (agevolazione tessile) Istruzioni Quadro RW completamente riviste Eliminato

Dettagli

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 PARTE I PESCA E ACQUACOLTURA Legge Finanziaria per il 2008 (L. 24 dicembre 2007 n. 244, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 285 della G.U. 28 dicembre 2007,

Dettagli

IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO

IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO di Antonio Gigliotti Come noto l art. 1, commi da 54 a 89, della legge di stabilità 2015 (23 dicembre 2014, n. 190), ha introdotto, a decorrere dal 1 gennaio 2015, un

Dettagli

COMPILAZIONE DEL MODELLO UNICO 2009 SOCIETÀ DI CAPITALI

COMPILAZIONE DEL MODELLO UNICO 2009 SOCIETÀ DI CAPITALI COMPILAZIONE DEL MODELLO UNICO 00 SOCIETÀ DI CAPITALI Il sig. Francesco Bianchi, amministratore unico e socio della società Elettronika s.r.l. (esercente attività di collaudi e analisi tecniche di prodotti,

Dettagli

CONTRIBUENTI MININI E SUPERMINIMI

CONTRIBUENTI MININI E SUPERMINIMI FONDAZIONE DOTTORI COMMERCIALISTI SICILIA CONTRIBUENTI MININI E SUPERMINIMI Art. 27, commi 1, 2 e 3, D.L. 6 luglio 2011, n.98 Enrico Licciardello Catania 9 febbraio 2012 Dottore Commercialista AGA Hotel

Dettagli

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni E INTRODOTTO IL REGIME FISCALE AGEVOLATO RISERVATO AI

Dettagli

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI L art. 1 co. 54-89 della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi,

Dettagli

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte 1 IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte IL NUOVO REGIME AGEVOLATO PER I CONTRIBUENTI DI MINORI

Dettagli

Corso Diritto Tributario

Corso Diritto Tributario Corso Diritto Tributario Il reddito d impresad Lezione 16/ PARTE I Il reddito d impresad L articolo 55 tratta del reddito d impresa d delle persone fisiche (come categoria IRPEG) Le norme sulla determinazione

Dettagli

MODELLO UNICO 2013 SOCIETÀ DI PERSONE

MODELLO UNICO 2013 SOCIETÀ DI PERSONE aprile MODELLO UNICO 2013 SOCIETÀ DI PERSONE Principali novità A cura di Roberta Braga Dottore commercialista in Mantova. Indice 1. Premessa 2. Novità in tema di reddito di impresa e/o di lavoro autonomo

Dettagli

IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015

IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015 INFORMATIVA N. 073 09 MARZO 2015 IVA IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015 Art. 1, commi da 54 a 89, Finanziaria 2015 Art. 19-bis2, DPR n. 633/72 Circolare Agenzia

Dettagli

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE SOCIETÀ DI PERSONE La base imponibile Irap delle imprese individuali e delle società di persone, secondo quanto stabilito dall

Dettagli

Anno Accademico 2012-2013. CLEACC classe 12. Francesco Dal Santo

Anno Accademico 2012-2013. CLEACC classe 12. Francesco Dal Santo Università ità Commerciale Luigi i Bocconi Anno Accademico 2012-2013 Scienza delle Finanze CLEACC classe 12 ENTI NON COMMERCIALI Francesco Dal Santo Panoramica Qualificazione ENTI NON COMMERCIALI Non commercialità:

Dettagli

REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA

REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA APPROFONDIMENTI 12 febbraio 2008 Copyright 2000-2006 Wolters Kluwer Italia. Riproduzione Vietata. REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA di Annibale Dodero tratto da IPSOA, Corriere Tributario, n.

Dettagli

PROFILI FISCALI DELLE ATTIVITA MEDICHE

PROFILI FISCALI DELLE ATTIVITA MEDICHE PROFILI FISCALI DELLE ATTIVITA MEDICHE a cura Antonino Pernice L attività medica può essere esercitata: alle dipendenze di un ente ospedaliero o di una casa di cura (Medico dipendente); in qualità di libero

Dettagli

Oggetto di cosa si tratta. Ambito Soggettivo soggetti beneficiari. Beni Agevolabili ambito oggettivo

Oggetto di cosa si tratta. Ambito Soggettivo soggetti beneficiari. Beni Agevolabili ambito oggettivo Agevolazioni fiscali 2016 Oggetto di cosa si tratta Un importante beneficio fiscale è stato introdotto dalla legge di Stabilità 2016 per gli acquisti di beni strumentali NUOVI effettuati nel periodo compreso

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2010

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2010 DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2010 Società di capitali Enti non commerciali IRES Società di capitali Di seguito è riportata la definizione e la modalità di calcolo delle singole variabili

Dettagli

Circolare informativa n.1/2015

Circolare informativa n.1/2015 Dott. Giuseppina Sica D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a A l b o u n i c o A V n. 6 2 7 R e v i s o r e d e i C o n t i n. 1 3 6. 6 9 2 C o n s u l e n t e T e c n i c o t r i b u n a l e A V n.

Dettagli

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai In base alle risultanze del Conto Economico, e tenendo conto delle le informazioni che seguono, si determini: L imponibile IRES L IRES liquidata (l aliquota

Dettagli

Natura giuridica La distribuzione per natura giuridica ha utilizzato la seguente aggregazione dei codici 1.

Natura giuridica La distribuzione per natura giuridica ha utilizzato la seguente aggregazione dei codici 1. Sono elencate le variabili oggetto di analisi, per ognuna delle quali è specicato il signicato e indicato il rigo di riferimento del modello Unico Enti non commerciali 2008. Nel caso di variabili calcolate

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

Adempimenti IVA e dichiarativi fiscali

Adempimenti IVA e dichiarativi fiscali Corso di Formazione Adempimenti IVA e dichiarativi fiscali delle associazioni Sportive Brindisi 5 febbraio 2014 LO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA In sede di conversione del DL n. 72/2004

Dettagli

LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CM UNICO/2012. Premessa Normativa

LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CM UNICO/2012. Premessa Normativa LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CM UNICO/2012 Premessa Normativa Questo regime è disciplinato dalla legge 244-2007 e vi possono accedere i Contribuenti persone fisiche in possesso dei seguenti requisiti:-hanno

Dettagli

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL 2012

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL 2012 INFORMATIVA N. 082 26 MARZO 2013 IMPOSTE DIRETTE LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL Art. 6, DL n. 185/2008 Art. 2, comma 1, DL n. 201/2011 Istruzioni mod. UNICO 2013 Nel mod. UNICO 2013 le imprese / lavoratori

Dettagli

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI INFORMATIVA N. 253 10 NOVEMBRE 2011 IMPOSTE DIRETTE - IVA L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI Art. 1, commi 96 e seguenti, Legge n. 244/2007 Circolari Agenzia Entrate 21.12.2007,

Dettagli

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI SCRITTURE E REGIMI CONTABILI Parte III I regimi contabili per imprese e professionisti Dott. Alberto Marengo Dott. Umberto Terzuolo Dott. Piercarlo Bausola Regimi adottabili: I REGIMI CONTABILI PER IMPRESE

Dettagli

PERSONE FISICHE 2011

PERSONE FISICHE 2011 genzia Modello gratuito ntrate PERSONE FISICHE 2011 FASCICOLO 3 - PERIODO D IMPOSTA 2010 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 2011 FASCICOLO 1 Dati personali Compilazione del frontespizio Familiari a carico

Dettagli

INTERESSI PASSIVI. Rol x 30% = = soglia massima di deducibilità interessi passivi netti. Interessi passivi + Voce C17) conto economico

INTERESSI PASSIVI. Rol x 30% = = soglia massima di deducibilità interessi passivi netti. Interessi passivi + Voce C17) conto economico INTERESSI PASSIVI Gli interessi passivi di qualsiasi natura vanno imputati al conto economico per competenza. Si considerano assimilati agli interessi passivi: - le commissioni passive su finanziamenti

Dettagli

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO Ai sensi dell art. 2 del D.Lgs. 446/97 il presupposto dell'irap e' costituito

Dettagli

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale Tratto da: Collana Dichiarazioni Fiscali 2009, Unico Persone Fisiche, a cura di: R. Artina V. Artina P. Monarca G. Cremona N. Tarantino Aspetti generali Inquadramento normativo Il quadro RL del modello

Dettagli

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008 Roma, 19 ottobre 2005 CIRCOLARE N.39/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 aprile 2008 OGGETTO: Estromissione degli immobili strumentali dall impresa individuale articolo 1, comma 37, della

Dettagli

Quadro RF IMPRESA IN CONTABILITÀ ORDINARIA

Quadro RF IMPRESA IN CONTABILITÀ ORDINARIA Quadro RF IMPRESA IN CONTABILITÀ ORDINARIA ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 DETERMINAZIONE DEL REDDITO SOGGETTI INTERESSATI SOGGETTI ESCLUSI SCADENZA COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI Il Quadro RF deve

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

COLORE VERDE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE COMUNI AD ENTRAMBE LE VERSIONI. Quadro RE Altri redditi di lavoro autonomo

COLORE VERDE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE COMUNI AD ENTRAMBE LE VERSIONI. Quadro RE Altri redditi di lavoro autonomo Fascicolo 2 AGENZIA DELLE ENTRATE PERSONE FISICHE 2002 MODELLO UNICO Dichiarazione delle persone fisiche periodo di imposta 2001 RISERVATO AI CONTRIBUENTI NON OBBLIGATI ALLA TENUTA DELLE SCRITTURE CONTABILI

Dettagli

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali 1. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IMPOSTE DIRETTE 2. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IRAP 3. Detrazione IRPEF per la pratica sportiva dilettantistica 4. Cinque per Mille 5. Adempimenti

Dettagli

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE CONFCOMMERCIO MILANO PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI E LE NEO IMPRESE A cura di Direzione servizi tributari dott.ssa Federica Sottotetti IMPOSTE SUI REDDITI

Dettagli

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 2 2014 dell Ufficio

Dettagli

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE INFORMATIVA N. 088 02 APRILE 2013 IVA IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Artt. 30 e 38-bis, DPR n. 633/72 Provvedimento Agenzia Entrate 20.3.2012 I soggetti in possesso di specifici requisiti possono

Dettagli

2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1

2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1 2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1 Il Modello UNICO Persone Fisiche 2016 comprende la dichiarazione dei redditi e la dichiarazione annuale IVA. Il Modello Unico per

Dettagli

Legge 16 dicembre 1991 n. 398. Normativa riservata alle associazioni. Permette di determinare a forfait. Reddito di Impresa. Altre agevolazioni

Legge 16 dicembre 1991 n. 398. Normativa riservata alle associazioni. Permette di determinare a forfait. Reddito di Impresa. Altre agevolazioni Legge 16 dicembre 1991 n. 398 Normativa riservata alle associazioni Permette di determinare a forfait Reddito di Impresa IVA Altre agevolazioni 1 Art. 1 - Esercizio dell' opzione Le associazioni sportive

Dettagli

Imposte sul reddito d esercizio

Imposte sul reddito d esercizio Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 25 novembre 29 Reddito esercizio e reddito fiscale Determinazione del reddito fiscale (IRAP e IRES) Imposte sul reddito d

Dettagli

Imprese semplificate & contribuenti minimi. Gianfranco Costa Andrea Cester Aggiornata al 7.6.2011

Imprese semplificate & contribuenti minimi. Gianfranco Costa Andrea Cester Aggiornata al 7.6.2011 Imprese semplificate & contribuenti minimi Gianfranco Costa Andrea Cester Aggiornata al 7.6.2011 1 QUADRO RG: Redditi di impresa in regime di contabilità semplificata Chi compila il quadro RG: gli esercenti

Dettagli

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Torino, 06 maggio 2014 I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Dott. Gustavo Desana DEFINIZIONE CIVILISTICA Il lavoro autonomo civilisticamente ricade nella categoria dei contratti d opera. L art. 2222 C.c. definisce

Dettagli

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 DETERMINAZIONE DELLE PLUSVALENZE SOGGETTI INTERESSATI SCADENZA COME SI COMPILA Nel Quadro RT devono essere indicati i redditi derivanti

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2012

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2012 DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2012 Società di capitali Enti non commerciali IRES Società di capitali Di seguito è riportata la definizione e la modalità di calcolo delle singole variabili

Dettagli

LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE

LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE INFORMATIVA N. 094 09 APRILE 2013 IMPOSTE DIRETTE LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE Art. 102, comma 6, TUIR Art. 3, comma 16-quater, DL n. 16/2012 Dal 2012 ai fini

Dettagli

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2012 dell Ufficio

Dettagli

Novità della Legge di Stabilità 2015: i nuovi minimi

Novità della Legge di Stabilità 2015: i nuovi minimi MAP Novità della Legge di Stabilità 2015: i nuovi minimi A cura di Piercarlo Bausola Dottore Commercialista in Torino La Legge di Stabilità per il 2015 (L. 23/12/2014, n. 190), pubblicata sulla Gazzetta

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO Dal prossimo anno il nuovo regime dei minimi sarà scontato, con l'imposta sostitutiva che si ridurrà al 5%, ma saranno poche le persone fisiche che lo potranno applicare.

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013. DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 e DGR Basilicata n. del.07.

ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013. DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 e DGR Basilicata n. del.07. ALLEGATO 4 - Pag. 1 di 13 ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 e DGR Basilicata n. del.07.2011 RICHIESTA DI AMMISSIONE ALLA CONTROGARANZIA

Dettagli

La disciplina delle società di comodo in Unico 2013

La disciplina delle società di comodo in Unico 2013 SEGRETERIA PROVINCIALE - TORINO La disciplina delle società di comodo in Unico 2013 A cura di Riccardo Perinetto DAL 2012 ESISTONO DUE TIPOLOGIE DI SOCIETA DI COMODO SOCIETA NON OPERATIVE (problemi ricavi)

Dettagli

L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva

L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva Numero 32/2010 Pagina 1 di 10 L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva Numero : 32/2010 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : ADEMPIMENTI REGIME FISCALE DEI

Dettagli

Livorno, 9 Maggio 2015. Dott. Roberto Bresci Commercialista Revisore contabile - Pubblicista

Livorno, 9 Maggio 2015. Dott. Roberto Bresci Commercialista Revisore contabile - Pubblicista Livorno, 9 Maggio 2015 Dott. Roberto Bresci Commercialista Revisore contabile - Pubblicista ENTE SPORTIVO DILETTANTISTICO La natura di Ente Sportivo Dilettantistico si acquisisce: 1. l affiliazione ad

Dettagli

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 ORIENTAMENTI FISCALI Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 Redditi di capitale: certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti

Dettagli